Luglio 1994 Diploma di Ragioniere e Perito Commerciale conseguito presso ITC G. Salvemini di Latina con la votazione di 42/60

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Luglio 1994 Diploma di Ragioniere e Perito Commerciale conseguito presso ITC G. Salvemini di Latina con la votazione di 42/60"

Transcript

1 /XFLD9HWLFD,QIRUPD]LRQL SHUVRQDOL,VWUX]LRQH Stato civile: nubile Nazionalità: italiana Data di nascita: 16 Settembre 1975 Luogo di nascita: Latina Residenza: Via Congiunte Sx, Latina Scalo (LT) Telefono: 0773/ Cellulare: 328/ Luglio 1994 Diploma di Ragioniere e Perito Commerciale conseguito presso ITC G. Salvemini di Latina con la votazione di 42/60 Aprile 2002 Laurea in Economia e Commercio conseguita presso l Università degli Studi di Roma La Sapienza con la votazione di 102/110 discutendo la tesi in Tecnica Bancaria (Costi e Ricavi Bancari) dal titolo Il Rischio Operativo: Gestione e Allocazione del Capitale, relatore Prof.ssa Irene Misucci &RQRVFHQ]H LQIRUPDWLFKH /LQJXHVWUDQLHUH 2ELHWWLYL Internet Explorer e discreta conoscenza dei principali pacchetti Microsoft Office quali Word, Excel Conoscenza della lingua inglese a livello scolastico Conoscenza della lingua francese a livello scolastico Disponibile ad operare in gruppo, mi auguro di migliorare e progredire le conoscenze tecniche fino ad oggi acquisite come teoria ma che spero presto di poter mettere in pratica Autorizzo al trattamento dei dati personali da me trasmessi in conformità alle disposizioni della Legge 675/96 1

2 8QLYHUVLWjGHJOL6WXGLGL5RPD³/D6DSLHQ]D Facoltà di Economia &RUVRGLODXUHDLQ(FRQRPLDH&RPPHUFLR 6HGHGL/DWLQD Tesi di laurea in TECNICA BANCARIA (COSTI E RICAVI BANCARI) 5,6&+,223(5$7,92*(67,21(($//2&$=,21( '(/&$3,7$/( Relatore: Laureando: Prof. ssa Irene Misucci Lucia Vetica ANNO ACCADEMICO 2000/2001 2

3 ,1',&(,QWURGX]LRQH &$3,72/2,5,6&+,23(5$7,9,'(// $77,9,7$ %$1&$5,$ 1(// (92/8=,21(3,8 5(&(17( /LQHHHYROXWLYHQHOODGHILQL]LRQHGL ULVFKLRRSHUDWLYRGDOO $FFRUGR GL%DVLOHDGHODGRJJL /HSULQFLSDOLSUREOHPDWLFKHLQHUHQWL L5LVFKL2SHUDWLYL &ODVVLILFD]LRQHGHL5LVFKL2SHUDWLYL,52QHOTXDGURUHJRODPHQWDUH QD]LRQDOHHLQWHUQD]LRQDOH &RQVLGHUD]LRQLDPDUJLQHGHOODFULVLGHOOD%DULQJV / HIIHWWRGHLULVFKLRSHUDWLYL 6XOO HTXLOLEULRHFRQRPLFR 6XOODIRUPD]LRQHGHOFDSLWDOHHFRQRPLFR 5LVFKLRSHUDWLYLHDOORFD]LRQHGHOFDSLWDOH,OVLVWHPDGLDOORFD]LRQHGHOFDSLWDOH 0RGHOOLGLPLVXUD]LRQHGHOFDSLWDOH D$QDOLVLGHOODGLVWULEX]LRQHGHOOHSHUGLWHSDVVDWH E%XVLQHVV%R[$SSURDFK F&DSP G0RGHOOLFDXVDOLGLQDPLFL &$3,72/2 /(0(72'2/2*,(',0,685$=,21('(/ 5(48,6,723$75,021,$/(3(5,/5,6&+,2 23(5$7,92 3UHPHVVD $SSURFFLRGHOO,QGLFDWRUH6HPSOLFH $SSURFFLR6WDQGDUG $GYDQFHG0HDVXUHPHQW$SSURDFK$0$ 2ULHQWDPHQWLPHWRGRORJLFLDOO 2SHUDWLRQDO ULVNPDQDJHPHQW 3

4 $SSURFFLRTXDOLWDWLYR $SSURFFLRTXDQWLWDWLYR $SSHQGLFHQ,GDWDEDVHGHOOHSHUGLWH $VVHWWLRUJDQL]]DWLYLSHUO 2SHUDWLRQDO ULVNPDQDJHPHQW 7UDVIHULPHQWRHILQDQ]LDPHQWRGHOULVFKLR &$3,72/2,/6,67(0$'(,&21752//, 3UHPHVVD,OVLVWHPDGHLFRQWUROOLLQWHUQL,WUHOLYHOOLGHOFRQWUROOR,SDUDGLJPLSHUXQ$XGLWDEDVVRFRVWR HDGHOHYDWRYDORUHDJJLXQWR,OPRGHOORSURSRVWR,OFRQWUROOR)LUPZLGH/DVSHFLDOL]]D]LRQH / RUJDQL]]D]LRQHGHOO,QWHUQDO$XGLW D/ XQLWjGHLULVFKL E/DVHJUHWHULDRUJDQL]]DWLYD F/DIXQ]LRQHGLFRQWUROORDGLVWDQ]D G/DIXQ]LRQHGLFRQWUROORLQORFR &RQFOXVLRQL &$3,72/2 (63(5,(1=($=,(1'$/,(63(5,0(17$=,21, &21'277(1(/&2562'(//$352*(77$=,21(', $352 &DVR$ &DVR% &DVR& 9DOXWD]LRQHGHOODULVFKLRVLWjRSHUDWLYD SHUODOLQHD&RUSRUDWH 6SHULPHQWD]LRQHPHWRGRORJLFD$352 DSSOLFDWDDOSURFHVVRJHVWLRQHLQFDVVL HDPHQWL 2UGLQLGDFOLHQWHODQRQTXDOLILFDWD QHJR]LDWLLQFRQWRSURSULR %LEOLRJUDILD 4

5 5LVFKLR2SHUDWLYR*HVWLRQHHDOORFD]LRQHGHOFDSLWDOH Obiettivo del lavoro di tesi è l esame delle principali problematiche inerenti ai rischi operativi (RO), al fine di sviluppare una strategia di rischio integrata, generare una maggiore consapevolezza interna e divenire un riferimento per l innovazione interna o la best practice. La necessità di affrontare in una nuova prospettiva il fenomeno delle perdite operative è di recente molto sentita in ambito interbancario per quanto non si tratti di una nuova tipologia di rischio: da sempre le banche hanno investito in misure atte a prevenire o mitigare le perdite operative. Esiste, semmai, una maggiore attenzione al RO in un contesto caratterizzato da un più alto livello di complessità gestionale e da una più forte tensione al raggiungimento degli obiettivi in una situazione di elevata concorrenzialità. Il lavoro è stato strutturato in 4 capitoli. Nel SULPRFDSLWRORsi delinea lo stato dell arte del dibattito innescato dalla proposta del Comitato di Basilea e si descrivono le principali tecniche di misurazione del requisito di capitale sviluppatesi nell industria dell intermediazione finanziaria prima dell introduzione del Nuovo Accordo di Basilea del gennaio In particolare si è dimostrato come, pur in assenza di una definizione univoca di rischio operativo (RO), le riflessioni condotte nel periodo più recente hanno avuto il merito di contribuire ad accrescere la consapevolezza dell importanza di tale categoria di rischi. La gestione dei rischi ha ripercussioni sull utile dell esercizio e sul capitale economico aziendale. Dette grandezze, determinanti per l apprezzamento dell impresa da parte del mercato, possono essere correttamente determinate solo se si dispone di informazioni adeguate sul posizionamento specifico nella scala delle rischiosità possibili. Le informazioni, necessarie per tutte le categorie di rischi, diventano indispensabili per la categoria dei RO che peraltro è quella più ampia, destinata ad allargarsi con il mutare del contesto raccogliendo tipicità diverse da gestire in maniera differente. La rischiosità operativa è in forte crescita e, in numerosi casi, si è dimostrata la causa di gravi perdite e di situazioni di crisi. E stato osservato infatti che le perdite più consistenti sono riconducibili al non completo svolgimento dei processi operativi (RO: omessa o incompleta rilevazione/registrazione di fatti aziendali) nella realizzazione di attività finanziarie (rischi di mercato). Nella realtà è la manifestazione concomitante di RO con quelli di mercato che si è rilevata particolarmente catastrofica, consentendo che in periodi relativamente brevi l entità dei danni causati lievitasse in maniera esponenziale. Si è quindi dimostrato che la criticità dei RO risiede nel fatto che le perdite che ne derivano possono risultare amplificate per l impatto che gli errori e le disfunzioni operative possono avere sul piano commerciale e della reputazione. La complessità delle gestioni e dei modelli operativi accresce il rischio di incoerenza, errore e comportamento non 5

6 corretto. Soprattutto la mancanza di un efficace sistema di controllo interno è la circostanza che aggrava la rischiosità operativa, tanto che la debolezza dei controlli è considerata fattore di rischio. Dopo aver delineato le motivazioni che hanno spinto le autorità di vigilanza e l industria bancaria ad accantonare la tendenza a ritenere residuali i rischi operativi, sono state esaminate le tecniche di misurazione del RO sviluppatesi prima dell introduzione del Nuovo Accordo sul Capitale. L obiettivo di queste tecniche è di misurare l impatto del RO sui requisiti di capitale e di guidare l allocazione delle risorse finanziarie sulla base di tale rischio, nelle diverse divisioni della banca. Il capitale necessario per una determinata divisione aziendale è determinato come perdita massima attesa riveniente dall attività della divisione, dati un certo intervallo di confidenza e un orizzonte temporale di riferimento. L attenzione è focalizzata sui modelli che le banche possono utilizzare per la determinazione del capitale economico a fronte del RO e per la sua allocazione a livello di divisione/funzione aziendale. La misurazione del capitale economico può essere caratterizzata da differenti gradi di sofisticazione a livello applicativo. Un primo approccio consiste nel calcolo del capitale economico a fini di monitoraggio, senza pervenire ad alcuna valutazione di redditività, pianificazione o budget. Un approccio più avanzato utilizza il capitale economico nella pianificazione aziendale, definendo limiti o obiettivi per le linee di business. L approccio più sofisticato include un completo processo di allocazione del capitale economico ai diversi centri di profitto e perviene alla misurazione delle performance. In questo caso ogni linea di business compete per l attribuzione del capitale. L attuazione di un completo processo di allocazione del capitale esige la preliminare individuazione di nessi causali tra fattori di rischio e perdite. Pertanto, prima di utilizzare il capitale economico a fronte del RO come strumento di gestione e incentivo manageriale, la banca deve essere soddisfatta delle ipotesi formulate in materia di relazioni tra fattori di rischio e perdite potenziali. Nel VHFRQGRFDSLWROR si descrivono le metodologie di misurazione del requisito patrimoniale per il RO proposte dal Comitato di Basilea nel gennaio 2001 e successivamente modificate, nel Working Paper on the Regulatory Treatment of Operational Risk, a seguito di consultazioni avviate con il sistema bancario. Gli approcci proposti sono 3 e si caratterizzano per una crescente complessità: - il Basic Indicator Approach, collegato a un unico indicatore finanziario; - lo Standardised Approach, con un indicatore per ogni linea di business; - gli Advanced Measurement Approach (AVA), che calcolano i singoli requisiti facendo ricorso non a coefficienti standard bensì a proprie stime del capitale a rischio. 6

7 Secondo il Comitato di Basilea vi è un significativo incentivo per le banche a muoversi verso gli approcci più sofisticati rappresentato dalla diminuzione dell assorbimento di capitale richiesto. La misura di tale incentivo è tuttavia limitata, poiché si propone che, anche per le banche che adottano l AVA, il requisito per i RO non sia inferiore al 75% di quello vigente sotto il Basic Indicator Approach. Inoltre per adottare uno degli approcci AVA occorre soddisfare alcuni criteri di natura organizzativa e quantitativa relativi alla qualità dei dati raccolti e delle procedure utilizzate per elaborarli. In estrema sintesi esistono due classi di criteri da soddisfare: - criteri relativi al Risk management e ai controlli interni (esistenza di funzioni di risk management e internal auditing indipendenti dalle strutture operative, processo di revisione sulle metodologie di operational risk management da parte dell internal auditing, efficaci ed efficienti procedure di controllo interno...); - criteri relativi alla misurazione e validazione delle basi dati utilizzate (esistenza di una struttura di reportistica efficace ed efficiente, raccolta di dati relativi ai rischi finalizzata alla costruzione di un database completo e affidabile, formalizzazione dei processi e delle attività coinvolte nella misurazione dei RO). Si è potuto inoltre constatare che la maggiore sfida che attende il sistema bancario è rappresentata dalla costruzione dei database interni delle perdite operative collegate ai RO. Per ottenere i risultati attesi occorrerebbe avere a disposizione serie storiche di dati di alcuni anni, e in ogni caso non tutti gli eventi sarebbero ricompresi (si pensi a eventi catastrofici quali il blocco completo del sistema informativo). La soluzione che potrebbe risolvere tali problemi sarebbe la costituzione di consorzi per la raccolta e l elaborazione dei dati provenienti da differenti istituti, al fine di costruire base dati che si sviluppino non solo temporalmente (serie storiche), ma anche orizzontalmente (cross-series). L accesso al database delle perdite sarebbe utile non solo alle banche, ma anche alle compagnie assicurative per lo sviluppo di prodotti di trasferimento del rischio, alle società di consulenza per studi specifici e analisi di benchmark, e ai produttori di software al fine di sviluppare sistemi di risk management integrati. Sicuramente significativa sarebbe la partecipazione delle compagnie di assicurazione, dal momento che lo sviluppo di tecniche di trasferimento dei RO sarà in futuro uno dei temi più importanti che fornirà le maggiori opportunità di business. Nel WHU]RFDSLWROR si è testata l importanza del Sistema dei Controlli Interni (SCI), che deve essere orientato alla salvaguardia degli equilibri economici, patrimoniali e finanziari e quindi, attento alla valutazione interna ed alla corretta gestione e controllo dei rischi a cui la singola banca si espone nello svolgimento delle proprie attività. 7

8 L adeguatezza del sistema di controllo non si basa solo su aspetti organizzativi strutturali e di funzionamento (fattori organizzativi hard), ma anche sulle competenze e sulla presenza di una adeguata cultura aziendale (fattori organizzativi soft). Si richiama la necessità, da un lato, che il personale sia qualificato e la formazione professionale sia aggiornata periodicamente, dall altro lato, che sia attivata e mantenuta una solida cultura dei controlli. Questi riferimenti alle competenze e alla cultura aziendale sono importanti perché testimoniano il recepimento da parte delle Autorità di Vigilanza delle variabili soft come fattori critici del successo dell attività di controllo. Tali variabili sono, in realtà, spesso trascurate nella valutazione dell adeguatezza organizzativa pur risultando elementi essenziali. La teoria organizzativa ha mostrato come la cultura plasmi i comportamenti e sia determinante nell assicurare efficaci cambiamenti: il successo del potenziamento dei controlli è quindi strettamente legato al recepimento e alla condivisione dei principi che ne assicurano l efficacia. Sulla base di queste considerazioni è stato illustrato come dovrebbe essere impostato il controllo nell azienda (firmwide) e come dovrebbe essere organizzato un Servizio di Internal Auditing. Coerentemente con quanto affermato dalla Banca d Italia i sistemi di controllo dovrebbero svilupparsi su tre livelli distinti: - Controlli di linea. Si tratta dei controlli tecnico operativi sul corretto espletamento delle mansioni e sul corretto andamento delle attività; sono quelli comunemente chiamati autocontrolli. Normalmente la responsabilità di questi controlli viene attribuita ai responsabili delle unità operative stesse. - Controlli di secondo livello. Si tratta di verifiche empiriche effettuate da altre unità diverse da quelle operative (Risk Control Unit) sul regolare espletamento delle attività svolte da queste ultime e sul corretto utilizzo delle deleghe. Di fatto dovrebbe essere prevista una Risk Control Unit per ogni area di business il cui livello di rischiosità (possibile entità delle perdite o del danno) sia tale da pregiudicare il buon funzionamento/la stabilità della banca. - Controlli di terzo livello. A questo livello vanno allocati i meta-controlli, ovvero le verifiche sul regolare espletamento dei controlli di primo e secondo livello, la cui responsabilità viene di solito attribuita alla funzione di Internal Auditing. Proprio perché si tratta di meta controlli l Internal Auditing deve soprattutto verificare che i processi sottostanti ai primi livelli di controllo siano sufficienti a garantire alla banca un contenimento dei rischi entro limiti ragionevoli. Paradossalmente si può affermare che la mission dell Internal Auditing dovrebbe essere di portare l organizzazione della banca a non aver bisogno di un Servizio di Internal Auditing. L analisi effettuata ha così evidenziato che il RO può essere gestito attraverso un adeguata infrastruttura dei sistemi informativi e dei controlli. In particolare, la relazione tra RO e controlli è 8

9 duplice: da un lato l attuale grado di rischio è funzione degli attuali controlli in essere; dall altro lato la misurazione del capitale associato al RO può guidare le decisioni di investimento in nuove procedure di controllo, sulla base di un analisi costi/benefici. Nel TXDUWR FDSLWROR si conclude il lavoro di tesi con la disamina di alcune esperienze aziendali, relative alla valutazione della rischiosità operativa. Lo studio è stato condotto sulla base del metodo A.P.R.O (Approccio Rischio Operativo): si tratta di una metodologia di tipo modulare, suddivisa in fasi alcune delle quali (quelle relative a stime self assessment della rischiosità) possono essere tralasciate nel caso, per esempio, che la banca disponga di basi dati attendibili per effettuare le proprie stime quantitative. Lo studio è stato suddiviso in 3 fasi: 1. Dopo aver stilato una mappatura delle attività, per processo (casi B e C) o per unità organizzative (caso A), si passa alla localizzazione del RO nel flusso procedurale sulla base del concetto di evento pregiudizievole, apportatore di conseguenze negative per l azienda. L esame di questa prima fase ha dimostrato che il contributo dei responsabili di linea risulta essere quanto mai prezioso: infatti, chi è coinvolto nel processo in analisi è in grado di prevedere per ogni fase gli eventi plausibili che possono portare delle conseguenze negative e fornire delle indicazioni sulle loro cause o sugli eventuali segni premonitori. 2. La seconda fase è relativa alla valutazione qualitativa dell esposizione al RO, ossia il modulo di valutazione permette di proseguire l analisi con la stima: - dell esposizione assoluta della banca a ciascun evento (ipotesi in cui la banca non ha implementato alcuna contromisura). A tal fine gli eventi sono stati differenziati in base alla maggiore o minore frequenza di accadimento e in relazione alle più o meno gravi conseguenze per l azienda - e successivamente con la valutazione dell esposizione residua. A tal fine si è considerato il livello di copertura offerto dai controlli (che possono incidere sulla probabilità dell evento) in relazione a ciascun evento pregiudizievole individuato nella fase di localizzazione. Tramite questa valutazione si è potuto constatare che un investimento di risorse, orientato alla misurazione del RO, può effettivamente aggiungere valore all attività di mappature dei controlli. 3. Identificazione delle misure correttive al fine di rendere l esposizione residua al RO coerente con le politiche di assunzione stabilite. Lo studio condotto ha così evidenziato che, per il corretto svolgimento di questa fase, l integrazione funzionale risulta essere irrinunciabile. Infatti se i responsabili operativi sono chiamati a contribuire all identificazione di possibili azioni correttive, è evidente che questi suggerimenti debbano essere meglio qualificati acquisendo 9

10 elementi quali l impatto sulla struttura organizzativa e sull architettura complessiva dei controlli nonché alcune considerazioni in termini di costi/investimenti necessari. Devono quindi essere coinvolte le funzioni Organizzazione e Internal Auditing, ma anche le aree professionali legate alle categorie di RO a cui la banca dovesse essere particolarmente esposta. Quest attività di screening mi permette di concludere che i controlli interni sono i principali strumenti di copertura del RO, sono loro che preservano e contribuiscono a creare valore nell immediato e nel lungo periodo. Diventa perciò fondamentale promuovere una cultura del controllo così da sensibilizzare, a tutti i livelli, le risorse aziendali sulla necessità non solo di assolvere correttamente le proprie funzioni, nel rispetto del codice di condotta e dei valori etici, ma anche di contribuire all individuazione, prevenzione e mitigazione di qualsiasi problema nell attività della banca (dalle irregolarità operative agli atti illeciti di cui siano venuti a conoscenza). 10

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge ( www.economia.unimi.it/lda/adamss ) Facoltàdi Scienze, Università degli Studi di Milano 10 febbraio 2006 Coordinatore: Davide La Torre (Professore

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane L esperienza di ATM Il Sistema di Sicurezza nell ambito del Trasporto Pubblico Locale Claudio Pantaleo Direttore Sistemi e Tecnologie Protezione

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basileaa 2 SITUAZIONE AL 31/12/2 2014 PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) Il primo gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre 2002 1 L ABI ha esaminato con uno specifico

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE

IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL CONTRASTO AI FENOMENI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO E PER LA GESTIONE DEGLI EMBARGHI

LINEE GUIDA PER IL CONTRASTO AI FENOMENI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO E PER LA GESTIONE DEGLI EMBARGHI LINEE GUIDA PER IL CONTRASTO AI FENOMENI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO E PER LA GESTIONE DEGLI EMBARGHI Normativa attinente ad aree sensibili relative al D.Lgs. 231/01 Area di rischio:

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 15 aprile 2014 Prot. n. All.ti n. 1 51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI Alle Alle Imprese capogruppo

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)...

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... INDICE 0. Profilo Sintetico... 2 I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... 3 II. Titoli scientifici o di progettazione (ultimi 5 anni)... 4 III. Titoli di formazione post- laurea... 6 IV.

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli