Percorsi di inserimento Lavorativo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Percorsi di inserimento Lavorativo"

Transcript

1 Percorsi di inserimento Lavorativo A.S.S. n 1 Triestina Dipartimento di Salute Mentale Ufficio per la Formazione e l Inserimento Lavorativo 1

2 L esistente non è natura immodificabile Franco Basaglia

3 LA BORSA DI FORMAZIONE AL LAVORO La borsa di formazione al lavoro è un assegno in denaro, erogato dall ASS (Azienda Servizi Sanitari) n 1 Triestina nell ambito delle specifiche attività previste dalla legge regionale 72 del 1980, a favore di utenti del Dipartimento di Salute Mentale (DSM) in situazione di disoccupazione e non professionalità che necessitano di un percorso di formazione e reinserimento lavorativo. La borsa di formazione al lavoro è risorsa operativa del Centro di Salute Mentale (CSM), strumento terapeutico-riabilitativo il cui obiettivo è l emancipazione e l integrazione sociale della persona, il consolidamento di un identità e di un ruolo non più legato alla malattia. Il lavoro oltre a fornire un reddito, appare oggi fattore determinante nella costruzione di una identità socialmente scambiabile, nell acquisizione di autonomia, è luogo di rafforzamento di fiducia e rispetto di sé, di scambi e relazioni, di apprendimento, di valorizzazione, di crescita personale e professionale. Se il lavoro è diventato chiave di accesso di diritti e chiave di strutturazione dell esistenza umana e sociale (Rotelli), l intervento riabilitativo nella salute mentale deve porsi la questione dell esclusione dal mercato di quote di popolazione sempre maggiori. LA RIABILITAZIONE COME ACCESSO AI DIRITTI DI CITTADINANZADI CITTADINANZA La legge di riforma psichiatrica, L 180/78, ha sancito l entrata nel mondo dei diritti delle persone con sofferenza psichica, ma la questione tuttora aperta nelle pratiche di salute mentale è come trasformare il diritto da formale a sostanziale, quindi come favorire la costruzione materiale dei diritti di cittadinanza per le persone con problemi di salute mentale, come orientare verso queste risorse economiche, umane e culturali. Dopo la libertà da..., dal manicomio e da ogni forma di internamento, si tratta di costruire la libertà di..., abitare, stare nelcommercio sociale, intraprendere, possedere..., perché ove la lotta contro il manicomio non si accompagna ad un impegno per le risorse, si corre il rischio che, permanendo alcuni in una situazione di esclusione sociale, di non accesso ai diritti di cittadinanza, venga riproposta la necessità del ritorno alla reclusione e all internamento. (Rotelli) La formazione alle abilità e competenze per l indipendenza nella vita quotidiana e di relazione, l accesso al minimo di cultura e di istruzione oggi richiesto, la preformazione e la formazione professionale, l inserimento nel 3

4 mondo produttivo devono essere quindi terreno attivo di impegno per gli/le operatori/trici della salute mentale. Impegno che si rivolge ad una vasta popolazione di uomini e donne con differenti storie di sofferenza, di istituzionalizzazione, differenti gradi di disabilità, rete sociale, familiare... che o non hanno mai avuto accesso a tali diritti o che li hanno persi a causa della loro storia di malattia. Giovani che per la prima volta si accostano al servizio di salute mentale avendo già vissuto una serie di insuccessi e di espulsioni, che fanno fatica a reggere le regole diffuse ed i ritmi stabiliti; adulti, con molti anni di storia di malattia che hanno sperimentato fenomeni di deriva sociale con perdita di reti sociofamiliare e necessitano di impegno abilitativo costante ed individualizzato; donne che non riescono più a stare nei limiti rigidi di un ruolo imposto o che necessitano di emanciparsi da una condizione violenta di dipendenza e non autonomia; lavoratori e lavoratici espulsi dal ciclo produttivo che ammalano privati di ruolo attivo sociale; stranieri costretti a lasciare il loro paese a causa della miseria e delle guerre. Per tutti è indispensabile attivare più che assistere, confrontarsi con le abilità, pure residue, più che con le disabilità, essere operatori/trici della mediazione e facilitazione più che della tutela e della invalidazione, uscire da un rapporto terapeutico duale per immettere continuamente il terzo, agire attraverso la mediazione di oggetto, sola garanzia di emancipazione e di rottura di dipendenze, mettere in connessione persone e mondi di norma separati, ricercare qualità e qualificazione. DALL ERGOTERAPIA ALL IMPRESA SOCIALE Nella psichiatria manicomiale il lavoro è sempre stato questione primaria. Il lavoro per correggere, per vincere i vizi e l ozio, per passare il tempo, per fiaccare, per punire; il lavoro come terapia per continuare a tenere vitale l istituzione riducendone i costi, come strumento di divisione tra gli/ le internati/e, come premio per chi sta nelle regole, come controllo. Il lavoro in manicomio è norma morale, sfruttamento, intrattenimento (Saraceno), in cambio di piccoli vantaggi, mezzo pacchetto di sigarette, la possibilità di uscire o di riposare nel proprio letto. Nel lavoro di deistituzionalizzazione in Italia, nello smontaggio del manicomio e degli apparati scientifici e legislativi che lo sottendevano, la costruzione del diritto al lavoro, la costituzione di cooperative di exinternati e internate sono state tappe fondamentali per l entrata nel contratto sociale delle persone con malattia mentale. 4

5 A Trieste la prima cooperativa di lavoro, costituita nel 1972, sanciva la fine dell ergoterapia affermando il diritto al lavoro. La cooperativa prendeva in appalto i lavori di pulizia, trasporto, dispensa, mensa, lavanderia nell ospedale psichiatrico, già eseguiti dai/lle pazienti in nome della cura. L essere socio o socia della cooperativa permetteva a molti di uscire dal manicomio e di vivere una vita autonoma nella città. Nelle diverse fasi della deistituzionalizzazione a Trieste, dalla chiusura definitiva del manicomio alla costruzione nel territorio dei Centri di Salute Mentale aperti sulle 24 ore, si è determinata una riconversione delle risorse economiche ed umane da logiche riparativo-assistenziali verso logiche di attivazione, responsabilizzazione, promozione. Negli anni 80, spostatosi l asse dell intervento nel territorio, la questione del diritto al lavoro è ritornata ad essere pressante nella pratica dei servizi. Il lavoro per gli ex-internati/e e dimessi, ma tanto più per i giovani, gli uomini e le donne che arrivavano ai servizi territoriali, lavoro come reddito ed autoafermazione, possibilità di scambio e di rete, diminuzione dello stigma legato allamalattia, rottura delle separatezze ed immissione nella normalità della conflittualità del diverso/a, prima negata o nascosta. Nel 1983, la Direzione del Dipartimento di Salute Mentale riconvertiva una parte del budget dei sussidi, sostegno economico per le persone prive del minimo reddito vitale, in assegni per la formazione al lavoro, che furono attivati in particolare per i/le giovani utenti disoccupati/e e privi di reddito, contro ogni logica assistenzialistico-caritativa, ma giocando la sfida dell intrapresa e della riproduzione sociale. La formazione si svolgeva in luoghi di lavoro non in ambiti separati. I primi inserimenti attraverso le borse di formazione al lavoro, avveniva nelle fabbriche, nell organizzazione produttiva data. Ma presto si abbandonava tale pratica a partire dalla verifica del fallimento di tali inserimenti per l incapacità dell organizzazione a modificarsi, a volte neppure a tollerare l altro/a con sofferenza e dalla verifica della marginalizzazione degli utenti in lavori dequalificati e privi di scambi. Nel 1985 si costituivano così nuove cooperative di lavoro con operatori/ trici che accettavano di uscire dai Centri di Salute Mentale per sperimentarsi nella ri-abilitazione attraverso il mercato, cooperative dove si aggruppavano borsisti/e, soci lavoratori/trici provenienti dai servizi e giovani della città che chiedevano spazi di espressione, di autorealizzazione, di protagonismo, di autonomia. La forma lavoro cooperativa appare quella che meglio sembra rispondere alle esigenze espresse dalle persone-con-sofferenza, ma anche da molti giovani che fanno fatica a stare nel rapporto di lavoro dipendente. 5

6 Nel 1991 la legge nazionale 381 va a normare queste esperienze definendo le finalità delle cooperative sociali nel perseguire l interesse generale della comunità alla promozione umana e all integrazione sociale dei cittadini. A Trieste il valore della cooperativa sociale si riconosce nella sua organizzazione elastica, modificabile, nell essere insieme di attività diversificate e di piccole dimensioni attraverso le quali persone possono transitare in un continuo di cui tutti sono partecipi e consapevoli. L attenzione viene posta sulla trasversalità di informazioni e di discussione, sulla compartecipazione e corresponsabilizzazione, sulla ricchezza della convivenza delle differenze, sulla qualità. L accento e la tensione posta sulla qualità non è solamente scelta obbligata per ragioni economiche, -operare attraverso piccole unità produttive implica che ci si collochi in un mercato qualitativo, ma la qualità del prodotto si riverbera sulla qualità del contesto di lavoro, delle relazioni, dell ambiente, dei modi e dei contenuti del lavoro. Le cooperative sono organizzate come luogo di lavoro, ma anche di formazione professionale, di costruzione di identità, di capacità di relazione e di espressione, di responsabilizzazione. A partire da tutto questo le cooperative riescono a svolgere nella comunità, accanto ai servizi, una importante funzione di modifica dell immagine e della rappresentazione del malato di mente. Nello sviluppo delle pratiche abilitative dei Centri di Salute Mentale e delle cooperative sociali da alcuni anni si è formulato il concetto di impresa sociale come l insieme di pratiche che rompono la separatezza tra il mondo della produzione e quello della riproduzione, che valorizzano le risorse umane, mobilizando le energie, forse residuali, determinano il passaggio da un mondo di assistenza sociale inefficace e distruttivo, al mondo di intrapresa sociale (Rotelli). L impresa sociale è eminentemente una filosofia, un lavoro progettuale di attivazione di risorse, di sinergie, di intelligenze, di trasformazione culturale, di connessione tra mondi di norma separati: l intreccio tra mondo della produzione e della riproduzione, tra assistenza e mercato ci pare essere una questione di fondo, il nuovo terreno di sfida nelle pratiche della riabilitazione come nelle politiche sociali. Dell impresa sociale, le cooperative sociali non rappresentano né l unica espressione, né la totalità dell esperienza, ma sono certamente uno dei terreni privilegiati attraverso cui l impresa sociale si può articolare. Il servizio pubblico è parte rilevante dell impresa sociale, a condizione che si deistituzionalizzi, che esca dal paradigma medico o psicologico per farsi 6

7 luogo di riproduzione ed emancipazione dei soggetti. Diventi luogo di presa in carico e di cura dei soggetti nella loro complessità, luogo di produzione di opportunità, relazioni, scambi che, valorizzando la mediazione d oggetto, rimetta i soggetti nella dinamica sociale per l esercizio dei diritti di cittadinanza. Ufficio per la formazione e l inserimento lavorativo Ad aprile 96 si costituisce nel DSM l Ufficio per la formazione e l inserimento al lavoro come necessità degli/lle operatori/trici di reinvestire attenzione e progettualità sulle questioni della formazione ed inserimento al lavoro, anche in relazione ad una realtà economica e di mercato in profonda trasformazione e di fronte al consolidamento delle cooperative sociali diventate soggetti imprenditoriali autonomi. L Ufficio è formato dalla responsabile del Servizio Abilitazione e Residenze, da una psicologa ed una assistente sociale dello stesso e da due operatori, delegati per ogni Unità Operativa-Centro di Salute Mentale dal/la responsabile, referenti per le questioni legate alla formazione ed all inserimento lavorativo. L Ufficio è momento di coordinamento fra le Unità Operative del DSM, luogo di riflessione ed analisi per la ricerca di strategie tese a favorire sempre più opportunità e percorsi emancipativi, luogo di valutazione della qualità dei percorsi formativi, di monitoraggio dell andamento delle borse di lavoro. L Ufficio ha, inoltre, compiti di coordinamento tra le cooperative finalizzate ed il Dipartimento. Il lavoro dell Ufficio ha determinato un riordino ed un aumento delle borse di formazione al lavoro, un incremento ed una diversificazione dei luoghi della formazione onde rispondere meglio ai bisogni dell utenza, uscendo così dal rischio della omologazione e della ripetitività della risposta. Va sottolineato l inserimento, negli ultimi due anni, di borsisti/e in aziende della città, qualificate e di piccole dimensioni in cui si incontra la disponibilità e voglia a confrontarsi con la diversità/disagio. Tale esperienza, testimonianza della costruzione di reti e dell ampliamento degli spazi di normalità per le persone con problemi di salute mentale, necessita di essere monitorata e valutata con attenzione nel tempo. 7

8 Da aprile 1998 l Ufficio per la formazione e l inserimento lavorativo ha attivato un tavolo di confronto con le cooperative sociali di tipo B della Provincia di Trieste con l obiettivo di: a) intensificare il confronto fra i Servizi di Salute Mentale e le cooperative ponendo fine ad un rapporto preferenziale nei confronti delle cooperative sorte nell ambito del DSM; b) favorire scambi e confronto sulle pratiche e metodologie della formazione ed inserimento lavorativo delle persone svantaggiate; c) contribuire allo sviluppo ed la qualificazione della cooperazione sociale favorendo la stipula di protocolli d intesa con gli Enti Pubblici per l uscita da una marginalità di mercato; d) promuovere pratiche di economia solidale contro l esclusione sociale. Progetti sperimentali di inserimento lavorativo Giugno-dicembre 2004 A partire da una serie di incontri realizzati con le cooperative sociali di tipo B convenzionate con l A.S.S. n1 Triestina realizzate nel primo semestre del 2004 si sono evidenziate come elemento comune di riflessione nell approccio alla questione dell inserimento lavorativo le difficoltà legate a coniugare efficacemente la necessità di collocarsi adeguatamente in un mercato caratterizzato da appalti, scadenze, flessibilità e le richieste provenienti dai Servizi di inserire al lavoro persone in situazioni di marcato disagio e forte disabilità. Nella convinzione che il lavoro rappresenti una delle dimensioni imprescindibili nell ottica dell accesso ai diritti e nell ottica della costruzione di un ruolo sociale capace di incentivare autonomie e percorsi di protagonismo su proposta del Servizio Abilitazione e Residenze e con delibera n. 311 dd dell A.S.S. n.1 Triestina si è stanziato un budget di ,00 Euro finalizzati a riconoscere economicamente ed in via sperimentale il compito formativo affidato alle cooperative sociali al momento dell inserimento in un percorso di avvio all esperienza lavorativa di persone che per la loro storia e per la loro condizione di disagio presentano una situazione di impoverimento o una storia di fallimenti tali da rendere difficile un inserimento anche attraverso l abituale strumento della borsa di formazione al lavoro. Si è pensato quindi ad uno strumento capace di rispondere alle bisogno di un maggior affiancamento individualizzato sostenendo la cooperativa sociale deputata all intervento in termini di tipo economico con un riconoscimento dell impegno orario destinato all attività di formazione. 8

