Azienda USL 10 di Firenze - Comuni Zona Socio-Sanitaria del Mugello DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA DEL CONSORZIO N.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Azienda USL 10 di Firenze - Comuni Zona Socio-Sanitaria del Mugello DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA DEL CONSORZIO N."

Transcript

1 Azienda USL 10 di Firenze - Comuni Zona Socio-Sanitaria del Mugello Società della Salute del Mugello C.F. e P. IVA Via Palmiro Togliatti, BORGO SAN LORENZO (FI) Tel Fax posta elettronica certificata: DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA DEL CONSORZIO N. 9 DEL 30/06/2015 Oggetto: Competenze in materia di tutela minorile : Accordo tra l Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni di Firenze e la Società della Salute del Mugello f.to Il Presidente Ing. Roberto Izzo coadiuvato da f.to Il Direttore Dott. Massimo Principe Struttura proponente: Alta integrazione e gestione dei servizi socioassistenziali f.to La Responsabile Dr.ssa Lucilla Borselli Parere di regolarità tecnica del presente atto ai sensi dell art. 49 del D.Lgs. n. 267/2000. f.to Dr.ssa Lucilla Borselli Immediatamente esecutiva Pubblicata all albo pretorio il 03/07/2015 fino al 18/07/2015 Allegati parte integrante: N 1 Allegati semplici: N Parere di regolarità contabile ai sensi dell art. art. 151 comma 4 del D.Lgs. n. 267/2000. f.to Il Responsabile Ufficio bilancio, programmazione e supporto contabilità Paolo Goni Costo presunto esercizio 2015 : 0 L anno duemilaquindici, il giorno 30 giugno alle ore 8,30 nella Sala riunioni dell'azienda Sanitaria di Firenze in Via P. Togliatti 29 a Borgo San Lorenzo, si è riunita la Giunta Esecutiva, su convocazione del Presidente. Risultano presenti: Ente Rappresentante presente assente Barberino di Mugello Giuliano Biancalani membro x Borgo San Lorenzo Ilaria Bonanni membro x Marradi Marzia Gentilini membro x Scarperia e San Piero Fiammetta Capirossi membro x S.d.S. Mugello Roberto Izzo presidente x Azienda USL 10 FI Paolo Morello Marchese membro x Riconosciuta la validità della seduta per la presenza della maggioranza dei componenti: Pagina 1 di 11 Deliberazione della Giunta Esecutiva del Consorzio n. 9 del 30/06/2015

2 LA GIUNTA ESECUTIVA DELLA SOCIETA DELLA SALUTE DEL MUGELLO VISTO la L.R.T. n. 40/2005 e ss.ii.mm. Disciplina del servizio sanitario regionale che agli artt. 71 e seguenti istituisce le Società della Salute quali enti per l integrazione delle attività sanitarie, sociosanitarie territoriali e socio-assistenziali; DATO ATTO che nella seduta assembleare di questa SdS del 23/12/2009, alla presenza dei rappresentanti degli Enti che partecipano al Consorzio, il notaio incaricato ha proceduto con atto pubblico al rogito della modifica della Convenzione costitutiva e dello Statuto a seguito della presa visione degli atti già approvati dai Consigli comunali e dal Direttore generale dell Azienda U.S.L. 10 di Firenze; VISTA la Legge Regione Toscana n. 44 del 29 luglio 2014, Modifiche alla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40 (Disciplina del servizio sanitario regionale); VISTA la Legge 8 novembre 2000 n.328 Legge Quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali ; VISTO il quadro dei compiti istituzionali previsti dalla normativa vigente ed in particolare dalla legge istitutiva del Tribunale per i Minorenni, Legge 1404/34, da quella istitutiva del Servizio Sociale per i Minorenni, Legge n.1085/62, dall Ordinamento Penitenziario, Legge n.354/75, dal relativo Regolamento di Esecuzione, D.P.R. 230/2000, dalle Disposizioni sul processo penale a carico di imputati minorenni, D.P.R. n. 448/88 e dalle relative norme di attuazione, D. Lgs 272/89, CONSIDERATO CHE il Servizio Sociale interviene, con piena autonomia tecnico-professionale nell ambito della competenza penale, civile e amministrativa del Tribunale per i minorenni, per i giovani, residenti nel territorio della Regione Toscana e per l Ufficio per il Servizio Sociale Minorenni di Firenze fino ai ventuno anni che hanno riportato denunce tra i 14 e i 18 anni di età e per la competenza civile nelle situazioni previste dalla L.64/94 (sottrazione internazionale) e dalla L.66/96 (abusi sessuali); PRESO ATTO della collaborazione proficuamente realizzata in questi anni fra la Società della Salute Mugello e l Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni di Firenze per realizzare la tutela di soggetti minorenni come da citata normativa; VISTE le deliberazioni dell'assemblea - n. 26 del 29/12/2014, con la quale l'assemblea stessa ha manifestato la volontà di continuare la gestione unitaria in capo alla SdS Mugello dell intero complesso di funzioni sociali e sociosanitarie affidatele ai sensi della Convenzione, registrata con rogito notarile il 23/12/2009 reg. n del 30/12/2009; deciso di trasmettere la documentazione che attesta l esistenza dei requisiti previsti dall art. 71 novies decies della LRT n. 40/2005 modificata dalla LRT n. 44/2014, come indicato nel verbale della Conferenza dei Sindaci del 3 dicembre, entro il termine del 31 marzo 2015, data entro la quale, visto l art 71 vicies comma 3 della stessa LRT n.44, sarà resa definitiva la valutazione in ordine al mantenimento del Consorzio; - n. 3 del , avente ad oggetto Declaratoria S.d.S. in ordine all'art. 71 novies decies della L.R.T. n. 40/2005 e smi. Trasmissione alla Regione Toscana della documentazione richiesta ; Pagina 2 di 11 Deliberazione della Giunta Esecutiva del Consorzio n. 9 del 30/06/2015

3 RITENUTO di approvare l Accordo tra la SdS Mugello e l Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni di Firenze, di cui all allegato A parte integrante e sostanziale del presente atto, che prevede una sperimentazione di 18 mesi VISTA la nota prot del 26 giugno 2015, agli atti di questa SdS, con la quale il Direttore Generale dell'azienda Sanitaria di Firenze Dott. Paolo Morello Marchese, esaminati gli atti all'ordine del giorno di questa Giunta Esecutiva, esprime parere favorevole; all unanimità dei presenti con le modalità previste dall art. 15 c. 4 dello Statuto della Società della Salute Mugello D E L I B E R A Per i motivi espressi in narrativa e qui integralmente richiamati a farne parte integrante e sostanziale del presente atto: 1) DI APPROVARE l Accordo tra la SdS Mugello e l Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni di Firenze, di cui all allegato A parte integrante e sostanziale del presente atto, che prevede una sperimentazione di 18 mesi 2) DI DARE ATTO che il presente atto non comporta oneri aggiuntivi per la SdS Mugello 3) DI PUBBLICARE il presente atto all Albo della SdS per quindici giorni consecutivi e sul sito istituzione della SdS 4) DI TRASMETTERE il presente atto agli Enti aderenti, al Collegio Sindacale, al Collegio di Direzione, all Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni di Firenze, f.to IL DIRETTORE (Dr. Massimo Principe) f.to IL PRESIDENTE (Ing. Roberto Izzo) Pagina 3 di 11 Deliberazione della Giunta Esecutiva del Consorzio n. 9 del 30/06/2015

4 ACCORDO TRA UFFICIO DI SERVIZIO SOCIALE PER I MINORENNI DI FIRENZE E SOCIETA DELLA SALUTE DEL MUGELLO Premesso: che l Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni (U.S.S.M.) è un ufficio periferico con competenza regionale del Dipartimento Giustizia Minorile, e che con gli altri servizi minorili periferici, l Istituto Penale per i Minorenni (I.P.M.) e il Centro di Prima Accoglienza (C.P.A.), dipende gerarchicamente e funzionalmente dal Centro Giustizia Minorile (C.G.M.)Toscana ed Umbria con sede in Firenze, d'ora in avanti indicati per brevità con le sigle; che nel quadro dei compiti istituzionali previsti dalla normativa vigente ed in particolare dalla legge istitutiva del Tribunale per i Minorenni, Legge 1404/34, da quella istitutiva del Servizio Sociale per i Minorenni, Legge n.1085/62, dall Ordinamento Penitenziario, Legge n.354/75, dal relativo Regolamento di Esecuzione, D.P.R. 230/2000, dalle Disposizioni sul processo penale a carico di imputati minorenni, D.P.R. n. 448/88 e dalle relative norme di attuazione, D. Lgs 272/89, il Servizio Sociale interviene, con piena autonomia tecnico-professionale nell ambito della competenza penale del Tribunale per i minorenni, per i giovani, residenti nel territorio della Regione Toscana (con esclusione provincia di Massa Carrara), fino ai ventuno anni che hanno riportato denunce tra i 14 e i 18 anni di età e per la competenza civile nelle situazioni previste dalla L.64/94 (sottrazione internazionale) e dalla L.66/96 (abusi sessuali); che l U.S.S.M. svolge interventi finalizzati, nelle diverse fasi processuali, alla conoscenza delle condizioni e delle risorse personali, familiari, sociali e ambientali del minorenne al fine di contribuire, anche con ipotesi progettuali, al processo di decisione dell Autorità Giudiziaria Minorile;che attiva percorsi di crescita e responsabilizzazione del minore;che svolge interventi di aiuto sostegno e controllo nella fase di attuazione dei provvedimenti della magistratura; che l' U.S.S.M. svolge la funzione di garante dell unitarietà e personalizzazione del progetto socio-educativo, nei diversi istituti giuridici, e concorre all attuazione degli interventi di protezione giuridica del minore e di prevenzione e recupero della devianza in applicazione della normativa vigente, con l'obiettivo di promuovere benessere e sviluppo dell adolescente, di promuovere interventi nella comunità locale e di implementare interazioni e sinergie tra sistemi; che l' U.S.S.M. per la propria operatività ha adottato delle procedure interne e linee guida per salvaguardare l'unitarietà ed oggettività delle azioni professionali; che il Dipartimento per la Giustizia Minorile ha disposto, con nota 9616 del 23 marzo 2011, le Linee di orientamento Tecniche Operative. E Che l Ente Locale è titolare degli interventi a favore dei minori residenti nel territorio comunale ovvero temporaneamente presenti ma privi degli esercenti la potestà genitoriale e in situazioni di disagio. Il Comune, oltre ai compiti di prevenzione del disagio minorile e di promozione dei diritti dell infanzia e dell adolescenza,mette in atto interventi di sostegno ai nuclei familiari di origine,nonché a favore delle gestanti e madri in difficoltà (art.22 L.328/00); Pagina 4 di 11 Deliberazione della Giunta Esecutiva del Consorzio n. 9 del 30/06/2015

5 Che la Regione Toscana con la legge regionale 24 febbraio 2005, n. 41 (Sistema integrato di interventi e servizi per la tutela dei diritti di cittadinanza sociale) conferma il Comune quale titolare per la realizzazione del sistema integrato degli interventi e dei Servizi Sociali volti a garantire al minore la protezione e le cure necessarie per il suo benessere e a promuoverne il pieno ed armonico sviluppo psicofisico, l educazione e la crescita in un idoneo ambiente familiare e sociale. Il Comune ha competenza in materia di minori e giovani, anche soggetti a Provvedimenti dell Autorità Giudiziaria Minorile, nell ambito della competenza amministrativa e civile, come previsto dalla normativa nazionale a partire dal D.P.R. n. 616/77 ( art. 23 lettera c), sino alla realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali disegnato dalla Legge quadro di riforma dell assistenza, n. 328/00; Che i Comuni della Zona socio sanitaria Mugello hanno delegato alla Società della salute Mugello le funzioni relative alla tutela dei minori e gli interventi a favore dei minori residenti nel territorio comunale ovvero temporaneamente presenti ma privi degli esercenti la potestà genitoriale e in situazioni di disagio. La normativa indica che devono essere compresi fra i servizi di base anche gli interventi multidisciplinari e di integrazione sociosanitaria per la tutela e la cura nonché le azioni di contrasto contro lo sfruttamento,la violenza,il maltrattamento verso le donne ed i minori,con particolare attenzione alla violenza assistita,il sostegno psicologico,legale e sociale e l organizzazione di case e centri antiviolenza; E' importante che, si confermi una metodologia di lavoro interdisciplinare che favorisca una migliore tutela dei minori attraverso una più stretta collaborazione, condivisa, tra le istituzioni a vario titolo coinvolte, di percorsi operativi. Il preminente interesse del minore è infatti efficacemente perseguito se sistema giudiziario e sistema dei servizi riescono a trovare un modus operandi comune. L'interdisciplinarietà è, infatti uno dei principali veicoli di protezione dell'età evolutiva (così come indicato nella Legge 176/91 di ratifica ed esecuzione della Convenzione sui diritti del fanciullo di New York del 20/11/1989). Che ai Servizi Sociali Territoriali spettano inoltre gli obblighi di tutela minorile e la competenza nei procedimenti Civili ed Amministrativi instaurati dal Tribunale per i Minorenni; Tali competenze vengono esercitate per i Comuni della Zona socio-sanitaria del Mugello dalla Società della Salute del Mugello attraverso il Sociale Integrato Mugello, per quanto concerne i minori residenti nei territori comunali Che, sia il D.P.R.448/88, recante disposizioni sul processo penale minorile, sia il D.L.G.S. 272/89, attuativo del D.P.R.448/88 sottolineano l importanza della collaborazione tra Servizio Sociale della Giustizia e Servizi territoriali ( artt. 27 e 28 ); Visti i Protocolli d'intesa e l'accordo Operativo sottoscritti in data 27 gennaio 2010 tra Ministero della Giustizia, Regione Toscana, Provveditorato Regionale dell'amministrazione Penitenziaria e Centro per la Giustizia Minorile per la Toscana e l'umbria, volti alla tutela del diritto alla salute e a salvaguardare interventi unitari e di collaborazione sia per l'area penale interna che esterna; la Delibera della Giunta Regionale Toscana n.505 del Tutela della salute dei minori:modalità operative per la presa in carico dei minori sottoposti a procedimento penale. Valutata l'opportunità di : 1. formalizzare e consolidare il rapporto di collaborazione già sperimentato dal Servizio Sociale Territoriale e dall Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni, individuando forme di collaborazione Pagina 5 di 11 Deliberazione della Giunta Esecutiva del Consorzio n. 9 del 30/06/2015

6 condivise, un linguaggio tecnico professionale comune e prassi operative omogenee e strutturate, tali da valorizzare il comune ambito d intervento rappresentato dalla tutela minorile, nello specifico percorso del circuito penale, evitando sovrapposizioni e disfunzioni tra i due Servizi; 2. garantire a tutti i minori e/o giovani una presa in carico qualitativamente e professionalmente completa ed unitaria; 3. fornire all Autorità Giudiziaria procedente, anche attraverso una risposta congiunta visto il presente accordo, tutte le informazioni utili e necessarie per l'adozione delle misure ritenute idonee a non interrompere i processi educativi in atto dei minori e/o giovani sottoposti a procedimento penale; si concorda di formalizzare il presente Accordo tra la Società della Salute del Mugello, l ufficio CGM Toscana individuando quali organi tecnici di attuazione il Servizio Sociale Territoriale della Zona Mugello e l' Ufficio di Servizio Sociale Minorenni (U.S.S.M.) di Firenze. La Procedura allegata è parte integrante dell'accordo. Si stabilisce altresì che il presente Accordo abbia durata sperimentale di 18 mesi dalla sua sottoscrizione al termine dei quali potrà essere definita una collaborazione stabile. Il periodo di sperimentazione consente di procedere in itinere alle modifiche metodologiche che si rendessero necessarie per il miglioramento delle prassi operative avvalendosi degli esiti di periodiche verifiche effettuate secondo modalità specifiche all'interno dei singoli Servizi. In tal senso si prevede anche la possibilità, qualora uno degli enti organizzi percorsi auto-formativi e/o formativi, di apertura alla partecipazione degli operatori dell'altro Servizio, in numero di volta in volta concordato, nonché di ipotizzare spazi per una formazione congiunta e progettualità specifiche. Visto ed approvato il Il Dirigente CGM Toscana e Umbria Dott. Giuseppe CENTOMANI Il Direttore della SdS Mugello Dott. Massimo Principe Il Coordinatore del Servizio Sociale Prof.le ALLEGATO : -Procedura operativa Dott.ssa Merj Cai Pagina 6 di 11 Deliberazione della Giunta Esecutiva del Consorzio n. 9 del 30/06/2015

7 Procedura operativa 1.Minori e giovani con denuncia a piede libero. A) All'apertura del fascicolo l U.S.S.M. nelle situazioni di minori e giovani denunciati a piede libero e residenti nella zona Mugello per i quali non c è stata una precedente conoscenza congiunta, invia al Responsabile del Servizio una segnalazione scritta (modulo 1) contenente i dati anagrafici del minore/giovane e il nome dell operatore incaricato del caso.nelle situazioni dove i minori/giovani e o le loro famiglie sono collaboratori di giustizia particolare attenzione dovrà essere riposta nelle comunicazioni da effettuarsi con la dovuta riservatezza anche tramite l'uso della posta certificata e tra Responsabili dei Servizi. B) Il Servizio Sociale Territoriale risponderà all U.S.S.M. entro 10 giorni lavorativi di norma,dalla comunicazione sopra indicata, corredandola delle notizie ivi richieste e allegando eventuale documentazione professionale. C)Nel caso che il Tribunale per i Minorenni e/o la Procura per i Minorenni richiedano ad entrambi i Servizi di svolgere indagini ai sensi ex art.6 d.p.r. 448/88, in virtù di quanto sopra e della presente intesa, i Servizi concorderanno al fine di evitare sovrapposizioni e duplicazioni degli interventi le modalità operative di presa in carico, dandone comunicazione all'autorità Giudiziaria procedente tramite appositi moduli (moduli 2 e 3). D) Se il caso è conosciuto dal territorio gli assistenti sociali incaricati dovranno prendere accordi per una eventuale immediata presa in carico, e per stabilire modalità operative congiunte per la gestione del caso. Tali modalità dovranno risultare per iscritto nel diario degli interventi all'interno del fascicolo personale sul caso in uso in ogni Servizio. Tra le modalità rientra anche la relazione da inviare alla magistratura che potrà essere scritta congiuntamente ma la firma autografa dell'operatore dovrà essere apposta soltanto per il proprio ente. Pertanto la relazione dovrà eventualmente contenere la seguente dicitura:il presente intervento è stato condotto congiuntamente con l'a.s. del e/o la presente relazione è stata elaborata congiuntamente con l'a.s. del. Il Servizio che trasmetterà la relazione all'autorità giudiziaria procedente dovrà inviarne copia all'altro Servizio. E) Se il caso non è conosciuto dal territorio, e non vi siano diversi accordi tra gli operatori incaricati, l'assistente sociale dell' U.S.S.M. provvederà ad incontrare il minore ed i familiari e successivamente se ritenuto opportuno valuterà la necessità di coinvolgimento dei servizi sociali territoriali (modulo 4 e modulo 4a). F) Nelle situazioni di presa in carico congiunta,i Servizi assicureranno la possibilità di usufruire di risorse presenti sul territorio anche con procedure individuate appositamente,tenuto conto dei Regolamenti vigenti. L'U.S.S.M. fornirà a sua volta l'elenco delle risorse con cui è attiva una collaborazione al fine di facilitare l'interscambio delle opportunità territoriali. G) Se il caso è condotto congiuntamente per comunicare l'esito udienza e/o per concludere l'intervento l'assistente sociale U.S.S.M. compilerà il modulo 5 che sarà inviato al Responsabile del Servizio Sociale territoriale. H ) L U.S.S.M., al fine di favorire un rapido intervento e per facilitare la comunicazione segnalerà non appena a sua conoscenza, i casi in cui nel corso del procedimento penale l Autorità Giudiziaria abbia disposto in favore del minore o il prolungamento assistenziale fino al 21 anno d età o l apertura di un procedimento amministrativo. I) Si ritiene opportuno attivare la segnalazione di cui al punto A) anche per quei minori non conosciuti dall' U.S.S.M., sono rimessi in libertà senza un mandato specifico dall' A.G. (modulo 6). 2.Minori sottoposti a misure cautelari (ex artt d.p.r. 448/88) Pagina 7 di 11 Deliberazione della Giunta Esecutiva del Consorzio n. 9 del 30/06/2015

8 A) L'assistente sociale U.S.S.M. nel condurre interventi rivolti all'applicazione delle misure terrà presente quanto disposto nelle apposite Linee guida del Servizio sul tema. B) Nel caso che il minore entri nel circuito penale con l'applicazione di una misura cautelare e transiti o meno dal CPA, si prevede la comunicazione come delineata alla lettera A del punto 1. Se già conosciuto e dove l'intervento è condotto congiuntamente, gli assistenti sociali incaricati concorderanno, anche per le vie brevi, modalità operative sia in funzione della misura applicata al minore che per garantire la continuità assistenziale ed il raccordo con altri Servizi (es. collocamento in comunità su altro territorio). Data la particolarità delle misure è necessario che le comunicazioni siano tempestive ed avvengano entro 3-5 giorni lavorativi al massimo. C) Le modalità operative dovranno essere chiare ed esplicite tenendo conto della titolarità e della responsabilità circa il rispetto ed il controllo sull'applicazione delle misure al fine anche di relazionarsi con correttezza ed immediatezza con la magistratura competente (ad esempio per le necessarie autorizzazioni allo svolgimento di qualsiasi attività che non sia già stata prevista nell'ordinanza). D) In particolare nelle situazioni in cui siano presenti prescrizioni e sia prevista la permanenza presso il domicilio il Servizio Sociale territoriale assicura la possibilità di usufruire in tempi brevi e proporzionali alla misura applicata di attività e risorse presenti sul territorio secondo i regolamenti e le risorse esistenti. E) L U.S.S.M. segnalerà al Servizio Sociale Territoriale entro cinque giorni dalla loro attuazione i collocamenti in comunità di minori sottoposti a procedimento penale e contestualmente, se già noto, il termine della misura. F) Anche nel caso dell'applicazione della custodia cautelare in I.P.M. il Servizio Sociale Territoriale offriranno il loro eventuale contributo alla conoscenza del nucleo familiare se in carico al territorio e parteciperanno attivamente alla progettualità rivolta al minore per la fase di dimissione, prendendo parte se concordato, alle équipes in I.P.M. 3.Minori e giovani sottoposti alla messa alla prova (ex art.28 d.p.r. 448/88 e art 27 d.lgs 272/89) A) L'assistente sociale U.S.S.M nel condurre interventi rivolti all'elaborazione e realizzazione della messa alla prova terrà presente quanto disposto nelle apposite Linee guida del Servizio sul tema. B) Nel caso che l'intervento rivolto al minore o al giovane sia stato condotto congiuntamente la proposta di sospensione di messa alla prova ed il relativo progetto, redatto ai sensi art.27 d.lgs 272/89, dovrà contenere le modalità di coinvolgimento e i compiti dei singoli operatori. C) Nell'ipotesi invece che il caso sia stato seguito soltanto dall'assistente sociale dell' U.S.S.M. i Servizi sociali territoriali offriranno il proprio contributo attraverso la disponibilità di eventuali attività e risorse ritenute idonee per l'inserimento del minore o del giovane (modulo 4 a), nei limiti e con le modalità previste dai regolamenti. D) Nel caso di minori e giovani che a seguito di problematiche e carenze familiari siano già collocati in strutture con affidamento ai Servizi Sociali Territoriali e gli operatori di entrambi i Servizi ritengono opportuno avanzare la proposta di messa alla prova il progetto dovrà essere concordato. E) Nella situazione di minori non conosciuti dal territorio qualora l'assistente sociale dell' U.S.S.M. ritenga di proporre la messa alla prova in comunità, si ritiene opportuno avviare tempestivamente la collaborazione con i servizi sociali territoriali al fine anche dell'intervento per provvedimenti in sede civile o amministrativa, e/ o per il periodo che può intercorrere tra la cessazione della misura cautelare e la concessione della messa alla prova. F) Per ciò che riguarda l'assunzione degli oneri economici nelle situazioni di cui ai punti precedentemente illustrati si rimanda alle disposizioni normative e dipartimentali in materia nonché ad eventuali e futuri accordi tra gli uffici competenti sia del Centro Giustizia Minorile e la Società della Salute della zona Mugello Pagina 8 di 11 Deliberazione della Giunta Esecutiva del Consorzio n. 9 del 30/06/2015

9 G) Nel caso di minori con problematiche connesse all'uso e abuso di sostanze stupefacenti e /o con patologie psichiatriche, gli operatori sia U.S.S.M che del Servizio Sociale Territoriale dovranno coinvolgere i Servizi sanitari specialistici competenti al fine di prevedere diagnosi precise, per una presa in carico, e per favorire la scelta e l'individuazione di comunità adeguate da parte degli stessi Servizi sanitari con l'assunzione degli oneri economici, ai sensi della normativa vigente. 4. Minori e giovani sottoposti a misure alternative e sostitutive (ex Ordinamento Penitenziario Legge n.354/75, Regolamento di Esecuzione, D.P.R. 230/2000. L. 199/2010) A) Di norma la concessione di tali misure si verifica successivamente ad una conoscenza o presa in carico pregressa per cui si sono espletate le procedure di cui al punto 1.A; nel caso contrario si effettueranno le stesse. B) A seguito della comunicazione dell U.S.S.M, che potrà avvenire come richiamato al punto 1. A o per le vie brevi se già conosciuto e dove l'intervento è condotto congiuntamente, gli Assistenti Sociali concorderanno modalità operative sia in funzione della misura applicata al minore che per garantire la continuità assistenziale ed il raccordo con altri Servizi. C) Tali modalità dovranno essere chiare ed esplicite tenendo conto della titolarità e della responsabilità del controllo concernente l'esecuzione delle misure al fine di relazionarsi con correttezza ed immediatezza con la magistratura competente (ad esempio per le necessarie autorizzazioni allo svolgimento di qualsiasi attività che non sia già stata prevista nell'ordinanza). D) Per ciò che riguarda l'assunzione degli oneri economici nelle situazioni di cui ai punti precedentemente illustrati si rimanda alle disposizioni normative e dipartimentali in materia nonché ad eventuali accordi tra gli uffici competenti sia del Centro Giustizia Minorile che della zona Mugello. 5.Sottrazione internazionale (ex. L.64/94) A) Nel caso che l' U.S.S.M riceva il mandato di elaborare un'indagine sociale prima della celebrazione dell'udienza, saranno richieste informazioni e avviate le comunicazioni di cui al punto 1. A al fine di verificare eventuali interventi già svolti dal Servizio Sociale Territoriale (modulo 7). B) Nel caso che l' U.S.S.M riceva l'avviso di celebrazione dell'udienza, l'assistente Sociale incaricata verificherà all'interno del fascicolo processuale eventuale documentazione agli atti e parteciperà all'udienza raccogliendo tutte le informazioni necessarie per gli eventuali interventi successivi e/o comunicazioni da trasmettere se richiesto, dall'autorità Giudiziaria, ai Servizi Sociali Territoriali e/o servizi sanitari specialistici coinvolti. C) Nel caso che il Tribunale per i Minorenni richieda all' U.S.S.M di garantire il diritto di visita ad uno dei genitori il Servizio Sociale Territoriale offrirà la propria collaborazione per la ricerca e messa a disposizione di strutture e risorse idonee nei limiti e con le modalità previste dai Regolamenti nonché per quelle attività di sostegno ritenute opportune e concordate tra operatori. D) Nelle situazioni in cui la Procura per i Minorenni, in seguito alla decisione del Tribunale per i Minorenni, conferisca mandato di eseguire immediatamente la restituzione del minore/dei minori ad un genitore, l' U.S.S.M può richiedere la collaborazione al Servizio Sociale Territoriale. La richiesta, anche per le vie brevi sarà formulata dalla Direzione U.S.S.M al Responsabile del Servizio Sociale al fine di potersi avvalere sia di eventuali operatori che di sedi sul luogo per favorire la riconsegna del minore/minori al genitore titolare. 6.Legge violenza sessuale (ex L.66/96) Pagina 9 di 11 Deliberazione della Giunta Esecutiva del Consorzio n. 9 del 30/06/2015

10 A) Nel caso che la Procura per i Minorenni o il Tribunale per i Minorenni richiedano un intervento all' U.S.S.M anche per le vittime, l' U.S.S.M invierà le comunicazioni di cui al punto 1.A (modulo 7) al fine anche di concordare una presa in carico del Servizio Sociale Territoriale o l'invio a Servizi sanitari specialistici della Azienda Sanitaria Locale. Pagina 10 di 11 Deliberazione della Giunta Esecutiva del Consorzio n. 9 del 30/06/2015

11 ALLEGATI parte integrante semplici Allegato A - Accordo tra la SdS Mugello e l Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni di Firenze X PUBBLICAZIONE N.. Registro Pubblicazione N..Registro Pubblicazione La presente deliberazione viene pubblicata oggi all Albo on line del Consorzio e vi rimarrà affissa per 15 giorni consecutivi. Borgo San Lorenzo, lì 18/07/2015 f.to L'ADDETTO ALLA SEGRETERIA La presente copia conforme all originale da servire per uso amministrativo. Borgo San Lorenzo, lì f.to L'ADDETTO ALLA SEGRETERIA da partecipare a: - Enti aderenti - Collegio Sindacale - Collegio di Direzione - Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni di Firenze Pagina 11 di 11 Deliberazione della Giunta Esecutiva del Consorzio n. 9 del 30/06/2015

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1 LA PRESENTE COPIA NON SOSTITUISCE L ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N 133 DEL 08/10/2009 OGGETTO: ATTO D'INDIRIZZO PER PERFEZIONAMENTO AZIONI CONCLUSIVE PROGETTO ''LAVOR@BILE''. INSERIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI COMUNE DI VIANO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Approvato con deliberazione di G.C. n. 73 del 28.11.2000 INDICE TITOLO 1 ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR)

COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR) COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR) Tel. 0564 861111 Fax 0564 860648 C.F. 82001470531 P.I. 00105110530 DETERMINAZIONE N 722 DEL 27/10/2011 U.O. Politiche

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada).

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Aggiornamento 12.07.2014 COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Praticamente esistono due modi per proporre

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE COPIA Determinazione n. 812 del 28/11/2013 N. registro di area 139 VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Assunta nel giorno 28/11/2013 da Laura Dordi Responsabile del Settore AFFARI GENERALI

Dettagli

C O M U N E D I S E L V I N O

C O M U N E D I S E L V I N O C O M U N E D I S E L V I N O (Provincia di Bergamo) Corso Milano, 19 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI TUTELA DELLA PERSONA E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI CON PARTICOLARE

Dettagli

Comune di Isola del Liri

Comune di Isola del Liri SERVIZIO 1 - SEGRETERIA DEL SINDACO U.R.P. AFFARI GENERALI E PERSONALE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART. 110, COMMA 1, DEL D. LGS. 267/2000, DI N. 1

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO (Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE

BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE Servizio Politiche Giovanili Sociali e Sportive. Politiche di Genere Approvato con Delibera di G.P: n 39/2015 del 19/03/2015 BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE Allegato A) Il progetto Educare alle differenze-

Dettagli

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi.

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 1 2 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. L anno 2012 (Duemiladodici) addì 27 (Ventisette) del mese

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO. N 336 del 12 GIUGNO 2015

DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO. N 336 del 12 GIUGNO 2015 DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N 336 del 12 GIUGNO 2015 Struttura proponente: Servizio Provveditorato ed Economato Oggetto: Fornitura, articolata in lotti, di dispositivi dedicati ai Reni

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI Ufficio di Piano dei Servizi e degli Interventi Sociali dei Comuni appartenenti al Distretto di Menaggio REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

VISTI gli articoli 4 e 5 della L.R. n. 7/97; VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98 e s.m.i.; VISTI gli artt. 4 e 16 del D.Lgs.

VISTI gli articoli 4 e 5 della L.R. n. 7/97; VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98 e s.m.i.; VISTI gli artt. 4 e 16 del D.Lgs. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 19 del 05 02 2015 4275 Di notificare il presente provvedimento: Sindaco del Comune di Mola di Bari (BA); Al Sindaco del Comune di Rutigliano (BA); Al Sindaco

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Regolamento sul diritto di accesso agli atti e documenti amministrativi

Regolamento sul diritto di accesso agli atti e documenti amministrativi Comune di Lendinara Regolamento sul diritto di accesso agli atti e documenti amministrativi ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 96 DEL 29.11.2007 ESECUTIVA A TERMINI DI LEGGE. Dopo l esecutività

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

Burc n. 23 del 26 Maggio 2014

Burc n. 23 del 26 Maggio 2014 Burc n. 23 del 26 Maggio 2014 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 6 AGRICOLTURA - FORESTE FORESTAZIONE SETTORE 4 Servizi di sviluppo agricolo fitosanitario e valorizzazione patrimonio ittico

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i.

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i. 28501 di dare atto che il presente provvedimento non comporta alcun mutamento qualitativo e quantitativo di entrata o di spesa né a carico del bilancio regionale né a carico degli enti per i cui debiti

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

La procedura della contrattazione decentrata integrativa. Comparto Regioni e Autonomie locali

La procedura della contrattazione decentrata integrativa. Comparto Regioni e Autonomie locali La procedura della contrattazione decentrata integrativa Comparto Regioni e Autonomie locali Marzo 2013 INDICE 1. Introduzione... 2 2. Le fasi della procedura... 3 3. Nomina delegazione di parte pubblica...

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli