Execution & transmission policy

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Execution & transmission policy"

Transcript

1 Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Macello 55 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano Iscritta all Albo delle Banche al n Codice ABI Execution & transmission policy Documento informativo sulla strategia di esecuzione degli ordini e sulla strategia di trasmissione degli ordini su strumenti finanziari APPROVATA IN DATA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE IN VIGORE DAL Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla Consob con delibera n del 29 ottobre 2007 s.m.i. 1-13

2 Indice 1 Finalitá Ambito di applicazione Regole generali Fattori di esecuzione criteri di esecuzione importanza relativa ed istruzioni specifiche del cliente Fattori di Esecuzione Fattori rilevanti Criteri di Esecuzione Importanza relativa dei Fattori di Esecuzione - Corrispettivo Totale Trading Venues Istruzioni specifiche del cliente La strategia di esecuzione degli ordini best execution nei servizi di negoziazione per conto proprio Sedi di Esecuzione Gerarchia fattori di Best Execution La strategia di trasmissione degli ordini best execution nei servizi di ricezione e trasmissione di ordini Selezione degli intermediari Monitoraggio e revisione annuale - modifiche rilevanti Divulgazione della policy Allegato A

3 1 Finalitá In applicazione della vigente normativa, la Banca Popolare dell'alto Adige Società Cooperativa per azioni (di seguito, per brevità, la Banca ) ha adottato misure ragionevoli e meccanismi efficaci per ottenere per i propri clienti il miglior risultato possibile (c.d. best execution ), allorchè presti i servizi di: negoziazione per conto proprio; ricezione e trasmissione di ordini; In tale contesto la banca ha individuato per ciascuna tipologia di strumenti finanziari, la sede di esecuzione sulla quale eseguire gli ordini, ovvero i soggetti (intermediari negoziatori) ai quali trasmettere gli stessi (di seguito Trading Venue e/o Sede ovvero Brokers e/o Intermediari ) prevedendo la possibilità che tali ordini possano anche essere eseguiti al di fuori di un mercato regolamentato o di un sistema multilaterale di negoziazione, previo apposito consenso del cliente. Per gli ordini tramessi mediante l'uso dei canali virtuali, ovvero online, la banca non opera in modalitá di Best Execution ed il cliente é tenuto ad inserire gli ordini specificando la piazza di esecuzione. 3-13

4 2 Ambito di applicazione In particolare, la Banca ha predisposto una Strategia di Esecuzione degli Ordini, rilevante per la prestazione del servizio di negoziazione per conto proprio, nonché una Strategia di Trasmissione degli Ordini, rilevante per la prestazione del servizio di ricezione e trasmissione degli ordini. La Banca non sarà tenuta al rispetto della Strategia di Esecuzione degli Ordini nei confronti dei clienti classificati come controparti qualificate. La Banca non sarà altresì tenuta al rispetto della Strategia di Trasmissione degli Ordini nei confronti dei clienti classificati come controparti qualificate che richiedano la prestazione del servizio di ricezione e trasmissione di ordini e che operino per proprio conto. Resta ferma la possibilità per le controparti qualificate di richiedere espressamente l applicazione della Strategia di Esecuzione degli ordini qualora operino nell interesse o per conto di clienti al dettaglio o di clienti professionali. La Banca, previo consenso preliminare ed esplicito del cliente, può eseguire gli ordini dei clienti al di fuori di un mercato regolamentato o ad un sistema multilaterale di negoziazione anche tramite gli intermediari negoziatori. 4-13

5 3 Regole generali Gli ordini della clientela vengono impartiti dalla clientela mediante il sistema di interconnessione in uso presso la banca o per taluni strumenti finanziari attraverso il canale telefonico (modalitá di impartizione d ordine gestita dal servizio treasury) o tramite il canale telematico on line); raccolti e trasmessi e/o eseguiti nel rispetto dell ordine temporale con cui provengono; eseguiti dalla banca in modo rapido, onesto, equo e professionale al fine di garantire un elevata qualitá di esecuzione degli ordini stessi. La banca: si avvale di dispositivi e sistemi che garantiscono la continuitá e la regolaritá nella prestazione dei servizi di cui al capitolo 1, impiegando risorse e procedure appropriate; ogni volta che opera sul mercato secondario, non esegue nessun tipo di aggregazione degli ordini dei diversi clienti, e invia pertanto ogni ordine immediatamente all intermediario negoziatore o nel caso di obbligazioni di propria emissione lo esegue separatamente da qualsiasi ordine. L eventuale rifiuto dell ordine derivante dall impossibilitá di rispettare, in tutto o in parte, le istruzioni del cliente verrá comunicato al cliente tramite lo stesso canale di ricezione dell ordine. 4 Fattori di esecuzione criteri di esecuzione importanza relativa ed istruzioni specifiche del cliente 4.1 Fattori di Esecuzione La Banca ha posto in essere meccanismi efficaci al fine ottenere costantemente il miglior risultato possibile per i clienti, avendo riguardo ai seguenti fattori rilevanti e qualsiasi altra considerazione pertinente ai fini dell esecuzione dell ordine Fattori rilevanti total consideration: dato dalla combinazione del prezzo dello strumento finanziario e di tutti i costi sopportati dal cliente e direttamente legati all esecuzione dell ordine, delle commissioni di negozazione applicate dall intermediario, quali: o costi di accesso e/o connessi alle trading venues (cfr. capitolo 5.4); o costi di clearing (compensazione) e settlement (regolamento); o costi eventualmente pagati a soggetti terzi coinvolti nell esecuzione; o oneri fiscali; 5-13

6 o commissione proprie dell intermediario. Tale fattore, ai sensi del Regolamento Intermediari (delibera Consob Nr ), assume primaria importanza, in particolare per la clientela al dettaglio per la quale il miglior risultato possibile deve essere considerato in termini di corrispettivo totale, come di seguito descritto. velocitá di esecuzione: assume particolare rilevanza in considerazione dell opportunitá per l investitore di beneficiare di condizioni particolari esistenti sul mercato nel momento in cui lo stesso decide di realizzare un operazione. E un fattore strettamente legato alle modalità della negoziazione dell ordine (su un mercato regolamentato o OTC), alla struttura e alle caratteristiche del mercato (order driven, sul modello della Borsa Italiana, o quote driven, adottato dai contributori delle piatteforme Bloomberg o Reuters, regolamentato o non regolamentato, con quotazioni irrevocabili o su richiesta) ed ai dispositivi utilizzati per la connessione al mercato. Inoltre sulla rapiditá di esecuzione possono avere influenza altre variabili quali la liquidità associata allo specifico strumento finanziario oggetto della compravendita (es. per un derivato OTC personalizzato la rapidità dell operazione può essere vantaggiosa anche se misurata in minuti o ore, lì dove con riferimento a un azione quotata o liquida può misurarsi in frazioni di secondo); probabilità di esecuzione: fattore strettamente legato alla struttura e alla profondità del mercato presso cui lo strumento finanziario è negoziato. probabilità di regolamento: fattore che dipende sia dalla capacità degli intermediari di gestire in modo efficace, direttamente ed indirettamente, il settlement degli strumenti negoziati, scegliendo opportunamente le modalità di regolamento associate all ordine, sia dalla capacità del sistema del settlment utilizzato dalla Trading Venues di portare a buon fine le operazioni da regolare; natura dell ordine, con riferimento a: o dimensione dell ordine: potrebbe avere impatto su altri fattori quali il prezzo di esecuzione, la rapidità e la probabilità di esecuzione; o lo strumento oggetto dell ordine ad esempio strumenti illiquidi e/o per i quali non esistono mercati alternativi di negoziazione, ovvero strumenti caratterizzati da un elevato grado di personalizzazione rispetto alle caratteristiche/esigenze della clientela. Questi ultimi richiedono un trattamento particolare ai fini del best possible result. 4.2 Criteri di Esecuzione La Banca, al fine di stabilire l importanza relativa dei suddetti Fattori, tiene conto dei seguenti Criteri di Esecuzione: 6-13

7 le caratteristiche del cliente compresa la sua classificazione come cliente al dettaglio o professionale le caratteristiche dell ordine del cliente le caratteristiche degli strumenti finanziari oggetto dell ordine e le caratteristiche delle sedi di esecuzione alle quali l ordine può essere diretto. 4.3 Importanza relativa dei Fattori di Esecuzione - Corrispettivo Totale Quando la Banca esegue un ordine per conto di un cliente al dettaglio o di un cliente professionale, il miglior risultato possibile è determinato considerando quali Fattori di Esecuzione prevalenti: il prezzo dello strumento finanziario i costi relativi all esecuzione (c.d. Corrispettivo Totale). I costi includono tutte le spese sostenute dal cliente e direttamente imputabili all esecuzione dell ordine, comprese le competenze della sede di esecuzione, le competenze per la compensazione, nonché il regolamento e qualsiasi altra competenza pagata a terzi in relazione all esecuzione dell ordine. 4.4 Trading Venues Il regolamento intermediari definisce Sede di esecuzione (Trading Venues): i Mercati Regolamentati, i Multilateral Trading Facilities (MTF), gli Internalizzatori Sistematici, i Market Makers o altro negoziatore per conto proprio (Liquidity Provider), nonché una sede equivalente di un paese extracomunitario. In particolare, si definisce: Mercato Regolamentato - un sistema multilaterale, amministrato e/o gestito dal gestore del mercato, che consente o facilita l'incontro - al suo interno ed in base alle sue regole non discrezionali - di interessi multipli di acquisto e di vendita di terzi relativi a strumenti finanziari, in modo da dare luogo a contratti relativi a strumenti finanziari ammessi alla negoziazione conformemente alle sue regole e/o ai suoi sistemi, e che è autorizzato e funziona regolarmente; Multilateral Trading Facilities (MTF) - un sistema multilaterale gestito da un'impresa di investimento o da un gestore del mercato che consente l'incontro - al suo interno ed in base a regole non discrezionali di interessi multipli di acquisto e di vendita di terzi relativi a strumenti finanziari, in modo da dare luogo a contratti; Internalizzatore Sistematico un intermediario che in modo organizzato, frequente e sistematico negozia per conto proprio eseguendo gli ordini del cliente al di fuori di un mercato regolamentato o di un sistema multilaterale di scambio; 7-13

8 Market Maker un intermediario che assume l obbligo di esporre in via continuativa proposte di negoziazione in acquisto e/o in vendita di strumenti finanziari. La figura del market maker può assumere due vesti particolari: o Global specialist: Market maker che assume l obbligo di esporre in via continuativa proposte di negoziazione in acquisto e/o in vendita di strumenti finanziari di propria emissione e/o emessi da soggetti terzi; o Specialist: Market maker che assume l obbligo di esporre in via continuativa proposte di negoziazione in acquisto e/o in vendita di strumenti finanziari di propria emissione (es. obbligazioni branded). Liquidity provider (negoziatore in conto proprio) un intermediario che si impegna ad esporre di propria iniziativa o su richiesta del cliente proposte di negoziazione in acquisto e/o in vendita di strumenti finanziari di propria emissione e/o emessi da soggetti terzi, senza tuttavia assumere la qualifica di market maker. 4.5 Istruzioni specifiche del cliente Nel caso di ordine conferito dal cliente contenente una specifica istruzione, anche parziale in merito alle modalità di esecuzione, la Banca è tenuta ad eseguire l ordine in accordo con tale specifica istruzione, limitatamente agli elementi oggetto delle indicazioni ricevute dal cliente. Se l istruzione specifica si riferisce solo ad una parte dell ordine, la Banca applicherà la Strategia di Esecuzione degli Ordini o la Strategia di Trasmissione degli Ordini relativamente agli aspetti dell ordine non coperti dalla specifica istruzione conferita dal cliente. Il cliente prende atto e riconosce che le eventuali istruzioni specifiche possono pregiudicare le misure previste nella Strategia di Esecuzione o nella Strategia di Trasmissione limitatamente agli elementi oggetto di tali istruzioni. In particolare, il conferimento di una specifica istruzione su un particolare ordine può comportare l impossibilità di seguire tutte le misure previste nella Strategia di Esecuzione o nella Strategia di Trasmissione in relazione agli elementi oggetto di istruzioni specifiche. 8-13

9 5 La strategia di esecuzione degli ordini best execution nei servizi di negoziazione per conto proprio 5.1 Sedi di Esecuzione La Banca presta il servizio di negoziazione per conto proprio limitatamente a Obbligazioni non convertibili non quotate di propria emissione. La prezzatura e l esecuzione degli ordini su tali strumenti finanziari avviene in contropartita diretta tra la Banca ed il Cliente, per le obbligazioni di propria emissione è specificato meglio nella pricing & execution policy per obbligazioni di propria emissione, che forma parte integrante del presente documento (allegato B), approvata tempo per tempo dal Consiglio di Amministrazione della Banca. 5.2 Gerarchia fattori di Best Execution Trattandosi di strumenti finanziari emessi dalla Banca e non ammessi alla negoziazione in mercati regolamentati, assume primaria importanza la rapidità e probabilità di esecuzione seguita dalla Total Consideration. Strumento finanziario Cliente al dettaglio Cliente Professionale Controparti qualificate Obbligazioni di propria emissione non converibilit 1. Rapidità e probabilità di esecuzione e regolamento 1. Rapidità e probabilità di esecuzione e regolamento 1. Rapidità e probabilità di esecuzione e regolamento 2. Total Consideration 2. Total Consideration 2. Total Consideration 3. Altri fattori 3. Altri fattori 3. Altri fattori 9-13

10 6 La strategia di trasmissione degli ordini best execution nei servizi di ricezione e trasmissione di ordini Nella presente sezione è descritta la condotta della Banca in termini di modalità di esecuzione degli ordini rispetto agli strumenti finanziari oggetto dei servizi di investimento prestati. La Banca svolge il ruolo di intermediario trasmettitore per gli ordini aventi ad oggetto gli strumenti finanziari di seguito elencati per i quali l accesso alle sedi di esecuzione mediante broker terzi è in grado di garantire comunque il raggiungimento del miglior risultato possibile per il cliente. Tali ordini sono raccolti principalmente mediante le filiali, tramite il canale telefonico, oppure tramite piattaforma di trading on line (per le azioni quotate sui mercati regolamentati italiani): Azioni e diritti di opzione quotati su mercati regolamentati italiani; Azioni e diritti di opzione quotati su mercati regolamentati non nazionali; Obbligazioni, Euro-Obbligazioni e Titoli di Stato quotati sui mercati regolamentati italiani; Obbligazioni, Euro-Obbligazioni e Titoli di Stato Quotati su sistemi multilaterali di negoziazione;obbligazioni non quotate o quotate su mercati regolamentati non nazionali; Derivati quotati sui mercati regolamentati italiani (Covered Warrants, Certificates, etcc); ETP, diritti, warrant, obbligazioni convertibili quotati sui mercati regolamentati italiani; ETP quotati sui mercati regolamentati non nazionali; Quote di OICR. 6.1 Selezione degli intermediari Il venir meno della facoltà concessa agli Stati membri di imporre l obbligo di concentrazione sui mercati regolamentati delle negoziazioni su titoli ivi quotati, pone come conseguenza immediata e diretta la potenziale frammentazione degli scambi su più trading venues. Tale conseguenza se da un lato aumenta la possibilità di scelta delle sedi di esecuzione da parte dei portatori di interessi di negoziazione, dall altro riduce la liquidità e l efficienza del processo di price discovery. Per tale ragione, si ritiene che la liquidità e il grado di efficienza raggiunto dai mercati regolamentati farà sì che il mercato regolamentato tradizionale continuerà, quantomeno nella fase immediatamente successiva all entrata in vigore della MiFID, a rappresentare il principale punto di riferimento per le negoziazioni degli strumenti finanziari in esame. Sulla scorta di tali 10-13

11 considerazioni, dunque, l affermarsi di nuove sedi di esecuzione non sarà immediato, se non per l offerta di servizi complementari a quelli delle borse esistenti, in quanto allo scadere dell obbligo di concentrazione, non vi saranno mercati alternativi che consentiranno l esecuzione degli ordini dei clienti alle condizioni migliori. Anche con riferimento ai titoli negoziati su più piazze (c.d. multilisting ), i mercati regolamentati di riferimento sono quelli sui quali ad oggi sono concentrati i maggiori volumi di scambio, che generalmente assicurano prezzi più competitivi nonché migliore rapidità e probabilità di esecuzione e regolamento. La Banca, dunque, nella prestazione del servizio di ricezione e trasmissione ordini ha selezionato gli intermediari negoziatori in base alla possibilità ed alle modalità per gli stessi di avere accesso, diretto o indiretto, a tali mercati. La Banca acquisisce la Execution Policy degli intermediari negoziatori e ne verifica la coerenza (e la successiva applicazione) con la strategia di best execution degli ordini di negoziazione per la propria Clientela contenuta nel presente documento. Gli intermediari negoziatori di cui la Banca si avvale sono indicati, per ciascuna categoria di strumenti finanziari, nell Allegato A del presente documento informativo. Resta ferma la possibilità per il cliente di trasmettere ordini con istruzioni specifiche. In tal caso, troveranno applicazioni le disposizioni e le specifiche avvertenze di cui al precedente paragrafo Monitoraggio e revisione annuale - modifiche rilevanti La Banca ovvero il servizio Finanze Middle Office (FNB) e il servizio Treasury (FNT) verifica in via continuativa l efficacia delle misure di esecuzione degli ordini, la propria Strategia di Esecuzione e la Strategia di Trasmissione. Di tali attività di verifica sono fornite periodiche relazioni al Consiglio di Amministrazione della Banca. Con cadenza almeno annuale, o al verificarsi di circostanze rilevanti tali da influire sulla capacità di ottenere in modo duraturo il miglior risultato possibile per i clienti, la Banca riesamina le Misure di Esecuzione, la Strategia di Esecuzione e la Strategia di Trasmissione degli ordini adottate. La revisione periodica/straordinaria della policy è effettuata dal servizio Wealth Management, autorizzata dal direttore finanze, sentito anche il parere della funzione Compliance e sottoposta ad approvazione del CdA

12 Qualora, a seguito della predetta attivitá di verifica, siano apportate variazioni significative e/o rilevanti alla Policy le stesse saranno comunicate ai cliente mediante apposita informativa e/o comunque rese disponibili sul sito internet della banca 8 Divulgazione della policy La presente Policy per tutte unitá organizzative coinvolte nell erogazione dei servizi di investimento è a disposizione tramite rete intranet aziendale e visionabile tramite Doku Nr

13 Allegato A INTERMEDIARI NEGOZIATORI INDIVIDUATI AI SENSI DELLA SEZIONE 4 A.1. SERVIZIO DI NEGOZIAZIONE IN CONTO PROPRIO: La Banca esegue il servizio di negoziazione in conto proprio sui seguenti strumenti finanziari: o Obbligazioni non quotate di propria emissione Sede di esecuzione: la Banca A.2. SERVIZIO DI RICEZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI: Le sedi di esecuzione sono definite nelle singole Execution Policies stipulate tra la Banca ed i singoli Intermediari negoziatori. Per mercato di riferimento si intende in relazione a ciascuno degli strumenti finanziari il mercato piú significativo in termini di liquiditá. All intermediario negoziatore Istituto Centrale delle Banche Popolari Italiane (ICBPI), Corso Europa 18, Milano la Banca trasmetterà gli ordini sugli strumenti finanziari di seguito elencati che abbiano come mercato di riferimento il mercato italiano: Strumenti finanziari negoziati: o Azioni e diritti di opzione non quotati di propria emissione o Azioni e diritti di opzione italiani, ETP, OICR, obbligazioni convertibili, warrants, covered warrants e certificates o Titoli governativi, obbligazioni emesse da terzi quotate su mercati regolamentati o su MTF o non quotate All intermediario negoziatore BANCA IMI SpA, Piazzetta Giordano dell Amore 3, Milano - Italia la Banca trasmetterà gli ordini sugli strumenti finanziari di seguito elencati che non abbiano come mercato di riferimento il mercato italiano, ovvero abbiano come mercato di riferimento: Australia, Austria, Belgio, Brasile, Canada, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Gran Bretagna, Hong Kong, Norvegia, Olanda, Portogallo, Spagna, Stati Uniti, Svezia, Svizzera e Turchia: Strumenti finanziari negoziati su mercati di altri paesi o Azioni, diritti di opzione, ETP, OICR, obbligazioni convertibili, warrants, covered warrants e certificates che non abbiano come mercato di riferimento i mercati italiani Il cliente dichiara di aver preso visione della Strategia di Esecuzione degli ordini e della Strategia di Trasmissione degli ordini e di accettare espressamente il contenuto di quanto previsto nella Strategia di Esecuzione degli ordini. Prende inoltre atto che variazioni significative e/o rilevanti alla presente policy o riferite agli intermediari negoziatori potranno essere rese disponibili sul sito internet della banca Luogo e data Firma Il cliente prende atto e autorizza espressamente la Banca a procedere all'esecuzione degli ordini al di fuori di un mercato regolamentato o di un sistema multilaterale di negoziazione Luogo e data Firma 13-13

14 Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Macello 55 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano Iscritta all Albo delle Banche al n Codice ABI Pricing & execution policy per obbligazioni di propria emissione (allegato B e parte integrante della Execution & transmission policy) redatta ai sensi degli artt. 45, 46 e 47 del Regolamento Intermediari n /2007 APPROVATA IN DATA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE IN VIGORE DAL

15 Indice 1. Premessa Normativa di riferimento Definizioni Orientamento della policy Esecuzione degli ordini in contropartita diretta con la clientela Misure per l esecuzione e informazioni sulla strategia Verifiche sulla strategia Operatività Giornate e orario di funzionamento Liquidazione e regolamento operazioni Informazioni sull esecuzione Criteri per la determinazione del pricing delle obbligazioni La valutazione del Fair Value delle passività finanziarie Determinazione del fair value e pricing dei prestiti obbligazionari nell ambito delle attività di collocamento e/o negoziazione con la clientela Spese e commissioni per ogni operazione Informativa Clientela Accesso alla clientela ai prezzi Divulgazione della policy

16 1. Premessa Banca Popolare dell Alto Adige (di seguito la banca o BPAA) ha definito e pubblicato una strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini afferente sia ai servizi di ricezione e trasmissione degli ordini sia al servizio di negoziazione per conto proprio. Nell ambito di tale policy, denominata Execution & transmission policy approvata tempo per tempo dal Consiglio di Amministrazione, si è dato particolare risalto alla negoziazione delle obbligazioni destinate alla clientela retail emesse dalla banca e, in considerazione del rilevante ruolo operativo rivestito, si è ritenuto di redarre il presente apposito allegato, con rango di policy, in cui vengono descritti i criteri di esecuzione degli ordini sia in fase di emissione (servizio di collocamento e/o esecuzione in contropartita diretta degli ordini) sia in fase di negoziazione sul mercato secondario (servizio di negoziazione in conto proprio) nonché la metodologia di pricing adottata. In merito a quest ultima (metodologia di pricing), il contenuto della presente policy si riallaccia, in quanto a strategia e strutture decisionali, al vigente documento Die Preispolitik der Südtiroler Volksbank. Infine per garantire il corretto ed efficiente svolgimento dei servizi di investimento di collocamento, esecuzione in contropartita diretta degli ordini e negoziazione per conto proprio, la banca si è dotata di apposite procedure dirette ad assicurare il miglior risultato possibile per la clientela (c.d. Best execution) tenuto conto di elementi e criteri prestabiliti che vengono di seguito descritti. 2. Normativa di riferimento Con riferimento all attività di prestazione dei servizi di investimento sopra descritti si richiama in particolare la seguente normativa esterna: Direttiva 2003/71/CE del 4 novembre 2003 Direttiva 2004/39/CE del 21 aprile 2004 Direttiva 2006/73/CE del 10 agosto 2006 Regolamento 2004/809/CE del del 29 aprile 2004 Regolamento (CE) 1287/2006 della Commissione del 10 agosto 2006, recante modalità di esecuzione della direttiva 2004/39/CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda gli obblighi in materia di registrazioni per le imprese di investimento, la comunicazione delle operazioni, la trasparenza del mercato, l ammissione dei Prodotti Finanziari alla negoziazione e le definizioni di taluni termini ai fini di tale direttiva, Decreto Legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 "Testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, in forma abbreviata T.U.F. Delibera Consob del 14 maggio 1999 denominata Regolamento Emittenti Delibera Consob n del 29 ottobre 2007 denominata Regolamento Intermediari Comunicazione Consob n del Il dovere dell intermediario nella distribuzione di prodotti finanziari illiquidi Delibera Consob n del 13 dicembre 2012 Regolamento congiunto Bankitalia/Consob/Isvap 29/10/2007 in materia di organizzazione e procedure degli intermediari che prestano servizi di investimento; Comunicazione Consob n "Il dovere dell intermediario di comportarsi con correttezza e trasparenza in sede di distribuzione di prodotti finanziari illiquidi emanata lo scorso 2 marzo ; Linee guida interassociative sui prodotti finanziari illiquidi Con riferimento alle regole di determinazione del fair value si richiama in particolare la seguente normativa esterna: 3-10

17 Emendamento pubblicato dallo IASB il 13 ottobre 2008 intitolato Reclassification of Financial Assets ; Measuring and disclosing the fair value of financial instruments in markets that are no longer active, pubblicato il 16 settembre 2008 a cura dello IASB Expert Advisory Panel; Disposizioni della Banca d Italia (Circolare n. 263 del 27/12/2006 e successivi aggiornamenti); Comitato di Basilea; Supervisory guidance on the use of the Fair Value Option for financial instruments by banks, June Principle 2; Il bilancio bancario: schemi e regole di compilazione - Banca d Italia Circolare n. 262 del 22/12/2005 e successivi aggiornamenti; Principi contabili di riferimento IAS 39, IFRS 13, IAS 36, IAS 32, IFRS 7 e normative correlate. 3. Definizioni Best execution: è la misura per l esecuzione degli ordini che permette di ottenere il miglior risultato possibile per il cliente avendo riguardo a prezzo, costi, rapidità, probabilità di esecuzione e di regolamento, natura e dimensioni dell ordine del cliente; Cliente al dettaglio: vedere Policy di classificazione e profilazione della clientela nell ambito MiFID; Cliente professionale: vedere Policy di classificazione e profilazione della clientela nell ambito MiFID; Collocamento: consiste nell offerta agli investitori di strumenti finanziari, a condizioni standardizzate, sulla base di un accordo preventivo che intercorre tra l intermediario collocatore e il soggetto che emette (o vende) gli strumenti stessi; Controparte qualificata: vedere Policy di classificazione e profilazione della clientela nell ambito MiFID; Fair Value: come definito dallo IFRS 13, a cui si rimanda, è il prezzo che si percepirebbe per la vendita di un attività ovvero che si pagherebbe per il trasferimento di una passività in una regolare operazione tra operatori di mercato alla data di valutazione; I costi connessi con la transazione includono, per esempio, i costi imposti dal mercato dove viene eseguita la transazione, i costi di liquidazione e di regolamento e tutte le commissioni eventualmente pagate; IAS: International Accounting Standards, principi contabili internazionali IFRS: International Financial Reporting Standards, principi contabili emanati da IASB International Accounting Standards Board Negoziazione per conto proprio: consiste nell attività di acquisto e vendita di strumenti finanziari svolta dall intermediario, eseguita in contropartita diretta con i clienti e in relazione agli ordini di questi ultimi; nel caso specifico si intende la compravendita di obbligazioni emesse dalla banca Non-performance risk: come definito dallo IFRS 13, include, ma non è necessariamente limitato al merito creditizio proprio, (come definito nello IFRS 7: Financial Instruments: Disclosures). Il Non-performance risk si assume sia invariato prima e dopo il trasferimento della passività. Prospetto base: Per prospetto informativo o prospetto base si intende, nell'ambito dei mercati finanziari, la documentazione informativa predisposta ai fini di informazione del pubblico degli investitori e deriva principalmente dalla Direttiva 2003/71/CE, e dal relativo regolamento di attuazione dell'anno successivo Regolamento 809/2004/CE. Spread commerciale: esprime il profitto realizzato dall intermediario; Total consideration (prezzo dello strumento finanziario e costi associati all esecuzione) e per la clientela retail è: o o Per gli ordini di acquisto: il prezzo di acquisto dello strumento più i costi direttamente connessi con la transazione; Per gli ordini di vendita: il prezzo di vendita meno i costi direttamente connessi con la transazione; 4-10

18 4. Orientamento della policy Per chiarezza espositiva il documento viene suddiviso nelle seguenti partizioni tematiche: Esecuzione degli ordini in contropartita diretta con la clientela Misure per l esecuzione degli ordini alle condizioni più favorevoli per i clienti (art. 45 Regolamento Intermediari) e Informazioni sulla strategia di esecuzione degli ordini (art. 46 Regolamento Intermediari) Verifica ed aggiornamento delle misure e della strategia di esecuzione degli ordini (art. 47 Regolamento Intermediari) Operatività Metodologia di pricing Pricing in sede di collocamento e di negoziazione (Comunicazione Consob n del 2 marzo 2009 Par. 2) 5. Esecuzione degli ordini in contropartita diretta con la clientela Di seguito vengono riportate le modalità di esecuzione degli ordini in contropartita diretta con la clientela aventi ad oggetto le obbligazioni retail emesse dalla banca, assicurando l affidabilità, l oggettività e la rispondenza agli obiettivi richiesti dalla normativa. 5.1 Misure per l esecuzione e informazioni sulla strategia Nell esecuzione degli ordini in contropartita diretta con la clientela relativamente alle proprie obbligazioni retail, BPAA intraprenderà tutte le azioni necessarie per ottenere la miglior esecuzione ( best execution ); ciò significa che sono state poste in essere procedure, affidabili e oggettive, volte a ottenere il miglior risultato possibile per tali ordini, considerando tutti i fattori che concorrono a delineare la qualità dell eseguito, quali prezzo, costi, rapidità e probabilità di esecuzione e di regolamento, dimensioni e natura dell ordine. L importanza di questi fattori viene stabilita dalla banca in base ai seguenti criteri: caratteristiche e classificazione del cliente caratteristiche dell ordine del cliente caratteristiche degli strumenti finanziari oggetto dell ordine caratteristiche delle sedi di esecuzione dell ordine BPAA persegue il miglior risultato sia per la clientela al dettaglio che per la clientela professionale. Tale disciplina non si applica invece alle controparti qualificate nella prestazione dei servizi di negoziazione per conto proprio, a meno di un esplicita richiesta da parte della controparte qualificata di un livello di protezione maggiore per se stessa e/o per i clienti verso i quali effettua il servizio di ricezione e trasmissione ordini. Quando la banca esegue un ordine in acquisto o in vendita relativo alle proprie obbligazioni per un cliente al dettaglio o un cliente professionale, viene considerato quale fattore di esecuzione prevalente la Total Consideration. La rapidità e probabilità di esecuzione e di regolamento non costutuisce fattore di best execution in caso di attività di compravvendita da parte del cliente in quanto la banca ha assunto ex prospectu l impegno incondizionato al riacquisto. 5-10

19 Strumento finanziario Obbligazioni di propria emissione non convertibili destinate alla clientela retail Cliente al dettaglio Cliente Professionale Controparti qualificate 1. Total Consideration 1. Total Consideration 2. La rapidità e probabilità di esecuzione e di regolamento 2. La rapidità e probabilità di esecuzione e di regolamento non applicabile. non applicabile. 3. Altri fattori 3. Altri fattori non applicabile. 5.2 Verifiche sulla strategia La presente policy è predisposta e aggiornata dal servizio Treasury con il supporto delle funzioni interessate, è assoggettata a parere di conformità da parte della funzione di Compliance, è vagliata dal Funding Pricing Komitee (FPK), portata a conoscenza del Comitato di direzione e deliberata dal Consiglio di Amministrazione. È previsto il nulla osta di conformità da parte del Dirigente Preposto limitatamente agli aspetti di carattere amministrativo-contabile. La revisione straordinaria della policy è prevista nel caso in cui si decida di: assegnare una diversa importanza relativa ai fattori di Best Execution; modificare altri aspetti della propria Execution & Pricing Policy; modificare le metodologie e modalità di calcolo del prezzo La presente policy e le sue eventuali successive variazioni saranno comunicate a clienti mediante apposita informativa e/o comunque rese disponibili sul sito internet della banca 6. Operatività Gli ordini vengono raccolti dalle filiali negli orari di apertura degli sportelli, e inseriti in procedura informatica tramite transazioni a terminale. Gli ordini di compravendita sono eseguiti in modo automatico, senza ulteriori interventi da parte degli operatori delle strutture centrali. Banca Popolare dell Alto Adige esegue gli ordini dei clienti in modo sequenziale in base al momento nel quale sono ricevuti, a meno che: il cliente non disponga diversamente; le caratteristiche degli ordini non rendano impraticabile l inserimento; l interesse del cliente non richieda diversamente. 6.1 Giornate e orario di funzionamento Le giornate in cui vengono effettuati gli scambi possono essere determinate di volta in volta in base alle richieste ricevute dai clienti e alle esigenze della banca, di norma tutte le giornate lavorative almeno in uno dei comuni dove la banca ha sportelli. Gli scambi sono effettuati durante gli orari di apertura al pubblico. 6.2 Liquidazione e regolamento operazioni Le operazioni di negoziazione concluse producono automaticamente movimenti contabili di carico/scarico dal dossier titoli e di addebbito/accredito sul conto di regolamento collegato al deposito titoli del possessore delle obbligazioni. Il regolamento delle operazioni avviene con valuta da 0 a 6 giorni lavorativi a seconda delle esigenze della clientela, e disponibilitá della Banca in caso di vendita di obbligazioni al cliente derivanti da riacquisto da altro cliente. 6-10

20 6.3 Informazioni sull esecuzione Al cliente saranno fornite su supporto duraturo le principali informazioni relative all esecuzione dell ordine. In particolare nel caso in cui il cliente sia classificato come cliente al dettaglio tale informazione gli verrà fornita entro il giorno lavorativo successivo all esecuzione dell ordine. 7. Criteri per la determinazione del pricing delle obbligazioni 7.1 La valutazione del Fair Value delle passività finanziarie Il fair value di una passività finanziaria esprime il prezzo che sarebbe pagato in caso di trasferimento della stessa. Lo IFRS 13 prevede che il fair value di una passività esprima anche gli effetti del non performance risk, che nel caso in parola è identificabile come il rischio che la Banca non adempia alle proprie obbligazioni. Nel caso specifico esso è pertanto assimilabile al own credit risk. L inclusione del non performance risk nel fair value in parola è pertanto ottenuto mediante la stima del Own Credit Adjustments ( OCA ) per le passività di propria emissione. Con riferimento alla specifica tecnica di valutazione, in assenza di un prezzo quotato di una passività identica o similare, si determina il fair value della passività secondo il punto di vista di un operatore di mercato che possieda lo stesso strumento nel prioprio attivo alla data di valutazione. Tutto ciò premesso, le modalità di determinazione del fair value di una passività finanziaria possono essere sintetizzate come segue, in ordine decrescente di preferenza: utilizzo di un prezzo quotato in un mercato attivo per l elemento identico posseduto da un terzo come attività; se tale prezzo non è disponibile, utilizzo di altri input osservabili, quali il prezzo quotato in un mercato non attivo per lo strumento identico posseduto da un terzo come attività. Se i precedenti valori non sono disponibili, utilizzo di altre tecniche di valutazione, quali: un metodo reddituale tramite tecniche di attualizzazione dei flussi di cassa futuri attesi; un metodo basato sulla valutazione di mercato tramite utilizzo di prezzi quotati per passività posseduti da terzi come attività. 7.2 Determinazione del fair value e pricing dei prestiti obbligazionari nell ambito delle attività di collocamento e/o negoziazione con la clientela Il presente paragrafo descrive la metodologia adottata per il pricing delle emissioni di prestiti obbligazionari della Banca nell ambito delle attività di collocamento e/o negoziazione con la clientela. Il pricing è determinato dal servizio Treasury, mediante modelli di valutazione validati dal servizio Risk management della banca. Per le obbligazioni ordinarie a tasso fisso e variabile, il prezzo di valutazione viene definito utilizzando la metodologia di calcolo del fair value che attualizza i flussi di cassa futuri al tasso corrente di mercato. Il tasso di mercato è funzione di due componenti: Rischio tasso di interesse: rappresenta la remunerazione richiesta dal mercato a 7-10

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA 1 INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA Revisione del 01/08/2013 2 INDICE PREMESSA 1.RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 2.PRINCIPI GUIDA

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. PREMESSA.3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 5 3. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI..7 4. FATTORI DI ESECUZIONE

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Banca di Ancona Credito Cooperativo Soc. Cooperativa Sede Sociale in Ancona Via Maggini 63/a 60127 iscritta all Albo delle Banche al n. 186.70 all Albo delle Società Cooperative al n. A160770, al Reg.

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvata con delibera del C.d.A. del 29/10/2007 Aggiornata con delibera del C.d.A. del 26/11/2008 21/10/2009 29/10/2010 24/01/2011 04/06/2012 18/11/2013

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SANTERAMO IN COLLE (BARI) Aggiornata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 03 DICEMBRE 2014 VVeer r..1111

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Approvato con delibera del consiglio di amministrazione del 26 Novembre 2014 Indice

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini DI CREDIO COOPERAIVO S.C. DEGLI OBBLIGAZIONISI 1 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Novembre 2014 eramo - 64100 - Via Savini, 1 el. 0861/ 25691 - Fax 0861/ 359919 DI CREDIO COOPERAIVO

Dettagli

[B] INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

[B] INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Corso Unità d'italia 11, Cantù (Co) - info@cracantu.it - www.cracantu.it Tel 031/719.111 - Fax 031/7377.800 - Swift ACARIT22XXX Cod.Fisc/P.Iva n.00196950133 - R.E.A. n.43395 Como ABI n.08430 - Albo delle

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini

Strategia di Trasmissione degli Ordini Strategia di Trasmissione degli Ordini Revisionato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 1932 del 23 gennaio 2015 Indice 1 PRINCIPI GENERALI... 3 1.1 Principi generali in tema di best execution...

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. Premessa... 2 1.1 Scopo del documento... 2 1.2 Riferimenti normativi... 2 2. Ambito di applicazione e destinatari... 2 3. Fattori di Best Execution...

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini ai sensi dell art. 48 del Regolamento Intermediari CONSOB

Strategia di trasmissione degli ordini ai sensi dell art. 48 del Regolamento Intermediari CONSOB ai sensi dell art. 48 del Regolamento Intermediari CONSOB Visionato da: Dott. Martha Dichristin e Dott. Martin Selva Approvato dal CDA in data 21.10.2014 Sostituisce l edizione d.d. 08.05.2012 Indice 1.

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica

UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica 17 Ottobre 2011 Indice Pag Sedi di esecuzione MiFID 2 Impatto della

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI Nel rispetto della nuova disciplina comunitaria introdotta dalla direttiva 2004/39/CE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI CLIENTI PROFESSIONALI

INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI CLIENTI PROFESSIONALI INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI CLIENTI PROFESSIONALI Banca Akros ha predisposto una politica di esecuzione e di gestione degli ordini (di seguito: politica di esecuzione degli ordini)

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE / TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ALLE CONDIZIONI PIU FAVOREVOLI PER IL CLIENTE EDIZIONE GENNAIO 2015

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE / TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ALLE CONDIZIONI PIU FAVOREVOLI PER IL CLIENTE EDIZIONE GENNAIO 2015 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE / TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ALLE CONDIZIONI PIU FAVOREVOLI PER IL CLIENTE EDIZIONE GENNAIO 2015 CODICE DOCUMENTO REG044/I/BIM (Allegato 1) SOCIETA BANCA INTERMOBILIARE

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI I. Disposizioni generali 1. Le presenti Regole di esecuzione delle istruzioni dei clienti riguardanti i contratti di compensazione delle differenze (CFD) e gli strumenti

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

INFORMAZIONI SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELL ISTITUTO CENTRALE DELLE BANCHE POPOLARI ITALIANE S.p.A.

INFORMAZIONI SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELL ISTITUTO CENTRALE DELLE BANCHE POPOLARI ITALIANE S.p.A. INFORMAZIONI SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELL ISTITUTO CENTRALE DELLE BANCHE POPOLARI ITALIANE S.p.A. EXECUTION POLICY Data decorrenza 09 dicembre 2013 Sede Sociale e Direzione

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included 1 protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Il nuovo Regolamento Intermediari n. 16190/2007 emanato dalla Consob ed il Regolamento congiunto del 29 ottobre 2007 emanato da Banca

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli