Capitolato Tecnico per la fornitura di apparati attivi per la rete dati della nuova sede della SISSA e relativa assistenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolato Tecnico per la fornitura di apparati attivi per la rete dati della nuova sede della SISSA e relativa assistenza"

Transcript

1 Capitolato Tecnico per la fornitura di apparati attivi per la rete dati della nuova sede della SISSA e relativa assistenza Timbro e firma del legale rappresentante dell Impresa... 1/21

2 INDICE ART. 1 - PREMESSA... 4 ART. 2 OGGETTO DELLA FORNITURA E DURATA DEL CONTRATTO... 4 ART.3 SPECIFICHE TECNICHE SPECIFICHE TECNICHE COMUNI A TUTTI GLI APPARATI SPECIFICHE TECNICHE DEGLI APPARATI DI TIPO A SPECIFICHE TECNICHE DEGLI APPARATI DI TIPO B SPECIFICHE TECNICHE DEGLI APPARATI DI TIPO C E D... 9 ART.4 - REQUISITI DI CONFORMITÀ... 9 ART.5 - DESCRIZIONE E SPECIFICHE MINIME DEL SOFTWARE DI GESTIONE CENTRALIZZATO ART. 6 - QUANTITÀ OGGETTO DELLA FORNITURA QUANTITÀ APPARATI ATTIVI SOFTWARE DI GESTIONE CAVI PATCH ART.7 - DESCRIZIONE DEI SERVIZI ACCESSORI CONSEGNA, INSTALLAZIONE E COLLAUDO ASSISTENZA E MANUTENZIONE MANUTENZIONE HARDWARE MANUTENZIONE SOFTWARE ART.8 - ONERI ED OBBLIGHI DIVERSI A CARICO DELLA DITTA FORNITRICE ART.9 PENALI ART.10 PAGAMENTI ART.11 - AUMENTI O RIDUZIONI ART.12 DISPOSIZIONI RELATIVE AL PREZZO DELLA FORNITURA ART.13 REVISIONE DEL PREZZO ART.14 - CAUZIONE DEFINITIVA ART.15 - OSSERVANZA DELLE CONDIZIONI DI LAVORO ART.16 - TUTELA CONTRO AZIONI DI TERZI ART.17 - SICUREZZA SUL LAVORO ART.18 ANTIMAFIA ART.19 - SPESE Timbro e firma del legale rappresentante dell Impresa... 2/21

3 ART.20 - SUBAPPALTO ART.21 DIVIETO DI CESSIONE DEL CONTRATTO ART.22 - RISOLUZIONE DEL CONTRATTO ART.23 - CONTROVERSIE ART.24 LEGGI, NORMATIVE E REGOLAMENTI DI RIFERIMENTO Timbro e firma del legale rappresentante dell Impresa... 3/21

4 Art. 1 - Premessa La SISSA sta allestendo la propria sede definitiva presso il comprensorio dell'ex ospedale Santorio di via Bonomea 265. Il comprensorio comprende un edificio centrale con 9 livelli a cui è collegato un postico con 4 livelli e 8 edifici periferici. La gara è finalizzata all acquisizione di apparecchiature ad alte prestazioni che possano garantire il traffico sostenuto da alcuni gruppi di ricerca che hanno esigenze di movimentare grandi moli di dati dalle risorse di calcolo ad alte prestazione alle loro workstation per l'analisi e interpretazione dei risultati delle loro simulazioni.. Art. 2 Oggetto della fornitura e durata del contratto Il presente Capitolato Tecnico disciplina, per gli aspetti tecnici, la fornitura di apparati attivi per la gestione della rete dati di tutto il comprensorio, compresi i servizi accessori. Il progetto della nuova rete prevede una classica struttura a stella, con un nodo centrale, collocato nella sala dati principale, e una serie di apparecchiature di distribuzione collocate negli armadi di piano dell edificio principale e negli edifici satellite. Figura 1: comprensorio dell'ex ospedale Santorio Il cablaggio è realizzato in cavo UTP Cat. 6 per la distribuzione verso i punti di accesso utente, con dorsali in fibra ottica multimodale 50/125 OM3 o monomodale 9/125. La distribuzione verso i punti Cat. 6 TD/TP avrà come base connessioni Gigabit su porte Timbro e firma del legale rappresentante dell Impresa... 4/21

5 10/100/1000Base-T. Per la parte fonia VOIP le porte 10/100/1000Base-T dovranno includere il supporto PoE (IEEE 802.3af Power Over Ethernet) per l'alimentazione degli apparecchi telefonici. Il centro stella (core) sarà composto da 2 distinte apparecchiature switch modulari ad alte prestazioni, in grado di smistare il traffico Layer 2/3 in hardware, operando secondo modalità di tipo wire speed no blocking. Le apparecchiature di distribuzione si differenziano in switch modulari o stackable e in switch a configurazione fissa, a seconda della densità di punti prevista nell armadio di piano o di edificio periferico. La fornitura prevede 4 distinti tipi di apparati hardware: Apparato di Tipo A: apparato switch modulare, componente del centro stella (core) della rete; Apparato di Tipo B: apparato switch, modulare o composto da apparati stackable, per gli armadi di distribuzione con alta/media densità di punti Cat. 6 (superiore a 46 punti Cat. 6 TD/TP); Apparato di Tipo C: apparato switch per gli armadi di distribuzione con bassa densità di punti Cat. 6 (tra 23 e 46 punti Cat. 6 TD/TP); Apparato di Tipo D: apparato switch per gli armadi di distribuzione con bassissima densità di punti Cat. 6 (inferiore o uguale a 22 punti Cat. 6 TD/TP). Saranno oggetto della fornitura anche un software per la gestione centralizzata degli apparati di rete e un preciso quantitativo di bretelle ottiche monomodali/multimodali e cavi patch Categoria 6. Figura 2: Schema di connessione tra centro stella e apparati di distribuzione Il progetto prevede la connessione di ogni apparato di distribuzione (edge) ad entrambi i nodi di centro stella (core), mediante due coppie di fibre ottiche di dorsale. La ridondanza dei canali Layer 2 verso gli apparati periferici verrà realizzata utilizzando il protocollo VRRP. Questa modalità permetterà di evitare interruzioni significative dei flussi dati e fonia VOIP anche in caso di guasto o di spegnimento di uno dei due nodi di centro stella, garantendo la massima disponibilità dei servizi di rete all'utenza. Timbro e firma del legale rappresentante dell Impresa... 5/21

6 Quattro interfacce 10GBase-CX4 saranno utilizzate per creare un canale aggregato di comunicazione a 40 Gbps tra i due core. Per gli apparati di distribuzione di Tipo B il collegamento al centro stella dovrà operare su coppia di interfacce 10GbE di tipo 10GBase-SR. Per gli armadi di Tipo C e Tipo D il doppio collegamento verrà realizzato mediante porte Gigabit di tipo 1000Base-SX o 1000Base-LX, a seconda del tipo di fibra ottica utilizzato nella dorsale verso il centro stella (multimodale 50/125 OM3 o monomodale 9/125). Le specifiche tecniche e i requisiti di conformità per la fornitura sono definiti negli artt.3, 4, 5 e 6 del presente capitolato. Le quantità e la tipologia dei componenti richieste sono specificate nell articolo 6 del presente capitolato. Per servizi accessori si intendono tutti i servizi compresi nei prezzi delle singole apparecchiature, in particolare: sopralluogo ed attività connesse consegna e installazione all interno di racks industriali standard da 19, collaudo, assistenza e manutenzione in garanzia per 5 (cinque) anni. Il contratto di fornitura avrà durata pari alla durata del servizio di assistenza e manutenzione in garanzia pertanto di 5 (cinque) anni a decorrere dalla data del collaudo. Art.3 Specifiche Tecniche Le specifiche tecniche per la fornitura sono obbligatorie e rappresentano il livello tecnico minimo (implementazione di protocolli e funzionalità, caratteristiche qualitative, quantitative e strutturali) che gli apparati e le loro componenti HW/SW fornite dovranno in forma effettiva ed inderogabile rispettare. Il mancato rispetto anche di un solo requisito tecnico obbligatorio causerà pertanto l esclusione dalla Gara d Appalto. Le specifiche sono raggruppate in una parte comune (paragrafo 3.1) per tutti i tipi di apparati e per ogni tipologia di apparato richiesto (paragrafi 3.2, 3.3, 3.4). Al fine di ottimizzare i costi di gestione, flessibilità e manutenzione del sistema, costituisce vincolo inderogabile che tutti gli apparati forniti siano dello stesso produttore. Le apparecchiature dovranno essere inoltre corredate di sistema operativo, con licenza almeno quinquennale, per il funzionamento, la gestione e il monitoraggio remoto delle stesse da un server di management. Le apparecchiature devono essere nuove di fabbrica, costruite utilizzando parti nuove. Ogni apparecchiatura dovrà essere di ultima generazione presente sul mercato. Il Fornitore dovrà, consegnare copia della manualistica tecnica (manuali d uso e manuali di servizio) completa, relativa ai prodotti hardware e software forniti. Per ogni apparecchiatura dovrà essere garantito l aggiornamento gratuito del/dei software installato/i di gestione durante tutto il periodo di attivazione del servizio di assistenza e manutenzione. Timbro e firma del legale rappresentante dell Impresa... 6/21

7 3.1 Specifiche tecniche comuni a tutti gli apparati Nel presente articolo sono elencati le specifiche tecniche obbligatorie comuni a tutti i tipi di apparati oggetto della fornitura (Tipo A/B/C/D). Specifiche tecniche obbligatorie per tutte le apparecchiature Specifiche funzionali: IEEE 802.3: 10BASE-T IEEE 802.3u: 100BASE-T IEEE 802.3ab: 1000BASE-T IEEE 802.3z: 1000BASE-X IEEE 802.3ae: 10 Gigabit Ethernet IEEE 802.1Q: Gestione e tagging delle VLAN IEEE 802.3af: Power Over Ethernet (PoE) IEEE 802.3x: Pause Frames/Flow Control IEEE 802.3ad: Link Aggregation Control Protocol IEEE 802.1p: Class of Service Quality of Service (CoS/QoS) IEEE 801.1X: Port-based network access control Supporto per Jumbo Frame (almeno 9000 byte) Rate limiting con l'utilizzo delle ACL VLAN Spanning Tree Protocol (VSTP) VLAN per porta VLAN per MAC GVRP (GARP VLAN Registration Protocol), o equivalente, o superiore IEEE 802.1D: Spanning Tree Protocol IEEE 802.1w: Rapid Spanning Tree Protocol IEEE 802.1s: Multiple Instance Spanning Tree Access Control List (ACL) e definibili per porta Internet Group Management Protocol (IGMP) v1, v2, v3 IGMP snooping Static routing RIP v1/v2 Management: Command-line interface (CLI) SNMP v1/v2/v3 RADIUS Network Time Protocol (NTP) SSHv2 SCP (Secure Copy) Link Layer Discovery Protocol (LLDP) Link Layer Discovery Protocol Media Endpoint Discovery (LLDP-MED) RFC 1757 Remote Monitoring (RMON) MIB RFC 3164 BSD Syslog Sensore di temperatura Parametri qualitativi e quantitativi: IGMP snooping realizzato in hardware ACL implementate in hardware Numero minimo di VLAN definibili e attive contemporaneamente: 2048 Timbro e firma del legale rappresentante dell Impresa... 7/21

8 3.2 - Specifiche tecniche degli apparati di Tipo A L'apparato di tipo A dovrà essere un apparato switch modulare con tecnologia 10GbE Layer 3 (o superiore) nel quale le funzionalità di switching (Layer 2) e routing (Layer 3) sono realizzate in Hardware (HW) con tecnologia ASIC (o equivalente/superiore). Gli apparati di Tipo A dovranno rispettare le specifiche tecniche obbligatorie descritte nelle tabelle seguenti, oltre a quelle già elencate nel paragrafo 3.1. Specifiche tecniche obbligatorie per gli apparati di Tipo A Specifiche strutturali: Apparati Layer 3 (o superiore) con switching e routing realizzati in HW con tecnologia ASIC, equivalente o superiore, ad architettura a matrice di commutazione Architettura modulare a chassis per rack 19 con backplane passivo L'apparato deve avere un numero di slot tale da permettergli di ospitare 336 o più porte RJ45 di tipo 10/100/1000 (IEEE Type 10Base-T, IEEE 802.3u Type 100Base-TX, IEEE 802.3ab Type 1000Base-T) Alimentatori ridondati (AC/DC) N+1 atti a supportare l apparecchiatura con le interfacce richieste Specifiche funzionali: OSPF v1/v2 Border Gateway Protocol version 4 (BGPv4) Intermediate System-to-Intermediate System (IS-IS) RFC 3768 Virtual Router Redundancy Protocol (VRRP) RFC 2784 Generic Routing Encapsulation (GRE) Protocol Independent Multicast: PIM-SM, PIM-SSM, PIM-DM Virtual Routing and Forwarding (VRF) (o equivalente, o superiore) RFC 3176 sflow (o equivalente, o superiore) Requisiti qualitativi/quantitativi: Minima capacità di switching delle matrici di commutazione centrali: 640 Gbps Minimo throughput effettivo (L2/L3 forwarding) delle matrici di commutazione centrali: 400 Mpps (IPv4) / 200 Mpps (Ipv6) Numero minimo di indirizzi MAC (Media Access Control): Numero minimo di gruppi di aggregazione IEEE 802.3ad definibili e utilizzabili simultaneamente: 64 IPv6 implementato in hardware No oversubscription su tutte le schede e prestazioni full wire speed su tutte le interfacce Specifiche tecniche degli apparati di Tipo B L'apparato di Tipo B dovrà essere un apparato switch modulare a chassis, oppure composto da apparati stackable collegati tra loro (nel qual caso si intende per apparato il gruppo di switch stackable collegati in catena tra loro). Per chiarezza si intende che tutti gli apparati di Tipo B forniti dovranno essere di tipo modulare a chassis oppure dovranno essere tutti di tipo stackable. Non saranno ammesse delle soluzioni miste. Gli apparati di Tipo B dovranno rispettare le specifiche tecniche obbligatorie descritte nelle tabelle seguenti, oltre a quelle già elencate nel paragrafo 3.1. Timbro e firma del legale rappresentante dell Impresa... 8/21

9 Specifiche tecniche obbligatorie per gli apparati di Tipo B Specifiche funzionali/strutturali: Apparati Layer 2 o superiore con switching realizzato in HW con tecnologia ASIC, o equivalente o superiore, ad architettura a matrice di commutazione Architettura modulare a chassis per rack 19 oppure architettura a stack. Nel caso di architettura a stack questa deve essere realizzata con apposito canale dedicato e non con l ausilio di porte di rete standard (IEEE 802.3/u/ab/z/ae). Alimentazione AC/DC ridondata su tutti gli apparati, anche nel caso di soluzione stackable (in questo caso ogni switch stackable deve avere un alimentatore di ridondanza); Supporto 10/100/1000 PoE (IEEE 802.3af); Possibilità di disabilitare via software o command line l alimentazione delle porte PoE; Specifiche qualititativie/quantitative minime: Minima capacità di switching delle matrici di commutazione centrali: 64 Gbps Minimo throughput reale (L2/L3 forwarding) delle matrici di commutazione centrali: 64 Mpps Numero minimo di indirizzi MAC (Media Access Control) gestibili dall'apparato: Specifiche tecniche degli apparati di Tipo C e D Gli apparati di Tipo C e D dovranno essere switch layer 2 o superiore a struttura fissa, rispettivamente con 44/48 e 20/24 porte 10/100/1000Base-T, previsti per la collocazione negli armadi di distribuzione a bassa densità di punti. Gli apparati di Tipo C e D dovranno rispettare le specifiche tecniche obbligatorie descritte nelle tabelle seguenti, oltre a quelle già elencate nel paragrafo 3.1. Specifiche tecniche obbligatorie per gli apparati di Tipo C e D Specifiche funzionali/strutturali: Apparati Layer 2 o superiore con switching realizzati in HW con tecnologia ASIC, equivalente o superiore, ad architettura a matrice di commutazione Supporto PoE (IEEE 802.3af) su porte 10/100/1000 Possibilità di disabilitare via software o command line l alimentazione delle porte PoE Specifiche qualititative/quantitative minime: Minima capacità di switching delle matrici di commutazione centrali: 32 Gbps Minimo throughput reale (L2/L3 forwarding) delle matrici di commutazione centrali: 32 Mpps Numero minimo di indirizzi MAC (Media Access Control) gestibili dall'apparato: 4000 Art.4 - Requisiti di conformità Il Fornitore dovrà garantire la conformità delle apparecchiature alle normative CEI (CEE) o ad altre disposizioni internazionali riconosciute, alle norme relative alla compatibilità elettromagnetica e in generale, alle vigenti norme legislative, regolamentari e tecniche disciplinanti i componenti e le modalità di impiego delle apparecchiature medesime ai fini della sicurezza degli utilizzatori. Timbro e firma del legale rappresentante dell Impresa... 9/21

10 A titolo esemplificativo e non esaustivo, le apparecchiature fornite dovranno rispettare: 1. Requisiti stabiliti nel D.Lgs n e nel D.Lgs , n.81 2 ; 2. Requisiti di sicurezza e di emissione elettromagnetica certificati da Enti riconosciuti a livello europeo. 3. Requisiti stabiliti dal D.Lgs 25 Luglio 2005, n relativi alla riduzione dell'uso di sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche, nonche' allo smaltimento dei rifiuti (RohS/WEEE o RAEE). Tutte le apparecchiature fornite dovranno essere corredate della documentazione attestante la sussistenza dei suddetti requisiti. Art.5 - Descrizione e specifiche minime del software di gestione centralizzato La fornitura degli apparati di rete oggetto del presente Capitolato d oneri deve comprendere, inoltre, un software di sistema di gestione e monitoraggio con interfaccia grafica, comprensivo di licenze (server e client) che ne garantiscano le piene funzionalità, per la gestione delle configurazioni degli apparati, del monitoraggio, della rilevazione dei guasti, degli aggiornamenti del software e per altre funzionalità di controllo avanzato tipo possibilità di eseguire programmi in modalità batch. Il sistema di gestione dovrà avere almeno le seguenti funzionalità: Specifiche tecniche obbligatorie per il software di gestione Aggiornamento software e firmware di tutti gli apparati da remoto Gestione delle configurazioni degli apparati di rete Collettore e ricerca nei log degli apparati di rete Tracciabilità degli host via MAC address Tracciabilità degli host utente in associazione con l autenticazione 802.1x Gestione allarmistica guasti sugli apparati Gestione centralizzata delle VLAN Gestione e monotoraggio porte Network discovery e visualizzazione topologia rete Archivio configurazioni singoli apparati Il sistema di gestione deve essere in grado di interfacciare apparecchiature di altro produttore tramite protocollo SNMP e MIB opportuni. 1 D.Lgs n.615 Attuazione della direttiva 89/336/CEE del Consiglio del 3 maggio 1989, in materia di ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alla compatibilità elettromagnetica, modificata ed integrata dalla direttiva 92/31/CEE del Consiglio del 28 aprile 1992, dalla direttiva 93/68/CEE del Consiglio del 22 luglio 1993 e dalla direttiva 93/97/CEE del Consiglio del 29 ottobre D.Lgs , n.81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n.123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro 3 D.Lgs , n.151 Attuazione della direttiva 2002/95/CE, della direttiva 2002/96/CE e della direttiva 2003/108/CE, relative alla riduzione dell'uso di sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche, nonché allo smaltimento dei rifiuti Timbro e firma del legale rappresentante dell Impresa... 10/21

11 Art. 6 - Quantità oggetto della fornitura La fornitura comprenderà apparati attivi, software di gestione e cavi patch fibra ottica multimodale 50/125, cavi patch fibra ottica monomodale e cavi patch UTP Cat. 6, secondo le quantità e tipologie elencate nei paragrafi 1, 2 e 3 del presente articolo. Ogni parte fornita dovrà rispettare i corrispondenti requisiti descritti nell articolo Quantità apparati attivi La quantità di apparati richiesta è: n. 2 apparati di Tipo A n. 20 apparati di Tipo B n. 5 apparati di Tipo C n. 4 apparati di Tipo D Nel caso degli apparati di Tipo B, qualora si opti per la soluzione di tipo stackable, è evidente che ogni apparato di Tipo B, per arrivare a coprire i punti richiesti, sarà generalmente composto da uno o più switch distinti, collegati tra loro mediante il canale di stack, e di conseguenza il numero di apparecchiature hardware distinte da fornire sarà maggiore a 20. Nelle 4 tabelle seguenti sono specificate le quantità e la tipologia di porte dati richieste per ogni apparato oggetto della fornitura. Le tabelle riguardano rispettivamente le quantità per ogni tipo di apparato richiesto (Tipo A/B/C/D). Ad ogni singolo apparato viene associato un codice identificativo, come riferimento per la fornitura. Tale codice sarà composto dalla lettera associata al tipo di apparato e da un numero intero progressivo (Per esempio: A1 e A2 sono i codici per i 2 apparati di Tipo A). Apparato Quantità porte richieste per i 2 apparati di Tipo A Porte 10GBase-SR Porte 10Gbase-CX4 Porte 1000Base-SX Porte 1000Base-LX A A Porte 10/100/1000 Base-T Quantità porte richieste per i 20 apparati di Tipo B Apparato Porte 10GBase-SR Totale Porte 10/100/1000Base-T Numero minimo di porte con supporto IEEE 802.3af B B B B Timbro e firma del legale rappresentante dell Impresa... 11/21

12 B B B B B B B B B B B B B B B B Apparato Quantità porte richieste per i 5 apparati di Tipo C Porte 1000Base-SX Porte 1000Base-LX Totale minimo C C C C C Porte 10/100/1000Base-T Numero minimo di porte con supporto IEEE 802.3af Apparato Quantità porte richieste per i 4 apparati di Tipo D Porte 1000Base-SX Totale Minimo D D D D Porte 10/100/1000Base-T Numero minimo di porte con supporto IEEE 802.3af Le porte in fibra ottica dovranno essere fornite comprensive dei tranceiver ottici corrispondenti al tipo di interfaccia richiesto. Nelle tabelle relative agli apparati di distribuzione (Tipo B/C/D) l ultima colonna a destra riguarda il numero minimo di interfacce 10/100/1000Base-T, comprese nel totale richiesto per l'apparato, che dovranno supportare il POE (IEEE 802.3af Power Over Ethernet) per l'alimentazione dei telefoni VOIP (punti TP della rete). Il singolo alimentatore di ogni apparato di Tipo B/C/D dovrà supportare il funzionamento Timbro e firma del legale rappresentante dell Impresa... 12/21

13 contemporaneo del minimo di interfacce POE richieste, calcolato con l assorbimento massimo previsto dallo standard 802.3af. Non sono richieste interfacce con supporto POE IEEE 802.3af per gli apparati di Tipo A. L apparato B20, evidenziato nella corrispondente tabella, costituisce parte di ricambio di emergenza per la tipologia di apparato Tipo B, e pertanto, dovrà essere della stessa tipologia (modulare a chassis o stackable) degli altri apparati Tipo B forniti. L apparato C5 costituisce parte di ricambio per gli apparati Tipo C e D. 6.2 Software di gestione Dovrà essere fornito un software di gestione per gli apparati di rete forniti, completo di media per l installazione, manuali e licenza d uso per almeno 100 apparati. 6.3 Cavi patch Dovranno essere fornite le seguenti quantità di cavi patch fibra e rame: Tipo patch Lunghezza Quantità Fibra ottica multimodale 50/125 con connettori SC- 2 metri 120 SC o SC-LC 3 metri 80 Fibra ottica monomodale 9/125 con connettori SC- 2 metri 4 SC o SC-LC 3 metri 4 UTP Cat. 6 1 metro metri metri 1000 Per le patch in fibra ottica un connettore (la rete cablata prevede un connettore SC) dipenderà dalla tipologia presente sulle interfacce degli apparati forniti. Nel caso gli apparati presentino sia connettori di tipo SC che di tipo LC, le quantità di patch SC-SC e quella di patch SC-LC, nel rispetto del totale previsto, verranno concordate successivamente all aggiudicazione. Art.7 - Descrizione dei servizi accessori I servizi descritti nel presente articolo sono da considerarsi accessori alla fornitura delle apparecchiature, cioè prestati dal Fornitore unitamente alla fornitura medesima. Il corrispettivo di tali servizi è compreso nel prezzo unitario offerto per ciascuna apparecchiatura. 7.1 Consegna, installazione e collaudo La consegna delle apparecchiature dovrà avvenire entro 40 (quaranta) giorni solari dall aggiudicazione definitiva. Le apparecchiature dovranno essere consegnate a cura e spese del Fornitore presso il magazzino della SISSA sito in Via Bonomea, n.265, livello -1, e poi dovranno essere collocate ed installate nelle loro locazioni definitive presso i vari piani dell edificio centrale e presso gli edifici periferici del comprensorio. La consegna dovrà avvenire in orari e date da concordare con la Scuola. Timbro e firma del legale rappresentante dell Impresa... 13/21

14 Al termine delle operazioni di consegna il Fornitore dovrà procedere all installazione delle apparecchiature nonchè al collegamento alla rete dati ed elettrica predisposta dalla SISSA. Sarà a carico del Fornitore: acquisire la disponibilità di mezzi speciali e/o di quanto altro necessario a trasportare, scaricare ed a collocare le apparecchiature nei luoghi previsti, il fissaggio dell apparecchiatura negli armadi a rack già predispoti, compresi i supporti, le piastre e quant altro necessario, la verifica e la messa in funzione del sistema. La SISSA garantirà che i percorsi interni alle proprie strutture consentano il passaggio dell elemento più voluminoso fino a destinazione. Al termine delle operazioni di installazione si procederà al collaudo. Il Fornitore garantisce l uso anticipato delle attrezzature fornite, ultimate ancorché non collaudate, su semplice richiesta della Stazione appaltante, senza che il Fornitore abbia per ciò diritto a speciali compensi, né possa sollevare eccezioni di sorta. Egli potrà richiedere che sia constatato lo stato delle forniture per essere sollevato da possibili danni che possono derivare dall uso improprio delle stesse. Il collaudo verrà effettuato dall'amministrazione in contraddittorio con il Fornitore e dovrà riguardare la totalità delle apparecchiature compresi i relativi sistemi software installati. Il collaudo consisterà: nell'accertamento della presenza di tutte le componenti dell apparecchiatura, compresi software e accessori per l'alimentazione e l'alloggiamento degli stessi negli armadi a rack; nella verifica della conformità tra i requisiti tecnici posseduti dalle apparecchiature con quelli richiesti nel presente capitolato; nella verifica della conformità dell apparecchiatura ai requisiti e alle caratteristiche tecniche previsti dalle norme di legge; nell'accertamento delle corrette condizioni di funzionamento delle apparecchiature sulla scorta di tutte le prove funzionali e diagnostiche stabilite per ciascun tipo di apparecchiatura nei manuali tecnici del Fornitore, con prove di funzionamento sia a livello di hardware che di software, mediante dimostrazioni effettuate dal tecnico del Fornitore. Il Fornitore dovrà produrre in sede di collaudo la certificazione dell azienda di produzione attestante la data di fabbricazione, il numero di matricola progressivo e le certificazioni di conformità attestanti la rispondenza dell apparecchiatura fornita alle vigenti norme di sicurezza. Tutte le operazioni consigliate nei manuali tecnici si intendono obbligatorie per il Fornitore. La fornitura è da considerarsi collaudata con esito positivo quando tutti i suoi componenti sono collaudati con esito positivo. Delle suddette operazioni verrà redatto apposito verbale di collaudo, firmato dall'amministrazione e controfirmato dal Fornitore. La data del verbale verrà considerata quale Data di accettazione della Fornitura. Il collaudo positivo non esonera comunque il Fornitore per eventuali difetti ed imperfezioni che non siano emersi al momento del collaudo, ma vengano in seguito accertati. Timbro e firma del legale rappresentante dell Impresa... 14/21

15 Gli interventi di installazione e di collaudo dovranno concludersi, salvo diverso accordo con la SISSA, entro 15 (quindici) giorni solari dalla consegna completa della fornitura. Se entro il suddetto termine le apparecchiature non supereranno, in tutto o in parte, il collaudo, il fornitore dovrà provvedere a fornire un apparato conforme all offerta, entro il termine massimo di ulteriori 5 (cinque) giorni. Per tali giornate di ritardo l Amministrazione provvederà ad applicare una penale giornaliera pari ad Euro 500 (cinquecento). Scaduto il sopra citato ulteriore termine di 5 giorni, l Amministrazione potrà avvalersi del diritto di risolvere in tutto o in parte il contratto di fornitura relativamente alle apparecchiature non accettate, fatto salvo l ulteriore danno. 7.2 Assistenza e manutenzione Il Fornitore per un periodo di 5 (cinque) anni, decorrenti dall'esito positivo del collaudo (data di accettazione dell apparecchiatura) dovrà fornire i servizi di assistenza e manutenzione sull apparecchiatura (dal tipo A al tipo D), il cui costo è incluso nel prezzo unitario di acquisto delle stesse. Durante tale periodo il Fornitore assicura il necessario supporto tecnico finalizzato al corretto funzionamento dei prodotti forniti, nonché, ove occorra, la fornitura gratuita di tutti i materiali di ricambio che si rendessero necessari a sopperire eventuali vizi o difetti di fabbricazione, ovvero, qualora necessaria o opportuna, la sostituzione delle apparecchiature. L'assistenza verrà effettuata con personale certificato e comprenderà: 1. Manutenzione hardware 2. Manutenzione software Il Fornitore deve mettere a disposizione dell Amministrazione un numero telefonico, uno di fax e un indirizzo di posta elettronica dedicati alla ricezione e gestione delle richieste di assistenza e manutenzione, alla segnalazione dei guasti e gestione dei malfunzionamenti. I numeri potranno essere gratuiti oppure ad addebito ripartito con numeri geografici di rete fissa nazionale. I numeri di cui sopra dovranno essere attivi per la ricezione delle richieste di intervento e delle chiamate tutti i giorni dell anno, esclusi sabato, domenica e festivi, per almeno 8 ore in una fascia oraria che va dalle ore 8:00 alle ore 17: Manutenzione hardware La manutenzione hardware (su chiamata) comprende la riparazione e/o la sostituzione di tutte le sue parti, componenti, accessori e di quant'altro componga il bene nella configurazione fornita che subiscano guasti dovuti a difetti o deficienze del bene o per usura naturale. La manutenzione sarà effettuata con le seguenti modalità: 1. Numero interventi su chiamata illimitati 2. Intervento on-site per il ripristino della funzionalità dell apparecchiatura guasta o la sua sostituzione con apparecchiatura identica entro 24 (ventiquattro) ore solari, (esclusi sabato, domenica, festivi, Next Business Day) dalla Richiesta di intervento, pena l applicazione delle penali previste nel contratto. Per ogni intervento dovrà essere redatto un verbale da parte del Fornitore. Tutte le parti di ricambio dovranno essere originali. Timbro e firma del legale rappresentante dell Impresa... 15/21

16 7.2.2 Manutenzione software Anche la manutenzione per tutti i prodotti software offerti dovrà avere una durata minima di 5 (cinque) anni a partire dal collaudo del sistema. Essa deve prevedere servizi di correzione, aggiornamento ed assistenza. Con servizi di correzione si intende un servizio, disponibile nel normale orario di lavoro, che attraverso un help-desk telefonico e tramite canale Web, garantisca accesso diretto agli esperti del produttore software, per sottoporre problemi riguardanti l installazione, la gestione e la manutenzione del prodotto software, consenta l accesso alle correzioni singole ( patches ) ed aggregate ( maintenance releases ) che il produttore software rende disponibili per tutta la durata del servizio di manutenzione indicata in offerta. Con servizi di aggiornamento si intende il diritto di ricevere, per tutta la durata del servizio di manutenzione indicata in offerta, ogni nuovo rilascio dei prodotti, reso disponibile dal produttore software, e la relativa documentazione. Art.8 - Oneri ed obblighi diversi a carico della ditta fornitrice Con i prezzi offerti per la fornitura ed installazione, si intendono compensati tutti gli oneri indicati nel presente Capitolato. Si intendono altresì compensate tutte le spese per gli oneri e gli obblighi sotto elencati: 1) fornitura di tutti i materiali ed opere necessarie per consegnare la fornitura finita a regola d arte; 2) montaggio eseguito da manodopera specializzata: 3) spese di viaggio e di trasferta degli operai impiegati nel montaggio; 4) ogni trasporto, carico, scarico, imballo, ecc., nessuno escluso; 5) assistenza tecnica per tutte le opere connesse con le installazioni affidate anche se non comprese nella fornitura, ma da essa dipendenti o collegate; 6) pulizia dei locali, sgombero e trasporto in discarica di tutti gli imballaggi, materiali, scarti e rifiuti derivanti dalla fornitura e dalla relativa installazione, da effettuarsi entro 2 giorni dall ultimazione della fornitura. L impresa è inoltre responsabile degli eventuali furti e dei danni causati anche da terzi che si dovessero verificare durante i montaggi nei locali messi a disposizione dall Amministrazione. Il corrispettivo per tutti gli obblighi ed oneri sopra specificati, nessuno escluso, è conglobato nel prezzo della fornitura e relativa installazione. Art.9 Penali La penale prevista per ogni giorno naturale consecutivo di ritardo nella consegna della fornitura, rispetto al termine di cui all art.7.1, sarà pari a 500 (cinquecento) euro. Resta comunque inteso che, superati 20 giorni naturali consecutivi di ritardo rispetto al termine di consegna, la SISSA potrà avvalersi del diritto di risolvere il contratto e la cauzione verrà incamerata a titolo di penale. L ammontare della penale, accertato in base al documento di consegna, sarà detratto dall importo indicato in fattura senza che l aggiudicatario stesso possa fare opposizione o rivalersi a qualsiasi titolo alla SISSA. La liquidazione della fattura, relativa al materiale consegnato in ritardo, risulterà dalla differenza tra l importo totale della fattura e l importo della penale da applicare. Nel caso di ritardo nell effettuazione degli interventi di installazione e collaudo di cui all art.7.1, verrà applicata una penale giornaliera di Euro 500 (cinquecento) per ogni giornata di ritardo, fermo restando che, nel caso di ritardo superiore a 5 (cinque) giorni, l Amministrazione potrà risolvere in tutto o in parte il contratto di fornitura relativamente alle apparecchiature non accettate. Timbro e firma del legale rappresentante dell Impresa... 16/21

17 La penale prevista per il mancato rispetto del tempo massimo di intervento previsto dal servizio di assistenza e manutenzione, come descritto nel precedente art.7, sarà pari a 300 (trecento) euro per ogni giorno di ritardo sul tempo massimo di intervento dal momento dell apertura della chiamata alla chiusura della stessa, nei giorni feriali da lunedì a venerdì. L ammontare delle penalità sarà addebitato sui crediti dell Impresa dipendenti da contratto cui essi si riferiscono. Mancando crediti o essendo insufficienti, l'ammontare della penalità viene addebitato sulla cauzione. In tali casi, l integrazione dell importo della cauzione deve avvenire entro i termini previsti dall art.14 del presente capitolato. Le penalità sono notificate all'impresa in via amministrativa, restando escluso qualsiasi avviso di costituzione in mora ed ogni atto o procedimento giudiziale. L ammontare della penalità è addebitato, di regola, nel momento in cui viene disposto il pagamento della fattura. L importo della penalità potrà essere maggiorato in rapporto alla gravità dell inadempimento o della irregolare effettuazione della prestazione. Resta inteso il diritto dell Amministrazione di richiedere il risarcimento del maggior danno ed ogni altra conseguenza in relazione all inadempimento. Le penali sono cumulabili sino ad un massimo del 5% del prezzo globale della fornitura. In caso di superamento di tale importo l Amministrazione avrà senz altro facoltà di risolvere il contratto mediante invio, di raccomandata A. R. all aggiudicatario, previamente anticipata via fax, e fermo restando l incamero della cauzione definitiva ed il ristoro del maggiore danno sofferto. Art.10 Pagamenti Questa Scuola provvederà al pagamento del 95% dell importo del contratto, entro 60 giorni dal collaudo con esito positivo. Il rimanente 5% dell importo del contratto verrà corrisposto su presentazione di fatture trimestrali di pari importo, posticipate rispetto all inizio del periodo di decorrenza del servizio di assistenza. Il pagamento avverrà entro 60 giorni dal ricevimento delle fatture. In caso di aggiudicazione della gara ad un R.T.I., il pagamento del corrispettivo della fornitura verrà effettuato a favore dell impresa mandataria, previa spedizione all Amministrazione delle fatture emesse anche dalle imprese mandanti, conformemente alle modalità previste dalla normativa, anche secondaria, vigente in materia. Art.11 - Aumenti o riduzioni La Scuola, fino alla scadenza di validità dell offerta, si riserva la facoltà di aumentare o diminuire l entità della fornitura, fino alla concorrenza di un quinto del prezzo totale di aggiudicazione e il Fornitore ha l obbligo di accettare agli stessi patti e condizioni dell aggiudicazione. Timbro e firma del legale rappresentante dell Impresa... 17/21

18 Art.12 Disposizioni relative al prezzo della fornitura Per norma generale, resta stabilito che nel prezzo del contratto, si intende sempre compresa e compensata ogni spesa principale, provvisionale od accessoria, ogni fornitura, ogni consumo, l intera mano d opera, ogni trasporto, lavorazione, e magistero, nonché l utile e le spese generali del Fornitore, ed in genere quant altro occorre per dare tutta la fornitura completa ed ultimata nel modo e nei tempi prescritti. Art.13 Revisione del prezzo Il prezzo è fisso ed invariabile, indipendentemente da qualsiasi eventualità da cui potessero derivare aumenti dei costi dei materiali e delle lavorazioni. Art.14 - Cauzione definitiva A garanzia della corretta prestazione e di tutte le obbligazioni assunte, l Impresa, preliminarmente alla stipula del contratto, costituirà un deposito cauzionale definitivo nella misura del 10% dell importo netto di aggiudicazione. Ai sensi dell art.113 del D.Lgs 163/2006 4, in caso di aggiudicazione con ribasso sull importo posto a base di gara superiore al 10%, la garanzia fideiussoria è aumentata di tanti punti percentuali quanti sono quelli eccedenti il 10%; ove il ribasso sia superiore al 20%, l aumento è di due punti percentuali per ogni punto di ribasso superiore al 20%. La cauzione potrà essere prestata tramite fidejussione bancaria o assicurativa, nei modi previsti dalla legge 10 giugno 1982, n La fidejussione bancaria o polizza assicurativa, o polizza rilasciata da un intermediario finanziario iscritto nell elenco speciale di cui all art.107 del D.Lgs. 385/93 6, relativa alla cauzione definitiva dovrà contenere l espressa rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale, ai sensi dell art.1944 (Obbligazioni del fideiussore) del Codice Civile, la rinuncia all eccezione di cui al comma 2 dell art.1957 (Scadenza dell'obbligazione principale) del Codice Civile e l operatività della garanzia entro 15 giorni a semplice richiesta scritta della stazione appaltante. L Istituto garante dovrà dichiarare di ritenere valida la fideiussione fino al completo esaurimento del rapporto contrattuale, nonché di obbligarsi a versare al committente su semplice domanda, senza eccezioni o ritardi, l ammontare della somma garantita o della minore somma richiesta. Qualora la cauzione sia rilasciata da un Istituto di Intermediazione Finanziaria, inoltre dovrà essere documentato o dichiarato (ai sensi del D.P.R. 445/ ) che quest ultimo è iscritto nell elenco speciale di cui all art.107 del D.Lgs. 385/93 e che svolge in via esclusiva o prevalente attività di rilascio di garanzie, a ciò autorizzato dal Ministero dell Economia e delle Finanze. Fermo restando quanto previsto dall art.113 del D.Lgs 163/2006, l'amministrazione disporrà lo svincolo della cauzione dopo la completa estinzione di tutti i rapporti contrattuali, quando le prestazioni saranno state integralmente e regolarmente effettuate. Qualora l Amministrazione operi prelevamenti sull ammontare della cauzione, per fatti connessi con l'esecuzione del contratto, l Impresa deve reintegrare l ammontare della stessa. 4 D.Lgs n.163 Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE 5 Legge 10 giugno 1982, n.348 Costituzione di cauzioni con polizze fidejussorie a garanzia di obbligazioni verso lo Stato ed altri enti pubblici. 6 D.Lgs 01 settembre 1993, n.385 Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia. 7 D.P.R. 28 dicembre 2000, n.445 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa. (Testo A). Timbro e firma del legale rappresentante dell Impresa... 18/21

19 Ove ciò non avvenga entro il termine di 15 giorni dalla conseguente lettera di comunicazione dell'amministrazione, è in quest'ultima la facoltà di risolvere il contratto, con le conseguenze previste per i casi di risoluzione dal presente Capitolato. Art.15 - Osservanza delle condizioni di lavoro Nell esecuzione del presente appalto l'impresa si impegna ad organizzare ed effettuare la prestazione assumendo a proprio carico tutte le relative spese. Nei confronti del proprio personale, l'impresa dovrà osservare tutte le leggi, i regolamenti e gli accordi riguardanti il trattamento economico e normativo, nonché le assicurazioni, la tutela e l'assistenza del personale medesimo, restando pertanto a suo carico tutti i relativi oneri e le sanzioni civili e penali previste dalle leggi e regolamenti in materia. Conseguentemente, la Scuola resta sollevata da ogni e qualsiasi responsabilità derivante dall appalto. Art.16 - Tutela contro azioni di terzi L'Impresa risponde dei danni di qualunque natura alla stessa imputabili, che risultino arrecati dal proprio personale ai beni immobili e mobili della Scuola, nonché a terze persone o a cose di terzi, al personale della Scuola, agli studenti o altri visitatori; conseguentemente si impegna alla pronta riparazione dei danni stessi ed, in difetto, al loro risarcimento all'uopo riconoscendo il diritto di rivalsa da parte della Scuola sotto qualsiasi e più ampia forma consentita dalla legge. A tal fine è a carico dell Impresa l obbligo di stipulare, presso società di primaria importanza, una polizza di assicurazione per Responsabilità Civile verso Terzi e verso i prestatori di lavoro d opera per danni provocati a cose e/o persone da atti eseguiti od ordinati da dipendenti dell impresa o comunque in dipendenza diretta o indiretta della esecuzione dell appalto non inferiore a Euro ,00 (duemilioniseicentomila), fermo restando l intera responsabilità dell Impresa per eventuali ulteriori danni come indicato al precedente paragrafo. Copia della polizza dovrà essere consegnata all Amministrazione. Art.17 - Sicurezza sul lavoro L Impresa è obbligata all osservanza delle disposizioni del D.Lgs 81/ e leggi e norme correlate, in particolare a quanto disposto dagli articoli 17, 18 e 19. A tal fine l Impresa dovrà consegnare alla S.I.S.S.A. il piano di sicurezza relativo alle operazioni lavorative svolte. Al momento della stipula del contratto, l Impresa appaltatrice dovrà comunicare il nominativo del responsabile del Servizio prevenzione e protezione, designato ai sensi dell art.17 del D.Lgs. sopra richiamato e del Medico Competente, nei casi previsti dal D.Lgs stesso. Ai sensi dell art 26, comma 3, del D.Lgs 81/2008 si è proceduto alla valutazione dei rischi da interferenza e alla redazione del DUVRI, indicante le misure previste per l eliminazione/riduzione dei rischi da interferenza. Tali misure non comportano costi a carico dell impresa appaltatrice. Nel caso in cui, durante lo svolgimento dell appalto, si rendesse necessario apportare varianti al contratto, la Scuola provvederà all aggiornamento del DUVRI, ed eventualmente, alla determinazione dei relativi costi della sicurezza. 8 D.Lgs , n.81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n.123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro Timbro e firma del legale rappresentante dell Impresa... 19/21

20 La S.I.S.S.A. fornirà all Impresa dettagliate informazioni sui rischi specifici esistenti nell ambiente in cui il personale dovrà operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate in relazione all attività normalmente esercitata nell ambiente di lavoro. La S.I.S.S.A. e l Impresa si impegnano a cooperare all attuazione delle misure di prevenzione e protezione dai rischi sul lavoro che possano incidere sulle attività lavorative oggetto dell appalto. Art.18 Antimafia Relativamente alla normativa antimafia si applica quanto disposto dal D.Lgs 490/ e dal D.P.R. 252/ e successive modifiche ed integrazioni. Art.19 - Spese Sono a totale carico dell Impresa aggiudicataria tutte le spese inerenti il presente appalto, compresa la bollatura e la registrazione del contratto in forma pubblica amministrativa. Per la registrazione fiscale saranno applicate le norme vigenti. Art.20 - Subappalto E ammesso il subappalto secondo quanto previsto dall art.118 del D.Lgs 163/ Art.21 Divieto di cessione del contratto E fatto espresso divieto di cessione totale o parziale del contratto, salvo quanto previsto all art.116 del D.Lgs 163/2006. Art.22 - Risoluzione del contratto Oltre all applicazione delle penali previste al precedente art.9, l Amministrazione si riserva il diritto di risoluzione del contratto, nei seguenti casi: - superati 20 giorni naturali consecutivi di ritardo rispetto al termine di consegna della fornitura; - mancato superamento del collaudo nei termini previsti all art.7.1; - gravi violazioni degli obblighi contrattuali, non eliminate a seguito di diffida formale dell Amministrazione; - verificarsi di una delle condizioni di esclusione di cui all art.38 del D.Lgs 163/2006; - cessione del contratto. Nel caso di inadempimento accertato dall Amministrazione, nel concorso delle circostanze sopra specificate e di quelle previste dal Libro IV, Titolo II, Capo XIV Della Risoluzione del Contratto del Codice Civile (artt.1453 e seguenti), si farà luogo alla risoluzione del contratto, previa diffida dell Amministrazione ad adempiere nelle forme stabilite dalla Legge, senza pregiudizio della rifusione dei danni e delle spese. Qualora il Fornitore dovesse cessare l attività o trasferirla ad altro titolare, sarà pure facoltà dell Amministrazione di recedere dal contratto in vigore o di continuarlo con il nuovo titolare, fatta salva la responsabilità del Fornitore e del nuovo titolare per le obbligazioni anteriori al trasferimento. 9 D.Lgs , n.490 Disposizioni attuative della legge 17 gennaio 1994, n. 47, in materia di comunicazioni e certificazioni previste dalla normativa antimafia. 10 D.P.R n.252. Regolamento recante norme per la semplificazione dei procedimenti relativi al rilascio delle comunicazioni e delle informazioni antimafia. 11 D.Lgs n.163 Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE Timbro e firma del legale rappresentante dell Impresa... 20/21

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica GARA D APPALTO PER LA STIPULA DI UN CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILIO E ATTREZZATURE IN DOTAZIONE

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 14.02.2011 è indetta trattativa privata per

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate.

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate. Roma, 5 marzo 2010 AREA COORDINAMENTO AFFARI AMMINISTRATIVI Ufficio Affari Amministrativi Contabilità e Bilancio Prot. UAA-AIFA F.3./a.23734/P OGGETTO: Gara d appalto mediante cottimo fiduciario per l

Dettagli

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA. PREORDINATA ALL AFFIDAMENTO AI SENSI DEL D. LGS. 163/06 DEI SERVIZI DI PULIZIA DEI LOCALI, DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DELLE ATTREZZATURE PRESSO IL CENTRO SPORTIVO DELLA

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Servizio HP Hardware Support Exchange

Servizio HP Hardware Support Exchange Servizio HP Hardware Support Exchange Servizi HP Il servizio HP Hardware Support Exchange offre un supporto affidabile e rapido per la sostituzione dei prodotti HP. Studiato in modo specifico per i prodotti

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport Servizio Spettacolo, Sport, Editoria e Inform azione GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI ATTIV ITA E SERV IZ I PER LA SARDEGNA FILM COMMISSION CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Regione Autonoma della

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

ICT SERVICE. finale ANNO 20122

ICT SERVICE. finale ANNO 20122 ICT SERVICE Capitolato specia ale d appalto per la fornitura di un servizio di supporto tecnico informatico all utente finale ANNO 20122 INDICE TITOLO I INDICAZIONI GENERALI DELL APPALTO Articolo 1 Definizioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24 ALLEGATO 4 SCHEMA DI CONTRATTO PER I SERVIZI DI DISINFESTAZIONE, DISINFEZIONE, DERATTIZZAZIONE, SANIFICAZIONE E CURA DEL VERDE DA EFFETTUARSI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI ROMA. Lotto Allegato 5 Schema

Dettagli

Gara pubblica europea SERVIZI DI FACCHINAGGIO E TRASPORTO

Gara pubblica europea SERVIZI DI FACCHINAGGIO E TRASPORTO QUESITO n. 1 con riferimento all'elenco dei servizi analoghi prestati nell'ultimo triennio (2004/2005/2006) volevo cortesemente sapere se i certificati di buona esecuzione rilasciati dai committenti devono

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA AVVISO PUBBLICO PER UNA INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIREZIONE DELL ESECUZIONE DELL APPALTO PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E MESSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI RADIOCOMUNICAZIONI

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Codice Identificativo Gara, CIG: 03154838CC

Codice Identificativo Gara, CIG: 03154838CC ACCORDO QUADRO BIENNALE PER I SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILI, MACCHINE ED ARREDI PER UFFICIO, APPARECCHIATURE INFORMATICHE ED ELETTRONICHE, DOCUMENTAZIONE CARTACEA DA TRASFERIRE NELLA NUOVA

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture BANDI-TIPO per l affidamento di lavori pubblici di importo superiore a 150.000 euro nei settori ordinari Documento di Consultazione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO La Dichiarazione Sostitutiva di Atto Notorio, da compilarsi in caso di Offerta Segreta o Offerta

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI. C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI. C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO Art. 1 - OGGETTO 1. Il presente capitolato ha per oggetto lo svolgimento,

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1)

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) Comune di Prato Servizio Risorse Umane Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) 1 Prova Scritta- Quiz con risposte esatte le risposte esatte sono sottolineate

Dettagli

A.R.T.E. GENOVA BANDO DI GARA D APPALTO DI SERVIZI

A.R.T.E. GENOVA BANDO DI GARA D APPALTO DI SERVIZI A.R.T.E. GENOVA BANDO DI GARA D APPALTO DI SERVIZI I.1) STAZIONE APPALTANTE: A.R.T.E. Azienda Regionale Territoriale per l Edilizia della Provincia di Genova via B. Castello civ.3 16121 Genova tel. 010.53901

Dettagli

LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO APPALTO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE

LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO APPALTO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO APPALTO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE Importo superiore a 150.000 euro ed inferiore a 1.000.000 euro 1 Sommario 1. Oggetto, durata ed importo dell appalto...

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Access point wireless Cisco Small Business serie 500

Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Scheda tecnica Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Connettività Wireless-N, prestazioni elevate, implementazione semplice e affidabilità di livello aziendale Caratteristiche principali

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato Direzione Affari Legali e Societari LEGALEONLINE Documento Normativa di Gruppo Documenti correlati: Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello

Dettagli

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento s intendono per: a) "Autorità",

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

LISTINO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI

LISTINO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI LISTI INO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI APRILE 2012 APICE Listino Prezzi 04/2012 Indice dei contenuti ARMADI GESTIONE CHIAVI... 3 1. KMS... 4 1.1. ARMADI KMS COMPLETI DI CENTRALINA ELETTRONICA E TOUCH

Dettagli