PIANO INDUSTRIALE DI GRUPPO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO INDUSTRIALE DI GRUPPO 2009-2011"

Transcript

1 PIANO INDUSTRIALE DI GRUPPO Valorizzare il potenziale di un Gruppo Federale Unico in Italia Presentazione alla Comunità Finanziaria Rapporto Finale Milano, 6 Maggio 2009

2 Disclaimer Questo documento è stato preparato da Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa a scopi esclusivamente informativi e solo per presentare le strategie e i principali dati finanziari. Le informazioni contenute nel presente documento non sono state verificate da organi indipendenti. Nessuna garanzia, manifesta o implicita, può essere data sui contenuti del documento e di conseguenza non è opportuno fare affidamento sulla completezza, correttezza e l accuratezza delle informazioni o sulle opinioni qui contenute. Né Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa né i suoi consulenti e rappresentanti possono essere ritenuti responsabili (per negligenza o per altro) per qualunque perdita derivata dall uso di questo documento e dei suoi contenuti. Tutte le informazioni prospettiche qui contenute sono state predisposte sulla base di determinate assunzioni che potrebbero risultare non corrette e, pertanto, i risultati qui riportati potrebbero variare. Nessuna parte di tale documento può essere considerata la base di alcun contratto o accordo. Tutte le informazioni qui contenute non possono essere né riprodotte né pubblicate né integralmente né in parte, per nessuna finalità, o distribuite.

3 Contenuti 1. Introduzione 2. Outlook sul Gruppo nell ultimo triennio 3. Il piano strategico

4 La scelta di elaborare oggi il primo piano industriale per il Gruppo BPER è nata, più che dall esigenza di prevedere il futuro, da quella di guardarsi dentro al fine di migliorarsi Il perché di un Piano strategico oggi Affrontare uno scenario generale più difficile a causa di: Crisi economico finanziaria in atto e conseguente peggioramento della qualità del credito Pressione sui margini nel settore bancario ( effetto spread, rallentamento crescita impieghi) Modifiche normative con impatti sui requisiti regolamentari, di liquidità e di stabilità complessiva (es.: ICAAP); Individuare azioni organiche ed efficaci di supporto alla redditività attraverso l allargamento della base dei ricavi ed il contenimento dei costi. Presentare le caratteristiche e gli obiettivi del Gruppo alla comunità finanziaria in occasione del previsto passaggio della quotazione del titolo BPER al Mercato Ufficiale 3

5 Contenuti 1. Introduzione 2. Outlook sul Gruppo nell ultimo triennio: Struttura e posizionamento Andamento economico, patrimoniale e finanziario 3. Il piano strategico

6 Il Gruppo BPER vanta un track record estremamente positivo di acquisizioni e ristrutturazioni di piccole Banche locali, che lo ha portato, in pochi anni, a diventare un primario Gruppo a livello nazionale Gruppo BPER: storia e crescita Totale attivo (mld ) 55 Dipendenti (# teste) Sportelli (#) Utile netto (Mln ) ,9 10,7 12,6 15,4 Fonte: Dati Pianificazione e Controllo Gruppo BPER (1) L utile netto di Gruppo al lordo di componenti straordinarie è pari a circa 330 Mln 14,0 18,0 35, OPA maggioritaria su BPMT e BPLS OPA totalitaria su BPR Pacchetto maggioranza CRV e OPA su BPKR Pacchetto maggioranza della CARISPAQ OPA maggioritaria su BPAP 21,6 Pacchetto maggioranza del BDS Partecipazione rilevante (20%) in BDS 36,2 Nascita della BDC 39, ,5 Controllo totalitario di ABF Leasing 43,3 Pacchetto maggioranza relativa di EBT Pacchetto di maggioranza assoluta di EBT ,3 48,5 OPA sulla totalità delle azioni di Meliorbanca 52,8 Nascita BPMZ da fusione BPKR e BPMT 5

7 Il Gruppo BPER opera attraverso un modello federale costituito da banche con forte radicamento territoriale facente capo alla capogruppo BPER che opera in Emilia Romagna, una delle regioni più ricche ed industrializzate d Italia Gruppo BPER: attuale struttura (aggiornamento al 31 Marzo 2009) BANCHE TERRITORIALI FABBRICHE PRODOTTO PARTECIPAZIONI STRATEGICHE BP Ravenna CR Vignola Eurobanca Trentino Private & Investment Banking Wealth Management e assicurazioni Parabancario/ Credito al consumo Banche e Società Estere BP Aprilia BP Mezzogiorno Banco di Sardegna BPER (Europe) Int. CR Aquila Banca della Campania Banca di Sassari EMRO Finance Ireland Ltd BP Lanciano e Sulmona Le Banche controllate operano principalmente nelle Regioni del centro/ sud Italia beneficiando di rilevanti bacini di raccolta diretta (1) Divisione Consumer all interno della Banca di Sassari Meliorbanca Optima Sgr Arca Vita Arca Assicurazioni ABF Leasing Sardaleasing ABF Factoring Divisione Consumer 1 / Presticinque Le fabbriche prodotto coprono tutti i segmenti di business (retail e corporate) Società controllate Banca Italease (6,79%) Arca Sgr (20,18%) CR Bra (31,02%) CR Fossano (23,08%) CR Saluzzo (31,02%) CR Savigliano (31,01%) Società collegate 6

8 Il Gruppo BPER è presente in 17 Regioni e 76 Province con una copertura territoriale variegata Presenza territoriale e quote di mercato ¹ (dati in numero Filiali e QdM %, Dicembre 2008) Numero sportelli per Regione Quota di mercato per Provincia (3) (5) (45) (29) (336) (13) (2) (7) Nel 43% delle province presidiate il Gruppo presenta una qdm sportelli superiore al 4% (73) (98) (8) (415) (106) (36) (30) Totale Filiali Italia: (24) (1) Non comprende la Filiale BPER Lussemburgo. Dati sportelli sistema al 30 Settembre 2008 Fonte: Elaborazioni Pianificazione e Controllo Gruppo BPER a Dicembre 2008 (42) QdM sport. (numero Prov.) maggiore del 7% (24) tra il 4% e il 7% (9) tra il 2% e il 4% (11) minore del 2% (32) non presenti (31) 7

9 La quota di mercato sportelli è superiore alla quota di mercato raccolta diretta ed impieghi, sostanzialmente stabile nel periodo ; il Gruppo presenta, pertanto, significative potenzialità di crescita sfruttabili con azioni commerciali mirate Evoluzione quote di mercato: posizionamento del Gruppo BPER (dati in %) Quote di mercato complessive (%) 3,6% 3,6% QdM Sportelli 12,0% 9,3% 9,6% Emilia Romagna 3,6% 3,0% 3,1% 3,1% QdM Raccolta Diretta 2,2% 2,3% Quote di mercato nelle aree storiche (dati in % a Settembre 2008) 60,1% 50,5% Sardegna 2,4% QdM Impieghi¹ ,0% 18,4% 13,9% 18,2% 14,1% 11,6% 8,9% 13,2% 7,7% 7,8% Abruzzo Basilicata QdM Sportelli QdM Raccolta Diretta QdM Impieghi Calabria (1) Dati a Settembre 2008 Fonte: Elaborazioni Pianificazione e Controllo Gruppo BPER, Settembre 2008 La quota di mercato sportelli è stabile (compresa l acquisizione di 36 filiali del Gruppo Unicredit nel corso del 2008), a fronte di una graduale crescita delle quote di mercato sulle masse: Crescita quota di mercato raccolta diretta (+0,1p.p.) Crescita quota di mercato impieghi (+0,2p.p.) Il presidio nelle aree storiche è solido, con uno sfruttamento del radicamento territoriale forte in termini di penetrazione della raccolta diretta La quota di mercato impieghi, in alcune aree storiche, (Sardegna, Abruzzo, Basilicata) è inferiore alla QdM sportelli 8

10 Il Gruppo BPER è salito dalla 8 alla 6 posizione nel ranking dei maggiori Gruppi Bancari in Italia, pur non avendo partecipato attivamente all ultima fase di acquisizioni bancarie e rimanendo, di conseguenza, uno dei Gruppi con incidenza degli intangible assets più bassa del Sistema (avviamento/ totale attivo 0,66% vs 2,89 % benchmark) Posizione e consolidamento nel settore (dati in mln e #) Ranking Primi 10 Gruppi Bancari in Italia, 2006 Totale attivo Numero dipendenze 1 (#) (mln ) Dipendenti (#) Ranking Primi 10 Gruppi Bancari in Italia, 2008 Totale attivo 2 Numero dipendenze 2 (#) (mln ) Dipendenti 2 (#) 1 SPIMI Unicredit Intesa Intesa SP Unicredit MPS Capitalia BP MPS UBI BPVN BPER BPU BNL n.a. 8 BPER BPM Antonveneta BPVI BPI Carige (1) Dato non comprensivo delle dipendenze estere (2) Dato comprensivo delle dipendenze estere a Settembre 2008 (3) Comprende sportelli acquisiti da Unicredit Fonti: Elaborazioni Pianificazione e Controllo Gruppo BPER, Dicembre 2008; Relazioni Trimestrali, Settembre 2008 e Banca d Italia, Settembre

11 Il Gruppo BPER ha concluso, nel 2008, l acquisizione di 36 sportelli dal Gruppo Unicredit prevalentemente localizzati in Sicilia Operazioni strategiche recentemente concluse: acquisizione sportelli Unicredit Verona (1) Verona (1) TOTALE 36 Roma (12) Roma (12) Palermo (3) Agrigento (6) (6) Messina (7) Palermo (3) Messina (7) Belluno (2) Belluno (2) Catania (2) Catania (2) Siracusa (3) Attraverso la partecipazione ad un consorzio composto da Banche di medie dimensioni BPER ha acquisito 36 sportelli dal Gruppo Unicredit, in particolare: 21sportelli in Sicilia nelle province di Messina (7), Catania (2), Siracusa (3), Agrigento (6) e Palermo (3) 12 sportelli tra Roma città e provincia 3 sportelli a Belluno, Cortina d Ampezzo e Verona Il prezzo offerto, in termini di avviamento, per le 36 dipendenze selezionate assomma a 148,5 Mln (rapporto medio Avviamento/Raccolta Totale per le ultime transazioni di mercato ca 21,4% vs 12,1% di BPER) Il prezzo risulta inferiore del 45% alla media delle transazioni comparabili degli ultimi anni (4,1 mln a sportello vs 7,4 mln ) Gli sportelli siciliani sono stati accorpati alla neo costituita Banca Popolare del Mezzogiorno mentre, i restanti 15, direttamente inclusi nella Capogruppo 10

12 La Banca Popolare del Mezzogiorno, nata dalla fusione da Banca BP Materano e BP Crotone, è la Banca del Gruppo focalizzata sul presidio di Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia Operazioni strategiche recentemente concluse: Banca Popolare del Mezzogiorno Banca Popolare di Crotone e Banca Popolare del Materano hanno costituito la Banca Popolare del Mezzogiorno 112 sportelli in 4 regioni, 933 dipendenti, soci e oltre clienti Totale attivo: Mln Patrimonio netto: 304 Mln Utile netto 2008: 32 Mln Fonte: elaborazioni Pianificazione e Controllo Gruppo BPER, dati al 31 Dicembre

13 Con il perfezionamento dell OPA lanciata a Giugno 2008, BPER ha acquisito il 100% del capitale di Meliorbanca Operazioni strategiche recentemente concluse: Meliorbanca 100% Meliorfactor S.p.A. Principali società del Gruppo Meliorbanca Meliorbanca Private S.p.A. 100% Meliorbanca S.p.A. 100% Arca Imp. Gestioni SGR 100% 100% Fonte: dati Pianificazione e Controllo Gruppo BPER al 31 Dicembre 2008 Sis.Pa. S.r.l. Il corrispettivo pagato in OPA ( 3,20 ad azione, complessivi ~ 290 mln) è coerente con i valori di patrimonio netto 2007 di Meliorbanca (rapporto tra P/Bv 07 = 1,03v) Il premio pagato - rispetto al prezzo medio ponderato dell azione Meliorbanca in Borsa ante lancio dell OPA - è inferiore a quelli riconosciuti in occasione di precedenti OPA Con l acquisizione del controllo di Meliorbanca BPER intende: rafforzare il presidio sul segmento imprese, mettendo a disposizione delle Banche del Gruppo e dei propri clientiimpresa una Banca specializzata nei servizi di Corporate & Investment Banking ottimizzare la qualità dei servizi offerti alla clientela top Private, mediante l utilizzo e il rafforzamento, dell expertise maturata da Meliorbanca Private Il progetto di ristrutturazione industriale avviato prevede: cessione di asset non strategici ottimizzazione dell attivo e del passivo previa valutazione puntuale della qualità del portafoglio crediti attuale e del livello di esposizione ai rischi finanziari efficientamento del personale di Gruppo (piano esodi concluso a Marzo 2009 con l uscita di 76 risorse), razionalizzazione organizzativa e iniziative di cost cutting 12

14 Il riassetto di Banca Italease, consentirà alla BPER di uscire da Italease stessa, di limitare la partecipazione alla BadCo. (partecipazione al 10%), di ridurre i rischi creditizi/ legali sul canale agenti, focalizzandosi nel leasing sul canale bancario Operazioni strategiche in corso: progetto di ristrutturazione del Gruppo Banca Italease Ambito Struttura dell Offerta Descrizione Offerta pubblica volontaria totalitaria da parte del Banco Popolare su azioni ordinarie in circolazione di Banca Italease ammesse al Mercato Telematico Azionario Delisting delle azioni della Società Concentrazione di parte delle attività/ passività del Gruppo Banca Italease in due società finanziarie di nuova costituzione Riorganizzazione Creazione di una BadCo. (Newco Uno) alla quale verranno trasferiti gli attivi deteriorati al 31 marzo 2009 di Banca Italease o di Società da essa controllate per un importo lordo massimo di 5 Mld con un azionariato così ripartito: Banco Popolare/ Banca Italease: 80% BPER: 10,84% BP Sondrio: 6,23% BP Milano: 2,93% Creazione di una GoodCo. (Newco Due) alla quale verranno trasferiti i crediti in bonis (rivenienti dal canale bancario) al 31 marzo 2009 di Banca Italease e di Società da essa controllate per un importo lordo massimo di 5,9 Mld con un capitale così ripartito: Banco Popolare/ Banca Italease: 32,79% BPER: 36,44% BP Sondrio: 20,95% BP Milano: 9,83% 13

15 Contenuti 1. Introduzione 2. Outlook sul Gruppo nell ultimo triennio: Struttura e posizionamento Andamento economico, patrimoniale e finanziario 3. Il piano strategico

16 La crescita delle masse di impieghi e raccolta diretta ha trainato la crescita del MINTER caratterizzato dalla prevalenza del margine di interesse e frenato solo dal risultato negativo del portafoglio finanziario nel 2008 Evoluzione masse intermediate (dati in mln e crescita %) CAGR ,0% ,2% PBL (mln ) +7% ,8% ,6% ,2% ,5% +12,7% +7,4% Minter e Cost to income (mln, %) 55,5% 58,9% 52,1% Cost/ income ,4% ,4% ,8% +1,9% ,2% ,4% La crescita delle masse intermediate è stata trainata da: Impieghi (+13,4%) Raccolta Diretta (+10,0%) L andamento negativo della raccolta indiretta è stato determinato dai corsi dei titoli dell ultimo anno Impieghi Raccolta indiretta Raccolta diretta Fonte: Elaborazioni Pianificazione e Controllo Gruppo BPER, dati a Dicembre 2008 L incremento del MINTER è stato spinto dalla crescita del MINT che ha beneficiato di un effetto volumi positivo L incremento del cost to income nel 2008 è dovuto ad un aumento delle spese per il personale e delle spese amministrative (progetti nell ambito della gestione e monitoraggio dei rischi e del sistema di controlli interni) a fronte di una contestuale contrazione del MINTER Margine Servizi Margine Interessi Margine finanziario 15

17 Il Gruppo BPER ha avuto nell ultimo triennio un trend positivo di crescita dell utile ad eccezione del 2008, sostanzialmente a causa dell incidenza delle componenti straordinarie (svalutazione Italease) Conto economico (dati in Mln ) Margine di intermediazione ,3% ,5% Costi operativi ,8% ,2% Rettifiche ,9% ,6% Proventi da attività non ricorrenti ,7% -80 n.a. Imposte ,5% ,5% Utile ,2% ,6% Fonte: Elaborazione Pianificazione e Controllo Gruppo BPER, dati a Marzo 2009 (1) L utile netto di Gruppo al lordo di componenti straordinarie è pari a circa 330 Mln 16

18 Pur in presenza della crescita sostenuta dell attivo, il Gruppo ha mantenuto una buona patrimonializzazione ed un buon livello di redditività Indici di patrimonializzazione e redditività (dati in %) 10,8% Total Capital Ratio (%) Tier 1 (%) 9,8% 11,0% 7,3% 7,0% 7,2% ,0% ROE 1 (%) 13,3% Il ROE al 2008 al netto della svalutazione Italease è stato pari a 8,1% 5,7% (1) Il patrimonio netto non comprende le riserve da valutazione e il patrimonio di pertinenza di terzi Fonte: Elaborazioni Pianificazione e Controllo Gruppo BPER, dati a Dicembre

19 Circa l 86% dell assorbimento patrimoniale è relativo al rischio di credito (la voce altri requisiti prudenziali è riferibile comunque ad RWA rischio credito) Patrimonio consolidato e requisiti prudenziali di Vigilanza (dati al 31 Dicembre 2008) PATRIMONIO E REQUISITI PRUDENZIALI DI VIGILANZA Dati in /mil Patrimonio di base (TIER 1) Core TIER Patrimonio supplementare (TIER 2) Elementi da dedurre TIER Altri requisiti prudenziali 5% Rischio di mercato 1% Rischio Operativo 8% Patrimonio di vigilanza Rischio di credito Rischio di mercato Altri requisiti prudenziali Rischi Operativi (dall'1/1/ Basilea 2) Totale patrimonio impegnato Eccedenza patrimoniale Rischio di credito 86% Attività di rischio ponderate Core TIER 1 Ratio 6,1% 7,3% 7,0% 6,9% TIER 1 Ratio (Patrimonio di base/ attività di rischio) 6,1% 7,3% 7,0% 7,2% Total Capital Ratio (Patrimonio Vigilanza/ attività di rischio) 8,3% 10,8% 9,8% 11,0% (1) Nota: in applicazione della circ. 263 di Banca d Italia, a far data dal gli elementi da dedurre rappresentanti interessenze in società finanziarie e banche sono dedotti al 50% dal Patrimonio di base e al 50% dal Patrimonio supplementare. Nella voce elementi da dedurre figureranno fino al solo partecipazioni in società di assicurazione acquisite prime del 20 luglio Nel caso specifico Arca Vita e Arca Assicurazioni (2) Con regole Basilea 2 18

20 Nel triennio, il Gruppo BPER ha evidenziato un miglioramento del rapporto sofferenze/ crediti alla clientela; nel 2008 l aumento dei crediti deteriorati è riconducibile prevalentemente ai past due Rischio di credito (dati in %, mln) Sofferenze nette/ crediti alla clientela (%, mln) Crediti deteriorati netti/ crediti alla clientela (%, mln) 1,50% 1,46% 1,43% 3,81% 3,76% 4,24% Sofferenze nette Deteriorati netti Crediti alla clientela Crediti alla clientela Rettifiche di valore nette su crediti 1 / crediti vs. clientela (%) 0,41% 0,40% 0,51% (1) Dato al netto di svalutazione su attività finanziarie Fonte: Dati Pianificazione e Controllo Gruppo BPER 19

21 Il Gruppo BPER ha mantenuto negli anni un equilibrato rapporto tra impieghi e raccolta generando una buona liquidità Liquidità e RWA (dati in %, mln ) Crediti vs clientela/ raccolta diretta (%) 83,7% 88,2% 88,9% Liquidità Gruppo 1 (dati al 30 Aprile 2009) Crediti alla clientela/ totale attivo (%, mln) 69,1% 72,9% 76,2% Liquidità Totale Liquidità di 1 livello Liquidità di 2 livello RWA/ totale impieghi (%, mln) 85,6% 88,2% Liquidità di 3 livello 75,8% Crediti alla clientela Totale attivo RWA credito Totale Impieghi (1)Liquidità 1 Livello: depositi netti sul mercato interbancario - depositi non smobilizzabili + Riserva Obbligatoria; Liquidità di 2 Livello: Titoli rifinanziabili in Banca Centrale (solo portafoglio BPER); Liquidità di 3 Livello: Titoli rifinanziabili in Banca Centrale (portafoglio banche del Gruppo ad esclusione della Capogruppo) Fonte: Elaborazioni Pianificazione e Controllo Gruppo BPER, dati a Dicembre

22 Il cost to income è migliore rispetto ai peers per effetto dell elevata redditività delle masse nonostante l alta incidenza dei costi sul PBL rispetto alla Best Practice Scomposizione cost to income (dati in % a Dicembre 2008) Cost/ PBL (1) (%) 0,97% 0,99% 0,88% 58,92% Cost to income (%) 61,80% -5% Gruppo BPER Media campione Best practice : Income/ PBL (1) (%) Gruppo BPER Media campione 1,64% 1,60% 1,75% Gruppo BPER Media campione Best practice (1) Indici al 31/12/2008 per BPER e al 30/06/2008 annualizzati al 31 dicembre 2008 per il campione Fonti: Elaborazioni Pianificazione e Controllo Gruppo BPER, dati a Dicembre 2008 e Bilanci Banche del campione, dati a Giugno

23 La solidità e la redditività del Gruppo hanno consentito al titolo di resistere meglio dei competitors alla crisi (- 41% da Marzo 2008 a Marzo 2009 vs. - 56% della media competitors) Andamento del prezzo delle azioni (Dati indicizzati: Marzo 2007 = 100) Player Capitalizzazione ( mln, 20/03/09) Prezzo (, 20/03/09) Var.% Mar08-Mar09 ISP ,87-56% UCI ,22-74% MPS ,95-67% UBI ,27-51% CARIGE ,14-15% BPER ,3-41% BP ,48-78% BPM ,44-54% CREDEM 736 2,60-68% Media n.s n.s. -56% Fonte: Elaborazioni Pianificazione e Controllo Gruppo BPER su dati Bloomberg al 20 Marzo

24 Contenuti 1. Introduzione 2. Outlook sul Gruppo nell ultimo triennio 3. Il piano strategico : Mission Linee guida ed azioni Obiettivi economico finanziari 23

25 E stata definita la nuova mission aziendale che conseguiremo solo se resteremo fedeli ai valori condivisi che ci hanno sempre guidato e che hanno contraddistinto il nostro modo di essere Mission e valori Mission Valori condivisi Essere il sistema federale di Banche più vicino ai bisogni e ai progetti di famiglie e piccole/ medie imprese; Essere punto di riferimento in termini di solidità e servizio al cliente, con l impegno di contribuire allo sviluppo economico dei territori presidiati, con una attenzione concreta alle istanze sociali in coerenza con lo spirito del credito popolare Integrità Rispetto Spirito di squadra Valorizzazione del capitale umano Federalismo 24

26 Sono state identificate competenze che riteniamo cruciali per raggiungere i nostri obiettivi Competenze e obiettivi Competenze Orientamento al cliente Legame con il territorio Qualità dell offerta Gestione attenta del merito creditizio Efficienza operativa Obiettivi Essere Gruppo federale aperto ad aggregazioni di altre Banche territoriali che si riconoscono nel nostro modello, con particolare riferimento alle zone ad elevata attrattività attualmente non coperte Aumentare le quote di mercato nelle aree geografiche d insediamento Assicurare una redditività del Gruppo adeguata e sostenibile anche attraverso appropriati livelli di produttività commerciale ed efficienza operativa Crescere in modo equilibrato preservando la solidità patrimoniale 25

27 Contenuti 1. Introduzione 2. Outlook sul Gruppo nell ultimo triennio 3. Il piano strategico : Mission Linee guida ed azioni Obiettivi economico finanziari 26

28 Il Piano industriale si basa su linee guida finalizzate a sostenere la redditività in un contesto economico difficile Modello di Governance Rinnovamento IT Rete distributiva Razionalizzazione Gruppo Sviluppo Importanti Sinergie di Ricavo e Costo Modello Commerciale Personale Operations Credito 27

29 Rete distributiva Azioni Performance Filiali Posizionamento sul territorio (Piano Sportelli) Compresenze territoriali Filiali non performing (cost income > 75%): avvio immediato di un programma di rilancio commerciale delle 280 Filiali non performing mediante uno specifico piano di azione per singolo punto vendita Filiali critiche (cost income > 75% unito a localizzazione in zone poco attrattive): valutazione opportunità interventi di razionalizzazione su 54 Filiali critiche Filiali di recente apertura (aperte dopo il 1 gennaio 2006): avvio piano di azioni finalizzato ad anticipare il raggiungimento del break even su 38 Filiali e a sostenere la crescita di ulteriori 46 Filiali Piano sportelli selettivo e focalizzato : piano di apertura delle nuove Filiali in un numero limitato di Province target, al fine di raggiungere la QdM sportelli necessaria per massimizzare la leva commerciale Processo di apertura: adozione di un approccio strutturato a livello di Gruppo per: definizione format di Filiale differenziati, gestione del processo di apertura (minimizzazione rischio di aperture non performing ) e monitoraggio dei risultati delle aperture previste Sovrapposizioni: razionalizzazione compresenze più evidenti dove non sussistano motivazioni di business (es. Provincia di Roma) 28

30 Le sinergie di ricavo potenziali prodotte dalle azioni di rilancio delle Filiali del Gruppo BPER sono stimate in ca. 29 Mln di MINTER incrementale (recupero del 17% del gap vs Filiali performing) Performance Filiali: linee guida e key figures (dati in mln ) Linee guida di sviluppo Analizzare le inefficienze esistenti sulle 280 Filiali non performing e definire un catalogo di azioni di miglioramento da declinare in maniera specifica per ogni Filiale Effettuare il roll out delle azioni individuate con task force dedicate, monitorando puntualmente i risultati ottenuti e indirizzando ulteriori azioni correttive Industrializzare le metodologie e gli strumenti utilizzati affinché diventino parte integrante delle attività quotidiane delle unità Area Clienti, anche a supporto di altre esigenze (es.: budget, piano sportelli) Minter addizionale per ca 29 mln 0,12 Underperforming attuale 5,5 Underperforming attuale MINTER/ addetto 0,23 Performing attuale +92% PBL/ addetto 9,1 Performing attuale 0,14 Underperforming target +65% 6,3 Underperforming target +17% 1 +15% 1 Fonte: Elaborazioni Pianificazione e Controllo Gruppo BPER, dati al (1) Incremento redditività inferiore a incremento masse per azioni di acquisition/ sviluppo 29

31 Le aperture previste nel triennio (97 Filiali pari a un incremento del 7,6% dell attuale Rete) sono finalizzate principalmente a sviluppare e consolidare la presenza in 7 province Estensione selettiva rete Filiali 1 Quota di mercato - oggi ¹ Quota di mercato - domani (2011)² QdM sport. (numero Prov.) maggiore del 7% (24) tra il 4% e il 7% (9) tra il 2% e il 4% (11) minore del 2% (32) non presenti (31) QdM sport. (numero Prov.) maggiore del 7% (25) tra il 4% e il 7% (10) tra il 2% e il 4% (13) minore del 2% (32) non presenti (27) Aumento QdM rispetto 2008 (11) Consolidamento nelle province di Pescara, Messina e Caserta attualmente presidiate con QdM superiore al 2% Sviluppo nelle province di Cremona, Terni, Bari e Taranto con QdM ad oggi inferiore 2% Introduzione logiche di coordinamento commerciale nelle città grandi con ampie compresenze Avvio di un piano di razionalizzazione delle direttrici di sviluppo territoriale anche attraverso swap di Filiali intra-gruppo (1) Quota di mercato calcolata su numero sportelli Gruppo BPER al e numero sportelli sistema al (2) Quota di mercato calcolata su previsione numero sportelli Gruppo BPER al e numero sportelli sistema al Fonti: Elaborazioni su dati Ufficio Segreteria Organizzativa di Gruppo, Febbraio 2009 e Banca d Italia, Settembre

32 L attivazione del motore di apertura delle nuove Filiali consentirà di accelerare il break even delle Filiali di recente apertura e di garantire il rispetto dei tempi e degli obiettivi economici previsti Performance Filiali: motore di apertura delle nuove Filiali¹ Leve Selezione scientifica location Preparazione apertura e budgeting Supporto al lancio Monitoraggio Attivazione azioni correttive Descrizione Identificazione location sulla base di micro marketing territoriale Sviluppo Business Case specifico per ciascuna apertura sulla base delle caratteristiche identificate (es. potenziale territorio, affitti, costi impianto, costi di subentro) Verifica sostenibilità economics con Area ed eventuale implementazione delle correzioni Set-up Filiale attraverso il coordinamento industriale delle funzioni coinvolte Valorizzazione delle sinergie infragruppo (es. clientela altre società del Gruppo residente sul territorio delle nuove aperture) Definizione obiettivi reddituali/produzione nel percorso di break even delle Filiali Lancio programmi/prodotti specifici a supporto aperture (es. eventuale pubblicità locale/ valorizzazione keads clientela prospect) Set up task force di sviluppo a supporto primi mesi operatività Filiale Realizzazione di un monitoraggio di produzione (settimanale) e di redditività (mensile) strutturato specificamente per le Filiali di recente apertura Avvio tempestivo di azioni sulle Filiali in ritardo sulla tabella di marcia per anticipare e correggere le situazioni critiche (1) Filiali aperte dall 1/1/2006 al 31/10/2008. (2) Benchmark panel di banche esterno Fonte: Elaborazioni Pianificazione e Controllo Gruppo BPER dati a Ottobre 2008 Costi Diretti / MINTER Evoluzione rapporto costi diretti/ MINTER Media Filiali Gruppo oggi Media Filiali Gruppo domani Benchmark² Zona efficienza # mesi di attività Impatto medio riduzione costi diretti/ MINTER (numeri indice) 100 Media Filiali BPER recente apertura -19% 81 Target 31

33 Modello commerciale Azioni Segmentazione Prodotti Retail: attivazione modello di servizio commerciale differenziato per sotto-segmento (es.: Mass Market, Affluent) al fine di sfruttarne il pieno potenziale con focus sui segmenti Affluent e Private del Gruppo Corporate: lancio azioni commerciali per l aumento share of wallet clientela esistente, acquisizione nuova clientela e sviluppo servizi fee based, valorizzando competenze apportate da Meliorbanca Profilo di rischio: ottimizzazione del profilo rischio/rendimento e degli RWA (es.: repricing su specifici segmenti, switch tra forme tecniche, gestione attiva garanzie) Vendite per Filiale: potenziamento capacità di vendita e riduzione della variabilità delle performance tra Filiali anche attraverso la revisione delle modalità di pianificazione/budgeting, il supporto di specialisti di prodotto e l ottimizzazione dei processi/ strumenti di supporto alla vendita Offerta: realizzazione di un catalogo prodotti unico di Gruppo alimentato dalle singole Banche Organizzazione commerciale Multicanalità Capitale relazionale Modello Divisionale: prosecuzione del processo di divisionalizzazione intelligente e coerente con il modello di Banca territoriale: Potenziamento ruolo Aree Territoriali ed in particolare dei Responsabili di segmento di Area a supporto della pianificazione commerciale di Filiale (es. palinsesto azioni di filiale per segmento) Mantenimento della centralità del Direttore di Filiale e aumento della focalizzazione sui segmenti a maggiore potenziale Governo commerciale: costituzione Centro di coordinamento commerciale e di CRM da Banca transazionale a Banca relazionale con l obiettivo di diffondere le best practice di Gruppo (es.: iniziative commerciali, reporting commerciale, valorizzazione base clientela Gruppo) Evoluzione modello multicanale: Migliorare l efficienza operativa dei punti vendita e aumentare le opportunità di contatto Attrarre i clienti di domani della Banca e aumentare la fidelizzazione di quelli già esistenti Marketing Intelligence: Potenziamento professionalità, metodologie e strumenti al fine di valorizzare la base clientela esistente e prospect potenziando ulteriormente le capacità di vendita della Rete Rafforzamento approccio proattivo al cliente Monitoraggio e Controllo performance commerciali: potenziamento strumenti in sinergia con le nuove applicazioni del Controllo di Gestione Prossimità territoriale e valoriale: ulteriore valorizzazione commerciale anche attraverso lo sfruttamento del profilo etico e reputazionale 32

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 INTESA SANPAOLO VINCENTE, TRA LE BANCHE EUROPEE, NON SOLO NELL ESERCIZIO DI ASSET QUALITY REVIEW E STRESS TEST MA ANCHE NELL

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. ELEVATA PATRIMONIALIZZAZIONE, LARGAMENTE

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. PROPOSTA DI DIVIDENDI CASH PER 1,2

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Advisory Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 1 2 3 Il trend del risparmio gestito prima e dopo la crisi finanziaria

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing I servizi di Business Process Outsourcing rappresentano uno strumento sempre più diffuso per dotarsi di competenze specialistiche a supporto della

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Situazione al 30 giugno 2008 Informativa al Pubblico Situazione al 30 giugno 2009 Pillar 3 1 Pillar 3 Banca Monte dei Paschi di Siena SpA Capitale Sociale 4.486.786.372,26 interamente versato Iscritta

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance SALARY SURVEY 2015 Banking & Insurance Banking & Insurance Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it Banking & Insurance Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014 Milano, Settembre 2014 la nostra promessa Dialogare con centinaia, migliaia o milioni di persone. Una per una, interattivamente. 10/1/2014 2 la nostra expertise YourVoice è il principale operatore italiano

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012.

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. 3 Michael Page Salary Survey 2012 - Banking 4 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. Michael Page, quale leader nella ricerca e selezione

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito Valtellinese

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 PILLAR 3 Informativa al pubblico al 31/ /12/2010 INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA...

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli