Deliberazione n. 273

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Deliberazione n. 273"

Transcript

1 Protocollo RC n /07 Anno 2007 Deliberazione n. 273 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE VERBALE N. 101 Seduta Pubblica del 6 dicembre 2007 Presidenza: CORATTI - CIRINNA' L anno duemilasette, il giorno di giovedì sei del mese di dicembre, alle ore 16,10, nel Palazzo Senatorio, in Campidoglio, si è adunato il Consiglio Comunale in seduta pubblica, previa trasmissione degli avvisi per le ore 16 dello stesso giorno, per l esame degli argomenti iscritti all ordine dei lavori e indicati nei medesimi avvisi. Partecipa alla seduta il sottoscritto Vice Segretario Generale, dott. Massimo SCIORILLI. Assume la presidenza dell Assemblea il Presidente del Consiglio Comunale Mirko CORATTI, il quale dichiara aperta la seduta. (O M I S S I S) Alla ripresa dei lavori sono le ore 16,40 il Presidente dispone che si proceda al secondo appello. Eseguito l appello, il Presidente comunica che sono presenti i sottoriportati n. 36 Consiglieri: Argentin Ileana, Azuni Maria Gemma, Baldi Michele, Battaglia Giuseppe, Bellucci Attilio, Bonessio Ferdinando, Bordoni Davide, Carrazza Paolo, Casciani Gilberto, Cochi Alessandro, Coratti Mirko, D Avach Aldo, De Lillo Fabio, Di Cesare Luigi, Fayer Carlo Antonio, Galeota Saverio, Gasperini Dino, Giulioli Roberto, Gramazio Luca, Guidi Federico, Marchi Sergio, Marroni Umberto, Marsilio Marco, Masini Paolo, Mei Mario, Nanni Dario, Nobile Fabio, Patanè Eugenio, Pelonzi Antongiulio, Policastro Maurizio, Pomarici Marco, Quadrana Gianluca, Stampete Nicola, Valeriani Massimiliano, Visconti Marco e Zambelli Gianfranco. Assenti l on. Sindaco Walter Veltroni e i seguenti Consiglieri: Alemanno Giovanni, Carli Anna Maria, Cavallari Enrico, Ciarla Mario, Cirinnà Monica, De Bosi Mauro, De Luca Pasquale, Ferrari Alfredo, Figurelli Franco, Galloro Nicola, Ghera Fabrizio, Malcotti Luca, Micci Flavia, Panecaldo Fabrizio, Piccolo Samuele, Piso Vincenzo, Piva Amedeo, Quarzo Giovanni, Rastelli Roberto, Rossin Dario, Sabbatani Schiuma Fabio, Saccone Antonio, Smedile Francesco e Spera Adriana. Il PRESIDENTE constata che il numero degli intervenuti è sufficiente per la validità della seduta agli effetti deliberativi e nomina, ai sensi dell art. 18 comma 2 del Regolamento, per l espletamento delle funzioni di Consigliere Segretario il Consigliere Fayer in sostituzione temporanea del Segretario assente, Consigliere Saccone.

2 2 Partecipano alla seduta, ai sensi dell art. 11 del Regolamento, i Consiglieri Aggiunti Godoy Sanchez Madisson Bladimir, Okeadu Victor Emeka e Salvador Romulo Sabio. Partecipano altresì alla seduta, ai sensi dell art. 46 del Regolamento, gli Assessori D Alessandro Giancarlo e Minelli Claudio. (O M I S S I S) A questo punto risulta presente il Consigliere Segretario Saccone. (O M I S S I S) A questo punto la Vice Presidente Monica CIRINNA assume la presidenza dell Assemblea. (O M I S S I S) A questo punto il Presidente CORATTI riassume la presidenza dell Assemblea. (O M I S S I S) A questo punto il Segretario Generale, dott. Vincenzo GAGLIANI CAPUTO assume le sue funzioni. (O M I S S I S) Il PRESIDENTE pone quindi in votazione, con procedimento elettronico, la 184ª proposta nel sottoriportato testo conseguente alle controdeduzioni formulate dalla Giunta Comunale in ordine ai pareri dei Municipi e alle osservazioni dell Agenzia per il Controllo e la Qualità dei Servizi Pubblici Locali, e all accoglimento degli emendamenti: 184ª Proposta (Dec. G.C. del 3 agosto 2007 n. 153) Indirizzi programmatici e linee guida per la predisposizione dei contratti di servizio da stipularsi, nel settore cultura, tra Comune di Roma e Zètema Progetto Cultura S.r.l., Azienda Speciale Palaexpo e Fondazione Musica per Roma. Premesso che, con deliberazione n. 20 del 15 febbraio 2007 il Consiglio Comunale ha approvato il documento Linee guida per la predisposizione dei contratti di servizio tra Comune di Roma e soggetti erogatori di servizi pubblici ; Che, con il citato documento, il Consiglio Comunale ha inteso intervenire in maniera organica sulla disciplina dei contratti di servizio, apportando numerose novità soprattutto in tema di tutela dell utenza e dei lavoratori impiegati nei servizi; Che, più in dettaglio, nel documento: si definiscono i principi, l ambito e gli obiettivi della regolazione; si ribadiscono le competenze del Consiglio Comunale e le modalità di adozione delle deliberazioni di approvazione del Contratto di Servizio, anche nei casi di modificazione successiva, nel pieno rispetto delle competenze della Giunta; si individua analiticamente il contenuto fondamentale dei Contratti di Servizio; si distingue tra profili che attengono alla regolazione del servizio erogato al pubblico e quelli che riguardano il rapporto contrattuale tra Amministrazione e gestore; si potenziano gli strumenti di controllo a disposizione dell Amministrazione e di tutela dell utenza e dei lavoratori;

3 3 si individua una scheda tipo che indica le informazioni essenziali sui Contratti di Servizio da sottoporre all approvazione del Consiglio Comunale; si inseriscono principi relativi alle tipologie lavorative cui ricorrere ed ai diritti dei lavoratori impiegati nel servizio; Che nel documento di Programmazione Finanziaria e in particolare nel paragrafo Gli interventi per lo sviluppo dei servizi culturali, turistici e sportivi il Consiglio Comunale, oltre a dettare gli indirizzi complessivi in tema di sviluppo dell offerta dei servizi culturali e più in generale delle politiche dell Amministrazione a favore della cultura, prevede la realizzazione di una mappatura dell offerta culturale a Roma che fotografi l esistente ed i beneficiari e preveda adeguati livelli di partecipazione e fasi operative, nonché consenta di consolidare l offerta e la razionalizzazione della spesa, nell ottica policentrica della città tramite la realizzazione di un Piano Culturale della città. e quanto previsto dalla deliberazione n. 20/2007; Considerato che nel settore cultura operano i seguenti soggetti, legati da contratto di servizio con il Comune di Roma: Azienda Speciale Palaexpo, Zètema Progetto Cultura S.r.l., Fondazione Musica per Roma; Che, con riferimento a ciascuno dei soggetti sopraccitati, la situazione dei rapporti proprietari e/o contrattuali è la seguente: A) Zètema Progetto Cultura S.r.l. Nell anno 2005 il Comune di Roma acquisisce, in due fasi (deliberazioni del Consiglio Comunale n. 46/2005 e n. 286/2005), l intero capitale sociale di Zètema Progetto Cultura S.r.l. ( Zètema ), società nata nel 1998, su iniziativa di ACEA S.p.A., Civita Servizi S.r.l. e Costa Edutainment S.p.A. e al fine di creare un operatore globale in grado di fornire un offerta integrata di servizi nel settore culturale e, in particolare, in quello museale; contestualmente all acquisizione dell intero capitale sociale, il Comune di Roma interviene anche sugli strumenti di governo e di controllo della società, al fine di adeguarli alle soluzioni già adottate per le altre società interamente controllate dal Comune stesso e per renderli coerenti con le vigenti disposizioni normative in materia di servizi pubblici locali e di beni culturali, nonché con le più recenti sentenze della Corte di Giustizia Europea in tema di organismi cosiddetti in house providing; in particolare, con riferimento ai requisiti previsti per gli organismi in house providing: a) il Comune detiene l intero capitale sociale di Zètema; b) Zètema realizza la parte più importante della propria attività con il Comune di Roma, secondo percentuali, nell ultimo biennio, prossime al 98% del totale volume d affari annuo; c) il Comune esercita nei confronti di Zètema una stringente attività di supervisione, indirizzo e controllo, analoga a quella che esercita sui propri servizi, grazie all implementazione di strumenti, anche aggiuntivi rispetto a quelli già previsti dal codice civile in materia di diritti dei soci, quali, in estrema sintesi: limitazione del potere del Consiglio di Amministrazione attraverso la necessaria autorizzazione da parte del Comune al compimento delle più rilevanti operazioni di gestione, anche ordinaria, quali la costituzione o la dismissione di società attività, servizi, l acquisto o l alienazione di immobili, impianti, rami d azienda e affitti di rami d azienda, l acquisizione o la dismissione di partecipazioni superiori al 5% del capitale della società oggetto dell operazione, le operazioni finanziarie di particolare rilievo; il Consiglio di Amministrazione è tenuto ad eseguire le operazioni in conformità dell autorizzazione concessa, pena la configurazione di giusta causa per la revoca degli amministratori stessi;

4 4 obbligo per la società di predisporre annualmente e trasmettere al Comune per le opportune valutazioni, una Relazione Previsionale Annuale contenente la definizione dei piani strategici, finanziari, economici e patrimoniali e dei piani di investimento di breve e lungo periodo, il budget dettagliato relativo all esercizio successivo, una relazione di risk management per l anno a venire ed una relazione annuale di valutazione complessiva curata dall ufficio di internal auditing; obbligo per la società di predisporre e inviare al Comune rapporti trimestrali sulla situazione economica, patrimoniale e finanziaria della società, nonché sullo stato di attuazione della Relazione Previsionale Aziendale e delle operazioni su cui ha ricevuto specifica autorizzazione; obbligo per la società di predisporre e approvare il Codice di Comportamento, il Codice di corporate governance, il Codice etico e il Codice per le procedure di assunzione del personale sulla base di schemi e indirizzi standard dettati dal Comune; che, oltre agli strumenti sopra brevemente citati, che attengono alla configurazione degli assetti proprietari e di governo della società, il Comune interviene nella gestione di Zètema mediante lo strumento del contratto di servizio; che relativamente ai servizi affidati, infatti, i rapporti con il Comune di Roma sono disciplinati da appositi contratti di servizio che stabiliscono, tra l altro, i livelli e le modalità di erogazione dei servizi, gli obiettivi attesi, una rendicontazione periodica, sia economica che gestionale e istituiscono specifici organismi di monitoraggio e controllo; che i contratti di servizio attualmente vigenti tra Comune di Roma e Zètema sono: gestione del Sistema Musei Civici, stipulato con la Sovraintendenza Comunale e con durata fino al 31 dicembre 2007; attività e servizi di supporto alla Sovraintendenza dei Beni Culturali nei settori relativi alla manutenzione, documentazione e catalogazione dei beni culturali mobili e immobili del Comune di Roma, stipulato con la Sovraintendenza Comunale e con durata fino al 31 dicembre 2007; gestione dei Punti Informativi Turistici (PIT) stipulato con il Dipartimento XX e con durata fino al 31 dicembre 2007; gestione di spazi culturali del Comune di Roma, nonché organizzazione e gestione di grandi eventi culturali, stipulato con il Dipartimento IV e con durata fino al 31 dicembre 2008; B) Azienda Speciale Palaexpo Premesso che l Amministrazione Comunale con provvedimento Consiliare n. 150 del 29 luglio 1997 ha deliberato, per la gestione del Palazzo delle Esposizioni, la costituzione dell Azienda Speciale Palaexpo alla quale affidare il compito di provvedere alla progettazione e realizzazione di mostre, iniziative culturali, attività accessorie, servizi ad esse connesse, oltre alla progettazione e diffusione di attività teatrali, cinematografiche, audiovisive e multimediali; che all Azienda è stata affidata la gestione delle attività dei seguenti spazi culturali: Scuderie Papali, quali sede espositiva di mostre d arte, concessa in uso dal Segretariato Generale della Presidenza della Repubblica in data 20 febbraio 1997, a seguito di sottoscrizione di apposita Convenzione; Palazzo delle Esposizioni per la quale l Azienda è stata individuata quale gestore unico con deliberazione di Giunta Comunale n. 339 del 18 luglio 2001 e successiva n. 172 del 13 aprile 2005, nonché delle Scuderie Papali;

5 5 Casa del Cinema e della Casa del Jazz con memoria di Giunta Comunale del 2 dicembre 2003 e deliberazioni del Consiglio Comunale n. 137 del 20 maggio 2005 e n. 309 del 30 novembre 2005; Teatro del Lido subordinatamente alla formalizzazione degli atti necessari a dare esecuzione a quanto deciso con memoria di Giunta Comunale del 6 maggio 2003; che infine, con deliberazione di Giunta Comunale n. 254 del 13 giugno 2007, è stato approvato il Contratto di Servizio tra l Amministrazione Comunale e l Azienda Speciale Palaexpo per l anno 2007 per la gestione delle attività degli spazi culturali sopraindicati nonché l organizzazione e gestione di eventi culturali (ad esempio Festival della Fotografia); C) Fondazione Musica per Roma L Amministrazione Comunale con deliberazione del Consiglio Comunale n. 45 del 31 marzo 1999 ha deliberato, ai sensi dell art. 22 della legge n. 142/1990, la costituzione della Società per Azioni in comando pubblico Musica per Roma MpR S.p.A., per la gestione coordinata ed integrata del nuovo complesso già denominato Città della Musica ora Parco della Musica e delle attività artistico-culturali in esso svolte; il Consiglio Comunale con deliberazione n. 124 dell 8 luglio 2004 ha approvato la trasformazione della Società Musica per Roma S.p.A. in Fondazione ai sensi dell art septies del codice civile; che la Fondazione ha acquisito il relativo status giuridico in data 4 gennaio 2005 a seguito della conclusione del previsto iter procedurale; che alla Fondazione Musica per Roma è stata affidata la gestione del complesso denominato Auditorium Parco della Musica in seguito all approvazione del relativo contratto di servizio per l anno 2007, avvenuta con deliberazione di Giunta Comunale n. 26 del 31 gennaio 2007; Considerato inoltre che, in occasione della prossima scadenza di quasi tutti i contratti di servizio stipulati con i soggetti sopra citati, è necessario prevedere un nuovo intervento del Consiglio Comunale per adeguare gli indirizzi dallo stesso già espressi in passato e consentire la predisposizione dei contratti di servizio conformemente alla nuova disciplina della materia; Che, sinteticamente, i servizi da regolare sono i seguenti: a) Zètema Progetto Cultura S.r.l. gestione del Sistema dei Musei Civici, degli interventi di valorizzazione dei siti archeo-monumentali e del patrimonio storico-artistico di pertinenza della Sovraintendenza Comunale; gestione di spazi culturali di pertinenza del Dipartimento IV, nonché organizzazione e gestione di tutte le attività strumentali alla valorizzazione del patrimonio artistico e culturale quali mostre, manifestazioni culturali e di spettacolo anche a supporto delle attività delle Politiche di Pari Opportunità; gestione del Sistema di Informazione Turistico Culturale (SIT); b) Azienda Speciale Palaexpo gestione del Palazzo delle Esposizioni, delle Scuderie del Quirinale, della Casa del Jazz, della Casa del Cinema e di altri luoghi dedicati alla cultura di proprietà del Comune di Roma;

6 6 organizzazione e gestione di eventi culturali (ad esempio Festival Fotografie, Enzimi); c) Fondazione Musica per Roma gestione dell Auditorium Parco della Musica ; Che i Dipartimenti IV, XVII e XX, nonché la Sovrintendenza Comunale, sulla base dello schema approvato dal Consiglio Comunale con la citata deliberazione n. 20/2007, hanno predisposto le allegate schede A, B, e C (allegate al presente provvedimento di cui costituiscono parte integrante), contenenti gli indirizzi programmatici e le linee guida per la predisposizione dei contratti di servizio tra Amministrazione Comunale e, rispettivamente, Zètema, Palaexpo e Musica per Roma; Che gli aspetti comuni e qualificanti tali schede riguardano gli indirizzi in materia di: tutela dell utenza; qualità dei servizi e misurazione della soddisfazione dell utenza; tutela dei lavoratori impiegati nei servizi; sistema di controllo; partecipazione dei Municipi; modalità di informazione e partecipazione delle associazioni di utenti e consumatori; modalità di informazione dell Agenzia per il controllo della qualità dei servizi del Comune di Roma; modalità di informazione del Consiglio Comunale; Che alla determinazione del corrispettivo si provvederà in sede di programmazione di bilancio; Visto il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267 e s.m. e i.; Visto il Decreto Legislativo 22 gennaio 2004 n. 42 s.m. e i.; Visto il vigente Statuto del Comune di Roma; Vista la deliberazione del Consiglio Comunale n. 20 del 15 febbraio 2007; Atteso che in data 19 luglio 2007 il Sovrintendente dei Beni Culturali ha espresso il parere che di seguito integralmente si riporta: Ai sensi e per gli effetti dell art. 49 D.Lgs. n. 267/2000, si esprime parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica della proposta di deliberazione indicata in oggetto. Il Sovrintendente F.to: E. La Rocca ; Che in data 19 luglio 2007 il Direttore del Dipartimento IV ha espresso il parere che di seguito integralmente si riporta: Ai sensi e per gli effetti dell art. 49 del T.U.E.L., si esprime parete favorevole in ordine alla regolarità tecnica della proposta di deliberazione indicata in oggetto. Il Direttore F.to: G. Marinelli ; Che in data 20 luglio 2007 il Direttore del Dipartimento XX ha espresso il parere che di seguito integralmente si riporta: Ai sensi e per gli effetti dell art. 49 del T.U.E.L., si esprime parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica della proposta di deliberazione indicata in oggetto. Il Direttore F.to: M. Marzi ;

7 7 Che in data 23 luglio 2007 il Ragioniere Generale ha espresso il parere che di seguito integralmente si riporta: Ai sensi e per gli effetti del D.Lgs. n. 267/2000 art. 49, si esprime parere favorevole in ordine alla regolarità contabile della proposta di deliberazione di cui all oggetto. p. Il Ragioniere Generale F.to: A. Marconi ; Che, sul testo originario della proposta in esame, è stata svolta da parte del Segretario Generale, la funzione di assistenza giuridico-amministrativa di cui all art. 97, comma 2 del D.Lgs. 18 agosto 2000 n. 267; Atteso che la proposta, in data 8 agosto 2007, è stata trasmessa, ai sensi dell art. 6 del Regolamento del Decentramento Amministrativo, ai Municipi per l espressione del parere da parte dei relativi Consigli entro il termine di 30 giorni; Che dai Municipi XVI e XVIII non è pervenuto alcun parere; Che, con deliberazioni in atti, hanno espresso parere favorevole i Consigli dei Municipi I, III, V, VI, VII, IX, X, XII, XIII, XV e XIX; Che i Consigli dei Municipi II, XI e XX hanno espresso parere contrario; Che i Consigli dei Municipi IV, VIII e XVII hanno espresso parere favorevole formulando le seguenti richieste: Municipio IV: 1) che le attività culturali previste dal Contratto di Servizio vengano estese anche ai territori municipali; 2) che nel Contratto di Servizio sia previsto l impegno della Zètema Progetto Cultura S.r.l. ad estendere a questi la possibilità di usufruire dei servizi culturali gestiti dalla stessa società; Municipio VIII: inserire il seguente paragrafo: Tutela dei Lavoratori. Nel Contratto di Servizio la Società deve garantire l applicazione del C.C.N.L. e dei contratti integrativi, delle disposizioni in materia di rapporti di lavoro, dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori impiegati nei servizi, nonché l attuazione della legislazione in materia di salute e di sicurezza nei luoghi di lavoro ; Municipio XVII: alla fine del paragrafo relativo alla Partecipazione dei Municipi, inserire: 1) dovrà essere garantita ai Municipi che ne faranno richiesta la fruizione gratuita degli spazi non museali per almeno un giorno l anno, per la realizzazione di eventi culturali; 2) il contratto dovrà prevedere l ingresso libero dei cittadini residenti negli spazi museali ed espositivi, un giorno l anno per ciascun Municipio; Che la proposta, in data 8 agosto 2007, è stata altresì trasmessa, ai sensi della deliberazione consiliare n. 20 del 15 febbraio 2007, all Agenzia per il controllo e la qualità dei servizi pubblici locali del Comune di Roma per l espressione del parere di competenza; Che in data 7 settembre 2007 è pervenuto il parere, allegato in atti e registrato al prot. Segreteria Generale n. RC/20932, con il quale l Agenzia ha formulato una serie di osservazioni in ordine alla presente proposta;

8 8 Che la Giunta Comunale nella seduta del 21 novembre 2007, in merito alle richieste dei Municipi, ha rappresentato quanto segue: Municipio II: non è possibile formulare alcuna controdeduzione in quanto, non essendo il parere contrario motivato in alcun modo, non investe gli aspetti tecnico-amministrativi del provvedimento, che mantiene pertanto gli elementi di legittimità che lo sostanziano; Municipio IV: 1) la richiesta non è accolta in quanto le attività culturali previste dal Contratto di Servizio sono svolte nell ambito delle elencate strutture a ciò preposte e non possono, pertanto, essere estese ai territori municipali. Per quanto riguarda le attività per la realizzazione di grandi eventi culturali, previste dal Contratto di Servizio, esse sono, ove non vincolate a un preciso sito, già estese ai territori municipali; 2) la richiesta non è accolta. Zètema Progetto Cultura S.r.l. non può impegnarsi ad estendere ai territori municipali la possibilità di usufruire dei servizi culturali dalla stessa curati in quanto tali servizi, pur rispondendo alla variegata necessità di fruizione culturale della generalità dei cittadini, sono gestiti nell ambito di strutture già individuate; Municipio VIII: la richiesta è accolta. Il testo richiesto è inserito nell allegato A), dopo il paragrafo Monitoraggio e Controllo ; Municipio XI: non è possibile formulare alcuna controdeduzione in quanto, non essendo il parere contrario motivato in alcun modo, non investe gli aspetti tecnico-amministrativi del provvedimento, che mantiene pertanto gli elementi di legittimità che lo sostanziano; Municipio XVII: 1) la richiesta non è accolta per i seguenti motivi: la proposta di concedere la realizzazione di eventi culturali a titolo gratuito per un giorno all anno all interno delle strutture non museali a favore dei Municipi, non è recepibile in quanto inciderebbe sul piano economico finanziario dell azienda. Compete peraltro alla stessa la facoltà di concedere gli spazi concordandone la realizzazione degli eventi; 2) la richiesta non è accolta per i seguenti motivi: la proposta di prevedere l ingresso libero dei cittadini residenti nei Municipi ove sono allocate le strutture museali per un giorno all anno non è accoglibile, in quanto gli ingressi agevolati e gratuiti, disciplinati annualmente con apposita deliberazione del Consiglio Comunale, rispondono alla variegata necessità della fruizione culturale dei cittadini. Peraltro occorre tenere presente che con gli eventi culturali quali Settimana dei Beni Culturali, Natale di Roma, Giornate del Patrimonio Europeo, Notte Bianca, l Amministrazione Comunale autorizza annualmente l ingresso libero a tutti i cittadini;

9 9 Municipio XX: non è possibile formulare alcuna controdeduzione in quanto, non essendo il parere contrario motivato in alcun modo, non investe gli aspetti tecnico-amministrativi del provvedimento, che mantiene pertanto gli elementi di legittimità che lo sostanziano; Che, parimenti nella stessa seduta del 21 novembre 2007, in ordine alle richiamate osservazioni dell Agenzia per il controllo e la qualità dei servizi pubblici locali, la Giunta Comunale ha rappresentato quanto segue: 1) è eliminato il riferimento, nelle premesse della proposta, al Dipartimento XVII; pertanto l inizio del capoverso successivo alla lett. c) viene modificato come segue: Che i Dipartimenti IV e XX, nonché la Sovrintendenza Comunale, sulla base... ; per quanto attiene alle linee guida riferite a Zètema Progetto Cultura: 2) l osservazione 2.1 è accolta, pertanto nel testo dell allegato A), all inizio del paragrafo Obiettivo, è aggiunto il seguente capoverso: Il contratto di servizio dovrà indicare le prestazioni istituzionali che Zètema è chiamata a svolgere quale ente titolare della gestione delle strutture ad essa affidate, per la realizzazione di attività culturali integrate, volte alla promozione e massima diffusione della cultura e fruibilità degli spazi culturali nel rispetto delle linee strategiche generali individuate nella deliberazione costitutiva della stessa Zètema e delle linee programmatiche espresse dall Amministrazione Comunale nella Relazione Previsionale e Programmatica. ; 3) l osservazione 2.2 è accolta, pertanto nel testo dell allegato A), a conclusione del paragrafo Universalità del Servizio, è aggiunto il seguente capoverso: In particolare nei confronti di alcune categorie di utenti deboli e/o svantaggiati si prevedranno azioni atte a garantire condizioni di maggiore fruibilità. ; 4) l osservazione 2.3 è accolta, pertanto nel testo dell allegato A), nel paragrafo Onere a carico dell Amministrazione il secondo ed il terzo capoverso sono sostituiti dai seguenti: La quantificazione del corrispettivo sarà specificata in sede di Contratto di Servizio. Oltre all onere di cui sopra Zètema, per la gestione dei servizi affidati, introiterà quota parte dei proventi derivanti dalla vendita dei biglietti del Sistema Musei Civici, dei siti archeologici, monumentali e del patrimonio storico-artistico di pertinenza della Sovraintendenza Comunale, nonché parte dei proventi introiti derivanti dalle attività commerciali attivate; il limite massimo dei predetti proventi che Zètema introiterà sarà determinata in sede di Contratto di Servizio ; Nello stesso paragrafo, il secondo, il terzo ed il quarto capoverso (da Il contratto definirà fino a eventuale reportistica ) sono sostituiti dal seguente: Il Contratto dovrà altresì prevedere le modalità d utilizzo delle possibili eccedenze (anche in relazione ai meccanismi di incentivazione previsti in favore di Zètema) nonché le modalità per il versamento dei corrispettivi, per la presentazione della documentazione contabile e per la rendicontazione. ; 5) l osservazione 2.4 è parzialmente accolta, pertanto nel testo dell allegato A), il contenuto del paragrafo Strumenti di garanzia a tutela degli utenti è modificato come segue: Il contratto dovrà prevedere l attuazione di principi di garanzia a tutela degli utenti, in particolare mediante la pubblicazione della Carta dei Servizi che recepisce gli

10 10 standard di qualità dei servizi, i relativi indicatori e le modalità di rilevazione della soddisfazione dell utenza stabiliti nel contratto, e comunque, nel rispetto degli standard fissati con la deliberazione Consiglio Comunale n. 136/2005. Per ciascun indicatore (es. tempi di risposta del call center) saranno determinati i valori standard di riferimento garantiti (es. xxxx% entro xx secondi dalla risposta disco) e le modalità di ristoro nei confronti degli utenti. La Carta dei Servizi sarà inviata alle Associazioni dei Consumatori maggiormente rappresentative per eventuali osservazioni. ; 6) l osservazione 2.5 è accolta, pertanto nel testo dell allegato A), nel paragrafo Monitoraggio e Controllo, il quarto capoverso è sostituito dai seguenti: La Commissione avrà carattere paritetico, interdipartimentale e sarà presieduta da un presidente esterno all Amministrazione scelto in accordo tra le parti. All organo di monitoraggio saranno attribuiti compiti di verifica dei livelli quali-quantitativi del servizio erogato, del grado di raggiungimento degli obiettivi di miglioramento. La commissione valuta l effettivo raggiungimento degli obiettivi anche avvalendosi del sistema degli indicatori quali-quantitativi correlati agli obiettivi stabiliti per il servizio. Si avvarrà anche delle informazioni emergenti dalle indagini di customer satisfaction. Il contratto di servizio dovrà esplicitare il contenuto, la periodicità ed i destinatari del sistema di reporting. ; Nello stesso paragrafo, il penultimo capoverso è sostituito dal seguente: In ogni caso i compiti attribuiti a tale organo non devono riguardare quelli posti a carico degli Assessori delle Direzioni dei Dipartimenti e dei dipartimenti stessi ai sensi, rispettivamente degli articoli 15, co. 3, 25, co. 1 lettera p) e 18 co. 1 del Regolamento sull ordinamento degli Uffici e servizi del Comune di Roma, in merito alla definizione degli indirizzi gestionali. ; Nello stesso paragrafo, a conclusione, è aggiunto il seguente capoverso: Tutela dei lavoratori Zètema dovrà garantire l applicazione dei C.C.N.L. e dei contratti integrativi, delle disposizioni in materia di rapporti di lavoro, dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori impiegati nei servizi, nonché l attuazione della legislazione in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. ; 7) l osservazione 2.6 non è accolta; 8) l osservazione 2.7 è accolta, pertanto nel testo dell allegato A), nel paragrafo Modalità di informazione, il secondo capoverso è sostituito dal seguente: Nel corso della gestione Zètema, azienda certificata secondo le norme ISO 9001 e pertanto soggetta al rispetto di regole che ne determinano i processi gestionali e alla verifica annuale da parte di una società terza (SGS Italia S.p.A.), provvederà, in accordo con l Amministrazione Comunale, ad elaborare i questionari di Customer Satisfaction, che saranno inviati alle Associazioni dei Consumatori maggiormente rappresentative per l espressione degli opportuni pareri. Sarà cura del Gestore inviare alle Associazioni dei Consumatori anche i risultati delle indagini effettuate, oltre che alle competenti Commissioni Consiliari. ; per quanto attiene alle linee guida riferite all Azienda Speciale Palaexpò: 9) l osservazione 3.2 è accolta, pertanto nel testo dell allegato B), il paragrafo Obiettivi è integralmente sostituito dal seguente:

11 11 Il contratto di servizio dovrà indicare le prestazioni istituzionali che l Azienda è chiamata a svolgere quale ente titolare della gestione delle strutture ad essa affidate, per la realizzazione di attività culturali integrate, volte alla promozione e massima diffusione della cultura e fruibilità degli spazi culturali nel rispetto delle linee strategiche generali individuate nella deliberazione costitutiva dell Azienda stessa e delle linee programmatiche espresse dall Amministrazione Comunale nella Relazione Previsionale e Programmatica. ; 10) l osservazione 3.3 è accolta, nel testo dell allegato B), a conclusione del paragrafo Universalità del servizio, sono aggiunti i seguenti capoversi: Sarà garantito che tutti gli utenti possano accedere ai servizi offerti alle medesime condizioni e pertanto saranno poste in essere tutte le iniziative necessarie per adeguare le modalità di prestazione del servizio alle esigenze degli utenti diversamente abili. Nell ambito della politica tariffaria saranno inoltre previste agevolazioni per particolari categorie di utenti allo scopo di potenziare la diffusione della cultura e di ridistribuire le opportunità dell offerta. ; 11) l osservazione 3.4 è accolta, pertanto nel testo dell allegato B), nel paragrafo Oneri a carico dell Amministrazione, il primo capoverso è sostituito dai seguenti: Il contratto di servizio dovrà prevedere l indicazione del corrispettivo a carico dell Amministrazione. La determinazione del corrispettivo terrà conto della previsione delle entrate e delle uscite appositamente indicate nel Bilancio presentato dall Azienda. In sede di elaborazione del consuntivo l eventuale eccedenza sarà utilizzata per ulteriori attività culturali da realizzare nell esercizio successivo, nel rispetto dell autonomia aziendale in accordo con l Amministrazione. ; 12) l osservazione 3.5 è accolta, pertanto nel testo dell allegato B), il contenuto del paragrafo Disciplina generale delle tariffe per la fruizione dei servizi degli spazi culturali è integralmente sostituito come segue: L Azienda si impegnerà a mantenere una politica tariffaria che consenta di coniugare da una parte le finalità sociali proprie di una azienda culturale pubblica e, dall altra l economicità della gestione, fissando il prezzo massimo ad un livello tale da essere in linea con quello dei diretti e specifici concorrenti, mantenendo i prezzi di favore per le categorie sociali da proteggere (anziani, studenti, gruppi scolastici etc.), implementando forme di membership. ; 13) l osservazione 3.6 è accolta, pertanto nel testo dell allegato B), il primo capoverso (da La previsione a gestione dei reclami ) del paragrafo Strumenti di garanzia a tutela degli utenti è sostituito dal seguente: L Azienda dovrà garantire il massimo livello di accessibilità agli spazi culturali da parte dei cittadini e di accoglienza delle strutture (rispetto della normativa in materia di accesso per i diversamente abili e sicurezza degli spazi). A tutela degli utenti, sarà previsto un sistema di gestione delle richieste dell utenza e di risoluzione dei reclami, così come stabilito dal Regolamento per la Gestione dei Reclami. Nel contratto di servizio per ciascuno indicatore dovranno essere determinati i valori standard di riferimento garantiti. La Carta dei Servizi sarà inviata alle Associazioni dei Consumatori maggiormente rappresentative per eventuali osservazioni. ; 14) l osservazione 3.7 è accolta, pertanto nel testo dell allegato B), la prima parte (da Attraverso il monitoraggio a suddetta Commissione ) del paragrafo Sistema di Monitoraggio e Controllo è sostituita come segue:

Deliberazione n. 18 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE

Deliberazione n. 18 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE Protocollo RC n. 21857/08 Anno 2008 VERBALE N. 9 Deliberazione n. 18 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE Seduta Pubblica del 12 febbraio 2008 Presidenza: CORATTI L anno duemilaotto,

Dettagli

Deliberazione n. 12 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE

Deliberazione n. 12 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE Protocollo RC n. 702/07 Anno 2007 VERBALE N. 8 Deliberazione n. 12 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE Seduta Pubblica dell 1 febbraio 2007 Presidenza: CORATTI - PISO - CIRINNA'

Dettagli

Deliberazione n. 20 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE

Deliberazione n. 20 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE Protocollo RC n. 15992/06 Anno 2007 VERBALE N. 12 Deliberazione n. 20 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE Seduta Pubblica del 15 febbraio 2007 Presidenza: CORATTI - CIRINNA'

Dettagli

? S. P. Q. R. C O M U N E D I R O M A

? S. P. Q. R. C O M U N E D I R O M A Prot. Serv. Deliberazioni n. 543/02? S. P. Q. R. C O M U N E D I R O M A Deliberazione n. 203 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE Anno 2003 VERBALE N. 73 Seduta Pubblica del

Dettagli

Deliberazione n. 15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELL ASSEMBLEA CAPITOLINA

Deliberazione n. 15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELL ASSEMBLEA CAPITOLINA Protocollo RC n. 6578/15 Deliberazione n. 15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELL ASSEMBLEA CAPITOLINA Anno 2015 VERBALE N. 38 Seduta Pubblica del 25 marzo 2015 Presidenza: BAGLIO AZUNI MARINO

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE

PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE CAPITOLATO D ONERI PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE 2 PREMESSA Zètema, in virtù del Contratto di Servizio

Dettagli

Deliberazione n. 38. Partecipa alla seduta il sottoscritto Vice Segretario Generale, dott. Luigi MAGGIO.

Deliberazione n. 38. Partecipa alla seduta il sottoscritto Vice Segretario Generale, dott. Luigi MAGGIO. Protocollo RC n. 7994/14 Deliberazione n. 38 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELL ASSEMBLEA CAPITOLINA Anno 2014 VERBALE N. 50 Seduta Pubblica del 23 luglio 2014 Presidenza: CORATTI - MARINO L

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

LE POLITICHE DI PRIVATIZZAZIONE DEI SERVIZI MUSEALI. IL MODELLO ORGANIZZATIVO DEI MUSEI DEL COMUNE DI ROMA

LE POLITICHE DI PRIVATIZZAZIONE DEI SERVIZI MUSEALI. IL MODELLO ORGANIZZATIVO DEI MUSEI DEL COMUNE DI ROMA STUDI E NOTE DI ECONOMIA 3/2004 LE POLITICHE DI PRIVATIZZAZIONE DEI SERVIZI MUSEALI. IL MODELLO ORGANIZZATIVO DEI MUSEI DEL COMUNE DI ROMA ALESSANDRO MONTI * La crisi strutturale della finanza pubblica

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR)

COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR) COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR) Tel. 0564 861111 Fax 0564 860648 C.F. 82001470531 P.I. 00105110530 DETERMINAZIONE N 722 DEL 27/10/2011 U.O. Politiche

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE CULTURA - ISTRUZIONE - SPORT Istruzione - Cultura - Politiche Familiari

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE CULTURA - ISTRUZIONE - SPORT Istruzione - Cultura - Politiche Familiari Proposta nr. 113 del 08/07/2011 - OGGETTO: mostra «FOTOGRAFIA E RISORGIMENTO. TESORI DEI GRANDI MUSEI ITALIANI». Spese per fornitura di immagini digitali. Assunzione impegno di spesa. I L F U N Z I O N

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA AVVISO PUBBLICO E DISCIPLINARE DI GARA D APPALTO Affidamento di servizio di cui all allegato II B Art. 20 D. Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii. Affidamento di n. 1 azione progettuale denominata Sportello sociale

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Deliberazione n. 12 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELL ASSEMBLEA CAPITOLINA

Deliberazione n. 12 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELL ASSEMBLEA CAPITOLINA Protocollo RC n. 28121/14 Deliberazione n. 12 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELL ASSEMBLEA CAPITOLINA Anno 2015 VERBALE N. 35 Seduta Pubblica del 20 marzo 2015 Presidenza: BAGLIO L anno duemilaquindici,

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Sergio dal Maso Viale C.Colombo, 165 Foggia Telefono 328/2775122 Fax 0881/720007 E-mail Nazionalità

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO

INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO Area Affari Generali Servizio Società Partecipate INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO Di seguito si riportano i dati relativi alle partecipazioni in società

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Deliberazione n. 50. Partecipa alla seduta il sottoscritto Vice Segretario Generale, dott. Luigi MAGGIO.

Deliberazione n. 50. Partecipa alla seduta il sottoscritto Vice Segretario Generale, dott. Luigi MAGGIO. Protocollo RC n. 8336/14 Deliberazione n. 50 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELL ASSEMBLEA CAPITOLINA Anno 2014 VERBALE N. 54 Seduta Pubblica del 30 luglio 2014 Presidenza: CORATTI - MARINO L

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Cultura Musei e City Branding DIRETTORE QUAGLIA dott.ssa MAURIZIA Numero di registro Data dell'atto 849 10/06/2015 Oggetto : "Acquedotte" - Festival Musicale

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli