Offerta formativa 2006/2007 Informatica TP 1 e 2 semestre

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Offerta formativa 2006/2007 Informatica TP 1 e 2 semestre"

Transcript

1 Offerta formativa 2006/2007 Informatica TP 1 e 2 semestre Modulo M01008 Matematica di base e discreta M01002 Analisi e algebra lineare 1 M01003 Fisica e Matematica numerica 1 M01004 Fisica e matematica numerica 2 M02003 Fondamenti di informatica 1 Corso (C) /Esercitazione (E) Unità didattiche settimanali Semestre 1 2 C Matematica di base 6 C Matematica discreta 4 E Esercitazioni di matematica di base 2 C Analisi 1 4 C Algebra lineare 1 6 E Esercitazioni di matematica 2 C Fisica 1 3 C Matematica numerica 1 2 E Esercitazioni di fisica 1 E Esercitazioni di matematica numerica 2 C Fisica 2 3 C Matematica numerica 2 2 E Esercitazioni di fisica 1 E Esercitazioni di matematica numerica 2 C Fondamenti di Informatica 1 4 E Esercitazioni di informatica 2 ECT S M02004 C Fondamenti di informatica Fondamenti di informatica 2 E Esercitazioni di informatica 2 M02005 C Basi di dati Basi di dati M03006 C Architettura dei calcolatori Architettura dei calcolatori E Esercitazioni di architettura dei calcolatori 1 1 M05007 Inglese B2 M05101 Comunicazione 1 C Inglese C Comunicazione Dipartimento Tecnologie Innovative, Offerta formativa 2006/2007, Informatica TP, v 1.0,

2 Offerta formativa 2006/2007 Informatica TP 3 e 4 semestre Modulo M01005 Analisi e algebra lineare 2 M01006 Metodi matematici per l ingegnere Corso (C) /Esercitazione (E) Unità didattiche settimanali Semestre 3 4 C Analisi 2 2 C Algebra lineare 2 2 E Esercitazioni di matematica 2 C Analisi dei segnali 2 C Probablità e statistica 2 C Dinamica e stabilità 2 E Esercitazioni di analisi dei segnali 2 M01007 C Fisica e modellistica 2 2 Fisica e modellistica L Laboratorio di fisica e misure 2 2 ECTS M04007 Elettronica M06001 Telematica C Elettronica 4 L Laboratorio di elettronica 2 C Telematica 4 L Laboratorio di telematica M03007 Programmazione microcontrollori M02006 Algoritmi e strutture dati M02007 Sviluppo software C Programmazione microcontrollori 2 E Laboratorio di programmazione microcontrollori 2 C Algoritmi e strutture dati 4 E Esercitazioni di informatica 2 C Programmazione e linguaggi 2 C Programmazione orientata agli oggetti 2 C Progettazione del software 2 E Esercitazioni di informatica 1 2 M02008 C Programmazione a eventi e concorrente 4 Programmazione a eventi e concorrente E Esercitazioni di informatica 2 M02009 Sistemi e ambienti M05008 o M05009 o M05010 Lingue M05102 Comunicazione 2 C Sistemi di gestione di dati 2 C Ambienti operativi 2 E Esercitazioni di informatica 1 C Tedesco o Inglese C Comunicazione

3 Offerta formativa 2006/2007 Informatica TP 5 e 6 semestre Modulo Corso (C) /Esercitazione (E) / Laboratorio (L) / Progetto (P) Unità didattiche settimanali * 1, * 2 ECTS Semestre 5 6 M08001 C Programmazione orientata agli oggetti 4 Programmazione orientata agli oggetti E Esercitazioni di informatica 2 M02010 C Sistemi operativi 4 Sistemi operativi E Esercitazioni di informatica 2 M02011 C Ingegneria del software 2 2 Ingegneria del software E Esercitazioni di informatica 2 2 M07001 Economia aziendale M00001 Progetto semestrale M08002 Algoritmi e ottimizzazione M02012 Grafica computerizzata C Scienze aziendali 2 2 E Esercitazioni di scienze aziendali 2 2 P Progetto semestrale 6 6 C Algoritmi 4 C Ottimizzazione 2 E Esercitazioni 4 C Grafica computerizzata 4 C Colorimetria 1 E Esercitazioni di grafica computerizzata 3 M02013 o M06004 o M03008 o M04013 o M08003 C Approfondimenti in opzione 1 8 Approfondimento in opzione 1 L Laboratorio M02014 o M06007 o M03009 o M04014 o M09028 C Approfondiment1 in opzione 2 8 Approfondimento in opzione 2 L Laboratorio 4 7 M00002 Progetto di diploma P Progetto di diploma 14 * 1 Durante il sesto semestre i corsi si svolgono durante 10 settimane * 2 Il progetto di diploma ha una durata di 8 settiman 3

4 Approfondimenti in opzione Informatica Gli approfondimenti in opzione Gli approfondimenti in opzione offrono agli studenti la possibilità di profilare la propria formazione senza però mirare a una specializzazione. L approfondimento può facilitare l accesso al mondo professionale e/o a una successiva formazione nel campo, ma non pregiudica l accesso a un altro campo professionale. Prima di iniziare il quinto semestre lo studente indica quale approfondimento intende seguire operando una prima e una seconda scelta fra le opzioni previste dal piano degli studi I moduli relativi alle opzioni vengono organizzati solo se il numero di interessati raggiunge un valore minimo deciso di caso in caso dalla direzione. Anche il superamento di un numero massimo di interessati risultante dalle risorse disponibili può essere oggetto d intervento da parte della direzione. Gli approfondimenti previsti per il corso di laurea in informatica sono: - Architetture e sistemi software di rete (moduli M02013 e M02014) - Embedded Systems (moduli M03008 e M03009) - Tecnologie della comunicazione per informatici (moduli M06004 e M06007) - Meccatronica (moduli M04013 e M04014) - Produzione e logistica (moduli M08003 e M09028) Architetture e sistemi software di rete Introduzione L approfondimento affronta problemi inerenti alle tecnologie per realizzare software applicativo in rete. Le architetture e le tecnologie necessarie richiedono di operare in ambienti eterogenei, distribuiti, sicuri e basati su infrastrutture ICT complesse e su sistemi di data management evoluti. La problematica dello sviluppo e dell uso di applicazioni è affrontata quindi a molteplici livelli: dall accesso sicuro e l autorizzazione all uso di servizi applicativi in rete, alla progettazione della loro interfaccia grafica, fino alla progettazione ed all integrazione di sistemi di gestione di dati avanzati a cui le applicazioni accedono, ed in fine all infrastruttura tecnologica che ne supporta il funzionamento in contesti sofisticati che richiedono alta disponibilità e scalabilità. Obiettivi generali - Conoscere le modalità di accesso sicuro ai sistemi e ai servizi in rete - Imparare a progettare sistemi software di rete - Imparare a progettare l interfaccia grafica e a definire l interazione fra l'utente e computer - Imparare a progettare e a usare sistemi di basi di dati ad oggetti e object-relational in configurazioni complesse (distribuite, parallele, replicate) - Studiare le tecnologie per lo sviluppo di applicazioni webbased e distribuite Progetto di diploma Le conoscenze acquisite permettono di svolgere progetti di diploma in cui bisogna sviluppare sistemi software con architetture anche complesse e distribuite su reti di computer. Durante questa attività vengono impiegati strumenti di sviluppo di diverso tipo, dagli ambienti Java di vari fornitori e Open source fino agli ambienti.net di Microsoft. In particolare viene curata la progettazione del software. Sbocchi professionali L ingegneria del software è la più classica delle competenze richieste oggi ad un informatico. La complessità sempre maggiore degli ambienti operativi (sistemi, protocolli, reti, problemi di sicurezza, ecc.) rende l esercizio dell ingegnere del software sempre più articolato e complesso. Molte possibilità di lavoro si aprono nel campo dei sistemi sicuri e dello sviluppo di applicazioni distribuite. L apertura ad un mercato del lavoro a livello almeno europeo è necessaria 4

5 Embedded Systems Introduzione L approfondimento affronta problemi dove lo sviluppo di software richiede una conoscenza approfondita delle componenti hardware è indispensabile. I sistemi embedded sono sistemi che comprendono una CPU (processore) e le periferiche necessarie a svolgere un compito specifico. L utente di un embedded system non ha la percezione di dialogare con un calcolatore: la CPU è nascosta e l interfaccia uomo-macchina è tagliata su misura dell applicazione e della categoria di utenti. I sistemi embedded sono diffusissimi nelle telecomunicazioni (telefoni digitali, GSM, UMTS...), nella telematica (router, switch...), nella biomedicina, nella strumentazione (spectrum-analyzer...), nell'intrattenimento (giochi elettronici, walkman, lettori MP3...), nell'automotive (centraline delle automobili...), nell'informatica tascabile (palmari, agende...) e in molti altri campi. Si percepisce la misura della diffusione dei sistemi embedded quando si considera che nel 2000 il 98% degli 8 miliardi di processori venduti è diventato il cuore di un embedded system, mentre solo il 2% è stato usato per costruire computer (server o desktop). Obiettivi generali - Acquisire le basi necessarie per capire, progettare, realizzare e mantenere aggiornato un embedded system sia per quanto riguarda l hardware che il software. - Studiare i componenti che concorrono alla realizzazione di un sistema integrato. - Acquisire dimestichezza con l approccio di sistema misto hard- e software per la risoluzione di problemi posti da aree disciplinari molto varie. Progetto di diploma Le conoscenze acquisite permettono di svolgere progetti di diploma in cui bisogna sviluppare sistemi embedded. Esempi di progetti svolti: - Prototipo di sensore con ZigBee e TinyOS - Realizzazione di protocolli ed applicazioni di comunicazione Ethernet e CAN per H8S. - Realizzazione di schede a microprocessore che possono essere considerate dei sistemi embedded (mini web-server, centraline di comando per pannelli solari...) Sbocchi professionali Il campo degli embedded system è senz'altro uno dei più dinamici nel panorama industriale locale e internazionale. L esperto in sistemi embedded è la persona chiave per tutte le discipline applicative che cercano soluzioni integrate con equilibrio e interazione fra Hardware e Software. Capacità di ragionare a livello di sistema, con apertura multidisciplinare e perizia operativa nel proprio settore rendono il diplomato una figura indispensabile quando il sistema embedded non è più banale. Possibilità di impiego ove approfondire professionalmente ed applicare le conoscenze acquisite sui microprocessori e sui sistemi SoPC (System-on-Programmable-Chip) si trovano in: meccatronica, bioelettronica, avionica e tecnologie spaziali, telecomunicazioni, fisica, chimica, medicina, monitoraggio ambientale, strumentazione, ecc. Tecnologie della comunicazione per informatici Introduzione L approfondimento affronta problemi inerenti alle tecnologie hardware e software necessarie per realizzare il trasporto di informazione efficiente e sicuro. Oggi la tecnologia ci permette forme sempre più avanzate di comunicazione e ci stiamo muovendo verso la realizzazione di un mondo dove sia possibile e necessario comunicare per chiunque, ovunque si trovi e in qualsiasi momento. Telecomunicazione significa radio frequenze, modulatori e demodulatori, protocolli di trasmissione, ottimizzazione del segnale e dell'interfaccia radio (design antenne), ottimizzazione della copertura data dal sistema (reti radiocellulari GSM UMTS), problemi di interferenza fra sistemi adiacenti (WLAN, Bluetooth), generazione di radiazioni non ionizzanti (elettrosmog) e altro ancora. Tutti questi campi di elevata attualità vengono trattati teoricamente ma anche e soprattutto attraverso dei progetti mirati in laboratorio nei quali lo studente potrà simulare, progettare integralmente, realizzare misurare/collaudare i vari dispositivi. Obiettivi generali Conoscere i principi che stanno alla base della trasmissione di segnali analogici e digitali, i metodi di modulazione classici, le fibre ottiche. Particolare accento viene posto sui protocolli base e su quelli necessari per il funzionamentodi reti radiomobili e più in generale reti wireless, ad hoc e sensoriali. Vengono trattati anche i fondamenti della sicurezza in sistemi cablati e wireless. Progetti di diploma Durante lo svolgimento gli studenti lavorano a stretto contatto con iricercatori collaborando spesso in progetti industriali nazionali e internazionali. Esempi di progetti svolti: - Sistema di monitoraggio dei parametri per ottimizzare una soluzione di always-on Sbocchi professionali Il campo delle telecomunicazioni è oggi in forte espansione. Oggi la quasi totalità dei prodotti sul mercato necessitan di sistemi di telecomunicazione facendo spesso riferimento a moduli ottimizzati wireless. Le competenze acquisite in questo approfondimento permettono quindi un rapido inserimento in aziende che operano in questo campo o più in generale in quello dell informatica tecnica 5

6 Meccatronica Introduzione La meccatronica è una disciplina che integra conoscenze di meccanica, elettronica e informatica con tecniche di controllo. Obiettivi generali - Comprendere le potenzialità offerte dalle soluzione meccatroniche che usano approcci interdisciplinari e che permettono sia miglioramenti funzionali e/o riduzione dei costi di produzione - Conoscere la metodologia di progetto di sistemi meccatronici - Imparare a risolvere problemi meccatronici tramite l uso di sensori, attuatori, algoritmi di controllo soluzioni informatiche e elettroniche Progetto di diploma Le conoscenze acquisite permettono di svolgere progetti di diploma in campi inerenti alla meccatronica. Esempi di temi svolti: - Equilibratura automatica di una mola (due studenti di informatica) - Controllo di una piccola centrale idroelettrica (due studenti di elettronica). Produzione e logistica Introduzione L approfondimento affronta problemi inerenti all organizzazione e all ottimizzazione dei processi produttivi. L opzione offre la possibilità di completare la preparazione tecnico-scientifica con approfondimenti specifici in ambito economico organizzativo, allo scopo di acquisire una formazione intersettoriale che fornisca capacità di gestione e di visione sistemica dei processi aziendali. Obiettivi generali - Imparare ad analizzare sistemi e processi economicoproduttivi complessi utilizzando un approccio interdisciplinare - Conoscere il potenziale impatto innovativo delle tecnologie acquisite durante il ciclo di studio. - Imparare a progettare e prendere decisioni in ambienti in cui le problematiche economiche, gestionali ed organizzative interagiscono con quelle tecnologiche. Progetto d idiploma Esempio - Analisi e gestione dei flussi delle informazioni e dei beni Sbocchi professionali Il campo della meccatronica è tipico dell industria locale. Infatti oggi molti prodotti sono sviluppati con il contributo di diverse discipline (dal connettore alle macchine per l elettroerosione, all ascensore, al motorino elettrico, al sistema di comunicazione per autoveicoli, alla batteria,...) 6

7 M Progetto semestrale - Responsabile del modulo: Responsabile di unità - Semestre: Quinto - Crediti ECTS: 6 Corso No. Lezioni Progetto Lavoro autonomo Progetto semestrale C TOTALE Imparare ad affrontare e risolvere problemi di competenza dell'ingegnere nell ambito di un progetto strutturato - Applicare le conoscenze professionali e le tecniche di progettazione - Esercitare le tecniche di documentazione e di presentazione Prerequisiti per l iscrizione - Aver acquisito un numero minimo di 90 crediti nei moduli riconosciuti per il corso di laurea (Criterio e Peso) Svolgimento fasi di progetto Comprensione dei compiti, pianificazione 1 Analisi dei requisiti e definizione delle specifiche (funzioni, prestazioni, vincoli) 1 Design, definizione modalità realizzative 2 Realizzazione 2 Integrazione, test e validazione 2 Metodo di lavoro Creatività, iniziativa, autonomia esecutiva 1 Ricerca, analisi, valutazione e scelta solutioni 1 Sistematicità, ordine 1 Comunicazione nel gruppo / con i relatori 1 Risultati Coincidenza prodotto con il quaderno dei compiti 2 Presentazione orale Struttura, chiarezza, essenzialità 2 Documentazione scritta Struttura del documento 1 Completezza e esattezza del contenuto 1 Espressione e stile 1 Riassunto (abstract) 1 Progetto semestrale C Attività pratica di progettazione, sviluppo, documentazione e presentazione 7

8 M Progetto di diploma - Responsabile del modulo: Responsabile di unità - Semestre: Sesto - Crediti ECTS: 14 Corso No. Progetto Esercitazioni Lavoro autonomo Progetto di diploma C TOTALE Esercitare lo sviluppo e la realizzazione di un progetto di competenza dell ingegnere. - Esercitare le attività di documentazione e di esposizione inerenti a un progetto. Osservazioni - L accento principale viene posto sul metodo con cui si affronta un progetto nelle sue fasi caratteristiche. - I temi affrontati fanno riferimento in generale alle opzioni scelte Prerequisiti per la formazione Aver acquisito un numero minimo di 140 crediti nei moduli validi per i corsi di laurea (Criterio/Peso) Svolgimento fasi di progetto Comprensione dei compiti, pianificazione 1 Analisi prerequisiti, definizione delle funzioni, delle prestazioni e dei vincoli 1 Design, definizione modalità realizzative 2 Realizzazione 2 Integrazione, test e validazione 2 Metodo di lavoro Creatività, iniziativa, autonomia esecutiva 1 Ricerca, analisi, valutazione e scelta soluzioni 1 Sistematicità, ordine 1 Comunicazione nel gruppo / con i relatori 1 Risultati Coincidenza prodotto con il quaderno dei compiti 2 Presentazione orale Struttura, chiarezza, essenzialità 1 Documentazione scritta 1 Struttura del documento 1 Completezza e esattezza del contenuto 1 Espressione e stile 1 Riassunto (abstract) 1 Progetto di diploma C Contenuti dei corsi - Attività pratica di progettazione assistita 8

9 M Analisi e algebra lineare 1 - Responsabile del modulo: Andrea Graf - Semestre: Secondo - Crediti ECTS: 9 Analisi 1 C Algebra lineare 1 C TOTALE Trattare in modo approfondito i temi fondamentali del calcolo infinitesimale e le sue applicazioni - Sviluppare la capacitä di affrontare problemi complessi tramite l analisi matematica - Acquisire solide basi del calcolo matriciale e comprendere le possibili applicazioni dell algebra lineare - Affinare l approccio algebrico a problemi geometrici e sviluppare la visione spaziale Prerequisiti per l iscrizione Corso di laurea in Elettronica Frequenza in parallelo o prima del modulo - Matematica di base (M01001) Corso di laurea in Informatica Frequenza in parallelo o prima del modulo - Matematica di base e discreta (M01008) Corso di laurea Tecnologie delle macchine Frequenza in parallelo o prima del modulo - Matematica di base e numerica (M01013) o Matematica di base (M01001) - Due test scritti in Analisi - Due test scritti in Algebra lineare - Esame scritto e orale Analisi 1 C Limiti di funzioni - Calcolo differenziale e applicazioni - Calcolo integrale - Sviluppo di Taylor Algebra lineare 1 C Approfondimenti di trigonometria - Prodotto vettoriale e misto - Geometria analitica - Matrici - Applicazioni lineari e trasformazioni geometriche - Determinanti - Pseudoinversa e metodo dei minimi quadrati. 9

10 M Fisica e matematica numerica 1 - Responsabile del modulo: Andrea Graf - Semestre: Primo - Crediti ECTS: 6 Fisica 1 C Matematica numerica 1 C TOTALE Conoscere i fenomeni fisici fondamentali e le loro applicazioni tecniche più importanti - Comprendere i metodi di descrizione matematica della realtà - Approfondire il metodo sperimentale esercitando l osservazione, la misura, la descrizione matematica e la simulazione di fenomeni fisici - Apprendere i fondamenti delle moderne tecniche di calcolo numerico che permettono di modellare processi e di verificare l evoluzione temporale di fenomeni fisici Prerequisiti per la formazione Conoscenze corrispondenti ai requisiti di sufficienza previsti dalla maturità professionale tecnica in - Fisica - Matematica Corso di laurea in Informatica Frequenza in parallelo (o prima) del modulo - Fondamenti di informatica 1 (M02003) Corso di laurea in Elettronica Frequenza in parallelo (o prima) del modulo - Programmazione strutturata (M02001) - Tre test scritti in Fisica - Due test scritti in Matematica numerica Fisica 1 C Contenuti dei corsi - Proprietà termiche della materia - Leggi dei gas - Calorimetria - Conduzione e irraggiamento - Passaggi di stato - Cinematica - Principi della dinamica Matematica numerica 1 C Contenuti dei corsi - Rappresentazioni dei numeri interi e reali nei calcolatori - Operazioni aritmetiche - Metodi di soluzione delle equazioni non lineari. 10

11 M Fisica e matematica numerica 2 - Responsabile del modulo: Andrea Graf - Semestre: Secondo - Crediti ECTS: 6 Fisica 2 C Matematica numerica 2 C TOTALE Conoscere i fenomeni fisici fondamentali e le loro applicazioni tecniche più importanti - Comprendere i metodi di descrizione matematica della realtà - Approfondire il metodo sperimentale esercitando l osservazione, la misura, la descrizione matematica e la simulazione di fenomeni fisici - Apprendere i fondamenti delle moderne tecniche di calcolo numerico che permettono di modellare processi e di verificare l evoluzione temporale di fenomeni fisici Prerequisiti per l iscrizione Frequenza in parallelo o prima del modulo - Fisica e Matematica numerica 1 (M01003). - Due test scritti in Fisica - Un test scritto in Matematica numerica - Valutazione delle esercitazioni - Esame scritto e eventualmente orale Fisica 2 C Moti a più dimensioni - Gravitazione ed elettrostatica - Lavoro ed energia - Quantità di moto Matematica numerica 2 C Metodi di risoluzione dei sistemi lineari - Metodi di interpolazione - Metodi di integrazione. 11

12 M Analisi e algebra lineare 2 - Responsabile del modulo: Andrea Graf - Semestre: terzo - Crediti ECTS: 5 Analisi 2 C Algebra lineare 2 C TOTALE Trattare in modo approfondito i temi fondamentali del calcolo infinitesimale e le sue applicazioni - Sviluppare la capacitä di affrontare problemi complessi tramite l analisi matematica - Acquisire solide basi del calcolo matriciale e comprendere le possibili applicazioni dell algebra lineare - Affinare l approccio algebrico a problemi geometrici e sviluppare la visione spaziale Prerequisiti per l iscrizione Valutazione superiore o uguale FX nel modulo - Analisi e algebra lineare 1 (M01002). - Un test scritto in Analisi - Un test scritto in Algebra lineare - Esame scritto Analisi 2 C Applicazioni del calcolo integrale - Equazioni differenziali - Funzioni a più variabili Algebra lineare 2 C Autovalori e autovettori - Applicazioni degli autovalori - Norme matriciali - Coordinate omogenee. 12

13 M Metodi matematici per l ingegnere - Responsabile del modulo: Andrea Graf - Semestre: terzo e quarto - Crediti ECTS: 6 Corso No. Lezioni 3 sem 4 sem Esercitazioni 3 sem 4 sem Lavoro autonomo Analisi dei segnali C Probabilità e statistica C Dinamica e stabilità C TOTALE Apprendere metodi matematici che trovano forte applicazione in determinati rami della tecnica - Studiare i fondamenti di probabilità e statistica necessari per comprendere alcune loro applicazioni nella tecnica - Studiare le trasformate integrali applicandole alla teoria dei segnali - Saper modellare, analizzare e comprendere il comportamento di sistemi dinamici Prerequisiti per l iscrizione Valutazione superiore o uguale FX nel modulo - Analisi e algebra lineare 1 (M01002). Frequenza in parallelo o prima dei moduli - Analisi e algebra lineare 2 (M01005). - Un test scritto in Analisi dei segnali - Un test scritto in Probabilità e statistica - Un test scritto in Dinamica e stabilità - Esame scritto Analisi dei segnali C Contenuti dei corsi - Serie di Fourier - Trasformate integrali - Trasformate discrete - Applicazioni delle trasformate all analisi dei segnali Probabilità e statistica C Contenuti dei corsi - Ripetizione teoria insiemi e calcolo combinatorio - Eventi, spazio campionario, probabilità - Probabilità condizionata - Statistica descrittiva: indici di posizione e misure di dispersione - Correlazione - Distribuzioni di probabilità - Applicazioni pratiche. Dinamica e stabilità C Contenuti dei corsi - Sistemi dinamici, stato, linearità e tempo-invarianza, rappresentazioni varie: equazioni differenziali, rappresentazioni di stato, funzioni di trasferimento, soluzioni nel tempo, modi, poli - Equilibrio e traiettoria - Stabilità, stabilità asintotica, instabilità - Controllo ad anello aperto, controllo ad anello chiuso - Controllori polinomiali - Sistemi non lineari, approssimazioni lineari, nonlinearità inverse - Sistemi discreti nel tempo e relative rappresentazioni 13

14 M Fisica e modellistica - Responsabile del modulo: Andrea Graf - Semestre: Terzo, Quarto - Crediti ECTS: 6 Corso No. Lezioni 3 sem 4 sem Esercitazioni 3 sem 4 sem Lavoro autonomo Fisica e modellistica C TOTALE Conoscere i fenomeni fisici fondamentali e le loro applicazioni tecniche più importanti - Comprendere i metodi di descrizione matematica della realtà - Approfondire il metodo sperimentale esercitando l osservazione, la misura, la descrizione matematica e la simulazione di fenomeni fisici - Imparare a eseguire misure, acquisire e elaborare dati, valutare gli errori di misura e determinarne l'influenza sui risultati - Esercitare le tecniche di presentazione scritta e orale dell attività svolta e dei risultati raggiunti durante un esercitazione di laboratorio - Prerequisiti per la formazione Valutazioni superiore o uguale FX nei moduli - Fisica e matematica numerica 2 (M01004) - Analisi e algebra lineare 1 (M01002) - Almeno due test scritti - Valutazione delle esercitazioni di laboratorio - Esame scritto e eventualmente orale Fisica e modellistica C Contenuti dei corsi - Complementi di elettrostatica - Fenomeni magnetici - Ottica geometrica - Teoria delle onde: interferenza e diffrazione - Polarizzazione Esercitazioni di laboratorio: - Esperimenti nei campi della o Termica o Meccanica o Elettricità o Ottica e onde di laboratorio 14

15 M Matematica di base e discreta - Responsabile del modulo: Andrea Graf - Semestre: Primo - Crediti ECTS: 9 Matematica di base C Matematica discreta C TOTALE Conoscere gli strumenti e i concetti fondamentali della matematica del continuo e del discreto - Sviluppare le capacità d astrazione e d analisi - Esercitare la capacità d esposizione scritta ed orale di concetti matematici - Sviluppare dimestichezza nell affrontare problemi legati al calcolo matematico Prerequisiti per la formazione Conoscenze corrispondenti ai requisiti di sufficienza in matematica previsti per la maturità professionale tecnica - Tre test scritti in Mmatematica di base - Due test in Matematica discreta Matematica di base C Contenuti dei corsi - Proprietà dei numeri reali - Funzioni reali - Richiami di trigonometria - Calcolo con i numeri complessi - Successioni e serie - Curve piane - Calcolo vettoriale Matematica discreta C Contenuti dei corsi - Calcolo combinatorio - Teoria dei grafi e algoritmi - Aritmetica delle congruenze - Crittografia - Teoria dei codici. 15

16 M Fondamenti di informatica 1 - Responsabile del modulo: Renato Pamini - Semestre: Primo - Crediti ECTS: 6 Fondamenti di informatica 1 C TOTALE Conoscere l evoluzione storica dell informatica e delle sue tecnologie - Analizzare un problema e tradurlo in un programma informatico - Conoscere e esercitare l uso di un linguaggio di programmazione moderno Prerequisiti per l iscrizione nessuno - Due test scritti - Valutazione delle esercitazioni svolte Fondamenti di informatica 1 C Cenni storici dello sviluppo dell informatica - Funzioni delle componenti di un elaboratore - Evoluzione dei sistemi operativi e programmi applicativi fondamentali - Metodi d analisi di problemi e progettazione delle soluzioni - Il linguaggio ADA: tipi di dati, costanti e variabili, istruzioni, operatori - Codifica di algoritmi 16

17 M Fondamenti di informatica 2 - Responsabile del modulo: Renato Pamini - Semestre: Secondo - Crediti ECTS: 6 Fondamenti di informatica 2 C TOTALE Sviluppare programmi in diversi ambienti operativi - Conoscere e capire i metodi della programmazione strutturata e modulare - Conoscere le tecniche di test usati durante lo sviluppo - Applicare le tecniche apprese a problemi di complessità crescente Prerequisiti per l iscrizione Frequenza in parallelo o prima del modulo - Fondamenti di informatica 1 (M02003) - Un test scritto - Valutazione delle esercitazioni svolte - Esame scritto e orale Fondamenti di informatica 2 C Studio dei comandi di base di alcuni sistemi operativi - Sviluppo di programmi con particolare riguardo alla loro portabilità - Tecniche di test e di debugging - Pregi e difetti delle piattaforme informatiche a confronto - Esempi di algoritmi, eccezioni - Il linguaggio ADA: modularità, package, genericità, file esterni - Test di funzionalità ed efficienza 17

18 M Basi di dati - Responsabile del modulo: Renato Pamini - Semestre: Primo, Secondo - Crediti ECTS: 5 Corso No. Lezioni 1 sem 2 sem Esercitazioni 1 sem 2 sem Lavoro autonomo Basi di dati C TOTALE Capire i metodi di progettazione di una base di dati - Esercitare lo sviluppo di basi di dati di complessità crescente Prerequisiti per l iscrizione Frequenza in parallelo (o in precedenza) dei moduli - Fondamenti di informatica 1 (M02003) - Fondamenti di informatica 2 (M02004) - Un test scritto per semestre - Esame scritto Basi di dati C Progettazione di una base di dati - Progettazione concettuale :modello entità-relazione - Progettazione logica: modello relazionale e normalizzazione - Progettazione fisica - Progettazione fisica - Vincoli di integrità - Il linguaggio SQL - definizione dei dati (DDL) - interrogazioni e manipolazioni dei dati (DML) - Indici integrate 18

19 M Algoritmi e strutture dati - Responsabile del modulo: Renato Pamini - Semestre: Terzo - Crediti ECTS: 6 Algoritmi e strutture dati C TOTALE Capire gli algoritmi classici e le strutture dati associate usati nei diversi campi dell informatica - Analizzare e elaborare algoritmi di complessità crescente - Esaminare e valutare algoritmi in base a diversi criteri - Programmare e testare algoritmi Prerequisiti per l iscrizione Valutazione superiore o uguale FX nel modulo - Fondamenti di informatica 2 (M02004) Frequenza in parallelo o prima del modulo - Sviluppo software (M02007). - Un test - Valutazione delle esercitazioni - Esame scritto e orale Algoritmi e strutture dati C Algoritmi di ordinamento e di ricerca - Algoritmi con strutture dati dinamiche: liste e alberi - Algoritmi di compressione - Spline non interpolanti - Metodi di risoluzione numerica per le equazioni differenziali ordinarie - Programmazione e test di algoritmi 19

20 M Sviluppo software - Responsabile del modulo: Renato Pamini - Semestre: Terzo, quarto - Crediti ECTS: 8 Corso No. Lezioni 3 sem 4 sem Esercitazioni 3 sem 4 sem Lavoro autonomo Programmazione e linguaggi C Programmazione orientata agli oggetti C Progettazione del software C TOTALE Capire le tecniche di programmazione basate sui paradigmi classici - Conoscere i più importanti paradigmi di programmazione relativi alla programmazione "in grande": modularità, astrazione sui dati e programmazione a oggetti - Sviluppare programmi in C - Sviluppare programmi mediante un linguaggio di programmazione orientato agli oggetti - Sviluppare la capacità di pianificazione e di analisi strutturata e a oggetti - Imparare ad affrontare progetti di complessità crescente con particolare attenzione alla loro gestione in team Prerequisiti per l iscrizione Valutazione superiore o uguale FX nel modulo - Fondamenti di informatica 2 (M02004). - Un test in Programmazione e linguaggi - Un test in programmazione orientata agli oggetti - Un test in Progettazione del software - Valutazione delle esercitazioni svolte - Esame scritto e orale Programmazione e linguaggi C Introduzione al linguaggio C - Confronti con il linguaggio Ada - Utilizzo delle librerie - Utilizzo avanzato dei puntatori - Modularizzazione e astrazione dei dati - Strutture di dati complesse integrate Programmazione orientata agli oggetti C Dalla modularizzazione alla programmazione a oggetti - Il linguaggio Java - Utilizzo delle classi di biblioteca - Gestione degli eventi in Java - Elementi di interfaccia grafica integrate Progettazione del software C Definizione di software e progetto software - Cicli di vita del software - Unified Modeling Language - Casi di Uso - Diagrammi delle Classi - Diagrammi di Collaborazione - Diagrammi di Stato e di Attività - Descrizione dell architettura - Descrizione dell implementazione - Studi di caso integrate 20

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia L indirizzo Meccanica, meccatronica ed energia ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale,

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Progettazione di sistemi Embedded

Progettazione di sistemi Embedded Progettazione di sistemi Embedded Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded A.S. 2013/2014 proff. Nicola Masarone e Stefano Salvatori Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome/i nome/i Castelli Flavio Email flavio.castelli@gmail.com Sito web personale http://www.flavio.castelli.name Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 Introduzione SmartCard: Carta intelligente Evoluzione della carta magnetica Simile a piccolo computer : contiene memoria (a contatti elettrici)

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Integrazione. Ecad. Mcad. Ecad - MENTOR GRAPHICS

Integrazione. Ecad. Mcad. Ecad - MENTOR GRAPHICS Integrazione Ecad Mcad Ecad - MENTOR GRAPHICS MENTOR GRAPHICS - PADS La crescente complessità del mercato della progettazione elettronica impone l esigenza di realizzare prodotti di dimensioni sempre più

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE > MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE WorkNC V21 multicore 64 bits : Benefici di WorkNC Aumento generale della produttività, grazie alle nuove tecnologie multi-core, 64 bit e Windows 7 Calcolo di

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. "Generate debugging information"

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. Generate debugging information FASE DEBUGGING: Prima della compilazione, si devono inserire 1 nel progetto informazioni per il debug cioè si devono visualizzare le opzioni di progetto seguendo il percorso: controllando che la voce Genera

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Architetture CISC e RISC

Architetture CISC e RISC FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Architetture CISC e RISC 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n.

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI Dalla tecnica PSInSAR al nuovo algoritmo SqueeSAR : Principi, approfondimenti e applicazioni 30 Novembre - 1 Dicembre 2010 Milano Il corso è accreditato

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli