Piano triennale di prevenzione della corruzione Triennio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano triennale di prevenzione della corruzione Triennio 2014-2016"

Transcript

1 Piano triennale di prevenzione della corruzione Triennio

2 Sommario 1. PREMESSA IL CONCETTO DI CORRUZIONE IL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE IL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE L ANALISI E LA GESTIONE DEL RISCHIO IL PERIMETRO IL PROCESSO DI CONSULTAZIONE L INDIVIDUAZIONE DEI PROCESSI A RISCHIO LA COSTRUZIONE DI UNA MAPPA DEL RISCHIO PER IL MEF LA DEFINIZIONE DI RISCHIO LE MISURE DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO IL PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE. LE MISURE ADDIZIONALI DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO L ACQUISIZIONE DI BENI, SERVIZI, LAVORI E CONSULENZE LA SPESA INFORMATICA LA SPESA PER LA GESTIONE DELLE SEDI DEL MEF LA SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA DI RAZIONALIZZAZIONE ACQUISTI L ACQUISTO DI SERVIZI/CONSULENZE PER LE SPECIFICHE ESIGENZE DEI DIPARTIMENTI I RISCHI DI CORRUZIONE LE MISURE DI MITIGAZIONE PROPOSTE LA SICUREZZA DEI PROCESSI INFORMATICI LE PROCEDURE SELETTIVE LE PROCEDURE DI SELEZIONE TRAMITE CONCORSO PUBBLICO LA MOBILITÀ DEL PERSONALE NON DIRIGENZIALE I PROVVEDIMENTI AMPLIATIVI E RIDUTTIVI DELLA SFERA GIURIDICA DI TERZI I CONTRIBUTI FINANZIARI: LE SANZIONI: GLI INCARICHI, LE COMMISSIONI I CONSIGLI, COMITATI E COMMISSIONI LA SELEZIONE E LA NOMINA DEI COMPONENTI L ATTRIBUZIONE DI INCARICHI GLI INCARICHI DI STUDIO/RICERCA/DOCENZA GLI UFFICI ISPETTIVI E DI AUDIT I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI/PROCEDIMENTI DI 2

3 RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVO CONTABILE LA GESTIONE DEL DEBITO PUBBLICO LA REVISIONE DEL PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE I CONTENUTI COMPLEMENTARI DEL PTPC LA VERIFICA DELL ADOZIONE DELLE MISURE DI TRASPARENZA LA FORMAZIONE DEL PERSONALE SUI TEMI DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE IL COLLEGAMENTO CON IL PIANO TRIENNALE DELLA FORMAZIONE I SOGGETTI DESTINATARI DELLA FORMAZIONE. LA FORMAZIONE AVANZATA I SOGGETTI DESTINATARI DELLA FORMAZIONE. LA FORMAZIONE INIZIALE I SOGGETTI EROGATORI DELLA FORMAZIONE I CONTENUTI DELLA FORMAZIONE I DOCENTI INTERNI ALL AMMINISTRAZIONE IL MONITORAGGIO E LA VERIFICA DEI LIVELLI DI ATTUAZIONE DELLA FORMAZIONE E LA LORO EFFICACIA LE MISURE PER IL RISPETTO DEL CODICE DI COMPORTAMENTO L INDICAZIONE DEI CRITERI DI ROTAZIONE DEL PERSONALE L INDICAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE AL RICORSO ALL ARBITRATO LA FORMAZIONE/INFORMAZIONE IN MATERIA DI OBBLIGO DI ASTENSIONE IN CASO DI CONFLITTO DI INTERESSE LO SVOLGIMENTO DI INCARICHI D UFFICIO L ATTIVITÀ E GLI INCARICHI EXTRA-ISTITUZONALI L ELABORAZIONE DI DIRETTIVE PER L ATTRIBUZIONE DI INCARICHI DIRIGENZIALI LA DEFINIZIONE DELLE MODALITÀ PER VERIFICARE IL RISPETTO DEL DIVIETO DI SVOLGERE ATTIVITÀ INCOMPATIBILI A SEGUITO DELLA CESSAZIONE DEL RAPPORTO LA ELABORAZIONE DI DIRETTIVE PER EFFETTUARE I CONTROLLI SUI PRECEDENTI PENALI AI FINI DELL ATTRIBUZIONE DEGLI INCARICHI E DELL ASSEGNAZIONE A UFFICI LA VERIFICA DELL ADOZIONE DELLE MISURE PER LA PROTEZIONE DEL WHISTLEBLOWER LA PREDISPOSIZIONE DI PROTOCOLLI DI LEGALITÀ PER GLI AFFIDAMENTI LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI MONITORAGGIO DEI TERMINI

4 5.14. IL MONITORAGGIO DEI RAPPORTI CON I SOGGETTI CON CUI L AMMINISTRAZIONE STIPULA CONTRATTI Elenco raccomandazioni.45 Il Programma triennale per la trasparenza e l integrità Allegati: A. Acronimi B. Metodologia valutazione del rischio C. Definizioni di rischio D. Mappa del rischio E. Direttiva MEF 24 giugno 2013 F. Circolare RGS n G. Programmazione attività formative DAG 16/12/2013 H. DM 5/8/2009 incarichi dirigenziali I. Circolare DAG del 9 dicembre

5 1. PREMESSA 1.1. IL CONCETTO DI CORRUZIONE Il concetto di corruzione non è definito nella legge 190. Tuttavia esso deve essere inteso in senso lato, comprensivo delle varie situazioni in cui, nel corso dell attività amministrativa, si riscontri l abuso da parte di un soggetto del potere a lui affidato al fine di ottenere vantaggi privati. Le situazioni rilevanti sono quindi più ampie della fattispecie penalistica, disciplinata negli articoli 318, 319, e 319-ter c.p. e ricomprendono non solo l intera gamma dei delitti contro la PA, disciplinati nel titolo II, Capo I, del codice penale, ma anche le situazioni in cui, a prescindere dalla rilevanza penale, si evidenzia un malfunzionamento dell amministrazione a causa dell uso a fini privati delle funzioni attribuite. Si parla di corruzione quando il pubblico ufficiale per compiere la transazione corrotta, che coinvolge uno o più rappresentanti dell amministrazione pubblica e uno o più soggetti privati, pone in essere atti contrari ai doveri d ufficio o un atto d ufficio ricevendo un guadagno o meglio un vantaggio di qualsiasi natura. Il Piano deve tenere conto anche degli altri reati previsti dal titolo II del codice penale, principalmente: abuso in atti d ufficio, peculato, concussione, malversazione a danno dello Stato, rifiuto di atti di ufficio, interruzione di un servizio pubblico o di pubblica necessità. Fenomeni di corruzione potrebbero anche verificarsi nei rapporti pubblico/pubblico, date le complesse e varie fattispecie che possono instaurarsi fra soggetti pubblici. 1 Rientrano quindi nel perimetro del Piano tutte le circostanze e gli eventi che possono influire sul raggiungimento degli obiettivi strategici e operativi dell Amministrazione, la quale, gestendo risorse pubbliche, deve assicurarne l uso oculato per il miglioramento continuo della propria azione IL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Il Piano triennale di prevenzione della corruzione (PTPC) contiene una serie di raccomandazioni, rivolte a diversi uffici dell Amministrazione, mirante a: - ridurre le opportunità che si manifestino casi di corruzione; - aumentare la capacità di scoprire casi di corruzione, - creare un contesto sfavorevole alla corruzione. Il PTPC comprende: a. l analisi dei processi dell Amministrazione e delle sue regole di funzionamento; b. l individuazione delle modalità di gestione del rischio (risk assessment), partendo dalle aree a rischio indicate dalla legge 190/2012; c. il coinvolgimento diretto, nella fase di preparazione, di tutte le strutture del MEF al fine di utilizzare la conoscenza delle attività dei diversi uffici, in termini di risorse 1 La tabella dei reati è riportata all interno dell allegato B. 5

6 umane impiegate, di valore economico delle risorse economiche gestite, dei controlli interni alle stesse strutture; d. l individuazione di una strategia operativa per definire le misure di contrasto e prevenzione della corruzione e vigilare sulla loro attuazione; e. il suo aggiornamento annuale, sulla base degli indirizzi e delle linee guida emanate dagli organi competenti, dei risultati del monitoraggio, condotto attraverso specifici audit 2, delle modifiche normative e organizzative; f. il monitoraggio dell attività di pubblicazione dei dati e delle informazioni e di ogni altro indirizzo in tema di trasparenza e integrità 3 ; g. la tutela del whistleblower e l attuazione di un efficace monitoraggio sulle segnalazioni ricevute IL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Al Responsabile per la prevenzione della corruzione (Responsabile) sono affidati i seguenti compiti: a. propone il PTPC per l adozione da parte dell'organo di indirizzo politico; b. definisce le procedure appropriate per selezionare e formare i dipendenti destinati a operare in settori particolarmente esposti alla corruzione; c. verifica l'attuazione del PTPC e ne propone la modifica quando vi sia evidenza della sua inadeguatezza a prevenire, contenere e ridurre i rischi di corruzione ovvero quando intervengono mutamenti nell'organizzazione o nell'attività dell'amministrazione; d. verifica, d'intesa con il dirigente competente, l'effettiva rotazione degli incarichi negli uffici preposti allo svolgimento delle attività nel cui ambito è più elevato il rischio che siano commessi reati di corruzione; e. individua il personale da inserire nei programmi di formazione sui temi della corruzione. Il Responsabile è affiancato da un ufficio che comprende un esperto di valutazione del rischio, un esperto legale, un esperto di amministrazione, un esperto informatico, un responsabile di segreteria. Questi soggetti rimangono incardinati nei loro rispettivi uffici e assumono, addizionalmente, i compiti derivanti dall attività dell ufficio del Responsabile. 2. L ANALISI E LA GESTIONE DEL RISCHIO 2.1. IL PERIMETRO Il PTPC riguarda e si rivolge a tutti i soggetti, dipendenti pubblici o comunque aventi 2 Per internal auditing si intende un'attività indipendente e obiettiva di assurance e consulenza, finalizzata al miglioramento dell'efficacia e dell'efficienza dell'organizzazione. Assiste l'organizzazione nel perseguimento dei propri obiettivi tramite un approccio professionale sistematico, che genera valore aggiunto in quanto finalizzato a valutare e migliorare i processi di controllo, di gestione dei rischi e di corporate governance. 3 Vedasi le delibere CIVIT 6/2010, 150/2010 e 2/

7 un rapporto di lavoro con il MEF, che lavorano per il MEF, inclusa la SSEF, comitati e commissioni incardinate nel MEF, gli uffici periferici, incluse le segreterie delle commissioni mediche. Non sono considerati nel PTPC le agenzie fiscali (Entrate-Territorio, Dogane- Monopoli, Demanio) né la Guardia di finanza IL PROCESSO DI CONSULTAZIONE Nella primavera del 2013, dalla sua nomina (29 marzo) al mese di luglio, il Responsabile ha incontrato: a. i capi dipartimento del MEF e il rettore della Scuola superiore dell economia e delle finanze (SSEF). Il Responsabile ha illustrato a ciascun Capo dipartimento e al Rettore le finalità della legge 190/2012 e gli obblighi che ne conseguono per l amministrazione, in particolare l obbligo di dotare il MEF di un PTPC. Ha chiesto la collaborazione della struttura amministrativa e la designazione di un punto di contatto per ogni dipartimento per facilitare il dialogo con le differenti unità organizzative; b. i dirigenti di prima fascia capi di struttura. Il Responsabile ha passato in disamina e discusso con ciascun dirigente di prima fascia l organizzazione della struttura amministrativa, individuando quegli uffici i cui processi sono più rilevanti dal punto di vista del rischio di corruzione; c. i dirigenti responsabili di uffici di particolare importanza. Il Responsabile ha discusso, processo per processo, l entità del rischio percepito e del possibile danno che potrebbe derivare da episodi di corruzione, le misure di mitigazione già in essere e se, e come, queste debbano essere rafforzate. Sulla base delle risultanze di questi colloqui, il Responsabile ha stilato un primo elenco provvisorio dei processi a rischio di corruzione. Tale elenco è stato compilato considerando tutti processi che ricadono nelle aree a rischio individuate nel PNA nonché alcuni processi tipici del MEF. Sono stati esclusi i processi per i quali le decisioni dell amministrazione non hanno elementi di discrezionalità o non hanno impatto con realtà esterne, possibili fonti di corruzione L INDIVIDUAZIONE DEI PROCESSI A RISCHIO. Dalle consultazioni con i responsabili delle diverse strutture amministrative del MEF sono scaturite le seguenti indicazioni: a. la valutazione del rischio del singolo processo non può prescindere dalle indicazioni di chi di tale processo ha la responsabilità (e la conoscenza); b. è necessario fornire a ciascun responsabile di processo una metodologia di valutazione del rischio che assicuri un accettabile grado di omogeneità in tutto il MEF. 7

8 Di conseguenza, e per ottenere i migliori risultati: a. è stata predisposta una metodologia di analisi del rischio di corruzione basata su gli standard internazionali ISO ; b. sono stati quindi individuati come Referenti del Responsabile i capi delle direzioni generali i cui uffici trattano uno o più processi a rischio; i Referenti assicurano che le schede siano attentamente compilate, e danno al Responsabile ogni informazione, indicazione, suggerimento che ritengano utile ai fini di una corretta predisposizione del PTPC; c. all inizio di ottobre è stata indetta una riunione di presentazione della metodologia alla quale sono stati invitati tutti i Referenti (o i loro delegati). È stato chiesto ai Referenti di far compilare le schede di analisi dei processi e definizione dei rischi di corruzione, fissando come termine la fine del mese di ottobre; d. nel corso del mese di ottobre l ufficio del Responsabile ha mantenuto i contatti con tutti gli uffici per chiarimenti e spiegazioni sulla metodologia e sul processo di formazione della mappa del rischio. Inoltre sono state tenute numerose riunioni, una per ogni famiglia di processi a rischio, per discutere con gli uffici interessati, specifici problemi di compilazione delle schede e assicurare un accettabile grado di omogeneità tra i differenti uffici responsabili di processi simili LA COSTRUZIONE DI UNA MAPPA DEL RISCHIO PER IL MEF Per ciascuna area a rischio di corruzione i Referenti hanno compilato le schede predisposte dall ufficio del Responsabile fornendo informazioni analitiche sui singoli processi a rischio. La ricognizione effettuata ha fornito un quadro sufficientemente completo delle attività svolte dai diversi uffici del MEF, evidenziando per ciascuna i possibili reati e il rischio di corruzione, con la valutazione della probabilità dell evento e del possibile danno. Ha inoltre consentito di comparare processi omologhi, in realtà organizzative diverse all interno del MEF. Sulla base delle informazioni pervenute e di numerosi incontri di approfondimento, l ufficio del Responsabile ha costruito la Mappa del rischio base (allegato D) di corruzione nel MEF. Per arrivare alla sua compilazione l ufficio del Responsabile ha esaminato i processi descritti dai Referenti, li ha ordinati e ha definito i livelli di aggregazione necessari. In questo stadio, la valutazione del rischio è stata effettuata sulla base delle sole disposizioni normative, senza tener conto delle eventuali misure di mitigazione adottate dall amministrazione. Rispetto alla lista iniziale provvisoria di processi a rischio, stilata dal responsabile dopo la prima fase di consultazioni, la Mappa comprende molti più processi, suggeriti dai responsabili degli uffici. La matrice del rischio è stata quindi rivista sulla base delle misure di mitigazione già attuate. La fonte informativa è per gran parte costituita dalle comunicazioni che i Referenti hanno inviato al Responsabile. Il Responsabile ha valutato e confrontato i 4 Allegato C 8

9 diversi contributi, assicurando una ragionevole omogeneità nel metro di giudizio adottato. Valutazioni sostanzialmente differenti rispetto ai contributi ricevuti sono state oggetto di confronto con i Referenti interessati. È stata così costruita una Mappa del rischio attuale. La Mappa base e quella attuale sono state restituite ai Referenti e, per loro tramite, ai responsabili degli uffici per la loro valutazione. Questo lavoro iterativo ha preso il mese di dicembre e ha visto diverse forme di contatto, comprese delle riunioni, per affrontare i problemi e le divergenze che si sono presentate. Agli inizi di gennaio 2014 si è giunti a un documento condiviso che rappresentava la Mappa del rischio attuale da adottare come base del PTPC LA DEFINIZIONE DI RISCHIO L articolo 1 della legge 190/2012 definisce il rischio di corruzione come la possibilità che in precisi ambiti organizzativo/gestionali possano verificarsi comportamenti corruttivi. La stessa legge individua le attività più esposte ai rischi: - le autorizzazioni e le concessioni; - la scelta del contraente per l'affidamento di lavori, forniture e servizi, anche con riferimento alla modalità di selezione prescelta ai sensi del codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture 5 ; - la concessione e l erogazione di sovvenzioni, contributi, sussidi, ausili finanziari, nonché l attribuzione di vantaggi economici di qualunque genere a persone ed enti pubblici e privati; - i concorsi e le prove selettive per l'assunzione del personale e per le progressioni di carriera 6. Ai fini della presente analisi valgono le definizioni di rischio tratte dalla normativa ISO LE MISURE DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO Partendo dalla Mappa del rischio attuale, l ufficio del Responsabile ha valutato l adeguatezza delle misure di mitigazione già adottate e in vigore, anche mettendo a confronto le misure adottate da uffici diversi per processi simili. Sulla base di questa analisi, il Responsabile ha segnalato la necessità/opportunità di adottare ulteriori misure di mitigazione, proponendo, in alcuni casi, delle misure specifiche. Le misure proposte sono state classificate sulla base dell urgenza, maggiore per quei processi per i quali il rischio attuale è stato giudicato troppo elevato. La valutazione e l eventuale proposta del Responsabile è stata discussa con il Referente con l obiettivo di arrivare, se possibile, a una valutazione concorde delle misure di mitigazione necessarie. Questo processo ha occupato la prima metà del mese di gennaio; alla sua conclusione il Responsabile disponeva delle informazioni necessarie per: definire le misure da adottare per mitigare i rischi in quei processi che lo richiedevano; predisporre il monitoraggio sui processi a 5 Decreto legislativo 12 aprile 2006, n Articolo 24 del decreto legislativo n. 150 del Allegato C 9

10 rischio. 3. IL PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE. LE MISURE ADDIZIONALI DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO. Il PTPC è stato completato e proposto per l adozione da parte dell autorità politica entro il mese di gennaio. Il PTPC si compone di: una Mappa del rischio di corruzione, compilata per processi; una lista di misure di mitigazione del rischio proposte per quei processi giudicati carenti; un programma di monitoraggio dei processi a rischio. La Mappa del rischio di corruzione fotografa la situazione rilevata a fine Sarà aggiornata formalmente nel PTPC per il 2015, sulla base del Monitoraggio effettuato nel corso del Tuttavia la normativa in vigore (legge 190/2012, PNA) e lo spirito stesso dell esercizio richiedono che i risultati del Monitoraggio che evidenziano elementi di rischio nuovi o inattesi, mettano in moto una risposta immediata per contenere tali rischi. Dunque, la Mappa del rischio potrà essere modificata nel corso dell anno. I cambiamenti saranno discussi con i Referenti interessati. Le modifiche concordate saranno comunicate a tutti i Referenti. La Lista di misure addizionali di mitigazione del rischio riguarda tutti i processi compresi nella Mappa del rischio per i quali c è la possibilità di ridurre il livello di rischio di corruzione. Le misure previste hanno differenti livelli di urgenza, a partire dai processi che presentano valori di rischio eccessivi. L orizzonte temporale è adattato alla specificità del processo e del rischio connesso e dipende anche dal tipo di misura che è necessario adottare. Nel caso, ad esempio, sia necessario l adozione o la modifica di un provvedimento normativo, occorrerà che l orizzonte temporale ne tenga adeguatamente conto. Come per la Mappa del rischio, il Programma potrà subire delle modifiche in corso d anno laddove sia necessario fronteggiare situazioni di rischio nuove o sottovalutate. Il programma di Monitoraggio prevede un flusso informativo periodico dal Referente al Responsabile al fine di: controllare l adeguatezza delle misure di mitigazione; seguire l adozione delle misure addizionali richieste dal PTPC; individuare eventuali nuovi o maggiori rischi, sia in processi già presenti nella Mappa, sia in processi che ne erano stati erroneamente esclusi. Il programma di Monitoraggio sarà centrato sulla compilazione di una scheda informativa con alcuni campi obbligatori e una parte a contenuto libero. Sia il contenuto informativo richiesto, sia la periodicità dell informativa saranno definiti sulle caratteristiche del singolo processo e del connesso rischio e concordati con il Referente del processo. Nel corso del 2014 sarà costruito e messo in funzione un programma informatico che gestirà tutte le informazioni, riducendo al minimo gli oneri a carico degli uffici e azzererà l utilizzo della carta. Il programma di Monitoraggio ha una componente annuale, che sarà rivista nel PTPC per il 2015, e una possibile componente triennale, qualora alcune delle misure addizionali di contenimento del rischio richiedano tempi lunghi per la loro piena entrata a regime L ACQUISIZIONE DI BENI, SERVIZI, LAVORI E CONSULENZE. La realtà analizzata è complessa e riguarda quattro grandi aree: - la spesa informatica; - la spesa per la gestione delle sedi del MEF; 10

11 - la spesa per l attuazione del programma di razionalizzazione degli acquisiti; - l acquisto di servizi/consulenze per le specifiche esigenze dei dipartimenti LA SPESA INFORMATICA. La spesa informatica del MEF è gestita in larga autonomia dai quattro dipartimenti. La spesa informatica per il DT (UCID), la RGS (IGICS) e il DAG (DSII) è gestita in parte attraverso la convenzione con la Sogei (all interno della quale è confluito il ramo IT di Consip 8 ) e in parte attraverso acquisizioni dirette. Il DF si avvale di Sogei che opera come full-outsourcer, sulla base di un accordo quadro stipulato dal DF, dove sono fissate regole e tariffe, cui seguono contratti esecutivi stipulati dalle singole strutture (soggetti della fiscalità, fra cui rientrano le agenzie fiscali). Il DAG ha la responsabilità amministrativo-contabile nei rapporti contrattuali con la società in house deputata al governo dei servizi informatici del MEF (dal 1 luglio 2013 Sogei S.p.a) e provvede al pagamento dei corrispettivi spettanti alla medesima società in relazione alle attività che essa svolge a beneficio di DT, RGS e DAG. I servizi comuni e trasversali (sicurezza informatica, reti, posta elettronica, connettività, ecc.) sono assicurati dal DAG, con il supporto della Sogei. 9 Il DT e la RGS, analogamente al DAG, si avvalgono della Sogei quale società strumentale allo sviluppo e alla gestione dei sistemi informativi a supporto delle attività di competenza. I rapporti amministrativi fra il MEF e la Sogei, sono regolati da una convenzione che disciplina, per l arco temporale , le responsabilità fra le parti coinvolte 10, la tipologia di servizi offerti e le relative modalità di remunerazione, nonché le tariffe applicate. Il modello convenzionale mantiene una distinzione fra costi fornitori (cd. oneri a rimborso) e corrispettivi (remunerazione della Sogei): il DT, la RGS e il DAG sono infatti direttamente responsabili delle attività informatiche di competenza e del pagamento degli oneri a rimborso, mentre il DAG è responsabile del pagamento delle attività di supporto che la Sogei fornisce per il governo delle attività di cui sopra. La Sogei, avvalendosi della Consip in qualità di stazione appaltante, stipula i contratti con i fornitori esterni; attraverso tali contratti l Amministrazione acquisisce servizi informatici e rimborsa la Sogei per tale spesa, pertanto, il servizio end-to-end si realizza, in generale, attraverso due 8 Il DL 95/2012 ha previsto che la Sogei si avvalga della Consip per l acquisto di beni e servizi attraverso il ricorso al mercato, sia per il lato Economia del MEF sia per l area Finanze). Sogei e Consip hanno stipulato una specifica Convenzione che regola i rapporti fra le parti per lo svolgimento di tali attività. 9 La Sogei eroga servizi di governance dei progetti applicativi ed infrastrutturali e fornisce supporto consulenziale (modelli di previsione, supporto di competenze) e per la gestione dei centri di elaborazione dati per ogni singolo dipartimento. 10 La Convenzione per la realizzazione e gestione delle attività informatiche dello Stato, stipulata in data 3 settembre 2013, regola i rapporti fra MEF, Corte dei conti e società in house preposta all erogazione dei servizi informatici. 11

12 soggetti: Sogei e fornitore esterno LA SPESA PER LA GESTIONE DELLE SEDI DEL MEF La DRIALAG del DAG è responsabile dell amministrazione, della manutenzione, dei servizi di igiene ambientale degli immobili del Ministero con i relativi impianti tecnologici non informatici. Svolge, altresì, le procedure di gara anche per altri dipartimenti, laddove non sussista obbligo di ricorso al sistema delle convenzioni 11 e al mercato elettronico della pubblica amministrazione 12. La Direzione ha, altresì, rapporti con l Agenzia del demanio LA SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA DI RAZIONALIZZAZIONE ACQUISTI Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. utilizza le tecnologie dell informazione e della comunicazione a supporto dei processi di approvvigionamento delle pubbliche amministrazioni. Il sistema di e-procurement, nell ambito degli acquisti in rete, offre le convenzioni relative per le categorie merceologiche di largo utilizzo e che possono quindi essere acquistate dalle diverse amministrazioni a condizioni e ai prezzi stabiliti. Il DAG-DSII stipula con la Consip 13 una specifica convenzione e svolge, fra l altro, attività di promozione, coordinamento e monitoraggio dell attività relativa all attuazione del Programma di razionalizzazione degli acquisti di beni e servizi; definisce, inoltre, gli indirizzi strategici generali e approva il Piano annuale delle attività e il Piano strategico triennale predisposti dalla Consip; verifica il raggiungimento degli obiettivi prefissati L ACQUISTO DI SERVIZI/CONSULENZE PER LE SPECIFICHE ESIGENZE DEI DIPARTIMENTI. La Direzione I del DT conferisce incarichi di consulenza e di collaborazione coordinata a soggetti esterni al MEF per commissionare studi e ricerche ad Università pubbliche o private, in partnership con la Direzione, sottoscrivere accordi di collaborazione o convenzioni per specifici progetti/attività, sottoscrivere un disciplinare con la Consip, prevedendo il pagamento di corrispettivi e rimborsi a Consip per le attività svolte in tema di nuova governance economica europea e di vendita all asta delle quote di emissioni di gas a effetto serra 14 ; partecipare a conferenze che promuovono lo scambio di idee tra i economisti sulle tematiche istituzionali, sottoscrivendo le quote di 11 Ai sensi dell'articolo 26 della legge 23 dicembre 1999, n. 488, dell'articolo 58 della legge 23 dicembre 2000, n. 388, 12 Ai sensi dell'articolo 1, comma 450, della legge 27 dicembre 2006, n Società in house di cui al decreto legislativo 19 novembre 1997, n. 414, 14 Art. 63, comma 6, ai sensi della legge 23 dicembre 2000, n

13 partecipazione/iscrizione a tali conferenze. La Direzione VII (finanza e privatizzazioni) del DT conferisce incarichi di consulenza e di collaborazione coordinata a soggetti estranei al Ministero e stipula, nei limiti delle risorse assegnate, i contratti e i relativi decreti di approvazione in raccordo con il DAG, ai fini della successiva gestione amministrativo-contabile. Il DRI del DF partecipa al programma Fiscalis, istituito con l obiettivo di migliorare il funzionamento dei sistemi di imposizione nel mercato interno dell Unione europea. Alla DRIALAG compete la gestione amministrativa e contabile dei contratti di collaborazione e degli incarichi di studio e ricerca a soggetti esterni all Amministrazione, ivi compresi quelli di traduzione. I processi facenti parte delle quattro grandi aree sopra delineate sono stati esaminati per evidenziare: - i rischi di corruzione; - le misure di mitigazione che devono essere adottate I RISCHI DI CORRUZIONE La corruzione può riguardare le acquisizioni di servizi e consulenze sia nella fase di costruzione degli atti di gara, sia nella fase di scelta del contraente sia durante l esecuzione del contratto, fino al momento dei pagamenti da parte delle PA per le prestazioni rese dai fornitori. I rischi possono essere i seguenti: a. il mancato rispetto dei principi di imparzialità, di merito e di concorrenzialità nella scelta del contraente (ad esempio bandi con requisiti molto stringenti che sono diretti solo a taluni soggetti del mercato; il meccanismo di valutazione delle offerte economicamente più vantaggiose, ma anche quello in base al prezzo più basso, in quanto ribassi troppo elevati potrebbero indurre a recuperare da parte dell impresa parte del ribasso stesso); b. la preferenza assegnata a procedure di gara negoziate e contratti in economia; c. il controllo non corretto delle prestazioni, con conseguente ingiusta liquidazione dei compensi, ad esempio senza l applicazione di penali; d. carenze nella definizione da parte dell Amministrazione dell oggetto del contratto (scarsa progettualità); e. la liquidazione delle fatture secondo criteri che possono dar luogo a decisioni autonome e, pertanto, anche arbitrali da parte dei soggetti pubblici preposti; f. la numerosità degli uffici che operano in qualità di stazioni appaltanti, con l effetto di aumentare la probabilità di corruzione; g. l assenza di criteri di verifica della congruità dei prezzi h. la frammentazione delle richieste di acquisto, con l effetto di aumentare la probabilità di corruzione Spesso tali rischi sono ampliati da debolezze della PA dovute: - a un carente processo di pianificazione; - a una inadeguata capacità progettuale della PA; 13

14 - alla mancanza di competenze specifiche dei dipendenti delle PA sia amministrative sia tecniche; - a una inadeguata e discontinua azione di vigilanza sui principi di trasparenza, concorrenza ed economicità; - all assenza/inadeguatezza di un sistema di controlli interni; - alle procedure di liquidazione delle fatture. I processi della macro area richiedono un adeguato livello di attenzione per cui sono stati attribuiti livelli di rischio medio alti, con valori compresi fra 4 e 8. Infatti, da una parte la spesa più consistente è fatta attraverso le società in house del MEF (Consip, Sogei), cioè quei soggetti ai quali la legge ha affidato specifiche attività proprie dell Amministrazione, aventi specifiche competenze e professionalità; dall altra, nel caso delle acquisizioni dirette, sono stipulati contratti attraverso il ricorso alla piattaforma di e-procurement e, comunque, gli importi sono generalmente più bassi rispetto agli acquisiti effettuati tramite le società in house. È tuttavia da sottolineare che l Amministrazione, pur avvalendosi della Consip e della Sogei, deve esercitare in modo efficace il ruolo di governance, sia potenziando specifiche professionalità tecniche sia garantendo competenze adeguate al controllo dei processi. RC1. RC LE MISURE DI MITIGAZIONE PROPOSTE La formazione specifica in materia di acquisizione beni e servizi. Si raccomanda alle direzioni competenti di individuare con precisione i dipendenti ai quali erogare la formazione riguardante tutte le fasi dell attività di approvvigionamento, dalle procedure a evidenza pubblica all esecuzione del contratto, inclusi: - gli atti contrattuali con le società in house; - la capacità di governo dell Amministrazione, quando le attività di propria competenza sono delegate a soggetti esterni (fornitori esterni, società in house); - il ruolo del project manager, responsabile unico della valutazione, pianificazione, realizzazione e controllo di un progetto. 31 marzo 2014 I controlli interni e collaudi: Si raccomanda alle direzioni competenti di verificare l adeguatezza dell organizzazione amministrativa alla luce dei rischi di corruzione evidenziati individuando le misure gestionali da adottare. Una particolare attenzione dovrà essere posta ai: - controlli interni sui processi relativi all esecuzione del contratto; - collaudi (sia le acquisizioni dirette, sia le acquisizioni in house). 14

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

ALLEGATO 1 Soggetti, azioni e misure finalizzati alla prevenzione della corruzione

ALLEGATO 1 Soggetti, azioni e misure finalizzati alla prevenzione della corruzione ALLEGATO 1 Soggetti, azioni e misure finalizzati alla prevenzione della corruzione A Soggetti e ruoli della strategia di prevenzione... 3 A.1 Soggetti e ruoli della strategia di prevenzione a livello nazionale...

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Autorità Nazionale Anticorruzione (Bozza di delibera) Linee guida in materia di tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (c.d. whistleblower) Parte I - Questioni generali 1. Ricognizione della

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Roma, 25 marzo 2003 QUESITO

Roma, 25 marzo 2003 QUESITO RISOLUZIONE N. 71/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 marzo 2003 Oggetto: Istanza di interpello D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 642 imposta di bollo su atti e documenti connessi con i contratti

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria Legge n. 111 del 15 luglio 2011 - Conversione in legge, con modificazioni, del DL 98/11 recante disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria. (GU n. 164 del 16-07-2011) Decreto Legge 6/7/2011

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 21 NOVEMBRE 2007, N. 231 (PUBBLICATO NELLA G.U. N. 290 DEL 14 DICEMBRE 2007, S.O. N. 268) ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2005/60/CE CONCERNENTE LA PREVENZIONE DELL UTILIZZO DEL SISTEMA

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE I criteri indicati nel presente documento esemplificano una serie di situazioni di incarichi vietati per i

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Il dato è pubblicato nella sezione "Amministrazione trasparente" del sito istituzionale? (da 0 a 2) Tempo di pubblicazione/ Aggiornamento.

Il dato è pubblicato nella sezione Amministrazione trasparente del sito istituzionale? (da 0 a 2) Tempo di pubblicazione/ Aggiornamento. llegato 1 mministrazione "Comune di Cervaro" Data di compilazione "28/01/15" COMPLETEZZ COMPLETEZZ DEL LLEGTO 1 LL DELIER. 148/2014- GRIGLI DI RILEVZIONE L 31/12/2014 PULICZIONE RISPETTO GLI GGIORNMENTO

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3, con il quale è stato approvato il testo unico delle disposizioni concernenti lo Statuto degli impiegati civili

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio N. 165 del 6 Novembre 2013 News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi POS obbligatorio per esercenti di attività di vendita di prodotti e servizi, anche professionali (Articolo 15 commi

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli