Diario di bordo di matematica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Diario di bordo di matematica"

Transcript

1 Direzione didattica di Leno Anno Scolastico Diario di bordo di matematica esperienze e attività della sperimentazione metodologico didattica in classe 1ª di Castelletto Insegnante: Tironi Emanuela

2 DIREZIONE DIDATTICA DI LENO A.S. 2011/2012 SPERIMENTAZIONE DI DIDATTICA DELLA MATEMATICA SCUOLA DI CASTELLETTO CLASSE 1^ Formatore : dott. Beppe Pea Insegnanti coinvolti : Emanuela Tironi, Valeria Scafaria SINTESI DELLA METODOLOGIA ADOTTATA La sperimentazione è di tipo metodologico didattico e riguarda la matematica, essa accerta e verifica strategie didattiche non tradizionali. Un curricolo diverso da quello tradizionale ma con la garanzia del generare le strutture mentali richieste di classe in classe e le strutture mentali devono produrre competenze. Non si può fare matematica solo ed esclusivamente attraverso la scrittura delle cose matematiche. Le forme linguistiche non danno concetti astratti, per ottenerle bisogna passare dalla proceduralità e questo in tutte le discipline. Dopo la fase esperienziale vi è la traduzione attraverso le forme linguistiche. Per ottenere l astrazione c è bisogno di un approccio con le tante forme linguistiche diverse riferite tutte allo stesso concetto che servono a fare emergere il concetto stesso. Ogni forma linguistica fa emergere una sfaccettatura del concetto per cui bisogna utilizzarne tante per rappresentare un concetto: spiegazione, immagini, slide, movimento del corpo, produzione di disegni ecc. I bambini apprendono molto di più sulla base delle esperienze piuttosto che sulla base delle comunicazioni linguistiche, sta a noi far passare il pensiero dell alunno dall analogico al logico per ottenere un apprendimento duraturo. Il bambino è molto bravo sul piano dell apprendimento analogico, cioè apprendere ad imitazione degli altri ;ma se inizialmente l apprendimento deve essere tale, deve poi essere completato sulla spiegazione del perché per portare l analogico al logico. I bambini devono imparare a chiedersi: Perché ho ottenuto questo risultato? lo stesso risultato può essere ottenuto in modo diverso?. Questa è la conquista della struttura mentale che può essere riferita ad altri contesti.

3 INCONTRO DEL TEMI TRATTATI TEMPI DI ATTUAZIO- NE DELLE ESPERIEN- ZE E ATTIVITA 09/09/2011 Presentazione sperimentazione. Ritmi, seriazione e classificazione 27/09/2011 Prove Gestalt. Prove Stambak. Settembre Ottobre Avvio al concetto di numero e di operazioni. 27/10/2011 Giochi di memorizzazione. Il concetto di addizione. 23/11/2011 Problemi: situazioni di partenza, ragionamento, calcolo mentale additivo e sottrattivo. 17/01/2011 Consolidamento del numero: contiamo, confrontiamo, ordiniamo fino al /02/2012 Ordine temporale del numero. Prove Stambak. 20/03/2012 Struttura del numero: le cassettiere. 27/04/2012 Problemi e confronto fra numeri: dalla realtà alla rappresentazione graficosimbolica, numerica, ecc... Addizioni e sottrazioni con le regioni numerate. Novembre Dicembre Gennaio e Febbraio Marzo Aprile Maggio Prove Gestalt. 21/05/2012 Verifiche e valutazione per competenze. Giugno

4 SETTEMBRE Dal 12 al 17 si attua il progetto di accoglienza. 1) Esperienze di ritmo. 2) Classificare. 3) Seriare. ESPERIENZE E ATTIVITA 1) Le esperienze di ritmo : percettivo-uditivo e corporeo sono importanti non solo in matematica ma anche in tutte le altre discipline, esse aiutano a risolvere problematiche di tipo spazio-temporali sia nella scrittura che nel calcolo, inoltre sviluppano l attenzione e la concentrazione, la simultaneità e la lateralizzazione. 19/09/ 11 Si batte un ritmo: una battuta di mani, una battuta con un piede, i bambini sono invitati a imitarlo. Se ne propongono altri: una battuta di mani, una con un piede e un altra con l altro piede; un passo lungo e uno corto; un passo lungo e due corti; una battuta sul tavolo con un legnetto, un'altra a terra con i piedi e via via se ne fanno sempre di più complessi. 20/09/ 11 Si ripropongono i ritmi del giorno precedente, ma dopo averne eseguito uno, sul quaderno a quadretti di 1 cm. si chiede di riproporlo graficamente abbinando alla battuta delle mani un quadrato rosso, per i piedi un cerchio giallo. Si fa la stessa cosa con gli altri ritmi proposti cambiando i simboli grafici. 21/09/ 11 L insegnante propone delle greche alla lavagna, i bambini copiano e continuano il ritmo contornando la prima pagina del loro quaderno; ogniqualvolta si inizierà un quaderno nuovo verrà richiesta la cornicetta a ritmo.

5 Si consegna una scheda con una greca di disegni uguali che i bambini colorano alternando due tinte. 22/09/ 11 Muoversi a ritmo: si utilizzano 3 o più strumenti, si abbina ad ogni strumento un movimento corporeo; l insegnante suona un ritmo e i bambini lo devono rappresentare con il corpo. 22 e 23/09/ 11 - Classificare significa scoprire che alcuni elementi di un universo, pur essendo tutti diversi e distinti, hanno qualche cosa di uguale. 2) Esperienze di classificazione: dato un mucchietto di bottoni diversi per colore e dimensione il bambino deve suddividerli secondo il criterio del colore, poi secondo quello della dimensione. Successivamente gli si chiede di trovare lui altri criteri per suddividere l insieme dei bottoni. Si propone la stessa attività utilizzando i blocchi logici e introducendo l aspetto che riguarda lo spessore e le forme dei blocchi. Si propongono altre esperienze con giocattoli e materiale scolastico (matite, pennarelli, quaderni, ecc.) utilizzando anche la negazione: raggruppa i pennarelli secondo la caratteristica non gialli, ecc. 26/09/ 11 - Seriare significa cogliere dei nessi di diversità fra gli elementi di un insieme e di una classe. 3)Esperienze di seriazione: date una serie di striscioline di carta di diverse lunghezze i bambini devono ordinarle dalla più corta alla più lunga, poi incollarle sul quaderno. 27/09/ 11 Data una serie disordinata di immagini di ghiaccioli i bambini li dispongono in ordine crescente e li incollano sul quaderno; fanno lo stesso con immagini di gelati ma li dispongono in ordine decrescente. 28/09/ 11

6 I bambini della classe devono disporsi in riga seguendo i seguenti comandi: dal più basso al più alto, dal più alto al più basso. Costruisci una torre alta e una bassa con le costruzioni, con le stesse fai una scala alta e una bassa. * Si utilizza diverso materiale (nastri, scatole, adesivi, palloni, pennarelli ecc.) e si pongono le domande: qual è il/la più grande e il/la più piccola tra questi oggetti? Qual è la/il meno grande? E la/il meno piccola/o? * Disegna un albero grande e uno piccolo, disegna un albero basso e uno alto, disegna un pallone piccolo e uno grande. * Scheda dove si confrontano più oggetti della stessa categoria e si chiede di colorare: il pallone più grande, il gelato più piccolo, la spada più corta, il treno più lungo, il fiore più basso, l albero più alto. Classificare e seriare se sviluppati adeguatamente portano il bambino all organizzazione mentale e non solo del mondo che lo circonda, ma lo aiutano a risolvere più facilmente i problemi che gli capiteranno, oltre che ad approfondire il concetto di ordine del numero. 30/09/ 11 Vista la poca conoscenza e dimestichezza dei termini: tanti, molti, pochi, tutti, usati spesso durante l attività scolastica, si propongono le seguenti esperienze: * dal tuo astuccio prendi tutti i pennarelli, * ora prendi tanti pennarelli, ma non tutti, * metti sul tavolo pochi pennarelli, * metti sul tavolo molti bottoni bianchi e pochi neri, * conta tante pagine del tuo quaderno, * conta poche pagine del tuo quaderno, * disegna pochi bottoni neri, * disegna pochi pastelli, * disegna tanti pastelli.

7 OTTOBRE 1) prove Gestalt, test che serve a controllare le capacità relative a spaziotempo, logica e numero; 2) esperienze ludiche logico-aritmetiche da tradurre in diverse forme linguistiche, per codificarle e astrarle. Dimensione del numero a livello: di cardinalità (numerosità e valenza) e ordinalità, di grafema arabo. ESPERIENZE E ATTIVITA 03/10/ 11 Si continua l attività del giorno precedente problematizzando l attività: a) prendi tanti pastelli e fanne un mucchietto b) prendi pochi pennarelli e fanne un mucchietto c) quali sono quelli di più? d) quali sono quelli di meno? e) cosa dobbiamo fare per verificare la correttezza delle risposte? f) quanti non hanno il compagno pennarello? g) quelli che non hanno il compagno sono in più o sono in meno? h) per sapere quanti sono quelli in meno cosa devo fare? Ecc. 04/10/ 11 me 1) prove Gestalt. Ai bambini viene distribuito un foglio A4 bianco sul quale dovranno ricopiare esattamente i grafismi consegnati precedentemente senza utilizzare il righello, tempo a disposizione massimo 15 minuti. Grafismi prove Gestalt:

8

9 RISULTATI PROVE GESTALT Eseguito in prima fascia oraria, tempo a disposizione 15 minuti. LEGENDA: R = OK riuscita; CT = con qualche titubanza; CA = con aiuto; NR = non riuscito. codice Prova1 Prova2 Prova3 Prova4 Prova5 Prova 6 Prova 7 Prova 8 alunno AC.. NR NR NR NR NR NR NR NR 1AC.. R NR NR NR NR NR NON ESEGUITO NON ESEGUITO 1AC.. R R CT R R NR NR R 1AC.. CT CT NR R NR NR NR NR 1AC.. CT R R NR NR NR NR NR 1AC.. NR NR NON ESEGUITO NR NR NR NON ESEGUITO NON ESEGUITO 1AC.. R R R R NR R NR NR 1AC.. NR NR R NR NR NR NR NR 1AC.. A S S E N T E 1AC.. 1AC.. R NR NON ESEGUITO NR NON ESEGUITO NON ESEGUITO NON ESEGUITO NON ESEGUITO

10 Dai risultati è evidente che la classe necessita di molto lavoro spaziotemporale, i problemi che si riscontrano sono di ordine relazionale, mancanza di ritmo e di corrispondenza di cardine, di obliquità, problemi di lateralizzazione e coordinamento. Per valutare: -le obliquita : vedere se le riproduce o no. Se sì come, se ne taglia alcune parti, oppure se il disegno è tentennante e poi aggiunge le punte. Questo ci dà indicazioni sulla lateralizzazione; solo un bambino ben lateralizzato riproduce correttamente le obliquità. -figura n 1: valutare se visto come unica figura o come due oggetti separati. Il contatto-separazione ci dice se il bambino vede i legami oppure no, così anche nella figura n 4. -figura n 2: concetto di dentro-fuori. -figura n 3: vedere se viene mantenuta l equidistanza fra i punti (interiorizzazione del ritmo)vedere se riproduce l esatto numero di punti (se capace di cardinalità) se disegna i punti come cerchiolini può essere un po di insicurezza. -figura n 4: come per la n 1, inoltre ci dice il possesso del concetto di inclusione. -figura n 5: è una figura più difficile perché c è l ondulato. Ci dà informazioni su contatto- separazione e su lateralizzazione. -figura n 6: ritmo e obliquità, vedere come tracciano. -figura n 7:struttura a doppio ordine, ad ogni punto sopra corrisponde un punto sotto, anche se obliquo. -figura n 8: ancora più complessa perché il bambino deve interpretare la legge numerica, anche se aiutato da una disposizione spaziale ordinata. 2)giochi a squadre. Per ogni gioco prima di iniziare si formano le squadre: ai bambini vengono distribuiti casualmente dei gettoni colorati, coloro che avranno lo stesso colore saranno della stessa squadra; si abbinano le squadre ad un simbolo, un bambino per squadra sorteggia da un sacchetto l immagine di un animale che rappresenta la propria squadra (si formano quattro squadre di 5 bambini ciascuna). Si propongono i seguenti giochi: centra il buco, le torri, il flipper manuale. Per ogni gioco si pattuiscono le regole che vengono scritte su un cartellone: chi gioca? In che modo? Cosa si lancia? Da dove si lancia?

11 Quanto vale ogni lancio esatto? Come si ricordano i punti ottenuti? Chi vince? CENTRA IL BUCO Si ritagliano due pannelli di compensato rettangolare di circa 1m. per 70cm., su ciascuno si intagliano 3 buchi di dimensioni diverse in modo da formare occhi e naso di un pagliaccio, il viso viene completato colorandolo con tempere, il rettangolo viene fissato su un cavalletto. Per un certo tempo i bambini si allenano tirando una pallina e cercando di centrare uno dei buchi posizionando il corpo e il lancio nel modo migliore; tale esercitazioni sono utili per interiorizzare le percezioni del proprio corpo al fine di dominarlo e utilizzarlo nel migliore dei modi. Si organizzano due squadre e si danno le regole del gioco spiegandole molto chiaramente. Si tira tre volte ad una distanza di circa due metri, con un piede avanti appoggiato su una striscia di riferimento. Si dà un valore a ogni buco del pagliaccio, concordandolo con i bambini: l occhio di dx vale 1 punti, quello di sx 2 il naso 3 punti, il tiro fuori dai buchi vale NIENTE. I punti devono essere testimoniati da qualche cosa, ad esempio fagiolini.

12 Una volta terminato il gioco, si torna in classe e ogni bambino lo rappresenta sul proprio quaderno. 05/10/ 11 Prove ritmiche Stambak. Sono quattro: riproduzione strutturale, simbolizzazione spaziale, simbolizzazione temporale-lettura, simbolizzazione temporale-dettato. Da esse si traggono informazioni riguardanti le difficoltà che i bambini possono avere durante la lettura, scrittura di parole, numeri e punteggiatura. La prova Stambak svolta durante le ore di matematica è quella sotto riportata che riguarda la simbolizzazione temporale-lettura. Al bambino si presenta una struttura per volta simbolizzata visivamente e lui deve essere in grado di batterla. Si assegna un punto per ogni struttura riuscita.

13 Tre battiti di mani ravvicinati. Due battiti ravvicinati, pausa, due battiti ravvicinati Due battiti ravvicinati, pausa, un battito. Un battito, pausa, un battito. Due battiti ravvicinati, pausa, due battiti ravvicinati, pausa, ecc.

14

15 Mentre un bambino viene chiamato in un'altra aula per eseguire la prova Stambak, gli altri con l insegnante di sostegno proseguono l attività del giorno precedente: ora i fagiolini vengono cambiati con l equivalente di mattoncini lego che ogni bambino mette sul banco e incolonna, conta e mostra alla classe, poi posiziona la torre sulla cattedra e la contrassegna con il proprio nome. Segue una serie di domande alcune individuali e altre al gruppo classe: quanti mattoncini hai? Chi ne ha di più? Chi ne ha di meno? Chi ha la stessa quantità? Chi è arrivato primo rispetto alla classe? Chi è arrivato ultimo? Da cosa lo avete capito? Mettiamo in ordine le torri di ciascuno e vediamo chi è arrivato ecc. Se confrontiamo i mattoncini di con quelli di chi ne ha di più? Chi ne ha di meno? Quanti sono quelli in più? Quanti sono quelli in meno? Qualcuno ha tanti mattoncini quanti ne ha? *Si passa alla rappresentazione grafica sul quaderno attraverso un istogramma a blocchi orizzontale che registra il risultato di ogni bambino (un mattoncino per ogni punto). SCHEDA DI REGISTRAZIONE DEI RISULTATI DELLA PROVA STAMBAK: simbolizzazione temporale lettura.

16 07/10/ 11 Si concludono gli istogrammi che riguardano il punteggio di ogni bambino; si legge il grafico ottenuto proponendo le domande proposte precedentemente. 10/10/ 11 I componenti di ogni squadra vengono chiamati alla cattedra a sovrapporre le singole torri per comporre quella di squadra così da formare il punteggio del gruppo. Si confrontano le torri delle diverse squadre e si pongono ancora domande dello stesso genere, con terminologia diversa; contemporaneamente si fanno alla lavagna gli istogrammi dei gruppi con il simbolo degli stessi ed ogni giocatore segna un quadretto per ogni punto. 11/10/ 11 Si disegna sul quaderno una linea orizzontale che rappresenta il banco, sotto questa si ritagliano e incollano i simboli delle squadre (leoni, coccodrilli, elefanti, serpenti) e sopra l istogramma a blocchi verticali dei gruppi, così come si è rappresentato alla lavagna (i risultati di ogni squadra sono mattoncini di colore uguale, ma diverso da squadra a squadra).

17 12/10/ 11 Si continua l attività del giorno precedente. Si leggono gli istogrammi dei risultati delle squadre attraverso le stesse domande fatte durante la fase manipolatoria; si scrivono sinteticamente alcune osservazioni sui dati ricavati dall istogramma. 14/10/ 11 Per valutare la comprensione della terminologia di confronto e la cardinalità si consegna una scheda prestabilita con i simboli delle squadre vicino ai quali sono disegnati 11 mattoncini. Le consegne vengono date oralmente: osserva i grafici delle squadre costruiti precedentemente, poi colora tanti mattoncini quanti sono quelli disegnati per ogni squadra; oppure colora solo i mattoncini delle squadre che hanno avuto uguale punteggio; oppure. la squadra che ha avuto minor punteggio; oppure..che ha avuto maggior punteggio. Dal /10/ 11 LANCIO DEGLI ANELLI Si ritagliano dischi di legno spessi 3cm., saranno le basi delle torri, al centro di essi viene invitato un parallelepipedo alto 30cm. circa e largo 4cm.; con tempere vengono colorati come se fossero torri di un castello (per costruire le torri è possibile sostituire il legno con del das). A parte con del filo di ferro vengono formati 9 anelli per ogni torre poi rivestiti con del nastro adesivo colorato: tre gialli,tre bianchi,tre azzurri, ogni colore ha un punteggio diverso: bianco vale 1punto, giallo 2 punti e azzurro 3 punti.

18 Modalità del gioco e regole pattuite rispecchiano quelle del gioco Centra il buco come pure le attività svolte in classe e le rappresentazioni grafiche. Prima di gareggiare, gli alunni si allenano a diverse distanze dalla torre, sperimentando diverse modalità di tiro :braccio semi-teso dal basso verso l alto, braccio piegato e polso teso,braccio semi-piegato e polso piegato, corpo retto o piegato in avanti ecc., momento importante per stimolare lo sviluppo della guaina mielinica che permette il confronto con i compagni e la regolazione dell agire più o meno veloce dell individuo. Questi lanci danno abilità fine e sono importanti per la capacità di stima delle distanze nella metrica. I bambini devono valutare la forza necessaria per lanciare rispetto alla distanza dell oggetto, quindi si sviluppa la capacità di adattare il lancio rispetto alla stima fatta della distanza. Ci sono altri giochi che sviluppano questa capacità: tiro del disco, tiro del tappo, o delle biglie.

19 /10/ 11 FLIPPER MANUALE In un foglio di polistirolo di spessore 6 cm. circa si ritaglia un rettangolo lungo 1m. e largo 70cm. circa; in esso a distanze diverse, si intagliano alcune forme geometriche: rettangolo, quadrato, triangolo e cerchio, di pochi centimetri, e dislocati qua e là si collocano alcuni scivoli o barriere. L utilizzo delle forme geometriche nel gioco è utile per avviare i bambini alla loro conoscenza, cogliendone alcune semplici caratteristiche al fine di riconoscerle e saperle denominare. Su tre lati del pannello si incollano bordi alti 20 cm. e negli angoli sotto il flipper, si incollano dei piedini di polistirolo, più alti nella parte chiusa dai bordi così da rendere il piano inclinato in avanti. Ogni figura geometrica viene colorata diversamente e vi si attribuisce un punteggio da 1 a 4 secondo le difficoltà per centrare il poligono, il resto del flipper è decorato a piacere, si incolla una fettuccia davanti alla quale si poggerà la biglia da tirare. Ogni alunno deve tirare tre biglie appoggiando la mano prima della fettuccia. Tutte le regole vengono scritte su un cartellone e condivise con gli alunni. I bambini, prima di iniziare il gioco, si allenano sperimentando diverse modalità di tiro: pollice-indice, pollice-medio, appoggiando solo una parte della mano o tutta, ecc., attività importante per stimolare lo sviluppo della guaina mielinica.

20 Le attività svolte in classe e le rappresentazioni grafiche sono come quelle dei giochi precedenti. NOVEMBRE 1) Ancora esperienze ludiche logico-aritmetiche da tradurre in diverse forme linguistiche, per codificarle e astrarle. Dimensione del numero a livello: di cardinalità (numerosità e valenza), ordinalità e somma di valore, confronto di torri. 2) Conteggi additivi. 3) Giochi per sviluppare la concentrazione, l attenzione e il mantenimento della quantità numerica. ESPERIENZE E ATTIVITA 1) Ancora esperienze ludiche logico-aritmetiche da tradurre in diverse forme linguistiche, per codificarle e astrarle. Dimensione del numero a livello: di cardinalità (numerosità e valenza), ordinalità e somma di valore, confronto di torri. 02/11/ 11 Per valutare la comprensione della terminologia di confronto e la cardinalità si consegna una scheda prestabilita con i simboli delle squadre vicino ai quali sono disegnati 11 mattoncini; le consegne vengono date oralmente: osserva i grafici delle squadre costruiti precedentemente, poi colora tanti mattoncini quanti sono quelli disegnati per ogni squadra; oppure colora solo i mattoncini delle squadre che hanno avuto uguale punteggio; oppure.che ha avuto minor punteggio; oppure..che ha avuto maggior punteggio. *Il gioco del flipper manuale viene riproposto su insistente richiesta dei bambini. 04/11/ 11 Tutto ciò che riguarda il gioco riproposto non è documentato sul quaderno, nemmeno tutte le osservazioni, riflessioni e attività manipolatorie che vengono comunque attivate durante il gioco.

21 07/11/ 11 Inoltre si confrontano torri rappresentandole sul quaderno, scrivendovi: i numeri, qual è la maggiore tra due e la minore e quali sono quelle uguali. 2) Conteggi additivi /11/ 11 Ci si avvia alla scrittura dei numeri e a quella dell addizione come calcolo rappresentato da simboli: i numeri e il +. Si riprendono i risultati di ogni bambino facente parte di una squadra, - si fa la loro rappresentazione sul quaderno attraverso gli istogrammi a mattoncini, - sotto ogni colonna di mattoncini si scrivono i numeri e i simboli +, - si calcola la somma degli addendi, - si verifica il risultato contando tutti i mattoncini, - si costruisce la torre data dal conteggio di tutti i mattoncini. Questo lavoro si fa per ognuna delle quattro squadre. Es. risultati gioco squadra dei leoni: = = 15

22 15/11/ 11 Con la plastilina si compongono i numeri dallo 0 al 9, poi ogni bambino compone diversi numeri con le cifre a disposizione e le denomina. Si avvia ad una prima conoscenza dei i regoli, ognuno viene abbinato al numero costruito con la plastilina, poi si rileva la loro quantità formandolo con regoli di valore 1. I bambini giocano costruendo oggetti con i regoli. 16/11/ 12 GIOCO DEL DISCO Prima di iniziare il gioco si formano le squadre e si pattuiscono le regole scritte (vedere domande primo gioco). Sul pavimento si incollano due strisce di nastro adesivo parallele distanti una dall altra circa 80 cm., e lunghe 2metri. All interno di queste e perpendicolarmente alle stesse si incollano altre quattro strisce di nastro adesivo così da formare 3 spazi di misura diversa. Lo spazio centrale deve essere più stretto degli altri e le strisce che lo formano colorate, è la superficie con valenza maggiore, ad esempio vale 3 punti, lo spazio dopo questo vale 2, quello antecedente le strisce colorate 1e fuori da dall area di gioco o sulle righe vale nessun punto. Il bambino a gambe divaricate si posiziona seduto dalla parte della valenza minore e con un disco di polistirolo o di legno cerca di farlo scivolare nell area di maggior punteggio; i lanci per ogni bambino sono tre. La prima fase consiste nell esercitazione utile per sollecitare i sensi alla percezione di sé, dell ambiente circostante e allo sviluppo della guaina mielinica oltre che a sviluppare la capacità di stima delle distanze nella metrica.

23 18/11/ 11 al 02/12/ 11 Si rappresenta il gioco. Concretamente si rilevano i risultati dei componenti della squadra dei coccodrilli: tre risultati per ogni bambino, utilizzando, per i tre lanci, solo tre colori di mattoncini, ognuno abbinato a ogni lancio. Ciò è importante per mantenere visivamente distinti i tre elementi da unire prima con l istogramma e sommare poi, con i numeri. 21/11/ 11 Per costruire l istogramma si utilizzano gli stessi colori usati nella fase manipolatoria. 22/11/ 11 Vengono ancora esplicitati alcuni significati già conosciuti del simbolo + (come aggiunta, mettere insieme) e il nome dell operazione eseguita, quindi per ogni alunno si scrive la somma con i numeri arabi e il simbolo + Infine si raccolgono allo stesso modo i risultati di tutta la squadra e si costruisce concretamente la torre, poi sul quaderno si rappresenta con la relativa operazione. Si consegna una scheda con diagrammi di Eulero-Venn con la seguente consegna: collega con una linea i numeri alle torri. 23/11/ 11 Si attiva la stessa procedura del giorno 18 per la squadra dei serpenti. 25/11/ 11 Si conclude l attività del giorno /11/ 11 Anche per la squadra dei leoni si procede allo stesso modo. 30/11/ 11lu 3) Giochi per sviluppare la concentrazione, l attenzione e il mantenimento della quantità numerica.

24 -Si sparpagliano dei pastelli o quant altro e si chiede quanti sono, il bambino conta e risponde; gli si chiede se è sicuro, il bambino spesso riconta ciò evidenzia l incapacità del mantenimento della quantità numerica. DICEMBRE 1) Giochi a squadre: conteggio additivo. 2) Giochi per sviluppare la concentrazione, l attenzione ; per memorizzare la conta in avanti e a ritroso e per mantenere la quantità numerica. 3) Giochi di carte per affrontare e risolvere problemi additivi e sottrattivi e per consolidare la capacità di confronto tra numeri (< > = ). 4) I numeri con i regoli e conteggio additivo con gli stessi. ESPERIENZE E ATTIVITA 02/12/ 11 1) giochi a squadre: conteggio additivo. Si gioca ancora con il gioco del disco. Si rilevano concretamente i risultati di ogni bambino per somma di valenze utilizzando i regoli per fare le torri. Ciò significa che il punteggio ottenuto con due lanci, ad esempio 2 più 3, non è più per somma di due mattoncini singoli più tre mattoncini singoli, ma si sommano il regolo che ha valore 2 e il regolo che ha valore 3 e si inizia a considerare attentamente i colori dei regoli e le loro valenze. 05/12/ 11 In una tabella a tre colonne si inseriscono i numeri dei risultati di ogni alunno e mentalmente si calcola la somma. 06/12/ 11 Si riprende l attività del giorno precedente. Per rappresentare l istogramma sul quaderno si disegnano i risultati delle tre squadre con i regoli e i rispettivi colori; successivamente per ogni torre ottenuta si scrive la somma con i numeri arabi e il simbolo +. Ancora si sottolinea il significato del simbolo + e il nome dell operazione eseguita.

25 2) Giochi per sviluppare la concentrazione, l attenzione ; per memorizzare la conta in avanti e a ritroso e per mantenere la quantità numerica 07/12/ 11 Dettato di numeri fino al 20. La conta mattutina Tutte le mattine come prassi i bambini contano fino al 20 in avanti e poi a ritroso mentre si mettono in fila prima di entrare in classe al fine di memorizzare con sicurezza la sequenza numerica nei due versi e sveltire il momento dell entrata. *Essendo i giochi piuttosto lunghi da svolgere e potendo usufruire dell insegnante di sostegno si dividono i bambini in due gruppi che seguono attività diverse, così da permettere ad ogni bambino, soprattutto a quelli in difficoltà, di provare più volte lo stesso gioco. Gioco sulla linea dei numeri per apprendere e consolidare il conteggio in avanti e all indietro. Si verifica se c è la capacità di contare in avanti e all indietro, i bambini si possono aiutare con la linea dei numeri da 1 a 20, che viene appesa alla parete. Successivamente si intraprendono esperienze camminando sulla linea dei numeri disegnata per terra, si conta in avanti. Per tornare indietro il bambino conta senza girarsi, ma retrocedendo a gambero Serpente di numeri mancanti:

26 -Con dei cerchi si costruisce la linea dei numeri come un serpente, ogni cerchio è un numero, ma si mette l etichetta col numero solo in alcuni cerchi Il bambino, posizionato in un cerchio con un numero, deve saper dire il numero o i numeri mancanti negli altri cerchi senza fare il percorso. Il gioco è facile quando manca solo 1 numero, meno con due o più vuoti. I bambini devono arrivare a non aver più dubbi sulla posizione del numero, anche se non è scritto. Numeri in fila *Si posizionano 10 cerchi in fila senza alcun numero, il bambino salta nei cerchi contando, allo stop gli si chiede: a quale numero sei arrivato? Quanti numeri hai dietro di te? Quanti ne hai davanti? Quali numeri hai davanti e quali hai dietro? Prima di te quanti cerchi hai? Dopo di te quanti cerchi hai? Questo gioco aiuta a riflettere sulle domande poste, quindi predispone all attenzione e alla concentrazione anche per apprendere correttamente la successione numerica. *L insegnante mette i bambini in fila e sceltone uno, gli attribuisce un numero, gli altri bambini devono dire il proprio numero rispetto a quello dell alunno di riferimento. Questo gioco costringe all attenzione e alla concentrazione. Per i bambini che stanno dietro quello di partenza non ci sono grossi problemi, per quelli che stanno davanti ci sono più difficoltà perché devono contare a ritroso.

27 Contare in cerchio I bambini si mettono in cerchio e si fanno passare un oggetto dicendo il numero successivo a quello del bambino precedente fino al 20 poi si ricomincia da uno. Si procede con l esperienza contando anche a ritroso. VARIANTE: Alcuni bambini del cerchio hanno la consegna di muovere le labbra ma di non far uscire la voce, il bambino successivo deve essere comunque pronto e dire il numero successivo esatto. *Seduti a cerchio, l insegnante stabilisce quale cifra non va mai pronunciata, al suo posto, a chi tocca, deve dire BUM, pena l eliminazione; la conta può andare oltre il 20. Nel conteggio è indispensabile essere attenti e concentrati. *I bambini rappresentano, a piacerre, uno dei giochi proposti. 09/12/ 11 Per decidere alcune realtà di classe si propone di eleggere la rappresentante di classe, questo fatto diventa occasione per consolidare i confronti numerici e il conteggio additivo. Si candidano tre bambini che vengono votati segretamente. Si tabulano i risultati ottenuti in una tabella a colonne mettendo una crocetta per ogni voto e si fa la somma dei voti di ogni candidato. Si pongono delle domande: chi ha ottenuto maggiori voti? Chi ha ottenuto minor voti? Chi ha ottenuto una votazione media? Chi ha vinto e quindi diventa rappresentante? Chi ha perso? 12/12/ 11 Su e giù per le scale. Per visualizzare la posizione del numero in rapporto al suo valore quantitativo (numero maggiore di uno dato gradino seguente e superiore; numero minore di uno dato gradino precedente e inferiore), si posizionano sulle scale i cartellini da 0 a 13 partendo dal piano terra o dal pianerottolo, dove si mette il n 0, al gradino successivo il n 1 e via dicendo.

La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando

La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando SCUOLA.. A cura dell insegnante Liliana Del Papa e della prof.ssa Maria Pia Saitta classe 1 ª Care colleghe, questo quaderno nasce dal desiderio di condividere

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING per bambini di 4-6 anni di CRISTINA RUINI Esperienze di gioco-orienteering svolte nell anno scolastico 2009-2010 alla scuola d infanzia di Longera (Trieste) Questa è una raccolta

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

La guerra delle posizioni

La guerra delle posizioni www.maestrantonella.it La guerra delle posizioni Gioco di carte per il consolidamento del valore posizionale delle cifre e per il confronto di numeri con l uso dei simboli convenzionali > e < Da 2 a 4

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Giovanna Mayer. Ordinamento dei numeri e retta numerica. Nucleo: Numeri

Giovanna Mayer. Ordinamento dei numeri e retta numerica. Nucleo: Numeri Giovanna Mayer Nucleo: Numeri Introduzione Tematica: Si propongono attività e giochi per sviluppare in modo più consapevole la capacità di confrontare frazioni, confrontare numeri decimali e successivamente

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche INDICE Introduzione... 3 Dall educazione motoria al Minivolley 10 Unità didattiche: momenti di un percorso... 4 Metodologia...7 Elementi base del Gioco Minivolley....8 Metodologia Progressione didattica

Dettagli

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche nei bambini in età prescolare Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Introduzione del numero zero

Introduzione del numero zero Introduzione del numero zero E arrivato il momento di introdurre lo zero L'insegnante inizierà un discorso, sulla quantità degli oggetti in classe, formulando delle domande mirate al confronto dello zero

Dettagli

Attività con la fune

Attività con la fune lo sport a scuola Attività con la fune percorso n. 1 Attrezzatura: - uno spazio adatto (palestra, cortile) - una fune Scansione delle attività: 1. Fase motoria 2. Fase espressivo-analogica 3. Fase ludica

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA Tutti gli anni, affrontando l argomento della divisibilità, trovavo utile far lavorare gli alunni sul Crivello di Eratostene. Presentavo ai ragazzi una

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Lo sviluppo delle abilità numeriche La psicologia genetica (Piaget 1896-1980)

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace

Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace Ogni giorno abbiamo modo di osservare come i bambini possiedono intuizioni geometriche, logiche

Dettagli

conquista il mondo in pochi minuti!

conquista il mondo in pochi minuti! conquista il mondo in pochi minuti! Il gioco di conquista e sviluppo più veloce che c è! Il gioco si spiega in meno di 1 minuto e dura, per le prime partite, non più di quindici minuti. Mai nessuno ha

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Progetto Psicomotricità

Progetto Psicomotricità Progetto di Psicomotricità Corpo in movimento, emozioni in gioco Attività psicomotoria per bambini della scuola d infanzia (3-6 anni) Dott. Franceschi Fabio PREMESSA IL SEGUENTE PROGETTO SI SVILUPPA IN

Dettagli

APPROCCIO LUDICO-MOTORIO PER L' ACQUISIZIONE DI ALCUNI PRE-REQUISITI LOGICO-MATEMATICI

APPROCCIO LUDICO-MOTORIO PER L' ACQUISIZIONE DI ALCUNI PRE-REQUISITI LOGICO-MATEMATICI DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO CESENATICO Anno Scolastico 2011/ 2012 APPROCCIO LUDICO-MOTORIO PER L' ACQUISIZIONE DI ALCUNI PRE-REQUISITI LOGICO-MATEMATICI Ideato e realizzato da CI.nzia Giorgetti

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto BAMBINI E ROBOT Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto Docenti di Scuola dell Infanzia e di Scuola Primaria Circolo Didattico Beinasco - Gramsci www.beinascogramsci.it Introduzione La

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

Cenni sul calcolo combinatorio

Cenni sul calcolo combinatorio Cenni sul calcolo combinatorio Disposizioni semplici Le disposizioni semplici di n elementi distinti di classe k con kn sono tutti i gruppi di k elementi scelti fra gli n, che differiscono per almeno un

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Facoltà di Scienze della Formazione Cdl Scienze della Formazione Primaria Indirizzo Scuola Primaria

Facoltà di Scienze della Formazione Cdl Scienze della Formazione Primaria Indirizzo Scuola Primaria Facoltà di Scienze della Formazione Cdl Scienze della Formazione Primaria Indirizzo Scuola Primaria Laurent Lafforgue: il calcolo mentale e quello in colonna devono essere introdotti molto presto su numeri

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

2011 Alma Edizioni. Materiale fotocopiabile

2011 Alma Edizioni. Materiale fotocopiabile Proponiamo alcune possibili attività didattiche da fare in classe con i calendari di Domani, in cui sono riportati gli eventi significativi della cultura e della Storia d Italia. 2011 Alma Edizioni Materiale

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una NUMERI INTERI E NUMERI DECIMALI Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una cassetta sono contenuti 45 penne e che una lamiera misura 1,35 m. dl lunghezza,

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

Sole. Instante 0. Rotazione della Terra

Sole. Instante 0. Rotazione della Terra AP 1 Misura della durata del giorno solare Scuola primaria secondo ciclo - MATERIALE OCCORRENTE Un solarscope Un cronometro o un orologio indicante ore, minuti e secondi Un foglio quadrettato (opzionale)

Dettagli

Le soluzioni dei quesiti sono in fondo alla prova

Le soluzioni dei quesiti sono in fondo alla prova SCUOLA MEDIA STATALE GIULIANO DA SANGALLO Via Giuliano da Sangallo,11-Corso Duca di Genova,135-00121 Roma Tel/fax 06/5691345-e.mail:scuola.sangallo@libero.it SELEZIONE INTERNA PER LA MARATONA DI MATEMATICA

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di I grado - Classe Prima

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di I grado - Classe Prima PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di I grado - Classe Prima Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di I grado Classe Prima Spazio per l etichetta

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Esercizi di consolidamento di probabilità e calcolo combinatorio parte 1

Esercizi di consolidamento di probabilità e calcolo combinatorio parte 1 Esercizi di consolidamento di probabilità e calcolo combinatorio parte 1 1. Si lancia una moneta 2 volte: qual è la probabilità che esca TESTA 0 volte? 1 volta? 2 volte? 2. Si lancia una moneta 3 volte:

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

I numeri. Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri?

I numeri. Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri? I numeri Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri? Come ti sarai reso conto, i numeri occupano un ruolo importante nella tua vita: dai numeri che esprimono il prezzo degli oggetti venduti in un

Dettagli

Calcolo combinatorio

Calcolo combinatorio Probabilità e Statistica Esercitazioni a.a. 2009/2010 C.d.L.S.: Ingegneria Civile-Architettonico, Ingegneria Civile-Strutturistico Calcolo combinatorio Ines Campa e Marco Longhi Probabilità e Statistica

Dettagli

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali.

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali. Unità uno I numeri da 0 a 10 Che tempo fa? 1 I colori Le parti del corpo I numeri da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali Gli animali (2) I giorni, i mesi, le stagioni barche e vento Da dove

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Esercizi di calcolo combinatorio

Esercizi di calcolo combinatorio CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA Esercizi di calcolo combinatorio Nota: Alcuni esercizi sono tradotti, più o meno fedelmente, dal libro A first course in probability di Sheldon Ross, quinta

Dettagli

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano I NUMERI DECIMALI che cosa sono, come si rappresentano NUMERI NATURALI per contare bastano i numeri naturali N i numeri naturali cominciano con il numero uno e vanno avanti con la regola del +1 fino all

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI I numeri naturali I numeri interi I numeri razionali Teoria degli insiemi (cenni) ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 L insieme N dei numeri naturali 4 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64 Problemini e indovinelli 2 Le palline da tennis In uno scatolone ci sono dei tubi che contengono ciascuno 4 palline da tennis.approfittando di una offerta speciale puoi acquistare 4 tubi spendendo 20.

Dettagli

Viva le vacanze! Leitfaden

Viva le vacanze! Leitfaden Viva le vacanze! Viva le vacanze! è un corso ideato per un pubblico adulto, senza preconoscenze della lingua italiana ed interessato ad acquisire una competenza linguistica e culturale di base, soprattutto

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli