Spett.le GLOPERA SRL Via Alberto Sordi Taranto (TA)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Spett.le GLOPERA SRL Via Alberto Sordi 4600 74121 Taranto (TA) gloperasrl@pec.it"

Transcript

1 Prot. n Martina Franca, 27/09/2013 Spett.le GLOPERA SRL Via Alberto Sordi Taranto (TA) Spett.le Informatica e Oltre di Domebico Lopez Via F.Troccoli, 12/H Bari(BA) Spett.le Tecnolab Group Via F. Corrente snc Locorotondo (BA) Spett.le Cam.el Viale S.D Savio Lecce (LE) 1

2 Spett.le ComputerART Via Mazzini, Monopoli (BA) OGGETTO: PON FESR Ambienti per l apprendimento Obiettivo/Azione B-1B. Procedura di affidamento in economia, mediante procedura comparativa di cui all art. 34 del D.I. 44/2001 per la realizzazione di un Laboratorio multimediale LINGUE MOBILI. CODICE NAZIONALE: B-1-B-FESR CUP: D98G CIG: ZC10BAC2A7 Nell ambito del PON FESR Ambienti per l apprendimento Obiettivo/Azione B.1.B a seguito dell autorizzazione del MIUR prot..n. AOODGAI/3894 del 04/04/2013, si intende affidare mediante procedura comparativa di cui all art. 34 del D.I. 44/2001 e della Determina del DS dell Istituto Comprensivo Chiarelli di Martina Franca prot.n.3928/b-32 del per la realizzazione di n.1 Laboratorio multimediale denominato LINGUE MOBILI. Onde evitare la perdita di finanziamenti comunitari considerato che questa scuola dovrà procedere alla certificazione della spesa entro il 31/10/13 ( AOODGAI/3894 del 04/04/2013), si precisa che questo Istituto è costretto a indire la gara ricorrendo all esecuzione del servizio in via d urgenza in ottemperanza a quanto stabilito dal comma 9 dell art. 11 del D. lgs 163/2006. La fornitura dovrà essere realizzata secondo le modalità e le specifiche definite nell allegata lettera di invito. Codesta impresa, ove interessata, è invitata a presentare la propria migliore offerta tecnica economica per la realizzazione dell attività in oggetto entro e non oltre le ore 9,00 del giorno 08 /10/2013 al seguente indirizzo: ISTITUTO COMPRENSIVO A.R. CHIARELLI VIA CARMINE MARTINA FRANCA (TA) f.to IL DIRIGENTE SCOLASTICO Dott.ssa Roberta Leporati 2

3 LETTERA DI INVITO Programmazione Fondi Strutturali 2007/2013 Programma Operativo Nazionale Ambienti per l Apprendimento PON FESR Obiettivo B: Azione 1.B Progetto LINGUE MOBILI Codice del progetto B-1-B-FESR OGGETTO: Lettera di invito/ Bando di Gara per affidamento procedura comparativa CUP: D98G CIG: ZC10BAC2A7 1. PREMESSA VISTO Il testo del Programma Operativo Nazionale 2007 IT 05 1 PO 007 Competenze per lo Sviluppo relativo al Fondo sociale Europeo. VISTO il Bando/Avviso per la presentazione dei Piani Integrati Prot. n del ; VISTE le Disposizioni ed Istruzioni per l'attuazione delle iniziative cofinanziate dai Fondi Strutturali Europei 2007/2013 Edizione 2009; VISTA la nota ministeriale prot. n. AOODGAI/3894 del con cui questa scuola viene autorizzata dal MIUR, Direzione Generale per gli Affari Internazionali Ufficio IV, ad attuare il progetto FESR Didattica Mobile ; VISTO il verbale del Consiglio di Circolo del 27/06/2013, delibera N. 2, con il quale è stato assunto a bilancio il progetto PON oggetto del presente bando; VISTO il D.I. 44/2001, in particolare, l art. 34, commi 1, 4 e 5, che prevedono rispettivamente che per le attività di contrattazione riguardanti acquisti, appalti e forniture il cui valore complessivo ecceda il limite di spesa di EURO 2000 [salvo diversa previsione deliberata dal Consiglio di Istituto] il dirigente procede alla scelta del contraente, previa comparazione delle offerte di almeno tre ditte direttamente interpellate; è sempre possibile il ricorso alle procedure di gara disciplinate dalle norme generali di contabilità dello Stato; le istituzioni scolastiche sono tenute ad osservare le norme dell'unione Europea in materia di appalti e/o forniture di beni e servizi; VISTO Il Regolamento d Istituto del 24/10/2012 che disciplina le modalità di attuazione delle procedure per l acquisizione di lavori, servizi e forniture; VISTI il Regolamento (CE) n. 1083/2006 recante disposizioni generali sui Fondi strutturali; il Regolamento (CE), n. 1081/2006 relativo al FSE; il Regolamento (CE) n. 1828/2006 che stabilisce modalità di applicazione del Regolamento (CE) 1083/2006 e del Regolamento (CE) 1080/2006; VISTO il Decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 rubricato Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE (G.U. n. 100 del 2 maggio 2006); VISTO in particolare, l art. 28, comma 1, del Codice dei Contratti che stabilisce le modalità di calcolo dell importo a gara per la definizione del carattere di gara sotto soglia comunitaria; 3

4 VISTO in particolare, la Legge 106/2011 di conversione con modifiche del D.L. 70/2011 (Decreto Sviluppo), in cui, all art. 4, sono definiti i nuovi livelli di soglia per i procedimenti in economia; VISTO l art. 34 del D.I. 44/2001; VISTO l art. 3, comma 40 del Decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, che recita: le "procedure negoziate" sono le procedure in cui le stazioni appaltanti consultano gli operatori economici da loro scelti e negoziano con uno o più di essi le condizioni dell'appalto; VISTO il comma 9 dell art. 11 del Decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163; VISTO il D.P.R. 207/2010, rubricato Regolamento di esecuzione ed attuazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163; VISTA la Circolare Ministeriale prot. n. AOODGAI 1261 del 29/01/2013 CONSIDERATO che, al fine di garantire un efficiente ed efficace realizzazione del progetto in oggetto si ritiene di dover comunque rispettare i principi di trasparenza, rotazione, parità di trattamento, previa consultazione di almeno tre operatori economici del mercato di riferimento ( Procedura Comparativa); CONSIDERATO che per la realizzazione del suddetto progetto è necessario procedere all acquisto con l esecuzione in via d urgenza; 2. TERMINOLOGIA a. L Istituto Comprensivo A.R.Chiarelli di Martina Franca sarà denominato in appresso stazione appaltante (Art. 3, comma 33, del D.leg.vo 163/2006 e successive modifiche) b. La ditta che presenterà l offerta sarà denominata offerente (Art. 3, comma 23, del D.leg.vo 163/2006 e successive modifiche) c. Il sito della stazione appaltante sarà denominato in appresso profilo del committente (Art. 3, comma 35, del D.leg.vo 163/2006 e successive modifiche) d. Il decreto legislativo 163 del 12 aprile 2006 (Codice dei contratti pubblici relativi ai lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE 2004/18/CE) sarà denominato in appresso codice. 3. STAZIONE APPALTANTE L Istituto Comprensivo A.R.Chiarelli di Martina Franca, Via Carmine 4 codice fiscale: Ai sensi dell art. 10 del codice il R.U.P. è il Dirigente Scolastico Prof.ssa Dott.ssa Roberta Leporati. Telefonici: a. Ufficio: Fax ; b. c. Profilo del committente: 4. FORMA DELL APPALTO Procedura comparativa di cui all art. 34 del D.I. 44/2001 successive modifiche e integrazioni. 5. OGGETTO DELL APPALTO Fornitura di apparecchiature tecnologiche per la realizzazione del progetto PON cod. B-1-B-FESR CIG: ZC10BAC2A7. Le caratteristiche tecniche sono quelle dettagliatamente descritte nell Allegato Tecnico. In ossequio alle disposizioni vigenti in materia di pubbliche forniture sotto la soglia di rilievo Comunitario, si richiede la migliore offerta ai offerta economicamente più vantaggiosa in termini di qualità/prezzo. Il costo complessivo della fornitura, omnicomprensivo, non potrà essere superiore la somma di ,00, IVA inclusa, suddivisa così come prospettato nell ALLEGATO TECNICO. 4

5 Non saranno ammesse alla gara offerte che presentino caratteristiche tecniche inferiori a quelle indicate nel Capitolato Tecnico, offerte frazionate e, inoltre, non sono previste varianti. 6. CANDIDATI AMMESSI A PARTECIPARE ALLA GARA Sono ammessi a presentare l offerta tutti i candidati in possesso dei requisiti di cui all art. 38 del D. Lgs. 163/2006 come modificato dalla L. 106/ REQUISITI DELL OFFERTA L eventuale offerta dovrà possedere i seguenti requisiti: servizi e lavorazioni di cui all allegato TECNICO. stazione appaltante di cui all Art. 3. elle apparecchiature in oggetto presso i locali della 8. DESCRIZIONE DEL PROGETTO E CARATTERISTICHE DELLE APPRECCHIATURE DA FORNIRE E INSTALLARE Relativamente alle specifiche e ai requisiti tecnici della fornitura richiesta si rimanda a quanto scritto nell apposito allegato Tecnico. 9. MODALITA E TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE OFFERTE Le offerte dovranno essere contenute in un plico chiuso e sigillato contenente n. 3 buste, anch esse chiuse e sigillate, cosi come di seguito descritte nell Art. 10, indirizzato al Dirigente Scolastico della Stazione Appaltante a mezzo del servizio postale con raccomandata A/R- non fa fede il timbro postale ma esclusivamente il timbro di protocollo apposto al ricevimento del plico da parte della stazione appaltante -, ovvero mediante agenzia di recapito autorizzata, ovvero direttamente a mano all Ufficio Protocollo della Stazione Appaltante, entro le ore 09,00 del giorno 08 ottobre 2013, riportante sulla busta l indicazione del mittente, la sua ragione sociale e l indirizzo, nonché la dicitura: CONTIENE PREVENTIVO PER PROGETTO B-1-B-FESR LINGUE MOBILI. Il recapito del plico rimane ad esclusivo rischio del mittente, ove per qualsiasi motivo, anche di forza maggiore, non dovesse giungere a destinazione in tempo utile, non facendo fede il timbro postale. Tutte le documentazioni che compongono l offerta dovranno essere redatte in lingua italiana e sottoscritte, a pena di esclusione, ai sensi di legge con firma leggibile da persona nella piena capacità di agire, abilitata ad impegnare il concorrente. Non si terrà conto, in nessun caso, delle offerte giunte oltre il termine fissato, anche se inviate per posta entro la data prevista, o pervenute prima della pubblicazione del presente bando. Non saranno accettate offerte trasmesse via fax, inviate a mezzo posta elettronica, ancorché certificata, o inoltrate con altro mezzo non specificato dal presente bando. L invio dell offerta rimane a totale rischio e a spese del mittente, restando esclusa ogni responsabilità di questa Istituzione Scolastica ove, per qualsiasi motivo, la stessa non pervenga entro il termine perentorio indicato. 10. DESCRIZIONE DELLE BUSTE E LORO CONTENUTO A BUSTA n. 1 : Busta sigillata e contrassegnata dall etichetta Busta n 1 Documentazione Amministrativa che dovrà contenere: a) Istanza di partecipazione 5

6 b) Certificato di Iscrizione della Ditta proponente alla C.C.I.A.A. non anteriore a sei mesi rispetto alla data di pubblicazione del presente avviso, con attività esercitata analoga all oggetto della fornitura. Il predetto certificato - che dovrà essere rilasciato in carta bianca uso appalti e in data non anteriore a sei mesi a quella prevista per la presentazione delle offerte - potrà essere sostituito da autocertificazione o copia autentica rese ai sensi e con le modalità previste dal D.P.R. n 445/2000. Nel caso di autocertificazione, la stessa dovrà riportare: I. la ragione sociale e l indirizzo completo dell impresa; II. III. IV. la data ed il numero di iscrizione alla C.C.I.A.A.; l attività dichiarata dell impresa con l indicazione se trovasi în fallimento, liquidazione amministrativa coatta, ammissione in amministrazione controllata, liquidazione e cessazione di attività; IV. le generalità dei componenti dell organo di amministrazione e dei soggetti in possesso della titolarità ad impegnare l impresa. c) Dichiarazione di composizione degli organi tecnici incaricati manutenzione, assistenza e controllo qualità, firmata dal rappresentante della Ditta, ai sensi dell art. 14 comma 1 lett. c) del 24/07/1992 n. 358 e sue successive modificazioni e integrazioni. d) Capacità Tecnica: Elenco, sottoscritto dal legale rappresentante della Ditta, delle Istituzioni Scolastiche a cui, negli ultimi tre esercizi finanziari, sono state fornite tecnologie e realizzazioni similari a quanto richiesto (art. 42 del D.Lgs. 163/2006 e ss.ii.rnm.). e) Dichiarazione sostitutiva cumulativa (ex art. 47 D.P.R. 28/12/2000 n. 445)-, rilasciata a firma del legale rappresentante (allegare copia del documento di riconoscimento del firmatario) da cui si evinca: I. di non trovarsi in nessuna delle clausole di esclusione ai sensi dell art. 38 del D.Lgs. 163/2006 come modificato dalla L. 106/2011; II. di essere in regola con gli obblighi di cui alla Legge n. 68/1999; III. il rispetto delle normative in materia di installazione e manutenzione degli impianti di cui all art. 1 del DM 37/2008 ed essere abilitato al rilascio della dichiarazione di conformità; IV. di aver preso visione del capitolato e di accettarlo senza riserva alcuna; V. di aver avuto modo di valutare tutte le circostanze che hanno portato alla determinazione del prezzo e delle condizioni contrattuali influenti sulla esecuzione delle opere in oggetto e che ha considerato lo stesso congruo e remunerativo; VI. di non trovarsi nelle condizioni previste dall Art. 48 bis del D.P.R. 29/9/1973, n 602 per importi pari o superiori ad ,00, importo comprensivo di IVA; VII. di accettare le condizioni di pagamento stabilite e riportate nel presente Bando. Il pagamento, comunque, potrà essere effettuato previa verifica di eventuali inadempienze di cui al citato Art. 48/bis del D.P.R. 29/9/1973, n 602 e dell art. 1 della L. 296/2006 (DURC); VIII. di non essere in presenza di procedimenti per l applicazione di misure di prevenzione coatta; 6

7 IX. di non essere in presenza di cause ostative in materia di criminalità organizzata (antimafia); X. di non trovarsi in presenza di sentenze penali definitive di condanna passate in giudicato; XI. di non trovarsi in presenza di decreti penali divenuti irrevocabili; XII. di non trovarsi in presenza di sentenze di applicazione della pena su richiesta; XIII. pur essendosi trovato in presenza di sentenze penali ha ottenuto il provvedimento di riabilitazione o di estinzione del reato; XIV. che non abbia in corso un procedimento per la dichiarazione di una di tali situazioni; XV. di non trovarsi in stato di sospensione dell attività commerciale; XVI. di non aver riportato condanne, con sentenza passata in giudicato, per qualsiasi reato che incida sulla propria moralità professionale o per delitti finanziari; XVII. di non aver commesso, nell esercizio della propria attività professionale, gravi errori accertati con qualsiasi mezzo di prova addotto dall amministrazione aggiudicatrice; XVIII. di adottare, durante le fasi di lavoro, tutte le misure di sicurezza e garanzie previste dal D.Leg.vo 81/2008 e successive modifiche e integrazioni; XIX. di rispettare le normative in materia di installazione e manutenzione degli impianti di cui all Art. 1 del DM 37/2008 di essere abilitate al rilascio della dichiarazione di conformità; XX. di realizzare la fornitura a regola d arte in materia di sicurezza sul posto di lavoro in conformità alle norme C.E.l (EN ), recepite dall Unione Europea, e di ottemperare alle disposizioni prescritte dalla circolare n 71911/ ; XXI. che le apparecchiature elettriche/elettroniche proposte sono corredate alla consegna, delle rispettive Dichiarazioni di Conformità inerenti al dir. l08/2004/ce D.Leg.vo 194/07 (ex D.L. 476 del e dir. 89/336/CEE) Conformità C.E. (compatibilità elettromagnetica). XXII. che al termine dei lavori, in particolare per i laboratori forniti di arredamento, saranno allegate regolari dichiarazione di conformità, DM 37/2008 (ex D.L. 46/90) e regolari dichiarazioni che attestino gli arredi ergonomici in~ materia di sicurezza D.Leg.vo 81/2008 (ex L. 62/1994). LA MANCANZA O L INCOMPLETA FORMULAZIONE DI UNO SOLO DEI DOCUMENTI SU INDICATI COMPORTERA L AUTOMATICA E IMMEDIATA ESCLUSIONE DALLA GARA E CONSEGUENTEMENTE DALL APERTURA DELLA BUSTA N. 2 B - BUSTA n. 2 : Busta sigillata e contrassegnata dall etichetta Busta n 2 Offerta Tecnica che dovrà contenere: a) L offerta tecnica, in cui la ditta indicherà l offerta tecnica per la fornitura, chiavi in mano, dell intero lotto, con timbro e firma del legale rappresentante o delegato; C BUSTA N. 3: Busta sigillata e contrassegnata dall etichetta Busta n 3 Offerta Economica che dovrà contenere: a) L offerta economica con l indicazione dei prezzi che dovranno essere comprensivi di I.V.A. e di spese di trasporto e di installazione. Si precisa che in particolare, occorrerà completare l offerta con le seguenti dichiarazioni: 7

8 L offerta Tecnica per le attrezzature oggetto del bando con descrizione analitica e dettagliata delle caratteristiche delle apparecchiature, beni e servizi che si intendono fornire (modelli, configurazioni tecniche degli apparati, depliant illustrativi); periodo di garanzia (di almeno 24 mesi su tutte le attrezzature offerte), tempi di intervento in caso di malfunzionamento delle apparecchiature ed eventuali certificazioni; tempi di consegna, avendo cura di assicurare che la consegna totale ed emissione delle relative fatture avvenga in tempi utili per consentire a questa Istituzione di certificare la spesa entro e non oltre il 31 ottobre 2013 data oltre la quale l autorità di gestione non riconoscerà le spese sostenute e, pertanto, venendo meno l assegnazione finanziaria del MIUR, non sussisterà l esigenza di acquistare le apparecchiature da parte dell istituto, venendo meno il relativo interesse diretto ; v. modalità di erogazione dei servizi successivi alla vendita: manutenzione, assistenza, ecc., secondo quanto richiesto dall Istituzione Scolastica. za tecnica e manutenzione gratuita dei prodotti, da erogare in riferimento alla normativa vigente in materia, si precisa che esso dovrà essere garantito per tutti i giorni lavorativi della istituzione scolastica dalle ore 7,30 alle ore 13,30, e dovrà essere erogato a partire dalla data di collaudo effettuato con esito positivo fino a tutto il periodo di garanzia. l'obbligo di fornire, senza alcun ulteriore corrispettivo, i manuali ed ogni altra documentazione idonei ad assicurare il funzionamento di sussidi, apparecchiature ed arredi, redatti nella lingua originale e nella lingua italiana. 11. NATURA DEI PRODOTTI DA FORNIRE Le apparecchiature dovranno essere conformi alle specifiche tecniche descritte nel Capitolato Tecnico. La stazione appaltante potrà effettuare controlli e prove su campioni per stabilire l'idoneità delle apparecchiature offerte e, a suo insindacabile giudizio, disporne la sostituzione in caso di non conformità. Tutte le apparecchiature fornite dovranno essere nuove di fabbrica, presenti nei listini ufficiali delle case madri al momento dell offerta, possedere le seguenti certificazioni: a) Certificazioni relative alla sicurezza nei luoghi di lavoro (L. 81/2008 e 242/96); b) Certificazioni richieste dalla normativa europea per la sicurezza elettrica; c) Certificazione EN e EN con marcatura CE apposta sull'apparecchiatura o sul materiale. È ammessa l apposizione del marchio CE sui documenti allegati al prodotto solo qualora ne sia impossibile l'apposizione diretta sul componente; d) Legge 46/90 Norme per la sicurezza degli impianti ; e) Direttiva CEE n 85/374 recepita dal DPR del 24/5/88 n. 224 in teme di responsabilità civile dei prodotti; f) Direttive comunitarie 89/392 89/336 73/23, in tema di sicurezza prodotti; g) DPR n. 547 del 27/4/55 Norme per la prevenzione degli infortuni ; h) Norme per la prevenzione degli incendi; i) DPR 81/2008 relativo alla sicurezza dei lavoratori sui luoghi di lavoro ; j) D.Lgvo n.115 del 17/3/95 Attuazione della direttiva 92/59/CEE relativa alla sicurezza generale dei prodotti. 12. FORNITURA La ditta offerente aggiudicataria è pienamente responsabile degli eventuali danni arrecati, per fatto proprio o dei suoi dipendenti, alle opere degli edifici in cui avverrà la fornitura. In particolare resta a suo carico: a) il trasporto e lo scarico del materiale; b) ogni onere che possa derivare dall eventuale danneggiamento dei beni nella fase di trasporto e scarico; c) ogni onere per la formazione del cantiere, delle attrezzature e degli strumenti di lavoro; d) le prestazioni di personale proprio specializzato; e) i procedimenti e le cautele per la sicurezza del personale ai sensi del D.Lgs.81/2008 e s.m.; Al termine dei lavori l offerente dovrà consegnare 8

9 alla Stazione Appaltante: a) copie di manuali di tutte le apparecchiature fornite. b) dichiarazione di aver fornito tutto il materiale in conformità al preventivo richiesto ed approvato dalla Stazione Appaltante c) Certificazione legge 46/90 rilasciata dalla ditta offerente stessa firmata dal suo direttore tecnico, sulla conformità dei cablaggi. Inoltre l offerente dovrà fornire l intero sistema con la formula chiavi in mano, pertanto tutti gli accessori e materiali necessari per il completamento a regola d'arte delle opere previste, anche se non esplicitamente indicate, si intendono a carico dello stesso. 13. CONSEGNA, INSTALLAZIONE E DISINSTALLAZIONE Le attività di consegna e installazione delle apparecchiature si intendono comprensive di ogni onere relativo ad imballaggio, trasporto, facchinaggio, consegna al piano, posa in opera, installazione, messa in esercizio, verifica di funzionalità delle apparecchiature, asporto dell imballaggio e qualsiasi altra attività ad esse strumentale. Le apparecchiature, con il relativo software già installato, dovranno essere consegnate ed installate, in presenza di persona incaricata dalla scuola, a cura, rischio e spese del Fornitore nei locali della sala laboratorio dell edificio scolastico 14. PROCEDURA DI COLLAUDO Il collaudo consisterà nell accertamento finale della corretta esecuzione contrattuale e di attestazione della conformità dell esecuzione a quanto richiesto (at. 24 DPCM 06/08/1997 n. 452) secondo la seguente procedura: a) Dovrà iniziare dalla data di comunicazione di avvenuta consegna e messa in funzione completa di ogni singolo lotto; b) Sarà espletato da un esperto individuato dall'istituzione scolastica che procederà a verificare che tutte le apparecchiature ed i programmi forniti siano conformi al tipo o ai modelli descritti in contratto ( o nei suoi allegati) e che siano in grado di svolgere le funzioni richieste, attraverso prove funzionali e diagnostiche; c) Dovrà riguardare la totalità delle apparecchiature oggetto del lotto consegnato; d) Terminerà entro e non oltre l ottavo giorno dalla consegna del lotto; e) Al collaudo dovranno presenziare uno o più incaricati della scuola e/o della ditta fornitrice, i quali dovranno controfirmare il relativo processo verbale; f) Si procederà ad una procedura di collaudo per ogni lotto la cui consegna risulterà ultimata. l risultati del collaudo potranno avere esito: a) Positivo e, quindi, di accettazione dei prodotti; b) Negativo e, quindi, di rifiuto dei prodotti, con invito alla ditta a ritirarli e a riconsegnarne di nuovi e conformi alle richieste contrattuali; c) Rivedibilità, ovvero di verificazione di vizi di modesta entità, tali da essere eliminati dalla ditta, con successiva nuova sottoposizione a collaudo, sempre entro sette giorni dalla data del primo. Le operazioni di collaudo dovranno essere verbalizzate e costituiranno titolo per il pagamento del corrispettivo, nonché del saldo del progetto. 15. PROCEDURA DI AGGIUDICAZIONE L'esame delle offerte è demandato ad una apposita commissione che aggiudicherà la fornitura in base al criterio dell'offerta più vantaggiosa previsto dalla normativa vigente, ossia sarà affidata alla offerente fornitrice che offrirà i prodotti tecnicamente ed economicamente più vantaggiosi secondo quanto previsto dall 9

10 Art. 83, comma 1, lettera b) del codice; saranno inoltre valutati la rapidità di realizzazione e l esperienza della ditta, in quanto costituiscono una garanzia dell efficienza del fornitore sia nella fase realizzativa, sia nella successiva fase di assistenza. La fornitura sarà aggiudicata all offerente che avrà riportato nella comparazione il maggior punteggio, calcolato nella sua totalità. L amministrazione appaltante si riserva la facoltà di procedere all aggiudicazione, valutata la congruità del prezzo, la validità dell offerta economica e il perseguimento effettivo dell interesse pubblico, anche in presenza di un unica offerta ritenuta valida. La stazione appaltante, in relazione alla disponibilità del budget assegnato, si riserva di aggiudicare la gara per un numero di articoli in quantità minore rispetto a quella indicata nel presente bando. Secondo quanto previsto dall Art. 81, comma 3 del codice, la stazione appaltante può non procedere all aggiudicazione se nessuna offerta dovesse risultare conveniente o idonea in relazione all oggetto del contratto. I parametri di cui si terrà conto per l'affidamento della fornitura sono i seguenti in ordine d importanza: rata della garanzia e assistenza tecnica 1. L'aggiudicazione avverrà in base al criterio di cui all Art. 19, comma 1 lettera b) del D.Lgs. 358/92 e ss.mm.ii. e cioè, a favore dell offerta economicamente più vantaggiosa, valutata, sulla base dei seguenti punteggi: Offerta economica: max 30 punti Offerta tecnica: max 70 punti La determinazione della soglia di anomalia avverrà ai sensi dell Art. 19 del D.lgs. 358/92 e ss.mm.ii. I criteri di valutazione ed i relativi pesi per la formazione della graduatoria di merito sono di seguito specificati: a) Offerta Economica I 30 punti dell'offerta economica saranno attribuiti sulla base della seguente formula: punteggio offerta economica = Q min / Q x * 30 dove Q min è la quotazione economica più bassa pervenuta e Q x è la quotazione economica dell'azienda in esame. b) Offerta Tecnica I 70 punti per la qualità e la completezza dell offerta sono attribuiti sulla base dei seguenti criteri e punteggi: Criteri di valutazione Punteggio massimo assegnabile: Qualità dell offerta tecnica 25 Qualità aziendale 20 Durata della Garanzia e assistenza tecnica 15 Referenze aziendali 10 10

11 Totale 70 I dettagli per l assegnazione del punteggio per le voci previste al punto b) Offerta tecnica, sono esplicitati come appresso: REQUISITO PUNTEGGIO MASSIMO Qualità dell offerta tecnica 25 a) Esatta rispondenza a quanto richiesto nella lettera invito 25 b) Parziale rispondenza (anche un solo articolo) a quanto richiesto nella lettera invito 5 c) Non rispondenza a quanto richiesto nella lettera invito (anche due soli articoli) 0 Qualità Aziendale 20 a) Certificato UNI EN ISO della ditta offerente b) Certificato UNI EN ISO della ditta offerente c) Autorizzazione rilasciata alla Ditta offerente dal Ministero delle Comunicazioni come previsto dall art. 1 L. 109 del 28/03/1991 e D.M. 314/92 d) Certificato di calibrazione in corso di validità per lo strumento analizzatore di rete LAN intestato alla ditta offerente e) Certificato BS OHSAS:2007 della ditta offerente 4 punti per ogni certificazione (max. 20) a) Assistenza tecnica e garanzia b) c) 15 d) Assistenza tecnica ed estensione della garanzia oltre 24 mesi e) 5 punti per ogni anno aggiuntivo a partire dal terzo f) Referenze aziendali g) 10 Referenze relative alla fornitura di attrezzature simili per progetti FESR in ambito scolastico per i seguenti importi: a) b) Compreso tra c)

12 N.b.: Fatturato complessivo negli ultimi 3 esercizi finanziari di apparecchiature per uso didattico ( ) Offerta economica 30 TOTALE 100 A parità di punteggio saranno valutati tutti i titoli presentati dalle Aziende fornitrici assegnando la fornitura a quella in grado di fornire le maggiori garanzie di qualità e celerità nell esecuzione della fornitura stessa. 2. I prezzi relativi a tutti i prodotti, oggetto del presente capitolato, devono intendersi comprensivi di installazione e corretta attivazione e/o configurazione nei locali indicati dalla scuola. 3. L Istituto si impegna a raccogliere e trattare i dati per finalità connesse allo svolgimento delle attività istituzionali in particolare per tutti gli adempimenti relativi alla piena attuazione del rapporto. Il consenso al trattamento dei dati viene richiesto ai sensi della vigente normativa, ed in particolare alla legge 196/2003. La controparte, dal canto suo, si obbliga a comunicare tempestivamente eventuali variazioni dei dati anagrafici e fiscali dichiarati. 16. TERMINE DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI FORNITURA Per motivi legati alle modalità di gestione del bando da parte dell autorità di gestione i lotto dovrà essere consegnato entro almeno 15 giorni dalla data dell ordine. La consegna, l installazione e la messa in esercizio delle apparecchiature dovrà essere comunque completata entro i tempi di consegna offerti dall azienda aggiudicataria e comunque non oltre i tempi necessari ad ultimare il progetto nei termini stabiliti dal MIUR( ). Per ogni giorno di ritardo nella consegna completa e nella messa in funzione definitiva delle apparecchiature, non imputabile all istituto, o a forza maggiore o a caso fortuito, è applicata una penale dell uno per cento del prezzo pattuito, salvo il risarcimento dell'eventuale maggior danno. L Amministrazione ha la facoltà di recedere dall ordinativo di fornitura entro il termine di 24 (ventiquattro) ore dall invio del medesimo (esclusi sabato, domenica e festivi); scaduto tale termine l ordinativo di fornitura sarà irrevocabile con conseguenti obblighi di darvi seguito, nei termini e modi previsti dal presente Capitolato, salvo quanto oltre previsto. Resta salva la possibilità della stazione appaltante, qualora la consegna dovesse avvenire oltre il termine fissato al paragrafo 10, lett. e, di chiedere la risoluzione del contratto ai sensi dell art c.c., ed in applicazione dell art c.c. in quanto, a seguito dell inadempienza della ditta aggiudicataria (mancata consegna dei beni nei termini), l autorità di gestione non riconoscerà le spese sostenute e, pertanto, venendo meno l assegnazione finanziaria del MIUR, verrà meno l interesse in capo all istituto di acquistare le apparecchiature in quanto non sarebbe possibile procedere ad onorare il pagamento di quanto pattuito in contratto. 12

13 Il Fornitore sarà tenuto, entro le 24 (ventiquattro) ore successive (48 ore dall invio dell ordinativo), a darne conferma all Amministrazione ordinante tramite comunicazione via fax, riportando sul documento di conferma il termine massimo per la consegna delle apparecchiature secondo i termini di cui sopra. L Amministrazione Contraente entro le 24 ore successive alla comunicazione del Fornitore ha la facoltà di recedere dal contratto qualora, per comprovati motivi di urgenza da comunicare al Fornitore, il termine massimo della consegna previsto non sia rispondente alle proprie esigenze. Resta inteso che la data ordine sarà quella dell invio dell ordinativo di fornitura da parte dell Amministrazione contraente. Le apparecchiature devono essere rese funzionanti e consegnate unitamente alla manualistica tecnica d uso (hardware e software), nonché all attestazione di conformità come sopra indicato; Si procederà quindi alla verifica della funzionalità delle apparecchiature acquistate. Per verifica di funzionalità si intende la verifica dell'accensione e del funzionamento di tutte le attrezzature consegnate. Per eventuali danni derivanti dall esecuzione della fornitura e dell installazione delle apparecchiature, recate a persone, suppellettili e cose, la ditta aggiudicataria dell appalto dovrà essere fornita di adeguata copertura assicurativa. 17. PAGAMENTO Il pagamento sarà effettuato in seguito alla completa fornitura, messa in opera, emissione fattura e collaudo favorevole. Il pagamento della fornitura avverrà esclusivamente a mezzo bonifico bancario su conto corrente bancario in uso esclusivo della ditta come previsto delle norme sulla tracciabilità dei pagamenti, entro i termini previsti dalle normative europee e al riscontrata regolarità contributiva ( DURC) e l inesistenza di controversie amministrative/giudiziali relative all esistenza di debiti contributivi. IL PAGAMENTO DEI SUDDETTI IMPORTI DA PARTE DELL ISTITUTO SCOLASTICO È SUBORDINATO AL RICEVIMENTO EFFETTIVO DEI FONDI DA PARTE DEL MIUR. 18. MODALITÀ DI PUBBLICIZZAZIONE E IMPUGNATIVA La graduatoria provvisoria sarà pubblicata sul profilo del committente, di cui all Art. 1, punto 3) entro 5 giorni dalla data di apertura delle buste che avverrà il giorno successivo alla scadenza di presentazione delle offerte. Avverso la graduatoria di cui al punto 1. sarà possibile esperire reclamo, entro 5 giorni dalla sua pubblicazione. Trascorso il termine di cui al punto 2. ed esaminati eventuali reclami, sarà pubblicata la graduatoria definitiva. Dalla data della graduatoria di cui al punto 3), saranno attivate le procedure per la stipula della convenzione con l offerente risultato aggiudicatario. Le disposizioni contenute nel presente bando hanno valore, a tutti gli effetti, di norma regolamentare e contrattuale. Per quanto non previsto, si fa espresso riferimento alla vigente normativa nazionale e comunitaria in materia delle linee guida di FESR MODALITÀ DI ACCESSO AGLI ATTI L accesso alle offerte, da parte degli offerenti, sarà consentito secondo la disciplina della novellata Legge 7 agosto 1990, n 241 e successive modifiche. 20. TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI La stazione appaltante si impegna a trattare e a trattenere i dati esclusivamente per fini istituzionali, secondo i principi di pertinenza e di non eccedenza. Nell istanza di partecipazione, gli offerenti dovranno sottoscrivere, pena l esclusione dalla comparazione delle offerte, l informativa ai sensi dell Art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n 196 e successive modificazioni, nonché ad indicare il nominativo del responsabile del trattamento dei dati. 13

14 Per la stazione appaltante, il responsabile del trattamento dei dati è il Dirigente Scolastico. 21. DISPOSIZIONI FINALI I prodotti oggetto della fornitura sono garantiti dal fornitore secondo le condizioni generali stabilite dalla casa costruttrice e dalla normativa vigente. Essendo i lavori di fornitura e installazione da realizzare in un arco temporale non superiore ai due giorni e in orari in cui l utenza non è presente nei locali dell istituto, non si procederà alla redazione del DUVRI. L Amministrazione può chiedere la risoluzione del contratto ai sensi del D.M. 28/10/85 art.37: a) in qualunque momento dell esecuzione avvalendosi della facoltà consentita dall Art del codice civile e per qualsiasi motivo tenendo indenne l impresa dalle spese sostenute, dei lavori eseguiti, dei mancati guadagni; b) per motivi di pubblico interesse come previsto nell Art. 23 dei predetto decreto ministeriale; c) in caso di frode, di grave negligenza di contravvenzione nella esecuzione degli obblighi e condizioni contrattuali e di mancata reintegrazione del deposito cauzionale; d) in caso di cessione dell azienda, di cessazione di attività, oppure nel caso di concordato preventivo, di fallimento, di stato di moratoria e di conseguenti atti di sequestro o di pignoramento a carico dell impresa; e) nei casi di sub appalto non autorizzati dall Amministrazione come previsto all Art. 9 del predetto decreto ministeriale; f) in caso di impossibilità ad eseguire il contratto, in conseguenza di causa non imputabile alla stessa impresa, secondo il disposto dell Art del codice civile; g) nel caso in cui l Amministrazione richieda aumenti o diminuzioni dell oggetto del contratto oltre i limiti previsti dall Art. 27 del predetto decreto ministeriale. La risoluzione del contratto ha effetto retroattivo, salvo il caso di contratti ad esecuzione continua o periodica, riguardo ai quali l effetto della risoluzione non si estende alle prestazioni già eseguite. La risoluzione del contratto viene disposta con determina del Dirigente Scolastico. Della assunzione della determina viene data comunicazione all impresa con notificazione a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno. Con la risoluzione del contratto sorge nell Amministrazione il diritto di affidare a terzi la fornitura, o la parte rimanente di questa, od i servizi, in danno dell impresa inadempiente. L affidamento avverrà per trattativa privata o, entro i limiti prescritti, in economia, stante l esigenza di limitare le conseguenze dei ritardi connessi con la risoluzione del contratto. L affidamento a terzi verrà notificato all impresa inadempiente nelle forme prescritte con indicazione dei nuovi termini di esecuzione e delle forniture o dei servizi affidati e degli importi relativi. All impresa inadempiente saranno addebitate le spese sostenute in più dall Amministrazione rispetto a quelle previste dal contratto risolto. L esecuzione in danno non esime l impresa dalle responsabilità civili e penali in cui la stessa possa incorrere a norma di legge per i fatti che hanno motivato la risoluzione. Tutte le spese relative all appalto, comprese quelle contrattuali, bolli e quant altro nulla escluso, saranno ad intero carico dell impresa aggiudicataria. L appalto è soggetto alle norme relative alla istituzione e disciplina dell imposta sul valore aggiunto (l.v.a.) di cui al D.P.R. 26/10/72 n. 633 nonché alla disciplina dell imposta di registro di cui al D.P.R. 26/10/72 n Ai sensi dell Art.21, 1 comma della legge n.646, l impresa appaltante non può cedere in subappalto in tutto o in parte, le forniture stesse senza l autorizzazione dell Amministrazione Scolastica. Per quanto non previsto dal presente bando valgono le disposizioni di legge vigenti per gli appalti di fornitura. f.to Il Dirigente Scolastico Dott.ssa Roberta Leporati 14

15 ALLEGATO TECNICO LINGUE MOBILI CODICE NAZIONALE: B-1-B-FESR Allegato Tecnico N 5 LAVAGNA INTERATTIVA MULTIMEDIALE TIPO EYEBOARD (LIM) EVOLUTION II PRO DUAL-TOUCH Caratteristiche tecniche: Dimensioni: 80 Area Attiva infrarossi Non saranno accettate Tecnologie che prevedono pennarelli a batteria e/o ricaricabili. Connessione USB Riconoscimento LIM PLUG&PLAY (non necessita di driver) Alimentazione diretta da USB (30m) 100MA Velocità di trasmissione: 305 /s Precisione: ± 0.05 mm Risoluzione minima 9600 x 9600 Velocità cursore: 5046 punti Risoluzione di proiezione: 4:3 e/o 16:9 Angolo visualizzazione: orizzontale 170, verticale 160 Superficie lavabile Peso netto: 30Kg Dovrà essere fornita completa di: Staffe per fissaggio a parete N 3 Penne + N 1 Cancellino Cavo USB Pentray Casse acustiche integrate 30 W RMS Totali 15W per canale CD software in lingua italiana per l uso della LIM, comprende funzioni quali penna, evidenziatore, registrazione dello schermo, orologio, tastiera virtuale, importazione ed esportazione in formati Office, goniometro, compasso, squadra, spot light, desktop(funzione che permette l utilizzo del PC con la LIM)e tante altre funzioni per facilitare l insegnamento. Licenza perpetua teach controll class completo di modulo audio comparativo ( 1 docente + 2 allievi) Software Display Note (Sotto meglio descritto) 15

16 DESCRIZIONE DISPLAY NOTE Cattura Dovrà permettere di memorizzare le immagini e video in tempo reale e tutto sul tuo dispositivo. Annota: Dovrà permettere di evidenziare i punti salienti della lezione, sottolineare frasi chiave, taggare oggetti e inviare annotazioni ad altri dispositivi collegati. Collaborazione: Dovrà permettere di lavorare in gruppi formati da un numero illimitato di studenti e su qualsiasi dispositivo. Post-IT: Dovrà permette di aggiungere note, post-it e riferimenti ad una slide, immagini e video. Controllo: Dovrà permettere al docente di utilizzare il proprio dispositivo per presentare da qualsiasi punto della stanza, accedere e controllare il proprio desktop, creare gruppi collaborativi, passare il controllo ad altri dispositivi dei partecipanti e anche di visualizzare lo schermo di un altro qualsiasi dispositivo collegato. Salva: dovrà permettere di salvare le presentazioni, le immagini, i file e tutte le vostre note e di rivederle in qualsiasi luogo, ed in qualsiasi momento. Messaggistica: Dovrà permettere di inviare e ricevere messaggi privati tra tutti i dispositivi presenti nella classe o nell istituto. Multipiattaforma: Dovrà permettere ai docenti e agli studenti di collaborare indipendentemente dal dispositivo o piattaforma su cui si lavora (smartphone, tablet, notebook etc..) e su tutte le piattaforme principali tra cui Ios, Android, Windows, Mac OS e Linux. N 6 VIDEOPROIETTORE LCD AD OTTICA ULTRA CORTA TIPO NEC Caratteristiche minime richieste: Risoluzione nativa: 1024 x 768 (XGA) Formato schermo: 4:3 Rapporto di contrasto: 3000:1 Luminosità: 2800 ANSI Lumen (ca. 75% in Modo Normale, 60% in Modo Eco) 16

17 Lampada: Durata lampade [ore]: Risoluzioni supportate: Telecomando: 230 W Modo Massima Luminosità / 170 W Modo Normale / 140 W Modo Eco 8000 Modo Eco / 5000 Modo Normale / 4000 Modo Massima Luminosità HDTV 1080i/60; HDTV 1080i/50; WSXGA;UXGA; WXGA++; WXGA+; SXGA+; WXGA; MAC 23"; SXGA; HDTV 720p; MAC 21"; XGA; MAC 16"; SVGA; SDTV 480p/480i; SDTV 576p/576i; VGA/MAC 13" Incluso N 5 NOTEBOOK 15 ULTIMA GENERAZIONE Caratteristiche minime richieste: Processore: Intel Core i3 2348M / 2.3 GHz / 3 MB Cache RAM: Disco rigido: Schermo: 4 GB DDR3 500 GB HDD / 5400 rpm 15.6" retroilluminazione a LED Scheda grafica: Intel HD Graphics 3000 Sistema operativo Windows 8 N 6 MOBILETTO DI SICUREZZA PER NOTEBOOK CON ANTA A PISTONI A GAS Caratteristiche: Dovrà essere dotato di una ribaltina 42x60 cm frizionata con l ausilio di n 2 pistoni a gas che permettono l apertura della ribalta in assoluta sicurezza e finecorsa con asole per il passaggio di strisce di velcro utili per il fissaggio del notebook al piano. Dovrà avere chiusura con chiave di sicurezza tubolare realizzato in acciaio Dovrà essere verniciato a forno con polveri epossidiche di altissima qualità. Dovrà essere fornito di un vano superiore per l alloggiamento di alimentatore 3 posti shuko con magnetotermico (Incluso) Dovrà avere un vano inferiore per alloggiamento di cavi ed alimentatore notebook apribile dall esterno. 17

18 Dimensioni: 60Hx66Lx13P cm Spessore delle lamiere di acciaio utilizzate: fino a 1,5mm. N 5 CONNESSIONI INTERNET SU TUTTE LE POSTAZIONI La connessione ad internet di tutte le postazioni sarà consentite da un router wi-fi come di seguito specificato: Tipo di dispositivo Router wireless - modem DSL - switch a 4 porte integrato Tipo rivestimento Desktop Protocollo segnalazione digitale ADSL,ADSL2,ADSL2+ Data Link Protocol Banda di frequenza Velocità di trasferimento Rete / Protocollo di trasporto Routing Protocol Protocollo di gestione remota Caratteristiche Standard di conformità Ethernet,Fast Ethernet,IEEE b,IEEE g,IEEE n (draft) 2.4 GHz 300 Mbps PPTP,L2TP,IPSec,PPPoE,AAL5,OAM F4,OAM F5,DDNS RIP-1,RIP-2,instradamento IP statico SNMP 1,Telnet,SNMP 2c,SSH,TR-069 Rilascio attestazione installazione secondo L. 109/91 e DM. Protezione firewall,porta DMZ,Supporto DHCP,Supporto NAT,IGMP snooping,traffic shaping,stateful Packet Inspection (SPI),prevenzione da attacchi DoS (Denial of Service),packet filtering,intrusion Detection System (IDS),parental control,supporto SNTP,tecnologia MIMO,Asynchronous Transfer Mode (ATM),Quality of Service (QoS),supporto server virtuale,supporto SSH,Wi-Fi Protected Setup (WPS),server DHCP,supporto di SSID multipli,dns proxy,dhcp relay,client DHCP IEEE 802.1p,IEEE b,IEEE g,IEEE n (draft),ieee e,UPnP Impianti di collegamento a internet dove possibile Tutti gli impianti di collegamento necessari dovranno essere effettuati nel pieno rispetto delle leggi 37/08 per i punti a) e b) e della 109/91. Tutti i certificati dovranno essere prodotti dall azienda aggiudicataria PENA ESCLUSIONE. PICCOLI ADATTAMENTI EDILIZI 18

19 ADEGUAMENTO RETE LAN GIGABIT ALL INTERNO DEL LABORATORIO Adeguamento Cablaggio della Rete locale esistente comprendente tutti i cavi, le canalizzazioni e la configurazione della rete fra server ed i PC, eseguito con cavo di connessione UTP cat. 6; Punti rete dati in cassetta E503 con frutto RJ45. Rilascio attestazione installazione secondo L. 109/91 e DM 314/92 ADEGUAMENTO IMPIANTO ELETTRICO A NORMA ALL INTERNO DEL LABORATORIO Adeguamento impianto elettrico esistente, con realizzazione di elettriche separate per la postazione docente e tre linee distinte per gli allievi. Rilascio di certificazione impianto secondo Legge 37/2008. INSTALLAZIONE E IMPIANTI A SERVIZIO DELLA LIM Installazione a parete della LIM e del Videoproiettore. Si devono realizzare tutti gli impianti di servizio alla LIM: Linea elettrica dal quadro di derivazione con scatola portamoduli a 4 posizioni con certificazione ex legge 37/2008 Linea LAN con presa su scatola esterna con certificazione impianto secondo L.109/91 e D.M. 314/92. Cavo Usb dal PC alla LIM Collegamento video con cavo da PC a LIM Collegamento audio da PC a LIM INSTALLAZIONE ATTREZZATURE DELLA FORNITURA L installazione delle attrezzature della fornitura dovrà avvenire nel rispetto delle normative vigenti e delle regole tecniche adeguate alla particolarità di ognuna di esse. L opera finale deve essere consegnata a regola d arte. Tutti gli impianti elettrici devono essere certificati secondo Legge 37/2008. L installazione e la configurazione di apparecchiature collegate ad Internet (reti Lan, reti wireless, router, switch, ecc.) devono essere certificati secondo L. 109/91 e DM 314/92 dalla Ditta affidataria. È onere della Ditta assicurare ai propri dipendenti un ambiente e attrezzature di lavoro idoneo e sicuro contro gli infortuni. f.to Il Dirigente Scolastico Dott.ssa Roberta Leporati 19

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

Spett.le * * * Si invita a far pervenire, esclusivamente a mezzo raccomandata o posta celere oppure consegnato a mano, presso

Spett.le * * * Si invita a far pervenire, esclusivamente a mezzo raccomandata o posta celere oppure consegnato a mano, presso LETTERA INVITO A TRATTATIVA PRIVATA APERTA per Fornitura di Servizi di TRASLOCO di mobili e documenti da ufficio da Roma, Via Cristoforo Colombo 283/A (8 piano) a Roma, Quintino Sella, 42, CIG: Z9C0C2C891

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA AVVISO PUBBLICO E DISCIPLINARE DI GARA D APPALTO Affidamento di servizio di cui all allegato II B Art. 20 D. Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii. Affidamento di n. 1 azione progettuale denominata Sportello sociale

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 14.02.2011 è indetta trattativa privata per

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito ALLEGATO 1 Via A. Picco Oggetto: istanza di ammissione alla gara relativa servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria delle macchine operatrici di ACAM Ambiente s.p.a.. Il sottoscritto...., nato

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. CATEGORIA SERVIZI DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE Pagina 1 di 20 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI...3 1.1. Premessa e ambito

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate.

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate. Roma, 5 marzo 2010 AREA COORDINAMENTO AFFARI AMMINISTRATIVI Ufficio Affari Amministrativi Contabilità e Bilancio Prot. UAA-AIFA F.3./a.23734/P OGGETTO: Gara d appalto mediante cottimo fiduciario per l

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA AVVISO PUBBLICO PER UNA INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIREZIONE DELL ESECUZIONE DELL APPALTO PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E MESSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI RADIOCOMUNICAZIONI

Dettagli

ART. 1 Ente appaltante

ART. 1 Ente appaltante La Scuola è sede di progetti Istituto Omnicomprensivo Statale San Demetrio Corone (CS) Dirigenza ed Uffici Amministrativi Via Dante Alighieri, n. 146 87069 San Demetrio Corone (CS) Tel. +39 0984 956086

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO Servizio: UOA APPROVVIGIONAMENTI Data: 29 dicembre 2010 Spett.le Ditta Prot. n.: 46520 da citare nella risposta Vs. rif.: Oggetto:

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

DICHIARAZIONE REQUISITI DI AMMISSIONE IL SOTTOSCRITTO... NATO A... IL. IN QUALITA DI (carica sociale).

DICHIARAZIONE REQUISITI DI AMMISSIONE IL SOTTOSCRITTO... NATO A... IL. IN QUALITA DI (carica sociale). Allegato al MOD. PRES. Mod. DICH/14. DICHIARAZIONE REQUISITI DI AMMISSIONE IL SOTTOSCRITTO... NATO A... IL. IN QUALITA DI (carica sociale). DELLA IMPRESA (denominazione e ragione sociale). SEDE LEGALE

Dettagli

FEDERAZIONE MEDICO SPORTIVA ITALIANA Viale Tiziano n. 70-00196 Roma C.F. 97015300581 - P. IVA 06454831006

FEDERAZIONE MEDICO SPORTIVA ITALIANA Viale Tiziano n. 70-00196 Roma C.F. 97015300581 - P. IVA 06454831006 FEDERAZIONE MEDICO SPORTIVA ITALIANA Viale Tiziano n. 70-00196 Roma C.F. 97015300581 - P. IVA 06454831006 Disciplinare di gara pubblica per l affidamento dei servizi di trasporto funzionali all espletamento

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CROTONE Prot. n. 25161 del 21/05/2012 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Fornitura di Prodotti Disinfestanti e Derattizzanti

Dettagli

ENTE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Largo Luigi Daga, 2 00164 ROMA Tel.06/665911 fax 06/66165233 C.F.

ENTE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Largo Luigi Daga, 2 00164 ROMA Tel.06/665911 fax 06/66165233 C.F. ENTE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Largo Luigi Daga, 2 00164 ROMA Tel.06/665911 fax 06/66165233 C.F. 96154220584 BANDO PER ISTITUZIONE ELENCO IMPRESE DA INVITARE ALLE

Dettagli

Codice Identificativo Gara, CIG: 03154838CC

Codice Identificativo Gara, CIG: 03154838CC ACCORDO QUADRO BIENNALE PER I SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILI, MACCHINE ED ARREDI PER UFFICIO, APPARECCHIATURE INFORMATICHE ED ELETTRONICHE, DOCUMENTAZIONE CARTACEA DA TRASFERIRE NELLA NUOVA

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA AL COMUNE DI OLGIATE MOLGORA VIA STAZIONE 20 - OLGIATE MOLGORA (LC) GARA A PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA E TRASPORTO

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLITel. 0817519375FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00NCodice fiscale 80022520631 e-mail: naic8bt00n@istruzione.it naic8bt00n@pec.istruzione.it

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali

Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali FESR-ASSE II- Qualità degli ambienti scolastici (Avviso prot. AOODGAI n. 7667/15-06-2010) MANUALE DELLE PROCEDURE PER L ESECUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO. ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO. ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 MOD. 2 - Busta A AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio Aprile 2011 INDICE 1. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 1 2. INSERIMENTO DATI...

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI

Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI BANDO PER LA VENDITA DI TERRENI CON PATTO DI RISERVATO DOMINIO A FAVORE DI GIOVANI LAUREATI (Determinazione del Direttore Generale n. 642 del 06/12/2012) Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI 1. L Istituto

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA (Norme Integrative al bando di gara mediante procedura aperta)

DISCIPLINARE DI GARA (Norme Integrative al bando di gara mediante procedura aperta) AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO Ospedale S. Carlo di Potenza Ospedale S. Francesco di Paola di Pescopagano Via Potito Petrone 85100 Potenza Codice Fiscale e Partita IVA 01186830764 DISCIPLINARE

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente - indirizzo postale:

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli