Regolamento Generale della Borsa Telematica del Recupero (adottato con decisione del Comitato di Borsa del 18/10/2001)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamento Generale della Borsa Telematica del Recupero (adottato con decisione del Comitato di Borsa del 18/10/2001)"

Transcript

1 Regolamento Generale della Borsa Telematica del Recupero (adottato con decisione del Comitato di Borsa del 18/10/2001) Articolo 1- Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il funzionamento, la vigilanza, le modalità di coordinamento e l'utilizzo della Borsa Telematica del Recupero che ha lo scopo di favorire l'emersione del mercato dei rifiuti, dei materiali recuperati dai rifiuti e delle relative tecnologie impiegate, assicurando condizioni di trasparenza e terzietà per gli operatori. Articolo 2 - Borsa Telematica del Recupero La Borsa Telematica del Recupero è un mercato regolamentato accessibile per via telematica (www.borsadelrecupero.net) per assicurare un mezzo flessibile e trasparente di scambio e collegamento tra la domanda e l'offerta di rifiuti e beni di cui al successivo articolo 3 anche attraverso l'offerta di servizi di informazione sulle normative, sui materiali e sulle tecnologie di recupero. Articolo 3 - Negoziazione 1. Nell'ambito della Borsa Telematica del recupero, sono oggetto di negoziazione all'interno i seguenti materiali: Rifiuti, così come definiti dal D.Lgs. 22/97; Rifiuti recuperabili, ivi compresi quelli definiti dal D.M. 5/2/98; Materie prime, prodotti o materie prime seconde derivanti da operazioni di recupero; Beni a fine vita. I prodotti di cui alla lettera d) saranno oggetto di definizione nell'ambito delle rispettive Consulte di Filiera di cui al successivo articolo Nell'ambito della Borsa Telematica del Recupero sono oggetto di negoziazione i seguenti servizi: Recupero Smaltimento Trattamento Trasporto. 3. Possono essere utenti della Borsa Telematica del Recupero (di seguito utenti) Aziende produttrici di rifiuti o che riutilizzano rifiuti o materiali recuperabili nel loro ciclo di produzione; Aziende che svolgono attività di gestione rifiuti (smaltimento, recupero, trasporto) Intermediari di rifiuti; Comuni o loro Consorzi o altri enti pubblici produttori di rifiuti. Associazioni di Categoria ed altri Enti, a seguito di stipula di appositi accordi nazionali con l'unioncamere. Articolo 4 - Organi della Borsa Sono organi della Borsa Telematica del Recupero: a) il Comitato di Borsa; b) le Consulte di Filiera; c) le Camere di Commercio. Articolo 5- Il Comitato di Borsa 1. Il Comitato di Borsa, istituito presso l'unioncamere, è l'organismo che ha funzioni di direzione, vigilanza ed indirizzo generale della Borsa Telematica del Recupero. Il Comitato esercita le funzioni di coordinamento ed omogeneizzazione delle modalità di negoziazione sul territorio nazionale, nonché il ruolo di Osservatorio centrale per il funzionamento del mercato. A tal fine promuove anche le attività di informazione e formazione per i funzionari responsabili delle Camere di Commercio e delle Associazioni territoriali di categoria.

2 2. Il Comitato di Borsa è composto da 9 a 11 componenti, in rappresentanza del Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio, del Ministero delle Attività Produttive, dell'unione Italiana delle Camere di Commercio (di seguito Unioncamere), delle Camere di Commercio, della Conferenza Stato - Regioni, dell'upi, dell'anci, dell'anpa, dell'osservatorio Nazionale Rifiuti, dell'albo Nazionale Gestori e dell'uni. E' invitato permanente alle riunioni un rappresentante del tavolo dei 10. La Segreteria Tecnica del Comitato è assicurata dall'unioncamere, anche in collaborazione con il Gestore Operativo della piattaforma telematica i cui al successivo articolo I componenti del Comitato restano in carica per il periodo di sperimentazione della Borsa Telematica e possono essere riconfermati: il Comitato nomina un Presidente tra i propri componenti con funzioni di rappresentanza del Comitato stesso. 4. Il Comitato di Borsa adotta le proprie decisioni a maggioranza dei suoi componenti in riferimento: all'adozione e modifica del presente "Regolamento Generale" della Borsa Telematica del Recupero; alla nomina, insediamento e coordinamento delle Consulte di Filiera; all'approvazione dei "Disciplinari di filiera" predisposti dalle Consulte di Filiera; alla determinazione delle cause di sospensione o esclusione degli operatori. Il Comitato di Borsa adotta altresì le proprie decisioni a maggioranza dei presenti su ogni altro argomento proposto all'ordine del giorno dal Presidente o da un componente il Comitato stesso. 5. Su argomenti di particolare interesse o comunque se ne ravvisi l'opportunità, il Comitato, anche usando lo strumento dell'audizione, potrà acquisire il parere dei rappresentanti delle associazioni di categoria e dei consorzi di filiera, con precedenza a quelle che hanno stipulato accordi di collaborazione con l'unioncamere per la sperimentazione dei servizi della Borsa Telematica del recupero. Articolo 6 - Consulte di filiera 1. Le Consulte di Filiera, di cui fanno parte da 6 a 9 operatori economici in rappresentanza della specifica filiera, sono nominate ed insediate dal Comitato Nazionale di Borsa, su proposta del Presidente della Camera di Commercio sede della Consulta di Filiera. Ai fini dell'individuazione dei componenti della Consulta di Filiera, il Presidente della Camera di Commercio si avvale della collaborazione delle associazioni di categoria e dei consorzi di filiera interessati. La Camera di Commercio sede della Consulta di Filiera ne cura la Segreteria Tecnica. 2. La Consulta di Filiera, a maggioranza dei propri membri: 1. propone al Comitato di borsa le norme standard esistenti per la caratterizzazione dei beni e per le modalità di scambio nelle singole filiere; 2. predispone e aggiorna, in assenza di norme esistenti, specifici "Disciplinari di filiera", redatti per singoli materiali o categorie di materiali, che vengono sottoposti all'approvazione del Comitato di Borsa; 3. monitora l'andamento del mercato, proponendo al Comitato di Borsa eventuali interventi correttivi. Articolo 7 - Camere di Commercio 1. La Gestione Operativa della Borsa Telematica del Recupero è affidata alle Camere di Commercio italiane che si avvalgono di un'unica piattaforma telematica al fine di garantire l'efficiente e omogenea offerta del servizio su tutto il territorio nazionale. 2. Le Camere di Commercio sono responsabili dell'accreditamento degli operatori. 3. Le Camere di Commercio possono delegare ad altri soggetti (di seguito Soggetti convenzionati) l'accreditamento, dietro stipula di apposito accordo nazionale tra l'unioncamere e la rappresentanza nazionale del Soggetto convenzionato. I Soggetti convenzionati sono, a titolo non esaustivo, associazioni di categoria, Consorzi Obbligatori di filiera, o altri soggetti, anche a partecipazione pubblica, che raggruppino aziende appartenenti a specifiche filiere produttive o categorie

3 imprenditoriali. I Soggetti convenzionati possono operare sulla Borsa del Recupero unicamente per conto degli operatori ad essi associati o consorziati che devono essere singolarmente accrediati con le modalità di cui ai successivi articoli. 4. L'elenco delle Camere di Commercio e dei Soggetti Convenzionati abilitati ad accreditare sarà pubblicizzato sul sito della Borsa Telematica del Recupero. Articolo 8 - Accreditamento degli operatori 1. Al fine di garantire la trasparenza del mercato, gli operatori per poter accedere alla Borsa Telematica del recupero dovranno essere accreditati, nel rispetto dei requisiti di seguito indicati: a. per le Aziende produttrici: Iscrizione nel Registro Imprese; b. per gli Intermediari: Iscrizione del Registro Imprese, Iscrizione nell'albo Gestori qualora operativo; c. per i Trasportatori: Iscrizione nel Registro Imprese; Iscrizione nell'albo Gestori; d. per i Recuperatori: (soggetti che svolgono le operazioni di recupero e pre-trattamento così come definite dal D.Lgs 22/97) Iscrizione al Registro Imprese; Iscrizione nel Registro provinciale ai sensi degli artt. 31 e 33 del predetto D.lgs. e/o Autorizzazione ex. artt. 27 e 28 del D.Lgs.22/97. e. per gli Smaltitori: (soggetti che svolgono le operazioni di smaltimento e pre-trattamento così come definite dal D.Lgs 22/97) Iscrizione al Registro Imprese; Autorizzazione ex. artt. 27 e 28 del D.Lgs.22/97. Articolo 9 - Procedura di accreditamento 1. La richiesta di accreditamento può essere effettuata unicamente per via telematica: l'invio della richiesta di accreditamento comporta la piena accettazione da parte dell'utente del presente regolamento e dei disciplinari di filiera. 2. Le Camere di Commercio e i Soggetti Convenzionati verificano, ciascuno per quanto di sua competenza, alla ricezione della richiesta di accreditamento, che: a. quanto dichiarato dall'operatore relativamente all'iscrizione nel Registro delle Imprese, corrisponda a quanto contenuto negli archivi camerali; b. quanto dichiarato dagli operatori che svolgono attività di gestione dei rifiuti, relativamente agli estremi delle autorizzazioni o comunicazioni, abbia riscontro nella documentazione presentata in sede di accreditamento, in particolare relativamente alle autorizzazioni concesse da Regione o Provincia e alle comunicazioni inviate alla Provincia per il recupero in forma agevolata come previsto dagli articoli 31 e 33 del D.Lgs. 22/ A seguito di tale verifica, le Camere di Commercio e i Soggetti Convenzionati, ciascuno per quanto di sua competenza, provvedono ad accreditare l'operatore: a conferma dell'accreditamento l'operatore ammesso alle negoziazioni riceve apposito codice utente, formato da user id e password o altre modalità di identificazione personale. Il codice utente è strettamente personale e non può essere rivelato o ceduto a terzi. Qualsiasi operazione compiuta con l'utilizzo di detto codice sarà comunque imputata all'operatore a cui lo stesso è stato assegnato. Al fine di favorire la sicurezza e la riservatezza degli scambi saranno utilizzate tecniche di firma digitale e l'utilizzo delle relative smart card. Articolo 10- Procedure di rifiuto, revoca e recesso dell'accreditamento 1. Qualora le Camere di Commercio o i Soggetti Convenzionati rilevino che le domande di accreditamento degli operatori sono incomplete, non veritiere o non corrette, potranno sospende la procedura di accreditamento e richiedere un supplemento di informazioni; qualora l'operatore non soddisfi la richiesta, le Camere di Commercio o i Soggetti Convenzionati potranno respingere la richiesta di accreditamento. 2. L'operatore è tenuto comunicare tempestivamente ogni modifica intervenuta nei dati precedentemente trasmessi. In caso di perdita dei requisiti dichiarati, le Camere di Commercio o i Soggetti Convenzionati possono sospendere l'operatore, richiedendo a quest'ultimo di fornire entro un periodo di tempo determinato, la documentazione idonea a regolarizzare l'accreditamento. In mancanza di presentazione di tale documentazione si provvederà alla revoca.

4 3. Il Comitato di Borsa in presenza di una violazione da parte dell'operatore delle disposizioni del presente regolamento o dei disciplinari di filiera, potrà revocare, previa comunicazione, l'accreditamento. 4. L'operatore accreditato può richiedere in qualsiasi momento di recedere dall'utilizzo dei servizi della Borsa Telematica del Recupero previo invio di comunicazione via posta elettronica all'indirizzo Con effetto immediato tutte le proposte inserite nel sistema e le opzioni fatte e/o ricevute dall'operatore verranno annullate. 5. Tutti gli scambi di informazioni tra le Camere di Commercio, i Soggetti convenzionati e gli operatori accreditati, avvengono per posta elettronica, all'indirizzo che il soggetto indicherà al momento dell'accreditamento. Articolo 11 - Obblighi del gestore della piattaforma telematica 1. Le Camere di Commercio e / o i Soggetti convenzionati utilizzeranno un'unica piattaforma telematica, gestita da Ecocerved s.r.l., società per l'ambiente delle Camere di Commercio (di seguito Gestore operativo) che si impegna a garantire: a. la costante manutenzione del servizio e delle sue funzionalità; b. la gestione della Banca Dati della Borsa Telematica del Recupero; c. il rilascio agli operatori delle chiavi univoche di accesso al sistema, consentendone l'utilizzo ai soli utenti accreditati; d. l'offerta agli operatori di servizi di assistenza e di servizi collaterali; e. la sicurezza del servizio e l'integrità e la riservatezza dei dati contenuti nella Borsa Telematica del Recupero; f. l'adeguamento del servizio alle indicazioni espresse dal Comitato di Borsa; Articolo 12- Procedure di accesso all'area scambi 1. L'area scambi sarà riservata ai soli utenti accreditati; ogni operatore potrà effettuare le sole operazioni consentite in base ai requisiti dichiarati in sede di procedura di accreditamento. 2. Ogni operatore accreditato potrà accedere a tutte le informazioni relative alle inserzioni di acquisto e vendita di beni e servizi, nonché alle opzioni esercitate e agli scambi conclusi, tranne a quelle relative ai dati anagrafici degli inserzionisti. Le operazioni da lui eseguite verranno riepilogate in una Cartella Personale. 3. La compilazione e l'inserimento nel sistema delle inserzioni di domanda o offerta di beni e servizi saranno possibili unicamente compilando l'apposito modulo telematico. 4. Le inserzioni devono contenere informazioni esaustive e rispondenti alla realtà in merito alle caratteristiche quali-quantitative dei beni e dei servizi richiesti o offerti. Non verranno accettate inserzioni prive dei dati che nel modulo telematico sono indicati come obbligatori. 5. Le Camere di Commercio e i Soggetti Convenzionati si riservano il diritto di cancellare inserzioni che contengono elementi qualitativi, quantitativi o economici giudicati eccessivi e sproporzionati rispetto al bene/servizio offerto/richiesto e di richiedere agli utenti di specificare meglio le informazioni relative ad essi, qualora le reputino non sufficienti. Articolo 13 - Operazioni di negoziazione 1. L'operatore accreditato, accedendo alla piattaforma telematica della Borsa Telematica del Recupero può: a. Inserire una domanda/offerta di materiali/servizi che verrà incrociata automaticamente con le migliori domande/offerte di materiali/ servizi presenti nel mercato telematico b. Consultare liberamente le inserzioni 2. Tramite le funzioni della piattaforma telematica, l'operatore accreditato interessato ad avviare una trattativa su un materiale/servizio domandato/offerto inserisce un'opzione, specificando la quantità, il prezzo, la durata ed ogni altra informazione necessaria a dettagliarla all'avvio della trattativa. Sino al

5 momento dell'effettuazione dell'opzione le inserzioni sono coperte da anonimato. All'avvio della trattativa ad entrambe le parti (opzionante/i e inserzionista), vengono comunicati i reciproci dati anagrafici d'azienda 3. Ai fini di proseguire la negoziazione, l'inserzionista e l'opzionante/i possono accedere ad un'area riservata (banco virtuale) all'interno della quale contrattare e scambiare ulteriori informazioni fino al formarsi dell'accordo. 4. La conclusione dello scambio è sancita dalla formulazione e dall'esplicita accettazione da parte di entrambi gli utenti di una proposta definitiva, che riprenda tutti gli elementi della negoziazione. 5. L'utente si impegna a comunicare tempestivamente al Gestore Operativo della Borsa Telematica del Recupero la cessata disponibilità. 6. L'utente può procedere alla cancellazione anticipata dell'inserzione ed immetterne una nuova; in ogni caso le inserzioni e le opzioni immesse nella Borsa Telematica del Recupero a cui non si sia registrato riscontro trascorsa la durata indicata al momento dell'inserzione stessa, verranno automaticamente cancellate dal sistema. Articolo 14 - Prezzo di riferimento 1. In caso di conclusione dello scambio nell'ambito della Borsa Telematica del recupero, secondo le modalità di cui al comma 4 del precedente articolo 13, i dati della transazione, utilizzati in forma anonima, concorreranno a determinare sia il presso medio di riferimento del bene negoziato che l'indice generale dell'andamento della Borsa; il prezzo medio e l'indice generale verranno costantemente aggiornati, a seguito di ogni transazione conclusa dagli utenti. 2. Successivamente alla conclusione telematica della negoziazione ogni operatore è tenuto a dichiarare l'esito finale della transazione, comunicando via telematica il prezzo e la quantità effettivamente scambiate. Tali informazioni verranno utilizzate in forma anonima per le attività di coordinamento e di vigilanza del Comitato di Borsa. Articolo 15 - Servizi Integrativi 1. Al fine di potenziare l'offerta di servizi collaterali che promuovano la trasparenza del mercato, la negoziazione dei materiali di riciclo e la circolazione dell'informazione l'unioncamere, su indicazione del Comitato di Borsa, sentite le Camere di Commercio, può siglare accordi con altri soggetti che eroghino servizi nel settore (di seguito terzi). 2. L'Unioncamere, pur esercitando la dovuta diligenza nella scelta dei terzi di cui al punto precedente, non assume responsabilità alcuna delle condizioni, della qualità e delle modalità di erogazione dei servizi forniti da questi nell'ambito della Borsa Telematica del recupero. Articolo 16 - Limitazione di responsabilità 1. La Borsa Telematica del Recupero è un servizio che le Camere di Commercio offrono agli operatori, che lo utilizzano sotto la propria esclusiva responsabilità. 2. Le Camere di Commercio ed il Gestore Operativo si impegnano a garantire il buon funzionamento della piattaforma telematica e la completezza delle informazioni trasmesse in sede di accreditamento dagli operatori relativamente ai dati anagrafici e al possesso dei requisiti richiesti. 3. Gli Organi della Borsa, i Soggetti convenzionati e il Gestore Operativo non svolgono attività di intermediazione e non possono essere ritenuti responsabili di alcun danno, sia esso diretto o indiretto, né di un mancato profitto subito dall'utente o da terzi in relazione all'utilizzo o al mancato utilizzo della Borsa Telematica del Recupero e dei servizi in esso contenuti. Gli organi della Borsa, i Soggetti convenzionati e il Gestore Operativo sono inoltre esonerati da qualsiasi responsabilità e obbligo che possa originarsi a loro carico in relazione alla correttezza dei dati inseriti dagli utenti nella Borsa Telematica del Recupero né possono essere chiamati a garantire la qualità dei beni e servizi domandati ed offerti, la veridicità delle informazioni inerenti alle inserzioni, l'affidabilità e la solvibilità degli operatori.

6 4. Gli Organi della Borsa, i Soggetti convenzionati e il Gestore Operativo non possono garantire l'esito positivo delle trattative e degli scambi avviati tramite il servizio della Borsa Telematica del Recupero né sono in alcun modo responsabili per difficoltà o impossibilità di accesso alla Borsa del recupero relative a problemi di connessione remota alla rete Internet o per i danni di qualsiasi specie e natura, derivanti dall'utilizzo della Borsa Telematica. Articolo 17 - Obblighi per gli operatori 1. Gli utenti, all'atto della domanda di accreditamento si impegnano a rispettare il presente Regolamento ed eventuali disciplinari redatti dalle Consulte di Filiera; il mancato rispetto di tali condizioni potrà essere causa di esclusione dall'utilizzo della Borsa Telematica del recupero. 2. Gli utenti si impegnano inoltre a mantenere una condotta improntata ai principi di correttezza, diligenza e professionalità nei rapporti con le controparti di mercato e in fase di trattativa; a non inserire nella Borsa Telematica del Recupero informazioni false o ingannevoli; ed al pagamento delle quote stabilite per l'accesso ai servizi. 3. Gli operatori si impegnano a tenere indenni gli Organi di Borsa, i Soggetti Convenzionati ed il Gestore Operativo da qualsiasi responsabilità, perdita, reclamo danno o onere rivendicati da terzi in base ad operazioni svolte dall'operatore tramite la Borsa Telematica del Recupero. 4. Gli operatori si impegnano a non divulgare o vendere, in modo parziale o totale, le informazioni contenute nella Borsa Telematica del Recupero per fini o scopi diversi da quelli della Borsa stessa; gli utenti si impegnano altresì a non porre a disposizione di altri l'accesso alla Borsa Telematica del Recupero e a non riprodurne il contenuti senza l'autorizzazione scritta dell'ente Gestore. Articolo 18 - Trattamento dei dati personali 1. Gli organi di Borsa, i Soggetti convenzionati ed il Gestore Operativo si impegnano a trattare con riservatezza i dati personali trasmessi dagli utenti della Borsa Telematica del recupero, a non rivelarli a persone non autorizzate, nè ad usarli per scopi diversi da quelli convenuti. 2. Per trattamento dei dati personali si intende la loro raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione e distruzione ovvero la combinazione di due o più di tali operazioni. Le modalità di trattamento dei dati personali dell'utente possono prevedere l'utilizzo di strumenti automatici idonei a collegare i dati stessi anche a dati di altri soggetti, in base a criteri qualitativi, quantitativi o temporali, ricorrenti o definibili di volta in volta. 3. Gli organi di Borsa, i Soggetti convenzionati ed il Gestore Operativo si riservano la facoltà di trasmettere i suddetti dati ai terzi incaricati di prestare servizi di cui al presente regolamento, ovvero ai soggetti da questi delegati, I dati verranno diffusi esclusivamente nei limiti di quanto necessario ai fini della prestazione dei servizi, previa conclusione tra gli organi di Borsa, i Soggetti convenzionati ed il Gestore Operativo ed i terzi incaricati della prestazione del servizio di un impegno di riservatezza. L'Utente prende atto ed accetta l'esistenza del log che sarà tenuto nella massima riservatezza e potrà essere esibito solo all'autorità giudiziaria o ad altri soggetti per legge autorizzati. L'utente gode dei diritti di cui agli articoli 10 e 13 della legge 675/1996 e successive modifiche del cui contenuto da atto di aver preso conoscenza e attenta visione. 4. Il titolare e responsabile della raccolta e del trattamento dei dati personali è Ecocerved srl. Articolo 19 - Modifiche Regolamentari 1. In caso di modifiche del presente Regolamento Generale e/o emanazione o modifica dei disciplinari di filiera, il nuovo testo, che sarà immediatamente efficace, verrà pubblicato nel sito della Borsa: tutti gli operatori accreditati verranno avvertiti. E' fatta salva la facoltà dell'operatore di recedere dal servizio entro e non oltre 20 giorni dalla pubblicazione del nuovo regolamento. Decorso tale periodo di tempo lo stesso si intenderà accettato. Articolo 20 - Controversie

7 1. Tutte le controversie che dovessero insorgere circa il presente Regolamento ed i disciplinari di filiera, comprese quelle relative alla loro validità, esecuzione e/o risoluzione saranno sottoposte alla procedura di conciliazione secondo il regolamento stabilito dalla Camera di Commercio di Roma 2. Le parti in caso di insuccesso del tentativo di conciliazione, di cui al punto precedente, si impegnano ad esperire una procedura arbitrale irrituale, seguendo le regole fissate dalla suddetta Camera di Commercio.

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI GetYourHero S.L., con sede legale in Calle Aragón 264, 5-1, 08007 Barcellona, Spagna, numero di identificazione fiscale ES-B66356767, rappresentata

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

a. Destinatario dei percorsi formativi on line sono gli operatori della sanità che potranno accedere ai contenuti previa registrazione

a. Destinatario dei percorsi formativi on line sono gli operatori della sanità che potranno accedere ai contenuti previa registrazione CONDIZIONI D'USO 1. Accesso al sito L'accesso al sito www.stilema-ecm.it è soggetto alla normativa vigente, con riferimento al diritto d'autore ed alle condizioni di seguito indicate quali patti contrattuali.

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

Proposta di adesione al servizio Telemaco per l accesso alla consultazione ed alla trasmissione di pratiche

Proposta di adesione al servizio Telemaco per l accesso alla consultazione ed alla trasmissione di pratiche Proposta di adesione al servizio Telemaco per l accesso alla consultazione ed alla trasmissione di pratiche Il/la sottoscritto/a Cognome e Nome Codice Fiscale Partita IVA Data di nascita Comune di nascita

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO Tra Agritel S.r.l. con sede in Via XXIV maggio 43 00187 Roma, Registro Imprese di Roma n. 05622491008, REA di Roma n. 908522 e Cognome Nome: (Rappresentante legale nel

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia.

TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia. TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia.it Firenze,.18. (?D.-l ~ AI SIGG.RI PRESIDENTIDEGLI ORDINI

Dettagli

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni Note legali Termini e condizioni di utilizzo Accettazione dei Termini e Condizioni L'accettazione puntuale dei termini, delle condizioni e delle avvertenze contenute in questo sito Web e negli altri siti

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

GUIDA PRATICA. La trasmissione degli esposti alla COVIP. Cosa c'è in questa guida. www.covip.it

GUIDA PRATICA. La trasmissione degli esposti alla COVIP. Cosa c'è in questa guida. www.covip.it GUIDA PRATICA La trasmissione degli esposti alla COVIP Cosa c'è in questa guida Le domande di base Cosa fare prima di inviare un esposto Come si prepara un esposto Come la COVIP esamina gli esposti Memo

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Indice TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Principi Generali Art. 2 Oggetto del Regolamento Art. 3 Diritto di informazione

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

CONTRATTO PER LA LICENZA D USO DEL SOFTWARE GESTIONE AFFITTI

CONTRATTO PER LA LICENZA D USO DEL SOFTWARE GESTIONE AFFITTI CONTRATTO PER LA LICENZA D USO DEL SOFTWARE GESTIONE AFFITTI IMPORTANTE: il presente documento è un contratto ("CONTRATTO") tra l'utente (persona fisica o giuridica) e DATOS DI Marin de la Cruz Rafael

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 -

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Versione 10/04/15 SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Rifiuti dei Beni a base di Polietilene, Piazza di S. Chiara, 49 00186 ROMA) e (facoltativamente) anticipata mezzo fax Il richiedente... In persona del

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

Oggetto: Informativa ai sensi e per gli effetti dell articolo 13 del D. Lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 relativo alla protezione dei dati personali

Oggetto: Informativa ai sensi e per gli effetti dell articolo 13 del D. Lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 relativo alla protezione dei dati personali DATAMATIC S.p.A DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI Allegato 5 - Informativa Clienti e Fornitori Oggetto: Informativa ai sensi e per gli effetti dell articolo 13 del D. Lgs. n. 196 del 30

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB Art. 1 (Finalità) Il Sito Web del Consorzio è concepito e utilizzato quale strumento istituzionale

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE. tra. Compagnia Aerea Italiana S.p.A. Premesso che

REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE. tra. Compagnia Aerea Italiana S.p.A. Premesso che REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE tra Associazione dei Consumatori firmatarie Verbale d'intesa Alitalia - e Compagnia Aerea Italiana S.p.A. Premesso che Alitalia - Compagnia Aerea Italiana SpA (nel prosieguo,

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Sezione A1) da compilare in caso di società, ente anche pubblico, fondazione, trust:

Sezione A1) da compilare in caso di società, ente anche pubblico, fondazione, trust: DICHIARAZIONE AI SENSI E PER GLI EFFETTI DEL D. LGS. N. 231 DEL 21 NOVEMBRE 2007 IN TEMA DI ANTIRICICLAGGIO MODULO DI IDENTIFICAZIONE E DI ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (AI SENSI DEGLI ARTT. 18 E 19

Dettagli

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE Guida d uso per la registrazione e l accesso Ver 3.0 del 22/11/2013 Pag. 1 di 16 Sommario 1. Registrazione sul portale GSE... 3 2. Accesso al Portale... 8 2.1 Accesso alle

Dettagli

Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003. Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003

Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003. Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003 Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003 Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003 Vi informiamo che l art. 7 del d.lgs.196/03 conferisce agli interessati l esercizio

Dettagli

MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI

MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI (Da inviare ad Arca SGR S.p.A. in originale, per posta, unitamente a copia dei documenti di identità dell Iscritto e dei beneficiari) Spett.le ARCA SGR S.p.A.

Dettagli

BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE

BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE Servizio Politiche Giovanili Sociali e Sportive. Politiche di Genere Approvato con Delibera di G.P: n 39/2015 del 19/03/2015 BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE Allegato A) Il progetto Educare alle differenze-

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

CASSETTE DI SICUREZZA, DEPOSITI CHIUSI, CUSTODIA PELLICCE INFORMAZIONI SULLA BANCA

CASSETTE DI SICUREZZA, DEPOSITI CHIUSI, CUSTODIA PELLICCE INFORMAZIONI SULLA BANCA Conforme alle disposizioni di vigilanza sulla trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari e degli artt. 115 e segg. T.U.B aggiornamento 21-apr-2015 CASSETTE DI SICUREZZA, DEPOSITI CHIUSI,

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI PECETTO TORINESE CAP 10020 - PROVINCIA DI TORINO Sede Municipale di via Umberto I n.3 Tel. 0118609218/9- Fax 0118609073 e mail:info@comune.pecetto.to.it Partita IVA 02085860019 - C.F. 90002610013

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. Condizioni di utilizzo aggiuntive di Acrobat.com Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. SERVIZI ONLINE ADOBE RESI DISPONIBILI SU

Dettagli

Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici

Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici Art. 1 Oggetto Il presente modulo di assunzione di responsabilità (di seguito

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

Linee guida invio pratica telematica sportello cerc - anno 2013

Linee guida invio pratica telematica sportello cerc - anno 2013 LINEE GUIDA INVIO PRATICA TELEMATICA SPORTELLO CERC - ANNO 2013 1 INDICE 1. FASE PRELIMINARE pag.3 2. PREDISPOSIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE pag.4 3. INVIO DELLA DOMANDA DI CONTRIBUTO pag.4 4. CREA MODELLO

Dettagli

PREMESSA. La GIUNTA della Camera di Commercio di Brescia

PREMESSA. La GIUNTA della Camera di Commercio di Brescia DISCIPLINARE TECNICO E AMMINISTRATIVO VERIFICAZIONE PERIODICA DI ESECUZIONE DELLA PREMESSA L art. 11 del T.U. delle leggi sui pesi e sulle misure, approvato con R. D. 23 agosto 1890 n. 7088, stabilisce

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Comune di Sanluri Provincia del Medio Campidano Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 66 del 26.11.2004. Sommario Art.

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli