L audit in incognito rif. ISO/TS 11312

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L audit in incognito rif. ISO/TS 11312"

Transcript

1 Seminario AICQ SICEV SICEP Sessione di aggiornamento dedicata ai Registri AICQ SICEV SICEP Sistemi di Gestione per la Qualità e audit in incognito: un binomio possibile? Roma, 26 Settembre 2014 Milano, 3 Ottobre 2014

2 L audit in incognito rif. ISO/TS Attività di audit effettuata da auditor addestrati opportunamente a simulare il comportamento e le azioni di un cliente potenziale o reale di un organizzazione di servizi, senza farsi riconoscere come tale dal personale della stessa, con lo scopo di valutare la qualità delle attività di interfaccia tra cliente e organizzazione. SERVIZIO PROCESSI ESECUTIVI PERSONE COMPONENTI STRUTTURALI PRODOTTI ASSOCIATI Mystery auditing

3 Chi commissiona / usa il Mystery? BANCHE AUTOMOTIVE RETAIL (GDO/LUSSO) RISTORAZIONE TELEFONIA MOBILE Trenitalia, Poste italiane e molti, moltialtri.

4 Perché un azienda sceglie di investire in Mystery? Disporre di dati e informazioni per: -il CRM -elaborare nuove strategie e progetti di miglioramento -progettare/allenare l organizzazione e le persone al cambiamento Monitorare l applicazione di modelli di servizio e stili di vendita Osservare elementi relazionali fondamentali Verificare l efficacia della formazione effettuata Identificare i nuovi bisogni formativi del personale Organizzare programmi di incentivazione

5 Valenze del Mystery Preventiva/ conoscitiva Conformità(controllo, validazione) Miglioramento Promozionale(strumento di attestazione) Di«missione»

6 Malasanità

7 Quale Qualità? Contenuto Risultati Metodi rigorosi Autoreferenzialità Sham control Immagine Redditività di lungo periodo Qualità reale Miglioramento Efficacia Customer focus Benefici Marchi Qualità «certificata» Redditività fittizia a breve Qualità fittizia Certificazioni SGQ Stazionarietà Burocrazia Internal focus Costi

8 SGQ vs Mystery -Elementi dell ISO 9001:08 -Vs la ISO 9001:15 : alcuni elementi dell ISO/DIS 9001

9 ISO 9001:08 vs Mystery p.ti 8.2.4, : controllare la qualità di un servizio p.to7.5.2:validareunservizio p.to : monitorare il processo di interfaccia con il cliente p.to : monitorare la soddisfazione del cliente

10 p.ti 4.1, : monitorare i servizi in outsourcing p.to : verificare l'efficacia dell'addestramento del personale p.to : condurre efficacemente audit interni p.to8.4,8.1:datiperilmiglioramento p.to 8.5.3: individuare azioni preventive

11 ISO/DIS 9001 Reintroduzione del termine servizio Nella definizione di servizio sono messi in risalto l intangibilità e l interfaccia con il cliente quali caratteristiche che lo distinguono dal prodotto

12 STRUTTURADELLANORMA 4. Contesto dell organizzazione - Comprendere l organizzazione e il suo contesto(4.1) - Comprendere le E&A delle parti interessate(4.2) - DeterminareloscopodelSGQ(4.3) - SGQesuoiprocessi(4.4) 10. Miglioramento - Generalità (10.1) - Non conformità ed azioni correttive (10.2) - Miglioramento continuo (10.3) 5. Leadership - Leadership e commitment (5.1) - Politica della qualità (5.2) - Ruoli organizzativi, responsabilità ed autorità (5.3) 6. Pianificazione per il SGQ - Azioni per affrontare rischi e opportunità(6.1) - Obiettivi per la qualità e pianificazione per raggiungerli(6.2) - Pianificazione dei cambiamenti(6.3) 7. Supporto - Risorse(7.1) - Competenza(7.2) - Consapevolezza(7.3) - Comunicazione(7.4) - Informazione documentata(7. 5) 9. Valutazione delle prestazioni - Monitoraggio, misurazione, analisi e valutazione(9.1) - Audit interni(9.2) - Riesame della direzione(9.3) 8. Operatività - Pianificazione operativa e controllo (8.1) - Determinazione dei requisiti per prodotti e servizi (8.2) - Progettazione e sviluppo di prodotti e servizi ( 8.3) - Controllo dei prodotti e servizi approvvigionati esternamente (8.4) - Produzione e fornitura di servizi (8.5) - Rilascio di prodotti e servizi (8.6) - Controllo degli output dei processi, prodotti e servizi non conformi (8.7) (Traduzione libera)

13 ANNEX A 1. Struttura e terminologia 2. Prodotti e servizi 1. Contesto dell organizzazione 2. Approccio basato sul rischio 3. Applicabilità 4. Informazione documentata 5. Conoscenza organizzativa 6. Controllo dei prodotti e servizi approvvigionati esternamente

14 Informazione documentata -Mantenere (mantain) informazioni documentate : es. procedure documentate -Trattenere (retain) informazioni documentate : registrazione

15 Qualche considerazione 4.1 Understanding the organization and its context 4.2 Understanding the needs and expectations of interested parties ( ) shall monitor and review the information aboutthese..

16 4.4 Quality management system and its processes ( ) shall determine: f) the risks and opportunities ( ) g) methods for monitoring, measuring, as appropriate, and evaluation of processes( ) Mystery come metodo di analisi preventiva

17 5.1.2 Customer focus ( ) ensuring that: b) the risk ( ) that can affect conformity of services and the ability to enhance c.s. are determined and addressed; c) the focus of consistently providing services that meet customer ( ) requirements is mantained Mystery come metodo di controllo preventivo e di monitoraggio c.s.

18 Laprimaazionedamettereincampoperridurre i rischi da erogazione di servizi scadenti è monitorare i servizi stessi!

19 7.1.5 Monitoring and measuring resources (including people) ( ) shall ensure that the resourcesprovided: a) are suitable for the specific type of monitoring( ) activities being undertaken

20 8.3 Design and development of p. and services ( ) address the whole service delivery process ( ) validation ( ) to ensure that the resulting services are capable of meeting the requirements for the specified application( ) Design and development outputs Mystery come metodo di controllo (validazione progettuale)

21 8.4.2 Type and extent of control of external provision ( ) effectiveness of the controls Control of production and service provision -( ) shall implement controlled conditions for ( ) service provision, including delivery and post-delivery activities -( ) availibility of documented information that definesthe characteristicsof services/ the activities to be performed;

22 -monitoring and measurement activities at appropriate stages to verify that ( ) process output ( ) have been met; -( )periodicrevalidation( ) 8.6Releaseofp.andservices -Evidence of conformity( ) shall be retained

23 9 Performance evaluation -( ) shall determine: a) what ( ) b) the methods for monitoring, measurement, analysis and evaluation(...) -( ) shall evaluate the quality performance 10.3 Continual improvement -( ) shall select and utilise applicable tools and methodologies ( ) for supporting continual improvement

24 ISO 19011:12 La ISO 19011:2012 prevede non un unico modo dicondurregliauditdiparteprimaeseconda:al punto (Selezione dei metodi di audit), si rimarca il fatto che occorre scegliere e determinare i metodi per condurre efficacemente l audit.

25 SGQ e Mystery: resistenze non si conosce la metodologia e i suoi benefici si conosce solo superficialmente la metodologia (idea del solo mystery shopping ) remore psicologiche (timore per «l incognito», per il giudizio) remore di natura economica (non chiaro rapporto costi/benefici)

26 cattiva interpretazione / parziale applicazione dialcunirequisitidellaiso9001periservizi presunzione («non ne ho bisogno», non accettazione di giudizi) fatica a introdurre cambiamenti

27 Linea Guida Conforma FINALITA Quali requisiti è auspicabile possiedano degli efficaci SGQ nelle Organizzazioni che erogano servizi Come valutare con maggiore efficacia e valore aggiunto i SGQ nelle Organizzazioni che erogano servizi, attraverso l utilizzo del Mystery Auditing

28 Linea guida Conforma La linea guida è funzionale: a far conoscere agli OdC, agli auditor, alle Organizzazioni i benefici della metodologia mystery alla proposta di un percorso di integrazione tra gli audit «tradizionali» e gli audit in incognito nell ambito dei SGQ riconosciuto da Accredia

29 Sintesi di alcuni contenuti Il servizio e la sua modalità di erogazione (propri e in outsourcing) vanno descritti in modo puntuale e verificabile (sono un output di progettazione) (requisiti di servizio, requisiti di verifica, modelli di servizio, griglie di valutazione, ) Ogni modello di servizio è diverso ma vi sono, per ogni settore merceologico, dei livelli minimi accettabili

30 Esempi di Fattori di Qualità che raggruppano requisiti omogenei Esempi di settori merceologici ove si applica il mystery auditing Esempi di requisiti specifici nei diversi settori merceologici Allegato A: verifiche mystery nei programmi di audit di parte terza

31 Ogni OdC e ogni valutatore coinvolto nelle valutazioni di SGQ di Organizzazioni di servizio dovrebbe iniziare a richiedere, in occasione degli audit di parte terza, tra i requisiti del SGQ, anche l uso del mystery auditing come strumento di miglioramento, di auditing interno, di validazione, di controllo e monitoraggio,.

32 FOCUS DI ESEMPIO SU ALCUNI SPECIFICI ASPETTI MONITORATI IN INCOGNITO IN ORGANIZZAZIONI NON TRADIZIONALMENTE INTERESSATE AI SGQ

33 BAR Saluto immediato all ingresso del cliente Conoscenza dell inglese: personale che riesce a comunicare/ che lo parla correntemente Il personale sa fornire spiegazioni sugli ingredienti di un prodotto in vendita Panini, tramezzini, ecc. sono identificati con apposito cartellino

34 Il personale sa indicare al cliente dove rivolgersi per avere informazioni turistiche Il personale sa fornire al cliente alcune informazioni base sulle attrazioni del territorio (es. come arrivare ad un museo, ) Il personale che maneggia soldi si lava le mani prima di entrare a contatto con gli alimenti Le tabelle alcolemiche sono esposte in modo visibile

35 Il personale saluta e ringrazia il cliente in uscita I bagni sono adatti ai disabili (accesso, maniglioni, altezza wc) Presenza di copri asse usa e getta o altri sistemi protettivi/sanificanti Presenza di sistemi di risparmio idrico e/o energetico e/o avvisi di sensibilizzazione alla clientela

36 PERCHE NON USARE IL METODO MYSTERY LADDOVE I SGQ SONO CONSOLIDATI?

37 AMBULATORIO fase di attesa Segnaletica per accedere allo sportello informazioni Spiegazioni e funzionalità dispositivo di distribuzione ticket Vestiario (divisa /camice) e identificazione del personale Disponibilità e funzionalità di sistemi hi-tech per l utente

38 Facilitesper utenti (attaccapanni, portaombrelli, distributori bevande, monitor, riviste, giochi bimbi ) Saluto e gentilezza del personale di accettazione al primo contatto Segnaletica per il raggiungimento degli ambulatori Gentilezza del personale incontrato Domande di approfondimento/spiegazione al personale correttamente gestite

39 Adeguatezza rapporto posti a sedere/utenti Rispetto privacy dell utente Facilities nei bagni Tempo di attesa per prestazioni/esami

40 Conclusioni -SGQ e mystery audit: un binomio non solo possibile ma necessario! -Che Qualità dei servizi vogliamo in questo paese?qualefuturoperisgq? -SGQ con focus sull output -Auditor/consulenti come portatori di nuova cultura e nuovi metodi per la qualità -OdC/Accredia attenti ai cambiamenti e alle sfide

41 GRAZIE PER L ATTENZIONE

ISO 9001:2015. Il processo di revisione 16/11/2014. Verso l ISO 9001:2015 gli steps del processo di revisione

ISO 9001:2015. Il processo di revisione 16/11/2014. Verso l ISO 9001:2015 gli steps del processo di revisione ISO 9001:2015 Il processo di revisione 1 Verso l ISO 9001:2015 gli steps del processo di revisione Marzo 2014: meeting ISO a Parigi ha completato la preparazione dell ISO/DIS 9001 (riesame dei commenti

Dettagli

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 I requisiti per la gestione del rischio presenti nel DIS della nuova ISO 9001:2015 Alessandra Peverini Perugia 9/09/2014 ISO

Dettagli

Tanta fatica solo per un bollino ne vale davvero la pena?

Tanta fatica solo per un bollino ne vale davvero la pena? Tanta fatica solo per un bollino ne vale davvero la pena? Relatori: Paolo SFERLAZZA Alberto PERRONE Relatori Paolo Sferlazza Security Advisor CISA,LA27001,LA22301,OPST, COBIT 5, ITIL,LA9001,ISFS, ITSM,ISMA

Dettagli

LA NUOVA ISO 9001:2015

LA NUOVA ISO 9001:2015 Aspettative e confronto con la versione 2008 Vincenzo Paolo Maria Rialdi Lead Auditor IRCA Amministratore Delegato e Direttore Tecnico Vevy Europe S.p.A. 2/9 BREVE STORIA DELLA NORMA ISO 9000 standard

Dettagli

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti.

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti. ERRATA CORRIGE N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) DEL 31 luglio 2009 NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) TITOLO Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti Punto della norma Pagina Oggetto

Dettagli

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015 ISO 9001:2015. Cosa cambia? Innovazioni e modifiche Ing. Massimo Tuccoli Genova, 27 Febbraio 2015 1 Il percorso di aggiornamento Le principali novità 2 1987 1994 2000 2008 2015 Dalla prima edizione all

Dettagli

Le norme della Qualità

Le norme della Qualità Le norme ISO9000 e la loro evoluzione L evoluzione delle ISO 9000 in relazione alla evoluzione delle prassi aziendali per la Qualita 3 Evoluzione della serie ISO 9000 2 1 Rev. 1 ISO 9000 Rev. 2 ISO 9000

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008 COSA CAMBIA

UNI EN ISO 9001:2008 COSA CAMBIA UNI EN ISO 9001:2008 COSA CAMBIA Scopo dell intervento Una panoramica sulle modifiche dell edizione 2008 della ISO 9001 per visualizzare la portata del cambiamento. I primi passi Individuare i cambiamenti

Dettagli

TEMPLATE FOR CC MEMBERS TO SUBMIT QUESTIONS AT THE 22 nd MEETING OF THE EA CERTIFICATION COMMITTEE

TEMPLATE FOR CC MEMBERS TO SUBMIT QUESTIONS AT THE 22 nd MEETING OF THE EA CERTIFICATION COMMITTEE Agenda Item 9 EACC(11)M22Prep-QUESTIONS TEMPLATE FOR CC MEMBERS TO SUBMIT QUESTIONS AT THE 22 nd MEETING OF THE EA CERTIFICATION COMMITTEE WARNING: Documento NON UFFICIALE. Quando disponibile il verbale

Dettagli

Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015

Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015 Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015 Lucio Galdangelo - Fieramilano 02/10/2014 Come cambierà la norma ISO 9001 2015 ISO 9001:2015 2012 New Work Item Proposal per

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008. Confindustria Cuneo

UNI EN ISO 9001:2008. Confindustria Cuneo UNI EN ISO 9001:2008 Confindustria Cuneo 25 Febbraio 2009 1 Accesso alla Documentazione Nel portale di Confindustria Cuneo c è una pagina dedicata ad ogni argomento/servizio ed in questo caso la pagina

Dettagli

La serie di Norme ISO 10000

La serie di Norme ISO 10000 La serie di Norme ISO 10000 Giovanni Mattana Giugno 2010 2 PERCHÉ UNA NUOVA ATTENZIONE ALLA SERIE DI NORME ISO 10000? La Norma Iso EN UNI 9001:2008, in vari punti specifici, ora rimanda alle norme della

Dettagli

Intervento: Autore: LA GESTIONE DELLE COMPETENZE DEGLI AUDITOR SECONDO LA NUOVA NORMA ISO/IEC 17021: 2011. Ing. Valerio Paoletti

Intervento: Autore: LA GESTIONE DELLE COMPETENZE DEGLI AUDITOR SECONDO LA NUOVA NORMA ISO/IEC 17021: 2011. Ing. Valerio Paoletti Intervento: LA GESTIONE DELLE COMPETENZE DEGLI AUDITOR SECONDO LA NUOVA NORMA ISO/IEC 17021: 2011 Autore: Ing. Valerio Paoletti Giugno 2006 nasce in ISO la New Work Item Proposal ISO/IEC 17021 Part 2 Conformity

Dettagli

Per conto di AICQ CN 1 Autore Giovanni Mattana Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici

Per conto di AICQ CN 1 Autore Giovanni Mattana Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici 1 Per conto di AICQ CN 1 Autore Giovanni Mattana Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici PECULIARITÀ DELLA NORMA Il quadro di definizione delle competenze

Dettagli

Gruppo Bureau Veritas

Gruppo Bureau Veritas Gruppo Bureau Veritas Bureau Veritas in sintesi Nato nel 1828 Leader a livello globale per i servizi di verifica di conformità nell ambito della Qualità, Salute e Sicurezza, Ambiente e Responsabilità Sociale

Dettagli

Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009

Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000 Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 1 Agenda Presentazione Le norme della serie ISO/IEC 20000 L IT Service Management secondo

Dettagli

Processo di implementazione e certificazione di un sistema di gestione per la qualità

Processo di implementazione e certificazione di un sistema di gestione per la qualità Processo di implementazione e certificazione di un sistema di gestione per la qualità Bologna, 29 aprile SAFER, SMARTER, GREENER Scenario normativo La prima edizione della norma ISO 9001 è stata pubblicata

Dettagli

Tutte le 3 principali e più diffuse norme sui sistemi di gestione aziendale:

Tutte le 3 principali e più diffuse norme sui sistemi di gestione aziendale: LA REVISIONE DELLE MSS Tutte le 3 principali e più diffuse norme sui sistemi di gestione aziendale: ISO 9001:2008 ISO 14001:2004 BS OHSAS 18001:2007 ISO 9001:2015 ISO 14001:2015 ISO 45001:2016 sono attualmente

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT. Paolo Salvaneschi A9_1 V1.3. Misura

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT. Paolo Salvaneschi A9_1 V1.3. Misura Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A9_1 V1.3 Misura Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio personale e per

Dettagli

Allegato alla Newsletter 005-2014 I REGISTRI AICQ SICEV PER LE PROFESSIONALITÀ

Allegato alla Newsletter 005-2014 I REGISTRI AICQ SICEV PER LE PROFESSIONALITÀ I REGISTRI AICQ SICEV PER LE PROFESSIONALITÀ Milano, 23 Giugno 2014 R. De Pari 1 I REGISTRI AICQ SICEV PER LE PROFESSIONALITÀ CHI SIAMO: AICQ SICEV ASSOCIAZIONE ITALIANA CULTURA QUALITA Sistema di Certificazione

Dettagli

CATALOGO CORSI 2015 OFFERTA FORMATIVA SPECIFICA PER AREE TEMATICHE

CATALOGO CORSI 2015 OFFERTA FORMATIVA SPECIFICA PER AREE TEMATICHE CATALOGO CORSI 2015 OFFERTA FORMATIVA SPECIFICA PER AREE TEMATICHE A quali temi la vostra organizzazione è al momento interessata? TEMI - relativi ai vostri FORNITORI - relativi ai vostri PROCESSI: efficacia,

Dettagli

Skills 4 security: antani? «Le dico solo tre parole... Chief Security Officer»

Skills 4 security: antani? «Le dico solo tre parole... Chief Security Officer» Skills 4 security: antani? «Le dico solo tre parole... Chief Security Officer» La security: esperienza vs conoscenza didattica Cosa può capitare avendone solo una delle due? Esperienza pregressa Conoscenza

Dettagli

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Comitato SGQ Comitato Ambiente Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Mercoledì, 23 febbraio 2005 - Palazzo FAST (Aula Morandi) Piazzale Morandi, 2 - Milano E' una

Dettagli

La Business Continuity in SIA

La Business Continuity in SIA Scopo del documento: Il presente documento descrive come SIA sviluppa, implementa e mantiene il proprio Sistema di Gestione della Continuità Operativa, in applicazione di quanto descritto nelle Linee Guida

Dettagli

La nuova edizione della Norma ISO 9001. Roma, 26 marzo 2014 - Relatore: Nicola GIGANTE

La nuova edizione della Norma ISO 9001. Roma, 26 marzo 2014 - Relatore: Nicola GIGANTE La nuova edizione della Norma ISO 9001 Roma, 26 marzo 2014 - Relatore: Nicola GIGANTE 1 Obiettivi Questa presentazione intende offrire una panoramica sui cambiamenti e sui probabili impatti della revisione

Dettagli

ISO Revisions Whitepaper

ISO Revisions Whitepaper ISO Revisions ISO Revisions ISO Revisions Whitepaper Processi e procedure Verso il cambiamento Processo vs procedura Cosa vuol dire? Il concetto di gestione per processi è stato introdotto nella versione

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Qualification Program in Information Security Management according to ISO/IEC 27002. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009

Qualification Program in Information Security Management according to ISO/IEC 27002. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 Qualification Program in Information Security Management according to ISO/IEC 27002 Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 1 Agenda Presentazione Le norme della serie ISO/IEC 27000 La sicurezza delle

Dettagli

Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente

Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente Università degli Studi di Palermo Prof. Gianfranco Rizzo Energy Manager dell Ateneo di Palermo Plan Do Check Act (PDCA) process. This cyclic

Dettagli

La Business Continuity in SIA

La Business Continuity in SIA Scopo del documento: Il presente documento descrive come SIA sviluppa, implementa e mantiene il proprio Sistema di Gestione della Continuità Operativa, in applicazione di quanto descritto nelle Linee Guida

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Sistemi elettronici per la sicurezza dei veicoli: presente e futuro. Il ruolo della norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale

Sistemi elettronici per la sicurezza dei veicoli: presente e futuro. Il ruolo della norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale 18 aprile 2012 Il punto di vista dell OEM sulla norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale dei veicoli: la sfida dell integrazione nei processi aziendali Marco Bellotti Functional Safety Manager Contenuti

Dettagli

CRESCE L ATTENZIONE AL RISK MANAGEMENT; ANCHE LA COMPETENZA?

CRESCE L ATTENZIONE AL RISK MANAGEMENT; ANCHE LA COMPETENZA? Qualità 4-2013 CRESCE L ATTENZIONE AL RISK MANAGEMENT; ANCHE LA COMPETENZA? Giovanni Mattana IL CONTESTO Scrivevamo due anni fa che il Risk Management porta a fattor comune molti aspetti finora trattati

Dettagli

Premessa Entro la fine dell anno è prevista la pubblicazione della norma ISO 9001:2015 e della ISO 14001:2015.

Premessa Entro la fine dell anno è prevista la pubblicazione della norma ISO 9001:2015 e della ISO 14001:2015. Att.: A tutti gli Organsimi accreditati SGQ e SGA Ns. rif.: DC2015SPM110 Milano, 21/04/2015 Oggetto: Dipartimento di Certificazione e Ispezione Accredia Circolare n. 13/2015 Transizione alla norma ISO

Dettagli

IL BS7799 ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI. Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it BS 7799. Sistemi Informativi S.p.A.

IL BS7799 ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI. Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it BS 7799. Sistemi Informativi S.p.A. IL BS7799 Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it Sistemi Informativi S.p.A. ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI Sistemi Informativi S.p.A. 2 ATTIVITA DELLA SECURITY STUDIO, SVILUPPO ED

Dettagli

correzione, verifica e validazione dei risultati

correzione, verifica e validazione dei risultati Università degli Studi di Padova Scuola di Specializzazione in Biochimica Clinica (A.A. 2005-2006) INDIRIZZI: DIAGNOSTICO E ANALITICO TECNOLOGICO Biochimica Clinica e Biologia Molecolare Clinica: automazione

Dettagli

www.fire-italia.org Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona

www.fire-italia.org Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona La norma ISO 50001 Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona I problemi dell energy management Fondamentalmente l EM è richiesto per risparmiare sui costi aziendali. Costi sempre

Dettagli

ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO

ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO IAF Mandatory Document For Assessment of Certification Body Management of Competence in Accordance with ISO/IEC 17021:2011 ACCREDIA - Venerdì 25 Maggio 2012 Emanuele

Dettagli

ISO 27001:2005 ISMS Rischi ed Opportunità Nell approccio certificativo. INFOSECURITY - Verona - 2006 05 09 1

ISO 27001:2005 ISMS Rischi ed Opportunità Nell approccio certificativo. INFOSECURITY - Verona - 2006 05 09 1 ISO 27001:2005 ISMS Rischi ed Opportunità Nell approccio certificativo INFOSECURITY - Verona - 2006 05 09 1 INFOSECURITY - Verona - 2006 05 09 2 Fornitori Istituzioni Clienti Sicurezza delle Informazioni

Dettagli

Standard ISO/IEC 270xx. Milano, 10 novembre 2011

Standard ISO/IEC 270xx. Milano, 10 novembre 2011 Standard ISO/IEC 270xx Milano, 10 novembre 2011 1 Agenda Presentazione relatore Introduzione agli standard ISO/IEC 27k La norma ISO/IEC 27001 in (molto) breve La certificazione ISO/IEC 27001 Gli standard

Dettagli

LA NUOVA ISO 9001:2008 Seminario AICQ Tosco-Ligure 20 febbraio 2009, Genova

LA NUOVA ISO 9001:2008 Seminario AICQ Tosco-Ligure 20 febbraio 2009, Genova LA NUOVA ISO 9001:2008 Seminario AICQ Tosco-Ligure 20 febbraio 2009, Genova IL RUOLO DEGLI ENTI DI CERTIFICAZIONE Tiziana Spreafico Bureau Veritas Italia ISO 9001 Revisione periodica ISO 9001:2008 Revisione

Dettagli

La Governance come strumento di valorizzazione dell'it verso il business

La Governance come strumento di valorizzazione dell'it verso il business La Governance come strumento di valorizzazione dell'it verso il business Livio Selvini HP IT Governance Senior Consultant Vicenza, 24 novembre Hewlett-Packard Development Company, L.P. The information

Dettagli

Aprile 2015 Global Unit Technology & Services SAFER, SMARTER, GREENER

Aprile 2015 Global Unit Technology & Services SAFER, SMARTER, GREENER Breve presentazione su: - High Level Structure delle ISO per gli standard del sistema di gestione - Principali cambiamenti nel DIS 9001:2015 e DIS 14001:2015 - Piano per la revisione e il periodo di transizione

Dettagli

La condensazione della nuvola

La condensazione della nuvola La condensazione della nuvola BS ISO/IEC 27001: 2005 e cloud computing Come si trattano i gas? Rendendoli liquidi Comprimendoli e inserendoli in contenitori CONDENSANDOLI allora possono essere trattati,

Dettagli

La diagnosi energetica: un'opportunità per le imprese Daniele Forni, FIRE

La diagnosi energetica: un'opportunità per le imprese Daniele Forni, FIRE La diagnosi energetica: un'opportunità per le imprese Daniele Forni, FIRE Invertire il TREND: l industria diventa efficiente 4 ottobre 2012, Milano Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale

Dettagli

ESPERIENZE DI ESECUZIONE DI GAP ANALYSIS E RELATIVI PIANI DI ADEGUAMENTO ALLA ISO 26262 9 Automotive Software Workshop. Ernesto Viale 1 Dicembre 2011

ESPERIENZE DI ESECUZIONE DI GAP ANALYSIS E RELATIVI PIANI DI ADEGUAMENTO ALLA ISO 26262 9 Automotive Software Workshop. Ernesto Viale 1 Dicembre 2011 ESPERIENZE DI ESECUZIONE DI GAP ANALYSIS E RELATIVI PIANI DI ADEGUAMENTO ALLA ISO 26262 9 Automotive Software Workshop Ernesto Viale 1 Dicembre 2011 Skytechnology srl Skytechnology è una società di ingegneria,

Dettagli

Corso di Qualificazione per. Auditor Interni. dei. Sistemi di Gestione per la Qualità UNI EN ISO 9001:2008 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE

Corso di Qualificazione per. Auditor Interni. dei. Sistemi di Gestione per la Qualità UNI EN ISO 9001:2008 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE Corso di Qualificazione per Auditor Interni dei Sistemi di Gestione per la Qualità UNI EN ISO 9001:2008 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE Responsabile del progetto formativo: Dott. Ing. Antonio Razionale Tutor:

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

GReening business through the Enterprise Europe Network

GReening business through the Enterprise Europe Network GReening business through the Enterprise Europe Network Energy Management System UNI 14064 Audit Energetici Romano Selva, SOGESCA srl European Commission Enterprise and Industry UNI CEI EN 16001:2009 I

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

ISO 27000 family. La GESTIONE DEI RISCHI Nei Sistemi di Gestione. Autore: R.Randazzo

ISO 27000 family. La GESTIONE DEI RISCHI Nei Sistemi di Gestione. Autore: R.Randazzo ISO 27000 family La GESTIONE DEI RISCHI Nei Sistemi di Gestione Autore: R.Randazzo La Norme che hanno affrontato il Tema della gestione dei rischi Concetto di Rischio Agenda Il Rischio all interno della

Dettagli

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it IS Governance Francesco Clabot Consulenza di processo francesco.clabot@netcom-srl.it 1 Fondamenti di ISO 20000 per la Gestione dei Servizi Informatici - La Norma - 2 Introduzione Che cosa è una norma?

Dettagli

Information Security (ISO/IEC 27001) e IT Service Management (ISO/IEC 20000-1)

Information Security (ISO/IEC 27001) e IT Service Management (ISO/IEC 20000-1) Information Security (ISO/IEC 27001) e IT Service Management (ISO/IEC 20000-1) Analisi delle interdipendenze e delle opportunità di integrazione dei due standard secondo la ISO/IEC FDIS 27013 17/09/2012

Dettagli

Occupational Health and Safety Assessment Series OHSAS 18001: 1999

Occupational Health and Safety Assessment Series OHSAS 18001: 1999 OHSAS 18001:1999 Sistemi di Gestione della tutela della salute e della sicurezza sul posto di lavoro Specifiche Traduzione in lingua italiana dei principali riferimenti,per esclusivo uso interno. Il presente

Dettagli

Copyright SDA Bocconi Elisa Pozzoli - Gianluca Salviotti

Copyright SDA Bocconi Elisa Pozzoli - Gianluca Salviotti L adozione di COBIT come strumento di IS Governance. Stato dell arte, risultati e fattori critici di successo nelle esperienze analizzate. Elisa Pozzoli, Gianluca Salviotti Copyright SDA Bocconi Elisa

Dettagli

Nuovo Impulso per la Sicurezza delle Informazioni con la Revisione delle Norme

Nuovo Impulso per la Sicurezza delle Informazioni con la Revisione delle Norme Rubrica Nuovo Impulso per la Sicurezza delle Informazioni con la Revisione delle Norme A. Piva - A. Rampazzo Le informazioni sono cruciali per il funzionamento e talvolta persino per la sopravvivenza di

Dettagli

IS Governance in action: l esperienza di eni

IS Governance in action: l esperienza di eni IS Governance in action: l esperienza di eni eni.com Giancarlo Cimmino Resp. ICT Compliance & Risk Management Contenuti L ICT eni: mission e principali grandezze IS Governance: il modello organizzativo

Dettagli

FAQ della 4 Edizione delle Regole per il Raggiungimento e il Mantenimento del Riconoscimento IATF

FAQ della 4 Edizione delle Regole per il Raggiungimento e il Mantenimento del Riconoscimento IATF FAQ della 4 Edizione delle per il Raggiungimento e il Mantenimento del Riconoscimento IATF Le per il raggiungimento e il mantenimento del Riconoscimento IATF, 4 Edizione per l ISO/TS 16949 ( 4 Edizione),

Dettagli

VISION 2000 VISION 2000

VISION 2000 VISION 2000 VISION 2000 dalle QUALITA? ISO 9000 alle VISION 2000 SOMMARIO Aspetti generali, architettura e caratteristiche delle norme Evoluzione dei contenuti Ricadute sui processi di certificazione Applicazione

Dettagli

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007 La struttura della ISO 26000 Antonio Astone 26 giugno 2007 Description of operational principles (1/2) Operational principles guide how organizations act. They include: Accountability an organization should

Dettagli

e qualità della produzione nell automotive

e qualità della produzione nell automotive PRODUZIONE AUTOMOTIVE Certificazione ISO/TS e qualità della produzione nell automotive Immagine Fiat di Fabrizio Crosta e Sergio Pio Angelillis Grazie all introduzione di un sistema software integrato

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL C

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL C Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL C Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

Studio I ng. Fab. rizio Di Crosta AGIRE 10/12/2008 1

Studio I ng. Fab. rizio Di Crosta AGIRE 10/12/2008 1 AGIRE 10/12/2008 1 Sommario 1.Perché misurare? 2.I KPI 3.Le Balanced Scorecard 4.Gli indicatori nelle ISO 9000:2008 5.Gli indicatori nel sistema di gestione 6.Esempi di indici 10/12/2008 2 Il contesto

Dettagli

PMBOK Guide 3 rd Edition 2004

PMBOK Guide 3 rd Edition 2004 PMBOK Guide 3 rd Edition 2004 Un modello di riferimento per la gestione progetti a cura di Tiziano Villa, PMP febbraio 2006 PMI, PMP, CAPM, PMBOK, PgMP SM, OPM3 are either marks or registered marks of

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino clelia.lombardi@lab-to.camcom.it Criteri microbiologici nei processi produttivi della ristorazione: verifica

Dettagli

La normativa tecnica per le diagnosi energetiche

La normativa tecnica per le diagnosi energetiche La normativa tecnica per le diagnosi energetiche Fare efficienza con gli strumenti giusti Antonio Panvini Comitato Termotecnico Italiano 23 aprile 2015 Diagnosi energetica: obbligo o convenienza? Non lo

Dettagli

BUSINESS DEVELOPMENT MANAGEMENT

BUSINESS DEVELOPMENT MANAGEMENT BUSINESS DEVELOPMENT MANAGEMENT BUSINESS DEVELOPMENT MANAGEMENT 1 Sviluppare competenze nel Singolo e nel Gruppo 2 Creare Sistemi per la gestione delle attività del Singolo nel Gruppo 3 Innescare dinamiche

Dettagli

GIOVEDI 12 LUGLIO 2012 - ORE 18.00

GIOVEDI 12 LUGLIO 2012 - ORE 18.00 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI TORINO Via Giovanni Giolitti, 1 10123 Torino Tel. 011.562.24.68 Fax 011.562.13.96 ordine.ingegneri@ording.torino.it - ordine.torino@ingpec.eu - www.ording.torino.it

Dettagli

SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site

SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site La Tecnologia evolve velocemente ed anche gli esperti IT più competenti hanno bisogno di una formazione costante per tenere il passo Come

Dettagli

NUOVE E CONCRETE POTENZIALITA DI LAVORO NEL SETTORE ENERGETICO

NUOVE E CONCRETE POTENZIALITA DI LAVORO NEL SETTORE ENERGETICO A seguite delle ultime norme emanate nel campo energetico, il gruppo IngegnerinMovimento ha il piacere di invitarti all evento: NUOVE E CONCRETE POTENZIALITA DI LAVORO NEL SETTORE ENERGETICO LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

International Organization for Standardization. International Organization for Standardization. www.iso.org

International Organization for Standardization. International Organization for Standardization. www.iso.org International Organization for Standardization www.iso.org 1 Sistemi di Gestione della Qualità: il Modello ISO Daniele Gerundino Strategic Adviser to the Secretary-General Perugia, La qualità negli atenei

Dettagli

La governance dei Servizi IT con COBIT, ITIL e ISO/IEC 20000

La governance dei Servizi IT con COBIT, ITIL e ISO/IEC 20000 La governance dei Servizi IT con COBIT, ITIL e ISO/IEC 20000 Autore: Maxime Sottini Consigliere itsmf Italia itsmf International IQC Officer CEO icons Innovative Consulting S.r.l. COBIT è un marchio registrato

Dettagli

Introduzione a COBIT 5 for Assurance

Introduzione a COBIT 5 for Assurance Introduzione a COBIT 5 for Assurance Andrea Pontoni 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 Agenda Obiettivi Assurance Definizione Drivers dell Assurance Vantaggi di

Dettagli

Umbra Cuscinetti. Quality Supplier Requirements

Umbra Cuscinetti. Quality Supplier Requirements Pagina: 1 di 5 Distribuzione controllata / Controlled Distribution Ciclo di Vita / Life cycle Redatto / Revisionato: Verificato: Approvato: M. Tozzi P.Trasciatti G. Sturniolo Indice Revisioni / Revision

Dettagli

CRESCE, NELL ISO, IL PESO DELLE RU:

CRESCE, NELL ISO, IL PESO DELLE RU: Qualità 3 2013 CRESCE, NELL ISO, IL PESO DELLE RU: la nuova ISO 10018 e il nuovo TC 260 Giovanni Mattana, Presidente Commissione UNI Gestione Qualità e Metodi Statistici A supporto di tale affermazione

Dettagli

Osservatorio P 3 MO. Il PMO come strumento di diffusione ed enforcement della cultura di Project Management

Osservatorio P 3 MO. Il PMO come strumento di diffusione ed enforcement della cultura di Project Management 10-dic-2008 Osservatorio P 3 MO Il PMO come strumento di diffusione ed enforcement della cultura di Project Management Oscar Pepino Consigliere Esecutivo Reply S.p.A. 2 Sommario Gruppo Reply - scenario

Dettagli

MASTER GESTIONE INTEGRATA

MASTER GESTIONE INTEGRATA MASTER GESTIONE INTEGRATA ESPERTI in SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE: QUALITA, AMBIENTE E SICUREZZA ISO serie 9000, ISO serie 14000, OHSAS 18001, OHSAS 18002, ISO 22000, ISO 27001, Reg. EMAS, ISO 19011,

Dettagli

CERTIFICATO N. TS/271/95 CERTIFICATE No. MARTOR S.P.A. ISO/TS16949:2009 VIA XX SETTEMBRE, 12 10121 TORINO (TO) ITALIA

CERTIFICATO N. TS/271/95 CERTIFICATE No. MARTOR S.P.A. ISO/TS16949:2009 VIA XX SETTEMBRE, 12 10121 TORINO (TO) ITALIA TS/271/95 SI CERTIFICA CHE IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ DI IT IS HEREBY CERTIFIED THAT THE QUALITY MANAGEMENT SYSTEM OF sistemi di gestione aziendale. CISQ è membro di IQNET. CISQ is the Italian

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 1

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 1 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 1 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici ITSM

Dettagli

The information contained in this document belongs to ignition consulting s.r.l. and to the recipient of the document. The information is strictly

The information contained in this document belongs to ignition consulting s.r.l. and to the recipient of the document. The information is strictly The information contained in this document belongs to ignition consulting s.r.l. and to the recipient of the document. The information is strictly linked to the oral comments which were made at its presentation,

Dettagli

Regole per ottenere il riconoscimento IATF, 2 edizione, FAQ

Regole per ottenere il riconoscimento IATF, 2 edizione, FAQ Regole per ottenere il riconoscimento IATF, 2 edizione, FAQ Le Regole per ottenere il riconoscimento IATF, 2 edizione, sono state pubblicate nel 2004. Le seguenti FAQ sono state definite ed approvate da

Dettagli

Sistema Gestione dei Rischi

Sistema Gestione dei Rischi Sistema Gestione dei Rischi Applicazioni in Farmacovigilanza Annamaria Paparella Quality Assurance Manager General Management Takeda Italia Farmaceutici S.p.A Congresso GIQAR 4-5 Giugno 2009 Rischio e

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO: IL SIGNIFICATO, L URGENZA, LE TECNICHE E IL PROCESSO PER REALIZZARLO

IL MIGLIORAMENTO: IL SIGNIFICATO, L URGENZA, LE TECNICHE E IL PROCESSO PER REALIZZARLO WORKSHOP LA GESTIONE TOTALE DELLA QUALITA IL MIGLIORAMENTO: IL SIGNIFICATO, L URGENZA, LE TECNICHE E IL PROCESSO PER REALIZZARLO GIOVANNI MATTANA Palazzo Torriani 29 novembre 2007 EVOLUZIONE DEI MODELLI

Dettagli

Il Capability Maturity Model CMM. Il Capability Maturity Model. Il concetto di maturità (2) Il concetto di capability. Rapporti tra i livelli

Il Capability Maturity Model CMM. Il Capability Maturity Model. Il concetto di maturità (2) Il concetto di capability. Rapporti tra i livelli Il Capability Maturity Model Il Capability Maturity Model CMM Il SW-CMM (SW - Capability Maturity Model) definisce un modello dei processi di sviluppo del software e un insieme di regole per il loro miglioramento.

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

brave0@virgilio.it / brave076@gmail.com

brave0@virgilio.it / brave076@gmail.com C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome ROSSI ALESSIO Indirizzo 242A, VIA DEL TRULLO, 00148, ROMA, ITALIA Telefono 066572903-3487284184 E-mail brave0@virgilio.it / brave076@gmail.com

Dettagli

Preaudit Sicurezza / Ambiente. General Risk Assessment

Preaudit Sicurezza / Ambiente. General Risk Assessment General Risk Assessment Conduzione di un General Risk Assessment in coerenza con i requisiti ISO 9001:2015. nel 2015 verrà pubblicata la nuova UNI EN ISO 9001 che avrà sempre più un orientamento alla gestione

Dettagli

Project Management e Business Analysis: the dynamic duo. Firenze, 25 Maggio 2011

Project Management e Business Analysis: the dynamic duo. Firenze, 25 Maggio 2011 Project Management e Business Analysis: the dynamic duo Firenze, 25 Maggio 2011 Grazie! Firenze, 25 Maggio 2011 Ing. Michele Maritato, MBA, PMP, CBAP 2 E un grazie particolare a www.sanmarcoinformatica.it

Dettagli

DIAGNOSI ENERGETICA. Quadro normativo. Carmen Lavinia Unità Tecnica Efficienza Energetica Servizio Efficienza Energetica Attività Produttive

DIAGNOSI ENERGETICA. Quadro normativo. Carmen Lavinia Unità Tecnica Efficienza Energetica Servizio Efficienza Energetica Attività Produttive DIAGNOSI ENERGETICA Carmen Lavinia Unità Tecnica Efficienza Energetica Servizio Efficienza Energetica Attività Produttive Quadro normativo ENEA sede, 17 giugno 2015 Sommario Direttiva 2012/27/UE Dlgs 102/2014

Dettagli

Privacy e Sicurezza delle Informazioni

Privacy e Sicurezza delle Informazioni Privacy e Sicurezza delle Informazioni Mauro Bert GdL UNINFO Serie ISO/IEC 27000 Genova, 18/2/2011 Ente di normazione federato all UNI (Ente Nazionale Italiano di Unificazione) Promuove e partecipa allo

Dettagli

Qualità è il grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti (UNI EN ISO 9000:2005)

Qualità è il grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti (UNI EN ISO 9000:2005) La Qualità secondo ISO Qualità è l insieme delle proprietà e delle caratteristiche di un prodotto o di un servizio che conferiscono ad esso la capacità di soddisfare esigenze espresse o implicite (UNI

Dettagli

L edizione 2015 della norma ISO 9001

L edizione 2015 della norma ISO 9001 Incontro di aggiornamento per gli Ispettori ACCREDIA e per gli Organismi accreditati. L edizione 2015 della norma ISO 9001 MILANO 25 Settembre 2015 Nicola GIGANTE Principali obiettivi Fornire una visione

Dettagli

TECNICHE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

TECNICHE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Per conto di AICQ CN 1 - Autore Giovanni Mattana - Consigliere di Giunta AICQ CN Presidente della Commissione UNI per i Sistemi di Qualità La norma è intesa come un supporto per la Iso 31000 e fornisce

Dettagli

Gennaio - Dicembre 2015 31/07/2015

Gennaio - Dicembre 2015 31/07/2015 Gennaio - Dicembre 2015 31/07/2015 31/07/2015 Sostenibilità Standard Corso Prezzo GG. GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE ISO 20121 Eventi sostenibili Implementing

Dettagli

UNICA nasce dal desiderio di vedere la sicurezza come valore nella vita di ognuno e come condizione necessaria per una realtà lavorativa sana e di

UNICA nasce dal desiderio di vedere la sicurezza come valore nella vita di ognuno e come condizione necessaria per una realtà lavorativa sana e di UNICA nasce dal desiderio di vedere la sicurezza come valore nella vita di ognuno e come condizione necessaria per una realtà lavorativa sana e di successo. Non solo come risposta ad un adempimento di

Dettagli

L evoluzione del Processo di Enterprise Risk Management nel Gruppo Telecom Italia

L evoluzione del Processo di Enterprise Risk Management nel Gruppo Telecom Italia GRUPPO TELECOM ITALIA Roma, 17 giugno 2014 L evoluzione del Processo di Enterprise Risk Management nel Gruppo Telecom Italia Dirigente Preposto ex L. 262/05 Premessa Fattori Esogeni nagement - Contesto

Dettagli

PREMESSA. La norma ISO 50001, Energy management systems - Requirements with guidance for use, è stata sviluppata dall ISO Project Committee ISO/PC 242

PREMESSA. La norma ISO 50001, Energy management systems - Requirements with guidance for use, è stata sviluppata dall ISO Project Committee ISO/PC 242 PREMESSA. L'esigenza di una gestione più attenta e razionale dell'energia ha spinto diverse nazioni ad elaborare standard nazionali volontari, tra le quali anche gli Stati Uniti con MSE 2000:2005, introducendo

Dettagli

MODULO 1: Definizione del CONTESTO Interno ed Esterno dell Organizzazione dell Azienda alla luce Data

MODULO 1: Definizione del CONTESTO Interno ed Esterno dell Organizzazione dell Azienda alla luce Data Aicq Tosco Ligure, in collaborazione con AICQ Formazione, AICQ Sicev e Accredia, è lieta di presentare il corso di formazione per l aggiornamento sulla nuova ISO 9001-2015 al quale potranno partecipare

Dettagli

Quality gate. Sono eventi programmati regolarmente e condotti seguendo una procedura standard

Quality gate. Sono eventi programmati regolarmente e condotti seguendo una procedura standard Quality gate Nei punti chiave del processo di sviluppo del software, viene integrato un insieme di quality gate per monitorare la qualità del prodotto intermedio prima che quest ultimo possa passare al

Dettagli

Processi di Gestione dei Sistemi ICT

Processi di Gestione dei Sistemi ICT Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A3_1 V1.1 Processi di Gestione dei Sistemi ICT Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli