CRM: DISCONNESSIONE TRA VISION ED EXECUTION. Mauro Macchi, Partner Convegno ABI - Roma, 12 Dicembre 2002

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CRM: DISCONNESSIONE TRA VISION ED EXECUTION. Mauro Macchi, Partner Convegno ABI - Roma, 12 Dicembre 2002"

Transcript

1 CRM: DISCONNESSIONE TRA VISION ED EXECUTION Mauro Macchi, Partner Convegno ABI - Roma, 12 Dicembre 2002

2 Obiettivi della presentazione Illustrare le principali evidenze circa il valore apportato da programmi di CRM Focalizzare l approccio e le esperienze di Accenture per allineare visione ed esecuzione Riflettere sull evoluzione del CRM nei prossimi anni

3 Per il settore finanziario, il CRM rappresenta una sfida particolare rispetto ad altre industry sia per la complessità che per la quantità di interazioni Caratteristiche delle interazioni delle diverse Industry Numero clienti / frequenza interazioni Alto Basso Media / Entertainment Tecnologia Pubblica Amministrazione Turismo Beni di consumo Energia Utilities Banche Automotive Elettronica Industria chimica Telecomunicazioni Assicurazioni Trasporti Prioritario Bassa Complessità dell interazione con la clientela Alta

4 Il CRM, se realizzato correttamente, può agire sull aumento complessivo del valore del business attraverso sia leve di efficacia che di efficienza commerciale Principali leve di creazione del valore attraverso il CRM Marketing Transformation Value (Aumentare share of wallet del cliente) Efficienza nell esecuzione del marketing Maggiore produttività Migliori piani di marketing Efficienza negli investimenti di marketing Aumentare produttività commerciale Ridurre i costi di marketing Aumentare i tassi di successo delle iniziative Aumentare i margini delle iniziative Ottimizzazione ed arricchimento basi dati Gestione automatica eventi ( next product ) Formazione ed orientamento al servizio Misurazione delle performance e incentivazione Workflow dei processi operativi e commerciali Ottimizzazione costi di Insight (provider) Ottimizzazione costi di reach (multicanalità, promotion, etc.) Razionalizzazione dell offerta Introduzione segmentazione comprensibile a tutta la struttura e targeting mirato Aumento efficacia messaggi di marketing Miglioramento time to market prodotti e iniziative Focalizzazione conti economici delle campagne commerciali Introduzione priorità di allocazione degli investimenti di marketing in relazione al ROI Ottimizzazione mix prezzo prodotto - canale

5 Alcune esperienze di operatività secondo logiche ed approcci innovativi di CRM presentano tassi di redemption significativamente più alti Principali risultati rilevati su diverse iniziative commerciali (Tasso di redemption su iniziative commerciali realizzate presso nostri Clienti) Tipologia di campagna Cross selling Up selling 4 % 4,5 % 11 % 13 % Risultati medi campagne eseguite con metodi tradizionali Risultati medi ottenuti durante sperimentazioni realizzate con strumenti di Customer Insight e basi dati ottimizzate Lancio prodotti 5,5 % 12 % Acquisizione nuova clientela 3,5 % 11,5 % 2,5% 5% 7,5% 10% 12,5% 15% 17,5% 20% Tasso di redemption ottenuto Fonte: Elaborazione Osservatorio Accenture su dati medi relativi a campagne commerciali eseguite presso Banche Clienti

6 Alcune esperienze di operatività secondo logiche ed approcci innovativi di CRM presentano livelli di efficienza della macchina commerciale significativamente più alti Analisi risultati campagna commerciale realizzata presso una Banca (Valori in numeri indice; campagna di cross selling eseguita con e senza strumenti di CRM) Campagna CRM Campagna tradizionale L ottimizzazione delle basi dati consente di disporre di informazioni di recapito più corrette, complete e aggiornate che aumentano la redemption dei contatti (+21% sul totale) Il più alto tasso di appuntamenti fissati su contatti utili è dovuto al targeting più efficace, realizzato con tecniche e strumenti di analisi statistica (es:profiling e propensity scoring) Grazie ad una forza vendita incentivata e dotata di efficaci strumenti di supporto e ad una maggiore ottimizzazione dell offerta è possibile aumentare in modo significativo il numero dei clienti che acquistano Clienti Target Campagna Clienti contattati con successo Numero appuntamenti fissati Fonte: Elaborazione Accenture su dati relativi alla campagna di up selling eseguita presso una Banca italiana di media dimensione 11 4 Numero clienti che acquistano il prodotto

7 Un caso reale di una campagna di up selling secondo un approccio di CRM più strutturato ha comportato una triplicazione del margine Analisi risultati campagna commerciale realizzata presso una Banca (Valori espressi in 000/euro) L incremento di costo è mediamente meno che proporzionale rispetto al maggior numero di clienti incontrati per effetto di una maggiore focalizzazione dell offerta ed efficacia della relazione Maggior numero di acquirenti e ticket medio di sottoscrizione superiore alla campagna tradizionale Campagna tradizionale Campagna CRM Maggior numero di clienti contattati per conferma appuntamento (+330%) Margini prodotti da campagna tradizionale comparabile Maggiori costi di contatto telefonico con CRM Maggiori costi di relazione con CRM Maggiori margini prodotti con CRM Totale Margini prodotti da campagna CRM Fonte: Elaborazione Accenture su dati del Cliente

8 Alcune iniziative di trasferimento dell operatività di un cliente Mass Market su altri canali hanno incrementato il suo valore fino a circa il 40% Incremento del valore di un cliente Mass Market con operatività trasferita verso i canali remoti (Numeri indice *) Trasferimento operatività su Call Center Trasferimento operatività su Internet Valor medio cliente in filiale Effetto switch - riduzione ricavi Effetto switch - riduzione costi Effetto up\cross selling Valor medio cliente Telephone Banking Valor medio cliente in filiale Effetto switch - riduzione ricavi Effetto switch - riduzione costi Effetto up\cross selling Valor medio cliente Internet Banking Da Filiale a Call Center + 15% + 20% Da Filiale a Internet + 40% +45% Fonte: Elaborazioni Accenture su dati forniti da Istituto Bancario cliente * Dati in numeri indice (valore attuale cliente in filiale = 100)

