GIURISPRUDENZA I SINGOLI CONTRATTI. Intermediazione finanziaria I CONTRATTI N. 1/2008 5

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GIURISPRUDENZA I SINGOLI CONTRATTI. Intermediazione finanziaria I CONTRATTI N. 1/2008 5"

Transcript

1 Intermediazione finanziaria Acquisto di obbligazioni e risoluzione del contratto TRIBUNALE DI TORRE ANNUNZIATA, Sez. II, 27 giugno Pres. A. Greco - Rel. S. Storace - Tizia c. Intesa Sanpaolo s.p.a. Disciplina degli intermediari - Servizi d investimento - Svolgimento dei servizi - Criteri generali - Inosservanza di obblighi informativi - Risarcimento del danno. (D.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58; reg. n del 1998) La violazione di doveri informativi da parte della banca - nello svolgimento di servizi d investimento - non comporta la risoluzione del contratto quando la violazione di tali doveri non è grave, bensì l obbligo di risarcire il danno subito dal cliente. Svolgimento del processo Con citazione ritualmente notificata, esponeva che: essa attrice in data 12 gennaio 2001 aveva acquistato, su consiglio del funzionario di Banca Intesa s.p.a. presso l agenzia sita al Corso Umberto I n. 153 in Torre Annunziata, obbligazioni Cirio Holding Lux 6,25%/2004, cod. titolo XS , per un controvalore di euro, senza sapere che i titoli non erano quotati nel mercato italiano; a seguito del default di un prestito obbligazionario del 3 novembre 2002 e della conseguente dichiarazione d insolvenza delle società del gruppo Cirio che erano state ammesse alla procedura di amministrazione straordinaria, le era stata bloccata ogni possibilità di vendita del titolo nonché di rimborso del capitale investito e, pur aderendo alla procedura di conciliazione predisposta da Banca Intesa, la sua domanda era stata però rigettata. Ciò posto, lamentava che: l ordine di acquisto in oggetto non corrispondeva al titolo acquistato poiché faceva ritenere che si trattasse di bond Cirio s.p.a., società quotata in Italia, mentre invece il titolo acquistato era fuori del mercato regolamentato e che anche il fissato bollato inviato alla risparmiatrice induceva a ritenere che si trattasse di bond Cirio s.p.a.; le obbligazioni Cirio erano nel portafoglio della banca e non in sottoscrizione; il titolo era stato collocato presso l attrice senza attestazione scritta della consapevolezza d investire in un operazione ad alto rischio; che l operazione non era adeguata in considerazione delle sue dimensioni (comportando l impiego di oltre metà del patrimonio mobiliare dei clienti), della natura altamente rischiosa dei titoli prescelti, delle condizioni di mercato di quei titoli senza rating, della circostanza che la cliente era investitore non professionale (pensionata), dell età e dello stato di salute della risparmiatrice; che non erano state fornite informazioni circa la pericolosità di quello specifico investimento, obbligo rispetto al quale sarebbe stata inidonea la consegna, ove mai fosse avvenuta, del documento sui rischi generali; che il titolo in esame era carente del rating. Richiamava il dibattito dottrinale e giurisprudenziale in materia di responsabilità da prospetto a carico dell intermediario bancario incaricato del collocamento di valori mobiliari presso il pubblico dei risparmiatori e affermava la sussistenza di un nesso causale fra la decisione all investimento e l affidamento nella propria banca. Evidenziava, quindi, gli obblighi delle banche in materia di collocamento degli strumenti finanziari e, in particolare, l obbligo di rispettare il principio di sana e prudente gestione, il principio della best execution rule, il dovere, in relazione al contratto di deposito titoli in custodia e amministrazione, d informazione prima, durante e dopo le operazioni in merito agli investimenti eseguiti, aggiungendo che allorquando i servizi accessori di custodia e amministrazione titoli erano prestati da soggetti abilitati, questi ultimi dovevano osservare le medesime regole di comportamento prescritte per l esercizio dei servizi d investimento tra cui l art. 21 d.lgs. n. 58 del 1998, l art. 23 comma 6 d.lgs. n. 58 del 1998 e diverse disposizioni del regolamento Consob n del L attrice lamentava che le obbligazioni erano state emesse dalla società del gruppo Cirio e collocate sul mercato italiano in violazione della disciplina vincolistica in materia di sollecitazione: in particolare, erano state collocate sul mercato lussemburghese, gli investitori istituzionali, operanti come lead managers, avevano acquistato le obbligazioni emesse e le avevano cedute alle banche e queste ultime le avevano, a loro volta, rivendute a piccoli risparmiatori. Il bond Cirio era un titolo mancante come d obbligo del prospetto informativo. Invocava: l art. 28 reg. n del 1998 in ordine all obbligo della banca di consegnare all investitore il documento informativo sui rischi generali, l art. 21 d.lgs. n. 58 del 1998 in ordine all importanza della forma scritta I CONTRATTI N. 1/2008 5

2 del contratto d investimento e alla possibilità di rendere partecipe il cliente in ordine agli eventuali conflitti d interesse tra la banca alienante i bond e la società emittente il titolo, forma che nel caso di specie era stata omessa, gli artt. 94 e ss. d.lgs. n. 58 del 1998 in materia di prospetto informativo in quanto i bond Cirio erano stati emessi in Lussemburgo privi del prospetto informativo o quando vi era un divieto di vendita al pubblico espresso dalle offering circular; nel caso di specie, dunque, era stata violata la normativa italiana e, in particolare, l art c.c.; in ogni caso, le banche avrebbero dovuto rendere pubblici i dati delle offering circular. Inoltre, la signora Tizia lamentava che la banca non aveva provveduto a fornire un informativa particolareggiata in ordine allo specifico investimento e, in particolare, avrebbe omesso di segnalare la natura rischiosa dello stesso. La banca aveva violato le disposizioni in materia di conflitto d interesse (art. 21 comma 1 lett. c d.lgs. n. 58 del 1998) per il fatto che partecipava al collocamento ma al tempo stesso vendeva i bond allo sportello; inoltre, collocando i bond la banca rientrava in parte nell esposizione finanziaria nei confronti dell emittente. L attrice, inoltre, affermava che l attività di emissione delle obbligazioni aveva consentito al gruppo Cirio e alle banche maggiormente esposte con lo stesso gruppo di riposizionare l ingentissimo debito traslando in questa operazione il rischio creditizio sulle famiglie dei risparmiatori e che tale percorso illegale avrebbe dovuto essere noto alle banche attraverso i dati Bloomberg e della Centrale Rischi. Riferiva, poi, di notizie riportate sui quotidiani circa l esistenza di un procedura sanzionatoria presso la Consob a carico, tra le altre, della convenuta per la vicenda dei bond in relazione alla mancata segnalazione del conflitto d interesse, a un inchiesta penale della procura di Monza, a una causa revocatoria proposta dai commissari straordinari contro alcune banche tra cui Banca Intesa. Tutto ciò premesso, l attrice chiedeva al Tribunale: previo accertamento della violazione dei principi generali in materia finanziaria nonché delle norme del d.lgs. n. 385 del 1993, del d.lgs. n. 58 del 1998 e del reg. n del 1998; previo accertamento e declaratoria della invalidità o comunque della risolubilità del contratto di acquisto per violazione degli artt. 21 d.lgs. n. 58 del 1998, 28 e 29 reg. n del 1998; previo accertamento e declaratoria della violazione della normativa del primo mercato e illecito collocamento dei bond nel secondo mercato; previo accertamento e declaratoria della violazione degli obblighi della Banca in materia di custodia e di amministrazione dei titoli; previo accertamento e declaratoria della violazione dei doveri di verifica dei dati della Centrale Rischi della Banca d Italia, nonché dei dati Bloomberg; previo accertamento e declaratoria della violazione dell obbligo di sana e prudente gestione finanziaria; previo accertamento e declaratoria del comportamento scorretto, negligente e in frode per omessa informazione in violazione dei principi generali in tema di correttezza, diligenza e trasparenza nei comportamenti negoziali; previo accertamento e declaratoria di carente trasparenza ed equità; previo accertamento e declaratoria della violazione della best execution; previo accertamento e declaratoria della violazione dell obbligatorietà del prospetto informativo; previo accertamento e declaratoria della violazione dell art c.c.; previo accertamento e declaratoria di carenze procedurali nella vendita dei bond allo sportello e inadempimento al private placement in violazione dell offering circular; previo accertamento e declaratoria della mancanza di rating; previo accertamento e declaratoria del raggiro del risparmiatore e condotta incostituzionale. Per l effetto: condannare Banca Intesa per inadempimento contrattuale pari al doppio del valore investito che allo stato si ritiene equo quantificare in euro ritenuta gravissima la condotta a danno della risparmiatrice; in via subordinata, condannare Banca Intesa al risarcimento pari alla somma investita; in via ulteriormente subordinata, condannare Banca Intesa, per illiceità della causa del negozio e conseguente nullità dello stesso, alla ripetizione delle somme versate oltre interessi sulla base di quelli dei buoni ordinari del tesoro o quantomeno oltre agli interessi legali e rivalutazione monetaria; in via ulteriormente subordinata, ritenendo il negozio accessorio contratto con la banca annullabile ex art c.c. essendo la deducente caduta in errore essenziale sull oggetto del contratto o quantomeno su una qualità essenziale dello stesso, condannare Banca Intesa alla ripetizione della somma oltre interessi sulla base di quelli dei buoni ordinari del tesoro o quantomeno oltre agli interessi legali e rivalutazione monetaria; in ulteriore subordine, ritenuto il contratto annullabile per dolo ex art c.c., condannare la banca alla ripetizione della somma, oltre interessi sulla base di quelli dei buoni ordinari del tesoro o quantomeno oltre agli interessi legali e rivalutazione monetaria. Si costituiva in giudizio la Banca convenuta eccependo che l operazione finanziaria de qua era stata conclusa per volontà dell attrice, un investitrice dotata di una notevole esperienza nonché di una rilevante propensione a investire su titoli speculativi, come comprovato dai titoli precedentemente acquistati e presenti nel suo portafoglio. Aggiungeva, altresì, di essersi perfettamente conformata alla normativa primaria e secondaria applicabile, avendo i sui funzionari prospettato integralmente la situazione dei bond. Concludeva chiedendo il rigetto delle avverse domande e, per l ipotesi di accoglimento delle stesse, chiedeva conteggiarsi in detrazione il valore dei titoli di cui è causa nonché i benefici ottenuti dall attrice dall operazione in esame. La convenuta formulava contestualmente istanza di fissazione di udienza. Il Presidente rigettava l istanza con cui Tizia eccepiva l inammissibilità dell istanza di fissazione di udienza e restituiva gli atti al giudice designato, il quale provvedeva sulle istanze istruttorie delle parti con provvedimento 6 I CONTRATTI N. 1/2008

3 confermato dal Collegio, nonché all assunzione delle prove medesime. Alla nuova udienza collegiale del 30 maggio 2007 la causa veniva assunta in decisione, con riserva di provvedere al deposito della sentenza nel termine di giorni trenta ai sensi dell art. 16 d.lgs. n. 5 del Motivi della decisione (Omissis) Ciò posto, nel merito risulta documentalmente provato che Tizia, intestataria del conto deposito titoli «custodia ed amministrazione» n. presso Banca Intesa s.p.a., filiale di Torre Annunziata, concludeva con quest ultima il contratto per la negoziazione, ricezione e trasmissione di ordini su strumenti finanziari (doc. 17 prodotto in originale sub doc. 34 di parte convenuta). Risulta, altresì, che in data 12 febbraio 2001 l attrice sottoscriveva l ordine di acquisto dei bond Cirio Holding Luxembourg s.a. 6,25% per l importo di euro (doc. 23 di parte convenuta). Il contratto che ha avuto a oggetto l acquisto di valori mobiliari per cui è causa è stato, dunque, concluso nell ambito dello svolgimento del servizio d investimento denominato «negoziazione» (cfr. art. 1 d.lgs. n. 58 del 1998). Nella specie, la vendita dei titoli obbligazionari Cirio Holding è intervenuta tra l investitrice e Banca Intesa s.p.a., con la conseguenza che il contratto in oggetto va qualificato come contratto di negoziazione «in conto proprio» (art. 32 n. 5 reg. n del 1998). Non risulta, inoltre, che Banca Intesa partecipasse al consorzio di collocamento dei titoli. (Omissis) Nell ipotesi di acquisto dei titoli dagli investitori istituzionali destinatari dei private placement, i risparmiatori non restano privi di forme di tutela, ma quest ultima si rinviene nelle norme riguardanti gli obblighi di comportamento gravanti sugli intermediari nella prestazione dei servizi d investimento, costituite dall art. 21 e ss. d.lgs. n. 58 del 1998 e dalla disciplina contenuta nel reg. n del La fonte comunitaria di tali disposizioni è la Direttiva n. 93/22/CEE (in particolare, l art. 11). Si tratta pertanto di verificare se, nel caso di specie, siano state rispettate le regole di comportamento degli intermediari. Invero, come per il collocamento, anche per la negoziazione di titoli occorre che: 1) i clienti siano adeguatamente informati sulle operazioni poste in essere; 2) venga assicurata al cliente la necessaria trasparenza, riducendo al minimo le situazioni di conflitto d interessi; 3) vengano sconsigliate operazioni non adeguate all investitore; gli strumenti finanziari negoziati siano coerenti con le esigenze finanziarie, la disponibilità economica, la propensione al rischio dei singoli investitori. La banca è tenuta a comportarsi secondo diligenza, correttezza e trasparenza, a ridurre al minimo il rischio di conflitto d interessi e, in situazioni di conflitto, ad agire in modo da assicurare trasparenza ed equo trattamento (art. 21, d.lgs. n. 58 del 1998), nonché è tenuta ad acquisire dal cliente ogni informazione attinente alla sua esperienza in materia d investimenti finanziari, la sua situazione finanziaria, i suoi obiettivi d investimento e la sua propensione al rischio (art. 28, comma 1 lett. a reg. n del 1998); è tenuta a consegnare all investitore un documento sui rischi generali degli investimenti in strumenti finanziari (art. 28, comma 1 lett. b reg. n del 1998), informandolo, prima di ogni operazione, sulla esistenza di propri interessi che possono confliggere, anche indirettamente, con quelli del cliente (art. 27 reg. n del 1998). L intermediario deve, pertanto, fornire informazioni adeguate sulla natura, sui rischi e sulle implicazioni dell operazione stessa, onde permettere al cliente di effettuare una scelta consapevole (art. 28 comma 2 reg. n del 1998); deve astenersi dall eseguire l operazione se non la ritiene adeguata alle caratteristiche del cliente, a meno che l investitore, dopo essere stato correttamente informato, manifesti espressamente e per iscritto l intenzione di procedere ugualmente. Allo stesso modo, ottenuto l assenso scritto del cliente, la banca può procedere per le operazioni in conflitto d interessi (art. 27, comma 2 e 29, commi 1 e 3, reg. n del 1998). Orbene, stando alle risultanze probatorie, risulta che fu consegnato all attrice: il documento sui rischi generali dell investimento; la scheda relativa alle informazioni in materia di obiettivi d investimento, situazione patrimoniale, conoscenza degli strumenti finanziari e propensione al rischio in cui Tizia dichiarava di avere un patrimonio di oltre 500 milioni di lire, di avere un ottima esperienza in materia d investimenti in strumenti finanziari e di possedere una propensione al rischio alta (cfr. doc. n. 17, ultima pagina); una copia dell ordine di negoziazione degli strumenti finanziari con la seguente dicitura: «vi informiamo che l operazione del presente ordine è un operazione non adeguata (... )» seguita dalla sottoscrizione dell operatore e con la successiva dicitura: «con riferimento a quanto da voi precisatomi circa l ordine di cui sopra chiedo che l operazione venga comunque effettuata» seguita dalla sottoscrizione di Tizia. Va, a tal riguardo, evidenziato che non assume rilievo la doglianza di parte attrice, contenuta nelle note di precisazione delle conclusioni ex art. 10, d.lgs. n. 5 del 2003, secondo cui l inadeguatezza dell operazione sarebbe stata segnalata con una crocetta che risulta a pari distanza tra il quadro inerente l operazione non adeguata e gli obiettivi d investimento, atteso che la crocetta si trova comunque all interno del riquadro del documento che segnala l inadeguatezza dell operazione e che Tizia ha apposto la propria firma in calce a tale riquadro. Né appare al collegio revocabile in dubbio la consapevolezza dell investitore in ordine alla valenza di tale gesto. Tizia, in- I CONTRATTI N. 1/2008 7

4 fatti, è un abituale investitore come emerge dalla scheda informativa nonché dal portafoglio che la Banca ha prodotto in causa. Deve, pertanto, desumersi che essa fosse assolutamente in grado di realizzare la portata delle dichiarazioni che sottoscriveva. Risulta, quindi, per tabulas, che l investitrice, espressamente avvertita dell inadeguatezza dell operazione, ha dichiarato di essere comunque intenzionata a dare corso all operazione. Non risulta, invece, esauriente l informazione offerta dalla banca in ordine alla natura del titolo. Nell ordine di acquisto, infatti, la dicitura «DIVISA DEL TITOLO EUR» non identifica chiaramente la categoria dei titoli in questione (corporate bond emessi da società estera senza prospetto informativo e senza rating). Inoltre, la denominazione del titolo Cirio Holding 6.1/4% non chiarisce che il titolo non è Cirio ma Cirio Holding Luxembourg e, comunque, non è precisato il collegamento esistente tra la società lussemburghese e la Cirio né le garanzie eventualmente connesse all emissione. Né tale informazione è assolta dal documento sui rischi generali degli investimenti e strumenti finanziari, del tutto generico nei contenuti. Sotto il profilo della comunicazione verbale tra funzionario e cliente, inoltre, le dichiarazioni rese dal funzionario sig, escusso quale teste all udienza del 15 marzo 2007, non sono sufficienti a provare che siano state da lui fornite dette informazioni aggiuntive. Sul punto, infatti, il teste si è limitato a dichiarare: «A.D.R. Indicai alla signora le caratteristiche del titolo da lei scelto anche se non ricordo le parole usate; certamente le indicai, come faccio sempre, le caratteristiche, ossia la scadenza; A.D.R. Certamente le parlai del rischio dell operazione come faccio sempre, del resto più è alto il rendimento, maggiore è il rischio». Parte attrice deduce, inoltre, che la banca aveva violato le disposizioni in materia di conflitto d interessi (art. 21, comma 1, lett. c d.lgs. n. 58 del 1998) per il fatto che partecipava al collocamento ma al tempo stesso vendeva i bond allo sportello; inoltre, collocando i bond la banca rientrava in parte nell esposizione finanziaria nei confronti dell emittente. (Omissis) Quanto al conflitto di interessi da collocamento, invece, rileva il Tribunale che, sebbene Banca Intesa non facesse parte del consorzio di collocamento, comunque ne faceva parte una società appartenente al suo gruppo e precisamente Caboto, come ammesso dalla stessa convenuta in sede di comparsa conclusionale (p. 62). E di tale circostanza ne doveva essere resa edotta la investitrice, onere al quale la Banca non ha dato prova di aver adempiuto, violando così l art. 21 comma 1 lett. c d.lgs. n. 58 del 1998 e l art. 27 reg. n del E ciò a prescindere dal fatto, emerso in sede di istruttoria, che sia Caboto che Banca Intesa si limitavano a detenere in portafoglio il quantitativo dei titoli necessario a far fronte alle richieste della clientela e che a volte il saldo di portafoglio risultava negativo in quanto la banca vendeva più titoli di quanti ne deteneva in portafoglio (cfr. dichiarazioni rese all udienza del 27 settembre 2006 dai testi e nonché all udienza del 15 marzo 2007 dai testi e ). Ciò posto, rileva il Collegio che le inadempienze riconosciute in tale sede a carico della Banca convenuta non siano di tale gravità da poter accogliere la domanda di risoluzione del contratto di acquisto per cui è causa. Non si ritiene, cioè, provato il nesso di causalità tra omessa informazione da parte della banca sulla denominazione del titolo Cirio e sulla sua natura di bond emesso da una società estera senza rating e la conclusione del contratto stesso. Il comportamento d inadempimento contrattuale della banca, nei limiti sopra evidenziati, non appare aver costituito elemento determinante la decisione di Tizia ad acquistare il titolo oggetto di causa. Infatti, come già rilevato, nella scheda informativa sottoscritta dall attrice al momento della conclusione del contratto di negoziazione, ricezione e trasmissione ordini, la sig.ra Tizia aveva dichiarato di possedere una propensione al rischio alta, di avere un ottima esperienza in materia d investimenti in strumenti finanziari nonché un patrimonio di oltre 500 milioni di lire (cfr. doc. n. 17, ultima pagina). Risulta, altresì, che l attrice aveva aderito al servizio IntesaBciContact «che consente di avere informazioni e/o impartire disposizioni mediante internet, tv digitale o rete telefonica» (cfr. doc. 19 parte convenuta). I testi e (funzionari della banca convenuta) hanno riferito che l attrice era solita conferire ordini anche per telefono, su linea registrata, che chiedeva loro di compiere operazioni di acquisto o di vendita titoli che venivano dalla medesima individuati in modo specifico o di cui indicava il prezzo a cui intendeva acquistare oppure pretendeva che le venissero applicate le commissioni che dichiarava di pagare presso altri istituti presso cui faceva investimenti (dichiarazione resa dalla teste ), che ricercava investimenti a elevati rendimenti pur essendo a conoscenza dei relativi rischi e che preferiva scegliere da sé gli investimenti da effettuare, che sceglieva prevalentemente titoli azionari e investiva su diversi titoli contemporaneamente, che era interessata a quasi tutti i titoli di nuova emissione o di società anche del nuovo mercato di cui aveva appreso l imminente quotazione in borsa, che era solita discutere dell andamento dei mercati e dei titoli azionari, relativamente ai quali dichiarava di tenersi aggiornata attraverso la lettura della stampa, che dal 1993 in avanti era solita recarsi presso la filiale almeno una volta alla settimana (cfr. verbale udienza del 15 marzo 2007). Risulta dalla documentazione di parte convenuta che solo nell anno anteriore all operazione di cui è causa l attrice ha effettuato 56 operazioni in azioni, nell ambito del contratto di negoziazione, ha svolto attività di trading di titoli azionari del nuovo mercato nella misura complessiva superiore al 28% del suo patrimonio. Ha sottoscritto quote di fondi comuni d investimento a rischio prevalentemente alto. 8 I CONTRATTI N. 1/2008

5 Alla luce di tali risultanze non è credibile, a parere del Collegio, l assunto attoreo della preferenza di Tizia per una gestione conservativa piuttosto che speculativa del patrimonio. Deve, quindi, presumersi che l attrice, quand anche fosse stata informata che il titolo acquistato era il bond Cirio Holding Luxembourg 6,25% e che una società facente parte del gruppo Banca Intesa faceva parte del consorzio di collocamento, avrebbe ugualmente concluso il contratto in esame. Ciò posto accertato l inadempimento contrattuale della banca nei limiti sopra evidenziati, il Tribunale ritiene di rigettare la domanda di risoluzione del contratto e di accogliere quella di condanna al risarcimento del danno nell importo che determina, tenuto conto delle suesposte considerazioni nonché della cedola maturata dall attrice e del valore attuale delle obbligazioni, in euro già rivalutati all attualità. (Omissis) P.Q.M. Il Tribunale di Torre Annunziata - II Sezione Civile, in composizione collegiale, definitivamente pronunziando sulle domande proposte, a mezzo di citazione notificata in data 13 dicembre 2005, da Tizia nei confronti di Intesa Sanpaolo s.p.a. (già Banca Intesa s.p.a.) con sede in Torino in persona del legale rappresentante «pro tempore», disattesa ogni diversa istanza, eccezione e deduzione, così provvede: Accoglie la domanda principale per quanto di ragione e, accertato l inadempimento contrattuale della banca convenuta nei limiti indicati in motivazione, condanna quest ultima, in persona del legale rappresentante p.t., al pagamento, in favore dell attrice, della somma di euro a titolo di risarcimento del danno. (Omissis) IL COMMENTO di Valerio Sangiovanni Un investitore, che ha acquistato obbligazioni, entra in crisi finanziaria e non è più in grado di pagare quanto dovuto. L investitore allora, invece di agire in giudizio nei confronti dell emittente, agisce nei confronti della banca che ha venduto le obbligazioni. Il Tribunale accerta che l intermediario ha violato i suoi doveri informativi, in spregio della normativa primaria e secondaria in materia, il che costituisce inadempimento contrattuale. Il Tribunale dichiara conseguentemente l obbligo della banca di risarcire il danno patito dal cliente. Introduzione L investitore che compra gli strumenti finanziari di un certo emittente si aspetta un determinato ritorno economico. Se i titoli sono obbligazioni, questo beneficio è dato dagli interessi che vengono corrisposti al risparmiatore per premiarlo del fatto di avere prestato del danaro. Al termine della durata del prestito obbligazionario, poi, l emittente restituisce la somma capitale (1). Sennonché il soggetto che ha emesso gli strumenti finanziari può entrare in crisi e divenire incapace a restituire quanto dovuto. Negli ultimi anni ciò è accaduto con una certa frequenza, con grave danno per numerosi investitori. I casi Argentina, Cirio e Parmalat hanno colpito alcune centinaia di migliaia di risparmiatori in Italia. Non deve quindi sorprendere che siano pendenti dinanzi ai tribunali italiani numerose cause contro le banche. L attenzione della dottrina per la materia della responsabilità degli intermediari finanziari è corrispondentemente alta (2). Note: (1) In questa sede si semplifica, nella consapevolezza che - in realtà - le emissioni obbligazionarie possono presentare caratteristiche molto diverse le une dalle altre e assumere, talvolta, strutture particolarmente complesse. Per un esame delle possibili clausole caratterizzanti i prestiti obbligazionari è utile leggere M. Palmieri, I bond covenants, in Banca impr. soc., 2006, 247 ss. (2) Fra i più recenti contributi in materia di responsabilità di banche e intermediari in relazione alla prestazione di servizi d investimento cfr., senza pretesa di completezza, S. Armellini-M.L. Frigo, Scelta della giurisdizione e della legge applicabile in materia di contratti conclusi con il consumatore, in Diritti, Unindustria Treviso, 2006, 25 ss.; A. Barenghi, Disciplina dell intermediazione finanziaria e nullità degli ordini di acquisto (in mancanza del contratto-quadro): una ratio decidendi e troppi obiter dicta, in Giur. mer., 2007, 59 ss.; E. Battelli, L inadempimento contrattuale dell intermediario finanziario, in questa Rivista, 2006, 460 ss.; M. Bombelli-M. Iato, Obbligazioni Argentina e Cirio: responsabilità dell istituto bancario intermediario, in Giur. mer., 2006, 277 ss.; I.A. Caggiano, I doveri d informazione dell intermediario finanziario nella formazione ed esecuzione del contratto. Violazioni e rimedi, in Dir. giur., 2006, 453 ss.; A.M. Carozzi, Regole di condotta degli intermediari e rimedi civilistici esperibili dal risparmiatore, in Dir. fall., 2006, I, 697 ss.; G. Cottino, La responsabilità degli intermediari finanziari. Ancora qualche divagazione sul tema, in Giur. it., 2006, 1633 ss.; Id., Una giurisprudenza in bilico: i casi Cirio, Parmalat, bonds argentini, ibidem, 537 ss.; M. Dellacasa, Negoziazione di titoli obbligazionari e insolvenza dell emittente: quale tutela per il risparmiatore non adeguatamente informato?, in Nuova giur. civ. comm., 2006, I, 593 ss.; E.A. Emiliozzi, Vendita alla clientela retail di titoli prima dell emissione ed omessa acquisizione da parte dell intermediario dell offering circular, in Giur. it., 2007, 1673 ss.; G. Facci, Il rating e la circolazione del prodotto finanziario: profili di responsabilità, in Resp. civ. prev., 2007, 912 ss.; L. Frumento, La valutazione di adeguatezza e di appropriatezza delle operazioni di investimento nella Direttiva Mifid, in questa Rivista, 2007, 583 ss.; M.M. Gaeta, L applicazione del principio del know your customer ai contratti di deposito ed amministrazione titoli, ivi, 2006, 113 ss.; F. Galgano, I contratti di investimento e gli ordini dell investitore all intermediario, in Contratto e impresa, 2005, 889 ss.; G. Genovesi, Limiti della «nullità virtuale» e contratti su strumenti finanziari, in Corr. giur., 2006, 672 ss; E. Guerinoni, Negligenza e giudizio di responsabilità degli intermediari finanziari, in questa Rivista, 2005, 113 ss.; M. Houben, La circolazione dei prodotti fi- (segue) I CONTRATTI N. 1/2008 9

6 La sentenza del Tribunale di Torre Annunziata in commento, come del resto la stragrande maggioranza dei provvedimenti pubblicati sui casi Argentina, Cirio e Parmalat, tratta dei rimedi a disposizione dell investitore per l ipotesi in cui l intermediario violi gli obblighi che gli fanno capo (3). La pronuncia ha a oggetto i servizi d investimento prestati dai soggetti abilitati, che devono essere resi secondo certe norme di comportamento sancite - in primo luogo - nell art. 21, d.lgs. n. 58 del 1998 (4). Si tratta di una materia che si pone sulla linea di confine fra il diritto dell intermediazione finanziaria e il diritto civile (5). È una tematica certamente tecnica, per la cui conoscenza approfondita è necessaria dimestichezza anche con la normativa - talvolta molto dettagliata (e per di più in continua evoluzione) - di carattere secondario (6). E tuttavia si tratta di una materia che coinvolge, allo stesso tempo, i fondamenti del diritto civile. Basti pensare che il problema che si pone con maggiore frequenza la giurisprudenza concerne l identificazione del rimedio appropriato a fronte della violazione delle norme di comportamento da parte dell intermediario. Questo quesito altro non è che una questione di diritto civile. Si tratta, in essenza, di stabilire se l investitore abbia diritto di chiedere la nullità piuttosto che l annullamento piuttosto che la risoluzione del contratto. In aggiunta a questi rimedi c.d. restitutori va valutato se sia possibile chiedere il risarcimento del danno. La scelta fra risoluzione del contratto e risarcimento del danno in caso di violazione degli obblighi informativi delle banche costituisce l oggetto della sentenza Note: (segue nota 2) nanziari ex art. 100-bis T.U.F. (Tesi di Laurea, Università Cattolica del Sacro Cuore, Facoltà di Giurisprudenza), Milano, 2007; D. Maffeis, Contro l interpretazione abrogante della disciplina preventiva del conflitto di interessi (e di altri pericoli) nella prestazione dei servizi di investimento, in Riv. dir. civ., 2007, II, 71 ss.; Id., Servizi di investimento: l onere della prova del conferimento dei singoli ordini di negoziazione, in questa Rivista, 2007, 231 ss.; Id., Forme informative, cura dell interesse ed organizzazione dell attività nella prestazione dei servizi di investimento, in Riv. dir. priv., 2005, 575 ss.; Id., Il dovere di consulenza al cliente nei servizi di investimento e l estensione del modello al credito ai consumatori, in questa Rivista, 2005, 1 ss.; A.M. Mancini, La tutela del risparmiatore nel mercato finanziario tra culpa in contraendo e vizi del consenso, in Rass. dir. civ., 2007, 51 ss.; V. Mariconda, Regole di comportamento nella trattativa e nullità dei contratti: la criticabile ordinanza di rimessione della questione alle Sezioni Unite, in Corr. giur., 2007, 635 ss.; G. Meruzzi, La responsabilità precontrattuale tra regola di validità e regola di condotta, in Contratto e impresa, 2006, 944 ss.; M. Pellegrini, Brevi note sulla vexata quaestio dei bonds argentini, in Banca borsa tit. cred., 2005, II 682 ss.; A. Perrone, Gli obblighi di informazione nella prestazione dei servizi di investimento, ivi, 2006, I, 372 ss.; L. Picardi, La negoziazione di strumenti finanziari derivati fra codice civile e legislazione speciale, ibidem, II, 361 ss.; F. Poliani, La responsabilità precontrattuale della banca per violazione del dovere di informazione, in questa Rivista, 2006, 446 ss.; Id., Obblighi di informazione e acquisto di obbligazioni argentine, ibidem, 12 ss.; M. Quargnolo, Investimento obbligazionario e diligenza degli intermediari finanziari tra validità del contratto e responsabilità della banca, in Nuova giur. civ. comm., 2007, II, 547 ss.; S. Rizzini Bisinelli, Violazione di norme regolamentari e nullità asimmetrica, in Le Società, 2006, 203 ss.; V. Roppo, La tutela del risparmiatore fra nullità e risoluzione (a proposito di Cirio bond & tango bond), in Danno e resp., 2005, 604 ss.; Id., La tutela del risparmiatore fra nullità, risoluzione e risarcimento (ovvero, l ambaradan dei rimedi contrattuali), in Contratto e impresa, 2005, 896 ss.; V. Roppo-G. Afferni, Dai contratti finanziari al contratto in genere: punti fermi della Cassazione su nullità virtuale e responsabilità precontrattuale, in Danno e resp., 2006, 25 ss.; C.-E. Salodini, Obblighi informativi degli intermediari finanziari e risarcimento del danno. La Cassazione e l interpretazione evolutiva della responsabilità precontrattuale, in Giur. comm., 2006, II, 632 ss.; V. Sangiovanni, Gli obblighi informativi delle imprese di investimento nella più recente normativa comunitaria, in Diritto comunitario e degli scambi internazionali, 2007, 363 ss.; Id., Contratto di negoziazione, forma convenzionale e nullità per inosservanza di forma, in questa Rivista, 2007, 778 ss.; Id., Emissione di obbligazioni e scandali finanziari fra diritto internazionale privato e diritto comunitario, in Le Società, 2007, 547 ss.; Id., Operazione inadeguata dell intermediario finanziario fra nullità del contratto e risarcimento del danno alla luce della direttiva MIFID, in questa Rivista, 2007, 243 ss.; Id., Finanzskandale (Argentinien, Cirio und Parmalat) und die Haftung der Anlagevermittler in der neuesten italienischen Rechtsprechung, in Zeitschrift für Bank- und Kapitalmarktrecht (BKR), 2006, 476 ss.; Id., La responsabilità dell intermediario finanziario nel diritto austriaco sullo sfondo del diritto comunitario e un suggerimento al legislatore italiano, in Danno e resp., 2006, 1182 ss.; Id., La violazione delle regole di condotta dell intermediario finanziario fra responsabilità precontrattuale e contrattuale, in questa Rivista, 2006, 1133 ss.; Id., Inadeguatezza della operazione finanziaria, risoluzione del contratto per inadempimento e risarcimento del danno, in Corr. giur., 2006, 1569 ss.; Id., Circolazione dei prodotti finanziari e responsabilità degli investitori professionali: il nuovo art. 100 bis TUF, in Le Società, 2006, 1355 ss.; Id., La nullità del contratto di gestione di portafogli di investimento per difetto di forma, in questa Rivista, 2006, 966 ss.; Id., Sollecitazione all investimento, nullità del contratto e frode alla legge, in Giur. mer., 2006, 1389 ss.; Id., La responsabilità precontrattuale dell intermediario finanziario nel diritto inglese, in Le Società, 2006, 1173 ss.; Id., Scandali finanziari: profili di responsabilità dell intermediario, in Danno e resp., 2006, 874 ss.; Id., La responsabilità dell intermediario nel caso Cirio e la recente legge per la tutela del risparmio, in questa Rivista, 2006, 686 ss.; Id., La nullità del contratto per inosservanza di forma nel caso delle obbligazioni argentine, in Corr. mer., 2006, 737 ss.; Id., La responsabilità dell intermediario nel caso Parmalat e la recentissima legge per la tutela del risparmio, in Le Società, 2006, 605 ss.; F. Sartori, Il mercato delle regole. La questione dei bonds argentini, in Giur. it., 2005, 58 ss.; E. Scoditti, Regole di comportamento e regole di validità: i nuovi sviluppi della responsabilità precontrattuale, in Foro it., 2006, I, 1107 ss.; G. Sicchiero, Un buon ripensamento del S.C. sulla asserita nullità del contratto per inadempimento, in Giur. it., 2006, 1602 ss.; A. Tencati, Acquisto di corporate bond e tutela del risparmiatore: alcuni orientamenti, in Giur. it., 2006, 1154 ss.; M. Ticozzi, Violazione di obblighi informativi e sanzioni: un problema non solo degli intermediari finanziari, in questa Rivista, 2007, 363 ss., S.A. Vignolo, Le regole di condotta degli intermediari finanziari al vaglio della giurisprudenza ligure e nazionale, in Nuova giurisprudenza ligure, 2007, 42 ss.; Id., Prime riflessioni in tema di responsabilità bancaria nella vendita di titoli obbligazionari caduti in default, ivi, 2005, 270 ss. (3) Sulla tutela dell investitore cfr., fra i tanti contributi pubblicati in dottrina, G. Alpa, La legge sul risparmio e la tutela contrattuale degli investitori, in questa Rivista, 2006, 927 ss.; Id., La direttiva sui mercati finanziari e la tutela del risparmiatore, ivi, 2004, 742 ss.; Id., Qualche rilievo civilistico sulla disciplina dei mercati finanziari e sulla tutela del risparmiatore, in Banca borsa tit. cred., 1998, I, 372 ss.; Id., Nuovi aspetti della tutela del risparmiatore, in Vita not., 1998, 655 ss.; U. Carnevali, In tema di c.d. responsabilità da prospetto della banche, in Corr. giur., 1989, 1003 ss. (4) Sulle norme di comportamento cfr. in particolare la monografia di F. Sartori, Le regole di condotta degli intermediari finanziari, Milano, Questa opera è stata da me recensita in Rass. dir. civ., 2007, 299 ss., oltre che in (5) In questo senso V. Roppo, La tutela del risparmiatore fra nullità e risoluzione (a proposito di Cirio bond & tango bond), in Danno e resp., 2005, 625. (6) Il riferimento è al regolamento Consob c.d. «intermediari». Delibera Consob 1 luglio 1998, n Regolamento di attuazione del d.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58, concernente la disciplina degli intermediari. Una raccolta particolarmente utile della normativa primaria e secondaria in materia di intermediazione finanziaria è quella curata da A. Sironi-C. Tabacchi-D. Tortoriello, Codice del sistema finanziario, 4a ed., Milano, 2006, ove è riprodotto anche il testo del reg. n del I CONTRATTI N. 1/2008

PUBBLICAZIONI IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA

PUBBLICAZIONI IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA VALERIO SANGIOVANNI PUBBLICAZIONI IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA (aggiornamento: marzo 2009) Avv. e RA Valerio Sangiovanni Tel.: 0039 / 349 / 64 65 142 Via Spinola 5 Fax: 0039 / 02 / 43 91 24

Dettagli

Grandi imprese in crisi e responsabilità degli istituti bancari. di Roberto Marraffa (*)

Grandi imprese in crisi e responsabilità degli istituti bancari. di Roberto Marraffa (*) Grandi imprese in crisi e responsabilità degli istituti bancari di Roberto Marraffa (*) INDICE SOMMARIO Introduzione. I L AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA TRA NORMATIVA NAZIONALE ED EUROPEA II PRESUPPOSTI

Dettagli

GIURISPRUDENZA I SINGOLI CONTRATTI. Intermediazione finanziaria I CONTRATTI N. 3/2007 243

GIURISPRUDENZA I SINGOLI CONTRATTI. Intermediazione finanziaria I CONTRATTI N. 3/2007 243 Intermediazione finanziaria Operazione inadeguata dell intermediario finanziario fra nullità del contratto e risarcimento del danno alla luce della direttiva MIFID Tribunale di Monza, sez. I - Sentenza

Dettagli

Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice Designato Dott. Mauro Bernardi Provvedimento del giorno 10 dicembre 2004

Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice Designato Dott. Mauro Bernardi Provvedimento del giorno 10 dicembre 2004 22. Negoziazione fuori sede di obbligazioni argentine - Mancata menzione della facoltà di recesso - Nullità del contratto - Sussistenza. Art. 30 d. lgs. 24-2-1998 n. 58 Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice

Dettagli

******* REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO ILTRIBUNALE DI PERUGIA SECONDA SEZIONE CIVILE IN COMPOSIZIONE COLLEGIALE

******* REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO ILTRIBUNALE DI PERUGIA SECONDA SEZIONE CIVILE IN COMPOSIZIONE COLLEGIALE Abstract. Il Tribunale ha rilevato la nullità dell ordine di acquisto di strumenti finanziari ad alto rischio (bonds argentini) in quanto sottoscritto prima del perfezionamento del contratto di intermediazione

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI PERUGIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI PERUGIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. Il risparmiatore che abbia ordinato di acquistare titoli obbligazionari successivamente «crollati» a causa della crisi finanziaria della società emittente, non può vantare alcuna tutela risarcitoria

Dettagli

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO 32. Tribunale di Modena, 11 febbraio 2005, n. 582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MODENA SEZIONE CIVILE Composto dai magistrati: Dott. Emilia Salvatore Presidente Est. Dott.

Dettagli

24. Tribunale ordinario di Roma, 15 dicembre 2004. Sez.IX civile. Letti gli atti e sciogliendo la riserva; premesso che:

24. Tribunale ordinario di Roma, 15 dicembre 2004. Sez.IX civile. Letti gli atti e sciogliendo la riserva; premesso che: 24. Tribunale ordinario di Roma, 15 dicembre 2004 Sez.IX civile Letti gli atti e sciogliendo la riserva; premesso che: con ricorso, depositato in data 5/8/2004, Desrousseaux Francoise - assumendo di avere,

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Tribunale di Verona Sentenza 21.7.2011 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Verbale dell udienza del 21.7.11 della causa iscritta al numero 14501 del ruolo generale

Dettagli

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A TRIBUNALE DI PALERMO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha pronunciato

Dettagli

Informazioni per gli Azionisti

Informazioni per gli Azionisti Informazioni per gli Azionisti RELATIVE ALL OPERAZIONE DI PAGAMENTO DEL DIVIDENDO PER L ESERCIZIO 2013 SU AZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA SPA DI EURO 0, 40 IN CONTANTI OPPURE A SCELTA DELL AZIONISTA

Dettagli

La responsabilità degli intermediari finanziari

La responsabilità degli intermediari finanziari La responsabilità degli intermediari finanziari Mondovì 9.11.2012 Avv. Luigi Dentis Indice dell intervento Le fonti normative e regolamentari Responsabilità per nullità dell ordine Responsabilità per violazione

Dettagli

CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con

CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con riferimento alla negoziazione di una polizza unit linked, la Corte d Appello accerta la

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 IL CONTRATTO DI INVESTIMENTO: principi e regole di comportamento nelle trattative La disciplina

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA II TRIBUNALE DI FIRENZE

REPUBBLICA ITALIANA II TRIBUNALE DI FIRENZE REPUBBLICA ITALIANA II TRIBUNALE DI FIRENZE In persona del giudice Angelo Antonio Pezzuti, ha pronunciato IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La seguente SENTENZA Nella causa iscritta nel ruolo generale nell anno

Dettagli

Collegio di Milano. - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d Italia

Collegio di Milano. - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d Italia Collegio di Milano composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d Italia - Prof. Avv. Emanuele Lucchini Guastalla

Dettagli

Home page Sezione.fallimentare Diritto.finanziario

Home page Sezione.fallimentare Diritto.finanziario Home page Sezione.fallimentare Diritto.finanziario Tribunale di Mantova 6 aprile 2006 G.U. Dr. Laura De Simone. Responsabilità della banca Fideiussione Escussione del garante Diligenza, correttezza e buona

Dettagli

Tribunale di Udine. - sezione civile -

Tribunale di Udine. - sezione civile - Tribunale di Udine - sezione civile - Verbale d udienza Successivamente oggi, 13.1.2014, alle ore 12.00, davanti al giudice istruttore dott. Andrea Zuliani, nella causa iscritta al n 2998/12 R.A.C.C.,

Dettagli

INDICE. Prefazione... Introduzione...

INDICE. Prefazione... Introduzione... Prefazione... Introduzione... V IX CAPITOLO I I SERVIZI E LE ATTIVITAv DI INVESTIMENTO 1.1. Servizi ed attività di investimento, strumenti finanziari e prodotti finanziari..... 2 1.2. Servizi accessori....

Dettagli

Alcuni recenti scandali finanziari hanno assunto

Alcuni recenti scandali finanziari hanno assunto La violazione delle regole di condotta dell intermediario finanziario fra responsabilità precontrattuale e contrattuale di VALERIO SANGIOVANNI Nelle controversie fra investitori e intermediari finanziari

Dettagli

REPUBBLICA ITALIA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI MARSALA SENTENZA

REPUBBLICA ITALIA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI MARSALA SENTENZA REPUBBLICA ITALIA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI MARSALA Riunito in Camera di Consiglio e composto dai Magistrati: 1) dott. Benedetto Giaimo Presidente 2) dott. Francesco Parrinello Giudice

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone)

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... Introduzione... XIII XV Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) 1. Aspetti

Dettagli

NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO

NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO Trib. Rimini 2.2.2012 commento e testo Giovanni FRANCHI P&D.IT Questa volta è stato il Tribunale

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE PRIMA CIVILE. Il Tribunale di Torino - sezione 1 civile SENTENZA. Contro

TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE PRIMA CIVILE. Il Tribunale di Torino - sezione 1 civile SENTENZA. Contro TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE PRIMA CIVILE Il Tribunale di Torino - sezione 1 civile in composizione monocratica ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile iscritta in primo grado al n.18076

Dettagli

La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie

La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie Padova, 18 giugno 2010 Aiga, Sezione di Padova Le regole di comportamento nella distribuzione dei prodotti finanziari emessi

Dettagli

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA. VISTO il decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 ( TUF );

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA. VISTO il decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 ( TUF ); Delibera n. 19283 Applicazione di sanzioni amministrative pecuniarie nei confronti di esponenti aziendali di Poste Italiane s.p.a. e, a titolo di responsabile in solido, della medesima società per violazioni

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Credito Cooperativo di Masiano (Pistoia) S.C. in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI MASIANO A TASSO FISSO (con possibilità

Dettagli

DETERMINAZIONE OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXX E COOP

DETERMINAZIONE OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXX E COOP DETERMINAZIONE Determinazione n. 05 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXX E COOP LA RESPONSABILE DEL SERVIZIO CORECOM VISTA la l. 249/1997, "Istituzione dell Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

Sul tema: F. Sartori, Le regole di condotta degli intermediari finanziari. Disciplina e forme di tutela, Giuffrè, 2004.

Sul tema: F. Sartori, Le regole di condotta degli intermediari finanziari. Disciplina e forme di tutela, Giuffrè, 2004. Cassazione civile, sez. I, 25 giugno 2008, n. 17340: Il concetto di informazione adeguata e l ambito applicativo della regole di adeguatezza (suitability rule) Ai sensi del Testo Unico delle disposizioni

Dettagli

S.B., non in proprio ma nella propria qualità di amministratore

S.B., non in proprio ma nella propria qualità di amministratore Intermediari finanziari La nullità del contratto di gestione di portafogli di investimento per difetto di forma Tribunale di Milano, sez. VI - Sentenza del 18 luglio 2006, n. 8878 Pres. Di Blasi - Rel.

Dettagli

In nome del Popolo Italiano. il Tribunale di Lecce. sezione I civile SENTENZA

In nome del Popolo Italiano. il Tribunale di Lecce. sezione I civile SENTENZA In nome del Popolo Italiano il Tribunale di Lecce sezione I civile in composizione collegiale, in persona di dott. M. Petrelli dott. A. Esposito dott. C. Invitto presidente giudice giudice relatore ha

Dettagli

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza Modalità, Organizzazione e Procedure Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE A PREMESSA...2 1. Normativa di riferimento...2 D APPROPRIATEZZA...4

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) LAPERTOSA (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTARELLI Membro

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTARELLI Membro

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO BCC

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA Riunito in camera di consiglio e composto dai signori:

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA Riunito in camera di consiglio e composto dai signori: Abstract. Il Collegio, provato all esito dell istruttoria che il modulo d ordine delle obbligazioni in oggetto è stato firmato fuori dai locali della convenuta, osserva che, con carattere assorbente su

Dettagli

1. È configurabile un obbligo per l intermediario di comunicare all investitore i prezzi di carico dei diritti d opzione?

1. È configurabile un obbligo per l intermediario di comunicare all investitore i prezzi di carico dei diritti d opzione? NON CORRETTA QUANTIFICAZIONE DA PARTE DELL INTERMEDIARIO DEI PREZZI DI CARICO DEI DIRITTI D OPZIONE RELATIVI AD UN AUMENTO DI CAPITALE DI SOCIETÀ QUOTATA: RESPONSABILITA INTERMEDIARIO Il sig. [ ] Tizio,

Dettagli

Circolazione dei prodotti finanziari e offerta al pubblico nell art. 100 bis TUF

Circolazione dei prodotti finanziari e offerta al pubblico nell art. 100 bis TUF Dottrina e varietà giuridiche 2889 ziamenti statali erogati per la gestione dell attività della fondazione, per almeno due anni consecutivi si dimostra infatti, allo stato attuale, ancora troppo elevato,

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Avv. Bruno de Carolis Presidente Prof. Avv. Pietro Sirena Prof. Avv. Vincenzo Meli Avv. Michele Maccarone Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Verona Sentenza 27.4.2013 (Composizione monocratica Giudice LANNI) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE QUARTA nella persona del dott.

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO ZERO COUPON BCC

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

Collegio di Milano. - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Membro designato dalla Banca d Italia

Collegio di Milano. - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Membro designato dalla Banca d Italia Collegio di Milano composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Membro designato dalla Banca d Italia Guastalla (Estensore) - Avv. Maria Elisabetta

Dettagli

IL TRIBUNALE DI PERUGIA

IL TRIBUNALE DI PERUGIA Abstract. Nell àmbito dei contratti di investimento non costituisce vizio di forma la mancata puntuale indicazione per iscritto degli strumenti finanziari che possono essere inseriti nel portafoglio di

Dettagli

Banca Centropadana tasso fisso 2,75% 15.01.2013-15.07.2015 serie 351 ISIN: IT0004887904

Banca Centropadana tasso fisso 2,75% 15.01.2013-15.07.2015 serie 351 ISIN: IT0004887904 10. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede sociale in Piazza IV Novembre 11 26862 Guardamiglio (LO) Iscritta all

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno I, numero II, luglio/settembre 2014 Palermo Shooting di Wim Wenders approda in Tribunale (ma il danno precontrattuale

Dettagli

Decisione N. 1729 del 06 marzo 2015

Decisione N. 1729 del 06 marzo 2015 COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) DE CAROLIS (RM) SIRENA (RM) SILVETTI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) CARATELLI Membro designato da

Dettagli

Il principio di buona fede nei contratti di franchising

Il principio di buona fede nei contratti di franchising Il principio di buona fede nei contratti di franchising In questo articolo verrà analizzato il principio di buona fede applicato ai contratti di franchising, anche grazie all analisi della giurisprudenza

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) RONDINONE Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) RONDINONE Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI (MI) CERINI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) RONDINONE Membro designato

Dettagli

Regolamento operativo

Regolamento operativo Fondo Nazionale di Garanzia (Art. 62, comma 1, decreto legislativo 23 luglio 1996, n. 415) Regolamento operativo Settembre 2010 Fondo Nazionale di Garanzia (Art. 62, comma 1, decreto legislativo 23 luglio

Dettagli

La responsabilità medica è extracontrattuale: ritorno al passato e best practices.

La responsabilità medica è extracontrattuale: ritorno al passato e best practices. La responsabilità medica è extracontrattuale: ritorno al passato e best practices. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com I progressi in campo scientifico hanno determinato un miglioramento

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Avv. Michele Maccarone Prof.ssa Avv. Maddalena Rabitti Membro designato dalla

Dettagli

COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CORAPI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CORAPI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) DE CAROLIS (RM) ROSSI (RM) LEPROUX Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) CORAPI Membro designato da Associazione

Dettagli

- Dmail Group S.p.A. -

- Dmail Group S.p.A. - - Dmail Group S.p.A. - PROCEDURA PER L ADEMPIMENTO DEGLI OBBLIGHI IN MATERIA DI Internal Dealing - Dmail Group S.p.A. - PROCEDURA PER L ADEMPIMENTO DEGLI OBBLIGHI IN MATERIA DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Regolamento Isvap n. 24 del 19 maggio 2008

Regolamento Isvap n. 24 del 19 maggio 2008 Regolamento Isvap n. 24 del 19 maggio 2008 1 Oggetto - 1 Il Regolamento disciplina: a) la proposizione e la gestione dei reclami presentati all ISVAP dalle persone fisiche e giuridiche dalle associazioni

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CARATELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

IL COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CARATELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MARZIALE (RM) DE CAROLIS (RM) LEPROUX Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) CARATELLI Membro designato

Dettagli

IL COLLEGIO DI MILANO

IL COLLEGIO DI MILANO IL COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Guastalla Membro designato dalla Banca d'italia (Estensore) - Prof. Avv. Mauro

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla

CONDIZIONI DEFINITIVE alla Società per azioni con unico Socio Sede sociale in Vignola, viale Mazzini n.1 Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Modena e Codice Fiscale/Partita I.V.A. 02073160364 Capitale sociale al 31

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) ROTONDO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) ROTONDO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) MARINARI (NA) CONTE (NA) PARROTTA Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) ROTONDO Membro designato da Associazione

Dettagli

Oggetto: definizione della controversia XXX / OKCOM XXX

Oggetto: definizione della controversia XXX / OKCOM XXX Determinazione dirigenziale n. 7 del 3 ottobre 2014 Oggetto: definizione della controversia XXX / OKCOM XXX IL DIRIGENTE VISTI i principi di cui al decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e s.m.i., Norme

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA RESTAG / BT ITALIA S.P.A. (GU14/441/2014) L AUTORITÀ NELLA riunione della Commissione per le infrastrutture e le reti del 13 ottobre 2014; VISTA la legge 14 novembre

Dettagli

IL COLLEGIO DI MILANO. - Prof. ssa Antonella Maria Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia

IL COLLEGIO DI MILANO. - Prof. ssa Antonella Maria Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia IL COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof. ssa Antonella Maria Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini

Dettagli

IL DIRIGENTE. Determinazione 5/2015. Definizione della controversia Andreoli XXX/ Telecom Italia S.p.A.

IL DIRIGENTE. Determinazione 5/2015. Definizione della controversia Andreoli XXX/ Telecom Italia S.p.A. Determinazione 5/2015 Definizione della controversia Andreoli XXX/ Telecom Italia S.p.A. IL DIRIGENTE VISTA la L. 14 novembre 1995, n. 481, Norme per la concorrenza e la regolazione dei servizi di pubblica

Dettagli

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Delibera del Consiglio di Amministrazione del 19 Febbraio 2016 Premessa In conformità alle disposizioni di cui all Allegato 3 del Regolamento Intermediari CONSOB

Dettagli

Decisione N. 571 del 30 gennaio 2014

Decisione N. 571 del 30 gennaio 2014 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) RONDINONE Membro designato

Dettagli

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 12 febbraio 2007 e successivamente

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Prof. avv. Diego Corapi Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Prof. avv. Diego Corapi Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Prof. avv. Vincenzo Meli Dott.ssa Claudia Rossi Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla Banca

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE

TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE N. R.G. 4925/2012 TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE Oggi 20 novembre 2014, alle ore 10.30, innanzi al Giudice dott. DARIO BERNARDI, sono comparsi: L avv. PRESTIA CRISTIAN per parte attrice il

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Credito Cooperativo ravennate e imolese Soc. coop. Sede e Direzione Generale: Piazza della Libertà,14 48018 Faenza (RA) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5387 Codice ABI: 8542-3 Capitale sociale Euro

Dettagli

IL DIRIGENTE. VISTO il decreto legislativo 1 agosto 2003, n. 259, recante il Codice delle comunicazioni elettroniche, e in particolare l art.

IL DIRIGENTE. VISTO il decreto legislativo 1 agosto 2003, n. 259, recante il Codice delle comunicazioni elettroniche, e in particolare l art. Determinazione n. 4/2012 Oggetto: definizione della controversia XXX/Sky Italia XXX IL DIRIGENTE VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249 Istituzione dell Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e norme

Dettagli

PROCEDURA DI INTERNAL DEALING

PROCEDURA DI INTERNAL DEALING PROCEDURA DI INTERNAL DEALING Procedura relativa all identificazione dei soggetti rilevanti e alla comunicazione delle operazioni da essi effettuate, aventi ad oggetto azioni emesse da Lu-Ve S.p.A. (la

Dettagli

Banca Centropadana tasso fisso 3,50% 16.04.2012/16.04.2015 serie 338 ISIN IT0004809296

Banca Centropadana tasso fisso 3,50% 16.04.2012/16.04.2015 serie 338 ISIN IT0004809296 10. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede sociale in Piazza IV Novembre 11 26862 Guardamiglio (LO) Iscritta all

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

2 SOGGETTI RILEVANTI E PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AI SOGGETTI RILEVANTI

2 SOGGETTI RILEVANTI E PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AI SOGGETTI RILEVANTI CODICE DI INTERNAL DEALING Procedura relativa all identificazione dei soggetti rilevanti e alla comunicazione delle operazioni da essi effettuate, aventi ad oggetto azioni emesse da Bioera S.p.A. (la Società

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Dott. Claudia Rossi Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Avv. Massimiliano Silvetti Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore]

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Avv. Bruno De Carolis..... Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio Che svolge le funzioni di Presidente ai sensi dell art. 4 del Regolamento per il funzionamento del

Dettagli

Spett.le CONSOB - Divisione Tutela del Consumatore - Ufficio Consumer Protection Via G. B. Martini, 3 00198 Roma RACCOMANDATA A.R.

Spett.le CONSOB - Divisione Tutela del Consumatore - Ufficio Consumer Protection Via G. B. Martini, 3 00198 Roma RACCOMANDATA A.R. Viale Carlo Felice n. 103 00185 ROMA CONSOB - Divisione Tutela del Consumatore - Ufficio Consumer Protection Via G. B. Martini, 3 00198 Roma 12.12.14 POSTE ITALIANE s.p.a. Legale Rappresentante p.t. Viale

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione I

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione I Tribunale di Verona Sentenza 25.9.2013 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Sezione I Al termine della camera di consiglio il Giudice pronuncia mediante lettura

Dettagli

Collegio di Milano. - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente (Estensore) - Prof.ssa Antonella Maria Sciarrone Membro designato dalla Banca

Collegio di Milano. - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente (Estensore) - Prof.ssa Antonella Maria Sciarrone Membro designato dalla Banca Collegio di Milano composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente (Estensore) - Prof.ssa Antonella Maria Sciarrone Membro designato dalla Banca Alibrandi d'italia - Prof. Avv. Emanuele Cesare

Dettagli

24 marzo 2015 IN AZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA SPA

24 marzo 2015 IN AZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA SPA Informazioni per gli Azionisti RELATIVE ALL OPERAZIONE DI PAGAMENTO DEL DIVIDENDO PER L ESERCIZIO 2014 SU AZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA SPA DI EURO 0, 40 IN CONTANTI OPPURE A SCELTA DELL AZIONISTA

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA in persona del Giudice Monocratico dott.ssa C.C.

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA in persona del Giudice Monocratico dott.ssa C.C. Trib. Perugia, 16 giugno 2015, n. 1000. Contratto di permuta - Multiproprietà - Consumatore - Foro del consumatore - Specifica trattativa - Nullità decreto ingiuntivo - Accoglimento della domanda Abstract.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE D APPELLO DI CAGLIARI. - Sezione distaccata di Sassari -

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE D APPELLO DI CAGLIARI. - Sezione distaccata di Sassari - REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE D APPELLO DI CAGLIARI - Sezione distaccata di Sassari - composta dei magistrati dott. Francesco Mazzaroppi Presidente dott. M.Teresa Spanu Giudice

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Avv. Bruno De Carolis.. Avv. Alessandro Leproux Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia

Dettagli

Decisione N. 535 del 26 gennaio 2015

Decisione N. 535 del 26 gennaio 2015 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI (MI) SANTONI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) GRECO Membro designato

Dettagli

Determinazione 10/2015. Definizione della controversia Intelligente XXX/Wind Telecomunicazioni S.p.A. IL DIRIGENTE

Determinazione 10/2015. Definizione della controversia Intelligente XXX/Wind Telecomunicazioni S.p.A. IL DIRIGENTE \ Determinazione 10/2015 Definizione della controversia Intelligente XXX/Wind Telecomunicazioni S.p.A. IL DIRIGENTE VISTA la L. 14 novembre 1995, n. 481, Norme per la concorrenza e la regolazione dei servizi

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario [Estensore] composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale IL COLLEGIO DI ROMA Presidente Dott.ssa Claudia Rossi Membro designato dalla Banca d'italia Avv. Massimiliano Silvetti Membro designato dalla Banca d'italia

Dettagli

278 VIOLAZIONE DEI DOVERI DI INFORMAZIONE NELL INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA

278 VIOLAZIONE DEI DOVERI DI INFORMAZIONE NELL INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA EMISSIONE VALORI MOBILIARI 278 VIOLAZIONE DEI DOVERI DI INFORMAZIONE NELL INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA TRIBUNALE DI NOVARA - 10 GENNAIO 2006 - PRES. GIORDANI -EST. SECHI Intermediazione finanziaria - Violazione

Dettagli

Carilo - Cassa di Risparmio di Loreto SpA Tasso Fisso 2,00% 2010/2013

Carilo - Cassa di Risparmio di Loreto SpA Tasso Fisso 2,00% 2010/2013 CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA relativa al programma di prestiti obbligazionari denominato CARILO - CASSA DI RISPARMIO DI LORETO S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CON EVENTUALE FACOLTA DI

Dettagli

La Cassazione interviene di nuovo sulle norme di condotta degli intermediari finanziari

La Cassazione interviene di nuovo sulle norme di condotta degli intermediari finanziari Intermediazione finanziaria La Cassazione interviene di nuovo sulle norme di condotta degli intermediari finanziari CASSAZIONE CIVILE, Sez. I, 17 febbraio 2009, n. 3773 - Pres. Vitrone - Rel. Didone -

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli

Decisione N. 567 del 30 gennaio 2014

Decisione N. 567 del 30 gennaio 2014 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) GRECO Membro designato

Dettagli

CIRCOLARE n. 3 del 20/1/2013. LA PROVA AI FINI IVA DELLE CESSSIONI INTRACOMUNITARIE I recenti chiarimenti Ufficiali

CIRCOLARE n. 3 del 20/1/2013. LA PROVA AI FINI IVA DELLE CESSSIONI INTRACOMUNITARIE I recenti chiarimenti Ufficiali CIRCOLARE n. 3 del 20/1/2013 LA PROVA AI FINI IVA DELLE CESSSIONI INTRACOMUNITARIE I recenti chiarimenti Ufficiali INDICE 1. LA PROVA DELLA CESSIONE INTRACOMUNITARIA SULLA EFFETTIVA MOVIMENTAZIONE DI BENI

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTARELLI Membro

Dettagli