FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013"

Transcript

1 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB consente agli intermediari finanziari di avvalersi per l attività di consulenza e di gestione dei crediti, ai fini della ristrutturazione e recupero degli stessi, anche di agenti in attività finanziaria iscritti nell Elenco di cui all art. 128-quater, comma 2, del TUB. L attività di recupero crediti rientra nella disciplina del mono-mandato? Si. L obbligo di iscrizione nell Elenco degli agenti in attività finanziaria per l esercizio dell attività di ristrutturazione e recupero dei crediti ex art. 128-quaterdecies del TUB comporta il rispetto del mono-mandato. Ne deriva che un agente può operare sulla base di massimo tre mandati ex art quater, comma 4, uno dei quali deve necessariamente riguardare l attività di ristrutturazione e recupero crediti. Gli agenti nei servizi di pagamento possono concedere credito, anche se connesso ai servizi di pagamento per i quali hanno ricevuto mandato? No. Nonostante i servizi di cui all art. 1, lett. b) n. 4 del D.lgs. 27 gennaio 2010, n. 11 concessione di credito, anche se connesso ai servizi di pagamento per i quali hanno ricevuto mandato rientrino nelle definizioni generali di servizi di pagamento, tale attività deve ritenersi preclusa agli Agenti che prestano esclusivamente i servizi stessi (art. 2, comma 2, secondo capoverso, del Decreto 28 dicembre 2012, n. 256, ai sensi del quale agli agenti nei servizi di pagamento è preclusa ogni forma di operatività nella concessione di credito, anche se connesso ai servizi di pagamento per i quali hanno ricevuto mandato). 1

2 SEGNALAZIONE E ammessa l attività di segnalazione? Se si, a quali condizioni? Si. L esercizio dell attività di segnalazione è subordinato, in via esclusiva, all iscrizione negli elenchi tenuti dall Organismo. Tale attività può essere espletata soltanto dai soggetti iscritti nell elenco degli Agenti in attività finanziaria o dei Mediatori creditizi. Per segnalazione deve intendersi la semplice indicazione del nome o della denominazione o ragione sociale di un soggetto interessato ad ottenere un finanziamento. POLIZZA ASSICURATIVA L Amministratore di una società di persone, che entra in rapporto con il pubblico, avendo l obbligo di iscriversi personalmente nell Elenco degli Agenti in attività finanziaria dovrà stipulare una polizza di assicurazione della responsabilità civile per i danni arrecati nell esercizio dell attività? Si. Questo adempimento può essere attuato mediante: a) la stipula di una sua polizza ad hoc diversa da quella che ha già stipulato la società; b) ovvero, potrà usufruire della stessa polizza della società, ma in questo caso è necessario che: 1) sia espressamente indicato che la polizza copre tutta l attività svolta dallo stesso anche al di fuori della società e 2) la polizza preveda un massimale dedicato all amministratore/agente, nel senso che il massimale minimo previsto dalla Circolare n. 1/12 deve essere garantito per ciascun assicurato. Infatti, l art. 16 del D.lgs. n.141/2010 prevede espressamente che per le coperture cumulative i massimali siano riferiti a ciascun soggetto iscritto. 2

3 I collaboratori di società Agenti in attività finanziaria, i quali non sono anche iscritti nell Elenco degli Agenti in attività finanziaria come persone fisiche, dovranno stipulare una polizza di assicurazione della responsabilità civile per i danni arrecati nell esercizio dell attività? No, non necessariamente. La polizza della società deve coprire automaticamente tutti i suoi collaboratori e dipendenti che operano per conto della società. Il collaboratore di un Agente (persona fisica) o di una società di persone in attività finanziaria, il quale conseguentemente deve anche essere iscritto come persona fisica nell Elenco degli Agenti in attività finanziaria, deve stipulare una polizza di assicurazione della responsabilità civile per i danni arrecati nell esercizio dell attività? Si. Il collaboratore deve avere una polizza assicurativa che copra tutta la sua attività, anche quella che in ipotesi decidesse di svolgere al di fuori della società. Questo adempimento può essere attuato mediante: a) la stipula di una sua polizza ad hoc diversa da quella che ha già stipulato la società; b) ovvero, potrà usufruire della stessa polizza della società, ma in questo caso è necessario che: 1) sia espressamente indicato che la polizza copre tutta l attività svolta dallo stesso anche al di fuori della società e 2) la polizza preveda un massimale dedicato all amministratore, nel senso che il massimale minimo previsto dalla Circolare n. 1/12 deve essere garantito per ciascun assicurato. Infatti, l art. 16 del D.lgs. n.141/2010 prevede espressamente che per le coperture cumulative i massimali siano riferiti a ciascun soggetto iscritto. INCROCI SOCIETARI Il legale rappresentante, l amministratore delegato e/o l amministratore unico di una società di capitali in attività finanziaria può svolgere contemporaneamente analoghi ruoli in altre società di capitali in attività finanziaria qualora le stesse abbiano un unico mandante? Si, solo nel caso in cui le società di capitali abbiano un unico mandante. 3

4 Gli amministratori di una società di persone (S.n.c., S.a.s., ecc.) in attività finanziaria può svolgere contemporaneamente il ruolo di legale rappresentante, amministratore delegato e/o amministratore unico in altre società in attività finanziaria qualora le stesse abbiano un unico mandante? Si, solo nel caso in cui le società di capitali abbiano un unico mandante. Il dipendente collaboratore di una società di capitali in attività finanziaria o di mediazione creditizia può partecipare al capitale di altra società di capitali in attività finanziaria o di mediazione creditizia? Sono ammesse unicamente le fattispecie in cui il dipendente/collaboratore di una società di agenzia partecipi al capitale di un altra società di agenzia, così come quella in cui il dipendente/collaboratore di una società di mediazione partecipi al capitale di un altra società di mediazione. I soci di una società di capitali in attività finanziaria possono partecipare al capitale di una società di mediazione creditizia? Come chiarito nella Nota del Ministero dell Economia e delle Finanze del 27 marzo 2013, Prot: DT 24550, qualora emerga l esercizio di un controllo diretto o indiretto sulla gestione dell attività delle due società da parte dei soci non saranno ammessi incroci azionari di questo tipo. L agente in attività finanziaria iscritto come persona fisica può contemporaneamente collaborare con una società di capitali in attività finanziaria? Si, purché riceva in qualità di agente, iscritto come persona fisica nell Elenco degli agenti, un solo mandato diretto da parte di banche o intermediari; in qualità di collaboratore, riceva al massimo due mandati da parte di una sola società di agenzia per un numero complessivo di mandati massimo pari a tre. 4

5 FORMAZIONE Gli agenti e/o collaboratori che abbiano sostenuto il corso di aggiornamento di 20 ore nell'anno 2012 (senza risultare in tale anno ancora iscritti ai nuovi elenchi) possono considerare adempiuto, per il 2013, l'obbligo formativo previsto nella Circolare 6/12 (per il primo anno di iscrizione)? Si. L attestato del corso di formazione ha una scadenza ai fini dello svolgimento dell esame per l iscrizione nell elenco degli agenti in attività finanziaria? No. L attestato di partecipazione al corso di formazione non ha una scadenza ai fini dello svolgimento dell esame. Ai sensi della Circolare n. 6/12, il biennio per adempiere all obbligo di aggiornamento professionale decorre per la prima volta dal 1 gennaio dell anno successivo all iscrizione nell elenco? Si. Ciascuno dei soggetti obbligati all aggiornamento professionale deve partecipare ad almeno sessanta ore di attività di formazione per ogni biennio, di cui almeno trenta ore devono tenersi in aula o con modalità equivalenti. Il biennio di cui al periodo precedente decorre per la prima volta dal 1 gennaio dell anno successivo all iscrizione nell Elenco ovvero dall instaurazione del rapporto di amministrazione, direzione, dipendenza o collaborazione con l iscritto. Per la frazione di anno solare che intercorre tra l iscrizione nell Elenco o l instaurazione del rapporto di amministrazione, direzione, dipendenza o collaborazione con l iscritto ed il 31 dicembre immediatamente successivo, l obbligo di aggiornamento professionale sarà pari a 10 ore. Quest ultimo si intende adempiuto mediante l effettuazione o della prova valutativa ex art. 128-novies, comma 1, del TUB oppure la frequenza di un corso di formazione professionale ai sensi dell art. 14, comma 1, del D.lgs n. 141/10. 5

6 Quali sono le modalità equivalenti alla fruizione in aula dei corsi ai sensi della Circolare n. 6/12? Ai sensi dell art. 2, comma 5, della Circolare n. 6/12 si considerano equivalenti alla fruizione in aule le modalità di erogazione dei corsi in videoconferenza o con modalità di e-learning con rilascio di strumenti audiovisivi ai discenti e con l indicazione dei giorni e degli orari in cui avviene la contemporanea fruizione delle lezioni da parte degli iscritti al corso. La fruizione del corso deve essere tracciata ed i discenti devono avere la possibilità, nel periodo indicato per lo svolgimento del corso, di contattare telefonicamente il docente che appare in video per richiedere chiarimenti e delucidazioni. Si intende per: a. rilascio di strumenti audiovisivi la fruizione a video di contenuti, slides e allegati di approfondimento, scaricabili poi successivamente alla fruizione; b. contemporanea fruizione delle lezioni da parte degli iscritti al corso la fruizione, delimitata a fasce orarie prestabilite, di corsi e-learning non necessariamente il docente che appare in video in cui il docente che ha realizzato le slides e che le argomenta, risponde ad eventuali telefonate ed di chiarimento dei fruitori. L esonero dal corso di formazione, richiesto quale requisito di professionalità per l'iscrizione nella sezione speciale dell'elenco degli Agenti in attività finanziaria, ai sensi dell art. 4 del Decreto 256/12 del MEF, si estende a coloro che svolgono funzioni di amministrazione e direzione di una società di capitali, che hanno presentato istanza di iscrizione entro il 28 marzo 2013? Si. Potranno ritenersi esonerati dal conseguimento del corso di formazione ex art. 4 del Regolamento MEF, i soggetti svolgenti funzioni di amministrazione e di direzione in società di capitali che abbiano presentato istanza di iscrizione negli Elenchi entro il 28 marzo 2013 a condizione che gli stessi siano stati iscritti negli Albi tenuti dalla Banca d Italia per almeno 6 mesi nell ultimo triennio o, in alternativa, la società di capitali (che presenta istanza di iscrizione all OAM) sia stata iscritta negli Albi tenuti dalla Banca d Italia per lo stesso arco temporale. In tale ultimo caso, i soggetti che hanno svolto le succitate funzioni devono essere gli stessi e con le medesime funzioni di quelli che verranno indicati nella istanza di iscrizione della società. 6

7 ESONERO ESAME OAM Possono ritenersi esonerati dalla prova d esame i soggetti, svolgenti funzioni di amministrazione o di direzione in società di persone, che richiedono l iscrizione come persone fisiche nell Elenco degli Agenti in attività finanziaria? Si. Sono esonerati dalla prova d esame a condizione che gli stessi, cumulativamente: 1) siano stati iscritti negli Albi tenuti dalla Banca d Italia per almeno 3 anni nell ultimo quinquennio o, in alternativa, la società (che presenta istanza di iscrizione all OAM) sia stata iscritta negli Albi tenuti dalla Banca d Italia per almeno 3 anni nell ultimo quinquennio. In tale ultimo caso, i soggetti che hanno svolto le succitate funzioni devono essere gli stessi e con le medesime funzioni di quelli che verranno indicati nella istanza di iscrizione della società; 2) possiedano i requisiti indicati nella Circolare OAM 4/12 (c.d. requisito reddituale: percezione di redditi lordi in misura non inferiore ad 5.000,00 su base annua in relazione a tali attività o lo svolgimento di attività di amministratore di società di agenzia in attività finanziaria e/o di mediazione creditizia con compensi lordi annui per tale attività non inferiore ad 5.000,00); 3) possiedano i requisiti di professionalità previsti dal D.lgs. 141/2010, art. 14, comma 1, lettere a), salvo quanto previsto dalla Circolare n. 10/13 e b), (inerenti il titolo di studio e la frequentazione del corso di formazione); 4) la società abbia presentato istanza di iscrizione negli Elenchi entro il 31 ottobre OPERATIVITA Cosa deve fare l agente iscritto non operativo per diventare iscritto operativo? Il soggetto iscritto non operativo deve inviare la documentazione richiesta specificatamente dall OAM con la comunicazione di avvenuta iscrizione non operativa, accedendo dalla propria area privata al servizio Integrazione dati e: per comunicare i dati relativi all intermediario preponente ed ai prodotti offerti, l utente deve accedere al servizio Integrazione dati mandato e compilare l apposito spazio della web form che si apre con l indicazione dei dai necessari; 7

8 per comunicare i dati relativi alla polizza di assicurazione, l utente deve accedere al servizio Integrazione dati polizza e/o copia tassa concessione governativa e compilare l apposito spazio con l indicazione degli estremi della polizza stessa; per comunicare l avvenuto pagamento della tassa di concessione governativa, l utente deve allegare copia scansionata dell avvenuto pagamento della stessa utilizzando l apposito servizio Integrazione dati polizza e/o copia tassa concessione governativa. AGENTI NEI SERVIZI DI PAGAMENTO Un Istituto di pagamento comunitario può conferire un mandato ad un agente operante in Italia? Se si, tale agente deve essere iscritto nella Sezione speciale degli Agenti in attività finanziaria in OAM? Un Istituto di pagamento comunitario può avvalersi di un agente mandatario che presti esclusivamente i servizi di pagamento in Italia, senza la necessità che questi sia iscritto nella Sezione speciale degli Agenti in attività finanziaria. Tuttavia, gli agenti mandatari sono tenuti ad iscriversi nel registro pubblico del Paese in cui l intermediario preponente ha ottenuto l autorizzazione. Un agente mandatario, operante in Italia per conto di un istituto di pagamento comunitario, può cooptare subagenti che non siano iscritti nella Sezione speciale degli Agenti in attività finanziaria in OAM? Si. L agente mandatario può avvalersi di subagenti, a loro volta suoi mandatari per l esercizio dell attività sul territorio italiano, i quali non sono tenuti ad iscriversi nella Sezione speciale degli Agenti in attività finanziaria. Tuttavia, gli agenti mandatari sono tenuti ad iscriversi nel registro pubblico del Paese in cui l intermediario preponente ha ottenuto l autorizzazione. 8

9 L agente che presta servizi di pagamento per conto di istituti di moneta elettronica o istituti di pagamento comunitari deve comunicare all Organismo l inizio dell attività in Italia? Si. Ai sensi dell art. 128-quater, comma 7, del TUB tale agente nei servizi di pagamento comunica via posta elettronica certificata (PEC) all OAM l inizio dell attività in Italia, i propri dati aggiornati, le eventuali variazioni e la relativa conclusione. Qualora venga istituito il punto di contatto centrale sarà lo stesso ad effettuare le comunicazioni per via telematica. I soggetti iscritti nell'elenco degli Agenti in attività finanziaria, beneficiando del regime transitorio oppure in seguito al superamento dell esame, che volessero iscriversi nella Sezione speciale dell elenco degli Agenti (ex art. 128-quater, comma 6, del D.lgs 385/93) riservata a coloro che svolgono esclusivamente servizi di pagamento, quali adempimenti devono seguire? Tali soggetti iscritti devono compilare l apposita istanza di cancellazione dal relativo elenco e, ricevuto l accoglimento della stessa, procedere a presentare una nuova istanza di iscrizione nella Sezione speciale. Tali soggetti si riterranno in possesso dei requisiti di professionalità previsti dalla normativa di riferimento ed, in particolare, e si intendono esonerati dal corso di formazione professionale ex art. 4 del Decreto MEF 256/12. L amministratore di una società di capitali iscritta nella Sezione speciale dell elenco degli Agenti (ex art. 128-quater, comma 6, del D.lgs 385/93), pur avendo eventualmente rapporti con il pubblico, deve iscriversi anche come persona fisica in detta Sezione? No. Tuttavia, qualora tale soggetto entri in rapporto con il pubblico ai fini della promozione e collocamento dei relativi contratti, la società iscritta dovrà indicarlo tra i collaboratori e dipendenti di cui si avvale per lo svolgimento dell attività. 9

10 I soci di società di persone, iscritte nella Sezione speciale dell elenco degli Agenti (ex art quater, comma 6, del D.lgs 385/93), i quali svolgono anche funzioni di amministrazione in tali società, devono iscriversi anche come persona fisica in detta Sezione? Essi hanno la facoltà, ma non l obbligo, di iscriversi personalmente. Tuttavia, devono iscriversi come persona fisica se entrano in contatto con il pubblico per la promozione o conclusione di contratti relativi alla prestazione di servizi di pagamento. LEASING L attività di leasing operativo rientra nella gamma di specifici prodotti e servizi di cui all art. 128-quater, comma 4, del TUB? No. La locazione operativa non rientra nella gamma di specifici prodotti e servizi in relazione ai quali non possono essere acquisiti mandati in misura superiore a quella prevista dall art quater, comma 1, del TUB. Pertanto, è un attività che può essere esercitata senza essere segnalata all OAM. Qualora l istanza di iscrizione di un Agente in attività finanziaria sia stata sospesa, si dovrà procedere ad eliminare il riferimento al mandato ricevuto per tale attività. E ammesso dalla normativa un accordo di distribuzione di natura commerciale tra un intermediario finanziario, un agente in attività finanziaria ed una banca o istituito di credito, ove si prevede che la Banca segnali una potenziale operazione di leasing all intermediario finanziario per il tramite dell agente e quest ultimo si faccia carico della presentazione, promozione e collocamento del prodotto con corresponsione, in caso di conclusione, della relativa provvigione? Si, il contenuto dell accordo di distribuzione così descritto non è in contrasto con le disposizioni normative di cui al d.lgs. n. 141/2010. Infatti, a fronte della segnalazione ricevuta, l agente in attività finanziaria si farebbe carico della presentazione, promozione, collocamento ed eventualmente conclusione del prodotto stesso e nessun compenso sarebbe dovuto dall intermediario finanziario alla Banca. Anche l eventuale compenso che l agente avrebbe la 10

11 facoltà di riconoscere alla Banca stessa per la segnalazione ricevuta rientra nella libera determinazione delle parti e comunque ammessa dai principi della riforma legislativa. L'attività svolta dall agente nel seguire i fornitori per gestirne convenzioni per conto della mandante (c.d. operatività con i fornitori) è strumentale ai sensi dell art. 128-quater, comma 1, del TUB, a quella di agenzia in attività finanziaria in quanto legata ad ottenere, tramite il vendor, operazioni e contatti con la clientela? Si. E dunque ammessa. GRUPPO DI SOCIETA Più intermediari appartenenti allo stesso gruppo possono conferire ulteriori mandati (per un limite massimo di due), in aggiunta ad mandato già conferito dal gruppo di appartenenza, al medesimo Agente in attività finanziaria? No. L art. 128-quater, comma 4, del TUB, prevede che un agente in attività finanziaria può svolgere la propria attività solo sulla base di un unico mandato conferito da un solo soggetto, sia esso singolo o collettivo (come nel caso del gruppo). In caso di mandato di gruppo limitato ad uno o più prodotti specifici, la disciplina del mono-mandato impone che l agente possa ottenere gli ulteriori due mandati consentiti dalla legge (sempre su prodotti specifici) da intermediari estranei al gruppo medesimo. Più intermediari appartenenti allo stesso gruppo non possono conferire ulteriori mandati (per un limite massimo di due), in aggiunta al mandato conferito dal gruppo di appartenenza, al medesimo agente. Per quanto tempo l Agente in attività finanziaria persona fisica può rimanere iscritto non operativo nel relativo elenco? Quali conseguenze derivano dalla non operatività del soggetto oltre il termine consentito? L iscrizione come soggetto non operativo comporta il mancato esercizio dell attività, anche come collaboratore, pertanto ove tale condizione si protragga per oltre un anno dall iscrizione come non 11

12 operativo, l OAM provvederà alla cancellazione come previsto dall art. 128-duodecies del D.Lgs n. 385/93. 12

13 13

ESITO CONSULTAZIONE PUBBLICA RELAZIONE

ESITO CONSULTAZIONE PUBBLICA RELAZIONE ESITO CONSULTAZIONE PUBBLICA RELAZIONE 1. Premessa. In data 29 gennaio 2013 l Organismo per la gestione degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi (di seguito l o l Organismo ) ha avviato

Dettagli

Chi è il mediatore creditizio? Il soggetto che svolge l attività di mediazione creditizia può essere una persona fisica?

Chi è il mediatore creditizio? Il soggetto che svolge l attività di mediazione creditizia può essere una persona fisica? Chi è il mediatore creditizio? È mediatore creditizio il soggetto che mette in relazione, anche attraverso attività di consulenza, banche o intermediari finanziari previsti dal Titolo V del TUB con la

Dettagli

cittadinanza italiana o di uno stato UE o di uno stato diverso secondo le disposizioni dell'art. 2 D. Lgs. N. 286/1998; domicilio in Italia;

cittadinanza italiana o di uno stato UE o di uno stato diverso secondo le disposizioni dell'art. 2 D. Lgs. N. 286/1998; domicilio in Italia; Chi è l agente in attività finanziaria? È agente in attività finanziaria il soggetto che promuove e conclude contratti relativi alla concessione di finanziamenti sotto qualsiasi forma o alla prestazione

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi

Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi Circolare n. /13 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento professionale

Dettagli

OGGETTO: Quesiti normativi concernenti il d.lgs. 13 agosto 2010, n.141 e ss. mm..

OGGETTO: Quesiti normativi concernenti il d.lgs. 13 agosto 2010, n.141 e ss. mm.. Ministero dell economia e delle finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Ufficio IV Roma, All ORGANISMO DEGLI AGENTI IN ATTIVITA FINANZIARIA E DEI MEDIATORI CREDITIZI Via Zanardelli n. 20 00186 ROMA

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 20/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

MEDIAZIONE CREDITIZIA Cosa cambia con il DECRETO LEGISLATIVO 13 agosto 2010, n. 141.

MEDIAZIONE CREDITIZIA Cosa cambia con il DECRETO LEGISLATIVO 13 agosto 2010, n. 141. MEDIAZIONE CREDITIZIA Cosa cambia con il DECRETO LEGISLATIVO 13 agosto 2010, n. 141. Il 4 settembre 2010 è stato pubblicato il D.Lgs. 141/2010, che ha modificato significativamente il Testo Unico Bancario

Dettagli

TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria)

TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria) TESTO UNICO BANCARIO TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria) 1. È agente in attività finanziaria il soggetto che

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 23/15 contenente disposizioni inerenti alle modalità di verifica dell avveramento delle

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. _/15 contenente disposizioni inerenti alle modalità di verifica dell avveramento delle

Dettagli

Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi. Circolare n. /14

Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi. Circolare n. /14 Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi Circolare n. /14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento professionale

Dettagli

Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi

Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi Circolare n. 5/12 contenente disposizioni inerenti la Prova Valutativa a norma dall art. 128-novies,

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DEGLI AGENTI IN ATTIVITÀ FINANZIARIA E DEI MEDIATORI CREDITIZI

LA NUOVA DISCIPLINA DEGLI AGENTI IN ATTIVITÀ FINANZIARIA E DEI MEDIATORI CREDITIZI LA NUOVA DISCIPLINA DEGLI AGENTI IN ATTIVITÀ FINANZIARIA E DEI MEDIATORI CREDITIZI 4/12 Newsletter - 15 marzo 2012 SOMMARIO 1 Premessa... 3 2. L'articolazione della riforma... 3 3. Agente in attività finanziaria...

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma,

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma, Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione Roma, OGGETTO: Decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, e successive modificazioni - Attività di segnalazione

Dettagli

MANUALE OPERATIVO. Procedure e modalità di funzionamento del sistema di gestione degli Elenchi ai sensi dell art. 13 del Regolamento OAM

MANUALE OPERATIVO. Procedure e modalità di funzionamento del sistema di gestione degli Elenchi ai sensi dell art. 13 del Regolamento OAM MANUALE OPERATIVO Procedure e modalità di funzionamento del sistema di gestione degli Elenchi ai sensi dell art. 13 del Regolamento OAM Sommario PREMESSA... 4 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 5 1. REGISTRAZIONE...

Dettagli

Agenda. Prova d esame, prova valutativa, simulazione prova d esame, aggiornamento ed adeguatezza professionale. Ferdinando Santagata CHI SIAMO

Agenda. Prova d esame, prova valutativa, simulazione prova d esame, aggiornamento ed adeguatezza professionale. Ferdinando Santagata CHI SIAMO Formazione OAM Prova d esame, prova valutativa, simulazione prova d esame, aggiornamento ed adeguatezza professionale SP Consulting Srl Agenda CHI SIAMO 1. PROVA D ESAME Requisiti di Ammissione Caratteristiche

Dettagli

Roma, UNIONE FINANZIARIE ITALIANE VIA GIOVANM SEVERANO. 24 00161 ROMA. OGGETTO: Intermediari del credito - quesiti.

Roma, UNIONE FINANZIARIE ITALIANE VIA GIOVANM SEVERANO. 24 00161 ROMA. OGGETTO: Intermediari del credito - quesiti. Prot DT 100579-21/12/2012 Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento de I Tesoro Direzione V II Capo della Direzione Roma, UNIONE FINANZIARIE ITALIANE VIA GIOVANM SEVERANO. 24 00161 ROMA OGGETTO:

Dettagli

CIRCOLARE 6/2010 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI

CIRCOLARE 6/2010 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI CIRCOLARE n. 6/2010 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI www.ghidini-associati.it (N.B. La presente circolare è meramente informativa e non costituisce parere)

Dettagli

GUIDA SINTETICA ALL ISCRIZIONE NELLA SEZIONE SPECIALE DEGLI AGENTI IN ATTIVITA CHE PRESTANO ESCLUSIVAMENTE SERVIZI DI PAGAMENTO

GUIDA SINTETICA ALL ISCRIZIONE NELLA SEZIONE SPECIALE DEGLI AGENTI IN ATTIVITA CHE PRESTANO ESCLUSIVAMENTE SERVIZI DI PAGAMENTO GUIDA SINTETICA ALL ISCRIZIONE NELLA SEZIONE SPECIALE DEGLI AGENTI IN ATTIVITA CHE PRESTANO ESCLUSIVAMENTE SERVIZI DI PAGAMENTO Chi è tenuto a iscriversi sul portale e a fare istanza in via Telematica?

Dettagli

Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi

Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi Circolare n. 8/12 contenente disposizioni inerenti il versamento dei contributi di iscrizione negli

Dettagli

Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari

Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari INTERMEDIARI FINANZIARI ART. 106 TUB, CONFIDI, AGENTI IN ATTIVITÀ FINANZIARIA, MEDIATORI CREDITIZI E OPERATORI PROFESSIONALI

Dettagli

Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi

Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi REGOLAMENTO INTERNO (adottato con delibera del 26 settembre 2013) L Organismo per la gestione degli

Dettagli

Art. 63 (Trasferimento al registro delle persone fisiche iscritte nell Albo nazionale degli agenti di assicurazione) Comma 1

Art. 63 (Trasferimento al registro delle persone fisiche iscritte nell Albo nazionale degli agenti di assicurazione) Comma 1 (introducendo l esclusione della sanzione in caso di violazione di obblighi negoziali di contenuto meramente dispositivo contenuti nell incarico o nell accordo di intermediazione) e punto 6 (aggiungendo

Dettagli

Legenda: sono indicate in verde le parti modificate del precedente testo, in rosso il nuovo testo come modificato dal D. Lgs. n. 169/12. ... ... ...

Legenda: sono indicate in verde le parti modificate del precedente testo, in rosso il nuovo testo come modificato dal D. Lgs. n. 169/12. ... ... ... DECRETO LEGISLATIVO n. 169 del 19 settembre 2012 SECONDO "CORRETTIVO" AL DECRETO LEGISLATIVO n. 141 del 13 agosto 2010 GI À MODIFICATO DAL DECRETO LEGISLATIVO n. 218 del 14 dicembre 2010 SINTESI DELLE

Dettagli

Sistema di vigilanza. Corso formazione per iscrizione Elenchi OAM

Sistema di vigilanza. Corso formazione per iscrizione Elenchi OAM Sistema di vigilanza Corso formazione per iscrizione Elenchi OAM Connessi poteri di controllo Il ruolo di Banca d Italia Formazione OAM 2 Art. 128-decies TUB Agli agenti in a.f., agenti money transfer,

Dettagli

Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi. Circolare n. 22/15

Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi. Circolare n. 22/15 Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi Circolare n. 22/15 contenente disposizioni inerenti alla prova valutativa a norma dall art. 128-novies,

Dettagli

ESITO CONSULTAZIONE PUBBLICA

ESITO CONSULTAZIONE PUBBLICA ESITO CONSULTAZIONE PUBBLICA sulla Circolare contenente disposizioni inerenti la prosecuzione dell'attività di agenzia in attività finanziaria e di mediazione creditizia da parte di soggetti privi di un

Dettagli

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N.

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Visto il decreto

Dettagli

Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi

Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi Circolare n. 21/14 contenente disposizioni inerenti il versamento dei contributi e delle altre somme

Dettagli

definizione dei contenuti minimi del contratto di assicurazione sulla vita. CATALOGO CORSI

definizione dei contenuti minimi del contratto di assicurazione sulla vita. CATALOGO CORSI Evoluzione storica delle assicurazioni; Il Diritto privato e tributario; Il contratto in generale e il contratto di Il Codice del Consumo; La disciplina dell intermediazione assicurativa; Gli Intermediari

Dettagli

Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi REGOLAMENTO INTERNO

Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi REGOLAMENTO INTERNO Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi REGOLAMENTO INTERNO (adottato con delibera del 3 maggio 2012 del Comitato di Gestione) L Organismo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI. Durata del contratto. Il cliente con la sottoscrizione del presente modulo dichiara di averne ricevuto regolarmente copia.

DOCUMENTO DI SINTESI. Durata del contratto. Il cliente con la sottoscrizione del presente modulo dichiara di averne ricevuto regolarmente copia. DOCUMENTO DI SINTESI Il presente modulo è allegato al contratto di mediazione creditizia e ne riporta in chiara evidenza le più significative condizioni contrattuali ed economiche. Il cliente, contestualmente

Dettagli

definizione dei contenuti minimi del contratto di assicurazione sulla vita. CATALOGO CORSI

definizione dei contenuti minimi del contratto di assicurazione sulla vita. CATALOGO CORSI Evoluzione storica delle assicurazioni; Il Diritto privato e tributario; Il contratto in generale e il contratto di assicurazione; Il Codice del Consumo; La disciplina dell intermediazione assicurativa;

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012

L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012 L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012 1. IL NUOVO SISTEMA DELL INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA 1.1. La riforma dell intermediazione del credito 1 GLOSSARIO 6 APPROFONDIMENTI 9 NORMATIVA 10 1.1. LA RIFORMA

Dettagli

OBBLIGHI DELLE CASE PREPONENTI

OBBLIGHI DELLE CASE PREPONENTI OBBLIGHI DELLE CASE PREPONENTI Quando si dà mandato ad un agente o ad un rappresentante di commercio, (che deve essere iscritto all albo professionale agenti per poter svolgere detta attività), la casa

Dettagli

VARIAZIONE MEDIATORI CREDITIZI Guida Utente

VARIAZIONE MEDIATORI CREDITIZI Guida Utente VARIAZIONE MEDIATORI CREDITIZI Guida Utente SOMMARIO 1 VARIAZIONE... 2 1.1 SEZIONE 1 - VARIAZIONE DATI SOCIETARI 3 1.2 SEZIONE 2 - VARIAZIONE SEDE LEGALE 3 1.3 SEZIONE 3 VARIAZIONE SITI WEB 4 1.4 SEZIONE

Dettagli

QUIZ LEGISLAZIONE SULLA PROFESSIONE DI AGENTE MERCEOLOGICO SEZ. B e AGENTE IN SERVIZI VARI SEZ. D (dal 06.12.2012)

QUIZ LEGISLAZIONE SULLA PROFESSIONE DI AGENTE MERCEOLOGICO SEZ. B e AGENTE IN SERVIZI VARI SEZ. D (dal 06.12.2012) QUIZ LEGISLAZIONE SULLA PROFESSIONE DI AGENTE MERCEOLOGICO SEZ. B e AGENTE IN SERVIZI VARI SEZ. D (dal 06.12.2012) 1) Chi può svolgere la professione di mediatore senza esami di idoneita? A [ ] L ingegnere;

Dettagli

SEZIONE 2 CHE COS È LA LOCAZIONE FINANZIARIA DI BENI MOBILI STRUMENTALI

SEZIONE 2 CHE COS È LA LOCAZIONE FINANZIARIA DI BENI MOBILI STRUMENTALI LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO SEZIONE 1 INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Denominazione: BCC LEASE SpA Sede Legale e Direzione Generale: Via Lucrezia Romana

Dettagli

QUIZ LEGISLAZIONE SULLA PROFESSIONE DI MEDIATORE/SEZ. A e C (dal 06.12.2012)

QUIZ LEGISLAZIONE SULLA PROFESSIONE DI MEDIATORE/SEZ. A e C (dal 06.12.2012) QUIZ LEGISLAZIONE SULLA PROFESSIONE DI MEDIATORE/SEZ. A e C (dal 06.12.2012) 1) Chi può svolgere la professione di mediatore senza esami di idoneita? A [ ] L ingegnere; B [ ] Il ragioniere; C [*] Nessuno.

Dettagli

Principali Diritti del Cliente per operazioni di Finanziamento Finalizzato

Principali Diritti del Cliente per operazioni di Finanziamento Finalizzato Offerta fuori sede Principali Diritti del Cliente per operazioni di Finanziamento Finalizzato Si consiglia una lettura attenta dei diritti prima di scegliere il prodotto e di firmare il contratto. Diritti

Dettagli

CAMPO DI APPLICAZIONE

CAMPO DI APPLICAZIONE Campo di applicazione - CAMPO DI APPLICAZIONE NORMATIVA DI RIFERIMENTO Articoli da 1742 a 1752 del Codice civile; Legge 3 maggio 1985, n. 204 Disciplina dell attività di agente e rappresentante di commercio

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Ritenuta ridotta agenti e rappresentanti: comunicazione di fine anno solo se non inviata in precedenza Gentile cliente, con la presente intendiamo

Dettagli

PROPOSTA DI PARERE DEL RELATORE

PROPOSTA DI PARERE DEL RELATORE Schema di decreto legislativo recante ulteriori modifiche ed integrazioni al decreto legislativo n. 141 del 2010, recante attuazione della direttiva 2008/48/CE relativa ai contratti di credito ai consumatori,

Dettagli

I FINANZIAMENTI GARANTITI

I FINANZIAMENTI GARANTITI I FINANZIAMENTI GARANTITI Convegno La Mediazione Creditizia Milano 30 novembre 2010 1 Il Gruppo 2 Compass S.p.A. e Futuro S.p.A. Compass S.p.A., con una propria rete di sportelli diretti, dal 1960 opera

Dettagli

CIRCOLARE SETTIMANALE

CIRCOLARE SETTIMANALE PRO.GE.A. PROGETTO GESTIONE AZIENDA Sede Legale: Via XXV Aprile, 206 21042 Caronno Pertusella (Va) Sede Operativa: Via IV Novembre, 455 21042 Caronno Pertusella (Va) Tel. 02.96515611 Fax 02.96515655 Uffici

Dettagli

Art. 1 Iscrizione obbligatoria alla Cassa

Art. 1 Iscrizione obbligatoria alla Cassa REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ART. 21 COMMI 8 E 9 LEGGE N. 247/2012 (Delibera del Comitato dei Delegati del 31 gennaio 2014 e successive modificazioni - Approvato con nota ministeriale del 7 agosto 2014

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI PER L ADESIONE AL PROGRAMMA PUBBLICITARIO

CONDIZIONI GENERALI PER L ADESIONE AL PROGRAMMA PUBBLICITARIO CONDIZIONI GENERALI PER L ADESIONE AL PROGRAMMA PUBBLICITARIO Settore Finanza Mediazione Creditizia S.r.l., con sede legale in Via Crescenzio, 42-00193 Roma, iscr. OAM n. M106, P.IVA 09253481007, Tel./Fax

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Nuovo regime forfettario: calcoli di convenienza. (DDL Legge di stabilità 2015)

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Nuovo regime forfettario: calcoli di convenienza. (DDL Legge di stabilità 2015) News per i Clienti dello studio del 19 Dicembre 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Nuovo regime forfettario: calcoli di convenienza (DDL Legge di stabilità 2015) La legge di stabilità per il 2015, in materia

Dettagli

COMMENTI DI ASSOTELECOMUNICAZIONI - ASSTEL ALLA CONSULTAZIONE PUBBLICA RELATIVA ALLE DISPOSIZIONI PER GLI ISTITUTI DI

COMMENTI DI ASSOTELECOMUNICAZIONI - ASSTEL ALLA CONSULTAZIONE PUBBLICA RELATIVA ALLE DISPOSIZIONI PER GLI ISTITUTI DI COMMENTI DI ASSOTELECOMUNICAZIONI - ASSTEL ALLA CONSULTAZIONE PUBBLICA RELATIVA ALLE DISPOSIZIONI PER GLI ISTITUTI DI PAGAMENTO E GLI ISTITUTI DI MONETA ELETTRONICA DI BANCA D ITALIA pubblicata sul sito

Dettagli

Ausiliari del commercio: agenti di commercio, rappresentanti, commissionari, mediatori, procacciatori di affari, promotori

Ausiliari del commercio: agenti di commercio, rappresentanti, commissionari, mediatori, procacciatori di affari, promotori Ausiliari del commercio: agenti di commercio, rappresentanti, commissionari, mediatori, procacciatori di affari, promotori GUIDA AGLI ADEMPIMENTI CIVILI, FISCALI, PREVIDENZIALI E CONTABILI Premessa Il

Dettagli

OGGETTO: Il nuovo regolamento Enasarco

OGGETTO: Il nuovo regolamento Enasarco Informativa per la clientela di studio N. 07 del 11.01.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Il nuovo regolamento Enasarco Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo, intendiamo

Dettagli

ALLEGATI NOTA 1 PROMOTORE FINANZIARIO NOTA 2 MEDIATORE CREDITIZIO

ALLEGATI NOTA 1 PROMOTORE FINANZIARIO NOTA 2 MEDIATORE CREDITIZIO . ALLEGATI NOTA 1 PROMOTORE FINANZIARIO NOTA 2 MEDIATORE CREDITIZIO PROMOTORE FINANZIARIO La figura del promotore finanziario è regolata dal Dlgs 24 febbraio 1998, n. 58, che all art.31, comma 2, definisce

Dettagli

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO n. 5 del 16 OTTOBRE 2006 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA E RIASSICURATIVA DI CUI AL TITOLO IX (INTERMEDIARI DI ASSICURAZIONE E DI RIASSICURAZIONE)

Dettagli

CIRCOLARE N. 41/E. OGGETTO: Legge 18 ottobre 2001, n. 383, recante Primi interventi per il rilancio dell economia. Risposta ai quesiti.

CIRCOLARE N. 41/E. OGGETTO: Legge 18 ottobre 2001, n. 383, recante Primi interventi per il rilancio dell economia. Risposta ai quesiti. CIRCOLARE N. 41/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 13 maggio 2002 OGGETTO: Legge 18 ottobre 2001, n. 383, recante Primi interventi per il rilancio dell economia. Risposta ai quesiti. Ad

Dettagli

Collaborazione degli organismi paritetici alla formazione

Collaborazione degli organismi paritetici alla formazione Sintesi : Adeguamento e linee applicative degli accordi ex articolo 34, comma 2, e 37, comma 2, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, e successive modificazioni e integrazioni Articolo 34 Svolgimento

Dettagli

Il modello di comunicazione annuale Iva, deve essere presentato esclusivamente in via telematica, entro il

Il modello di comunicazione annuale Iva, deve essere presentato esclusivamente in via telematica, entro il Napoli, 22 Gennaio 2016 A TUTTI GLI SPETTABILI CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE N. 1/2016 1. COMUNICAZIONE DATI IVA L'obbligo di presentare la comunicazione annuale dati Iva riguarda tutti i titolari di partita

Dettagli

4. I mediatori di assicurazione e riassicurazione o brokers

4. I mediatori di assicurazione e riassicurazione o brokers La distribuzione del prodotto assicurativo 105 Subagente, coagenzia e procacciatore d affari Il subagente è un soggetto il quale viene incaricato da un agente, verso corrispettivo, di promuovere la conclusione

Dettagli

MANDATO DI AGENZIA. 2). ZONA, SUE EVENTUALI VARIAZIONI E OBBLIGO DI NON CONCORRENZA. Il presente mandato viene conferito per la seguente zona:

MANDATO DI AGENZIA. 2). ZONA, SUE EVENTUALI VARIAZIONI E OBBLIGO DI NON CONCORRENZA. Il presente mandato viene conferito per la seguente zona: Tra la Ditta... in persona dell'amministratore Sig... con Sede in Via Città P. IVA (PREPONENTE) Ed Il Sig.... residente in Via..... Città... P. IVA... iscritto nel Ruolo Agenti e/o Rappresentanti di Commercio

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali.

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Roma, 05/11/2014 Circolare n. 137 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti. Oggetto. Contribuzione Enasarco dovuta dagli. agenti e rappresentanti di commercio

Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti. Oggetto. Contribuzione Enasarco dovuta dagli. agenti e rappresentanti di commercio Roma, 10/01/2015 Spett.le Cliente Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti Dottore Commercialista e Revisore Contabile Piazza Gaspare Ambrosini 25, Cap 00156 Roma Tel 06/41614250 fax 06/41614219

Dettagli

Giuseppe Piano Mortari ASSOFIN. L offerta di carte di credito nel nuovo quadro normativo tra criticità interpretative e rischi di over regulation

Giuseppe Piano Mortari ASSOFIN. L offerta di carte di credito nel nuovo quadro normativo tra criticità interpretative e rischi di over regulation Giuseppe Piano Mortari ASSOFIN L offerta di carte di credito nel nuovo quadro normativo tra criticità interpretative e rischi di over regulation Convegno ABI Carte 2011 Roma, 3/4 novembre 2011 IL FRAMEWORK

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI SUL REGOLAMENTO INTERMEDIARI. Roma, 2 aprile 2007

DOMANDE FREQUENTI SUL REGOLAMENTO INTERMEDIARI. Roma, 2 aprile 2007 DOMANDE FREQUENTI SUL REGOLAMENTO INTERMEDIARI Roma, 2 aprile 2007 Per agevolare le procedure di iscrizione al nuovo Registro unico degli intermediari (Rui) disciplinato dal Regolamento n. 5 del 16 ottobre

Dettagli

Mediatori e Procacciatori

Mediatori e Procacciatori Mediatori e Procacciatori d Affari Manuale Operativo di Matilde Fiammelli Formule, esempi e schemi riportati in questo testo sono disponibili online e sono personalizzabili. L elenco completo e le istruzioni

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Russo Diritto delle Assicurazioni Università Carlo Cattaneo Diritto Privato Comparato Università E Campus

Prof. Avv. Giuseppe Russo Diritto delle Assicurazioni Università Carlo Cattaneo Diritto Privato Comparato Università E Campus Prof. Avv. Giuseppe Russo Diritto delle Assicurazioni Università Carlo Cattaneo Diritto Privato Comparato Università E Campus Il Decreto correttivo Il 22 ottobre 2010 il ministero economia ha emanato un

Dettagli

UDL. L intermediazione assicurativa

UDL. L intermediazione assicurativa L intermediazione assicurativa Norme sull intermediazione assicurativa il codice delle assicurazioni e il regolamento ISVAP n. 5 del 16/10/2006: l attuazione delle direttive UE e la regolamentazione degli

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. OGGETTO: Legge 30 dicembre 2010, n. 238 - Incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia - Chiarimenti interpretativi

CIRCOLARE N. 14/E. OGGETTO: Legge 30 dicembre 2010, n. 238 - Incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia - Chiarimenti interpretativi CIRCOLARE N. 14/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte sui Redditi e sulle Attività Produttive Ufficio Redditi Fondiari e di Lavoro Roma, 04 maggio 2012 Alle Direzioni regionali e provinciali Agli

Dettagli

Organismo per la gestione degli Elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi

Organismo per la gestione degli Elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Organismo per la gestione degli Elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi LINEE GUIDA CONCERNENTI IL CONTENUTO DEI REQUISITI ORGANIZZATIVI PER L ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI

Dettagli

DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI

DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI OGGETTO: Circolare 19.2014 Seregno, 12 novembre 2014 DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI Il Consiglio dei Ministri ha approvato il 30 Ottobre 2014 in via definitiva il Decreto Legislativo contenente disposizioni

Dettagli

Principali modifiche al Regolamento ISVAP 5/2006 Le modifiche al regolamento introdotte dal provvedimento 2720/2009 sono indicate in rosso

Principali modifiche al Regolamento ISVAP 5/2006 Le modifiche al regolamento introdotte dal provvedimento 2720/2009 sono indicate in rosso Principali modifiche al Regolamento ISVAP 5/2006 Le modifiche al regolamento introdotte dal 2720/2009 sono indicate in rosso Esame semplificato per l iscrizione alla sezione A del RUI per iscritti alle

Dettagli

REGOLAMENTO N. 6 DEL 2 DICEMBRE 2014

REGOLAMENTO N. 6 DEL 2 DICEMBRE 2014 REGOLAMENTO N. 6 DEL 2 DICEMBRE 2014 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DEI REQUISITI PROFESSIONALI DEGLI INTERMEDIARI ASSICURATIVI E RIASSICURATIVI IN ATTUAZIONE DELL ART. 22, COMMA 9, DEL DECRETO-LEGGE

Dettagli

LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO

LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO SEZIONE 1 INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Denominazione: BCC LEASE SpA Sede Legale e Direzione Generale: Via Lucrezia Romana

Dettagli

L evoluzione della distribuzione nel credito al consumo e nei mutui casa. Roma, 22 novembre 2011

L evoluzione della distribuzione nel credito al consumo e nei mutui casa. Roma, 22 novembre 2011 L evoluzione della distribuzione nel credito al consumo e nei mutui casa Roma, 22 novembre 2011 Gli obbiettivi del credito al consumo sviluppo dell industria e del PIL, protezione del consumatore, evitare

Dettagli

Circolare 20. del 29 luglio 2015. School bonus e detrazione IRPEF per le spese scolastiche Novità della L. 13.7.2015 n. 107 INDICE

Circolare 20. del 29 luglio 2015. School bonus e detrazione IRPEF per le spese scolastiche Novità della L. 13.7.2015 n. 107 INDICE Circolare 20 del 29 luglio 2015 School bonus e detrazione IRPEF per le spese scolastiche Novità della L. 13.7.2015 n. 107 INDICE 1 Premessa... 2 2 Credito d imposta per le erogazioni liberali agli istituti

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

L'INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA PER LE PMI SULLE OPERAZIONI DI MICROCREDITO

L'INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA PER LE PMI SULLE OPERAZIONI DI MICROCREDITO L'INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA PER LE PMI SULLE OPERAZIONI DI MICROCREDITO Oggetto e finalità Favorire la microimprenditorialità nell'accesso alle fonti finanziarie mediante la concessione di una garanzia

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 3 dell 11 gennaio 2012 Regime dei nuovi contribuenti minimi - Agevolazioni per i soggetti esclusi dal nuovo regime INDICE 1 Premessa... 2 2 Regime dei nuovi

Dettagli

SEZIONE 2 CHE COS È LA LOCAZIONE FINANZIARIA DI BENI MOBILI STRUMENTALI

SEZIONE 2 CHE COS È LA LOCAZIONE FINANZIARIA DI BENI MOBILI STRUMENTALI LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO SEZIONE 1 INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Denominazione: BCC LEASE SpA Sede Legale e Direzione Generale: Via Lucrezia Romana

Dettagli

The Hub Trentino Alto Adige

The Hub Trentino Alto Adige L AVVIO DI UN ATTIVITÀ DI IMPRESA O PROFESSIONALE Aspetti civilistici, fiscali e previdenziali Trento, lì 19 novembre 2014 1 FORME SOCIETARIE: SOCIETÀ PER AZIONI (S.P.A.) SOCIETÀ IN ACCOMANDITA PER AZIONI

Dettagli

Regime fiscale agevolato per autonomi

Regime fiscale agevolato per autonomi 1 REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI Regime fiscale agevolato per autonomi L art. 1, c. 54 89, della legge di stabilità 2015 disciplina il nuovo regime fiscale agevolato per autonomi, destinato agli esercenti

Dettagli

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI L art. 1 co. 54-89 della legge di stabilità 2015 disciplina il nuovo regime fiscale agevolato per autonomi,

Dettagli

Riprende l'esame sospeso nella seduta di ieri.

Riprende l'esame sospeso nella seduta di ieri. Legislatura 16ª - 6ª Commissione permanente - Resoconto sommario n. 368 del 26/07/2012 FINANZE E TESORO (6ª) GIOVEDÌ 26 LUGLIO 2012 368ª Seduta Presidenza del Vice Presidente MUSI Interviene il sottosegretario

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE E di pochi giorni fa la circolare n. 51/E emessa dall Agenzia delle Entrate, con la quale si chiariscono i requisiti

Dettagli

LETTERA D INCARICO D AGENZIA. in persona del suo legale rappresentante pro-tempore con sede in. (di seguito denominata PREPONENTE) o

LETTERA D INCARICO D AGENZIA. in persona del suo legale rappresentante pro-tempore con sede in. (di seguito denominata PREPONENTE) o LETTERA D INCARICO D AGENZIA Tra le seguenti parti: in persona del suo legale rappresentante pro-tempore con sede in (di seguito denominata PREPONENTE) o E P.IVA: (di seguito denominato AGENTE) l agente

Dettagli

ENASARCO: DAL 2010 NUOVI MINIMALI E MASSIMALI CONTRIBUTIVI

ENASARCO: DAL 2010 NUOVI MINIMALI E MASSIMALI CONTRIBUTIVI Circolare N. 32 Area: ADEMPIMENTI Periodico plurisettimanale 27 aprile 2010 ENASARCO: DAL 2010 NUOVI MINIMALI E MASSIMALI CONTRIBUTIVI Come noto, i soggetti che svolgono attività di agenzia e rappresentanza

Dettagli

SCELTA DEL REGIME FISCALE

SCELTA DEL REGIME FISCALE SCELTA DEL REGIME FISCALE a cura di Tommaso Valleri Disclaimer La presente guida ha un valore puramente indicativo. Non sostituisce in alcun modo la consulenza di un commercialista o di analogo professionista.

Dettagli

Regolamento recante attuazione dell'articolo 29 del decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, concernente il contenuto dei requisiti organizzativi

Regolamento recante attuazione dell'articolo 29 del decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, concernente il contenuto dei requisiti organizzativi Regolamento recante attuazione dell'articolo 29 del decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, concernente il contenuto dei requisiti organizzativi per l'iscrizione nell'elenco dei mediatori creditizi.

Dettagli

PRESTAZIONE DI LAVORO AUTONOMO OCCASIONALE ART. 2222 del codice civile

PRESTAZIONE DI LAVORO AUTONOMO OCCASIONALE ART. 2222 del codice civile PRESTAZIONE DI LAVORO AUTONOMO OCCASIONALE ART. 2222 del codice civile Tra L Università di, Dipartimento di con sede in alla Via, codice fiscale, in persona del rappresentante legale sig., di seguito denominata

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO

FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO di Roberto De Luca 1. Finalità e ambito di applicazione Al fine di favorire l'accesso alle risorse finanziarie a supporto della microimprenditorialità, il Governo

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA

CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA DOCUMENTO DI SINTESI PROVVIGIONE A FAVORE DEL MEDIATORE % ( percento) dell importo del finanziamento deliberato dalla banca o intermediario finanziario, a seguito della

Dettagli