9 Il risultato delle diverse iniziative può tradursi in un aumento complessivo del valore dei diversi segmenti di clientela Impatto complessivo del valore del CRM per segmento di clientela e anzianità di rapporto (aumento % sul reddito operativo: caso reale banca di medie dimensioni) Impatto medio dei diversi driver sul valore della Clientela Retail (valori in numeri indice:caso reale banca di medie dimensioni) Mass Market 0-3 anni 3-7 anni >7 anni 0-3 anni 15% 21% 28% 36% ~ 22% ~ 13 ~ 10 ~ 4 ~ 127 Benestanti 3-7 anni >7 anni 23% 30% ~ 32% anni 41% Top Private 3-7 anni >7 anni 0-3 anni 3-7 anni >7 anni 15% 10% 23% 29% 36% ~ 35% ~ 14% Valore Segmento Retail prima del CRM Effetto cross-up selling Effetto riduzione costi Effetto referrals / lead management Valore Segmento Retail dopo CRM Impatto medio (ponderato per segmento di clientela) ~ 27% Fonte: Elaborazioni Accenture su dati forniti da Istituto Bancario cliente

10 Interventi di razionalizzazione dell offerta hanno comportato sensibili riduzioni dei costi Razionalizzazione del catalogo prodotti Razionalizzazione offerta prodotti: impatti sui costi di erogazione servizi 100% Concentrazione delle vendite su un limitato range di prodotti -4% -9% -2% -5% 80% % cumulata delle vendite L 80% delle vendite è costituito dai medesimi 4-6 prodotti Numero e complessità dei prodotti Costi d erogazione Overservicing Elevata personalizzazione Economie di scala efficienza processi Costi post intervento Prodotti Fonte: Elaborazione Accenture da caso reale Fonte: Elaborazioni Accenture su campione di banche

11 Obiettivi della presentazione Illustrare le principali evidenze circa il valore apportato da programmi di CRM Focalizzare l approccio e le esperienze di Accenture per allineare visione ed esecuzione Riflettere sull evoluzione del CRM nei prossimi anni

12 La disconnessione tra vision ed execution è riconducibile ad alcuni errori ricorrenti nell approccio al CRM Errori tipici Le frasi che non vogliamo sentire Eccessivo focus su strumenti e tecnologia Costruiamo un Datawarehouse per risolvere i nostri problemi di CRM Abbiamo installato una nuova applicazione che ci permetterà di aumentare il successo delle campagne Executive sponsorship solo del marketing È un progetto del marketing e delle sue risorse Il progetto rientra nel budget delle funzioni commerciali Scarso allineamento delle funzioni aziendali (centro e periferia) Sottovalutazione di interventi sulle risorse umane fin dall inizio Periodicamente aggiorniamo le altre funzioni sull avanzamento del Progetto di CRM Dopo la conclusione della fase di disegno, dobbiamo organizzare un workshop con la rete per esporre il piano operativo È necessario redigere una circolare molto dettagliata per spiegare a tutti i nuovi processi e strumenti (che comunque sono user friendly) Valuteremo in futuro possibili interventi sul sistema incentivante e sulla formazione

13 La disconnessione tra vision ed execution è riconducibile ad alcuni errori ricorrenti nell approccio al CRM Errori tipici Limitata attenzione su come superare le barriere al cambiamento Le frasi che non vogliamo sentire È un cambiamento simile a quello verificatosi con l introduzione dell ultimo applicativo di sportello Non è necessaria una struttura di program management e change management Scarsa attenzione al fattore tempo in relazione al contesto; mancanza di Quick Wins progettuali È un progetto troppo lungo che darà risultati solo nel medio/lungo periodo I nostri competitors hanno implementato processi e strumenti di CRM in 18 mesi Mancanza di orientamento al Return on Investments Abbiamo informato la pianificazione degli investimenti necessari Anche se costa di più, è preferibile adottare una soluzione con il maggior numero di funzionalità

14 In base alla nostra esperienza, suggeriamo un approccio che consenta di essere pragmatici sull evoluzione complessiva del modello commerciale, salvaguardando il più possibile il ROI Principali presupposti Verifica Verifica del del Fit Fit Identificazione delle leve di CRM sulle quali agire in relazione agli obiettivi e contesto di business specifici Verifica delle attuali capabilities (competenze/attività/supporti) di CRM Valutazione delle possibili barriere al cambiamento Prova Prova Laboratorio Lancio di un test a 360 facendo leva su strumentazione attuale, tool semplificati e eventualmente ad outsourcer Misurazione della ricettività complessiva e costruzione di un business case con focus sul ROI Roadmap Valorizzazione delle iniziative esistenti ritenute prioritarie in termini di valore generato e facilità di implementazione Costruzione della Roadmap complessiva interfunzionale ed avvio del roll-out

15 L identificazione degli elementi distintivi del modello di CRM da adottare deve essere condotta coniugando i fattori esterni abilitanti e le caratteristiche interne della Banca La verifica del Fit NON ESAUSTIVO Fattori interni Priorità di Business Ricettività/ Barriere Competenze già maturate FIT Fattori esterni Aggiornamento Tecnologie Competenze Critiche Approcci maggiormente orientati al valore Progetti in corso Partnership/ Alleanze /Outsourcing Caratteristiche distintive del proprio modello di CRM da adottare

16 La valutazione delle capabilities richiede un approccio che permetta di mappare oggettivamente le aree di gap ESEMPLIFICATIVO METODOLOGIA ACCENTURE Verifica del Fit: Valutazione delle Capabilities di CRM Enterprise integration Capability High performing organization Total capability score Capability Overview Customer insight Risultato conseguito Valore obiettivo Highest possible score % sul valore obiettivo Customer offerings Customer interaction Valore conseguito (da 1 a 5) Gap in % Customer insight % 3 52% Customer offerings % 3 47% Customer interaction % 4 33% High performing organization % 2 67% Enterprise integration % 3 56% Totale CRM Capabilities % 3 51% Verifica principali Gap in ambito commerciale, risorse, strumenti, organizzazione e processi, in relazione a benchmark di riferimento interni ed esterni Comprensione della effettiva elasticità e propensione della struttura al cambiamento Condivisione delle priorità e sensibilizzazione iniziale degli agenti del cambiamento per avviare il test

17 La fase di laboratorio deve permettere una sperimentazione a 360 utile ad impostare il business case con focus sul ROI Laboratorio: le linee guida per la sperimentazione Ambiti - - Alcune prove da effettuare - Enucleare un ambito di test (parte di struttura centrale e alcune unità periferiche) Stressare le componenti della macchina commerciale Misurare i risultati e confrontarli rispetto alla situazione inerziale Effettuare il fine-tuning del modello e impostare il business case La qualità dei dati disponibili Le informazioni necessarie ed efficaci a supporto delle attività di Insight I criteri di segmentazione più idonei da adottare in funzione della clientela target I processi di interrelazione tra il centro e la rete e le attività di monitoraggio La possibilità di evolvere gli strumenti a supporto sia delle attività di insight che di interaction I criteri di portafogliazione e il dimensionamento più adeguato Il nuovo modo di lavorare e gli eventuali interventi sui meccanismi incentivanti

18 Nell ambito della Roadmap è imperativo innestare le nuove iniziative in una macchina in corsa La valorizzazione e prioritizzazione degli interventi Valore Alto Medio/ Lungo periodo 0 0 X 0 X 0 X 0 X X 0 X X X X X 0 Basso Abbandonare Bassa Facilità di implementazione 0 Target CRM di medio/lungo periodo X Target CRM di breve periodo Quick Wins X Congelare Alta È necessario capitalizzare sulle iniziative in corso di implementazione, identificando comunque quelle da abbandonare o da sospendere È necessario focalizzarsi sulle iniziative di implementazione delle capabilities in grado di generare effettivamente valore, nel breve (Quick Wins) o nel lungo periodo (Long Term) È necessario definire un percorso di cambiamento Roadmap, governato da un forte program management, che consideri gli impatti su organizzazione, processi, strumenti e risorse

19 Durante una nostra recente esperienza, abbiamo adottato un approccio per la realizzazione di un laboratorio commerciale della durata di 100 giorni L approccio seguito 30 giorni 60 giorni 90 giorni CASO REALE 100 giorni VERIFICA FIT Condivisione priorità di business e comm.li PROVA CAPABILITIES DI INSIGHT Acquisizione dati, pulizia e normalizzazione Arricchimento base dati LABORATORIO PROVA PRODUTTIVITA RISORSE E EFFICACIA MODELLO Assegnazione obiettivi ed incentivi alla forza vendita con portafogliazione individuale Produzione liste del target delle campagne Verifica Basi Dati Verifica Capabilities CRM Individuazione barriere Analisi Insight Segmentazione Profilazione Analisi Valore Analisi Propensione Progettazione iniziative commerciali SET UP LABORATORIO Individuazione area/filiali pilota ed estrazione dati Strumenti /Supporti Processi Formazione e addestramento risorse coinvolte Esecuzione campagne Monitoraggio risultati Identificazione interventi di fine-tuning su : informazioni chiave, criteri di segmentazione, strumenti da industrializzare, approcci commerciali, criteri di portafogliazione e modelli di incentivazione. Attività realizzate attraverso il supporto di un outsourcer esterno* (*) Le attività sono state realizzate con il supporto di un centro di eccellenza Accenture per il CRM

20 Le attività del laboratorio sono state sperimentate su una parte circoscritta a livello centrale e periferico Sponsorship iniziativa Pressione sui risultati commerciali Coinvolgimento sulle attività progettuali con affiancamento da parte del Gruppo di Lavoro Call Center Area - Organizzazione del laboratorio - Marketing Centrale Definizione linee guida intervento Decisioni in merito a scelte chiave Sponsorship complessiva dell iniziativa Coinvolgimento sulle attività progettuali con affiancamento da parte del Gruppo di Lavoro CASO REALE Gestione attività progettuali di setup Affiancamento e supporto alle Filiali, al al Call Center e all Area nella conduzione della sperimentazione Gestione delle attività operative che attualmente non sono gestite dall Area o dalla D.G (es: monitoraggio tempestivo iniziative, segmentazione clientela, ecc.) Gestione attività di outbound ed inbound Attivazione marketing GRUPPO DI LAVORO LABORATORIO INTERFUNZIONALE Commerciale/ marketing Organizzazione Formazione/ R.U. CDG Sistemi Informativi Gestione sul campo del modello sperimentale con tutorship da parte del Gruppo di Lavoro Filiali di Filiali di sperimentazione sperimentazione Definizione Iniziative Commerciali Definizione nuove modalità di lavoro Set up formazione Definizione incentivazione Analisi redditività clienti Realizzazione strumenti di supporto Interventi di semplificazione procedure Laboratorio commerciale

21 Obiettivi della presentazione Illustrare le principali evidenze circa il valore apportato da programmi di CRM Focalizzare l approccio e le esperienze di Accenture per allineare visione ed esecuzione Riflettere sull evoluzione del CRM nei prossimi anni

22 Negli ultimi 10 anni lo scope (ambito) del CRM è rimasto costante, mentre il focus è cambiato L evoluzione del Focus del CRM negli ultimi 10 anni Primi anni 90 Metà fine anni 90 Fine anni 90 - inizio 2000 Focus su tecnologia e servizio Migliorare il servizio di un singolo canale Streamline dei processi Nuove tecnologie Nuove misure di performance Focus su vendite e interaction Ampliamento del focus sulle vendite ( sales force efficiency and productivity ) Nuove alternative di interazione per la Clientela (Web, , instant messaging) Focus su Customer Insight Completamento dei complessi programmi di interazione dei canali Trattamento standardizzato del cliente attraverso i diversi canali Raccolta di dati ad ogni contact point Implementazione di Data warehouse Strumenti di data analytics per approfondire l Insight sulla clientela Gli sforzi effettuati dalle aziende in questa direzione hanno generato importanti risultati e benefici (a seconda dei casi), attraverso: Maggiore trasparenza nelle modalità operative e nelle condizioni per i clienti Miglioramenti dell integrazione dei canali Maggiore strutturazione nei processi di raccolta delle informazioni Riduzione dei costi di servizio

