sistemapiemonte Mappa ragionata dei fabbisogni di banda nelle province piemontesi 2007 sistemapiemonte.it

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "sistemapiemonte Mappa ragionata dei fabbisogni di banda nelle province piemontesi 2007 sistemapiemonte.it"

Transcript

1 sistemapiemonte Mappa ragionata dei fabbisogni di banda nelle province piemontesi 2007 sistemapiemonte.it

2 WI-PIE LINEA STRATEGICA 1- CONOSCERE IL TERRITORIO OSSERVATORIO ICT DEL PIEMONTE MAPPA RAGIONATA DEI FABBISOGNI DI BANDA NELLE PROVINCE PIEMONTESI

3 Indice Indice...2 Introduzione...3 Capitolo 1. Calcolo del fabbisogno di banda Metodologia di calcolo Il risultati dell analisi Fabbisogno totale Fabbisogno medio Capitolo 2. La diffusione della banda larga in Piemonte La copertura di banda larga in Piemonte L accordo Telecom Adozione della banda larga Capitolo 3. GAP domanda - offerta ALLEGATO 1 FABBISOGNO TOTALE E MEDIO ALLEGATO 2 GAP DOMANDA-OFFERTA

4 Introduzione Il documento intende offrire una stima del fabbisogno di banda espresso dai comuni piemontesi, calcolata tramite la definizione operativa di specifici indicatori che tengono conto dei diversi soggetti di domanda, dei servizi e della densità di utilizzo, del tempo. Obiettivo del calcolo del fabbisogno di banda è la stima, per ciascun Comune, delle seguenti informazioni: il fabbisogno di banda attuale, ossia fabbisogno effettivo a oggi misurato in base al numero di PDL 1 connesse e alla tipologia di servizi utilizzati. L approssimazione del valore viene fatta applicando le medie di utilizzo della rete da parte dei diversi attori alla specifica realtà locale, supponendo che l utilizzo medio corrisponda al fabbisogno effettivo minimo; il fabbisogno di banda prossimo (proiezione a tre anni): ossia la domanda teorica in ragione dei trend evolutivi di reti e servizi. Il fabbisogno di banda, calcolato interpolando i dati statistici raccolti e gli indicatori sintetici individuati, permette di dare un peso numerico alla domanda e individuare in modo più preciso i punti del territorio che richiedono interventi di infrastrutturazione TLC, nonchè la tipologia di infrastruttura necessaria e sufficiente a soddisfarne le esigenze. All analisi del fabbisogno di banda segue, nel secondo capitolo del rapporto, una presentazione dell'offerta di banda, ossia della disponibilità di copertura a banda larga (xdsl) per ciascun Comune, nell intento di valutare, nell ultima sezione del rapporto, il gap tra domanda e offerta espresso dalle diverse porzioni di territorio regionale 2. 1 Singoli punti che richiedono connessione alla rete. 2 Per il calcolo del GAP il concetto di offerta di banda si riduce alla disponibilità di copertura ADSL, come condizione minima atta a soddisfare una richiesta di banda che possa essere considerata larga. 3

5 Capitolo 1. Calcolo del fabbisogno di banda 1.1. Metodologia di calcolo Prima di presentare i risultati dell analisi, si sintetizzano di seguito i principali elementi del calcolo finalizzato alla stima del fabbisogno di banda. Stima di banda per servizio Il calcolo si basa innanzitutto sull'articolazione del fabbisogno di banda in 4 servizi, ognuno con una domanda di banda specifica, attuale e nel prossimo futuro. La stima di banda per servizio (qui abbreviata con la lettera β ) è funzione del tempo e della tipologia di servizio. β=f(t, servizio) Questo significa che ciascun servizio richiede una capacità di banda diversa, che varia inoltre nel tempo: si presuppone infatti un evoluzione dei servizi stessi, che disponendo di maggiori capacità di banda raggiungono nel tempo qualità e prestazioni via via più elevate. Si tratta pertanto di un valore teorico che rappresenta, in base a osservazioni empiriche, un ipotesi di banda minima necessaria per la fruizione di un servizio di qualità buona. La stima utilizzata è fornita da CSI PIEMONTE sulla base di elaborazioni sull'uso dei servizi da parte della PA del Piemonte e su dati nazionali Assinform ed è riportata nella tabella seguente. 4

6 Tabella 1-Banda richiesta per servizio SERVIZIO DOMANDA BANDA ATTUALE DOMANDA BANDA PROSSIMA Internet (WWW, download, posta) 100 Kbps 200 Kbps Telefonia VOIP 3 20 Kbps 20 Kbps Videoconferenza Kbps 512 Kbps Streaming audio-video Kbps 512 Kbps Fonte: Elaborazione CSI PIEMONTE su dati Assinform 2003 Uso del concetto di PDL La PDL (postazione di lavoro) è ciascun singolo punto (o host) che esprime una domanda di connessione alla rete. Il calcolo delle PDL collegate (N) varia in funzione del segmento di analisi dell utenza (PA, cittadini, scuole, imprese - j) e del tempo (t). N= f(t, j) In particolare, per il calcolo delle PDL totali connesse alla rete (qui abbreviato con la lettera N ) si stima il numero medio di PC che nelle famiglie, negli uffici della pubblica amministrazione, nelle aziende e nelle scuole dovrebbe essere connesso alla rete, in base a dati regionali medi di diffusione. Il totale delle PDL connesse viene calcolato quindi secondo la seguente formula: PDL connesse (N)= PDL totali X % PDL connesse mediamente sul totale Il primo dato in input è pertanto quello sulle PDL totali nei diversi segmenti di analisi. Le PDL totali vengono individuate quale universo di riferimento su cui è possibile disporre della percentuale media di connessioni alla rete. Seguendo questa logica, le PDL totali sono in ambito aziendale e pubblico tutti gli addetti e in ambito residenziale i cittadini, mentre per quanto riguarda l ambito scolastico si dispone direttamente di dati a livello comunale relativi al numero di PC connessi alla rete in laboratorio e in aula. 3 VoIP: Voice over IP, applicazione che permette il trasporto contemporaneo di voce e informazioni di segnalazione sulla rete. Tramite il VoIP è quindi possibile telefonare tramite Internet o altre reti basate sul protocollo IP. 4 Trasmissione sincrona di segnali audio e video tra punti fisicamente separati, che permette di interagire simultaneamente da qualsiasi parte del mondo. 5 Flusso di dati continuo che permette di ricevere in tempo reale e senza lunghi tempi di attesa filmati video e musica in formato digitale 5

7 Ponderazione della domanda di banda Per valutare l effettivo fabbisogno di banda, si è ritenuto opportuno introdurre un correttivo per ponderare la domanda di banda sulle condizioni effettive di utilizzo con una stima della densità di utilizzo contemporaneo e della diffusione dei diversi servizi. Si tiene quindi in considerazione anche la densità di utilizzo contemporaneo (qui abbreviata con la lettera ω ), variabile in funzione del servizio, dell ambito di analisi e del tempo. ω=f(t, servizio, j) La densità di utilizzo indica quanto un determinato servizio viene utilizzato da parte di un certo segmento di analisi: un servizio molto utilizzato vedrà la saturazione del canale, mentre uno poco utilizzato non determina sovraccarico del canale. Per precisare ulteriormente il concetto, si tratta del traffico contemporaneo generato da un certo segmento (cittadino, impresa, scuola, ufficio della PA), ipotizzato in base alla frequenza con cui vengono utilizzati i diversi servizi. Di seguito, la Tabella 2 riporta le percentuali di utilizzo contemporaneo ricavate da dati CSI del Tabella 2 Percentuali di utilizzo contemporaneo. SERVIZIO AMBITO Internet PA 60% 80% Scuole 40% 60% Aziende 30% 50% Telefonia VoIP PA 20% 35% Scuole 10% 35% Aziende 10% 35% Videoconferenza PA, scuole, aziende 5% 15% cittadini 10% 30% Streaming PA, scuole, aziende Un flusso Un flusso Fonte: dati CSI 2003 Per quanto riguarda i cittadini, si parla di diffusione del servizio : il fabbisogno residenziale è definito in funzione del grado di diffusione dei vari servizi (δ) al fine di definire il fabbisogno medio per ogni PDL. Anche la diffusione del servizio è funzione del tempo e della tipologia di servizio. δ = f(t, servizio) 6

8 Tabella 3 Diffusione dei servizi presso i cittadini SERVIZIO Internet 100% 100% Telefonia VoIP 10% 30% Videoconferenza 10% 30% Streaming 5% 10% Fonte: dati CSI 2003 Utilizzo contemporaneo e diffusione crescono nel tempo, nell ipotesi di una maggiore consapevolezza e diffusione delle ICT presso tutti i segmenti. Calcolo del fabbisogno totale Dall incrocio dei parametri sopra calcolati, è possibile ricavare, attraverso una semplice formula matematica, una quantificazione del fabbisogno di banda, che tiene pertanto conto della numerosità di punti che accedono alla rete (N) e dei servizi che vengono utilizzati sia in termini di banda richiesta (β) sia in termini di densità di utilizzo della banda (ω) o della diffusione dei servizi (δ) in base all ambito (j). Il fabbisogno totale (F) per ciascuno dei tre segmenti PA, scuole e imprese si calcola secondo la seguente formula: 3 F ω β j = i i N j + β 4 i= 1 j = ambito (imprese, scuola, PA) i = servizio (internet, VoIP, videoconferenza lo streaming, servizio 4, viene considerato a parte) Il fabbisogno è uguale alla sommatoria della banda ponderata sulla relativa densità di utilizzo dei primi tre servizi, moltiplicata per il numero di postazioni eventualmente connesse, con l aggiunta della banda di streaming (la banda streaming viene aggiunta separatamente poichè non si tratta di una percentuale di utilizzo di banda ma di un flusso). Il fabbisogno totale dell ambito cittadini ( F ) si calcola invece includendo lo streaming nella c sommatoria secondo la seguente formula: 7

9 F c 4 = δiβi N i= 1 i = servizio (internet, VoIP, videoconferenza, streaming) c Il fabbisogno è uguale alla sommatoria della banda ponderata sulla relativa diffusione di utilizzo dei quattro servizi, moltiplicata per il numero di postazioni connesse (la banda streaming in questo caso non è un flusso ma corrisponde ad una percentuale di utilizzo). Il fabbisogno totale del singolo comune risulta pertanto dalla somma del fabbisogno dei 4 segmenti di analisi: 4 F totale = F j j= 1 Tramite il fabbisogno totale, è possibile distinguere punti di forte aggregazione e forte dispersione di domanda. Si individuano le seguenti fasce di fabbisogno totale: Tabella 4. Fasce di fabbisogno totale intervallo Fabbisogno totale FASCE A da 0 Mb a 10 Mb B da 10 Mb a 34 Mb C da 34 Mb a 155 Mb D da 155 Mb a 622 Mb E da 622 Mb a 2,5 Gb F da 2,5 Gb a 10 Gb G > 10 Gb Fonte: elaborazione CSI 2003 bassa media alta Per una rappresentazione grafica di impatto immediato, su base cartografica, si attribuiscono codici colore diversi ai comuni in base alla fascia di fabbisogno rilevata. Questo consente l individuazione delle aree a maggiore concentrazione di domanda che, in caso di offerta insufficiente, richiedono interventi di backbone rispetto a aree a domanda 8

10 minore e più dispersa per cui risultano più utili interventi di estensione dell accesso, tramite tecnologia ADSL o wireless. E possibile inoltre rappresentare i fabbisogni totali dei singoli segmenti (aggregando ad esempio il fabbisogno totale del mondo privato, del residenziale, del settore pubblico 6 ), in modo da evidenziare i soggetti che esprimono maggiore domanda e indirizzare di conseguenza gli interventi. Calcolo del fabbisogno medio Insieme ai dati in input raccolti per i 4 segmenti per il calcolo delle PDL, si raccoglie il numero di sedi, ossia di edifici all interno dei quali si trovano più PDL (numero di edifici residenziali7; unità locali per le imprese; numero di edifici scolastici; numero di sedi della P.A.). Individuare il fabbisogno medio dell edificio piuttosto che della singola PDL risulta utile per comprendere la tipologia di tecnologia minima e indispensabile a soddisfare il fabbisogno aggregato in uno stesso luogo delle diverse PDL. In sostanza, Nel caso di una grande concentrazione di PDL in pochi edifici, ad esempio, la tecnologia più conveniente a sostenere tale concentrazione di domanda è la fibra ottica, mentre in situazioni in cui le PDL sono distribuite in numerosi edifici, la connessione ADSL potrebbe risultare sufficiente. Il fabbisogno medio viene calcolato, per ciascuno dei quattro ambiti d intervento, tramite la seguente formula: F = j F s j j (dove s j è il numero di sedi dello specifico segmento di analisi). Il fabbisogno medio del comune risulta dalla media dei fabbisogni medi dei singoli settori: 6 Si possono in questo caso aggregare i due settori PA e scuole. 7 Se non si hanno dati specifici sulla distribuzione dei nuclei famigliari negli edifici, si ipotizza un rapporto 1:1. 9

11 F 4 1 = j = 4 F j In base al fabbisogno medio della sede, ed in caso di offerta insufficiente, è possibile individuare le tecnologie più adatte all intervento sul comune piuttosto che sul singolo segmento di analisi o ambito (privato, residenziale, pubblico) secondo il seguente schema: Tabella 5. Fabbisogno medio di banda per tecnologia. commutazione RTN - ISDN adsl hdsl fibra Fonte CSI Piemonte FABBISOGNO MEDIO Fino a 128 Kbs Fino a 512 Kbs Fino a 2048 Kbs Fino a 10Mbs 10

12 1.2. Il risultati dell analisi Fabbisogno totale Sulla base delle informazioni disponibili nella base dati dell Osservatorio ICT del Piemonte il calcolo di fabbisogno totale è stato effettuato a livello di singolo comune. Le stime di fabbisogno attuale e futuro a livello di singolo comune sono dettagliate nell Allegato 1 ed espresse sinteticamente nelle figure seguenti, secondo l articolazione in fasce riportata nella Tabella 4. Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte Figura 1 Fabbisogno di banda aggregato attuale 11

13 Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte Figura 2 Fabbisogno di banda aggregato futuro La classificazione delle stime della domanda di banda consente di individuare una tipologia di domanda di banda larga che distingue: a) situazioni ad elevata concentrazione di utenza e di domanda di banda (colori dal viola al nero), dove, pertanto, appare necessaria un interconnessione ad alta velocità tramite dorsali multiservizio, con nodi di accesso collegati in fibra ottica; b) situazioni caratterizzate da un livello intermedio di utenza e di domanda di banda larga (colori rosa - rosso), con riferimento alle quali può essere sufficiente la disponibilità diffusa di una rete di accesso HDSL; 12

14 c) situazioni caratterizzate da un livello relativamente modesto di utenza e di domanda di banda larga (colore giallo), con riferimento alle quali può essere sufficiente la disponibilità diffusa di una rete di accesso ADSL. Nel caso in cui tale situazione si riscontri in località montane, dove l accesso ADSL può non essere disponibile, esso può essere garantito attraverso tecnologia wireless. Viene peraltro considerata anche la possibilità di valori estremamente bassi e elevata dispersione di banda, che possono essere letti come effettiva mancanza di bisogno di banda larga (colore bianco). Le stime ottenute indicano una forte concentrazione del fabbisogno in particolare nel comune di Torino, seguito dai principali comuni della prima cintura (Collegno, Moncalieri, Nichelino, Rivoli, Settimo Torinese) e dagli altri capoluoghi di Provincia, esclusa Verbania (che presenta un fabbisogno di livello più basso). Altri comuni che mostrano livelli elevati di fabbisogno sono quelli appartenenti ai distretti industriali piemontesi (in particolare ai distretti di valvole e rubinetteria del Basso Cusio - Valsesia, al laniero del Biellese, ai casalinghi di Omegna Varallo Sesia, alla gioielleria di Valenza Po, ai costumi da bagno/tessile Oleggio-Varallo Pombia, alla meccanica di Pianezza-Pinerolo) o nei quali sono insediate imprese di dimensioni rilevanti (ad esempio, Alba con la Ferrero) o imprese che si sono affermate grazie all indotto di grandi aziende (ad esempio i comuni del sud-est torinese come Piossasco, caratterizzati dall indotto Fiat). I fabbisogni più bassi si riscontrano, come prevedibile, nei comuni di piccole dimensioni: si sottolinea tuttavia che su un totale di 602 comuni al di sotto dei 1000 abitanti, solo 72 esprimono il fabbisogno della fascia più bassa (A). Tutti gli altri comuni, seppur piccoli, sono caratterizzati dalla presenza di soggetti che esprimono una domanda di connettività apprezzabile: si tratta di comuni in cui, nonostante si rilevi un numero di abitanti esiguo, sono presenti scuole o aziende che aumentano il fabbisogno totale. Si può genericamente osservare come i principali centri di aggregazione di domanda siano i capoluoghi di provincia e i comuni ad essi adiacenti, che anche per effetto dei fenomeni di estensione delle attività dalle aree centrali verso l esterno e di nuovo residenzialismo, presentano livelli non disprezzabili di domanda di comunicazione e dei relativi servizi. Si notano inoltre alcune concentrazioni di fabbisogno in aree montane, come la Val di Susa, turisticamente più vivace, così come in qualche comune isolato delle Langhe e, in misura minore, del Monferrato, realtà che stanno attraversando un fenomeno di valorizzazione dal punto di vista turistico/enogastronomico. Si rileva una direttrice di aggregazione di domanda che corre lungo l asse che da Torino raggiunge Mondovì attraversando Moncalieri, Carmagnola, Savigliano, Fossano, seguendo la rete autostradale e confermando l importanza delle reti di comunicazione (prima fisiche, oggi telematiche) per lo sviluppo dei territori. 13

15 Nel prossimo futuro, i comuni che rientrano nelle fasce di fabbisogno maggiore (E F G) passano da 64 a 211. Solo i comuni di Ingria e Moncenisio mantengono la posizione in fascia A, mentre gli altri 70 passano in fascia B. A livello provinciale (Tabella 6), la domanda di banda più elevata si riscontra, non inaspettatamente, per la provincia di Torino, seguita da quella di Cuneo, Alessandria, Asti, Novara, Vercelli, Biella e Verbania. Tabella 6 Fabbisogno totale aggregato per provincia Provincia Totale comuni Fabbisogno totale attuale (MB) Fabbisogno totale futuro (MB) Alessandria Asti Biella Cuneo Novara Torino Verbania Vercelli PIEMONTE Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte Aggregando i valori per categorie di soggetti, si rileva che la domanda più elevata è espressa dai cittadini, seguita dalle imprese, dalle scuole e in ultimo dalla PA. Ovviamente, tale risultato dipende dalla numerosità di PDL considerate per ciascuna categoria di soggetti. Se si calcola un valore medio di fabbisogno, per PDL, si rileva che i soggetti che esprimono un fabbisogno più elevato sono la PA, seguita dalla scuola, dai cittadini e per ultimo dalle imprese. Ne consegue, pertanto, che gli interventi di infrastrutturazione di aree in situazione di digital divide devono rispondere principalmente alla richiesta che proviene dalla popolazione, che, in linea teorica, può essere soddisfatta con tecnologie a banda non larghissima (ADSL) mentre soggetti come la PA e le scuole richiedono tecnologie in grado di portare banda larghissima (fibra, HDSL). 14

16 Tabella 7 Fabbisogno totale e medio aggregati per ambito ATTUALE FABBISOGNO DI BANDA AGGREGATO FUTURO FABBISOGNO DI BANDA AGGREGATO Variazione % ATTUALE FABBISOGNO DI BANDA MEDIO (kb) FUTURO FABBISOGNO DI BANDA MEDIO (Kb) (Mb) (Mb) scuola cittadini imprese PA TOTALE Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte Fabbisogno medio Le stime effettuate, relative al fabbisogno medio di ciascun comune, sono dettagliate nell Allegato 1 ed espresse nelle figure seguenti, secondo l articolazione in fasce individuata nella Tabella 5, espressione della tecnologia necessaria e sufficiente a soddisfare il fabbisogno delle singole sedi. 15

17 Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte Figura 3 Fabbisogno di banda medio attuale 16

18 Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte Figura 4 Fabbisogno di banda medio futuro I risultati indicano che ad oggi ben 624 comuni non manifesterebbero necessità di banda larga. Ciò tuttavia non è più vero nel prossimo futuro. Occorre quindi sottolineare come la domanda attuale di banda larga non possa essere considerata la base di riferimento per la pianificazione di interventi, che risulterebbero in breve tempo insufficienti: la copertura a banda larga sarà a breve indispensabile su tutto il territorio. 17

19 Infine merita far osservare come i valori più elevati delle stime del fabbisogno medio, che tiene conto dell affollamento di PDL nelle singole sedi, non si manifestino necessariamente nei grandi centri (capoluoghi di provincia). La variazione nei valori comunali, infatti, dipende soprattutto dalla PA e dalle scuole, le cui sedi, in termini statistici, sono molto più numerose nei grandi centri di grande dimensione che non nei centri di media dimensione (Borgosesia, Fossano, Grugliasco, Luserna, Nichelino, Santhià, Settimo, Trofarello, Trecate). 18

20 Capitolo 2. La diffusione della banda larga in Piemonte In questa seconda parte del documento si intende fornire una descrizione dello stato attuale della diffusione della banda larga in Piemonte, attraverso un confronto nel tempo e tramite l analisi delle caratteristiche dei comuni piemontesi in termini di popolazione residente, di distribuzione della popolazione sul territorio, della presenza di realtà industriali e della conformazione dei territorio regionale. Nell analisi sarà utile tenere presente l accordo stipulato tra Regione Piemonte e Telecom Italia attraverso il quale il principale operatore telefonico nazionale si è impegnato a coprire entro la fine del 2008 l 85% dei comuni piemontesi. Per il calcolo del GAP tra domanda e offerta (Capitolo 3), verranno utilizzati i dati relativi alla copertura ADSL in ciascun comune. Nella consapevolezza che l offerta di banda larga non si esaurisce nella copertura ADSL, il capitolo approfondisce ulteriori aspetti dell offerta, tuttavia, per poter confrontare agevolmente la stima di domanda con l offerta a livello comunale, si utilizza come dato di riferimento l offerta minima che può essere considerata di banda larga. In questo modo è possibile mettere in evidenza le situazioni di digital divide: i comuni, cioè, in cui pur esistendo una domanda di banda larga, non esistono neppure le condizioni minime atte a soddisfarla. A supporto dei valori stimati di fabbisogno attuale e di densità di utilizzo dei diversi servizi, il capitolo approfondisce infine l adozione di banda larga da parte di cittadini e imprese La copertura di banda larga in Piemonte L analisi della copertura tramite infrastruttura a banda larga nella Regione Piemonte è stata effettuata a partire dal 2004 dall Osservatorio Regionale sulle ICT. Attraverso un web survey sul sito di alice (www.alice.it) è stata monitorata periodicamente la presenza della linea ADSL su ognuno dei 1206 comuni piemontesi 8. Attualmente nel 63,3% dei comuni piemontesi è disponibile la linea ADSL: si nota una maggiore diffusione nelle province di Torino e di Novara, mentre le province di Biella e di Cuneo sono quelle in cui la disponibilità di banda larga è minore: se si osserva la conformazione del territorio piemontese è facile intuire il motivo per cui in queste due 8 Sono stati scelti a campione per ogni comune tre numeri telefonici e quindi si è verificato sul sito la copertura tramite DSL per ciascuna utenza. 19

21 ultime province la diffusione di ADSL è inferiore (maggiore presenza di zone montane, isolate). 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% CN BI VC AT AL VB TO NO Piemonte % comuni coperti 51,6% 54,9% 58,1% 64,4% 64,7% 64,9% 71,7% 73,9% 63,3% Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte, Luglio 2007 Figura 5 Comuni coperti da linea ADSL, luglio 2007 VB VC BI NO TO AL AT CN Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte, Luglio 2007 Figura 6 Comuni coperti da linea ADSL e conformazione del territorio piemontese, luglio

22 Per effettuare un analisi nel tempo della diffusione della banda larga è bene tenere presente quanto già citato precedentemente: grazie all accordo stipulato tra Regione Piemonte e Telecom Italia la scorsa estate, infatti, nell arco di un anno il numero di comuni coperti è raddoppiato. Si è passati dal 31% di comuni coperti ad aprile 2006, al suddetto 63% di comuni coperti oggi, mentre in termini di popolazione residente la variazione è minore, in quanto gli ultimi comuni coperti sono quelli più piccoli: in tal caso si è passati dall 80% al 90%. 70% 60% % comuni coperti 50% 40% 30% 20% 10% 0% gen-99 lug-99 gen-00 lug-00 gen-01 lug-01 gen-02 lug-02 gen-03 lug-03 gen-04 lug-04 gen-05 lug-05 gen-06 lug-06 gen-07 lug-07 Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte, 2007 Figura 7 Comuni coperti da gennaio 1999 a luglio % 90% % popolazione coperta 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% gen-99 lug-99 gen-00 lug-00 gen-01 lug-01 gen-02 lug-02 gen-03 lug-03 gen-04 lug-04 gen-05 lug-05 gen-06 lug-06 gen-07 lug-07 Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte, 2007 Figura 8 Popolazione residente in un comune coperto da gennaio 1999 a luglio

23 La mappa successiva confronta la situazione della copertura attuale e quanto registrato ad aprile Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte, 2007 Figura 9 Comuni coperti da banda larga, confronto aprile 06 luglio 07 22

24 La copertura non deve essere analizzata solamente in termini di comuni coperti, ma bisogna fare riferimento alla popolazione che effettivamente vive in tali comuni ed anche alle unità locali che si trovano in ogni comune. Se si ragiona sulla popolazione piemontese si osserva come attualmente circa il 90% della popolazione può usufruire a casa di una connessione a banda larga ed, effettuando un confronto con la rilevazione condotta ad aprile 2006, emerge un aumento di dieci punti percentuali nella quota di utenti potenziali. È interessante notare come proprio le province che risultavano essere il fanalino di coda in termini di comuni coperti (es. Cuneo), siano quelle in cui è stato più significativo l incremento di popolazione coperta. 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% CN VC AT BI AL VB NO TO Piemonte % popolazione coperta aprile 06 60,1% 64,3% 66,9% 69,2% 72,1% 76,5% 80,3% 90,5% 80,1% % popolazione coperta luglio 07 78,9% 85,6% 84,5% 78,5% 88,6% 86,9% 90,1% 95,6% 90,2% Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte, 2007 Figura 10 Popolazione che vive in un comune coperto da banda larga, confronto aprile 06 luglio 07 È possibile a questo punto fornire una misura più veritiera della popolazione che effettivamente può disporre della tipologia di connessione oggetto di indagine. Se si escludono dal nostro computo gli abitanti nelle zone più isolate del comune (denominate case sparse ) allora la quota di popolazione reale che può usufruire di connessioni a banda larga scende leggermente e si passa all 85%. Le maggiori differenze tra popolazione e popolazione reale si vedono di nuovo in quelle province caratterizzate da una maggiore dispersione abitativa (Asti, Cuneo). 23

25 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% AL AT BI CN NO TO VB VC Piemonte POPOLAZIONE 88,6% 84,5% 78,5% 78,9% 90,1% 95,6% 86,9% 85,6% 90,2% POP. REALE 79,4% 70,9% 74,9% 66,9% 87,3% 93,0% 84,7% 82,2% 85,0% Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte, Luglio 2007 Figura 11 Popolazione e popolazione reale che vive in un comune coperto da banda larga, 2007 Considerazioni analoghe si possono fare se si prendono in esame gli insediamenti industriali: anche in questo caso si osserva come quasi il 90% delle unità locali piemontesi si trovi in un comune raggiunto dal broad band e tale percentuale raggiunge quasi il 100% nella provincia di Torino. Di nuovo le province di Cuneo e Biella risultano essere quelle in cui la percentuale è più bassa. 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% CN BI AT VC AL VB NO TO Piemonte % UL coperte 76,6% 81,0% 81,7% 83,3% 87,1% 88,3% 90,2% 95,8% 89,1% Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte, Luglio 2007 Figura 12 Unità locali che si trovano in un comune coperto da banda larga,

26 2.2. L accordo Telecom Le considerazioni fatte finora devono essere lette tenendo presente l accordo stipulato tra Telecom Italia e Regione Piemonte a giugno dello scorso anno. Va detto che l accordo inizialmente stipulato ha subito una serie di piccole modifiche dovute al fatto che in alcuni casi ci si è resi conto che certe zone sono irraggiungibili oppure viceversa che alcune zone inizialmente non considerate potrebbero essere coperte con facilità. Per questo si farà riferimento nella parte seguente del documento all ultima versione dell accordo presentata il 15/07/07. L accordo in particolare adotta le seguenti convenzioni: 2 un comune è considerato non coperto nel caso in cui la copertura del comune è inferiore al 20% 3 un comune è considerato minimamente coperto nel caso in cui la copertura del comune vari tra il 20% ed il 40% 4 un comune è considerato parzialmente coperto nel caso in cui la copertura del comune vari tra il 40% ed il 70% 5 un comune è considerato totalmente coperto nel caso in cui la copertura sia superiore al 70% 9. La mappa successiva mostra la copertura prevista entro fine 2008 per il Piemonte, mettendo in risalto la copertura attuale 9 La rilevazione condotta dall Osservatorio ICT del Piemonte come già detto è stata effettuata solo su un campione di tre utenze telefoniche per ogni comune: eventuali differenze tra la rilevazione e l accordo possono essere sono da additarsi a questa differente metodologia. 25

27 Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte, Luglio 2007 Figura 13 Confronto copertura attuale e quanto previsto dall accordo Telecom Si osserva dalla tabella successiva come i comuni non interessati dall accordo siano comuni molto piccoli (la popolazione media è inferiore ai 500 abitanti). Allo stesso modo, anche i comuni che non sono ancora coperti sono di dimensioni ridotte (di poco inferiori ai abitanti). 26

28 Tabella 8 Comuni non interessati dall accordo Telecom aggregazione provinciale POPOLAZIONE MEDIA tutti i comuni comuni non interessati dall'accordo comuni non ancora coperti Alessandria 2.201,2 503,4 708,8 Asti 1.765,6 431,3 771,0 Biella 2.283,5 318, ,5 Cuneo 2.225,3 334,9 970,1 Novara 3.898,2 858, ,5 Torino 6.875,0 656, ,1 Verbania 2.065,5 369,6 790,6 Vercelli 2.056,2 530,1 731,4 Piemonte 3.494,8 458,1 937,7 Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte Inoltre è interessante notare come i comuni non interessati dall accordo siano localizzati soprattutto in montagna. Tabella 9 - Comuni non interessati dall accordo Telecom aggregazione territoriale % comuni non interessati dall accordo Collina 9,3% Montagna 27,1% Pianura 8,6% Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte 2.3. Adozione della banda larga Dopo aver presentato i dati relativi alla copertura territoriale attraverso rete a banda larga si passa a fornire qualche indicazione circa l adozione della stessa da parte di cittadini ed imprese. La figura successiva mostra la crescita per cittadini ed imprese della quota di utenti di Internet che usano connessioni a banda larga. Si osservi come mentre per le imprese la quota di coloro che adottano banda larga 10 (80,1%) equivale quasi alla quota globale di UL localizzate in comuni in cui è disponibile la banda larga (89%), per i cittadini vale un discorso diverso: benché il 90% della popolazione viva in un comune coperto da banda larga, solo il 26% dei cittadini dispone a casa di una connessione a banda larga. 10 Una qualsiasi connessione >= alla ADSL 27

MONITORAGGIO stato avanzamento lavori relativo alle amministrazioni comunali della provincia di Torino

MONITORAGGIO stato avanzamento lavori relativo alle amministrazioni comunali della provincia di Torino Torino A.N.A.S. 1 0 0 0 1 1.700.000 0 0 0 1.700.000 Torino A.R.P.A. 1 0 0 0 1 284.000 0 0 0 284.000 Torino Ala di Stura 5 3 0 2 0 362.500 310.000 0 52.500 0 Torino Angrogna 10 1 4 5 0 2.314.000 400.000

Dettagli

Elaborazione su dati base ISTAT. Elenco Comuni Italiani aggiornato al 1 gennaio 2015 - Esenzioni Imu terreni agricoli - Decreto Legge 4 del 23/01/15

Elaborazione su dati base ISTAT. Elenco Comuni Italiani aggiornato al 1 gennaio 2015 - Esenzioni Imu terreni agricoli - Decreto Legge 4 del 23/01/15 Codice Nord-ovest 01 Piemonte 004 Cuneo 001 A016 Acceglio 1.200 T =Totalmente Montano Comune ESENTE IMU sui Terreni Nord-ovest 01 Piemonte 006 Alessandria 001 A052 Acqui Terme 156 NM =Non montano Tutti

Dettagli

Informazioni organizzate per farsi trovare pronti. OPPORTUNITA LA RUBRICA DELLE

Informazioni organizzate per farsi trovare pronti. OPPORTUNITA LA RUBRICA DELLE LA RUBRICA DELLE OPPORTUNITA Informazioni organizzate per farsi trovare pronti. Messaggio del Presidente della Provincia di Torino Colpisce spesso, improvvisamente, a tradimento. Travolge le persone come

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Decreto Ministeriale 17 settembre 2010 DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA PIEMONTE. (G.U. n 233 del 5 ottobre 2010)

Dettagli

I mercatini dell antiquariato in Piemonte

I mercatini dell antiquariato in Piemonte I mercatini dell antiquariato in Piemonte BIELLESE Mercatino dell antiquariato minore Biella (ultima domenica di marzo, giugno e settembre) Mercatino dell antiquariato Cossato (primo sabato del mese) CANAVESE

Dettagli

ESAMI DEL SANGUE GIORNI DEI PRELIEVI DISTRETTO SEDE MODALITÀ

ESAMI DEL SANGUE GIORNI DEI PRELIEVI DISTRETTO SEDE MODALITÀ ESAMI DEL SANGUE Per sottoporsi agli esami del sangue non è in genere necessaria la prenotazione (salvo dove diversamente indicato). Per eseguire gli esami è possibile recarsi, con la ricetta del medico

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE DEL MONDO RURALE E DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA COMPETITIVITÀ PER LO SVILUPPO RURALE Prot. 7399

Dettagli

IL VOTO ALLE DONNE. Nicoletta Fasano

IL VOTO ALLE DONNE. Nicoletta Fasano 159 IL VOTO ALLE DONNE Nicoletta Fasano In una fase come la presente in cui, nella migliore delle ipotesi, la ricostruzione e la divulgazione storiche sono affidate alle semplificazioni operate dai mass

Dettagli

FATTI E CIFRE SULL ALCOL IN PIEMONTE

FATTI E CIFRE SULL ALCOL IN PIEMONTE ASSESSORATO TUTELA DELLA SALUTE E SANITA' FATTI E CIFRE SULL ALCOL IN PIEMONTE Informazioni derivate da: schede ministeriali 1996-2013 SPIDI ESPAD ISTAT PASSI SDO FATTI E CIFRE SULL ALCOL IN PIEMONTE

Dettagli

La Regione Piemonte e la politica europea: gli indirizzi locali per il rispetto delle direttive comunitarie

La Regione Piemonte e la politica europea: gli indirizzi locali per il rispetto delle direttive comunitarie Il trattamento della frazione organica dei rifiuti urbani: sfide locali e globali - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - La Regione Piemonte e la politica europea:

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

ESENZIONE 048:LE PRINCIPALI CRITICITA PER LA SUA APPLICAZIONE

ESENZIONE 048:LE PRINCIPALI CRITICITA PER LA SUA APPLICAZIONE ESENZIONE 048:LE PRINCIPALI CRITICITA PER LA SUA APPLICAZIONE Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema I CAS DELLE AZIENDE OSPEDALIERE DOTT. A. CAPALDI I.R.C.C.s Candiolo Regione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

I trasferimenti regionali agli enti locali in Piemonte

I trasferimenti regionali agli enti locali in Piemonte Istituto di Ricerche Economico Sociali del Piemonte Osservatorio sulla Riforma amministrativa della Regione Piemonte I trasferimenti regionali agli enti locali in Piemonte Rapporto redatto per l Osservatorio

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

SPECIE DI FAUNA ACQUATICA PER LE QUALI VIGE IL DIVIETO DI PESCA...22 SPECIE DI FAUNA ITTICA CHE POSSONO ESSERE PESCATE, NELLE ACQUE

SPECIE DI FAUNA ACQUATICA PER LE QUALI VIGE IL DIVIETO DI PESCA...22 SPECIE DI FAUNA ITTICA CHE POSSONO ESSERE PESCATE, NELLE ACQUE SOMMARIO FONTI NORMATIVE...3 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE...4 PRINCIPALI MODALITÀ VIETATE IN TUTTE LE ACQUE SUPERFICIALI...5 ACQUE SALMONICOLE...6 DIRITTI DEMANIALI ESCLUSIVI DI PESCA (D.D.E.P.)...8 ACQUE

Dettagli

Guida alle agevolazioni fiscali e ai contributi regionali per le persone disabili

Guida alle agevolazioni fiscali e ai contributi regionali per le persone disabili Guida alle agevolazioni fiscali e ai contributi regionali per le persone disabili Collana le Relazioni 2013 Pubblicazione a cura di: Agenzia delle Entrate e Regione Piemonte Agenzia delle Entrate Direzione

Dettagli

SESTRIERE - PEROSA A. - PINEROLO - TORINO Orario in vigore dal 23 Febbraio 2015 integrato con

SESTRIERE - PEROSA A. - PINEROLO - TORINO Orario in vigore dal 23 Febbraio 2015 integrato con SESTRIERE - PEROSA A. - PINEROLO - TORINO Frequenza 123456 12345 GG 123456 12345 6 12345 78 12345 12345 12345 12345 6 123456 6 12345 12345 12345 12345 12345 Note A A A A A Scol A A V A A SESTRIERE PRAGELATO

Dettagli

Archivio. Cognome Nome Grado Data Nascita Luogo Nascita Matricola DM Serv. Svol. Note. lunedì 11 giugno 2012 Pagina 1 di 138

Archivio. Cognome Nome Grado Data Nascita Luogo Nascita Matricola DM Serv. Svol. Note. lunedì 11 giugno 2012 Pagina 1 di 138 Archivio Cognome Nome Grado Data Nascita Luogo Nascita Matricola DM Serv. Svol. Note ABBANEO DOMENICO Sol. 21/05/1916 SOLERO 00133706 AL E.I. ABBONDANZA GIUSEPPE Sol. 04/01/1916 TORRE RATTI 07434075 TOR

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia

Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia ALLEGATO A (30) Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia Note: all'interno di ciascuna Provincia i Comuni sono elencati in ordine alfabetico. Legenda: Pr z gr-g

Dettagli

RIMBORSO AI COMUNI DEL MINOR GETTITO IMU ANNO 2013

RIMBORSO AI COMUNI DEL MINOR GETTITO IMU ANNO 2013 RIMBORSO AI COMUNI DEL MINOR GETTITO IMU ANNO 2013 (Articolo 3 D.L. 102/2013) Elenco A ACQUI TERME AL 960.746,52 ALBERA LIGURE AL 4.416,08 ALESSANDRIA AL 6.355.895,91 ALFIANO NATTA AL 32.662,25 ALICE BEL

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

RIDUZIONE RISORSE AI COMUNI ANNO 2015 DECRETO DEL MINISTRO DELL'INTERNO IN APPLICAZIONE DELL'ART. 16, C. 6. D.L. 95/2012

RIDUZIONE RISORSE AI COMUNI ANNO 2015 DECRETO DEL MINISTRO DELL'INTERNO IN APPLICAZIONE DELL'ART. 16, C. 6. D.L. 95/2012 RIDUZIONE RISORSE AI COMUNI ANNO 2015 DECRETO DEL MINISTRO DELL'INTERNO IN APPLICAZIONE DELL'ART. 16, C. 6. D.L. 95/2012 Allegato A ACQUI TERME AL 1.025.161,12 ALBERA LIGURE AL 12.003,26 ALESSANDRIA AL

Dettagli

Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese

Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese Alberto Cucatto Provincia di Torino Servizio Qualità dell aria e Risorse Energetiche Giugno 2006 Analisi delle possibilità di

Dettagli

COD. ISTITUTO COD. PLESSO DENOMINAZIONE INDIRIZZO CLASSI previs. I-II SCUOLA ELEMENTARE PARIFICATA MARGHERITA BOSCO

COD. ISTITUTO COD. PLESSO DENOMINAZIONE INDIRIZZO CLASSI previs. I-II SCUOLA ELEMENTARE PARIFICATA MARGHERITA BOSCO COD. ISTITUTO COD. PLESSO DENOMINAZIONE INDIRIZZO CLASSI previs. I-II AL1E004006 AL1E004006 SCUOLA ELEMENTARE PARIFICATA MARGHERITA BOSCO VIALE O. MARCHINO N.131 CASALE MONFERRATO 1033 Casale Monferrato

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Listino Gennaio 2001 pag. 1 Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Profilo aziendale Chi è il Gruppo Queen.it Pag. 2 Listino connettività Listino Connettività RTC Pag. 3 Listino Connettività

Dettagli

il punt distributiva dei carburanti report on fuel distribuition network in piemont

il punt distributiva dei carburanti report on fuel distribuition network in piemont il punt sulla rete distributiva dei carburanti report on fuel distribuition network in piemont IL PUNTO Il Punto sulla rete distributiva dei carburanti è il frutto di un analisi approfondita e dettagliata

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL PIEMONTE UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : CUNEO

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL PIEMONTE UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : CUNEO GRADUATORIA TITOLARI SU DOTAZIONE ORGANICA PROVINCIALE - SC. SEC. DI II GRADO PAG. 1 SI COMUNICANO, ORDINATI PER DATI ANAGRAFICI E DISTINTI PER CLASSE DI CONCORSO, I SEGUENTI DATI RELATIVI AI DOCENTI TITOLARI

Dettagli

Allegato A Elenco dei fornitori di Beni, Servizi e Lavori del Comune di Banchette

Allegato A Elenco dei fornitori di Beni, Servizi e Lavori del Comune di Banchette G.D.M. GIACHIN-RICCA COSTRUZIONI VIA SAN GRATO 10/B OGLIANICO 10080 HYDROEDILE CORSO FRANCIA 30 TORINO 10143 CHIOSO DANIELE VIA MARIO FRANZA 30 LESSOLO 10010 GREENTAPE SAS VIA A. RINI N. 10 SALO 25087

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

L anno duemila il giorno del mese di TRA

L anno duemila il giorno del mese di TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLE FUNZIONI CATASTALI DI CUI ALL ART. 3, COMMA 2, lett. A), D.P.C.M. 14 GIUGNO 2007 (OPZIONE DI 1 LIVELLO). L anno duemila il giorno del mese di TRA 1.

Dettagli

Lista CAP per Provincia

Lista CAP per Provincia Lista CAP per Provincia 00010-00100 (Roma) 01010-01100 (Viterbo) 02010-02100 (Rieti) 03010-03100 (Frosinone) 04010-04100 (Latina) 05010-05100 (Terni) 06010-06100 (Perugia) 08010-08100 (Nuoro, Tortolì,

Dettagli

2000 ho conseguito una laurea in giurisprudenza discutendo una tesi in diritto penitenziario con la dott.sa Presutti all Università di Milano

2000 ho conseguito una laurea in giurisprudenza discutendo una tesi in diritto penitenziario con la dott.sa Presutti all Università di Milano mi chiamo Marco Girardello lavoro per la Fondazione Casa di Carità dal 2001 allor quando le azioni in carcere erano promosse dal C.F.P.P. Casa di Carità Onlus provengo da un background di studi giuridici

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

ASSESSORATO TUTELA DELLA SALUTE E SANITÀ Direzione Sanità. Settore Igiene e Sanità Pubblica

ASSESSORATO TUTELA DELLA SALUTE E SANITÀ Direzione Sanità. Settore Igiene e Sanità Pubblica ASSESSORATO TUTELA DELLA SALUTE E SANITÀ Direzione Sanità Settore Igiene e Sanità Pubblica Alla redazione hanno collaborato: Michela AUDENINO Isabella MIOTTI Maria Vittoria ROSSI Caterina SALERNO Caterina

Dettagli

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

corso Mortara 22 - Torino

corso Mortara 22 - Torino Editore: corso Mortara 22 - Torino - Pubblicazione periodica registrata al Tribunale di Torino al n. 5812/04, Direttore responsabile: Mauro Fresco. Finito di stampare: dicembre 2008 presso ILTE S.p.A.

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

TARIFFE ABBONAMENTI TORINO (U)

TARIFFE ABBONAMENTI TORINO (U) 259 TORINO - CARMAGNOLA TORINO C.so M.D'Azeglio 2062 TO Esposizioni C.so M.D'Azeglio 2060 Dante TORINO ESPOSIZIONI TARIFFE BIGLIETTI TORINO TARIFFE ABBONAMENTI TORINO (U) C.so M.D'Azeglio 2058 Molinette

Dettagli

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015 ORDINE DEI SANTI MAURIZIO E LAZZARO Delegazione Gran Magistrale della Sardegna SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

Dettagli

RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA

RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA Si rende noto che è indetta una procedura selettiva per individuare un soggetto idoneo a ricoprire la posizione di Informatore/trice

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

1,29 0,89 1,14 1,09 4,99. Offerta valida dal 16 al 27 gennaio 2008. Ammorbidente SIGMA Profumazioni Assortite L 2 - al L 0,65

1,29 0,89 1,14 1,09 4,99. Offerta valida dal 16 al 27 gennaio 2008. Ammorbidente SIGMA Profumazioni Assortite L 2 - al L 0,65 Ammorbidente Profumazioni Assortite L 2 - al L 0,65 Latte UHT GRANAROLO P.S. Krumiri della colazione BISTEFANI g 300-3,80 Offerta valida dal 16 al 27 gennaio 2008 1,29 1,14 Lavatrice DASH Croissant g 300-3,63

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

GLI INFORTUNI NELLE SCUOLE. Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte

GLI INFORTUNI NELLE SCUOLE. Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte Perché questa particolare attenzione sugli infortuni? L'analisi degli incidenti/infortuni costituisce un momento di Art. 29 comma 3 Dlgs 81/08 fondamentale

Dettagli

COMUNE DI ARIZZANO. inventario dei disegni. anni 1826-1927. schede 58

COMUNE DI ARIZZANO. inventario dei disegni. anni 1826-1927. schede 58 COMUNE DI ARIZZANO inventario dei disegni anni 1826-1927 schede 58 Archivio di Stato di Verbania luglio 2012 1 Planimetria di proprietà in frazione Biganzolo di Arizzano raffigurante la derivazione d'acqua

Dettagli

Appendice I - Prodotti tipici da somministrare tal quali o come ingredienti di ricette tipiche

Appendice I - Prodotti tipici da somministrare tal quali o come ingredienti di ricette tipiche I RISTORANTI DEL BUON VINO Marchio OSPITALITA ITALIANA della Ristorazione Tipica Astigiana Appendici I, II, III al Disciplinare per la qualificazione dei ristoranti tipici della provincia di Asti Appendice

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Cronache DAI CENTRI PER L IMPIEGO

Cronache DAI CENTRI PER L IMPIEGO NUMERO 9-2º anno di crisi DAI CENTRI PER L IMPIEGO Supplemento a Cronache da Palazzo Cisterna. Autorizzazione del Tribunale di Torino n. 1788 del 29.3.1966 - Poste Italiane. Spedizione in a.p. Cronache

Dettagli

ORARIO 14 DICEMBRE 2014-12 DICEMBRE 2015 (*) ELENCO TRENI CON ORIGINE O DESTINAZIONE ESTERNA ALLA REGIONE PIEMONTE TRATTA PERCORRIBILE. Ora P. Ora A.

ORARIO 14 DICEMBRE 2014-12 DICEMBRE 2015 (*) ELENCO TRENI CON ORIGINE O DESTINAZIONE ESTERNA ALLA REGIONE PIEMONTE TRATTA PERCORRIBILE. Ora P. Ora A. ORARIO 14 DICEMBRE 2014-12 DICEMBRE 2015 (*) ELENCO TRENI CON ORIGINE O DESTINAZIONE ESTERNA ALLA REGIONE PIEMONTE TRATTA PERCORRIBILE Treno Direttrice Origine P. Destinazione A. Partenza Arrivo P. A.

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

BANDO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO, SERVIZIO ABITATIVO E PREMIO DI LAUREA. ANNO ACCADEMICO 2014/15

BANDO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO, SERVIZIO ABITATIVO E PREMIO DI LAUREA. ANNO ACCADEMICO 2014/15 BANDO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO, SERVIZIO ABITATIVO E PREMIO DI LAUREA. ANNO ACCADEMICO 2014/15 2 BANDO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO, SERVIZIO ABITATIVO E PREMIO DI LAUREA A.A. 2014/15

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

- DIREZIONE SOCIALE. INDAGINE sulle STRUTTURE EDUCATIVE (Comunità, Istituti, Case Famiglia..) di accoglienza dei MINORI

- DIREZIONE SOCIALE. INDAGINE sulle STRUTTURE EDUCATIVE (Comunità, Istituti, Case Famiglia..) di accoglienza dei MINORI - DIREZIONE SOCIALE INDAGINE sulle STRUTTURE EDUCATIVE (Comunità, Istituti, Case Famiglia..) di accoglienza dei MINORI Scheda di rilevazione Ambito Distrettuale di.. Nr. data di nascita M/F disabilità

Dettagli

Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche

Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche Francesco Vatalaro Dipartimento di Ingegneria dell Impresa Mario Lucertini Università di Roma Tor Vergata Padova, Orto Botanico - Aula Emiciclo, 27 Marzo 2015 Contenuti

Dettagli

DATA PUBBLICAZIONE 08.01.2015

DATA PUBBLICAZIONE 08.01.2015 Graduatoria di Istituto III Fascia Personale ATA CNIS02400G Produzione Graduatoria Provvisoria: 26/12/2014 Fas cia Profilo Descrizione Profilo Pos. Gradu atoria Data DATA PUBBLICAZIONE 08.01.2015 Cognome

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

ELEZIONI RSU - 3-4 - 5 MARZO 2015

ELEZIONI RSU - 3-4 - 5 MARZO 2015 Area Metropolitana Torino Canavese Notiziario n. 3 del 27 gennaio 2015 ELEZIONI RSU - 3-4 - 5 MARZO 2015 Si voterà dal 3 al 5 marzo 2015 in tutte le scuole per il rinnovo delle RSU. Negli stessi giorni

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO TRIBUTO AL Fai sfilare la tua passione tra le strade di Torino. Iscrivi la tua vettura al DOMENICA, 14 GIUGNO 2015 la parata celebrativa delle automobili più importanti di sempre PARCO VALENTINO - SALONE

Dettagli

CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale 100 METRI MASTER F SERIE - RISULTATI. Clas. Cors. Pett. Atleta Anno Cat. Società Prestazione Punti

CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale 100 METRI MASTER F SERIE - RISULTATI. Clas. Cors. Pett. Atleta Anno Cat. Società Prestazione Punti CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale CDS Master Organizzazione: Trionfo Ligure - Genova RISULTATI 100 METRI MASTER F Serie Unica VILLA GENTILE - 18 Maggio 2013 Ora Inizio: 16:26 - Vento: +0.4 1 4

Dettagli

AVVISO AGLI UTENTI. Autolinea z150 Cantù Milano (Comasina M3) Transito dalla stazione di Camnago - Lentate

AVVISO AGLI UTENTI. Autolinea z150 Cantù Milano (Comasina M3) Transito dalla stazione di Camnago - Lentate AP AU nr. 11/2015 AVVISO AGLI UTENTI Data emissione 21 Gennaio 2015 Autolinea z150 Cantù Milano (Comasina M3) Transito dalla stazione di Camnago - Lentate Si informa la Gentile Clientela che a partire

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Elenco A. Ord. Comune Prov. BORGORATTO ALESSANDRINO

Elenco A. Ord. Comune Prov. BORGORATTO ALESSANDRINO Elenco A Allegato decreto di riparto del di cui all'articolo 1, comma 711, della legge n. 147/2013 Comuni delle regioni a statuto ordinario e della Sicilia e Sardegna 1 ACQUI TERME AL 23.055,42 2 ALESSANDRIA

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

ARCA Convenzioni Piemonte

ARCA Convenzioni Piemonte ARCA Convenzioni Piemonte Via Ottavio Assarotti 6-10122 Torino - Tel 0115527711 Fax 0115527722 e-mail: piemontetur@arca-enel.it LE CONVENZIONI L ARCA svolge un importante attività nel campo delle convenzioni.

Dettagli

I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1

I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1 I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1 di Andrea Cammelli, Serena Cesetti e Davide Cristofori 1. Aspetti introduttivi Dal 1998 AlmaLaurea, attraverso

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 www.autotrasportionline.com Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 01/set/2009-30/set/2011 Rispetto a: Sito Visualizzazioni di pagina uniche 30.000 30.000 15.000 15.000 0 0 1

Dettagli

Lineamenti di storia del Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali Leopoldo Cassibba 1

Lineamenti di storia del Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali Leopoldo Cassibba 1 Lineamenti di storia del Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali Leopoldo Cassibba 1 Introduzione L elaborato ripercorre l evoluzione del CAPAC (Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture

Dettagli

La linea Genova-Ventimiglia IL RADDOPPIO DEL TRATTO ANDORA-SAN LORENZO LE NUOVE STAZIONI DI IMPERIA, DIANO E ANDORA

La linea Genova-Ventimiglia IL RADDOPPIO DEL TRATTO ANDORA-SAN LORENZO LE NUOVE STAZIONI DI IMPERIA, DIANO E ANDORA La linea Genova-Ventimiglia IL RADDOPPIO DEL TRATTO ANDORA-SAN LORENZO LE NUOVE STAZIONI DI IMPERIA, DIANO E ANDORA La linea Genova-Ventimiglia IL RADDOPPIO DEL TRATTO ANDORA-SAN LORENZO LE NUOVE STAZIONI

Dettagli

BELA VINO ZA PONETI VINO BIANCO DA ASPORTO

BELA VINO ZA PONETI VINO BIANCO DA ASPORTO BELA VINO ZA PONETI VINO BIANCO DA ASPORTO GAVI (D.O.P.) Sorta/Uvaggio: Cortese. Alkohol/Alc.Vol.: 12,00% Fla a 0.75/Bottiglia 0.75... 960,oo LANGHE NASCETA (D.O.C.) Vinarija/Cantina: Azienda Agricola

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

Il Postino Telematico

Il Postino Telematico 1 Il Postino Telematico Incontro con le Organizzazioni Sincali 17 NOVEMBRE 29 Vincent Nicola Santacroce Servizi Postali Gestione del Fabbisogno Informatico Descrizione del progetto 2 Il progetto postino

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

FRIULI VENEZIA GIULIA

FRIULI VENEZIA GIULIA FRIULI VENEZIA GIULIA AZ.AGR. BASTIANIC Sauvignon doc da uve sauvignon Ribolla gialla doc da uve ribolla Vespa igt Plus doc da uve friulano AZ AGR VIE DEI ROMANS (GO) Dolèè friulano piere sauvignon Dessimis

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli