Analisi delle Curve di offerta della Borsa del Mercato Elettrico

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi delle Curve di offerta della Borsa del Mercato Elettrico"

Transcript

1 Analisi delle Curve di offerta della Borsa del Mercato Elettrico di Lucia Passamonti*, Stefano Caruggi*, Roberta Turra, Giorgio Pedrazzi *Autorità per l Energia Elettrica e il Gas In collaboration with the Italian Regulatory Authority for Electricity and Gas, CINECA applied Data Mining methodologies to the analysis of the bidding curves of power producers on the Italian Electricity Market. Liberalization of the electricity sector and the creation of a an electronic marketplace have triggered numerous analyses of the degree of competitiveness of the electricity market and development of tools for monitoring the market. The proposed methodologies afford accurate assessment and efficient classification of the bidding curves by using a vectorial representation of the curves, cluster analysis tools and classification models. Application of the models to different periods of time and for different aggregations allows investigation of the behaviour of Market Participants in terms of bidding strategies over time and from different points of view. L Autorità per l energia elettrica e il gas (AEEG), essendo investita di una specifica funzione di controllo e di promozione della concorrenza e dell efficienza nell offerta dei servizi di pubblica utilità nel settore dell energia elettrica, esercita una funzione continuativa di monitoraggio del mercato elettrico all ingrosso e del mercato per il servizio del dispacciamento, in una prospettiva finalizzata a controllare e valutare le dinamiche di formazione dei prezzi nel mercato, il grado di concorrenzialità del mercato, nonché l efficacia delle regole di funzionamento dei mercati. Un simile controllo ha, tra l altro, lo scopo di consentire al regolatore di accertare se l esistenza di anomalie nei prezzi siano attribuibili a situazioni contingenti, relative a indisponibilità di elementi di rete (vale a dire scarsità di capacità di trasporto) o alla motivata indisponibilità di unità di produzione (vale a dire scarsità di offerta), oppure a condotte strategiche volutamente poste in essere dagli operatori di mercato e finalizzate a sfruttare il loro potere di mercato. Data l importanza che questa funzione va assumendo, soprattutto in un ottica prospettica in un contesto di mercati liberalizzati, la Direzione Strategie, Studi e Documentazione dell Autorità ha condotto uno studio per valutare le potenzialità di un approccio quantitativo di tipo statistico (la cluster analysis) per Analysis of the Power Stock Market Offer Curves Esempio di curva d offerta 25

2 Segmentazione della curva d offerta 26 studiare i comportamenti di offerta degli operatori nella borsa elettrica. Lo studio è stato effettuato in collaborazione con CINECA, che ha curato in particolare gli aspetti di metodologia statistica e di data mining e di implementazione delle procedure di analisi. In particolare viene proposto l utilizzo di un metodo per la rappresentazione vettoriale delle curve di offerta che consente la loro classificazione utilizzando tecniche di clustering. I risultati della cluster analysis sono il punto di partenza per creare modelli di classificazione delle curve di offerta basati sugli alberi decisione. La metodologia proposta è stata applicata in due analisi specifiche sui dati relativi al Mercato del Giorno Prima: la prima in cui si raggruppano le curve orarie di offerta definite a livello di operatore - date dall aggregazione delle offerte orarie presentate per i singoli impianti - e la seconda, in cui si raggruppano le curve di offerta orarie presentate sui singoli impianti. L applicazione della cluster analysis consente di comprendere alcuni aspetti di fondamentale importanza relativi al comportamento di offerta degli operatori che vendono l energia e relativi alla politica di offerta dei singoli impianti di generazione. Aspetti metodologici La cluster analysis non può essere applicata direttamente alle curve di offerta: le curve sono, infatti, definite da un numero variabile di punti a seconda del numero di offerte presentate. A scopo di confronto è necessario ricondurle ad un numero omogeneo di punti (dimensione del vettore di rappresentazione), questa operazione viene detta segmentazione e consiste nel dividere ciascuna curva in un numero fisso di intervalli, o segmenti, di uguale dimensione (lungo l asse delle quantità) secondo una metodologia proposta da Hao et al. (2004) [1]. I dati elementari necessari per l analisi vengono estratti dal database del Mercato Elettrico e contengono le informazioni relative alle offerte presentate dagli operatori, ai risultati del mercato nel periodo di riferimento ed agli impianti. Le curve di offerta sono generate calcolando le quantità cumulate per operatore (o per impianto), data ed intervallo orario sulle offerte ordinate per prezzo crescente, in modo da permettere la rappresentazione grafica tramite una funzione a gradini. Prezzi e quantità sono normalizzati: i primi considerando il valore massimo di mercato (pari a 500 /MWh) e i volumi considerando la quantità cumulata totale offerta nello stesso giorno e nella stessa ora da ciascun operatore (punto massimo della curva d offerta).questa normalizzazione implica che i valori delle quantità non saranno più presi in considerazione e si confronteranno i prezzi a ciascun ventesimo della quantità offerta. Il prezzo di riferimento è il prezzo medio zonale annuale. Le curve sono segmentate in 20 intervalli in quanto questo valore consente un rappresentazione efficace delle curve originali [1]. Ogni segmento rappresenta quindi un ventesimo della quantità complessivamente offerta. Come conseguenza di questa segmentazione, curve generate da una singola offerta saranno rappresentate da 20 valori, così come curve generate da centinaia di offerte. Per ogni segmento è calcolata l area compresa tra la curva d offerta e la retta che rappresenta il prezzo di riferimento. L area costituisce infatti un indicatore del prezzo medio di segmento. Considerare il prezzo medio annuale come punto di riferimento per il calcolo delle aree (piuttosto che il prezzo zero) ha il vantaggio di consentire aree negative. Le aree negative indicano che la curva d offerta in quel segmento (per quel ventesimo della quantità offerta) è sotto al prezzo medio annuale, oppure che interseca l asse del prezzo medio

3 annuale ma l area negativa è comunque più ampia di quella positiva. I valori di area così ottenuti costituiscono la rappresentazione vettoriale della curva d offerta e definiscono uno spazio omogeneo, a 20 dimensioni, dove è possibile calcolare le distanze tra curve e quindi applicare le tecniche di clustering. I valori di area sono integrati con altre informazioni che, pur non essendo necessarie per il clustering, sono utili per l interpretazione dei risultati (meta-informazione). Oltre alle informazioni identificative della curva (operatore, data e ora) sono calcolate come informazioni descrittive della curva: la quantità di energia complessivamente offerta; la percentuale di quantità accettata; il numero di offerte presentate; il numero di gradini (differenziazione dei prezzi); l area complessiva della curva. Come informazioni descrittive della sessione di mercato (indipendenti dall operatore): il numero di offerte inviate alla sessione; il fabbisogno (quantità complessivamente scambiata, corrispondente alla somma delle quantità accettate nella zona considerata); il prezzo di mercato (orario, zonale); il giorno della settimana; il tipo di giorno (feriale/festivo); la fascia oraria (in 3 intervalli: F1 peak / F2 mid-level / F3 off-peak); il mese. Per l analisi a livello di impianto, la meta-informazione comprende anche i dati descrittivi dell impianto (capacità massima, tipologia d impianto, tecnologia, operatore di riferimento). Per quanto riguarda la cluster analysis in letteratura è stato proposto l utilizzo di metodi gerarchici come, ad esempio, il metodo di Ward o il metodo Average linkage. Avendo considerato negli studi effettuati un periodo di tempo di un anno, pur limitando l analisi alla sola Macrozona Nord, si sono generate un numero elevatissimo di curve di offerta. Questo ha reso impossibile, dal punto di vista computazionale, l applicazione diretta dei metodi gerarchici. Si applica quindi, preliminarmente, un metodo partitivo di clustering (k-medie) generando 1000 cluster intermedi. Il cluster gerarchico viene successivamente eseguito su questi 1000 cluster. La scelta del numero ottimale di cluster finali viene effettuata osservando l andamento, al variare del numero di cluster, degli indicatori di qualità (pseudo F e pseudo t2). I cluster ottenuti definiscono delle tipologie di comportamento, interpretabili in termini di strategie d offerta, e costituiscono la base per procedere alla creazione di un modello di classificazione per consentire l assegnazione di nuove curve d offerta alle tipologie di riferimento. Un esempio: analisi per operatore Il clustering delle offerte per operatore consente di comprendere la strategia tipica di offerta dei bidders, eventualmente differenziata sulla base di alcune variabili fondamentali di mercato, in primis il livello di domanda e il periodo temporale di riferimento (ora del giorno, giorno della settimana, mese). Questa analisi permette di identificare gli operatori aventi disponibilità di un parco impianti omogeneo ai fini della presentazione delle offerte in borsa. Con riferimento a questo aspetto, occorre evidenziare che, in ragione della modalità di implementazione della cluster analysis che è stata scelta in questo studio, la quantità in termini assoluti offerta da parte Curve d offerta che sono state raggruppate nel cluster 16 (confronto tra le curve originali e la loro rappresentazione vettoriale) 27

4 Rappresentazione grafica dei centroidi dei clusters di un operatore non è determinante nel definire i raggruppamenti. In questo modo, ai fini dei raggruppamenti dei cluster per operatore risultano cruciali l articolazione in gradini delle curve di offerta e il livello di ciascun gradino. I dati sono stati estratti dal database del Mercato Elettrico a livello elementare: singole offerte di vendita inviate al Mercato del Giorno Prima da tutti gli operatori per le zone Nord, Turbigo e Monfalcone, da gennaio a dicembre 2006 (comprese le offerte a prezzo zero). La scelta della macrozona Nord scaturisce sia dalla sua importanza relativa in termini di quota di volumi scambiati sul totale degli scambi a livello di mercato elettrico, sia dalla volontà di verificare l effettivo grado di concorrenzialità nell aggregazione geografica considerata maggiormente competitiva. La scelta di un periodo temporale pari ad un anno deriva dalla necessità di avere una quantità di dati in termini di offerte di vendita abbastanza ampia per definire dei comportamenti tipici di offerta, indipendentemente da circostanze di mercato di natura contingente. I dati estratti (6 milioni di offerte) sono stati aggregati in curve d offerta, a livello di operatore (e a livello d impianto). Tra queste, le curve oggetto di analisi ( a livello d impianto) sono state selezionate escludendo gli operatori non di mercato, escludendo, cioè, le offerte presentate a prezzo vincolato, come le offerte degli impianti CIP6 e quelle relative a contratti bilaterali. Si veda nell immagine della pagina precedente la rappresentazione grafica delle curve che compongono uno dei clusters ottenuti. Per una rappresentazione d insieme possono essere utilizzati i grafici dei centroidi dei clusters (si veda l immagine a fianco). Ogni centroide può essere interpretato come una tipologia di curva d offerta, in quanto sintetizza un insieme di curve in una curva tipica. Dall esame dei centroidi è quindi possibile individuare le diverse strategie messe in atto dagli operatori nel periodo e nella zona considerati. Per quanto riguarda l analisi delle curve d offerta a livello di operatore, la soluzione a 41 clusters ottenuta con il metodo dell Average Linkage mette in evidenza le curve anomale, mentre quella più sintetica (23 clusters) ottenuta con il metodo di Ward mostra le curve tipiche. Questo studio ha consentito l individuazione di alcune strategie d offerta (retta a prezzo zero, retta inclinata, curva ad S, curva piatta ), della loro rilevanza numerica (in termini di n. di curve) ed economica (in termini di quantità di energia presentata e accettata). Per l interpretazione dei risultati sono state generate le tabelle di incrocio dei cluster (tipologie) con tutte le variabili della meta-informazione. Ciò consente di determinare le caratteristiche di ciascuna tipologia/strategia d offerta individuata in termini di operatore, fascia oraria, tecnologia d impianto, Sono così stati individuati operatori che offrono energia a prezzo zero, lasciando che sia il mercato a determinare il prezzo di vendita, operatori che generano curve d offerta inclinate più o meno uguali per ogni sessione / fascia oraria, operatori che offrono grandi quantità di energia ad un unico livello di prezzo (curva piatta ) variabile da sessione a sessione (possibile indice di esercizio di potere di mercato), operatori che generano curve ad S con diversa distribuzione delle quantità in due macro livelli di prezzo. In quest ultimo caso è 28

5 diversa la posizione dello scalino da sessione a sessione (fascia oraria e giorno). Questa analisi permette inoltre di individuare alcune curve anomale, che non rientrano nelle precedenti categorie, e di monitorare nel tempo i cambiamenti di strategia da parte degli operatori (attraverso la classificazione automatica delle nuove curve d offerta e il confronto con le originali tipologie di appartenenza). Conclusioni Dalle diverse applicazioni finora effettuate si possono trarre alcune conclusioni sulla bontà della tecniche di data mining applicate alle curve di offerta degli operatori. In particolare, la metodologia: consente di sintetizzare e di rappresentare graficamente le strategie di bidding degli operatori, anche con riferimento ad estesi periodi temporali, individuandone i profili tipici di offerta rispetto ad una molteplicità di variabili (es: quantità offerta e accettata, tipo di tecnologia, presenza degli operatori, prezzo unico nazionale, caratteristiche temporali); ciò è particolarmente interessante se si considerano gli enormi volumi di dati elementari relativi alle transazioni sui mercati borsistici; permette di identificare i raggruppamenti più strategici di offerte per impianto ai fini della fissazione del prezzo di borsa e di costruire indicatori che misurano la concentrazione delle offerte dei diversi operatori in tali raggruppamenti, fornendo informazioni aggiuntive rispetto a quelle espresse da altri indicatori; ad esempio, mentre l Indice di Operatore Marginale pubblicato dal GME misura in un certo periodo di tempo la quota dei volumi su cui l operatore ha fissato il prezzo, questi Bibliografia ulteriori indici potrebbero misurare l intensità della condizione di marginalità (non solo l informazione dicotomica di marginalità o non marginalità) con riferimento a qualsivoglia intervallo temporale; fornisce informazioni utili a valutare le interazioni strategiche tra gli operatori; consente di evidenziare i cambiamenti nelle strategie di offerta dei diversi operatori e di individuare eventuali anomalie nel comportamento degli operatori stessi rispetto ad un comportamento individuato come tipico o precedente; è estremamente versatile potendo essere utilizzata sia per arricchire l analisi di situazioni identificate come critiche sia per costruire procedure e indicatori che consentano di segnalare tempestivamente la criticità di alcune situazioni. Occorre evidenziare tuttavia che uno sviluppo in tal senso richiederebbe un ulteriore approfondimento per passare dalla fase di ricerca alla fase di messa a punto di strumenti operativi. In prospettiva sarebbe interessante provare a definire cluster differenziati in relazione a variabili che consentano di raggruppare le ore, come le fasce orarie. Infatti, sia nella formazione dei cluster per operatore sia nella formazione dei cluster per impianto, le fasce orarie si sono rivelate un importante variabile discriminatoria. La metodologia potrebbe essere estesa all analisi del mercato per il servizio di dispacciamento. Per ulteriori informazioni: doi: /notizie La metodologia permette di identificare i raggruppamenti più strategici di offerte per impianto ai fini della fissazione del prezzo di borsa e di costruire indicatori che misurano la concentrazione delle offerte dei diversi operatori in tali raggruppamenti, fornendo informazioni aggiuntive rispetto a quelle espresse da altri indicatori [1] Haol, Z. Jianhua, C. Zhenxiang, H Dongming, W. Weizhen, S. A Cluster Analysis of Power Producer s Bidding Using Average Electricity Price Difference-Integration Model, EEE International Conference on Electricity Utility Deregulation, Restructuring and Power Technologies (DRPT2004), Hong Kong, April

Il mercato elettrico all ingrosso in Italia

Il mercato elettrico all ingrosso in Italia Il mercato elettrico all ingrosso in Italia Fondamentali, prezzi, mercati, flussi transfrontalieri Stefano Verde Responsabile Mercato Energia Elettrica Università degli Studi di Ferrara 1 I fondamentali

Dettagli

Struttura dell industria liberalizzata

Struttura dell industria liberalizzata Struttura dell industria liberalizzata GENERATORI Sono aperte alla concorrenza le fasi di generazione e fornitura ai clienti finali. Le MERCATO ALL INGROSSO GME GRTN AU attività di trasmissione e distribuzione

Dettagli

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Rapporto di monitoraggio semestrale II semestre 2013 Pubblicato in data 30 gennaio 2014 1 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Situazione Operatori... 3 3. TEE emessi...

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

Approvvigionamenti di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamenti di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Roma, 24 novembre 2015 Sommario Struttura dei prezzi per i clienti finali Clienti ed energia nel servizio di maggior tutela Quotazioni dei prodotti energia Portafoglio di AU 2 Sistema elettrico nel contesto

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Il modello di analisi dei mercati GME. Ottobre 2012

Il modello di analisi dei mercati GME. Ottobre 2012 Il modello di analisi dei mercati GME Ottobre 2012 AGENDA La sinergia fra REF-E e MBI L approccio del modello emi 2 Le caratteristiche di emi 2 Esempi di utilizzo di emi 2 Sviluppi e servizi 2 AGENDA La

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

INDICI PER LA VALUTAZIONE DEL POTERE DI MERCATO

INDICI PER LA VALUTAZIONE DEL POTERE DI MERCATO Metodi e modelli per l'analisi degli equilibri strategici nei mercati elettrici competitivi INDICI PER LA VALUTAZIONE DEL POTERE DI MERCATO (Ettore Bompard, Elena Ragazzi, Roberto Levet) Prof. Elena RAGAZZI

Dettagli

CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE 9 gennaio 2014 III trimestre 2013 CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE Indebitamento, saldo primario, saldo corrente, entrate totali, uscite totali Nel terzo trimestre 2013 l indebitamento

Dettagli

1. L analisi statistica

1. L analisi statistica 1. L analisi statistica Di cosa parleremo La statistica è una scienza, strumentale ad altre, concernente la determinazione dei metodi scientifici da seguire per raccogliere, elaborare e valutare i dati

Dettagli

online La situazione operativa. In ambito aziendale i processi decisionali richiedono assunzioni di responsabilità a vari LABORATORIO 1

online La situazione operativa. In ambito aziendale i processi decisionali richiedono assunzioni di responsabilità a vari LABORATORIO 1 LABORATORIO 1 Scelta tra preventivi per l acquisto di un impianto di Luca CAGLIERO Materie: Informatica, Matematica, Economia aziendale (Triennio IT) L attività da svolgere in laboratorio, di carattere

Dettagli

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Rapporto di monitoraggio semestrale II semestre 2014 Pubblicato in data 02 febbraio 2015 1 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Situazione Operatori... 3 3. TEE emessi...

Dettagli

ANALISI COSTI-BENEFICI

ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI BENEFICI Fondamento dell ANALISI COSTI BENEFICI è l idea che un progetto o una politica possono essere considerati validi dal punto di vista della società se i benefici

Dettagli

L ANALISI DEI MERCATI INTERNAZIONALI

L ANALISI DEI MERCATI INTERNAZIONALI L ANALISI DEI MERCATI INTERNAZIONALI L ATTRATTIVITA DEI PAESI Barbara Francioni LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA DELL INTERNAZIONALIZZAZIONE COMMERCIALE Obiettivi Vincoli e risorse disponibili Specifici mercati

Dettagli

La Borsa elettrica: principi e funzionamento. Roma, 31 marzo 2004

La Borsa elettrica: principi e funzionamento. Roma, 31 marzo 2004 La Borsa elettrica: principi e funzionamento Roma, 31 marzo 2004 Parte I : i principi del mercato Prof. Bollino Parte II : il mercato dell energia energia Prof. SzegÖ / Avv. Agosta Parte III : le attività

Dettagli

Aste ad oggetto multiplo. Applicazione alla Borsa dell Energia

Aste ad oggetto multiplo. Applicazione alla Borsa dell Energia Aste ad oggetto multiplo Applicazione alla Borsa dell Energia Funzione di offerta (uniform-price) p smp uniform price values m Funzione di offerta Pay-as-bid p discriminatory max p D min p D values m Confronto

Dettagli

Misure per la promozione della concorrenza nel mercato all ingrosso dell energia elettrica in Sardegna L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Misure per la promozione della concorrenza nel mercato all ingrosso dell energia elettrica in Sardegna L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 17 agosto 2009 - ARG/elt 115/09 Misure per la promozione della concorrenza nel mercato all ingrosso dell energia elettrica in Sardegna L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione

Dettagli

Come leggere il posizionamento competitivo dei nostri fondi

Come leggere il posizionamento competitivo dei nostri fondi COS È IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO L analisi comparativa della performance di un fondo con quella dei diretti concorrenti Il posizionamento competitivo è il risultato dell analisi comparativa della performance

Dettagli

Dr. Marco Vicentini marco.vicentini@unipd.it Anno Accademico 2010 2011 Rev 30/03/2011

Dr. Marco Vicentini marco.vicentini@unipd.it Anno Accademico 2010 2011 Rev 30/03/2011 Università degli Studi di Padova Facoltà di Psicologia, L4, Psicometria, Modulo B Dr. Marco Vicentini marco.vicentini@unipd.it Anno Accademico 2010 2011 Rev 30/03/2011 Statistica descrittiva e inferenziale

Dettagli

Progetto ASTREA WP2: Sistema informativo per il monitoraggio del sistema giudiziario

Progetto ASTREA WP2: Sistema informativo per il monitoraggio del sistema giudiziario Progetto ASTREA WP2: Sistema informativo per il monitoraggio del sistema giudiziario Nell ambito di questa attività è in fase di realizzazione un applicativo che metterà a disposizione dei policy makers,

Dettagli

Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici

Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Economia

Dettagli

Il mercato dell energia elettrica

Il mercato dell energia elettrica Seminari Energia Ecologia Economia - 2015 Conferenza I meccanismi del mercato dell energia Il mercato dell energia elettrica Romano GIGLIOLI Prof. Ord. Sistemi Elettrici per l Energia UNIVERSITA DI PISA

Dettagli

CORSO DI MARKETING TERRITORIALE 10 CFU (80 ORE) Prof. Alessandro Maria Peluso Università del Salento, Lecce A.A. 2014-2015

CORSO DI MARKETING TERRITORIALE 10 CFU (80 ORE) Prof. Alessandro Maria Peluso Università del Salento, Lecce A.A. 2014-2015 CORSO DI MARKETING TERRITORIALE 10 CFU (80 ORE) Prof. Alessandro Maria Peluso Università del Salento, Lecce A.A. 2014-2015 Il corso intende fornire agli studenti gli strumenti teorici ed operativi per

Dettagli

Capitolo 8. La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 8. La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 8 La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Argomenti trattati nel capitolo I mercati in concorrenza perfetta La massimizzazione del profitto

Dettagli

Ing. Michelangelo CELOZZI

Ing. Michelangelo CELOZZI LA REGOLAMENTAZIONE DELLA BORSA DEL MERCATO ELETTRICO: MODELLI ORGANIZZATIVI DELLE TRANSAZIONI, STRUTTURA DEI MERCATI FISICI, ARTICOLAZIONE DELLE OFFERTE Ing. Michelangelo CELOZZI Il contesto normativo

Dettagli

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI MONITORAGGIO DEI MERCATI DELLA VENDITA AL DETTAGLIO DELL ENERGIA ELETTRICA E DEL GAS NATURALE Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 10 giugno

Dettagli

Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato

Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato Relazione tecnica Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato 1. Premessa e contesto normativo Il provvedimento

Dettagli

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it pagina 1 Fasi del processo di sviluppo della strategia di internazionalizzazione

Dettagli

Galileo Assistenza & Post Vendita

Galileo Assistenza & Post Vendita Galileo Assistenza & Post Vendita SOMMARIO PRESENTAZIONE... 2 AREE DI INTERESSE... 2 PUNTI DI FORZA... 2 Caratteristiche... 3 Funzioni Svolte... 4 ESEMPI.7-1 - PRESENTAZIONE Sempre più spesso ci si riferisce

Dettagli

I prezzi dell energia elettrica praticati alle PMI Regione Lombardia

I prezzi dell energia elettrica praticati alle PMI Regione Lombardia I prezzi dell energia elettrica praticati alle PMI Regione Lombardia Nota metodologica A cura di: Una premessa Le Camere di Commercio sono chiamate a favorire la trasparenza e la circolazione delle informazioni

Dettagli

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO Perché segmentare? I mercati sono numerosi, dispersi geograficamente ed eterogenei nelle loro esigenze d'acquisto. Un'impresa che decide di operare in un certo mercato non

Dettagli

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Rapporto di monitoraggio semestrale II semestre 2015 Pubblicato in data 3 febbraio 2016 1 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Situazione Operatori... 3 3. TEE emessi...

Dettagli

L uso dei dati territoriali per la valutazione del mercato e la definizione dei target

L uso dei dati territoriali per la valutazione del mercato e la definizione dei target Banca Popolare di Vicenza L uso dei dati territoriali per la valutazione del mercato e la definizione dei target Filippo Catturi, Alfredo Pastega Roma, 14 dicembre 2005 Agenda Premessa La valutazione del

Dettagli

Il ritiro dedicato dell energia elettrica

Il ritiro dedicato dell energia elettrica Il ritiro dedicato dell energia elettrica prodotta da impianti fino a 10 MVA e da impianti alimentati da fonti rinnovabili non programmabili: la delibera n. 280/07 Direzione Mercati Unità fonti rinnovabili,

Dettagli

Fonti Energetiche Rinnovabili: Incentivi. Economia Ambientale Corso di Laurea In Ingegneria Civile e Ambientale

Fonti Energetiche Rinnovabili: Incentivi. Economia Ambientale Corso di Laurea In Ingegneria Civile e Ambientale Fonti Energetiche Rinnovabili: Incentivi Economia Ambientale Corso di Laurea In Ingegneria Civile e Ambientale Contesto Politiche per il Cambiamento Climatico Riduzione delle emissioni di gas serra anche

Dettagli

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Rapporto di monitoraggio semestrale I semestre 2012 Pubblicato in data 17 luglio 2012 1 INDICE 1. Introduzione...3 2. Situazione Operatori...3 3. TEE emessi...3

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DEI BISOGNI DEL CLIENTE

IDENTIFICAZIONE DEI BISOGNI DEL CLIENTE IDENTIFICAZIONE DEI BISOGNI DEL CLIENTE 51 Dichiarazione d intenti (mission statement) La dichiarazione d intenti ha il compito di stabilire degli obiettivi dal punto di vista del mercato, e in parte dal

Dettagli

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali Effetti del IDE sul paese d origine Effetti del IDE sul paese ospitante: il ruolo della capacità di assorbimento delle imprese locali

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO LEZIONI N. e Le Politiche di Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO COMPRENDERE GLI OBIETTIVI

Dettagli

ALGORITMI MATEMATICI RISOLUTIVI RELATIVI A PROBLEMI ECONOMICO FINANZIARI E/O AZIENDALI

ALGORITMI MATEMATICI RISOLUTIVI RELATIVI A PROBLEMI ECONOMICO FINANZIARI E/O AZIENDALI ALGORITMI MATEMATICI RISOLUTIVI RELATIVI A PROBLEMI ECONOMICO FINANZIARI E/O AZIENDALI PREMESSA Il problema che si intende affrontare è gestione del magazzino: determinazione del lotto economico di acquisto

Dettagli

Capitolo 6. Offerta in concorrenza perfetta: il lato dei costi

Capitolo 6. Offerta in concorrenza perfetta: il lato dei costi Capitolo 6 Offerta in concorrenza perfetta: il lato dei costi Costo opportunità Adalberto può guadagnare 6 all ora come cameriere; in alternativa può effettuare raccolta per riciclaggio al prezzo di 2

Dettagli

I prezzi dell energia elettrica praticati alle PMI Nota metodologica

I prezzi dell energia elettrica praticati alle PMI Nota metodologica I prezzi dell energia elettrica praticati alle PMI Nota metodologica A cura di: Una premessa Le Camere di Commercio sono chiamate a favorire la trasparenza e la circolazione delle informazioni sui prezzi.

Dettagli

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Delibera C.d.A. del 23 dicembre 2010 LA NORMATIVA MIFID La Markets

Dettagli

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni PROGRAMMA 0. Introduzione 1. Valore: Pianificazione finanziaria Valore attuale Valutazione delle obbligazioni e delle azioni, Valore attuale netto ed altri criteri di scelta degli investimenti 2. Valutazione

Dettagli

4. Il mercato elettrico

4. Il mercato elettrico Mercato del giorno prima dell energia (MGP) Mercato del giorno prima dell energia (MGP) Nel mercato del giorno prima avente per oggetto la contrattazione d energia tramite offerte di vendita ed acquisto.

Dettagli

PROCEDURA PER LA SELEZIONE DELLE RISORSE PER LA FASE DI

PROCEDURA PER LA SELEZIONE DELLE RISORSE PER LA FASE DI 1 di 22 PROCEDURA PER LA SELEZIONE DELLE RISORSE PER LA FASE DI PROGRAMMAZIONE DEL Storia delle revisioni Rev.01 15/10/2009 Introduzione nuove modalità di offerta sul Rev.02 15/05/2010 Adeguamento alla

Dettagli

Analisi dei dati di traffico esistenti per la definizione dei profili temporali: metodologia ed esempio di applicazione.

Analisi dei dati di traffico esistenti per la definizione dei profili temporali: metodologia ed esempio di applicazione. XIII Expert panel emissioni da trasporto su strada Roma, 4 ottobre 27 Analisi dei dati di traffico esistenti per la definizione dei profili temporali: metodologia ed esempio di applicazione. C. Lavecchia*;

Dettagli

LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO

LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO Può essere espressa sia nel dominio della s che nel dominio della j Definizione nel dominio della s. è riferita ai soli sistemi con un ingresso ed un uscita 2. ha per oggetto

Dettagli

I prezzi dell energia elettrica praticati alle PMI

I prezzi dell energia elettrica praticati alle PMI I prezzi dell energia elettrica praticati alle PMI Nota metodologica A cura di: Una premessa Le Camere di Commercio sono chiamate a favorire la trasparenza e la circolazione delle informazioni sui prezzi.

Dettagli

ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014

ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014 ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014 Marco Riani mriani@unipr.it http://www.riani.it LA CLASSIFICAZIONE CAP IX, pp.367-457 Problema generale della scienza (Linneo, ) Analisi discriminante Cluster Analysis

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 380/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili I risultati principali della teoria dell ottimizzazione, il Teorema di Fermat in due variabili e il Test dell hessiana, si applicano esclusivamente

Dettagli

Statistica: l uso delle banche dati del MIUR

Statistica: l uso delle banche dati del MIUR RI Glossario Statistica: l uso delle banche dati del MIUR Dove si trovano, come si estraggono e come si possono usare i dati scolastici rilevati annualmente dal MIUR DI ANNA MASSA L a statistica, strumento

Dettagli

RENDIMENTI DI SCALA CRESCENTI

RENDIMENTI DI SCALA CRESCENTI 1 U C I I M - Torino Associazione Cattolica Insegnanti Dirigenti Formatori Sezione di Torino Ettore PEYRON Corso di ECONOMIA PUBBLICA 2007 Aggiornamento per docenti di Scienza delle Finanze della scuola

Dettagli

I prezzi dell energia elettrica praticati alle PMI Regione Lombardia

I prezzi dell energia elettrica praticati alle PMI Regione Lombardia I prezzi dell energia elettrica praticati alle PMI Regione Lombardia Nota metodologica A cura di: UNA PREMESSA Le Camere di Commercio sono chiamate a favorire la trasparenza e la circolazione delle informazioni

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

Rilevazione dei prezzi effettivamente praticati dall offerta balneare toscana

Rilevazione dei prezzi effettivamente praticati dall offerta balneare toscana Rilevazione dei prezzi effettivamente praticati dall offerta balneare toscana Rilevazione dei prezzi effettivamente praticati dall offerta balneare toscana Linee progettuali preliminari 4 luglio 2008

Dettagli

Dal libero mercato energia elettrica e gas per le imprese. L energia acquistala all origine

Dal libero mercato energia elettrica e gas per le imprese. L energia acquistala all origine Dal libero mercato energia elettrica e gas per le imprese L energia acquistala all origine C.U.RA. acquista energia all ingrosso direttamente dai produttori, per farvi ottenere il prezzo più conveniente

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA DI PRODUZIONE DELLE STATISTICHE SUGLI SCAMBI CON L ESTERO DI GAS NATURALE ED ENERGIA ELETTRICA

IL NUOVO SISTEMA DI PRODUZIONE DELLE STATISTICHE SUGLI SCAMBI CON L ESTERO DI GAS NATURALE ED ENERGIA ELETTRICA IL NUOVO SISTEMA DI PRODUZIONE DELLE STATISTICHE SUGLI SCAMBI CON L ESTERO DI GAS NATURALE ED ENERGIA ELETTRICA Quadro generale I manuali internazionali ed i regolamenti statistici comunitari individuano

Dettagli

Sintesi relazione conclusiva del progetto

Sintesi relazione conclusiva del progetto Sintesi relazione conclusiva del progetto Valutazione della performance dei Servizi del Dipartimento delle Dipendenze della ASL della Provincia di Milano 1 Lo svolgimento del progetto di ricerca Valutazione

Dettagli

SIA-EAGLE Intermediari per i Conflitti di interessi e la MiFID Deborah Traversa, SIA-SSB, Responsabile Marketing Divisione Capital Markets

SIA-EAGLE Intermediari per i Conflitti di interessi e la MiFID Deborah Traversa, SIA-SSB, Responsabile Marketing Divisione Capital Markets SIA-EAGLE Intermediari per i Conflitti di interessi e la MiFID Deborah Traversa, SIA-SSB, Responsabile Marketing Divisione Capital Markets Milano, 01/12/2008 sia ssb 2008 Importante per la nuova funzione

Dettagli

Le offerte pubbliche del GME. Strumenti di business intelligence per l analisi. Il sistema di supporto alle tue decisioni

Le offerte pubbliche del GME. Strumenti di business intelligence per l analisi. Il sistema di supporto alle tue decisioni Il sistema di supporto alle tue decisioni Le offerte pubbliche del GME Strumenti di business intelligence per l analisi di Luigi Poderico (lpoderico@mbigroup.it) M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121

Dettagli

II FORUM GREEN ENERGY

II FORUM GREEN ENERGY II FORUM GREEN ENERGY Produzione e distribuzione elettrica: le sfide da vincere per la rete Romano Stasi Segretario Generale ABI Lab Roma, 19 Giugno 2012 Le banche e il comparto delle FER Il Settore Bancario

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Gli Elementi fondamentali della Gestione Aziendale

Gli Elementi fondamentali della Gestione Aziendale Gli Elementi fondamentali della Gestione Aziendale n La Pianificazione n L Organizzazione n Il Coinvolgimento del Personale n Il Controllo Componenti del Sistema di Pianificazione n Valutazioni interne

Dettagli

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione 1. Introduzione La Riserva Sinistri è l accantonamento che l impresa autorizzata all esercizio dei rami danni deve effettuare a fine esercizio in previsione dei costi che essa dovrà sostenere in futuro

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 642/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

Categorie dei fondi assicurativi polizze unit-linked

Categorie dei fondi assicurativi polizze unit-linked Categorie dei fondi assicurativi polizze unit-linked FEBBRAIO 2005 INDICE PREMESSA pag. 3 1. DEFINIZIONE DELLE CATEGORIE pag. 4 1.1 Macro-categorie pag. 4 1.2 Fondi azionari pag. 5 1.3 Fondi bilanciati

Dettagli

[ Analisi della. concentrazione] di Luca Vanzulli. Pag. 1 di 1

[ Analisi della. concentrazione] di Luca Vanzulli. Pag. 1 di 1 [ Analisi della concentrazione] di Luca Vanzulli Pag. 1 di 1 LA CONCENTRAZIONE NELL ANALISI DELLE VENDITE L analisi periodica delle vendite rappresenta un preziosissimo indicatore per il monitoraggio del

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

L integrazione delle fonti rinnovabili non programmabili e della generazione distribuita nel sistema elettrico

L integrazione delle fonti rinnovabili non programmabili e della generazione distribuita nel sistema elettrico L integrazione delle fonti rinnovabili non programmabili e della generazione distribuita nel sistema elettrico Milano, 6 febbraio 2014 Direzione Mercati Unità Produzione di energia, fonti rinnovabili ed

Dettagli

L andamento dei mercati ambientali organizzati e gestiti dal GME

L andamento dei mercati ambientali organizzati e gestiti dal GME L andamento dei mercati ambientali organizzati e gestiti dal GME Claudio Fumagalli Gestione Mercati per l Ambiente - GME FIRE - Roma, 22 Aprile 2008 2 IL MERCATO DEI CERTIFICATI VERDI 22 Gestore Mercato

Dettagli

La rilevanza del risk management nella gestione d impresa. Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope

La rilevanza del risk management nella gestione d impresa. Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope La rilevanza del risk management nella gestione d impresa Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope Le nozioni alternative di rischio L approccio tradizionale-assicurativo: il rischio

Dettagli

PROCEDURA TECNICA articolo 6, comma 1, lettera a)

PROCEDURA TECNICA articolo 6, comma 1, lettera a) PROCEDURA TECNICA articolo 6, comma 1, lettera a) deliberazione ARG/elt 104/11 1 Indice Premessa... 3 Definizioni e acronimi... 3 Riferimenti normativi e procedure tecniche richiamati nel documento...

Dettagli

Approfondimento 1 Le curve di costo

Approfondimento 1 Le curve di costo Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Approfondimento 1 Le curve di costo Prof. Coll. Renato Da Re Barbara Bolognesi Obiettivo della comunicazione La comunicazione

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Data Mining. Introduzione La crescente popolarità

Dettagli

Come operare nel mercato elettrico

Come operare nel mercato elettrico Come operare nel mercato elettrico Alberto POTOTSCHNIG Confindustria Roma, 19 giugno 2001 Assetto del settore - Struttura del mercato Impianti con contratto GRTN Impianti senza contratto Contratti bilaterali

Dettagli

Introduzione all economia

Introduzione all economia Introduzione all economia 4.X.2005 Macro e microeconomia La teoria economica è divisa in due sezioni principali: la microeconomia e la macroeconomia La microeconomia studia il comportamento dei singoli

Dettagli

L energia motore o freno delle PMI

L energia motore o freno delle PMI L energia motore o freno delle PMI CONVEGNO ASSOCARBONI Strategia energetica nazionale e Strategia energetica nazionale e competitività del sistema elettrico italiano 22 Marzo 2013 Agenda Il costo dell

Dettagli

ALBERT. copyright hventiquattro

ALBERT. copyright hventiquattro ALBERT ALBERT MONETIZZARE LE SCORTE Il tuo magazzino: da deposito a risorsa Albert agisce sulle fonti di finanziamento interno. Non tanto in termini di puro taglio dei costi, quanto di recupero di flussi

Dettagli

Il sistema di supporto alle tue decisioni. Le partite fisiche ed economiche del bilanciamento del gas naturale

Il sistema di supporto alle tue decisioni. Le partite fisiche ed economiche del bilanciamento del gas naturale Il sistema di supporto alle tue decisioni Le partite fisiche ed economiche del bilanciamento del gas naturale Definizioni generali Indice Principali attività caratterizzanti l M-GAS Criticità del processo

Dettagli

La partecipazione della domanda in borsa

La partecipazione della domanda in borsa La partecipazione della domanda in borsa ref. - Osservatorio Energia 31/01/05 La nuova fase di borsa Dal luglio 2004 tutti i clienti non domestici sono idonei Dal gennaio 2005 la domanda può partecipare

Dettagli

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi Economia Politica Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi testo di riferimento: Mankiw, Principi di economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Cap 15 Il monopolio Inquadramento generale In questa sezione prenderemo

Dettagli

L analisi Competitiva

L analisi Competitiva L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio COSA E L ANALISI COMPETITIVA? Affinchè l impresa possa svolgere con successo la propria attività, è fondamentale che essa svolga un monitoraggio costante

Dettagli

IL MERCATO TI DA UNA MANO

IL MERCATO TI DA UNA MANO IL MERCATO TI DA UNA MANO ovvero tutto quello che avresti sempre voluto sapere sul mercato elettrico e non hai mai osato chiedere IL MERCATO TI DA UNA MANO ovvero tutto quello che avresti sempre voluto

Dettagli

L OFFERTA ELETTRICA SUL LIBERO MERCATO PER I CLIENTI RESIDENZIALI

L OFFERTA ELETTRICA SUL LIBERO MERCATO PER I CLIENTI RESIDENZIALI L OFFERTA ELETTRICA SUL LIBERO MERCATO PER I CLIENTI RESIDENZIALI Veronica Venturini, Daniele Forni, Dario Di Santo (FIRE) Il recepimento della Direttiva Comunitaria 96/92/CE con il decreto legislativo

Dettagli

Struttura e funzionamento del MGAS. Incontro con gli operatori Milano 18 giugno 2013

Struttura e funzionamento del MGAS. Incontro con gli operatori Milano 18 giugno 2013 Struttura e funzionamento del MGAS Incontro con gli operatori Milano 18 giugno 2013 2 Sommario 1. Struttura del MGAS 2. Contratti negoziabili e modalità di negoziazione 3. Registrazione al PSV della posizione

Dettagli

Sistemi per le decisioni Dai sistemi gestionali ai sistemi di governo

Sistemi per le decisioni Dai sistemi gestionali ai sistemi di governo Sistemi per le decisioni Dai sistemi gestionali ai sistemi di governo Obiettivi. Presentare l evoluzione dei sistemi informativi: da supporto alla operatività a supporto al momento decisionale Definire

Dettagli

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole 1 SISTEMI PRODUTTIVI CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTI: - modalità di manifestazione della domanda - modalità di manifestazione dell offerta - modalità di esecuzione del prodotto modalità di manifestazione

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SG42U

STUDIO DI SETTORE SG42U ALLEGATO 2 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SG42U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Bilancio Economico Pluriennale 2014 2015-2016

Bilancio Economico Pluriennale 2014 2015-2016 Regione Calabria Azienda Sanitaria Provinciale Cosenza Il Direttore Generale Bilancio Economico Pluriennale 2014 2015-2016 Il Direttore Generale Dott. Gianfranco Scarpelli RELAZIONE AL BILANCIO PLURIENNALE

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli