AEM E ASM APPROVANO IL PROGETTO DI FUSIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AEM E ASM APPROVANO IL PROGETTO DI FUSIONE"

Transcript

1 AEM E ASM APPROVANO IL PROGETTO DI FUSIONE Nasce un importante operatore energetico, primo tra le local utilities italiane e con dimensioni di rilevanza europea. L incorporazione di ASM in AEM s inquadra nel contesto di un più ampio progetto industriale che prevede anche la preventiva incorporazione di AMSA in i AEM. Sarà mantenuta la quotazione delle azioni AEM. La nuova società sarà aperta a eventuali ulteriori aggregazioni con altri operatori del settore. I principali dati economici della combined entity nel 2006 evidenziano: ricavi pari 9,4 miliardi di euro margine operativo lordo di 1,8 miliardi di euro capitalizzazione di Borsa pari a circa 9 miliardi di euro (al 21 giugno 2007; esclusa AMSA) A fronte di costi di transazione stimati in 25 milioni di euro complessivi per il periodo , sono stimate,, a regime, sinergie per circa 80 milioni di euro all anno prima delle imposte e circa 10 milioni di euro all anno di efficienze sui programmi di investimento. Con l incorporazione di ASM in AEM è previsto il contestuale cambio di denominazione sociale e il trasferimento della sede legale a Brescia. Si conferma che il rapporto di cambio è pari a n. 1,60 azioni ordinarie AEM per ogni n. 1 azione ordinaria ASM (ovvero n. 8 azioni AEM di nuova emissione per ogni n. 5 azioni ordinarie ASM) e il pagamento di un dividendo straordinario - a favore degli azionisti di ASM - di 0,11 euro per ciascuna azione ASM. Per effetto del concambio e di quanto dichiarato nelle linee guida comunicate al mercato il 4 giugno 2007, si prevede che i Comuni di Brescia e di Milano deterranno complessivamente circa il 55% del capitale votante della società post-fusione e stipuleranno un patto parasociale volto a garantire la stabilità dell azionariato l azionariato. Il completamento della fusione è atteso indicativamente entro la fine del La società post-fusione adotterà un modello di governance dualistico, con un Consiglio di Sorveglianza e un Consiglio di Gestione. 25 giugno In linea con quanto annunciato al mercato in data 4 giugno 2007, in data odierna i Consigli di Amministrazione di AEM, ASM e AMSA hanno approvato, per quanto di rispettiva competenza, il progetto di fusione per incorporazione di AMSA in AEM e la successiva incorporazione di ASM in AEM. Hanno inoltre delegato i propri Presidenti a convocare le rispettive Assemblee Straordinarie che saranno chiamate ad approvare i progetti di fusione successivamente all approvazione da parte del Consiglio Comunale di Milano delle 1

2 deliberazioni di sua competenza in merito alla fusione di AMSA in AEM e all approvazione da parte dei Consigli Comunali di Brescia e di Milano delle deliberazioni di loro competenza in merito alla fusione di ASM in AEM (ciò anche in considerazione dei poteri speciali attribuiti al Comune di Milano dall attuale statuto sociale di AEM). Le situazioni patrimoniali di riferimento ai sensi dell art quater del codice civile sono rappresentate dai bilanci d esercizio di AEM e ASM al 31 dicembre 2006, approvati dalle Assemblee dei soci in data, rispettivamente, il 26 e 20 aprile In data odierna è stata anche depositata al Tribunale di Milano l istanza per la nomina di un esperto comune per la relazione sulla congruità del rapporto di cambio ai sensi dell art sexies del codice civile. Nei termini di legge sarà depositato presso le rispettive sedi sociali il progetto di fusione di ASM in AEM, che include lo statuto sociale della società post-fusione, le relazioni dei Consigli di Amministrazione e la relazione degli esperti incaricati di esprimersi sulla congruità del rapporto di cambio, nonché i bilanci degli ultimi tre esercizi (corredati dalle relazioni degli amministratori e dei revisori). Inoltre, almeno dieci giorni prima delle Assemblee Straordinarie chiamate ad approvare la congruità del rapporto di cambio, sarà depositato e diffuso il Documento Informativo sull operazione di fusione previsto dal Regolamento Emittenti. Il completamento dell operazione è atteso indicativamente entro la fine del Razionale industriale Il progetto di fusione fra AEM e ASM si inquadra nel contesto evolutivo del settore delle local utilities italiane che, a fronte della progressiva apertura alla concorrenza, ha avviato un processo di consolidamento che sta portando alla formazione di un ristretto numero di operatori di dimensioni maggiori, pur con un forte radicamento territoriale. In tale contesto, AEM e ASM concordano sulla valenza industriale del progetto che è finalizzato a: raggiungere dimensioni adeguate per competere con gli altri operatori nazionali ed esteri, rafforzare l integrazione a monte e a valle nella catena del valore delle attività caratteristiche, accrescere il potenziale negoziale nei mercati liberalizzati e cogliere le opportunità derivanti da economie di scala e sinergie di costo e di investimento nell ottica del miglioramento della qualità dei servizi offerti. Si intende inoltre rafforzare il radicamento territoriale della nuova società che opera oltre a Milano, Brescia e Bergamo - i cui Comuni sono anche i principali azionisti pubblici attuali di AEM e di ASM - in numerose città lombarde ed emiliane, continuando ad erogare importanti servizi ai cittadini clienti. La società post-fusione rafforzerà la promozione di iniziative per il 2

3 risparmio energetico e lo sviluppo sostenibile, utilizzando teconologie innovative ed idonee politiche gestionali ed industriali. La società post-fusione avrà una dimensione di rilevanza europea come si evince dai dati 2006 della combined entity di seguito riportati: ricavi pari 9,4 miliardi di euro margine operativo lordo di 1,8 miliardi di euro capitalizzazione di Borsa pari a circa 9 miliardi di euro (al 21 giugno 2007; esclusa AMSA). In base ai dati operativi la società post-fusione sarà leader in Italia nel settore delle local utilities: nella produzione di elettricità il nuovo gruppo dispone al 2006 di una potenza installata di proprietà o in gestione diretta pari a circa 3,7 GW, caratterizzata da impianti efficienti e da un buon bilanciamento fra le diverse fonti di produzione. A queste centrali potranno eventualmente aggiungersi gli impianti del ramo d azienda di Endesa Italia che ASM o la società post-fusione potrebbero acquisire all esito delle trattative in corso con Endesa Italia e i suoi soci, come già comunicato al pubblico; nel 2006, includendo il contributo di AMSA, di Ecodeco e il 50% delle attività di Edison, le vendite di elettricità hanno raggiunto circa 52 miliardi di KWh (il 15,7% del fabbisogno nazionale); escludendo gli usi termoelettrici di gruppo le vendite di gas sono state pari a quasi 4,5 miliardi di metri cubi; nello scorso esercizio AEM e ASM hanno complessivamente distribuito circa 2,2 miliardi di metri cubi di gas (incluso il 50% di Edison) e 12,1 miliardi di KWh di elettricità, ben posizionandosi alle spalle di ENI e ENEL che continuano a essere i primi operatori in queste attività; nei servizi ambientali la nuova società ha un ruolo di leadership a livello nazionale, con 2,9 milioni di tonnellate di rifiuti trattati/smaltiti nel 2006 (inclusa AMSA) e una significativa dotazione impiantistica; nel 2006 la società post-fusione ha venduto calore per oltre 1,5 TWht, posizionandosi saldamente al primo posto nel settore teleriscaldamento in Italia. Infine, gli investimenti in atto e le iniziative commerciali all estero, anche tramite le partecipazioni in ATEL e Edison, costituiscono un importante opportunità per lo sviluppo internazionale della società post-fusione. Sinergie AEM e ASM condividono le linee guida e gli obiettivi di un piano industriale attualmente in fase di approfondimento. 3

4 Sono stati preliminarmente stimati, a regime, circa 80 milioni di euro all anno di sinergie di costo ante imposte, quali la gestione del portafoglio energetico, l omogeneizzazione delle principali attività operative (come gli acquisti centralizzati) e l unificazione delle attività comuni (quali staff, servizi e coordinamenti tecnici), e circa 10 milioni di euro all anno di efficienze derivanti dall ottimizzazione degli attuali programmi d investimento. Gli oneri di implementazione sono stimati in circa 25 milioni di euro complessivi per il periodo Si tratta di valutazioni già illustrate al mercato il 6 Giugno 2007 che hanno carattere preliminare. Tali valori potrebbero essere suscettibili di ulteriori margini di miglioramento a seguito della definizione del nuovo piano industriale. Sono state inoltre identificate altre opportunità di sviluppo, rese possibili dalla fusione, che consentiranno la creazione di ulteriore valore nei business a maggiore potenziale: nei mercati del gas e dell elettricità, nel business dei servizi ambientali (come la termovalorizzazione e lo smaltimento/trattamento dei rifiuti), nei servizi energetici per il territorio (quali il teleriscaldamento e l energy management) e nella produzione da fonti rinnovabili. Modalità e concambio Il progetto di fusione prevede l incorporazione di ASM in AEM, il contestuale cambio di denominazione sociale, ancora in via di definizione, e il trasferimento della sede legale a Brescia. E confermato il rapporto di cambio di n.1,60 azioni ordinarie AEM per ogni n.1 azione ordinaria ASM (e cioè, in altri termini, n. 8 azioni ordinarie AEM di nuova emissione da nominali 0,52 euro cadauna per ogni n. 5 azioni ordinarie ASM da nominali 1,00 euro cadauna). La determinazione del rapporto di cambio tiene conto dei dividendi ordinari già deliberati e pagati dalle rispettive società e della distribuzione da parte di ASM di un dividendo straordinario pari a 0,11 euro per ogni azione ASM (per un importo complessivo pari a circa 85 milioni di euro) che sarà deliberato dall Assemblea Ordinaria di ASM e corrisposto ai suoi azionisti prima della data di efficacia della fusione di ASM in AEM e subordinatamente alla stipula del relativo atto di fusione. Condizioni sospensive L operazione, che dovrà essere approvata dalle Assemblee Straordinarie di AEM e di ASM, è condizionata, tra l altro, all ottenimento delle necessarie autorizzazioni da parte della competente Autorità Antitrust, alla stipulazione dell atto di fusione di AMSA in AEM e alla conferma da parte di Consob che non sussistano obblighi di offerta pubblica di acquisto. AEM e ASM si riservano di recedere dall operazione qualora emergano o comunque si verifichino circostanze o fatti relativi alla situazione economica, patrimoniale, finanziaria e/o 4

5 alle prospettive reddituali di una parte, ad oggi non noti all altra parte e idonei ad incidere negativamente, in modo gravemente significativo e imprevedibile sul rapporto di cambio. Diritto di recesso La fusione non darà luogo al diritto di recesso per gli azionisti di entrambe le società che non dovessero concorrere alla approvazione del progetto. Azionariato Al fine di assicurare unitarietà e coerenza di indirizzo nella gestione della società postfusione, i Comuni di Brescia e di Milano, stando a quanto comunicato al pubblico dai rispettivi Sindaci il 4 giugno 2007, saranno titolari complessivamente di circa il 55% del capitale votante della società post-fusione e stipuleranno un patto parasociale volto a disciplinare, fra l altro, i criteri e i meccanismi di designazione e di nomina delle cariche sociali e l esercizio del voto in Assemblea. Nello statuto della società post-fusione permarrà il limite massimo al possesso azionario pari al 5% del capitale sociale per soci diversi dal Comune di Brescia e dal Comune di Milano che manterranno, ancorché in via congiunta, il diritto di veto sulle deliberazioni di scioglimento, cessione dell azienda, fusione, scissione, trasferimento della sede sociale all estero, cambiamento dell oggetto sociale e approvazione di modifiche statutarie che sopprimano o modifichino tale diritto di veto. Corporate governance Si conferma che la società post-fusione adotterà un modello di governance dualistico, con un Consiglio di Sorveglianza ed un Consiglio di Gestione. Il Consiglio di Sorveglianza sarà composto da 15 Consiglieri, di cui 6 nominati direttamente dal Comune di Brescia, altrettanti 6 dal Comune di Milano e i restanti 3 Consiglieri eletti tramite voto di lista da parte degli altri azionisti. Il Consiglio di Gestione sarà formato da 8 Consiglieri nominati dal Consiglio di Sorveglianza, sulla base di liste presentate dai Consiglieri di Sorveglianza. La governance sarà ispirata al principio di alternanza e alternatività nelle nomine delle cariche apicali da parte dei due Comuni azionisti di riferimento. Il Consiglio di Gestione, su indicazione del Consiglio di Sorveglianza, nominerà due Direttori Generali, che potranno anche essere scelti tra i Consiglieri di Gestione. A tali Direttori Generali il Consiglio di Gestione attribuirà deleghe e procure in relazione a competenze e funzioni complementari. In particolare, uno di tali Direttori Generali sarà responsabile dell area mercato e delle direzioni centrali incaricate di fornire servizi di corporate e di svolgere attività centralizzate a beneficio delle direzioni della società post-fusione e delle società del gruppo. L area mercato 5

6 comprende le attività di gestione, organizzazione e sviluppo del portafoglio energetico, ivi incluse l operatività di compravendita sui mercati e la programmazione della produzione. L altro Direttore Generale sarà responsabile delle aree tecnico-operative della società postfusione e delle società del gruppo, quali le aree relative alla produzione, ingegneria, sviluppo e innovazione in ambito tecnico operativo, alla distribuzione di energia elettrica e gas, alla distribuzione di calore, al ciclo idrico integrato e ai servizi ambientali. In seno alla società post-fusione, per il primo triennio, sarà inoltre costituito un Comitato Strategico e per i Progetti Speciali, composto dai Presidenti e dai Vice Presidenti del Consiglio di Sorveglianza e del Consiglio di Gestione e dai due Direttori Generali e presieduto dal Presidente del Consiglio di Sorveglianza. Nell operazione, Citi, JPMorgan e Mediobanca hanno svolto il ruolo di advisor finanziario per AEM. Intesa SanPaolo e Merrill Lynch hanno svolto il ruolo di advisor finanziario per ASM. Lo studio Cleary Gottlieb ha svolto il ruolo di advisor legale per AEM. Lo studio Pavesi Gitti Verzoni ha svolto il ruolo di advisor legale per ASM. Lo statuto della società post-fusione è stato predisposto dal Prof. Piergaetano Marchetti. Per ulteriori informazioni: ASM Relazioni con i media Alfredo Ghiroldi T F E. Investor Relations Tommaso Lavegas T F E. AEM Media e Territorio Ufficio Stampa Biagio Longo T M Investors Relations Renata Bonfiglio T E. 6

Comunicato congiunto Cobra Automotive Technologies S.p.A. e KME Group S.p.A. COMUNICATO STAMPA

Comunicato congiunto Cobra Automotive Technologies S.p.A. e KME Group S.p.A. COMUNICATO STAMPA KME Group S.p.A. Comunicato congiunto Cobra Automotive Technologies S.p.A. e KME Group S.p.A. COMUNICATO STAMPA Approvate le linee guida del progetto di fusione per incorporazione di Drive Rent S.p.A.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 D.Lgs. 58/1998

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 D.Lgs. 58/1998 Cobra Automotive Technologies S.p.A. Drive Rent S.p.A. (società appartenente al Gruppo KME Group S.p.A.) COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 D.Lgs. 58/1998 I CONSIGLI DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

2.Finalità dell operazione:

2.Finalità dell operazione: COMUNICATO STAMPA I Consigli di Amministrazione delle rispettive società hanno approvato il Progetto di Fusione per incorporazione di G.I.M. Generale Industrie Metallurgiche S.p.A. in INTEK S.p.A.; Rapporti

Dettagli

APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE CONGIUNTO DEL PROGETTO DI INTEGRAZIONE TRA IL GRUPPO UNIPOL E IL GRUPPO FONDIARIA-SAI

APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE CONGIUNTO DEL PROGETTO DI INTEGRAZIONE TRA IL GRUPPO UNIPOL E IL GRUPPO FONDIARIA-SAI COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO APPROVATO IL PROGETTO DI FUSIONE IN FONDIARIA-SAI DI UNIPOL ASSICURAZIONI, PREMAFIN E MILANO ASSICURAZIONI FISSATI I RAPPORTI DI CAMBIO APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE CONGIUNTO

Dettagli

Cartella stampa. Sommario. Enìa pag. 2. La struttura pag. 5. Azionariato pag. 7. Informazioni finanziarie del Gruppo pag. 7. La storia pag.

Cartella stampa. Sommario. Enìa pag. 2. La struttura pag. 5. Azionariato pag. 7. Informazioni finanziarie del Gruppo pag. 7. La storia pag. Cartella stampa Sommario Enìa pag. 2 La struttura pag. 5 Azionariato pag. 7 Informazioni finanziarie del Gruppo pag. 7 La storia pag. 8 Scheda di sintesi pag. 11 Contact: Ufficio Stampa Enìa SpA Selina

Dettagli

Milano 30.10.2008. Presentazione del progetto di fusione alla comunità finanziaria

Milano 30.10.2008. Presentazione del progetto di fusione alla comunità finanziaria Milano 30.10.2008 Presentazione del progetto di fusione alla comunità finanziaria Agenda Razionali del progetto di fusione Struttura ed elementi principali dell operazione Posizionamento e vantaggi competitivi

Dettagli

Hera Amga: approvato il progetto di fusione

Hera Amga: approvato il progetto di fusione comunicato stampa Bologna, Udine 23 gennaio 2014 Hera Amga: approvato il progetto di fusione I Consigli di Amministrazione di Hera e di Amga riuniti oggi pomeriggio hanno approvato e sottoscritto l accordo

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 1136-52-2015

Informazione Regolamentata n. 1136-52-2015 Informazione Regolamentata n. 1136-52-2015 Data/Ora Ricezione 24 Aprile 2015 17:12:31 MTA - Star Societa' : YOOX Identificativo Informazione Regolamentata : 56982 Nome utilizzatore : YOOXN01 - Valerio

Dettagli

- Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati consolidati al 30 giugno 2014 -

- Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati consolidati al 30 giugno 2014 - COMUNICATO STAMPA SOCIETA ACQUE POTABILI S.P.A: - Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati consolidati al 30 giugno 2014 - - Progetto di fusione per incorporazione in Sviluppo Idrico S.p.A.

Dettagli

RELAZIONE E BILANCIO al 30 giugno 2007

RELAZIONE E BILANCIO al 30 giugno 2007 RELAZIONE E BILANCIO al 30 giugno 2007 RELAZIONE E BILANCIO DEL GRUPPO ASM al 30 giugno 2007 Relazione sulla gestione al 30 giugno 2007 Mission Produrre, sviluppare, vendere servizi nei settori dell energia,

Dettagli

RELAZIONE E BILANCIO al 30 settembre 2007

RELAZIONE E BILANCIO al 30 settembre 2007 RELAZIONE E BILANCIO al 30 settembre 2007 RELAZIONE E BILANCIO DEL GRUPPO ASM al 30 settembre 2007 Relazione sulla gestione al 30 settembre 2007 Mission Produrre, sviluppare, vendere servizi nei settori

Dettagli

LE SOCIETÀ KINEXIA E BIANCAMANO APPROVANO UN OPERAZIONE DI INTEGRAZIONE DA REALIZZARSI TRAMITE LA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI BIANCAMANO IN KINEXIA.

LE SOCIETÀ KINEXIA E BIANCAMANO APPROVANO UN OPERAZIONE DI INTEGRAZIONE DA REALIZZARSI TRAMITE LA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI BIANCAMANO IN KINEXIA. LE SOCIETÀ KINEXIA E BIANCAMANO APPROVANO UN OPERAZIONE DI INTEGRAZIONE DA REALIZZARSI TRAMITE LA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI BIANCAMANO IN KINEXIA. IL NUOVO GRUPPO A SEGUITO DELLA FUSIONE SARA LEADER

Dettagli

fino a 6,73 euro, da cui è disceso il rapporto di 1,194 azioni ordinarie Intesa Sanpaolo per ciascuna azione Carifirenze.

fino a 6,73 euro, da cui è disceso il rapporto di 1,194 azioni ordinarie Intesa Sanpaolo per ciascuna azione Carifirenze. COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: I CONSIGLI APPROVANO L ACCORDO CON ENTE CASSA DI RISPARMIO DI FIRENZE PER L ACQUISIZIONE DEL CONTROLLO DI CARIFIRENZE - Intesa Sanpaolo acquisirà il 40,3% del capitale

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO. I Consigli di Amministrazione approvano all unanimità la creazione del 7 gruppo bancario italiano

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO. I Consigli di Amministrazione approvano all unanimità la creazione del 7 gruppo bancario italiano COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO I Consigli di Amministrazione approvano all unanimità la creazione del 7 gruppo bancario italiano Circa 1.200 sportelli (500 nella sola Lombardia), 2,5 milioni di clienti, 60

Dettagli

COMUNICATO. Ai sensi dell articolo 114 del decreto legislativo 24 febbraio 1998 n. 58

COMUNICATO. Ai sensi dell articolo 114 del decreto legislativo 24 febbraio 1998 n. 58 COMUNICATO Ai sensi dell articolo 114 del decreto legislativo 24 febbraio 1998 n. 58 In data odierna, RCS MediaGroup S.p.A. ( RCS ) ha eseguito una serie di operazioni aventi per oggetto le azioni ordinarie

Dettagli

RELAZIONE DI STIMA DEL RAPPORTO DI CAMBIO REDATTA PER BANCA INTESA S.P.A. DA MERRILL LYNCH INTERNATIONAL

RELAZIONE DI STIMA DEL RAPPORTO DI CAMBIO REDATTA PER BANCA INTESA S.P.A. DA MERRILL LYNCH INTERNATIONAL RELAZIONE DI STIMA DEL RAPPORTO DI CAMBIO REDATTA PER BANCA INTESA S.P.A. DA MERRILL LYNCH INTERNATIONAL [QUESTA PAGINA È STATA LASCIATA INTENZIONALMENTE IN BIANCO] DOCUMENTO ORIGINALE REDATTO SU CARTA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Milano, 25 giugno 2015

COMUNICATO STAMPA Milano, 25 giugno 2015 GREENITALY1, la prima SPAC specializzata nella green economy, promossa da Matteo Carlotti, VedoGreen e IDEA Capital Funds SGR, annuncia la fusione per incorporazione di PRIMA VERA PRIMA VERA, operatore

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 D.Lgs. 58/1998

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 D.Lgs. 58/1998 Intek S.p.A. KME Group S.p.A. COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 D.Lgs. 58/1998 I CONSIGLI DI AMMINISTRAZIONE DI INTEK S.p.A. E DI KME GROUP S.p.A. HANNO APPROVATO IL PROGETTO DI SCISSIONE

Dettagli

I CDA DI ATLANTIA E GEMINA APPROVANO PROGETTO DI FUSIONE

I CDA DI ATLANTIA E GEMINA APPROVANO PROGETTO DI FUSIONE Comunicato Stampa I CDA DI ATLANTIA E GEMINA APPROVANO PROGETTO DI FUSIONE Creazione di un operatore leader mondiale nel settore delle concessioni autostradali e aeroportuali con 5.000 Km di autostrade

Dettagli

Patto parasociale avente a oggetto azioni di YOOX S.p.A. (quale società risultante dall operazione infra

Patto parasociale avente a oggetto azioni di YOOX S.p.A. (quale società risultante dall operazione infra Patto parasociale avente a oggetto azioni di YOOX S.p.A. (quale società risultante dall operazione infra descritta) - Informazioni essenziali ai sensi dell art. 122 del D.Lgs. 58/1998 e dell art. 130 del

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE di TELECOM ITALIA MEDIA S.p.A. in TELECOM ITALIA S.p.A.

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE di TELECOM ITALIA MEDIA S.p.A. in TELECOM ITALIA S.p.A. PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE di TELECOM ITALIA MEDIA S.p.A. in TELECOM ITALIA S.p.A. RELAZIONE DELLA SOCIETÀ DI REVISIONE sul Rapporto di Cambio delle azioni ai sensi dell art. 2501 sexies del

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA.

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. MC2 Impresa è un Fondo Comune d Investimento Mobiliare chiuso e riservato (ex testo unico D.Lgs 58/98) costituito per iniziativa di

Dettagli

AGGIORNAMENTO DEL PIANO STRATEGICO 2011-2014:

AGGIORNAMENTO DEL PIANO STRATEGICO 2011-2014: AGGIORNAMENTO DEL PIANO STRATEGICO 2011-2014: APPROVATO UN PROGETTO DI RAFFORZAMENTO PATRIMONIALE ATTRAVERSO UN ULTERIORE OTTIMIZZAZIONE DELLA STRUTTURA DEL GRUPPO RIVISTI GLI OBIETTIVI ECONOMICO-PATRIMONIALI

Dettagli

Italcementi S.p.a. Ai sensi dell art. 122 del TUF e dell art. 129 del Regolamento Emittenti si rende noto, per quanto occorrer possa, quanto segue.

Italcementi S.p.a. Ai sensi dell art. 122 del TUF e dell art. 129 del Regolamento Emittenti si rende noto, per quanto occorrer possa, quanto segue. Estratto delle pattuizioni comunicate alla Consob, per quanto occorrer possa, ai sensi dell'art. 122 del d.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58, come successivamente modificato e integrato ( TUF ) e delle disposizioni

Dettagli

ETICA, RESPONSABILITÀ E GOVERNO D IMPRESA. I princípi e i valori etici d impresa

ETICA, RESPONSABILITÀ E GOVERNO D IMPRESA. I princípi e i valori etici d impresa ETICA, RESPONSABILITÀ E GOVERNO D IMPRESA Sentiamo la responsabilità di essere un player globale in un settore caratterizzato da elementi strategici di grande delicatezza. L attenzione alle regole e la

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI ABACO INFORMATION SERVICES SRL IN AISOFTW@RE SPA.

COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI ABACO INFORMATION SERVICES SRL IN AISOFTW@RE SPA. COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI ABACO INFORMATION SERVICES SRL IN AISOFTW@RE SPA. APPROVATA LA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI ETABETA SRL E AIS MEDICAL SPA IN AISOFTW@RE

Dettagli

A2A S.p.A. Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari relativa all esercizio chiuso al 31 dicembre 2013

A2A S.p.A. Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari relativa all esercizio chiuso al 31 dicembre 2013 A2A S.p.A. Sede in Brescia, Via Lamarmora 230-25124 Brescia Capitale sociale Euro 1.629.110.744,04 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA e numero di iscrizione nel Registro delle Imprese di Brescia 11957540153

Dettagli

Approvato il piano di semplificazione della struttura del Gruppo mediante la fusione per incorporazione di Ciments Français in Italcementi

Approvato il piano di semplificazione della struttura del Gruppo mediante la fusione per incorporazione di Ciments Français in Italcementi Riunito oggi a Bergamo il Consiglio di Amministrazione di Italcementi Approvato il piano di semplificazione della struttura del Gruppo mediante la fusione per incorporazione di Ciments Français in Italcementi

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI ETICREDITO BANCA ETICA ADRIATICA S.P.A. IN BANCA CARIM CASSA DI RISPARMIO DI RIMINI S.P.A.

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI ETICREDITO BANCA ETICA ADRIATICA S.P.A. IN BANCA CARIM CASSA DI RISPARMIO DI RIMINI S.P.A. PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI ETICREDITO BANCA ETICA ADRIATICA S.P.A. IN BANCA CARIM CASSA DI RISPARMIO DI RIMINI S.P.A. PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI ETICREDITO BANCA ETICA ADRIATICA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Terni, 8 Settembre 2014

COMUNICATO STAMPA Terni, 8 Settembre 2014 TERNIENERGIA: il CdA delibera la proposta di aumento di capitale con l'esclusione del diritto di opzione a servizio dell'acquisizione di Free Energia S.p.A. Il consiglio di amministrazione delibera la

Dettagli

ITALCEMENTI APPROVA UN PIANO DI RAFFORZAMENTO PATRIMONIALE E DI SEMPLIFICAZIONE DELLA STRUTTURA DI GRUPPO

ITALCEMENTI APPROVA UN PIANO DI RAFFORZAMENTO PATRIMONIALE E DI SEMPLIFICAZIONE DELLA STRUTTURA DI GRUPPO ITALCEMENTI APPROVA UN PIANO DI RAFFORZAMENTO PATRIMONIALE E DI SEMPLIFICAZIONE DELLA STRUTTURA DI GRUPPO IL CONSGLIO ITALMOBILIARE CONDIVIDE L OPERAZIONE OPA volontaria sulle minorities di Ciments Français

Dettagli

SINTESI DELLE DELIBERE ASSEMBLEARI DEL 29 APRILE 2008

SINTESI DELLE DELIBERE ASSEMBLEARI DEL 29 APRILE 2008 SINTESI DELLE DELIBERE ASSEMBLEARI DEL 29 APRILE 2008 L Assemblea Ordinaria degli azionisti di Hera S.p.A convocata per il giorno 29 aprile 2008 alle ore 10.00 presso la Sala Auditorium del CENTRO CONGRESSI

Dettagli

La gestione del valore in un mercato in sviluppo e regolamentato

La gestione del valore in un mercato in sviluppo e regolamentato La gestione del valore in un mercato in sviluppo e regolamentato Massimo Levrino CFO Gruppo IREN Torino, 28 ottobre 2011 0 Diffusione territoriale delle local utilities A S P S.P.A. Pordenone AMPS Parma

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO IRIDE ED F2I COSTITUISCONO UN POLO INDUSTRIALE DELL ACQUA. OFFERTA PUBBLICA DI ACQUISTO VOLONTARIA TOTALITARIA SU AZIONI MEDITERRANEA DELLE ACQUE S.P.A. Iride Acqua e Gas S.p.A.

Dettagli

Milano, 15 ottobre 2012

Milano, 15 ottobre 2012 Made in Italy 1, la prima SPAC di diritto italiano quotata, annuncia la fusione per incorporazione di SeSa S.p.A, leader in Italia nella distribuzione a valore di soluzioni IT per le imprese SeSa S.p.A.

Dettagli

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA Introduzione: Il Decreto Legge n. 91 del 24 giugno 2014 (c.d. Decreto Competitività ) e la relativa Legge di Conversione (Legge n. 116

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 d.lgs. 58/1998 OFFERTA PUBBLICA DI SCAMBIO SU AZIONI ORDINARIE KME GROUP S.P.A. E INTEK S.P.A.

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 d.lgs. 58/1998 OFFERTA PUBBLICA DI SCAMBIO SU AZIONI ORDINARIE KME GROUP S.P.A. E INTEK S.P.A. COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 d.lgs. 58/1998 OFFERTA PUBBLICA DI SCAMBIO SU AZIONI ORDINARIE KME GROUP S.P.A. E INTEK S.P.A. In data odierna i Consigli di Amministrazione di KME

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE TELECOM ITALIA S.p.A. Sede Legale in Milano Piazza degli Affari n. 2 Direzione Generale e Sede Secondaria in Roma Corso d Italia n. 41 Casella PEC: telecomitalia@pec.telecomitalia.it Capitale sociale euro

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 D.Lgs. 58/1998

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 D.Lgs. 58/1998 KME Group S.p.A. Intek S.p.A. COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 D.Lgs. 58/1998 OFFERTA PUBBLICA DI SCAMBIO SU AZIONI ORDINARIE KME GROUP S.P.A. E INTEK S.P.A. FUSIONE PER INCORPORAZIONE

Dettagli

Capiago Intimiano. Cermenate. Rovellasca. Rovello Porro

Capiago Intimiano. Cermenate. Rovellasca. Rovello Porro COMPANY PROFILE Canzo Cavallasca Como Erba Capiago Intimiano Cantù Cermenate Rovellasca Rovello Porro Barlassina Monza Sedi e uffici delle società del GRUPPO Bolzano Venzone Sondrio Belluno Trento Udine

Dettagli

MITTENTE: Comunicato stampa UNIFIND S.p.A. Cenate Sotto (BG) 11 aprile 2011

MITTENTE: Comunicato stampa UNIFIND S.p.A. Cenate Sotto (BG) 11 aprile 2011 MITTENTE: OGGETTO: GEWISS S.p.A. Comunicato stampa UNIFIND S.p.A. Cenate Sotto (BG) 11 aprile 2011 Si trasmette per conto di UNIFIND S.p.A. la comunicazione ai sensi degli articoli 102 e 114 del D.Lgs.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A.

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. I Consigli di Amministrazione di Banco di Desio e della Brianza e di Banca Popolare di Spoleto hanno approvato

Dettagli

ALLEGATO 17 Estratto dei patti parasociali pubblicati ai sensi dell art. 122 del. D.Lgs. 58/98

ALLEGATO 17 Estratto dei patti parasociali pubblicati ai sensi dell art. 122 del. D.Lgs. 58/98 ALLEGATO 17 Estratto dei patti parasociali pubblicati ai sensi dell art. 122 del D.Lgs. 58/98 SCHEMAVENTOTTO S.p.A. Sede legale: Moncalieri (TO), Corso Trieste, 170 Capitale Sociale Euro 445.536.000,00

Dettagli

AVVISO DI CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 29 APRILE 2015

AVVISO DI CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 29 APRILE 2015 COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE Verona, 20 marzo 2015 AVVISO DI CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 29 APRILE 2015 Gli aventi diritto di voto sono convocati in assemblea ordinaria di CAD IT S.p.A.

Dettagli

AGGIORNAMENTO DEL DOCUMENTO INFORMATIVO

AGGIORNAMENTO DEL DOCUMENTO INFORMATIVO AGGIORNAMENTO DEL DOCUMENTO INFORMATIVO PUBBLICATO IN DATA 28 SETTEMBRE 2012 relativo ALLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI ACEGAS-APS HOLDING S.R.L. IN HERA S.P.A. redatto ai sensi dell articolo 70, comma

Dettagli

- 10 settembre 2007 -

- 10 settembre 2007 - Pagina 1/7 GRUPPO ASM, - 10 settembre 2007 - Oggetto: Risultati al 30 giugno 2007 Presenti: Renzo Capra, Presidente e Amministratore Delegato Elio Tomasoni, Direttore Generale Leonardo Dabrassi, Direttore

Dettagli

UNIPOLSAI: IL CDA HA ESAMINATO I RISULTATI PRECONSUNTIVI DEL 2014. Utile netto consolidato a 783 milioni di euro (+12,9% rispetto al 2013) 1

UNIPOLSAI: IL CDA HA ESAMINATO I RISULTATI PRECONSUNTIVI DEL 2014. Utile netto consolidato a 783 milioni di euro (+12,9% rispetto al 2013) 1 Bologna, 11 febbraio 2015 UNIPOLSAI: IL CDA HA ESAMINATO I RISULTATI PRECONSUNTIVI DEL 2014 Utile netto consolidato a 783 milioni di euro (+12,9% rispetto al 2013) 1 Raccolta assicurativa diretta a 16.008

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE FINMECCANICA - Società per azioni Sede in Roma, Piazza Monte Grappa n. 4 finmeccanica@pec.finmeccanica.com Capitale sociale euro 2.543.861.738,00 i.v. Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale n.

Dettagli

Scissione proporzionale delle attività immobiliari di Reno De Medici S.p.A. Cessione di Aticarta S.p.A. Assunzione di finanziamenti

Scissione proporzionale delle attività immobiliari di Reno De Medici S.p.A. Cessione di Aticarta S.p.A. Assunzione di finanziamenti Scissione proporzionale delle attività immobiliari di Reno De Medici S.p.A. Cessione di Aticarta S.p.A. Assunzione di finanziamenti Pontenuovo di Magenta, 20 dicembre 2005 Il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

2 aprile 2015: unica convocazione

2 aprile 2015: unica convocazione SPACE S.P.A. ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI AZIONISTI 2 aprile 2015: unica convocazione Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione sulle proposte concernenti le materie all ordine

Dettagli

Assemblea Ordinaria e Assemblea Straordinaria degli Azionisti

Assemblea Ordinaria e Assemblea Straordinaria degli Azionisti Assemblea Ordinaria e Assemblea Straordinaria degli Azionisti Relazioni illustrative sulle proposte concernenti le materie all'ordine del giorno dell'assemblea Ordinaria e dell'assemblea Straordinaria

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 30 Luglio 2015

COMUNICATO STAMPA 30 Luglio 2015 COMUNICATO STAMPA 30 Luglio 2015 Il Consiglio di Amministrazione di A2A S.p.A. ha esaminato e approvato la Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Margine Operativo Lordo, a 562 milioni di euro,

Dettagli

Seminario sui processi di aggregazione delle aziende dei servizi pubblici locali.

Seminario sui processi di aggregazione delle aziende dei servizi pubblici locali. Seminario sui processi di aggregazione delle aziende dei servizi pubblici locali. Bologna, 10 giugno 2008 Relazione introduttiva di Renato Matteucci Dip. Reti-Terziario Cgil nazionale Premessa Fin dall

Dettagli

COMUNE DI MONTESCUDO PROVINCIA DI RIMINI Originale di deliberazione del Consiglio Comunale

COMUNE DI MONTESCUDO PROVINCIA DI RIMINI Originale di deliberazione del Consiglio Comunale COMUNE DI MONTESCUDO PROVINCIA DI RIMINI Originale di deliberazione del Consiglio Comunale N. 34 Reg. Seduta del 26/09/2012 OGGETTO: PROPOSTA DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI ACEGAS-APS HOLDING S.R.L.

Dettagli

17389 DEL 23 GIUGNO 2010

17389 DEL 23 GIUGNO 2010 TELECOM ITALIA S.p.A. Sede Legale in Milano Piazza degli Affari n. 2 Direzione Generale e Sede Secondaria in Roma Corso d Italia n. 41 Casella PEC: telecomitalia@pec.telecomitalia.it Capitale sociale euro

Dettagli

Assemblea ordinaria dei Soci

Assemblea ordinaria dei Soci Assemblea ordinaria dei Soci 11 aprile 2014 1^ convocazione 12 aprile 2014 2^ convocazione RELAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE ALL ORDINE DEL GIORNO 1 ORDINE DEL GIORNO PARTE ORDINARIA 1. Nomina,

Dettagli

Performance Shares Plan 2015-2017 ai sensi dell articolo 114-bis D.Lgs. 58/1998. Delibere inerenti e conseguenti.

Performance Shares Plan 2015-2017 ai sensi dell articolo 114-bis D.Lgs. 58/1998. Delibere inerenti e conseguenti. Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul quarto punto all ordine del giorno dell Assemblea ordinaria, recante: Adozione del piano di incentivazione Performance

Dettagli

ACCORDI DI CO-VENDITA AVENTI AD OGGETTO AZIONI E OBBLIGAZIONI CONVERTENDE PRELIOS S.P.A.

ACCORDI DI CO-VENDITA AVENTI AD OGGETTO AZIONI E OBBLIGAZIONI CONVERTENDE PRELIOS S.P.A. ACCORDI DI CO-VENDITA AVENTI AD OGGETTO AZIONI E OBBLIGAZIONI CONVERTENDE PRELIOS S.P.A. Estratti ai sensi dell art. 122 del Decreto Legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 ( TUF ) e dell art. 130 del Regolamento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. (ai sensi dell art. 114 del Decreto Legislativi Italiani n. 58/1998) Milano, 22 Marzo 2015

COMUNICATO STAMPA. (ai sensi dell art. 114 del Decreto Legislativi Italiani n. 58/1998) Milano, 22 Marzo 2015 COMUNICATO STAMPA (ai sensi dell art. 114 del Decreto Legislativi Italiani n. 58/1998) Milano, 22 Marzo 2015 CHINA NATIONAL TIRE & RUBBER CO. (CNRC), CONTROLLATA DI CHEMCHINA S (CHEMCHINA), CAMFIN S.P.A.

Dettagli

Assemblea degli Azionisti 4 aprile 2012

Assemblea degli Azionisti 4 aprile 2012 Assemblea degli Azionisti 4 aprile 2012 Conversione obbligatoria delle azioni privilegiate e di risparmio in azioni ordinarie e conseguenti modifiche statutarie (Punto 5 dell Ordine del Giorno) 5) Conversione

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE COMUNE TRANSFRONTALIERA PER INCORPORAZIONE di FIAT S.p.A. in FIAT INVESTMENTS N.V.

PROGETTO DI FUSIONE COMUNE TRANSFRONTALIERA PER INCORPORAZIONE di FIAT S.p.A. in FIAT INVESTMENTS N.V. PROGETTO DI FUSIONE COMUNE TRANSFRONTALIERA PER INCORPORAZIONE di FIAT S.p.A. in FIAT INVESTMENTS N.V. RELAZIONE DELLA SOCIETÀ DI REVISIONE sul Rapporto di Cambio delle azioni (*) (*) With respect to the

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONI RIUNITE VIII (LAVORI PUBBLICI, COMUNICAZIONI) E X (INDUSTRIA, COMMERCIO, TURISMO)

SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONI RIUNITE VIII (LAVORI PUBBLICI, COMUNICAZIONI) E X (INDUSTRIA, COMMERCIO, TURISMO) SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONI RIUNITE VIII (LAVORI PUBBLICI, COMUNICAZIONI) E X (INDUSTRIA, COMMERCIO, TURISMO) Audizione del Presidente della CONSOB Giuseppe Vegas Roma, 26 settembre 2013 1 Telecom

Dettagli

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DI DE LONGHI S.P.A. AI SENSI DELL ART. 125-TER D. LGS. 24 FEBBRAIO 1998 N. 58

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DI DE LONGHI S.P.A. AI SENSI DELL ART. 125-TER D. LGS. 24 FEBBRAIO 1998 N. 58 CAPITALE SOCIALE EURO 448.500.000 I.V. SEDE SOCIALE IN TREVISO VIA LODOVICO SEITZ N. 47 CODICE FISCALE E NUMERO DI ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE DI TREVISO 11570840154 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI

Dettagli

Informazione al pubblico ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche

Informazione al pubblico ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche Informazione al pubblico ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche DOCUMENTO INFORMATIVO, PREDISPOSTO AI SENSI DELL ART. 84 BIS COMMA 1 DEL REGOLAMENTO CONSOB N.

Dettagli

OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA

OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA Proponente Comune di Milano PROSPETTO INFORMATIVO RELATIVO ALL AMMISSIONE A QUOTAZIONE E ALLA OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA AZIONI ORDINARIE L Offerta Pubblica è parte di un Offerta Globale di n. 800.000.000

Dettagli

Conference Call, 21 Marzo 2005. Risultati 2004 e Q4 04

Conference Call, 21 Marzo 2005. Risultati 2004 e Q4 04 Conference Call, 21 Marzo 2005 e Q4 04 Presidente Renzo Capra Il flottante a seguito della fusione con BAS è circa il 18% Azionariato A seguito della programmata fusione con BAS Bergamo, il Comune di Brescia

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MATERIE ALL ORDINE DEL GIORNO DI PARTE ORDINARIA E STRAORDINARIA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MATERIE ALL ORDINE DEL GIORNO DI PARTE ORDINARIA E STRAORDINARIA ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA 28 APRILE 2015 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MATERIE ALL ORDINE DEL GIORNO DI PARTE ORDINARIA E STRAORDINARIA The sea ahead FINCANTIERI

Dettagli

AS Roma S.p.A. * * * *

AS Roma S.p.A. * * * * DiBenedetto AS Roma LLC Unicredit S.p.A. AS Roma S.p.A. ESTRATTO DI PATTO PARASOCIALE COMUNICATO ALLA CONSOB AI SENSI DELL ART. 122 DEL D.LGS. 58/1998 E DELL ART. 129 DEL REGOLAMENTO APPROVATO CON DELIBERA

Dettagli

1. Il Protocollo d Intenti tra Eni e Regione Basilicata sulla Val d Agri

1. Il Protocollo d Intenti tra Eni e Regione Basilicata sulla Val d Agri 1. Il Protocollo d Intenti tra Eni e Regione Basilicata sulla Val d Agri L anno millenovecentonovantotto il giorno 18 del mese di novembre alla ore 21,15, in Roma, presso la sede della Regione Basilicata

Dettagli

STATUTO. Maggio 2013 SOMMARIO

STATUTO. Maggio 2013 SOMMARIO STATUTO Maggio 2013 SOMMARIO Denominazione Sede Scopo e durata della Società 2 Capitale Azioni Obbligazioni 3 Consiglio di Amministrazione 7 Sindaci 11 Assemblea 13 Esercizio Sociale Utili 14 Poteri Speciali

Dettagli

Montebelluna, 25 febbraio 2011

Montebelluna, 25 febbraio 2011 Comunicato ai sensi dell articolo 102 del D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58, come successivamente modificato e integrato (il Tuf ) e dell articolo 37 del Regolamento Consob approvato con delibera n. 11971

Dettagli

11 Statuto della Fiat S.p.A. (in vigore dal 1 SETTEMBRE 2011)

11 Statuto della Fiat S.p.A. (in vigore dal 1 SETTEMBRE 2011) 11 Statuto della (in vigore dal 1 SETTEMBRE 2011) Art. 1 - Denominazione È costituita una società per azioni denominata. La denominazione può essere scritta in lettere maiuscole o minuscole, con o senza

Dettagli

Utile netto della capogruppo Anima Holding: 72,4 milioni di euro (+38% sul 2013)

Utile netto della capogruppo Anima Holding: 72,4 milioni di euro (+38% sul 2013) COMUNICATO STAMPA ANIMA Holding: risultati esercizio 2014 Ricavi totali consolidati: 226,9 milioni (+3% sul 2013) Utile netto consolidato: 84,9 milioni (-29% sul 2013 che includeva proventi straordinari)

Dettagli

Gruppo IRIDE Il Consiglio di Amministrazione ha approvato i risultati dei primi nove mesi del 2009

Gruppo IRIDE Il Consiglio di Amministrazione ha approvato i risultati dei primi nove mesi del 2009 Gruppo IRIDE Il Consiglio di Amministrazione ha approvato i risultati dei primi nove mesi del RISULTATI OPERATIVI IN FORTE CRESCITA: - RICAVI: 1.625 MILIONI (1.740 NEI 9 MESI, -7%) - MARGINE OPERATIVO

Dettagli

UNIPOLSAI: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015. Utile netto consolidato a 455 milioni di euro (+27,4% rispetto al primo semestre 2014)

UNIPOLSAI: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015. Utile netto consolidato a 455 milioni di euro (+27,4% rispetto al primo semestre 2014) Bologna, 7 agosto 2015 UNIPOLSAI: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Utile netto consolidato a 455 milioni di euro (+27,4% rispetto al primo semestre 2014) Raccolta diretta assicurativa a 7.284

Dettagli

A. Informazioni essenziali ai sensi dell art. 130 del Regolamento Emittenti relative al Patto Parasociale LEM

A. Informazioni essenziali ai sensi dell art. 130 del Regolamento Emittenti relative al Patto Parasociale LEM A. Informazioni essenziali ai sensi dell art. 130 del Regolamento Emittenti relative al Patto Parasociale LEM INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971

Dettagli

ALLEGATO A) Trasferimento del S.I.I. Città di Udine da AMGA a CAFC Relazione economico-tecnica illustrativa Allegato A

ALLEGATO A) Trasferimento del S.I.I. Città di Udine da AMGA a CAFC Relazione economico-tecnica illustrativa Allegato A ALLEGATO A) Trasferimento del S.I.I. Città di Udine da AMGA a CAFC Relazione economico-tecnica illustrativa Allegato A 11 dicembre 003 1. Il modello dell operazione L operazione in sintesi 1 36% C O M

Dettagli

Fusione: scritture contabili e progetto di fusione (Prova assegnata all Università di Macerata - II Sessione 2014)

Fusione: scritture contabili e progetto di fusione (Prova assegnata all Università di Macerata - II Sessione 2014) Prova pratica n. 18 Fusione: scritture contabili e progetto di fusione (Prova assegnata all Università di Macerata - II Sessione 2014) La fuzione per incorporazione di società partecipata al 100%. Il candidato

Dettagli

L integrazione tra Borsa Italiana e London Stock Exchange Group crea il principale gruppo borsistico europeo

L integrazione tra Borsa Italiana e London Stock Exchange Group crea il principale gruppo borsistico europeo Non è permessa la pubblicazione, distribuzione o diffusione, totale o parziale, in Australia, Canada, Giappone o Stati Uniti e in ogni luogo in cui ciò possa costituire violazione della normativa ivi vigente.

Dettagli

R.D. 182 16.3.1942 267 (L.

R.D. 182 16.3.1942 267 (L. COMUNICATO STAMPA EEMS Italia S.p.A. ha stipulato in data odierna l accordo di ristrutturazione del debito con il pool di banche creditrici composto da Unicredit, Banca Nazionale del Lavoro, Banca Monte

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI PER LA DELEGA EX ART. 2443, C.C. AD AUMENTARE IL CAPITALE SOCIALE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI PER LA DELEGA EX ART. 2443, C.C. AD AUMENTARE IL CAPITALE SOCIALE RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI PER LA DELEGA EX ART. 2443, C.C. AD AUMENTARE IL CAPITALE SOCIALE predisposta ai sensi dell art. 72 e secondo lo schema n. 2 dell Allegato 3A del Regolamento

Dettagli

UNIPOLSAI: APPROVATI I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015. Utile netto consolidato a 310 milioni di euro (+66,6% rispetto al primo trimestre 2014)

UNIPOLSAI: APPROVATI I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015. Utile netto consolidato a 310 milioni di euro (+66,6% rispetto al primo trimestre 2014) Bologna, 8 maggio 2015 UNIPOLSAI: APPROVATI I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 Utile netto consolidato a 310 milioni di euro (+66,6% rispetto al primo trimestre 2014) Raccolta diretta assicurativa

Dettagli

L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DI BANCA CARIGE APPROVA IL BILANCIO RELATIVO ALL ESERCIZIO 2013

L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DI BANCA CARIGE APPROVA IL BILANCIO RELATIVO ALL ESERCIZIO 2013 PRESS RELEASE COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DI BANCA CARIGE APPROVA IL BILANCIO RELATIVO ALL ESERCIZIO 2013 L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DI BANCA CARIGE S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO D

Dettagli

DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE 2006

DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE 2006 DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE 2006 (art.54 del Regolamento Emittenti delibera Consob n. 11971/1999) DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE Il documento che segue contiene l elencazione delle informazioni

Dettagli

Consiglio di Gestione di Mediobanca

Consiglio di Gestione di Mediobanca Consiglio di Gestione di Mediobanca Milano, 7 marzo 2008 Approvata la relazione semestrale al 31 dicembre 2007 * * * Redditività in aumento malgrado il deterioramento dei mercati Aperte le filiali di Francoforte

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 73 E 93 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999, N.

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 73 E 93 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999, N. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 73 E 93 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999, N. 11971 (COME SUCCESSIVAMENTE MODIFICATO E INTEGRATO) SULLA PROPOSTA DI AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Comunicato stampa di Camfin SpA

Comunicato stampa di Camfin SpA Pagina 1 di 5 CAMFIN s.p.a. Comunicato stampa di Camfin SpA Approvata dal CdA la Relazione Semestrale del Gruppo CAMFIN SpA VENDITE: 137 MILIONI DI EURO, CONTRO 144,8 MILIONI DI EURO NEL PRIMO SEMESTRE

Dettagli

Diritto di accrescimento N. Azioni. N. Azioni vincolate. % su az. vinc. % su cap. soc. % su cap. soc. N. Azioni "non vincolate" % su cap. soc.

Diritto di accrescimento N. Azioni. N. Azioni vincolate. % su az. vinc. % su cap. soc. % su cap. soc. N. Azioni non vincolate % su cap. soc. Informazioni essenziali dell Accordo per la partecipazione al capitale di Mediobanca S.p.A. ai sensi dell art. 122, del d.lgs. 58/98 e della delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modificazioni

Dettagli

COMUNICATO DELL EMITTENTE AI SENSI DELL ARTICOLO 103, TERZO COMMA, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DELL ARTICOLO 39 DEL REGOLAMENTO CONSOB 11971/1999

COMUNICATO DELL EMITTENTE AI SENSI DELL ARTICOLO 103, TERZO COMMA, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DELL ARTICOLO 39 DEL REGOLAMENTO CONSOB 11971/1999 COMUNICATO DELL EMITTENTE AI SENSI DELL ARTICOLO 103, TERZO COMMA, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DELL ARTICOLO 39 DEL REGOLAMENTO CONSOB 11971/1999 Il consiglio di amministrazione di Società Azionaria

Dettagli

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI IFI S.p.A.

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI IFI S.p.A. ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI IFI S.p.A. Relazioni illustrative sulle proposte concernenti le materie all ordine del giorno dell Assemblea Ordinaria degli Azionisti 1 ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI

Dettagli

Documento di Offerta. Offerta pubblica di acquisto obbligatoria. Offerta pubblica di acquisto volontaria

Documento di Offerta. Offerta pubblica di acquisto obbligatoria. Offerta pubblica di acquisto volontaria Documento di Offerta Offerta pubblica di acquisto obbligatoria ai sensi degli articoli 102, 106, primo comma, e 109, primo comma, lettera a) del Decreto Legislativo n. 58 del 24 febbraio 1998 di azioni

Dettagli

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti 118 Bilancio Sociale 2009 La Relazione Sociale Azionisti Azionisti AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato Azionisti Azionisti La Relazione Sociale Bilancio Sociale 2009

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE DEL COMUNE DI RIMINI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE DEL COMUNE DI RIMINI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE DEL COMUNE DI RIMINI ARTICOLO 1 DEFINIZIONI 1.1 Ai fini del presente regolamento i seguenti termini hanno i significati di seguito indicati:

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Gruppo Iren presenta l aggiornamento del Piano Industriale al 2015.

COMUNICATO STAMPA. Il Gruppo Iren presenta l aggiornamento del Piano Industriale al 2015. COMUNICATO STAMPA Il Gruppo Iren presenta l aggiornamento del Piano Industriale al 2015. Ebitda al 2015 di circa 670 milioni di euro, con una crescita media annua del 3,2%. Posizione finanziaria netta

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE 13 Come già ampiamente illustrato in occasione dell assemblea di approvazione del bilancio 2000,

Dettagli

Gestione patrimoniale e finanziaria

Gestione patrimoniale e finanziaria Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività svolta nel corso del 2013 Durante il 2013 le politiche di investimento adottate dall area finanza hanno perseguito, in un ottica

Dettagli

Assemblea degli Azionisti 26 e 27 Marzo 2009 Relazioni e proposte sugli argomenti all ordine del giorno

Assemblea degli Azionisti 26 e 27 Marzo 2009 Relazioni e proposte sugli argomenti all ordine del giorno Assemblea degli Azionisti 26 e 27 Marzo 2009 Relazioni e proposte sugli argomenti all ordine del giorno Convocazione di Assemblea I Signori Azionisti sono convocati in assemblea ordinaria presso il Centro

Dettagli

AVVISO AGLI AZIONISTI DI BANCA DELL ARTIGIANATO E DELL INDUSTRIA S.p.A.

AVVISO AGLI AZIONISTI DI BANCA DELL ARTIGIANATO E DELL INDUSTRIA S.p.A. AVVISO AGLI AZIONISTI DI BANCA DELL ARTIGIANATO E DELL INDUSTRIA S.p.A. Modalità e termini di esercizio del diritto di vendita ai sensi dell art. 2505-bis del codice civile e di esercizio del diritto di

Dettagli

Regolamento dei warrant denominati Warrant azioni ordinarie Creval 2014. Articolo 1 Delibera

Regolamento dei warrant denominati Warrant azioni ordinarie Creval 2014. Articolo 1 Delibera Regolamento dei warrant denominati Warrant azioni ordinarie Creval 2014 Articolo 1 Delibera In data 19 settembre 2009, l Assemblea straordinaria del Credito Valtellinese Società Cooperativa (il Creval

Dettagli

Assemblea Ordinaria 8 e 11 maggio 2015 (I e II conv.)

Assemblea Ordinaria 8 e 11 maggio 2015 (I e II conv.) FINMECCANICA - Società per azioni Sede in Roma, Piazza Monte Grappa n. 4 finmeccanica@pec.finmeccanica.com Capitale sociale euro 2.543.861.738,00 i.v. Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale n.

Dettagli