Client dello strato ottico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Client dello strato ottico"

Transcript

1 Corso di Sistemi di Telecomunicazione Ottici Client dello strato ottico Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni A.A. 2009/2010

2 Client dello strato ottico (1) Client dello strato ottico Sonet/SDH ATM IP MPLS Storage-Area Networks Gigabit Ethernet RPR

3 Client dello strato ottico (2) Reti che usano la fibra ottica come mezzo trasmissivo Lo strato ottico fornisce lightpaths ai client Equivalenti a link fisici punto-punto Gli strati ti client elaborano i dati in formato elettronico, aggregando flussi a basso bitrate Multiplexing fisso o statistico Strati client dominanti per backbone Sonet/SDH, IP, ATM IP/ATM over Sonet, oppure IP/ATM over optical Strati client dominanti per MAN e SAN Gigabit Ethernet, RPR, Fibre Channel

4 Client dello strato ottico Client dello strato ottico Sonet/SDH ATM IP MPLS Storage-Area Networks Gigabit Ethernet RPR

5 Sonet/SDH vs. PDH (1) Sonet (Synchronous Optical Network) Standard per multiplexing e trasmissione di segnali ad alto bitrate per infrastrutture di rete in Nord America SDH (Synchronous Digital Hierarchy) Standard analogo adottato in Europa, Giappone e collegamenti sottomarini i Prima di Sonet e SDH PDH (Plesiochronous Digital Hierarchy), 1960 In Nord America gerarchia asincrona digitale Obiettivo: multiplexing di segnali vocali Caratteristiche del segnale vocale Banda 4 khz Campionamento 8 khz (Shannon) Quantizzazione 8 bit per campione Bitrate totale 64 kbit/s (PCM) Standard ampiamente accettato

6 Sonet/SDH vs. PDH (2) PCM 64 kbit/s come segnale base Flussi a bitrate superiore come multipli di 64 kbit/s Standard diversi in Nord America, Europa, Giappone Nord America PCM 64 kbit/s: segnale DS0 (Digital Signal 0) Segnali DS1 (1.544 Mbps), DS3 ( Mbps) I relativi canali di trasmissione si chiamano T1, T3 Europa Unità base segnale DS0 Formati definiti E0, E1, E2, E3, E4

7 Sonet/SDH vs. PDH (3) I bitrate definiti sono ancora oggi largamente usati dagli operatori per reti e per linee in affitto a clienti PDH soffriva invece di enormi problemi : operatori cercano nuovi standard Standard Sonet/SDH Risolve molti dei problemi relativi a PDH Vantaggi di Sonet/SDH rispetto a PDH 1) Semplificazione del processo di multiplexing Segnali plesiocroni (PDH): segnali caratterizzati da un rate nominale che varia entro limiti precisi Multiplexing asincrono: ogni terminale ha un suo clock Clock nominale unico specificato ma Significative differenze nei valori reali Es. segnali DS3, variazioni clock 20 ppm (realistico), differenze nei bitrate pari a 1.8 kbit/s!

8 Sonet/SDH vs. PDH (4) Necessità di bit stuffing Quando flussi a basso rate sono multiplexati, si aggiungono bit extra che tengono conto dei clock non allineati I bitrate definiti non sono multipli di DS0, ma leggermente superiori Es. DS1 = Mbps, ma 24 x 64 kbit/s = 1.5 Mbps Difficoltà di estrarre flussi a basso bitrate da flussi ad elevato bitrate Necessità àdi demultiplexare l completamente il lflusso Uso di stack di multiplexer/demultiplexer Poco affidabile, costoso, molta elettronica Sonet/SDH è sincrono Tutti i clock sincronizzati a un master clock I bitrate sono multipli di DS0, non serve bit stuffing Riduzione del costo di mux/demux Estrazione di un flusso a basso bitrate dal flusso Sonet/SDH in un colpo solo!! Progetto di Sonet ADM è molto semplice

9 Sonet/SDH vs. PDH (5) Es. Estrazione di un segnale DS1 da un segnale DS4 (a) Demultiplazione nel caso PDH (b) Demultiplazione in Sonet/SDH

10 Sonet/SDH vs. PDH (6) 2) Management Gestione semplificata della rete Monitoraggio delle prestazioni Identificazione del tipo di traffico e di connessione Identificazione dei guasti Canale dedicato per trasmissione informazioni di gestione della rete Tutte caratteristiche di Sonet/SDH, PDH molto carente 3) Interoperabilità PDH non definiva un formato standard di trasmissione Difficile collegare dispositivi di diverse case Diverse codifiche, interfacce ottiche Sonet/SDH definiscono interfacce ottiche standard Interoperabilità tra dispositivi di diversi costruttori 4) Affidabilità della rete Sonet/SDH: topologie, protocolli e tecniche di protezione per reti ad elevata affidabilità (ripristino entro 60 ms) PDH: tempi di ripristino da secondi a minuti

11 Sonet/SDH Multiplexing (1) Sistema di multiplexing sofisticato Implementazione in circuiti integrati VLSI Sonet e SDH simili, ma terminologia diversa Spieghiamo Sonet, evidenziando le differenze in SDH Sonet: bitrate di base Mbps Synchronous Transport Signal level-1 (STS-1) STS-N: segnale a bitrate N volte superiore Interleaving dei byte di N STS-1, frame per frame

12 Sonet/SDH Multiplexing (2) I clock di tutti i segnali sono sincronizzati Bit stuffing non necessario Estrazione dei flussi a basso rate senza totale demux STS è un segnale elettrico E molto spesso esiste solo nei dispositivi Sonet Interfaccia ottica con gli altri dispositivi Segnale ottico trasmesso è STS con scrambling Eliminazione lunghe sequenze di 1 e 0 Il ricevitore applica descrambling e demodula Al segnale elettrico STS-N corrisponde l interfaccia ottica OC-N (Optical Carrier-N) Es. ad STS-3 corrisponde OC-3, ad STS-12 OC-12 SDH: bitrate di base 155 Mbps Synchronous Transport Module-1 (STM-1) Termine usato per segnale sia ottico che elettrico

13 Sonet/SDH Multiplexing (3) Sonet Bitrate scelti per la trasmissione dei più comuni segnali asincroni i (DS1 e DS3) SDH Bitrate scelti per la trasmissione dei più comuni segnali PDH (E1, E3, E4) Struttura del frame Sonet Transport Overhead Payload Contenuto nel Synchronous Payload Envelope (SPE) SPE contiene byte di Path Overhead, inseriti alla sorgente ed estratti solo dal destinatario Es. bytes di path trace, identificano l SPE e sono usati per verificare la connessione

14 Sonet/SDH Multiplexing (4) Uso di puntatori per indicare il payload nel frame SPE non ha un punto di partenza fisso nel frame Tutti i clock derivati da un unica nica sorgente Piccole variazioni transitorie di frequenza sono possibili Piccole differenze di fase tra il segnale entrante e quello uscente Soluzione: si permette al payload di shiftare avanti o indietro nel frame Niente bit stuffing o buffering, ma molta elettronica per gestire i puntatori Puntatore nel Transport Overhead (Line Overhead) indica il byte di partenza del SPE

15 Sonet/SDH Tributari virtuali (1) Necessità di mappare in frame STS-1 flussi non Sonet a bitrate minore (es. DS1) Uso di tributari virtuali (VT) Ogni VT progettato con banda sufficiente per trasmettere un payload diverso Sonet, 4 VT di dimensioni diverse VT1.5: 1.5 Mbps, segnali DS1 VT2: 2 Mbps, segnali E1 VT3: 3 Mbps, segnali DS1C VT6: 6 Mbps, segnali DS2 VT composto da VT SPE: VT Synchronous Payload Envelope VT Path ho Overhead e VT pointer

16 Sonet/SDH Tributari virtuali (2) VT group Aggregazione di VT in gruppi, 4 possibilità 4 x VT1.5 3 x VT2 2 x VT3 1 x VT6 Sonet STS-1 SPE Interleaving di 7 VT group e byte di Path Overhead VT SPE può fluttuare all interno dell STS-1 SPE VT pointer (2 bytes), indica l inizio del VT SPE

17 Sonet/SDH Tributari virtuali (3) Necessità di mappare flussi non Sonet ad alto bitrate in STS-1 SPE per trasporto Sonet Flussi da router IP o switch ATM trasportati con Sonet STS-Nc (c sta per concatenated ) Segnale con payload locked, cioé non può essere demultiplexato in flussi a bassa velocità Es. segnale ATM a 150 Mbps trasmesso su Sonet Utilizzo di segnale STS-3c Mapping definito per molte classi di segnali ATM, IP, FDDI SDH: stessa filosofia, terminologia diversa VC (virtual containers) invece di VT VC-11 (DS1), VC-12 (E1), VC-2 (E2), VC-3 (E3 e DS3), VC-4 (E4) VC-11, VC-12 e VC-2 multiplexati in VC-3 e VC-4 VC-3 e VC-4 multiplexati per formare STM-1

18 Sonet/SDH Schema multiplexing

19 Sonet/SDH Frame STS-1 (1) Frame STS-1 Durata 125 μs (8000 frames/s) Per analogia agli 8 khz del segnale PCM Indipendente dal bitrate del segnale Sonet 9 righe per 90 colonne, ogni cella 1 byte In tutto 810 bytes, payload + overhead (9 x 90 x 8) bit/frame x 8000 frames/s = Mbps Trasmissione bytes riga per riga, da sinistra a destra, si trasmette per primo il MSB Prime 3 colonne per Transport Overhead Section Overhead e Line Overhead Le altre colonne per STS-1 SPE La cui prima colonna contiene il Path Overhead

20 Sonet/SDH Frame STS-1 (2) Struttura del frame STS-1

21 Sonet/SDH Frame STS-N (3) Frame STS-N Interleaving dei bytes degli N STS-1 frames Transport Overhead nelle prime 3N colonne N set di bytes di overhead, 1 per ogni STS-1 Allineamento con il frame Payload nelle restanti 87N colonne Non serve allineamento con il frame Frame STS-Nc Simile a STS-N, ma il payload nelle 87N colonne non può essere demultiplexato l da Sonet STS payload pointer indica frame concatenato 1 solo set di bytes di overhead Payload intatto dal mittente al destinatario

22 Sonet/SDH Frame STS-N (4) Struttura del frame STS-N

23 Sonet/SDH Strati (1) Strato Sonet suddiviso in 4 sottostrati (sublayers) Path layer Line layer Section layer Physical layer Ogni strato, eccetto quello fisico, aggiunge overhead Bytes di overhead aggiunti all introduzione dello strato e rimossi quando lo strato è terminato Significato di questo overhead spiegato in seguito Sonet (SDH) Path layer: connessione end-to-end tra nodi, visibile solo agli estremi del link Path overhead inserito dal mittente, estratto dal destinatario

24 Sonet/SDH Strati (2) Line layer (multiplex section layer): multiplexa un certo numero di connessioni a livello path su un singolo link tra 2 nodi Line overhead elaborato in ogni nodo intermedio con TM (Terminal Mux) o ADM (Add-Drop Mux) Responsabile dello switching per protezione (guasti) Section layer (regenerator-section layer): corrisponde ad ogni segmento tra rigeneratori Physical layer: trasmissione dei bit lungo la fibra

25 Sonet/SDH Overhead Forniscono funzioni di management avanzate Particolarmente gradite agli operatori Comprensione del funzionamento più che esatti localizzazione e formato Section e Line Overhead importanti per lo strato ottico Molti bytes sono controllati dallo strato ottico Altri non sono ancora definiti E sono candidati a trasportare t l overhead dello strato t ottico Abbiamo incontrato 3 tipi di overhead in Sonet/SDH Section Overhead Line Overhead Path Overhead

26 Sonet/SDH Section Overhead (1) Framing (A1/A2) Usati dagli elementi di rete per delimitare il frame, in ogni STS-1 all interno di un STS-N Section Trace (J0)/Section Growth (Z0) J0 nel primo STS-1 S all interno di un STS-N, S,byte identificativo per monitorare la connessione tra nodi Z0 nei rimanenti STS-1, ancora non usato Section BIP-8 (B1) Nel primo STS-1 all interno di un STS-N Monitoraggio del BER tra nodi adiacenti Orderwire (E1) Nel primo STS-1 all interno di un STS-N Canale vocale per personale addetto alla manutenzione

27 Sonet/SDH Section Overhead (2) Section User Channel (F1) Nel primo STS-1 all interno di un STS-N Inserimento di informazioni specifiche per l utente Section Data Communication Channel (D1-D3) D3) Nel primo STS-1 all interno di un STS-N Data Communication Channel (DCC) per controllo Section Overhead Path Overhead Line Overhead

28 Sonet/SDH Line Overhead STS Payload Pointer (H1, H2) Puntatore a 2 bytes che punta all STS SPE Offset in bytes tra il puntatore e il primo byte del SPE Line BIP-8 (B2) Controllo di parità per ogni STS-1 all interno di un STS-N, usato solo da TM e ADM I rigeneratori agiscono su B1, ma non su B2 APS channel (K1, K2) Canale di segnalazione per APS (Automatic Protection Switching) Uso in generale per manutenzione Line Data Communication Channel (D4-D12) D12) Nel primo STS-1 all interno di un STS-N Line DCC per manutenzione e controllo

29 Sonet/SDH Path Overhead STS Path Trace (J1) Identificatore del path per monitoraggio connessione STS Path BIP-8 (B3) Controllo o o del BER a livello path (end-to-end) e d) STS Path Signal Label (C2) Indica il contenuto del SPE Label univoca per ogni tipo di segnale mappato in STS Path Status (G1) Il destinatario lo usa per informare il mittente delle prestazioni del path Il destinatario inserisce il numero di errori corrente

30 Sonet/SDH Livello fisico (1) Molte interfacce standard definite per Sonet/SDH Variano a seconda di bitrate e distanza Lo standard ITU per SDH è il più usato (vedi tabelle) Classificazione connessioni SDH (Sonet) Intra-office I (short reach) Distanze minori di 2 km Inter-office Short-haul haul S (intermediate reach) 15 km a 1310 nm e 40 km a 1550 nm Inter-office Long-haul (L) (long reach) 40 km a 1310 nm e 80 km a 1550 nm Inter-office Very-long-haul (V) 60 km a 1310 nm e 120 km a 1550 nm Inter-office Ultra-long long-haul (U) Circa 160 km

31 Sonet/SDH Livello fisico (2) Tipi di fibra G.652 fibra SMF standard G.653 fibra Dispersion i Shifted (DSF) G.655 fibra Non Zero Dispersion Shifted Fiber (NZDSF) Tipi di sorgente LED a 1310 nm MLM Fabry Perot laser a 1310 nm SLM DFB laser a 1550 nm: elevati bitrate e distanze Il livello fisico usa la tecnica dello scrambling per evitare lunghe sequenze di 1 e 0 Lo standard specifica Massime perdite ammesse (fibra, giunti, connettori ) Elevate in connessioni intra-office Massima dispersione cromatica ammessa

32 Sonet/SDH Livello fisico (3) Specifiche sulle perdite si traducono in limitazioni sulle distanze Connessioni intra-office: 3.5 db/km Elevate a causa delle molte interconnessioni Connessioni short-haul: 0.8 db/km Connessioni i a lunga distanza: 0.5 db/km a 1310 nm e 0.3 db/km a 1550 nm Stesso discorso per la dispersione Lo standard prevede l uso di preamplificazione e amplificazione di potenza Ma non l amplificazione di linea Amplificazione di linea prevede l uso di soluzioni spesso proprietarie, quindi niente standard C lifi i di li ibili i t i WDM Con amplificazione di linea possibili sistemi WDM con distanza tra rigeneratori tra 400 e 600 km

33 Sonet/SDH Livello fisico (4) Interfacce fisiche standardizzate per SDH Codici standard ITU G.957, ITU G.691 Lettera (I, S, L, V, U) Tipo di connessione Numero (1, 4, 16, 64) Bitrate Numero (1, 2, 3, 5) Es. V-16.3 Fibra e lunghezza d onda 1: G.652 a 1310 nm 2: G.652 a 1550 nm 3: G.653 a 1550 nm 5: G.655 a 1550 nm Very-long-haul, STM-16 Fibra DSF a 1550 nm

34 Sonet/SDH Livello fisico (5) Continua Due valori di D corrispondono alle due diverse sorgenti ffs: specifica in fase di definizione i i NA: limite non applicabile (link limitato dalle perdite)

35 Sonet/SDH Infrastruttura (1) 3 tipi di configurazioni per reti Sonet Punto-punto Usata nelle prime reti installate, ancora utile per talune applicazioni I nodi sono chiamati Terminal Mux (TM TM), o Line Terminating Equipment (LTE) Lineare con ADM Add/Drop di flussi a basso bitrate Anello Multiplexer add/drop (ADM) Es. OC-48 ADM, add/drop flussi OC-12 e OC-3 ADM inseriti tra TM creano configurazione lineare Sempre più usata: elevata affidabilità Semplice, link alternativo in caso di guasto

36 Sonet/SDH Infrastruttura (2)

37 Sonet/SDH Reti ad anello Dispositivi Sonet ADM configurabili come Ring ADM, linear ADM, TM Anelli Sonet composti da ADM Multiplexing, demultiplexing, protezione da guasti Anelli di backbone OC-12/OC-48/OC-192 (ma si va verso i 40 Gbps) Overlay di anelli, ognuno a diversa lunghezza d onda Architettura BLSR (Bidirectional Line-Switched Ring) 2 fibre (BLSR/2) o 4 fibre (BLSR/4) per anello Connessioni tra multipli central office (CO) Anelli di accesso OC-3/OC-12 Architettura UPSR (Unidirectional Path-Switched Ring) 1 fibra per anello Connessioni tra utenti e nodo hub nel CO

38 Sonet/SDH DCS (1) DCS (Digital CrossConnect) Componente base della rete Sonet Gestisce tutte le risorse di trasmissione DCS sostituisce patch panels manuali nei CO Centinaia/migliaia di porte Migliaia di flussi DS1/DS3 ingestibili a mano Interconnessione automatizzata sotto controllo software, più mux/demux e controllo prestazioni Gestione di flussi PDH, Sonet e SDH Grooming del traffico Aggregazione del traffico con simile tipologia, QoS, destinazione Include mux/demux di flussi a basso bitrate

39 Sonet/SDH DCS (2) Tipologie di DCS Classificati in base alla granularità del groomingg Narrowband DCS Grooming a livello di flussi DS0 Wideband DCS Grooming a livello di flussi DS1 Broadband DCS Grooming a livello di flussi DS3 (STS-1) Optical DCS (OXC) Grooming a livello di STS-48, lunghezza d onda DCS completamente ottico Interfacce dal bitrate di grooming fino a bitrate superiori Es. broadband DCS interfacce da DS3 a OC-48

40 Client dello strato ottico Client dello strato ottico Sonet/SDH ATM IP MPLS Storage-Area Networks Gigabit Ethernet RPR

41 ATM (1) ATM (Asynchronous Transfer Mode) Obiettivo: integrazione tra voce e dati Tradizionalmente reti voce e dati separate Reti ATM in LAN, MAN, WAN Pacchetti (celle) con dimensione fissa 53 bytes 48 bytes di payload e 5 di overhead Compromesso tra requisiti per voce e dati Voce preferisce pacchetti piccoli Basso ritardo di consegna Dati preferiscono pacchetti grossi Minore overhead Multiplexing statistico delle celle Uso efficiente della banda Possibilità di garantire QoS Banda minima, massimo ritardo

42 ATM (2) Garanzia QoS punto chiave di ATM Uso di circuiti virtuali (VC) Conoscenza di banda media e di picco per ogni VC Controllo di ammissione per nuove connessioni Utilizzo di switching anche in LAN A differenza di Ethernet, token ring e FDDI Più semplice garantire QoS in ATM LAN Dimensione fissa della cella Switch ad elevata velocità semplici e poco costosi Livelli fisici standard per ATM 25.6 Mbps su rame Mbps su fibra monomodale Alcune interfacce ottiche standard 100 Mbps, con parametri identici a FDDI Mbps con LED su fibra MMF a 1310 nm

43 ATM (3) Private user-network interfaces Interfacce per interconnessione tra utenti ATM e switch gestiti ii da enti privati i Es. le due interfacce nella slide precedente Public user-network interfaces Interfacce per interconnessione tra utenti ATM e switch di reti pubbliche Uso di PDH o Sonet/SDH come strato inferiore DS3, STS-3c, STS-12c, STS-48c Terminologia ATM Il suo strato inferiore è il livello fisico (es. Sonet) Interfaccia ATM/Sonet: interfaccia con il livello fisico Modello a strati ISO/OSI Sonet è il livello data-link di ATM

44 Funzioni di ATM UNI (User-to-Network Interface) Dati trasmessi da utente alla rete ATM attraverso una UNI NNI (Network-to-Network Interface) Dati trasmessi tra switch ATM attraverso una NNI Header (5 bytes) diverso per UNI e NNI GFC (Generic Flow Control): 4 (0) bit UNI (NNI) VPI (Virtual Path Identifier): 8 (12) bit UNI (NNI) VCI (Virtual Circuit Identifier): 16 bit PT (Payload Type): 3 bit CLP (Cell Loss Priority): 1 bit HEC (Header Error Control): 8 bit CRC sui 5 bytes dell header

45 Connessioni ATM Concetto di connessione end-to-end ATM servizio connection-oriented In opposizione a IP, che è connectionless Connessione ATM: virtual channel (VC) Con identificativo VCI Unico per ogni link che la connessione attraversa, ma può variare da link a link Es. la connessione sopra ha VCI a1, a2 e b sui 3 link VCI determinati al setup della connessione E rilasciati a connessione terminata Ogni switch gestisce una tabella di VCI 3 colonne: VCI entrante, t VCI uscente, link di uscita

46 Virtual Paths (1) Milioni di VC condividono lo stesso link Tabelle VCI più grandi di elementi ingestibili Aggregazione di VC per instradamento Migliaia VC con cammini in parte sovrapposti Utilizzo di virtual paths (VP), con identificativo VPI Es. i due VC condividono il cammino Assegnazione di un VPI comune per ogni link Es. x tra 0 e 1, y tra 1 e 2 Virtual path composto dai 2 link 0 nodo di partenza, 2 nodo destinazione Nei due link, instradamento usando VPI Dal nodo 2 in poi, si usano i VCI

47 Virtual Paths (2) Vantaggi dell instradamento a 2 livelli Semplificazione dell instradamento delle celle Sviluppo di switch ATM a basso costo Creazione di link logici tra nodi Virtual path tra nodi è trattato come link logico dai virtual channels Es. VP tra nodi 0 e 2 è un link logico per i VC Usando solo VCI VCI 24 bit per UNI, 28 bit per NNI Instradamento complesso e costoso

48 Strati di adattamento Applicazioni sopra ATM generano Flussi di dati continui (video, voce) Pacchetti di dimensioni elevate e variabili (IP) ATM usa celle a dimensione fissa 53 bytes Necessità di mappare i dati utente in celle Compito degli AAL (ATM Adaptation Layers) Segmentation ti and reassembly (SAR) ITU I.363 AAL segmenta i dati utente in celle ATM Li riassembla al destinatario AAL standard: AAL-1, AAL-2, AAL-3/4, AAL-5 AAL-3 e AAL-4 sono degeneri

49 AAL-1 Trasporto di dati a bitrate costante Voce, video Flusso di dati continuo nel tempo Segmentazione in 47 bytes di payload AAL, 1 byte di header AAL Header contiene un numero di sequenza Numero di sequenza protetto tt da CRC Passaggio al livello ATM ATM aggiunge il suo header di 5 bytes I 47 bytes di payload non sono protetti Adeguato per trasmissione voce/video

50 AAL-5 Trasporto pacchetti a dimensione variabile Fino a 2 16 = bytes di lunghezza Trasporto di pacchetti IP su ATM AAL-5 segmenta i pacchetti IP in celle ATM senza aggiungere overhead in ogni cella Uso del campo PT nell header ATM per indicare l ultima cella che forma il pacchetto Nell ultima cella, ultimi 2 bytes sono header AAL Lunghezza del pacchetto IP e CRC del pacchetto In tutte le celle meno una Il payload AAL coincide con quello ATM Minore overhead rispetto a AAL-1 Codice CRC sul payload

51 Quality of Service QoS (1) ATM QoS Limiti su celle perse, ritardo e jitter Traffic shaping Contratto con utente per caratteristiche del traffico Rate di cella medio e massimo, dimensione dei burst che si possono trasferire attraverso una UNI Si eliminano le celle che non rispettano il contratto Oppure si setta il loro bit CLP Prime ad essere eliminate in caso di congestione Controllo accurato del traffico dalla connessione In cambio, ATM garantisce elevata QoS Controllo di ammissione In base ai parametri di traffic shaping Connessioni accettate solo se compatibili con la QoS delle connessioni già esistenti

52 Quality of Service QoS (2) Classi di servizio Scelte in base ai parametri di traffico e della QoS Ogni connessione appartiene a una classe Esempi CBR (Constant t Bit Rate) Connessione specifica rate di cella di picco, garanzia su perdite di celle, ritardo e jitter AAL-1 UBR (Unspecified Bit Rate) Connessione specifica rate di cella di picco, ma senza garanzia di QoS AAL-5 Sofisticate tecniche di gestione delle code Garanzia di QoS per connessioni di classi diverse

53 Controllo di flusso Routing (1) Controllo di flusso Controllo del traffico utente non in base al contratto, ma in base alla congestione della rete Applicazione per traffico dati non CBR controllabile Es. FTP Controllo attraverso i bytes GFC nell header UNI Routing Segnalano se trasmettere o bloccare la trasmissione Protocolli di routing permettono di costruire le tabelle per VCI e VPI ad ogni switch Protocolli standardizzati dall ATM forum PNNI (Private Network-to-Network Interface) B-ICI (Broadband Inter Carrier Interface)

54 Compito Protocollo PNNI Determinare un percorso attraverso la rete dal mittente al destinatario Necessario garantire la QoS richiesta Stato del link Banda disponibile, celle perse, massimo ritardo Costo amministrativo, o peso Ogni switch fa flooding con lo stato di tutti i link in uscita a cui è collegato Ogni switch conosce lo stato di tutti i nodi In caso di richiesta nuova connessione Switch all ingresso calcolano il percorso che garantisca la QoS con costo minimo Gli switch sul percorso vengono informati della nuova connessione e della QoS richiesta

55 Client dello strato ottico Client dello strato ottico Sonet/SDH ATM IP MPLS Storage-Area Networks Gigabit Ethernet RPR

56 IP (Internet Protocol) IP (1) La più usata tecnologia per reti WAN ad oggi Protocollo di rete per Internet e Intranet Servizio connectionless Può lavorare su molti livelli data-link diversi Ethernet, token ring, PPP, HDLC È uno dei motivi del successo di IP Protocolli di trasporto TCP (Transmission Control Protocol) Connection oriented FTP, Telnet, HTTP UDP (User Datagram Protocol) Connectionless o ess Trasporto di semplici messaggi Streaming, NFS, SNMP

57 IP over WDM IP (2) Mappatura di IP sullo strato ottico IP over ATM over Sonet (a) Pacchetti IP mappati in celle ATM, codificati in frame Sonet trasmessi su un canale WDM Packet over Sonet, POS (b) Pacchetti IP mappati in frame PPP, codificati in frame Sonet trasmessi su un canale WDM IP over Gigabit Ethernet (c) 10 GE come MAC, Pacchetti IP codificati in frame 10 GE trasmessi su un canale WDM

58 Instradamento (1) Pacchetti IP hanno lunghezza variabile Ma dimensione massima bytes Router IP elemento chiave della rete Internet Meccanismo di routing Ogni router ha una tabella di routing Una o più voci per ogni router destinazione i Indica il nodo adiacente a cui passare il pacchetto Il router cerca nell header del pacchetto l indirizzo della destinazione, quindi instrada in base alla tabella Gestione delle tabelle di routing cruciale per la rete Protocolli di routing

59 Instradamento (2) Protocolli di routing intra-domain Es. protocollo OSPF (Open Shortest Path First) Ogni router campiona lo stato dei nodi adiacenti In caso si rilevi una variazione di stato Flooding del link state a tutti i nodi della rete Modifica di tutte le tabelle di routing in base alle nuove informazioni Tutti i nodi conoscono la topologia corrente Il flooding deve essere intelligente Link state vecchio può arrivare dopo uno nuovo Numero di sequenza per ogni link state Si scartano link state con numero di sequenza vecchio Link state generati periodicamente Alcuni potrebbero infatti andare persi

60 Instradamento (3) Pacchetti link state danno ad ogni router una visione globale della rete Il router calcola quindi il cammino ottimo tra sé e gli altri router e memorizza il nodo successivo per ogni destinazione Algoritmo di Dijkstra Impossibile che ogni router mantenga la topologia dell intera Internet Divisione di Internet in Autonomous Systems (AS) Protocollo intra-domain (es. OSPF) all interno dell AS Protocollo inter-domain per routing tra AS Es. protocollo BGP (Border Gateway Protocol)

61 Quality of Service QoS IP offre servizio best effort Pacchetti percorrono cammini diversi, ritardi diversi, consegna non in sequenza, in caso di congestione pacchetti eliminati Forte domanda per QoS in reti IP Diff-Serv (Differentiated Services) Pacchetti raggruppati in classi, indicate nell header Classi diverse, trattamento diverso dai router Pacchetti EF (Expedited Forwarding) Code distinte, consegna rapida Assured Forwarding (AF AF) Indica la priorità di eliminazione del pacchetto Diff-Serv affronta il problema della QoS, ma non può dare garanzie end-to-end Es. non si può dire a priori se c è banda sufficiente per un nuovo flusso di traffico real time

62 Client dello strato ottico Client dello strato ottico Sonet/SDH ATM IP MPLS Storage-Area Networks Gigabit Ethernet RPR

63 MPLS MPLS (Multi-Protocol Label Switching) Richiesta stringente di QoS end-to-end in reti IP Fornitura di servizi distinti per classi Distinzione tra diversi tipi di traffico MPLS strato tra IP e livello data-link (livello 2.5) Reti MPLS basate sul concetto di label switching Label indicano percorso e attributi dei servizi All ingresso della rete, processing dei pacchetti Selezione e applicazione della label opportuna I router interni leggono la label, applicano i servizi richiesti in modo appropriato e instradano Instradamento in base al contenuto della label Analisi e classificazione di pacchetti solo all ingresso Uscita della rete: eliminazione label e invio a destinazione

64 MPLS Label switching (1) Percorso di un pacchetto lungo la rete Step 1: classica costruzione tabelle di routing Algoritmo OSPF, partecipano anche i router MPLS Protocollo LDP (Label Distribution Protocol) Usa le tabelle di routing per determinare le label tra nodi adiacenti Creazione di LSP (Label Switching Paths) preconfigurati Step 2: un pacchetto arriva in ingresso alla rete Edge Label Switching Router (LSR) LSR determina servizio di livello 3 (QoS) LSR applica una label e instrada il pacchetto Step 3: ad ogni nodo, LSR legge la label, la sostituisce con una nuova (da tabella) e instrada Step 4: in uscita, Edge LSR elimina i la label l e instrada al destinatario

65 MPLS Label switching (2)

66 MPLS Vantaggi (1) Paradigmi rete MPLS Creazione LSP ed instradamento separati Creazione LSP come funzione di controllo della rete Hardware ottimizzato per l instradamento Entrambe le funzioni completamente hardware Label switching molto più semplice del routing IP Numero di pacchetti al secondo elaborabile maggiore Concetto di percorso in rete IP IP instrada senza conoscere connessione end-to-end MPLS permette di specificare percorsi per pacchetti Ottimizzazione banda, prevenzione congestione, QoS Concetto di QoS end-to-end in rete IP Possibilità di riservare banda per un LSP Distinzione tra LSP in base al tipo di traffico

67 MPLS Vantaggi (2) Maggiore affidabilità in caso di guasti Definizione di 2 LSP tra gli stessi nodi Commutazione rapida in caso di guasto Routing IP molto inefficiente e lento in casi simili Creazione di Reti Private Virtuali (VPN) MPLS-based IP VPN Reti IP connectionless in gradi di garantire sicurezza e QoS attraverso classi di servizio Metodo comodo ed efficiente per ridurre i costi per estendere una LAN da intranet a extranet Classificazione e instradamento del traffico per tipo Voce, video, Il traffico di ogni VPN è trasportato da un set di LSP Una sola infrastruttura supporta molte VPN, risulta semplice aggiungere o cancellare VPN Architettura per servizi IP di prossima generazione

68 MPLS - Applicazioni Classi di servizio (CoS) Fornitura QoS ad hoc per ogni CoS Es. garanzia massimo ritardo consegna per una CoS Streaming video Ingegnerizzazione del traffico Controllo dei percorsi per evitare congestione della rete Invio dati Houston Singapore OSPF sceglie il link diretto E lo congestiona alla lunga MPLS può usare il link secondario Ottimo utilizzo della banda

69 GMPLS cenni (1) Generalized MPLS Estensione di MPLS per switching a livello di pacchetto, TDM, lunghezza d onda, fibra Uso di etichette a tutti i livelli Problemi con reti ottiche e TDM Dispositivi non progettati per estrarre ed elaborare le etichette Allocazione della banda solo in unità discrete Enormi quantità di dati e risorse da gestire Configurare DCS e OXC è time-consuming Gestione dei fault (es. 50 ms Sonet)

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Agenda - Introduzione alla Qualità di Servizio - Definizione quantitativa della QoS - Architetture di QoS - QoS : compiti

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Trapa L., IBN Editore, a cui si può fare riferimento per maggiori approfondimenti. Altri argomenti correlati

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice Pagina 1 di 14 Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice servizi del livello trasporto multiplexing/demultiplexing trasporto senza connesione: UDP principi del trasferimento dati affidabile trasporto

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Introduzione alle reti e all architettura TCP/IP

Introduzione alle reti e all architettura TCP/IP Introduzione alle reti e all architettura TCP/IP Indice dei contenuti: 1) Introduzione alle reti Topologia di Internet e topologie di rete I mezzi fisici Il software di rete: architetture a livelli Reti

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Imola Prontuario di configurazioni di base

Imola Prontuario di configurazioni di base Imola Prontuario di configurazioni di base vers. 1.3 1.0 24/01/2011 MDG: Primo rilascio 1.1. 31/01/2011 VLL: Fix su peso rotte 1.2 07/02/2011 VLL: snmp, radius, banner 1.3 20/04/2011 VLL: Autenticazione

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

GSM: Global System for Mobile communications

GSM: Global System for Mobile communications GSM: Global System for Mobile communications Sommario Introduzione Architettura di rete Tecnologia radio Canali GSM Procedure Introduzione Introduzione GSM è il primo standard di comunicazione cellulare

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

Considerazioni generali nella progettazione di una rete

Considerazioni generali nella progettazione di una rete Considerazioni generali nella progettazione di una rete La tecnologia che ormai costituisce lo standard per le reti LAN è l Ethernet per cui si sceglie di realizzare una LAN Ethernet 100BASE-TX (FastEhernet)

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori COME NON CADERE NELLA RETE Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori Come non cadere nella rete guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

IL FUTURO DELLA RETE FISSA HA UN CUORE ANTICO

IL FUTURO DELLA RETE FISSA HA UN CUORE ANTICO 4 NETWORK IL FUTURO DELLA RETE FISSA HA UN CUORE ANTICO Giancarlo Lepidi, Roberto Giuseppe Opilio 5 La rete di Telecom Italia ha un cuore antico e il suo futuro, con la sua capacità di innovarsi e di rimanere

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE...

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... GUIDA ALLE RETI INDICE 1 BENVENUTI... 4 2 GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... 5 2.1 COMPONENTI BASE DELLA RETE... 5 2.2 TOPOLOGIA ETHERNET... 6 2.2.1 Tabella riassuntiva... 7 2.3 CLIENT E

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows Progettare network AirPort con Utility AirPort Mac OS X v10.5 + Windows 1 Indice Capitolo 1 3 Introduzione a AirPort 5 Configurare un dispositivo wireless Apple per l accesso a Internet tramite Utility

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

PROVE POWERLINE. Cablaggio di rete:

PROVE POWERLINE. Cablaggio di rete: Di Simone Zanardi Cablaggio di rete: offre la casa La tecnologia Powerline consente di sfruttare l impianto elettrico domestico per collegamenti Ethernet; un alternativa alla posa dei cavi Utp e alle soluzioni

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

Access point wireless Cisco Small Business serie 500

Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Scheda tecnica Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Connettività Wireless-N, prestazioni elevate, implementazione semplice e affidabilità di livello aziendale Caratteristiche principali

Dettagli

Capitolo 1. Voce su IP: i concetti fondamentali

Capitolo 1. Voce su IP: i concetti fondamentali Pag Capitolo 1. Voce su IP: i concetti fondamentali 1.1. Introduzione L'argomento Voce su IP è, sicuramente, uno dei più gettonati dell'intero mondo del networking. Tecnicamente, con questa tecnologia

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame.

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. 1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. (a) Da quanti bit è costituito l indirizzo logico? (b) Da quanti bit

Dettagli

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Contenuto Sunny Central Communication Controller è un componente integrale dell inverter centrale che stabilisce il collegamento tra l inverter

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi

corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi Prof. S.Pizzutilo Elementi

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Introduzione Obiettivo della sintesi logica: ottimizzazione delle cifre di merito area e prestazioni Prestazioni:

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Strato di rete. Argomenti: Obiettivi:

Strato di rete. Argomenti: Obiettivi: Strato di rete Obiettivi: Principi e servizi dello strato di rete: Routing (selezione del cammino da host sorg. (. dest a host Problemi di scala Come funziona un router Implementazione in Internet Argomenti:

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intelligente per controllare i punti vendita: sorveglianza IP Guida descrittiva dei vantaggi dei sistemi di gestione e di sorveglianza IP per i responsabili dei punti vendita

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

Cisco SPA 122 ATA con router

Cisco SPA 122 ATA con router Data Sheet Cisco SPA 122 ATA con router Servizio VoIP (Voice over IP) conveniente e ricco di funzionalità Caratteristiche Qualità vocale e funzionalità telefoniche e fax associate al servizio VoIP (Voice

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Definizione Mentre una LAN è una rete locale costituita da un certo numero di pc connessi ad uno switch, una VLAN è una LAN VIRTUALE (Virtual

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE Mediatrix 2102 ATA Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL MEDIATRIX 2102...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Dati GSM e GPRS: sistema e servizi

Dati GSM e GPRS: sistema e servizi Torino, novembre 2003 Reti e sistemi telematici - 2 Dati GSM e GPRS: sistema e servizi Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired???

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired??? GSM - GPRS Introduzione alle reti radiomobili Wireless Vs Wired L unica differenza sembra consistere nel mezzo trasmissivo radio, eppure: Le particolari caratteristiche del mezzo trasmissivo hanno un grosso

Dettagli

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l.

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. Babel S.r.l. - P.zza S. Benedetto da Norcia 33, 00040 Pomezia (RM) www.babel.it

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Funzioni nuove e modificate

Funzioni nuove e modificate Gigaset S675 IP, S685 IP, C470 IP, C475 IP: Funzioni nuove e modificate Questo documento integra il manuale di istruzioni dei telefoni VoIP Gigaset: Gigaset C470 IP, Gigaset C475 IP, Gigaset S675 IP e

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli