Capitolato Tecnico - Rete di Campus Fondazione I.R.C.C.S. Policlinico S.Matteo - Pavia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolato Tecnico - Rete di Campus Fondazione I.R.C.C.S. Policlinico S.Matteo - Pavia"

Transcript

1 1. INTRODUZIONE OGGETTO DELLA GARA... 4 L APPALTO PREVEDE: Fornitura in opera di beni, installati e funzionanti: Fornitura di servizi: ESECUZIONE DELLA FORNITURA PREMESSA ASPETTI AMMINISTRATIVI ED ECONOMICI Stipula del contratto Organizzazione del lavoro Sistema informativo di Monitoraggio (SIM) Termini di consegna e pianificazioni degli interventi Attivazione del monitoraggio: Sopralluogo tecnico e relazione tecnica preliminare: Piano di collaudo: Installazione rete locale: Prova di verifica di funzionamento: Collaudo finale: Collaudo Prova di verifica di funzionamento Collaudo finale Prezzi Revisione prezzi Variazioni in corso d opera Garanzia Modalità di pagamento PENALI Sistema di monitoraggio: Piano di collaudo: Relazione Tecnica Preliminare: Completamento installazione per ogni sito: Sgombero dei materiali residui: Verifica di Funzionamento: Collaudo finale: Interventi in garanzia: RISOLUZIONE DEL CONTRATTO SPECIFICHE TECNICHE GENERALITÀ RISPONDENZA AI REQUISITI RISPONDENZA AI REQUISITI, AGLI STANDARD ED ALLE NORMATIVE SULLA SICUREZZA E IGIENE DEL LAVORO ARCHITETTURA DI RETE LOCALE Rete di Trasporto IP/MPLS Rete di distribuzione Ethernet/IP Caratteristiche degli apparati IP/MPLS di trasporto Caratteristiche comuni agli Chassis di Tipo A e di Tipo B Caratteristiche specifiche agli chassis di Tipo A Caratteristiche specifiche agli chassis di Tipo B Pagina 1

2 Caratteristiche specifiche al nodo con massima densità di porte all interno della famiglia degli Chassis di Tipo A e Tipo B Caratteristiche degli apparati IP di distribuzione a chassis Caratteristiche specifiche agli chassis di Tipo C Caratteristiche specifiche al nodo con massima densità di porte all interno della famiglia degli Chassis di Tipo C Caratteristiche degli apparati stackable Caratteristiche comuni agli apparati POE e non POE Caratteristiche aggiuntive degli apparati stackable POE Canalizzazioni Dorsale in fibra ottica Armadi Centro di Management SERVIZI Installazione della rete Piano di intervento Assistenza e Manutenzione Supporto e manutenzione di secondo e terzo livello Linea diretta con il fornitore (Help Desk) Intervento in Teleassistenza Intervento presso i luoghi d installazione ALLEGATO 1 PLANIMETRIA - ELENCO SITI ALLEGATO 2 COMPUTO METRICO ALLEGATO 3 STANDARD CHE DEVONO ESSERE SUPPORTATI ALLEGATO 4 QUESTIONARIO FILE: "SCHEMA A BLOCCHI ARMADI E FIBRE 2.pdf" FILE: "RETI_FIBRE_OTTICHE NODI.pdf" FILE: "PARTE PASSIVA FINALE.xls" FILE: "COMPUTO METRICO ATTIVO.xls" FILE: "TABELLA RIASSUNTIVA PORTE CONSEGNATO.xls" FILE: "ALLEGATO 4 QUESTIONARIO FINALE ULTIMO NOVEMBRE.xls" Pagina 2

3 1. INTRODUZIONE Il presente documento, di seguito chiamato Capitolato, fornisce le disposizioni alle quali deve attenersi la Ditta. In particolare, gli elementi forniti dal Capitolato sono: - nel Capitolo 2, la descrizione dell oggetto della gara; - nel Capitolo 3, le condizioni d esecuzione della fornitura; - nel Capitolo 4, le specifiche tecniche del sistema oggetto della gara; - negli allegati, le informazioni di tipo progettuale e contrattuale necessarie per la stesura del progetto e formulazione dell offerta: - Allegato 1 Planimetria - elenco dei siti e consistenza - Allegato 2 Computo metrico - Allegato 3 Standard che devono essere supportati dagli apparati attivi - Allegato 4 Questionario Pagina 3

4 2. OGGETTO DELLA GARA L attuale infrastruttura di rete della Fondazione I.R.C.C.S. Policlinico S.Matteo di Pavia, di seguito indicata come Fondazione, si articola su una rete ethernet (IP) supportata da un backbone in fibra ottica basato su un anello FDDI. Con la gara, descritta nel presente Capitolato, si vuole aumentare l efficienza della rete di trasmissione dati a livello di campus. L informatizzazione ospedaliera volta ad una innovazione dei servizi ed alla disponibilità di strumenti sempre più diffusi (fogli elettronici, , ipertestualità, internet, intranet, telemedicina, multimedialità, ecc.) implica un aggiornamento della attuale rete locale, basata su una dorsale FDDI verso una rete ad architettura aperta, che rispetti il meglio dell innovazione nell ambito delle reti di Campus, rappresentata da una moderna infrastruttura trasmissiva di backbone 10Gigabit Ethernet che faccia uso dalla suite di protocolli Multi Protocol Label Switching (MPLS) fra i vari Edifici. I passi per il processo di realizzazione di questa rete aperta sono: 1) Realizzazione dei cablaggi ottici di dorsale di edificio e fra edifici 2) Installazione e configurazione dei nuovi apparati di rete. 3) Implementazione della rete attiva di trasporto fra edifici in tecnologia MPLS su supporto 10GE 4) Interconnessione con la rete esistente 5) Implementazione della rete attiva di distribuzione nei vari edifici tramite tecnologia Gigabit ethernet verso apparati a chassis e a configurazione fissa (stackable) Il completamento di queste fasi porterà la Fondazione ad avere una rete evoluta, potente e aperta non solo per gli utenti interni alle strutture ospedaliere ma anche per l implementazione di apparati medicali e non, utilizzanti nativamente la tecnologia trasmissiva IP, potendo beneficiare fra l altro di tutte le funzionalità di virtualizzazione proprie alla suite MPLS. Il modello di riferimento nell ammodernamento della rete della Fondazione è quello delle reti metro Ethernet aperte ai vari standard tecnologici e basate sul concetto della separazione fra il backbone MPLS e i servizi virtualizzati erogati alle utenze. In tal senso ampio spazio viene dato alla presenza di un feature set completo di protocolli MPLS e relative VPN, fattori cruciali per garantire flessibilità nell implementazione delle features oggetto del capitolato. La soluzione richiesta, partendo da queste considerazioni di base, prevede lo sviluppo della nuova architettura in parallelo alla esistente, ossia prevede la creazione di una nuova infrastruttura LAN mantenendo temporaneamente in esercizio l esistente rete FDDI fino al completamento del processo e alla migrazione dell utenza/server sulla nuova infrastruttura. È quindi richiesto di fornire una soluzione Gateway anche temporanea, (che può essere inteso anche come servizio o come apparato stand alone, che dal CED appunto, fornirà il collegamento fra la rete attuale e quella di nuova realizzazione per il tempo necessario. Pagina 4

5 All aggiudicatario è richiesto un piano dettagliato di implementazione e di migrazione alla nuova infrastruttura LAN in termini di tempistiche, modalità e di soluzione tecnica di interconnessione tra le due reti LAN al fine di minimizzare i disservizi all utenza. (rif. Par ) Le linee guida seguite nella progettazione della nuova rete possono essere così riassunte: Architettura di trasporto di Campus per l interconnessione fra gli edifici realizzata su un supporto 10 Gigabit ethernet e funzionalità IP/MPLS complete in grado di offrire virtualizzazione fra Utenze e i Servizi afferenti alla rete dell Azienda Ospedaliera in ogni modalità prevista dalla suite di protocolli MPLS (VPN di livello 2 e VPN di livello 3); l architettura di trasporto di Campus consta di apparati di centro stella di Campus e di edificio a chassis ed appartenenti ad un unica famiglia di prodotti; Architettura di distribuzione all interno degli Edifici realizzata con tecnologia 1 GigabitEthernet e funzionalità Ethernet/IP. La separazione delle utenze avviene tramite Virtual LAN (VLAN) dedicate direttamente afferenti alla rete MPLS di trasporto; l architettura di distribuzione consta di apparati a chassis e a configurazione hardware fissa (stackable); Elevata capacità in termini di trasporto e inoltramento dei pacchetti in termini di performance assolute; adatta sia per le esigenze presenti che per quelle future; Elevata densità di porte 1 Gigabit e 10Gigabit su tutti gli apparati, per rispondere alle esigenze presenti e a quelle future Uniformità delle tecnologie implementate: tutta la soluzione di trasporto e di edificio (chassis e stackable) deve essere dello stesso costruttore di rete, e condividere una modalità di configurazione comune per tutti gli apparati (stessa CLI); l uniformità delle tecnologie si esplicita anche tramite la proposta di un unica piattaforma di gestione per l insieme delle piattaforme proposte; Aderenza agli standards tecnologici più avanzati, come esplicitato nell allegato 3; Progetto chiavi in mano che comprenda le necessarie fasi di configurazione degli apparati ottimizzata secondo le esigenze della Fondazione; Sicurezza e protezione delle informazioni e del loro trasporto; Semplicità di gestione e manutenzione; in particolare si recepisce come una necessità il poter gestire la totalità dell infrastruttura a partire da un unica piattaforma di management. Pagina 5

6 L appalto prevede: Fornitura in opera di beni, installati e funzionanti: - gli impianti e gli apparati di accesso alla Rete; - gli impianti tecnologici relativi alla distribuzione dell energia elettrica limitatamente agli armadi oggetto della fornitura, ai generatori di continuità,; - la documentazione tecnica ed operativa della Rete della Fondazione (monografie, manuali utente, manuali operativi, manuali di manutenzione, etc.) Fornitura di servizi: - l assistenza al collaudo, l attivazione e l avviamento della Rete; - l assistenza ed il supporto alla migrazione sulla nuove rete - l assistenza tecnica e la manutenzione (correttiva, preventiva ed evolutiva) della Rete e dei relativi servizi, per tutto il periodo la durata dell appalto. L appalto comprende, inoltre, tutte quelle risorse ed attività le quali, anche se non espressamente citate, sono necessarie a rendere la Rete completamente funzionante in ogni sua parte. Il prezzo base complessivo è stato stabilito in Euro (IVA Esclusa): ,00 (duemilioniottocentomila) e non saranno ammesse offerte pari o superiori a detto importo. Il prezzo complessivo base d offerta franco, di ogni spesa, comprende anche: imballaggio, trasporto ed installazione in opera delle apparecchiature debitamente sdoganate e di tutti i dispositivi necessari per il loro funzionamento; tutto il software necessario per il funzionamento di dette apparecchiature e la relativa installazione sulle apparecchiature fornite; lo sgombero, a lavoro ultimato, delle attrezzature e dei materiali residui, ivi compresi quelli d imballaggio, in conformità alle norme vigenti in materia di smaltimento dei rifiuti; il monitoraggio delle attività per lo sviluppo e l implementazione dell oggetto della gara. Pagina 6

7 3. ESECUZIONE DELLA FORNITURA 3.1. Premessa L esecuzione della gara in oggetto è regolata: dal bando di gara; dal Disciplinare di gara; dal presente Capitolato speciale di gara; dalle schede tecniche; dalle disposizioni normative e regolamentari applicabili Aspetti amministrativi ed economici Stipula del contratto Entro il termine che sarà fissato dalla Fondazione e comunicato alla Ditta aggiudicataria, si dovrà addivenire alla stipula del contratto. Qualora la Ditta non si presenti alla stipula del contratto entro il detto termine e non concorrano giusti motivi, la Fondazione, dopo formale diffida, provvederà all annullamento dell aggiudicazione ed incamererà il deposito provvisorio, salvo il risarcimento di maggiori danni Organizzazione del lavoro La fornitura verrà eseguita sotto la direzione di un Responsabile di progetto nominato dalla Fondazione. Il Responsabile di progetto, nell espletamento dei propri compiti, sarà coadiuvato da un gruppo di tecnici nominati dalla Fondazione. Resta espressamente convenuto che tutti gli ordini relativi all esecuzione della fornitura saranno impartiti esclusivamente dal Responsabile di progetto della Fondazione nell ambito degli obblighi descritti in contratto. La Fondazione non sarà tenuto ad obblighi od adempimenti che non siano stati assunti e/o accettati dal Responsabile di progetto della Fondazione. La ditta sarà tenuta a sottoporre all approvazione del Responsabile di progetto tutti i documenti integrativi di quelli contrattuali (calcoli, particolari esecutivi, schemi di funzionamento, concessioni, nullaosta, ecc.) con un anticipo di almeno 15 giorni sull esecuzione delle relative opere. Qualora tale termine non venga rispettato, il tempo impiegato per le verifiche non potrà essere portato a giustificazione di eventuali ritardi o maggiori oneri e senza che l approvazione comporti responsabilità alcuna per il Responsabile di progetto per la Fondazione ovvero esclusione e/o riduzione della piena responsabilità della Ditta aggiudicataria. La Ditta per sua parte dovrà indicare un suo Responsabile di progetto che, durante lo svolgimento dell attività, dovrà riferire al Responsabile di progetto della Fondazione per tutti gli aspetti Pagina 7

8 operativi finalizzati al completamento della fornitura e rappresentare l unica interfaccia della Ditta Sistema informativo di Monitoraggio (SIM) Le attività del sistema di monitoraggio della Fondazione dovranno essere alimentate con le necessarie informazioni al fine di effettuare in tempo reale: la valutazione in corso d opera; il controllo amministrativo e contabile; il controllo dello stato di avanzamento della fornitura. La Ditta dovrà fornire la documentazione relativa alle seguenti informazioni: elencazione delle attività da sottoporre a monitoraggio, descrizione delle modalità e tecniche di monitoraggio, struttura organizzativa, assegnazione delle responsabilità, modulistica necessaria. Il flusso d informazioni destinato al sistema di monitoraggio della Fondazione dovrà coprire almeno i seguenti aspetti: verbali e rapporti, documentazione di sito, documentazione tecnica specifica, piani di prova e risultati ottenuti, variazioni di contratto (richiesta, approvazione, documentazione contabile), dati relativi al valore dell installato, dati relativi all espletamento di formalità contrattuali (pagamenti, ammontare residuo, accumulo penali per competenza) Termini di consegna e pianificazioni degli interventi Le attività per l espletamento degli obblighi contrattuali, avranno inizio a far data dalla stipula del contratto e dovranno essere completate entro 180 giorni naturali e consecutivi salvo prolungamento derivante da apposito provvedimento della Fondazione. La fornitura dei beni comprensiva delle relative installazioni è prevista che avvenga per ogni singolo sito. L elenco complessivo dei siti e loro consistenza viene riportato nell Allegato 1. Per ogni sito è previsto uno schema di pianificazione descritto nei punti che seguono. Lo schema prevede le seguenti fasi di lavoro il cui tempo di completamento deve essere sempre inteso come giorni naturali e consecutivi a far data dalla stipula del contratto, qualora non diversamente indicato: Pagina 8

9 Attivazione del monitoraggio: entro 15 giorni, la Ditta dovrà rendere operative le interfacce, i mezzi e le procedure per consentire l accesso e la piena disponibilità al proprio sistema di monitoraggio di cui al paragrafo Sopralluogo tecnico e relazione tecnica preliminare: entro 30 giorni, la Ditta dovrà effettuare i sopralluoghi presso tutti i siti e dovrà preparare e consegnare una relazione tecnica preliminare secondo le modalità indicate al paragrafo 4.5.2, dal Responsabile di progetto della Fondazione Piano di collaudo: entro 15 giorni, la Ditta dovrà fornire un piano indicante tutte le prove, le procedure e le modalità di esecuzione del collaudo delle apparecchiature delle reti locali Installazione rete locale: entro 180 giorni a far data dall approvazione della relazione tecnica preliminare, la Ditta dovrà aver completato l installazione di tutte le apparecchiature del sito. Al termine verrà redatto un verbale di completamento delle installazioni in contraddittorio tra il Responsabile di progetto della Fondazione e della Ditta Prova di verifica di funzionamento: entro 15 giorni a far data dal verbale di completamento delle installazioni suddette. La prova sarà eseguita secondo le modalità indicate al paragrafo Al termine verrà redatto un verbale di verifica di funzionamento in contraddittorio tra il Responsabile di progetto della Fondazione e della Ditta Collaudo finale: entro 10 giorni a far data dall esecuzione della prova di verifica di funzionamento dell ultimo sito si inizierà il collaudo finale. Il collaudo sarà eseguito secondo le modalità indicate al paragrafo La Fondazione si riserva di modificare, in relazione alle proprie esigenze, le date di disponibilità dei siti. Qualora si dovesse verificare l esigenza di variare le date di disponibilità, successivamente alla comunicazione di conferma, la Fondazione si impegna a comunicare con preavviso di 10 giorni le nuove date di inizio lavori. Il termine perentorio di 180 giorni, per le installazioni, potrà essere modificato solo nei seguenti casi: - qualora le autorizzazioni delle autorità competenti non siano ottenute nei tempi previsti, non per cause da imputarsi alla Ditta; - per impossibilità sopravvenute o per causa di forza maggiore. Nei casi sopra elencati, la Ditta dovrà provvedere a custodire, a propria cura e spese, senza alcun onere aggiuntivo per la Fondazione e senza maggiorazione del prezzo base, le apparecchiature, i Pagina 9

10 programmi ed i componenti necessari alla realizzazione della rete locale e quant altro necessario, fino alla data di inizio o ripresa dell attività previste. La Ditta dovrà comunque provvedere ad effettuare il sopralluogo tecnico e la relazione tecnica preliminare nei tempi di completamento prima citati. In ogni caso la Fondazione si riserva la facoltà di escludere uno o più siti dal piano di informatizzazione, nei termini previsti dalla legge e contemplati al paragrafo 4.4.1, dandone comunicazione alla Ditta con un preavviso di 10 giorni rispetto alla data di inizio dell installazione della rete locale per il sito di pertinenza. Analogo tempo di preavviso sarà dato nel caso in cui la Fondazione abbia necessità di variare un sito o che le apparecchiature destinate ad un sito debbano essere installate in un altro Collaudo Al collaudo della fornitura si provvederà ai sensi del presente Capitolato. Le operazioni di collaudo dovranno accertare che le forniture dei beni e dei servizi siano state eseguite: - in conformità con le specifiche tecniche e gli allegati del presente Capitolato; - nel rispetto del contratto e delle eventuali variazioni concordate con la Ditta aggiudicataria. Gli incaricati della Fondazione per il collaudo, sulla base della proposta della Ditta, predisporranno il pacchetto di prove alle quali saranno sottoposti i beni e i servizi in fornitura per verificarne la rispondenza. Il piano di collaudo fornito dalla Ditta dovrà utilizzare programmi di test attualmente disponibili sul mercato in grado di verificare tutte le specifiche tecniche (rif. Cap. 4) e rendere il processo di esecuzione delle prove di verifica dei risultati e di redazione dei rapporti il più automatico possibile, ottenendo così, un elevato grado di ripetitività e controllabilità dei risultati Prova di verifica di funzionamento La prova di verifica di funzionamento sarà eseguita, presso ogni sito oggetto della fornitura, da personale incaricato dalla Fondazione. La prova potrà iniziare solo dopo il completamento dell installazione, confermata da apposito verbale, redatto in contraddittorio tra il Responsabile di progetto della Fondazione o un suo incaricato e della Ditta. La prova di verifica di funzionamento dovrà essere effettuata entro 15 giorni dalla data del suddetto verbale. La data della prova verrà comunicata alla Ditta con preavviso di 5 giorni. La ditta è tenuta a fornire l assistenza tecnica necessaria per lo svolgimento delle operazioni di prova di verifica, senza alcun onere aggiuntivo per la Fondazione. La prova verrà certificata da apposito verbale redatto in contraddittorio tra il Responsabile di progetto della Fondazione o un suo incaricato e della Ditta. Ciascun verbale dovrà indicare: - se gli apparati in fornitura e i servizi corrispondono a tutto quanto previsto nelle specifiche funzionali indicate nel Capitolo 4 ed agli standard (rif. Allegato 3); Pagina 10

11 - se occorre completare la fornitura e/o i servizi per poter effettuare le prove funzionali; - se l intero sistema è perfettamente funzionante. All esito favorevole delle prove, è subordinato il pagamento degli eventuali acconti, secondo le modalità di pagamento di cui al successivo paragrafo In caso di mancata funzionalità si procederà all applicazione di penali secondo quanto riportato al paragrafo 3.4. In caso venga accertata la mancata corrispondenza delle caratteristiche delle apparecchiature e dei sistemi forniti alle specifiche dichiarate in offerta la Fondazione potrà procedere alla risoluzione del contratto, previa diffida alla sostituzione entro il termine massimo di 30 giorni con apparecchiature aventi le caratteristiche dichiarate in offerta. Per tale periodo si applicheranno le penali secondo quanto riportato al paragrafo Collaudo finale Il collaudo finale verrà eseguito sulla base dei risultati ottenuti nelle prove di verifica di funzionamento e sulla base di quelli ottenuti con l esecuzione di prove qualora gli organi di collaudo lo ritenessero necessario. Il collaudo finale dovrà iniziare entro 10 giorni dalla data del verbale di esecuzione della prova di verifica di funzionamento con esito positivo dell ultimo sito. La data del collaudo verrà comunicata alla ditta con un preavviso di 5 giorni e la stessa sarà tenuta a fornire l assistenza necessaria fino al buon esito della prova. In caso di mancata funzionalità si procederà all applicazione di penali secondo quanto riportato al paragrafo 3.4. In caso venga accertata la mancata corrispondenza delle caratteristiche delle apparecchiature e dei sistemi forniti alle specifiche dichiarate in offerta la Fondazione potrà procedere alla risoluzione del contratto, previa diffida alla sostituzione entro il termine massimo di 30 giorni con apparecchiature aventi le caratteristiche dichiarate in offerta. Per tale periodo si applicheranno le penali secondo quanto riportato al paragrafo Prezzi Per l intera fornitura, gli obblighi, gli oneri e le condizioni tutte, descritte nel presente Capitolato, sarà corrisposta alla Ditta aggiudicataria, con le modalità e nei termini di cui al paragrafo 3.2.9, l importo di cui al contratto. Con tale importo la Ditta aggiudicataria si intende pienamente compensata di tutte le forniture e lavori connessi, delle prestazioni, dei servizi e degli oneri risultanti dal presente Capitolato Revisione prezzi I prezzi indicati dalla Ditta nell offerta non sono ammessi a revisione, salvo quanto previsto dall art. 115 del D.Lgs. 163/06 e s.m.i.. Pagina 11

12 Variazioni in corso d opera Qualora nel corso di esecuzione del contratto riguardante la presente fornitura si renda necessaria una variazione (aumento o diminuzione) della fornitura stessa, la Ditta aggiudicataria è obbligata ad eseguire la richiesta di variazione alle stesse condizioni del contratto in atto. Tali variazioni potranno essere richieste per un valore che non può superare un quinto dell importo contrattuale aggiudicato. La Ditta aggiudicataria non può, durante l esecuzione delle opere, introdurre variazioni al progetto della Fondazione. Eventuali variazioni al progetto che comportino aggiunte non previste e non valutabili in base ai prezzi indicati in offerta, dovranno essere eseguite, nei limiti sopra esposti, a condizioni e prezzi concordati con la Fondazione Garanzia Il Cablaggio deve godere di una garanzia di almeno 20 anni. Tutte le apparecchiature dovranno essere garantite per un periodo non inferiore a 36 mesi dalla data del certificato di collaudo finale positivo, salvo condizioni migliori. La garanzia deve essere supportata da un servizio di manutenzione in garanzia di pari durata. Nel caso di estensione del servizio di manutenzione oltre i 36 mesi (opzionale) deve essere anche esteso il relativo periodo di garanzia. Il ripristino delle funzionalità delle apparecchiature deve essere effettuato secondo i tempi e le modalità indicate al Paragrafo Modalità di pagamento La ditta ha diritto a pagamenti in corso d opera, ogni qualvolta il suo credito complessivo per opere, forniture e servizi relativi a siti dove la prova di verifica di funzionamento abbia dato esito positivo, raggiunta la cifra di L importo verrà calcolato in base ai prezzi unitari dell elenco allegato all offerta (vedi allegati file Excel Computo metrico attivo e Parte passiva finale ). Sull importo dei singoli acconti verranno trattenute le seguenti somme: - ritenuta dello 0,50% a titolo di garanzia degli obblighi relativi all osservanza delle norme e prescrizioni dei contratti collettivi, delle leggi e dei regolamenti sulla tutela, protezione, assicurazione ed assistenza dei lavoratori; - ritenuta del 5% a titolo di garanzia della qualità e del funzionamento delle apparecchiature, della rete locale e dei servizi. Le trattenute di cui sopra verranno svincolate dopo l esecuzione del collaudo finale con esito positivo Penali Sistema di monitoraggio: Nel caso la Ditta aggiudicataria non renda disponibili i mezzi o non consenta l accesso e la piena disponibilità al proprio sistema di monitoraggio nei tempi richiesti, si applicherà una penale di 300,00 per ogni giorno naturale e consecutivo di ritardo. La suddetta penale sarà applicata fino al raggiungimento del 1% del valore dell intera fornitura. Pagina 12

13 Piano di collaudo: Nel caso la Ditta aggiudicataria non fornisca il piano di collaudo e tutto il software necessario ed idoneo nei tempi richiesti, si applicherà una penale di 300,00 per ogni giorno naturale e consecutivo di ritardo. La suddetta penale sarà applicata fino al raggiungimento del 1% del valore dell intera fornitura Relazione Tecnica Preliminare: Nel caso la Ditta aggiudicataria non completi la relazione tecnica preliminare nei tempi indicati al paragrafo , si applicherà una penale di. 500,00 per ogni giorno di ritardo Completamento installazione per ogni sito: Nel caso la Ditta aggiudicataria non completi l installazione di quanto indicato in offerta nei tempi richiesti, la Fondazione applicherà una penale nella misura di 500,00 per ogni giorno di ritardo fino al 30-esimo giorno naturale consecutivo. A partire dal 31-esimo giorno e fino alla data di completamento dell installazione comunicata dalla Ditta, si applicherà una penale pari al 0,5% del valore dell intera fornitura relativa al sito per ogni giorno naturale consecutivo Sgombero dei materiali residui: Nel caso la Ditta, al completamento dell installazione, non provveda allo sgombero dei materiali residui, verrà applicata una penale pari a 3.000,00 per ogni sito in cui sono rimaste anche parte dei materiali suddetti oltre alle spese necessarie allo smaltimento in danno Verifica di Funzionamento: Nel caso che la prova di verifica di funzionamento abbia esito sfavorevole, la Fondazione applicherà una penale pari allo 0,5% del valore dell intera fornitura relativa al sito, a decorrere dalla data di inizio della prova di verifica di funzionamento e per ogni giorno naturale e consecutivo di ritardo, fino al ripristino delle funzionalità e delle prestazioni del sistema comunicate dalla Ditta. La Ditta dovrà provvedere a sua cura e spese alla rimozione di tutte le cause che hanno determinato l esito negativo. La Fondazione provvederà ad eseguire una nuova prova di verifica di funzionamento. In caso venga accertata la mancata corrispondenza delle caratteristiche delle apparecchiature e dei sistemi forniti alle specifiche dichiarate in offerta la Fondazione potrà procedere alla risoluzione del contratto previa diffida alla sostituzione entro il termine massimo di 30 giorni con apparecchiature aventi le caratteristiche dichiarate in offerta. Per tale periodo la Fondazione applicherà una penale pari allo 0,5% del valore dell intera fornitura relativa al sito, per ogni giorno naturale e consecutivo. Decorso tale ultimo termine si applicherà quanto previsto al paragrafo Collaudo finale: Nel caso di esito sfavorevole al termine delle prove di collaudo finale, la Ditta avrà a disposizione fino ad un massimo di 60 giorni naturali e consecutivi per il ripristino delle funzionalità. In tale periodo, a partire dalla data di certificato di esito negativo, verrà applicata una penale giornaliera pari al 0,10% del valore dell intera fornitura e fino alla comunicazione dell avvenuto ripristino delle funzionalità che interrompe il decorso delle penali. Qualora alla ripresa del collaudo l esito fosse ancora negativo, le penali continuano a decorrere fino al completamento dei 60 giorni assegnati per il ripristino delle funzionalità. Allo scadere di tale ultimo termine, si applicherà quanto previsto al paragrafo 3.5. In caso venga accertata la mancata Pagina 13

14 corrispondenza delle caratteristiche delle apparecchiature e dei sistemi forniti alle specifiche dichiarate in offerta la Fondazione potrà procedere alla risoluzione del contratto previa diffida alla sostituzione entro il termine massimo di 30 giorni con apparecchiature aventi le caratteristiche dichiarate in offerta. Per tale periodo la Fondazione applicherà una penale pari allo 0,5% del valore dell intera fornitura relativa al sito, per ogni giorno naturale e consecutivo. Decorso tale ultimo termine si applicherà quanto previsto al paragrafo Interventi in garanzia: Per gli interventi in garanzia si applicherà una penale di 300,00 per ogni ora di ritardo rispetto ai termini indicati al paragrafo Qualora l intervento dei tecnici della Ditta aggiudicataria non eliminasse i difetti riscontrati, sarà obbligo della Ditta di provvedere alla sostituzione degli apparati e/o componenti. Per un ritardo nella sostituzione superiore a due giorni lavorativi a partire dall intervento del tecnico, sarà applicata una penale di 3000,00 per ogni giorno di ritardo successivo al secondo Risoluzione del contratto Qualora allo scadere dei giorni naturali e consecutivi previsti nel paragrafo si procederà alla risoluzione del contratto, previa diffida, in ognuno dei seguenti casi: non sia completata l installazione anche di un solo sito; non sia possibile procedere alla prova di verifica di funzionamento; le apparecchiature non sono conformi alle specifiche dichiarate in offerta; nel caso di esito sfavorevole del collaudo finale. La Fondazione potrà procedere in tali casi alla risoluzione del contratto, all incameramento del deposito cauzionale e provvedere all esecuzione in danno per la parte di fornitura non eseguita, fermo restando il diritto al risarcimento dei danni subiti. 4. SPECIFICHE TECNICHE 4.1. Generalità In questo capitolo sono riportate le specifiche e le caratteristiche tecniche dei beni e dei servizi oggetto della gara che sono da intendersi come un integrazione a quanto già previsto dagli standard internazionali, relativi alle reti locali, alla telefonia fissa e al cablaggio degli edifici. Le architetture, le topologie e le soluzioni tecniche di seguito riportate sono da intendersi come livello minimo che il Committente vuole ottenere dagli impianti. Il Fornitore è altresì libero di proporre soluzioni migliorative, rispetto a quelle richieste, purché queste siano correttamente motivate e descritte. Il Committente, sulla base di tali proposte, si riserva di rifiutarle, accettarle tutte o in parte. Il progetto deve comunque essere contenuto in una Relazione Tecnica di non oltre 75 pagine formato A4, senza allegati, tipo di carattere Times New Roman, dimensione carattere 12, interlinea singola e su di una sola facciata. Pagina 14

15 Si ricorda che gli impianti sono da intendersi chiavi in mano ; è quindi sottointeso che devono essere forniti: tutti i materiali, le attività di istallazione e/o gestione, e quant altro necessario al corretto e completo funzionamento degli stessi a perfetta regola d arte. Alla luce di quanto fin qui esposto, si ricorda che il Fornitore rimane unico responsabile di eventuali malfunzionamenti, e/o per danni materiali e/o penali, derivanti dal mancato rispetto di tutte le norme e leggi vigenti. Gli apparati devono essere di primaria casa costruttrice con almeno un distributore ufficiale in Italia, rispondenti agli standard IEEE ed RFC proposti nelle tabelle sinottiche e in appendice, nonché alle normative in materia ed essere dotati di marchiatura CE. Come esplicitamente indicato anche nelle tabelle sinottiche in appendice per i valori minimi ed opzionali, al fine di tutelare gli interessi della Fondazione è richiesta una lettera di autocertificazione del Costruttore di apparecchiature prescelto dalla Ditta, che attesti/certifichi la corrispondenza dei valori prestazionali e funzionali riportati nelle suddette tabelle. Nel caso in cui il Costruttore applichi una politica di software che prevede più immagini compatibili con il prodotto hardware offerto (famiglia di software), con funzionalità crescenti e/o complementari, la rispondenza al singolo requisito indicato è da intendersi come la possibilità di attivare la funzionalità richiesta, pena esclusione, tramite il software effettivamente presente a bordo dell apparato offerto in questa fornitura e non come il generico supporto della funzionalità in uno dei software che compongono la famiglia Rispondenza ai requisiti Valgono in particolare le seguenti considerazioni, da rispettare pena esclusione: - L offerta deve comporsi di apparati di un unico costruttore: - Chassis, moduli, schede; - Ottiche, memorie, accessori, ecc.. Tali componenti devono essere originali del Costruttore e non soltanto compatibili. - La conformità ai dati di targa, ai protocolli e agli standard richiesti nel presente Capitolato deve essere certificata dal costruttore. - Tutti i part number hardware o software devono essere coperti da supporto manutentivo di secondo e terzo livello acquistato direttamente dal Costruttore secondo le modalità di cui al paragrafo Rispondenza ai requisiti, agli standard ed alle normative sulla sicurezza e igiene del lavoro Le apparecchiature indicate devono rispondere a tutti i requisiti specificati nel presente Capitolato ed essere compatibili con gli standard nazionali di alimentazione elettrica (50 Hz, 220Vca). Le apparecchiature devono inoltre essere conformi, ciascuno per le singole specifiche caratteristiche, alle seguenti norme in materia di sicurezza: Pagina 15

16 - CEI 74/2 (EN / IEC CEI 110/5 (EN / CISPR 22) - Legge 1 marzo 1968 n DPR 27 aprile 1955 n DPR 24 maggio 1988 n Direttiva UE 90/270/CEE - D. L.vo 81/2008 In ogni caso ciascuna apparecchiatura e l intero sistema fornito deve essere comprensivo di tutto quanto necessario per risultare perfettamente funzionante in opera. Pagina 16

17 4.4. Architettura di rete Locale La rete dell Azienda Ospedaliera consta di due livelli topologici: - un livello di trasporto IP/MPLS fra gli edifici che compongono l Ospedale, su supporto 10GE - un livello di distribuzione Ethernet/IP all interno di ciascun edificio, su supporto almeno 1GE Rete di Trasporto IP/MPLS Lo schema della rete di Trasporto è rappresentato nella figura sotto. Fig.1: Rete di Trasporto fra Edifici La rete di trasporto della Fondazione presenta una topologia a doppia stella multilivello, con due centri stella di campus ubicati presso il locale Centralino (Nodo 1) e un nuovo locale CED situato nel locale tecnologico del nuovo Ospedale DEA (Nodo 16). Pagina 17

18 I nodi di centro stella campus sono i nodi principali dell intera rete ed hanno il compito di costituire l infrastruttura di backbone di campus per interconnettere i vari dipartimenti (edifici) ed i server centralizzati. I due centri stella di campus rappresentano il più alto livello di concentrazione dell intera infrastruttura e sono interconnessi tramite quattro link a 10 Gigabit; è richiesta all aggiudicatario una soluzione valida di interconnessione ridondata, ovvero con percorsi fisici delle fibre ottiche differenti. Tali dispositivi dovranno associare le performance wire-speed alla capacità di routing in hardware completamente basato sugli standard per le reti MPLS di seguito descritti. Segue un elenco completo dei siti che implementano nodi della rete di trasporto: Elenco nodi Nome sito Centro Stella (Centralino) Nodo 1 Ced (attuale Ced) Nodo 2 Orto1 (Ortopedia) Nodo 3 Pedi1 (Pediatria) Nodo 4 Malattie infettive (Torre Aids) Nodo 5 Disc1 (Direzione Scientifica) Nodo 6 Resp1 (Reparti Speciali) Nodo 7 Forl1 (Forlanini) Nodo 8 Clme1 (Clinica Medica) Nodo 9 Oste1 (Ostetricia) Nodo 10 Clch1 (Clinica Chirurgica) Nodo 11 Odon1 (Odontoiatria) Nodo 12 Ufte1 (Ufficio Tecnico) Nodo 13 Dea1 Nodo 14 Dea2 Nodo 15 DEA Centro Stella Nodo 16 I nodi che implementano il Backbone di trasporto (centro stella di campus e centro stella di edificio) sono composti da un unico chassis fisico pienamente ridondato in ogni sua componente hardware e di controllo (doppia management, switch fabric ridondate, alimentatori ridondati, moduli di connettività presenti almeno in quantità doppia), e sono collegati a ciascun centro stella di campus tramite almeno un link 10 Gigabit Ethernet. E richiesto l utilizzo su tutto il backbone di standard 802.3ae con supporto di ottica su fibra monomodale e con utilizzo della lunghezza d onda di 1310 nm. Pagina 18

19 Questa struttura di base è completata da una magliatura realizzata con alcuni collegamenti supplementari che migliorano affidabilità e performance della rete: - C.S. Centralino, C.S. DEA, CED attuale (rispettivamente, nodi 1, 16, 2) sono collegati fra loro tramite un anello composto da 4 link 10GE aggregati a formare un unico canale logico di 40Gbps - Il nodo del reparto Ortopedia (nodo 3) presenta due collegamenti supplementari 10GE verso il C.S DEA, per un totale di 3 link 10GE aggregati a fornire un unico canale logico di 30Gbps - Il nodo del reparto Malattie Infettive (nodo 5) presenta un collegamento supplementare 10GE verso il C.S DEA, per un totale di 2 link 10GE aggregati a fornire un unico canale logico di 20Gbps - Il nodo del reparto Malattie infettive (nodo 5) ed il nodo del reparto Direzione scientifica (nodo 6) sono collegati direttamente fra loro con un link 10Gbps - I nodi del reparto Direzione scientifica (nodo 6) ed il nodo dei Reparti Speciali (nodo 7) sono collegati direttamente fra loro con un link 10Gbps La nuova infrastruttura di dorsale in fibra ottica monomodale sfrutta cammini fisici differenti aumentando così il grado di affidabilità e resilienza della rete. Questa scelta di cablaggio deve ripercuotersi anche sulla rete di trasporto attiva; in particolare le schede 10GE sui nodi di edifico non devono rappresentare un single point of failure (SPoF) della rete ed essere presenti sistematicamente almeno in configurazione doppia. A livello funzionale tutti i nodi descritti partecipano alla rete MPLS, con contemporaneità fra le funzionalità di P (Provider) per il traffico MPLS in transito fra due altri nodi di rete e PE (Provider Edge) per il traffico in provenienza/destinazione la rete di Distribuzione di Edificio. Per tale motivo la rete di trasporto consta di router MPLS Carrier-grade Ethernet che implementano tutto il feature-set normalmente previsto per le reti metropolitane o di Campus Esteso e che comprenda dunque pena esclusione e su tutte le interfacce fisiche offerte (1GE, 10GE) tutte le funzionalità: - di Livello 2 (switching), - di Livello 3 (routing), - MPLS, basato su standard LDP ed RSVP-TE - VPN di livello 2 punto-punto, comunemente denominate Virtual Leased Line (VLL) e che corrispondono al servizio E-LINE descritto dal Metro Ethernet Forum (MEF) - VPN di livello 2 punto-multipunto e multipunto-multipunto, comunemente denominate Virtual Private LAN Services (VPLS) e che corrispondono al servizio E-LAN descritto dal Metro Ethernet Forum - VPN di livello 3 basate sulla virtualizzazione delle utenze tramite VRF e trasporto delle VPN label tramite MP-BGP (VPN BGP/MPLS) Trattandosi di una rete di Campus Esteso, molta enfasi è posta nel supporto anche delle funzionalità di livello 2 all interno delle VRF che implementano le Classi di Utenza e i Servizi direttamente all interno del nodo MPLS, come dettagliato successivamente. Pagina 19

20 Fig.2: Schema a Blocchi Armadi e Fibre VEDERE FILE SCHEMA A BLOCCHI ARMADI E FIBRE 2.pdf Pagina 20

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE Centro Nazionale per l informatica nella Pubblica Amministrazione Allegato 2a alla lettera d invito QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE GARA A LICITAZIONE PRIVATA PER L APPALTO DEI SERVIZI DI

Dettagli

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori COME NON CADERE NELLA RETE Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori Come non cadere nella rete guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti Domanda 1 Si chiede di specificare il numero orientativo dei partecipanti ai corsi di formazione diviso per tipologia (dirigenti, utenti e personale informatico) (cfr. Capitolato capitolo 10). Risposta

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Access point wireless Cisco Small Business serie 500

Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Scheda tecnica Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Connettività Wireless-N, prestazioni elevate, implementazione semplice e affidabilità di livello aziendale Caratteristiche principali

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica ALLEGATO F PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica Appalto n. 1649 - S.P. n. 29 del Colle di Cadibona. Lavori di adeguamento del tracciato stradale

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Definizione Mentre una LAN è una rete locale costituita da un certo numero di pc connessi ad uno switch, una VLAN è una LAN VIRTUALE (Virtual

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

V11. Release 1. New Devices. New Features. More Flexibility.

V11. Release 1. New Devices. New Features. More Flexibility. V11 Release 1 New Devices. New Features. Highlights dell innovaphone PBX Versione 11 Release 1 (11r1) Con il software Versione 11 dell innovaphone PBX la soluzione di telefonia IP e Unified Communications

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PULIZIA ED ALTRI SERVIZI, TESI AL MANTENIMENTO DEL DECORO E DELLA FUNZIONALITA DEGLI IMMOBILI, PER GLI ISTITUTI SCOLASTICI DI

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra-

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra- . ROMA CAPITALE BANDO DI GARA D'APPALTO SEZIONE I) AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale - Dipartimento Risorse Economiche - Direzione per la

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

LISTINO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI

LISTINO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI LISTI INO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI APRILE 2012 APICE Listino Prezzi 04/2012 Indice dei contenuti ARMADI GESTIONE CHIAVI... 3 1. KMS... 4 1.1. ARMADI KMS COMPLETI DI CENTRALINA ELETTRONICA E TOUCH

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ

IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ (tratto da Linee guida per la qualificazione del procedimento di Lavori Pubblici - IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna REALIZZAZIONE E SVILUPPO DEL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE (SITR) DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

Regione Autonoma della Sardegna REALIZZAZIONE E SVILUPPO DEL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE (SITR) DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Regione Autonoma della Sardegna Assessorato degli Enti Locali Finanze ed Urbanistica Direzione Generale della Pianificazione Urbanistica Territoriale e della Vigilanza Edilizia Servizio della Pianificazione

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 1 di 9 Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n.3/2008 Del 5 marzo 2008 Sicurezza nell esecuzione degli appalti relativi a servizi e forniture. Predisposizione

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate.

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate. Roma, 5 marzo 2010 AREA COORDINAMENTO AFFARI AMMINISTRATIVI Ufficio Affari Amministrativi Contabilità e Bilancio Prot. UAA-AIFA F.3./a.23734/P OGGETTO: Gara d appalto mediante cottimo fiduciario per l

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione Oggetto dell'iniziativa La Convenzione prevede la fornitura del servizio di pulizia ed altri servizi tesi al mantenimento del decoro e della funzionalità degli immobili delle Scuole e dei Centri di Formazione

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli