FUNZIONE DI COMPLIANCE E RESPONSABILITÀ DI GOVERNANCE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FUNZIONE DI COMPLIANCE E RESPONSABILITÀ DI GOVERNANCE"

Transcript

1 Università degli Studi di Brescia Dipartimento di Economia Aziendale Giuseppina GANDINI - Francesca GENNARI FUNZIONE DI COMPLIANCE E RESPONSABILITÀ DI GOVERNANCE Paper numero 86 Dicembre 2008

2 FUNZIONE DI COMPLIANCE E RESPONSABILITÁ DI GOVERNANCE di Giuseppina GANDINI Ordinario di Economia Aziendale Università degli Studi di Brescia e Francesca GENNARI Ricercatore di Economia Aziendale Università degli Studi di Brescia Paper presentato alla 2 nd European Risk Conference Risk and Governance Milano, Settembre 2008.

3 Indice 1. Introduzione Conformità alle norme e responsabilità di impresa La funzione di compliance nelle banche L Organismo di vigilanza L analisi empirica sull informativa relativa all OdV delle banche quotate Conclusioni Bibliografia... 25

4 Funzione di compliance e responsabilità di governance 1. Introduzione Il rispetto delle norme, di origine esogena o endogena, nonché la correttezza e la trasparenza nei comportamenti, si manifestano quali presupposti imprescindibili di efficacia nei processi di governo di impresa. Ciò assume particolare rilevanza in corrispondenza dell attività bancaria a causa sia dell evoluzione dei mercati finanziari in termini di prodotti offerti, modalità di trasferimento del rischio, operatività sui contesti internazionali, sia dell inevitabile rapporto di tipo fiduciario che si istituisce fra istituto bancario e stakeholders. Nel contesto descritto assume rilievo il concetto di compliance, inteso come conformità dei comportamenti aziendali a norme, provenienti dall esterno o maturate internamente, di tipo vincolante o di autodisciplina. La compliance si traduce, in sintesi, in un attività a carattere preventivo diffusa presso l intera organizzazione aziendale sotto la guida di un responsabile, che si configura quale intermediario fra gli organi di corporate governance e l organizzazione stessa con lo scopo di evitare il rischio di non conformità dei comportamenti di impresa alle norme e di suggerire, ove si dovessero riscontrare delle discordanze, opportuni interventi correttivi. L esercizio efficace dell attività di compliance tutela la banca di fronte al rischio di incorrere in sanzioni giudiziarie o amministrative alle quali sono correlate perdite sia finanziarie che reputazionali e di immagine. Tra le disposizioni normative più significative atte a regolare il rapporto fra attività di impresa e rischio di non conformità alle norme e connessa responsabilità penale ed amministrativa si richiama, in questa sede, il D.Lgs. 231/01 (e successivi aggiornamenti) Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche. Tale normativa è finalizzata a promuovere l adozione di strumenti (modelli di organizzazione, di gestione e di controllo; Organismo di vigilanza) atti ad escludere totalmente o parzialmente la responsabilità dell ente nelle ipotesi di commissione di particolari tipologie di reato. Le banche sono soggette ad un sistema integrato e pervasivo di controlli sottoposto alla supervisione dell Autorità di vigilanza e comprendente: i controlli promossi dagli organi di amministrazione e di controllo di corporate governance; i sistemi di controlli effettuati da soggetti esterni; i sistemi di controllo interno. Una simile struttura di verifiche dovrebbe, di per sé, prevenire la commissione di reati, ivi compresi quelli di cui al D. Lgs. 231/01. Ciò non esclude, tuttavia, che le imprese bancarie provvedano a verificare l adeguatezza del sistema di controlli esistente a fronte delle prescrizioni del Decreto e, ove necessario, ad apportare le modifiche ritenute più opportune al fine di promuovere un attività ispirata, in ogni sua fase realizzativa, ai principi di conformità alle norme, trasparenza e verificabilità. 1

5 Giuseppina Gandini Francesca Gennari La ricerca ha avuto come obiettivo, primariamente, l analisi del dettame legislativo e delle indicazioni provenienti dagli organismi di tutela e di vigilanza per l attuazione dell attività di compliance; quindi l esame della struttura dell Organismo di vigilanza (OdV), organo preposto al controllo del funzionamento dei modelli di gestione adottati nel rispetto del Decreto. La configurazione dell OdV, infatti, appare controversa in quanto, a fronte del silenzio del legislatore, essa può ricondursi ad organi aziendali già esistenti e deputati ad altre funzioni o ad un organismo appositamente creato per lo svolgimento dei compiti di vigilanza ad esso assegnati. Le considerazioni teoriche sono state supportate da un analisi empirico/induttiva, condotta in Aprile 2008, sull informativa veicolata mediante il sito internet dalle banche quotate sul Mercato di Borsa Italiana, con la finalità di valutare la qualità della comunicazione relativa all adozione del Decreto ed alla composizione dell OdV, nonché di evidenziare le principali situazioni di criticità Conformità alle norme e responsabilità di impresa I fenomeni di globalizzazione dei mercati e delle informazioni, la crescita della complessità dei rapporti intra ed interaziendali, la necessità di stabilire un rapporto fiduciario con i propri interlocutori hanno indotto ad una rivalutazione delle interdipendenze fra rispetto delle norme, vincolanti o volontarie, e responsabilità legale, economica, sociale ed ambientale di impresa, finalizzata a garantire acquisizione di consensi e di risorse. Il miglioramento della governance intesa come: relazioni fra le funzioni amministrative e di controllo; scelte di governo finalizzate ad ottimizzare il rapporto risorse, attività, risultati; istituzione di relazioni con gli stakeholder orientate alla creazione globale di valore si configura quale requisito basilare per garantire uno sviluppo duraturo dell impresa bancaria improntato ai principi di correttezza comportamentale e di equità nella distribuzione del valore creato. In questi ultimi anni si è, così, assistito: da una parte, alla volontà, o alla necessità, di operare nel rispetto di un concetto ampio di responsabilità, e, dall altra parte, all incremento di complessità delle relazioni che caratterizzano i rapporti fra le banche ed i propri clienti 2, ai quali le stesse 1 La ricerca è frutto della riflessione congiunta degli autori. Tuttavia le singole parti possono essere così attribuite: a Giuseppina Gandini i paragrafi 1 e 6; a Francesca Gennari i paragrafi 2,3,4,5. 2 Sul ruolo assunto dalle banche, in particolare nei rapporti con le altre imprese, anche con riguardo al contesto internazionale, si rinvia a Gandini G., Governo di impresa e orientamento competitivo al governo bancario, FrancoAngeli, Milano,

6 Funzione di compliance e responsabilità di governance concedono capitale di credito o alla cui proprietà appartengono mediante la concessione di capitale di rischio. La situazione succitata trova un ulteriore elemento di complessità nell operatività transnazionale sia degli istituti di credito, sia delle imprese con le quali essi intrattengono relazioni significative. Il ruolo di rilievo svolto dalle banche nei sistemi economici e la ricerca di efficaci relazioni con gli stakeholder hanno, pertanto, implicato, nel corso del tempo, una proliferazione di norme, vincolanti o autoregolamentari, prodotte sia a livello nazionale che internazionale 3, prevalentemente orientate a favorire la trasparenza delle strutture di governo delle banche e dei relativi comportamenti. Ad evidenza, ad una tale complessità regolamentare si affianca anche un elevato rischio imputabile a colpa o a negligenza nel comportamento degli organi di corporate governance o di governance 4 di non conformità alle norme. Ne deriva che, accanto ad una responsabilità personale degli individui, può essere individuata anche una responsabilità dell ente in quanto tale, fondata sulla relazione che lega l impresa alle persone che la rappresentano: le intenzioni e le azioni di coloro che agiscono fisicamente possono, cioè, essere assimilate alle intenzioni ed alle azioni dell impresa considerata persona giuridica. In linea generale, a livello internazionale la problematica connessa all imputazione all ente di una responsabilità diretta in caso di inosservanza normativa o di illecito è affrontata diversamente, nonostante i recenti tentativi di armonizzazione (soprattutto da parte dell OECD 5 e del Consiglio d Europa 6 ). Il problema si pone, in particolare, con riguardo alla 3 Si vedano, ad esempio: i numerosi interventi promossi dal Comitato di Basilea per la Vigilanza bancaria orientati alla convergenza internazionale sulle regole da seguire per assicurare l equilibrio patrimoniale delle banche; le direttive comunitarie sugli abusi di mercato (2003/6/CE) e sul controllo di conformità, la gestione dei rischi e la revisione interna delle banche, con specifico riferimento ai servizi di investimento (2006/73/CE); gli interventi del legislatore nazionale in recepimento delle direttive comunitarie; i regolamenti emessi dalla Consob, per le banche quotate; i provvedimenti di Banca d Italia. 4 Per approfondimenti sui concetti di corporate governance e di governance si rimanda a Salvioni D.M. (a cura di), Corporate governance, controllo e trasparenza, FrancoAngeli, Milano, Cfr. OECD, Oecd Bribery Convention, Si richiamano i molteplici interventi del Consiglio d Europa per contribuire all evoluzione normativa in materia di responsabilità delle persone giuridiche. Si vedano, ad esempio, le seguenti Raccomandazioni: (77)28 Contributo del diritto penale alla protezione dell ambiente ; (81)12 Criminalità economica ; (82)15 Ruolo del diritto penale sulla protezione del consumatore ; (88)18 Responsabilità delle imprese con personalità giuridica per le offese commesse nell esercizio della loro attività. 3

7 Giuseppina Gandini Francesca Gennari responsabilità penale in quanto caratterizzata da un accezione fortemente personalistica. I principali Paesi a common law hanno da tempo acquisito il concetto secondo cui l ente è penalmente perseguibile, seppur sulla base di approcci differenti: secondo la cosiddetta identification theory (o alter ego model), adottata dalla Gran Bretagna e dal Canada, il reato compiuto dai soggetti che occupano posizioni di vertice è automaticamente attribuito all ente. La giurisprudenza degli Stati Uniti 7 è, invece, maggiormente orientata alla vicarious liability theory (o respondeat superior model), la quale prevede che un ente possa essere ritenuto responsabile per gli atti compiuti dai dipendenti di qualunque livello, nello svolgimento delle rispettive funzioni, dai quali sia derivato un beneficio per l azienda. Il Codice penale australiano ha formalmente recepito un impostazione dottrinale propria di alcune giurisdizioni americane, codificando il concetto di corporate culture, secondo cui la colpa dell ente è imputabile all esistenza, all interno dell impresa, di una cultura atta ad incoraggiare, o quanto meno a tollerare, il mancato rispetto delle norme. I Paesi a civil law, viceversa, hanno manifestato un netto ritardo nell accettazione di una responsabilità penale propria dell ente attualmente ancora negata in alcuni Paesi soprattutto per effetto dell influenza del concetto di diritto romano secondo il quale societas delinquere non potest: le imprese sono entità astratte, prive di intenzionalità e, quindi, non in grado di commettere reati 8. A fronte di tale diversità, a livello europeo si assiste ad un graduale tentativo di armonizzazione con riguardo alla disciplina relativa alla responsabilità delle persone giuridiche 9. 7 Il Model Penal Code statunitense propende, invece, per la teoria dell identificazione limitando la responsabilità agli atti compiuti dagli individui che occupano posizioni di vertice, ma con la possibilità di addurre una possibile due diligence defense. Recentemente alcune giurisdizioni hanno contemplato il concetto di organisational liability secondo il quale l ente non è responsabile per effetto dei reati commessi dai singoli individui quanto semmai per effetto di quei fattori aziendali (procedure, politiche aziendali, clima, corporate culture, ecc.) che hanno incoraggiato o permesso la commissione del reato. La nozione praticabile di colpa è allora riconducibile alla mancanza o alla violazione di regole di corretta policy aziendale nelle quali si manifesta il concetto di volontà dell ente. Secondo un ampia dottrina, cioè, il reato dell apice determina una presunzione relativa di colpa aziendale che l ente potrà superare dimostrando di essere stato prudente e diligente nella prevenzione del reato. 8 Ad esempio, in Germania è ammessa la responsabilità amministrativa dell ente, mentre nei confronti della responsabilità penale di impresa l atteggiamento del legislatore è generalmente sfavorevole. La Francia, che fino al 1991 ha rigettato il principio di responsabilità penale delle persone giuridiche, lo accoglie invece pienamente con la riforma del Codice penale. 9 Si evidenzia, in tale ambito, la prassi del cosiddetto diritto penale comunitario. 4

8 Funzione di compliance e responsabilità di governance Con specifico riferimento all Italia il primo intervento significativo in questo ambito è avvenuto con il D. Lgs. 231/01 (più volte integrato con riferimento ai reati previsti) finalizzato: da una parte, a formalizzare la responsabilità penale (seppure a partire da una responsabilità di ordine amministrativo) delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica; dall altra parte, a proporre taluni requisiti di compliance (adozione di adeguati modelli di organizzazione ed attivazione di opportuni organismi di controllo) il cui rispetto garantisca all ente in oggetto, pur in presenza di reati, un esenzione di responsabilità o una riduzione delle sanzioni. Per affrontare adeguatamente il rischio correlato alla complessità normativa vigente, cioè, è opportuno: implementare e/o valutare la coerenza del modello di governo e di controllo adottato con le responsabilità attribuite a presidio delle aree di business aziendale; sviluppare un sistema integrato di compliance che consenta di monitorare adeguatamente il rapporto fra il sistema di controllo interno e la tutela della conformità alle disposizioni normative 10. La previsione, all interno del Decreto, di strumenti finalizzati all esercizio di un attività che, garantendo la conformità alle norme, riduca il rischio correlato alla commissione di reati induce, in questa sede, ad un approfondimento del concetto di compliance. La compliance aziendale si sostanzia in un attività volontaria ed a carattere cautelativo 11 con la finalità di prevenire il rischio di non conformità dell attività di impresa alle norme e di suggerire, ove si riscontrino discordanze, le più opportune soluzioni, al fine di: ridurre il rischio di non conformità, ossia il rischio di incorrere in sanzioni giudiziarie o amministrative e subire conseguenti perdite in termini sia economico finanziari che di reputazione e di immagine; garantire la diffusione graduale all interno dell impresa di una cultura della correttezza e della conformità; 10 Sul sistema di controllo interno si rimanda a Gandini G., I sistemi di controllo interno, in Salvioni D.M. (a cura di), cit., In particolare alla funzione di compliance è affidato il compito di: prevenire gli scostamenti fra le procedure aziendali e l insieme delle regole di provenienza esterna ed interna; assistere le altre funzioni aziendali nell applicazione delle norme al fine di ridurre al minimo il rischio di non conformità; predisporre interventi formativi per adeguare le procedure interne alle norme; coordinare e garantire l attuazione degli adempimenti richiesti dalle norme; segnalare le più recenti novità normative al fine di aggiornare periodicamente la documentazione prodotta dall azienda; risolvere situazioni di discordanza fra le norme in vigore e la specifica situazione aziendale; assicurare le relazioni con le autorità e gli organi di controllo interni ed esterni. 5

9 Giuseppina Gandini Francesca Gennari trasmettere trasparenza comportamentale prima, e comunicazionale poi, con una conseguente crescita di credibilità nei confronti degli stakeholder interni ed esterni e, quindi, una maggiore capacità di attrazione di consensi e di risorse 12. Specifici riferimenti normativi relativi alla funzione di compliance sono, in realtà, scarsi sia a livello internazionale che nazionale; tale situazione non impedisce, tuttavia, lo svolgimento di tale attività anche in modo non formalizzato, da parte cioè degli organi e delle funzioni già deputati ai controlli interni di impresa. In altri casi, viceversa, si assiste ad una formalizzazione della compliance sotto la responsabilità di un soggetto dedicato (Chief Compliance Officer) incaricato di gestire adeguatamente i rapporti fra l attività di controllo svolta dalla funzione in oggetto ed il controllo insito nell operatività di altre funzioni aziendali. Ne deriva che l introduzione di un attività di compliance su base volontaria deve essere il risultato di una valutazione riguardante il rapporto fra i possibili benefici ad essa correlabili ed i costi richiesti all organizzazione nel suo complesso. E, pertanto, necessario identificare con chiarezza i requisiti propri a tale funzione (soggetti coinvolti, oggetti di osservazione, risorse disponibili, processi attivabili) soprattutto con riguardo alla posizione che essa andrà ad assumere nell ambito del sistema dei controlli interni di impresa. 3. La funzione di compliance nelle banche L attivazione di una funzione di compliance negli istituti bancari assume un ruolo di estremo rilievo per la creazione di valore nel lungo termine, dal momento che: informa gli organi amministrativi a più alto rischio; promuove e mira a garantire la conformità alle norme, preservando la banca dagli effetti negativi correlati ad un mancato rispetto delle stesse; incrementa la fiducia degli stakeholders nella correttezza della gestione 12 Anche il US Federal Sentencing Guidelines Manual (Chapter 8 Sentencing of Organizations, 2007) individua nell esistenza di un effective compliance and ethics program uno dei due elementi che mitigano le sanzioni correlate ad atti imputabili alla responsabilità di impresa. Lo scopo dell introduzione di tali modelli preventivi è, in primo luogo quello di prevenire una condotta contraria alle norme e, in secondo luogo, quello di incoraggiare la diffusione di una cultura aziendale improntata ai valori del rispetto. Infatti: to have an effectice compliance and ethics program an organization shall (1) exercise due diligence to revent and detect criminal conduct and (2) otherwise promote an organizational culture that encourages ethical conduct and a committment to compliance with the law. 6

10 Funzione di compliance e responsabilità di governance dell istituto e dei comportamenti, favorendo l attribuzione di ulteriori risorse atte ad alimentare ulteriori opportunità di creazione di valore. A livello internazionale, il Comitato di Basilea ha emesso un documento, sintesi di una molteplicità di interventi precedenti, specificamente rivolto al settore bancario e relativo alle competenze, ai requisiti ed ai soggetti coinvolti nella funzione di compliance 13. La conformazione della funzione di compliance è, inoltre, espressamente disciplinata dalla Direttiva di II livello 2006/73/CE (cosiddetta MiFID), nella quale si impone alle imprese di investimento di istituire e mantenere una funzione di controllo della conformità 14 (art. 6 comma 2). Attualmente in Italia il riconoscimento della funzione di compliance è ascrivibile principalmente a due interventi: il Provvedimento di Banca d Italia n Disposizioni di Vigilanza. La funzione di conformità (compliance) emesso in luglio che impone l istituzione di una funzione di compliance separata dalla funzione di internal auditing entro dodici mesi dalla pubblicazione del Provvedimento stesso ed il Regolamento congiunto Banca d Italia e Consob in materia di Organizzazione e procedure degli intermediari emesso in ottobre L attenzione normativa verso l attività di compliance nelle imprese bancarie trova precipua giustificazione nel tentativo di offrire maggiori garanzie di tutela ai diversi interlocutori sociali (piccoli risparmiatori, 13 Basel Committee on Banking Supervision, Compliance and the compliance function in banks, April A tale funzione si richiede il rispetto dei seguenti requisiti: disporre dell autorità, delle risorse e delle competenze necessarie ed avere adeguato accesso alle informazioni pertinenti; essere presidiata da un responsabile; essere caratterizzata dalla garanzia di obiettività mediante il divieto, per coloro che fanno parte di tale funzione, di partecipare alla prestazione dei servizi di investimento o all esercizio di attività sottoposte al controllo della funzione di compliance. I compiti fondamentali della funzione di controllo della conformità secondo la MiFID si sostanziano nel: controllare e valutare regolarmente l adeguatezza e l efficacia delle procedure messe in atto dall impresa per l osservanza degli obblighi discendenti dalla MiFID e delle misure adottate per rimediare ad eventuali carenze negli obblighi suddetti; fornire consulenza ed assistenza ai soggetti rilevanti incaricati dei servizi di investimento ai fini dell adempimento degli obblighi imposti dalla MiFID. 15 Tale Provvedimento è stato in realtà anticipato da un precedente Provvedimento, sempre di Banca d Italia, dell aprile 2005 correlato al documento di Basilea in materia di gestione collettiva del risparmio in cui si segnala al Tit.IV, Sez. II, cap.3: [ ] controlli sulla conformità alle disposizioni di legge, ai provvedimenti delle autorità di vigilanza e alle norme di autoregolamentazione nonchè a qualsiasi altra norma applicabile alle SGR ( compliance ). 16 In attuazione del TUB (D.Lgs. 385/1993), del TUF (D.Lgs. 58/1998) e con finalità di recepimento delle Dir. 2004/39/CE (MiFID), Dir. 2006/48/CE (CRD), Dir. 2006/49/CE (CAD). In particolare l art. 16 del Titolo II della Parte 2 del Regolamento in oggetto è esplicitamente dedicato al controllo di conformità. 7

11 Giuseppina Gandini Francesca Gennari investitori, imprese) mediante procedure formalizzate di correttezza amministrativa. Il rischio di non conformità alle norme manifesta, in generale, una maggiore concentrazione in corrispondenza di quelle aree di business sottoposte a numerose disposizioni regolamentari per effetto di un grado elevato di rischiosità (attività di intermediazione, trasparenza verso i clienti, gestione dei conflitti di interesse, ecc.). Quanto affermato non esclude, tuttavia, che situazioni di mancato rispetto normativo si realizzino in corrispondenza di tutti i livelli aziendali, così che l attività di prevenzione propria della funzione di compliance deve assumere un carattere diffuso e pervasivo nell organizzazione. Ne deriva che l esercizio concreto dell attività di compliance è affidato, conformemente alle singole responsabilità, a diversi soggetti di governance i quali rispondono del loro operato ad un preposto indipendente (Chief Compliance Officer CCO) deputato a garantire l efficace svolgimento dell intero processo mediante 17 : il costante monitoraggio delle disposizioni normative che gravano sull azienda; l individuazione di opportune procedure atte a ridurre il rischio di non conformità fra l attività della banca e le norme individuate; la predisposizione di opportuni flussi informativi da e verso gli organi di governance, i soggetti coinvolti nell espletamento della funzione di compliance, gli organi esterni interessati. Alle banche viene, pertanto, riconosciuta ampia discrezionalità nella scelta delle soluzioni organizzative più idonee per l implementazione della funzione di conformità, la quale prevede, in linea generale, lo svolgimento delle seguenti fasi: l accertamento (assessment): l intero processo prende avvio dall individuazione delle aree a maggiore rischio di non conformità al fine di valutare la validità dei controlli già esistenti su quelle aree e l eventuale necessità di apportare modifiche organizzative o procedurali; la gap analisys: il confronto fra le direttive predisposte nella fase di accertamento e le situazioni di rischio effettivamente realizzatesi sono ascrivibili a due principali cause: il mancato o errato recepimento delle linee proposte; la consapevolezza di una rischiosità residuale considerata non eliminabile; nell eventualità di un disallineamento evidenziato nella fase precedente è opportuno procedere, dapprima, con la rimozione delle 17 Ad evidenza l efficacia dell intero processo dipende anche dalla diffusione della cultura della conformità e del controllo presso l intera organizzazione aziendale, mediante una costante attività di formazione e di sensibilizzazione ed, eventualmente, l istituzione di un sistema disciplinare interno atto a sanzionare i comportamenti non conformi. 8

12 Funzione di compliance e responsabilità di governance criticità individuate e, quindi, con il costante monitoraggio dei relativi processi al fine di verificarne l effettiva validità o provvedere ad una successiva modifica. Ferma restando la discrezionalità delle banche nell organizzazione della funzione di conformità (che può anche essere esternalizzata), in coerenza con le proprie peculiarità dimensionali ed operative, nonché con l assetto esistente per la gestione dei rischi, è necessario che la funzione in oggetto: sia indipendente da altre funzioni, con particolare riguardo a possibili conflitti di interesse; sia dotata di risorse quantitativamente e qualitativamente adeguate ai compiti da svolgere; abbia accesso a tutte le informazioni rilevanti per la propria attività. Come si è accennato, l ambito di osservazione della compliance è molto vasto potendo coinvolgere l attività svolta sia dagli organi di vertice sia dai membri dell organizzazione. Si rammenta, in questa sede, che gli organi di corporate governance (di amministrazione e di controllo) assumono la responsabilità della supervisione complessiva del sistema di gestione del rischio di non compliance al quale sono, allo stesso tempo, sottoposti (ad esempio con riguardo alle procedure di verifica dell indipendenza degli amministratori nel rispetto della legge sulla tutela del risparmio). Ammesso che tali organi (in particolare l organo amministrativo, con il parere dell organo di controllo) sono deputati ad istituire ed a valutare l adeguatezza della funzione di compliance, la normativa esistente non propone soluzioni univoche con riguardo al soggetto a cui compete la gestione effettiva della suddetta funzione 18. Il CCO può, cioè, essere un singolo individuo o un organo collegiale, ubicato in posizione intermedia fra gli organi di corporate governance, che provvedono alla relativa nomina e revoca, e le unità organizzative sottostanti 19. Sotto la responsabilità del CCO la funzione può essere costituita da personale dipendente dedicato totalmente o parzialmente all attività di controllo di conformità, eventualmente con l ausilio di collaboratori esterni. 18 La nomina e la revoca del CCO devono essere comunicate tempestivamente alla Banca d Italia. 19 L organo amministrativo, in particolare, interloquisce con il CCO mediante la figura di un amministratore delegato a ciò preposto. Si veda anche il dettato delle US Federal Sentencing Guidelines, 2007: Specific individual(s) within the organization shall be delegated day to day operational responsibility for the compliance and ethics program. Individual(s) with operational responsibility shall report periodically to high level personnel and, as appropriated, to the governin authority Board of Directors or an appropriate subgroup of the governino authority, on the effectiveness of the compliance and ethics program. 9

13 Giuseppina Gandini Francesca Gennari La funzione di compliance è parte integrante del sistema dei controlli interni delle banche 20 ; è, pertanto, necessario definire con chiarezza i rapporti con le altre forme di controllo interno, sia con riguardo ai soggetti coinvolti sia con riguardo agli oggetti di osservazione. Le disposizioni normative internazionali e nazionali 21 si limitano ad imporre la non coincidenza fra la funzione di conformità e la revisione interna, essendo la prima sottoposta a verifiche periodiche da parte della seconda. Non appaiono, tuttavia, definiti con precisione i perimetri di controllo imputabili alle funzioni in oggetto: è indubbio, infatti, che fra gli obiettivi dell internal auditing rientri anche la verifica della conformità delle procedure interne rispetto alle norme, basata su accertamenti di esistenza e di corrispondenza. Il rischio di sovrapposizione degli obiettivi, e di conseguente duplicazione delle attività, è superato quando la funzione di compliance opera mediante accertamenti analitici su tutti i processi esposti al rischio di non conformità, interagendo ed integrando, così, le verifiche di internal auditing, spesso effettuate su base campionaria e focalizzate solo sulle aree a maggiore rischiosità potenziale con la finalità di garantire le generali efficacia ed efficienza dei processi per la tutela del patrimonio aziendale. Allo stesso modo, un efficace gestione del rischio impone di considerare le relazioni fra funzione di compliance e risk management: la prima manifesta un ambito di osservazione generalmente più circoscritto, in quanto focalizzata soltanto su quei processi a rischio di non conformità normativa, mentre il secondo si sostanzia nell identificazione, e dove possibile nella gestione, di tutti i possibili fattori di rischio. Infine, fra i sistemi di controllo sviluppati internamente all organizzazione si annovera il controllo della gestione, insieme di strutture e di processi volti ad agevolare la coerente e sintonica attuazione delle decisioni di governo favorendo, al contempo, il contenimento dei rischi. Ad evidenza, situazioni di non conformità alle norme possono essere generate da interventi gestionali, così come esigenze di compliance possono indurre a modificare definiti processi tipici della gestione. La funzione di conformità, cioè, può essere attivamente coinvolta nell ambito del sistema di controllo della gestione (che ha, tuttavia, una valenza meno ispettiva rispetto ad altre tipologie di controllo) quando anch essa partecipi alla realizzazione delle finalità ultime aziendali mediante la delega di responsabilità su specifici obiettivi gestionali. 20 Cfr. Banca D Italia, Disposizioni di vigilanza, cit. 21 Cfr. Basel Committee on Banking Supervision, Compliance and the compliance function in banks, cit. e Banca D Italia, Disposizioni di vigilanza, cit. 10

14 Funzione di compliance e responsabilità di governance Pare, da ultimo, importante sottolineare che, in un ottica di massimizzazione del rapporto costi/benefici, sia indispensabile sfruttare le sinergie emergenti nell ambito delle diverse forme di controllo mediante: da una parte, l istituzione di opportuni flussi comunicazionali gestiti nell ambito di un sistema informativo completo, flessibile, tempestivo ed incentrato sul trasferimento selettivo delle informazioni; dall altra parte, la diffusione di logiche basate sulla cultura del controllo al fine di garantire l ottimalità dei comportamenti nelle relazioni interne e con gli stakeholder esterni. 4. L Organismo di vigilanza Il D. Lgs. 231/01 sulla Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica, a norma dell art. 11 della legge 29 settembre 2000 n.300, modificato nel 2007, recepisce una molteplicità di norme di provenienza internazionale e nazionale 22 finalizzate: da una parte, a rafforzare la capacità delle imprese di fornire adeguate garanzie di correttezza comportamentale e di trasparenza; dall altra parte, a dotare le imprese di strumenti atti a prevenire possibili situazioni di rischio. La normativa in oggetto offre, in sintesi, l opportunità di esclusione da taluni reati quando si attivano idonei meccanismi di prevenzione dei rischi relativamente a: gli organi di governance preposti al controllo e ritenuti responsabili nelle fattispecie previste; la definizione di opportune procedure sintetizzate in un modello di organizzazione, gestione e controllo. Il Decreto intende stimolare nelle imprese la consapevolezza di una responsabilità sociale, perseguibile sia attraverso la previsione di conseguenze amministrative e penali, sia mediante l adozione del concetto di corporate culture, tipico di alcuni modelli sanzionatori anglosassoni. L inversione dell onere della prova secondo cui, per i reati commessi da 22 In particolare include fra i reati imputabili all impresa le fattispecie previste da una molteplicità di interventi normativi operati a livello nazionale (D.L. 350/01 sui reati di falso nummario, D.Lgs. 61/02 sui reati societari, L. 7/03 sui reati con finalità di terrorismo, L.228/2003 sui delitti contro la personalità individuale, L.62/05 sugli abusi di mercato, L. 146/06 sui reati transnazionali, D.Lgs. 152/06 relativo al nuovo codice dell ambiente, L. 123/07 sulla violazione delle norme antinfortunistiche, D.Lgs. 231/07 sulla ricettazione ed il riciclaggio di denaro) a loro volta ispirati dalla normativa internazionale (Convenzione di Bruxelles sulla Tutela degli interessi finanziari della Comunità Europea (1995), Convenzione di Bruxelles sulla Lotta alla corruzione di funzionari pubblici (1997), Convenzione OECD sulla Lotta alla corruzione di pubblici ufficiali (1997), Convenzione UN contro il crimine organizzato (2000), legge comunitaria 62/2005 per recepimento della Direttiva 2003/6/CE sulla manipolazione del mercato e l abuso di informazioni privilegiate) 11

15 Giuseppina Gandini Francesca Gennari soggetti con funzioni dirigenziali, è prevista una presunzione di responsabilità a carico dell ente che deve dimostrarne l assenza derivante dalla colpa di organizzazione ammette che la mancanza di un idonea struttura organizzativa costituisca un elemento sufficiente per contestare l esistenza di una responsabilità a carico dell ente in quanto tale 23. L implementazione del succitato modello di organizzazione e di gestione dovrebbe, cioè, impedire la commissione dei reati nel senso che i reati non dovrebbero poter essere commessi senza eludere fraudolentemente il modello 24. Quanto affermato implica: la definizione di ruoli e responsabilità con riguardo a tutti i soggetti dotati di potere decisionale sulle aree a rischio; la codifica di standard di comportamento e di connesse procedure sanzionatorie nelle ipotesi di mancato rispetto; l attuazione di adeguati processi di controllo e di vigilanza. Per gli istituti bancari il rispetto del dettato normativo si configura, pertanto, come un opportunità di rilievo per usufruire dei requisiti esimenti dalla responsabilità di illecito ma, altresì, per godere di un minore peso dei rischi abbinato a maggiori garanzie di tutela dei propri interlocutori sociali. Le banche, a loro volta, potranno favorevolmente valutare l adozione del Decreto da parte delle imprese a cui si trovano legate da rapporti di credito e che si manifestano più sensibili alla volontà, e capacità, di gestire rischi di diversa appartenenza. Il Decreto prevede, fra i requisiti esimenti la responsabilità dell ente, l istituzione di un Organismo di vigilanza, organo preposto al controllo sull adozione del modello di organizzazione, gestione e controllo d impresa mediante: 23 In realtà emerge una differenza di disciplina, e di regime probatorio, in relazione ai reati commessi dai soggetti in posizione apicale rispetto ai reati commessi dai sottoposti. Nel primo caso, infatti, si assiste ad un inversione dell onere della prova essendo in capo all ente l onere di dimostrare una serie di requisiti organizzativi; nel secondo caso, l ente risponde solo se la commissione del reato è stata resa possibile dall inosservanza degli obblighi di direzione o vigilanza (essendo l onere della prova in carico all accusa). 24 Il modello di organizzazione, gestione e controllo, in sintesi, si sostanzia in un insieme di regole interne di cui l ente può dotarsi in funzione delle specifiche attività svolte e dei relativi rischi connessi, al fine di adempiere alla ratio delle norme del Decreto. Con specifico riferimento alle banche si sottolinea che tali tipologie di imprese sono, di per sé, già dotate di complessi di regole interne (normative aziendali, codici di autodisciplina, codici etici, ecc.) i quali possono costituire, eventualmente con le opportune modifiche, modelli di organizzazione e gestione. Ne deriva che l adozione del modello richiederà un attività tanto meno complessa quanto più adeguato e razionale risulterà essere il sistema dei controlli interni già esistenti. Il modello, infatti, non ha come unica funzione l indicazione di una serie di procedure da seguire nello svolgimento di certe operazioni, ma anche quella di costituire uno strumento di comunicazione verso l interno (apici e sottoposti) e verso l esterno (investitori, terzi, creditori, ecc.) della cultura e dell etica aziendale. 12

16 Funzione di compliance e responsabilità di governance la vigilanza sull effettività e la rispondenza del modello di organizzazione ai requisiti richiesti dal Decreto; la verifica in merito all idoneità del modello a prevenire la commissione di illeciti; la mappatura delle aree di rischio; la verifica ed il necessario adeguamento del modello, valutando sia le modifiche alla normativa di settore che gli orientamenti della giurisprudenza; la verifica e l aggiornamento del sistema di vigilanza sull attuazione del modello; la promozione di attività finalizzate alla conoscenza del modello all interno dell ente; l esecuzione delle attività di verifica programmate nell esecuzione dei controlli previsti nel modello di organizzazione; l elaborazione dei dati forniti e la sintesi in merito alle verifiche effettuate; la segnalazione agli organi competenti delle violazioni del modello e la verifica dell applicazione di sanzioni disciplinari; l attivazione di corretti flussi informativi ed il collegamento funzionale con gli altri OdV istituiti presso altre società controllanti o controllate. Il recente D. Lgs. 231/07 25 innova significativamente la natura dell attività di controllo sino ad ora svolta dall OdV: per gli enti cui il Decreto è applicabile si passa dal compito di vigilare sul funzionamento e l osservanza dei modelli ad una vigilanza avente ad oggetto l osservanza delle norme (art. 52 comma 1). Si assiste, cioè, ad un attività di verifica sempre più sbilanciata nel merito in quanto relativa non solo all osservazione di regole e procedure aziendali interne, ma anche all effettiva applicazione della normativa e, di conseguenza, focalizzata anche sui singoli comportamenti effettivi che con la stessa possono porsi in contrasto. Inoltre, di fronte ad un precedente dovere di segnalazione delle anomalie esclusivamente all interno dell ente, oggi all OdV viene attribuito un obbligo, penalmente sanzionato, di denuncia alle autorità di vigilanza. La banca che adotta il Decreto deve, pertanto, individuare l OdV, dotato di autonomi poteri di iniziativa e di controllo, interno all azienda, al quale affidare espressamente i compiti di vigilare sul corretto funzionamento (e curarne l eventuale aggiornamento) del modello di organizzazione e gestione. Tale organismo interagisce con l organo amministrativo (dalla cui 25 In vigore dal 30 aprile 2008 e volto a recepire la Dir. 2005/60/CE sull antiriciclaggio ed antiterrorismo. 13

17 Giuseppina Gandini Francesca Gennari nomina può derivare ed al quale può afferire, sebbene non in termini di dipendenza gerarchica), configurandosi anch esso come organo di corporate governance. La genericità del concetto di Organismo di vigilanza contenuto nel Decreto giustifica l eterogeneità delle soluzioni possibili: anche nel settore bancario, di fatti, coesistono realtà societarie con caratteristiche dimensionali, strutturali e di attività fortemente diversificate. Ne deriva una forte differenziazione anche nelle risposte con cui le banche realizzano i principi enunciati nel Decreto in generale e le specifiche prescrizioni sull Organismo di vigilanza in particolare. Il sostanziale silenzio del dettame legislativo in merito ai requisiti ed alla composizione di tale Organo è stato parzialmente colmato da: le Linee guida dell Associazione Bancaria Italiana 26 ; gli interventi di altre associazioni 27 ; la giurisprudenza. Con riguardo ai requisiti di cui l OdV nel suo complesso dovrebbe essere dotato, il Decreto riferisce soltanto in merito ad autonomi poteri di iniziativa e di controllo; i suddetti attributi devono, evidentemente, essere declinati in capo ai singoli membri dell Organismo in modo che lo stesso sia qualificabile come: autonomo: detto carattere è l unico prescritto dallo stesso legislatore all art.6 e richiede che i soggetti appartenenti a tale Organo non debbano svolgere attività di gestione o incarichi di natura operativa, al fine di garantire l assenza di eventuali conflitti di interesse. L autonomia si esprimerà, quindi, rispetto alla stessa società (mancato svolgimento di attività gestionali) e nell esercizio di poteri: ispettivi; di accesso alle informazioni; di controllo; di consultazione; indipendente: onde garantire la massima imparzialità di giudizio, l OdV non deve essere in posizione subordinata ad alcun organo di corporate governance o di governance ed è auspicabile la presenza di soggetti che, interni o esterni all azienda, non manifestino con la stessa conflitti di interesse; continuo nell azione: l efficacia dell attività dell OdV dipende anche dalla sua capacità di svolgere un azione costante nel tempo ed in continua relazione con gli altri organi e funzioni aziendali; dotato di professionalità ed onorabilità: è auspicabile che i membri dell OdV siano in possesso di professionalità specifiche (aziendalistiche ma anche legali) potendo ricorrere, eventualmente, a 26 ABI, Linee guida dell Associazione Bancaria Italiana per l adozione di modelli organizzativi sulla responsabilità amministrativa delle banche, febbraio Cfr. gli interventi dell Associazione Italiana Internal Auditors, dell Associazione Italiana Compliance e le linee guida dell Associazione Bancaria Italiana. 14

18 Funzione di compliance e responsabilità di governance supporti tecnico specialistici di provenienza esterna, e si contraddistinguano per onorabilità ed affidabilità; privo di cause di ineleggibilità: nei requisiti richiesti per la nomina a membro dell OdV devono essere previste specifiche disposizioni in materia di ineleggibilità/revoca al fine di evitare, ad esempio, che un soggetto condannato per uno dei reati previsti dal D. Lgs. 231/01 possa restare in carica fino al passaggio in giudicato della sentenza di condanna. Sembra, inoltre, degno di nota rilevare che l introduzione nella parte speciale del Decreto (art.25 ter) dei reati societari abbia reso ancora più evidente la necessità che l OdV si configuri come un organo dotato dei requisiti succitati, in particolare l autonomia e l indipendenza. Da quanto affermato appare evidente che l OdV debba essere eletto dagli organi di corporate governance preposti all attività di amministrazione (consiglio di amministrazione, nelle ipotesi di modello di governance dualistico orizzontale o monistico, o, nei modelli di governance dualistici verticali, consiglio di sorveglianza, quando quest ultimo sia deputato anche alla funzione di supervisione strategica 28 ). Le peculiarità delle singole realtà bancarie suggerirà, poi, la soluzione più opportuna con riguardo all identificazione dei soggetti impegnati nell Organismo, anche sulla base dei rapporti costi/benefici correlati al ricorso ad una struttura aziendale già esistente o alla creazione di una struttura dedicata. Sembra, in primo luogo, opportuno adottare il requisito della collegialità, in quanto la diversificazione delle competenze e l eterogeneità delle funzioni contribuiscono ad alimentare la dialettica, presupposto imprescindibile per decisioni consapevoli e meditate 29. In secondo luogo, è preferibile escludere il ricorso tout court ad un soggetto esterno alla banca (come la società di revisione o i consulenti esterni) in quanto, sebbene idonei sotto il profilo della professionalità, potrebbero non godere dei requisiti di autonomia di iniziativa e della continuità di azione 30. Tuttavia 28 Supervisione strategica che nei modelli dualistici orizzontali e monistici si esaurisce all interno dell organo amministrativo mediante l individuazione all interno del consiglio di amministrazione (che svolge attività di supervisione nel suo complesso) di amministratori esecutivi (deputati allo svolgimento dell attività gestionale) e di amministratori non esecutivi. 29 Per le banche di piccole dimensioni, tuttavia, non si esclude l utilizzo di un organo monocratico, seppure dotato delle medesime caratteristiche di indipendenza, di autonomia e di controllo di un organo collegiale. 30 Per le banche di credito cooperativo è ammessa l esternalizzazione dei compiti di vigilanza di cui all OdV alle Federazioni esterne. Cfr. ABI, Linee guida dell Associazione bancaria Italiana, cit. 15

19 Giuseppina Gandini Francesca Gennari occorre sottolineare come una maggiore oggettività ed imparzialità di giudizio sia ottenibile laddove la composizione dell OdV preveda l inserimento anche di soggetti esterni e indipendenti. Da quanto affermato si evince che la costituzione ideale dell OdV si sostanzia in un organo collegiale costituito per la maggior parte da soggetti interni alla banca, con l accortezza di escludere quegli stessi soggetti che provvedono alla relativa nomina o revoca. Si ritiene, pertanto, che lo spirito del Decreto sia rispettato nelle ipotesi di: pressoché completa coincidenza dell OdV con organi di controllo interno già esistenti nell impresa bancaria (ad esempio internal auditing, eventualmente integrato nei poteri e nella composizione); creazione di un organismo ad hoc preferibilmente costituito sia da professionalità interne che esterne, eventualmente coordinate da uno o più amministratori non esecutivi ed indipendenti a garanzia dell effettività del controllo sugli organi di vertice e dell omogeneità di indirizzo. Indipendentemente dalla sua composizione, appare evidente che, al fine di rendere effettivo l esercizio delle funzioni dell OdV, è necessario garantire un flusso costante di informazioni da e verso il medesimo. Più precisamente all OdV è garantito l accesso a tutte le informazioni aziendali utili per l espletamento dei propri compiti: su qualunque funzione grava, pertanto, l obbligo, la cui violazione deve essere sanzionata (cfr. Tribunale Napoli, 27/06/07, ord.), di rendere disponibili dati, documenti, e qualunque informazione l OdV richieda 31. A sua volta l OdV produce flussi informativi rivolti a: gli organi di amministrazione, circa le valutazioni emerse al termine delle attività di verifica e la presenza di eventuali irregolarità accertate; gli organi deputati al controllo (collegio sindacale, comitato per il controllo sulla gestione, internal auditor, risk manager, preposto al controllo interno, ecc.); 31 Le informazioni fornite all OdV dovrebbero consentire di migliorare le proprie attività di controllo e non, invece, costituirsi come un imposizione puntuale e sistematica di tutti i fenomeni rappresentati. In altre parole, all Organismo non incombe un obbligo di agire ogni qualvolta vi sia una segnalazione, essendo rimesso alla sua discrezionalità stabilire in quali casi attivarsi. Guardando poi alle esperienze straniere, in particolare alle Federal Sentencing Guidelines statunitensi ed ai relativi compliance programs, l obbligo di informazione dovrà essere esteso anche ai dipendenti che vengano in possesso di notizie relative alla commissione dei reati in specie o a pratiche non in linea con le norme di comportamento ed i codici etici di cui l ente si è dotato. 16

20 Funzione di compliance e responsabilità di governance nei gruppi di imprese, eventuali altri OdV operanti presso controllanti o controllate; le autorità di vigilanza di settore, il Ministero dell Economia e delle Finanze, l UIF 32 (ai sensi del D. Lgs. 231/07 art. 52); altri soggetti esterni, previa autorizzazione dello stesso OdV. Ad evidenza, tutte le attività eseguite dall OdV, le relative informazioni, i rilievi e le valutazioni effettuate devono essere verbalizzati ed archiviati al fine di poter essere eventualmente utilizzate dall ente per chiedere la mancata applicazione delle sanzioni previste dal Decreto o per dimostrare che non vi è stato omesso controllo da parte dello stesso OdV. Il legislatore tace anche con riguardo alla responsabilità dell OdV nelle ipotesi in cui tale organo non abbia correttamente adempiuto alle attività di verifica e di vigilanza provocando, in tal modo, la responsabilità amministrativa dell ente. Poiché all OdV non è attribuito alcun potere di gestione attiva in grado di intervenire sull organizzazione interna dell ente, ma soltanto un attività di controllo, si ritiene che lo stesso non possa essere passibile di responsabilità penale. Può, al contrario, configurarsi una responsabilità penale del singolo membro, quando quest ultimo abbia partecipato in modo diretto, o attraverso l omissione di precise funzioni, al reato compiuto da altri 33. Con riguardo alla responsabilità civile, escludendo i casi di dolo e colpa grave, potrebbe sussistere in capo ai componenti dell OdV una responsabilità per condotta omissiva 34 nei confronti di coloro che hanno creato i presupposti del reato. Tali azioni potranno essere esperite sia nei confronti dello stesso autore del reato, ma anche di quei soggetti che abbiano reso possibile la realizzazione dell evento, come appunto i membri negligenti dell OdV. 5. L analisi empirica sull informativa relativa all OdV delle banche quotate La ricerca empirica, condotta su un gruppo di imprese bancarie ritenuto significativo, si basa sulla consapevolezza che la veicolazione di un informativa trasparente relativa all adozione del D. Lgs.231/01 ed alla 32 Unità di Informazione Finanziaria per l Italia istituita presso la Banca d Italia. 33 L art. 110 del codice penale, di fatti, regola il concorso di persone nel reato presupponendo non solo la volontaria partecipazione alla condotta criminosa ma anche un apporto casualmente collegato alla realizzazione dell evento. 34 In questa direzione si orienta la recente dottrina concorde nel ritenere che l ente incriminato possa esperire azioni civili contro i componenti dell OdV, intese anche a conseguire il risarcimento del danno economico conseguente alla condanna. 17

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N.

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. 231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE Con la disciplina dettata dal

Dettagli

L organismo di vigilanza e l audit del sistema di prevenzione

L organismo di vigilanza e l audit del sistema di prevenzione I modelli organizzativi di prevenzione nelle cooperative e i nuovi reati del D.Lgs. 231/01 L organismo di vigilanza e l audit del sistema di prevenzione Paolo Maestri Unilab Consulenze Aziendali 9 aprile

Dettagli

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI INDICE D.1. DESTINATARI DELLA PARTE SPECIALE E PRINCIPI GENERALI DI COMPORTAMENTO... 3 D.2. AREE POTENZIALMENTE A RISCHIO E PRINCIPI DI CONTROLLO PREVENTIVO... 5 D.3. COMPITI

Dettagli

Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001

Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 Il presente documento ha lo scopo di illustrare il Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo adottato

Dettagli

Il controllo interno delle imprese

Il controllo interno delle imprese Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Il controllo interno delle imprese Anno Accademico 2009-2010 1 SISTEMA DI CONTROLLO IL

Dettagli

FONDAZIONE PIEMONTESE PER LA RICERCA SUL CANCRO - ONLUS. Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs.

FONDAZIONE PIEMONTESE PER LA RICERCA SUL CANCRO - ONLUS. Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. FONDAZIONE PIEMONTESE PER LA RICERCA SUL CANCRO - ONLUS Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS.

Dettagli

ORGANISMO DI VIGILANZA

ORGANISMO DI VIGILANZA ALLEGATO 3 ORGANISMO DI VIGILANZA 12 1. Il decreto 231/01 e l istituzione dell OdV Come noto il Decreto 231/01 ha introdotto una nuova forma di responsabilità delle persone giuridiche per alcuni tipi di

Dettagli

Organismo per la gestione degli Elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi

Organismo per la gestione degli Elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Organismo per la gestione degli Elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi LINEE GUIDA CONCERNENTI IL CONTENUTO DEI REQUISITI ORGANIZZATIVI PER L ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI

Dettagli

Il Decreto Legislativo 231/01: Impatti sulla Governance aziendale

Il Decreto Legislativo 231/01: Impatti sulla Governance aziendale Il D.Lgs 231/01 : riflessi sul ruolo dell' OdV e del Collegio Sindacale ndacale Il Decreto Legislativo 231/01: Impatti sulla Governance aziendale 27 febbraio 2012 Prof. Daniele Gervasio Università degli

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ORGANISMO DI VIGILANZA PER L ATTUAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE GALILEO GALILEI CREMA (CR) Nomina componenti OdV edizione dicembre

Dettagli

BDO S.p.A. REGOLAMENTO OPERATIVO ORGANISMO DI VIGILANZA. ai sensi del Decreto Legislativo 231/01

BDO S.p.A. REGOLAMENTO OPERATIVO ORGANISMO DI VIGILANZA. ai sensi del Decreto Legislativo 231/01 REGOLAMENTO OPERATIVO ORGANISMO DI VIGILANZA ai sensi del Decreto Legislativo 231/01 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 27 settembre 2013 Art 1. Oggetto Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Consulenza Civile e Penale alle aziende Consulenza penale alle aziende ex D.lgs. 231/01

Consulenza Civile e Penale alle aziende Consulenza penale alle aziende ex D.lgs. 231/01 Consulenza Civile e Penale alle aziende Consulenza penale alle aziende ex D.lgs. 231/01 1) L attivita legale esterna- Outsorcing D impresa Un azienda all avanguardia per migliorare la propria produttività

Dettagli

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38)

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38) FAQ sul MOG 1. Che cos è il D. Lgs. 231/2001? Il D. Lgs. 231/2001 entrato in vigore il 4 luglio 2001, individua le disposizioni normative concernenti la disciplina della responsabilità amministrativa delle

Dettagli

CODICE DI AUTODISCIPLINA (aspetti generali - sintesi)

CODICE DI AUTODISCIPLINA (aspetti generali - sintesi) CODICE DI AUTODISCIPLINA (aspetti generali - sintesi) Codice di autodisciplina Sintetica descrizione del contenuto del Codice di Autodisciplina approvato nel marzo 2006 dal Comitato per la corporate governance

Dettagli

Vista la deliberazione del Consiglio Direttivo dell Autorità d Informazione Finanziaria del 27 ottobre 2011 EMANA. Premessa

Vista la deliberazione del Consiglio Direttivo dell Autorità d Informazione Finanziaria del 27 ottobre 2011 EMANA. Premessa ISTRUZIONE N.1 IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, PROCEDURE E CONTROLLI INTERNI VOLTI A PREVENIRE L UTILIZZO DEGLI ENTI VIGILATI A FINI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO Il Presidente dell Autorità

Dettagli

Aloja&Partners. Consulenza Penale alle Aziende - D. LGS. 231

Aloja&Partners. Consulenza Penale alle Aziende - D. LGS. 231 Aloja&Partners Consulenza Penale alle Aziende - D. LGS. 231 Aloja&Partners Consulenza Penale alle Aziende - D. LGS. 231 Consulenza penale alle aziende ex D.lgs. 231/01 1.1 Attività di consulenza e gestione

Dettagli

FONDAZIONE PONTIROLO ONLUS INTERCOMUNALE Via Alessandro Volta n. 4-20090 Assago (MI) Tel 02/45.700.758. - Fax 02/89.77.06.74.

FONDAZIONE PONTIROLO ONLUS INTERCOMUNALE Via Alessandro Volta n. 4-20090 Assago (MI) Tel 02/45.700.758. - Fax 02/89.77.06.74. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX D.Lgs. n. 231/01 DELLA FONDAZIONE PONTIROLO ONLUS INTERCOMUNALE Approvato dal Consiglio d Amministrazione con deliberazione n. 16 del 06.10.2015 1 Cronologia delle

Dettagli

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010 Oggetto: Sintetica descrizione del contenuto del Codice di Autodisciplina, promosso da Borsa Italiana S.p.A., approvato dal Comitato per la corporate governance nel marzo 2006 e successivamente modificato

Dettagli

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 66 Allegato A Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI Gli organi aziendali assumono un ruolo fondamentale per la definizione di

Dettagli

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO Data: Ottobre, 2013 UniCredit Group - Public MISSION E AMBITO DI COMPETENZA L Internal Audit è una funzione indipendente nominata dagli Organi di Governo della Società ed è parte

Dettagli

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione in data 17 aprile 2014 Linee di Indirizzo del SCIGR 1. Premessa Il Sistema di

Dettagli

CAPO V... 5. SISTEMA SANZIONATORIO... 5 Art. 13 Applicazione dei provvedimenti... 5

CAPO V... 5. SISTEMA SANZIONATORIO... 5 Art. 13 Applicazione dei provvedimenti... 5 Sommario PREMESSA... 2 CAPO I... 3 DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 - Ambito di applicazione e Destinatari 3 Art. 2 - Principi generali... 3 Art. 3 - Comunicazione... 3 Art. 4 - Responsabilità... 3 Art.

Dettagli

Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011

Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 Dicembre 2010 DOCUMENTI 1. Considerazioni preliminari Il Programma di attività normativa

Dettagli

La Funzione di Compliancein Banca. Nino Balistreri Consulente ABI Formazione

La Funzione di Compliancein Banca. Nino Balistreri Consulente ABI Formazione La Funzione di Compliancein Banca Nino Balistreri Consulente ABI Formazione Sommario L inquadramento normativo della funzione di compliance L ambito normativo di competenza Il processo di operativo 2 Banca

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APRILE 2015 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO... 4 3 PROFILO TEORICO DEL CONSIGLIERE... 5 3.1 Ruoli

Dettagli

Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Formazione Laboratori Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Avv. Emanuele Montemarano Presidente dell Organismo di Vigilanza ACCREDIA 1 Un errore nel titolo... La normativa oggetto della

Dettagli

L Antiriciclaggio. 231 : IL NUMERO DEI RISCHI normativa antiriciclaggio. Convegno fiduciarie piemontesi Torino 31 maggio 2013

L Antiriciclaggio. 231 : IL NUMERO DEI RISCHI normativa antiriciclaggio. Convegno fiduciarie piemontesi Torino 31 maggio 2013 231 : IL NUMERO DEI RISCHI normativa antiriciclaggio Convegno fiduciarie piemontesi Torino 31 maggio 2013 L Antiriciclaggio a cura di Salvatore Ruotolo 1 provvedimenti di Banca Italia 10 marzo 2011 in

Dettagli

LEGGE N. 190/2012 DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LEGGE N. 190/2012 DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LEGGE N. 190/2012 DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Torino, 10 Aprile 2013 La legge 190/2012 introduce degli strumenti per

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO 1 01.00 PREMESSA Recordati è un gruppo farmaceutico europeo fondato nel 1926, quotato alla Borsa Italiana, che si dedica alla ricerca, allo sviluppo, alla produzione

Dettagli

Il risk management, invece, verifica concretamente le attività rischiose per la società, individuando e sviluppando le strategie per governarle.

Il risk management, invece, verifica concretamente le attività rischiose per la società, individuando e sviluppando le strategie per governarle. Workshop di approfondimento in merito alla creazione di uno standard di riferimento per l'implementazione delle metodologie di raccolta dati e di informazioni da parte degli organismi deputati alla vigilanza

Dettagli

11 ottobre 2010. Le osservazioni al presente documento di consultazione dovranno pervenire entro il 15 novembre 2010 al seguente indirizzo:

11 ottobre 2010. Le osservazioni al presente documento di consultazione dovranno pervenire entro il 15 novembre 2010 al seguente indirizzo: Provvedimento recante disposizioni attuative in materia di organizzazione, procedure e controlli interni volti a prevenire l utilizzo a fini di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo delle società

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01

Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 1 1. PREMESSA Il presente documento costituisce il Modello di Organizzazione e di Gestione ex D.Lgs. n. 231/2001, che sarà adottato dal CORISA- CONSORZIO DI RICERCA

Dettagli

IL RESPONSABILE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE SOCIETÀ PARTECIPATE ALLA LUCE DEI RECENTI ORIENTAMENTI INTERPRETATIVI MEF-ANAC

IL RESPONSABILE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE SOCIETÀ PARTECIPATE ALLA LUCE DEI RECENTI ORIENTAMENTI INTERPRETATIVI MEF-ANAC IL RESPONSABILE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE SOCIETÀ PARTECIPATE ALLA LUCE DEI RECENTI ORIENTAMENTI INTERPRETATIVI MEF-ANAC di Annalisa De Vivo L applicazione della legge 6 novembre 2012,

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A.

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. (APPROVATE DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA SOCIETÀ NELLA RIUNIONE DEL 10 MAGGIO 2012) TOD S S.P.A.

Dettagli

Il Regolamento si compone di 41 articoli, suddivisi in nove capi.

Il Regolamento si compone di 41 articoli, suddivisi in nove capi. RELAZIONE REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE, AI

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA Come ogni grande istituzione finanziaria, BNP Paribas Investment Partners SGR (di seguito anche la SGR

Dettagli

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs 8 giugno 2001 n. 231 Parte Speciale E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO di Fujitsu Technology Solutions S.p.A. Vers.

Dettagli

a) adottato modelli di organizzazione, gestione e controllo idonei a prevenire i reati considerati;

a) adottato modelli di organizzazione, gestione e controllo idonei a prevenire i reati considerati; L Organismo di vigilanza (ODV) nel sistema del d.lg. n. 231 L art. 6 del d.lg. n. 231 prevede che l ente possa essere esonerato dalla responsabilità amministrativa conseguente alla commissione dei reati

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

Fondi Pensione Aperti

Fondi Pensione Aperti Fondi Pensione Aperti Massimo Nicoletti Milano 07 novembre, 2014 2 Cenni sulla Previdenza Fonte 3 Cenni sulla Previdenza Fonte Insurance Companies 4 FPA: elementi identificativi e modalità di costituzione

Dettagli

Il nuovo provvedimento di Banca d Italia in tema di antiriciclaggio. www.iusletter.com

Il nuovo provvedimento di Banca d Italia in tema di antiriciclaggio. www.iusletter.com LaScala studio legale e tributario in association with Field Fisher Waterhouse Focus on Il nuovo provvedimento di Banca d Italia in tema di antiriciclaggio Giugno 2011 www.iusletter.com Milano Roma Torino

Dettagli

Il ruolo dell Organismo di Vigilanza

Il ruolo dell Organismo di Vigilanza 1 Il ruolo dell Organismo di Vigilanza Perché l Organismo di Vigilanza? 2 L Organismo di Vigilanza èunelemento indispensabile di un Modello 231 che abbia, come finalità ultima, l esonero dalla responsabilità

Dettagli

Ordine degli Psicologi della Campania PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

Ordine degli Psicologi della Campania PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Ordine degli Psicologi della Campania PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (2015-2017) Componenti: a) N. 15 Consiglieri componenti

Dettagli

POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE POPOLARI SGR.p.A. CODICE ETICO E DI CONDOTTA. Novembre 2012

POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE POPOLARI SGR.p.A. CODICE ETICO E DI CONDOTTA. Novembre 2012 POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE POPOLARI SGR.p.A. CODICE ETICO E DI CONDOTTA Novembre 2012 Premessa 1. Il Codice etico aziendale contiene i principi di comportamento per la conduzione dell attività di

Dettagli

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli

sette componenti almeno tre composizione qualitativa BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A.

sette componenti almeno tre composizione qualitativa BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. PUNTO 2. ALL ORDINE DEL GIORNO (parte ordinaria): Elezione dei Consiglieri di Amministrazione, previa determinazione del loro numero, tra cui il Presidente e il Vice Presidente, che resteranno in carica

Dettagli

REGOLE DI COMPORTAMENTO

REGOLE DI COMPORTAMENTO REGOLE DI COMPORTAMENTO Missione e valori La Finprest Srl, agente in attività finanziaria con iscrizione BANCA D ITALIA nr. A7739, opera nel settore del credito al consumo mediante concessione di finanziamenti

Dettagli

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate aggiornamento gennaio 2013 Indice Pag. 1. Premessa....3 2. Informazioni da fornire

Dettagli

Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ex D.Lgs. n. 231/2001

Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ex D.Lgs. n. 231/2001 Studio Bolzoni Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ex D.Lgs. n. 231/2001 Introduzione Il decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 ha introdotto nell ordinamento italiano la responsabilità degli

Dettagli

CARPANEDA & ASSOCIATI. Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring. Michele Carpaneda 16 maggio 2006

CARPANEDA & ASSOCIATI. Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring. Michele Carpaneda 16 maggio 2006 Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring Michele Carpaneda 16 maggio 2006 Corporate Governance La Corporate Governance è l insieme dei processi per indirizzare

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

GLI ADEGUATI ASSETTI ORGANIZZATIVI

GLI ADEGUATI ASSETTI ORGANIZZATIVI D.LGS. 231/2001: ADEMPIMENTI NELL AMBITO DELLA COMPLIANCE AZIENDALE Torino, 1 dicembre 2011 GLI ADEGUATI ASSETTI ORGANIZZATIVI Convegno «D.lgs 231/2001» - Torino, 01 dicembre 2011 Centro Congressi Villa

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

L adozione del Modello di prevenzione di reati da parte delle società di gestione del risparmio. Di Maurizio Arena

L adozione del Modello di prevenzione di reati da parte delle società di gestione del risparmio. Di Maurizio Arena L adozione del Modello di prevenzione di reati da parte delle società di gestione del risparmio Di Maurizio Arena La gestione di fondi comuni di investimento, oggetto dell attività delle società di gestione

Dettagli

SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO - Premessa: i delitti di riciclaggio e impiego di denaro ed utilità di provenienza illecita art 648-bis c.p. (Riciclaggio) Fuori dei casi di

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione dell energia elettrica e del gas naturale Rev. 03 del 21/12/2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato

Dettagli

Il Decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa - seconda parte

Il Decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa - seconda parte S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SISTEMI DI COMPLIANCE E DECRETO LEGISLATIVO 231 DEL 2001 Il Decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa - seconda parte Stefano Bonetto e Francesco

Dettagli

I SERVIZI DI AQM PER PROGETTAZIONE E ASSISTENZA PER LA REALIZZAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.

I SERVIZI DI AQM PER PROGETTAZIONE E ASSISTENZA PER LA REALIZZAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. I SERVIZI DI AQM PER PROGETTAZIONE E ASSISTENZA PER LA REALIZZAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. 231/2001 ( RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA D IMPRESA) La norma

Dettagli

High Value Audit Communiti - Milano, 16 aprile 2010 Protiviti - Via Tiziano, 32 - Milano

High Value Audit Communiti - Milano, 16 aprile 2010 Protiviti - Via Tiziano, 32 - Milano Il ruolo dell Internal Audit nei processi di gestione e verifica dei Modelli organizzativi ex D. Lgs. 231/01, anche sottoposti al vaglio della Magistratura: l esperienza Impregilo High Value Audit Communiti

Dettagli

COMPLIANCE E ANTIRICICLAGGIO: Integrazione tra le funzioni e aspetti organizzativi. Milano, 8 marzo 2012 Claudio Cola

COMPLIANCE E ANTIRICICLAGGIO: Integrazione tra le funzioni e aspetti organizzativi. Milano, 8 marzo 2012 Claudio Cola COMPLIANCE E ANTIRICICLAGGIO: Integrazione tra le funzioni e aspetti organizzativi Milano, 8 marzo 2012 Claudio Cola 1 AGENDA: 1. Premessa 2. La funzione compliance 3. La funzione antiriciclaggio 4. Integrazione

Dettagli

Il Consiglio di amministrazione. Banca Popolare dell Alto Adige

Il Consiglio di amministrazione. Banca Popolare dell Alto Adige Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni sede legale e direzione generale in Bolzano ABI 05856.0 codice fiscale, partita IVA e iscrizione al registro delle imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C.

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C. RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C. All Assemblea degli Azionisti di Mittel SpA. Nel corso dell esercizio chiuso al 30 settembre 2012

Dettagli

REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012 REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, PROCEDURE E CONTROLLI INTERNI VOLTI A PREVENIRE L UTILIZZO DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE

Dettagli

FLASH REPORT. Il nuovo Intermediario Finanziario Unico. Giugno 2015

FLASH REPORT. Il nuovo Intermediario Finanziario Unico. Giugno 2015 FLASH REPORT Il nuovo Intermediario Finanziario Unico Giugno 2015 Il 4 settembre 2010 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.Lgs. 141 del 13 agosto 2010, attuativo della Direttiva comunitaria n.

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

CODICEETICO EDICONDOTTA

CODICEETICO EDICONDOTTA CODICEETICO EDICONDOTTA Dicembre2013 CODICE ETICO E DI CONDOTTA DEL GRUPPO ALMAVIVA ARTICOLO 1 - PREMESSA Il presente Codice Etico e di Condotta (Codice) definisce i principi etici di riferimento e le

Dettagli

AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI MASTER AMLP 1 AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 2 QUADRO NORMATIVO 3 QUADRO NORMATIVO 4 QUADRO

Dettagli

COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE

COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE Roma, 1 febbraio 2008 COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE Con riferimento al Documento in oggetto, posto in

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

VERONA, 20 Settembre 2010. Ing. Flavia Lepore Senior Inspector HSE. - Copyright Bureau Veritas

VERONA, 20 Settembre 2010. Ing. Flavia Lepore Senior Inspector HSE. - Copyright Bureau Veritas Il modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs 231/01 e il reato connesso ad omicidio o lesioni personali gravi e gravissime in violazione di norme sulla prevenzione degli infortuni

Dettagli

Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale

Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 29 ottobre 2010 Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale Con delibera del Consiglio di Amministrazione del

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 31 della dicembre politica 2008 di PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 1. Premessa Il presente documento ("Procedure per l approvazione della politica di, per brevità, le Procedure

Dettagli

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR Politica per la gestione dei conflitti d interesse di GENERALI INVESTMENTS EUROPE

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

Relazione integrata sull attività dell Internal Audit, dell Organismo di Vigilanza e Quality Management

Relazione integrata sull attività dell Internal Audit, dell Organismo di Vigilanza e Quality Management Relazione integrata sull attività dell Internal Audit, dell Organismo di Vigilanza e Quality Management Voce Controllo del Documento Informazioni Documento Informazione Identificativo documento DIR-IA

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE

MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE Presentazione MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ex D.Lgs. 231/01 Pag 1 di 6 PREMESSA Con l introduzione nell ordinamento giuridico italiano del D.Lgs. 8 giugno 2001, n.231 qualsiasi soggetto giuridico

Dettagli

PROCEDURA INTERNA IN MATERIA DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

PROCEDURA INTERNA IN MATERIA DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE PROCEDURA INTERNA IN MATERIA DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE 23 Ottobre 2012 SOCIETA PER AZIONI - CAPITALE SOCIALE EURO 60.711.763,84 REGISTRO DELLE IMPRESE DI MANTOVA E CODICE FISCALE N. 00607460201 SOCIETA'

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 Rev. 1-20/10/2010 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA 1. Sistema di governance organizzativa L assetto organizzativo, amministrativo e contabile

Dettagli

Comunicazioni sociali

Comunicazioni sociali Protocollo 231/ 07/10/08 1 di 9 Protocollo per la prevenzione dei reati di cui agli artt. 2621 e 2622 c.c False comunicazioni sociali False comunicazioni sociali in danno della società, dei soci o dei

Dettagli

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma Marco Causi Facoltà di Economia Federico Caffè Università degli Studi Roma Tre L argomento della

Dettagli

LA COMPLIANCE FISCALE NELLE BANCHE: IMPATTO SUI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

LA COMPLIANCE FISCALE NELLE BANCHE: IMPATTO SUI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Focus on LA COMPLIANCE FISCALE NELLE BANCHE: IMPATTO SUI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Aprile 2016 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza

Dettagli

Il Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul Lavoro OHSAS 18000:2007 e il Modello di Organizzazione e Controllo secondo il D.Lgs.

Il Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul Lavoro OHSAS 18000:2007 e il Modello di Organizzazione e Controllo secondo il D.Lgs. Convegno ASACERT Il Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul Lavoro OHSAS 18000:2007 e il Modello di Organizzazione e Controllo secondo il D.Lgs. 231/01 Centro Congressi Relaisfranciacorta 20 marzo

Dettagli

EDIZIONE 1 23 Agosto 2013 REV. 1 PAG. 1 DI 11 Risorsa Sociale Gera d Adda Via Dalmazia, 2 24047 Treviglio (BG) Tel. 0363 3112101

EDIZIONE 1 23 Agosto 2013 REV. 1 PAG. 1 DI 11 Risorsa Sociale Gera d Adda Via Dalmazia, 2 24047 Treviglio (BG) Tel. 0363 3112101 SISTEMA DISCIPLINARE EDIZIONE 1 23 Agosto 2013 REV. 1 PAG. 1 DI 11 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO DI ADOTTATO DA RISORSA SOCIALE GERA D ADDA... 4 2. IL SISTEMA DISCIPLINARE DI RISORSA SOCIALE GERA

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Ai sensi della Circolare Banca d Italia n 285 del 17 dicembre 2013, 1 aggiornamento del 6 maggio 2014: Titolo IV, Capitolo 1 Governo

Dettagli

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 Principi generali...3 Art. 2 Regole generali di condotta per le procedure

Dettagli

Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73

Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73 Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73 20 Maggio 2012 Borsa Italiana, nel rispondere all invito a fornire osservazioni

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 1 Ultimo aggiornamento in data 3 marzo 2016. 2 Sommario

Dettagli

SISTEMA SANZIONATORIO

SISTEMA SANZIONATORIO Sommario 1. Introduzione... 2 2. Criteri di valutazione della violazione... 2 3. Sanzioni... 2 3.1 Lavoratori dipendenti non dirigenti... 2 3.1.1 Sanzioni per i lavoratori dipendenti... 3 3.2 Soggetti

Dettagli

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Commissione Consultiva Permanente Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Prima di procedere

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE. ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231

SISTEMA DISCIPLINARE. ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 SISTEMA DISCIPLINARE ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 SISTEMA DISCIPLINARE 1 INDICE 1. PRINCIPI GENERALI... 3 2. CONDOTTE SANZIONABILI... 3 3. IL TITOLARE DEL POTERE SANZIONATORIO...

Dettagli

Circolare Informativa

Circolare Informativa Circolare Informativa Spett. Clienti, Loro Sedi Treviso, il 7 marzo 2010 RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA PER LE SOCIETÀ DI CAPITALI EX D.LGS. N.231/2001 CERTIFICAZIONE SICUREZZA AZIENDALE OHSAS 18001 Ricordiamo

Dettagli

AIFI. CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO per Investment Companies di private equity (contenuto minimo)

AIFI. CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO per Investment Companies di private equity (contenuto minimo) AIFI ASSOCIAZIONE ITALIANA DEL PRIVATE EQUITY E VENTURE CAPITAL CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO per Investment Companies di private equity (contenuto minimo) Indice LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DEL PRESENTE

Dettagli

CODICE ETICO. DI ANTHILIA CAPITAL PARTNERS SGR S.p.A.

CODICE ETICO. DI ANTHILIA CAPITAL PARTNERS SGR S.p.A. CODICE ETICO DI ANTHILIA CAPITAL PARTNERS SGR S.p.A. Versione valida dal 1 gennaio 2015 INDICE Parte I PREMESSA ED OBIETTIVI Art. 1 Destinatari Art. 2 Principi Generali Art. 3 Riservatezza Art. 4 Imparzialità

Dettagli

i soggetti sottoposti al controllo condizioni per le esenzioni

i soggetti sottoposti al controllo condizioni per le esenzioni A. SVILUPPO STORICO: NORMA COMUNITARIA LA IV a DIRETTIVA 25/7/1978 N. 78/660 Art. 1 Art. 11 Art. 51 comma 1: Art. 51 comma 2: i soggetti sottoposti al controllo condizioni per le esenzioni in cosa consiste

Dettagli

Spettabile Consob DIVISIONE STUDI GIURIDICI Via G. B. Martini, 3 00198 ROMA

Spettabile Consob DIVISIONE STUDI GIURIDICI Via G. B. Martini, 3 00198 ROMA Spettabile Consob DIVISIONE STUDI GIURIDICI Via G. B. Martini, 3 00198 ROMA Roma, 15 novembre 2010 OGGETTO: Consultazione sul Provvedimento recante disposizioni attuative in materia di organizzazione,

Dettagli