Architetture per la QoS in Internet

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Architetture per la QoS in Internet"

Transcript

1 Marco Listanti Architetture per la QoS in Internet

2 Integrated Service Architecture (Intserv)

3 Architettura Integrated Service (Intserv) (1) Ha lo scopo i fornire il supporto di servizi a qualità garantita in una rete IP E un estensione del modello classico IP Le nuove componenti sono aggiuntive rispetto a quelle comprese nel modello IP classico e non le sostituiscono Il modello Intserv comprende tre classi di servizio Best effort service Guaranteed service Controlled load

4 Architettura Integrated Service (Intserv) (2) Uili Utilizza procedure di reservation procedure di set-up esplicite resource reservation admission control policing Utilizza un approccio per flusso (per flow) Definisce dei flow state nei router e non solo negli host Utilizza stati di tipo soft nei router robustezza e semplicità

5 Modello di Router Intserv (1) Background Functions Routing Protocol Routing DB Reservation Protocol Admission Control Tr. Ctrl. DB Management Agent Il controllo del traffico in un router Intserv è realizzato mediante quattro componenti logiche Input Driver Classifier Packet Scheduler Output Driver Packet Scheduler Classifier Admission Control Forwarding Path Reservation Protocol (RSVP)

6 Modello di Router Intserv (2) Packet Scheduler stabilisce l ordine di rilancio e l eventuale scarto dei datagrammi dalla coda di uscita utilizza un insieme di code e altri meccanismi (es. timer) esegue funzionalità di policing Classifier individua il flusso a cui appartiene ogni datagram entrante nrn e determina rmn la classe di servizio con cui verrà trattato dal packet scheduler la classe di servizio può essere definita localmente e essere diversa in diversi i router

7 Modello di Router Intserv (3) Admission Control implementa l algoritmo di decisione per l accettazione di un nuovo flusso ReSerVation Protocol (RSVP) crea e mantiene lo stato riguardante un flusso negli host e nei router trasporta le specifiche del flusso (TSpec) e le richieste di servizio (RSpec) Un TSpec è una lista di parametri che definiscono le caratteristiche di un flusso Un RSpec è una lista di parametri che specifica la qualità di servizio richiesta

8 Contratto di Traffico Tra sorgente e rete viene stabilito un contratto di traffico la sorgente comunica alla rete il TSpec e l RSpec la rete esegue l algoritmo di admission control e comunica il risultato alla sorgente la rete provvede garantire durante l emissione della sorgente la QoS concordata la rete verifica che i parametri del TSpec siano rispettati dalla sorgente eventuali pacchetti che non rispettano il TSpec sono trattati come traffico best effort

9 Guaranteed Service (1) E orientato al traffico real time Garantisce un livello minimo di throughput Garantisce l assenza di perdita di pacchetti per overflow dei buffer dei router Garantisce un ritardo massimo m di transito in rete Il ritardo massimo (D Max ) di transito in rete è dato da due componenti D fix è la componente fissa del ritardo (trasmissione, propagazione) D Max_que è il ritardo massimo complessivo per attese in coda D Max = D fix + D Max_que E garantito un valore massimo non superato di D Max_que

10 Guaranteed Service (2) Nell invocazione del servizio, la sorgente deve specificare il TSpec e l RSpec I parametri del TSpec sono: r byte/s token rate b byte buffer size p byte/s peak rate (p r) M byte m byte Maximum datagram size minimum policed unit I parametri dell RSpec sono R byte/s requested rate (R r) S μs termine di correzione (slack term)

11 Guaranteed Service (3) Il termine di correzione S indica la differenza tra il ritardo desiderato dalla sorgente e ritardo ottenuto tramite l assegnazione della banda R Può essere utilizzato dalla rete in caso di necessità per allocare una banda inferiore rispetto a quella richieste dalla sorgente (R <R) In un elemento di rete vengono assegnate ad un flusso una banda R (byte/s) (richiesta dagli utenti) un buffer di dimensione B (byte) Ogni elemento di rete, in base ai parametri di TSpec e RSpec, calcola il valore di B in modo che sia evitata la perdita di pacchetti

12 Guaranteed Service (4) Policing verifica che il flusso emesso da una sorgente sia conforme al TSpec occorre controllare se per ogni pacchetto entrante t la sorgente aveva il numero di token necessario per la sua trasmissione, ovvero che in un qualsiasi intervallo di tempo la sorgente non abbia emesso un numero di bit X > min[pt, b+rt] i pacchetti di lunghezza inferiore a m sono considerati di lunghezza uguale a m viene effettuato solo ai bordi della rete i datagrammi non conformi al TSpec saranno trattati in modo best effort Reshaping ritarda i datagrammi sino a che il flusso non sia conforme al TSpec può essere effettuato da elementi all interno della rete

13 Allocazione delle risorse nel GS (1) Ogni elemento di rete deve assicurare un servizio corrisponda al servizio che si avrebbe se sorgente e destinazione fossero collegati da un canale a capacità fissa R (modello fluidico di banda R) Il ritardo massimo d Max introdotto da un tale elemento è B C d = + D Max R R + B è il valore del buffer che assicura assenza di perdite che possono essere causate dall arrivo arrivo di datagrammi al rate di picco (p) C e D sono termini di errore che tengono conto della massima deviazione possibile rispetto al modello fluidico C tiene conto della trasmissione a pacchetto nello scheduler WFQ e dell overhead degli strati inferiori (es C = M) D tiene conto del tempo di attesa massimo per la trasmissione di un pacchetto (es. canale slottato)

14 Allocazione delle risorse nel GS (2) b C D 1 Max = + + R R 1 D 1 D b R C R sum _ k tot Maxk = + + Dsum _ k Max _ tot tot R b C D = + + D R R Source NE 1 NE K NE N Destin. B 1 = D B k = b + Csum _ k + R Dsum _ B k k = b + Ctot + R Dtot b + C + R 1 k C sum = C _ k i = 1 k D sum = D _ k i = 1 i i 1 I valori di C sum_k e D sum_k (i=1,..,k-1) devono essere comunicati dall elemento di rete k-mo all elemento (k+1)-mo (Exported Information) Il valori B i (i=1,..,k) sono calcolati considerando il caso peggiore che si avrebbe se R

15 Allocazione delle risorse nel GS (3) Il limite superiore della dimensione del buffer da allocare negli elementi di rete è BMax = b+ Ctot + R Dtot Tenendo conto del bit rate di picco p e della massima dimensione M del datagramma si ha che il buffer massimo può essere ridotto a ( b M )( p R ) ' M+ + Ctot + R Dtot se p > R > r BMax = p r M + C tott + R D tott se R > p > r

16 Allocazione delle risorse nel GS (4) Il ritardo massimo garantito dalla procedura di allocazione on è quindi D Max = B R ' Max D Max b-m p-r M+ Ctot + + Dtot se p > R > r R p-r R = M+ Ctot + Dtot se R > p > r R

17 Controlled Load (1) E orientato al trattamento di traffico real-time di tipo adattativo La QoS approssima quella percepita dall utente t che utilizza un servizio di tipo best effort nel caso di rete scarica Il ritardo di coda non è limitato superiormente Un elevata percentuale di pacchetti non subirà un ritardo molto superiore a quello minimo di attraversamento della rete Una percentuale molto elevata di pacchetti sarà consegnata a destinazione i la percentuale di pacchetti persi deve essere dell ordine del packet error rate dovuto ai mezzi trasmissivi

18 Controlled Load (2) Nell invocazione del servizio, la sorgente deve specificare il proprio TSpec Il TSpec comprende i parametri p, b, r, m, e M Gli elementi di rete devono assegnare al flusso banda sufficiente al soddisfacimento dei requisiti di ritardo buffer sufficiente i per il soddisfacimento i dei requisiti iti di perdita Gli algoritmi di allocazione non sono definiti I requisiti di ritardo e perdita possono essere soddisfatti mediante algoritmi di scheduling

19 Garanteed Service vs. Controlled Load Caratteristica Garanteed Service Controlled Load Servizio end-to-end Applicazioni Metodo di allocazione Elementi di rete delle risorse Parametri richiesti Exported Information Policing Ritardo Max garantito Prob. di perdita nulla Real Time Modello Fluidico Ideale: Banda (R) e Buffer (B) TSpec = r, b, p, M, m RSpec = R, S C, D (deviazione dal modello fluidico ideale) A(T) M + min [pt, rt+b-m] Equivalente ad un servizio Best effort su rete scarica Sensibili alla congestione in rete Controllo di ammissione da definire TSpec = r, b, p, M, m Nessuna A(T) = rt + b

20 Differentiated Service Architecturectur (Diffserv)

21 Differentiated Service (Diffserv) (1) L approccio Intserv è difficilmente applicabile a reti in cui il numero di flussi per link è molto elevato reti di grandi dimensioni link ad elevata velocità (Gbit/s) La limitata scalabilità dipende dalla scelta di gestire il singolo flusso di pacchetti (per flow approach) User plane necessità delle funzioni di classifier, policer e scheduler in ogni router Control plane trattamento dei messaggi di segnalazione (RSVP) in ogni router memorizzazione e gestione degli stati di riservazione per singolo flusso (path reservation state) in ogni router

22 Differentiated Service (Diffserv) (2) L approccio Diffserv raggiunge una maggiore scalabilità applicando le seguenti regole Le funzioni più complesse (policing e classificazione) sono eseguite solo nei router di bordo della rete Ad ogni datagramma entrante nella rete è assegnata una classe di servizio (aggregato di flussi) Ad ogni datagramma entrante è assegnato un codice (DS codepoint) che india esplicitamente la sua classe di servizio Nei router interni della rete sono definite regole di trattamento dei datagrammi (Per Hop Behaviour - PHB) valide per ogni singola classe di servizio Sono eliminati i reservation state nei router interni alla rete Almeno in una prima fase, il servizi di trasferimento sono offerti su base contrattuale o semi-permanente (provisioning) e quindi non è necessario l uso di un protocollo di segnalazione

23 Campo Service Type in IPv4 Bit 0-2: Precedence Network Control Internetwork Control CRITIC/ECP Flash Override Flash Immediate Priority Routine Bit 3-5: TOS Bit 3: 0 = Normal Delay, 1 = Low Delay. Bits 4: 0 = Normal Throughput 1 = High Throughput Bits 5: 0 = Normal Reliability 1 = High Reliability Bit 6-7: Reserved for Future Use PRECEDENCE D T R

24 Diff Serv (DS) field Il campo DS sostituisce i campi Service Type nel protocollo IPv4 Traffic Class nel protocollo IPv6 La struttura del campo DS è la seguente DSCP CU DSCP: Differentiated Service Code Point CU : Currently Unused Il campo DSCP è usato come indice per determinare il trattamento del pacchetto in un router

25 Dominio Diffserv Flusso aggregato SLA Border DS Router SLA Border DS Router Interior DS Router Border DS Router SLA Interior DS Router Classificazione Marking Policing Packet forwarding (PHB) Border DS Router SLA

26 Service Level Agreement Un Service Level Agreement (SLA) specifica il contratto di traffico tra un utente ed il service provider e indica il livello ll di QoS del traffico generato dall utente t Un SLA specifica i parametri di servizio, quali Parametri prestazionali (throughput, loss probability, latency) Profilo di traffico (parametri del token bucket) Trattamento del traffico in eccesso rispetto al profilo di traffico concordato Marking service Shaping service

27 Border DS Router (1) Routing DB Routing Protocol Background Functions Policer Forwarding Path Classifier Marker Shaper Dropper Scheduler

28 Router Diffserv (2) Classifier Meter Marker r identifica il flusso a cui appartiene il datagramma entrante identifica il tipo di trattamento del datagramma misura i parametri temporali del flusso effettua il confronto con il profilo di traffico stabilito dallo SLA assegna il valore del campo DSCP al datagramma assegna il datagramma ad un particolare flusso aggregato

29 Router Diffserv (3) Shaper/Dropper sagoma il flusso di datagrammi in accordo al profilo di traffico concordato per il flusso aggregato scarta i datagrammi che sono fuori dal profilo di traffico concordato per il flusso aggregato Scheduler determina l ordine di trasmissione dei datagrammi in accordo alle regole di trattamento del particolare flusso aggregato g a cui appartiene il datagramma

30 Per Hop Behaviour (PHB) Un PHB stabilisce le regole con cui devono essere trattati i datagrammi nei router di un dominio DS E definito it un insieme i di PHB che corrispondono ai diversi i livelli di QoS che un dominio DS può offrire Un livello di QoS offerto da un dominio DS è dato dalla composizione dei PHB applicati nei router attraversati dai datagrammi Oggi sono definiti tre PHB Best effort Expedited Forwarding (EF) Assured Forwarding (AF)

31 Expedited Forwarding (EF) (1) Il PHB Expedited Forwarding (EF) è usato per costruire un servizio caratterizzato da bassa probabilità di perdita basso ritardo bassa variabilità del ritardo banda garantita Il servizio ottenuto tramite il PHB EF, visto agli estremi di un dominio DS, deve essere equivalente a quello ottenuto attraverso una linea virtuale dedicata (Virtual Leased Line)

32 Expedited Forwarding (EF) (2) Un PHB EF deve assicurare che i datagrammi non subiscano accodamenti eccessivi nei buffer dei router I router devono essere configurati in modo che il flusso aggregato sia trattato con un livello minimo di tasso di servizio (Service rate) Il flusso aggregato deve essere configurato, mediante le funzioni di policing e shaping, in modo che il suo tasso di arrivo (Configurable rate) ) ad un qualsiasi as router r sia inferiore o uguale al tasso di servizio (Service rate) Le regole di allocazione sono di competenza dell operatore di rete

33 Expedited Forwarding (EF) (3) Descrizione del PHB EF Il service rate del flusso aggregato deve essere uguale o superiore al configurable rate Il traffico EF deve ricevere il service rate in modo indipendente dagli altri tipi di traffico che caricano un router Il service rate deve essere almeno uguale al valore medio del rate di arrivo dei datagrammi del flusso aggregato misurato su qualsiasi finestra temporale Il servizio è analogo a quello della classe Guaranteed Service dell architettura tt Intserv Il valore fissato del campo DSCP è

34 Assured Forwarding (AF) (1) L AF PHB ha lo scopo dare la possibilità ad un operatore di rete di definire un insieme di livelli di trasferimento (Forwarding Assurances) per differenziare il trattamento dei flussi in un dominio IP Sono definiti quattro classi AF (AFxy, x=1234) x=1,2,3,4) per ognuna di esse è allocato in ogni router un diverso insieme di risorse (banda e buffer) ( ) Per ciascuna delle quattro classi sono definiti tre livelli di priorità di scarto dei pacchetti (drop precedence) (AFxy, y=1,2,3) in caso di congestione i pacchetti sono scartati nell ordine stabilito dal livello ll di drop precedence

35 Assured Forwarding (AF) (2) Banda allocata alle classi AF4x AF3x C 4 Buffer AF4x C Buffer AF3x C 3 QoS crescente Pacchetti entranti AF2x Buffer AF2x C 2 Pacchetti uscenti AF1x Drop AF1 1/2/3 Buffer AF1x Drop AF1 2/3 Drop AF13 No drop C 1 AF11 AF12 AF13 Drop thresholds

36 Assured Forwarding (AF) (3) In un router se x < y, i datagrammi della classe AFx non devono subire una probabilità di perdita o un ritardo maggiore dei datagrammi della classe AFy Il primo pedice indica il valore della classe di servizio all interno di una stessa classe AF, se p < q, i datagrammi con drop precedence p non devono subire una probabilità di perdita maggiore dei datagrammi con drop precedence q Il secondo predice indica la priorità di scarto all interno di ogni classe di servizio I valori del campo DSCP sono Drop Precedence AF x1 AF x2 Classe AF AF 1y AF 2y AF 3y AF 4y AF x

37 Esempio AF Realizzazione del così detto Olympic Service Tre classi di servizio: Gold, Silver e Bronze I pacchetti della classe Gold vedranno in rete un carico più basso dei pacchetti della classe Silver Il ritardo e la perdita dei pacchetti di classe Gold saranno inferiori a quelli della classe Silver I pacchetti della classe Silver vedranno in rete un carico più basso dei pacchetti della classe Bronze Il ritardo e la perdita dei pacchetti di classe Silver saranno inferiori a quelli della classe Bronze In ogni classe possono essere creati livelli di drop precedence (esempio 3 livelli) Totale 9 classi Classe Gold x = 1 y = 1, 2,3 Classe Silver x = 2 y = 1, 2,3 Classe Bronze x = 3 y = 1, 2,3

38 RFC (1) INTEGRATED SERVICES (IntServ) RFC Title Date 1633 Integrated Services in the Internet Architecture: an Overview. June Resource ReSerVation Protocol (RSVP) -- Version 1 Functional Specification. September The Use of RSVP with IETF Integrated Services. September Specification of the Controlled-Load d Network Element Service. September Specification of Guaranteed Quality of Service. September General Characterization Parameters for Integrated Service Network Elements. September Network Element Service Specification Template. September 1997.

39 RFC (2) DIFFERENTIATED SERVICES (DiffServ) RFC Title Date A Provider Architecture for Differentiated Services and Traffic Engineering (PASTE). Definition of the Differentiated Services Field (DS Field) in the IPv4 and IPv6 Headers. October December An Architecture for Differentiated Service. December Assured Forwarding PHB Group June A Two-bit Differentiated Services Architecture for the Internet. July An Expedited Forwarding PHB (Per-Hop Behavior) March 2002

INFOCOM Dept. Qualità di Servizio (QoS) in Internet

INFOCOM Dept. Qualità di Servizio (QoS) in Internet Qualità di Servizio (QoS) in Internet QoS in IP: Aspetti Generali (1) Il classico servizio di trasferimento offerto da Internet è punto-punto, connectionless, best effort Il servizio di trasferimento non

Dettagli

Differentiated Service

Differentiated Service Marco Listanti i Differentiated Service Architecture t (Diffserv) Differentiated Service (Diffserv) (1) La prima motivazione dell architettura Dff Diffserv è di tipoeconomico Applicazione di un principio

Dettagli

Architetture software per la QoS

Architetture software per la QoS Corso di architetture multimediali Università di Milano Corso di laurea specialistica in Informatica per la Comunicazione A.A. 2012-2013 Architetture software per la QoS Perché software? Le soluzioni hardware

Dettagli

DiffServ- Differentiated Services

DiffServ- Differentiated Services Differentiated Services: Introduzione 2 DiffServ- Differentiated Services Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni Proposta dall IETF nella RFC 2474/75 (12/98) Approccio basato

Dettagli

Qualità di Servizio (QoS) in Internet

Qualità di Servizio (QoS) in Internet Marco Listanti Qualità di Servizio (QoS) in Internet QoS in IP: Aspetti Generali (1) Il servizio di trasferimento offerto da Internet è punto-punto, p connectionless, best effort Non è adatto alle applicazioni

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Ingegneria

Università di Genova Facoltà di Ingegneria Università di Genova Facoltà di Ingegneria 1. Servizi Multimediali e Qualità del Servizio (QdS) su IP 1.2. Architetture IETF a servizi Differenziati e a servizi Integrati Prof. Raffaele Bolla dist IP-QoS!

Dettagli

Metodi di rete per garantire la Qualità del Servizio su rete IP Davide Quaglia a.a. 2009/2010

Metodi di rete per garantire la Qualità del Servizio su rete IP Davide Quaglia a.a. 2009/2010 Universita' di Verona Dipartimento di Informatica Metodi di rete per garantire la Qualità del Servizio su rete IP Davide Quaglia a.a. 2009/2010 (materiale tratto dalle lezioni del prof. J. C. De Martin

Dettagli

QoS a livello Network

QoS a livello Network p.1 QoS a livello Network Paolo Campegiani campegiani@ing.uniroma2.it http://www.ce.uniroma2.it p.2 IP: un protocollo best effort Il protocollo IP é un protocollo best effort: non c é garanzia che i pacchetti

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Ingegneria. Integrated Services Differentiated Services. dist. IP-QoS

Università di Genova Facoltà di Ingegneria. Integrated Services Differentiated Services. dist. IP-QoS Università di Genova Facoltà di Ingegneria 1. Servizi Multimediali e Qualità del Servizio (QdS) su IP 1.2. Architetture IETF a servizi Differenziati e a servizi Integrati IP-QoS L IETF ha proposto due

Dettagli

RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo VIII

RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo VIII Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it Homepage: http://www.unipv.it/retical/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA Facoltà di Ingegneria A.A. 2011/12 - I Semestre - Sede PV RETI TELEMATICHE

Dettagli

Servizi integrati su Internet

Servizi integrati su Internet Servizi integrati su Internet L architettura Integrated Services Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi [at] polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi IntServ - 1 Nota di Copyright Questo insieme

Dettagli

Servizi differenziati su Internet

Servizi differenziati su Internet Servizi differenziati su Internet L architettura Differentiated Services Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi [at] polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi DiffServ - 1 DiffServ - 2 Nota di

Dettagli

Gestione della Qualità del Servizio su Reti IP. Fulvio Risso http://staff.polito.it/fulvio.risso/

Gestione della Qualità del Servizio su Reti IP. Fulvio Risso http://staff.polito.it/fulvio.risso/ Gestione della Qualità del Servizio su Reti IP Fulvio Risso http://staff.polito.it/fulvio.risso/ 1 IP: caratteristiche (1) Semplice protocollo di tipo Datagram I pacchetti viaggiano su percorsi diversi

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI

RETI INTERNET MULTIMEDIALI RETI INTERNET MULTIMEDIALI Internet Quality of Service Il documento è adattato da materiale cortesemente messo a disposizione dai Prof. Stefano Paris, Antonio Capone, Flaminio Borgonovo, Paolo Giacomazzi

Dettagli

Qualità di servizio e telefonia in Internet

Qualità di servizio e telefonia in Internet Qualità di servizio e telefonia in Internet Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi

Dettagli

Andrea BIANCO. Le basi per fornire QoS. Primo Postulato. Classificazione. Verificabilita` Secondo Postulato

Andrea BIANCO. Le basi per fornire QoS. Primo Postulato. Classificazione. Verificabilita` Secondo Postulato QoS nella rete Internet Le basi per fornire QoS Esistono alcuni principi indispensabili per poter fornire QoS Sono criteri euristici di buon senso (anche se molto spesso negati!), ma non dimostrabili Sono

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. Internet Quality of Service

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. Internet Quality of Service RETI INTERNET MULTIMEDIALI Internet Quality of Service IL PROBLEMA DELLA QoS Cosa è la QoS La QoS (Quality of Service) è un indice di qualità associato ai flussi informativi e influenzato da Banda disponibile

Dettagli

Massimiliano Sbaraglia Network Engineer. MPLS DiffServ aware Traffic Engineering

Massimiliano Sbaraglia Network Engineer. MPLS DiffServ aware Traffic Engineering Massimiliano Sbaraglia Network Engineer MPLS DiffServ aware Traffic Engineering I modelli per la QoS In ambito IETF sono stati definiti due modelli per la QdS su reti IP: Il modello integrated service

Dettagli

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Agenda - Introduzione alla Qualità di Servizio - Definizione quantitativa della QoS - Architetture di QoS - QoS : compiti

Dettagli

SERVIZIO DI QoS SULLA RETE GARR: PREMIUM IP

SERVIZIO DI QoS SULLA RETE GARR: PREMIUM IP SERVIZIO DI QoS SULLA RETE GARR: PREMIUM IP Alessandro Pancaldi e Fabrizio Ferri Consortium GARR 7 Workshop GARR Roma, 17 novembre 2006 La Quality of Service (QoS) in breve La QoS è un insieme di meccanismi

Dettagli

Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni)

Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni) Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni) Tommaso Pecorella tommaso.pecorella@unifi.it Corso di Studi in Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Corso di Studi in Ingegneria Informatica

Dettagli

Introduzione alla telefonia su IP

Introduzione alla telefonia su IP Introduzione alla telefonia su IP Mario Baldi Synchrodyne Networks, Inc. baldi@synchrodyne.com Pietro Nicoletti Studio Reti, s.a.s. p.nicol@inrete.it IPtelIntro_i - 1 Copyright: si veda nota a pag. Nota

Dettagli

Gestione della Qualità del Servizio su Reti IP Wired e Wireless per Applicazioni Multimediali

Gestione della Qualità del Servizio su Reti IP Wired e Wireless per Applicazioni Multimediali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Gestione della Qualità del Servizio su Reti IP Wired e Wireless per Applicazioni Multimediali Relatore: Chiar.mo

Dettagli

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali Internet Protocol Versione 4: aspetti generali L architettura di base del protocollo IP versione 4 e una panoramica sulle regole fondamentali del mondo TCP/IP 1 Cenni storici Introduzione della tecnologia

Dettagli

Qualità di Servizio Istruzioni per l uso in GARR-G

Qualità di Servizio Istruzioni per l uso in GARR-G Qualità di Servizio Istruzioni per l uso in GARR-G Mauro Campanella V Iincontro del GARR - Roma 24-26 Novembre 2003 Mauro.Campanella@garr.it Agenda - I servizi di QoS che saranno offerti da GARR-G - Premium

Dettagli

Architetture di router IP

Architetture di router IP Torino, novembre 2004 Reti e sistemi telematici Architetture di router IP Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA LAB ROUTER IP

Dettagli

Tecniche di schedulazione

Tecniche di schedulazione Tecniche di schedulazione Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ TECNICHE DI SCHEDULAZIONE - 1 Algoritmi di scheduling Scheduling: scegliere un pacchetto da trasmettere

Dettagli

La Qualità del Servizio sulle Reti IP

La Qualità del Servizio sulle Reti IP La Qualità del Servizio sulle Reti IP Internet Oggi La Internet attuale è di tipo Best Effort Non esistono modi per garantire la Qualità del Servizio ricevuto su Internet Tutti i flussi sono trattati allo

Dettagli

Architetture di router IP

Architetture di router IP Torino, settembre 2003 Reti e sistemi telematici - 2 Architetture di router IP Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA LAB ROUTER

Dettagli

LA QUALITÀ DI SERVIZIO NELLE RETI

LA QUALITÀ DI SERVIZIO NELLE RETI LA QUALITÀ DI SERVIZIO NELLE RETI Prof. Ing. Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Reti integrate Reti che consentono il trasporto di

Dettagli

Concetti fondamentali. Indirizzamento. Multicast su LAN. Multicast su Internet. RTP/RTCP su multicast IP. Ostacoli all'utilizzo del multicast

Concetti fondamentali. Indirizzamento. Multicast su LAN. Multicast su Internet. RTP/RTCP su multicast IP. Ostacoli all'utilizzo del multicast Migliore uso della banda alla sorgente Unicast Multicast 4 Concetti fondamentali Indirizzamento Unicast Multicast su LAN Multicast su Internet Host Migliore uso della banda alla sorgente Router Protocolli

Dettagli

Ritardi e perdite di pacchetti Caso di studio: la rete FastWeb

Ritardi e perdite di pacchetti Caso di studio: la rete FastWeb Ritardi e perdite di pacchetti Caso di studio: la rete FastWeb Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di

Dettagli

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4)

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) L architettura TCP/IP (il cui nome più preciso è ) è formata da diversi componenti, che si posizionano nello stack dei protocolli a partire

Dettagli

3 Caratteristiche del servizio

3 Caratteristiche del servizio 3 Caratteristiche del servizio Il GPRS offre all utente la possibilità di inviare e ricevere dati in modalità a commutazione di pacchetto, con diverse modalità e qualità. Il servizio di trasporto è particolarmente

Dettagli

Voice Over IP 1. TELEFONARE SU INTERNET

Voice Over IP 1. TELEFONARE SU INTERNET Voice Over IP In pochi anni la telefonia fissa è stata superata dal traffico di quella mobile. È lecito aspettarsi che nei prossimi anni la trasmissione dati supererà quella della voce raccogliendo una

Dettagli

Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE

Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 3-1 Il Livello RETE Servizi del livello Rete Organizzazione interna Livello Rete basato su Circuito Virtuale Livello Rete basato

Dettagli

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Livello di Rete Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose

Dettagli

Gestione della QoS: Il progetto IKNOS

Gestione della QoS: Il progetto IKNOS Gestione della QoS: Il progetto IKNOS Ottimizzazione Tatiana Onali Tatiana Onali, CNIT & Università di Cagliari Obiettivi di ottimizzazione Per una gestione ottima della QoS, le infrastrutture di rete

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI

RETI INTERNET MULTIMEDIALI RETI INTERNET MULTIMEDIALI Internet Quality of Service Il documento è adattato da materiale cortesemente messo a disposizione dai Prof. Antonio Capone, Flaminio Borgonovo, Paolo Giacomazzi e Stefano Paris

Dettagli

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 4-1 Il Protocollo IP IPv4 Datagram IP: formato Indirizzi IP: formato Protocolli di controllo IP mobile

Dettagli

IP Internet Protocol

IP Internet Protocol IP Internet Protocol Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 13 IP - 1/20 IP IP è un protocollo a datagrammi In spedizione: Riceve i dati dal livello trasporto e

Dettagli

Il protocollo IP (Internet Protocol)

Il protocollo IP (Internet Protocol) Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory Il protocollo IP (Internet Protocol) -Servizi offerti da IP -Formato del pacchetto IP 1 Il servizio di comunicazione offerto da IP Connectionless

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004 Reti di calcolatori Lezione del 10 giugno 2004 Internetworking I livelli 1 fisico e 2 data link si occupano della connessione di due host direttamente connessi su di una rete omogenea Non è possibile estendere

Dettagli

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo Livello di Rete Circuiti virtuali e datagram La funzione di instradamento Costruzione della tabella di routing Algoritmi di routing adattivi: distance vector routing e link-state routing Routing gerarchico

Dettagli

Reti di Calcolatori in Tecnologia IP

Reti di Calcolatori in Tecnologia IP Reti di Calcolatori in Tecnologia IP Il Livello Transport e TCP Dott. Marco Bianchi 04/12/2001 1 Agenda Introduzione Indirizzamento Protocolli di livello transport Attivazione e rilascio di una connessione

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni. Controllo del traffico

Reti di Telecomunicazioni. Controllo del traffico Reti di Telecomunicazioni Controllo del traffico Autori Queste slides sono state scritte da Michele Michelotto: michele.michelotto@pd.infn.it che ne detiene i diritti a tutti gli effetti 2 Copyright Notice

Dettagli

Internet e Reti di Calcolatori

Internet e Reti di Calcolatori Internet e Reti di Calcolatori Sommario cosa è Internet cosa è un protocollo? network edge network core rete di accesso, mezzi fisici prestazioni: loss (perdita), delay (ritardo) strati di un protocollo

Dettagli

Tecniche per la garanzia di qualità in reti di telecomunicazioni multiservizi. Token Bucket Dimensioning for Aggregated VoIP Sources

Tecniche per la garanzia di qualità in reti di telecomunicazioni multiservizi. Token Bucket Dimensioning for Aggregated VoIP Sources Programmi di ricerca di rilevante interesse nazionale Tecniche per la garanzia di qualità in reti di telecomunicazioni multiservizi Courmayeur 12-14 Gennaio 2000 Sottotema Sorgenti Token Bucket Dimensioning

Dettagli

Elementi di Reti per Telecomunicazioni

Elementi di Reti per Telecomunicazioni Elementi di Reti per Telecomunicazioni (Parte II) Topologie ed Interfacciamento di Reti Corso di Telecomunicazioni Anno Accademico 2004/2005 Contenuti Introduzione alle reti di TLC. Topologie di Reti per

Dettagli

Livello Trasporto. Liv. Applic. Liv. Transport. Transport Entity. Liv. Network. Trasporto

Livello Trasporto. Liv. Applic. Liv. Transport. Transport Entity. Liv. Network. Trasporto Livello Trasporto Fornire un trasporto affidabile ed efficace dall'host di origine a quello di destinazione, indipendentemente dalla rete utilizzata Gestisce una conversazione diretta fra sorgente e destinazione

Dettagli

Introduzione alle reti di calcolatori

Introduzione alle reti di calcolatori Introduzione alle reti di calcolatori Definizioni base. Collegamenti diretti e indiretti Strategie di multiplazione Commutazione di circuito e di pacchetto Caratterizzazione delle reti in base alla dimensione

Dettagli

Reti di Telecomunicazione

Reti di Telecomunicazione Università di ergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Telecomunicazione Prof. Fabio Martignon Università di ergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e

Dettagli

Introduzione (parte III)

Introduzione (parte III) Introduzione (parte III) Argomenti della lezione Ripasso degli argomenti del primo corso: il livello di trasporto, il meccanismo di controllo delle congestioni e le applicazioni Il livello di trasporto

Dettagli

Capitolo 1...pag. 5 La Qualita del Servizio

Capitolo 1...pag. 5 La Qualita del Servizio Indice Capitolo 1.........pag. 5 La Qualita del Servizio 1.1 Parametri di QoS 1.1.1 Throughput 1.1.2 Delay 1.1.3 Delay Variation 1.1.4 Loss o Error Rate 1.2 Multimedia Application Requirements 1.2.1 Applicazioni

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Il modello TCP/IP. Sommario

Il modello TCP/IP. Sommario Il modello TCP/IP Il protocollo IP Mario Cannataro Sommario Introduzione al modello TCP/IP Richiami al modello ISO/OSI Struttura del modello TCP/IP Il protocollo IP Indirizzi IP Concetto di sottorete Struttura

Dettagli

La virtualizzazione dell infrastruttura di rete

La virtualizzazione dell infrastruttura di rete La virtualizzazione dell infrastruttura di rete La rete: la visione tradizionale La rete è un componente passivo del processo che trasporta i dati meglio che può L attenzione è sulla disponibilità di banda

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Laboratorio di Reti Prof. Fabio Martignon

Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Laboratorio di Reti Prof. Fabio Martignon Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Laboratorio di Reti Prof. Fabio Martignon Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi

Dettagli

Livello Rete. Servizi

Livello Rete. Servizi Livello Rete Spostamento dei pacchetti dal mittente al destinatario, attraverso subnet intermedi (router) Occorre: conoscere la topologia della rete scegliere di volta in volta il cammino migliore (routing)

Dettagli

Corso TECNICO DI RETE

Corso TECNICO DI RETE Corso TECNICO DI RETE MODULO 1 dimensionamento architettura di rete Docente: ing.andrea Sarneri sarneri@ttc-progetti.it ANDREA SARNERI - CORSO CESCOT 2010 1 Voice Over IP La digitalizzazione del segnale

Dettagli

Qualità di servizio in reti IP Tecnologie e Protocolli per Internet II rev 0.8

Qualità di servizio in reti IP Tecnologie e Protocolli per Internet II rev 0.8 Qualità di servizio in reti IP Tecnologie e Protocolli per Internet II rev 0.8 Andrea Detti Electronic Engineering dept. E-mail: andrea.detti@uniroma2.it Ringraziamenti: devo un ringraziamento al Prof.

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come:

Dettagli

MPLS Multi-protocol label switching Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi [at] polito.it http://staff.polito.it/mario.

MPLS Multi-protocol label switching Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi [at] polito.it http://staff.polito.it/mario. MPLS Multi-protocol label switching Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi [at] polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi MPLS - 1 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito

Dettagli

Applicazioni Real-Time in Internet

Applicazioni Real-Time in Internet 1 Applicazioni Real-Time in Internet Multimedia Networking: Overview Classi di Applicazioni streaming audio/video streaming unidirezionale (multicast) di a/v realtime real-time interattivo audio/video

Dettagli

Protocolli di Comunicazione

Protocolli di Comunicazione Protocolli di Comunicazione La rete Internet si è sviluppata al di fuori dal modello ISO-OSI e presenta una struttura solo parzialmente aderente al modello OSI. L'architettura di rete Internet Protocol

Dettagli

Bit Rate = 8.000 * 8 = 64 kbit/s

Bit Rate = 8.000 * 8 = 64 kbit/s Voice over IP e Telephony over IP architetture, protocolli e quality of service B Codifica segnale nelle reti POTS Richiami sulle reti di TLC Convertitore A/D 10110000000000011111101001101101 Segnale analogico

Dettagli

Reti di calcolatori: Introduzione

Reti di calcolatori: Introduzione Reti di calcolatori: Introduzione Vittorio Maniezzo Università di Bologna Reti di computer e Internet Rete: sistema di collegamento di più computer mediante una singola tecnologia di trasmissione Internet:

Dettagli

Securing Rsvp Protocol

Securing Rsvp Protocol Securing Diego Cilea Tecnologie di Convergenza su IP AA 2005 06 Introduzione Internet: Servizio Best Effort Indefiniti ritardi Frequenti congestioni di rete Esigenza: Maggiore supporto per applicazioni

Dettagli

Reti di Calcolatori II

Reti di Calcolatori II Reti di Calcolatori II ATM Simon Pietro Romano spromano@unina.it Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Napoli Federico II Slide a cura di Vittorio Manetti vittorio.manetti@unina.it 21/05/2009

Dettagli

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 1 richiami SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 1 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

I protocolli di routing dell architettura TCP/IP

I protocolli di routing dell architettura TCP/IP I protocolli di routing dell architettura TCP/IP Silvano GAI sgai[at]cisco.com Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi[at]polito.it staff.polito.it/mario.baldi routing-ip - 1 Copyright: si veda nota

Dettagli

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 2 SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 2 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Livello Trasporto Protocolli TCP e UDP

Livello Trasporto Protocolli TCP e UDP Livello Trasporto Protocolli TCP e UDP Davide Quaglia Reti di Calcolatori - Liv Trasporto TCP/UDP 1 Motivazioni Su un host vengono eseguiti diversi processi che usano la rete Problemi Distinguere le coppie

Dettagli

Esercitazioni: Stefano Leonardi. Ricevimento: Dr. Andrea Vitaletti Dr. Alessandro Ficarola. Tel.: 06 77274022 Email:

Esercitazioni: Stefano Leonardi. Ricevimento: Dr. Andrea Vitaletti Dr. Alessandro Ficarola. Tel.: 06 77274022 Email: Stefano Leonardi Tel.: 06 77274022 Email: leon@dis.uniroma1.it URL: www.dis.uniroma1.it/~leon Ricevimento: Dopo lezione o appuntamento per e -mail Esercitazioni: Dr. Andrea Vitaletti Dr. Alessandro Ficarola

Dettagli

Linux Network Testing

Linux Network Testing Introduzione agli strumenti per il testing di rete su Linux 6, 13 Novembre 2007 Sommario 1 Introduzione Panoramica sugli strumenti di misura 2 I tool di base per l amministrazione di rete Configurare le

Dettagli

Seminario Open Routing. Corso di Sistemi di Commutazione A.A. 2002/2003

Seminario Open Routing. Corso di Sistemi di Commutazione A.A. 2002/2003 Seminario Open Routing Corso di Sistemi di Commutazione A.A. 2002/2003 Argomenti Un PC per fare routing? Elementi base di un personal computer Architetture dei BUS: ISA, VESA, PCI, Performance e bottlenecks

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Multi-Protocol Label Switching (MPLS)

Multi-Protocol Label Switching (MPLS) Universita' di Verona Dipartimento di Informatica Multi-Protocol Label Switching (MPLS) Davide Quaglia a.a. 2009/2010 1 Sommario Introduzione Forwarding equivalence classes Multi-Protocol Label Switching

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI MPLS

RETI INTERNET MULTIMEDIALI MPLS RETI INTERNET MULTIMEDIALI MPLS Il documento è adattato da materiale cortesemente messo a disposizione dal Prof. Stefano Paris MPLS Multi-Protocol Label Switching Introduzione MPLS: Multi Protocol Label

Dettagli

Tappe evolutive della rete Internet

Tappe evolutive della rete Internet UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ANCONA FACOLTA DI INGEGNERIA Dipartimento di Elettronica e Automatica Internet della nuova generazione: protocolli e prestazioni Laureando: ANDREA CAPRIOTTI Relatore: Ing. E.GAMBI

Dettagli

Multimedia Internet Politecnico di Milano 2014

Multimedia Internet Politecnico di Milano 2014 Multimedia Internet Politecnico di Milano 2014 2 Prefazione Questo libro è stato scritto da studenti di Ingegneria delle telecomunicazioni del Politecnico di Milano per tutti coloro che seguono il corso

Dettagli

Il livello trasporto Protocolli TCP e UDP

Il livello trasporto Protocolli TCP e UDP Il livello trasporto Protocolli TCP e UDP Standard: OSi vs TCP/IP Application Presentation Session NFS XDR RPC Telnet, FTP SMTP, HTTP SNMP, DNS RTP,... Protocolli per la comunicazione tra applicativi:

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16 Giovedì 24-04-2014 1 Traduzione degli

Dettagli

1 LO STANDARD ATM 2.1 FONDAMENTI DI ATM

1 LO STANDARD ATM 2.1 FONDAMENTI DI ATM 1 LO STANDARD ATM 2.1 FONDAMENTI DI ATM Una rete ATM può essere sia pubblica sia privata. Essa consiste di un insieme di nodi di commutazione detti switch ATM, e di un insieme di nodi terminali detti End

Dettagli

Test di verica per il corso di Reti di Telecomunicazioni

Test di verica per il corso di Reti di Telecomunicazioni Nome e Cognome Laurea Diploma in Test di verica per il corso di Reti di Telecomunicazioni 31/7/2003 1. La realizzazione asincrona di un servizio sincrono (segnare tutto ciò che è corretto) fa sì che l'allocazione

Dettagli

Si tratta dell offerta di accesso ad Internet in FIBRA OTTICA di Rete-Tel costituita da circuiti portati fino alla sede del cliente.

Si tratta dell offerta di accesso ad Internet in FIBRA OTTICA di Rete-Tel costituita da circuiti portati fino alla sede del cliente. Servizio di accesso ad internet in FIBRA OTTICA - Informazioni Tecniche Si tratta dell offerta di accesso ad Internet in FIBRA OTTICA di Rete-Tel costituita da circuiti portati fino alla sede del cliente.

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica SISTEMI OPERATIVI

Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica SISTEMI OPERATIVI Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica SISTEMI OPERATIVI SISTEMI A ORIENTAMENTO SPECIFICO I SISTEMI MULTIMEDIALI Obiettivi! Identificare le caratteristiche

Dettagli

4 - Il livello di trasporto

4 - Il livello di trasporto Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria Gestionale e dell Informazione 4 - Il livello di trasporto Architetture e Protocolli per Internet Servizio di trasporto il livello di trasporto ha il compito

Dettagli

Comunicazione tra Computer. Protocolli. Astrazione di Sottosistema di Comunicazione. Modello di un Sottosistema di Comunicazione

Comunicazione tra Computer. Protocolli. Astrazione di Sottosistema di Comunicazione. Modello di un Sottosistema di Comunicazione I semestre 04/05 Comunicazione tra Computer Protocolli Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica 1

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

Standard: OSi vs TCP/IP. Il livello di trasporto. TCP e UDP. TCP: Transmission Control Protocol. TCP: funzionalità

Standard: OSi vs TCP/IP. Il livello di trasporto. TCP e UDP. TCP: Transmission Control Protocol. TCP: funzionalità Standard: OSi vs TCP/IP Application Presentation Session NFS XDR RPC Telnet, FTP SMTP, HTTP SNMP, DNS RTP,... Protocolli per la comunicazione tra applicativi: le raisons d etre della rete Transport TCP

Dettagli

Internet Control Message Protocol ICMP. Struttura di un Messaggio ICMP. Segnalazione degli Errori

Internet Control Message Protocol ICMP. Struttura di un Messaggio ICMP. Segnalazione degli Errori I semestre 03/04 Internet Control Message Protocol ICMP Comunica messaggi di errore o altre situazioni che richiedono intervento Errore di indirizzo o di istradamento Congestione in un router Richiesta

Dettagli

MPLS is the enabling technology for the New Broadband (IP) Public Network MPLS. Mario Baldi. Nota di Copyright. Multi-protocol label switching

MPLS is the enabling technology for the New Broadband (IP) Public Network MPLS. Mario Baldi. Nota di Copyright. Multi-protocol label switching MPLS Multi-protocol label switching Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi MPLS - Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slide)

Dettagli

Introduzione (parte I)

Introduzione (parte I) Introduzione (parte I) Argomenti della lezione Argomenti trattati in questo corso Libri di testo e materiale didattico Ripasso degli argomenti del primo corso: reti locali Contenuti del corso La progettazione

Dettagli

Reti: unità di misura

Reti: unità di misura Reti: unità di misura bandwidth: range di frequenze usate per la trasmissione del segnale elettromagnetico che codifica l informazione misurata in Hertz (Hz) bit rate: #bit trasmissibili su canale per

Dettagli

Strato di Rete Romeo Giuliano romeo.giuliano@uniroma2.it 1

Strato di Rete Romeo Giuliano romeo.giuliano@uniroma2.it 1 Strato di Rete Romeo Giuliano romeo.giuliano@uniroma2.it 1 Argomenti Problemi dell architettura dello strato di rete Algoritmi di instradamento o routing Descrizione di algoritmi di routing (seconda parte)

Dettagli

Qos in Wireless Network

Qos in Wireless Network Qos in Wireless Network Parte 8 Domenico Massimo Parrucci Condello isti information science Facoltàand di Scienze technology e Tecnologie institute 1/number 1 Applicazioni Sistema fonia classico Nuovi

Dettagli

Svantaggi della Commutazione di Circuito. Commutazione di Pacchetto. Struttura di un Pacchetto

Svantaggi della Commutazione di Circuito. Commutazione di Pacchetto. Struttura di un Pacchetto Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre / Commutazione di Pacchetto Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Svantaggi della Commutazione

Dettagli

Concetti base di Trasmissione Dati. Universita di Pavia

Concetti base di Trasmissione Dati. Universita di Pavia Concetti base di Trasmissione Dati Commutazione di circuito Fase di connessione e di sconnessione Canale dedicato e riservato ad ogni comunicazione Risorsa impegnata anche quando inutilizzata (se non rilasciata)

Dettagli