Leadership, Innovazione e Competitività: il caso Pirelli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Leadership, Innovazione e Competitività: il caso Pirelli"

Transcript

1 Università degli studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso Strategia d Impresa Prof. Pencarelli Tonino Dott. Fabio Bartolazzi A. A. 2011/2012 Leadership, Innovazione e Competitività: il caso Pirelli D E L D E N T E S I M O N A D I B I A G I G I U L I A e c o n l a c o l l a b o r a z i o n e d i : G I U L I A B E D I N I

2 Indice Breve Storia Analisi della Struttura del Gruppo Pirelli Analisi della Performance Strategica: Dimensione Competitiva Dimensione Sociale Dimensione dell Innovazione Dimensione Economico-Finanziaria Piano Strategico: Vision al 2015

3 Cenni Storici 1872: Fondazione e nascita del primo stabilimento per articoli di gomma Dagli Anni 50 a 80: Espansione geografica 1991: Fallimento fusione con Continental. Dimissioni di Leopoldo Pirelli e ingresso di Tronchetti Provera come Amministratore delegato Fine 800: Avvio processo diversificazione: pneumatici e cavi Agli inizi degli anni Novanta Pirelli opera nei settori più diversi con tre divisioni: pneumatici, cavi e prodotti diversificati 1992: Ristrutturazione del Gruppo: turnaround finanziario, industriale e gestionale

4 Il piano di ristrutturazione Dismissione delle attività non strategiche Cessione della divisione prodotti diversificati che rappresenta il 15% del fatturato complessivo ma assorbiva ingenti risorse finanziarie Focus sulle attività a maggior valore aggiunto Pneumatici: strategia di focalizzazione sul segmento high performance e leadership tecnologica Cavi di trasporto energia e telecomunicazioni: passaggio da semplici produttori di cavi a progettisti e installatori di sistemi chiavi in mano Riassetto organizzativo e gestionale Struttura per macroregioni Cambio dirigenza Sistema di gestione value based management

5 Innovazione Dopo il risanamento, la crescita Riduzione del time-to-market. I nostri stabilimenti sfornano oggi un nuovo pneumatico ogni 6 mesi. Prima ci volevano almeno 3 anni per lanciare un innovazione sul mercato (Tronchetti Provera, 1996). Invenzione del processo produttivo MIRS, per la fabbricazione automatizzata di pneumatici ad alte prestazioni, che si caratterizza per la flessibilità e il breve tempo di attraversamento. Costituzione dei Pirelli Labs. Avvio dell attività nel settore immobiliare, con la società Milano Centrale, che gestisce tutti gli asset immobiliari strumentali del gruppo. Nel 2001 diventa Pirelli & C. Real Estate e viene quotata in borsa e diventa uno dei rami più remunerativi. Scalata a Telecom Italia nel 2001 ed ingresso nel 2004 nel business della banda larga e della fotonica (Pirelli Broadband Solutions), e nelle attività legate all'ambiente e alle fonti di energia rinnovabili (Pirelli Ambiente Holding), con l obiettivo di sfruttare le proprie conoscenze e competenze.

6 Focalizzazione sul core business Dismissioni 2005: Cessione della divisione cavi 2006: Uscita da Telecom Italia 2010: Cessione di Pirelli BroadBand Solutions e separazione dal gruppo di Pirelli Real Estate Obiettivo: Ottenere risorse finanziarie da investire nel core business Espansione internazionale 2005: Primo impianto di produzione in Cina 2006: Avvio produzione in Romania 2008: Ingresso nel mercato russo attraverso una Joint-Venture con Russian Technology 2012: Prima fabbrica in Messico per servire i mercati NAFTA Obiettivo: Produzione in low-cost countries e ingresso in mercati in sviluppo

7 Pure Tyre Company Pirelli si trasforma in una pure tyre company, focalizzandosi sul core business degli pneumatici e, in particolare, sul segmento Premium, gli pneumatici di alta e altissima gamma in cui il gruppo già detiene una posizione di leadership. Vendite 2010 Fonte: Pirelli opera con una costante attenzione alla qualità, alla tecnologia ed al basso impatto ambientale, perseguendo una strategia di Green Performance. Integrano l'attività in tal senso Pirelli Eco Technology e Pirelli Ambiente. Tutti i business si avvalgono, inoltre, del supporto di Pirelli Labs polo di eccellenza tecnologica e motore dell'innovazione di Pirelli.

8

9 La Struttura Societaria del Gruppo Pirelli & C. Spa Pirelli Tyre Pirelli Eco Technology Pirelli Ambiente PZero Pneumatici Tecnologie per ridurre le emissioni dei veicoli diesel e degli impianti di riscaldamento Opera nelle fonti energetiche rinnovabili Abbigliamento, Calzature e Gommoni

10 Presenza produttiva 22 stabilimenti in 13 paesi. Il 79% della produzione è effettuata in paesi a maggiore crescita e con una base di costo competitiva, ma tale peso è destinato ad aumentare raggiungendo l 85% nel 2014

11 Mission e Valori Mission Sviluppare prodotti all avanguardia per: Qualità; Sicurezza; Rispetto per la sostenibilità ambientale e sociale. Power is nothing without control Alte prestazioni Ricerca ed innovazione Garanzia della sicurezza Tutela dell ambiente Soddisfazione del cliente

12 Vision Vision Continuare ad essere protagonisti sui mercati mondiali anticipando le trasformazioni industriali; Cogliere la spinta verso la Green Performance, coniugando profittabilità economica e responsabilità sociale e creando valore attraverso lo sviluppo di prodotti e servizi a elevata qualità e tecnologia e basso impatto ambientale; Concentrare il gruppo sul core business dei pneumatici affiancandolo, grazie alla ricerca dei Pirelli Labs, allo sviluppo dei business legati all ambiente.

13 Pirelli Tyre Pirelli Tyre è la società attiva nel settore pneumatici, da oltre un secolo core business del Gruppo. Essa progetta, sviluppa, produce e commercializza pneumatici per automobili, veicoli industriali e moto. La struttura produttiva della società si articola in 20 stabilimenti in 11 paesi del Mondo (Argentina, Brasile, Cina, Egitto, Germania, Inghilterra, Italia, Romania, Turchia, Stati Uniti e Venezuela) e una rete commerciale in grado di raggiungere oltre 160 paesi. Le competenze tecnologiche e la propensione all'innovazione hanno favorito accordi con le più prestigiose case automobilistiche e motociclistiche del mondo. Pirelli è sinonimo di qualità, forti emozioni e prestazioni di vertice.

14 Business Unit Le attività del Gruppo Pirelli Tyre sono articolate in due unità di business: Consumer (circa 70% dei ricavi complessivi) pneumatici destinati a veicoli generalmente utilizzati da utenti privati quali auto Industrial (circa 30% del fatturato) pneumatici destinati a veicoli per il trasporto professionale e la produzione di Steelcord, componente di rinforzo fondamentale nella realizzazione dei pneumatici radiali Fonte: Vendite del 2011

15 Clienti Tali business sono a loro volta focalizzati su due diversi canali di vendita: il Primo Equipaggiamento (OE), direttamente rivolto ai maggiori produttori mondiali di veicoli; Il Replacement, relativo alla sostituzione degli pneumatici di veicoli già in circolazione soggetti (gommisti, grandi rivenditori, ricambisti auto, grande distribuzione, fast fitter e garage) Fonte: Vendite del 2011

16 Ricambio Rivenditori Specializzati Distributori Sono specialisti del pneumatico che operano sul mercato in qualità di imprenditori indipendenti (punto di contatto fra il Gruppo e il consumatore finale). partner fondamentali per garantire continuità nei rifornimenti di pneumatici ai rivenditori specializzati.

17 Il segmento Premium è costituito dagli pneumatici ad alta performance per le autovetture di fascia alta. Il valore: hanno un prezzo doppio rispetto a quello degli pneumatici standard; garantiscono una profittabilità 3 volte maggiore. La crescente diffusione dei veicoli di fascia alta (dalla Mercedes alla BMW ed Audi, dalla Jaguar alla Land Rover, dalla Cadillac alla Lexus; ecc..) ha portato ad una significativa crescita del parco auto Premium (9.2% del parco auto globale nel 2011) con conseguente impatto sullo sviluppo del mercato tyre dell alto di gamma. Il mercato globale degli pneumatici Premium, che rappresenta a fine 2011 il 12.1% del totale mercato

18 La collaborazione di Pirelli con le più prestigiose case automobilistiche ha contribuito allo sviluppo di prodotti sempre più in linea con l esigenza di una guida sicura, senza rinunciare alle performance.

19 Profilo di business Pirelli si contraddistingue all interno del settore tyre per: una crescente focalizzazione sul Premium (50% del fatturato Car nel 2011, 58% il peso previsto per il 2014), segmento di business più resiliente al rallentamento del ciclo economico un elevata presenza sul canale Replacement (75% del fatturato rispetto ad una media per l industry pari al 70%), meno esposto alle dinamiche del settore automotive, un equa distribuzione del fatturato tra mercati maturi (41% Europa, 10% Nafta) e mercati a rapido sviluppo economico (34% Sud America, 9% Middle East Africa, 6% Asia Pacific) l elevata presenza produttiva in paesi con una base di costo competitiva (79% della produzione nel 2011).

20

21 Vendite Tyre Pirelli Tyre registra una crescita delle vendite pari al 17,4% (+19% al netto dell effetto cambi) a 5.601,6 milioni di euro,sostenuta dal buon andamento del price/mix (+17,6%). Fonte:

22 Fonte: Concorrenti

23 Test di pneumatici estivi 2012

24 Concorrenti a confronto La precedente classifica è stata fatta sulla base di test che hanno considerato i seguenti requisiti: prove di durata, di stabilità e di sicurezza su strada asciutta e su strada bagnata. Inoltre è stato valutato anche il fattore di rumorosità esterna ed è stato considerato anche il consumo di carburante. Percezione clienti Michelin sinonimo di qualità, Pirelli di sportività Secondo un sondaggio proposto dalla nota rivista tedesca Auto Bild, oltre lettori hanno dichiarato di ritenere Michelin il produttore di pneumatici del miglior livello qualitativo. Nella classifica invece del brand riconosciuto come Marca dei pneumatici più sportivi è Pirelli a trovarsi in Pole Position.

25 Il valore del brand Pirelli punta a utilizzare la leva del marchio come motore per la crescita nel Premium. Già oggi, secondo i dati Interbrand, il marchio Pirelli incide nella scelta degli pneumatici il 15% in più di quanto incida ogni altro brand del settore. Grazie alla percezione molto alta tra i consumatori come marchio Premium, particolarmente apprezzato per la sportività, il glamour e il prestigio che comunica.

26 & La Formula 1 rappresenta un importante volano di innovazione, imprimendo una spinta in particolare nella modellistica, nelle mescole e nei processi che consente di maturare esperienze trasferibili anche ai modelli su strada. Grazie al livello di efficienza nella ricerca raggiunto, Pirelli è stata in grado di fornire soluzioni tecnicamente innovative per i team di Formula 1 in pochissimo tempo. Nel giugno 2010: Pirelli è stata nominata fornitore esclusivo fino al «The real winner of the F1 Championship is Pirelli» (Bernie Ecclestone, September 2011

27

28 Green Performance Impegno Pirelli per lo sviluppo di prodotti innovativi, caratterizzati da alte prestazioni, sicurezza e al contempo dotati di eco-sostenibilità. Rispetto dell ambiente, sicurezza e prestazioni all avanguardia sono le caratteristiche fondamentali delle nuove linee di prodotto per vettura di Pirelli,. Le nuove generazioni di pneumatici vengono infatti già prodotte in linea con le future norme comunitarie sul labeling, la cui applicazione è prevista per il La ricerca Pirelli è costantemente impegnata nel miglioramento della qualità e delle performance del prodotto, tanto quanto della sicurezza del consumatore finale. Perciò l Azienda si avvale di una stretta collaborazione con le più prestigiose case automobilistiche, attento ed esigente in tema di sicurezza, oltreché di prestazioni.

29 Grazie al suddetto approccio la performance 2010 (vs. 2009) di Pirelli ha visto: una riduzione di oltre il 5% dei consumi energetici specifici. una riduzione di emissioni specifiche di poco inferiore al 5%, in gran parte determinata dalla riduzione di emissioni dirette, conseguente agli interventi adottati per l incremento dell efficienza energetica il prelievo specifico di acqua è stato ridotto di oltre l 11% rispetto all anno precedente.

30 STAKEHOLDERS Dimensione economica o Azionisti e comunità finanziaria o Clienti o Collaboratori Dialogo; Performance economica /finanziaria; Trasparenza; Eccellenza del prodotto ; Accessibilità; Piena soddisfazione del cliente; Attrazione, sviluppo e conservazione del talento; Attenzione alle diversità ed eque opportunità; Salute & sicurezza sul lavoro Dimensione sociale o o o Comunità locali Pubblica Amministrazione Istituzioni e Organizzazioni non Governative Dialogo; Occupazione; Contributo sociale e finanziario; Rispetto per i diritti umani; Impianti a basso impatto ambientale; Conformità; Collaborazione; Partnership; Supporto Dimensione ambientale o fornitori o Concorrenti o ambiente Dialogo; Partnership per lo sviluppo condiviso;sostenibilità nella catena di distribuzione;concorrenza leale;eco efficienza in prodotti e processi; Approccio manageriale all'analisi del ciclo di vita

31 Dipendenti (al 31/12) Tasso di sviluppo dei dipendenti ,8% ,8% ,0% ,8% Dipendenti (al 31/12) Fonte: nostra elaborazione dei dati tratti dal bilancio consolidato di Pirelli Corporate

32

33 R&D Premium per Pirelli significa tecnologia all avanguardia unita ad eccellenza di prodotto. Pirelli può contare su : 40 anni di esperienza nel segmento Premium; numerose partnership nel Primo Equipaggiamento con le principali case auto tedesche Premium sviluppate attraverso il centro R&D Pirelli in Germania; ricercatori full time a livello mondiale: numero che raddoppia se si considerano le persone coinvolte nei progetti di open innovation con centri di ricerca, universitari o di case auto. Inoltre vanta accordi con 14 centri universitari nel mondo, numerosi progetti di ricerca congiunta con fornitori e centri di ricerca universitari e oltre 100 partnership con produttori auto Premium nel primo equipaggiamento. Grazie a tali legami sono oltre 150 i progetti in corso su materiali innovativi, processi e software. Con l obiettivo di diventare Global Premium Leader e di un ampliamento della gamma di prodotti enti, Pirelli si concentrerà su: o la forza del proprio network di ricerca o la leadership nei materiali innovativi o la leadership nei materiali verdi o una modellistica o lo sviluppo dei processi produttivi o l elettronica nello pneumatico

34 Costi di R&S/Ricavi di vendita Pirelli Tyre Michelin Continental ,02% 3,62% ,72% 3,61% ,56% 3,39% ,54% 3,04% 2,37% ,30% 3,42% 2,63% ,10% 3,00% 2,20% ,00% 4,5% 4,0% 3,5% 3,0% 2,5% 2,0% 1,5% 1,0% 0,5% 0,0% R&D: Confronto con i concorrenti Pirelli Tyre Michelin Continental Fonte: nostra elaborazione di dati tratti da

35 Fonte: Nostra elaborazione dei dati del bilancio consolidato di Pirelli Corporate

36 Analisi del Conto Economico Ricavi (in Milioni di ) 6504, , , , , , ,

37 Risultato dell'esercizio (in milioni di ) 921, ,95 349, ,59 290,52 228,069 77,616 4,229-22, , , , ,83 Risultato delle attività in funzionamento Risultato dell'esercizio al netto delle attività operative cessate

38 Analisi della Situazione Patrimoniale Composizione del Capitale Investito (in Milioni di ) 5613, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , Passività Correnti Passività Non Correnti Capitale Proprio

39 Indicatori di Indebitamento INDICE DI INDEBITAMENTO = Capitale di Terzi / Capitale Proprio INDICE DI LEVA FINANZIARIA = Capitale Investito / Capitale Proprio 0,93 1,93 1,18 2,18 1,35 2,35 1,92 2,92 2,70 2,77 1,70 1,77 2,19 3, Indice di indebitamento Indice di leva finanziaria

40 Indicatori di Equilibrio Patrimoniale INDICE DI COPERTURA = Capitale Netto / Immobilizzazioni Nette INDICE DI COPERTURA ALLARGATO = (Capitale Netto + Passività non correnti) / Immobilizzazioni Nette 2,74 3,89 2,24 Analisi dell'equilibrio patrimoniale 3,26 1,64 2,28 1,65 1,70 0,90 0,90 1,29 1,31 0,72 0, Indice di copertura Indice di copertura allargato

41 Indicatori di Equilibrio Finanziario LIQUIDITA CORRENTE = Attività a breve / Passività a breve LIQUIDITA SECCA = (Attività a breve Scorte) / Passività a breve Analisi dell'equilibrio finanziario 0,90 0,66 0,74 0,53 1,20 0,99 0,95 0,60 1,22 0,89 1,05 1,07 0,69 0, Liquidità corrente Liquidità secca

42 Indicatori di Redditività ROE = Risultato Netto / Capitale Netto ROE 20,11% 7,11% 8,51% -0,91% 0,21% ,38% -17,37% Nota: per calcolare il ROE si è utilizzato il Risultato finale al netto delle attività operative cessate

43 Redditività operativa e analisi della leva finanziaria ROI = Reddito Operativo / Capitale Investito COSTO MEDIO DEL FINANZIAMENTO (i) = Oneri Finanziari / Capitale di Terzi 13,26% 6,03% 6,18% 8,08% 9,80% 10,12% 7,26% 8,32% 3,28% 3,92% 4,10% 3,71% 3,04% 0,62% ROI Costo medio del finanziamento

44 Tasso di incidenza della gestione extra-caratteristica = Risultato Netto / Risultato Operativo Tasso d incidenza della gestione extracaratteristica 1,12 0,88 0,76 0, , ,61-9,54

45 Redditività delle Vendite ROS = Reddito Operativo / Ricavi Netti di Vendita 10,29% 7,81% 8,29% 8,41% 5,64% 6,14% 0,93%

46

47 Strategia Pirelli punta a diventare leader mondiale sul Premium e farà leva su: La forza del brand Raddoppio della spesa marketing Ampliamento della gamma di prodotto Collaborazione con importanti partners e sfruttamento know how derivato dalla Formula 1 Canali di comunicazione e distribuzione innovativi Dal digital marketing al CRM e apertura dei Pirelli store nelle pricipali città Forti sinergie tra pneumatici, moda (P Zero), Calendario Pirelli e Formula Uno. Lancio di 18 nuovi prodotti nei prossimi 5 anni (rispetto ai 16 negli ultimi 10 anni) Obiettivo: rafforzare il legame con i clienti Premium

48 Sviluppo nelle aree geografiche dove la crescita del Premium è attesa a tassi maggiori Una struttura produttiva più efficiente Sud America, Middle East Africa (MEA), Asia-Pacific, Russia Nuove fabbriche e localizzazione nei Paesi con domanda in crescita e bassi costi di produzione Tasso medio di crescita annuo tra il 12% ed il 17% vs. il 9.6% del mercato Premium globale Adozione del modello local for local. Nel 2015, in media l 82% delle vendite di ciascuna area geografica sarà prodotta localmente rispetto al 71% del 2011

49 Ricerca di efficienza a livello di materie prime: utilizzo di materiale alternativo, riciclato, riduzione nel consumo, riduzione degli scarti; a livello di produttività del lavoro: ottimizzazione dei processi produttivi, introduzione delle best practices in tutti i siti, nuovi impianti studiati per ottimizzare l efficienza; a livello di costi fissi generali e amministrativi: allocazione in Paesi con costi industriali competitivi e potenziamento della strategia local for local 45% 21% 9% 25% Risparmio dei Costi 19% 3% 41% 37% 2012 Cumulative Stabilimenti low-cost countries Costi fissi Produttività del lavoro Materie Prime Fonte: nostra elaborazione dati tratti da

50 Un mercato interessante: la Russia La Russia rappresenta un mercato in rapida espansione nel Premium. Nel periodo le immatricolazioni di nuovi veicoli cresceranno ad una media annua del 6% alimentando il parco auto che arriverà nel 2015 a contare 50 milioni di autoveicoli in circolazione. Molti dei principali competitor hanno una limitata capacità produttiva nell area, che presenta elevati dazi alle importazioni. Pirelli ha realizzato una joint venture con un partner forte come Russian Technologies, che consente di condividere il rischio Paese e l impegno finanziario, permette di acquisire una base industriale già avviata e con una forza lavoro di alta qualità FORTI INVESTIMENTI nel periodo per: aumentare la capacità produttiva incrementare la riconoscibilità del brand e la percezione della qualità Pirelli Particolare attenzione sarà posta nella distribuzione. L obiettivo per il 2012 è di raggiungere 800 punti vendita retail (oltre il 40% della copertura di tale canale).

51 Risultati attesi Un incremento medio annuo dei ricavi pari al 10% (8% al netto della Russia); L aumento della profittabilità (EBIT) con un margine nel 2014 compreso tra il 15% ed il 16% (10% nel 2011). L aumento del peso del business Consumer e del canale ricambio, maggiormente profittevoli e meno ciclici. Più precisamente, entro il 2014: il segmento Consumer rappresenterà il 75% delle vendite totali, (con un aumento di 5 punti percentuali rispetto al 2011) il canale ricambio aumenterà dal 74% al 79% Grazie alle azioni previste dal Piano Industriale, nel 2015 Pirelli completerà il passaggio di trasformazione: da leader a livello regionale sul segmento Premium a leader globale su tale segmento

LEADERSCHIP,INNOVAZIONE E COMPETITIVITA : IL CASO PIRELLI

LEADERSCHIP,INNOVAZIONE E COMPETITIVITA : IL CASO PIRELLI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI STRATEGIA D IMPRESA 2010-2011 LEADERSCHIP,INNOVAZIONE E COMPETITIVITA : IL CASO PIRELLI a cura di: Del Prete Alessandro Montoni Monia

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CDA DI PIRELLI & C. SPA HA ESAMINATO I DATI PRELIMINARI AL 31 DICEMBRE 2014 RISULTATI IN LINEA CON I TARGET

COMUNICATO STAMPA IL CDA DI PIRELLI & C. SPA HA ESAMINATO I DATI PRELIMINARI AL 31 DICEMBRE 2014 RISULTATI IN LINEA CON I TARGET COMUNICATO STAMPA Per effetto della sottoscrizione dell accordo di cessione del 100% delle attività steelcord, tale business è stato classificato come discontinued operation e il risultato riclassificato

Dettagli

IL GRUPPO CHIUDE IL TRIMESTRE CON UN ULTERIORE CRESCITA DEI PRINCIPALI INDICATORI ECONOMICI GRUPPO PIRELLI & C. SPA

IL GRUPPO CHIUDE IL TRIMESTRE CON UN ULTERIORE CRESCITA DEI PRINCIPALI INDICATORI ECONOMICI GRUPPO PIRELLI & C. SPA COMUNICATO STAMPA IL CDA DI PIRELLI & C. SPA APPROVA LA RELAZIONE AL 31 MARZO 2006: IL GRUPPO CHIUDE IL TRIMESTRE CON UN ULTERIORE CRESCITA DEI PRINCIPALI INDICATORI ECONOMICI GRUPPO PIRELLI & C. SPA RICAVI:

Dettagli

REPLY PROFILO AZIENDALE 2007

REPLY PROFILO AZIENDALE 2007 REPLY PROFILO AZIENDALE 2007 REPLY Company Profile 2007 1 CARATTERI IDENTIFICATIVI DEL GRUPPO Reply è una società di Consulenza, System Integration e Application Management, leader nella progettazione

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

Università degli studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia

Università degli studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Università degli studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Caso Aziendale A Corso di Strategia d impresa A.A. 2012/2013 Prof. Tonino Pencarelli Dott. Mauro Dini Team Work: Sara Banci Elisabetta Ferri

Dettagli

Nokian Tyres. Rating: BUY. Posizionamento nel Mercato. Il mercato Russo (focus) 20 ottobre 2011

Nokian Tyres. Rating: BUY. Posizionamento nel Mercato. Il mercato Russo (focus) 20 ottobre 2011 20 ottobre 2011 Rating: BUY Nokian Tyres Posizionamento nel Mercato Nokian Tyres vende I propri prodotti in tutta Europa. La società vanta un ottima diversificazione geografica: l 8% delle vendite sono

Dettagli

Dati e soluzioni digitali per i professionisti dell automotive

Dati e soluzioni digitali per i professionisti dell automotive Quattroruote Professional è la divisione di Editoriale Domus che da anni realizza e offre ai professionisti dei settori automobilistico, assicurativo e autoriparativo una vasta gamma di soluzioni tra cui

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati preliminari del primo semestre 2005

COMUNICATO STAMPA. Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati preliminari del primo semestre 2005 COMUNICATO STAMPA Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati preliminari del primo semestre 2005 Wireline: continua la crescita dei ricavi, +2,1% rispetto al primo semestre 2004 (+2,3% crescita

Dettagli

Presentazione aziendale

Presentazione aziendale Presentazione aziendale Indice Attività e Posizionamento Competitivo Prodotti e Mercati Dati Economico-Finanziari Consolidati Obiettivi e Strategie 2 Attività e Posizionamento Competitivo 3 Cembre Cembre

Dettagli

Presentazione aziendale

Presentazione aziendale Presentazione aziendale Indice Attività e Posizionamento Competitivo Prodotti e Mercati Dati Economico-Finanziari Consolidati Obiettivi e Strategie 2 Attività e Posizionamento Competitivo 3 Cembre Cembre

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0246-44-2015

Informazione Regolamentata n. 0246-44-2015 Informazione Regolamentata n. 0246-44-2015 Data/Ora Ricezione 23 Ottobre 2015 14:23:44 MTA - Star Societa' : SOGEFI Identificativo Informazione Regolamentata : 64513 Nome utilizzatore : SOGEFIN01 - ALBRAND

Dettagli

Pirelli & C. Spa Università degli studi di Milano Bicocca. Gruppo: Bonfanti Greta Canzi Stefania Castelnuovo Matilde Frascolla Angelica

Pirelli & C. Spa Università degli studi di Milano Bicocca. Gruppo: Bonfanti Greta Canzi Stefania Castelnuovo Matilde Frascolla Angelica Pirelli & C. Spa Università degli studi di Milano Bicocca A.A. 2012-2013 ECOAZ A-Le Gruppo: Bonfanti Greta Canzi Stefania Castelnuovo Matilde Frascolla Angelica Vision Cambiamo l'esperienza di guida, sfiorando

Dettagli

Leadership,innovazione e competitività: il caso Pirelli

Leadership,innovazione e competitività: il caso Pirelli Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani Leadership,innovazione e competitività: il caso Pirelli A cura di: Marco Cameli Massimo Fattori Caso I, Thompson

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

E' il settimo costruttore automobilistico al mondo, progetta, sviluppa, produce e commercializza vetture, veicoli commerciali, componenti e sistemi

E' il settimo costruttore automobilistico al mondo, progetta, sviluppa, produce e commercializza vetture, veicoli commerciali, componenti e sistemi E' il settimo costruttore automobilistico al mondo, progetta, sviluppa, produce e commercializza vetture, veicoli commerciali, componenti e sistemi di produzione. LINK 1 Joint venture (Unit di riferirmento

Dettagli

VII Small and Mid Caps Conference Unicredit. Milano - 26 Novembre 2009

VII Small and Mid Caps Conference Unicredit. Milano - 26 Novembre 2009 VII Small and Mid Caps Conference Unicredit Milano - 26 Novembre 2009 Chi è Acotel Group Know How tecnologico Uno dei protagonisti italiani della società dell informazione Crescita basata su competenze

Dettagli

Linea Inverter Fotovoltaici xxxxxx per la connessione in Rete

Linea Inverter Fotovoltaici xxxxxx per la connessione in Rete Linea Inverter Fotovoltaici xxxxxx per la connessione in Rete Conferenza Stampa - Marzo 2010 Milano, 30 Marzo 2010 Indice 1.1. Gefran & Il mercato fotovoltaico Ennio Franceschetti Presidente - Gruppo Gefran

Dettagli

Presentazione di ArcelorMittal e dell interesse del Gruppo per ILVA

Presentazione di ArcelorMittal e dell interesse del Gruppo per ILVA Presentazione di ArcelorMittal e dell interesse del Gruppo per ILVA Gennaio 2015 confidenziale Anthony Old 0 Sommario Presentazione del Gruppo ArcelorMittal Il nostro progetto per ILVA Il principale produttore

Dettagli

Corso di Economia e Gestione delle Imprese e Marketing a.a. 2011-2012 Prof. Elena Cedrola

Corso di Economia e Gestione delle Imprese e Marketing a.a. 2011-2012 Prof. Elena Cedrola Lezione 9 Corso di Economia e Gestione delle Imprese e Marketing a.a. 2011-2012 Prof. Elena Cedrola elena.cedrola@unimc.it http://docenti.unimc.it/docenti/elena-cedrola 1 CASO BARILLA S.p.A. Il lancio

Dettagli

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte EDIZIONE 16 prima parte SETTEMBRE La voce di Databank 2012 Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata ABBIGLIAMENTO INFANTILE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE

Dettagli

Eni: Piano Strategico 2013-2016 Crescita e rendimenti sostenibili

Eni: Piano Strategico 2013-2016 Crescita e rendimenti sostenibili Eni: Piano Strategico 2013-2016 Crescita e rendimenti sostenibili E&P: eccezionali opportunità di crescita o Produzione di idrocarburi in crescita >4% medio annuo al 2016 G&P: posizionamento delle attività

Dettagli

LE DECISIONI STRATEGICHE DI ACQUISIZIONE- CESSIONE AZIENDALE

LE DECISIONI STRATEGICHE DI ACQUISIZIONE- CESSIONE AZIENDALE LE DECISIONI STRATEGICHE DI ACQUISIZIONE- CESSIONE AZIENDALE Prof. Massimo Saita Direttore Istituto Economia, Amministrazione e Politica Aziendale Università degli Studi di Milano Bicocca Professore ordinario

Dettagli

BNP Paribas. Investor Day. Conclusioni. Baudouin Prot Chief Executive Officer. Roma, 1 Dicembre 2006

BNP Paribas. Investor Day. Conclusioni. Baudouin Prot Chief Executive Officer. Roma, 1 Dicembre 2006 BNP Paribas Investor Day Baudouin Prot Chief Executive Officer Roma, 1 Dicembre 2006 BNP Paribas Un Business Mix ben Equilibrato Aree di attività 3T06 - Distribuzione ricavi Distribuzione geografica 3T06

Dettagli

Valori e Principi Rieter

Valori e Principi Rieter Valori e Principi Rieter Comfort thanks to Rieter Delight your customers Enjoy your work Fight for profits Rieter is a publicly-listed Swiss industrial group providing innovative solutions to the global

Dettagli

L OFFERTA DI PRODOTTO E I CLIENTI FINALI

L OFFERTA DI PRODOTTO E I CLIENTI FINALI Dati istituzionali L OFFERTA DI PRODOTTO E I CLIENTI FINALI Il Gruppo DiaSorin è specializzato nello sviluppo, nella produzione e commercializzazione di kit di immunoreagenti per la diagnostica di laboratorio

Dettagli

Migliorare il processo produttivo con SAP ERP

Migliorare il processo produttivo con SAP ERP ICI Caldaie Spa. Utilizzata con concessione dell autore. Migliorare il processo produttivo con SAP ERP Partner Nome dell azienda ICI Caldaie Spa Settore Caldaie per uso residenziale e industriale, generatori

Dettagli

Buongiorno Vitaminic S.p.A.

Buongiorno Vitaminic S.p.A. Buongiorno Vitaminic è una società operativa dal 16 luglio del 2003, nata dall integrazione tra le attività di Buongiorno (società operante nell ambito dei servizi alle imprese via mail e telefono) e Vitaminic

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Massimo Zanetti Beverage Group: il C.d.A. approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015.

COMUNICATO STAMPA. Massimo Zanetti Beverage Group: il C.d.A. approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015. COMUNICATO STAMPA Massimo Zanetti Beverage Group: il C.d.A. approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015. Fatturato consolidato a Euro 450,5 milioni, in crescita del 29,0% rispetto allo

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

Guida all elaborazione del Business Plan

Guida all elaborazione del Business Plan Guida all elaborazione del Business Plan GUIDA ALL ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Titolo progetto Dare un titolo al progetto che si intende sviluppare (di norma contraddistingue il prodotto/servizio che

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013 Sant Elpidio a Mare, 14 maggio TOD S S.p.A. Forte crescita dei ricavi all estero (Cina: +55,4%, Americhe: +31%). Italia: -26,7%. Solida crescita nei DOS (+16,8%). Confermata l ottima redditività del Gruppo,

Dettagli

PIRELLI: PRESENTATO IL PIANO INDUSTRIALE 2009-2011; ESAMINATI I DATI PRELIMINARI 2008

PIRELLI: PRESENTATO IL PIANO INDUSTRIALE 2009-2011; ESAMINATI I DATI PRELIMINARI 2008 COMUNICATO STAMPA PIRELLI: PRESENTATO IL PIANO INDUSTRIALE 2009-2011; ESAMINATI I DATI PRELIMINARI 2008 DATI PRELIMINARI CONSOLIDATI 2008 RICAVI CONSOLIDATI IN LINEA CON IL 2007, RISULTATO OPERATIVO POSITIVO,

Dettagli

ENEL : PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2015 2019

ENEL : PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2015 2019 ENEL : PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2015 2019 Si prevede che efficienza operativa e crescita industriale possano produrre un robusto incremento dell Ebitda e generazione di cassa, a sostegno della crescita

Dettagli

Management Game 2011

Management Game 2011 Management Game 2011 La Mobilé Inc 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini che ha sede negli Stati Uniti che si è concentrata sulla produzione di telefonini

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Gruppo Iren presenta l aggiornamento del Piano Industriale al 2015.

COMUNICATO STAMPA. Il Gruppo Iren presenta l aggiornamento del Piano Industriale al 2015. COMUNICATO STAMPA Il Gruppo Iren presenta l aggiornamento del Piano Industriale al 2015. Ebitda al 2015 di circa 670 milioni di euro, con una crescita media annua del 3,2%. Posizione finanziaria netta

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan STARTCUP Guida alla Compilazione del Business Plan 2 INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 3 2.L'IMPRESA : SETTORE DI ATTIVITÀ E FORMA GIURIDICA 3 3. IL GRUPPO IMPRENDITORIALE

Dettagli

IL GRUPPO ENEL PRESENTA IL PIANO STRATEGICO 2016-2019

IL GRUPPO ENEL PRESENTA IL PIANO STRATEGICO 2016-2019 IL GRUPPO ENEL PRESENTA IL PIANO STRATEGICO 2016-2019 Il nuovo piano si basa su quello presentato a marzo 2015, accelerando la creazione di valore nell ambito dei quattro principi fondamentali ed aggiungendone

Dettagli

TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria.

TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria. Milano, 14 maggio TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria. Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del

Dettagli

BNP Paribas. Corporate & Investment Banking in Italia. Nicola D Anselmo. Responsabile CIB Italia. Roma, 1 Dicembre 2006

BNP Paribas. Corporate & Investment Banking in Italia. Nicola D Anselmo. Responsabile CIB Italia. Roma, 1 Dicembre 2006 BNP Paribas Corporate & Investment Banking in Italia Nicola D Anselmo Responsabile CIB Italia Roma, 1 Dicembre 2006 Sommario BNP Paribas CIB in Italia prima di BNL Nuove prospettive per CIB Implementazione

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

PIAGGIO: APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2006

PIAGGIO: APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2006 COMUNICATO STAMPA Riunito il Consiglio di Amministrazione PIAGGIO: APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2006 RICAVI 1.607,4 MLN (+10,7% SU 2005) EBITDA 204 MLN, PARI AL 12,7% DEL FATTURATO (+10,4% SU 2005)

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Massimo Zanetti Beverage Group: il C.d.A. approva il progetto di bilancio di esercizio e consolidato al 31 dicembre 2015.

COMUNICATO STAMPA. Massimo Zanetti Beverage Group: il C.d.A. approva il progetto di bilancio di esercizio e consolidato al 31 dicembre 2015. COMUNICATO STAMPA Massimo Zanetti Beverage Group: il C.d.A. approva il progetto di bilancio di esercizio e consolidato al 31 dicembre 2015. Nel 2015 i volumi di vendita del caffè tostato sono stati pari

Dettagli

5 Profilo del Gruppo. 6 Mission e values. 8 Organigramma. 9 Storia. 10 Struttura societaria. 12 Modello di business. 17 Immobiliare Percassi

5 Profilo del Gruppo. 6 Mission e values. 8 Organigramma. 9 Storia. 10 Struttura societaria. 12 Modello di business. 17 Immobiliare Percassi 5 Profilo del Gruppo 6 Mission e values 8 Organigramma 9 Storia 10 Struttura societaria 12 Modello di business 17 Immobiliare Percassi 21 Impresa Percassi 22 Percassi Servizi Immobiliari 24 Partnership

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013 Milano, 13 novembre 2013 TOD S S.p.A. Solida crescita dei ricavi all estero (Greater China: +28%, Americhe: +14%). Confermata l ottima redditività del Gruppo (margine Ebitda: 26,5%). Aumentate le disponibilità

Dettagli

Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity

Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity Capitale di rischio Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity di Amedeo De Luca Le Pmi italiane costituiscono la struttura portante del sistema economico nazionale, sia per

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

SPIN8 CARICA INNOVATIVA - STARTUP ITALIANA SI PRESENTA AL SALONE DELL AUTO DI FRANCOFORTE

SPIN8 CARICA INNOVATIVA - STARTUP ITALIANA SI PRESENTA AL SALONE DELL AUTO DI FRANCOFORTE Francoforte, 15 settembre 2015 SPIN8 CARICA INNOVATIVA - STARTUP ITALIANA SI PRESENTA AL SALONE DELL AUTO DI FRANCOFORTE In occasione del Salone Internazionale dell Automobile di Francoforte, Spin8, Carica

Dettagli

Scissione Parziale Proporzionale di Fiat SpA in favore di Fiat Industrial SpA

Scissione Parziale Proporzionale di Fiat SpA in favore di Fiat Industrial SpA Scissione Parziale Proporzionale di Fiat SpA in favore di Fiat Industrial SpA Assemblea Ordinaria e Straordinaria degli Azionisti 16 Settembre 2010 1 Agenda I. La Scissione: Obiettivi e descrizione dell

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS TOYOTA Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS 1 1. ANALISI DEL SETTORE 2. TOYOTA 3. LANCIO AYGO 4. CONCLUSIONI 2 INDUSTRIA Più IMPORTANTE PER FATTURATO La rilevanza del settore si

Dettagli

La valutazione dell efficienza aziendale ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE

La valutazione dell efficienza aziendale ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE La valutazione dell efficienza aziendale EFFICIENZA E LA CAPACITA DI RENDIMENTO O L ATTITUDINE A SVOLGERE UNA DETERMINATA FUNZIONE. E MISURATA DAL RAPPORTO TRA I RISULTATI CONSEGUITI E LE RISORSE IMPIEGATE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 10 Aprile 2015

COMUNICATO STAMPA 10 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA 10 Aprile 2015 Il Consiglio di Amministrazione ha esaminato e approvato il Piano Strategico 2015-2019 del Gruppo A2A *** Importante rilancio degli investimenti 2,1 miliardi di euro di

Dettagli

COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009.

COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. Fatturato oltre le attese e marginalità in forte miglioramento. Il quarto trimestre è in forte

Dettagli

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato,

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato, DALLE TARIFFE ALLA CRESCITA UN ASSICURATORE GLOBALE CHE COPRE I BISOGNI DEL CLIENTE ANCHE IN AMBITI COME LA SALUTE, L ABITAZIONE, LA SICUREZZA PATRIMONIALE. TRA RIGORE TECNICO, RICHIESTA DI FLESSIBILITÀ

Dettagli

Le Strategie del Gruppo Fiat negli anni novanta

Le Strategie del Gruppo Fiat negli anni novanta Le Strategie del Gruppo Fiat negli anni novanta Andrea Gavosto Urbino, 27 novembre 2002 Le Strategie del Gruppo Fiat I capisaldi Concentrazione sul core business Internazionalizzazione Alleanze produttive

Dettagli

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved Indici di Bilancio Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano-Bicocca University All rights reserved Milano, marzo 2012 Gli indici di bilancio I dati desumibili dal bilancio possono essere trasformati

Dettagli

TERNIENERGIA: UTILI DEL PRIMO SEMESTRE 2010 IN FORTE CRESCITA E POTENZA INSTALLATA RADDOPPIATA

TERNIENERGIA: UTILI DEL PRIMO SEMESTRE 2010 IN FORTE CRESCITA E POTENZA INSTALLATA RADDOPPIATA TERNIENERGIA: UTILI DEL PRIMO SEMESTRE 2010 IN FORTE CRESCITA E POTENZA INSTALLATA RADDOPPIATA Ricavi pari a Euro 36,3 milioni: +76% rispetto al I semestre 2009 EBITDA pari a Euro 5,9 milioni: +109% rispetto

Dettagli

La Sostenibilità in Acea

La Sostenibilità in Acea La Sostenibilità in Acea Seminario organizzato da Rotary Club Castelli Romani e Università di Roma Tor Vergata Etica ed Economia Quale tutela per i cittadini e i risparmiatori? Monte Porzio Catone, 29

Dettagli

LE STRATEGIE CORPORATE IN UN IMPRESA MULTIBUSINESS

LE STRATEGIE CORPORATE IN UN IMPRESA MULTIBUSINESS UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTÀ DI ECONOMIA Corso di Laurea Specialistica in Marketing e Comunicazione per le Aziende LE STRATEGIE CORPORATE IN UN IMPRESA MULTIBUSINESS G. Pellicelli

Dettagli

MISSION & VISION. MISSION: Coniugare i valori di immagine, stile, innovazione e qualità con un sistema aziendale competitivo nell' home fashion.

MISSION & VISION. MISSION: Coniugare i valori di immagine, stile, innovazione e qualità con un sistema aziendale competitivo nell' home fashion. MISSION & VISION MISSION: Coniugare i valori di immagine, stile, innovazione e qualità con un sistema aziendale competitivo nell' home fashion. VISION: Logica manageriale orientata alla creazione di valore

Dettagli

Le tre aree strategiche d affari Pag. 3. La storia imprenditoriale Pag. 6. La struttura del Gruppo e gli azionisti Pag. 7. Scheda di sintesi Pag.

Le tre aree strategiche d affari Pag. 3. La storia imprenditoriale Pag. 6. La struttura del Gruppo e gli azionisti Pag. 7. Scheda di sintesi Pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Le tre aree strategiche d affari Pag. 3 La storia imprenditoriale Pag. 6 La struttura del Gruppo e gli azionisti Pag. 7 Scheda di sintesi Pag. 8 Milano, marzo 2006

Dettagli

g i u g n o 2 0 0 8 Dynameeting spa via Uberti 37 20129 Milano t + 39 02 581421.1 f +39 02 70049330 www.dynameeting.it

g i u g n o 2 0 0 8 Dynameeting spa via Uberti 37 20129 Milano t + 39 02 581421.1 f +39 02 70049330 www.dynameeting.it g i u g n o 2 0 0 8 Dynameeting spa via Uberti 37 20129 Milano t + 39 02 581421.1 f +39 02 70049330 www.dynameeting.it Dynameeting Dynameeting opera nel mercato della vendita di energia elettrica e gas

Dettagli

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Abstract La relazione sulla gestione costituisce uno dei principali documenti allegati al bilancio d esercizio, il

Dettagli

Retail & Consumer Summit 2011

Retail & Consumer Summit 2011 www.pwc.com/it Retail & Consumer Summit 2011 La gestione della discontinuità e del cambiamento: sfide e opportunità 11 ottobre 2011 1 1 Discontinuità nei consumi: come sta cambiando il comportamento d

Dettagli

Allianz, Axa, Le Generali a confronto. Analisi di alcune cifre chiave Anno 2012

Allianz, Axa, Le Generali a confronto. Analisi di alcune cifre chiave Anno 2012 Allianz, Axa, Le Generali a confronto Analisi di alcune cifre chiave Anno 2012 Elaborazioni dai bilanci consolidati dei 3 big assicurativi europei A cura di F. Ierardo Coordinamento di N. Maiolino 2012

Dettagli

A u m e n t o d i c a p i t a l e. M i l a n o, 2 7 M a g g i o 2 0 0 4

A u m e n t o d i c a p i t a l e. M i l a n o, 2 7 M a g g i o 2 0 0 4 A u m e n t o d i c a p i t a l e M i l a n o, 2 7 M a g g i o 2 0 0 4 Contenuti La struttura e l attività del Gruppo BasicNet Il Business System L acquisizione del marchio K-Way e della licenza del marchio

Dettagli

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3%

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3% Milano, 11 novembre 2015 TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3% Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1,5% nel primo trimestre 2015.

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1,5% nel primo trimestre 2015. Milano, 13 maggio TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1,5% nel primo trimestre. Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre

Dettagli

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO 1 INDICE 1/2 1. IL GRUPPO BENETTON: COMPANY OVERVIEW 2. LA STRATEGIA D AREA 2.1 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO 2.2 LA CONFIGURAZIONE DELLE ATTIVITA 3.

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

PIRELLI INVESTE IN BRASILE 100 MILIONI DI DOLLARI PER NUOVO POLO TECNOLOGICO DEDICATO AI PNEUMATICI PER VEICOLI SPECIALI

PIRELLI INVESTE IN BRASILE 100 MILIONI DI DOLLARI PER NUOVO POLO TECNOLOGICO DEDICATO AI PNEUMATICI PER VEICOLI SPECIALI COMUNICATO STAMPA PIRELLI INVESTE IN BRASILE 100 MILIONI DI DOLLARI PER NUOVO POLO TECNOLOGICO DEDICATO AI PNEUMATICI PER VEICOLI SPECIALI IL NUOVO STANZIAMENTO SI AGGIUNGE AL PIANO, ILLUSTRATO LO SCORSO

Dettagli

Presentato oggi alla comunità finanziaria il Piano Industriale 2003-2005 GRUPPO GENERALI

Presentato oggi alla comunità finanziaria il Piano Industriale 2003-2005 GRUPPO GENERALI Presentato oggi alla comunità finanziaria il Piano Industriale 2003-2005 GRUPPO GENERALI OBIETTIVO: LEADERSHIP EUROPEA PER PROFITTABILITÀ E SVILUPPO IN SELEZIONATI PAESI AD ALTO POTENZIALE FOCUS SU CREAZIONE

Dettagli

NUCOR CORPORATION: come competere con l importazione di acciaio a basso costo

NUCOR CORPORATION: come competere con l importazione di acciaio a basso costo Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani NUCOR CORPORATION: come competere con l importazione di acciaio a basso costo A cura di: Scaccia Simone, Sorvillo

Dettagli

MISSION: LEASYS, LEADER NEL MERCATO DEL NOLEGGIO A LUNGO TERMINE e dei servizi

MISSION: LEASYS, LEADER NEL MERCATO DEL NOLEGGIO A LUNGO TERMINE e dei servizi NOLEGGIO A LUNGO TERMINE IL TUO BUSINESS, MUOVILO CON NOI. MISSION: LEASYS, LEADER NEL MERCATO DEL NOLEGGIO A LUNGO TERMINE e dei servizi automotive in Italia, è nata nel settembre 2001 ed è oggi interamente

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Corso di Strategie d impresa

Corso di Strategie d impresa Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani CASO J- BasicNet strategy Un sistema innovativo basato su tecnologia e stile A cura di: Sara Barone e Alessandra

Dettagli

I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale. Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona

I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale. Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona 1. 2. 3. 4. 5. La logica e i contenuti del Piano Le assumptions

Dettagli

Candela Serena Mersico Luigi

Candela Serena Mersico Luigi Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Scuola di Economia Corso di Strategia d impresa A.A. 2014/2015 Prof. T. Pencarelli Dott. M. Dini Candela Serena Mersico Luigi INDICE 1. Cenni storici 2. Struttura

Dettagli

TERNIENERGIA: approvato il piano industriale del Gruppo 2015-2017 Fast on the smart energy road

TERNIENERGIA: approvato il piano industriale del Gruppo 2015-2017 Fast on the smart energy road TERNIENERGIA: approvato il piano industriale del Gruppo 2015-2017 Fast on the smart energy road Proposta l introduzione del voto maggiorato per favorire la crescita per linee esterne Rafforzamento dell

Dettagli

La strategia finanziaria

La strategia finanziaria La strategia finanziaria Strategie di posizionamento (rivolte all esterno) AZIENDA strategia sociale CONTESTO SOCIALE posizionamento sociale Analisi degli input strategici esterni MERCATI FINANZIARI finanziatori

Dettagli

Programma per i Partner.

Programma per i Partner. Programma per i Partner. Il programma per i Partner Gigaset pro offre alla tua azienda sistemi di telefonia personalizzati che ottimizzano le comunicazioni. 13/EN/PP/PRO/1 Aderisci al programma visitando

Dettagli

Cross Cultural Management Il caso India. Presentazione allo Stoa Villa Campolieto - Ercolano. Napoli, 15 gennaio 2007

Cross Cultural Management Il caso India. Presentazione allo Stoa Villa Campolieto - Ercolano. Napoli, 15 gennaio 2007 Cross Cultural Management Il caso India Presentazione allo Stoa Villa Campolieto - Ercolano Napoli, 15 gennaio 2007 Relatore: Giovanni De Filippis 1 IL caso India La Fiat e l India L India per Fiat Auto

Dettagli

MONDIALE, NEI SERVIZI

MONDIALE, NEI SERVIZI CHI SIAMO Il Gruppo è attivo, a livello globale, nei seguenti campi: Lavoro Temporaneo e Permanent Staffing, Ricerca e Selezione, Consulenza HR, Formazione, Supporto alla Ricollocazione, altri servizi

Dettagli

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014 Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 Osservatorio PMI 2014 -VI Edizione 1 Obiettivi Individuare le

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 5. STRATEGIA, PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Pianificazione d azienda Pianificazione strategica Pianificazione

Dettagli

UNA NUOVA VIA INTERNAZIONALE Partnership industriale con Mapfre nel business auto agenziale. Verona, 18 dicembre 2006

UNA NUOVA VIA INTERNAZIONALE Partnership industriale con Mapfre nel business auto agenziale. Verona, 18 dicembre 2006 1 UNA NUOVA VIA INTERNAZIONALE Partnership industriale con Mapfre nel business auto agenziale Verona, 18 dicembre 2006 2 Agenda Il contesto strategico La joint-venture specializzata nel business auto Il

Dettagli

L auto aziendale in Italia

L auto aziendale in Italia L auto aziendale in Italia Modalità e tendenze Company Car Drive Alessandro Brioschi 14 Maggio 2015 2014 Towers Watson. All rights reserved. Agenda Chi è Towers Watson Una panoramica tratta dalle nostre

Dettagli

AUTOMOTIVE RETAIL ADVISORY

AUTOMOTIVE RETAIL ADVISORY Il post-vendita nella nuova regolamentazione europea Giorgio Elefante Bologna, 15 giugno 2004 Contenuti Osservatorio PricewaterhouseCoopers La nuova regolamentazione europea Implicazioni per i Concessionari

Dettagli

Comunicato Stampa 13 novembre 2014

Comunicato Stampa 13 novembre 2014 Landi Renzo: ricavi, marginalità e flussi finanziari di cassa in miglioramento al 30 settembre 2014; il terzo trimestre conferma il trend di crescita di fatturato e utile Fatturato pari a Euro 173,9 mln,

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1% circa nel terzo trimestre del 2014; margine EBITDA del 21,7% nei 9 mesi, a cambi costanti

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1% circa nel terzo trimestre del 2014; margine EBITDA del 21,7% nei 9 mesi, a cambi costanti Milano, 12 novembre 2014 TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1% circa nel terzo trimestre del 2014; margine EBITDA del 21,7% nei 9 mesi, a cambi costanti Approvato dal Consiglio di Amministrazione il

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Prof. Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo alessandro.berti@uniurb.it Urbino, a.a.

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2001

Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2001 COMUNICATO STAMPA Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2001 PROPOSTO DIVIDENDO DI 0,10 EURO, + 15% RISPETTO AL 2000 UTILE NETTO: +12,7% A 21,4 MILIONI DI EURO RICAVI NETTI: +3,5%

Dettagli

5 Profilo del Gruppo. 6 Mission e values. 8 Organigramma. 9 Storia. 10 Struttura societaria. 12 Modello di business. 17 Immobiliare Percassi

5 Profilo del Gruppo. 6 Mission e values. 8 Organigramma. 9 Storia. 10 Struttura societaria. 12 Modello di business. 17 Immobiliare Percassi 5 Profilo del Gruppo 6 Mission e values 8 Organigramma 9 Storia 10 Struttura societaria 12 Modello di business 17 Immobiliare Percassi 21 Impresa Percassi 22 Percassi Servizi Immobiliari 24 Partnership

Dettagli