Indice 1 INTRODUZIONE 4 2 PRESA IN CARICO DELLA PERSONA E INVIO DEL PIP 6 3 REALIZZAZIONE DEL PIP 9 4 LIQUIDAZIONE 14 5 OBBLIGHI E DOVERI 17

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice 1 INTRODUZIONE 4 2 PRESA IN CARICO DELLA PERSONA E INVIO DEL PIP 6 3 REALIZZAZIONE DEL PIP 9 4 LIQUIDAZIONE 14 5 OBBLIGHI E DOVERI 17"

Transcript

1 ALLEGATO A1 Linee di indirizzo per la gestione operativa delle Doti lavoro persone con disabilità, realizzate nell ambito dei Piani Provinciali annualità 2010/2012, in attuazione della d.g.r. del 25 novembre 2009 n e ss.mm.ii. Linee di indirizzo per la gestione operativa delle Doti lavoro persone con disabilità

2 Indice 1 INTRODUZIONE Obiettivi e destinatari Sintesi dei contenuti PRESA IN CARICO DELLA PERSONA E INVIO DEL PIP Atto di adesione dell Operatore accreditato Presa in carico della persona disabile Elaborazione del Piano di Intervento Personalizzato Invio del Piano di Intervento Personalizzato REALIZZAZIONE DEL PIP Avvio delle attività Adempimenti relativi alla realizzazione del PIP Comunicazione delle variazioni del PIP Rinuncia della Dote Conclusione del PIP LIQUIDAZIONE Condizioni di ammissibilità Procedure di liquidazione e pagamento Strumenti di liquidazione ed erogazione della dote Iter procedurale 16 5 OBBLIGHI E DOVERI Obblighi dell Operatore che prende in carico la persona Obblighi generali Comunicazione delle variazioni Obblighi degli operatori che erogano i servizi Conservazione della documentazione Verifiche in loco Informazione antimafia Irregolarità e sanzioni Riferimenti normativi ALLEGATI 21 Gli allegati di seguito riportati si intendono solo a titolo esemplificativo e assolutamente non vincolanti, pertanto ogni Provincia dovrà adattare tutta la modulistica al proprio sistema informativo-gestionale Allegato 1 - Indicazioni relative alla documentazione Documenti conservati dall operatore che ha in carico il destinatario 21 Documenti conservati dagli operatori che erogano i servizi 22 PIANI PROVINCIALI

3 Documenti conservati da tutti gli operatori relativi ai controlli 22 Allegato 2 - Modulo di domanda di partecipazione Allegato 3 - Piano di Intervento Personalizzato Allegato 4 - Atto di adesione Allegato 5 - Domanda di liquidazione indennità Allegato 5a - Domanda di liquidazione Ausili Allegato 5b - Domanda di liquidazione Borsa Lavoro Allegato 5c - Domanda di liquidazione Contributi e Incentivi Allegato 5d - Domanda di liquidazione Servizi Coop. Sociali Allegato 6 - Domanda di liquidazione operatore Allegato 7 - Comunicazione di rinuncia Allegato 8 - Comunicazione di rinuncia tacita Allegato 9 - Comunicazione di conclusione del PIP Allegato 10 Richiesta di proroga PIANI PROVINCIALI

4 1 INTRODUZIONE 1.1 Obiettivi e destinatari Obiettivo delle presenti linee di indirizzo è fornire un supporto operativo per una corretta gestione e liquidazione delle doti finanziate dal Fondo Regionale Disabili attraverso i Piani Provinciali Disabili a favore di individui, operatori, organismi o imprese, pubbliche o private che partecipano all attuazione della dote. In via sperimentale per la prima annualità di attuazione dei Piani Provinciali Disabili, le presenti indicazioni potranno essere adattate ed integrate per il tramite di eventuali Avvisi/Bandi e Atti pubblici delle province di riferimento dei Piani Provinciali stessi. La dote è un insieme di risorse destinate alle persone con disabilità descritte all art. 1 c. 1 della legge 68/99 residenti o domiciliate nel territorio provinciale di riferimento della Regione Lombardia, iscritte negli elenchi e/o graduatorie, di cui all art. 8 delle citata legge 68/99 o occupati ai sensi della normativa per il collocamento dei disabili, finalizzate all inserimento e reinserimento lavorativo, nella riqualificazione professionale e al mantenimento occupazionale nell ambito di un percorso personalizzato. Compito degli operatori accreditati è quello di erogare servizi al lavoro e alla formazione previsti dalla Dote e supportare le persone nella definizione e accompagnamento dei loro percorsi personalizzati. I servizi che gli operatori realizzano insieme alle persone sono formalizzati in un Piano di Intervento Personalizzato (PIP), che rappresenta il documento di riferimento per gli a- dempimenti connessi alla dote per tutti i soggetti coinvolti nella sua attuazione. Il PIP descrive il percorso che la persona con disabilità può realizzare grazie alla dote, e che prevede la fruizione dei servizi concordati con l operatore. Può coinvolgere una pluralità di soggetti quali gli operatori accreditati al lavoro, alla formazione, le cooperative sociali e le aziende in quanto funzionali al raggiungimento dell obiettivo di occupabilità. Le presenti linee di indirizzo sono rivolte a tutti i soggetti coinvolti nella definizione e attuazione del percorso personalizzato della persona con disabilità. 1.2 Sintesi dei contenuti Nel presente documento sono descritte le procedure che i soggetti coinvolti nell attuazione del PIP sono tenuti a seguire per assicurare una corretta gestione e rendicontazione della dote, salvo quanto diversamente specificato nei singoli Avvisi/Bandi pubblici. Gli adempimenti che gli operatori sono tenuti a seguire sono organizzati rispetto alle diverse fasi di attuazione della dote: PIANI PROVINCIALI

5 - Presa in carico della persona e invio del Piano di intervento personalizzato; - Realizzazione del PIP; - Liquidazione. Sono inoltre presentati gli obblighi cui gli operatori sono tenuti nel momento in cui aderiscono al Piano di Intervento personalizzato e le sanzioni connesse alle irregolarità cui gli operatori possono incorrere. In allegato sono riportati infine dei fac-simili di documenti richiesti per la partecipazione alle iniziative, che potranno essere adattati da ogni singola provincia in relazione alle diverse modalità di gestione e comunque comunicati tramite atti pubblici. PIANI PROVINCIALI

6 2 PRESA IN CARICO DELLA PERSONA E INVIO DEL PIP 2.1 Atto di adesione dell Operatore accreditato Alla prima richiesta di elaborazione di un PIP da parte di un destinatario di una dote prevista dai diversi Avvisi/Bandi provinciali, gli operatori erogatori dei servizi sono tenuti a: - Avviare tutti i servizi relativi all Avviso provinciale sul sistema Sintesi, compilando i relativi Kit di Avvio; - Stampare le Comunicazioni di Avvio prodotte dal sistema dopo la compilazione, sottoscriverle e conservarle agli atti nella Sede di Archiviazione/Documentazione indicata nel kit di avvio; - Sottoscrivere con firma digitale del Legale Rappresentate o Soggetto delegato l Atto di Adesione e caricarlo nella sezione Allegati del Kit Avvio dei Servizi (in alternativa, firmare con firma autografa e inviare in formato cartaceo alla Provincia). La sottoscrizione dell Atto di Adesione (Allegato 4), contenente gli impegni e le dichiarazioni assunti dall operatore per l attivazione dei servizi finanziati con la Dote Lavoro Ambito Disabilità, è condizione necessaria per l attivazione dei servizi previsti dal PIP. 2.2 Presa in carico della persona disabile La persona che intende usufruire della dote disabili accede al sistema informativo provinciale denominato SINTESI con il supporto di un operatore accreditato. Attraverso il sistema informativo Sintesi l operatore accreditato potrà preventivamente accertare se la persona possiede i requisiti per essere destinatario della dote ovvero acquisire la documentazione di iscrizione negli elenchi provinciali di cui all art.8 della legge 68/99 e la dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro del destinatario, oltre verificare lo stato occupazionale del soggetto L operatore potrà verificare la disponibilità delle risorse per il finanziamento dei servizi da erogare. L operatore dovrà richiedere la dichiarazione del destinatario nel caso in cui lo stesso non possieda indennità di disoccupazione o di mobilità. Se, accertato il possesso dei requisiti, intende proseguire nell impegno della dote, la persona e l operatore accreditato al lavoro (nella persona di un referente) devono prenotare la dote (se previsto dalla provincia di competenza) e successivamente definire un Piano di Intervento Personalizzato (Allegato 3), che dovrà essere compilato sul sistema informativo SINTESI (modulo Gestore Bandi e Corsi) ed inviato telematicamente alla Provincia di competenza per la convalida e l assegnazione della dote. PIANI PROVINCIALI

7 L operatore erogatore dovrà avviare, anche sul sistema informativo, associandolo a una edizione, il disabile ad almeno uno dei servizi impegnati entro 30 giorni dall accettazione del PIP. Superato tale termine, la prenotazione dei servizi e delle risorse impegnate decade e le risorse economiche vengono rese nuovamente disponibili. I servizi previsti dalle doti richieste ed approvate dovranno concludersi entro e non oltre le date stabilite dalle diverse province nei rispettivi Piani Provinciali ed Avvisi/Bandi pubblici correlati. 2.3 Elaborazione del Piano di Intervento Personalizzato La redazione del PIP consiste nella selezione dei servizi che l operatore ritiene siano utili a perseguire gli obiettivi di inserimento lavorativo o di sostegno all occupazione per il destinatario; viene definito sulle specifiche esigenze e necessità della persona disabile e della sua famiglia. In funzione della tipologia di dote, l Operatore può concordare con il destinatario, l inserimento nel PIP di diversi servizi, come riportati nei diversi documenti di definizione degli Standard minimi dei servizi al lavoro per le persone disabili pubblicati da ogni provincia. Le specifiche tipologie di servizi che possono essere inserite nel PIP sono definite negli Avvisi/Bandi pubblici di riferimento così come i massimali dei costi e concorrono ad individuare il contributo che potrà essere concesso con la dote. All erogazione dei servizi previsti dal PIP possono partecipare operatori erogatori diversi dall operatore che ha preso in carico la persona fermo restando che questi abbiano sottoscritto l Atto di Adesione, come definito negli Avvisi/Bandi provinciali. Nel PIP deve inoltre essere indicato il tutor che accompagnerà la persona disabile durante la realizzazione dei servizi. I servizi di cui la persona intende fruire nell ambito della propria dote, devono essere selezionati nel sistema informativo. E possibile in ogni momento modificare la selezione dei servizi nel PIP in stato di bozza fino al momento in cui il PIP non viene confermato tramite l invio elettronico definitivo sul Sistema Informativo Sintesi (PIP in stato presentato ). Successivamente alla presentazione del PIP, durante la fase di realizzazione, l operatore, in accordo con il destinatario, potrà richiedere agli uffici provinciali competenti di modificare alcuni contenuti del PIP. Gli stessi uffici valuteranno e autorizzeranno le possibili modifiche compatibilmente con gli obiettivi e la tempistica del percorso. Sarà possibile elaborare un secondo PIP contenente i servizi non previsti e/o non erogati nel primo,a chiusura del PIP in corso, utilizzando le risorse restanti per il completamento della dote. PIANI PROVINCIALI

8 2.4 Invio del Piano di Intervento Personalizzato Una volta compilato il PIP, l operatore lo inoltra alla Provincia di competenza tramite il Sistema informativo Sintesi, che darà immediato riscontro dell avvenuta ricezione assegnando automaticamente un numero di protocollo. L invio online abilita sul sistema la funzione di stampa del PIP. Una volta stampato dovrà essere firmato da tutti i soggetti coinvolti ove possibile, e conservato dall operatore erogatore dei servizi nella sede indicata per l archiviazione. La sottoscrizione del PIP da parte dell operatore è condizione vincolante ai fini dell assegnazione delle risorse finanziarie associate alla dote. Il PIP deve essere sottoscritto utilizzando la CRS o altro strumento per la firma digitale, dal rappresentante legale dell operatore accreditato o da un suo delegato e dal destinatario o suo rappresentante legale (tutore). Solo nel caso in cui il destinatario non sia in possesso della propria CRS o incontri oggettive difficoltà nell acquisirne il PIN, è possibile sottoscrivere manualmente il PIP. In tal caso occorre caricare sul sistema Sintesi (upload) una copia digitale del PIP firmato manualmente dalle parti e una copia del documento di identità del destinatario. Il file ottenuto dovrà firmato elettronicamente dal rappresentante legale dell operatore o da un suo delegato. Una volta inviato il PIP l operatore ne potrà verificare la validazione sul sistema informativo Sintesi Gli uffici Provinciali competenti si riservano di richiedere eventuali integrazioni e/o informazioni relativamente ai PIP inviati telematicamente sul Sistema. In tal caso l accettazione del PIP deve intendersi sospesa fino al completamento delle informazioni/integrazioni richieste. In caso di mancata integrazioni la Provincia potrà procedere con la revoca della Dote. PIANI PROVINCIALI

9 3 REALIZZAZIONE DEL PIP 3.1 Avvio delle attività Le attività di realizzazione del PIP successive alla definizione del percorso possono essere avviate solo dopo la data di accettazione della dote da parte della Provincia competente e comunque successivamente alla pubblicazione dell avviso. Le attività si intendono avviate con l inizio dell erogazione dei servizi che corrisponde all associazione dell anagrafica del destinatario all Edizione (individuale o di gruppo) e l Avvio formale della stessa sul sistema informativo Sintesi e il caricamento (upload) di eventuali Allegati all avvio, preventivamente firmati elettronicamente. Per l avvio delle attività previste dal PIP, è posto il limite di 30 giorni dall accettazione del PIP, pena la decadenza del PIP stesso. L avvio delle attività di formazione risulta dalle comunicazioni obbligatorie previste per gli operatori accreditati che avviano percorsi formativi in seguito al D.d.u.o. 12 settembre 2008, n. 9837: Approvazione delle procedure relative allo svolgimento delle attività formative dei soggetti accreditati al sistema di istruzione e formazione professionale della Regione Lombardia, il rispetto del quale rientra tra gli obblighi degli operatori. 3.2 Adempimenti relativi alla realizzazione del PIP Il tutor individuato nel PIP è il riferimento della persona disabile per tutta la durata di realizzazione del PIP. Per ogni esigenza relativa alla realizzazione del PIP, infatti, il destinatario fa riferimento al tutor. L operatore prescelto rappresenta l unica interfaccia fra il destinatario e la rete degli operatori coinvolti nell erogazione dei servizi, e si rende garante del rispetto dei contenuti e delle modalità di fruizione concordate e sottoscritte con il destinatario nel suo Piano di Intervento Personalizzato. L accompagnamento consiste anche nella gestione della documentazione e delle comunicazioni di monitoraggio previste nell attuazione della dote. In particolare, l operatore provvede all inserimento della documentazione prevista dagli Avvisi/Bandi provinciali nel sistema informativo (upload documentazione) e all aggiornamento periodico di eventuali modifiche inerenti la realizzazione del PIP, utilizzando il Calendario delle attività. Calendario delle attività Il Calendario delle attività è uno strumento contenente le informazioni relative alla erogazione dei servizi, disponibile sul sistema informativo (Sintesi - cartella documenti di avvio); l operatore ne garantirà la compilazione registrando sul format previsto, per ogni servizio di cui il destinatario fruisce, le ore, le date, il nome dell operatore che lo eroga. Il format va inviato telematicamente attraverso un upload. PIANI PROVINCIALI

10 Il Calendario delle attività deve essere compilato contestualmente alla realizzazione delle attività e comunque entro il quindicesimo giorno del mese successivo rispetto a quello in cui si sono realizzate le attività. Si specifica che in ogni caso il Calendario delle attività non può essere modificato relativamente ai servizi per cui si è inviata domanda di liquidazione. La corretta e completa compilazione del Calendario delle attività da parte dell operatore è condizione indispensabile per l erogazione delle eventuali indennità di partecipazione al destinatario. Nel caso di attività formative, l operatore titolare del PIP dovrà acquisire dall operatore erogatore del servizio formativo copia del registro formativo (rinvenibile on-line) e delle presenze e dovrà compilare il calendario delle attività segnalando solo la data di inizio e la data di fine di ogni attività formativa. L operatore deve inoltre assicurare che il singolo professionista coinvolto nell erogazione dei servizi al lavoro compili il Timesheet (scheda di rilevazione delle attività e delle ore rinvenibile on-line), utilizzando esclusivamente il modello di seguito riportato che dovrà essere preventivamente firmato elettronicamente e inviato telematicamente (upload). Timesheet Cognome e Nome Id Operatore Denominazione Operatore Id Unità Organizzativa Data Servizio erogato Dalle ore Alle ore N. Ore ID dote Firma destinatario Firma leggibile risorsa professionale Firma leggibile responsabile unità organizzativa Nei casi in cui il personale sia coinvolto in più PIP nello stesso periodo di tempo, il timesheet deve consentire, oltre alla riconciliazione delle ore totali, la specificazione delle attività cui le ore lavorate si riferiscono. In fase di realizzazione delle attività, l operatore deve produrre la documentazione prevista dagli standard minimi dei servizi al lavoro per le persone disabili pubblicati da ogni provincia, come output delle attività svolte. Si riportano a titolo esemplificativo gli output che l operatore che eroga il servizio deve conservare per dare evidenza dell erogazione del servizio in accordo con gli standard definiti: Piano Individuale Personalizzato (PIP cartaceo) Scheda professionale aggiornata (da stampare e tenere agli atti) Progetto formativo di tirocinio CV in formato europeo PIANI PROVINCIALI

11 Scheda individuale delle competenze, già sviluppate e da sviluppare Contratto di lavoro Candidature Scheda di valutazione delle opportunità di lavoro individuate Business-Plan e Progetto imprenditoriale L operatore deve curare inoltre la compilazione dei documenti di seguito descritti. Registro formativo e delle presenze Nel caso in cui il PIP preveda lo svolgimento di attività formative, gli Operatori che erogano tali servizi devono predisporre il registro formativo e delle presenze, vidimato dal rappresentante legale, in coerenza con le disposizioni regionali (D.d.u.o. 12 settembre 2008, n Approvazione delle procedure relative allo svolgimento delle attività formative dei soggetti accreditati al sistema di istruzione e formazione professionale della Regione Lombardia ). Scheda stage/tirocinio Nel caso in cui il PIP preveda lo svolgimento di uno stage/tirocinio o di un project work, l Operatore che sottoscrive il PIP deve predisporre una scheda (registro) vidimata dal legale rappresentante dell operatore accreditato che eroga la formazione. Tale scheda deve essere debitamente compilata per tutti i giorni di stage/tirocinio con le attività svolte, firmata dal destinatario e dal tutor aziendale. E conservata presso la sede di stage/tirocinio per tutto il periodo di svolgimento. In caso di tirocinio occorre conservare anche la convenzione e progetto formativo previsto ai sensi del D.M. 142/ Comunicazione delle variazioni del PIP Qualsiasi variazione che comporti modifiche nei contenuti del PIP relative a soggetti coinvolti, luogo di fruizione dei servizi, servizi formativi, tempistica di attuazione (nel rispetto della durata massima prevista per la conclusione della Dote negli specifici Piani Provinciale e relativi Avvisi/Bandi), dovrà essere richiesta agli uffici provinciali competenti. In caso di accettazione delle modifiche da parte della Provincia, l operatore provvederà a chiudere il PIP sul sistema Sintesi e ad aprirne un altro conforme che dovrà essere firmato con le stesse modalità previste dalle presenti linee di indirizzo e caricato sul sistema informativo. La comunicazione di eventuali modifiche del nominativo del Tutor dovrà essere inserita nel sistema informativo. Non sono in ogni caso ammesse modifiche relative all operatore con il quale è sottoscritto il PIP, al valore complessivo della dote assegnata al disabile. L operatore che prende in carico il destinatario è tenuto a concordare con il destinatario ogni modifica del PIP. In caso contrario, l operatore non potrà proseguire nella partecipazione all iniziativa e ogni mancanza verrà segnalata nelle sedi di valutazione opportune. Nel caso in cui le condizioni del Destinatario si modificassero, portando alla perdita dei requisiti di partecipazione previsti nell Avviso, il Destinatario decade automaticamente PIANI PROVINCIALI

12 dalla titolarità della dote. Tale modifica deve essere comunicata tempestivamente all operatore, che dovrà darne immediata comunicazione tramite il sistema informativo alla Provincia competente, che modificherà lo stato della dote come revocato. Il valore dei servizi erogati sarà riconosciuto in funzione delle modalità di liquidazione previste, così come descritte nell apposito paragrafo. In caso di gravidanza, detenzione, aggravamento della patologia del disabile preso in carico, verrà riconosciuto l importo dei servizi effettivamente erogati. 3.4 Rinuncia della Dote L eventuale rinuncia della dote da parte del Destinatario dovrà essere comunicata immediatamente alla Provincia competente, secondo il format disponibile sul sistema informativo, firmata dal destinatario ed inviata telematicamente attraverso un upload. L operatore prende atto della rinuncia. La comunicazione di rinuncia alla dote potrà essere inoltrata da parte dell operatore senza la sottoscrizione del destinatario, solo nel caso in cui il destinatario non abbia frequentato le attività previste nel PIP per 30 giorni di calendario, e non risulti più raggiungibile da parte dell operatore stesso (rinuncia tacita). Tale comunicazione, con copia della documentazione attestante la non reperibilità del soggetto, dovrà essere trasmessa dall operatore alla Provincia competente entro 5 giorni dalla scadenza dei suddetti 30 giorni, che provvederà a modificare lo stato del PIP in rinunciato. 3.5 Conclusione del PIP Al termine delle attività previste nel PIP, l operatore che ha preso in carico il destinatario ne comunica la conclusione entro 30 giorni attraverso la preventiva chiusura di tutte le Edizioni previste dal PIP sul sistema informativo e il relativo caricamento (upload) degli Allegati alla chiusura preventivamente firmati elettronicamente. L operatore predispone: 1. la relazione di sintesi delle attività svolte nell ambito del PIP attraverso la compilazione del format rinvenibile on-line riportando una breve descrizione dei seguenti elementi: - profilo del titolare della dote all inizio del percorso, con riferimento alla condizione occupazionale, al titolo di studio, alle esperienze e alle competenze possedute, tipologia del disabile (sensoriale, fisico, psichico); - obiettivi previsti dal PIP, in relazione alle esigenze rilevate all avvio del percorso, (ad esempio in termini di conoscenze, competenze e orientamento); - obiettivi raggiunti nell ambito del PIP, con indicazione del risultato complessivo conseguito al termine del percorso; 2. il modulo di comunicazione di conclusione del PIP, disponibile sul sistema informativo, deve essere firmato con CRS dall operatore e con CRS e firma olografa dal destinatario. PIANI PROVINCIALI

13 Eventuali proroghe al PIP rispettando la data del termine ultimo delle attività previste, potranno essere richieste alla Provincia competente solo in casi di impossibilità del Destinatario a partecipare alle attività del PIP per motivi di: - infortunio; - aggravamento della patologia; - maternità; - detenzione; L operatore può richiedere la proroga per la conclusione delle attività attraverso il format rinvenibile sul sistema informativo, riportando i motivi per cui si richiede la proroga. Tale modulo deve essere controfirmato dal destinatario ove possibile e caricato sul sistema (upload). La documentazione relativa ai motivi di richiesta della proroga deve essere conservata agli atti dall operatore. Non sono ammesse proroghe che non dipendono dai motivi sopra riportati. La proroga è subordinata all accettazione da parte degli uffici provinciali competenti che ne daranno comunicazione entro 15 giorni lavorativi dal ricevimento della stessa. In caso di rigetto, l operatore dovrà informarne il destinatario. In caso di conclusione anticipata del PIP, anche a seguito di rinuncia della dote, saranno riconosciuti solo gli importi relativi a servizi erogati prima del momento della conclusione anticipata, nel rispetto delle condizioni di liquidabilità previste dai singoli Avvisi/Bandi. PIANI PROVINCIALI

14 4 LIQUIDAZIONE 4.1 Condizioni di ammissibilità L operatore che eroga il servizio inoltra la domanda di liquidazione per il rimborso dei costi associati ai servizi erogati, nel rispetto delle seguenti condizioni di ammissibilità: i servizi inclusi nella domanda di liquidazione sono previsti nel PIP approvato (comprese eventuali modifiche); l operatore che chiede il rimborso è incluso tra gli operatori previsti nel PIP; i costi associati ai servizi sono contenuti entro i limiti dei massimali di costo stabiliti 1 ; la documentazione relativa ai servizi erogati è stata correttamente compilata in accordo alle presenti linee di indirizzo ed è conservata agli atti dell operatore; per l erogazione dei servizi l operatore non ha ricevuto altri contributi pubblici; i servizi inclusi nella domanda di liquidazione sono stati erogati nel rispetto della tempistica prevista nel PIP accettato. Non sono ammissibili i costi associati ai servizi obbligatori per legge 2 ed erogati a titolo gratuito ai destinatari, quali: i servizi di acquisizione della dichiarazione sostitutiva dello stato di disoccupazione e di immediata disponibilità al lavoro del destinatario; il colloquio di orientamento (I livello); la proposta di adesione a iniziative e misure personalizzate; la verifica del rispetto delle misure concordate. Non sono ammissibili i costi associati a PIP non accettati. La domanda di liquidazione dovrà essere inoltrata entro 45 giorni dalla data di conclusione del PIP. Nel caso in cui la domanda di liquidazione non fosse pienamente conforme ai criteri di ammissibilità, la Provincia di competenza potrà chiedere chiarimenti/integrazione della documentazione ovvero, nel caso i rilievi non potessero essere superati, potrà non riconoscere l importo corrispondente alla condizione non rispettata, riconducendo l importo della domanda di liquidazione entro condizioni di ammissibilità. 1 I massimali riferiti ai singoli servizi sono definiti dai Piani Provinciali di ogni provincia e da eventuali successivi avvisi/atti pubblici delle province stesse. 2 Vedi L.R. 22/06, art.13, c. 3-4; D.Lgs n. 181/00, art.3; D.Lgs 276/03. PIANI PROVINCIALI

15 4.2 Procedure di liquidazione e pagamento Strumenti di liquidazione ed erogazione della dote Alla chiusura del PIP, il Sistema genera il Buono Dote Lavoro - Ambito Disabilità sul quale saranno automaticamente caricate le informazioni dei servizi richiesti al momento della prenotazione della dote e di quelli effettivamente erogati dell operatore, riportando altresì tutti i dati riferiti alla contabilizzazione della dote medesima. Sarà quindi possibile stampare il Buono Dote Lavoro - Ambito Disabilità generato, firmarlo e conservarlo agli atti per le successive procedure di liquidazione. La liquidazione relativa ai servizi previsti nel PIP viene effettuata dalla Provincia a fronte del caricamento sul sistema Sintesi (upload), da parte dell operatore, della seguente documentazione preventivamente firmata elettronicamente tramite CRS: Buono Dote Lavoro - Ambito Disabilità che riporta il codice PIP il nome e cognome del lavoratore e le ore erogate per azione, il valore economico previsto e il valore economico riparametrato; fattura o altro documento contabile indirizzato alla Provincia, che deve essere u- nico per ogni domanda di liquidazione e al quale deve essere apposta marca da bollo da 1,81 o eventuale indicazione del diritto all esenzione; relazione di sintesi sulle attività svolte, predisposta al momento della chiusura del PIP dichiarazione sostitutiva sottoscritta dal rappresentante dell operatore che dichiara che i servizi erogati sono conformi agli standard prestabiliti e sono comprovati dai documenti conservati presso la propria sede indicata quale sede di archiviazione. In qualunque momento la Provincia può chiedere di acquisire tali documenti. La liquidazione relativa ai servizi previsti dal PIP viene effettuata a PIP chiuso o nel caso il PIP abbia una durata superiore a 4 mesi sarà possibile chiedere delle liquidazioni parziali dopo aver erogato e protocollato la medesima tipologia di servizio/azione ad almeno 5 soggetti. Per alcune tipologie di servizi l erogazione della somma potrà essere subordinata all esito occupazionale positivo nelle modalità definite dai singoli Avvisi/Bandi. A seguito della verifica documentale ed eventualmente in loco della regolarità del servizio erogato, della sua rispondenza agli standard previsti, nonché nell esame della regolarità e completezza della documentazione di liquidazione comprovante il credito dell operatore, gli uffici provinciali competenti autorizzano il pagamento della dote. La richiesta di liquidazione per i servizi di sostegno all occupazione e di accompagnamento dei lavoratori disabili psichici presso le cooperative sociali deve essere predisposta dall operatore accreditato firmatario del PIP per conto della cooperativa secondo le modalità precedentemente descritte. La relazione delle attività svolte deve riportare per ciascun servizio per cui si effettua la domanda una descrizione analitica del servizio reso e i risultati ottenuti, coerentemente con i contenuti del Calendario delle attività. PIANI PROVINCIALI

16 4.2.2 Iter procedurale L iter procedurale per la liquidazione della dote dovrà essere definito da ogni singola Provincia in base alle funzionalità previste dal sistema informativo SINTESI e dalle modalità gestionali di liquidazione adottate dalle singole amministrazioni provinciali, pertanto si rimanda alle modalità operative di liquidazione della Dote che ogni provincia provvederà ad allegare ad ogni Avviso. PIANI PROVINCIALI

17 5 OBBLIGHI E DOVERI 5.1 Obblighi dell Operatore che prende in carico la persona Obblighi generali L operatore ha l obbligo di verificare il rispetto dei requisiti posseduti dal destinatario della dote e di conservare presso la propria sede i documenti relativi. Per la verifica dei requisiti occorre che l operatore sia accreditato al portale provinciale di SINTESI al fine di essere autorizzato all'accesso alla consultazione. L operatore che eroga un servizio formativo previsto nel PIP ha l obbligo di indicare un costo orario dei servizi formativi non superiore a quello indicato in fase di presentazione del PIP. Nel momento in cui partecipano al PIP gli operatori non devono percepire altri finanziamenti da organismi pubblici per i servizi rivolti al destinatario indicato nel PIP e ivi descritti e si vincolano a non richiedere erogazioni di somme a qualsiasi titolo ai destinatari. L operatore che prende in carico il destinatario è tenuto a rispettare quanto concordato nel PIP e a concordare con il destinatario ogni eventuale modifica. L operatore che prende in carico la persona si obbliga a fornite tutoraggio al destinatario durante tutta la durata del PIP. In caso contrario, l operatore non potrà proseguire a partecipare all iniziativa e ogni mancanza verrà segnalata nelle opportune sedi di valutazione. L operatore erogatore dei servizi indicati nel PIP che prende in carico il destinatario è tenuto: 1. a rispettare quanto concordato nel PIP, in termini di contenuti, modalità di svolgimento e risultati attesi; 2. a fornire tutoraggio al destinatario durante tutta la durata del PIP. 3. a svolgere un ruolo di supporto e raccordo fra il destinatario e la Provincia di Milano durante l'attuazione del percorso personalizzato Comunicazione delle variazioni Nel caso in cui le condizioni del destinatario si modificassero, portando alla perdita dei requisiti di partecipazione previsti nell Avviso, il destinatario decade automaticamente dalla titolarità della dote. Tale modifica deve essere comunicata tempestivamente all operatore erogatore, che dovrà darne immediata comunicazione alla Provincia di Milano che modificherà lo stato del PIP in revocato. Sarà riconosciuto all operatore il costo dei servizi fruiti dal destinatario durante il periodo di possesso dei requisiti. PIANI PROVINCIALI

18 Nel caso in cui la modifica dei requisiti non sia stata comunicata e sia rilevata dai controlli preposti, la Provincia di Milano potrà avviare le procedure di recupero delle somme indebitamente percepite dal momento di decadenza dei requisiti. L operatore deve acquisire la dichiarazione di rinuncia (secondo il format disponibile sul sistema Sintesi) del destinatario qualora lo stesso receda dal PIP sottoscritto e darne comunicazione alla Provincia di Milano entro e non oltre i 5 giorni successivi all interruzione delle attività. Dal ricevimento della stessa, la dote si considera rinunciata. La comunicazione di Rinuncia alla dote potrà essere inoltrata da parte dell operatore senza la sottoscrizione del destinatario, che ha sottoscritto il PIP, solo nel caso in cui il destinatario non abbia frequentato le attività previste nel PIP per 30 giorni di calendario, e non risulti più raggiungibile da parte dell operatore stesso. Tale comunicazione dovrà essere trasmessa dall operatore alla Provincia entro 5 giorni dalla scadenza dei suddetti 30 giorni. Inoltre, il mancato rispetto delle scadenze prestabilite per l'avvio e la realizzazione delle attività potrà comportare la decadenza della dote. 5.2 Obblighi degli operatori che erogano i servizi Conservazione della documentazione E responsabilità dell operatore conservare presso la propria sede e rendere disponibile anche ai fini di eventuali controlli da parte degli uffici competenti, tutta la documentazione richiesta per un periodo di 5 anni dalla data di conclusione del percorso formativo Verifiche in loco Nel corso della realizzazione del PIP gli operatori e i soggetti pubblici e privati coinvolti nell attuazione del PIP potranno essere soggetti a verifica in loco, al fine dell accertamento dell effettiva e conforme erogazione del servizio. Infatti, è facoltà degli organi di controllo nazionali, regionali e provinciali effettuare visite e verifiche, anche senza preavviso, in ogni fase dell attività al fine di attivare a vario titolo la vigilanza sulle azioni. Pertanto, durante tutto il corso di realizzazione del PIP gli operatori accreditati e gli altri soggetti che partecipano all attuazione del PIP sono tenuti ad assicurare lo svolgimento delle verifiche che la Provincia riterrà opportuno svolgere circa la fruizione e il costo dei servizi Informazione antimafia L operatore accreditato che eroga servizi di formazione e/o al lavoro con la dote, qualora l importo dei servizi da esso forniti, sul singolo Avviso, superi la somma di ,07, è tenuto a presentare alla Prefettura della provincia ove è ubicata la sede legale, la richiesta per il rilascio delle Informazioni antimafia ai sensi dell art. 10, comma 6, DPR 3 giugno 1998, n PIANI PROVINCIALI

19 Gli operatori dovranno procedere alla richiesta di rinnovo semestrale dell informazione fino all esaurirsi del rapporto concessorio con la Provincia, ossia fino alla chiusura dei servizi gestiti in riferimento all Avviso per cui è stata richiesta l Informazione. 5.3 Irregolarità e sanzioni La Provincia non riconoscerà gli importi richiesti e procederà ad avviare eventuali recuperi di importi già liquidati nei confronti degli operatori, in caso di: omessa esibizione della documentazione richiesta come prova dell'effettuazione dei servizi entro i termini fissati dalla Provincia; mancanza della documentazione richiesta, o di assenza nella stessa di elementi essenziali, come prova dell'effettuazione dei servizi ovvero di mancata corrispondenza con quanto dichiarato in fase di richiesta di liquidazione; insussistenza dei requisiti del destinatario per partecipare all'iniziativa dote; mancata definizione con la persona dei contenuti del PIP; richiesta di erogazione di somme a qualsiasi titolo ai destinatari; difformità tra documenti in originale conservati presso l'operatore e i documenti inviati attraverso il sistema informativo, qualora non fossero rilevate irregolarità nei documenti in originale, la Provincia fornirà un termine per adeguare la documentazione sul sistema informativo; dichiarazioni mendaci, formazione o uso di atti falsi; mancata accoglienza in caso di verifiche in loco nella Sede Archiviazione/Documentazione; inosservanza agli altri obblighi previsti dalle presenti linee di indirizzo o dai singoli Avvisi/Bandi; irregolarità che comportano per uno stesso operatore una non riconoscibilità degli importi superiore alla quota prevista dal Reg. (CE) 1681/94, anche in relazione a diversi PIP, la Provincia comunicherà tali irregolarità agli organi competenti. 5.4 Riferimenti normativi Legge del 12 marzo 1999 n. 68 Norme per il diritto al lavoro dei disabili ; D. Lgs. del 10 settembre 2003 n. 276 Attuazione delle delghe in materia di occupazione e mercato del lavoro, di cui alla L. 14 febbraio 2003, n. 30 ; Legge regionale del 4 agosto 2003 n. 13 Promozione all accesso al lavoro delle persone disabili e svantaggiate ; Il Regolamento (CE) del 6 agosto 2008 n. 800; Legge regionale 28 settembre 2006, n. 22 Il mercato del lavoro in Lombardia ; Legge regionale 6 agosto 2007, n. 19 Norme sul sistema educativo di istruzione e formazione della Regione Lombardia ; Legge del n. 381: Disciplina delle cooperative sociali ; PIANI PROVINCIALI

20 D.M. del n. 142: Regolamento recante norme di attuazione dei principi e dei criteri di cui all articolo 18 della L. 24 giugno 1997, n. 196, sui tirocini formativi e di orientamento ; D.d.u.o. 22 gennaio 2009, n. 420 Disposizioni regionali per l offerta dei servizi formativi e del lavoro relativi alla Dote Formazione e alla Dote Lavoro in attuazione della D.g.r. n. 8864/2009 «Programmazione del Sistema Dote per i servizi di istruzione, formazione e lavoro per l anno 2009» e successive modifiche e integrazioni; Decreto legislativo 12 aprile 2006 n. 163/2006 Codice dei contratti pubblici relativi ai lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE ; D.g.r. 13 febbraio 2008, n. VIII/6563 Indicazioni regionali per l'offerta formativa in materia di istruzione e formazione professionale (art. 22, comma 4, l.r. n. 19/2007) ; D.g.r. 23 dicembre 2009 n. VIII/10882 Erogazione dei servizi di istruzione e formazione professionale nonché dei servizi per il lavoro procedure e requisiti per l accreditamento degli operatori pubblici e privati e indicazioni per il funzionamento dei relativi albi regionali ; D.d.u.o. 30 luglio 2008, n Adozione del Quadro Regionale degli Standard Professionali della Regione Lombardia e ss.mm.ii; D.c.r. 10 luglio 2007, n. VIII/404 Piano d azione regionale ( ) ai sensi dell articolo 3 della legge regionale 28 settembre 2006, n. 22 «Il mercato del lavoro in Lombardia» ; D.d.u.o. 12 settembre 2008, n Approvazione delle procedure relative allo svolgimento delle attività formative dei soggetti accreditati al sistema di istruzione e formazione professionale della Regione Lombardia ; D.g.r. 18 aprile 2007, n. VIII/4562 Procedure e requisiti per l'accreditamento degli operatori pubblici e privati all'erogazione dei servizi al lavoro e per il funzionamento del relativo Albo regionale, in attuazione dell'art. 13 della l.r. 22/2006 ; D.g.r. 21 dicembre 2007, n. VIII/6273 Erogazione dei servizi di istruzione e formazione professionale nonché dei servizi per il lavoro e per il funzionamento dei relativi albi regionali. Procedure e requisiti per l accreditamento degli operatori pubblici e privati ; D.d.u.o. 7 marzo 2008, n Approvazione dei requisiti e delle modalità operative per la richiesta di accreditamento degli operatori pubblici e privati allo svolgimento dei servizi di istruzione e formazione professionale di cui all art. 26 della l.r. 19/2007 e per la costituzione del relativo albo regionale, in attuazione della d.g.r. n. VIII/6273 del 21 dicembre 2007 e seguenti. PIANI PROVINCIALI

MANUALE OPERATORE dote 1

MANUALE OPERATORE dote 1 Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012 Annualità 2011 MANUALE OPERATORE dote 1 SOMMARIO 1. INTRODUZIONE... 4 1.1 Obiettivi e destinatari... 4 1.2 Sintesi dei contenuti...

Dettagli

MILANO MARTEDÌ, 17 NOVEMBRE 2009. Sommario

MILANO MARTEDÌ, 17 NOVEMBRE 2009. Sommario REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO MARTEDÌ, 17 NOVEMBRE 2009 2º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommario Anno XXXIX N. 241 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli

ALLEGATO 3 AVVISO PER L ACCESSO ALLA FORMAZIONE FINANZIATA RIVOLTA AI TUTOR AZIENDALI DEGLI APPRENDISTI IN APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE

ALLEGATO 3 AVVISO PER L ACCESSO ALLA FORMAZIONE FINANZIATA RIVOLTA AI TUTOR AZIENDALI DEGLI APPRENDISTI IN APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE ALLEGATO 3 AVVISO PER L ACCESSO ALLA FORMAZIONE FINANZIATA RIVOLTA AI TUTOR AZIENDALI DEGLI APPRENDISTI IN APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE 1 I. QUADRO DI RIFERIMENTO In attuazione degli obiettivi, definiti

Dettagli

DOTE LAVORO AMBITO DISABILITA SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE

DOTE LAVORO AMBITO DISABILITA SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE Avviso per la costituzione di un Catalogo provinciale per l erogazione dei servizi per la DOTE LAVORO AMBITO DISABILITA SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE di disabili deboli Premessa Con Delibera Regionale n. 4596

Dettagli

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE AVVISO PUBBLICO

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE AVVISO PUBBLICO Settore Lavoro, Istruzione, Politiche Sociali PIANO PROVINCIALE PER IL SOSTEGNO E L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI ANNUALITA 2011-2012 DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE AVVISO PUBBLICO

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI ANNO 2012 AZIONE DI SISTEMA - AVVISO 5) COLLABORAZIONI E SVILUPPO DELLE COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B

PIANO PROVINCIALE DISABILI ANNO 2012 AZIONE DI SISTEMA - AVVISO 5) COLLABORAZIONI E SVILUPPO DELLE COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B PIANO PROVINCIALE DISABILI ANNO 2012 AZIONE DI SISTEMA - AVVISO 5) COLLABORAZIONI E SVILUPPO DELLE COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B 1) RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 8 novembre 1991 n. 381: Disciplina delle

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE 1) RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 8 novembre 1991 n. 381: Disciplina delle cooperative

Dettagli

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO Settore Lavoro, Istruzione, Politiche Sociali PIANO PROVINCIALE PER IL SOSTEGNO E L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI ANNUALITA 2011-2012 DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI

Dettagli

S e t t o r e W e l f a r e

S e t t o r e W e l f a r e S e t t o r e W e l f a r e LIFT 2014 Avviso per la costituzione di un Catalogo provinciale per l erogazione di servizi per la DOTE LAVORO AMBITO DISABILITA SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DEI DISABILI PSICHICI

Dettagli

MILANO - VENERDÌ, 10 LUGLIO 2009. Sommario

MILANO - VENERDÌ, 10 LUGLIO 2009. Sommario REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - VENERDÌ, 10 LUGLIO 2009 5º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommario Anno XXXIX - N. 140 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli

Programma PARI 2007 Provincia di Sondrio INDICAZIONI OPERATIVE

Programma PARI 2007 Provincia di Sondrio INDICAZIONI OPERATIVE Provincia di Sondrio Programma PARI 2007 Provincia di Sondrio - Programma d Azione per il Reimpiego di lavoratori svantaggiati - INDICAZIONI OPERATIVE approvate con determinazione del dirigente del settore

Dettagli

DOTE SOSTEGNO OCCUPAZIONE DISABILI PSICHICI GIA INSERITI IN COOPERATIVA 2011

DOTE SOSTEGNO OCCUPAZIONE DISABILI PSICHICI GIA INSERITI IN COOPERATIVA 2011 Provincia di Como La Provincia di Como l Assessorato alle Politiche attive del lavoro e formazione professionale rende nota la DOTE SOSTEGNO OCCUPAZIONE DISABILI PSICHICI GIA INSERITI IN COOPERATIVA 2011

Dettagli

D4 -DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO

D4 -DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO Settore Lavoro, Istruzione, Politiche Sociali PIANO PROVINCIALE PER IL SOSTEGNO E L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI 2014-2016 ANNUALITA 2014 Periodo transitorio D4 -DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL

Dettagli

Sperimentazioni di integrazione in ambito lavorativo per detenuti Sartoria in carcere

Sperimentazioni di integrazione in ambito lavorativo per detenuti Sartoria in carcere Provincia di Como La Provincia di Como l Assessorato alle Politiche attive del lavoro e formazione professionale pubblica rende nota COMUNICAZIONE AGLI OPERATORI ACCREDITATI L.R. 22/06 AI SERVIZI PER IL

Dettagli

Direzione Generale Culture, Identità e Autonomie

Direzione Generale Culture, Identità e Autonomie POR OB 2 FSE 2007-2013 MANUALE OPERATIVO PER LA DEFINIZIONE DELL'OFFERTA FORMATIVA, PER LA GESTIONE, LA RENDICONTAZIONE E LA LIQUIDAZIONE DELLA DOTE NLW 2013/2014 2014/2015 Direzione Generale Culture,

Dettagli

Area Sviluppo Economico Settore Lavoro. PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 Annualità 2014 MANUALE OPERATORE DOTE IMPRESA COLLOCAMENTO MIRATO

Area Sviluppo Economico Settore Lavoro. PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 Annualità 2014 MANUALE OPERATORE DOTE IMPRESA COLLOCAMENTO MIRATO Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 Annualità 2014 MANUALE OPERATORE DOTE IMPRESA COLLOCAMENTO MIRATO Risorse e servizi per sostenere le imprese nel processo di

Dettagli

DOTE BORSA LAVORO 2012

DOTE BORSA LAVORO 2012 Provincia di Como La Provincia di Como l Assessorato alle Politiche attive del lavoro e formazione professionale rende nota la DOTE BORSA LAVORO 2012 COMUNICAZIONE AGLI OPERATORI ACCREDITATI L.R. 22/06

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016) PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità. PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

Dettagli

Manuale di Gestione. Progetto Percorso formativo integrativo lavoratori ex Jabil.

Manuale di Gestione. Progetto Percorso formativo integrativo lavoratori ex Jabil. Manuale di Gestione Progetto Percorso formativo integrativo lavoratori ex Jabil. Provincia di Milano Area Sistema produttivo, Lavoro e Welfare Settore Sviluppo Economico Via Soderini, 24 20146 Milano Sommario

Dettagli

MILANO - VENERDÌ, 18 DICEMBRE 2009. Sommario

MILANO - VENERDÌ, 18 DICEMBRE 2009. Sommario REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - VENERDÌ, 18 DICEMBRE 2009 6º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommario Anno XXXIX - N. 267 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione Web Lombardia, di seguito denominata GWL,

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97 che ha

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 22 - Mercoledì 30 maggio 2012

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 22 - Mercoledì 30 maggio 2012 15 D.G. Sport e giovani D.d.u.o. 24 maggio 2012 - n. 4490 Approvazione del bando Voucher sperimentale Leva Civica Regionale - percorsi di cittadinanza attiva per il potenziamento delle opportunita dei

Dettagli

Provincia di Pisa Servizio Lavoro e Sociale

Provincia di Pisa Servizio Lavoro e Sociale PROVINCIA DI PISA Avviso per la concessione di finanziamenti per servizi di accompagnamento alla CREAZIONE DI IMPRESA a valere sul P.O.R. Toscana Ob. 2 Competitività regionale e occupazione 2007-2013 1

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO TIROCINI

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI AVVISO 526 FINANZIAMENTI ON-LINE (GEFO) 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione

Dettagli

3. Soggetti ammissibili 4. Risorse finanziarie 5. Risultati attesi e azioni

3. Soggetti ammissibili 4. Risorse finanziarie 5. Risultati attesi e azioni AVVISO PER AZIONI DI SISTEMA FINALIZZATE ALL INSERIMENTO LAVORATIVO DI GIOVANI CON DISABILITA PSICHICA E/O INTELLETTIVA TRAMITE PROGETTI INNOVATIVI/SPERIMENTALI Con Delibera Regionale n. 4596 del 28 dicembre

Dettagli

Area Sviluppo Economico Settore Lavoro. PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2013 Annualità 2013 AVVISO PUBBLICO DOTE 1

Area Sviluppo Economico Settore Lavoro. PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2013 Annualità 2013 AVVISO PUBBLICO DOTE 1 Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2013 Annualità 2013 AVVISO PUBBLICO DOTE 1 Azioni finalizzate all inserimento lavorativo delle persone disabili ai sensi della legge

Dettagli

PROVINCIA DI PISA. Voucher per la CREAZIONE DI IMPRESA a valere sul P.O.R. Toscana Ob. 2 Competitività regionale e occupazione 2007-2013

PROVINCIA DI PISA. Voucher per la CREAZIONE DI IMPRESA a valere sul P.O.R. Toscana Ob. 2 Competitività regionale e occupazione 2007-2013 PROVINCIA DI PISA Voucher per la CREAZIONE DI IMPRESA a valere sul P.O.R. Toscana Ob. 2 Competitività regionale e occupazione 2007-2013 1 Provincia di Pisa Servizio Lavoro e Sociale Premessa La Provincia

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97; - L. n. 68 /1999

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.4/2012: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97;

Dettagli

DOTE 1 Inserimento Lavorativo

DOTE 1 Inserimento Lavorativo Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI Annualità 2014 AVVISO PUBBLICO DOTE 1 Inserimento Lavorativo PREMESSE IL CONTESTO NORMATIVO LA LEGGE REGIONALE 22/2006 Con la Legge Regionale

Dettagli

AVVISO 411/C INCENTIVI AI DATORI DI LAVORO PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DI DONNE OVER 45

AVVISO 411/C INCENTIVI AI DATORI DI LAVORO PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DI DONNE OVER 45 AVVISO 411/C Allegato A) INCENTIVI AI DATORI DI LAVORO PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DI DONNE OVER 45 1. Obiettivi e principi dell intervento In un più ampio contesto di contrasto alla crisi e al fenomeno

Dettagli

D.G. Occupazione e politiche del lavoro D.d.u.o. 21 marzo 2012 - n. 2374 Approvazione dell avviso Dote Lavoro Tirocini per i giovani

D.G. Occupazione e politiche del lavoro D.d.u.o. 21 marzo 2012 - n. 2374 Approvazione dell avviso Dote Lavoro Tirocini per i giovani Bollettino Ufficiale 15 D.G. Occupazione e politiche del lavoro D.d.u.o. 21 marzo 2012 - n. 2374 Approvazione dell avviso Dote Lavoro Tirocini per i giovani IL DIRIGENTE DELLA U.O. LAVORO Richiamati: il

Dettagli

ALLEGATO ALLA D.G.R. ATTUAZIONE DOTE UNICA LAVORO POR FSE 2014-2020. 1. Premessa... 2. 2. Caratteristiche della Dote Unica Lavoro...

ALLEGATO ALLA D.G.R. ATTUAZIONE DOTE UNICA LAVORO POR FSE 2014-2020. 1. Premessa... 2. 2. Caratteristiche della Dote Unica Lavoro... ALLEGATO ALLA D.G.R. ATTUAZIONE DOTE UNICA LAVORO POR FSE 2014-2020 Allegato 1 Indice 1. Premessa... 2 2. Caratteristiche della Dote Unica Lavoro... 2 2.1 Destinatari... 2 2.2 Fasce d aiuto... 2 2.3 Soggetti

Dettagli

Allegato 1 al d.d.u.o. n.7596 del 7 agosto 2013

Allegato 1 al d.d.u.o. n.7596 del 7 agosto 2013 Allegato 1 al d.d.u.o. n.7596 del 7 agosto 2013 AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI RIVOLTI ALLA RIQUALIFICAZIONE DEI LAVORATORI COLPITI DALLA CRISI ATTRAVERSO ESPERIENZE DI LAVORO PRESSO GLI UFFICI

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO: L

Dettagli

Dispositivo 3 Interventi a supporto della riqualificazione dei lavoratori in CIGS o in mobilità legge 223/91

Dispositivo 3 Interventi a supporto della riqualificazione dei lavoratori in CIGS o in mobilità legge 223/91 Dispositivo 3 Interventi a supporto della riqualificazione dei lavoratori in CIGS o in mobilità legge 223/91 1. Obiettivi e priorità Il dispositivo 1 è finalizzato a sostenere la realizzazione di interventi

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P. F. LAVORO E FORMAZIONE N. 243/SIM DEL 13/06/2014

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P. F. LAVORO E FORMAZIONE N. 243/SIM DEL 13/06/2014 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P. F. LAVORO E FORMAZIONE N. 243/SIM DEL 13/06/2014 Oggetto: AZIONE DI SISTEMA WELFARE TO WORK PER LE POLITICHE DI REIMPIEGO 2012-2014: APPROVAZIONE AVVISO PUBBLICO PER INTERVENTI

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO DECRETO N. 4018 Del 18/05/2015 Identificativo Atto n. 455 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE AVVISO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OFFERTA FORMATIVA FINALIZZATA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DOTE 3

AVVISO PUBBLICO DOTE 3 Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI Annualità 2014 AVVISO PUBBLICO DOTE 3 Azioni finalizzate al sostegno all occupazione dei lavoratori con disabilità psichica o intellettiva

Dettagli

Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003

Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003 Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003 DISPOSITIVO PROVINCIALE AZIONI DI SISTEMA Isole formative presso cooperative

Dettagli

INTERVENTI MONETARI DI SOSTEGNO AL REDDITO 2009/bis

INTERVENTI MONETARI DI SOSTEGNO AL REDDITO 2009/bis SSSSSSSSSSSSSSSSSSS SSSS INTERVENTI MONETARI Destinatari: lavoratori in C.I.G. ordinaria o straordinaria o in deroga, che nel periodo dall 01/01/2009 al 31/12/2009 abbiano maturato almeno 1.032 ore o 129

Dettagli

Area Sviluppo Economico Settore Lavoro. PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012 Annualità 2012 DOTE 4

Area Sviluppo Economico Settore Lavoro. PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012 Annualità 2012 DOTE 4 Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012 Annualità 2012 DOTE 4 Azioni finalizzate all autoimprenditorialità delle persone disabili ai sensi della legge 68/99 Aggiornato

Dettagli

Provincia di Ravenna

Provincia di Ravenna Provincia di Ravenna Bando per l assegnazione ai datori di lavoro pubblici e privati di contributi all assunzione di persone in situazione di disagio sociale e di donne prive di lavoro e per l assegnazione

Dettagli

DOTE LAVORO PERSONE CON DISABILITA

DOTE LAVORO PERSONE CON DISABILITA Area Delle Risorse Settore Lavoro Formazione Professionale e Pubblica Istruzione PIANO PROVINCIALE DISABILI Annualità 2015 AVVISO PUBBLICO DOTE LAVORO PERSONE CON DISABILITA 1 Indice 1. FINALITA DELL AVVISO...3

Dettagli

Fondo Regionale per l occupazione delle persone disabili Legge Regionale 13/03. Linee di indirizzo 2014/2016 MANUALE UNICO DI GESTIONE E CONTROLLO

Fondo Regionale per l occupazione delle persone disabili Legge Regionale 13/03. Linee di indirizzo 2014/2016 MANUALE UNICO DI GESTIONE E CONTROLLO Fondo Regionale per l occupazione delle persone disabili Legge Regionale 13/03 Linee di indirizzo 2014/2016 MANUALE UNICO DI GESTIONE E CONTROLLO Indice 1. INTRODUZIONE 6 1.1. Obiettivi e destinatari del

Dettagli

1 OGGETTO DELL INTERVENTO 2 LINEA DI INTERVENTO A DISPOSIZIONI SPECIFICHE. 2.1 Destinatari degli interventi

1 OGGETTO DELL INTERVENTO 2 LINEA DI INTERVENTO A DISPOSIZIONI SPECIFICHE. 2.1 Destinatari degli interventi Allegato 1 AVVISO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OFFERTA FORMATIVA FINALIZZATA ALL ACQUISIZIONE DI UNA QUALIFICA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE O DI UN DIPLOMA PROFESSIONALE RIVOLTA AD APPRENDISTI

Dettagli

1) Obiettivi e priorità

1) Obiettivi e priorità Dispositivo 1 Interventi per la riqualificazione e la ricollocazione di lavoratori disoccupati, inoccupati e percettori di ammortizzatori sociali (dote training to the job dote training to the stage -

Dettagli

ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Azienda Ospedaliera

ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Azienda Ospedaliera ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Azienda Ospedaliera Vista la determinazione dirigenziale n. 289 del 29/08/2013 ; visto l art.7 comma 6 del D.Lgs.165/01; visto il regolamento aziendale per il conferimento

Dettagli

ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI VIA DELLA LUNGARA, 10 00165 ROMA

ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI VIA DELLA LUNGARA, 10 00165 ROMA ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI VIA DELLA LUNGARA, 10 00165 ROMA PUBBLICA SELEZIONE A UNA BORSA DI STUDIO POST DOTTORATO «RAFFAELE PETTAZZONI» PER RICERCHE NEL CAMPO DELLA STORIA DELLE RELIGIONI PER IL

Dettagli

Allegato 1 AVVISO PROGETTO NUOVO PONTE GENERAZIONALE

Allegato 1 AVVISO PROGETTO NUOVO PONTE GENERAZIONALE Allegato 1 AVVISO PROGETTO NUOVO PONTE GENERAZIONALE 1 1. Premessa 1. Il presente intervento, promosso e finanziato dal Ministero del Lavoro (Decreti Direttoriali n. 481 del 25 giugno 2012 e n. 807 del

Dettagli

Allegato 1 AVVISO DOTE LAVORO TIROCINI PER I GIOVANI

Allegato 1 AVVISO DOTE LAVORO TIROCINI PER I GIOVANI Allegato 1 AVVISO DOTE LAVORO TIROCINI PER I GIOVANI 1 1. Obiettivi e principi dell intervento 1. L Avviso promuove interventi personalizzati di inserimento lavorativo per i giovani. 2. L azione mira da

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua. Manuale per le attività di Vigilanza e Controllo

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua. Manuale per le attività di Vigilanza e Controllo Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua Manuale per le attività di Vigilanza e Controllo 1 Sommario 1. Vigilanza e Controllo... 3 2. Modalità e procedure di esercizio delle

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO LAVORATIVO. (TESTO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE n. dd. )

REGOLAMENTO INTERVENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO LAVORATIVO. (TESTO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE n. dd. ) REGOLAMENTO INTERVENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO LAVORATIVO (TESTO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE n. dd. ) Premessa Richiamata la normativa nazionale e regionale che regolamenta la materia dei

Dettagli

Manuale Operatore. Gestione Doti Disoccupati re-inserimento al lavoro Atto Negoziale

Manuale Operatore. Gestione Doti Disoccupati re-inserimento al lavoro Atto Negoziale Manuale Operatore Gestione Doti Disoccupati re-inserimento al lavoro Atto Negoziale Indice 1. Premessa 2. I Destinatari 3. La rete degli Operatori 4. La composizione della dote 5. La durata dell Intervento

Dettagli

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE PROCEDURE DI GESTIONE DEI CORSI E PER L EROGAZIONE DEI VOUCHER REGIONE SICILIANA REV.01

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE PROCEDURE DI GESTIONE DEI CORSI E PER L EROGAZIONE DEI VOUCHER REGIONE SICILIANA REV.01 CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE PROCEDURE DI GESTIONE DEI CORSI E PER L EROGAZIONE DEI VOUCHER REGIONE SICILIANA REV.01 maggio 2009 INDICE PREMESSA... 3 1. ACCETTAZIONE DELLE NORME E DELLE PROCEDURE

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016) PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità. PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

Dettagli

2. SOGGETTI BENEFICIARI

2. SOGGETTI BENEFICIARI ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, PER PROGETTI INERENTI LE TEMATICHE DEFINITE DAL PIANO REGIONALE ANNUALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 1. CRITERI

Dettagli

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE NORME DI FUNZIONAMENTO DEI CORSI. REGIONE LAZIO III annualità

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE NORME DI FUNZIONAMENTO DEI CORSI. REGIONE LAZIO III annualità CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE NORME DI FUNZIONAMENTO DEI CORSI REGIONE LAZIO III annualità - 1 - 1. ACCETTAZIONE DELLE NORME E DELLE PROCEDURE DI GESTIONE L Organismo di formazione (di seguito

Dettagli

RENDE NOTO. Articolo 1 Posti messi a bando

RENDE NOTO. Articolo 1 Posti messi a bando Bando di selezione pubblica per titoli, prova psicoattitudinale e colloquio per lo svolgimento di tirocini formativi e di orientamento presso l A.T.M. Azienda di Trasporti di Messina VISTO il DM 142/98

Dettagli

PON IOG Iniziativa Occupazione Giovani PIANO ESECUTIVO REGIONE CALABRIA (DGR N. 155 DEL 29/04/2014 e DGR n. 21 del 5/02/2015)

PON IOG Iniziativa Occupazione Giovani PIANO ESECUTIVO REGIONE CALABRIA (DGR N. 155 DEL 29/04/2014 e DGR n. 21 del 5/02/2015) PON IOG Iniziativa Occupazione Giovani PIANO ESECUTIVO REGIONE CALABRIA (DGR N. 155 DEL 29/04/2014 e DGR n. 21 del 5/02/2015) AVVISO PER L ATTUAZIONE DELLE MISURE DI ACCESSO ALLA GARANZIA, ORIENTAMENTO

Dettagli

AVVISO INCENTIVI AI DATORI DI LAVORO PER L ASSUNZIONE DI LAVORATORI CON DISABILITÀ, LA FORMAZIONE E L ADATTAMENTO DEL POSTO DI LAVORO

AVVISO INCENTIVI AI DATORI DI LAVORO PER L ASSUNZIONE DI LAVORATORI CON DISABILITÀ, LA FORMAZIONE E L ADATTAMENTO DEL POSTO DI LAVORO AVVISO INCENTIVI AI DATORI DI LAVORO PER L ASSUNZIONE DI LAVORATORI CON DISABILITÀ, LA FORMAZIONE E L ADATTAMENTO DEL POSTO DI LAVORO Con Delibera Regionale n. 4596 del 28 dicembre 2012, è stata prorogata

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. Promuovere l'occupazione mediante tirocini di inserimento/reinserimento lavorativo

AVVISO PUBBLICO. Promuovere l'occupazione mediante tirocini di inserimento/reinserimento lavorativo PROGETTO LAVORO SUBITO (n. 2013-1340 Emblematiche Minori 2012) AZIONE B AVVISO PUBBLICO Promuovere l'occupazione mediante tirocini di inserimento/reinserimento lavorativo Approvato con determinazione del

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO AL LAVORO NELL AMBITO DEL PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI.

AVVISO PUBBLICO PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO AL LAVORO NELL AMBITO DEL PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI. Prot. 0015130 del 01.10.2015 AVVISO PUBBLICO PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO AL LAVORO NELL AMBITO DEL PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI. In esecuzione della determinazione dirigenziale

Dettagli

LAV04 SOGGETTO RICHIEDENTE: REGOLAMENTO D ATTUAZIONE DEGLI ARTICOLI 29, 30, 31, 32, 33 e 48 DELLA LEGGE REGIONALE 18/2005

LAV04 SOGGETTO RICHIEDENTE: REGOLAMENTO D ATTUAZIONE DEGLI ARTICOLI 29, 30, 31, 32, 33 e 48 DELLA LEGGE REGIONALE 18/2005 AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI UDINE Piazza Patriarcato, 3 33100 UDINE AREA FUNZIONALE LAVORO, WELFARE E SVILUPPO SOCIO-ECONOMICO SERVIZIO LAVORO, COLLOCAMENTO E FORMAZIONE REGOLAMENTO D ATTUAZIONE DEGLI

Dettagli

ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Azienda Ospedaliera

ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Azienda Ospedaliera ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Azienda Ospedaliera Vista la determinazione dirigenziale n. 7 del 12/01/2015 ; visto l art. 30 del D.Lgs.165/01; è indetto AVVISO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA PROGRAMMAZIONE PROVINCIALE DELLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE DEGLI

LINEE DI INDIRIZZO PER LA PROGRAMMAZIONE PROVINCIALE DELLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE DEGLI ALLEGATO B ) LINEE DI INDIRIZZO PER LA PROGRAMMAZIONE PROVINCIALE DELLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE DEGLI APPRENDISTI ASSUNTI IN LOMBARDIA CON CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O DI MESTIERE -

Dettagli

Ente Nazionale Canossiano Via Rosmini, 10 37123 Verona C.F./P. IVA 02449180237 Tel 045 8006518 * Fax 045 594644

Ente Nazionale Canossiano Via Rosmini, 10 37123 Verona C.F./P. IVA 02449180237 Tel 045 8006518 * Fax 045 594644 DOMANDA DI AMMISSIONE PER IL PROGETTO WORK EXPERIENCE: Work Experience di specializzazione per tecnico della gestione della contabilità e formulazione del bilancio Il/La sottoscritto/a nato/a il RESIDENZA

Dettagli

Voucher CooperAttive!

Voucher CooperAttive! bando Voucher CooperAttive! per l acquisto di servizi di assistenza destinati allo sviluppo delle società cooperative Sviluppo Aziendale Check-up Economico Finanziario Riorganizzazione Responsabilita Sociale

Dettagli

ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI VIA DELLA LUNGARA, 10-00165 ROMA

ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI VIA DELLA LUNGARA, 10-00165 ROMA ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI VIA DELLA LUNGARA, 10-00165 ROMA PUBBLICA SELEZIONE A UNA BORSA DI STUDIO POST-DOTTORATO DEL CENTRO LINCEO INTERDISCIPLINARE «BENIAMINO SEGRE» SU TEORIE ECONOMICHE, ORDINAMENTI

Dettagli

PIANO SOCIALE DI ZONA TRIENNIO 2010-2012

PIANO SOCIALE DI ZONA TRIENNIO 2010-2012 Ambito Territoriale C8 Ente Capofila Comune di Lusciano CASERTA PIANO SOCIALE DI ZONA TRIENNIO 2010-2012 AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER TITOLI E COLLOQUIO PER IL REPERIMENTO DI FIGURE PROFESSIONALI NECESSARIE

Dettagli

BANDO PER LE IMPRESE

BANDO PER LE IMPRESE BANDO PER LE IMPRESE - Interventi a sostegno dell occupazione erogazione di bonus assunzionali - lavoratori/lavoratrici in Cigs della A. Merloni in A.S. 1. FINALITA Con il presente bando, in attuazione

Dettagli

CARTA ILA 2011 CODICE BANDO PI1160

CARTA ILA 2011 CODICE BANDO PI1160 CARTA ILA 2011 CODICE BANDO PI1160 ALL. A PROVINCIA DI PISA Servizio Lavoro e Sociale - CENTRO PER L IMPIEGO di PISA NOTA INFORMATIVA GESTIONE E RENDICONTAZIONE ILA Individual Learning Account ADEMPIMENTI

Dettagli

Allegato A al D.D.S. n. 8327 del 17/09/2013

Allegato A al D.D.S. n. 8327 del 17/09/2013 Allegato A al D.D.S. n. 8327 del 17/09/2013 AVVISO PER LA REALIZZAZIONE DELL INIZIATIVA «LOMBARDIA PLUS» A SOSTEGNO DELLO SVILUPPO DELLE POLITICHE INTEGRATE DI ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO PER IL BIENNIO

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 30 - Martedì 24 luglio 2012

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 30 - Martedì 24 luglio 2012 17 D.G. Istruzione, formazione e cultura D.d.s. 18 luglio 2012 - n. 6421 Approvazione dell avviso per la fruizione dell offerta formativa per la realizzazione di corsi annuali di istruzione e formazione

Dettagli

ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI VIA DELLA LUNGARA, 10-00165 ROMA

ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI VIA DELLA LUNGARA, 10-00165 ROMA ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI VIA DELLA LUNGARA, 10-00165 ROMA PUBBLICA SELEZIONE A UNA BORSA DI STUDIO DEL CENTRO LINCEO INTERDISCIPLINARE «BENIAMINO SEGRE» IN EPIGRAFIA E INFORMATICA PER IL 2014 Art.

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE CERTIFICATI - EDIZIONE 2014

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE CERTIFICATI - EDIZIONE 2014 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE CERTIFICATI - EDIZIONE 2014 Bando aperto dal 18/02/2014 Stanziamento: 144.000,00 TITOLO I CARATTERISTICHE DEL CONTRIBUTO

Dettagli

ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Azienda Ospedaliera

ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Azienda Ospedaliera ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Azienda Ospedaliera Vista la determinazione dirigenziale n. 381 del 14/10/2014; visto l art.7 comma 6 del D.Lgs.165/01; visto il regolamento aziendale per il conferimento

Dettagli

AI REGISTRI DELLE ASSOCIAZIONI

AI REGISTRI DELLE ASSOCIAZIONI All. B) DGR n..del.. DISCIPLINA RELATIVA AI REGISTRI DELLE ASSOCIAZIONI 1. PREMESSA In attuazione di quanto previsto dall art. 25 della l.r. 14 febbraio 2008, n. 1 con il presente provvedimento viene definito:

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Per la copertura di un posto di categoria C, a tempo pieno e indeterminato, profilo professionale Assistente servizi amministrativi e di supporto riservato esclusivamente ai

Dettagli

Macroarea: DOTE AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA

Macroarea: DOTE AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA Macroarea: DOTE AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA DOTE: ATTIVAZIONE D Il lavoratore che si trovi in cassa integrazione o disoccupato con il diritto a un indennità di sostegno del reddito è tenuto ad accettare

Dettagli

Prot. n. 10187. Treviso, 30.01.2014

Prot. n. 10187. Treviso, 30.01.2014 Prot. n. 10187 Treviso, 30.01.2014 Avviso relativo all inserimento lavorativo di persone con disabilità di cui all art. 1 della legge 68/99, iscritte negli elenchi di cui all art 8 della medesima legge,

Dettagli

Comune di Villa Guardia. Premesso che Il Comune di Villa Guardia: attraverso il coinvolgimento dell Amministrazione Pubblica;

Comune di Villa Guardia. Premesso che Il Comune di Villa Guardia: attraverso il coinvolgimento dell Amministrazione Pubblica; COMUNE DI VILLA GUARDIA Avviso pubblico del 30/04/2014 Selezione di N. 2 giovani per la realizzazione dell iniziativa denominata Leva Civica Regionale relativa al Bando Voucher leva civica regionale -

Dettagli

SI RENDE NOTO. Art. 1 OGGETTO

SI RENDE NOTO. Art. 1 OGGETTO Padova, 21 ottobre 2014 Prot. n. 0002333 Cat. III Fasc. 1 AVVISO DI MOBILITA ESTERNA VOLONTARIA PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO A TEMPO PIENO INDETERMINATO DI ISTRUTTORE TECNICO AMMINISTRATIVO CATEGORIA

Dettagli

Dote Sport. Le risorse finanziarie destinate alla Dote Junior non potranno andare a compensare fabbisogni relativi alla Dote Teen e viceversa.

Dote Sport. Le risorse finanziarie destinate alla Dote Junior non potranno andare a compensare fabbisogni relativi alla Dote Teen e viceversa. Dote Sport Con D.G.R. X/3731 del 19 giugno 2015 sono stati approvati i criteri e le modalità per l assegnazione della Dote Sport, misura prevista dall art. 5 della l.r. 1 ottobre 2014, n. 26 che intende

Dettagli

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014. Disposizioni generali

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014. Disposizioni generali BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014 Disposizioni generali Art. 1 Finalità e destinatari Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO E LA DISCIPLINA DELLE BORSE DI STUDIO PREMESSA ART. 1 NORME DI CARATTERE GENERALE

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO E LA DISCIPLINA DELLE BORSE DI STUDIO PREMESSA ART. 1 NORME DI CARATTERE GENERALE 25124 REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO E LA DISCIPLINA DELLE BORSE DI STUDIO approvato con Deliberazione n. 154 del 10/3/2011 PREMESSA 1. Il presente regolamento disciplina le modalità di selezione del

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE Assessorato al Lavoro e alla Formazione Professionale

PROVINCIA DI LECCE Assessorato al Lavoro e alla Formazione Professionale Regione Puglia Provincia di Lecce Assessorato al Lavoro PROVINCIA DI LECCE Assessorato al Lavoro e alla Formazione Professionale AVVISO PROVINCIALE PROGRAMMA P.A.R.I 2007 Programma d Azione per il Re-Impiego

Dettagli

Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda

Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda GESTIONE Regione Lombardia costituisce l unico ed esclusivo punto di riferimento nei confronti del Soggetto gestore. Sarà cura di

Dettagli

DOMANDA BORSA DI STUDIO

DOMANDA BORSA DI STUDIO DOMANDA BORSA DI STUDIO MOD. 13_8 Rev. 0 Anno scolastico o accademico NOTIZIE RELATIVE AL/LA VETERINARIO/A Veterinario/a (cognome e nome) Nato/a a Prov. il Codice Fiscale Residente in Prov. Via CAP Tel.

Dettagli

AVVISO LIFT 2015 - DOTE IMPRESA CONTRIBUTI PER LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE SOCIALE E INCENTIVI ALLA TRANSIZIONE

AVVISO LIFT 2015 - DOTE IMPRESA CONTRIBUTI PER LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE SOCIALE E INCENTIVI ALLA TRANSIZIONE AVVISO LIFT 2015 - DOTE IMPRESA CONTRIBUTI PER LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE SOCIALE E INCENTIVI ALLA TRANSIZIONE Regione Lombardia con DGR X/1106 del 20/12/2013 ha reso note le linee di indirizzo a sostegno

Dettagli

ALLEGATI. ALLA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI ( M isura Franchising forma Ditta Individuale)

ALLEGATI. ALLA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI ( M isura Franchising forma Ditta Individuale) ALLEGATI ALLA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI ( M isura Franchising forma Ditta Individuale) Allegato 1 DI CHIARAZIONE SOSTITUTI VA DELL ATTO DI NOTORI ETA (ai sensi della legge n. 15 del 4 gennaio

Dettagli

REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di Ricovero e Cura a carattere Scientifico

REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di Ricovero e Cura a carattere Scientifico 5 SCADENZA: 09 giugno 2014 REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di Ricovero e Cura a carattere Scientifico BANDO DI SELEZIONE INTERNA PER ATTRIBUZIONE FUNZIONI DI COORDINAMENTO Si rende

Dettagli

SETTORE TURISMO, CULTURA, POLITICHE SOCIALI E GIOVANILI. Servizio Amministrativo. D. Lgs. 33/2013 Art. 35 - Schema di procedure amministrative

SETTORE TURISMO, CULTURA, POLITICHE SOCIALI E GIOVANILI. Servizio Amministrativo. D. Lgs. 33/2013 Art. 35 - Schema di procedure amministrative SETTORE TURISMO, CULTURA, POLITICHE SOCIALI E GIOVANILI Servizio Amministrativo D. Lgs. 33/2013 Art. 35 - Schema di procedure amministrative per l ammissione ai contributi di cui alla L.R. 7/2003 Oggetto

Dettagli

Art. l (Finalità) Art. 2 (Oggetto dell Avviso Pubblico)

Art. l (Finalità) Art. 2 (Oggetto dell Avviso Pubblico) ALLEGATO A REGIONE LAZIO Dipartimento Programmazione Economica e Sociale Direzione Regionale Politiche Sociali, Autonomie, Sicurezza e Sport Area Interventi per lo Sport Avviso Pubblico per la presentazione

Dettagli

Contributo a favore di Lavoratori licenziati per giustificato motivo oggettivo Fondo Sostegno al Reddito EBIM mod. FSR 1.1

Contributo a favore di Lavoratori licenziati per giustificato motivo oggettivo Fondo Sostegno al Reddito EBIM mod. FSR 1.1 Contributo a favore di Lavoratori licenziati per giustificato motivo oggettivo Fondo Sostegno al Reddito EBIM mod. FSR 1.1 Prot. n del Data consegna Spett.le Comitato di Gestione EBIM Fondo Sostegno al

Dettagli

Allegato 2 - Domanda di finanziamento

Allegato 2 - Domanda di finanziamento Allegato 2 - Domanda di finanziamento AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI RIVOLTI ALL ATTUAZIONE DI MISURE DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI SOTTOPOSTI A PROVVEDIMENTI DELL AUTORITÀ GIUDIZIARIA

Dettagli