ORGANIZZATO DA SURVEY: Le Società Quotate dal Sistema di Controllo Interno (SCI) al Sistema di Controllo e Gestione dei Rischi (SCIGR)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORGANIZZATO DA SURVEY: Le Società Quotate dal Sistema di Controllo Interno (SCI) al Sistema di Controllo e Gestione dei Rischi (SCIGR)"

Transcript

1 SURVEY: Le Società Quotate dal Sistema di Controllo Interno (SCI) al Sistema di Controllo e Gestione dei Rischi (SCIGR) Discussion Paper sui risultati della Ricerca Prima edizione: Aprile 2014

2 INDICE PREMESSA...3 LA SURVEY...4 Obiettivi e assunti logici... 4 Il Panel... 5 EXECUTIVE SUMMARY...6 RISULTATI DELLA SURVEY...7 Disegno del Sistema di Controllo e della Risk Governance... 7 Set-up e attuazione del SCIGR... 9 Gestione e monitoraggio dei rischi e adeguatezza del SCI...11 I singoli elementi costitutivi del SCIGR...13 "Comply or explain"...14 Capitalizzazione ed evoluzione del SCIGR...16 Settore economico ed evoluzione del SCIGR...17 Conclusioni...18 APPENDICE METODOLOGICA... 20

3 PREMESSA Nel dicembre 2011 il Comitato Corporate Governance di Borsa Italiana ha approvato la nuova versione del Codice di Autodisciplina per le Società emittenti titoli negoziati, modificando talune volte in maniera marginale, talune altre in maniera sostanziale il portato delle precedenti previsioni. Per la prima volta si è introdotto il concetto di Gestione dei rischi nell ambito del Sistema dei Controlli Interni, laddove in precedenza la parola rischio sembrava confinata a poco più di un prodromo alla predisposizione del piano annuale degli interventi di audit. La gestione dei rischi oggi è parte integrante del sistema dei controlli e forse anche, nell'intento del Codice, nelle logiche di gestione e pianificazione strategica. Come tale una certa misura delle modifiche intervenute in materia di sistema di controllo e di compiti e doveri degli organi deputati a svolgere attività a vario titolo di controllo risulta occupata dall interiorizzazione del concetto di gestione del rischio. La centralità del Consiglio di Amministrazione è stata ribadita in modo chiaro così come la necessità di investire un Amministratore di specifiche deleghe ( Incaricato ) in materia di controlli. Il ruolo del Comitato Controllo e Rischi, depotenziato progressivamente dal rinnovato recente fulgore del Collegio Sindacale in specie post D.lgs. 39/2010 è stato maggiormente chiarito, come anello di congiunzione di molteplici momenti ed organismi a vario titolo di controllo. Il responsabile dell Internal Audit, infine, ha guadagnato piena cittadinanza nel novero della governance aziendale, ed il suo ruolo è stato messo al riparo da ingerenze indebite, ma in una minima misura è stato parimenti riavvicinato alle leve del business, cronico difetto della funzione così come concepita ed attuata in precedenza. Le previsioni del nuovo codice sono state interiorizzate dalle Società emittenti nell esercizio 2012 e rappresentate, per la prima volta al mercato, nella Relazione sugli assetti proprietari o Relazioni di Corporate Governance (di seguito anche Relazioni ) emessa nell anno PAG 3

4 LA SURVEY Obiettivi e assunti logici La Ricerca intende valutare il "grado di adesione" delle Società quotate italiane non finanziarie alle novità introdotte nel Codice di autodisciplina in materia di Sistema di controllo interno e gestione dei rischi (SCIGR) indagando le soluzioni organizzative, gestionali e operative tramite cui le Società dichiarano di aver dato attuazione ai singoli principi/criteri comportamentali. Dal punto di vista metodologico, come più ampiamente esposto nel seguito, la ricerca è stata condotta tramite: un analisi delle Relazioni sugli Assetti Proprietari emesse da un campione di Emittenti selezionato nel 2013 (esercizio di riferimento 2012); la formulazione di un giudizio qualitativo sulle azioni poste in essere dagli Emittenti, in materia di SCIGR, per come desumibili e rappresentate nelle Relazioni suddette. La scelta metodologica dunque è stata quella di esprimere valutazioni sui comportamenti attuati, tramite l'analisi delle informazioni trasmesse al mercato dagli Emittenti stessi, presupponendo, secondo l'assunto nel seguito riportato, che le informazioni fornite al mercato si possano ad ogni evidenza reputare corrispondenti a tutte le azioni intraprese. Tale assunto logico è connesso alle seguenti principali considerazioni: l'adesione al Codice è volontaria e può essere anche parziale, risulta quindi scarsamente probabile l'ipotesi che un Emittente riporti in Relazione dichiarazioni del tutto infondate; le Società emittenti comunicano, ragionevolmente, tutto ciò che esse hanno fatto non dandosi possibilità che talune iniziative in materia di governance, controllo e gestione dei rischi da queste assolte non siano poi riportate nella Relazione (almeno in parte). PAG 4

5 Il Panel L indagine è stata condotta su n. 154 Società emittenti titoli azionari quotati alla Borsa Valori di Milano, aventi sede legale nel territorio italiano (ovverosia Emittenti nazionali). Il campione delle Società è stato definito considerando tutte le Società emittenti quotate al MTA dichiaranti l'adesione al Codice ed escludendo: le Banche, gli intermediari finanziari e le Compagnie di Assicurazione, (secondo la classificazione per settori di attività comunicata da Borsa Italiana) in quanto soggette a discipline regolamentari specifiche proprio in materia di controlli interni e gestione dei rischi; le Società che utilizzano date contabili (Fiscal Year End Date) differite rispetto al 31 dicembre e pubblicano il bilancio comprensivo della Relazione qui in interesse in momenti diversi dalle altre, in quanto autorizzate, dalle norme transitorie, alla compliance per un ulteriore esercizio alle previgenti disposizioni. le Società per cui non è stato possibile disporre della Relazione nei tempi di uscita della presente survey (chiusura raccolta dati novembre 2013). Il Campione definito include una adeguata distribuzione sia con riferimento ai settori di attività che con riferimento ai panieri di mercato. PAG 5

6 EXECUTIVE SUMMARY Dal SCI al SCIGR: un passaggio culturale non ancora completato Il passaggio da SCI a SCIGR rappresenta, negli intenti del Codice, una svolta culturale verso una logica strategica e di gestione in cui le decisioni sono fondate su elementi di consapevolezza dei rischi (cosiddetto approccio Risk based ). Gli Emittenti risultano alla soglia di un buon livello di conformità in materia di disegno del (nuovo) SCIGR - anche se con alcuni ambiti di evoluzione ancora necessari - mentre ancora poco maturi risultano gli elementi di concreta applicazione e funzionamento del nuovo framework che dovrebbero conseguire al disegno iniziale. Il CDA cardine del Sistema di Controllo e del Sistema di Gestione dei Rischi Il CDA non ricopre ancora un ruolo centrale, nel disegno e attuazione del SCIGR, che il Codice gli attribuisce. In limitati casi il Consiglio definisce il livello di rischio compatibile dell'emittente e/o fornisce le linee di indirizzo sul SCIGR; pochi Emittenti prevedono l'approvazione del Piano di Audit da parte del Consiglio stesso e parimenti (anche forse per ragionevole conseguenza) in pochi casi sono rappresentati processi strutturati e completi di reporting al CDA da parte del RIA. Comitato Controllo Rischi e Amministratore incaricato: ruoli consolidati Il CCR emerge ampiamente come panel di esperti di rischi e controlli" a supporto del CdA nell assunzione consapevole delle decisioni fondamentali nel disegno del nuovo framework di riferimento; del pari si avvia ad una maturità il ruolo dell Amministratore incaricato (figura quasi sempre coincidente con l AD) quale materiale leader della gestione dei rischi. L'Internal Audit L'Internal Audit riveste un ruolo ormai centrale e consolidato nell'ambito del SCIGR degli Emittenti e risulta, nella maggior parte dei casi, in linea con i desiderata del Codice la collocazione del RIA nella struttura organizzativa. Nettamente meno consolidato invece risulta il recepimento delle disposizioni inerenti l adeguatezza (quali-quantitativa) della struttura della Funzione Internal Audit, la remunerazione del RIA ed il committment dell'internal Audit su attività speciali (c.d special audit) e nella conduzione di verifiche periodiche sull'affidabilità del sistema informativo aziendale. PAG 6

7 RISULTATI DELLA SURVEY Per poter rappresentare adeguatamente gli elementi maggiormente rilevanti ed innovativi delle nuove disposizioni e individuare, conseguentemente, in modo più efficace i fenomeni di interesse della Ricerca i risultati sono stati aggregati nei seguenti macro argomenti (Main Topics): Disegno del Sistema di Controllo e della Risk Governance Set-up e attuazione del SCIGR Gestione e monitoraggio dei rischi e adeguatezza del SCI Disegno del Sistema di Controllo e della Risk Governance Il primo tema analizzato attiene al Disegno del Sistema di Controllo e della Risk Governance da parte degli Emittenti, con riferimento a: ruolo ricoperto dal CDA nella: definizione della natura e del livello di rischio compatibile con gli obiettivi strategici dell Emittente (Art. 1.C.1. Lett. B), delle linee di indirizzo del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi (Art. 7.C.1.Lett. A), nonché nell' indirizzo e nella valutazione dell adeguatezza del SCIGR (Art. 7.P.3 Lett. A); ruolo del Comitato Controllo e Rischi tenuto ad esprimere pareri nella identificazione dei principali rischi aziendali (Art. 7.C.2. Lett. B); ruolo dell'amministratore incaricato del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nella identificazione dei principali rischi aziendali, nella presentazione degli stessi al CDA e nell adattamento del SCIGR alla dinamica delle condizioni operative e del panorama legislativo e regolamentare (Art. 7.C.4. Lett.A, Lett.C) PAG 7

8 Dall'indagine emerge il ruolo ormai consolidato del CCR come Panel di esperti di rischi e controlli, dato che lascia ben sperare in ordine all assunzione consapevole in capo al CDA di decisioni fondamentali nel disegno del nuovo framework di riferimento. Del pari si avvia ad una maturità il ruolo dell Amministratore incaricato (figura quasi sempre coincidente con l AD) quale materiale leader della gestione dei rischi (convince l opinione di chi designa gli AD come i soggetti deputati all'assunzione dei rischi e all'attivazione del CDA nella valutazione consapevole dei rischi assunti). Emerge invece come siano generalmente meno recepiti dagli Emittenti altri elementi di assoluto rilievo nel disegno del nuovo SCIGR quali la definizione, da parte del CDA, del grado di rischio accettabile rispetto agli obiettivi strategici e di business e la definizione delle linee di indirizzo del SCIGR. Tali risultati fanno trasparire come il passaggio da SCI a SCIG - che cela, nella ratio del Codice, una spinta ad un approccio strategico e gestionale risk based (che funga anche da driver per il disegno di un efficace sistema di controllo) - non risulti ancora pienamente digerito dagli Emittenti. Su tali aspetti di impianto ed in particolare sulla necessaria centralità del CDA, come responsabile ultimo del SCIGR, non si può che auspicare per il futuro una ancor maggior decisione. PAG 8

9 Set-up e attuazione del SCIGR Il secondo macro tema analizzato è relativo alle azioni intraprese dagli Emittenti per dare attuazione al SCIGR in riferimento ai seguenti principali elementi: caratteristiche del SCIGR, le informazioni fornite sul livello di integrazione nei più generali assetti organizzativi e di governo e il benchmarking verso modelli di riferimento e best practices (Art. 7.P.1); valutazioni da parte del CDA sull adeguatezza dell assetto organizzativo, amministrativo e contabile dell Emittente con particolare riferimento al SCIGR (Art. 1.C.1. Lett. C); nomina (o revoca) del Responsabile della funzione di Internal Audit, le risorse dedicate alla Funzione e la struttura di remunerazione del Responsabile Internal audit (Art. 7.C.1 Co. 2); ruolo dell'amministratore incaricato nel dare esecuzione alle linee di indirizzo del CDA, nella progettazione, realizzazione e gestione del SCIGR e nella verifica sull adeguatezza ed efficacia dello stesso (Art. 7.C.4. Lett. B); operatività del Responsabile Internal Audit nel dare esecuzione alle linee di indirizzo definite dal Consiglio di Amministrazione, curando la progettazione, realizzazione e gestione del SCIGR e verificando costantemente l adeguatezza e l efficacia dello stesso (Art. 7.C.5. Lett. B e Lett. C); esistenza di forme e meccanismi di coordinamento tra i soggetti operanti nel SCIGR al fine di massimizzare l efficienza e ridurre le duplicazioni di attività. PAG 9

10 Con riferimento agli aspetti attuativi del SCIGR, dall analisi emerge il ruolo ormai centrale e consolidato dell Internal Audit come attore principale del SCIGR e risulta, nella maggior parte dei casi in linea con i desiderata del Codice la collocazione del RIA nella struttura organizzativa. In merito agli altri aspetti connessi all'attuazione del nuovo SCIGR emerge, come dato positivo, il coinvolgimento diretto del CDA nella definizione degli elementi che costituiscono il SCIGR e nella valutazione periodica sull'adeguatezza dell'assetto organizzativo amministrativo e contabile (elemento, peraltro, inscindibilmente connesso al SCIGR e alla sua adeguatezza). Nettamente meno elevato risulta nel campione il livello di recepimento delle disposizioni inerenti l adeguatezza (quali-quantitativa) della struttura della Funzione Internal Audit, le politiche di remunerazione del RIA e la definizione e l impianto di sistemi e meccanismi di coordinamento tra CCR, AI e RIA. In definitiva, emerge la necessità che gli importanti passi fatti, pur effettuati nella giusta direzione quanto ad enucleazione della funzione di Internal Audit e a collocazione indipendente della struttura ad essa preposta, siano ora seguiti da un reale investimento sull attività in quanto tale di auditing, sia sotto il profilo delle chiavi di accesso e del reale committment dei vertici aziendali (leggasi ad esempio approvazione del mandato da parte del CDA), sia sul versante annoso delle risorse ad essa assegnate. PAG 10

11 Gestione e monitoraggio dei rischi e adeguatezza del SCI Il terzo macro tema analizzato è relativo alle attività di gestione e monitoraggio dei rischi del SCI, relativamente a: disclosure data, nella relazione sul governo societario, sulle caratteristiche del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi attuato e sull adeguatezza dello stesso (7.C.1.Lett. D); valutazioni e deliberazioni del CDA sull adeguatezza ed efficacia del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi rispetto alle caratteristiche dell impresa e al profilo di rischio assunto (Art. 7.C.1. Lett. B); approvazione da parte del CDA del piano di lavoro predisposto dal Responsabile della funzione di Internal Audit ed il prospettato coinvolgimento del Collegio Sindacale e dell Amministratore incaricato (Art. 7.C.1. Lett. C); valutazioni del CDA sui risultati della revisione legale (Art. 7.C.1.Lett. E); eventuali richieste dell'amministratore incaricato all'internal Audit di condurre verifiche specifiche(art. 7.C.4.Lett. D); attività del Responsabile Internal Audit sull operatività e l idoneità del SCIGR, attraverso un piano di audit, basato su un processo strutturato di analisi e prioritizzazione dei principali rischi (Art. 7.C.5.Lett. A); predisposizione delle relazioni periodiche contenenti informazioni sulla propria attività, sulle modalità con cui viene condotta e sull idoneità del SCIGR (Art. 7.C.5. Lett. D, Lett. E); conduzione di verifiche sull affidabilità dei sistemi informativi (Art. 7.C.5. G). PAG 11

12 Come si evince senza particolare difficoltà, gli elementi che potrebbero denotare una maggiore maturità del SCIGR degli Emittenti, quali quelli connessi alla gestione ed al monitoraggio del SCIGR (logicamente conseguenti al disegno preliminare ed al set-up iniziale), manifestano ancora una generale debolezza; si può apprezzarne la sufficienza soltanto per pochi elementi mentre per diversi non si può che auspicare un repentino improving. Per quanto emerge dall'analisi, infatti, in pochi casi viene prevista l'approvazione del Piano di Audit da parte del CDA (come richiesto dal Codice) e parimenti (anche forse per ragionevole conseguenza) in pochi casi gli Emittenti dimostrano processi strutturati e completi di reporting al CDA, al Collegio Sindacale e all'amministratore incaricato in merito all'esito delle verifiche e valutazioni condotte dal RIA. Sempre in tema di Internal Audit ancora più limitati risultano i casi di attività speciali (c.d special audit) richieste dall Amministratore incaricato e di conduzione di verifiche specifiche sull'affidabilità del Sistema informativo aziendale. Su tale ultimo aspetto, che costituisce un tema del tutto innovativo, si esprime in particolare l auspicio di un sensibile sviluppo, in quanto in un economia sempre più knowledge based, l affidabilità ed efficacia dei sistemi informativi costituisce un asset di primario rilievo, quale che sia il business aziendale e, in tale ambito, si reputa che l'internal Audit debba svolgere un ruolo centrale in merito al controllo di tale asset. PAG 12

13 I singoli elementi costitutivi del SCIGR Il Campione fa emergere un grado di adesione genericamente sufficiente sulle diverse componenti del nuovo SCIGR delineato dal Codice di Autodisciplina. Dalla figura si possono osservare, ad ogni modo, elementi meritevoli di un attenzione specifica: in particolare si evidenziano buoni livelli di compliance su aspetti al confine con il dettato normativo e concernenti elementi descrittivi statici (si pensi ad es. all illustrazione degli elementi costitutivi del SCIGR); al contrario emergono valutazioni di debolezza su aspetti specifici che forse sembra difficile riportare (si pensi ad es. al primo item della figura) o che non si credono propriamente dovuti (si pensi ad es. alla valutazione del lavoro del Revisore Legale, argomento a cavaliere con le competenze/doveri del Collegio Sindacale). PAG 13

14 "Comply or explain" L'Adesione ai dettami del Codice di Autodisciplina è su base volontaria, tuttavia ogni Emittente che aderisce al Codice deve fornire informazioni sui comportamenti attraverso i quali le singole raccomandazioni sono concretamente applicate; qualora l'emittente non abbia fatto proprie, in tutto o in parte, una o più raccomandazioni, è tenuta a fornire adeguate informazioni in merito ai motivi della mancata o parziale applicazione (Codice di Autodisciplina - Principi Guida). Il Campione evidenzia marginali casi di "parziale adesione" alle raccomandazioni fornite dal Codice. PAG 14

15 Le motivazioni espresse con riferimento alla parziale adesione alle disposizioni risultano essenzialmente riconducibili all'adozione di diverse soluzioni organizzative ed alle ridotte dimensioni aziendali. PAG 15

16 Capitalizzazione ed evoluzione del SCIGR L'indagine evidenzia come il "grado di adesione" alle indicazioni del Codice di Autodisciplina in tema di SCIGR sia direttamente collegato alla capitalizzazione e alla dimensione dell'emittente. L'analisi a livello paniere fa emergere, infatti, come gli Emittenti inclusi nel paniere FTSE MIB si pongano all avanguardia del mercato per compliance alle prescrizioni e dunque per livello di maturità e completezza del proprio SCIGR. Il dato in sé non sorprende in quanto l FTSE MIB più di ogni altro paniere annovera Emittenti di dimensioni rilevanti, per i quali può essere meno oneroso investire in governance e controllo atteso il minor impatto economico relativo di tali investimenti. Il progressivo minor livello di compliance che si registra negli altri panieri rappresentati avvalora quanto ora avanzato, così come anche la motivazione di Ridotte dimensioni aziendali, di cui si è fatta menzione al paragrafo precedente, sembra certificare. PAG 16

17 Settore economico ed evoluzione del SCIGR L'indagine a livello settore fa emergere un dato relativo elevato per le public utilities. Tale elemento costituisce un evidenza non sorprendente poiché le aziende dal soggetto economico pubblico devono mostrarsi maggiormente sensibili a provvedimenti di legge o a suggerimenti della prassi in materia di buon governo. Parimenti può dirsi per i settori Salute ed Oil and gas, che per funzione o equity sono caratterizzate da un alta incidenza pubblica. Un dato di rilievo sembra emergere dal settore Tecnologia, che si mostra il più carente sotto il profilo della compliance al codice: aldilà dei motivi che hanno prodotto un simile risultato forse difficilmente generalizzabili dal punto di vista del settore l informazione deve leggersi come l indicazione di un urgenza maggiore per queste Società, che tuttavia in molti casi (n.16 su 18 Emittenti) risultano di modeste dimensioni, di accelerare sul versante controllo e governance. Risultati tra loro equiparabili emergono, viceversa, per gli altri settori. PAG 17

18 Conclusioni Al termine del presente lavoro è possibile rilevare nella tabella di sintesi che la generalità delle Emittenti è alla soglia di un buon livello in materia di disegno e set up del SCIGR, mentre si rivela appena sufficiente nell ongoing management delle attività di controllo e monitoraggio dei rischi. Il dato presenta a nostro avviso due distinti significati, a seconda dell angolo di visuale che si intende utilizzare: 1) per un verso i risultati dianzi commentati paiono assolutamente coerenti con un percorso di crescita fisiologico quale quello che, dal Testo Draghi in poi, vede nei fatti coinvolte le Emittenti nazionali a continui e talora bruschi cambiamenti/innovazioni in materia di governance e controlli interni. Un tempo congruo per la maturazione verso aspetti di sostanza in materia di SCIGR e di governance in senso più ampio va infatti concesso ad Emittenti per le quali le novità sono spesso davvero di rilievo; 2) per altro verso, in questo quadro, il passaggio da compiere non è propriamente un passaggio scontato. Se infatti l adesione ai dettami del codice in materia di istituzione (cosiddetto momento formale ) può rappresentare un primo passo nella direzione di un continuo miglioramento delle performance in materia di governance, è noto che in tante occasioni l adesione al momento istitutivo delle novità raccomandate ha costituito, in realtà, l ultimo passo, ritenendosi esaurita la necessità novativa con la mera formale istituzione delle architetture raccomandate. Ci si augura ovviamente che sia la prima ipotesi quella che attende il mercato, non la seconda. E si lavora in questa direzione. PAG 18

19 ORGANIZZATO DA REFERENTI DELLA RICERCA: Dott. Carlo Regoliosi Università degli Studi di ROMA Tre Ricercatore e Coordinatore del Master in Governance Sistema di Controllo e Auditing negli enti pubblici e privati. Dott. Simone Savioli Macfin Management Consultants Partner PAG 19

20 APPENDICE METODOLOGICA L'indagine ha preso in esame il recepimento delle disposizioni contenute nelle seguenti disposizioni del Codice: Art. 1 Ruolo del Consiglio di Amministrazione: con riferimento alla composizione quali/quantitativa del CDA ed al ruolo ricoperto dall'organo nella definizione del profilo di rischio e nella valutazione sull'adeguatezza dell'assetto organizzativo e di controllo interno. Art. 4 Istituzione e funzionamento dei Comitati interni al Consiglio di Amministrazione: adesione e soluzioni organizzative adottate. Art. 6 Remunerazione degli Amministratori: con riferimento all'istituzione del Comitato Remunerazioni ed alla eventuale disclosure sui sistemi di remunerazione interna. Art. 7 Sistema di controllo interno e di gestione dei rischi: recepimento del nuovo framework introdotto. Dalla lettera di dette disposizioni sono stati selezionati n. 45 items che consentono di individuare in modo efficace i profili di novità introdotti (si rimanda all' ALLEGATO 1). Al fine di rendere più consistente il risultato della Ricerca, i 45 items individuati sono stati suddivisi in: i. Primary Items: elementi di maggior ampiezza e rilevanza tramite cui gli Emittenti possono fornire indicazioni chiave sul proprio SCIGR (esposizione ai rischi, ruoli e responsabilità, processi e strumenti di controllo e gestione dei rischi, ecc.) ed in riferimento ai quali, nella ratio del Codice, gli Emittenti dovrebbero fornire al mercato maggiori dettagli ed informazioni sulle decisioni assunte e sulle azioni intraprese dal singolo Emittente. Tali elementi hanno un peso maggiore (p= 100%) nella valutazione complessiva del grado di adesione. ii. Secondary Items: riferibili ad informazioni singole di minor rilievo (i.e. composizione dei Comitati) o comunque di portata non particolarmente innovativa (i.e. reporting periodico dell'internal Audit al CDA) che non influenzano in quanto tali, nella sostanza, la comprensione del mercato sul framework del SCIGR. Tali elementi hanno un peso minore (p=80%) nella valutazione complessiva del grado di adesione. Gli items sono stati inoltre ripartiti in due diverse ed ulteriori categorie a seconda della modalità valutativa ritenuta per essi maggiormente idonea: I. ITEM "disclosure sensitive": che per loro natura consentono di esprimere informazioni sui comportamenti attraverso i quali la singola raccomandazione è stata concretamente applicata. PAG 20

21 II. ITEM binari: che nei fatti, costituiscono variabili binarie (informazione fornita/non fornita). ITEMS DISCLOSURE SENSITIVE BINARI TOTALE PRIMARY SECONDARY TOTALE Le Relazioni dei n. 154 Emittenti che formano il Panel di indagine, sono state quindi analizzate allo scopo di individuare la trattazione dei 45 items ed esprimere quindi un giudizio sulle azioni intraprese dagli Emittenti per evolvere il proprio framework di controllo e di gestione dei rischi alle novità introdotte nel Codice. Le valutazioni sul grado di adesione degli Emittenti sono state espresse utilizzando la seguente scala di giudizio a 4 livelli: Giudizio su adesione Rate Nessuna 0 Limitata 1 Sufficiente 1,5 Buona 2 Descrizione La Società aderisce formalmente al principio/criterio, ma non fornisce alcuna informazione circa la concreta applicazione delle raccomandazioni in esso contenute. La Società aderisce formalmente al principio/criterio e fornisce una descrizione (anche sintetica) circa l'applicazione delle raccomandazioni in esso contenute senza esporre elementi caratterizzanti rispetto alla propria organizzazione aziendale e al proprio sistema di controllo interno. La Società aderisce formalmente al principio/criterio e fornisce una descrizione (anche sintetica) circa l'applicazione delle raccomandazioni in esso contenute esponendo elementi caratterizzanti rispetto alla propria organizzazione aziendale e al proprio sistema di controllo interno e di gestione dei rischi. La Società aderisce formalmente al principio/criterio e fornisce informazioni accurate e di agevole comprensione (anche sintetiche) sui comportamenti attraverso i quali la singola raccomandazione è stata concretamente applicata nel periodo cui si riferisce la relazione (cfr. Codice di Autodisciplina - Principi guida e regime transitorio). In considerazione dell'ampiezza dell'analisi, al termine della raccolta informativa è stata condotta una attività di revisione campionaria del DB di ricerca analizzando nuovamente i dati relativi a circa un terzo del Panel (50 Emittenti campionate in maniera randomica). PAG 21

22 Disclosure L'attività di revisione campionaria, condotta da un team di ricerca diverso da quello che ha svolto le precedenti fasi della ricerca, ha traguardato due obiettivi: in primo luogo ha consentito di operare, per alcune Società emittenti un secondo round di analisi, utile ad un "fine tuning" delle informazioni raccolte (eliminando limitati casi di errori, valutazioni disomogenee, etc. ); in secondo luogo ha permesso di validare il DB di Ricerca rilevando scostamenti complessivi minimi e non significativi per gli obiettivi del lavoro. PANEL SAMPLE REVIEW N. % N. % Società analizzate Items esaminati Record DB di Ricerca Nessuna info ,44% ,00% Limitata ,53% ,18% Adeguata ,25% ,91% Piena 400 5,77% 133 5,91% Tot. Giudizi espressi ,00% ,00% PAG 22

23 ALLEGATO N.1. Articolo Argomento ITEMS Sintesi REF. Art. 1 Art. 4 Risk Tollerance, adeguatezza del SCIGR e Composizione del CDA Istituzione dei Comitati endoconsigliari Art.6 Remuneration 2 Art. 7 Art. 7 Art. 7 CDA e Disegno del SCIGR Comitato controllo e rischi Amministratore incaricato del SCIGR Il CDA: definisce la natura e il livello di rischio compatibile con gli obiettivi strategici; valuta l adeguatezza dell assetto organizzativo, amministrativo e contabile con particolare riferimento al sistema di controllo interno e di gestione dei rischi; fornisce informativa, nella relazione sul governo societario, sulla propria composizione. Il CDA istituisce al proprio interno uno o più comitati con funzioni propositive e consultive secondo il dettato del Codice. L Emittente fornisce adeguata informativa, nell ambito della relazione sul governo societario, sull istituzione e sulla composizione dei Comitati, sul contenuto dell incarico e sull attività effettivamente svolta. Il CDA costituisce al proprio interno un Comitato per la remunerazione. I meccanismi di incentivazione del Responsabile della funzione di Internal Audit e del Dirigente Preposto alla redazione dei documenti contabili societari sono coerenti con i compiti ad essi assegnati. Il CDA, previo parere del Comitato Controllo interno e rischi: definisce le linee di indirizzo del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi in modo che i principali rischi risultino correttamente identificati, misurati, gestiti e monitorati; determina i criteri il grado di compatibilità di tali rischi con una gestione dell impresa coerente con gli obiettivi strategici individuati; valuta l adeguatezza del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi rispetto alle caratteristiche dell impresa e al profilo di rischio assunto, nonché la sua efficacia; approva il piano di lavoro predisposto dal Responsabile della funzione di Internal Audit; valuta i risultati esposti dal Revisore Legale; nomina e revoca il Responsabile della funzione Di Internal Audit; assicura che lo stesso sia dotato delle risorse adeguate all espletamento delle proprie responsabilità e ne definisce la remunerazione coerentemente con le politiche aziendali. Il Comitato controllo e rischi: è composto da Amministratori indipendenti o in alternativa da Amministratori non esecutivi, in maggioranza indipendenti e, in tal caso, il presidente è scelto tra gli Amministratori indipendenti; esprime pareri su specifici aspetti inerenti alla identificazione dei principali rischi aziendali; esamina le relazioni periodiche, aventi per oggetto la valutazione del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi, e quelle di particolare rilevanza predisposte dalla Funzione Internal Audit; monitora l autonomia, l adeguatezza, l efficacia e l efficienza della Funzione di Internal Audit; può chiedere alla Funzione di Internal Audit lo svolgimento di verifiche su specifiche aree operative; riferisce al Consiglio sull adeguatezza del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi. L Amministratore incaricato del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi: cura l identificazione dei principali rischi aziendali e li sottopone periodicamente all esame del Consiglio di Amministrazione; dà esecuzione alle linee di indirizzo definite dal Consiglio di Amministrazione, curando la progettazione, realizzazione e gestione del sistema di controllo interno, e di gestione 1.c.1 4.p.1 4.c.1 4.c.2 6.c.3 6.p.3 7.c.1 7.c.2 7.c.3 7.p.4 7.c.4 PAG 23

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Luglio 2014 2014 Comitato per la Corporate Governance Tutti i diritti di riproduzione, di adattamento totale o parziale e di memorizzazione

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Regolamento emittenti

Regolamento emittenti E Regolamento emittenti Adottato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 Allegato 5-bis Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui Aggiornato con le modifiche apportate

Dettagli

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad.

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Il ruolo del Nomad. Marco Fumagalli Responsabile Capital Markets Ubi Banca

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Relazione sulle Politiche di Remunerazione

Relazione sulle Politiche di Remunerazione SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE Società cooperativa con sede legale in Verona, Lungadige Cangrande n. 16 Capogruppo del Gruppo Cattolica Assicurazioni, iscritto all Albo dei Gruppi Assicurativi 019

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basileaa 2 SITUAZIONE AL 31/12/2 2014 PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) Il primo gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included 1 protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Risoluzione n. 104/E

Risoluzione n. 104/E Risoluzione n. 104/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 21 aprile 2009 OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 11, comma 1, lettera a), numero 5, del

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini DI CREDIO COOPERAIVO S.C. DEGLI OBBLIGAZIONISI 1 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Novembre 2014 eramo - 64100 - Via Savini, 1 el. 0861/ 25691 - Fax 0861/ 359919 DI CREDIO COOPERAIVO

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12 Via Saccardo, 9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it C.F./P.IVA 10540660155 Titolo Sigla RT-12 Revisione 01 Data approvazioni

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Segnalazioni, anche anonime, ricevute da eni spa e da società controllate in Italia e all estero ]

Segnalazioni, anche anonime, ricevute da eni spa e da società controllate in Italia e all estero ] Management System Guideline Anti - Corruzione TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA Segnalazioni, anche anonime, ricevute da eni spa e da società controllate in Italia e all estero ] Allegato

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente) Indice

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente) Indice PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 720 LE RESPONSABILITÀ DEL REVISORE RELATIVAMENTE ALLE ALTRE INFORMAZIONI PRESENTI IN DOCUMENTI CHE CONTENGONO IL BILANCIO OGGETTO DI REVISIONE CONTABILE

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvata con delibera del C.d.A. del 29/10/2007 Aggiornata con delibera del C.d.A. del 26/11/2008 21/10/2009 29/10/2010 24/01/2011 04/06/2012 18/11/2013

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Introduzione ai Principi di Revisione Internazionali (ISA Italia) elaborati ai sensi dell art. 11, comma 3, del D.Lgs. 39/10

Introduzione ai Principi di Revisione Internazionali (ISA Italia) elaborati ai sensi dell art. 11, comma 3, del D.Lgs. 39/10 Introduzione ai Principi di Revisione Internazionali (ISA Italia) elaborati ai sensi dell art. 11, comma 3, del D.Lgs. 39/10 Premessa Il Decreto Legislativo 27 gennaio 2010, n. 39 Attuazione della direttiva

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI )

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) ( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) PROCEDURA RELATIVA ALLA TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE IN GIOVANNI CRESPI SPA Approvata dal Consiglio

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli