Azienda USL 10 di Firenze - Comuni Zona Socio-Sanitaria del Mugello DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA DEL CONSORZIO N.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Azienda USL 10 di Firenze - Comuni Zona Socio-Sanitaria del Mugello DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA DEL CONSORZIO N."

Transcript

1 Azienda USL 10 di Firenze - Comuni Zona Socio-Sanitaria del Mugello Società della Salute del Mugello C.F. e P. IVA Via Palmiro Togliatti, BORGO SAN LORENZO (FI) Tel Fax posta elettronica certificata: DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA DEL CONSORZIO N. 9 DEL 30/06/2015 Oggetto: Competenze in materia di tutela minorile : Accordo tra l Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni di Firenze e la Società della Salute del Mugello f.to Il Presidente Ing. Roberto Izzo coadiuvato da f.to Il Direttore Dott. Massimo Principe Struttura proponente: Alta integrazione e gestione dei servizi socioassistenziali f.to La Responsabile Dr.ssa Lucilla Borselli Parere di regolarità tecnica del presente atto ai sensi dell art. 49 del D.Lgs. n. 267/2000. f.to Dr.ssa Lucilla Borselli Immediatamente esecutiva Pubblicata all albo pretorio il 03/07/2015 fino al 18/07/2015 Allegati parte integrante: N 1 Allegati semplici: N Parere di regolarità contabile ai sensi dell art. art. 151 comma 4 del D.Lgs. n. 267/2000. f.to Il Responsabile Ufficio bilancio, programmazione e supporto contabilità Paolo Goni Costo presunto esercizio 2015 : 0 L anno duemilaquindici, il giorno 30 giugno alle ore 8,30 nella Sala riunioni dell'azienda Sanitaria di Firenze in Via P. Togliatti 29 a Borgo San Lorenzo, si è riunita la Giunta Esecutiva, su convocazione del Presidente. Risultano presenti: Ente Rappresentante presente assente Barberino di Mugello Giuliano Biancalani membro x Borgo San Lorenzo Ilaria Bonanni membro x Marradi Marzia Gentilini membro x Scarperia e San Piero Fiammetta Capirossi membro x S.d.S. Mugello Roberto Izzo presidente x Azienda USL 10 FI Paolo Morello Marchese membro x Riconosciuta la validità della seduta per la presenza della maggioranza dei componenti: Pagina 1 di 11 Deliberazione della Giunta Esecutiva del Consorzio n. 9 del 30/06/2015

2 LA GIUNTA ESECUTIVA DELLA SOCIETA DELLA SALUTE DEL MUGELLO VISTO la L.R.T. n. 40/2005 e ss.ii.mm. Disciplina del servizio sanitario regionale che agli artt. 71 e seguenti istituisce le Società della Salute quali enti per l integrazione delle attività sanitarie, sociosanitarie territoriali e socio-assistenziali; DATO ATTO che nella seduta assembleare di questa SdS del 23/12/2009, alla presenza dei rappresentanti degli Enti che partecipano al Consorzio, il notaio incaricato ha proceduto con atto pubblico al rogito della modifica della Convenzione costitutiva e dello Statuto a seguito della presa visione degli atti già approvati dai Consigli comunali e dal Direttore generale dell Azienda U.S.L. 10 di Firenze; VISTA la Legge Regione Toscana n. 44 del 29 luglio 2014, Modifiche alla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40 (Disciplina del servizio sanitario regionale); VISTA la Legge 8 novembre 2000 n.328 Legge Quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali ; VISTO il quadro dei compiti istituzionali previsti dalla normativa vigente ed in particolare dalla legge istitutiva del Tribunale per i Minorenni, Legge 1404/34, da quella istitutiva del Servizio Sociale per i Minorenni, Legge n.1085/62, dall Ordinamento Penitenziario, Legge n.354/75, dal relativo Regolamento di Esecuzione, D.P.R. 230/2000, dalle Disposizioni sul processo penale a carico di imputati minorenni, D.P.R. n. 448/88 e dalle relative norme di attuazione, D. Lgs 272/89, CONSIDERATO CHE il Servizio Sociale interviene, con piena autonomia tecnico-professionale nell ambito della competenza penale, civile e amministrativa del Tribunale per i minorenni, per i giovani, residenti nel territorio della Regione Toscana e per l Ufficio per il Servizio Sociale Minorenni di Firenze fino ai ventuno anni che hanno riportato denunce tra i 14 e i 18 anni di età e per la competenza civile nelle situazioni previste dalla L.64/94 (sottrazione internazionale) e dalla L.66/96 (abusi sessuali); PRESO ATTO della collaborazione proficuamente realizzata in questi anni fra la Società della Salute Mugello e l Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni di Firenze per realizzare la tutela di soggetti minorenni come da citata normativa; VISTE le deliberazioni dell'assemblea - n. 26 del 29/12/2014, con la quale l'assemblea stessa ha manifestato la volontà di continuare la gestione unitaria in capo alla SdS Mugello dell intero complesso di funzioni sociali e sociosanitarie affidatele ai sensi della Convenzione, registrata con rogito notarile il 23/12/2009 reg. n del 30/12/2009; deciso di trasmettere la documentazione che attesta l esistenza dei requisiti previsti dall art. 71 novies decies della LRT n. 40/2005 modificata dalla LRT n. 44/2014, come indicato nel verbale della Conferenza dei Sindaci del 3 dicembre, entro il termine del 31 marzo 2015, data entro la quale, visto l art 71 vicies comma 3 della stessa LRT n.44, sarà resa definitiva la valutazione in ordine al mantenimento del Consorzio; - n. 3 del , avente ad oggetto Declaratoria S.d.S. in ordine all'art. 71 novies decies della L.R.T. n. 40/2005 e smi. Trasmissione alla Regione Toscana della documentazione richiesta ; Pagina 2 di 11 Deliberazione della Giunta Esecutiva del Consorzio n. 9 del 30/06/2015

3 RITENUTO di approvare l Accordo tra la SdS Mugello e l Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni di Firenze, di cui all allegato A parte integrante e sostanziale del presente atto, che prevede una sperimentazione di 18 mesi VISTA la nota prot del 26 giugno 2015, agli atti di questa SdS, con la quale il Direttore Generale dell'azienda Sanitaria di Firenze Dott. Paolo Morello Marchese, esaminati gli atti all'ordine del giorno di questa Giunta Esecutiva, esprime parere favorevole; all unanimità dei presenti con le modalità previste dall art. 15 c. 4 dello Statuto della Società della Salute Mugello D E L I B E R A Per i motivi espressi in narrativa e qui integralmente richiamati a farne parte integrante e sostanziale del presente atto: 1) DI APPROVARE l Accordo tra la SdS Mugello e l Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni di Firenze, di cui all allegato A parte integrante e sostanziale del presente atto, che prevede una sperimentazione di 18 mesi 2) DI DARE ATTO che il presente atto non comporta oneri aggiuntivi per la SdS Mugello 3) DI PUBBLICARE il presente atto all Albo della SdS per quindici giorni consecutivi e sul sito istituzione della SdS 4) DI TRASMETTERE il presente atto agli Enti aderenti, al Collegio Sindacale, al Collegio di Direzione, all Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni di Firenze, f.to IL DIRETTORE (Dr. Massimo Principe) f.to IL PRESIDENTE (Ing. Roberto Izzo) Pagina 3 di 11 Deliberazione della Giunta Esecutiva del Consorzio n. 9 del 30/06/2015

