GRUPPO BPER PIANO INDUSTRIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GRUPPO BPER PIANO INDUSTRIALE"

Transcript

1 GRUPPO BPER PIANO INDUSTRIALE Il nuovo Gruppo BPER: crescita, valore e territorio in un Paese che cambia Presentazione alla Comunità Finanziaria Milano, 14 marzo 2012

2 Disclaimer Questo documento è stato preparato da Banca Popolare dell Emilia Romagna sc a scopi esclusivamente informativi e solo per presentare le strategie e i principali dati finanziari. Le informazioni contenute nel presente documento non sono state verificate da organi indipendenti. Nessuna garanzia, manifesta o implicita, può essere data sui contenuti del documento e di conseguenza non è opportuno fare affidamento sulla completezza, correttezza e l accuratezza delle informazioni o sulle opinioni qui contenute. Né Banca Popolare dell Emilia Romagna sc né i suoi consulenti e rappresentanti possono essere ritenuti responsabili (per negligenza o per altro) per qualunque perdita derivata dall uso di questo documento e dei suoi contenuti. Tutte le informazioni prospettiche qui contenute sono state predisposte sulla base di determinate assunzioni che potrebbero risultare non corrette e, pertanto, i risultati qui riportati potrebbero variare. Nessuna parte di tale documento può essere considerata la base di alcun contratto o accordo. Tutte le informazioni qui contenute non possono essere né riprodotte né pubblicate né integralmente né in parte, per nessuna finalità, o distribuite. Pagina 2

3 Agenda 1. Outlook sul Gruppo e principali risultati 2. Il piano strategico Pagina 3

4 Storia e crescita del Gruppo BPER Dalla nascita del Gruppo (1992) oltre 40 operazioni straordinarie (Totale attivo 1 mld ) Nasce il Gruppo BPER 35,1 36,2 45,3 48,5 52,8 60,5 Piano Industriale 2012/ , Crescita nel core business tradizionale tramite acquisizione di banche commerciali Acquisizione società prodotto Armonizzazione informatica Progressivo turnaround delle banche controllate Potenziamento Governance di Gruppo Semplificazione assetto organizzativo Sviluppo informatico e rafforzamento macchina operativa Nuovo assetto di Gruppo: operazioni di aggregazione e allineamento organizzativo banche maggiori Riduzione base costi Progetti per la crescita 1) Dati aggiornati a fine anno Pagina 4

5 Il Gruppo BPER oggi che hanno portato all attuale assetto del Gruppo BPER Banche Territoriali Fabbriche Prodotto IT e servizi di Back Office BP Emilia Romagna BP Ravenna Corporate & Investment Banking Wealth Management e assicurazioni Altri servizi finanziari BPER Services BP Aprilia CR Aquila BP Lanciano e Sulmona Meliorbanca Optima Sgr ABF Leasing BP Mezzogiorno Banca della Campania EMRO Fin. Ireland Arca Sgr Sardaleasing Banco di Sardegna Banca di Sassari Arca Vita EmilRo Factor Presticinque Banche BPER Int. Estere S.A. Alba Leasing Compresenza di 9 Banche commerciali a carattere territoriale Le banche controllate operano principalmente nelle regioni del Centro/ Sud Italia Gamma completa di offerta attraverso le società prodotto Presenza all estero Società controllate Società partecipate/ partnership commerciali Pagina 5

6 Progetti avviati, razionali di business e principali risultati raggiunti L ultimo triennio si è caratterizzato per un intenso programma di trasformazione Razionale Progetti Piano Industriale Risultati 1 Conoscere i propri clienti e rispondere in modo efficace ai loro bisogni Finalizzazione modello divisionale Metodi di CRM e comportamenti commerciali Customer Experience e capitale relazionale 15% redemption sui contatti suggeriti da CRM 89% della clientela Retail soddisfatta 90% della clientela Corporate soddisfatta 2 Migliorare la gestione dei costi Politiche e strumenti per efficientamento costo del personale Cost efficiency Nuovi processi/ procedure in HR budgeting Nuovi processi/ procedure di gestione della spesa di Gruppo 3 Governare il Gruppo attraverso il completamento del patrimonio informativo Attivazione CdG di Gruppo (nuovi processi e procedure) -30% il tempo per predisposizione Conti Economici mensili ~60 nuovi report di monitoraggio a livello cliente/ filiale/ segmento/ Gruppo 4 Politiche del credito Migliorare l efficienza nell erogazione Processo del credito e nella gestione del credito Pratica Elettronica di Fido Nuova PEF di Gruppo ~ 50 FTE liberati nella sola fase di indagine preliminare cliente in PEF 5 Andare oltre il canale tradizionale massimizzando i punti di contatto con la clientela Potenziamento canali remoti +50% traffico medio mensile sui nuovi siti istituzionali 6 Efficientamento processi di filiale Raggiungere l eccellenza Razionalizzazione Back Office nelle Operation di Gruppo Evoluzione Consorzio BPER Services Accentrati: 72 macro processi di Back Office e 12 organizzativi 309 servizi IT 7 Semplificare la struttura di Gruppo Programma progetti speciali >160 mln di plusvalenze da cessioni nel triennio Pagina 6

7 Espansione Territoriale e dinamica del personale accompagnato da una gestione selettiva degli sportelli e del personale Espansione territoriale (#) Dinamica del personale (#) 8 aperture in capoluoghi di provincia non presidiati (Ascoli Piceno, Treviso, Andria, Firenze, Bergamo, Caserta, Lecco, Macerata) 18 aperture in comuni non presidiati 12 aperture in comuni già presidiati per rafforzamento quota mercato sportelli Organico a Mar Assunzioni Cessazioni Organico a Dic Distribuzione Centro Rete - Gruppo BPER 1 (%) Risorse Direzione Centrale + Area Risorse Filiale Sportelli a Dic Filiali Meliorbanca/ Meliorbanca Private Nuove Aperture Chiusure 8 chiusure su piazze sovrapposte 11 chiusure sportelli Meliorbanca Sportelli a Dic ,2% 29,0% 45 52pp 5,2 p.p. 65,8% 71,0% 42 Dic Dic XX Età media al ) Considera il numero delle risorse delle banche del Gruppo escluse tutte le società prodotto, BPER Services e la Divisione Consumer di BSSS Pagina 7

8 I I m I I m Ranking e posizionamento territoriale Oggi il Gruppo conta ca filiali distribuite sul territorio nazionale Primi 10 Gruppi Bancari in Italia, giugno 2011 Quote di mercato sportelli per provincia 3, settembre 2011 Ranking totale attivo Totale attivo 1 (mln ) Dipendenti 1 (#) Numero dipendenze 1 filiali % su totale (#) Nord-ovest 54 4,2% 1 Unicredit Nord-est ,0% Centro 101 7,8% 2 Intesa SP Sud ,7% 3 MPS Isole ,3% Totale ,0% 4 BP UBI BNL BPER BPM Cariparma Carige maggiore dell 8% (16) tra il 4% e l 8% (10) tra il 2% e il 4% (13) minore del 2% (44) non presenti (27) 1) Dato comprensivo delle dipendenze estere per BPER considerata la filiale del Lussemburgo 2) A dicembre 2011: dipendenze 3) L analisi include Banco Posta in parentesi il numero delle provincie per range di quota di mercato Pagina 8

9 La clientela del Gruppo BPER con il 60% della raccolta nel Centro-Sud ed una vocazione principalmente Retail Spaccato clientela per segmenti (%, #.000) Share of business clientela Gruppo BPER 1 (%) Controparti Istituzionali Retail Affluent 004% 0,04% 9,7% (1) (214) Retail Small Business 12,8% (283) Retail Altro 6,8% (150) Corporate/ Large Corporate 1,5% (34) Private 0,3% (6) ~2,2 mln di clienti Retail Mass Market 68,8% (1.517) 11,0% Corporate 42,8% Private 52,3% Retail- Mass market 47,3% 27,2% Retail- Small business Retail- Affluent 4,6% Controparti Istituzionali Raccolta diretta e impieghi per macroregioni (%) 5% 35% 7% 27% 26% Raccolta diretta 12% 39% 10% 20% 19% Impieghi Importante contributo del Sud e delle Isole alla raccolta di Gruppo Forte radicamento territoriale nelle aree storiche: il 39% degli impieghi è concentrato nel Nord-est Italia Nord-ovest Nord-est Centro Sud Isole 1) Totale affidamenti presso il Gruppo BPER/ totale affidamenti complessivi sul Sistema Pagina 9

10 I risultati del triennio e il confronto con i risultati attesi Nonostante il contesto, il Gruppo ha mantenuto un buon livello di redditività Margine di intermediazione (mln, %) Rettifiche (mln, %) % % Target Piano Target Piano Industriale 2011 Industriale 2011 Costi operativi (mln, %) Utile netto e ROE Gruppo (mln, %) % ROE % 4,3% 4,7% 1 5,6% 6,5% % Target Piano Target Piano Industriale 2011 Industriale ) Valore al netto plusvalenza Arca Vita Pagina 10

11 Agenda 1. Outlook sul Gruppo e principali risultati 2. Il piano strategico Linee guida ed azioni Obiettivi economico finanziari Pagina 11

12 Piano Strategico Linee guida e azioni abilitanti 1. Semplificazione del Gruppo: ottimizzazione del presidio territoriale e risparmio costi Piano Strategico Valorizzazione investimenti sostenuti nel triennio precedente per generare crescita ed efficienza i Il nuovo Gruppo BPER: crescita, valore e territorio in un Paese che cambia 5. Mantenimento di un adeguato profilo di liquidità AZIONI STRAORDINARIE Operazioni di aggregazione intragruppo Nuovo modello di governo Rafforzamento macchina operativa AZIONI ORDINARIE Governo e presidio del Business Commerciale Patrimonio e Rischi 3. Rafforzamento Risorse Umane della solidità patrimoniale Operations 4. Ottimizzazione del presidio dei rischi Pagina 12

13 Azioni straordinarie Principali interventi Ambiti di intervento Linee guida Operazioni di aggregazione intragruppo 4 operazioni di fusione di banche controllate per semplificare l assetto organizzativo e abilitare il raggiungimento i di importanti ti sinergie i di costo Creazione della Grande BPER quale banca di riferimento per il Centro-Nord Italia Semplificare la struttura del Gruppo Rafforzare il ruolo di indirizzo e controllo della Capogruppo Evolvere l assetto delle Banche Rete Nuovo modello di governo Nuovo assetto organizzativo interno della Capogruppo per rafforzare la capacità di indirizzo, controllo e presidio dei rischi Nuovi modelli organizzativi di Banca Rete, con maggior peso su credito e commerciale Potenziare la macchina operativa di Gruppo Rafforzamento macchina operativa Sviluppo di BPER Services attraverso internalizzazione di servizi gestiti al di fuori del Gruppo e gestione accentrata delle attività amministrative di filiale Pagina 13

14 Aggregazioni infragruppo (1 di 4) Operazioni di aggregazione nel triennio e nascita Grande BPER Fusione per incorporazione di Meliorbanca in BPER e valorizzazione competenze distintive in ambito Corporate Banking nella nuova Divisione Meliorbanca Fusione per incorporazione di Carispaq in BPER e creazione Divisione L Aquila Spin-off sportelli Lazio di Banca della Campania in BPER Cessione a BPER di parte degli sportelli del Banco di Sardegna sulla penisola Nascita Grande BPER Fusione per incorporazione di Banca Popolare di Aprilia in BPER Fusione per incorporazione di Banca Popolare di Lanciano e Sulmona in BPER e creazione Divisione Lanciano e Sulmona Pagina 14

15 Aggregazioni infragruppo (2 di 4) Principali KPI Grande BPER Le operazioni di incorporazione porteranno ad una crescita strutturale di BPER mantenendone pressoché inalterata la produttività complessiva e assimilandola alle best practice di mercato in termini di distribuzione risorse tra Centro e Rete Sportelli (numero indice, %) Addetti (numero indice, %) +49% +31% Oggi - Banca BPER Domani - "Grande BPER" Oggi - Banca BPER Domani - "Grande BPER" PBL 1 / addetto (numero indice, %) Distribuzione Centro/ Rete (%) -6% Risorse Direzione Risorse Area Risorse Filiale 22,5% 21,9% ,4% 4,4% 73,1% 73,7% Oggi - Banca BPER Domani - "Grande BPER" 1) Prodotto Bancario Lordo: raccolta diretta + raccolta indiretta + impieghi Oggi - Banca BPER Domani - "Grande BPER" Pagina 15

16 Aggregazioni infragruppo (3 di 4) Il nuovo presidio territoriale del Gruppo Presidio territoriale as-is Nuovo presidio Gruppo BPER Nuovo assetto Assetto di Governo organizzativo GRANDE BPER Capogruppo Grande BPER Banche del Territorio Da 8 a 5 Banche del Territorio Presidio territoriale post operazioni straordinarie Rafforzamento presenza di BPER al Centro Nord e creazione di Divisioni a presidio dei territori del Centro Italia Banca della Campania e Banca Popolare del Mezzogiorno a presidio esclusivo del Sud Ottimizzazionei i del presidio in Sardegna BPER BPRA BPAP CRAQ BPLS BPMZ BCAM BSAR e/o BSSS BPLS e CRAQ BPER + BPAP+ BSAR + CRAQ + BSSS + BCAM Assenza di presidio Pagina 16

17 Aggregazioni infragruppo (4 di 4) Il nuovo assetto organizzativo di Gruppo Assetto di Gruppo target Analisi Centro Rete Gruppo target 2 = Capogruppo BPER CdA NON ESAUSTIVO Risorse Direzione Centrale + Area Risorse Filiale Amministratore Delegato 29,0% 25,0% Direttore Generale Banche Commerciali Divisioni territoriali/ Divisione Meliorbanca Area Affari BPER 1 Soc. Prodotto parabancario 71,0% 75,0% Capogruppo con 4 Divisioni 5 Banche del Territorio Somma Banche "as-is" Somma Banche "to-be" 1) Comprende l incorporazione di Banca Popolare di Aprilia 2) Considera il numero delle Risorse delle banche del Gruppo escluse tutte le società prodotto, BPER Services e la Divisione Consumer di BSSS Pagina 17

18 Nuovo modello di governo (1 di 2) Struttura di governo della Capogruppo BPER Organigramma Capogruppo NON ESAUSTIVO Consiglio di Amministrazione Amministratore Delegato Chief Lending Officer (CLO) Rafforzamento indirizzo e controllo attraverso: o Riporto diretto dei DG delle banche del Gruppo e dei Responsabili Divisioni Territoriali al Direttore Generale Chief Risk Officer (CRO) o Potenziamento del ruolo del DG di BPER con governo diretto della macchina operativa e delle Risorse Umane di Gruppo Chief Financial Officer (CFO) Costituzione del Chief Risk Officer, del Chief Lending Officer e del Chief Financial Officer Direzione Commerciale Direttore Generale Chief Operating Officer (COO) Maggiore coordinamento delle attività di pianificazione, marketing e distribuzione attraverso la nuova figura del Direttore Commerciale di Gruppo Banche Commerciali Divisioni Territoriali Area Affari BPER Divisione Meliorbanca Risorse Umane Soc. prodotto Maggior orientamento al business grazie al mantenimento nelle Divisioni Territoriali/ Area Affari BPER delle sole funzioni Commerciale e del Credito Commerciale Commerciale Credito Credito Pagina 18

19 Nuovo modello di governo (2 di 2) Struttura organizzativa delle banche del Gruppo Organigramma Banca Rete CDA NON ESAUSTIVO Direttore Generale Referenti Maggiore orientamento al business grazie alla focalizzazione sulle funzioni Commerciale e del Credito Risorse e Amministrazione Area Affari Maggiore velocità decisionale e di messa a terra sul territorio delle linee guida di Capogruppo, anche grazie all attivazione i di referenti dedicati di sulle aree core Mercato Crediti Aree Territoriali Pagina 19

20 Rafforzamento macchina operativa Potenziamento poli BPER Services 1 Razionali dell intervento Valorizzare le competenze specialistiche consolidate a supporto delle Operations di Gruppo Rafforzamento Macchina Operativa A 2 Liberare tempo commerciale in filiale attraverso l accentramento in strutture specializzate delle attività amministrative B Potenziamento Polo Sardo Creazione Strutture di Middle Office 3 Internalizzare specifiche attività oggi in outsourcing Pagina 20

21 Azioni straordinarie - manovra del personale (dati in #) 470 per il potenziamento della Macchina Operativa di Gruppo, di cui ca. il 50% finalizzate a liberare tempo commerciale in Rete 100 per il potenziamento funzioni di Business 100 per il potenziamento funzioni Governo, Controllo e Staff 80 a supporto espansione rete filiali ~ ~ Linee guida manovra sul personale: ~ -450 Uscite dal Gruppo Attivazione strumenti legali e contrattuali necessari Uscita delle risorse con diritto alla pensione Opportunità ed esigenze di mobilità professionale Organico Gruppo BPER "as-is" Risorse liberate Esigenze organizzative Organico Gruppo BPER "to-be" Ricorso alla mobilità territoriale e/o infragruppo Pagina 21

22 Razionalizzazione portafoglio partecipazioni Interventi e principali risultati attesi Razionalizzazione portafoglio partecipazioni Possibili ulteriori azioni di semplificazione SITUAZIONE ATTUALE Partecipazioni (#) 230 Valore di Bilancio (mln ) Azioni di # Partecipazioni # Partecipazioni # Partecipazioni con alta cedibili con oggetto di probabilità di complessità semplificazione cessione realizzative struttura Gruppo Leasing razionalizzazione del comparto Leasing SITUAZIONE TARGET Partecipazioni (#, Δ # vs portafoglio attuale) Valore di Bilancio (Mln, Δ mln vs portafoglio attuale) 149 (-81) 953 (ca. -50 mln ) Effetto sul patrimonio i +2 bps su Core Tier 1 Immobiliare Valorizzazione del patrimonio immobiliare attraverso la costituzione di un Fondo Immobiliare di Gruppo Pagina 22

23 Azioni ordinarie: 5 ambiti, 17 macroaree e 36 progetti Master Plan interventi Ambiti Macroaree PIANO INDUSTRIALE Commerciale Patrimonio e Rischi Risorse Umane Operations Governo e presidio del business Ottimizzazione performance commerciali Basilea II Valorizzazione e sviluppo risorse Evoluzione Bper Services Armonizzazione di Gruppo Evoluzione modello di servizio alla clientela Gestione industrializzata sofferenze Formazione e comunicazione Paperless (la Green Bank) Sistema dei controlli interni Valorizzazione strategia multicanale Modelli e strumenti gestionali risk adjusted Pianificazione risorse e controllo costi Cost reduction Altri presidi Sostenibilità e innovazione Governo della liquidità 11 progetti 7 progetti 5 progetti 4 progetti 9 progetti Pagina 23

24 1) Ambito Commerciale 4 Macroaree e 11 Progetti: ~28 mln di investimenti 1 Principali iniziative Ottimizzazione performance commerciali Nuovi modelli per la gestione evoluta del pricing Evoluzione dell offerta di Gruppo: o ampliamento value proposition verso soluzioni e servizi di tipo non bancario o razionalizzazione dell attuale offerta commerciale di Gruppo +1,2% tasso di Acquisition al 2014 Commercia ale Evoluzione modello di servizio alla clientela Valorizzazione strategia multicanale Sostenibilità e Innovazione Messa a terra del nuovo modello di servizio alla clientela Potenziamento CRM e introduzione logiche di segmentazione basate sul potenziale Sviluppo servizi su bisogni ad alto valore aggiunto Miglioramento della Customer Satisfaction secondo principi di experience ed eccellenza del servizio io Messa a regime del nuovo modello multicanale integrato: o completamento nuovi canali diretti o introduzione nuovi ATM evoluti o creazione nuovo Contact Center di Gruppo (inbound e outbound) o introduzione logiche e strumenti di proposizione proattiva alla clientela o potenziamento Marketing e Comunicazione digitale a supporto dell acquisition Razionalizzazione sportelli ed introduzione nuovi concept di filiale Valorizzazione attuale base clienti attraverso l introduzione di logiche di redditività della relazione nel tempo (lifetime value) Sviluppo nuovi target di clientela Introduzione Officina delle Innovazioni a supporto del rinnovamento del Gruppo Brand, Identità e reputazione +0,8% tasso di Retention al % Cross Selling clientela Privati al 2014 ~250 fte potenziamento della Rete distributiva al ) Somma nel triennio di costi diretti e quote ammortamento Pagina 24

25 1) Ambito Commerciale Focus: ottimizzazione/ razionalizzazione sportelli Rete Sportelli as-is Programma 2 x 1 25 nuove aperture con focus su 12 Capoluoghi di Provincia prioritari 50 potenziali chiusure di sportelli non performanti, ~2 per ogni nuova apertura Rete Sportelli to-be Nuove aperture Razionalizzazione Penisola Spin-off sportelli Lazio di Banca della Campania in BPER Cessione in BPER di parte degli sportelli di Banco di Sardegna e Banca di Sassari sulla penisola Rilancio/ efficientamento di circa il 15% della Rete ~15% degli sportelli non performing ~30 Province della penisola non presidiate Sovrapposizione nelle province Sarde tra sportelli di Banco di Sardegna e Banca di Sassari Presenza nella penisola di 35 sportelli delle Banche Sarde Mission Isola Realizzazione swap sportelli tra Banco di Sardegna e Banca di Sassari Efficientamento i t organizzativo mirato su sportelli con alti costi di gestione Potenziale chiusura di sportelli in sovrapposizione # sportelli % su totale Aperture ~2% Chiusure ~4% Swap/ Cessioni ~4% Efficientamenti % Nota: Piano sportelli soggetto ad autorizzazione Banca d Italia BPER BPRA BPAP CRAQ BPLS BPMZ BCAM BSAR e/o BSSS BPLS e CRAQ BPER + BPAP+ BSAR + CRAQ + BSSS + BCAM Assenza di presidio Pagina 25

26 1) Ambito Commerciale Focus: nuovo Modello di Servizio alla clientela Nuovo Modello di Servizio 3. RELAZIONE PROCESSI PROCESSI 1. PROCESSI Cliente 2. PRODOTTI Passaggio da un approccio commerciale prevalentemente transazionale ad un approccio relazionale, grazie ai nuovi strumenti sviluppati nel precedente triennio Definizione e attivazione nuovi modelli di servizio alla clientela differenziati per tipologia di bisogni Creazione di microportafogli di filiale e assegnazione a figure commerciali specifiche Elementi abilitanti Rafforzamento centralità del titolare di filiale Nuovi ruoli di filiale l Nuovi comportamenti commerciali Nuovi modelli organizzativi di filiale: o 4 cluster dimensionali (piccola, media, grande, extra ) o specializzazione tra segmenti Privati ed Imprese precedente triennio uo ode o ga at d 1 extra ) 2 PRODOTTI Individuazione per ciascun modello di servizio del set ottimale di prodotti Regole di portafogliazione differenziate sulla base della classe dimensionale di filiale 3 RELAZIONE Definizione ruoli ed attività necessarie alla gestione ottimale della relazione con il cliente Pagina 26

27 1) Ambito Commerciale Focus: nuova strategia multicanale del Gruppo in 7 mosse Nuovi siti a vocazione commerciale su tutte le banche del Gruppo, in aggiunta al nuovo sito istituzionale di Gruppo SITI ISTITUZIONALI Sito istituzionale di Gruppo 9 siti a vocazione commerciale Nuovo Internet Banking Privati e Small Business completamente rinnovati e potenziati con nuove funzionalità evolute INTERNET BANKING x2 numero di funzionalità a disposizione della clientela Nuova piattaforma di Mobile Banking direttamente da smartphone MOBILE BANKING 16 funzionalità accessibili da 3 nuove App specifiche OFFERTA ONLINE 3 nuove categorie di prodotti vendibili e gestibili completamente online Multicanalità +40% incremento atteso dell operatività su canali diretti CONTACT CENTER ~20 specialisti dedicati 15+ nuove funzionalità inbound e outbound Nuova offerta online di Gruppo per sfruttare le potenzialità dei nuovi canali diretti e supportare l acquisition online CONCEPT FILIALI ATM EVOLUTI Nuovo Contact Center di Gruppo, integrato con il CRM, per la gestione delle attività inbound (es. assistenza clienti) e outbound (es. campagne commerciali) Potenziali 50 filiali coinvolte Nuovi concept di filiale (filiali più leggere e automatizzate, nuovi layout più coinvolgenti, filiale come luogo di relazione e consulenza) 100 nuovi ATM evoluti nel triennio Nuovi ATM evoluti per operare in modalità self service Pagina 27

28 2) Ambito Patrimonio e Rischi 4 Macroaree e 7 Progetti: ~10 mln di investimenti 1 Basilea II Principali iniziative Attivazione del percorso di validazione dei modelli interni per il rischio di credito Evoluzione metodologia per il calcolo del requisito patrimoniale a fronte del rischio operativo (approccio TSA) Attivazione framework per la gestione del rischio reputazionale ~ 80 bps CT1 adozione modelli interni per il rischio di credito e TSA schi monio e Ris Patrim Gestione industrializzata i t delle sofferenze di Gruppo Informatizzazione e industrializzazione dell attività di gestione Analisi ed implementazione di eventuali iniziative specifiche/ operazioni straordinarie per il ridimensionamento dello stock Ottimizzazione dei costi diretti collegati alla gestione (legali interni ed esterni) Logiche e Nuovo framework di propensione al rischio consolidato ed individuale strumenti gestionali Introduzione metriche di valutazione della redditività corretta per il rischio Risk Adjusted Creazione nuovo presidio organizzativo per l ottimizzazione continua degli RWA ~6 mln minori spese legali a regime ~2,3 mld minor assorbimento RWA Governo della liquidità Rafforzamento regole e processi di governo della liquidità del Gruppo 1) Somma nel triennio di costi diretti e quote ammortamento Pagina 28

29 2) Ambito Patrimonio e Rischi Focus: gestione industrializzata delle sofferenze di Gruppo Modello to be per la gestione delle sofferenze Importo sofferenze Obiettivi A SOFFERENZE PICCOLE < B SOFFERENZE TRA e 1 mln C SOFFERENZE GRANDI > 1 mln Migliorare la gestione attraverso: o Maggiore efficacia nei recuperi o Maggiore efficienza nella gestione o Ridimensionamento stock Contenere i costi per i legali esterni Liberare risorse grazie all accentramento della gestione ed alla specializzazione per tipologia di credito Gruppo BPER Azione Società esterne Cessione/ outsourcing sofferenze Benefici attesi Uffici contenzioso Banche/ Direzioni Funzione Contenzioso di Gruppo Creazione di una funzione Contenzioso di Gruppo che coordinerà l attività degli Uffici Contenzioso distribuiti sul territorio Banche del Gruppo Service Trasferimento della titolarità dei crediti in sofferenza ad una società veicolo interna e accentramento della relativa gestione su una società di service di Gruppo Alleggerimento strutture interne Accorciamento tempi chiusura posizioni Incremento %di recupero Possibilità di uniformare la gestione del contenzioso Definizione parametri univoci a livello di Gruppo Gestione uniforme e industriale del contenzioso Segmentazione portafoglio Settorializzazione degli addetti Pagina 29

30 3) Ambito Risorse Umane 3 Macroaree e 5 Progetti: ~5 mln di investimenti 1 Principali iniziative Individuazione e valorizzazione delle risorse a maggiore potenziale Omogeneizzazione valori, comportamenti e competenze Risorse Um mane Valorizzazione e Sviluppo Risorse Formazione e comunicazione Sviluppo competenze eccellenti nelle funzioni di responsabilità Miglioramento Engagement del Personale attraverso: o miglioramento delle condizioni di lavoro del mondo femminile anche attraverso politiche di Work Life Balance e Diversity Management o valorizzazione politiche di Welfare aziendale, sviluppando e ottimizzando l offerta di beni e servizi dedicati ai dipendenti o mantenimento relazioni industriali ispirate a principi di lealtà e rispetto o riconversione e riqualificazione professionale anche attraverso interventi formativi dedicati Sviluppo strumenti di comunicazione interna per aumentare il coinvolgimento del personale sugli obiettivi aziendali Nuova Intranet di Gruppo quale punto unico di accesso alle informazioni aziendali ~5 mln minori spese accessorie nel triennio ~1.200 risorse da riallocare/ riqualificare ~5% sinergie lorde costo del personale 2 Pianificazione Risorse e controllo costi Attivazione programma dedicato di gestione operativa del Fonte Impieghi Potenziamento programmi di governo e controllo dei costi del personale 1) Somma nel triennio di costi diretti e quote ammortamento 2) Valore al netto dei costi della manovra del personale Pagina 30

31 4) Ambito Operations 3 Macroaree e 4 Progetti: ~5 mln di investimenti 1 Principali iniziative Evoluzione BPER Services Ulteriore efficientamento processi di filiale e liberazione tempo commerciale : o semplificazione processi operativi o potenziamento infrastruttura tecnologica o accentramento attività amministrative Ampliamento perimetro di attività della Divisione Operations di BPER Services ~400 FTE recupero tempo commerciale Operations Paperless (la Green Bank) Sviluppo di soluzioni paperless : o introduzione in Rete del dispositivo di riconoscimento della firma autografata biometrica o dematerializzazione assegni negoziati o dematerializzazione processi paper intensive di Direzione Generale o sviluppo di strumenti ti evoluti di consultazione/ vidima o razionalizzazione processi trasversali (PEC, ) ~30 processi di filiale da efficientare ~13 categorie di spesa da aggredire con iniziative specifiche Cost Reduction Programma di Cost Reduction: o rafforzamento del governo centrale di gestione della spesa o razionalizzazione parco fornitori o estensione Contratti Quadro a livello di Gruppo o rinegoziazione listini di acquisto su prodotti specifici ~-20 mln target riduzione ASA 1) Somma nel triennio di costi diretti e quote ammortamento Pagina 31

32 4) Ambito Operations Focus: Cost Reduction Consulenze e servizi professionali Ampliamento delle attività legato alla selezione e valutazione dei fornitori Razionalizzazione degli studi legali Definizione nuovi criteri per l adozione di consulenze esterne -8,0% costi al ,4% costi al 2014 Economato Rinegoziazione dei listini di acquisto per il Gruppo Standardizzazione dei prodotti di economato e creazione di un catalogo di Gruppo per i prodotti di Economato e Omaggistica Programma di Cost Reduction Facilities service Razionalizzazione numero di fornitori e applicazione di Contratti Quadro a livello di Gruppo Standardizzazione degli elementi visivi/ arredi nelle filiali e stesura di un regolamento di dotazioni standard -7,4% costi al ,1% costi al 2014 Altre spese 1 Applicazione di Contratti Quadro a livello di Gruppo Razionalizzazione del numero dei fornitori Manutenzione e locazione immobili Razionalizzazione degli spazi e del parco immobiliare, valutando possibilità di investimento/ disinvestimento Riallineamento dei contratti di locazione ai valori di mercato -5,7% costi al ) Include: informazioni e visure, vigilanza, trasporto e contazione valori, asset informativi, servizi telematici e pubblicità Pagina 32

33 5) Ambito Governo e presidio del business 3 Macroaree e 9 Progetti: ~7 mln di investimenti 1 Principali iniziative ss del busines e presidio d Governo e Armonizzazione di Gruppo Sistema dei Controlli Interni Altri presidi Armonizzazione documenti a livello di Gruppo (Knowledge Management) e miglioramento degli strumenti informativi a supporto Evoluzione modelli di dimensionamento Centro/ Rete per razionalizzare i costi aziendali ed equilibrare l'assetto delle filiali Potenziamento del Sistema dei Controlli Interni in tema antiriciclaggio mediante strumenti di detection Potenziamento del Sistema di indicatori e dei controlli a distanza Potenziamento del sistema di monitoraggio dei limiti operativi Valorizzazione della componente di proattività e di prevenzione della Compliance Attivazione di una piattaforma informatica dedicata al monitoraggio e controllo dell'informativa finanziaria di Gruppo 1) Somma nel triennio di costi diretti e quote ammortamento Pagina 33

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 VALORIZZATO IL RUOLO DI BANCA COMMERCIALE RADICATA SUL TERRITORIO, PUNTO DI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2017 DEL GRUPPO BPER

COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2017 DEL GRUPPO BPER COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2017 DEL GRUPPO BPER BECOMING BPER 5 S : Solidità - Semplicità Specializzazione Selettività Stakeholders Linee Guida del Piano 1. Rafforzamento

Dettagli

PRESENTAZIONE IL PIANO INDUSTRIALE 2009-2011. Milano, 23 luglio 2009

PRESENTAZIONE IL PIANO INDUSTRIALE 2009-2011. Milano, 23 luglio 2009 PRESENTAZIONE IL PIANO INDUSTRIALE 2009- Milano, 23 luglio 2009 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator Agenda Obiettivi e direttive strategiche Principali interventi Proiezioni

Dettagli

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI Case Study: Banca Lombarda e Piemontese Milano, 18 luglio 2003 Agenda Agenda (31/12/1999) Il Modello Organizzativo Il Modello Distributivo

Dettagli

Piano Industriale 2012-2015 La forza del cambiamento: un piano che unisce tradizione e futuro per il rilancio del Gruppo Bipiemme

Piano Industriale 2012-2015 La forza del cambiamento: un piano che unisce tradizione e futuro per il rilancio del Gruppo Bipiemme Piano Industriale 2012-2015 La forza del cambiamento: un piano che unisce tradizione e futuro per il rilancio del Gruppo Bipiemme Le Linee Guida UN MODO NUOVO DI LAVORARE: semplicità, efficienza e meritocrazia;

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 * * * * * * LINEE GUIDA DEL PIANO 1. Incremento dei ricavi 2. Miglioramento strutturale del rischio di credito 3. Aumento dell efficienza della macchina operativa 4. Azioni

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017. Roma, 23.09.2015

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017. Roma, 23.09.2015 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017 Roma, 23.09.2015 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 30.06.2015

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE 2015-2017.

PIANO INDUSTRIALE 2015-2017. PIANO INDUSTRIALE 2015-2017. LINEE GUIDA DEL PIANO 1. Incremento dei ricavi attraverso una maggiore spinta sui mercati e una migliore gestione del portafoglio clienti con focus sui proventi commissionali

Dettagli

Innovare il modello di servizio per la clientela Small Business

Innovare il modello di servizio per la clientela Small Business Innovare il modello di servizio per la clientela Small Business Nicola Generani Responsabile Direzione Marketing Retail - Private Convegno Dimensione Cliente 200 Roma, 26/03/200 Contenuti Overview Gruppo

Dettagli

Business Plan 2010-2012 Conference Call

Business Plan 2010-2012 Conference Call Business Plan 2010-2012 Conference Call Adolfo Bizzocchi 11/01/2010 Agenda Il contesto attuale di mercato La posizione competitiva di Credem Il piano 2010-2012 CRESCERE PER CONTINUARE AD ECCELLERE 2 Il

Dettagli

Riassetto Capogruppo 2014: Presentazione OO.SS. Area Organizzazione Siena, Febbraio 2014

Riassetto Capogruppo 2014: Presentazione OO.SS. Area Organizzazione Siena, Febbraio 2014 Strettamente riservato Riassetto Capogruppo 2014: Presentazione OO.SS. Organizzazione Siena, Febbraio 2014 Linee guida del riassetto organizzativo e benefici attesi Linee guida Assicurare il presidio diretto

Dettagli

Piano industriale 2014-2018 Banca Carige: più solida e più semplice Amministratore Delegato Piero Luigi Montani

Piano industriale 2014-2018 Banca Carige: più solida e più semplice Amministratore Delegato Piero Luigi Montani Piano industriale 2014-2018 Banca Carige: più solida e più semplice Amministratore Delegato Piero Luigi Montani 28 marzo 2014 Disclaimer Questo documento è stato preparato da Banca Carige S.p.A. Cassa

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE 2011-2013/2015

PIANO INDUSTRIALE 2011-2013/2015 COMUNICATO STAMPA PIANO INDUSTRIALE 2011-2013/2015 Qualità coniugata a redditività alla base del nuovo Piano Industriale di UBI UBI si pone come obiettivo un utile netto (escluso l effetto della PPA) pari

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a)

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a) GRUPPO CARIPARMA CRÉDIT AGRICOLE: UTILE NETTO 2014 A 182 MILIONI (+21% A/A) TRAINATO DALLA GESTIONE OPERATIVA (+14% A/A); POSIZIONE PATRIMONIALE SOLIDA E LIVELLI PIÙ CHE ADEGUATI DI LIQUIDITÀ Il ha conseguito

Dettagli

Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria. Milano, 23.03.2011

Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria. Milano, 23.03.2011 Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria Milano, 23.03.2011 Presentazione Banca Finnat Dinamica operativa Principali grandezze economiche 2010 Scenario, opportunità e sfide da affrontare

Dettagli

Aggiornamento sul Gruppo: Febbraio 2013

Aggiornamento sul Gruppo: Febbraio 2013 Aggiornamento sul Gruppo: Febbraio 2013 1 Appendice B: Gruppo Banco Popolare Banco Popolare: la struttura del Gruppo al 30/09/2012 Holding e Divisioni Territoriali integrate Controllate bancarie nazionali**

Dettagli

Consiglio di Gestione di Mediobanca

Consiglio di Gestione di Mediobanca Consiglio di Gestione di Mediobanca Milano, 7 marzo 2008 Approvata la relazione semestrale al 31 dicembre 2007 * * * Redditività in aumento malgrado il deterioramento dei mercati Aperte le filiali di Francoforte

Dettagli

Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006

Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006 Progettando2006 Approcci e metodologie di Project Management Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006 Agenda Il Gruppo BPVN SGS - BPVN Un esempio: Il progetto di integrazione tra BPV e BPN Conclusioni

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA 1 IL PIANO INDUSTRIALE STRUMENTO DI GOVERNO DELLA STRATEGIA AZIENDALE ORIZZONTE PLURIENNALE OBIETTIVI STRUTTURA E CONTENUTI MODALITA DI COSTRUZIONE E DI LETTURA 2 1 PIANO

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017 Milano, 25.03.2014 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 31.12.2013

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 27 ottobre 2015 Approvata la relazione trimestrale al 30/09/2015 Utile netto a 244m, miglior risultato trimestrale degli ultimi 5 anni Margine di interesse

Dettagli

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 COMUNICATO STAMPA BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 Il documento declina le linee strategiche e operative del Piano di Ristrutturazione presentato il 7 ottobre 2013

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE DI GRUPPO 2009-2011

PIANO INDUSTRIALE DI GRUPPO 2009-2011 PIANO INDUSTRIALE DI GRUPPO 2009-2011 Valorizzare il potenziale di un Gruppo Federale Unico in Italia Presentazione alla Comunità Finanziaria Rapporto Finale Milano, 6 Maggio 2009 Disclaimer Questo documento

Dettagli

Conferimento Ramo d azienda. Siena, 6 maggio 2014

Conferimento Ramo d azienda. Siena, 6 maggio 2014 Conferimento Ramo d azienda Siena, 6 maggio 2014 2014 Widiba. All rights reserved. Gruppo MPS 1 Il mercato italiano è fortemente influenzato dalla digital evolution e dai nuovi modelli relazionali Da banca

Dettagli

Funzionigrammi della Divisione Banca dei Territori

Funzionigrammi della Divisione Banca dei Territori Funzionigrammi della Divisione Banca dei Territori Luglio 2010 Indice Divisione Banca dei Territori 3 Direzione Marketing Privati 6 Direzione Marketing Small Business 15 Direzione Marketing Imprese 23

Dettagli

Deutsche Bank Spa - Divisione Private & Business Clients

Deutsche Bank Spa - Divisione Private & Business Clients Deutsche Bank Spa - Divisione Private & Business Clients Modelli Organizzativi e Sistemi Informatici a Supporto del Segmento Private Banking - L Esperienza Deutsche Bank Italia Milano, 14 Ottobre 2004

Dettagli

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI In un contesto ancora debole, il esprime una redditività in crescita continuando

Dettagli

Seminario: La Banca Digitale e le Reti Distributive Bancarie

Seminario: La Banca Digitale e le Reti Distributive Bancarie Seminario: La Banca Digitale e le Reti Distributive Bancarie Dipartimento di Management Roma, 1 aprile 2015 Agenda Indice degli argomenti Le strategie di segmentazione nel Retail Banking (Privati, Poe

Dettagli

Piano Industriale 2015-2019 Accelerare il ritorno alla crescita

Piano Industriale 2015-2019 Accelerare il ritorno alla crescita Piano Industriale 2015-2019 Accelerare il ritorno alla crescita Marzo 2015 Disclaimer Questo documento è stato preparato da Banca Carige S.p.A. Cassa di Genova e Imperia (la "Società") a scopi esclusivamente

Dettagli

Piano Industriale 2015-2017

Piano Industriale 2015-2017 Piano Industriale 2015-2017 1 Disclaimer Questo documento è stato preparato da Banca Popolare dell Emilia Romagna a scopi esclusivamente informativi e solo per presentare le strategie e i principali dati

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Approvato all unanimità il Piano Industriale d Integrazione per il periodo 2007-2010 con i seguenti target al 2010:

COMUNICATO STAMPA. Approvato all unanimità il Piano Industriale d Integrazione per il periodo 2007-2010 con i seguenti target al 2010: COMUNICATO STAMPA Approvato all unanimità il Piano Industriale d Integrazione per il periodo 2007-2010 con i seguenti target al 2010: Utile netto superiore a 1,4 miliardi al netto di componenti non ricorrenti

Dettagli

Riorganizzazione del servizio di consulenza finanziaria del Gruppo Banca Etruria

Riorganizzazione del servizio di consulenza finanziaria del Gruppo Banca Etruria Milano, 22 Settembre 2011 Riorganizzazione del servizio di consulenza finanziaria del Gruppo Banca Etruria Milano, 22 Settembre 2011 Paolo Manuelli Gruppo Banca Etruria Michele Tanzi Gruppo ObjectWay 1

Dettagli

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 Agenda Il contesto di mercato La centralità del Pricing Come sfruttare le potenzialità

Dettagli

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO COMUNICATO STAMPA Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO In forte accelerazione i flussi commerciali, 56.000 nuovi clienti nei primi quattro mesi

Dettagli

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004 Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari Giovanni Ciccone Stefania De Maria 080 5274824 Marketing Strategico Sistemi Informativi Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dettagli

Progetto Immobiliare: costituzione di una società di intermediazione immobiliare

Progetto Immobiliare: costituzione di una società di intermediazione immobiliare Progetto Immobiliare: costituzione di una società di intermediazione immobiliare Presentazione alle Organizzazioni Sindacali Milano, 4 maggio 2015 Agenda Inquadramento Progetto (contesto di riferimento

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Data/Ora Ricezione 27 Marzo 2015 18:58:41 MOT - DomesticMOT Societa' : BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Identificativo Informazione Regolamentata : 55362 Nome utilizzatore

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO. I Consigli di Amministrazione approvano all unanimità la creazione del 7 gruppo bancario italiano

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO. I Consigli di Amministrazione approvano all unanimità la creazione del 7 gruppo bancario italiano COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO I Consigli di Amministrazione approvano all unanimità la creazione del 7 gruppo bancario italiano Circa 1.200 sportelli (500 nella sola Lombardia), 2,5 milioni di clienti, 60

Dettagli

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Comunicato Stampa Risultati consolidati al 30 settembre 2006 Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Ricavi in crescita -

Dettagli

Risultati di Gruppo 2013. 17 Marzo 2014

Risultati di Gruppo 2013. 17 Marzo 2014 Risultati di Gruppo 213 17 Marzo 214 Principali evidenze Margine di Intermediazione in crescita anno su anno (+2,5%) grazie al: Margine Finanziario sostanzialmente stabile, -,4% a/a, ed in significativo

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole continua a generare redditività malgrado

Dettagli

GRUPPO GABETTI PIANO STRATEGICO 2013-2016. 27 giugno 2013

GRUPPO GABETTI PIANO STRATEGICO 2013-2016. 27 giugno 2013 GRUPPO GABETTI PIANO STRATEGICO 2013-2016 27 giugno 2013 Disclaimer Il presente documento è stato predisposto da Gabetti Property Solutions S.p.A. ( Gabetti ) esclusivamente a fini informativi in relazione

Dettagli

Piano Industriale 2007-2010. Consiglio di Amministrazione Spoleto, 30 Luglio 2007

Piano Industriale 2007-2010. Consiglio di Amministrazione Spoleto, 30 Luglio 2007 Piano Industriale 2007-2010 Consiglio di Amministrazione Spoleto, 30 Luglio 2007 1 CONTENUTI Premessa Scenario di mercato Posizionamento di Banca Popolare di Spoleto Value proposition e leve del cambiamento

Dettagli

Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca

Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca ABI HR 2008: Banche e Risorse Umane Competenze e merito per crescere nella banca che cambia Andrea Ghidoni Roma, 8 Maggio 2008 Gruppo

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Luglio 2016

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Luglio 2016 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Luglio 2016 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

La forza del cambiamento: Il Piano Industriale del Gruppo BPM 2012-2015

La forza del cambiamento: Il Piano Industriale del Gruppo BPM 2012-2015 La forza del cambiamento: Il Piano Industriale del Gruppo BPM 2012-2015 Milano, 24 luglio 2012 Disclaimer Questo documento è stato preparato da Banca Popolare di Milano a scopi esclusivamente informativi

Dettagli

Comunicato stampa del 12 agosto 2015

Comunicato stampa del 12 agosto 2015 Comunicato stampa del 12 agosto 2015 Cassa di Risparmio di Bolzano torna all utile nel primo semestre 2015, approva il Piano Strategico 2015/2019 e si prepara a lanciare l aumento di capitale. Il Consiglio

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 20 giugno 2013 Approvate le linee guida del Piano 2014/16 Ricavi bancari in crescita annua del 10%, ROE 2016 al 10-11% Semplificazione del modello di

Dettagli

ROAD SHOW 2008 Company Results

ROAD SHOW 2008 Company Results ROAD SHOW 2008 Company Results Milano, 24 marzo 2009 1 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator 2 Agenda Company Highlights 31 Dicembre 2008 Linee Guida Piano Industriale

Dettagli

Risultati di Gruppo 1H2013

Risultati di Gruppo 1H2013 Risultati di Gruppo 1H213 Conference Call Adolfo Bizzocchi 3 Agosto 213 Principali evidenze del semestre Margine di Intermediazione, al netto del risultato del Trading, in crescita sia trimestre su trimestre

Dettagli

Nuovo Piano strategico 2012-2015

Nuovo Piano strategico 2012-2015 Nuovo Piano strategico 2012-2015 31 DEL Luglio 2012 PRESENTAZIONE PIANO STRATEGICO 2009-2011 27 MAGGIO 2008 27 Maggio 2008 BOZZA Agenda Piano Strategico 2012-2015 Il Gruppo Gabetti Linee strategiche 2010-2013

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

CARIGE: L EVOLUZIONE NEL RETAIL BANKING MANTENENDO LA TRADIZIONE DI SERVIZIO. CARLO ARZANI (Vice Direttore Generale Vicario - Banca Carige S.p.A.

CARIGE: L EVOLUZIONE NEL RETAIL BANKING MANTENENDO LA TRADIZIONE DI SERVIZIO. CARLO ARZANI (Vice Direttore Generale Vicario - Banca Carige S.p.A. BANCA CARIGE CARIGE: L EVOLUZIONE NEL RETAIL BANKING MANTENENDO LA TRADIZIONE DI SERVIZIO Molti canali ma un solo sportello CARLO ARZANI (Vice Direttore Generale Vicario - Banca Carige S.p.A.) Milano,

Dettagli

Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca

Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca Milano, 7 marzo 2008 Approvato il Piano 2009-2011 del Gruppo Mediobanca p Crescita trainata da nuove iniziative strategiche: Posizionamento europeo

Dettagli

FORUM HR 2015. Roma, 9/10 giugno 2015. Le nuove professioni in Banca. La crisi economico-finanziaria, iniziata a partire dal 2008, ha avuto importanti

FORUM HR 2015. Roma, 9/10 giugno 2015. Le nuove professioni in Banca. La crisi economico-finanziaria, iniziata a partire dal 2008, ha avuto importanti 1 FORUM HR 2015 Roma, 9/10 giugno 2015 Le nuove professioni in Banca La crisi economico-finanziaria, iniziata a partire dal 2008, ha avuto importanti ripercussioni, oltreché a livello sociale, sulla redditività

Dettagli

"Il credito alle famiglie tra rischi, opportunità, direttiva europea e crisi finanziaria: il ruolo delle banche".

Il credito alle famiglie tra rischi, opportunità, direttiva europea e crisi finanziaria: il ruolo delle banche. "Il credito alle famiglie tra rischi, opportunità, direttiva europea e crisi finanziaria: il ruolo delle banche". Convegno Credito alle Famiglie 2009 Roma, 23.6.2009 - Palazzo Altieri Luciano Ambrosone

Dettagli

Dalla relazione personale a quella industriale

Dalla relazione personale a quella industriale Dalla relazione personale a quella industriale Nuove strategie per il mass market Carlo Panella Responsabile CRM Banca Popolare di Milano Agenda Strategia di Marketing Politica CRM Esempio 2 La replicabilità

Dettagli

Excellence Consulting. Company Profile

Excellence Consulting. Company Profile Excellence Consulting Company Profile Chi siamo L ECCELLENZA, l elemento principale della nostra value proposition non è solo il nostro brand ma fa parte anche del nostro DNA. Noi proponiamo eccellenza

Dettagli

Multicanalità e CRM: obiettivi e criticità

Multicanalità e CRM: obiettivi e criticità Multicanalità e CRM: obiettivi e criticità Corrado Avesani - CRM 2001 Strumenti evoluti per il rapporto con la clientela Convegno ABI Roma, 14 dicembre 2001 Agenda Multicanalità e CRM Il concetto di multicanalità

Dettagli

Risultati consolidati al 31 marzo 2007 (schemi riclassificati confronto con il 31 marzo 2006)

Risultati consolidati al 31 marzo 2007 (schemi riclassificati confronto con il 31 marzo 2006) COMUNICATO STAMPA Risultati consolidati al 31 marzo 2007 (schemi riclassificati confronto con il 31 marzo 2006) UBI BANCA pro-forma (non inclusivi dell effetto dell appostazione della differenza di fusione)

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A.

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. FBA Fondo Banche Assicurazioni Avviso 1/2014 Piani aziendali, settoriali e territoriali FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. 1 MOTIVAZIONI AZIENDALI In un momento

Dettagli

ORGANO DI COORDINAMENTO R.S.A. BANCA NAZIONALE DEL LAVORO

ORGANO DI COORDINAMENTO R.S.A. BANCA NAZIONALE DEL LAVORO ORGANO DI COORDINAMENTO R.S.A. BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Alle R.S.A. FABI BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Loro Indirizzi Oggetto: Riorganizzazione della Banca Nazionale del Lavoro SpA Informativa ai sensi

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

Risultati di Gruppo - 2012

Risultati di Gruppo - 2012 Risultati di Gruppo 212 Conference Call Adolfo Bizzocchi 18 Marzo 213 Principali evidenze del 212 Margine Finanziario, al netto di poste straordinarie, in crescita nel trimestre (+,8% QoQ) grazie al buon

Dettagli

Sviluppo del valore della clientela: l approccio di Banca Lombarda

Sviluppo del valore della clientela: l approccio di Banca Lombarda Sviluppo del valore della clientela: l approccio di Banca Lombarda Giovanni Andolfi giovanni.andolfi@bancalombarda.it Roma, 13 febbraio 2007 Banca Lombarda: una forte Rete in un area territoriale ricca

Dettagli

Direzione Marketing Small Business Missione

Direzione Marketing Small Business Missione Direzione Marketing Small Business Missione Soddisfare i bisogni della clientela Small Business 1, compresi gli Enti, attraverso un presidio integrato di segmento, prodotto e canale Definire un modello

Dettagli

Risultati di Gruppo 1H2014

Risultati di Gruppo 1H2014 Risultati di Gruppo 1H214 Conference Call Adolfo Bizzocchi 8 Agosto 214 Principali evidenze del trimestre Forte sviluppo degli aggregati patrimoniali con gli Impieghi in crescita dell 4,2% nel trimestre

Dettagli

Identità del Gruppo. Profilo del Gruppo Banca Carige. Le tappe del Gruppo Banca Carige

Identità del Gruppo. Profilo del Gruppo Banca Carige. Le tappe del Gruppo Banca Carige Identità del Gruppo Profilo del Gruppo Banca Carige Con oltre 500 anni di tradizione, il Gruppo Banca Carige è fra i primi 10 gruppi bancari italiani e uno dei 14 gruppi italiani sottoposti alla vigilanza

Dettagli

Risultati di Gruppo. Primo Trimestre 2015

Risultati di Gruppo. Primo Trimestre 2015 Risultati di Gruppo Primo Trimestre 2015 Principali evidenze del primo trimestre 2015 Prosegue lo sviluppo del Gruppo con una Raccolta da Clientela (Depositi, Raccolta Gestita, Riserve Assicurative e Raccolta

Dettagli

SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE di BANCA NAZIONALE DEL LAVORO SPA Il presente documento costituisce un Supplemento al Documento di Registrazione depositato presso la CONSOB in data 28/05/2012

Dettagli

Risultati di Gruppo 2014. 12 Febbraio 2015

Risultati di Gruppo 2014. 12 Febbraio 2015 Risultati di Gruppo 214 12 Febbraio 215 Principali evidenze del 214 Superati tutti gli obiettivi di crescita per il 214: Impieghi in crescita di 1.57 milioni rispetto all obiettivo annunciato di un miliardo

Dettagli

Piano Strategico * * * * * * * * 1 P a g e

Piano Strategico * * * * * * * * 1 P a g e TARGET FINANZIARI DEL PIANO STRATEGICO 2018: CET1 RATIO A 12,6% GRAZIE ALLA GENERAZIONE ORGANICA DI CAPITALE CHE CONSENTE UN MONTE DIVIDENDI COSPICUO MAGGIORE RITORNO DELL INVESTIMENTO CON UN ROTE DELL

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2014. Milano, 25.03.2015

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2014. Milano, 25.03.2015 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2014 Milano, 25.03.2015 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Il rafforzamento delle attività nel Real Estate IV Risultati di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Il modello di business divisionalizzato delle banche e la contestuale

Dettagli

Il modello di governo delle spese e degli investimenti di un gruppo bancario

Il modello di governo delle spese e degli investimenti di un gruppo bancario Il modello di governo delle spese e degli investimenti di un gruppo bancario Il punto di vista di Accenture Giovanni Andrea Incarnato ABI Costi&Business 2006 Roma, 3 ottobre 2006 Agenda I. Lo scenario

Dettagli

GRUPPO BIPIEMME. 1 semestre 2012. 29 agosto 2012. Investor Relations

GRUPPO BIPIEMME. 1 semestre 2012. 29 agosto 2012. Investor Relations GRUPPO BIPIEMME 1 semestre 2012 29 agosto 2012 Investor Relations 1 Agenda 1 Executive summary Risultati consolidati del 1 semestre 2012 Allegati 2 Giugno 2012: aspetti principali (1/2) Ulteriore rafforzamento

Dettagli

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto La conoscenza del Cliente come fonte di profitto Giorgio Redemagni Responsabile CRM Convegno ABI CRM 2003 Roma, 11-12 dicembre SOMMARIO Il CRM in UniCredit Banca: la Vision Le componenti del CRM: processi,

Dettagli

Credito al consumo: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici. Sezione 4.1

Credito al consumo: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici. Sezione 4.1 Credito al consumo: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici Sezione 4.1 Profilo di Compass Dati di sintesi Quota di mercato cresciuta all 11,4% in un mercato ancora in contrazione, focus sui

Dettagli

IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEI SERVIZI INFRAGRUPPO IN BANCA CR FIRENZE

IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEI SERVIZI INFRAGRUPPO IN BANCA CR FIRENZE IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEI SERVIZI INFRAGRUPPO IN BANCA CR FIRENZE Andrea Innocenti PMP CGEIT Banca CR Firenze - Specialista Controllo Service andrea.innocenti@carifirenze.it Monitoraggio e controllo:

Dettagli

L'importanza di un posizionamento distintivo nell'innovazione di canale

L'importanza di un posizionamento distintivo nell'innovazione di canale L'importanza di un posizionamento distintivo nell'innovazione di canale Ruggero Benedetto Gruppo Monte dei Paschi di Siena Responsabile Multicanalità Integrata Roma, 15 Aprile ABI Dimensione Cliente 1.

Dettagli

Profilo del Gruppo Mediobanca 30 giugno 2013

Profilo del Gruppo Mediobanca 30 giugno 2013 Mediobanca 30 giugno 2013 Storia e missione 1946 Fondazione Anni 1950-70 Sviluppo Anni 1970-80 Ristrutturazione dell industria italiana Fondata nel 1946 da Comit, Credit e Banco di Roma, le tre banche

Dettagli

Conoscere il territorio: informazione ed esperienza a servizio delle strategie delle banche

Conoscere il territorio: informazione ed esperienza a servizio delle strategie delle banche Conoscere il territorio: informazione ed esperienza a servizio delle strategie delle banche Raul Mattaboni, Direttore Generale Prometeia Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 Febbraio 2007 Questo documento

Dettagli

Dalla Banca Retail alla Banca Digitale

Dalla Banca Retail alla Banca Digitale Dalla Banca Retail alla Banca Digitale Carlo Panella ABI - Dimensione Cliente, 9 Aprile 2014 Il Gruppo CSE: copertura dei servizi bancari Fleet Management: POS, ATM, Cash/Desktop Management, Teller Cash

Dettagli

Progetto Multicanalità Integrata. Contact Unit. Milano, 17 luglio 2014

Progetto Multicanalità Integrata. Contact Unit. Milano, 17 luglio 2014 Progetto Multicanalità Integrata Contact Unit Milano, 17 luglio 2014 La nostra formula per il successo Piano d Impresa 2014-2017 1 Solida e sostenibile creazione e distribuzione di valore Aumento della

Dettagli

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 - Risultato economico netto consolidato dei primi sei mesi 2013 pari a -232 milioni di euro (perdita per l esercizio

Dettagli

Crediti in sofferenza e crisi bancarie

Crediti in sofferenza e crisi bancarie Crediti in sofferenza e crisi bancarie ISTITUTO PER L ALTA FORMAZIONE E LE ATTIVITA EDUCATIVE (I.P.E.) Napoli, 11 dicembre 2015 Giuseppe Boccuzzi Agenda 1. Crisi bancarie e business model delle banche

Dettagli

Gli indirizzi strategici del PS 2005-2007

Gli indirizzi strategici del PS 2005-2007 Gli indirizzi strategici del PS 2005-2007 Miglioramento efficienza operativa e Incremento redditività Crescita dimensionale attraverso incremento della produttività Incremento della redditività delle singole

Dettagli

Il presente documento è stato redatto da Banca Etruria Soc. Coop. a Responsabilità Limitata ( Banca Etruria e, unitamente alle sue controllate e

Il presente documento è stato redatto da Banca Etruria Soc. Coop. a Responsabilità Limitata ( Banca Etruria e, unitamente alle sue controllate e 4 Settembre 2012 Il presente documento è stato redatto da Banca Etruria Soc. Coop. a Responsabilità Limitata ( Banca Etruria e, unitamente alle sue controllate e consociate, il Gruppo Banca Etruria ).

Dettagli

settembre 13 14 novembre 2013

settembre 13 14 novembre 2013 settembre 13 14 novembre 2013 risultati appendici Semestrale 2013 2 sintesi Margine d'intermediazione (mln) Costi operativi (mln) 710,1 737,2 +3,8% 358,4 392,2 +9,4% 449,8 459,4 +2,1% 141,8 143,6 +1,3%

Dettagli

La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2. L evoluzione del servizio di consulenza negli intermediari finanziari

La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2. L evoluzione del servizio di consulenza negli intermediari finanziari La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2 Tolleranza al rischio degli investitori, valutazione di adeguatezza e selezione degli investimenti L evoluzione del servizio di consulenza negli

Dettagli

Profilo del Gruppo Mediobanca. Sezione 1.1

Profilo del Gruppo Mediobanca. Sezione 1.1 Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 Storia e missione 1946 Fondazione Fondata nel 1946 da Comit, Credit e Banco di Roma, le tre banche pubbliche di interesse nazionale Missione: contribuire alla

Dettagli

Eccellere nel Governo dei Costi

Eccellere nel Governo dei Costi Eccellere nel Governo dei Costi Workshop n. 1 Roma, 17 Aprile 2015 (seconda parte) Milano Roma Londra San Paolo Rio de Janeiro Madrid Lisbona Tunisi Buenos Aires Kuala Lumpur Agenda Day 1 Data dalle alle

Dettagli