23 Gli investimenti fino ad oggi sostenuti sono stati necessari, ma è evidente che le banche si stanno rendendo conto che, per ricercare e mantenere posizioni di leadership, dovranno porre in essere ulteriori interventi Principi guida nella definizione di futuri interventi in ambito CRM Impostare nuovi programmi su fattori fino ad oggi abbastanza trascurati, quali organizzazione interna, (nell ottica di renderla concretamente customer centric su tutta la filiera produttiva e distributiva), risorse umane (allineamenti dei comportamenti ai nuovi processi/strumenti) e ambiti di Marketing come ad esempio il branding (Brand Loyalty) Valorizzare la customer experience come condizione essenziale per creare brand value (somma del valore delle esperienze, oltre a quello dei prodotti/servizi) Completare gli interventi in ambito Customer Insight per fornire le informazioni sulla clientela e orientare il modo in cui ciascun cliente è trattato (ogni contatto modifica la percezione dell azienda e quindi aumenta o distrugge valore economico) Mitigare i financial e delivery risk: non si tratta di costruire delle eleganti capabilities e di servire sempre ad ogni costo il cliente, ma di comprendere cosa manca e cosa pragmaticamente deve essere implementato per migliorare l efficacia ed il costo della relazione

24 Alla luce delle considerazioni riportate, si possono individuare alcune principali priorità per i prossimi tre anni Priorità del CRM ( ) Completamento delle Capabilities di Customer Insight Introduzione ed industrializzazione capabilities di Customer intelligence Arricchimento basi dati con external source dopo aver valorizzato al massimo i dati interni Diffusione della cultura dell informazione sul cliente People transformation (competency and rewarding) Rafforzamento competenze specialistiche e diffusione cultura di customer service Responsabilizzazione individuale e variabilità retributiva Azione di miglioramento della produttività della forza vendita Customer Contact Trasformation Utilizzo dei principali canali (Filiale, Call Center, Internet) per migliorare il servizio ed il conto economico del cliente Differenziazione delle modalità di servizio e di prezzo per canale e segmento

25 Alla luce delle considerazioni riportate, si possono individuare alcune principali priorità per i prossimi tre anni Priorità del CRM ( ) Marketing ROI Strutturazione modelli di valutazione dei ritorni sugli investimenti per iniziativa, per segmento e per canale Introduzione meccanismi di ottimizzazione dell allocazione del capitale sulle iniziative commerciali e di marketing Just in time marketing Superamento delle logiche di campagna e sviluppo meccanismi di azione continua (next product) Adeguamento online dell offerta e packaging nella relazione one to one per clientela a valore Brand Value Costruzione di value proposition per il cliente fortemente collegate al brand Maggiore enfasi alle politiche di gestione del brand per migliorare la percezione dei clienti e degli investitori

L intelligence commerciale per il governo della complessità distributiva: l approccio adottato in BNL

L intelligence commerciale per il governo della complessità distributiva: l approccio adottato in BNL L intelligence commerciale per il governo della complessità distributiva: l approccio adottato in BNL Convegno ABI CRM 2003 Strategie di Valorizzazione delle Relazioni con la Clientela Andrea Di Fabio

Dettagli

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Il Modello di Soddisfazione-Loyalty consente alla banca di scoprire quali azioni mettere in campo per rendere concretamente più fedeli i clienti, incrementandone

Dettagli

CRM Downsizing Program

CRM Downsizing Program Azzerare i costi inutili del CRM e massimizzare il valore di quanto già realizzato S empre, e in special modo durante periodi di crisi, risulta vitale in azienda individuare tutte le potenziali fonti di

Dettagli

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 Agenda Il contesto di mercato La centralità del Pricing Come sfruttare le potenzialità

Dettagli

Sales Force Effectiveness: da controllo a pianificazione e governo Settembre 2011

Sales Force Effectiveness: da controllo a pianificazione e governo Settembre 2011 Sales Force Effectiveness: da controllo a pianificazione e governo Settembre 2011 2011 Health Business Improvement Il materiale contenuto in questo documento si considera a supporto della discussione tra

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004 Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari Giovanni Ciccone Stefania De Maria 080 5274824 Marketing Strategico Sistemi Informativi Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dettagli

Excellence Consulting. Company Profile

Excellence Consulting. Company Profile Excellence Consulting Company Profile Chi siamo L ECCELLENZA, l elemento principale della nostra value proposition non è solo il nostro brand ma fa parte anche del nostro DNA. Noi proponiamo eccellenza

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI

IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI I consumatori sono saturi e hanno poco tempo, ha sentenziato recentemente Enrico Finzi, presidente di Astra/Demoskopea,

Dettagli

Quale servizio e quale consulente per il cliente private di domani

Quale servizio e quale consulente per il cliente private di domani Quale servizio e quale consulente per il cliente private di domani Simona Maggi Direzione Scientifica AIPB Milano, 10 aprile 2014 Il contributo di AIPB alla sfida della diffusione del servizio di consulenza

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

CRM e imprese: un connubio attuale e attuabile. Simone Capecchi Roma, 12 febbraio 2007

CRM e imprese: un connubio attuale e attuabile. Simone Capecchi Roma, 12 febbraio 2007 CRM e imprese: un connubio attuale e attuabile Simone Capecchi Roma, 12 febbraio 2007 Agenda Abstract CRIF: numeri Alcuni aspetti strategici ed operativi sullo Small Business Le opportunità da esplorare

Dettagli

L'importanza di un posizionamento distintivo nell'innovazione di canale

L'importanza di un posizionamento distintivo nell'innovazione di canale L'importanza di un posizionamento distintivo nell'innovazione di canale Ruggero Benedetto Gruppo Monte dei Paschi di Siena Responsabile Multicanalità Integrata Roma, 15 Aprile ABI Dimensione Cliente 1.

Dettagli

Customer Focus Program

Customer Focus Program Sviluppare la soddisfazione del cliente, migliorarne la redditività C lienti stabilmente soddisfatti danno luogo a risultati di bilancio e quotazioni di borsa continuativamente e sensibilmente migliori.

Dettagli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media INFORMAZIONI Materiale

Dettagli

Conoscere il territorio: informazione ed esperienza a servizio delle strategie delle banche

Conoscere il territorio: informazione ed esperienza a servizio delle strategie delle banche Conoscere il territorio: informazione ed esperienza a servizio delle strategie delle banche Raul Mattaboni, Direttore Generale Prometeia Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 Febbraio 2007 Questo documento

Dettagli

La multicanalità integrata a supporto dei processi commerciali

La multicanalità integrata a supporto dei processi commerciali La multicanalità integrata a supporto dei processi commerciali Andrea Cascianini Industry Marketing Specialist Oracle Italia ABI - CRM 2005 RELAZIONE E VENDITA: LA SOLUZIONE PER CRESCERE Roma, 14 dicembre

Dettagli

Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE ATTIVITA DI RICERCA 2015

Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE ATTIVITA DI RICERCA 2015 ATTIVITA DI RICERCA 2015 Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE In collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI Nel corso degli ultimi

Dettagli

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Obiettivi della lezione Illustrare il passaggio dall orientamento alla transazione all orientamento alla relazione nel marketing contemporaneo

Dettagli

Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca

Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca Clément PERRIN / Daniela TAVERNA - Senior Project Manager Milano, 20 Aprile 2012 Con l acquisizione da parte di BNPP 6 anni

Dettagli

LA DIMENSIONE TECNOLOGICA DELLA RELAZIONE BANCA CLIENTE. Dott. Paolo Mangione DIREZIONE COMMERCIAL BANKING

LA DIMENSIONE TECNOLOGICA DELLA RELAZIONE BANCA CLIENTE. Dott. Paolo Mangione DIREZIONE COMMERCIAL BANKING 1 LA DIMENSIONE TECNOLOICA DELLA RELAZIONE BANCA CLIENTE Dott. Paolo Mangione DIREZIONE COMMERCIAL BANKIN 2 Numero di Banche (sedi legali) in Italia 1998-2009 3 Numero di sportelli in Italia 1998-2009

Dettagli

LUISA BAJETTA Associazione Bancaria Italiana Settore Ricerche e Analisi l.bajetta@abi.it CRM, CALL CENTER E NUOVI CANALI

LUISA BAJETTA Associazione Bancaria Italiana Settore Ricerche e Analisi l.bajetta@abi.it CRM, CALL CENTER E NUOVI CANALI LUISA BAJETTA Associazione Bancaria Italiana Settore Ricerche e Analisi l.bajetta@abi.it 1 OBIETTIVO Ottimizzare il rapporto fra cliente e banca Massimizzare la soddisfazione e Massimizzare la redditività

Dettagli

1st Class Teleselling

1st Class Teleselling Ridurre i costi e incrementare i risultati delle reti indirette L orientamento verso una rete di vendita indiretta rappresenta per l azienda una scelta di flessibilità organizzativa che garantisce rapidità

Dettagli

Lo sviluppo dei ricavi

Lo sviluppo dei ricavi Lo sviluppo dei ricavi Programma di potenziamento e propulsione commerciale della rete: - diagnostico della rete di vendita - progetto di potenziamento commerciale Collaborazione tra la rete bancaria e

Dettagli

Schema per la redazione di un business plan high tech

Schema per la redazione di un business plan high tech Schema per la redazione di un business plan high tech 1. Sintesi dell idea 2. Assessment dei fattori di rischio dell iniziativa 3. Strategia competitiva 3.1 Fonti del vantaggio competitivo 3.2 Posizionamento

Dettagli

Marketing relazionale e email marketing. Massimo Bosi. Presidente. www.moreco.it

Marketing relazionale e email marketing. Massimo Bosi. Presidente. www.moreco.it Marketing relazionale e email marketing Massimo Bosi Presidente www.moreco.it Il Consumatore Cambia IL CONSUMATORE CAMBIA I consumatori sono always on Esiste un overload di messaggi TO DO conoscere a fondo

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto La conoscenza del Cliente come fonte di profitto Giorgio Redemagni Responsabile CRM Convegno ABI CRM 2003 Roma, 11-12 dicembre SOMMARIO Il CRM in UniCredit Banca: la Vision Le componenti del CRM: processi,

Dettagli

MERCATO BUSINESS E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

MERCATO BUSINESS E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE MERCATO BUSINESS E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE L attuale contesto economico e di mercato richiede l implementazione di un nuovo modello di presidio della clientela business e pubblica amministrazione finalizzato

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 5. STRATEGIA, PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Pianificazione d azienda Pianificazione strategica Pianificazione

Dettagli

Recupero della fiducia: le nuove dimensioni sostenibili

Recupero della fiducia: le nuove dimensioni sostenibili Recupero della fiducia: le nuove dimensioni sostenibili Roberta Dalmaschio Gaia Cioci Convegno ABI - Agenda Il contesto congiunturale e la fiducia del cliente La fiducia è il requisito per un ritorno economico

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Social Enterprise: l'evoluzione della Banca per lo sviluppo delle performance

Social Enterprise: l'evoluzione della Banca per lo sviluppo delle performance DIMENSIONE SOCIAL & WEB Social Enterprise: l'evoluzione della Banca per lo sviluppo delle performance Milano, 10 novembre 2015 Building a better working world 1 Agenda Il mondo e il modo di fare business

Dettagli

Dalla relazione personale a quella industriale

Dalla relazione personale a quella industriale Dalla relazione personale a quella industriale Nuove strategie per il mass market Carlo Panella Responsabile CRM Banca Popolare di Milano Agenda Strategia di Marketing Politica CRM Esempio 2 La replicabilità

Dettagli

LA MISURAZIONE DELLE PERFORMANCE COMMERCIALI NEL MODELLO ABI-SDA BOCCONI

LA MISURAZIONE DELLE PERFORMANCE COMMERCIALI NEL MODELLO ABI-SDA BOCCONI Workshop ABI Metriche di misurazione delle performance commerciali LA MISURAZIONE DELLE PERFORMANCE COMMERCIALI NEL MODELLO ABI-SDA BOCCONI Associazione Bancaria Italiana Funzione Ricerche e Analisi Daniela

Dettagli

CRM per il marketing associativo

CRM per il marketing associativo CRM per il marketing associativo Gestire le relazioni e i servizi per gli associati Premessa Il successo di un associazione di rappresentanza dipende dalla capacità di costituire una rete efficace di servizi

Dettagli

IL NUOVO MODELLO ORGANIZZATIVO DELLE STRUTTURE COMMERCIALI TERRITORIALI

IL NUOVO MODELLO ORGANIZZATIVO DELLE STRUTTURE COMMERCIALI TERRITORIALI IL NUOVO MODELLO ORGANIZZATIVO DELLE STRUTTURE COMMERCIALI TERRITORIALI 22 gennaio 2004 Posteitaliane 1 LINEE DI CONTESTO Negli anni passati è stato fatto un vigoroso sforzo per arricchire e diversificare

Dettagli

La relazione con il cliente, evoluzione, tra nuove esigenze e opportunità

La relazione con il cliente, evoluzione, tra nuove esigenze e opportunità La relazione con il cliente, evoluzione, tra nuove esigenze e opportunità Mario Massone fondatore Club CMMC 1) Il Marketing, nuova centralità: meno invasivo, più efficace 2) La customer experience, come

Dettagli

Come realizzare un progetto CRM eccellente

Come realizzare un progetto CRM eccellente Come realizzare un progetto CRM eccellente Andrea Farinet World Marketing & Sales Forum 2008 Milano, 18 giugno Come valorizzare strategia di marketing e strategia CRM? Di quale CRM hanno realmente bisogno

Dettagli

ARPAT. Politica per la Qualità

ARPAT. Politica per la Qualità ARPAT Politica per la Qualità POLITICA PER LA QUALITÀ La missione di ARPAT L Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (ARPAT) concorre alla promozione dello sviluppo sostenibile e contribuisce

Dettagli

Convegno Annuale AISIS. Cartella Clinica Elettronica Ospedaliera: indicazioni per un progetto sostenibile

Convegno Annuale AISIS. Cartella Clinica Elettronica Ospedaliera: indicazioni per un progetto sostenibile Convegno Annuale AISIS Cartella Clinica Elettronica Ospedaliera: indicazioni per un progetto sostenibile Milano, 23 novembre 2012 Nhow Hotel Accenture negli anni ha sviluppato un importante presenza in

Dettagli

Multicanalità e CRM: obiettivi e criticità

Multicanalità e CRM: obiettivi e criticità Multicanalità e CRM: obiettivi e criticità Corrado Avesani - CRM 2001 Strumenti evoluti per il rapporto con la clientela Convegno ABI Roma, 14 dicembre 2001 Agenda Multicanalità e CRM Il concetto di multicanalità

Dettagli

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003 1 Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale Sestri Levante 19-20 maggio 2003 Performing - Mission 2 Performing opera nel mercato dell'ingegneria dell organizzazione e della revisione

Dettagli

Direzione Marketing Small Business Missione

Direzione Marketing Small Business Missione Direzione Marketing Small Business Missione Soddisfare i bisogni della clientela Small Business 1, compresi gli Enti, attraverso un presidio integrato di segmento, prodotto e canale Definire un modello

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Tavolo Tecnico Interassociativo per. Comuni

Tavolo Tecnico Interassociativo per. Comuni Tavolo Tecnico Interassociativo per la Tavolo Standardizzazione Tecnico Interassociativo dei Fondi per la standardizzazione dei fondi Comuni Presentazione delle LINEE GUIDA INTERASSOCIATIVE PER LA STANDARDIZZAZIONE

Dettagli

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006 Il CRM operativo 2 maggio 2006 1. Il marketing relazionale Il marketing relazionale si fonda su due principi fondamentali che è bene ricordare sempre quando si ha l opportunità di operare a diretto contatto

Dettagli

Ottimizza le prestazioni del tuo Call Center Call center e marketing intelligence: quali le relazioni?

Ottimizza le prestazioni del tuo Call Center Call center e marketing intelligence: quali le relazioni? Ottimizza le prestazioni del tuo Call Center Call center e marketing intelligence: quali le relazioni? Milano, 4 Giugno 2002 Obiettivi dell incontro Obiettivi dell incontro Condividere alcune riflessioni

Dettagli

Return On Intelligence?

Return On Intelligence? Return On Intelligence? Datamining e CRM: l esperienza concreta di una banca, i successi ottenuti e i problemi riscontrati Roma - 13 Dicembre 2001 Convegno ABI CRM 2001. Strumenti evoluti per il rapporto

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

Aziende speciali, multiutility e servizi ambientali Supporto allo sviluppo

Aziende speciali, multiutility e servizi ambientali Supporto allo sviluppo Aziende speciali, multiutility e servizi ambientali Supporto allo sviluppo Executive Summary Il settore delle utilities è fra quelli che avranno una maggiore crescita nei valori economici e nell occupazione.

Dettagli

Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria. Milano, 23.03.2011

Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria. Milano, 23.03.2011 Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria Milano, 23.03.2011 Presentazione Banca Finnat Dinamica operativa Principali grandezze economiche 2010 Scenario, opportunità e sfide da affrontare

Dettagli

La consulenza Finanziaria

La consulenza Finanziaria Convegno AIPB/ODCEC La consulenza Finanziaria Dott. Federico Taddei 22/03/2012 - luogo S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Agenda Modello di servizio e analisi delle criticità Modelli di servizio

Dettagli

VALUE LAB CONSULENZA DI DIREZIONE AZIENDALE

VALUE LAB CONSULENZA DI DIREZIONE AZIENDALE VALUE LAB CONSULENZA DI DIREZIONE AZIENDALE LOYALTY PROGRAM Le fasi di definizione di un programma fedeltà Di Marco Di Dio Roccazzella Partner di Value Lab marcodidio@valuelab.it 2 Numerose aziende si

Dettagli

SMS Strategic Marketing Service

SMS Strategic Marketing Service SMS Strategic Marketing Service Una piattaforma innovativa al servizio delle Banche e delle Assicurazioni Spin-off del Politecnico di Bari Il team Conquist, Ingenium ed il Politecnico di Bari (DIMEG) sono

Dettagli

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 L Informedica è una giovane società fondata nel 2004 che opera nel settore dell'information Technology per il settore medicale. Negli ultimi anni attraverso il continuo monitoraggio delle tecnologie

Dettagli

ObjectWay Group. Winning Software Solutions. ObjectWay Financial Suite: la soluzione flessibile e innovativa per la consulenza finanziaria

ObjectWay Group. Winning Software Solutions. ObjectWay Financial Suite: la soluzione flessibile e innovativa per la consulenza finanziaria Winning Software Solutions ObjectWay Group ObjectWay Financial Suite: la soluzione flessibile e innovativa per la consulenza finanziaria Il Gruppo ObjectWay Il Gruppo ObjectWay, fondato nel 90, è il primo

Dettagli

Teleperformance Italia

Teleperformance Italia Teleperformance Italia Customer acquisition e gestione della relazione con il Cliente Gabriele Albani 0 Roma, 13 febbraio 2007 1978-2006 Teleperformance All rights reserved Indice Il Gruppo Teleperformance

Dettagli

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Milano, 10 07 2013 1. Che cosa è il Risk Appetite? 2. Il processo di Risk Appetite

Dettagli

Dal CRM all ERM: nella condivisione degli obiettivi di business la chiave di una strategia di successo

Dal CRM all ERM: nella condivisione degli obiettivi di business la chiave di una strategia di successo Dal CRM all ERM: nella condivisione degli obiettivi di business la chiave di una strategia di successo ABI CRM 2002 Gabriella Lo Conte Marketing Manager Roma, 13 Dicembre 2002 Agenda TeleAp Customer Relationship

Dettagli

IFTS Settore Servizi Assicurativi e Finanziari

IFTS Settore Servizi Assicurativi e Finanziari Allegato al documento tecnico IFTS Settore Servizi Assicurativi e Finanziari ELENCO delle FIGURE PROFESSIONALI di RIFERIMENTO N 1 - Tecnico superiore per le operazioni di sportello nel settore dei servizi

Dettagli

Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo. STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN

Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo. STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN Agenda 1. Introduzione 2. Il credito al consumo: alcune riflessioni sull evoluzione

Dettagli

Sviluppo del valore della clientela: l approccio di Banca Lombarda

Sviluppo del valore della clientela: l approccio di Banca Lombarda Sviluppo del valore della clientela: l approccio di Banca Lombarda Giovanni Andolfi giovanni.andolfi@bancalombarda.it Roma, 13 febbraio 2007 Banca Lombarda: una forte Rete in un area territoriale ricca

Dettagli

Customer Services. Versione: 0.1 CNS Customer Services

Customer Services. Versione: 0.1 CNS Customer Services Customer Services Agenda 2 Il contesto competitivo La strategia del Customer Services Call Center Protezione Civile Il telelavoro Il servizio 186 Il contesto competitivo Il mercato dei Contact Center ha

Dettagli

Presentazione di easycim. Milano, 22 maggio 2013 Massimiliano Salin, Direttore Commerciale Reitek.

Presentazione di easycim. Milano, 22 maggio 2013 Massimiliano Salin, Direttore Commerciale Reitek. Presentazione di easycim Milano, 22 maggio 2013 Massimiliano Salin, Direttore Commerciale Reitek. L Evoluzione della Contact Interaction Management.1 2006-2008 Automazione dei processi di teleselling..2

Dettagli

CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) CRM CRM CRM

CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) CRM CRM CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) Marco Pironti - Università di Torino 1 Executive summary Introduzione Obiettivi Fasi Architettura Tendenze evolutive Piano operativo Considerazioni Marco Pironti - Università

Dettagli

La centralità del cliente PA nelle Poste Italiane: l esperienza della Direzione Chief Marketing Office

La centralità del cliente PA nelle Poste Italiane: l esperienza della Direzione Chief Marketing Office CRM e la strategia della multicanalità La centralità del cliente PA nelle Poste Italiane: l esperienza della Direzione Chief Marketing Office Mauro Giammaria Responsabile Account Pubblica Amministrazione

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

Come utilizzare la conoscenza del cliente per incrementare la profittabilità dei servizi finanziari: le esperienze di UniCredito Italiano

Come utilizzare la conoscenza del cliente per incrementare la profittabilità dei servizi finanziari: le esperienze di UniCredito Italiano Come utilizzare la conoscenza del cliente per incrementare la profittabilità dei servizi finanziari: le esperienze di UniCredito Italiano Maurizio Perego Responsabile Comunicazione e Marketing Relazionale

Dettagli

I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NEGLI ACCORDI TRA BANCHE E RETI DISTRIBUTIVE DI MUTUI IMMOBILIARI

I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NEGLI ACCORDI TRA BANCHE E RETI DISTRIBUTIVE DI MUTUI IMMOBILIARI I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NEGLI ACCORDI TRA BANCHE E RETI DISTRIBUTIVE DI MUTUI IMMOBILIARI Roma, 22 novembre 2011 Direzione Retail Funzione C.A.E. L EVOLUZIONE DEL SETTORE Gli ultimi cinque anni hanno

Dettagli

Annamaria Di Ruscio, Amministratore Delegato NetConsulting cube. 30 Settembre 2015 Università degli Studi di Camerino

Annamaria Di Ruscio, Amministratore Delegato NetConsulting cube. 30 Settembre 2015 Università degli Studi di Camerino Costruire le Competenze Digitali per l Innovazione delle Imprese Il fabbisogno di nuove Competenze Digitali per la Digital Transformation delle aziende Annamaria Di Ruscio, Amministratore Delegato NetConsulting

Dettagli

Il Marketing Strategico

Il Marketing Strategico Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Il Marketing Strategico Nicola Marinelli nicola.marinelli@unifi.it Cosa vuol dire strategia aziendale? Determinazione dei

Dettagli

nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard

nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard Prospettiva conoscenza e competenze Prospettiva dei processi Prospettiva dei clienti Prospettiva economico finanziaria le relazioni causa-effetto

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

La filiale Bancaria, luogo di relazione

La filiale Bancaria, luogo di relazione GRUPPO TELECOM ITALIA ABI Dimensione Cliente 2009 La filiale Bancaria, luogo di relazione Agenda L evoluzione della filiale I modelli di evoluzione e le aree di relazione Le nostre esperienze Idee Cambiare:

Dettagli

Impostare strategie di marketing vincenti in logica multicanale: quali le tecnologie a supporto?

Impostare strategie di marketing vincenti in logica multicanale: quali le tecnologie a supporto? Impostare strategie di marketing vincenti in logica multicanale: quali le tecnologie a supporto? Angela Perego Unit Sistemi Informativi Verso il marketing 3.0 MODELLO 4C Customer value Customer cost Customer

Dettagli

CATALOGO DEI SERVIZI PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA, STRATEGICA, ORGANIZZATIVA E COMMERCIALE DELLE IMPRESE

CATALOGO DEI SERVIZI PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA, STRATEGICA, ORGANIZZATIVA E COMMERCIALE DELLE IMPRESE All.to 3- CATALOGO SERVIZI PER L INNOVAZIONE POR FESR 2014-2020 INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA E DELL OCCUPAZIONE ASSE 1 Rafforzare la Ricerca, lo sviluppo tecnologico e l innovazione Azione 1.1

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA 1 IL PIANO INDUSTRIALE STRUMENTO DI GOVERNO DELLA STRATEGIA AZIENDALE ORIZZONTE PLURIENNALE OBIETTIVI STRUTTURA E CONTENUTI MODALITA DI COSTRUZIONE E DI LETTURA 2 1 PIANO

Dettagli

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Capitolo 1 Il marketing nell economia e nella gestione d impresa 1 1.1 Il concetto e le caratteristiche del marketing 2 1.2 L evoluzione del pensiero

Dettagli

Il management cooperativo e l innovazione

Il management cooperativo e l innovazione AZIENDE IN RETE NELLA FORMAZIONE CONTINUA Strumenti per la competitività delle imprese venete Il management cooperativo e l innovazione DGR n. 784 del 14/05/2015 - Fondo Sociale Europeo in sinergia con

Dettagli

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made Chi Siamo Metodia nasce a Siena nel 2004 da un gruppo di consulenti e ricercatori, professionisti in discipline statistiche ed economiche, già impegnati da diversi anni in collaborazioni con l Università

Dettagli

Gli indirizzi strategici del PS 2005-2007

Gli indirizzi strategici del PS 2005-2007 Gli indirizzi strategici del PS 2005-2007 Miglioramento efficienza operativa e Incremento redditività Crescita dimensionale attraverso incremento della produttività Incremento della redditività delle singole

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

SIMULWARE. Datawarehouse e sistemi di BI Dati in qualità, decisioni rapide ed efficaci

SIMULWARE. Datawarehouse e sistemi di BI Dati in qualità, decisioni rapide ed efficaci SIMULWARE Datawarehouse e sistemi di BI Dati in qualità, decisioni rapide ed efficaci Introduzione Il mercato di riferimento per la Business Intelligence è estremamente eterogeneo: dalla piccola azienda

Dettagli

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ L ANALISI DELLA CONCORRENZA E IL CUSTOMER VALUE MANAGEMENT 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ ADOTTARE UN PROCESSO DI CUSTOMER VALUE MANAGEMENT? La prestazione

Dettagli

Un nuovo modello operativo di filiale focalizzato sullo sviluppo commerciale e la gestione del rischio.

Un nuovo modello operativo di filiale focalizzato sullo sviluppo commerciale e la gestione del rischio. ABILab Forum 2012 Milano 28-29 Marzo Un nuovo modello operativo di filiale focalizzato sullo sviluppo commerciale e la gestione del rischio. Il caso Banco Desio Marcello Sala Responsabile Area Organizzazione

Dettagli

Il Modello di Orientamento Commerciale

Il Modello di Orientamento Commerciale Il Modello di Orientamento Commerciale Un importante strumento di indirizzo strategico che, classificando clienti e prospect in base alle loro potenzialità di sviluppo, supporta azioni mirate su segmenti

Dettagli

Innovazione e asset allocation comportamentale: la segmentazione del cliente private

Innovazione e asset allocation comportamentale: la segmentazione del cliente private Innovazione e asset allocation comportamentale: la segmentazione del cliente private L incrocio tra clusterizzazione e approccio di finanza comportamentale Il delegatore impegnato Informato di finanza

Dettagli

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche 1. La e-company: definizione e caratteristiche 2. Le tre direttrici di sviluppo del

Dettagli

Piano di Impresa 2006 2009. Marzo 2006

Piano di Impresa 2006 2009. Marzo 2006 Piano di Impresa 2006 2009 Marzo 2006 Ferservizi: Portafoglio servizi e volumi gestiti Consuntivo 2005 Acquisti di Gruppo Volume transato Ristorazione 214 M 12,7 milioni di pasti Servizi Amministrativi

Dettagli

Identità. Siamo un PLAYER STORICO E FINANZIARIAMENTE SOLIDO, presente nel settore dal 1994, con sede unica nel centro di Bergamo.

Identità. Siamo un PLAYER STORICO E FINANZIARIAMENTE SOLIDO, presente nel settore dal 1994, con sede unica nel centro di Bergamo. CHI SIAMO Identità Siamo un PLAYER STORICO E FINANZIARIAMENTE SOLIDO, presente nel settore dal 1994, con sede unica nel centro di Bergamo. Mission We increase your customers value è la filosofia che ci

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

Dare credito al business rafforzando le partnership

Dare credito al business rafforzando le partnership Dare credito al business rafforzando le partnership Forum della Distribuzione Assicurativa Milano, 18 Novembre 2009 Roberto Ferrari Direttore Marketing e Partnership Compass Agenda > Compass > Scenari

Dettagli

Coinvolgere, valorizzare ed emozionare il cliente nei nuovi modelli di servizio

Coinvolgere, valorizzare ed emozionare il cliente nei nuovi modelli di servizio Coinvolgere, valorizzare ed emozionare il cliente nei nuovi modelli di servizio DIMENSIONE CLIENTE 2012 Roma, 11 aprile 2013 Daniela Vitolo ABI Ufficio Analisi Gestionali - Direzione Strategie e Mercati

Dettagli

Evouzione del modello di servizio retail: da Filiale Estesa a Relazione Estesa. Laura Furlan Responsabile Marketing Strategico

Evouzione del modello di servizio retail: da Filiale Estesa a Relazione Estesa. Laura Furlan Responsabile Marketing Strategico Evouzione del modello di servizio retail: da Filiale Estesa a Relazione Estesa Laura Furlan Responsabile Marketing Strategico Divisione Banca dei Territori Roma, 8-9 Aprile 2014 Intesa Sanpaolo, come tutti

Dettagli

ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE

ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE INDICE Direttore di Filiale... 3 Modulo Famiglie... 4 Coordinatore Famiglie... 4 Assistente alla Clientela... 5 Gestore Famiglie... 6 Ausiliario... 7 Modulo Personal

Dettagli

UPGreat: per tutte le aziende la soluzione delle grandi aziende

UPGreat: per tutte le aziende la soluzione delle grandi aziende Internet EXPO Milano 17/18/19 Gennaio 2002 UPGreat: per tutte le aziende la soluzione delle grandi aziende Fulvio Simonetta Prisma 2.0 S.r.l. Che cosa è UPGreat UPGreat è una soluzione innovativa per la

Dettagli

VERY YOUNG PERSON MARKETING RELAZIONALE E FIDELIZZAZIONE NEL SEGMENTO GIOVANI

VERY YOUNG PERSON MARKETING RELAZIONALE E FIDELIZZAZIONE NEL SEGMENTO GIOVANI VERY YOUNG PERSON MARKETING RELAZIONALE E FIDELIZZAZIONE NEL SEGMENTO GIOVANI Andrea Chierici Responsabile Prodotti Retail Cariparma e Piacenza S.p.A. - Gruppo Intesa ABI CRM 2003. Strategie di valorizzazione

Dettagli