Luglio 1994 Diploma di Ragioniere e Perito Commerciale conseguito presso ITC G. Salvemini di Latina con la votazione di 42/60

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Luglio 1994 Diploma di Ragioniere e Perito Commerciale conseguito presso ITC G. Salvemini di Latina con la votazione di 42/60"

Transcript

1 /XFLD9HWLFD,QIRUPD]LRQL SHUVRQDOL,VWUX]LRQH Stato civile: nubile Nazionalità: italiana Data di nascita: 16 Settembre 1975 Luogo di nascita: Latina Residenza: Via Congiunte Sx, Latina Scalo (LT) Telefono: 0773/ Cellulare: 328/ Luglio 1994 Diploma di Ragioniere e Perito Commerciale conseguito presso ITC G. Salvemini di Latina con la votazione di 42/60 Aprile 2002 Laurea in Economia e Commercio conseguita presso l Università degli Studi di Roma La Sapienza con la votazione di 102/110 discutendo la tesi in Tecnica Bancaria (Costi e Ricavi Bancari) dal titolo Il Rischio Operativo: Gestione e Allocazione del Capitale, relatore Prof.ssa Irene Misucci &RQRVFHQ]H LQIRUPDWLFKH /LQJXHVWUDQLHUH 2ELHWWLYL Internet Explorer e discreta conoscenza dei principali pacchetti Microsoft Office quali Word, Excel Conoscenza della lingua inglese a livello scolastico Conoscenza della lingua francese a livello scolastico Disponibile ad operare in gruppo, mi auguro di migliorare e progredire le conoscenze tecniche fino ad oggi acquisite come teoria ma che spero presto di poter mettere in pratica Autorizzo al trattamento dei dati personali da me trasmessi in conformità alle disposizioni della Legge 675/96 1

2 8QLYHUVLWjGHJOL6WXGLGL5RPD³/D6DSLHQ]D Facoltà di Economia &RUVRGLODXUHDLQ(FRQRPLDH&RPPHUFLR 6HGHGL/DWLQD Tesi di laurea in TECNICA BANCARIA (COSTI E RICAVI BANCARI) 5,6&+,223(5$7,92*(67,21(($//2&$=,21( '(/&$3,7$/( Relatore: Laureando: Prof. ssa Irene Misucci Lucia Vetica ANNO ACCADEMICO 2000/2001 2

3 ,1',&(,QWURGX]LRQH &$3,72/2,5,6&+,23(5$7,9,'(// $77,9,7$ %$1&$5,$ 1(// (92/8=,21(3,8 5(&(17( /LQHHHYROXWLYHQHOODGHILQL]LRQHGL ULVFKLRRSHUDWLYRGDOO $FFRUGR GL%DVLOHDGHODGRJJL /HSULQFLSDOLSUREOHPDWLFKHLQHUHQWL L5LVFKL2SHUDWLYL &ODVVLILFD]LRQHGHL5LVFKL2SHUDWLYL,52QHOTXDGURUHJRODPHQWDUH QD]LRQDOHHLQWHUQD]LRQDOH &RQVLGHUD]LRQLDPDUJLQHGHOODFULVLGHOOD%DULQJV / HIIHWWRGHLULVFKLRSHUDWLYL 6XOO HTXLOLEULRHFRQRPLFR 6XOODIRUPD]LRQHGHOFDSLWDOHHFRQRPLFR 5LVFKLRSHUDWLYLHDOORFD]LRQHGHOFDSLWDOH,OVLVWHPDGLDOORFD]LRQHGHOFDSLWDOH 0RGHOOLGLPLVXUD]LRQHGHOFDSLWDOH D$QDOLVLGHOODGLVWULEX]LRQHGHOOHSHUGLWHSDVVDWH E%XVLQHVV%R[$SSURDFK F&DSP G0RGHOOLFDXVDOLGLQDPLFL &$3,72/2 /(0(72'2/2*,(',0,685$=,21('(/ 5(48,6,723$75,021,$/(3(5,/5,6&+,2 23(5$7,92 3UHPHVVD $SSURFFLRGHOO,QGLFDWRUH6HPSOLFH $SSURFFLR6WDQGDUG $GYDQFHG0HDVXUHPHQW$SSURDFK$0$ 2ULHQWDPHQWLPHWRGRORJLFLDOO 2SHUDWLRQDO ULVNPDQDJHPHQW 3

4 $SSURFFLRTXDOLWDWLYR $SSURFFLRTXDQWLWDWLYR $SSHQGLFHQ,GDWDEDVHGHOOHSHUGLWH $VVHWWLRUJDQL]]DWLYLSHUO 2SHUDWLRQDO ULVNPDQDJHPHQW 7UDVIHULPHQWRHILQDQ]LDPHQWRGHOULVFKLR &$3,72/2,/6,67(0$'(,&21752//, 3UHPHVVD,OVLVWHPDGHLFRQWUROOLLQWHUQL,WUHOLYHOOLGHOFRQWUROOR,SDUDGLJPLSHUXQ$XGLWDEDVVRFRVWR HDGHOHYDWRYDORUHDJJLXQWR,OPRGHOORSURSRVWR,OFRQWUROOR)LUPZLGH/DVSHFLDOL]]D]LRQH / RUJDQL]]D]LRQHGHOO,QWHUQDO$XGLW D/ XQLWjGHLULVFKL E/DVHJUHWHULDRUJDQL]]DWLYD F/DIXQ]LRQHGLFRQWUROORDGLVWDQ]D G/DIXQ]LRQHGLFRQWUROORLQORFR &RQFOXVLRQL &$3,72/2 (63(5,(1=($=,(1'$/,(63(5,0(17$=,21, &21'277(1(/&2562'(//$352*(77$=,21(', $352 &DVR$ &DVR% &DVR& 9DOXWD]LRQHGHOODULVFKLRVLWjRSHUDWLYD SHUODOLQHD&RUSRUDWH 6SHULPHQWD]LRQHPHWRGRORJLFD$352 DSSOLFDWDDOSURFHVVRJHVWLRQHLQFDVVL HDPHQWL 2UGLQLGDFOLHQWHODQRQTXDOLILFDWD QHJR]LDWLLQFRQWRSURSULR %LEOLRJUDILD 4

5 5LVFKLR2SHUDWLYR*HVWLRQHHDOORFD]LRQHGHOFDSLWDOH Obiettivo del lavoro di tesi è l esame delle principali problematiche inerenti ai rischi operativi (RO), al fine di sviluppare una strategia di rischio integrata, generare una maggiore consapevolezza interna e divenire un riferimento per l innovazione interna o la best practice. La necessità di affrontare in una nuova prospettiva il fenomeno delle perdite operative è di recente molto sentita in ambito interbancario per quanto non si tratti di una nuova tipologia di rischio: da sempre le banche hanno investito in misure atte a prevenire o mitigare le perdite operative. Esiste, semmai, una maggiore attenzione al RO in un contesto caratterizzato da un più alto livello di complessità gestionale e da una più forte tensione al raggiungimento degli obiettivi in una situazione di elevata concorrenzialità. Il lavoro è stato strutturato in 4 capitoli. Nel SULPRFDSLWRORsi delinea lo stato dell arte del dibattito innescato dalla proposta del Comitato di Basilea e si descrivono le principali tecniche di misurazione del requisito di capitale sviluppatesi nell industria dell intermediazione finanziaria prima dell introduzione del Nuovo Accordo di Basilea del gennaio In particolare si è dimostrato come, pur in assenza di una definizione univoca di rischio operativo (RO), le riflessioni condotte nel periodo più recente hanno avuto il merito di contribuire ad accrescere la consapevolezza dell importanza di tale categoria di rischi. La gestione dei rischi ha ripercussioni sull utile dell esercizio e sul capitale economico aziendale. Dette grandezze, determinanti per l apprezzamento dell impresa da parte del mercato, possono essere correttamente determinate solo se si dispone di informazioni adeguate sul posizionamento specifico nella scala delle rischiosità possibili. Le informazioni, necessarie per tutte le categorie di rischi, diventano indispensabili per la categoria dei RO che peraltro è quella più ampia, destinata ad allargarsi con il mutare del contesto raccogliendo tipicità diverse da gestire in maniera differente. La rischiosità operativa è in forte crescita e, in numerosi casi, si è dimostrata la causa di gravi perdite e di situazioni di crisi. E stato osservato infatti che le perdite più consistenti sono riconducibili al non completo svolgimento dei processi operativi (RO: omessa o incompleta rilevazione/registrazione di fatti aziendali) nella realizzazione di attività finanziarie (rischi di mercato). Nella realtà è la manifestazione concomitante di RO con quelli di mercato che si è rilevata particolarmente catastrofica, consentendo che in periodi relativamente brevi l entità dei danni causati lievitasse in maniera esponenziale. Si è quindi dimostrato che la criticità dei RO risiede nel fatto che le perdite che ne derivano possono risultare amplificate per l impatto che gli errori e le disfunzioni operative possono avere sul piano commerciale e della reputazione. La complessità delle gestioni e dei modelli operativi accresce il rischio di incoerenza, errore e comportamento non 5

6 corretto. Soprattutto la mancanza di un efficace sistema di controllo interno è la circostanza che aggrava la rischiosità operativa, tanto che la debolezza dei controlli è considerata fattore di rischio. Dopo aver delineato le motivazioni che hanno spinto le autorità di vigilanza e l industria bancaria ad accantonare la tendenza a ritenere residuali i rischi operativi, sono state esaminate le tecniche di misurazione del RO sviluppatesi prima dell introduzione del Nuovo Accordo sul Capitale. L obiettivo di queste tecniche è di misurare l impatto del RO sui requisiti di capitale e di guidare l allocazione delle risorse finanziarie sulla base di tale rischio, nelle diverse divisioni della banca. Il capitale necessario per una determinata divisione aziendale è determinato come perdita massima attesa riveniente dall attività della divisione, dati un certo intervallo di confidenza e un orizzonte temporale di riferimento. L attenzione è focalizzata sui modelli che le banche possono utilizzare per la determinazione del capitale economico a fronte del RO e per la sua allocazione a livello di divisione/funzione aziendale. La misurazione del capitale economico può essere caratterizzata da differenti gradi di sofisticazione a livello applicativo. Un primo approccio consiste nel calcolo del capitale economico a fini di monitoraggio, senza pervenire ad alcuna valutazione di redditività, pianificazione o budget. Un approccio più avanzato utilizza il capitale economico nella pianificazione aziendale, definendo limiti o obiettivi per le linee di business. L approccio più sofisticato include un completo processo di allocazione del capitale economico ai diversi centri di profitto e perviene alla misurazione delle performance. In questo caso ogni linea di business compete per l attribuzione del capitale. L attuazione di un completo processo di allocazione del capitale esige la preliminare individuazione di nessi causali tra fattori di rischio e perdite. Pertanto, prima di utilizzare il capitale economico a fronte del RO come strumento di gestione e incentivo manageriale, la banca deve essere soddisfatta delle ipotesi formulate in materia di relazioni tra fattori di rischio e perdite potenziali. Nel VHFRQGRFDSLWROR si descrivono le metodologie di misurazione del requisito patrimoniale per il RO proposte dal Comitato di Basilea nel gennaio 2001 e successivamente modificate, nel Working Paper on the Regulatory Treatment of Operational Risk, a seguito di consultazioni avviate con il sistema bancario. Gli approcci proposti sono 3 e si caratterizzano per una crescente complessità: - il Basic Indicator Approach, collegato a un unico indicatore finanziario; - lo Standardised Approach, con un indicatore per ogni linea di business; - gli Advanced Measurement Approach (AVA), che calcolano i singoli requisiti facendo ricorso non a coefficienti standard bensì a proprie stime del capitale a rischio. 6

7 Secondo il Comitato di Basilea vi è un significativo incentivo per le banche a muoversi verso gli approcci più sofisticati rappresentato dalla diminuzione dell assorbimento di capitale richiesto. La misura di tale incentivo è tuttavia limitata, poiché si propone che, anche per le banche che adottano l AVA, il requisito per i RO non sia inferiore al 75% di quello vigente sotto il Basic Indicator Approach. Inoltre per adottare uno degli approcci AVA occorre soddisfare alcuni criteri di natura organizzativa e quantitativa relativi alla qualità dei dati raccolti e delle procedure utilizzate per elaborarli. In estrema sintesi esistono due classi di criteri da soddisfare: - criteri relativi al Risk management e ai controlli interni (esistenza di funzioni di risk management e internal auditing indipendenti dalle strutture operative, processo di revisione sulle metodologie di operational risk management da parte dell internal auditing, efficaci ed efficienti procedure di controllo interno...); - criteri relativi alla misurazione e validazione delle basi dati utilizzate (esistenza di una struttura di reportistica efficace ed efficiente, raccolta di dati relativi ai rischi finalizzata alla costruzione di un database completo e affidabile, formalizzazione dei processi e delle attività coinvolte nella misurazione dei RO). Si è potuto inoltre constatare che la maggiore sfida che attende il sistema bancario è rappresentata dalla costruzione dei database interni delle perdite operative collegate ai RO. Per ottenere i risultati attesi occorrerebbe avere a disposizione serie storiche di dati di alcuni anni, e in ogni caso non tutti gli eventi sarebbero ricompresi (si pensi a eventi catastrofici quali il blocco completo del sistema informativo). La soluzione che potrebbe risolvere tali problemi sarebbe la costituzione di consorzi per la raccolta e l elaborazione dei dati provenienti da differenti istituti, al fine di costruire base dati che si sviluppino non solo temporalmente (serie storiche), ma anche orizzontalmente (cross-series). L accesso al database delle perdite sarebbe utile non solo alle banche, ma anche alle compagnie assicurative per lo sviluppo di prodotti di trasferimento del rischio, alle società di consulenza per studi specifici e analisi di benchmark, e ai produttori di software al fine di sviluppare sistemi di risk management integrati. Sicuramente significativa sarebbe la partecipazione delle compagnie di assicurazione, dal momento che lo sviluppo di tecniche di trasferimento dei RO sarà in futuro uno dei temi più importanti che fornirà le maggiori opportunità di business. Nel WHU]RFDSLWROR si è testata l importanza del Sistema dei Controlli Interni (SCI), che deve essere orientato alla salvaguardia degli equilibri economici, patrimoniali e finanziari e quindi, attento alla valutazione interna ed alla corretta gestione e controllo dei rischi a cui la singola banca si espone nello svolgimento delle proprie attività. 7

8 L adeguatezza del sistema di controllo non si basa solo su aspetti organizzativi strutturali e di funzionamento (fattori organizzativi hard), ma anche sulle competenze e sulla presenza di una adeguata cultura aziendale (fattori organizzativi soft). Si richiama la necessità, da un lato, che il personale sia qualificato e la formazione professionale sia aggiornata periodicamente, dall altro lato, che sia attivata e mantenuta una solida cultura dei controlli. Questi riferimenti alle competenze e alla cultura aziendale sono importanti perché testimoniano il recepimento da parte delle Autorità di Vigilanza delle variabili soft come fattori critici del successo dell attività di controllo. Tali variabili sono, in realtà, spesso trascurate nella valutazione dell adeguatezza organizzativa pur risultando elementi essenziali. La teoria organizzativa ha mostrato come la cultura plasmi i comportamenti e sia determinante nell assicurare efficaci cambiamenti: il successo del potenziamento dei controlli è quindi strettamente legato al recepimento e alla condivisione dei principi che ne assicurano l efficacia. Sulla base di queste considerazioni è stato illustrato come dovrebbe essere impostato il controllo nell azienda (firmwide) e come dovrebbe essere organizzato un Servizio di Internal Auditing. Coerentemente con quanto affermato dalla Banca d Italia i sistemi di controllo dovrebbero svilupparsi su tre livelli distinti: - Controlli di linea. Si tratta dei controlli tecnico operativi sul corretto espletamento delle mansioni e sul corretto andamento delle attività; sono quelli comunemente chiamati autocontrolli. Normalmente la responsabilità di questi controlli viene attribuita ai responsabili delle unità operative stesse. - Controlli di secondo livello. Si tratta di verifiche empiriche effettuate da altre unità diverse da quelle operative (Risk Control Unit) sul regolare espletamento delle attività svolte da queste ultime e sul corretto utilizzo delle deleghe. Di fatto dovrebbe essere prevista una Risk Control Unit per ogni area di business il cui livello di rischiosità (possibile entità delle perdite o del danno) sia tale da pregiudicare il buon funzionamento/la stabilità della banca. - Controlli di terzo livello. A questo livello vanno allocati i meta-controlli, ovvero le verifiche sul regolare espletamento dei controlli di primo e secondo livello, la cui responsabilità viene di solito attribuita alla funzione di Internal Auditing. Proprio perché si tratta di meta controlli l Internal Auditing deve soprattutto verificare che i processi sottostanti ai primi livelli di controllo siano sufficienti a garantire alla banca un contenimento dei rischi entro limiti ragionevoli. Paradossalmente si può affermare che la mission dell Internal Auditing dovrebbe essere di portare l organizzazione della banca a non aver bisogno di un Servizio di Internal Auditing. L analisi effettuata ha così evidenziato che il RO può essere gestito attraverso un adeguata infrastruttura dei sistemi informativi e dei controlli. In particolare, la relazione tra RO e controlli è 8

9 duplice: da un lato l attuale grado di rischio è funzione degli attuali controlli in essere; dall altro lato la misurazione del capitale associato al RO può guidare le decisioni di investimento in nuove procedure di controllo, sulla base di un analisi costi/benefici. Nel TXDUWR FDSLWROR si conclude il lavoro di tesi con la disamina di alcune esperienze aziendali, relative alla valutazione della rischiosità operativa. Lo studio è stato condotto sulla base del metodo A.P.R.O (Approccio Rischio Operativo): si tratta di una metodologia di tipo modulare, suddivisa in fasi alcune delle quali (quelle relative a stime self assessment della rischiosità) possono essere tralasciate nel caso, per esempio, che la banca disponga di basi dati attendibili per effettuare le proprie stime quantitative. Lo studio è stato suddiviso in 3 fasi: 1. Dopo aver stilato una mappatura delle attività, per processo (casi B e C) o per unità organizzative (caso A), si passa alla localizzazione del RO nel flusso procedurale sulla base del concetto di evento pregiudizievole, apportatore di conseguenze negative per l azienda. L esame di questa prima fase ha dimostrato che il contributo dei responsabili di linea risulta essere quanto mai prezioso: infatti, chi è coinvolto nel processo in analisi è in grado di prevedere per ogni fase gli eventi plausibili che possono portare delle conseguenze negative e fornire delle indicazioni sulle loro cause o sugli eventuali segni premonitori. 2. La seconda fase è relativa alla valutazione qualitativa dell esposizione al RO, ossia il modulo di valutazione permette di proseguire l analisi con la stima: - dell esposizione assoluta della banca a ciascun evento (ipotesi in cui la banca non ha implementato alcuna contromisura). A tal fine gli eventi sono stati differenziati in base alla maggiore o minore frequenza di accadimento e in relazione alle più o meno gravi conseguenze per l azienda - e successivamente con la valutazione dell esposizione residua. A tal fine si è considerato il livello di copertura offerto dai controlli (che possono incidere sulla probabilità dell evento) in relazione a ciascun evento pregiudizievole individuato nella fase di localizzazione. Tramite questa valutazione si è potuto constatare che un investimento di risorse, orientato alla misurazione del RO, può effettivamente aggiungere valore all attività di mappature dei controlli. 3. Identificazione delle misure correttive al fine di rendere l esposizione residua al RO coerente con le politiche di assunzione stabilite. Lo studio condotto ha così evidenziato che, per il corretto svolgimento di questa fase, l integrazione funzionale risulta essere irrinunciabile. Infatti se i responsabili operativi sono chiamati a contribuire all identificazione di possibili azioni correttive, è evidente che questi suggerimenti debbano essere meglio qualificati acquisendo 9

10 elementi quali l impatto sulla struttura organizzativa e sull architettura complessiva dei controlli nonché alcune considerazioni in termini di costi/investimenti necessari. Devono quindi essere coinvolte le funzioni Organizzazione e Internal Auditing, ma anche le aree professionali legate alle categorie di RO a cui la banca dovesse essere particolarmente esposta. Quest attività di screening mi permette di concludere che i controlli interni sono i principali strumenti di copertura del RO, sono loro che preservano e contribuiscono a creare valore nell immediato e nel lungo periodo. Diventa perciò fondamentale promuovere una cultura del controllo così da sensibilizzare, a tutti i livelli, le risorse aziendali sulla necessità non solo di assolvere correttamente le proprie funzioni, nel rispetto del codice di condotta e dei valori etici, ma anche di contribuire all individuazione, prevenzione e mitigazione di qualsiasi problema nell attività della banca (dalle irregolarità operative agli atti illeciti di cui siano venuti a conoscenza). 10

Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche

Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche Laurea Specialistica in Analisi, Consulenza e Gestione Finanziaria Facoltà di Economia Marco Biagi Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche Relatore: Prof.ssa Torricelli Costanza

Dettagli

Rischi operativi e ruolo dell operational risk manager negli intermediari finanziari

Rischi operativi e ruolo dell operational risk manager negli intermediari finanziari S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO L operational risk management in ottica regolamentare, di vigilanza ed organizzativa Rischi operativi e ruolo dell operational risk manager negli intermediari

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali Il sistema di controllo interno Argomenti della lezione 1 - Controllo Interno: definizione e componenti 2 - Ambiente di controllo 3 - Valutazione

Dettagli

attività indipendente obiettiva assurance consulenza miglioramento approccio professionale sistematico valore aggiunto

attività indipendente obiettiva assurance consulenza miglioramento approccio professionale sistematico valore aggiunto MASTER AMLP 1 DEFINIZIONE L Internal Auditing è un'attività indipendente ed obiettiva di assurance e consulenza, finalizzata al miglioramento dell'efficacia e dell efficienza dell'organizzazione. Assiste

Dettagli

La Funzione di Compliance tra Basilea II e MiFID

La Funzione di Compliance tra Basilea II e MiFID III Incontro Compliance AICOM-Dexia Crediop Strategies, governance, compliance: le sfide della direttiva MiFID e l integrazione del mercato finanziario europeo La Funzione di Compliance tra Basilea II

Dettagli

Il Ruolo del Dottore Commercialista nell implementazione del modello

Il Ruolo del Dottore Commercialista nell implementazione del modello S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SISTEMI DI COMPLIANCE E DECRETO LEGISLATIVO 231 DEL 2001 Il Ruolo del Dottore Commercialista nell implementazione del modello Dott. Michele Milano 1 29 novembre

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A.

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. (APPROVATE DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA SOCIETÀ NELLA RIUNIONE DEL 10 MAGGIO 2012) TOD S S.P.A.

Dettagli

GLI ADEGUATI ASSETTI ORGANIZZATIVI

GLI ADEGUATI ASSETTI ORGANIZZATIVI D.LGS. 231/2001: ADEMPIMENTI NELL AMBITO DELLA COMPLIANCE AZIENDALE Torino, 1 dicembre 2011 GLI ADEGUATI ASSETTI ORGANIZZATIVI Convegno «D.lgs 231/2001» - Torino, 01 dicembre 2011 Centro Congressi Villa

Dettagli

Il controllo dei rischi operativi in concreto: profili di criticità e relazione con gli altri rischi aziendali

Il controllo dei rischi operativi in concreto: profili di criticità e relazione con gli altri rischi aziendali La gestione dei rischi operativi e degli altri rischi Il controllo dei rischi operativi in concreto: profili di criticità e relazione con gli altri rischi aziendali Mario Seghelini 26 giugno 2012 - Milano

Dettagli

Seminario Rischi Operativi Definizione, contesto normativo e classificazione dei rischi operativi. Andrea Giacchero Tor Vergata, Roma, Giugno 2010

Seminario Rischi Operativi Definizione, contesto normativo e classificazione dei rischi operativi. Andrea Giacchero Tor Vergata, Roma, Giugno 2010 Seminario Rischi Operativi Definizione, contesto normativo e classificazione dei rischi operativi Andrea Giacchero Tor Vergata, Roma, Giugno 2010 Indice RISCHI OPERATIVI DEFINIZIONE DI RISCHI OPERATIVI

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

Corso di Sistemi Informativi per gli Intermediari Finanziari

Corso di Sistemi Informativi per gli Intermediari Finanziari Corso di Sistemi Informativi per gli Intermediari Finanziari BASILEA 2 E IL RISCHIO OPERATIVO Verona, 24 Novembre 2008 1 COMITATO DI BASILEA Nel 1974 nasce, per iniziativa dei paesi più industrializzati

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI MASTER AMLP 1 AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 2 QUADRO NORMATIVO 3 QUADRO NORMATIVO 4 QUADRO

Dettagli

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,(

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,( 3,1,),=,21((21752//2, *(67,21(,0377,25*1,==7,9,( 68//(5,6256(801( 7HVWLPRQLDQ]DGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGD *=DQRQL 0LODQRJLXJQR Struttura del Gruppo Banca Lombarda 6WUXWWXUDGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGDH3LHPRQWHVH

Dettagli

Gestione del rischio operativo

Gestione del rischio operativo Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Gestione del rischio operativo Il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria ha avviato di recente un programma di lavoro sul rischio operativo. Il controllo

Dettagli

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale : il processo di controllo prudenziale! Il processo di controllo prudenziale (Supervisory Review Process SRP) si articola in due fasi integrate! La prima è rappresentata dal processo interno di determinazione

Dettagli

IT Risk-Assessment. Assessment: il ruolo dell Auditor nel processo. Davide SUSA - ACSec AIIA - Consigliere del Chapter di Roma

IT Risk-Assessment. Assessment: il ruolo dell Auditor nel processo. Davide SUSA - ACSec AIIA - Consigliere del Chapter di Roma IT Risk-Assessment Assessment: il ruolo dell Auditor nel processo. AIIA - Consigliere del Chapter di Roma Agenda Overview sul Risk-Management Il processo di Risk-Assessment Internal Auditor e Risk-Management

Dettagli

I SERVIZI DI AQM PER PROGETTAZIONE E ASSISTENZA PER LA REALIZZAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.

I SERVIZI DI AQM PER PROGETTAZIONE E ASSISTENZA PER LA REALIZZAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. I SERVIZI DI AQM PER PROGETTAZIONE E ASSISTENZA PER LA REALIZZAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. 231/2001 ( RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA D IMPRESA) La norma

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

In momenti di incertezza e di instabilità

In momenti di incertezza e di instabilità LA GESTIONE DELLA TESORERIA ALLA LUCE DELLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI In momenti di incertezza e di instabilità finanziaria il governo dei flussi di tesoreria assume una notevole importanza all interno

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Houston, we ve had a problem here Il 13 aprile 1970 gli astronauti

Dettagli

REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IN AGOS ITAFINCO SPA

REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IN AGOS ITAFINCO SPA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IN AGOS ITAFINCO SPA PREMESSA SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ORGANI E FUNZIONI DI VALUTAZIONE DEL SISTEMA DEI CONTROLLI IN AGOS AUDITING: OBIETTIVI, MODELLO

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI TORINO

CAMERA DI COMMERCIO DI TORINO Definizioni e concetti generali 1.1 Che cos'è il business plan? Il business plan è un documento che riassume ed espone la rappresentazione dinamica e prevista dello sviluppo di un piano d impresa. Il business

Dettagli

La valutazione dei rischi e delle procedure sull adeguatezza del SCI.

La valutazione dei rischi e delle procedure sull adeguatezza del SCI. 1 La valutazione dei rischi e delle procedure sull adeguatezza del SCI. Prof.ssa Roberta Provasi Università degli Studi di Milano-Bicocca 13 giugno 2014 2 La valutazione delle componenti del SCI 2 1 3

Dettagli

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO http://www.sinedi.com ARTICOLO 27 OTTOBRE 2008 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO PRODUZIONE DI VALORE E RISCHIO D IMPRESA Nel corso del tempo, ogni azienda deve gestire un adeguato portafoglio di strumenti

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE un team di professionisti al servizio della tua banca La definizione degli obiettivi strategici e di sviluppo è da sempre un esigenza connaturata nella realtà di Cassa

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT ED IL CONNESSO MODELLO DI GESTIONE

IL RISK MANAGEMENT ED IL CONNESSO MODELLO DI GESTIONE PARTE GENERALE IL RISK MANAGEMENT ED IL CONNESSO MODELLO DI GESTIONE - 4 - Premessa. DP&V attraverso l emanazione di un modello di gestione dei rischi aziendali intende dotarsi di un sistema di Corporate

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 (documento redatto in ottemperanza del Titolo IV, Capitolo 1 delle Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche, circolare Banca d Italia

Dettagli

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012 ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012 Punto 5) Politiche di remunerazione e di incentivazione. All art. 18 4 comma, lo Statuto prevede che l Assemblea Ordinaria approvi, secondo i criteri previsti dalle

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1. Premessa

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1. Premessa INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

Il Risk Management Integrato in eni

Il Risk Management Integrato in eni Il Risk Integrato in eni Maria Clotilde Tondini Vice President Risk Integrato 5 Marzo 015, Milano Indice - Il Modello eni - 1 Il Modello eni Le fasi di sviluppo L avvio e l attuazione del Modello di Risk

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

BANCA D ITALIA AIEA 2007. Relatore: Tullio Prà Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Banca d Italia

BANCA D ITALIA AIEA 2007. Relatore: Tullio Prà Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Banca d Italia XXI Convegno Nazionale Information Systems Auditing Accademia Navale di Livorno, 24-25 Maggio 2007 La Continuità operativa nel sistema bancario italiano Relatore: Tullio Prà Servizio Vigilanza sugli Enti

Dettagli

Sessione di Studio AIEA-ATED. La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi

Sessione di Studio AIEA-ATED. La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi Sessione di Studio AIEA-ATED La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi 24 Novembre 2014 Agenda La gestione del rischio operativo nel Gruppo ISP La gestione degli eventi operativi

Dettagli

Company Profile. BLU Consulting Srl

Company Profile. BLU Consulting Srl Company Profile Forniamo, prevalentemente a Banche, Compagnie di Assicurazione e Società di Gestione del Risparmio, servizi di consulenza aziendale correlati alla pianificazione, gestione e revisione di

Dettagli

RISK MANAGEMENT ALCUNE CONSIDERAZIONI. Piatti --- Corso Rischi Bancari: risk management 1

RISK MANAGEMENT ALCUNE CONSIDERAZIONI. Piatti --- Corso Rischi Bancari: risk management 1 RISK MANAGEMENT ALCUNE CONSIDERAZIONI Piatti --- Corso Rischi Bancari: risk management 1 RISK MANAGEMENT Metodologie, processi per: a) misurare e controllare i rischi b) gestire il modo efficiente il capitale

Dettagli

RISK MANAGEMENT: Gestione integrata dei sistemi nell esperienza di Aler Brescia

RISK MANAGEMENT: Gestione integrata dei sistemi nell esperienza di Aler Brescia RISK MANAGEMENT: Gestione integrata dei sistemi nell esperienza di Aler Brescia Si definisce Risk Management - o gestione del rischio - il complesso di attività mediante le quali si misura o si stima il

Dettagli

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 Informativa al pubblico sui requisiti patrimoniali individuali al 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 INFORMATIVA

Dettagli

Il rischio di credito nella cessione del quinto

Il rischio di credito nella cessione del quinto Il rischio di credito nella cessione del quinto Convegno ABI Credito alle famiglie 2009 23 24 giugno Ing. Massimo Minnucci amministratore delegato Ktesios spa Agenda Ktesios: operatore specializzato nella

Dettagli

Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità

Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità di Fabrizio Bava e Alain Devalle (*) Le verifiche periodiche del revisore legale trovano una loro disciplina

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2010-2011 Università di Macerata Facoltà di Economia Obiettivo della lezione ERM - Enterprise Risk Manangement Per eventuali comunicazioni:

Dettagli

Requisiti patrimoniali sul rischio operativo

Requisiti patrimoniali sul rischio operativo Requisiti patrimoniali sul rischio operativo Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008 AGENDA Il requisito patrimoniale sul

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

INTERNAL AUDITING ROMA, 12 MAGGIO 2005 FORUM PA GIUSEPPE CERASOLI, CIA RESPONSABILE COMITATO PA

INTERNAL AUDITING ROMA, 12 MAGGIO 2005 FORUM PA GIUSEPPE CERASOLI, CIA RESPONSABILE COMITATO PA INTERNAL AUDITING ROMA, 12 MAGGIO 2005 FORUM PA Fondato a New York nel 1941 Presente in 160 paesi, conta ora più di 110.000 membri Ha sede negli USA ma la sua Governance è Globale Globali sono pure il

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2011-2012 Università di Macerata Facoltà di Economia 1 Obiettivo della lezione QUALITY ASSESSMENT REVIEW I KEY PERFORMANCE INDICATORS

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

Progetto DAP Database delle Abitudini di Pagamento

Progetto DAP Database delle Abitudini di Pagamento Progetto DAP Database delle Abitudini di Pagamento Antonio De Martini Presidente Associazione Italiana per il Factoring (Assifact) Milano, 23 giugno 2009 Indice Le informazioni sulle abitudini di pagamento

Dettagli

HYPO ALPE-ADRIA-BANK

HYPO ALPE-ADRIA-BANK HYPO ALPE-ADRIA-BANK INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo pilastro di Basilea 3 Al 31 dicembre 2014 (Circ. n. 285 del 17 dicembre 2013) 1 Informativa al pubblico Dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

CREDITO VALTELLINESE

CREDITO VALTELLINESE Il ruolo dell Internal Auditing nel Gruppo Bancario CREDITO VALTELLINESE Enrico Rossi Direzione Auditing di Gruppo - DELTAS S.p.A. La presentazione è stata realizzata da Credito Valtellinese ed è riservata

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

Corporate Governance - Oltre la compliance

Corporate Governance - Oltre la compliance Corporate Governance - Oltre la compliance Prof. Angelo Riccaboni Corso di Economia e Governo Aziendale Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici riccaboni@unisi.it www.disag.unisi.it Agenda L interesse

Dettagli

Risk Management. Il nuovo paradigma per fare banca. Direzione Risk Management. Direzione Risk Management. Francesco Mazza.

Risk Management. Il nuovo paradigma per fare banca. Direzione Risk Management. Direzione Risk Management. Francesco Mazza. Risk Management Il nuovo paradigma per fare banca Direzione Risk Management Direzione Risk Management 1 AGENDA I Rischi: cosa sono, quali sono, come si gestiscono La misurazione dei rischi: dall aritmetica

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011 TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011 La disciplina prudenziale per gli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale di cui all art. 107 TUB (Intermediari ex

Dettagli

Architettura. Corso di Laurea magistrale in

Architettura. Corso di Laurea magistrale in Ingegneria Laurea magistrale in Architettura 135 Corso di Laurea magistrale in Architettura Classe: LM-4 Architettura DURATA 2 anni CREDITI 120 SEDE Udine ACCESSO Programmato 80 posti CONOSCENZE RICHIESTE

Dettagli

I rischi dell attività bancaria L ICAAP. Almo Collegio Borromeo 12 novembre 2009

I rischi dell attività bancaria L ICAAP. Almo Collegio Borromeo 12 novembre 2009 I rischi dell attività bancaria L ICAAP Almo Collegio Borromeo 12 novembre 2009 I limiti del primo Accordo di Basilea e il loro superamento La proposta di Direttiva di recepimento del nuovo Accordo di

Dettagli

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche A13 Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale Il ruolo della funzione di risk management delle banche Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 1 Ultimo aggiornamento in data 3 marzo 2016. 2 Sommario

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

Fattori critici di successo

Fattori critici di successo CSF e KPI Fattori critici di successo Critical Success Factor (CSF) Definiscono le azioni o gli elementi più importanti per controllare i processi IT Linee guida orientate alla gestione del processo Devono

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management. Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management. Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide 9 Aprile 2015 Agenda 1. Premessa: Il ruolo della Corporate Governance

Dettagli

Relazioni fra gli organi di controllo in ambito finanziario

Relazioni fra gli organi di controllo in ambito finanziario UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA BIENNALE PERCORSO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO CORSO CORPORATE GOVERNANCE E CONTROLLO INTERNO PERIODO: II SEMESTRE DOCENTI: LUIGI MIGLIAVACCA,

Dettagli

L'applicabilità alle PMI dei principi italiani di valutazione d'azienda. di Andrea Arrigo Panato

L'applicabilità alle PMI dei principi italiani di valutazione d'azienda. di Andrea Arrigo Panato L'applicabilità alle PMI dei principi italiani di valutazione d'azienda di Andrea Arrigo Panato Focus del 07 dicembre 2015 La Fondazione OIV ha pubblicato i Principi Italiani di Valutazione, elementi imprescindibili

Dettagli

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione in data 17 aprile 2014 Linee di Indirizzo del SCIGR 1. Premessa Il Sistema di

Dettagli

REG. IVASS 39 Le politiche di remunerazione delle imprese di assicurazione. Modello operativo di verifica

REG. IVASS 39 Le politiche di remunerazione delle imprese di assicurazione. Modello operativo di verifica 14 ottobre 2013 REG. IVASS 39 Le politiche di remunerazione delle imprese di assicurazione Modello operativo di verifica MARCO CHIESA 1 GLI OBIETTIVI DEL MODELLO PREMESSA Negli ultimi anni i più eclatanti

Dettagli

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI Massimo Pacella Dottore Commercialista Revisore Contabile Relazione Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo I CONFIDI alleati delle PMI Premessa Il 26 giugno

Dettagli

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni. Iris Pennisi Federcasse

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni. Iris Pennisi Federcasse Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni Roma, 9 aprile 205 Iris Pennisi Federcasse Una premessa di metodo: «trasformare un vincolo

Dettagli

I soci di AUDITA sono orientati ad un profondo rispetto dei valori della deontologia professionale.

I soci di AUDITA sono orientati ad un profondo rispetto dei valori della deontologia professionale. P R E S E N TA Z I O N E AUDITA è una Società di Revisione e Organizzazione Contabile nata nel 2011 su iniziativa di sei professionisti del settore. Opera su tutto il territorio nazionale con la priorità

Dettagli

BANCA CR FIRENZE Tina Cassano Direzione Auditing e Controlli di Gruppo

BANCA CR FIRENZE Tina Cassano Direzione Auditing e Controlli di Gruppo Business International La Compliance nelle Banche Italiane: compiti e responsabilità della funzione compliance alla luce delle Istruzioni della Banca d Italia BANCA CR FIRENZE Tina Cassano Direzione Auditing

Dettagli

COMPLIANCE E ANTIRICICLAGGIO: Integrazione tra le funzioni e aspetti organizzativi. Milano, 8 marzo 2012 Claudio Cola

COMPLIANCE E ANTIRICICLAGGIO: Integrazione tra le funzioni e aspetti organizzativi. Milano, 8 marzo 2012 Claudio Cola COMPLIANCE E ANTIRICICLAGGIO: Integrazione tra le funzioni e aspetti organizzativi Milano, 8 marzo 2012 Claudio Cola 1 AGENDA: 1. Premessa 2. La funzione compliance 3. La funzione antiriciclaggio 4. Integrazione

Dettagli

Credito, garanzia e impresa

Credito, garanzia e impresa FEDERCONFIDI Credito, garanzia e impresa Stefano Mieli Direttore Centrale dell Area Vigilanza Bancaria e Finanziaria Torino 26 novembre 2011 Indice 1. Il ruolo dei confidi: elementi di forza e criticità

Dettagli

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

Fabio Fortuna L INFORMATIVA SUI RISCHI NELLE BANCHE. FrancoAngeli. Facoltà di Economia dell Università Telematica delle Scienze Umane Niccolò Cusano

Fabio Fortuna L INFORMATIVA SUI RISCHI NELLE BANCHE. FrancoAngeli. Facoltà di Economia dell Università Telematica delle Scienze Umane Niccolò Cusano Fabio Fortuna L INFORMATIVA SUI RISCHI NELLE BANCHE FrancoAngeli Facoltà di Economia dell Università Telematica delle Scienze Umane Niccolò Cusano COLLANA DELLA FACOLTÀ DI ECONOMIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA

Dettagli

Il controllo a distanza di reti commerciali e bancarie L esperienza di Banca Fideuram

Il controllo a distanza di reti commerciali e bancarie L esperienza di Banca Fideuram Il controllo a distanza di reti commerciali e bancarie L esperienza di Banca Fideuram Pierluigi Cipolloni Responsabile Direzione Audit Convegno Nazionale AIEA Livorno, 24 maggio 2007 Indice Internal Auditing:

Dettagli

Informazioni Aziendali: Il processo di valutazione dei Rischi Operativi legati all Information Technology

Informazioni Aziendali: Il processo di valutazione dei Rischi Operativi legati all Information Technology Informazioni Aziendali: Il processo di valutazione dei Rischi Operativi legati all Information Technology Davide Lizzio CISA CRISC Venezia Mestre, 26 Ottobre 2012 Informazioni Aziendali: Il processo di

Dettagli

L APPLICAZIONE DI BASILEA 2 NEL SISTEMA DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO

L APPLICAZIONE DI BASILEA 2 NEL SISTEMA DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO L APPLICAZIONE DI BASILEA 2 NEL SISTEMA DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO Juan Lopez Funzione Studi - FEDERCASSE Battipaglia, 17 maggio 2006 Indice della presentazione Il Credito Cooperativo L approccio

Dettagli

Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP)

Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP) Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP) Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 06/12/2013 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

Enterprise Risk Management - ERM

Enterprise Risk Management - ERM Enterprise Risk Management - ERM ANALISI, VALUTAZIONE E GESTIONE DEI RISCHI La sopravvivenza di un azienda è assicurata dalla sua capacità di creare valore per i suoi stakeholders. Tutte le aziende devono

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI GIUSEPPE CERASOLI ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E. Nome. Nazionalità Italiana Data di nascita 31/12/1968

INFORMAZIONI PERSONALI GIUSEPPE CERASOLI ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E. Nome. Nazionalità Italiana Data di nascita 31/12/1968 C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome GIUSEPPE CERASOLI Nazionalità Italiana Data di nascita 31/12/1968 ESPERIENZA LAVORATIVA Date da 01/09/03 Ragioneria Generale dello Stato Dirigente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

ADVANCED PLANNING & CONTROL PROGRAM (A.P.Co.P.)

ADVANCED PLANNING & CONTROL PROGRAM (A.P.Co.P.) «One Team for one Theme» ADVANCED PLANNING & CONTROL PROGRAM (A.P.Co.P.) Contenuti delle giornate caratterizzanti il percorso Giornata1 - Mercoledì 18 Marzo 2015 La prossima sfida per l area P&C: Creare

Dettagli

Parte 1: Standard e linee guida europei per l assicurazione interna della qualità nelle istituzioni di istruzione superiore

Parte 1: Standard e linee guida europei per l assicurazione interna della qualità nelle istituzioni di istruzione superiore Parte 1: Standard e linee guida europei per l assicurazione interna della qualità nelle istituzioni di istruzione superiore 1.1 Linee di indirizzo e procedure per l assicurazione della qualità Le istituzioni

Dettagli

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Claudia Pelliccia CO.BA.CO. Srl ROMA, 12-13 DICEMBRE 2012

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ZANZI ROBERTA Data di nascita 07/01/1968

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ZANZI ROBERTA Data di nascita 07/01/1968 INFORMAZIONI PERSONALI Nome ZANZI ROBERTA Data di nascita 07/01/1968 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DELLA PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA Dirigente

Dettagli

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO Data: Ottobre, 2013 UniCredit Group - Public MISSION E AMBITO DI COMPETENZA L Internal Audit è una funzione indipendente nominata dagli Organi di Governo della Società ed è parte

Dettagli

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015)

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) 1 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE E FINALITA DEL DOCUMENTO 2. MISSIONE 3. AMBITO 4. PROFESSIONALITA

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO

LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO LEZIONE: LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO PROF.SSA PAOLA ZOCCOLI Indice 1 LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO --------------------------------------------- 3 2 OBIETTIVI

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 Rev. 1-20/10/2010 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA 1. Sistema di governance organizzativa L assetto organizzativo, amministrativo e contabile

Dettagli

LA COSTRUZIONE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO (IL CASO DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE)

LA COSTRUZIONE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO (IL CASO DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE) LA COSTRUZIONE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO (IL CASO DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE) Dott. Werther Montanari Direttore Audit di Gruppo Società Cattolica di Assicurazione Soc. Coop. Verona, 9 dicembre

Dettagli

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 66 Allegato A Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI Gli organi aziendali assumono un ruolo fondamentale per la definizione di

Dettagli