9 PRINCIPI CHIAVE DELLA FORMAZIONE AL LAVORO a) Coincidenza fra il luogo della formazione ed il luogo di lavoro: la formazione deve avvenire in una realtà produttiva, collocata all interno del mercato e delle possibilità reali di occupazione; non deve essere solo formazione ad una mansione, ma formazione anche alla conoscenza dell organizzazione dell impresa e del lavoro. È necessario prevedere un aggiornamento e una formazione permanente a partire dalle richieste dell utenza e dalla necessità di sempre maggiore qualificazione poste dal mercato. b) Qualificazione delle attività lavorative e del luogo della formazione: la formazione deve essere qualificata, allorché riferita ad attività/mansioni semplici. Attenzione deve essere posta al luogo della formazione, luogo che deve essere il più possibile visibile e riconosciuto. c)gruppi di piccole dimensioni: nella formazione al lavoro va privilegiato il piccolo gruppo che favorisce la conoscenza reciproca, l instaurarsi di rapporti e relazioni con i colleghi, il senso di appartenenza. d) Referente della formazione: in ogni luogo della formazione deve essere definito un/una referente responsabile della formazione a cui il/la borsista può far riferimento. e) Rapporto fra impresa e Centro di Salute Mentale: il/la referente della formazione nell impresa ed il/la referente dell inserimento lavorativo del CSM devono mantenere un rapporto costante, al fine di affrontare tempestivamente i problemi che possono determinarsi nel percorso formativo ed al fine di una costante verifica del percorso stesso. f) Il/la borsista non può sostituire un lavoratore, ma si affianca al lavoratore in una attività reale, a confronto con il mercato. g) La borsa di formazione al lavoro deve essere finalizzata all inserimento lavorativo. 9

10 PROCEDURE PER L ATTIVAZIONE DELLE BORSE DI FORMAZIONE AL LAVORO Per l assegnazione della borsa di formazione lavoro devono essere compilate: a) la scheda di assegnazione: va redatta dal referente del CSM di concerto con l operatore che segue la persona interessata al percorso formativo. Nella scheda, oltre ai dati socio-anagrafici vano esplicitate le motivazioni e gli obiettivi che il servizio si prefigge di raggiungere con l attivazione dello strumento; b) il contratto di formazione: è stipulato fra il/la borsista, il luogo di formazione ed il servizio. Per la stipula del contratto l operatore/trici referente programma un incontro con il datore di lavoro, durante il quale il contratto viene letto in modo da mettere a conoscenza gli interessati dei propri diritti e doveri, favorendo il protagonismo dei soggetti interessati. Il contratto prevede verifiche periodiche che vengono condotte sul posto di lavoro con il/la borsista il/la formatore/trice ed il/la referente. Il contratto ha la validità di un anno e può essere rinnovato di norma fino a tre anni. È assicurata la copertura INAIL e RCT. ORIENTAMENTO DEL BORSISTA AL PERCORSO FORMATIVO La titolarità del progetto terapeutico e di cura e la scelta della persona con cui iniziare un percorso di formazione al lavoro è compito e responsabilità del Centro di Salute Mentale. Attenzione deve essere posta nell offrire pari opportunità formative agli uomini ed alle donne ed al fatto che, pur essendo la borsa di formazione al lavoro uno degli strumenti terapeutico-riabilitativi fra i più emancipativi, non è l unica risposta alla presa in carico ed al bisogno di salute della persona. L operatore/trice del servizio, a partire dalla conoscenza e dalla storia della persona, dai sui bisogni e dalle precedenti esperienze formative e lavorative individua il luogo in cui iniziare il percorso formativo. tenendo presente le reali possibilità occupazionali offerte dal mercato. Tale scelta va verificata ed eventualmente rivisitata con il luogo di formazione a partire dal confronto fra conoscenze diverse. 10

11 I LUOGHI DELLA FORMAZIONE Nella scelta dei luoghi di formazione attenzione deve essere posta all assetto organizzativo e qualitativo dell impresa con cui iniziare il rapporto. Criteri per l inserimento nelle Cooperative Sociali a) Le cooperative sociali nel loro progetto imprenditoriale devono essere soggetti economici propositivi e di sviluppo, porre attenzione alla qualità dei servizi/prodotti offerti, allargare spazi di mercato onde evitare il rischio di essere imprese dequalificate cui limitare nicchie residuali di mercato. b) La cooperativa deve applicare il contratto di lavoro del settore in cui opera. c) La formazione deve prevedere e favorire la partecipazione del borsista alla vita della cooperativa (assemblee, riunioni di settore) al fine di promuovere una conoscenza della cooperativa e degli obiettivi che ci si prefigge. d) Qualora una cooperativa può offrire percorsi professionali diversificati all interno di diversi settori, in modo da consentire eventuali cambiamenti di settori al/alla borsista, questo è un criterio preferenziale nella scelta. Criteri per l inserimento nelle Aziende a) L azienda deve avere dimensioni medio-piccole peraltro non si devono scegliere ditte individuali ma imprese con organici di almeno 3-5 unità dipendenti. b) L impresa deve essere solida dal punto di vista economico. c) Devono essere evitate imprese ad alto rischio infortunistico. d) Non deve essere inserito più di un borsista per azienda in formazione. e) È opportuno evitare imprese iscritte di recente alla camera di commercio in quanto l organizzazione aziendale deve essere consolidata per garantire qualità e qualificazione nella formazione. 11

12 FLUSSO DELLE BORSE DI FORMAZIONE LAVORO NEL 2004 CESSAZIONI 40 DONNE UOMINI ASSUNZIONI 21 DONNE UOMINI 12 9 BORSISTI NEL DONNE UOMINI RIPRENDONO 3 DONNE 6 UOMINI LUOGHI DELLA FORMAZIONE AL LAVORO Formazione 10-6% Enti Diversi 11-7% ASSOC % Aziende 32-19% Cooperative 88-51% Dipartimento di Salute Mentale - A.S.S. N 1 Triestina Servizio Abilitazione e Residenze Ufficio per la Formazione e L'Inserimento al Lavoro 12

13 ANDAMENTO BORSE DI FORMAZIONEAL LAVORO UOMINI 2000 DONNE ANDAMENTO ASSUNTI UOMINI DONNE 13

14 LUOGHI IN CUI SONO AVVENUTE LE ASSUNZIONI 04 Aziende 4 Enti 3 Associazioni 1 Cooperative 13 Dipartimento di Salute Mentale - A.S.S. N 1 Triestina Servizio Abilitazione e Residenze Ufficio per la Formazione e L'Inserimento al Lavoro FLUSSO DEGLI ASSUNTI DAL 1999 AL 2003 Rapporti di lavoro attivi 83 (66%) donne uomini Rapporti di lavoro cessati 42 ( 34%) donne uomini Coop sociali 68 Aziende 13 Enti 1 Assoc persone Coop sociali 27 Aziende 10 Enti 1 Assoc 3 14

15 Dal regolamento del Dipartimento di Salute Mentale Approvato con Provvedimento n D. D. 28/12/1995 È compito precipuo del Dipartimento operare per rimuovere qualsiasi forma di discriminazione, stigmatizzazione, esclusione nei confronti delle persone portatrici di disagio e disturbo mentale e partecipare a promuovere attivamente i pieni diritti di cittadinanza. Art. 1 comma 2. Le cooperative sociali di cui alla legge n. 381/1991 ed alla legge regionale n. 7/1993 costituiscono risorsa operativa del Dipartimento ovvero delle Unità Operative in cui lo stesso si articola. Art. 2 comma 3. L assegno di formazione al lavoro è attivato nell ambito delle specifiche attività previste dalla legge regionale 23/12/1980 n. 72 che obbliga il DSM a promuovere situazioni occupazionali protette e non protette, corsi professionali a carattere residenziale diurno, partecipazione ad attività scolastiche e formative con particolare attenzione all inserimento in situazioni di formazione permanente, centri di riabilitazione lavorativa, cooperative finalizzate. - I beneficiari sono utenti del DSM che si trovano in una situazione di disoccupazione o di non professionalità, per i quali venga valutato opportuno e possibile un percorso di formazione professionale e un reinserimento socio- lavorativo. - L ammontare tipo dell assegno viene stabilito annualmente dal Direttore generale su proposta della Direzione del DSM. - L assegno di formazione e lavoro è incompatibile con gli altri proventi derivanti da lavoro e con l assegno di integrazione sociale, se non nella sua versione di intervento occasionale. - Gli AFL sono erogati in casi di un effettiva disponibilità di un successivo inserimento lavorativo e vanno intesi sia come sostegno economico della persona per il periodo di formazione all attività lavorativa proposta sia come incentivo nei confronti di un potenziale datore di lavoro. L erogazione dell assegno di norma non supera i tre anni. Art. 15 comma 3. 15

16 Legge 8 Novembre 1991, 381- Disciplina delle cooperative sociali Art. 1 Definizione 1. Le cooperative sociali hanno lo scopo di perseguire l interesse generale della comunità alla promozione umana e all integrazione sociale dei cittadini attraverso: a) la gestione di servizi sociosanitari ed educativi; b) lo svolgimento di attività diverse - agricole, indusatriali, commerciali e di servizi - finalizzate all inserimento lavorativo di persone svantaggiate. 2. Si applicano alle cooperative sociali, in quanto compatibili con la presente legge, le norme relative al settore in cui le cooperative stesse operano. 3. La denominazione sociale, comunque formata, deve contenere l indicazione di cooperativa sociale. Art. 2 Soci volontari 1. Oltre ai soci previsti dalla normativa vigente, gli statuti delle cooperative sociali possono prevedere la presenzadi soci volontari che prestino la loro attività gratuitamente. 2. I soci volontari sono iscritti in un apposita sezione del libro soci; il loro numero complessivo non può superare la metà del numero complessivo dei soci. 3. Ai soci volontari non si applicano i contratti collettivi e le norme di legge in materia di lavoro subordinato ed autonomo, ad eccezione delle norme in materia di assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali. Il Ministro del lavoro e della previdenza sociale, con proprio decreto, determina l importo della retribuzione da assumere a base del calcolo dei premi e delle prestazioni relative. 4. Ai soci volontari può essere corrisposto soltanto il rimborso delle spese effettivamente sopstenute e documentate sulla base di parametri stabiliti dalla cooperativa sociale per la totalità dei soci. 5. Nella gestione dei servizi di cui all articolo 1, comma 1, lettera a), da effettuarsi in applicazione dei contratti stipulati con amministrazioni pubbliche, le prestazioni dei soci volontari possono essere utilizzate in misura complementare e non sostitutiva rispetto ai parametri di impiego di operatori professionali previsti dalle disposizioni vigenti. Le prestazioni dei soci volontari non concorrono alla determinazione dei costi di servizio, fatta eccezione per gli oneri connessi all applicazione dei commi 3 e 4. 16

17 Art. 3 Obblighi e divieti 1. Alle cooperative sociali si applicano le clausole relative ai requisiti mutualistici di cui all articolo 3 del decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 14 dicembre 1947, n.1577, ratificato con modificazioni, dalla legge 2 aprile 1951, n. 302, esuccessive modificazioni. 2. Ogni modificazione statutaria diretta ad eliminare il carattere di cooperativa sociale comporta la cancella zione dalla sezione cooperazione sociale prevista dal secondo comma dell articolo 13 del citato decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 14 dicembre 1947, n.1577, come modificato dall articolo 6, comma 1, lettera c), della presente legge, nonché la cancellazione dall albo regionale di cui all articolo 9, comma 1, della presente legge. 3. Per le cooperative sociali le ispezioni ordinarie previste dall articolo 2 del citato decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 14 dicembre 1947, n.1577, debbono aver luogo almeno una volta all anno. Art. 4 Persone svantaggiate 1. Nelle cooperative che svolgono attività di cui all articolo 1, comma 1, lettera b), si considerano persone svantaggiate gli invalidi fisici, psichici e sensoriali, gli ex degenti di istituti psichiatrici, i soggetti in trattamento psichiatrico, i tossicodipendenti, gli alcolisti, i minori in età lavorativa in situazioni di difficoltà familiare, i condannati ammessi alle misure alternative alla detenzione previste dagli articoli 47, 47-bis, 47-ter e 48 della legge 26 luglio 1975, n. 354, come modificati dalla legge 10 ottobre 1986, n Si considerano inoltre persone svantaggiate i soggetti indicati con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro del lavoro e della previdenza sociale, di concerto con il Ministro della sanità, con il Ministro dell interno e con il Ministro per gli affari sociali, sentita la commissione centrale per le cooperative istituita dall articolo 18 del citato decreto legilativo del Capo provvisorio dello Stato 14 dicembre 1947, n.1577, e successive modificazioni. 2. Le persone svantaggiate di cui al comma 1 devono costituire almeno il trenta per cento dei lavoratori della cooperativa e, compatibilmente con il proprio stato soggettivo, essere socie della cooperativa stessa. La condizione di persona svantaggiata deve risultare da documentazione proveniente dalla pubblica amministrazione, fatto salvo il diritto alla riservatezza. 17

18 3. Le aliquote complessive della contribuzione per l assicurazione obbligatoria previdenziale e assistenziale dovute dalle cooperative sociali, relativamente alla retribuzione corrisposta alle persone svantaggiate di cui al presente articolo, sono ridotte a zero. Art. 5 Convenzioni 1. Gli enti pubblici possono, anche in deroga alla disciplina in materia di contratti della pubblica amministrazione, stipulare convenzioni con le cooperative che svolgono attivtà di cui all articolo 1, comma 1, lettera b), per la fornitura di beni e servizi diversi da quelli sociosanitari ed educativi, purché finalizzate a creare opportunità di lavoro per le persone svantaggiate di cui all articolo 4, comma Per la stipula delle convenzioni di cui al presente articolo, le cooperative debbono risultare iscritte all albo regionale di cui all articolo 9, comma 1. Art. 6 Modifiche al decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 14 Dicembre 1947, n Al citato decreto legislativo del del Capo provvisorio dello Stato 14 Dicembre 1947, n.1577, sono apportate le seguenti modifiche: a) all articolo 10 è aggiunto, in fine, il seguente comma: Se l ispezione riguarda cooperative sociali, una copia deve essere trasmessa, a cura del ministero del lavoro e della previdenza sociale, entro quaranta giorni dalla data del verbale stesso, alla regione nel cui territorio la cooperativa ha sede legale ; b) all articolo 11, è aggiunto in fine il seguente comma: Per le cooperative sociali i provvedimenti di cui al secondo comma sono disposti previo parere dell organo competente in materia di cooperazione della regione nel cui territorio la cooperativa ha sede legale ; c) al secondo comma dell articolo 13, è aggiunto in fine, il seguente comma: Oltre che nella sezione oper esse specificamente prevista, le cooperative sociali sono iscritte nella sezione cui direttamente afferisce l attività da esse svolta. 18

19 Art. 7 Regime tributario 1. Ai trasferimenti di beni per successione o donazione a favore delle cooperative sociali si applicano le disposizioni dell articolo 3 del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n Le cooperative sociali godono della riduzione ad un quarto delle imposte catastali ed ipotecarie, dovute in seguito alla stipula dei contratti di mutuo, di acquisto o di locazione, relativi ad immobili destinati all esercizio dell attività sociale. 3. Alla tabella A, parte II, del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n.633 e successive modificazioni è aggiunto il seguente numero: 41-bis) prestazioni a carattere sociosanitario ed educativo rese da cooperative sociali. Art. 8 Consorzi 1. Le disposizioni di cui alla presente legge si applicano ai consorzi costituiti come società cooperative aventi la base sociale formata in misura non inferiore al settanta per cento da cooperative sociali Art. 9 Normativa regionale 1. Entro un anno dala data di entrata in vigore della presente legge, le regioni emanano le norme di attuazione. A tal fine istituiscono l albo regionale delle cooperative sociali e determinano le modalità di raccordo con le attività dei servizi sociosanitari, nonché con le attività di formazione professionale e di sviluppo della occupazione. 2. Le regioni adottano convenzioni-tipo per i rapprti tra le cooperative sociali e le amministrazioni pubbliche che operano nell ambito della regione, prevedendo, in particolare, i requisiti di professionalità degli operatori e l applicazione delle norme contrattuali vigenti. 3. Le regioni emanano altresì norme volte alla promozione, al sostegno e allo sviluppo della cooperazione sociale. Gli oneri derivanti dalle misure di sostegno disposte dalle regioni sono posti a carico delle ordinarie disponibilità delle regioni medesime. 19

20 Art. 10 Partecipazione alle cooperative sociali delle persone esercenti attività di assistenza e di consulenza 1. Alle cooperative istituite ai sensi della presente legge non si applicano le disposizioni di cui alla legge 23 novembre 1939, n Art. 11 Partecipazione delle persone giuridiche 1. Possono essere ammesse come soci delle cooperative sociali persone giuridiche pubbliche o private nei cui statuti sia previsto il finanziamento e lo sviluppo di tali cooperative. Art. 12 Disciplina transitoria 1. Le cooperative sociali già costituite alla data di entrata in vigore della presente legge devono uniformarsi entro due anni da tale data alle disposizioni in essa previste. 2. Le deliberazioni di modifica per adeguare gli atti costitutivi alle norme della presente legge, possono, in deroga alle disposizioni di cui agli articoli 2365 e 2375, secondo comma, del codice civile, essere adottate con le modalità e la maggioranza dell assemblea ordinaria stabilite dall atto costitutivo. La presente legge, munita del sigillo di stato, sarà inserita nella Raccolta e negli atti normativi della Repubblica italiana. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge di stato. 20

Legge n 381 del 8 novembre 1991, Disciplina delle cooperative sociali

Legge n 381 del 8 novembre 1991, Disciplina delle cooperative sociali Legge n 381 del 8 novembre 1991, Disciplina delle cooperative sociali Art. 1 (Definizione) 1. Le cooperative sociali hanno lo scopo di perseguire l'interesse generale della comunità alla promozione umana

Dettagli

3. La denominazione sociale, comunque formata, deve contenere l'indicazione di «cooperativa sociale».

3. La denominazione sociale, comunque formata, deve contenere l'indicazione di «cooperativa sociale». L. 8 novembre 1991, n. 381 Disciplina delle cooperative sociali 1. Definizione. 1. Le cooperative sociali hanno lo scopo di perseguire l'interesse generale della comunità alla promozione umana e all'integrazione

Dettagli

Leggi di riferimento sulle cooperative

Leggi di riferimento sulle cooperative Leggi di riferimento sulle cooperative Legge 8 novembre 1991, n. 381 - Disciplina delle cooperative sociali (in Gazz. Uff., 3 dicembre, n. 283) Art. 1. Definizione. 1. Le cooperative sociali hanno lo scopo

Dettagli

1. I tirocini sono prioritariamente destinati a persone residenti o stabilmente domiciliate in provincia di Bolzano.

1. I tirocini sono prioritariamente destinati a persone residenti o stabilmente domiciliate in provincia di Bolzano. Delibera 24 giugno 2013, n. 949 Criteri per la promozione di tirocini di formazione ed orientamento da parte della Ripartizione Lavoro e delle Aree alla Formazione professionale. Allegato A CRITERI PER

Dettagli

LE COOPERATIVE SOCIALI. Dott. Raffaele MARCELLO

LE COOPERATIVE SOCIALI. Dott. Raffaele MARCELLO LE COOPERATIVE SOCIALI Dott. Raffaele MARCELLO Diretta 19 ottobre 2009 DEFINIZIONE DI COOPERATIVA SOCIALE Le cooperative sociali rappresentano, nell ordinamento italiano un soggetto sui generis, caratterizzato

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI APPALTI PUBBLICI CHE FACILITINO INSERIMENTI LAVORATIVI DELLE PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI APPALTI PUBBLICI CHE FACILITINO INSERIMENTI LAVORATIVI DELLE PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO Città di Minerbio Provincia di Bologna LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI APPALTI PUBBLICI CHE FACILITINO INSERIMENTI LAVORATIVI DELLE PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO Approvato con deliberazione

Dettagli

LE COOPERATIVE SOCIALI. Relatori: Claudia Tesio Giorgio Agnello

LE COOPERATIVE SOCIALI. Relatori: Claudia Tesio Giorgio Agnello LE COOPERATIVE SOCIALI Relatori: Claudia Tesio Giorgio Agnello 11 novembre 2014 LEGGE 8 novembre 1991 n. 381 Art. 1 Definizione Le cooperative sociali hanno lo scopo di perseguire l INTERESSE GENERALE

Dettagli

Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale

Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale 1. Premessa. A partire dalle indicazione della Giunta Comunale, il Settore Lavori Pubblici

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE BORSE DI FORMAZIONE-LAVORO E DELLE BORSE DI STUDIO A VALENZA TERAPEUTICO RIABILITATIVA DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE

REGOLAMENTO DELLE BORSE DI FORMAZIONE-LAVORO E DELLE BORSE DI STUDIO A VALENZA TERAPEUTICO RIABILITATIVA DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 1 TRIESTINA DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE REGOLAMENTO DELLE BORSE DI FORMAZIONE-LAVORO E DELLE BORSE

Dettagli

Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI

Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L art. 3, II comma della Costituzione Italiana recita: è compito

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 50 DEL 13-04-1995 REGIONE MARCHE. Norme di attuazione per la promozione e lo sviluppo della cooperazione sociale.

LEGGE REGIONALE N. 50 DEL 13-04-1995 REGIONE MARCHE. Norme di attuazione per la promozione e lo sviluppo della cooperazione sociale. LEGGE REGIONALE N. 50 DEL 13-04-1995 REGIONE MARCHE Norme di attuazione per la promozione e lo sviluppo della cooperazione sociale. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE N. 29 del 27 aprile

Dettagli

La cooperazione sociale in Italia. Brevi spunti per farsi venire qualche idea

La cooperazione sociale in Italia. Brevi spunti per farsi venire qualche idea La cooperazione sociale in Italia Brevi spunti per farsi venire qualche idea Le coop sociali queste sconosciute 1. Quali e quante sono (3-4) 2. La cooperativa in quanto tale (5-11) 3. Che cosa prevede

Dettagli

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità LEGGE REGIONALE 21 agosto 2007, n. 20 Disposizioni per la promozione ed il sostegno dei centri di antiviolenza e delle case di accoglienza per donne in difficoltà. (BUR n. 15 del 16 agosto, supplemento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI APPROVATO DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante:

Schema di decreto legislativo recante: Schema di decreto legislativo recante: Incentivi all autoimprenditorialità e all autoimpiego, in attuazione della delega conferita dall articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144. Visti gli

Dettagli

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che Protocollo d intesa metodologico-operativo tra la Provincia di Fermo Settore Formazione Professionale, Scuola e Politiche del Lavoro e Settore Politiche Sociali, gli Ambiti Territoriali Sociali XIX e XX

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2795 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CARLONI, MARTELLI, LUCIANO AGOSTINI, CAPONE, COVA, DI SALVO, GRASSI, GIUSEPPE GUERINI, IACONO,

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA E IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA PROGRAMMA SPECIALE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE NEGLI ISTITUTI PENITENZIARI 1 VISTO

Dettagli

196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154

196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154 196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154 Linee di indirizzo Modello di convenzione fra Provincie, Aziende UU.SS.LL., Società della Salute/

Dettagli

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ Per progetto si intende qualsiasi azione volta al perseguimento

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA Provincia di Roma Dipartimento III - Servizio I Politiche del Lavoro e Servizi per l Impiego - SILD e Dipartimenti di Salute Mentale della ASL della Provincia di Roma e Associazioni

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) E DAL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) E DAL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2208 DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) E DAL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI (POLETTI)

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Finalità e strumenti per la realizzazione degli inserimenti lavorativi

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Finalità e strumenti per la realizzazione degli inserimenti lavorativi REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DI PERSONE CON DISABILITA ATTRAVERSO LE PROCEDURE CONTRATTUALI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Finalità

Dettagli

Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGIONE CALABRIA

Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGIONE CALABRIA Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO SCHEDA SINTETICA Delibera n. 268 del 29/07/2013 Recepimento delle Linee guida in materia di tirocini, approvate in Accordo

Dettagli

d) definisce le misure di promozione, sostegno e sviluppo della cooperazione sociale;

d) definisce le misure di promozione, sostegno e sviluppo della cooperazione sociale; Legge Regionale 17 febbraio 2005, n. 9 "Norme sulla cooperazione sociale" B.U.R. 4 marzo 2005, n. 10 Art.1 (Oggetto e finalità) 1. Con la presente legge la Regione riconosce il rilevante valore e la finalità

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE

IL CONSIGLIO REGIONALE 16 LEGGE REGIONALE 18 dicembre 2007, n. 39 Norme di attuazione della legge 7 dicembre 2007, n. 383 (Disciplina delle associazioni di promozione sociale). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

AREA PORTATORI HANDICAP

AREA PORTATORI HANDICAP AREA PORTATORI HANDICAP PREMESSA La Legge 104/92 all art. 3 comma 2 recita: E persona handicappata colui che presenta una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa

Dettagli

COOPERATIVE SOCIALI E SGRAVI CONTRIBUTIVI

COOPERATIVE SOCIALI E SGRAVI CONTRIBUTIVI COOPERATIVE SOCIALI E SGRAVI CONTRIBUTIVI a cura della COMMISSIONE LAVORO dell UNIONE GIOVANI DOTTORI COMMERCIALISTI DI COSENZA (Carmen Gigliotti, Piero Maccarrone, Luigi Sposato, Sandra Veneziano, Emanuela

Dettagli

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009)

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Articolo 1 Finalità e oggetto della legge 1. La Regione,

Dettagli

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 20 maggio 2013

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 20 maggio 2013 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 298-B DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (MONTI) e dal Ministro della salute (BALDUZZI) di concerto con il Ministro della

Dettagli

Atto di indirizzo sull inserimento lavorativo delle persone svantaggiate e delle persone deboli (L.R. 3 novembre 2006, n. 23)

Atto di indirizzo sull inserimento lavorativo delle persone svantaggiate e delle persone deboli (L.R. 3 novembre 2006, n. 23) giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1357 del 26 maggio 2008 pag. 1/7 Atto di indirizzo sull inserimento lavorativo delle persone svantaggiate e delle persone deboli (L.R. 3 novembre 2006,

Dettagli

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione)

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione) La previdenza complementare La previdenza complementare ha lo scopo di pagare pensioni che si aggiungono a quelle del sistema obbligatorio, in modo da assicurare migliori condizioni di vita ai pensionati.

Dettagli

SERVIZIO INSERIMENTI LAVORATIVI (SIL)

SERVIZIO INSERIMENTI LAVORATIVI (SIL) SERVIZIO INSERIMENTI LAVORATIVI (SIL) DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO Per lungo tempo il problema dell inserimento lavorativo del disabile non è stato affrontato in modo sistematico: sia per le difficoltà

Dettagli

Accordo territoriale per la Provincia Autonoma di Bolzano

Accordo territoriale per la Provincia Autonoma di Bolzano Accordo territoriale per la Provincia Autonoma di Bolzano Il giorno 27 del mese di Luglio dell anno 2005 tra Legacoop Bund di Bolzano, rappresentata da Alberto Stenico Ulderico Micocci e Iris Cagalli Confcooperatve

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI. Torino 18 novembre 2014. Luisella Fontanella

CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI. Torino 18 novembre 2014. Luisella Fontanella CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI Torino 18 novembre 2014 Luisella Fontanella Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Torino Il socio lavoratore l

Dettagli

PARTE OTTAVA SERVIZIO INTEGRAZIONE LAVORATIVA (SIL) a cura della Dott.ssa Angela Battistella

PARTE OTTAVA SERVIZIO INTEGRAZIONE LAVORATIVA (SIL) a cura della Dott.ssa Angela Battistella PARTE OTTAVA SERVIZIO INTEGRAZIONE LAVORATIVA (SIL) a cura della Dott.ssa Angela Battistella 1. PREMESSA Il SIL è un servizio dell'azienda ULSS 21 di Legnago, in Staff al Dipartimento Distretto che agisce

Dettagli

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 REGIONE LIGURIA TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE E MISURE

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 36 DEL 27-11-2006 REGIONE PIEMONTE. Autorizzazione ed accreditamento dei soggetti operanti nel mercato del lavoro regionale.

LEGGE REGIONALE N. 36 DEL 27-11-2006 REGIONE PIEMONTE. Autorizzazione ed accreditamento dei soggetti operanti nel mercato del lavoro regionale. LEGGE REGIONALE N. 36 DEL 27-11-2006 REGIONE PIEMONTE Autorizzazione ed accreditamento dei soggetti operanti nel mercato del lavoro regionale. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 48 del

Dettagli

Decreto Legislativo n. 151/2015

Decreto Legislativo n. 151/2015 Decreto Legislativo n. 151/2015 DISPOSIZIONI DI RAZIONALIZZAZIONE E SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEGLI ADEMPIMENTI A CARICO DI CITTADINI E IMPRESE E ALTRE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAPPORTO DI LAVORO

Dettagli

REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA

REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO Comuni di: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere. REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA INDICE ART.

Dettagli

C I T T A D I T A O R M I N A PROVINCIA DI MESSINA Servizio di Solidarieta Sociale

C I T T A D I T A O R M I N A PROVINCIA DI MESSINA Servizio di Solidarieta Sociale C I T T A D I T A O R M I N A PROVINCIA DI MESSINA Servizio di Solidarieta Sociale CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI AIUTO DOMESTICO DISABILI GRAVI ASSISTENZA IGIENICO PERSONALE DISABILI GRAVI Art.1

Dettagli

PROGETTO INNOVATIVO DI RESIDENZIALITÀ ASSISTITA NON ISTITUZIONALE

PROGETTO INNOVATIVO DI RESIDENZIALITÀ ASSISTITA NON ISTITUZIONALE PROGETTO INNOVATIVO DI RESIDENZIALITÀ ASSISTITA NON ISTITUZIONALE Casa Mia Bando CO.GE n.3 28/02/2012 Bando regionale DGR 1626 del 31/7/2012 L.R. n.11/2001- BUR.V. n. 67-10 agosto 2012 Interventi a favore

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo Pubblicata sul BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE LOMBARDIA n 38 del 21 settembre

Dettagli

"!#$!")*!$$!"$$$$ $!,$!"!"!! "$!-#$'9$%!7!!! $!&!!!#!& #8"# ( - &!!!! 9 $!& "!! "!#!")*'&&! $! #!# "$ $#!%%! 9 :''

!#$!)*!$$!$$$$ $!,$!!!! $!-#$'9$%!7!!! $!&!!!#!& #8# ( - &!!!! 9 $!& !! !#!)*'&&! $! #!# $ $#!%%! 9 :'' !"#$! %$& % &! "# $! "& "$ $#!%%!!!#$ ''!!!!"'!($#&"!#$!")*+! "!! %% "!# $!")*!! "$!(,#)!"$!#!#!!$#!%%!!!#$ ''! ""! "!# $*!#)%" ''! ""! $#& '! % %$ "& $*-$. ""#! (&! +/01 2 (/30/ + 45 00 &/3067 '!"!#'"%%%!'!8!!!$-#$%!7+

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE MODIFICHE ALLA LEGGE QUADRO PER IL VOLONTARIATO 266/91

PROPOSTA DI LEGGE MODIFICHE ALLA LEGGE QUADRO PER IL VOLONTARIATO 266/91 PROPOSTA DI LEGGE MODIFICHE ALLA LEGGE QUADRO PER IL VOLONTARIATO 266/91 Art. 1. Finalità e oggetto della legge 1. La Repubblica italiana riconosce il valore sociale e la funzione dell attività di volontariato

Dettagli

proposta di legge n. 262

proposta di legge n. 262 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 262 a iniziativa del Consigliere Marangoni presentata in data 16 ottobre 2012 DISPOSIZIONI SULLA PET THERAPY pdl 262 REGIONE MARCHE 2 ASSEMBLEA

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA REGIONE TOSCANA E PARTI SOCIALI REGIONALI PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI E STAGE DI QUALITA IN REGIONE TOSCANA TRA

PROTOCOLLO D'INTESA TRA REGIONE TOSCANA E PARTI SOCIALI REGIONALI PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI E STAGE DI QUALITA IN REGIONE TOSCANA TRA PROTOCOLLO D'INTESA TRA REGIONE TOSCANA E PARTI SOCIALI REGIONALI PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI E STAGE DI QUALITA IN REGIONE TOSCANA L'anno il giorno La Regione Toscana CIA Regionale CNA Regionale Coldiretti

Dettagli

COMUNE DI BARUMINI. Provincia del Medio Campidano

COMUNE DI BARUMINI. Provincia del Medio Campidano COMUNE DI BARUMINI Provincia del Medio Campidano ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Viale San Francesco 5 c.a.p.

Dettagli

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI DISPOSIZIONI GENERALI ADEMPIMENTI CONTABILI E FISCA- LI AGEVOLAZIONI ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE L. 7.12.2000, n. 383 La Costituzione Italiana riconosce il valore sociale

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Regolamento comunale n. 79 COMUNE di MADONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Approvato con deliberazione dal Consiglio Comunale n. 14 del 26 febbraio

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE VOLONTARIO

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE VOLONTARIO PROTOCOLLO D INTESA tra PROVINCIA di Cuneo e ENTI LOCALI, CONSORZI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, PARTI SOCIALI PER LA PROMOZIONE, L ELABORAZIONE, LA GESTIONE DI PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE

Dettagli

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: il prolungamento della gioventù, il ritardo nell accesso

Dettagli

Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione Lazio

Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione Lazio Proposta di Legge regionale n. 11 del 28 giugno 2005 di iniziativa dei consiglieri Nieri, Tibaldi, Pizzo, Luciani e Peduzzi Oggetto: Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Destinatari

Art. 1 Finalità. Art. 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Destinatari Allegato al decreto del direttore centrale 6 agosto 2012 n. 1087/ISTR Bando per il finanziamento delle Sezioni Primavera anno scolastico 2012/2013 Art. 1 Finalità 1. Il presente bando viene emanato al

Dettagli

Protocollo d Intesa TRA. PROVINCIA di CUNEO ENTI LOCALI, CONSORZI, ASSOCIAZIONI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, E PARTI SOCIALI

Protocollo d Intesa TRA. PROVINCIA di CUNEO ENTI LOCALI, CONSORZI, ASSOCIAZIONI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, E PARTI SOCIALI Protocollo d Intesa TRA PROVINCIA di CUNEO E ENTI LOCALI, CONSORZI, ASSOCIAZIONI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, E PARTI SOCIALI Per la promozione, l elaborazione, la gestione di Progetti

Dettagli

IL CONTESTO. Di cui Uomini Milano San Vittore 1102 102 1000 Opera 1116 42 1074 Bollate 710 0 710 Monza 591 86 505. N.

IL CONTESTO. Di cui Uomini Milano San Vittore 1102 102 1000 Opera 1116 42 1074 Bollate 710 0 710 Monza 591 86 505. N. PROGETTO I SERVIZI PER L IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI MILANO PER IL SOSTEGNO ALL INSERIMENTO AL LAVORO DELLE PERSONE RISTRETTE NELLE LIBERTA E DEGLI EX-DETENUTI IL PROGETTO L Assessorato al Lavoro della

Dettagli

La sinergia tra scuola e territorio è quindi imprescindibile per l integrazione del disabile perchè consente di promuovere ed attivare:

La sinergia tra scuola e territorio è quindi imprescindibile per l integrazione del disabile perchè consente di promuovere ed attivare: DIDATTICA L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI La legge 104/92 (legge quadro per l assistenza, l integrazione scolastica ed i diritti alla persona handicappata) ha posto in essere una serie di adempimenti

Dettagli

e il reinserimento di disoccupati, anche in mobilità, nonché di lavoratori sospesi in regime di cassa integrazione.

e il reinserimento di disoccupati, anche in mobilità, nonché di lavoratori sospesi in regime di cassa integrazione. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 109 suppl. del 07-08-2013 9 LEGGE REGIONALE 5 agosto 2013, n. 23 Norme in materia di percorsi formativi diretti all orientamento e all inserimento nel mercato

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA Disciplina del sistema integrato dei servizi sociali per la dignità e il benessere delle donne e degli uomini in Puglia Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BIANCONI e CARRARA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Modifiche alla legge 11 agosto 1991, n. 266, in

Dettagli

Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 (Finalità e oggetto)

Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 (Finalità e oggetto) Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Finalità e oggetto) 1. In attuazione dei principi della Costituzione italiana e della Carta dei diritti fondamentali

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs. 11.04.2006 n 198)

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs. 11.04.2006 n 198) 813830 COMUNE DI BONASSOLA Provincia della Spezia Via Beverino 1 cap 19011 tel 0187 81381 fax 0187 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs.

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 18 - Martedì 28 aprile 2015

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 18 - Martedì 28 aprile 2015 Bollettino Ufficiale 5 D.g.r. 24 aprile 2015 - n. X/3453 Determinazione in ordine alle iniziative in favore dell inserimento socio-lavorativo delle persone con disabilità e integrazione delle linee di

Dettagli

CITTA DI ROSETO DEGLI ABRUZZI (Provincia di Teramo)

CITTA DI ROSETO DEGLI ABRUZZI (Provincia di Teramo) CITTA DI ROSETO DEGLI ABRUZZI (Provincia di Teramo) REGOLAMENTO COMUNITA EDUCATIVA PER MINORI INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8 ART. 9 ART. 10 ART. 11 ART. 12 ART. 13 ART.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 AZIENDA ULSS 21 RIPARTIZIONE ETA ADULTA E ANZIANI / SERVIZIO INTEGRAZIONE LAVORATIVA (S.I.L.) Il Servizio di integrazione lavorativa (S.I.L.): Percorsi formativi finalizzati al

Dettagli

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA Finanziamento anno 2014 1 Art. 1 Oggetto Il presente documento stabilisce i criteri per la

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE

PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE E DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA ISTITUZIONI SCOLASTICHE DEL TERRITORIO DI SCORDIA AZIENDA UNITÀ

Dettagli

Art. 3 Art. 4 Art. 5

Art. 3 Art. 4 Art. 5 Regolamento disciplinante i requisiti, i criteri e le modalità per l ottenimento della qualifica di Fattoria didattica e/o sociale in attuazione dell articolo 23 della legge regionale 4 giugno 2004, n.

Dettagli

D.M. 21 maggio 2001, n. 308 Requisiti strutture a ciclo residenziale Preambolo, Art.1, Art.2, Art. 3, Art. 4, Art. 5, Art. 6, Art. 7, Art. 8, Art.

D.M. 21 maggio 2001, n. 308 Requisiti strutture a ciclo residenziale Preambolo, Art.1, Art.2, Art. 3, Art. 4, Art. 5, Art. 6, Art. 7, Art. 8, Art. D.M. 21 maggio 2001, n. 308 Requisiti strutture a ciclo residenziale Preambolo, Art.1, Art.2, Art. 3, Art. 4, Art. 5, Art. 6, Art. 7, Art. 8, Art. 9, Preambolo IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE Visto

Dettagli

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 3.1 Interventi L.R. 20 / 2006 Regione Misura 3.1_Assistenza

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DEGLI INVALIDI DEL LAVORO TRA L I.N.A.I.L. SEDE DI ROVIGO E LA PROVINCIA DI ROVIGO

PROTOCOLLO D INTESA PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DEGLI INVALIDI DEL LAVORO TRA L I.N.A.I.L. SEDE DI ROVIGO E LA PROVINCIA DI ROVIGO PROTOCOLLO D INTESA PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DEGLI INVALIDI DEL LAVORO TRA L I.N.A.I.L. SEDE DI ROVIGO E LA PROVINCIA DI ROVIGO L I.N.A.I.L. sede di ROVIGO nella persona della Dottoressa Patrizia

Dettagli

PROGETTO ABITARE. donne sole e/o con figli in condizioni di fragilità o vulnerabilità sociale a seguito di eventi spiazzanti;

PROGETTO ABITARE. donne sole e/o con figli in condizioni di fragilità o vulnerabilità sociale a seguito di eventi spiazzanti; PROGETTO ABITARE OBIETTIVI GENERALI Il quadro di riferimento e l origine del Progetto Abitare è rappresentato dal Protocollo di Intesa stipulato tra la Città di Torino, la Compagnia di San Paolo e l Ufficio

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE PSICOLOGIA CLINICA

STATUTO ASSOCIAZIONE PSICOLOGIA CLINICA STATUTO ASSOCIAZIONE PSICOLOGIA CLINICA Articolo 1 (Denominazione e sede) E costituita, ai sensi della legge 7 dicembre 2000, n.383 e della legge regionale 6 dicembre 2012, n.42, l Associazione di Promozione

Dettagli

Contrasto al lavoro sommerso

Contrasto al lavoro sommerso Contrasto al lavoro sommerso Nell ambito della L.R. n.30 del 13/08/2007 Norme regionali per la sicurezza e la qualità del lavoro è stato finanziato il progetto regionale Contrasto al lavoro sommerso e

Dettagli

STATUTO. PUPPY WALKER onlus Associazione di volontariato ex L. 266/1991

STATUTO. PUPPY WALKER onlus Associazione di volontariato ex L. 266/1991 Approvato dalla assemblea dei soci del 18.2.2012 STATUTO PUPPY WALKER onlus Associazione di volontariato ex L. 266/1991 ART. 1 (La denominazione, la sede e la durata dell Associazione) 1. E costituita

Dettagli

Terzo settore e inserimento lavorativo. Carlo De Angelis ottobre 2009

Terzo settore e inserimento lavorativo. Carlo De Angelis ottobre 2009 Terzo settore e inserimento lavorativo Carlo De Angelis ottobre 2009 Obiettivi generali Per affermare il Welfare dei Diritti è necessario superare le forme assistenziali e sviluppare le attività di promozione

Dettagli

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Il programma Operativo del FSE Obiettivo 3 è strutturato per Assi a ciascuno dei quali corrisponde l attuazione degli obiettivi

Dettagli

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D.

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. (Approvato con Delibera Consiglio Comunale n. 11 del 22/01/08 ) Indice Art. 1 Definizione del servizio pag. 2 Art. 2 Finalità ed obiettivi pag. 2 Art. 3 Destinatari

Dettagli

PROVINCIA di CATANZARO

PROVINCIA di CATANZARO PROVINCIA di CATANZARO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI, SOVVENZIONI, SUSSIDI E SERVIZIO CIVICO. Il presente regolamento disciplina i criteri per l erogazione di sussidi economici

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 105 DEL 23 GENNAIO 2015

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 105 DEL 23 GENNAIO 2015 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 05 DEL 23 GENNAIO 205 Definizione del "Programma regionale di Spesa Corrente per gli anni 202 e 203 per gli interventi finalizzati al superamento degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO. Eccomi. Eccomi

STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO. Eccomi. Eccomi STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO Eccomi Eccomi 1 ART. 1 (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: Eccomi assume la forma giuridica di associazione apartitica e aconfessionale.

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

MERCATO DEL LAVORO: ATTORI E FUNZIONI NOZIONE FINALITÀ AUTORIZZAZIONE: REGIME ORDINARIO AUTORIZZAZIONE: REGIME PARTICOLARE ACCREDITAMENTO

MERCATO DEL LAVORO: ATTORI E FUNZIONI NOZIONE FINALITÀ AUTORIZZAZIONE: REGIME ORDINARIO AUTORIZZAZIONE: REGIME PARTICOLARE ACCREDITAMENTO MERCATO DEL LAVORO: ATTORI E FUNZIONI NOZIONE FINALITÀ AUTORIZZAZIONE: REGIME ORDINARIO AUTORIZZAZIONE: REGIME PARTICOLARE ACCREDITAMENTO REQUISITI GIURIDICI GENERALI REQUISITI GIURIDICI E FINANZIARI PARTICOLARI

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

Ovvero: Azione Volontaria, Terzo Sistema, Economia Civile, Terza Dimensione, Privato Sociale, Settore Non Profit

Ovvero: Azione Volontaria, Terzo Sistema, Economia Civile, Terza Dimensione, Privato Sociale, Settore Non Profit TERZO SETTORE Ovvero: Azione Volontaria, Terzo Sistema, Economia Civile, Terza Dimensione, Privato Sociale, Settore Non Profit E l insieme di soggetti organizzativi di natura privata volti alla produzione

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI FINALIZZATI ALL INTEGRAZIONE LAVORATIVA IN FAVORE DI PERSONE IN SITUAZIONE DI DISABILITÀ, DISTURBO MENTALE O SVANTAGGIO

REGOLAMENTO INTERVENTI FINALIZZATI ALL INTEGRAZIONE LAVORATIVA IN FAVORE DI PERSONE IN SITUAZIONE DI DISABILITÀ, DISTURBO MENTALE O SVANTAGGIO REGOLAMENTO INTERVENTI FINALIZZATI ALL INTEGRAZIONE LAVORATIVA IN FAVORE DI PERSONE IN SITUAZIONE DI DISABILITÀ, DISTURBO MENTALE O SVANTAGGIO 1 INDICE Art.1 Oggetto Art. 2 Destinatari Art. 3 Strumenti

Dettagli

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 337 del 6.03.2012 pag. 1/9 Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 - Art. 1 Definizioni...2 - Art.

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE DISCIPLINA IN MATERIA DI AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE E DEI SERVIZI SOCIALI A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE Fonte: BOLLETTINO

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO ITACA ASTI S T A T U T O

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO ITACA ASTI S T A T U T O 1//7 S T A T U T O Art. 1 Costituzione, denominazione, sede e durata. a E costituita in Asti l Associazione di Volontariato denominata e più avanti chiamata Associazione, con sede legale in Asti in via

Dettagli

Art.1 - Oggetto del regolamento

Art.1 - Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE SPERIMENTALE DI ASSEGNI DI CURA AD ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CARICO ALL UNITA DI VALUTAZIONE GERIATRICA DEL DISTRETTO N.1 DELL A.S.L. 5 Art.1 - Oggetto del regolamento

Dettagli

CIRCOLARE n. 34 / 2013 REGIONE LOMBARDIA NUOVI INDIRIZZI REGIONALI IN MATERIA DI TIROCINI

CIRCOLARE n. 34 / 2013 REGIONE LOMBARDIA NUOVI INDIRIZZI REGIONALI IN MATERIA DI TIROCINI Terrazzini & partners consulenti del lavoro p.i./c.f. 05505810969 www.terrazzini.it Via Campanini n.6 20124 Milano Via Marsala n.29 26900 Lodi Via De Amicis n.10 27029 Vigevano t. +39 02 6773361 f. +39

Dettagli

Banca Dati Rete Consortile. Questionario raccolta dati cooperative di tipo A

Banca Dati Rete Consortile. Questionario raccolta dati cooperative di tipo A Pagina 1 di 14 Questionario raccolta dati cooperative di tipo A Il presente questionario intende promuovere un indagine finalizzata a rilevare le informazioni necessarie per la redazione del bilancio sociale

Dettagli

La Casa di Margherita

La Casa di Margherita La Casa di Margherita Associazione di Solidarietà Familiare Via Trento Trieste 1-20043 Arcore (MI) www.lacasadimargherita.org Statuto dell Associazione Art. 1 Costituzione 2.1. É costituita l Associazione

Dettagli