Piano triennale di prevenzione della corruzione Triennio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano triennale di prevenzione della corruzione Triennio 2014-2016"

Transcript

1 Piano triennale di prevenzione della corruzione Triennio

2 Sommario 1. PREMESSA IL CONCETTO DI CORRUZIONE IL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE IL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE L ANALISI E LA GESTIONE DEL RISCHIO IL PERIMETRO IL PROCESSO DI CONSULTAZIONE L INDIVIDUAZIONE DEI PROCESSI A RISCHIO LA COSTRUZIONE DI UNA MAPPA DEL RISCHIO PER IL MEF LA DEFINIZIONE DI RISCHIO LE MISURE DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO IL PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE. LE MISURE ADDIZIONALI DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO L ACQUISIZIONE DI BENI, SERVIZI, LAVORI E CONSULENZE LA SPESA INFORMATICA LA SPESA PER LA GESTIONE DELLE SEDI DEL MEF LA SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA DI RAZIONALIZZAZIONE ACQUISTI L ACQUISTO DI SERVIZI/CONSULENZE PER LE SPECIFICHE ESIGENZE DEI DIPARTIMENTI I RISCHI DI CORRUZIONE LE MISURE DI MITIGAZIONE PROPOSTE LA SICUREZZA DEI PROCESSI INFORMATICI LE PROCEDURE SELETTIVE LE PROCEDURE DI SELEZIONE TRAMITE CONCORSO PUBBLICO LA MOBILITÀ DEL PERSONALE NON DIRIGENZIALE I PROVVEDIMENTI AMPLIATIVI E RIDUTTIVI DELLA SFERA GIURIDICA DI TERZI I CONTRIBUTI FINANZIARI: LE SANZIONI: GLI INCARICHI, LE COMMISSIONI I CONSIGLI, COMITATI E COMMISSIONI LA SELEZIONE E LA NOMINA DEI COMPONENTI L ATTRIBUZIONE DI INCARICHI GLI INCARICHI DI STUDIO/RICERCA/DOCENZA GLI UFFICI ISPETTIVI E DI AUDIT I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI/PROCEDIMENTI DI 2

3 RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVO CONTABILE LA GESTIONE DEL DEBITO PUBBLICO LA REVISIONE DEL PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE I CONTENUTI COMPLEMENTARI DEL PTPC LA VERIFICA DELL ADOZIONE DELLE MISURE DI TRASPARENZA LA FORMAZIONE DEL PERSONALE SUI TEMI DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE IL COLLEGAMENTO CON IL PIANO TRIENNALE DELLA FORMAZIONE I SOGGETTI DESTINATARI DELLA FORMAZIONE. LA FORMAZIONE AVANZATA I SOGGETTI DESTINATARI DELLA FORMAZIONE. LA FORMAZIONE INIZIALE I SOGGETTI EROGATORI DELLA FORMAZIONE I CONTENUTI DELLA FORMAZIONE I DOCENTI INTERNI ALL AMMINISTRAZIONE IL MONITORAGGIO E LA VERIFICA DEI LIVELLI DI ATTUAZIONE DELLA FORMAZIONE E LA LORO EFFICACIA LE MISURE PER IL RISPETTO DEL CODICE DI COMPORTAMENTO L INDICAZIONE DEI CRITERI DI ROTAZIONE DEL PERSONALE L INDICAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE AL RICORSO ALL ARBITRATO LA FORMAZIONE/INFORMAZIONE IN MATERIA DI OBBLIGO DI ASTENSIONE IN CASO DI CONFLITTO DI INTERESSE LO SVOLGIMENTO DI INCARICHI D UFFICIO L ATTIVITÀ E GLI INCARICHI EXTRA-ISTITUZONALI L ELABORAZIONE DI DIRETTIVE PER L ATTRIBUZIONE DI INCARICHI DIRIGENZIALI LA DEFINIZIONE DELLE MODALITÀ PER VERIFICARE IL RISPETTO DEL DIVIETO DI SVOLGERE ATTIVITÀ INCOMPATIBILI A SEGUITO DELLA CESSAZIONE DEL RAPPORTO LA ELABORAZIONE DI DIRETTIVE PER EFFETTUARE I CONTROLLI SUI PRECEDENTI PENALI AI FINI DELL ATTRIBUZIONE DEGLI INCARICHI E DELL ASSEGNAZIONE A UFFICI LA VERIFICA DELL ADOZIONE DELLE MISURE PER LA PROTEZIONE DEL WHISTLEBLOWER LA PREDISPOSIZIONE DI PROTOCOLLI DI LEGALITÀ PER GLI AFFIDAMENTI LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI MONITORAGGIO DEI TERMINI

4 5.14. IL MONITORAGGIO DEI RAPPORTI CON I SOGGETTI CON CUI L AMMINISTRAZIONE STIPULA CONTRATTI Elenco raccomandazioni.45 Il Programma triennale per la trasparenza e l integrità Allegati: A. Acronimi B. Metodologia valutazione del rischio C. Definizioni di rischio D. Mappa del rischio E. Direttiva MEF 24 giugno 2013 F. Circolare RGS n G. Programmazione attività formative DAG 16/12/2013 H. DM 5/8/2009 incarichi dirigenziali I. Circolare DAG del 9 dicembre

5 1. PREMESSA 1.1. IL CONCETTO DI CORRUZIONE Il concetto di corruzione non è definito nella legge 190. Tuttavia esso deve essere inteso in senso lato, comprensivo delle varie situazioni in cui, nel corso dell attività amministrativa, si riscontri l abuso da parte di un soggetto del potere a lui affidato al fine di ottenere vantaggi privati. Le situazioni rilevanti sono quindi più ampie della fattispecie penalistica, disciplinata negli articoli 318, 319, e 319-ter c.p. e ricomprendono non solo l intera gamma dei delitti contro la PA, disciplinati nel titolo II, Capo I, del codice penale, ma anche le situazioni in cui, a prescindere dalla rilevanza penale, si evidenzia un malfunzionamento dell amministrazione a causa dell uso a fini privati delle funzioni attribuite. Si parla di corruzione quando il pubblico ufficiale per compiere la transazione corrotta, che coinvolge uno o più rappresentanti dell amministrazione pubblica e uno o più soggetti privati, pone in essere atti contrari ai doveri d ufficio o un atto d ufficio ricevendo un guadagno o meglio un vantaggio di qualsiasi natura. Il Piano deve tenere conto anche degli altri reati previsti dal titolo II del codice penale, principalmente: abuso in atti d ufficio, peculato, concussione, malversazione a danno dello Stato, rifiuto di atti di ufficio, interruzione di un servizio pubblico o di pubblica necessità. Fenomeni di corruzione potrebbero anche verificarsi nei rapporti pubblico/pubblico, date le complesse e varie fattispecie che possono instaurarsi fra soggetti pubblici. 1 Rientrano quindi nel perimetro del Piano tutte le circostanze e gli eventi che possono influire sul raggiungimento degli obiettivi strategici e operativi dell Amministrazione, la quale, gestendo risorse pubbliche, deve assicurarne l uso oculato per il miglioramento continuo della propria azione IL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Il Piano triennale di prevenzione della corruzione (PTPC) contiene una serie di raccomandazioni, rivolte a diversi uffici dell Amministrazione, mirante a: - ridurre le opportunità che si manifestino casi di corruzione; - aumentare la capacità di scoprire casi di corruzione, - creare un contesto sfavorevole alla corruzione. Il PTPC comprende: a. l analisi dei processi dell Amministrazione e delle sue regole di funzionamento; b. l individuazione delle modalità di gestione del rischio (risk assessment), partendo dalle aree a rischio indicate dalla legge 190/2012; c. il coinvolgimento diretto, nella fase di preparazione, di tutte le strutture del MEF al fine di utilizzare la conoscenza delle attività dei diversi uffici, in termini di risorse 1 La tabella dei reati è riportata all interno dell allegato B. 5

6 umane impiegate, di valore economico delle risorse economiche gestite, dei controlli interni alle stesse strutture; d. l individuazione di una strategia operativa per definire le misure di contrasto e prevenzione della corruzione e vigilare sulla loro attuazione; e. il suo aggiornamento annuale, sulla base degli indirizzi e delle linee guida emanate dagli organi competenti, dei risultati del monitoraggio, condotto attraverso specifici audit 2, delle modifiche normative e organizzative; f. il monitoraggio dell attività di pubblicazione dei dati e delle informazioni e di ogni altro indirizzo in tema di trasparenza e integrità 3 ; g. la tutela del whistleblower e l attuazione di un efficace monitoraggio sulle segnalazioni ricevute IL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Al Responsabile per la prevenzione della corruzione (Responsabile) sono affidati i seguenti compiti: a. propone il PTPC per l adozione da parte dell'organo di indirizzo politico; b. definisce le procedure appropriate per selezionare e formare i dipendenti destinati a operare in settori particolarmente esposti alla corruzione; c. verifica l'attuazione del PTPC e ne propone la modifica quando vi sia evidenza della sua inadeguatezza a prevenire, contenere e ridurre i rischi di corruzione ovvero quando intervengono mutamenti nell'organizzazione o nell'attività dell'amministrazione; d. verifica, d'intesa con il dirigente competente, l'effettiva rotazione degli incarichi negli uffici preposti allo svolgimento delle attività nel cui ambito è più elevato il rischio che siano commessi reati di corruzione; e. individua il personale da inserire nei programmi di formazione sui temi della corruzione. Il Responsabile è affiancato da un ufficio che comprende un esperto di valutazione del rischio, un esperto legale, un esperto di amministrazione, un esperto informatico, un responsabile di segreteria. Questi soggetti rimangono incardinati nei loro rispettivi uffici e assumono, addizionalmente, i compiti derivanti dall attività dell ufficio del Responsabile. 2. L ANALISI E LA GESTIONE DEL RISCHIO 2.1. IL PERIMETRO Il PTPC riguarda e si rivolge a tutti i soggetti, dipendenti pubblici o comunque aventi 2 Per internal auditing si intende un'attività indipendente e obiettiva di assurance e consulenza, finalizzata al miglioramento dell'efficacia e dell'efficienza dell'organizzazione. Assiste l'organizzazione nel perseguimento dei propri obiettivi tramite un approccio professionale sistematico, che genera valore aggiunto in quanto finalizzato a valutare e migliorare i processi di controllo, di gestione dei rischi e di corporate governance. 3 Vedasi le delibere CIVIT 6/2010, 150/2010 e 2/

7 un rapporto di lavoro con il MEF, che lavorano per il MEF, inclusa la SSEF, comitati e commissioni incardinate nel MEF, gli uffici periferici, incluse le segreterie delle commissioni mediche. Non sono considerati nel PTPC le agenzie fiscali (Entrate-Territorio, Dogane- Monopoli, Demanio) né la Guardia di finanza IL PROCESSO DI CONSULTAZIONE Nella primavera del 2013, dalla sua nomina (29 marzo) al mese di luglio, il Responsabile ha incontrato: a. i capi dipartimento del MEF e il rettore della Scuola superiore dell economia e delle finanze (SSEF). Il Responsabile ha illustrato a ciascun Capo dipartimento e al Rettore le finalità della legge 190/2012 e gli obblighi che ne conseguono per l amministrazione, in particolare l obbligo di dotare il MEF di un PTPC. Ha chiesto la collaborazione della struttura amministrativa e la designazione di un punto di contatto per ogni dipartimento per facilitare il dialogo con le differenti unità organizzative; b. i dirigenti di prima fascia capi di struttura. Il Responsabile ha passato in disamina e discusso con ciascun dirigente di prima fascia l organizzazione della struttura amministrativa, individuando quegli uffici i cui processi sono più rilevanti dal punto di vista del rischio di corruzione; c. i dirigenti responsabili di uffici di particolare importanza. Il Responsabile ha discusso, processo per processo, l entità del rischio percepito e del possibile danno che potrebbe derivare da episodi di corruzione, le misure di mitigazione già in essere e se, e come, queste debbano essere rafforzate. Sulla base delle risultanze di questi colloqui, il Responsabile ha stilato un primo elenco provvisorio dei processi a rischio di corruzione. Tale elenco è stato compilato considerando tutti processi che ricadono nelle aree a rischio individuate nel PNA nonché alcuni processi tipici del MEF. Sono stati esclusi i processi per i quali le decisioni dell amministrazione non hanno elementi di discrezionalità o non hanno impatto con realtà esterne, possibili fonti di corruzione L INDIVIDUAZIONE DEI PROCESSI A RISCHIO. Dalle consultazioni con i responsabili delle diverse strutture amministrative del MEF sono scaturite le seguenti indicazioni: a. la valutazione del rischio del singolo processo non può prescindere dalle indicazioni di chi di tale processo ha la responsabilità (e la conoscenza); b. è necessario fornire a ciascun responsabile di processo una metodologia di valutazione del rischio che assicuri un accettabile grado di omogeneità in tutto il MEF. 7

8 Di conseguenza, e per ottenere i migliori risultati: a. è stata predisposta una metodologia di analisi del rischio di corruzione basata su gli standard internazionali ISO ; b. sono stati quindi individuati come Referenti del Responsabile i capi delle direzioni generali i cui uffici trattano uno o più processi a rischio; i Referenti assicurano che le schede siano attentamente compilate, e danno al Responsabile ogni informazione, indicazione, suggerimento che ritengano utile ai fini di una corretta predisposizione del PTPC; c. all inizio di ottobre è stata indetta una riunione di presentazione della metodologia alla quale sono stati invitati tutti i Referenti (o i loro delegati). È stato chiesto ai Referenti di far compilare le schede di analisi dei processi e definizione dei rischi di corruzione, fissando come termine la fine del mese di ottobre; d. nel corso del mese di ottobre l ufficio del Responsabile ha mantenuto i contatti con tutti gli uffici per chiarimenti e spiegazioni sulla metodologia e sul processo di formazione della mappa del rischio. Inoltre sono state tenute numerose riunioni, una per ogni famiglia di processi a rischio, per discutere con gli uffici interessati, specifici problemi di compilazione delle schede e assicurare un accettabile grado di omogeneità tra i differenti uffici responsabili di processi simili LA COSTRUZIONE DI UNA MAPPA DEL RISCHIO PER IL MEF Per ciascuna area a rischio di corruzione i Referenti hanno compilato le schede predisposte dall ufficio del Responsabile fornendo informazioni analitiche sui singoli processi a rischio. La ricognizione effettuata ha fornito un quadro sufficientemente completo delle attività svolte dai diversi uffici del MEF, evidenziando per ciascuna i possibili reati e il rischio di corruzione, con la valutazione della probabilità dell evento e del possibile danno. Ha inoltre consentito di comparare processi omologhi, in realtà organizzative diverse all interno del MEF. Sulla base delle informazioni pervenute e di numerosi incontri di approfondimento, l ufficio del Responsabile ha costruito la Mappa del rischio base (allegato D) di corruzione nel MEF. Per arrivare alla sua compilazione l ufficio del Responsabile ha esaminato i processi descritti dai Referenti, li ha ordinati e ha definito i livelli di aggregazione necessari. In questo stadio, la valutazione del rischio è stata effettuata sulla base delle sole disposizioni normative, senza tener conto delle eventuali misure di mitigazione adottate dall amministrazione. Rispetto alla lista iniziale provvisoria di processi a rischio, stilata dal responsabile dopo la prima fase di consultazioni, la Mappa comprende molti più processi, suggeriti dai responsabili degli uffici. La matrice del rischio è stata quindi rivista sulla base delle misure di mitigazione già attuate. La fonte informativa è per gran parte costituita dalle comunicazioni che i Referenti hanno inviato al Responsabile. Il Responsabile ha valutato e confrontato i 4 Allegato C 8

9 diversi contributi, assicurando una ragionevole omogeneità nel metro di giudizio adottato. Valutazioni sostanzialmente differenti rispetto ai contributi ricevuti sono state oggetto di confronto con i Referenti interessati. È stata così costruita una Mappa del rischio attuale. La Mappa base e quella attuale sono state restituite ai Referenti e, per loro tramite, ai responsabili degli uffici per la loro valutazione. Questo lavoro iterativo ha preso il mese di dicembre e ha visto diverse forme di contatto, comprese delle riunioni, per affrontare i problemi e le divergenze che si sono presentate. Agli inizi di gennaio 2014 si è giunti a un documento condiviso che rappresentava la Mappa del rischio attuale da adottare come base del PTPC LA DEFINIZIONE DI RISCHIO L articolo 1 della legge 190/2012 definisce il rischio di corruzione come la possibilità che in precisi ambiti organizzativo/gestionali possano verificarsi comportamenti corruttivi. La stessa legge individua le attività più esposte ai rischi: - le autorizzazioni e le concessioni; - la scelta del contraente per l'affidamento di lavori, forniture e servizi, anche con riferimento alla modalità di selezione prescelta ai sensi del codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture 5 ; - la concessione e l erogazione di sovvenzioni, contributi, sussidi, ausili finanziari, nonché l attribuzione di vantaggi economici di qualunque genere a persone ed enti pubblici e privati; - i concorsi e le prove selettive per l'assunzione del personale e per le progressioni di carriera 6. Ai fini della presente analisi valgono le definizioni di rischio tratte dalla normativa ISO LE MISURE DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO Partendo dalla Mappa del rischio attuale, l ufficio del Responsabile ha valutato l adeguatezza delle misure di mitigazione già adottate e in vigore, anche mettendo a confronto le misure adottate da uffici diversi per processi simili. Sulla base di questa analisi, il Responsabile ha segnalato la necessità/opportunità di adottare ulteriori misure di mitigazione, proponendo, in alcuni casi, delle misure specifiche. Le misure proposte sono state classificate sulla base dell urgenza, maggiore per quei processi per i quali il rischio attuale è stato giudicato troppo elevato. La valutazione e l eventuale proposta del Responsabile è stata discussa con il Referente con l obiettivo di arrivare, se possibile, a una valutazione concorde delle misure di mitigazione necessarie. Questo processo ha occupato la prima metà del mese di gennaio; alla sua conclusione il Responsabile disponeva delle informazioni necessarie per: definire le misure da adottare per mitigare i rischi in quei processi che lo richiedevano; predisporre il monitoraggio sui processi a 5 Decreto legislativo 12 aprile 2006, n Articolo 24 del decreto legislativo n. 150 del Allegato C 9

10 rischio. 3. IL PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE. LE MISURE ADDIZIONALI DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO. Il PTPC è stato completato e proposto per l adozione da parte dell autorità politica entro il mese di gennaio. Il PTPC si compone di: una Mappa del rischio di corruzione, compilata per processi; una lista di misure di mitigazione del rischio proposte per quei processi giudicati carenti; un programma di monitoraggio dei processi a rischio. La Mappa del rischio di corruzione fotografa la situazione rilevata a fine Sarà aggiornata formalmente nel PTPC per il 2015, sulla base del Monitoraggio effettuato nel corso del Tuttavia la normativa in vigore (legge 190/2012, PNA) e lo spirito stesso dell esercizio richiedono che i risultati del Monitoraggio che evidenziano elementi di rischio nuovi o inattesi, mettano in moto una risposta immediata per contenere tali rischi. Dunque, la Mappa del rischio potrà essere modificata nel corso dell anno. I cambiamenti saranno discussi con i Referenti interessati. Le modifiche concordate saranno comunicate a tutti i Referenti. La Lista di misure addizionali di mitigazione del rischio riguarda tutti i processi compresi nella Mappa del rischio per i quali c è la possibilità di ridurre il livello di rischio di corruzione. Le misure previste hanno differenti livelli di urgenza, a partire dai processi che presentano valori di rischio eccessivi. L orizzonte temporale è adattato alla specificità del processo e del rischio connesso e dipende anche dal tipo di misura che è necessario adottare. Nel caso, ad esempio, sia necessario l adozione o la modifica di un provvedimento normativo, occorrerà che l orizzonte temporale ne tenga adeguatamente conto. Come per la Mappa del rischio, il Programma potrà subire delle modifiche in corso d anno laddove sia necessario fronteggiare situazioni di rischio nuove o sottovalutate. Il programma di Monitoraggio prevede un flusso informativo periodico dal Referente al Responsabile al fine di: controllare l adeguatezza delle misure di mitigazione; seguire l adozione delle misure addizionali richieste dal PTPC; individuare eventuali nuovi o maggiori rischi, sia in processi già presenti nella Mappa, sia in processi che ne erano stati erroneamente esclusi. Il programma di Monitoraggio sarà centrato sulla compilazione di una scheda informativa con alcuni campi obbligatori e una parte a contenuto libero. Sia il contenuto informativo richiesto, sia la periodicità dell informativa saranno definiti sulle caratteristiche del singolo processo e del connesso rischio e concordati con il Referente del processo. Nel corso del 2014 sarà costruito e messo in funzione un programma informatico che gestirà tutte le informazioni, riducendo al minimo gli oneri a carico degli uffici e azzererà l utilizzo della carta. Il programma di Monitoraggio ha una componente annuale, che sarà rivista nel PTPC per il 2015, e una possibile componente triennale, qualora alcune delle misure addizionali di contenimento del rischio richiedano tempi lunghi per la loro piena entrata a regime L ACQUISIZIONE DI BENI, SERVIZI, LAVORI E CONSULENZE. La realtà analizzata è complessa e riguarda quattro grandi aree: - la spesa informatica; - la spesa per la gestione delle sedi del MEF; 10

11 - la spesa per l attuazione del programma di razionalizzazione degli acquisiti; - l acquisto di servizi/consulenze per le specifiche esigenze dei dipartimenti LA SPESA INFORMATICA. La spesa informatica del MEF è gestita in larga autonomia dai quattro dipartimenti. La spesa informatica per il DT (UCID), la RGS (IGICS) e il DAG (DSII) è gestita in parte attraverso la convenzione con la Sogei (all interno della quale è confluito il ramo IT di Consip 8 ) e in parte attraverso acquisizioni dirette. Il DF si avvale di Sogei che opera come full-outsourcer, sulla base di un accordo quadro stipulato dal DF, dove sono fissate regole e tariffe, cui seguono contratti esecutivi stipulati dalle singole strutture (soggetti della fiscalità, fra cui rientrano le agenzie fiscali). Il DAG ha la responsabilità amministrativo-contabile nei rapporti contrattuali con la società in house deputata al governo dei servizi informatici del MEF (dal 1 luglio 2013 Sogei S.p.a) e provvede al pagamento dei corrispettivi spettanti alla medesima società in relazione alle attività che essa svolge a beneficio di DT, RGS e DAG. I servizi comuni e trasversali (sicurezza informatica, reti, posta elettronica, connettività, ecc.) sono assicurati dal DAG, con il supporto della Sogei. 9 Il DT e la RGS, analogamente al DAG, si avvalgono della Sogei quale società strumentale allo sviluppo e alla gestione dei sistemi informativi a supporto delle attività di competenza. I rapporti amministrativi fra il MEF e la Sogei, sono regolati da una convenzione che disciplina, per l arco temporale , le responsabilità fra le parti coinvolte 10, la tipologia di servizi offerti e le relative modalità di remunerazione, nonché le tariffe applicate. Il modello convenzionale mantiene una distinzione fra costi fornitori (cd. oneri a rimborso) e corrispettivi (remunerazione della Sogei): il DT, la RGS e il DAG sono infatti direttamente responsabili delle attività informatiche di competenza e del pagamento degli oneri a rimborso, mentre il DAG è responsabile del pagamento delle attività di supporto che la Sogei fornisce per il governo delle attività di cui sopra. La Sogei, avvalendosi della Consip in qualità di stazione appaltante, stipula i contratti con i fornitori esterni; attraverso tali contratti l Amministrazione acquisisce servizi informatici e rimborsa la Sogei per tale spesa, pertanto, il servizio end-to-end si realizza, in generale, attraverso due 8 Il DL 95/2012 ha previsto che la Sogei si avvalga della Consip per l acquisto di beni e servizi attraverso il ricorso al mercato, sia per il lato Economia del MEF sia per l area Finanze). Sogei e Consip hanno stipulato una specifica Convenzione che regola i rapporti fra le parti per lo svolgimento di tali attività. 9 La Sogei eroga servizi di governance dei progetti applicativi ed infrastrutturali e fornisce supporto consulenziale (modelli di previsione, supporto di competenze) e per la gestione dei centri di elaborazione dati per ogni singolo dipartimento. 10 La Convenzione per la realizzazione e gestione delle attività informatiche dello Stato, stipulata in data 3 settembre 2013, regola i rapporti fra MEF, Corte dei conti e società in house preposta all erogazione dei servizi informatici. 11

12 soggetti: Sogei e fornitore esterno LA SPESA PER LA GESTIONE DELLE SEDI DEL MEF La DRIALAG del DAG è responsabile dell amministrazione, della manutenzione, dei servizi di igiene ambientale degli immobili del Ministero con i relativi impianti tecnologici non informatici. Svolge, altresì, le procedure di gara anche per altri dipartimenti, laddove non sussista obbligo di ricorso al sistema delle convenzioni 11 e al mercato elettronico della pubblica amministrazione 12. La Direzione ha, altresì, rapporti con l Agenzia del demanio LA SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA DI RAZIONALIZZAZIONE ACQUISTI Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. utilizza le tecnologie dell informazione e della comunicazione a supporto dei processi di approvvigionamento delle pubbliche amministrazioni. Il sistema di e-procurement, nell ambito degli acquisti in rete, offre le convenzioni relative per le categorie merceologiche di largo utilizzo e che possono quindi essere acquistate dalle diverse amministrazioni a condizioni e ai prezzi stabiliti. Il DAG-DSII stipula con la Consip 13 una specifica convenzione e svolge, fra l altro, attività di promozione, coordinamento e monitoraggio dell attività relativa all attuazione del Programma di razionalizzazione degli acquisti di beni e servizi; definisce, inoltre, gli indirizzi strategici generali e approva il Piano annuale delle attività e il Piano strategico triennale predisposti dalla Consip; verifica il raggiungimento degli obiettivi prefissati L ACQUISTO DI SERVIZI/CONSULENZE PER LE SPECIFICHE ESIGENZE DEI DIPARTIMENTI. La Direzione I del DT conferisce incarichi di consulenza e di collaborazione coordinata a soggetti esterni al MEF per commissionare studi e ricerche ad Università pubbliche o private, in partnership con la Direzione, sottoscrivere accordi di collaborazione o convenzioni per specifici progetti/attività, sottoscrivere un disciplinare con la Consip, prevedendo il pagamento di corrispettivi e rimborsi a Consip per le attività svolte in tema di nuova governance economica europea e di vendita all asta delle quote di emissioni di gas a effetto serra 14 ; partecipare a conferenze che promuovono lo scambio di idee tra i economisti sulle tematiche istituzionali, sottoscrivendo le quote di 11 Ai sensi dell'articolo 26 della legge 23 dicembre 1999, n. 488, dell'articolo 58 della legge 23 dicembre 2000, n. 388, 12 Ai sensi dell'articolo 1, comma 450, della legge 27 dicembre 2006, n Società in house di cui al decreto legislativo 19 novembre 1997, n. 414, 14 Art. 63, comma 6, ai sensi della legge 23 dicembre 2000, n

13 partecipazione/iscrizione a tali conferenze. La Direzione VII (finanza e privatizzazioni) del DT conferisce incarichi di consulenza e di collaborazione coordinata a soggetti estranei al Ministero e stipula, nei limiti delle risorse assegnate, i contratti e i relativi decreti di approvazione in raccordo con il DAG, ai fini della successiva gestione amministrativo-contabile. Il DRI del DF partecipa al programma Fiscalis, istituito con l obiettivo di migliorare il funzionamento dei sistemi di imposizione nel mercato interno dell Unione europea. Alla DRIALAG compete la gestione amministrativa e contabile dei contratti di collaborazione e degli incarichi di studio e ricerca a soggetti esterni all Amministrazione, ivi compresi quelli di traduzione. I processi facenti parte delle quattro grandi aree sopra delineate sono stati esaminati per evidenziare: - i rischi di corruzione; - le misure di mitigazione che devono essere adottate I RISCHI DI CORRUZIONE La corruzione può riguardare le acquisizioni di servizi e consulenze sia nella fase di costruzione degli atti di gara, sia nella fase di scelta del contraente sia durante l esecuzione del contratto, fino al momento dei pagamenti da parte delle PA per le prestazioni rese dai fornitori. I rischi possono essere i seguenti: a. il mancato rispetto dei principi di imparzialità, di merito e di concorrenzialità nella scelta del contraente (ad esempio bandi con requisiti molto stringenti che sono diretti solo a taluni soggetti del mercato; il meccanismo di valutazione delle offerte economicamente più vantaggiose, ma anche quello in base al prezzo più basso, in quanto ribassi troppo elevati potrebbero indurre a recuperare da parte dell impresa parte del ribasso stesso); b. la preferenza assegnata a procedure di gara negoziate e contratti in economia; c. il controllo non corretto delle prestazioni, con conseguente ingiusta liquidazione dei compensi, ad esempio senza l applicazione di penali; d. carenze nella definizione da parte dell Amministrazione dell oggetto del contratto (scarsa progettualità); e. la liquidazione delle fatture secondo criteri che possono dar luogo a decisioni autonome e, pertanto, anche arbitrali da parte dei soggetti pubblici preposti; f. la numerosità degli uffici che operano in qualità di stazioni appaltanti, con l effetto di aumentare la probabilità di corruzione; g. l assenza di criteri di verifica della congruità dei prezzi h. la frammentazione delle richieste di acquisto, con l effetto di aumentare la probabilità di corruzione Spesso tali rischi sono ampliati da debolezze della PA dovute: - a un carente processo di pianificazione; - a una inadeguata capacità progettuale della PA; 13

14 - alla mancanza di competenze specifiche dei dipendenti delle PA sia amministrative sia tecniche; - a una inadeguata e discontinua azione di vigilanza sui principi di trasparenza, concorrenza ed economicità; - all assenza/inadeguatezza di un sistema di controlli interni; - alle procedure di liquidazione delle fatture. I processi della macro area richiedono un adeguato livello di attenzione per cui sono stati attribuiti livelli di rischio medio alti, con valori compresi fra 4 e 8. Infatti, da una parte la spesa più consistente è fatta attraverso le società in house del MEF (Consip, Sogei), cioè quei soggetti ai quali la legge ha affidato specifiche attività proprie dell Amministrazione, aventi specifiche competenze e professionalità; dall altra, nel caso delle acquisizioni dirette, sono stipulati contratti attraverso il ricorso alla piattaforma di e-procurement e, comunque, gli importi sono generalmente più bassi rispetto agli acquisiti effettuati tramite le società in house. È tuttavia da sottolineare che l Amministrazione, pur avvalendosi della Consip e della Sogei, deve esercitare in modo efficace il ruolo di governance, sia potenziando specifiche professionalità tecniche sia garantendo competenze adeguate al controllo dei processi. RC1. RC LE MISURE DI MITIGAZIONE PROPOSTE La formazione specifica in materia di acquisizione beni e servizi. Si raccomanda alle direzioni competenti di individuare con precisione i dipendenti ai quali erogare la formazione riguardante tutte le fasi dell attività di approvvigionamento, dalle procedure a evidenza pubblica all esecuzione del contratto, inclusi: - gli atti contrattuali con le società in house; - la capacità di governo dell Amministrazione, quando le attività di propria competenza sono delegate a soggetti esterni (fornitori esterni, società in house); - il ruolo del project manager, responsabile unico della valutazione, pianificazione, realizzazione e controllo di un progetto. 31 marzo 2014 I controlli interni e collaudi: Si raccomanda alle direzioni competenti di verificare l adeguatezza dell organizzazione amministrativa alla luce dei rischi di corruzione evidenziati individuando le misure gestionali da adottare. Una particolare attenzione dovrà essere posta ai: - controlli interni sui processi relativi all esecuzione del contratto; - collaudi (sia le acquisizioni dirette, sia le acquisizioni in house). 14

P.T.P.C. PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014 2016

P.T.P.C. PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014 2016 C O M U N E DI A L I M E N A Provincia di Palermo * -------------------------------- -------------------------------- P.T.P.C. PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014 2016 Adottato dalla Giunta

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. Anni 2014-2016

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. Anni 2014-2016 PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2014-2016 1 TITOLO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI Paragrafo 1 (Premessa) 1. La legge 6 novembre

Dettagli

Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015-2017

Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015-2017 Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015-2017 Federazione Ordini Farmacisti Italiani 00185 ROMA VIA PALESTRO, 75 TELEFONO (06) 4450361 TELEFAX (06) 4941093 CODICE FISCALE n 00640930582

Dettagli

Pubblicato sul sito internet nella sezione Amministrazione trasparente. Premessa

Pubblicato sul sito internet nella sezione Amministrazione trasparente. Premessa RELAZIONE ANNUALE, A CURA del RESPONSABILE dell ANTICORRUZIONE, ai SENSI dell ART. 1, co. 14, della L. 190/2012, SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEL PIANO DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DI MILANO RISTORAZIONE

Dettagli

PIANO DI INTEGRITA E ANTICORRUZIONE

PIANO DI INTEGRITA E ANTICORRUZIONE PIANO DI INTEGRITA E ANTICORRUZIONE LEGGE 6 NOVEMBRE 2012 N. 190 Relazione anno 2013 a cura del Segretario Generale e del Responsabile del Servizio Integrità Il Consiglio Comunale, con deliberazione n.

Dettagli

Piano Anticorruzione Solaris srl 2015-2018. Pag. 1 a 10

Piano Anticorruzione Solaris srl 2015-2018. Pag. 1 a 10 Piano Anticorruzione Solaris srl 2015-2018 Pag. 1 a 10 Sommario Premessa... 3 ORGANIZZAZIONE... 5 1 - REFERENTI... 6 2 - AREE DI RISCHIO... 7 3 MISURE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO... 9 4 - TRASPARENZA...

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.) 2015 2017 TITOLO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI Paragrafo 1 (Premessa) 1. La legge 6 novembre 2012, n. 190 Disposizioni per la prevenzione e la repressione

Dettagli

Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione

Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione (Periodo di riferimento 2015 2017) PREMESSA Il 28 novembre 2012 è entrata in vigore la Legge n.190 del 6 novembre 2012 (c.d. Legge Anticorruzione ),

Dettagli

Società Gestione Farmacie s.r.l.

Società Gestione Farmacie s.r.l. Società Gestione Farmacie s.r.l. Piano triennale per la prevenzione della corruzione 2015-2017 Sommario 1. Il concetto di corruzione e il Piano Triennale di prevenzione della corruzione... 3 2. Il Responsabile

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE FONDAZIONE CAMPANIA DEI FESTIVAL 2014-2016 SOMMARIO

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE FONDAZIONE CAMPANIA DEI FESTIVAL 2014-2016 SOMMARIO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE FONDAZIONE CAMPANIA DEI FESTIVAL 2014-2016 SOMMARIO PREMESSA 1. CONTESTO INTERNO 2. IL PERSONALE 3. GLI ORGANI 4. OGGETTO E FINALITA' 5. RESPONSABILE DELLA

Dettagli

INFORMATIVA SULL ADOZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

INFORMATIVA SULL ADOZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE INFORMATIVA SULL ADOZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Gennaio 2014 Il 28 novembre 2012, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, è entrata in vigore la L. 6 novembre 2012 n.

Dettagli

PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE (2014-2016)

PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE (2014-2016) PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE (2014-2016) SOMMARIO PRESENTAZIONE 1. CONTESTO INTERNO 2. IL PERSONALE 3. GLI ORGANI 4. OGGETTO E FINALITA 5. RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 6. INDIVIDUAZIONE

Dettagli

CITTÁ DI ALGHERO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELLA ILLEGALITÀ 2014-2015 - 2016

CITTÁ DI ALGHERO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELLA ILLEGALITÀ 2014-2015 - 2016 CITTÁ DI ALGHERO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELLA ILLEGALITÀ 2014-2015 - 2016 Approvato con deliberazione commissariale, adottata con i poteri della Giunta Comunale n. 28 del 04.03.2014

Dettagli

LEGGE N. 190/2012 DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LEGGE N. 190/2012 DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LEGGE N. 190/2012 DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Torino, 10 Aprile 2013 La legge 190/2012 introduce degli strumenti per

Dettagli

COMUNE DI RIO SALICETO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015 2017

COMUNE DI RIO SALICETO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015 2017 COMUNE DI RIO SALICETO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015 2017 Indice Premessa Art. 1 La strategia nazionale di prevenzione della corruzione Art. 2 Il Piano triennale di prevenzione della

Dettagli

Provincia di Bari Il Segretario Generale Vicario

Provincia di Bari Il Segretario Generale Vicario Provincia di Bari Il Segretario Generale Vicario Piano Triennale Trasparenza ed Integrità 2014 2016 Pagina 1 di pagine 19 Premessa La legge 6 novembre 2012, n. 190, di seguito legge, ha introdotto per

Dettagli

REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012 REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, PROCEDURE E CONTROLLI INTERNI VOLTI A PREVENIRE L UTILIZZO DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE

Dettagli

Università Iuav di Venezia. Piano triennale di prevenzione della corruzione 2013-2015

Università Iuav di Venezia. Piano triennale di prevenzione della corruzione 2013-2015 Università Iuav di Venezia Piano triennale di prevenzione della corruzione 2013-2015 (ai sensi dell art. 1, comma 5, lett. a) della legge 6 novembre 2012, n. 190) 1 1. Premessa La legge 6 novembre 2012,

Dettagli

Indirizzi per l attuazione della normativa in materia di prevenzione della corruzione e di trasparenza nelle società controllate o partecipate dal

Indirizzi per l attuazione della normativa in materia di prevenzione della corruzione e di trasparenza nelle società controllate o partecipate dal Indirizzi per l attuazione della normativa in materia di prevenzione della corruzione e di trasparenza nelle società controllate o partecipate dal Ministero dell Economia e delle Finanze 1 1. Premessa

Dettagli

Università degli Studi di Firenze

Università degli Studi di Firenze Università degli Studi di Firenze Piano per la formazione del personale dell Università degli Studi di Firenze nell ambito della prevenzione della corruzione Anni 2013-2015 PIANO PER LA FORMAZIONE DEL

Dettagli

Allegato 3) alla deliberazione di Giunta Comunale n. 108 del 1.8.2013,,, COMUNE DI BOMPORTO

Allegato 3) alla deliberazione di Giunta Comunale n. 108 del 1.8.2013,,, COMUNE DI BOMPORTO Allegato 3) alla deliberazione di Giunta Comunale n. 108 del 1.8.2013,,, COMUNE DI BOMPORTO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2013-2015 PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2013-2015

Dettagli

PIANO PROVVISORIO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE - LINEE GUIDA

PIANO PROVVISORIO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE - LINEE GUIDA ENTE DI GESTIONE DELLE AREE PROTETTE DELL AREA METROPOLITANA DI TORINO Sede legale: Viale C. Emanuele II, 256 10078 Venaria Reale (TO) - P.I. 01699930010 - tel. 011 4993311 fax 011 4594352 PIANO PROVVISORIO

Dettagli

PROGRAMMA DELLE MISURE PROVVISORIE ANTICORRUZIONE

PROGRAMMA DELLE MISURE PROVVISORIE ANTICORRUZIONE PROGRAMMA DELLE MISURE PROVVISORIE ANTICORRUZIONE Triennio 2014/2016 1 Art. 1 Finalità Il presente piano, nell ambito delle analoghe regolamentazioni poste in essere dal socio unico- Comune di Cerveteri,

Dettagli

Piano Triennale Prevenzione Corruzione Relazione I semestre 2014

Piano Triennale Prevenzione Corruzione Relazione I semestre 2014 Piano Triennale Prevenzione Corruzione Relazione I semestre 2014 Introduzione La presente relazione sintetizza il quadro di iniziative messe in atto nell arco temporale ricompreso tra il 1 gennaio ed il

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA PER GLI ANNI 2014/2016

CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA PER GLI ANNI 2014/2016 CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA PER GLI ANNI 2014/2016 PREMESSA La legge 6 novembre 2012, n. 190, recante Disposizioni

Dettagli

Piano triennale di prevenzione della corruzione

Piano triennale di prevenzione della corruzione Piano triennale di prevenzione della corruzione Periodo 2014-2016 (art. 1, comma 8, Legge 6 novembre 2012, n. 190) ARAN - Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni Approvato

Dettagli

CODICE ANTIMAFIA E ANTICORRUZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE TITOLO I APPALTI

CODICE ANTIMAFIA E ANTICORRUZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE TITOLO I APPALTI CODICE ANTIMAFIA E ANTICORRUZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE TITOLO I APPALTI Art. 1 Requisiti di ordine generale 1. Al fine di prevenire infiltrazioni di tipo mafioso o comunque riconducibili alla

Dettagli

Misure organizzative e gestionali per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza

Misure organizzative e gestionali per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza Z.I.T.A.C. S.p.A. Zona Industriale Tecnologica Artigianale del Cittadellese Misure organizzative e gestionali per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza Prima applicazione 2014-2016 Proposto

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2015-2016

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2015-2016 Fondazione Accademia di Belle Arti di Verona Riconosciuta in data 17/10/2012 con decreto Prefettura di Verona n. 230/P C.F. e P.IVA: 04093500231 Via C. Montanari, 5 37122 Verona Telefono 045 8000082 Fax

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ANTICORRUZIONE

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ANTICORRUZIONE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ANTICORRUZIONE Premessa Lo scorso 28 novembre è entrata in vigore la legge 6 novembre 2012 n. 190 contenente le disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione

Dettagli

Piano triennale di prevenzione della corruzione 2015-2017

Piano triennale di prevenzione della corruzione 2015-2017 REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Piano triennale di prevenzione della corruzione 2015-2017 Premessa Indice 1. Normativa 2. Oggetto e finalità del piano 3. Definizione di corruzione

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DELL ENTE PARCO NATURALE MONT AVIC

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DELL ENTE PARCO NATURALE MONT AVIC PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DELL ENTE PARCO NATURALE MONT AVIC Periodo di riferimento: 2014/2016 (allegato alla deliberazione del n. 7/2014) INDICE PREMESSA 1. RIFERIMENTI NORMATIVI

Dettagli

Il Sistema anticorruzione di cui alla Legge. n. 190/2012 come strumento per prevenire la Mala-amministrazione

Il Sistema anticorruzione di cui alla Legge. n. 190/2012 come strumento per prevenire la Mala-amministrazione Il Sistema anticorruzione di cui alla Legge. n. 190/2012 come strumento per prevenire la Mala-amministrazione 15 aprile 2015 A cura della Dott.ssa Giuseppina Massara SOMMARIO cos è la c.d. «Legge Anticorruzione»;

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte del Consiglio Nazionale dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati e dei Consigli territoriali

Dettagli

Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione

Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione Anni 2014-2016 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI PRELIMINARI Paragrafo

Dettagli

Viale Roma 149, 54100 Massa tel. 0585/791109 fax 0585/791107 segreteria@collegiogeometri.it collegio.massacarrara@geopec.it

Viale Roma 149, 54100 Massa tel. 0585/791109 fax 0585/791107 segreteria@collegiogeometri.it collegio.massacarrara@geopec.it Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e prevenzione della corruzione del Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Massa Carrara ai sensi dell art. 2, comma 2-bis del D.L. 31 agosto

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI VERONA

COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI VERONA Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte del Consiglio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Verona ai

Dettagli

Piano di prevenzione della corruzione

Piano di prevenzione della corruzione Piano di prevenzione della corruzione In conformità al Piano Nazionale Anticorruzione (P.N.A.) Legge 6 novembre 2012 n. 190 Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell illegalità

Dettagli

ALLEGATO AL MODELLO EX D. LGS. N. 231/2001 IL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2016

ALLEGATO AL MODELLO EX D. LGS. N. 231/2001 IL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2016 ALLEGATO AL MODELLO EX D. LGS. N. 231/2001 IL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2016 INDICE 1. PREMESSA... - 3-2. L ATTIVITÀ SVOLTA DALLA FONDAZIONE INGM... - 4-3. INDIVIDUAZIONE DELLE

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI DECRETI PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 24 gennaio 2013. Direttiva recante indirizzi per la protezione cibernetica e la sicurezza informatica nazionale. IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

PIANO ANTICORRUZIONE

PIANO ANTICORRUZIONE PIANO ANTICORRUZIONE STRUTTURA E CONTENUTI DEL PIANO Relazione introduttiva Parte I - Descrizione dell assetto organizzativo: a) Articolazione organizzativa b) Funzionigramma c) Elenco dirigenti e responsabili

Dettagli

Collegio Territoriale dell Ordine dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati delle Province di Bari e B.A.T.

Collegio Territoriale dell Ordine dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati delle Province di Bari e B.A.T. Collegio Territoriale dell Ordine dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati delle Province di Bari e B.A.T. Regolamento sugli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni

Dettagli

Delibera Consiglio Direttivo n 100 del 23 febbraio 2015

Delibera Consiglio Direttivo n 100 del 23 febbraio 2015 Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e prevenzione della corruzione del Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Bologna ai sensi dell art. 2, comma 2-bis del D.L. 31 agosto

Dettagli

NOTA PRELIMINARE DELLO STATO DI PREVISIONE DEL MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE

NOTA PRELIMINARE DELLO STATO DI PREVISIONE DEL MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOTA PRELIMINARE DELLO STATO DI PREVISIONE DEL MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE Quadro generale di riferimento Ministero della solidarietà sociale Previsioni di bilancio 2008 - Nota preliminare L insediamento

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Pag. 1 a 44 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231 DOCUMENTO DI ANALISI DEI RISCHI PARTE II - REATI CORRUTTIVI EX L.190/12 E P.N.A. In vigore

Dettagli

Piano triennale per la prevenzione della corruzione (Legge n. 190/2012) Anni 2015-2017

Piano triennale per la prevenzione della corruzione (Legge n. 190/2012) Anni 2015-2017 Piano triennale per la prevenzione della corruzione (Legge n. 190/2012) Anni 2015-2017 Approvato con Delibera del Direttore Generale n. 5 del 30 gennaio 2015 In vigore dal 31 gennaio 2015 INDICE TITOLO

Dettagli

UNIONE NAZIONALE ITALIANA TECNICI ENTI LOCALI U.N.I.T.E.L.

UNIONE NAZIONALE ITALIANA TECNICI ENTI LOCALI U.N.I.T.E.L. UNIONE NAZIONALE ITALIANA TECNICI ENTI LOCALI U.N.I.T.E.L. Convegno APPALTO INTEGRATO, PROJECT FINANCING, DIALOGO COMPETITIVO, RUOLO DEL RUP: L evoluzione della normativa sugli appalti pubblici e il punto

Dettagli

Regione Autonoma Trentino-Alto Adige/Südtirol

Regione Autonoma Trentino-Alto Adige/Südtirol Regione Autonoma Trentino-Alto Adige/Südtirol PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2013-2014 - 2015 Approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 7 del 22 gennaio 2014 SOMMARIO 1. PREMESSA...

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DELLA SOCIETA CATANIA MULTISERVIZI

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DELLA SOCIETA CATANIA MULTISERVIZI PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DELLA SOCIETA CATANIA MULTISERVIZI rev 1.1 (ai sensi della L. 190/2012 e del PNA - Piano Nazionale Anticorruzione) approvato dal C.d.A. in data 18/05/2015 Indice 1.

Dettagli

PIANO TRIENNALE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO TRIENNALE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PIANO TRIENNALE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 rilasciato da: Direttore Sanitario & data dell autorizzazione: 01.02.2013 ID: 148/13 Direttore Tecnico-Assistenziale Rev Nr. 00 revisione pianificata:

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE ANTICORRUZIONE DELLA FONDAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO 2014/2016

PIANO DI PREVENZIONE ANTICORRUZIONE DELLA FONDAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO 2014/2016 PIANO DI PREVENZIONE ANTICORRUZIONE DELLA FONDAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO 2014/2016 INTRODUZIONE Con la legge n. 190 del 6 novembre 2012, entrata in vigore il 28 novembre 2012, sono state dettate

Dettagli

[Allegato 1 alla deliberazione G.C. n. 138 in data 11/12/2013] PIANO PROVVISORIO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE - LINEE GUIDA

[Allegato 1 alla deliberazione G.C. n. 138 in data 11/12/2013] PIANO PROVVISORIO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE - LINEE GUIDA [Allegato 1 alla deliberazione G.C. n. 138 in data 11/12/2013] PIANO PROVVISORIO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE - LINEE GUIDA COMUNE DI MAGNAGO ABITANTI AL 01.01.2013 N. 9280 N. 5 POSIZIONI

Dettagli

Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte del Consiglio nazionale degli Ingegneri e dei

Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte del Consiglio nazionale degli Ingegneri e dei Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte del Consiglio nazionale degli Ingegneri e dei Consigli territoriali dell Ordine degli ingegneri ai sensi

Dettagli

Anticorruzione e trasparenza dall adempimento formale alla creazione di valore pubblico

Anticorruzione e trasparenza dall adempimento formale alla creazione di valore pubblico USR UMBRIA - Giornata della trasparenza 2014 18 dicembre 2014 - Sala S. Anna, PERUGIA Anticorruzione e trasparenza dall adempimento formale alla creazione di valore pubblico Ing. Bruno G. Lamonaca Ufficio

Dettagli

PIANO TRIENNALE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO TRIENNALE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PIANO TRIENNALE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 in applicazione della Legge n. 190 del 6.11.2012 BOZZA 1 INDICE Normativa di riferimento Premesse 1. Stesura e Approvazione del Piano Triennale

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE TUTOR SCARL

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE TUTOR SCARL ANNO 2014-2016 PREMESSA Considerato il dilagare di eventi di corruzione avvenuti negli ultimi anni, il Piano Nazionale Anticorruzione (P.N.A.), approvato dal CIVIT (Autorità Nazionale Anticorruzione) ai

Dettagli

COMUNE DI CASTELVECCHIO DI ROCCA BARBENA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNO 2014-2016

COMUNE DI CASTELVECCHIO DI ROCCA BARBENA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNO 2014-2016 COMUNE DI CASTELVECCHIO DI ROCCA BARBENA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNO 2014-2016 1 2 INDICE 1- PREMESSA 2- NORMATIVA 3- ORGANIZZAZIONE E FUNZIONE DELL ENTE 4- SITO WEB ISTITUZIONALE

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 22 dicembre 2014 INDICE PREMESSA Oggetto del piano Il Responsabile della prevenzione

Dettagli

REGIONE TOSCANA CONSIGLIO REGIONALE. Prevenzione e repressione della corruzione e dell illegalità nella pubblica amministrazione (legge 190/2012)

REGIONE TOSCANA CONSIGLIO REGIONALE. Prevenzione e repressione della corruzione e dell illegalità nella pubblica amministrazione (legge 190/2012) REGIONE TOSCANA CONSIGLIO REGIONALE Prevenzione e repressione della corruzione e dell illegalità nella pubblica amministrazione (legge 190/2012) Relazione sull attività svolta e sullo stato di attuazione

Dettagli

ALLEGATO "A" PIANO PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014/2016

ALLEGATO A PIANO PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014/2016 1. Rendere pubblici tutti i contributi erogati con identificazione del beneficiario, nel rispetto delle regole della tutela della riservatezza; 2.Predisposizione di linee guida operative, 2. Introduzione

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU35 29/08/2013

REGIONE PIEMONTE BU35 29/08/2013 REGIONE PIEMONTE BU35 29/08/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 29 luglio 2013, n. 14-6180 Disciplinare per il conferimento degli incarichi di direzione di struttura complessa per la dirigenza medica

Dettagli

ART. 01 OGGETTO DEL PIANO

ART. 01 OGGETTO DEL PIANO COMUNE DI RIVA DI SOLTO PIANO TRIENNALE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015/2017 ART. 01 OGGETTO DEL PIANO 1. Il Piano Triennale della Prevenzione della Corruzione del Comune di Riva di Solto, definisce

Dettagli

Ordine degli Psicologi della Campania PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

Ordine degli Psicologi della Campania PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Ordine degli Psicologi della Campania PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (2015-2017) Componenti: a) N. 15 Consiglieri componenti

Dettagli

Segnalazione al Governo e al Parlamento ai sensi dell art. 6, comma 7, lett. f), del d.lgs. 12 aprile 2006 n. 163

Segnalazione al Governo e al Parlamento ai sensi dell art. 6, comma 7, lett. f), del d.lgs. 12 aprile 2006 n. 163 Autorità Nazionale Anticorruzione VIGILANZA CONTRATTI PUBBLICI Segnalazione al Governo e al Parlamento ai sensi dell art. 6, comma 7, lett. f), del d.lgs. 12 aprile 2006 n. 163 Atto di segnalazione n.

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DELL IPAB ISTITUTI DI SANTA MARIA IN AQUIRO (LEGGE N. 190 DEL 6 NOVEMBRE 2012).

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DELL IPAB ISTITUTI DI SANTA MARIA IN AQUIRO (LEGGE N. 190 DEL 6 NOVEMBRE 2012). PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DELL IPAB ISTITUTI DI SANTA MARIA IN AQUIRO (LEGGE N. 190 DEL 6 NOVEMBRE 2012). ART. 1 OGGETTO E FINALITA' Ai sensi della Legge 190/2012 "Disposizioni per

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali. PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ (anni 2011-2013)

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali. PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ (anni 2011-2013) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ (anni 2011-2013) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ (anni 2011-2013) INDICE Premessa pag. 3 1. Assolvimento degli obblighi in materia

Dettagli

Il Decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa - seconda parte

Il Decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa - seconda parte S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SISTEMI DI COMPLIANCE E DECRETO LEGISLATIVO 231 DEL 2001 Il Decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa - seconda parte Stefano Bonetto e Francesco

Dettagli

STAFF CONTROLLO DI GESTIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

STAFF CONTROLLO DI GESTIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ STAFF CONTROLLO DI GESTIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ INDICE PAG. PREMESSA 2 1. DATI DA PUBBLICARE 3 2. MODALITA DI PUBBLICAZIONE

Dettagli

DELLA CORRUZIONE 2014/2016 I N D I C E. Art. 1 Premessa

DELLA CORRUZIONE 2014/2016 I N D I C E. Art. 1 Premessa PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014/2016 1 I N D I C E Art. 1 Premessa.. pag. 2 Art. 2 I settori e le attività particolarmente esposti alla corruzione. pag. 2 Art. 3 Attuazione e controllo delle

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2014-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2014-2015 ALLEGATO A) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2014-2015 1 - INTRODUZIONE: ORGANIZZAZIONI E FUNZIONI DELL AMMINISTRAZIONE La struttura organizzativa dell Ente prevede la presenza

Dettagli

Piano triennale di prevenzione della corruzione (P.T.P.C.) 2015-2017

Piano triennale di prevenzione della corruzione (P.T.P.C.) 2015-2017 G.A.L. Mongioie società consortile a r.l. Piazza Vittorio Veneto n. 1 12070 Mombasiglio C.F. e P.I. 02581140049 Piano triennale di prevenzione della corruzione (P.T.P.C.) 2015-2017 Approvato dal Consiglio

Dettagli

11 ottobre 2010. Le osservazioni al presente documento di consultazione dovranno pervenire entro il 15 novembre 2010 al seguente indirizzo:

11 ottobre 2010. Le osservazioni al presente documento di consultazione dovranno pervenire entro il 15 novembre 2010 al seguente indirizzo: Provvedimento recante disposizioni attuative in materia di organizzazione, procedure e controlli interni volti a prevenire l utilizzo a fini di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo delle società

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

PROTOCOLLO REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

PROTOCOLLO REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO PROTOCOLLO REATI CONTRO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.Lgs. n. 231 del 2001 GOODYEAR DUNLOP TIRES ITALIA S.P.A. 4 febbraio 2013 2 Documento Protocollo Reati contro la Pubblica

Dettagli

Esiti consultazione telematica Commissione. Roma, 9 luglio 2014

Esiti consultazione telematica Commissione. Roma, 9 luglio 2014 Esiti consultazione telematica Commissione Roma, 9 luglio 2014 La Commissione Infrastrutture, Mobilità e Governo del Territorio, a seguito di consultazione svolta per via telematica, si è pronunciata sul

Dettagli

Web: www.ersucam.it - E-mail: ersu.camerino@ersucam.it - PEC: ersu.camerino@_emarche.it

Web: www.ersucam.it - E-mail: ersu.camerino@ersucam.it - PEC: ersu.camerino@_emarche.it ERSI! di Camerino PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2013-2015 ( A CARATTERE PROVVISORIO) Art.1 Oggetto 1.1. Il Piano della prevenzione della corruzione (di seguito denominato "Piano") si

Dettagli

COMUNE DI BUSSERO. (Provincia di Milano) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014

COMUNE DI BUSSERO. (Provincia di Milano) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014 COMUNE DI BUSSERO (Provincia di Milano) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014 (Art. 13. C. 6, lettera e) del D.Lgs. 27/10/2009 n. 150) Approvato con deliberazione Commissariale

Dettagli

BANDO MOBILITÀ ESTERNA FUNZIONARI SPECIALISTI PROGRAMMI COMUNITARI

BANDO MOBILITÀ ESTERNA FUNZIONARI SPECIALISTI PROGRAMMI COMUNITARI FEDERAZIONE CONFSAL-UNSA COORDINAMENTO NAZIONALE BENI CULTURALI c/o Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo Via del Collegio Romano, 27-00186 Roma Tel. 06.67232889 - Tel./Fax 0667232348

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 Premessa Il Consorzio è stato costituito ai sensi dell art. 31 del T.U di cui al D.Lgs 267/2000

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DEL COMUNE DI CIVITAVECCHIA SEGRETERIA GENERALE 2014-2016 UFFICIO PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DEL COMUNE DI CIVITAVECCHIA SEGRETERIA GENERALE 2014-2016 UFFICIO PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DEL COMUNE DI CIVITAVECCHIA 2014-2016 SEGRETERIA GENERALE UFFICIO PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Gennaio 2014 INDICE 1. INTRODUZIONE 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI...

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2015/2017 Ai sensi del D. Lgs. n. 33/2013 Rev. 0 del 19 marzo 2015 Regione Calabria INDICE DEI CONTENUTI PREMESSA 1. PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SEGRETERIA TECNICA DEL DIRETTORE Nota Circolare UPPA n. 33/08, lì 22.05.2008 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Alle Amministrazioni

Dettagli

COMUNE DI TAGGIA Provincia di Imperia

COMUNE DI TAGGIA Provincia di Imperia COMUNE DI TAGGIA Provincia di Imperia Piano triennale di prevenzione della corruzione 2014-2016 ai sensi art.1, VIII e IX comma, Legge 6 novembre 2012 n. 190. Adottato con deliberazione di G.C. N. 94/2013

Dettagli

PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE - L art. 19 del decreto legge 24 giungo 2014 n. 90, convertito con modificazioni dalla l. 11 agosto 2014, n. 114, ha ridefinito

Dettagli

Collegio Nazionale dei Periti Agrari e dei Periti Agrari Laureati presso il Ministero della Giustizia

Collegio Nazionale dei Periti Agrari e dei Periti Agrari Laureati presso il Ministero della Giustizia Collegio Nazionale dei Periti Agrari e dei Periti Agrari Laureati presso il Ministero della Giustizia Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2016 DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI MASSA CARRARA

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2016 DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI MASSA CARRARA PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2016 DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI MASSA CARRARA 1. Introduzione 2. Processo di adozione del PTPC 3. Principali strumenti di prevenzione della corruzione

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso PIANO TRIENNALE PROVVISORIO PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DELL AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE

Dettagli

Approvato con determina n. 30 del 30 gennaio 2014

Approvato con determina n. 30 del 30 gennaio 2014 MUSEO CSTELLO DEL BUONCONSIGLIO P.IV: 01768830224 pprovato con determina n. 30 del 30 gennaio 2014 PINO TRIENNLE di PREVENZIONE della CORRUZIONE 2014 / 2016 1 MUSEO CSTELLO DEL BUONCONSIGLIO P.IV: 01768830224

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 (deliberato dal C. di A. nella seduta del 19 giugno 2015) 1 1 - Introduzione e normativa di riferimento Il Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014 2016 Indice Premessa 1. Il Piano triennale di prevenzione della corruzione della Provincia di Siena strategie e obiettivi 2. I soggetti coinvolti 2.1.

Dettagli

Oggetto: Commenti dell Associazione Italiana Internal Auditors al documento di consultazione N. 42/2011

Oggetto: Commenti dell Associazione Italiana Internal Auditors al documento di consultazione N. 42/2011 Oggetto: Commenti dell Associazione Italiana Internal Auditors al documento di consultazione N. 42/2011 Come noto, l Associazione Italiana Internal Auditors, parte dell Institute of Internal Auditors,

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO E DI GESTIONE (EX D. LGS. 231/2001) MISURE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI ANTICORRUZIONE (EX L. 190/2012)

MODELLO ORGANIZZATIVO E DI GESTIONE (EX D. LGS. 231/2001) MISURE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI ANTICORRUZIONE (EX L. 190/2012) MODELLO ORGANIZZATIVO E DI GESTIONE (EX D. LGS. 231/2001) MISURE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI ANTICORRUZIONE (EX L. 190/2012) PARTE SPECIALE 24 Settembre 2014 LIGURCAPITAL Spa Società soggetta alla direzione

Dettagli

Istituto Nazionale Previdenza Sociale PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

Istituto Nazionale Previdenza Sociale PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Istituto Nazionale Previdenza Sociale PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014-2016 1 INDICE PREMESSA 6 1. IL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE... 8 1.1. Il piano triennale di

Dettagli

Piano triennale anticorruzione annualità 2014 2016

Piano triennale anticorruzione annualità 2014 2016 Piano triennale anticorruzione annualità 2014 2016 A seguito della entrata in vigore della Legge Anticorruzione n.190/2012, recante Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell

Dettagli

Città di Fabriano Segreteria Generale. Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione PTPC 2015 2017. gennaio 2015

Città di Fabriano Segreteria Generale. Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione PTPC 2015 2017. gennaio 2015 Città di Fabriano Segreteria Generale Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione PTPC 2015 2017 gennaio 2015 Indice pagina 1 Riflessioni preliminari 3 2 Soggetti 5 3 Piano Triennale di Prevenzione

Dettagli

INDICE. Pagina 2 www.ulss13mirano.ven.it

INDICE. Pagina 2 www.ulss13mirano.ven.it PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE 2013-2015 INDICE 1. Premessa pag. 3 2. Normativa di riferimento pag. 4 3. Oggetto e finalità pag. 6 4. Definizione di corruzione pag. 6 5. Il della corruzione: nomina e ruolo

Dettagli

DECRETO DEL SEGRETARIO GENERALE N. 17 DI DATA 27 MARZO 2015

DECRETO DEL SEGRETARIO GENERALE N. 17 DI DATA 27 MARZO 2015 DECRETO DEL SEGRETARIO GENERALE N. 17 DI DATA 27 MARZO 2015 OGGETTO: Approvazione del Piano per la prevenzione della corruzione e del Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2017 dell Autorità

Dettagli

Piano triennale per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza. ex lege 190 del 2012, D.lgs. 33 del 2013, D.lgs.

Piano triennale per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza. ex lege 190 del 2012, D.lgs. 33 del 2013, D.lgs. Piano triennale per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza ex lege 190 del 2012, D.lgs. 33 del 2013, D.lgs. 39 del 2013 Consiglio di Amministrazione 29 luglio 2015 Sommario 1. PREMESSA...

Dettagli