4 ACCORDO TRA UFFICIO DI SERVIZIO SOCIALE PER I MINORENNI DI FIRENZE E SOCIETA DELLA SALUTE DEL MUGELLO Premesso: che l Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni (U.S.S.M.) è un ufficio periferico con competenza regionale del Dipartimento Giustizia Minorile, e che con gli altri servizi minorili periferici, l Istituto Penale per i Minorenni (I.P.M.) e il Centro di Prima Accoglienza (C.P.A.), dipende gerarchicamente e funzionalmente dal Centro Giustizia Minorile (C.G.M.)Toscana ed Umbria con sede in Firenze, d'ora in avanti indicati per brevità con le sigle; che nel quadro dei compiti istituzionali previsti dalla normativa vigente ed in particolare dalla legge istitutiva del Tribunale per i Minorenni, Legge 1404/34, da quella istitutiva del Servizio Sociale per i Minorenni, Legge n.1085/62, dall Ordinamento Penitenziario, Legge n.354/75, dal relativo Regolamento di Esecuzione, D.P.R. 230/2000, dalle Disposizioni sul processo penale a carico di imputati minorenni, D.P.R. n. 448/88 e dalle relative norme di attuazione, D. Lgs 272/89, il Servizio Sociale interviene, con piena autonomia tecnico-professionale nell ambito della competenza penale del Tribunale per i minorenni, per i giovani, residenti nel territorio della Regione Toscana (con esclusione provincia di Massa Carrara), fino ai ventuno anni che hanno riportato denunce tra i 14 e i 18 anni di età e per la competenza civile nelle situazioni previste dalla L.64/94 (sottrazione internazionale) e dalla L.66/96 (abusi sessuali); che l U.S.S.M. svolge interventi finalizzati, nelle diverse fasi processuali, alla conoscenza delle condizioni e delle risorse personali, familiari, sociali e ambientali del minorenne al fine di contribuire, anche con ipotesi progettuali, al processo di decisione dell Autorità Giudiziaria Minorile;che attiva percorsi di crescita e responsabilizzazione del minore;che svolge interventi di aiuto sostegno e controllo nella fase di attuazione dei provvedimenti della magistratura; che l' U.S.S.M. svolge la funzione di garante dell unitarietà e personalizzazione del progetto socio-educativo, nei diversi istituti giuridici, e concorre all attuazione degli interventi di protezione giuridica del minore e di prevenzione e recupero della devianza in applicazione della normativa vigente, con l'obiettivo di promuovere benessere e sviluppo dell adolescente, di promuovere interventi nella comunità locale e di implementare interazioni e sinergie tra sistemi; che l' U.S.S.M. per la propria operatività ha adottato delle procedure interne e linee guida per salvaguardare l'unitarietà ed oggettività delle azioni professionali; che il Dipartimento per la Giustizia Minorile ha disposto, con nota 9616 del 23 marzo 2011, le Linee di orientamento Tecniche Operative. E Che l Ente Locale è titolare degli interventi a favore dei minori residenti nel territorio comunale ovvero temporaneamente presenti ma privi degli esercenti la potestà genitoriale e in situazioni di disagio. Il Comune, oltre ai compiti di prevenzione del disagio minorile e di promozione dei diritti dell infanzia e dell adolescenza,mette in atto interventi di sostegno ai nuclei familiari di origine,nonché a favore delle gestanti e madri in difficoltà (art.22 L.328/00); Pagina 4 di 11 Deliberazione della Giunta Esecutiva del Consorzio n. 9 del 30/06/2015

5 Che la Regione Toscana con la legge regionale 24 febbraio 2005, n. 41 (Sistema integrato di interventi e servizi per la tutela dei diritti di cittadinanza sociale) conferma il Comune quale titolare per la realizzazione del sistema integrato degli interventi e dei Servizi Sociali volti a garantire al minore la protezione e le cure necessarie per il suo benessere e a promuoverne il pieno ed armonico sviluppo psicofisico, l educazione e la crescita in un idoneo ambiente familiare e sociale. Il Comune ha competenza in materia di minori e giovani, anche soggetti a Provvedimenti dell Autorità Giudiziaria Minorile, nell ambito della competenza amministrativa e civile, come previsto dalla normativa nazionale a partire dal D.P.R. n. 616/77 ( art. 23 lettera c), sino alla realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali disegnato dalla Legge quadro di riforma dell assistenza, n. 328/00; Che i Comuni della Zona socio sanitaria Mugello hanno delegato alla Società della salute Mugello le funzioni relative alla tutela dei minori e gli interventi a favore dei minori residenti nel territorio comunale ovvero temporaneamente presenti ma privi degli esercenti la potestà genitoriale e in situazioni di disagio. La normativa indica che devono essere compresi fra i servizi di base anche gli interventi multidisciplinari e di integrazione sociosanitaria per la tutela e la cura nonché le azioni di contrasto contro lo sfruttamento,la violenza,il maltrattamento verso le donne ed i minori,con particolare attenzione alla violenza assistita,il sostegno psicologico,legale e sociale e l organizzazione di case e centri antiviolenza; E' importante che, si confermi una metodologia di lavoro interdisciplinare che favorisca una migliore tutela dei minori attraverso una più stretta collaborazione, condivisa, tra le istituzioni a vario titolo coinvolte, di percorsi operativi. Il preminente interesse del minore è infatti efficacemente perseguito se sistema giudiziario e sistema dei servizi riescono a trovare un modus operandi comune. L'interdisciplinarietà è, infatti uno dei principali veicoli di protezione dell'età evolutiva (così come indicato nella Legge 176/91 di ratifica ed esecuzione della Convenzione sui diritti del fanciullo di New York del 20/11/1989). Che ai Servizi Sociali Territoriali spettano inoltre gli obblighi di tutela minorile e la competenza nei procedimenti Civili ed Amministrativi instaurati dal Tribunale per i Minorenni; Tali competenze vengono esercitate per i Comuni della Zona socio-sanitaria del Mugello dalla Società della Salute del Mugello attraverso il Sociale Integrato Mugello, per quanto concerne i minori residenti nei territori comunali Che, sia il D.P.R.448/88, recante disposizioni sul processo penale minorile, sia il D.L.G.S. 272/89, attuativo del D.P.R.448/88 sottolineano l importanza della collaborazione tra Servizio Sociale della Giustizia e Servizi territoriali ( artt. 27 e 28 ); Visti i Protocolli d'intesa e l'accordo Operativo sottoscritti in data 27 gennaio 2010 tra Ministero della Giustizia, Regione Toscana, Provveditorato Regionale dell'amministrazione Penitenziaria e Centro per la Giustizia Minorile per la Toscana e l'umbria, volti alla tutela del diritto alla salute e a salvaguardare interventi unitari e di collaborazione sia per l'area penale interna che esterna; la Delibera della Giunta Regionale Toscana n.505 del Tutela della salute dei minori:modalità operative per la presa in carico dei minori sottoposti a procedimento penale. Valutata l'opportunità di : 1. formalizzare e consolidare il rapporto di collaborazione già sperimentato dal Servizio Sociale Territoriale e dall Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni, individuando forme di collaborazione Pagina 5 di 11 Deliberazione della Giunta Esecutiva del Consorzio n. 9 del 30/06/2015

6 condivise, un linguaggio tecnico professionale comune e prassi operative omogenee e strutturate, tali da valorizzare il comune ambito d intervento rappresentato dalla tutela minorile, nello specifico percorso del circuito penale, evitando sovrapposizioni e disfunzioni tra i due Servizi; 2. garantire a tutti i minori e/o giovani una presa in carico qualitativamente e professionalmente completa ed unitaria; 3. fornire all Autorità Giudiziaria procedente, anche attraverso una risposta congiunta visto il presente accordo, tutte le informazioni utili e necessarie per l'adozione delle misure ritenute idonee a non interrompere i processi educativi in atto dei minori e/o giovani sottoposti a procedimento penale; si concorda di formalizzare il presente Accordo tra la Società della Salute del Mugello, l ufficio CGM Toscana individuando quali organi tecnici di attuazione il Servizio Sociale Territoriale della Zona Mugello e l' Ufficio di Servizio Sociale Minorenni (U.S.S.M.) di Firenze. La Procedura allegata è parte integrante dell'accordo. Si stabilisce altresì che il presente Accordo abbia durata sperimentale di 18 mesi dalla sua sottoscrizione al termine dei quali potrà essere definita una collaborazione stabile. Il periodo di sperimentazione consente di procedere in itinere alle modifiche metodologiche che si rendessero necessarie per il miglioramento delle prassi operative avvalendosi degli esiti di periodiche verifiche effettuate secondo modalità specifiche all'interno dei singoli Servizi. In tal senso si prevede anche la possibilità, qualora uno degli enti organizzi percorsi auto-formativi e/o formativi, di apertura alla partecipazione degli operatori dell'altro Servizio, in numero di volta in volta concordato, nonché di ipotizzare spazi per una formazione congiunta e progettualità specifiche. Visto ed approvato il Il Dirigente CGM Toscana e Umbria Dott. Giuseppe CENTOMANI Il Direttore della SdS Mugello Dott. Massimo Principe Il Coordinatore del Servizio Sociale Prof.le ALLEGATO : -Procedura operativa Dott.ssa Merj Cai Pagina 6 di 11 Deliberazione della Giunta Esecutiva del Consorzio n. 9 del 30/06/2015

7 Procedura operativa 1.Minori e giovani con denuncia a piede libero. A) All'apertura del fascicolo l U.S.S.M. nelle situazioni di minori e giovani denunciati a piede libero e residenti nella zona Mugello per i quali non c è stata una precedente conoscenza congiunta, invia al Responsabile del Servizio una segnalazione scritta (modulo 1) contenente i dati anagrafici del minore/giovane e il nome dell operatore incaricato del caso.nelle situazioni dove i minori/giovani e o le loro famiglie sono collaboratori di giustizia particolare attenzione dovrà essere riposta nelle comunicazioni da effettuarsi con la dovuta riservatezza anche tramite l'uso della posta certificata e tra Responsabili dei Servizi. B) Il Servizio Sociale Territoriale risponderà all U.S.S.M. entro 10 giorni lavorativi di norma,dalla comunicazione sopra indicata, corredandola delle notizie ivi richieste e allegando eventuale documentazione professionale. C)Nel caso che il Tribunale per i Minorenni e/o la Procura per i Minorenni richiedano ad entrambi i Servizi di svolgere indagini ai sensi ex art.6 d.p.r. 448/88, in virtù di quanto sopra e della presente intesa, i Servizi concorderanno al fine di evitare sovrapposizioni e duplicazioni degli interventi le modalità operative di presa in carico, dandone comunicazione all'autorità Giudiziaria procedente tramite appositi moduli (moduli 2 e 3). D) Se il caso è conosciuto dal territorio gli assistenti sociali incaricati dovranno prendere accordi per una eventuale immediata presa in carico, e per stabilire modalità operative congiunte per la gestione del caso. Tali modalità dovranno risultare per iscritto nel diario degli interventi all'interno del fascicolo personale sul caso in uso in ogni Servizio. Tra le modalità rientra anche la relazione da inviare alla magistratura che potrà essere scritta congiuntamente ma la firma autografa dell'operatore dovrà essere apposta soltanto per il proprio ente. Pertanto la relazione dovrà eventualmente contenere la seguente dicitura:il presente intervento è stato condotto congiuntamente con l'a.s. del e/o la presente relazione è stata elaborata congiuntamente con l'a.s. del. Il Servizio che trasmetterà la relazione all'autorità giudiziaria procedente dovrà inviarne copia all'altro Servizio. E) Se il caso non è conosciuto dal territorio, e non vi siano diversi accordi tra gli operatori incaricati, l'assistente sociale dell' U.S.S.M. provvederà ad incontrare il minore ed i familiari e successivamente se ritenuto opportuno valuterà la necessità di coinvolgimento dei servizi sociali territoriali (modulo 4 e modulo 4a). F) Nelle situazioni di presa in carico congiunta,i Servizi assicureranno la possibilità di usufruire di risorse presenti sul territorio anche con procedure individuate appositamente,tenuto conto dei Regolamenti vigenti. L'U.S.S.M. fornirà a sua volta l'elenco delle risorse con cui è attiva una collaborazione al fine di facilitare l'interscambio delle opportunità territoriali. G) Se il caso è condotto congiuntamente per comunicare l'esito udienza e/o per concludere l'intervento l'assistente sociale U.S.S.M. compilerà il modulo 5 che sarà inviato al Responsabile del Servizio Sociale territoriale. H ) L U.S.S.M., al fine di favorire un rapido intervento e per facilitare la comunicazione segnalerà non appena a sua conoscenza, i casi in cui nel corso del procedimento penale l Autorità Giudiziaria abbia disposto in favore del minore o il prolungamento assistenziale fino al 21 anno d età o l apertura di un procedimento amministrativo. I) Si ritiene opportuno attivare la segnalazione di cui al punto A) anche per quei minori non conosciuti dall' U.S.S.M., sono rimessi in libertà senza un mandato specifico dall' A.G. (modulo 6). 2.Minori sottoposti a misure cautelari (ex artt d.p.r. 448/88) Pagina 7 di 11 Deliberazione della Giunta Esecutiva del Consorzio n. 9 del 30/06/2015

8 A) L'assistente sociale U.S.S.M. nel condurre interventi rivolti all'applicazione delle misure terrà presente quanto disposto nelle apposite Linee guida del Servizio sul tema. B) Nel caso che il minore entri nel circuito penale con l'applicazione di una misura cautelare e transiti o meno dal CPA, si prevede la comunicazione come delineata alla lettera A del punto 1. Se già conosciuto e dove l'intervento è condotto congiuntamente, gli assistenti sociali incaricati concorderanno, anche per le vie brevi, modalità operative sia in funzione della misura applicata al minore che per garantire la continuità assistenziale ed il raccordo con altri Servizi (es. collocamento in comunità su altro territorio). Data la particolarità delle misure è necessario che le comunicazioni siano tempestive ed avvengano entro 3-5 giorni lavorativi al massimo. C) Le modalità operative dovranno essere chiare ed esplicite tenendo conto della titolarità e della responsabilità circa il rispetto ed il controllo sull'applicazione delle misure al fine anche di relazionarsi con correttezza ed immediatezza con la magistratura competente (ad esempio per le necessarie autorizzazioni allo svolgimento di qualsiasi attività che non sia già stata prevista nell'ordinanza). D) In particolare nelle situazioni in cui siano presenti prescrizioni e sia prevista la permanenza presso il domicilio il Servizio Sociale territoriale assicura la possibilità di usufruire in tempi brevi e proporzionali alla misura applicata di attività e risorse presenti sul territorio secondo i regolamenti e le risorse esistenti. E) L U.S.S.M. segnalerà al Servizio Sociale Territoriale entro cinque giorni dalla loro attuazione i collocamenti in comunità di minori sottoposti a procedimento penale e contestualmente, se già noto, il termine della misura. F) Anche nel caso dell'applicazione della custodia cautelare in I.P.M. il Servizio Sociale Territoriale offriranno il loro eventuale contributo alla conoscenza del nucleo familiare se in carico al territorio e parteciperanno attivamente alla progettualità rivolta al minore per la fase di dimissione, prendendo parte se concordato, alle équipes in I.P.M. 3.Minori e giovani sottoposti alla messa alla prova (ex art.28 d.p.r. 448/88 e art 27 d.lgs 272/89) A) L'assistente sociale U.S.S.M nel condurre interventi rivolti all'elaborazione e realizzazione della messa alla prova terrà presente quanto disposto nelle apposite Linee guida del Servizio sul tema. B) Nel caso che l'intervento rivolto al minore o al giovane sia stato condotto congiuntamente la proposta di sospensione di messa alla prova ed il relativo progetto, redatto ai sensi art.27 d.lgs 272/89, dovrà contenere le modalità di coinvolgimento e i compiti dei singoli operatori. C) Nell'ipotesi invece che il caso sia stato seguito soltanto dall'assistente sociale dell' U.S.S.M. i Servizi sociali territoriali offriranno il proprio contributo attraverso la disponibilità di eventuali attività e risorse ritenute idonee per l'inserimento del minore o del giovane (modulo 4 a), nei limiti e con le modalità previste dai regolamenti. D) Nel caso di minori e giovani che a seguito di problematiche e carenze familiari siano già collocati in strutture con affidamento ai Servizi Sociali Territoriali e gli operatori di entrambi i Servizi ritengono opportuno avanzare la proposta di messa alla prova il progetto dovrà essere concordato. E) Nella situazione di minori non conosciuti dal territorio qualora l'assistente sociale dell' U.S.S.M. ritenga di proporre la messa alla prova in comunità, si ritiene opportuno avviare tempestivamente la collaborazione con i servizi sociali territoriali al fine anche dell'intervento per provvedimenti in sede civile o amministrativa, e/ o per il periodo che può intercorrere tra la cessazione della misura cautelare e la concessione della messa alla prova. F) Per ciò che riguarda l'assunzione degli oneri economici nelle situazioni di cui ai punti precedentemente illustrati si rimanda alle disposizioni normative e dipartimentali in materia nonché ad eventuali e futuri accordi tra gli uffici competenti sia del Centro Giustizia Minorile e la Società della Salute della zona Mugello Pagina 8 di 11 Deliberazione della Giunta Esecutiva del Consorzio n. 9 del 30/06/2015

9 G) Nel caso di minori con problematiche connesse all'uso e abuso di sostanze stupefacenti e /o con patologie psichiatriche, gli operatori sia U.S.S.M che del Servizio Sociale Territoriale dovranno coinvolgere i Servizi sanitari specialistici competenti al fine di prevedere diagnosi precise, per una presa in carico, e per favorire la scelta e l'individuazione di comunità adeguate da parte degli stessi Servizi sanitari con l'assunzione degli oneri economici, ai sensi della normativa vigente. 4. Minori e giovani sottoposti a misure alternative e sostitutive (ex Ordinamento Penitenziario Legge n.354/75, Regolamento di Esecuzione, D.P.R. 230/2000. L. 199/2010) A) Di norma la concessione di tali misure si verifica successivamente ad una conoscenza o presa in carico pregressa per cui si sono espletate le procedure di cui al punto 1.A; nel caso contrario si effettueranno le stesse. B) A seguito della comunicazione dell U.S.S.M, che potrà avvenire come richiamato al punto 1. A o per le vie brevi se già conosciuto e dove l'intervento è condotto congiuntamente, gli Assistenti Sociali concorderanno modalità operative sia in funzione della misura applicata al minore che per garantire la continuità assistenziale ed il raccordo con altri Servizi. C) Tali modalità dovranno essere chiare ed esplicite tenendo conto della titolarità e della responsabilità del controllo concernente l'esecuzione delle misure al fine di relazionarsi con correttezza ed immediatezza con la magistratura competente (ad esempio per le necessarie autorizzazioni allo svolgimento di qualsiasi attività che non sia già stata prevista nell'ordinanza). D) Per ciò che riguarda l'assunzione degli oneri economici nelle situazioni di cui ai punti precedentemente illustrati si rimanda alle disposizioni normative e dipartimentali in materia nonché ad eventuali accordi tra gli uffici competenti sia del Centro Giustizia Minorile che della zona Mugello. 5.Sottrazione internazionale (ex. L.64/94) A) Nel caso che l' U.S.S.M riceva il mandato di elaborare un'indagine sociale prima della celebrazione dell'udienza, saranno richieste informazioni e avviate le comunicazioni di cui al punto 1. A al fine di verificare eventuali interventi già svolti dal Servizio Sociale Territoriale (modulo 7). B) Nel caso che l' U.S.S.M riceva l'avviso di celebrazione dell'udienza, l'assistente Sociale incaricata verificherà all'interno del fascicolo processuale eventuale documentazione agli atti e parteciperà all'udienza raccogliendo tutte le informazioni necessarie per gli eventuali interventi successivi e/o comunicazioni da trasmettere se richiesto, dall'autorità Giudiziaria, ai Servizi Sociali Territoriali e/o servizi sanitari specialistici coinvolti. C) Nel caso che il Tribunale per i Minorenni richieda all' U.S.S.M di garantire il diritto di visita ad uno dei genitori il Servizio Sociale Territoriale offrirà la propria collaborazione per la ricerca e messa a disposizione di strutture e risorse idonee nei limiti e con le modalità previste dai Regolamenti nonché per quelle attività di sostegno ritenute opportune e concordate tra operatori. D) Nelle situazioni in cui la Procura per i Minorenni, in seguito alla decisione del Tribunale per i Minorenni, conferisca mandato di eseguire immediatamente la restituzione del minore/dei minori ad un genitore, l' U.S.S.M può richiedere la collaborazione al Servizio Sociale Territoriale. La richiesta, anche per le vie brevi sarà formulata dalla Direzione U.S.S.M al Responsabile del Servizio Sociale al fine di potersi avvalere sia di eventuali operatori che di sedi sul luogo per favorire la riconsegna del minore/minori al genitore titolare. 6.Legge violenza sessuale (ex L.66/96) Pagina 9 di 11 Deliberazione della Giunta Esecutiva del Consorzio n. 9 del 30/06/2015

10 A) Nel caso che la Procura per i Minorenni o il Tribunale per i Minorenni richiedano un intervento all' U.S.S.M anche per le vittime, l' U.S.S.M invierà le comunicazioni di cui al punto 1.A (modulo 7) al fine anche di concordare una presa in carico del Servizio Sociale Territoriale o l'invio a Servizi sanitari specialistici della Azienda Sanitaria Locale. Pagina 10 di 11 Deliberazione della Giunta Esecutiva del Consorzio n. 9 del 30/06/2015

11 ALLEGATI parte integrante semplici Allegato A - Accordo tra la SdS Mugello e l Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni di Firenze X PUBBLICAZIONE N.. Registro Pubblicazione N..Registro Pubblicazione La presente deliberazione viene pubblicata oggi all Albo on line del Consorzio e vi rimarrà affissa per 15 giorni consecutivi. Borgo San Lorenzo, lì 18/07/2015 f.to L'ADDETTO ALLA SEGRETERIA La presente copia conforme all originale da servire per uso amministrativo. Borgo San Lorenzo, lì f.to L'ADDETTO ALLA SEGRETERIA da partecipare a: - Enti aderenti - Collegio Sindacale - Collegio di Direzione - Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni di Firenze Pagina 11 di 11 Deliberazione della Giunta Esecutiva del Consorzio n. 9 del 30/06/2015

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA DEL CONSORZIO N. 11 DEL 27.08.2014

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA DEL CONSORZIO N. 11 DEL 27.08.2014 Azienda USL 10 di Firenze - Comuni Zona Socio-Sanitaria del Mugello Società della Salute del Mugello C.F. e P. IVA 05517830484 Via Palmiro Togliatti, 29-50032 BORGO SAN LORENZO (FI) Tel. 0558451430 Fax

Dettagli

Azienda USL 10 di Firenze - Comuni Zona Socio-Sanitaria del Mugello PROVVEDIMENTO DEL DIRETTORE N. 47 DEL 12/05/2015

Azienda USL 10 di Firenze - Comuni Zona Socio-Sanitaria del Mugello PROVVEDIMENTO DEL DIRETTORE N. 47 DEL 12/05/2015 Azienda USL 10 di Firenze - Comuni Zona Socio-Sanitaria del Mugello Società della Salute del Mugello C.F. e P. IVA 05517830484 Via Palmiro Togliatti, 29-50032 BORGO SAN LORENZO (FI) Tel. 0558451430 Fax

Dettagli

STRUTTURA SEMPLICE ALTA INTEGRAZIONE E GESTIONE SERVIZI SOCIO - ASSISTENZIALI N. 109 DEL 23/12/2014

STRUTTURA SEMPLICE ALTA INTEGRAZIONE E GESTIONE SERVIZI SOCIO - ASSISTENZIALI N. 109 DEL 23/12/2014 A zie n d a USL 10 di Firen ze - Co m un i Zon a So cio-sanit aria de l Mugello Società della Salute del Mugello C.F. e P. IVA 05517830484 Via Palmiro Togliatti, 29-50032 BORGO SAN LORENZO (FI) Tel. 0558451430

Dettagli

STRUTTURA SEMPLICE ALTA INTEGRAZIONE E GESTIONE SERVIZI SOCIO - ASSISTENZIALI. PROVVEDIMENTO N. 04 del 13/01/2015

STRUTTURA SEMPLICE ALTA INTEGRAZIONE E GESTIONE SERVIZI SOCIO - ASSISTENZIALI. PROVVEDIMENTO N. 04 del 13/01/2015 A zie n d a USL 10 di Firen ze - Co m un i Zon a So cio-sanit aria de l Mugello Società della Salute del Mugello C.F. e P. IVA 05517830484 Via Palmiro Togliatti, 29-50032 BORGO SAN LORENZO (FI) Tel. 0558451430

Dettagli

Azienda USL 10 di Firenze - Comuni Zona Socio-Sanitaria del Mugello PROVVEDIMENTO DEL DIRETTORE N. 70 DEL 20/08/2015

Azienda USL 10 di Firenze - Comuni Zona Socio-Sanitaria del Mugello PROVVEDIMENTO DEL DIRETTORE N. 70 DEL 20/08/2015 Azienda USL 10 di Firenze - Comuni Zona Socio-Sanitaria del Mugello Società della Salute del Mugello C.F. e P. IVA 05517830484 Via Palmiro Togliatti, 29-50032 BORGO SAN LORENZO (FI) Tel. 0558451430 Fax

Dettagli

PROVVEDIMENTO DEL DIRETTORE N. 92 DEL 14/10/2014

PROVVEDIMENTO DEL DIRETTORE N. 92 DEL 14/10/2014 Azienda USL 10 di Firenze - Comuni Zona Socio-Sanitaria del Mugello Società della Salute del Mugello C.F. e P. IVA 05517830484 Via Palmiro Togliatti, 29-50032 BORGO SAN LORENZO (FI) Tel. 0558451430 Fax

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE Premessa normativa Art.1 - Principi generali Art.2 - Tipologia e modalità di affidamento Art.3 - Durata dell affidamento Art.4 - Come

Dettagli

Il Dirigente Dr.ssa Anna Bini

Il Dirigente Dr.ssa Anna Bini Deliberazione Esecutivo n. 20 del 30 marzo 2009 Oggetto: Approvazione Convenzione con l Associazione di Volontariato Artemisia per la realizzazione del PROGETTO contro la Violenza, gli abusi ed i maltrattamenti

Dettagli

Il Direttore Lucetta Tre Re. Deliberazione Giunta n. 15 del 14 novembre 2007

Il Direttore Lucetta Tre Re. Deliberazione Giunta n. 15 del 14 novembre 2007 Deliberazione Giunta n. 15 del 14 novembre 2007 Oggetto: Fase Pilota del progetto regionale di assistenza continuativa a persone non autosufficienti : accordo con Medici di Medicina Generale. presente

Dettagli

PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE

PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE Allegato B PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE PREMESSA Negli ultimi anni l attenzione al disagio in generale,

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO S.P.E.M.

PRESENTAZIONE PROGETTO S.P.E.M. PRESENTAZIONE PROGETTO S.P.E.M. PROGETTO S.P.E.M. S.P.E.M. Servizio di Progettazione Educativa Minori a rischio di recidiva Un Servizio Minorile nel settore della giustizia penale e civile per una maggiore

Dettagli

Presentazione del Mal.Ab. Gruppo specialistico interistituzionale contro il maltrattamento grave e l abuso ai minori.

Presentazione del Mal.Ab. Gruppo specialistico interistituzionale contro il maltrattamento grave e l abuso ai minori. Presentazione del Mal.Ab. Gruppo specialistico interistituzionale contro il maltrattamento grave e l abuso ai minori. Trieste, 1 dicembre 212 Il Mal.Ab. di Trieste Gruppo interistituzionale attivo dal

Dettagli

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento PROTOCOLLO D INTESA TRA L ASL DI BRESCIA E L AZIENDA SPECIALE CONSORTILE OVEST SOLIDALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO TUTELA MINORI INTERESSATI DA PROVVEDIMENTI DELLA MAGISTRATURA ANNO 2011 Premessa La

Dettagli

''Accordo Procedure Integrate di Intervento rivolte ai Minori coinvolti in ambito giudiziario

''Accordo Procedure Integrate di Intervento rivolte ai Minori coinvolti in ambito giudiziario ''Accordo Procedure Integrate di Intervento rivolte ai Minori coinvolti in ambito giudiziario 1 Premessa Il gruppo di lavoro denominato Interplus Minori, rappresentato dai referenti interistituzionali

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA 2 OGGETTO: INDIRIZZI IN MATERIA DI INTERVENTI SOCIO-SANITARI TERRITORIALI RELATIVI ALL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI CUI ALLA LEGGE 4 MAGGIO 1983, N.184, E SUCCESSIVE MODIFICHE LA VISTO

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. RITENUTO, per i motivi riportati nel predetto documento istruttorio e che vengono condivisi, di deliberare in merito;

LA GIUNTA REGIONALE. RITENUTO, per i motivi riportati nel predetto documento istruttorio e che vengono condivisi, di deliberare in merito; D.G.R. n. 869 del 17.6.2003, Indirizzi in materia di interventi socio-sanitari territoriali relativi all affidamento familiare di cui alla legge 4 maggio 1983, n.184, e successive modifiche (B.U.R. n.

Dettagli

DELIBERAZIONE del COMITATO DEI SINDACI

DELIBERAZIONE del COMITATO DEI SINDACI Ambito Sociale Territoriale n 3 Ente capofila Comunità Montana Catria e Nerone - Cagli Comuni di Acqualagna, Apecchio, Cagli, Cantiano, Piobbico DELIBERAZIONE COMITATO DEI SINDACI N 26 13.10.2003 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza della Giunta Comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza della Giunta Comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza della Giunta Comunale N. 393 del 05 settembre 2014 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

COMUNE DI RAPOLANO TERME DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI RAPOLANO TERME DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI RAPOLANO TERME COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Seduta del 01 settembre 2011 ore 16,40 Presso il Palazzo Comunale di Rapolano Terme Presiede SPANU Emiliano, Sindaco - Assiste Dr. CUCINOTTA

Dettagli

SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDINIEVOLE Piazza XX Settembre, 22 51017 Pescia (PT) Codice Fiscale 91025730473

SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDINIEVOLE Piazza XX Settembre, 22 51017 Pescia (PT) Codice Fiscale 91025730473 SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDINIEVOLE Piazza XX Settembre, 22 51017 Pescia (PT) Codice Fiscale 91025730473 DETERMINA DEL DIRETTORE n. 06 del 12.02.2015 Oggetto: Lavori di ristrutturazione dei fabbricati

Dettagli

ACCORDI OPERATIVI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE. Dipartimento Dipendenze Patologiche Ser.T. Carceri S.s.

ACCORDI OPERATIVI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE. Dipartimento Dipendenze Patologiche Ser.T. Carceri S.s. MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE ISTITUTO PENALE PER MINORENNI Cesare Beccaria Dipartimento Dipendenze Patologiche Ser.T. Carceri S.s. Minori ACCORDI OPERATIVI IN MERITO AGLI INTERVENTI

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 OGGETTO: Linee d indirizzo per lo sviluppo di una rete di servizi che garantisca livelli adeguati d intervento in materia di adozione internazionale. LA VISTO il documento istruttorio riportato in calce

Dettagli

PROTEZIONE E TUTELA DEI MINORI

PROTEZIONE E TUTELA DEI MINORI Conferenza Sindaci Ulss n.1 Belluno ULSS n.1 Belluno REGOLAMENTO SULLA DISCIPLINA DELLA DELEGA ALL U.L.S.S. N. 1 BELLUNO DELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE E TUTELA DEI MINORI AI SENSI DELL ART. 23 DEL D.P.R.

Dettagli

SOCIETA DELLA SALUTE DEL MUGELLO

SOCIETA DELLA SALUTE DEL MUGELLO Comunità Montana Mugello Azienda USL 10 di Firenze - Comuni Zona Socio-Sanitaria del Mugello SOCIETA DELLA SALUTE DEL MUGELLO Via Palmiro Togliatti, n 29-50032 BORGO SAN LORENZO (FI) - Tel. 0558451430

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA - Il Comune è l Ente titolare delle funzioni in materia di servizi sociali ai sensi dell art. 9 L.142/90 - Il Comune gestisce

Dettagli

ASSEMBLEA DEI SOCI. Deliberazione n. 18 del 18.05.2015

ASSEMBLEA DEI SOCI. Deliberazione n. 18 del 18.05.2015 ASSEMBLEA DEI SOCI Deliberazione n. 18 del 18.05.2015 OGGETTO: Approvazione modalità sperimentali di calcolo della compartecipazione ai costi del servizio di assistenza domiciliare e della soglia di accesso

Dettagli

COMUNE DI ROTA D'IMAGNA (Provincia di Bergamo)

COMUNE DI ROTA D'IMAGNA (Provincia di Bergamo) Via V.Emanuele n. 3 CAP 24037 Cod.Fisc. /Part. IVA: 00382800167 Tel: 035-86.80.68 Fax: 035-86.80.68 COMUNE DI ROTA D'IMAGNA (Provincia di Bergamo) Codice ente 10189 COPIA DELIBERAZIONE N. 11 in data: 07.03.2015

Dettagli

DETERMINA DEL DIRETTORE n. 79 del 20/06/2011

DETERMINA DEL DIRETTORE n. 79 del 20/06/2011 Società della Salute della Valdinievole Piazza XX Settembre, 22 51017 Pescia (PT) cod.fisc.91025730473 Tel. 0572 460475-464 - Fax 0572 460404 emai: segreteriasds@usl3.toscana.it DETERMINA DEL DIRETTORE

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

COMUNE di CAPUA. Provincia di Caserta COPIA. DELIBERAZIONE della GIUNTA MUNICIPALE. N 186 del 30.12.2013

COMUNE di CAPUA. Provincia di Caserta COPIA. DELIBERAZIONE della GIUNTA MUNICIPALE. N 186 del 30.12.2013 COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta COPIA di DELIBERAZIONE della GIUNTA MUNICIPALE N 186 del 30.12.2013 Oggetto: Rimborso spese legali per procedimento penale Provvedimenti. Ambito di Settore: Amm.vo

Dettagli

COMUNE DI BIBBIENA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AFFIDI FAMILIARI

COMUNE DI BIBBIENA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AFFIDI FAMILIARI COMUNE DI BIBBIENA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AFFIDI FAMILIARI Art. 1 premessa Art. 2 finalità e obiettivi del Servizio Art. 3 modalità e definizioni Art. 4 requisiti e Banca dati delle famiglie

Dettagli

1 Le fonti internazionali

1 Le fonti internazionali INSEGNAMENTO DI LEGISLAZIONE MINORILE LEZIONE II LE FONTI DEL DIRITTO MINORILE PROF. GUIDA GIANLUCA Indice 1 Le fonti internazionali -----------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Allegato A SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Il giorno., dell anno. alle ore., presso la sede

Dettagli

Legge regionale 29 luglio 2009, n. 18. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge:

Legge regionale 29 luglio 2009, n. 18. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge: Legge regionale 29 luglio 2009, n. 18 Istituzione del Garante regionale per l infanzia e l adolescenza. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA la seguente legge:

Dettagli

CITTA DI PIAZZA ARMERINA (Provincia Regionale di Enna)

CITTA DI PIAZZA ARMERINA (Provincia Regionale di Enna) CITTA DI PIAZZA ARMERINA (Provincia Regionale di Enna) Verbale del Registro delle Deliberazioni della Giunta Comunale N. 245 Reg. Data 03/11/2009 Oggetto: EROGAZIONE CONTRIBUTO PER SPESE FUNEBRI. L anno

Dettagli

Deliberazione Giunta Esecutiva n. 42 del 3 dicembre 2010

Deliberazione Giunta Esecutiva n. 42 del 3 dicembre 2010 Deliberazione Giunta Esecutiva n. 42 del 3 dicembre 2010 Oggetto: Approvazione Protocollo di Intesa tra Centro Affidi Comune di Firenze e Forum Toscano delle Associazioni per i diritti della Famiglia -

Dettagli

Società della Salute di Firenze ESECUTIVO

Società della Salute di Firenze ESECUTIVO Società della Salute di Firenze ESECUTIVO Comune di Firenze Deliberazione n. 62 del 4 ottobre 2006 Oggetto: Bilancio Preventivo 2006 Prima variazione. Azienda Sanitaria di Firenze presente assente Graziano

Dettagli

Deli bera zio ne del Direttore Generale n.

Deli bera zio ne del Direttore Generale n. A Z I E N D A S A N I T A R I A L O C A L E AL Sede legale: Viale Giolitti 2 15033 Casale Monferrato (AL) Partita IVA/Codice Fiscale n. 02190140067 Deli bera zio ne del Direttore Generale n. d el OGGETTO:

Dettagli

adempiere in modo sempre più qualificato alla funzione di controllo sociale, insita nella loro stessa ragione istituzionale.

adempiere in modo sempre più qualificato alla funzione di controllo sociale, insita nella loro stessa ragione istituzionale. Assessorato Regionale della Famiglia delle Politiche Sociali e delle Autonomie Locali Provincia Regionale di Caltanissetta Assessorato Politiche Sociali Casa Famiglia Rosetta Onlus Caltanissetta Necessità

Dettagli

COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali

COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali SCHEMA DI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA COLLABORAZIONE TRA IL COMUNE DI IGLESIAS, ENTI AUTORIZZATI E TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CAGLIARI, IN MATERIA

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI PIEVE D OLMI SEDUTA DEL 16 DICEMBRE 2015 Provincia di Cremona DELIBERAZIONE N. 87 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA CONFORME ALL ORIGINALE OGGETTO: ADESIONE ALLA CONVENZIONE

Dettagli

COMUNE DI BAREGGIO Provincia di Milano

COMUNE DI BAREGGIO Provincia di Milano COMUNE DI BAREGGIO Provincia di Milano Determinazione Numero Data Data esecutività SETTORE FAMIGLIA E SOLIDARIETA' SOCIALE 54 29/04/2013 03/05/2013 Oggetto: DETERMINAZIONE DI IMPEGNO DI SPESA PER MINORE

Dettagli

COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI

COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce (Settore Amministrativo) REGOLAMENTO COMUNALE DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI Vista la legge nazionale 184/83 che, agli artt. 1,2,3,4 e 5, disciplinando l affidamento

Dettagli

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Ambito Territoriale di Sesto Calende

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Ambito Territoriale di Sesto Calende REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Ambito Territoriale di Sesto Calende Documento prodotto dall Equipe di regia del Progetto I Custodi dei sogni Luisa Di Matteo, Marta Saraggiotto Comune di Vergiate

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA

DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA SOCIETA' DELLA SALUTE dell'alta Val di Cecina Comuni di: Volterra Pomarance Castelnuovo VC Montecatini VC Azienda USL 5 di Pisa Deliberazione n.43 del. 17.12.2015 DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA Oggetto:

Dettagli

COMUNE DI MEDE GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 39. Seduta del 7 MARZO 2011 ore 15.00. Presidente: GIORGIO GUARDAMAGNA SINDACO

COMUNE DI MEDE GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 39. Seduta del 7 MARZO 2011 ore 15.00. Presidente: GIORGIO GUARDAMAGNA SINDACO COMUNE DI MEDE GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 39 Seduta del 7 MARZO 2011 ore 15.00 Presidente: GIORGIO GUARDAMAGNA SINDACO Presenti gli Assessori comunali: MORENO BOLZONI ALBERTO GROSSI GUIDO

Dettagli

COMUNE DI GAETA Provincia di Latina DELIBERAZIONE DI GIUNTA

COMUNE DI GAETA Provincia di Latina DELIBERAZIONE DI GIUNTA COPIA COMUNE DI GAETA Provincia di Latina DELIBERAZIONE DI GIUNTA N 339 del 03/12/2015 OGGETTO Protocollo d'intesa tra il Comune di Gaeta ed il CESV - Centro di Servizi del Volontariato - finalizzato alla

Dettagli

COMUNE DI MARRADI Provincia di Firenze

COMUNE DI MARRADI Provincia di Firenze VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE N. 80 DEL 21 NOVEMBRE 2013 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE ANNO 2013 Assegnazione risorse finanziarie. L anno duemilatredici

Dettagli

ASSEMBLEA DEI SOCI. Deliberazione n. 24 del 30/09/2015

ASSEMBLEA DEI SOCI. Deliberazione n. 24 del 30/09/2015 ASSEMBLEA DEI SOCI Deliberazione n. 24 del 30/09/2015 OGGETTO: Progetto ministeriale in materia di Vita Indipendente ed inclusione nella società di persone con disabilità ai sensi del Decreto Direttoriale

Dettagli

DELIBERAZIONE del COMITATO DEI SINDACI

DELIBERAZIONE del COMITATO DEI SINDACI Ambito Sociale Territoriale n 3 Ente capofila Comunità Montana del Catria e Nerone - Cagli Comuni di Acqualagna, Apecchio, Cagli, Cantiano, Piobbico DELIBERAZIONE del COMITATO DEI SINDACI N 27 del 12.12.2003

Dettagli

COMUNE DI CLUSONE Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI CLUSONE Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA COMUNE DI CLUSONE Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERA N. 220 DEL 25/11/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO

Dettagli

Deliberazione Giunta Esecutiva n. 34 del 24/09/2012

Deliberazione Giunta Esecutiva n. 34 del 24/09/2012 Deliberazione Giunta Esecutiva n. 34 del 24/09/2012 Oggetto: Approvazione Protocollo di Intesa tra Centro Affidi Comune di Firenze e il Coordinamento UBI MINOR Coordinamento Associativo per la tutela e

Dettagli

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio Martina Zorz Assistente Sociale Comune di Locate Varesino martedì 28 Aprile 2015 I DATI Rete interprovinciale

Dettagli

Servizio di Sostegno Socio-Educativo per minori e giovani in condizione di disagio sociale, familiare e/o disabilità

Servizio di Sostegno Socio-Educativo per minori e giovani in condizione di disagio sociale, familiare e/o disabilità PROTOCOLLO OPERATIVO DEL SERVIZIO DI SOSTEGNO SOCIO-EDUCATIVO DOMICILIARE PER MINORI E GIOVANI IN CONDIZIONE DI DISAGIO SOCIALE, FAMILIARE E/O DISABILITA 1 1. INTERVENTO DI SOSTEGNO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO...

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO Reg. pubbl. N. ORIGINALE lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 594 DEL 09-09-2013 - SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - OGGETTO: Inserimento minore L.K. presso il Centro diurno

Dettagli

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che Protocollo d intesa metodologico-operativo tra la Provincia di Fermo Settore Formazione Professionale, Scuola e Politiche del Lavoro e Settore Politiche Sociali, gli Ambiti Territoriali Sociali XIX e XX

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA Provincia di Lucca Prefettura di Lucca Procura della

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE COPIA COMUNE di CIVITA D ANTINO (L AQUILA) VERBALE DI DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE N. 18 del Reg. del 22/02/2012 OGGETTO: Affidamento incarico di brokeraggio per l'analisi e la gestione dei rischi

Dettagli

COORDINAMENTO ITALIANO DEI SERVIZI CONTRO IL MALTRATTAMENTO E L'ABUSO ALL'INFANZIA

COORDINAMENTO ITALIANO DEI SERVIZI CONTRO IL MALTRATTAMENTO E L'ABUSO ALL'INFANZIA CISMAI COORDINAMENTO ITALIANO DEI SERVIZI CONTRO IL MALTRATTAMENTO E L'ABUSO ALL'INFANZIA Requisiti minimi dei Servizi contro il maltrattamento e l'abuso all'infanzia Premessa Il presente documento è finalizzato

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 27 DEL 23 MARZO 2015 O G G E T T O

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 27 DEL 23 MARZO 2015 O G G E T T O DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 27 DEL 23 MARZO 2015 O G G E T T O CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI NOCI E LA SCUOLA PER L INFANZIA PARITARIA E.GABRIELI AI SENSI DELLA L.R. N.31/2009 RINNOVO. L anno

Dettagli

Regione Emilia Romagna. AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE DI PARMA Strada del Quartiere n. 2/a Parma

Regione Emilia Romagna. AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE DI PARMA Strada del Quartiere n. 2/a Parma Regione Emilia Romagna AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE DI PARMA Strada del Quartiere n. 2/a Parma * * * * * VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL DIRETTORE GENERALE Deliberazione assunta il 30/04/2008 N.225

Dettagli

COMUNE DI TORLINO VIMERCATI PROVINCIA DI CREMONA

COMUNE DI TORLINO VIMERCATI PROVINCIA DI CREMONA COMUNE DI TORLINO VIMERCATI PROVINCIA DI CREMONA COPIA Codice ente 10808 0 Torlino Vimercati DELIBERAZIONE N. 36 in data 17.12.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: CONVENZIONE CON

Dettagli

Rete Antiviolenza Città di Livorno. Arma dei Carabinieri Livorno

Rete Antiviolenza Città di Livorno. Arma dei Carabinieri Livorno Rete Antiviolenza Città di Livorno Comune di Livorno Questura di Livorno Arma dei Carabinieri Livorno Azienda USL 6 Livorno Ippogrifo Associazione PROTOCOLLO DI INTESA TRA COMUNE DI LIVORNO/ASSESSORATO

Dettagli

Protocollo Operativo tutela minorile

Protocollo Operativo tutela minorile protocollo operativo 1 Protocollo Operativo tutela minorile Tra Tribunale per i Minorenni di L Aquila e Ordine Assistenti Sociali della Regione Abruzzo e Ambiti territoriali protocollo operativo 1 Protocollo

Dettagli

COMUNE DI FARRA DI SOLIGO PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI FARRA DI SOLIGO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI FARRA DI SOLIGO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Deliberazione n. 18 del 17-02-2014 immediatamente eseguibile Comunicata ai capigruppo consiliari il 24-02-2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA

Dettagli

WUD. L anno duemilaquattro, il giorno ventuno del mese di gennaio, presso la Prefettura di Milano, SUHPHVVR

WUD. L anno duemilaquattro, il giorno ventuno del mese di gennaio, presso la Prefettura di Milano, SUHPHVVR 35272&2//2',17(6$ 3(5 / $'2=,21(',,17(59(17,&225',1$7,1(// $77,9,7$ ', &2175$672$// $%8626(668$/(',0,125,(1(//$787(/$'(, 0,125,9,77,0(',$%8626(668$/( WUD 35()(7785$',0,/$12 H &2081(',0,/$12 352&85$'(//$5(38%%/,&$35(662,/75,%81$/(',0,/$12

Dettagli

Prefettura di Pordenone Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Pordenone Ufficio Territoriale del Governo PROTOCOLLO D'INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA Prefettura di Pordenone, Tribunale di

Dettagli

CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI ALTA IRPINIA REGOLAMENTO DELL AFFIDO FAMILIARE E DEGLI ALTRI SERVIZI PER LA TUTELA DEI MINORI (Legge 184/1983)

CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI ALTA IRPINIA REGOLAMENTO DELL AFFIDO FAMILIARE E DEGLI ALTRI SERVIZI PER LA TUTELA DEI MINORI (Legge 184/1983) CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI ALTA IRPINIA REGOLAMENTO DELL AFFIDO FAMILIARE E DEGLI ALTRI SERVIZI PER LA TUTELA DEI MINORI (Legge 184/1983) Articolo 1 (Oggetto del Regolamento) Oggetto del presente regolamento

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE 1 Art. 1- Oggetto e finalità Regolamento del servizio di affidamento familiare di minori L'affidamento

Dettagli

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile COPIA

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile COPIA COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA Ufficio Segreteria Codice Ente 10332 ANNO 2015 DELIBERAZIONE N. 46 del 26/06/2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile

Dettagli

DETERMINA DEL DIRETTORE n.2 del 17 Febbraio 2010. Oggetto: Sperimentazione dell assegno per l assistenza all anziano non autosufficiente.

DETERMINA DEL DIRETTORE n.2 del 17 Febbraio 2010. Oggetto: Sperimentazione dell assegno per l assistenza all anziano non autosufficiente. Società della Salute della Valdinievole Piazza XX Settembre, 22 51017 Pescia (PT) cod.fisc.91025730473 Tel. 0572 460475-464 - Fax 0572 460404 emai: segreteriasds@usl3.toscana.it DETERMINA DEL DIRETTORE

Dettagli

XVII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI - DOC. CX, N.l PRESENTAZIONE

XVII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI - DOC. CX, N.l PRESENTAZIONE Senato della Repubblica - 7 - Camera dei deputati PRESENTAZIONE La tutela dell infanzia costituisce un ambito di intervento di fondamentale rilevanza per il Governo italiano, rispetto al quale la protezione

Dettagli

Società della Salute di Firenze ESECUTIVO

Società della Salute di Firenze ESECUTIVO Società della Salute di Firenze ESECUTIVO Azienda Sanitaria di Firenze Comune di Firenze Deliberazione n. 52 del 12 Ottobre 2005 Oggetto: Approvazione schema di convenzione tra il Comune di Firenze Ufficio

Dettagli

- Di rinviare a successivi provvedimenti la ripartizione e la destinazione delle risorse residue.

- Di rinviare a successivi provvedimenti la ripartizione e la destinazione delle risorse residue. 70 17.9.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 38 b) Bilancio: integrazione di ulteriori 70.000 c) Tempi di realizzazione: 1 anno d) Soggetti da coinvolgere: Soggetti toscani partecipanti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL GARANTE DEI DIRITTI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA. TITOLO I Disposizioni generali

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL GARANTE DEI DIRITTI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA. TITOLO I Disposizioni generali Allegato 1 parte integrante della proposta di Deliberazione di Consiglio Comunale n. 603 avente ad oggetto: Istituzione del Garante dei Diritti per l Infanzia e l Adolescenza e contestuale approvazione

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Prot. n. (SOC/02/24740) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Viste: - la legge 5 febbraio 1992, n.104 Legge - quadro per l assistenza, l integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate ;

Dettagli

SCHEDA TECNICA INT. 17 All. A/10

SCHEDA TECNICA INT. 17 All. A/10 Settore Servizi Socio-Assistenziali U.O. Attuazione e Gestione Piano Infanzia e Adolescenza SCHEDA TECNICA INT. 17 All. A/10 Intervento Premessa Intervento integrativo in ambito penale di Giustizia Riparativa.

Dettagli

ASSEMBLEA DEI SOCI. OGGETTO: Schema Protocollo di Intesa fra Società della Salute e Dipartimento di Prevenzione Azienda USL 4 di Prato

ASSEMBLEA DEI SOCI. OGGETTO: Schema Protocollo di Intesa fra Società della Salute e Dipartimento di Prevenzione Azienda USL 4 di Prato ASSEMBLEA DEI SOCI Deliberazione n. 5 del 20.02.2012 OGGETTO: Schema Protocollo di Intesa fra Società della Salute e Dipartimento di Prevenzione Azienda USL 4 di Prato Allegato parte integrante Schema

Dettagli

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E NUMERO 105 DATA 10.12.2013 OGGETTO: Adozione dei cani randagi accalappiati nel Comune

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE INTEGRATA TERRITORIALE DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI USCITA DALLA VIOLENZA

PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE INTEGRATA TERRITORIALE DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI USCITA DALLA VIOLENZA PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE INTEGRATA TERRITORIALE DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI USCITA DALLA VIOLENZA PREMESSO che il Servizio Associato Pari Opportunità dell Unione dei Comuni Valdichiana Senese

Dettagli

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo)

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo) Costituita dai Comuni di: Beinette, Boves, Chiusa di Pesio, Entracque, Limone Piemonte, Peveragno, Pianfei, Roaschia, Robilante, Roccavione, Valdieri, Vernante Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante

Dettagli

Convenzione Costitutiva LR 40/2005 Art. 71 quater comma 2 lettera a)

Convenzione Costitutiva LR 40/2005 Art. 71 quater comma 2 lettera a) Convenzione Costitutiva LR 40/2005 Art. 71 quater comma 2 lettera a) INDICE ART. 1 COSTITUZIONE... ART. 2 DENOMINAZIONE E SEDE... ART. 3 FINALITÀ... ART. 4 DURATA... ART. 5 FUNZIONI... ART. 6 ATTIVITÀ

Dettagli

Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale

Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale COMUNE DI CALUSCO D ADDA Provincia di Bergamo Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale ORIGINALE N. 13 del 12/05/2014 OGGETTO: PRESA D'ATTO RECESSO CONSENSUALE DALLA CONVENZIONE DI SEGRETERIA. APPROVAZIONE

Dettagli

COMUNE DI GAETA Provincia di Latina

COMUNE DI GAETA Provincia di Latina COMUNE DI GAETA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DI GIUNTA N 253 del 29/09/2015 OGGETTO Partecipazione all Avviso pubblico regionale per la concessione e l erogazione di un finanziamento per il

Dettagli

Criteri di segnalazione nel casi di maltrattamento e abuso. Dott. G.B. Camerini Università di Modena e Reggio Emilia

Criteri di segnalazione nel casi di maltrattamento e abuso. Dott. G.B. Camerini Università di Modena e Reggio Emilia Criteri di segnalazione nel casi di maltrattamento e abuso Dott. G.B. Camerini Università di Modena e Reggio Emilia ALCUNI ELEMENTI GIURIDICI La segnalazione: chi la effettua La segnalazione all Autorità

Dettagli

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio)

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio) OGGETTO: Esame ed approvazione Regolamento del servizio di affidamento familiare. IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che la legge 08 novembre 2000, n. 328 Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato

Dettagli

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/7 PROCEDIMENTO ADOTTIVO E RACCOLTA DOCUMENTAZIONE Allegato al PROTOCOLLO OPERATIVO PER L'ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE 2008 Il presente

Dettagli

Intervento 20.3/2015 Progetto sperimentale di inserimento lavorativo occupazionale. Approvazione progetto in linea tecnica.

Intervento 20.3/2015 Progetto sperimentale di inserimento lavorativo occupazionale. Approvazione progetto in linea tecnica. ORIGINALE COMUNE DI MORI PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE n. 7 DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Intervento 20.3/2015 Progetto sperimentale di inserimento lavorativo occupazionale. Approvazione

Dettagli

copia n 372 del 04.12.2013

copia n 372 del 04.12.2013 CITTÀ DI AGROPOLI (Provincia di Salerno) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE copia n 372 del 04.12.2013 OGGETTO : DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N.303 DELL 8/10/2013, AVENTE AD OGGETTO : FONDO TENUTA

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE DELIBERAZIONE DI GIUNTA PROVINCIALE

PROVINCIA DI CROTONE DELIBERAZIONE DI GIUNTA PROVINCIALE A. P. DAL 30-07-2004 AL 14-08-2004 REG. GEN. N. 328 Data 28-07-2004 PRATICA N. DBGP - 415-2004 PROVINCIA DI CROTONE DELIBERAZIONE DI GIUNTA PROVINCIALE OGGETTO: AMP ATTIVAZIONE INTERVENTO AI 1 PROGETTO

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA. tra

PROTOCOLLO DI INTESA. tra N. 35 Registro di raccolta dei contratti REGIONE AUTONOMA TRENTINO-ALTO ADIGE/SǕDTIROL CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROTOCOLLO DI INTESA tra la Regione Autonoma Trentino-Alto Adige/Südtirol

Dettagli

196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154

196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154 196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154 Linee di indirizzo Modello di convenzione fra Provincie, Aziende UU.SS.LL., Società della Salute/

Dettagli

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI (Provincia di Napoli)

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI (Provincia di Napoli) CIG: ZEA1783F9C COMUNE DI MELITO DI NAPOLI (Provincia di Napoli) ENTE CAPOFILA AMBITO TERRITORIALE N 16 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO SUPPORTO AI SERVIZI SOCIALI PROFESSIONALI

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA Procedure per l attivazione di forme di accoglienza dei bambini in carcere con la madre

PROTOCOLLO DI INTESA Procedure per l attivazione di forme di accoglienza dei bambini in carcere con la madre PREMESSA PROTOCOLLO DI INTESA Procedure per l attivazione di forme di accoglienza dei bambini in carcere con la madre La legge Italiana n. 62 del 2012 fissa a 6 anni il limite di età dell accoglienza dei

Dettagli

Regione Piemonte VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 30 DEL 29/05/2015

Regione Piemonte VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 30 DEL 29/05/2015 COPIA COMUNE DI STRAMBINELLO Provincia di Torino Regione Piemonte VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 30 DEL 29/05/2015 Oggetto: PROPOSTA DI SCHEMA DI BILANCIO PER L'ANNO FINANZIARIO 2015

Dettagli

DETERMINA DEL DIRETTORE n 64 del 24/05/2011

DETERMINA DEL DIRETTORE n 64 del 24/05/2011 Società della Salute della Valdinievole Piazza XX Settembre, 22 51017 Pescia (PT) cod.fisc.91025730473 Tel. 0572 460475-464 - Fax 0572 460404 emai: segreteriasds@usl3.toscana.it DETERMINA DEL DIRETTORE

Dettagli

2. IL CONSULTORIO FAMILIARE

2. IL CONSULTORIO FAMILIARE 2. IL CONSULTORIO FAMILIARE 2.1 Consultorio familiare a livello nazionale I Consultori Familiari sono stati istituiti con la legge n. 405 del 29 luglio 1975. La decisione politica di istituirli è maturata

Dettagli

COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE

COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE CODICE ENTE 012022 COPIA ALBO ON LINE Via Bernardino Luini n. 6; C.A.P. 21030; TEL.: 0332 575103 -FAX: 0332576443 E-MAIL: ragioneria@comune.brissago-valtravaglia.va.it

Dettagli

COMUNE DI PALOSCO Provincia di Bergamo

COMUNE DI PALOSCO Provincia di Bergamo COMUNE DI PALOSCO Provincia di Bergamo mail: protocollo@comune.palosco.bg.it - pec: protocollo@pec.comune.palosco.bg.it sito istituzionale: www.comune.palosco.bg.it CODICE COMUNE 10161 Deliberazione G.C.

Dettagli