Diario di bordo di matematica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Diario di bordo di matematica"

Transcript

1 Direzione didattica di Leno Anno Scolastico Diario di bordo di matematica esperienze e attività della sperimentazione metodologico didattica in classe 1ª di Castelletto Insegnante: Tironi Emanuela

2 DIREZIONE DIDATTICA DI LENO A.S. 2011/2012 SPERIMENTAZIONE DI DIDATTICA DELLA MATEMATICA SCUOLA DI CASTELLETTO CLASSE 1^ Formatore : dott. Beppe Pea Insegnanti coinvolti : Emanuela Tironi, Valeria Scafaria SINTESI DELLA METODOLOGIA ADOTTATA La sperimentazione è di tipo metodologico didattico e riguarda la matematica, essa accerta e verifica strategie didattiche non tradizionali. Un curricolo diverso da quello tradizionale ma con la garanzia del generare le strutture mentali richieste di classe in classe e le strutture mentali devono produrre competenze. Non si può fare matematica solo ed esclusivamente attraverso la scrittura delle cose matematiche. Le forme linguistiche non danno concetti astratti, per ottenerle bisogna passare dalla proceduralità e questo in tutte le discipline. Dopo la fase esperienziale vi è la traduzione attraverso le forme linguistiche. Per ottenere l astrazione c è bisogno di un approccio con le tante forme linguistiche diverse riferite tutte allo stesso concetto che servono a fare emergere il concetto stesso. Ogni forma linguistica fa emergere una sfaccettatura del concetto per cui bisogna utilizzarne tante per rappresentare un concetto: spiegazione, immagini, slide, movimento del corpo, produzione di disegni ecc. I bambini apprendono molto di più sulla base delle esperienze piuttosto che sulla base delle comunicazioni linguistiche, sta a noi far passare il pensiero dell alunno dall analogico al logico per ottenere un apprendimento duraturo. Il bambino è molto bravo sul piano dell apprendimento analogico, cioè apprendere ad imitazione degli altri ;ma se inizialmente l apprendimento deve essere tale, deve poi essere completato sulla spiegazione del perché per portare l analogico al logico. I bambini devono imparare a chiedersi: Perché ho ottenuto questo risultato? lo stesso risultato può essere ottenuto in modo diverso?. Questa è la conquista della struttura mentale che può essere riferita ad altri contesti.

3 INCONTRO DEL TEMI TRATTATI TEMPI DI ATTUAZIO- NE DELLE ESPERIEN- ZE E ATTIVITA 09/09/2011 Presentazione sperimentazione. Ritmi, seriazione e classificazione 27/09/2011 Prove Gestalt. Prove Stambak. Settembre Ottobre Avvio al concetto di numero e di operazioni. 27/10/2011 Giochi di memorizzazione. Il concetto di addizione. 23/11/2011 Problemi: situazioni di partenza, ragionamento, calcolo mentale additivo e sottrattivo. 17/01/2011 Consolidamento del numero: contiamo, confrontiamo, ordiniamo fino al /02/2012 Ordine temporale del numero. Prove Stambak. 20/03/2012 Struttura del numero: le cassettiere. 27/04/2012 Problemi e confronto fra numeri: dalla realtà alla rappresentazione graficosimbolica, numerica, ecc... Addizioni e sottrazioni con le regioni numerate. Novembre Dicembre Gennaio e Febbraio Marzo Aprile Maggio Prove Gestalt. 21/05/2012 Verifiche e valutazione per competenze. Giugno

4 SETTEMBRE Dal 12 al 17 si attua il progetto di accoglienza. 1) Esperienze di ritmo. 2) Classificare. 3) Seriare. ESPERIENZE E ATTIVITA 1) Le esperienze di ritmo : percettivo-uditivo e corporeo sono importanti non solo in matematica ma anche in tutte le altre discipline, esse aiutano a risolvere problematiche di tipo spazio-temporali sia nella scrittura che nel calcolo, inoltre sviluppano l attenzione e la concentrazione, la simultaneità e la lateralizzazione. 19/09/ 11 Si batte un ritmo: una battuta di mani, una battuta con un piede, i bambini sono invitati a imitarlo. Se ne propongono altri: una battuta di mani, una con un piede e un altra con l altro piede; un passo lungo e uno corto; un passo lungo e due corti; una battuta sul tavolo con un legnetto, un'altra a terra con i piedi e via via se ne fanno sempre di più complessi. 20/09/ 11 Si ripropongono i ritmi del giorno precedente, ma dopo averne eseguito uno, sul quaderno a quadretti di 1 cm. si chiede di riproporlo graficamente abbinando alla battuta delle mani un quadrato rosso, per i piedi un cerchio giallo. Si fa la stessa cosa con gli altri ritmi proposti cambiando i simboli grafici. 21/09/ 11 L insegnante propone delle greche alla lavagna, i bambini copiano e continuano il ritmo contornando la prima pagina del loro quaderno; ogniqualvolta si inizierà un quaderno nuovo verrà richiesta la cornicetta a ritmo.

5 Si consegna una scheda con una greca di disegni uguali che i bambini colorano alternando due tinte. 22/09/ 11 Muoversi a ritmo: si utilizzano 3 o più strumenti, si abbina ad ogni strumento un movimento corporeo; l insegnante suona un ritmo e i bambini lo devono rappresentare con il corpo. 22 e 23/09/ 11 - Classificare significa scoprire che alcuni elementi di un universo, pur essendo tutti diversi e distinti, hanno qualche cosa di uguale. 2) Esperienze di classificazione: dato un mucchietto di bottoni diversi per colore e dimensione il bambino deve suddividerli secondo il criterio del colore, poi secondo quello della dimensione. Successivamente gli si chiede di trovare lui altri criteri per suddividere l insieme dei bottoni. Si propone la stessa attività utilizzando i blocchi logici e introducendo l aspetto che riguarda lo spessore e le forme dei blocchi. Si propongono altre esperienze con giocattoli e materiale scolastico (matite, pennarelli, quaderni, ecc.) utilizzando anche la negazione: raggruppa i pennarelli secondo la caratteristica non gialli, ecc. 26/09/ 11 - Seriare significa cogliere dei nessi di diversità fra gli elementi di un insieme e di una classe. 3)Esperienze di seriazione: date una serie di striscioline di carta di diverse lunghezze i bambini devono ordinarle dalla più corta alla più lunga, poi incollarle sul quaderno. 27/09/ 11 Data una serie disordinata di immagini di ghiaccioli i bambini li dispongono in ordine crescente e li incollano sul quaderno; fanno lo stesso con immagini di gelati ma li dispongono in ordine decrescente. 28/09/ 11

6 I bambini della classe devono disporsi in riga seguendo i seguenti comandi: dal più basso al più alto, dal più alto al più basso. Costruisci una torre alta e una bassa con le costruzioni, con le stesse fai una scala alta e una bassa. * Si utilizza diverso materiale (nastri, scatole, adesivi, palloni, pennarelli ecc.) e si pongono le domande: qual è il/la più grande e il/la più piccola tra questi oggetti? Qual è la/il meno grande? E la/il meno piccola/o? * Disegna un albero grande e uno piccolo, disegna un albero basso e uno alto, disegna un pallone piccolo e uno grande. * Scheda dove si confrontano più oggetti della stessa categoria e si chiede di colorare: il pallone più grande, il gelato più piccolo, la spada più corta, il treno più lungo, il fiore più basso, l albero più alto. Classificare e seriare se sviluppati adeguatamente portano il bambino all organizzazione mentale e non solo del mondo che lo circonda, ma lo aiutano a risolvere più facilmente i problemi che gli capiteranno, oltre che ad approfondire il concetto di ordine del numero. 30/09/ 11 Vista la poca conoscenza e dimestichezza dei termini: tanti, molti, pochi, tutti, usati spesso durante l attività scolastica, si propongono le seguenti esperienze: * dal tuo astuccio prendi tutti i pennarelli, * ora prendi tanti pennarelli, ma non tutti, * metti sul tavolo pochi pennarelli, * metti sul tavolo molti bottoni bianchi e pochi neri, * conta tante pagine del tuo quaderno, * conta poche pagine del tuo quaderno, * disegna pochi bottoni neri, * disegna pochi pastelli, * disegna tanti pastelli.

7 OTTOBRE 1) prove Gestalt, test che serve a controllare le capacità relative a spaziotempo, logica e numero; 2) esperienze ludiche logico-aritmetiche da tradurre in diverse forme linguistiche, per codificarle e astrarle. Dimensione del numero a livello: di cardinalità (numerosità e valenza) e ordinalità, di grafema arabo. ESPERIENZE E ATTIVITA 03/10/ 11 Si continua l attività del giorno precedente problematizzando l attività: a) prendi tanti pastelli e fanne un mucchietto b) prendi pochi pennarelli e fanne un mucchietto c) quali sono quelli di più? d) quali sono quelli di meno? e) cosa dobbiamo fare per verificare la correttezza delle risposte? f) quanti non hanno il compagno pennarello? g) quelli che non hanno il compagno sono in più o sono in meno? h) per sapere quanti sono quelli in meno cosa devo fare? Ecc. 04/10/ 11 me 1) prove Gestalt. Ai bambini viene distribuito un foglio A4 bianco sul quale dovranno ricopiare esattamente i grafismi consegnati precedentemente senza utilizzare il righello, tempo a disposizione massimo 15 minuti. Grafismi prove Gestalt:

8

9 RISULTATI PROVE GESTALT Eseguito in prima fascia oraria, tempo a disposizione 15 minuti. LEGENDA: R = OK riuscita; CT = con qualche titubanza; CA = con aiuto; NR = non riuscito. codice Prova1 Prova2 Prova3 Prova4 Prova5 Prova 6 Prova 7 Prova 8 alunno AC.. NR NR NR NR NR NR NR NR 1AC.. R NR NR NR NR NR NON ESEGUITO NON ESEGUITO 1AC.. R R CT R R NR NR R 1AC.. CT CT NR R NR NR NR NR 1AC.. CT R R NR NR NR NR NR 1AC.. NR NR NON ESEGUITO NR NR NR NON ESEGUITO NON ESEGUITO 1AC.. R R R R NR R NR NR 1AC.. NR NR R NR NR NR NR NR 1AC.. A S S E N T E 1AC.. 1AC.. R NR NON ESEGUITO NR NON ESEGUITO NON ESEGUITO NON ESEGUITO NON ESEGUITO

10 Dai risultati è evidente che la classe necessita di molto lavoro spaziotemporale, i problemi che si riscontrano sono di ordine relazionale, mancanza di ritmo e di corrispondenza di cardine, di obliquità, problemi di lateralizzazione e coordinamento. Per valutare: -le obliquita : vedere se le riproduce o no. Se sì come, se ne taglia alcune parti, oppure se il disegno è tentennante e poi aggiunge le punte. Questo ci dà indicazioni sulla lateralizzazione; solo un bambino ben lateralizzato riproduce correttamente le obliquità. -figura n 1: valutare se visto come unica figura o come due oggetti separati. Il contatto-separazione ci dice se il bambino vede i legami oppure no, così anche nella figura n 4. -figura n 2: concetto di dentro-fuori. -figura n 3: vedere se viene mantenuta l equidistanza fra i punti (interiorizzazione del ritmo)vedere se riproduce l esatto numero di punti (se capace di cardinalità) se disegna i punti come cerchiolini può essere un po di insicurezza. -figura n 4: come per la n 1, inoltre ci dice il possesso del concetto di inclusione. -figura n 5: è una figura più difficile perché c è l ondulato. Ci dà informazioni su contatto- separazione e su lateralizzazione. -figura n 6: ritmo e obliquità, vedere come tracciano. -figura n 7:struttura a doppio ordine, ad ogni punto sopra corrisponde un punto sotto, anche se obliquo. -figura n 8: ancora più complessa perché il bambino deve interpretare la legge numerica, anche se aiutato da una disposizione spaziale ordinata. 2)giochi a squadre. Per ogni gioco prima di iniziare si formano le squadre: ai bambini vengono distribuiti casualmente dei gettoni colorati, coloro che avranno lo stesso colore saranno della stessa squadra; si abbinano le squadre ad un simbolo, un bambino per squadra sorteggia da un sacchetto l immagine di un animale che rappresenta la propria squadra (si formano quattro squadre di 5 bambini ciascuna). Si propongono i seguenti giochi: centra il buco, le torri, il flipper manuale. Per ogni gioco si pattuiscono le regole che vengono scritte su un cartellone: chi gioca? In che modo? Cosa si lancia? Da dove si lancia?

11 Quanto vale ogni lancio esatto? Come si ricordano i punti ottenuti? Chi vince? CENTRA IL BUCO Si ritagliano due pannelli di compensato rettangolare di circa 1m. per 70cm., su ciascuno si intagliano 3 buchi di dimensioni diverse in modo da formare occhi e naso di un pagliaccio, il viso viene completato colorandolo con tempere, il rettangolo viene fissato su un cavalletto. Per un certo tempo i bambini si allenano tirando una pallina e cercando di centrare uno dei buchi posizionando il corpo e il lancio nel modo migliore; tale esercitazioni sono utili per interiorizzare le percezioni del proprio corpo al fine di dominarlo e utilizzarlo nel migliore dei modi. Si organizzano due squadre e si danno le regole del gioco spiegandole molto chiaramente. Si tira tre volte ad una distanza di circa due metri, con un piede avanti appoggiato su una striscia di riferimento. Si dà un valore a ogni buco del pagliaccio, concordandolo con i bambini: l occhio di dx vale 1 punti, quello di sx 2 il naso 3 punti, il tiro fuori dai buchi vale NIENTE. I punti devono essere testimoniati da qualche cosa, ad esempio fagiolini.

12 Una volta terminato il gioco, si torna in classe e ogni bambino lo rappresenta sul proprio quaderno. 05/10/ 11 Prove ritmiche Stambak. Sono quattro: riproduzione strutturale, simbolizzazione spaziale, simbolizzazione temporale-lettura, simbolizzazione temporale-dettato. Da esse si traggono informazioni riguardanti le difficoltà che i bambini possono avere durante la lettura, scrittura di parole, numeri e punteggiatura. La prova Stambak svolta durante le ore di matematica è quella sotto riportata che riguarda la simbolizzazione temporale-lettura. Al bambino si presenta una struttura per volta simbolizzata visivamente e lui deve essere in grado di batterla. Si assegna un punto per ogni struttura riuscita.

13 Tre battiti di mani ravvicinati. Due battiti ravvicinati, pausa, due battiti ravvicinati Due battiti ravvicinati, pausa, un battito. Un battito, pausa, un battito. Due battiti ravvicinati, pausa, due battiti ravvicinati, pausa, ecc.

14

15 Mentre un bambino viene chiamato in un'altra aula per eseguire la prova Stambak, gli altri con l insegnante di sostegno proseguono l attività del giorno precedente: ora i fagiolini vengono cambiati con l equivalente di mattoncini lego che ogni bambino mette sul banco e incolonna, conta e mostra alla classe, poi posiziona la torre sulla cattedra e la contrassegna con il proprio nome. Segue una serie di domande alcune individuali e altre al gruppo classe: quanti mattoncini hai? Chi ne ha di più? Chi ne ha di meno? Chi ha la stessa quantità? Chi è arrivato primo rispetto alla classe? Chi è arrivato ultimo? Da cosa lo avete capito? Mettiamo in ordine le torri di ciascuno e vediamo chi è arrivato ecc. Se confrontiamo i mattoncini di con quelli di chi ne ha di più? Chi ne ha di meno? Quanti sono quelli in più? Quanti sono quelli in meno? Qualcuno ha tanti mattoncini quanti ne ha? *Si passa alla rappresentazione grafica sul quaderno attraverso un istogramma a blocchi orizzontale che registra il risultato di ogni bambino (un mattoncino per ogni punto). SCHEDA DI REGISTRAZIONE DEI RISULTATI DELLA PROVA STAMBAK: simbolizzazione temporale lettura.

16 07/10/ 11 Si concludono gli istogrammi che riguardano il punteggio di ogni bambino; si legge il grafico ottenuto proponendo le domande proposte precedentemente. 10/10/ 11 I componenti di ogni squadra vengono chiamati alla cattedra a sovrapporre le singole torri per comporre quella di squadra così da formare il punteggio del gruppo. Si confrontano le torri delle diverse squadre e si pongono ancora domande dello stesso genere, con terminologia diversa; contemporaneamente si fanno alla lavagna gli istogrammi dei gruppi con il simbolo degli stessi ed ogni giocatore segna un quadretto per ogni punto. 11/10/ 11 Si disegna sul quaderno una linea orizzontale che rappresenta il banco, sotto questa si ritagliano e incollano i simboli delle squadre (leoni, coccodrilli, elefanti, serpenti) e sopra l istogramma a blocchi verticali dei gruppi, così come si è rappresentato alla lavagna (i risultati di ogni squadra sono mattoncini di colore uguale, ma diverso da squadra a squadra).

17 12/10/ 11 Si continua l attività del giorno precedente. Si leggono gli istogrammi dei risultati delle squadre attraverso le stesse domande fatte durante la fase manipolatoria; si scrivono sinteticamente alcune osservazioni sui dati ricavati dall istogramma. 14/10/ 11 Per valutare la comprensione della terminologia di confronto e la cardinalità si consegna una scheda prestabilita con i simboli delle squadre vicino ai quali sono disegnati 11 mattoncini. Le consegne vengono date oralmente: osserva i grafici delle squadre costruiti precedentemente, poi colora tanti mattoncini quanti sono quelli disegnati per ogni squadra; oppure colora solo i mattoncini delle squadre che hanno avuto uguale punteggio; oppure. la squadra che ha avuto minor punteggio; oppure..che ha avuto maggior punteggio. Dal /10/ 11 LANCIO DEGLI ANELLI Si ritagliano dischi di legno spessi 3cm., saranno le basi delle torri, al centro di essi viene invitato un parallelepipedo alto 30cm. circa e largo 4cm.; con tempere vengono colorati come se fossero torri di un castello (per costruire le torri è possibile sostituire il legno con del das). A parte con del filo di ferro vengono formati 9 anelli per ogni torre poi rivestiti con del nastro adesivo colorato: tre gialli,tre bianchi,tre azzurri, ogni colore ha un punteggio diverso: bianco vale 1punto, giallo 2 punti e azzurro 3 punti.

18 Modalità del gioco e regole pattuite rispecchiano quelle del gioco Centra il buco come pure le attività svolte in classe e le rappresentazioni grafiche. Prima di gareggiare, gli alunni si allenano a diverse distanze dalla torre, sperimentando diverse modalità di tiro :braccio semi-teso dal basso verso l alto, braccio piegato e polso teso,braccio semi-piegato e polso piegato, corpo retto o piegato in avanti ecc., momento importante per stimolare lo sviluppo della guaina mielinica che permette il confronto con i compagni e la regolazione dell agire più o meno veloce dell individuo. Questi lanci danno abilità fine e sono importanti per la capacità di stima delle distanze nella metrica. I bambini devono valutare la forza necessaria per lanciare rispetto alla distanza dell oggetto, quindi si sviluppa la capacità di adattare il lancio rispetto alla stima fatta della distanza. Ci sono altri giochi che sviluppano questa capacità: tiro del disco, tiro del tappo, o delle biglie.

19 /10/ 11 FLIPPER MANUALE In un foglio di polistirolo di spessore 6 cm. circa si ritaglia un rettangolo lungo 1m. e largo 70cm. circa; in esso a distanze diverse, si intagliano alcune forme geometriche: rettangolo, quadrato, triangolo e cerchio, di pochi centimetri, e dislocati qua e là si collocano alcuni scivoli o barriere. L utilizzo delle forme geometriche nel gioco è utile per avviare i bambini alla loro conoscenza, cogliendone alcune semplici caratteristiche al fine di riconoscerle e saperle denominare. Su tre lati del pannello si incollano bordi alti 20 cm. e negli angoli sotto il flipper, si incollano dei piedini di polistirolo, più alti nella parte chiusa dai bordi così da rendere il piano inclinato in avanti. Ogni figura geometrica viene colorata diversamente e vi si attribuisce un punteggio da 1 a 4 secondo le difficoltà per centrare il poligono, il resto del flipper è decorato a piacere, si incolla una fettuccia davanti alla quale si poggerà la biglia da tirare. Ogni alunno deve tirare tre biglie appoggiando la mano prima della fettuccia. Tutte le regole vengono scritte su un cartellone e condivise con gli alunni. I bambini, prima di iniziare il gioco, si allenano sperimentando diverse modalità di tiro: pollice-indice, pollice-medio, appoggiando solo una parte della mano o tutta, ecc., attività importante per stimolare lo sviluppo della guaina mielinica.

20 Le attività svolte in classe e le rappresentazioni grafiche sono come quelle dei giochi precedenti. NOVEMBRE 1) Ancora esperienze ludiche logico-aritmetiche da tradurre in diverse forme linguistiche, per codificarle e astrarle. Dimensione del numero a livello: di cardinalità (numerosità e valenza), ordinalità e somma di valore, confronto di torri. 2) Conteggi additivi. 3) Giochi per sviluppare la concentrazione, l attenzione e il mantenimento della quantità numerica. ESPERIENZE E ATTIVITA 1) Ancora esperienze ludiche logico-aritmetiche da tradurre in diverse forme linguistiche, per codificarle e astrarle. Dimensione del numero a livello: di cardinalità (numerosità e valenza), ordinalità e somma di valore, confronto di torri. 02/11/ 11 Per valutare la comprensione della terminologia di confronto e la cardinalità si consegna una scheda prestabilita con i simboli delle squadre vicino ai quali sono disegnati 11 mattoncini; le consegne vengono date oralmente: osserva i grafici delle squadre costruiti precedentemente, poi colora tanti mattoncini quanti sono quelli disegnati per ogni squadra; oppure colora solo i mattoncini delle squadre che hanno avuto uguale punteggio; oppure.che ha avuto minor punteggio; oppure..che ha avuto maggior punteggio. *Il gioco del flipper manuale viene riproposto su insistente richiesta dei bambini. 04/11/ 11 Tutto ciò che riguarda il gioco riproposto non è documentato sul quaderno, nemmeno tutte le osservazioni, riflessioni e attività manipolatorie che vengono comunque attivate durante il gioco.

21 07/11/ 11 Inoltre si confrontano torri rappresentandole sul quaderno, scrivendovi: i numeri, qual è la maggiore tra due e la minore e quali sono quelle uguali. 2) Conteggi additivi /11/ 11 Ci si avvia alla scrittura dei numeri e a quella dell addizione come calcolo rappresentato da simboli: i numeri e il +. Si riprendono i risultati di ogni bambino facente parte di una squadra, - si fa la loro rappresentazione sul quaderno attraverso gli istogrammi a mattoncini, - sotto ogni colonna di mattoncini si scrivono i numeri e i simboli +, - si calcola la somma degli addendi, - si verifica il risultato contando tutti i mattoncini, - si costruisce la torre data dal conteggio di tutti i mattoncini. Questo lavoro si fa per ognuna delle quattro squadre. Es. risultati gioco squadra dei leoni: = = 15

22 15/11/ 11 Con la plastilina si compongono i numeri dallo 0 al 9, poi ogni bambino compone diversi numeri con le cifre a disposizione e le denomina. Si avvia ad una prima conoscenza dei i regoli, ognuno viene abbinato al numero costruito con la plastilina, poi si rileva la loro quantità formandolo con regoli di valore 1. I bambini giocano costruendo oggetti con i regoli. 16/11/ 12 GIOCO DEL DISCO Prima di iniziare il gioco si formano le squadre e si pattuiscono le regole scritte (vedere domande primo gioco). Sul pavimento si incollano due strisce di nastro adesivo parallele distanti una dall altra circa 80 cm., e lunghe 2metri. All interno di queste e perpendicolarmente alle stesse si incollano altre quattro strisce di nastro adesivo così da formare 3 spazi di misura diversa. Lo spazio centrale deve essere più stretto degli altri e le strisce che lo formano colorate, è la superficie con valenza maggiore, ad esempio vale 3 punti, lo spazio dopo questo vale 2, quello antecedente le strisce colorate 1e fuori da dall area di gioco o sulle righe vale nessun punto. Il bambino a gambe divaricate si posiziona seduto dalla parte della valenza minore e con un disco di polistirolo o di legno cerca di farlo scivolare nell area di maggior punteggio; i lanci per ogni bambino sono tre. La prima fase consiste nell esercitazione utile per sollecitare i sensi alla percezione di sé, dell ambiente circostante e allo sviluppo della guaina mielinica oltre che a sviluppare la capacità di stima delle distanze nella metrica.

23 18/11/ 11 al 02/12/ 11 Si rappresenta il gioco. Concretamente si rilevano i risultati dei componenti della squadra dei coccodrilli: tre risultati per ogni bambino, utilizzando, per i tre lanci, solo tre colori di mattoncini, ognuno abbinato a ogni lancio. Ciò è importante per mantenere visivamente distinti i tre elementi da unire prima con l istogramma e sommare poi, con i numeri. 21/11/ 11 Per costruire l istogramma si utilizzano gli stessi colori usati nella fase manipolatoria. 22/11/ 11 Vengono ancora esplicitati alcuni significati già conosciuti del simbolo + (come aggiunta, mettere insieme) e il nome dell operazione eseguita, quindi per ogni alunno si scrive la somma con i numeri arabi e il simbolo + Infine si raccolgono allo stesso modo i risultati di tutta la squadra e si costruisce concretamente la torre, poi sul quaderno si rappresenta con la relativa operazione. Si consegna una scheda con diagrammi di Eulero-Venn con la seguente consegna: collega con una linea i numeri alle torri. 23/11/ 11 Si attiva la stessa procedura del giorno 18 per la squadra dei serpenti. 25/11/ 11 Si conclude l attività del giorno /11/ 11 Anche per la squadra dei leoni si procede allo stesso modo. 30/11/ 11lu 3) Giochi per sviluppare la concentrazione, l attenzione e il mantenimento della quantità numerica.

24 -Si sparpagliano dei pastelli o quant altro e si chiede quanti sono, il bambino conta e risponde; gli si chiede se è sicuro, il bambino spesso riconta ciò evidenzia l incapacità del mantenimento della quantità numerica. DICEMBRE 1) Giochi a squadre: conteggio additivo. 2) Giochi per sviluppare la concentrazione, l attenzione ; per memorizzare la conta in avanti e a ritroso e per mantenere la quantità numerica. 3) Giochi di carte per affrontare e risolvere problemi additivi e sottrattivi e per consolidare la capacità di confronto tra numeri (< > = ). 4) I numeri con i regoli e conteggio additivo con gli stessi. ESPERIENZE E ATTIVITA 02/12/ 11 1) giochi a squadre: conteggio additivo. Si gioca ancora con il gioco del disco. Si rilevano concretamente i risultati di ogni bambino per somma di valenze utilizzando i regoli per fare le torri. Ciò significa che il punteggio ottenuto con due lanci, ad esempio 2 più 3, non è più per somma di due mattoncini singoli più tre mattoncini singoli, ma si sommano il regolo che ha valore 2 e il regolo che ha valore 3 e si inizia a considerare attentamente i colori dei regoli e le loro valenze. 05/12/ 11 In una tabella a tre colonne si inseriscono i numeri dei risultati di ogni alunno e mentalmente si calcola la somma. 06/12/ 11 Si riprende l attività del giorno precedente. Per rappresentare l istogramma sul quaderno si disegnano i risultati delle tre squadre con i regoli e i rispettivi colori; successivamente per ogni torre ottenuta si scrive la somma con i numeri arabi e il simbolo +. Ancora si sottolinea il significato del simbolo + e il nome dell operazione eseguita.

25 2) Giochi per sviluppare la concentrazione, l attenzione ; per memorizzare la conta in avanti e a ritroso e per mantenere la quantità numerica 07/12/ 11 Dettato di numeri fino al 20. La conta mattutina Tutte le mattine come prassi i bambini contano fino al 20 in avanti e poi a ritroso mentre si mettono in fila prima di entrare in classe al fine di memorizzare con sicurezza la sequenza numerica nei due versi e sveltire il momento dell entrata. *Essendo i giochi piuttosto lunghi da svolgere e potendo usufruire dell insegnante di sostegno si dividono i bambini in due gruppi che seguono attività diverse, così da permettere ad ogni bambino, soprattutto a quelli in difficoltà, di provare più volte lo stesso gioco. Gioco sulla linea dei numeri per apprendere e consolidare il conteggio in avanti e all indietro. Si verifica se c è la capacità di contare in avanti e all indietro, i bambini si possono aiutare con la linea dei numeri da 1 a 20, che viene appesa alla parete. Successivamente si intraprendono esperienze camminando sulla linea dei numeri disegnata per terra, si conta in avanti. Per tornare indietro il bambino conta senza girarsi, ma retrocedendo a gambero Serpente di numeri mancanti:

26 -Con dei cerchi si costruisce la linea dei numeri come un serpente, ogni cerchio è un numero, ma si mette l etichetta col numero solo in alcuni cerchi Il bambino, posizionato in un cerchio con un numero, deve saper dire il numero o i numeri mancanti negli altri cerchi senza fare il percorso. Il gioco è facile quando manca solo 1 numero, meno con due o più vuoti. I bambini devono arrivare a non aver più dubbi sulla posizione del numero, anche se non è scritto. Numeri in fila *Si posizionano 10 cerchi in fila senza alcun numero, il bambino salta nei cerchi contando, allo stop gli si chiede: a quale numero sei arrivato? Quanti numeri hai dietro di te? Quanti ne hai davanti? Quali numeri hai davanti e quali hai dietro? Prima di te quanti cerchi hai? Dopo di te quanti cerchi hai? Questo gioco aiuta a riflettere sulle domande poste, quindi predispone all attenzione e alla concentrazione anche per apprendere correttamente la successione numerica. *L insegnante mette i bambini in fila e sceltone uno, gli attribuisce un numero, gli altri bambini devono dire il proprio numero rispetto a quello dell alunno di riferimento. Questo gioco costringe all attenzione e alla concentrazione. Per i bambini che stanno dietro quello di partenza non ci sono grossi problemi, per quelli che stanno davanti ci sono più difficoltà perché devono contare a ritroso.

27 Contare in cerchio I bambini si mettono in cerchio e si fanno passare un oggetto dicendo il numero successivo a quello del bambino precedente fino al 20 poi si ricomincia da uno. Si procede con l esperienza contando anche a ritroso. VARIANTE: Alcuni bambini del cerchio hanno la consegna di muovere le labbra ma di non far uscire la voce, il bambino successivo deve essere comunque pronto e dire il numero successivo esatto. *Seduti a cerchio, l insegnante stabilisce quale cifra non va mai pronunciata, al suo posto, a chi tocca, deve dire BUM, pena l eliminazione; la conta può andare oltre il 20. Nel conteggio è indispensabile essere attenti e concentrati. *I bambini rappresentano, a piacerre, uno dei giochi proposti. 09/12/ 11 Per decidere alcune realtà di classe si propone di eleggere la rappresentante di classe, questo fatto diventa occasione per consolidare i confronti numerici e il conteggio additivo. Si candidano tre bambini che vengono votati segretamente. Si tabulano i risultati ottenuti in una tabella a colonne mettendo una crocetta per ogni voto e si fa la somma dei voti di ogni candidato. Si pongono delle domande: chi ha ottenuto maggiori voti? Chi ha ottenuto minor voti? Chi ha ottenuto una votazione media? Chi ha vinto e quindi diventa rappresentante? Chi ha perso? 12/12/ 11 Su e giù per le scale. Per visualizzare la posizione del numero in rapporto al suo valore quantitativo (numero maggiore di uno dato gradino seguente e superiore; numero minore di uno dato gradino precedente e inferiore), si posizionano sulle scale i cartellini da 0 a 13 partendo dal piano terra o dal pianerottolo, dove si mette il n 0, al gradino successivo il n 1 e via dicendo.

E-mail : ddleno@ddleno.com - E mail ddleno@ddleno.pec.provincia.bs.it. sito internet : www.ddleno.com. Diario di bordo

E-mail : ddleno@ddleno.com - E mail ddleno@ddleno.pec.provincia.bs.it. sito internet : www.ddleno.com. Diario di bordo Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca CIRCOLO DIDATTICO DI LENO Via De Giuli 1, 25024 LENO ( Brescia ) Tel 030.9038250 Fax 030.9068974 C.F. 88004450172 E-mail : ddleno@ddleno.com -

Dettagli

MISURE EDUCATIVE E DIDATTICHE

MISURE EDUCATIVE E DIDATTICHE MISURE EDUCATIVE E DIDATTICHE Beinasco 15/09/2011 lugr.papalia@libero.it La Scuola dell Infanzia svolge un ruolo di assoluta importanza sia a livello preventivo, sia nella promozione e nell avvio di un

Dettagli

Unità III Gli animali

Unità III Gli animali Unità III Gli animali Contenuti - Fattoria - Zoo - Numeri Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Roberto racconta L Orsoroberto si presenta e racconta ai bambini un poco di sé. L Orsoroberto ama mangiare il miele,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06 Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA Il progetto sulla Terza Dimensione Queste attività si

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO LOGICO-MATEMATICO: SOTTO A CHI.CONTA!!!

UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO LOGICO-MATEMATICO: SOTTO A CHI.CONTA!!! UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO LOGICO-MATEMATICO: SOTTO A CHI.CONTA!!! di GIUSTI ROBERTA Anno scolastico 2013-2014 (bambini di 5 anni) Da: Gennaio a Maggio 1. LA TIPOLOGIA DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO

Dettagli

OSSERVAZIONI SISTEMATICHE DI RILEVAZIONE PRECOCE AREA DELL INTELLIGENZA NUMERICA

OSSERVAZIONI SISTEMATICHE DI RILEVAZIONE PRECOCE AREA DELL INTELLIGENZA NUMERICA OSSERVAZIONI SISTEMATICHE DI RILEVAZIONE PRECOCE AREA DELL INTELLIGENZA NUMERICA Potenziamento dell area dell intelligenza numerica Processi lessicali Denomina su richiesta i numeri fino a 10 (come si

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Scienze Livello: A2 Gruppo 3 Autori: Belfi Antonella, Bolzan Luana, Papi Michela Prerequisiti: comprensione linguistica livello A2 per alunni

Dettagli

Sfruttiamo quindi tutte le occasioni per far contare piccole quantità di oggetti

Sfruttiamo quindi tutte le occasioni per far contare piccole quantità di oggetti Contare oggetti In fase iniziale abbiamo accostato l operazione chiamata contare per contare con una qualsiasi sequenza ritmica. Verifichiamo anche quello usuale, chiedendo ai bambini fin dove sanno contare,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE

PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere un messaggio e un testo Conoscere le regole comportamentali della

Dettagli

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO I primi Giochi Easy : Il Palleggio ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO Insalata Mista. (stimolare l abitudine all utilizzo del palleggio) Dal palleggio in libertà tuttocampo dei bambini, dividere il campo in

Dettagli

LAVORO DELL ANNO PRECEDENTE. Successione cardinale Tanti/pochi LAVORO DI QUEST ANNO

LAVORO DELL ANNO PRECEDENTE. Successione cardinale Tanti/pochi LAVORO DI QUEST ANNO BAMBINI DI 4 ANNI LAVORO DELL ANNO PRECEDENTE Confronto tra quantità Successione cardinale Tanti/pochi LAVORO DI QUEST ANNO Le varie funzioni del numero : per quantificare per misurare per.. Dall indagine

Dettagli

OSSERVAZIONI SISTEMATICHE DI RILEVAZIONE PRECOCE AREA LINGUISTICA. Potenziamento area linguistica

OSSERVAZIONI SISTEMATICHE DI RILEVAZIONE PRECOCE AREA LINGUISTICA. Potenziamento area linguistica OSSERVAZIONI SISTEMATICHE DI RILEVAZIONE PRECOCE AREA LINGUISTICA Potenziamento area linguistica AREA LINGUISTICA AREA LINGUISTICA Comprensione linguistica Competenze narrative Competenze narrative 1.

Dettagli

Curricolo verticale MATEMATICA Scuola primaria CLASSE 1^

Curricolo verticale MATEMATICA Scuola primaria CLASSE 1^ Curricolo verticale MATEMATICA Scuola primaria Istituto Comprensivo Novellara CLASSE 1^ NUCLEI TEMATICI ABILITA CONOSCENZE METODOLOGIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE NUMERI Tecniche e procedure

Dettagli

Sperimentazione 2011 2012 Tutto è ritmo Scuola dell Infanzia di Castelletto

Sperimentazione 2011 2012 Tutto è ritmo Scuola dell Infanzia di Castelletto Sperimentazione 2011 2012 Tutto è ritmo Scuola dell Infanzia di Castelletto percorso didattico per l apprendimento dei prerequisiti della letto-scrittura A cura della prof. Piccinini Bambini e bambine

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 SCHEDE di valutazione 22 Classe prima 22 Classe seconda 25 Classe terza 28 Prove di abilità motorie e sportive

Dettagli

Gruppo bambini di 5 anni Ins. VISIBELLI Maria, CHESI Carla, VALENTE Debora, NALDI Grazia, AGLIETTI Brunella

Gruppo bambini di 5 anni Ins. VISIBELLI Maria, CHESI Carla, VALENTE Debora, NALDI Grazia, AGLIETTI Brunella D.D.1 CIRCOLO ROSIGNANO SCUOLA DELL INFANZIA «GIAN BURRASCA» Gruppo bambini di 5 anni Ins. VISIBELLI Maria, CHESI Carla, VALENTE Debora, NALDI Grazia, AGLIETTI Brunella Da alcuni anni nelle scuole dell

Dettagli

La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando

La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando SCUOLA.. A cura dell insegnante Liliana Del Papa e della prof.ssa Maria Pia Saitta classe 1 ª Care colleghe, questo quaderno nasce dal desiderio di condividere

Dettagli

Esperienza condotta nelle classi prime del plesso G. Marconi. nell anno scolastico 2011/2012

Esperienza condotta nelle classi prime del plesso G. Marconi. nell anno scolastico 2011/2012 METODO ANALOGICO ( metodo Bortolato) Esperienza condotta nelle classi prime del plesso G. Marconi nell anno scolastico 2011/2012 Durante l anno scolastico 2011/2012 le insegnanti delle CLASSI PRIME del

Dettagli

COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI

COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI PORTIERI di: DEFLORIO VITO Laureato in Scienze Motorie Preparatore dei Portieri INTRODUZIONE Questo lavoro e frutto della mia esperienza come allenatore dei giovani

Dettagli

di Andrea Monteverdi

di Andrea Monteverdi di Andrea Monteverdi PULCINI Stagione sportiva 2005/2006 Saranno effettuati due allenamenti al campo dove si cureranno gli obiettivi tecnico-tattici, e un allenamento in palestra dove sarà curato in particolar

Dettagli

Laboratorio Musicale Musica Maestro di Barbara Pavesi Anno scolastico 2008-2009 dal 12 gennaio 2009 al 27 marzo 2009

Laboratorio Musicale Musica Maestro di Barbara Pavesi Anno scolastico 2008-2009 dal 12 gennaio 2009 al 27 marzo 2009 Laboratorio Musicale Musica Maestro di Barbara Pavesi Anno scolastico 2008-2009 dal 12 gennaio 2009 al 27 marzo 2009 Suddivisione del gruppo I bambini della Sezione Primavera, divisi in 2 gruppi da 10-11

Dettagli

E-mail : ddleno@ddleno.com - E mail ddleno@ddleno.pec.provincia.bs.it. sito internet : www.ddleno.com. Diario di bordo

E-mail : ddleno@ddleno.com - E mail ddleno@ddleno.pec.provincia.bs.it. sito internet : www.ddleno.com. Diario di bordo Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca CIRCOLO DIDATTICO DI LENO Via De Giuli 1, 25024 LENO ( Brescia ) Tel 030.9038250 Fax 030.9068974 C.F. 88004450172 E-mail : ddleno@ddleno.com -

Dettagli

un nuovo modo di fare calcio

un nuovo modo di fare calcio un nuovo modo di fare calcio I Piccoli Amici Si parte da qui! E l inizio del percorso calcistico, un inizio che di anno in anno viene sempre più anticipato. Un momento in cui è essenziale gettare le basi

Dettagli

CORSO IL GESTO GRAFICO CHE PREPARA ALLA SCRITTURA Alessandra Venturelli a.s. 2011/2012. Considerazioni principali, per punti

CORSO IL GESTO GRAFICO CHE PREPARA ALLA SCRITTURA Alessandra Venturelli a.s. 2011/2012. Considerazioni principali, per punti CORSO IL GESTO GRAFICO CHE PREPARA ALLA SCRITTURA Alessandra Venturelli a.s. 2011/2012 Considerazioni principali, per punti I LEZIONE, 7 SETTEMBRE Disgrafia: riguarda solo il gesto grafico ed è un incapacità

Dettagli

MATEMATICA CLASSE SECONDA OBIETTIVI OPERATIVI. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Conoscere il numero nei suoi vari aspetti.

MATEMATICA CLASSE SECONDA OBIETTIVI OPERATIVI. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Conoscere il numero nei suoi vari aspetti. MATEMATICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l opportunità di

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2014/15 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2014/15 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2014/15 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito Numero di

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

PULCINI. Programma MILAN LAB

PULCINI. Programma MILAN LAB PULCINI Programma MILAN LAB SEDUTA DI ALLENAMENTO PULCINI 40% SCHEMI MOTORI DI BASE CAPACITÀ MOTORIE 60% CAPACITÀ COORDINATIVE 50% 10% CAPACITÀ CONDIZIONALI Rapidità BASSO GRADO DI DIFFICOLTÀ MEDIO GRADO

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO n. 1a (Programmazione) LABORATORIO RIMICO - MOTORIO ( bambini di 3 anni ) di VISCONTI Ileana Anno Scolastico 2007-2008 Da Gennaio 2009 a Maggio 2009 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO

Dettagli

GLI ELFI DI BABBO NATALE

GLI ELFI DI BABBO NATALE Gruppo Animatori Salesiani www.gascornedo.it info@gascornedo.it GLI ELFI DI BABBO NATALE Gioco in Oratorio Genere: a stand Ambienti: sia in interno che in esterno Età: bambini delle elementari/medie AMBIENTAZIONE

Dettagli

TEST per ragazzi/e di Scuola Elementare (6-10 anni)

TEST per ragazzi/e di Scuola Elementare (6-10 anni) I test motori: come si effettuano e come utilizzare i dati Belluno, 18 Settembre 2012 Relatore: Prof. Modesto BONAN TEST per ragazzi/e di Scuola Elementare (6-10 anni) Il rapporto tra i test e le capacità

Dettagli

Laboratori fonologici: Verifica e punto di partenza per l apprendimento della lettoscrittura

Laboratori fonologici: Verifica e punto di partenza per l apprendimento della lettoscrittura Laboratori fonologici: Verifica e punto di partenza per l apprendimento della lettoscrittura Suggerimenti per le insegnanti Ins. Formatore Orfei Carla OBIETTIVI GENERALI: Esplorare e conoscere l ambiente

Dettagli

Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008

Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008 Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008 1 1^- 2^ ELEMENTARE Il percorso ginnico individuale Giocatori: Tutti gli alunni si mettono in fila ed uno alla volta eseguono il percorso tracciato Campo di gioco:

Dettagli

INTORNO AL CUBO PER CLASSI III, IV E V DI SCUOLA PRIMARIA

INTORNO AL CUBO PER CLASSI III, IV E V DI SCUOLA PRIMARIA INTORNO AL CUBO PER CLASSI III, IV E V DI SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2012/2013 1 Indice Componenti del gruppo di lavoro pag. 2 Premessa pag. 3 Descrizione dell'attività di laboratorio pag. 4 Verifica

Dettagli

Istituto Comprensivo Don Milani Orbetello. Percorso in verticale : Simmetria e figure...in movimento

Istituto Comprensivo Don Milani Orbetello. Percorso in verticale : Simmetria e figure...in movimento Istituto Comprensivo Don Milani Orbetello Percorso in verticale : Simmetria e figure...in movimento 1 Il progetto Il progetto ha coinvolto alunni e docenti dei plessi dei tre ordini scolastici dell Istituto

Dettagli

Guida alla navigazione

Guida alla navigazione 2 Guida alla navigazione Note generali Il programma si installa automaticamente nel pc creando un icona sul desktop per poterlo poi avviare. Il software è utilizzabile con qualsiasi lavagna interattiva

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME

CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME Disciplina Indicatori Descrittori Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente Esprimere oralmente le proprie emozioni ed esperienze mediante linguaggi diversi verbali

Dettagli

Terza Edizione Giochi di Achille (13-12-07) - Olimpiadi di Matematica Soluzioni Categoria M1 (Alunni di prima media)

Terza Edizione Giochi di Achille (13-12-07) - Olimpiadi di Matematica Soluzioni Categoria M1 (Alunni di prima media) Il Responsabile coordinatore dei giochi: Prof. Agostino Zappacosta Chieti tel. 087 65843 (cell.: 340 47 47 95) e-mail:agostino_zappacosta@libero.it Terza Edizione Giochi di Achille (3--07) - Olimpiadi

Dettagli

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Pagina 1 di 32 USARE WORD - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu pag.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA UGO BASSI

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA UGO BASSI ISTITUTO COMPRENSIVO VIA UGO BASSI Via U. Bassi n 30-62012 CIVITANOVA MARCHE Tel. 0733 772163- Fax 0733 778446 mcic83600n@istruzione.it, MCMM83600N@PEC.ISTRUZIONE.IT www.circolougobassi.it Cod. fiscale:

Dettagli

USARE WORD - non solo per scrivere -

USARE WORD - non solo per scrivere - GUIDA WORD USARE WORD - non solo per scrivere - corso Word Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu

Dettagli

Scuola Infanzia Piantedo A.S. 2012/2013. Percorso metafonologico e fonologico: GIOCO CON LE PAROLE

Scuola Infanzia Piantedo A.S. 2012/2013. Percorso metafonologico e fonologico: GIOCO CON LE PAROLE Scuola Infanzia Piantedo A.S. 2012/2013 Percorso metafonologico e fonologico: GIOCO CON LE PAROLE GRUPPO: intersezione bambini 5 anni UNITÀ DI APPRENDIMENTO TITOLO/OF OO FF Titolo: GIOCO CON LE PAROLE

Dettagli

SCUOLA CALCIO HELLAS VERONA STAGIONE 2012/13 Categoria pulcini 2003/04

SCUOLA CALCIO HELLAS VERONA STAGIONE 2012/13 Categoria pulcini 2003/04 SCUOLA CALCIO HELLAS VERONA STAGIONE 2012/13 Categoria pulcini 2003/04 Mesociclo: settembre/ottobre Obiettivo motorio/coordinativo: sviluppo cap. oculo-manuale, oculo-podale, di anticipazione e scelta

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 18 marzo 2004 Categoria Benjamin Per studenti di prima o seconda media. I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno

Kangourou Italia Gara del 18 marzo 2004 Categoria Benjamin Per studenti di prima o seconda media. I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 9-14-.qxd 22/02/2004 16.53 Pagina 10 Kangourou Italia Gara del 18 marzo 2004 Categoria Per studenti di prima o seconda media I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. (10 x 100) x (20 x 80)

Dettagli

g. Ferrari m. cerini d. giallongo Piattaforma matematica Informatica Aritmetica 1 trevisini EDITORE

g. Ferrari m. cerini d. giallongo Piattaforma matematica Informatica Aritmetica 1 trevisini EDITORE g. Ferrari m. cerini d. giallongo Piattaforma matematica Aritmetica 1 trevisini EDITORE 2 Excel: la matematica con i fogli di calcolo Excel è il programma di fogli di calcolo, o fogli elettronici, più

Dettagli

Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento

Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento 2012 Federazione Italiana Pallacanestro SGMS Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento A cura di Maurizio Cremonini - Tecnico Federale Settore Giovanile Minibasket Scuola 0

Dettagli

PERCORSI MOTORI TROFEO GIOVANI 2007 Fase nazionale

PERCORSI MOTORI TROFEO GIOVANI 2007 Fase nazionale Federazione Ginnastica d Italia Settore Ginnastica Generale PERCORSI MOTORI TROFEO GIOVANI 2007 Fase nazionale L AREA DEI PERCORSI è di m. 9 x 3, ma tale misura potrebbe subire variazioni per problemi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

GLI STRUMENTI CONVENZIONALI PER LA MISURAZIONE E LA PERIODIZZAZIONE: L OROLOGIO. Candidata Lamanna Franca

GLI STRUMENTI CONVENZIONALI PER LA MISURAZIONE E LA PERIODIZZAZIONE: L OROLOGIO. Candidata Lamanna Franca GLI STRUMENTI CONVENZIONALI PER LA MISURAZIONE E LA PERIODIZZAZIONE: L OROLOGIO Candidata Lamanna Franca MOTIVAZIONE L importanza del tempo e del suo scorrere CONTESTO Classe II^ scuola primaria I.C. G.

Dettagli

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione)

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) CURRICOLO DI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) Le conoscenze matematiche contribuiscono

Dettagli

Un mondo da Favola laboratorio sul tema della sostenibilità

Un mondo da Favola laboratorio sul tema della sostenibilità Un mondo da Favola laboratorio sul tema della sostenibilità Obiettivi del laboratorio Il percorso Il percorso in breve Questo progetto sarà occasione per far comprendere ai bambini che cosa significa il

Dettagli

ALTRI SUGGERIMENTI PER IL PERCORSO AD OSTACOLI

ALTRI SUGGERIMENTI PER IL PERCORSO AD OSTACOLI ALTRI SUGGERIMENTI PER IL PERCORSO AD OSTACOLI Con l intento di proseguire l osservazione sulle competenze che i bambini posseggono nei confronti della matematica è stata intrapresa una rivisitazione del

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità RELAZIONE WORKSHOP APPRENDERE A STARE IN GRUPPO DAI 3 AI 5 ANNI Esperienza nella scuola dell infanzia con il Cooperative Learning Ins. Mancinelli Cesarina I.C. Falconara Centro Due anni di formazione mi

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO

SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO Secondo i campi d esperienza PREMESSA Come si ritroverà nei successivi ordini di Scuola del nostro Istituto Comprensivo, abbiamo tratto dal Sito dell Indire le

Dettagli

10 Lezioni di Minibasket

10 Lezioni di Minibasket 10 Lezioni di Minibasket LEZIONE N. 1 FASE INIZIALE 001. Esercizi e giochi di trattamento della palla sul posto e in movimento ad elevata intensità di esecuzione. 002. SPRINT: i bambini palleggiano per

Dettagli

MOTORIO MI PIACE CHE TI MUOVI, MI PIACE QUEL CHE MUOVI

MOTORIO MI PIACE CHE TI MUOVI, MI PIACE QUEL CHE MUOVI UNITA DI APPRENDIMENTO n. 1c LABORATORIO MOTORIO MI PIACE CHE TI MUOVI, MI PIACE QUEL CHE MUOVI e allora MUOVI! ( bambini di 5 anni ) di GIUSTI ROBERTA Anno Scolastico 2009-2010 Da Gennaio 2010 a Maggio

Dettagli

Raffaele Pisano (TNPEE)

Raffaele Pisano (TNPEE) ATTIVITA PER BAMBINI 5 ANNI Raffaele Pisano (TNPEE) AZIONI MOTORIE OBIETTIVO PER FASCE D ETA : GUIDA 3 ANNI Camminare Correre Saltare Quadrupedie Strisciare Rotolare Arrampicarsi Entrare / uscire Tirare

Dettagli

GIOCO DEL CIAO! ( simile a "L'orologio di Milano fa " )

GIOCO DEL CIAO! ( simile a L'orologio di Milano fa  ) GIOCO N 1 IDENTITA PERSONALE Salutare e presentarsi. GIOCO DEL CIAO! ( simile a "L'orologio di Milano fa " ) per questo gioco è necessario uno spazio ampio, vanno bene anche il giardino, la palestra od

Dettagli

LIBRI IN FILASTROCCA

LIBRI IN FILASTROCCA SST SILENZIO PARLANO I LIBRI MOTIVAZIONE: LIBRI IN FILASTROCCA I miei libri sanno a memoria Qualsiasi storia. Loro sanno tutti i perché: perché la luna c è e non c è, perché il sole scompare in fondo al

Dettagli

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING per bambini di 4-6 anni di CRISTINA RUINI Esperienze di gioco-orienteering svolte nell anno scolastico 2009-2010 alla scuola d infanzia di Longera (Trieste) Questa è una raccolta

Dettagli

Scuola dell Infanzia Umberto I Robecco sul Naviglio Anno Scolastico 2014-2015 PROGETTO LETTO-SCRITTURA

Scuola dell Infanzia Umberto I Robecco sul Naviglio Anno Scolastico 2014-2015 PROGETTO LETTO-SCRITTURA Scuola dell Infanzia Umberto I Robecco sul Naviglio Anno Scolastico 2014-2015 PROGETTO LETTO-SCRITTURA Il progetto nasce dal desiderio di accompagnare il bambino/a dell ultimo anno della Scuola dell Infanzia

Dettagli

Dal gesto al segno grafico: un approccio sperimentale con bambini di 3-4 anni, per preparare alla scrittura SECONDA PARTE

Dal gesto al segno grafico: un approccio sperimentale con bambini di 3-4 anni, per preparare alla scrittura SECONDA PARTE Dal gesto al segno grafico: un approccio sperimentale con bambini di 3-4 anni, per preparare alla scrittura Valentina Valenti SECONDA PARTE I dati precedentemente illustrati da Barbara Natali mettono in

Dettagli

GIOCHI PRESENTATI AL CORSO ISTRUTTORI MINIBASKET 2000 e 2001. 1 regola Il PALLEGGIO Non si può camminare e correre con la palla in mano

GIOCHI PRESENTATI AL CORSO ISTRUTTORI MINIBASKET 2000 e 2001. 1 regola Il PALLEGGIO Non si può camminare e correre con la palla in mano GIOCHI PRESENTATI AL CORSO ISTRUTTORI MINIBASKET 2000 e 2001 DISPENSA 2000 e 2001 prof. Piergiorgio Manfrè - aggiornamento novembre 2001 1 regola Il PALLEGGIO Non si può camminare e correre con la palla

Dettagli

FORMAZIONE PEA 27/02/2013

FORMAZIONE PEA 27/02/2013 FORMAZIONE PEA 27/02/2013 Scuola primaria Classe seconda: Per la memorizzazione della tabellina bisogna adoperare più forme linguistiche. Nei problemi le operazioni devono diventare più sicure. Se i bambini

Dettagli

Un po di giochi. Prof. Giorgio Bolondi Università degli Studi di Bologna ForMATH project. Giorgio Bolondi

Un po di giochi. Prof. Giorgio Bolondi Università degli Studi di Bologna ForMATH project. Giorgio Bolondi Un po di giochi Prof. Università degli Studi di Bologna ForMATH project Palline, pallette e pallone (per le classi III, IV e V). Gabriele è molto orgoglioso della sua collezione di palle rimbalzine; ne

Dettagli

Come allenare la Categoria Pulcini con giochi tratti dalla tradizione popolare.

Come allenare la Categoria Pulcini con giochi tratti dalla tradizione popolare. articolo N.37 GENNAIO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI

Dettagli

Calamite Poli magnetici Forza magnetica. A cura del responsabile del laboratorio di scienze Ins. Cristina Andrini

Calamite Poli magnetici Forza magnetica. A cura del responsabile del laboratorio di scienze Ins. Cristina Andrini Calamite Poli magnetici Forza magnetica A cura del responsabile del laboratorio di scienze Ins. Cristina Andrini Chi resiste all attrazione? Cosa serve? Oggetti di materiali diversi: vetro, legno, plastica,

Dettagli

CATALOGO DI ESERCIZI PER PAUSE IN MOVIMENTO. ESERCIZI PER ATTIVARE

CATALOGO DI ESERCIZI PER PAUSE IN MOVIMENTO. ESERCIZI PER ATTIVARE Catalogo di esercizi per per pause in movimento. Esercizi per attivare MOVING SCHOOL 21 PROGETTO LA SCUOLA IN MOVIMENTO CATALOGO DI ESERCIZI PER PAUSE IN MOVIMENTO. ESERCIZI PER ATTIVARE Autore: Stephan

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

ESPERIENZE DI RICERCAZIONE SULLE COMPETENZE DI TIPO MATEMATICO

ESPERIENZE DI RICERCAZIONE SULLE COMPETENZE DI TIPO MATEMATICO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAPANNOLI SCUOLA DELL INFANZIA DI TERRICCIOLA SEZIONE 5 ANNI Anno scol. 2011/12 Ins. Lucia PRATELLI Paola STACCHINI ESPERIENZE DI RICERCAZIONE SULLE COMPETENZE DI TIPO MATEMATICO

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2012 2013 PROVA DI MATEMATICA. Scuola primaria. Classe Quinta Fascicolo 1

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2012 2013 PROVA DI MATEMATICA. Scuola primaria. Classe Quinta Fascicolo 1 Prova di MateMatica - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2012 2013 PROVA DI MATEMATICA Scuola primaria Classe Quinta Fascicolo 1 Spazio per l etichetta autoadesiva

Dettagli

DISEGNI AFRICANI DALL ANGOLA PER VIVERE LA MATEMATICA

DISEGNI AFRICANI DALL ANGOLA PER VIVERE LA MATEMATICA Scuola dell infanzia Andersen 1 circolo Spinea anno sc.2008-09 ESPERIENZE DI LETTURA E SCRITTURA PER I BAMBINI DI 5 ANNI Ins:Anna Aiolfi Marika Quaglietta Documentazione a cura di Anna Aiolfi DISEGNI AFRICANI

Dettagli

U.O.C. MATERNO INFANTILE U.O. PEDIATRIA DI COMUNITA

U.O.C. MATERNO INFANTILE U.O. PEDIATRIA DI COMUNITA Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO U.O.C. MATERNO INFANTILE U.O. PEDIATRIA DI COMUNITA Il gioco è l attività più naturale ed importante del bambino. Nel gioco il bambino

Dettagli

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail. Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.com Indice: La finestra di Word Barra del titolo Barra dei menu Barra degli

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DELLA BIBLIOTECA

L ORGANIZZAZIONE DELLA BIBLIOTECA L ORGANIZZAZIONE DELLA BIBLIOTECA Molto importante è concordare con gli alunni l ordine di disposizione dei libri nelle scaffalature, sia perché partecipando all organizzazione saranno più ordinati e responsabili,

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori TRAGUARDI DI COMPETENZA Comunicare, esprimere emozioni, raccontare, utilizzando

Dettagli

PROGRAMMA TECNICO IL CONTROLLO DELLA PALLA PROGRESSIONE

PROGRAMMA TECNICO IL CONTROLLO DELLA PALLA PROGRESSIONE PROGRAMMA TECNICO Il Programma Tecnico vuole essere uno strumento di lavoro e di supporto, agli istruttori e ai tecnici della nostra Scuola Calcio, alla formazione dei bambini e delle bambine che muovono

Dettagli

Progetto didattico per i PICCOLI ww.lagiostra.biz Febbraio 2012 MARTE, ARRIVIAMO! GIOCO, FANTASIA E CONOSCENZA DELL UNIVERSO GLI OBIETTIVI FORMATIVI

Progetto didattico per i PICCOLI ww.lagiostra.biz Febbraio 2012 MARTE, ARRIVIAMO! GIOCO, FANTASIA E CONOSCENZA DELL UNIVERSO GLI OBIETTIVI FORMATIVI MARTE, ARRIVIAMO! GIOCO, FANTASIA E CONOSCENZA DELL UNIVERSO "Il gioco è universale e appartiene alla sanità il gioco è un esperienza sempre creativa; è un esperienza che si svolge nel continuum spazio-temporale,

Dettagli

OBIETTIVI DELL UNITÀ: fornire ai bambini i primi strumenti linguistici per parlare del corpo e del volto. 2 Ascolta e completa. 3 Leggi e collega.

OBIETTIVI DELL UNITÀ: fornire ai bambini i primi strumenti linguistici per parlare del corpo e del volto. 2 Ascolta e completa. 3 Leggi e collega. Funzioni comunicative Lessico Morfosintassi Descrivere alcuni tratti del viso (Ha gli occhi grandi / il naso lungo) Comprendere comandi e semplici istruzioni (alza le braccia, piega le gambe, batti le

Dettagli

Il mago delle presentazioni: PowerPoint

Il mago delle presentazioni: PowerPoint Informatica 2 livello/2ªb 21-02-2006 10:46 Pagina 48 Il mago delle presentazioni: è un programma di Microsoft che ti permette di creare presentazioni multimediali per mostrare, a chi vuoi, un tuo lavoro,

Dettagli

Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: Dipendente dai materiali.

Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: Dipendente dai materiali. 8 LEZIONE: Funzioni Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: Dipendente dai materiali. Obiettivo Principale: Illustrare come compiti ripetitivi possano essere organizzati in piccoli

Dettagli

ESEMPIO DI GRIGLIA DI PROGETTAZIONE

ESEMPIO DI GRIGLIA DI PROGETTAZIONE ESEMPIO DI GRIGLIA DI PROGETTAZIONE Utenti destinatari Bambini di 5 anni Periodo di applicazione (ore totali 15) maggio Docenti coinvolti Compito/Prodotto previsto Daniela Nicoletti - Maria Grazia Nicoletti

Dettagli

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 84

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 84 G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 84 La scheda vai a La scheda Vai è probabilmente la meno utilizzata delle tre: permette di spostarsi in un certo punto del documento, ad esempio su una determinata pagina

Dettagli

PROGETTO SCUOLE DELL INFANZIA A.S. 2012-2013

PROGETTO SCUOLE DELL INFANZIA A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD PROGETTO SCUOLE DELL INFANZIA San Carlo Borromeo e H. C. Andersen A.S. 2012-2013 (Laboratorio di logico-matematica) Siamo nati per contare, abbiamo dei circuiti incorporati

Dettagli

Esempi di didattica laboratoriale

Esempi di didattica laboratoriale Esempi di didattica laboratoriale Il curricolo di matematica nella scuola primaria e secondaria di primo grado Abbiamo visto che I nostri allievi non sanno applicare le abilità apprese a scuola ad un contesto

Dettagli

Il curricolo di matematica e scienze nella scuola dell infanzia. A cura di Mirella Pezzin Brà, 3-4 settembre 2014

Il curricolo di matematica e scienze nella scuola dell infanzia. A cura di Mirella Pezzin Brà, 3-4 settembre 2014 Il curricolo di matematica e scienze nella scuola dell infanzia A cura di Brà, 3-4 settembre 2014 MATEMATICHOS SIGNIFICA: DESIDEROSO DI SAPERE FARE SCIENZE PER I BAMBINI SIGNIFICA : CERCARE DI CAPIRE COME

Dettagli

DSA: Osservazioni e giochi di rafforzamento. Elena Dal Pio Luogo Patrizia Gariazzo

DSA: Osservazioni e giochi di rafforzamento. Elena Dal Pio Luogo Patrizia Gariazzo DSA: Osservazioni e giochi di rafforzamento Elena Dal Pio Luogo Patrizia Gariazzo Analizzare la quotidianità a scuola è una forma di ricerca volta a rendere riflessiva la pratica dell insegnamento. Osservazione

Dettagli

PREVENIRE LA DISGRAFIA ATTIVITA PROPEDEUTICHE ALLA SCRITTURA

PREVENIRE LA DISGRAFIA ATTIVITA PROPEDEUTICHE ALLA SCRITTURA PREVENIRE LA DISGRAFIA ATTIVITA PROPEDEUTICHE ALLA SCRITTURA Di disgrafia, in Italia, si parla davvero poco, nonostante molte ricerche condotte da grafologi e studiosi ne riscontrino un notevole aumento:

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA Raggiungere una buona autonomia personale nell alimentarsi, nel vestirsi e nel prendersi cura di sé. Scoprire e riconoscere il proprio corpo,

Dettagli

Progetto Prevenzione Difficoltà di Apprendimento

Progetto Prevenzione Difficoltà di Apprendimento Progetto Prevenzione Difficoltà di Apprendimento 17 gennaio 2013 Attività per il consolidamento dei prerequisiti di apprendimento a.s.2012/13 Nella Scuola d Infanzia si prepara il terreno perché l albero

Dettagli

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione 4 LEZIONE: Programmazione su Carta a Quadretti Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10 Minuti Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione SOMMARIO:

Dettagli

FINALE ITALIANA 1998. 16 maggio 1998 - Università Bocconi

FINALE ITALIANA 1998. 16 maggio 1998 - Università Bocconi FINALE ITALIANA 1998 16 maggio 1998 - Università Bocconi 1. UN PROBLEMA TURCO Scrivere le quattro cifre del numero 1998 nelle caselle sottostanti in modo che il risultato delle operazioni indicate sia

Dettagli

Scuola dell infanzia. A. Monti. - I.C. COAZZE - a. s 2008/09

Scuola dell infanzia. A. Monti. - I.C. COAZZE - a. s 2008/09 Scuola dell infanzia - I.C. COAZZE - a. s 2008/09 A. Monti Titolo attività : Giocare con le PAROLE Le attività sono rivolte ad un gruppo di 17 bambini all ultimo anno di frequenza della scuola dell infanzia,

Dettagli

n. 56 marzo 2015 GEOMETRIA CHE PASSIONE! Dall esperienza il metodo: un percorso per i primi tre anni della Scuola Primaria di Paola Soffientini*

n. 56 marzo 2015 GEOMETRIA CHE PASSIONE! Dall esperienza il metodo: un percorso per i primi tre anni della Scuola Primaria di Paola Soffientini* GEOMETRIA CHE PASSIONE! Dall esperienza il metodo: un percorso per i primi tre anni della Scuola Primaria di Paola Soffientini* Una ricca esperienza, che documenta l inconsistenza di un diffuso atteggiamento

Dettagli

ROBERTA ( 4 ) 2008-2009 LABORATORIO MOTORIO MI PIACE CHE TI MUOVI, MI PIACE QUEL CHE MUOVI

ROBERTA ( 4 ) 2008-2009 LABORATORIO MOTORIO MI PIACE CHE TI MUOVI, MI PIACE QUEL CHE MUOVI UNITA DI APPRENDIMENTO n. 1a (Programmazione) di GIUSTI ROBERTA ( bambini di 4 anni ) Anno Scolastico 2008-2009 LABORATORIO MOTORIO MI PIACE CHE TI MUOVI, MI PIACE QUEL CHE MUOVI e allora MUOVI! da Gennaio

Dettagli

13. GLI ZII DI PIERINO

13. GLI ZII DI PIERINO 13 o RALLY MATEMATICO TRANSALPINO PROVA II - marzo - aprile 2005 ARMT.2005 p. 1 12. DADI (Cat. 6, 7, 8, 9) ARMT.2005-13 - II prova Un dado (di tipo «occidentale») è costruito correttamente se sono rispettate

Dettagli

SCHEDE GIOCHI SCUOLA DELL INFANZIA

SCHEDE GIOCHI SCUOLA DELL INFANZIA SCHEDE GIOCHI SCUOLA DELL INFANZIA (A cura di Paolo Ligas) SCHEDA N 1 Percorso 3/4 Pallavolando Il primo giocatore di ogni squadra al Via parte esegue 2 rotolamenti su un materassino, salta l ostacolo,

Dettagli