sistemapiemonte Mappa ragionata dei fabbisogni di banda nelle province piemontesi 2007 sistemapiemonte.it

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "sistemapiemonte Mappa ragionata dei fabbisogni di banda nelle province piemontesi 2007 sistemapiemonte.it"

Transcript

1 sistemapiemonte Mappa ragionata dei fabbisogni di banda nelle province piemontesi 2007 sistemapiemonte.it

2 WI-PIE LINEA STRATEGICA 1- CONOSCERE IL TERRITORIO OSSERVATORIO ICT DEL PIEMONTE MAPPA RAGIONATA DEI FABBISOGNI DI BANDA NELLE PROVINCE PIEMONTESI

3 Indice Indice...2 Introduzione...3 Capitolo 1. Calcolo del fabbisogno di banda Metodologia di calcolo Il risultati dell analisi Fabbisogno totale Fabbisogno medio Capitolo 2. La diffusione della banda larga in Piemonte La copertura di banda larga in Piemonte L accordo Telecom Adozione della banda larga Capitolo 3. GAP domanda - offerta ALLEGATO 1 FABBISOGNO TOTALE E MEDIO ALLEGATO 2 GAP DOMANDA-OFFERTA

4 Introduzione Il documento intende offrire una stima del fabbisogno di banda espresso dai comuni piemontesi, calcolata tramite la definizione operativa di specifici indicatori che tengono conto dei diversi soggetti di domanda, dei servizi e della densità di utilizzo, del tempo. Obiettivo del calcolo del fabbisogno di banda è la stima, per ciascun Comune, delle seguenti informazioni: il fabbisogno di banda attuale, ossia fabbisogno effettivo a oggi misurato in base al numero di PDL 1 connesse e alla tipologia di servizi utilizzati. L approssimazione del valore viene fatta applicando le medie di utilizzo della rete da parte dei diversi attori alla specifica realtà locale, supponendo che l utilizzo medio corrisponda al fabbisogno effettivo minimo; il fabbisogno di banda prossimo (proiezione a tre anni): ossia la domanda teorica in ragione dei trend evolutivi di reti e servizi. Il fabbisogno di banda, calcolato interpolando i dati statistici raccolti e gli indicatori sintetici individuati, permette di dare un peso numerico alla domanda e individuare in modo più preciso i punti del territorio che richiedono interventi di infrastrutturazione TLC, nonchè la tipologia di infrastruttura necessaria e sufficiente a soddisfarne le esigenze. All analisi del fabbisogno di banda segue, nel secondo capitolo del rapporto, una presentazione dell'offerta di banda, ossia della disponibilità di copertura a banda larga (xdsl) per ciascun Comune, nell intento di valutare, nell ultima sezione del rapporto, il gap tra domanda e offerta espresso dalle diverse porzioni di territorio regionale 2. 1 Singoli punti che richiedono connessione alla rete. 2 Per il calcolo del GAP il concetto di offerta di banda si riduce alla disponibilità di copertura ADSL, come condizione minima atta a soddisfare una richiesta di banda che possa essere considerata larga. 3

5 Capitolo 1. Calcolo del fabbisogno di banda 1.1. Metodologia di calcolo Prima di presentare i risultati dell analisi, si sintetizzano di seguito i principali elementi del calcolo finalizzato alla stima del fabbisogno di banda. Stima di banda per servizio Il calcolo si basa innanzitutto sull'articolazione del fabbisogno di banda in 4 servizi, ognuno con una domanda di banda specifica, attuale e nel prossimo futuro. La stima di banda per servizio (qui abbreviata con la lettera β ) è funzione del tempo e della tipologia di servizio. β=f(t, servizio) Questo significa che ciascun servizio richiede una capacità di banda diversa, che varia inoltre nel tempo: si presuppone infatti un evoluzione dei servizi stessi, che disponendo di maggiori capacità di banda raggiungono nel tempo qualità e prestazioni via via più elevate. Si tratta pertanto di un valore teorico che rappresenta, in base a osservazioni empiriche, un ipotesi di banda minima necessaria per la fruizione di un servizio di qualità buona. La stima utilizzata è fornita da CSI PIEMONTE sulla base di elaborazioni sull'uso dei servizi da parte della PA del Piemonte e su dati nazionali Assinform ed è riportata nella tabella seguente. 4

6 Tabella 1-Banda richiesta per servizio SERVIZIO DOMANDA BANDA ATTUALE DOMANDA BANDA PROSSIMA Internet (WWW, download, posta) 100 Kbps 200 Kbps Telefonia VOIP 3 20 Kbps 20 Kbps Videoconferenza Kbps 512 Kbps Streaming audio-video Kbps 512 Kbps Fonte: Elaborazione CSI PIEMONTE su dati Assinform 2003 Uso del concetto di PDL La PDL (postazione di lavoro) è ciascun singolo punto (o host) che esprime una domanda di connessione alla rete. Il calcolo delle PDL collegate (N) varia in funzione del segmento di analisi dell utenza (PA, cittadini, scuole, imprese - j) e del tempo (t). N= f(t, j) In particolare, per il calcolo delle PDL totali connesse alla rete (qui abbreviato con la lettera N ) si stima il numero medio di PC che nelle famiglie, negli uffici della pubblica amministrazione, nelle aziende e nelle scuole dovrebbe essere connesso alla rete, in base a dati regionali medi di diffusione. Il totale delle PDL connesse viene calcolato quindi secondo la seguente formula: PDL connesse (N)= PDL totali X % PDL connesse mediamente sul totale Il primo dato in input è pertanto quello sulle PDL totali nei diversi segmenti di analisi. Le PDL totali vengono individuate quale universo di riferimento su cui è possibile disporre della percentuale media di connessioni alla rete. Seguendo questa logica, le PDL totali sono in ambito aziendale e pubblico tutti gli addetti e in ambito residenziale i cittadini, mentre per quanto riguarda l ambito scolastico si dispone direttamente di dati a livello comunale relativi al numero di PC connessi alla rete in laboratorio e in aula. 3 VoIP: Voice over IP, applicazione che permette il trasporto contemporaneo di voce e informazioni di segnalazione sulla rete. Tramite il VoIP è quindi possibile telefonare tramite Internet o altre reti basate sul protocollo IP. 4 Trasmissione sincrona di segnali audio e video tra punti fisicamente separati, che permette di interagire simultaneamente da qualsiasi parte del mondo. 5 Flusso di dati continuo che permette di ricevere in tempo reale e senza lunghi tempi di attesa filmati video e musica in formato digitale 5

7 Ponderazione della domanda di banda Per valutare l effettivo fabbisogno di banda, si è ritenuto opportuno introdurre un correttivo per ponderare la domanda di banda sulle condizioni effettive di utilizzo con una stima della densità di utilizzo contemporaneo e della diffusione dei diversi servizi. Si tiene quindi in considerazione anche la densità di utilizzo contemporaneo (qui abbreviata con la lettera ω ), variabile in funzione del servizio, dell ambito di analisi e del tempo. ω=f(t, servizio, j) La densità di utilizzo indica quanto un determinato servizio viene utilizzato da parte di un certo segmento di analisi: un servizio molto utilizzato vedrà la saturazione del canale, mentre uno poco utilizzato non determina sovraccarico del canale. Per precisare ulteriormente il concetto, si tratta del traffico contemporaneo generato da un certo segmento (cittadino, impresa, scuola, ufficio della PA), ipotizzato in base alla frequenza con cui vengono utilizzati i diversi servizi. Di seguito, la Tabella 2 riporta le percentuali di utilizzo contemporaneo ricavate da dati CSI del Tabella 2 Percentuali di utilizzo contemporaneo. SERVIZIO AMBITO Internet PA 60% 80% Scuole 40% 60% Aziende 30% 50% Telefonia VoIP PA 20% 35% Scuole 10% 35% Aziende 10% 35% Videoconferenza PA, scuole, aziende 5% 15% cittadini 10% 30% Streaming PA, scuole, aziende Un flusso Un flusso Fonte: dati CSI 2003 Per quanto riguarda i cittadini, si parla di diffusione del servizio : il fabbisogno residenziale è definito in funzione del grado di diffusione dei vari servizi (δ) al fine di definire il fabbisogno medio per ogni PDL. Anche la diffusione del servizio è funzione del tempo e della tipologia di servizio. δ = f(t, servizio) 6

8 Tabella 3 Diffusione dei servizi presso i cittadini SERVIZIO Internet 100% 100% Telefonia VoIP 10% 30% Videoconferenza 10% 30% Streaming 5% 10% Fonte: dati CSI 2003 Utilizzo contemporaneo e diffusione crescono nel tempo, nell ipotesi di una maggiore consapevolezza e diffusione delle ICT presso tutti i segmenti. Calcolo del fabbisogno totale Dall incrocio dei parametri sopra calcolati, è possibile ricavare, attraverso una semplice formula matematica, una quantificazione del fabbisogno di banda, che tiene pertanto conto della numerosità di punti che accedono alla rete (N) e dei servizi che vengono utilizzati sia in termini di banda richiesta (β) sia in termini di densità di utilizzo della banda (ω) o della diffusione dei servizi (δ) in base all ambito (j). Il fabbisogno totale (F) per ciascuno dei tre segmenti PA, scuole e imprese si calcola secondo la seguente formula: 3 F ω β j = i i N j + β 4 i= 1 j = ambito (imprese, scuola, PA) i = servizio (internet, VoIP, videoconferenza lo streaming, servizio 4, viene considerato a parte) Il fabbisogno è uguale alla sommatoria della banda ponderata sulla relativa densità di utilizzo dei primi tre servizi, moltiplicata per il numero di postazioni eventualmente connesse, con l aggiunta della banda di streaming (la banda streaming viene aggiunta separatamente poichè non si tratta di una percentuale di utilizzo di banda ma di un flusso). Il fabbisogno totale dell ambito cittadini ( F ) si calcola invece includendo lo streaming nella c sommatoria secondo la seguente formula: 7

9 F c 4 = δiβi N i= 1 i = servizio (internet, VoIP, videoconferenza, streaming) c Il fabbisogno è uguale alla sommatoria della banda ponderata sulla relativa diffusione di utilizzo dei quattro servizi, moltiplicata per il numero di postazioni connesse (la banda streaming in questo caso non è un flusso ma corrisponde ad una percentuale di utilizzo). Il fabbisogno totale del singolo comune risulta pertanto dalla somma del fabbisogno dei 4 segmenti di analisi: 4 F totale = F j j= 1 Tramite il fabbisogno totale, è possibile distinguere punti di forte aggregazione e forte dispersione di domanda. Si individuano le seguenti fasce di fabbisogno totale: Tabella 4. Fasce di fabbisogno totale intervallo Fabbisogno totale FASCE A da 0 Mb a 10 Mb B da 10 Mb a 34 Mb C da 34 Mb a 155 Mb D da 155 Mb a 622 Mb E da 622 Mb a 2,5 Gb F da 2,5 Gb a 10 Gb G > 10 Gb Fonte: elaborazione CSI 2003 bassa media alta Per una rappresentazione grafica di impatto immediato, su base cartografica, si attribuiscono codici colore diversi ai comuni in base alla fascia di fabbisogno rilevata. Questo consente l individuazione delle aree a maggiore concentrazione di domanda che, in caso di offerta insufficiente, richiedono interventi di backbone rispetto a aree a domanda 8

10 minore e più dispersa per cui risultano più utili interventi di estensione dell accesso, tramite tecnologia ADSL o wireless. E possibile inoltre rappresentare i fabbisogni totali dei singoli segmenti (aggregando ad esempio il fabbisogno totale del mondo privato, del residenziale, del settore pubblico 6 ), in modo da evidenziare i soggetti che esprimono maggiore domanda e indirizzare di conseguenza gli interventi. Calcolo del fabbisogno medio Insieme ai dati in input raccolti per i 4 segmenti per il calcolo delle PDL, si raccoglie il numero di sedi, ossia di edifici all interno dei quali si trovano più PDL (numero di edifici residenziali7; unità locali per le imprese; numero di edifici scolastici; numero di sedi della P.A.). Individuare il fabbisogno medio dell edificio piuttosto che della singola PDL risulta utile per comprendere la tipologia di tecnologia minima e indispensabile a soddisfare il fabbisogno aggregato in uno stesso luogo delle diverse PDL. In sostanza, Nel caso di una grande concentrazione di PDL in pochi edifici, ad esempio, la tecnologia più conveniente a sostenere tale concentrazione di domanda è la fibra ottica, mentre in situazioni in cui le PDL sono distribuite in numerosi edifici, la connessione ADSL potrebbe risultare sufficiente. Il fabbisogno medio viene calcolato, per ciascuno dei quattro ambiti d intervento, tramite la seguente formula: F = j F s j j (dove s j è il numero di sedi dello specifico segmento di analisi). Il fabbisogno medio del comune risulta dalla media dei fabbisogni medi dei singoli settori: 6 Si possono in questo caso aggregare i due settori PA e scuole. 7 Se non si hanno dati specifici sulla distribuzione dei nuclei famigliari negli edifici, si ipotizza un rapporto 1:1. 9

11 F 4 1 = j = 4 F j In base al fabbisogno medio della sede, ed in caso di offerta insufficiente, è possibile individuare le tecnologie più adatte all intervento sul comune piuttosto che sul singolo segmento di analisi o ambito (privato, residenziale, pubblico) secondo il seguente schema: Tabella 5. Fabbisogno medio di banda per tecnologia. commutazione RTN - ISDN adsl hdsl fibra Fonte CSI Piemonte FABBISOGNO MEDIO Fino a 128 Kbs Fino a 512 Kbs Fino a 2048 Kbs Fino a 10Mbs 10

12 1.2. Il risultati dell analisi Fabbisogno totale Sulla base delle informazioni disponibili nella base dati dell Osservatorio ICT del Piemonte il calcolo di fabbisogno totale è stato effettuato a livello di singolo comune. Le stime di fabbisogno attuale e futuro a livello di singolo comune sono dettagliate nell Allegato 1 ed espresse sinteticamente nelle figure seguenti, secondo l articolazione in fasce riportata nella Tabella 4. Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte Figura 1 Fabbisogno di banda aggregato attuale 11

13 Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte Figura 2 Fabbisogno di banda aggregato futuro La classificazione delle stime della domanda di banda consente di individuare una tipologia di domanda di banda larga che distingue: a) situazioni ad elevata concentrazione di utenza e di domanda di banda (colori dal viola al nero), dove, pertanto, appare necessaria un interconnessione ad alta velocità tramite dorsali multiservizio, con nodi di accesso collegati in fibra ottica; b) situazioni caratterizzate da un livello intermedio di utenza e di domanda di banda larga (colori rosa - rosso), con riferimento alle quali può essere sufficiente la disponibilità diffusa di una rete di accesso HDSL; 12

14 c) situazioni caratterizzate da un livello relativamente modesto di utenza e di domanda di banda larga (colore giallo), con riferimento alle quali può essere sufficiente la disponibilità diffusa di una rete di accesso ADSL. Nel caso in cui tale situazione si riscontri in località montane, dove l accesso ADSL può non essere disponibile, esso può essere garantito attraverso tecnologia wireless. Viene peraltro considerata anche la possibilità di valori estremamente bassi e elevata dispersione di banda, che possono essere letti come effettiva mancanza di bisogno di banda larga (colore bianco). Le stime ottenute indicano una forte concentrazione del fabbisogno in particolare nel comune di Torino, seguito dai principali comuni della prima cintura (Collegno, Moncalieri, Nichelino, Rivoli, Settimo Torinese) e dagli altri capoluoghi di Provincia, esclusa Verbania (che presenta un fabbisogno di livello più basso). Altri comuni che mostrano livelli elevati di fabbisogno sono quelli appartenenti ai distretti industriali piemontesi (in particolare ai distretti di valvole e rubinetteria del Basso Cusio - Valsesia, al laniero del Biellese, ai casalinghi di Omegna Varallo Sesia, alla gioielleria di Valenza Po, ai costumi da bagno/tessile Oleggio-Varallo Pombia, alla meccanica di Pianezza-Pinerolo) o nei quali sono insediate imprese di dimensioni rilevanti (ad esempio, Alba con la Ferrero) o imprese che si sono affermate grazie all indotto di grandi aziende (ad esempio i comuni del sud-est torinese come Piossasco, caratterizzati dall indotto Fiat). I fabbisogni più bassi si riscontrano, come prevedibile, nei comuni di piccole dimensioni: si sottolinea tuttavia che su un totale di 602 comuni al di sotto dei 1000 abitanti, solo 72 esprimono il fabbisogno della fascia più bassa (A). Tutti gli altri comuni, seppur piccoli, sono caratterizzati dalla presenza di soggetti che esprimono una domanda di connettività apprezzabile: si tratta di comuni in cui, nonostante si rilevi un numero di abitanti esiguo, sono presenti scuole o aziende che aumentano il fabbisogno totale. Si può genericamente osservare come i principali centri di aggregazione di domanda siano i capoluoghi di provincia e i comuni ad essi adiacenti, che anche per effetto dei fenomeni di estensione delle attività dalle aree centrali verso l esterno e di nuovo residenzialismo, presentano livelli non disprezzabili di domanda di comunicazione e dei relativi servizi. Si notano inoltre alcune concentrazioni di fabbisogno in aree montane, come la Val di Susa, turisticamente più vivace, così come in qualche comune isolato delle Langhe e, in misura minore, del Monferrato, realtà che stanno attraversando un fenomeno di valorizzazione dal punto di vista turistico/enogastronomico. Si rileva una direttrice di aggregazione di domanda che corre lungo l asse che da Torino raggiunge Mondovì attraversando Moncalieri, Carmagnola, Savigliano, Fossano, seguendo la rete autostradale e confermando l importanza delle reti di comunicazione (prima fisiche, oggi telematiche) per lo sviluppo dei territori. 13

15 Nel prossimo futuro, i comuni che rientrano nelle fasce di fabbisogno maggiore (E F G) passano da 64 a 211. Solo i comuni di Ingria e Moncenisio mantengono la posizione in fascia A, mentre gli altri 70 passano in fascia B. A livello provinciale (Tabella 6), la domanda di banda più elevata si riscontra, non inaspettatamente, per la provincia di Torino, seguita da quella di Cuneo, Alessandria, Asti, Novara, Vercelli, Biella e Verbania. Tabella 6 Fabbisogno totale aggregato per provincia Provincia Totale comuni Fabbisogno totale attuale (MB) Fabbisogno totale futuro (MB) Alessandria Asti Biella Cuneo Novara Torino Verbania Vercelli PIEMONTE Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte Aggregando i valori per categorie di soggetti, si rileva che la domanda più elevata è espressa dai cittadini, seguita dalle imprese, dalle scuole e in ultimo dalla PA. Ovviamente, tale risultato dipende dalla numerosità di PDL considerate per ciascuna categoria di soggetti. Se si calcola un valore medio di fabbisogno, per PDL, si rileva che i soggetti che esprimono un fabbisogno più elevato sono la PA, seguita dalla scuola, dai cittadini e per ultimo dalle imprese. Ne consegue, pertanto, che gli interventi di infrastrutturazione di aree in situazione di digital divide devono rispondere principalmente alla richiesta che proviene dalla popolazione, che, in linea teorica, può essere soddisfatta con tecnologie a banda non larghissima (ADSL) mentre soggetti come la PA e le scuole richiedono tecnologie in grado di portare banda larghissima (fibra, HDSL). 14

16 Tabella 7 Fabbisogno totale e medio aggregati per ambito ATTUALE FABBISOGNO DI BANDA AGGREGATO FUTURO FABBISOGNO DI BANDA AGGREGATO Variazione % ATTUALE FABBISOGNO DI BANDA MEDIO (kb) FUTURO FABBISOGNO DI BANDA MEDIO (Kb) (Mb) (Mb) scuola cittadini imprese PA TOTALE Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte Fabbisogno medio Le stime effettuate, relative al fabbisogno medio di ciascun comune, sono dettagliate nell Allegato 1 ed espresse nelle figure seguenti, secondo l articolazione in fasce individuata nella Tabella 5, espressione della tecnologia necessaria e sufficiente a soddisfare il fabbisogno delle singole sedi. 15

17 Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte Figura 3 Fabbisogno di banda medio attuale 16

18 Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte Figura 4 Fabbisogno di banda medio futuro I risultati indicano che ad oggi ben 624 comuni non manifesterebbero necessità di banda larga. Ciò tuttavia non è più vero nel prossimo futuro. Occorre quindi sottolineare come la domanda attuale di banda larga non possa essere considerata la base di riferimento per la pianificazione di interventi, che risulterebbero in breve tempo insufficienti: la copertura a banda larga sarà a breve indispensabile su tutto il territorio. 17

19 Infine merita far osservare come i valori più elevati delle stime del fabbisogno medio, che tiene conto dell affollamento di PDL nelle singole sedi, non si manifestino necessariamente nei grandi centri (capoluoghi di provincia). La variazione nei valori comunali, infatti, dipende soprattutto dalla PA e dalle scuole, le cui sedi, in termini statistici, sono molto più numerose nei grandi centri di grande dimensione che non nei centri di media dimensione (Borgosesia, Fossano, Grugliasco, Luserna, Nichelino, Santhià, Settimo, Trofarello, Trecate). 18

20 Capitolo 2. La diffusione della banda larga in Piemonte In questa seconda parte del documento si intende fornire una descrizione dello stato attuale della diffusione della banda larga in Piemonte, attraverso un confronto nel tempo e tramite l analisi delle caratteristiche dei comuni piemontesi in termini di popolazione residente, di distribuzione della popolazione sul territorio, della presenza di realtà industriali e della conformazione dei territorio regionale. Nell analisi sarà utile tenere presente l accordo stipulato tra Regione Piemonte e Telecom Italia attraverso il quale il principale operatore telefonico nazionale si è impegnato a coprire entro la fine del 2008 l 85% dei comuni piemontesi. Per il calcolo del GAP tra domanda e offerta (Capitolo 3), verranno utilizzati i dati relativi alla copertura ADSL in ciascun comune. Nella consapevolezza che l offerta di banda larga non si esaurisce nella copertura ADSL, il capitolo approfondisce ulteriori aspetti dell offerta, tuttavia, per poter confrontare agevolmente la stima di domanda con l offerta a livello comunale, si utilizza come dato di riferimento l offerta minima che può essere considerata di banda larga. In questo modo è possibile mettere in evidenza le situazioni di digital divide: i comuni, cioè, in cui pur esistendo una domanda di banda larga, non esistono neppure le condizioni minime atte a soddisfarla. A supporto dei valori stimati di fabbisogno attuale e di densità di utilizzo dei diversi servizi, il capitolo approfondisce infine l adozione di banda larga da parte di cittadini e imprese La copertura di banda larga in Piemonte L analisi della copertura tramite infrastruttura a banda larga nella Regione Piemonte è stata effettuata a partire dal 2004 dall Osservatorio Regionale sulle ICT. Attraverso un web survey sul sito di alice (www.alice.it) è stata monitorata periodicamente la presenza della linea ADSL su ognuno dei 1206 comuni piemontesi 8. Attualmente nel 63,3% dei comuni piemontesi è disponibile la linea ADSL: si nota una maggiore diffusione nelle province di Torino e di Novara, mentre le province di Biella e di Cuneo sono quelle in cui la disponibilità di banda larga è minore: se si osserva la conformazione del territorio piemontese è facile intuire il motivo per cui in queste due 8 Sono stati scelti a campione per ogni comune tre numeri telefonici e quindi si è verificato sul sito la copertura tramite DSL per ciascuna utenza. 19

21 ultime province la diffusione di ADSL è inferiore (maggiore presenza di zone montane, isolate). 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% CN BI VC AT AL VB TO NO Piemonte % comuni coperti 51,6% 54,9% 58,1% 64,4% 64,7% 64,9% 71,7% 73,9% 63,3% Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte, Luglio 2007 Figura 5 Comuni coperti da linea ADSL, luglio 2007 VB VC BI NO TO AL AT CN Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte, Luglio 2007 Figura 6 Comuni coperti da linea ADSL e conformazione del territorio piemontese, luglio

22 Per effettuare un analisi nel tempo della diffusione della banda larga è bene tenere presente quanto già citato precedentemente: grazie all accordo stipulato tra Regione Piemonte e Telecom Italia la scorsa estate, infatti, nell arco di un anno il numero di comuni coperti è raddoppiato. Si è passati dal 31% di comuni coperti ad aprile 2006, al suddetto 63% di comuni coperti oggi, mentre in termini di popolazione residente la variazione è minore, in quanto gli ultimi comuni coperti sono quelli più piccoli: in tal caso si è passati dall 80% al 90%. 70% 60% % comuni coperti 50% 40% 30% 20% 10% 0% gen-99 lug-99 gen-00 lug-00 gen-01 lug-01 gen-02 lug-02 gen-03 lug-03 gen-04 lug-04 gen-05 lug-05 gen-06 lug-06 gen-07 lug-07 Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte, 2007 Figura 7 Comuni coperti da gennaio 1999 a luglio % 90% % popolazione coperta 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% gen-99 lug-99 gen-00 lug-00 gen-01 lug-01 gen-02 lug-02 gen-03 lug-03 gen-04 lug-04 gen-05 lug-05 gen-06 lug-06 gen-07 lug-07 Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte, 2007 Figura 8 Popolazione residente in un comune coperto da gennaio 1999 a luglio

23 La mappa successiva confronta la situazione della copertura attuale e quanto registrato ad aprile Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte, 2007 Figura 9 Comuni coperti da banda larga, confronto aprile 06 luglio 07 22

24 La copertura non deve essere analizzata solamente in termini di comuni coperti, ma bisogna fare riferimento alla popolazione che effettivamente vive in tali comuni ed anche alle unità locali che si trovano in ogni comune. Se si ragiona sulla popolazione piemontese si osserva come attualmente circa il 90% della popolazione può usufruire a casa di una connessione a banda larga ed, effettuando un confronto con la rilevazione condotta ad aprile 2006, emerge un aumento di dieci punti percentuali nella quota di utenti potenziali. È interessante notare come proprio le province che risultavano essere il fanalino di coda in termini di comuni coperti (es. Cuneo), siano quelle in cui è stato più significativo l incremento di popolazione coperta. 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% CN VC AT BI AL VB NO TO Piemonte % popolazione coperta aprile 06 60,1% 64,3% 66,9% 69,2% 72,1% 76,5% 80,3% 90,5% 80,1% % popolazione coperta luglio 07 78,9% 85,6% 84,5% 78,5% 88,6% 86,9% 90,1% 95,6% 90,2% Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte, 2007 Figura 10 Popolazione che vive in un comune coperto da banda larga, confronto aprile 06 luglio 07 È possibile a questo punto fornire una misura più veritiera della popolazione che effettivamente può disporre della tipologia di connessione oggetto di indagine. Se si escludono dal nostro computo gli abitanti nelle zone più isolate del comune (denominate case sparse ) allora la quota di popolazione reale che può usufruire di connessioni a banda larga scende leggermente e si passa all 85%. Le maggiori differenze tra popolazione e popolazione reale si vedono di nuovo in quelle province caratterizzate da una maggiore dispersione abitativa (Asti, Cuneo). 23

25 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% AL AT BI CN NO TO VB VC Piemonte POPOLAZIONE 88,6% 84,5% 78,5% 78,9% 90,1% 95,6% 86,9% 85,6% 90,2% POP. REALE 79,4% 70,9% 74,9% 66,9% 87,3% 93,0% 84,7% 82,2% 85,0% Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte, Luglio 2007 Figura 11 Popolazione e popolazione reale che vive in un comune coperto da banda larga, 2007 Considerazioni analoghe si possono fare se si prendono in esame gli insediamenti industriali: anche in questo caso si osserva come quasi il 90% delle unità locali piemontesi si trovi in un comune raggiunto dal broad band e tale percentuale raggiunge quasi il 100% nella provincia di Torino. Di nuovo le province di Cuneo e Biella risultano essere quelle in cui la percentuale è più bassa. 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% CN BI AT VC AL VB NO TO Piemonte % UL coperte 76,6% 81,0% 81,7% 83,3% 87,1% 88,3% 90,2% 95,8% 89,1% Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte, Luglio 2007 Figura 12 Unità locali che si trovano in un comune coperto da banda larga,

26 2.2. L accordo Telecom Le considerazioni fatte finora devono essere lette tenendo presente l accordo stipulato tra Telecom Italia e Regione Piemonte a giugno dello scorso anno. Va detto che l accordo inizialmente stipulato ha subito una serie di piccole modifiche dovute al fatto che in alcuni casi ci si è resi conto che certe zone sono irraggiungibili oppure viceversa che alcune zone inizialmente non considerate potrebbero essere coperte con facilità. Per questo si farà riferimento nella parte seguente del documento all ultima versione dell accordo presentata il 15/07/07. L accordo in particolare adotta le seguenti convenzioni: 2 un comune è considerato non coperto nel caso in cui la copertura del comune è inferiore al 20% 3 un comune è considerato minimamente coperto nel caso in cui la copertura del comune vari tra il 20% ed il 40% 4 un comune è considerato parzialmente coperto nel caso in cui la copertura del comune vari tra il 40% ed il 70% 5 un comune è considerato totalmente coperto nel caso in cui la copertura sia superiore al 70% 9. La mappa successiva mostra la copertura prevista entro fine 2008 per il Piemonte, mettendo in risalto la copertura attuale 9 La rilevazione condotta dall Osservatorio ICT del Piemonte come già detto è stata effettuata solo su un campione di tre utenze telefoniche per ogni comune: eventuali differenze tra la rilevazione e l accordo possono essere sono da additarsi a questa differente metodologia. 25

27 Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte, Luglio 2007 Figura 13 Confronto copertura attuale e quanto previsto dall accordo Telecom Si osserva dalla tabella successiva come i comuni non interessati dall accordo siano comuni molto piccoli (la popolazione media è inferiore ai 500 abitanti). Allo stesso modo, anche i comuni che non sono ancora coperti sono di dimensioni ridotte (di poco inferiori ai abitanti). 26

28 Tabella 8 Comuni non interessati dall accordo Telecom aggregazione provinciale POPOLAZIONE MEDIA tutti i comuni comuni non interessati dall'accordo comuni non ancora coperti Alessandria 2.201,2 503,4 708,8 Asti 1.765,6 431,3 771,0 Biella 2.283,5 318, ,5 Cuneo 2.225,3 334,9 970,1 Novara 3.898,2 858, ,5 Torino 6.875,0 656, ,1 Verbania 2.065,5 369,6 790,6 Vercelli 2.056,2 530,1 731,4 Piemonte 3.494,8 458,1 937,7 Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte Inoltre è interessante notare come i comuni non interessati dall accordo siano localizzati soprattutto in montagna. Tabella 9 - Comuni non interessati dall accordo Telecom aggregazione territoriale % comuni non interessati dall accordo Collina 9,3% Montagna 27,1% Pianura 8,6% Fonte: Osservatorio ICT del Piemonte 2.3. Adozione della banda larga Dopo aver presentato i dati relativi alla copertura territoriale attraverso rete a banda larga si passa a fornire qualche indicazione circa l adozione della stessa da parte di cittadini ed imprese. La figura successiva mostra la crescita per cittadini ed imprese della quota di utenti di Internet che usano connessioni a banda larga. Si osservi come mentre per le imprese la quota di coloro che adottano banda larga 10 (80,1%) equivale quasi alla quota globale di UL localizzate in comuni in cui è disponibile la banda larga (89%), per i cittadini vale un discorso diverso: benché il 90% della popolazione viva in un comune coperto da banda larga, solo il 26% dei cittadini dispone a casa di una connessione a banda larga. 10 Una qualsiasi connessione >= alla ADSL 27

SOCIETA' METROPOLITANA ACQUE TORINO S.p.A. ELENCO SOCI AL 21 OTTOBRE 2015

SOCIETA' METROPOLITANA ACQUE TORINO S.p.A. ELENCO SOCI AL 21 OTTOBRE 2015 SOCIETA' METROPOLITANA ACQUE TORINO S.p.A. ELENCO SOCI AL 21 OTTOBRE 2015 TOTALE SOCI 297 N. SOCI tot. Azioni capitale -euro- % capitale 1 TORINO 3.195.579 206.274.624,45 59,69738 2 C.I.D.I.U. S.p.A. 585.047

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 ALTA VALLE PO E VAL VARAITA Comuni di: BELLINO, BROSSASCO, CASTELDELFINO, CRISSOLO, FRASSINO, ISASCA, MELLE, ONCINO, OSTANA, PAESANA, PONTECHIANALE, ROSSANA,

Dettagli

COPERTURA COMUNI ASTIGIANI SERVIZI ADSL TELECOM E WIRELESS (Aggiornamento al 31/12/08) Copertura fine 2008. Operatori wireless.

COPERTURA COMUNI ASTIGIANI SERVIZI ADSL TELECOM E WIRELESS (Aggiornamento al 31/12/08) Copertura fine 2008. Operatori wireless. AGLIANO FULL SI ALBUGNANO LIGHT SI ANTIGNANO LIGHT SI ARAMENGO LIGHT NO ASTI FULL/LIGHT SI AZZANO FULL/LIGHT SI BALDICHIERI FULL SI NGI-Eolo BELVEGLIO FULL SI NGI-Eolo BERZANO S. PIETRO LIGHT PARZIALE

Dettagli

STATISTICHE DEMOGRAFICHE

STATISTICHE DEMOGRAFICHE STATISTICHE DEMOGRAFICHE Pag. 1 di 5 STATISTICHE DEMOGRAFICHE 1. FONTE DATI... 2 2. INDICATORI... 2 3. ASL E DITRETTI... 4 STATISTICHE DEMOGRAFICHE Pag. 2 di 5 1. Fonte Dati La fonte dei dati è. Per aggiornare

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU3 16/01/2014

REGIONE PIEMONTE BU3 16/01/2014 REGIONE PIEMONTE BU3 16/01/2014 Comunicato dell Assessorato alla Tutela della salute e sanità, edilizia sanitaria, politiche sociali e politiche per la famiglia, coordinamento interassessorile delle politiche

Dettagli

Autorita' d'ambito n. 3 Torinese - Torino Tariffe del Servizio Idrico Integrato (S.I.I.) - Anno 2012.

Autorita' d'ambito n. 3 Torinese - Torino Tariffe del Servizio Idrico Integrato (S.I.I.) - Anno 2012. REGIONE PIEMONTE BU7 16/02/2012 Autorita' d'ambito n. 3 Torinese - Torino Tariffe del Servizio Idrico Integrato (S.I.I.) - Anno 2012. Vista la deliberazione dalla Conferenza dell Autorità d ambito n. 443

Dettagli

Concorso PICCOLOgrande SporT a.s. 2011/2012

Concorso PICCOLOgrande SporT a.s. 2011/2012 (Allegato A) - DOMANDA DI PARTECIPAZIONE Deve pervenire entro: Ven. 25/05/2012 Pag. 1 di 5 Data Prot. n. Alla Provincia di Torino Servizio Programmazione e Gestione Attività Turistiche e Sportive Ufficio

Dettagli

INFORMASALUTE CUNEO. I Servizi Sanitari di. e Provincia. Accesso al Servizio Sanitario Nazionale per i cittadini non comunitari

INFORMASALUTE CUNEO. I Servizi Sanitari di. e Provincia. Accesso al Servizio Sanitario Nazionale per i cittadini non comunitari Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA ISTITUTO NAZIONALE SALUTE, MIGRAZIONI E POVERTÀ MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELL INTERNO Fondo Europeo per l'integrazione dei cittadini di Paesi terzi INFORMASALUTE

Dettagli

Elenco Comuni del Piemonte con fogli di mappa suddivisi per zona altimetrica

Elenco Comuni del Piemonte con fogli di mappa suddivisi per zona altimetrica TORINO 001001 AGLIE' 16,17,20,21,24,25,26,27,28,29,30,31,32,33,34,35,36,37,38,39,40,41,42,43,44, 1,2,3,4,5,6,7,8,9,10,11,12,13,14,15,18,19,22,23 45,46,47,48,49,50,51,52,53,54 TORINO 001002 AIRASCA 5,6,7,8,9,10,11,12,13,14,15,16,17,18,19,20,21,22,23,24,25,26,27,28,29,30,31

Dettagli

D.G.R. N. 1938 DEL 31.07.2015 COPIA NON UFFICIALE

D.G.R. N. 1938 DEL 31.07.2015 COPIA NON UFFICIALE D.G.R. N. 1938 DEL 31.07.2015 COPIA NON UFFICIALE Attuazione del Patto verticale incentivato per l'anno 2015. Secondo riparto e assegnazione delle quote a seguito del D.L. n. 78/2015. Premesso che: l art.

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU49 04/12/2014

REGIONE PIEMONTE BU49 04/12/2014 REGIONE PIEMONTE BU49 04/12/2014 Comunicato dell Assessorato alla Sanità, livelli essenziali di assistenza, edilizia sanitaria. Graduatorie provvisorie dei Medici Specialisti Pediatri di libera scelta

Dettagli

SERVIZI DI TRASPORTO. Un esempio: fino a 1.000 69. Scopri le nuove tariffe dei servizi di trasporto.

SERVIZI DI TRASPORTO. Un esempio: fino a 1.000 69. Scopri le nuove tariffe dei servizi di trasporto. SERVIZI DI TRASPORTO Scopri le nuove tariffe dei servizi di trasporto. 59 Un esempio: fino a 1.000 69 Per ulteriori informazioni rivolgiti a qualsiasi Banco Informazioni in ESPOSIZIONE MOBILI, al Servizio

Dettagli

ALLEGATO: Classificazione sismica dei Comuni piemontesi COMUNI IN ZONA 3

ALLEGATO: Classificazione sismica dei Comuni piemontesi COMUNI IN ZONA 3 ALLEGATO: Classificazione sismica dei Comuni piemontesi COMUNI IN ZONA 3 obbligati al rispetto delle procedure di cui ai punti 3), 5), 7) e 8) della deliberazione Bagnolo Piemonte Limone Piemonte COMUNI

Dettagli

Punti di distribuzione dei carnet "Bonus bebè"

Punti di distribuzione dei carnet Bonus bebè Punti di distribuzione dei carnet "Bonus bebè" ASL TO1 - via San Secondo 29 bis (per i distretti 1 e 8) al piano terra - via Monginevro 130 (distretto 3) - presso il CUP - via Biscarra 12/10 (distretto

Dettagli

Allegato A AREE DI PROGRAMMAZIONE COMMERCIALE

Allegato A AREE DI PROGRAMMAZIONE COMMERCIALE Allegato A AREE DI PROGRAMMAZIONE COMMERCIALE AREE DI PROGRAMMAZIONE COMMERCIALE TORINO TORINO ALPIGNANO BALDISSERO TORINESE* BEINASCO BORGARO TORINESE CANDIOLO CASELETTE CASELLE TORINESE CASTIGLIONE

Dettagli

CONSIGLIO PROVINCIALE DI TORINO

CONSIGLIO PROVINCIALE DI TORINO CONSIGLIO PROVINCIALE DI TORINO ESTRATTO DI VERBALE DELL ADUNANZA XLIV OGGETTO: SERVIZIO PUBBLICO NON DI LINEA: REGOLAMENTAZIONE DELL'OFFERTA DEI SERVIZI TAXI E NOLEGGIO CON CONDUCENTE, AI SENSI DELL'ART.

Dettagli

MONITORAGGIO stato avanzamento lavori relativo alle amministrazioni comunali della provincia di Torino

MONITORAGGIO stato avanzamento lavori relativo alle amministrazioni comunali della provincia di Torino Torino A.N.A.S. 1 0 0 0 1 1.700.000 0 0 0 1.700.000 Torino A.R.P.A. 1 0 0 0 1 284.000 0 0 0 284.000 Torino Ala di Stura 5 3 0 2 0 362.500 310.000 0 52.500 0 Torino Angrogna 10 1 4 5 0 2.314.000 400.000

Dettagli

INCIDENTI STRADALI 2014 sul territorio metropolitano Statistiche Giugno 2015. A cura del Servizio Programmazione Viabilità

INCIDENTI STRADALI 2014 sul territorio metropolitano Statistiche Giugno 2015. A cura del Servizio Programmazione Viabilità INCIDENTI STRADALI sul territorio metropolitano Statistiche Giugno 2015 A cura del Servizio Programmazione Viabilità Le pagine seguenti contengono le statistiche sui dati degli incidenti stradali con

Dettagli

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel II semestre 2012 Settore residenziale

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel II semestre 2012 Settore residenziale NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel II semestre Settore residenziale a cura dell Ufficio le di Paolo Manzo (referente OMI) data di pubblicazione: 21 giugno 2013 periodo di riferimento:

Dettagli

Opportunità di finanziamento per gli Enti Locali

Opportunità di finanziamento per gli Enti Locali Opportunità di finanziamento per gli Enti Locali a cura di Paolo Pasquetti Saluzzo, 21 gennaio 2005 Indice: 1) NOVITÀ FINANZIARIA 2005 (L. n. 311 del 30/12/2004) 2) DOC.U.P. F.E.S.R. 2000/2006 REGIONE

Dettagli

Biblioteche Civiche Provincia di Torino (Fonte: rilevazione del 2009)

Biblioteche Civiche Provincia di Torino (Fonte: rilevazione del 2009) Biblioteche Civiche Provincia di Torino (Fonte: rilevazione del 2009) Denominazione Indirizzo Comune Prov. Tel E_mail VIA CESARE BATTSTI, 9 AGLIE' TO 0124429253 aglie@ruparpiemonte.it SI VIA STAZIONE,

Dettagli

Settore politiche sociali e famiglia

Settore politiche sociali e famiglia Settore politiche sociali e famiglia Gli Istituti di protezione giuridica delle persone con ridotta autonomia nella competenza degli Enti Gestori dei servizi socio-assistenziali in Provincia di Cuneo.

Dettagli

Opportunità di finanziamento per gli Enti Locali

Opportunità di finanziamento per gli Enti Locali Opportunità di finanziamento per gli Enti Locali a cura di Paolo Pasquetti Saluzzo, 12 gennaio 2006 Indice: 1) NOVITÀ FINANZIARIA 2006 (L. n. 266 del 23.12.2005) 2) DOC.U.P. F.E.S.R. 2000/2006 REGIONE

Dettagli

ATTIVITA ARPA NELLA GESTIONE DELLA RETE DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SUPERFICIALI

ATTIVITA ARPA NELLA GESTIONE DELLA RETE DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SUPERFICIALI ATTIVITA ARPA NELLA GESTIONE DELLA RETE DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SUPERFICIALI Monitoraggio regionale acque superficiali Risultati monitoraggio biologico anno 2010 Parte A Corsi d acqua Parte B Laghi

Dettagli

Dal rapporto sinergico tra pubblico e privato un business case di successo. 27 gennaio 2011 ALBA

Dal rapporto sinergico tra pubblico e privato un business case di successo. 27 gennaio 2011 ALBA Dal rapporto sinergico tra pubblico e privato un business case di successo 27 gennaio 2011 ALBA Ordine del giorno FOTOGRAFIA DI EGEA L attività I numeri L azionariato La governance IL MODELLO INDUSTRIALE

Dettagli

Bando. Progetto Potenzialità e Talento

Bando. Progetto Potenzialità e Talento Bando Art.1 Presupposti del progetto Banca Alpi Marittime Cred. Coop. Carrù SCpA pubblica sul proprio sito internet e rende disponibili presso le proprie filiali nelle province di Cuneo, Torino e Savona

Dettagli

Elaborazione su dati base ISTAT. Elenco Comuni Italiani aggiornato al 1 gennaio 2015 - Esenzioni Imu terreni agricoli - Decreto Legge 4 del 23/01/15

Elaborazione su dati base ISTAT. Elenco Comuni Italiani aggiornato al 1 gennaio 2015 - Esenzioni Imu terreni agricoli - Decreto Legge 4 del 23/01/15 Codice Nord-ovest 01 Piemonte 004 Cuneo 001 A016 Acceglio 1.200 T =Totalmente Montano Comune ESENTE IMU sui Terreni Nord-ovest 01 Piemonte 006 Alessandria 001 A052 Acqui Terme 156 NM =Non montano Tutti

Dettagli

Prontuario delle infrazioni in materia di tutela del patrimonio ambientale (aggiornato al 15 luglio 2008)

Prontuario delle infrazioni in materia di tutela del patrimonio ambientale (aggiornato al 15 luglio 2008) Prontuario delle infrazioni in materia di tutela del patrimonio ambientale (aggiornato al 15 luglio 2008) Nuovo Prontuario leggi di competenza Gev aggiornato al 15 Luglio 2008 AMBIENTE 1 FUORI STRADA pag

Dettagli

PROFILI DEMOGRAFICI 2012 della ASL VC di Vercelli e dei Distretti di Vercelli e della Valsesia

PROFILI DEMOGRAFICI 2012 della ASL VC di Vercelli e dei Distretti di Vercelli e della Valsesia PROFILI DEMOGRAFICI 2012 della ASL VC di Vercelli e dei Distretti di Vercelli e della Valsesia STRUTTURA: S.S. d. UVOS - S.S. Epidemiologia Tel. +39 0161 593976 - Fax. +39 0161 593408 E-mail: epidemiologia@aslvc.piemonte.it

Dettagli

ELENCO UFFICI POSTALI CON RITIRO APPARATO TELEPASS IMMEDIATO

ELENCO UFFICI POSTALI CON RITIRO APPARATO TELEPASS IMMEDIATO AL ACQUI TERME ACQUI TERME VIA ERMENEGILDO TRUCCO, 27 15011 0144-388211 AL ALESSANDRIA ALESSANDRIA 6 PIAZZA LORENZO PEROSI, 10 15121 0131-226461 AL ALESSANDRIA ALESSANDRIA 5 VIA LUIGI TESTORE, 28/30 15121

Dettagli

IL MERCATO IMMOBILIARE IN PIEMONTE

IL MERCATO IMMOBILIARE IN PIEMONTE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE IL MERCATO IMMOBILIARE IN PIEMONTE Immobili industriali e terziario/uffici IL MERCATO IMMOBILIARE IN PIEMONTE Il presente Rapporto sugli immobili

Dettagli

Ordinanze Invernali 2015/2016 : gomme da neve, codice della strada e sanzioni.

Ordinanze Invernali 2015/2016 : gomme da neve, codice della strada e sanzioni. Ordinanze Invernali 2015/2016 : gomme da neve, codice della e sanzioni. Le ordinanze invernali 2015-2016 impongono l uso di gomme da neve (pneumatici invernali) dal 15 2015 fino al 2016 (indicazione generale).

Dettagli

MIUR - Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Ambito Territoriale per la provincia di Torino. Ore. Scuola di Completamento.

MIUR - Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Ambito Territoriale per la provincia di Torino. Ore. Scuola di Completamento. Cattedre_PER MIUR - Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Ambito Territoriale per la provincia di Torino Scuola capofila Comune Cl. concorso Cattedra Assegnazione Docente nominato Note Registrazione

Dettagli

CAMPAGNA GRANDINE 2014 Allegato 3 GRUPPO REALE MUTUA ASSICURAZIONI TARIFFE GRANDINE PROVINCIA DI VERCELLI

CAMPAGNA GRANDINE 2014 Allegato 3 GRUPPO REALE MUTUA ASSICURAZIONI TARIFFE GRANDINE PROVINCIA DI VERCELLI CAMPAGNA GRANDINE 2014 Allegato 3 GRUPPO REALE MUTUA ASSICURAZIONI TARIFFE GRANDINE PROVINCIA DI VERCELLI Prodotto CIAG 10% no 100 100A000 ACTINIDIA 01080601 ALICE CASTELLO 11,43 9,14 2,29 10,29 8,23 2,06

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI CUNEO

UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI CUNEO UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI CUNEO POSTI DISPONIBILI PER SUPPLENZE POSTI ACCANTONATI N. 0 CLASSE DI CONCORSO A028 - ARTE E IMMAGINE Classe di concorso Posto orario SEDE Sede completamento DOCENTE

Dettagli

TARIFFE GTT PRONTUARIO 2015

TARIFFE GTT PRONTUARIO 2015 TARIFFE GTT PRONTUARIO 2015 RETE EXTRAURBANA E FERROVIE PTE.2015.4b COMMERCIALE & MARKETING ISTRUZIONI Questo prontuario fornisce le informazioni indispensabili e necessarie per l emissione, la vendita

Dettagli

PER L AFFIDAMENTO NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI TORINO DEL SERVIZIO DI ACCOGLIENZA ED ASSISTENZA DI CITTADINI STRANIERI RICHIEDENTI PROTEZIONE

PER L AFFIDAMENTO NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI TORINO DEL SERVIZIO DI ACCOGLIENZA ED ASSISTENZA DI CITTADINI STRANIERI RICHIEDENTI PROTEZIONE 1A V V I S O P U B B L I C O PER L AFFIDAMENTO NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI TORINO DEL SERVIZIO DI ACCOGLIENZA ED ASSISTENZA DI CITTADINI STRANIERI RICHIEDENTI PROTEZIONE INTERNAZIONALE FINO ALLA

Dettagli

Effettuate tutte le necessarie verifiche tecniche sul territorio e tenuto conto delle risorse disponibili, saranno definiti gli interventi da avviare.

Effettuate tutte le necessarie verifiche tecniche sul territorio e tenuto conto delle risorse disponibili, saranno definiti gli interventi da avviare. Effettuate tutte le necessarie verifiche tecniche sul territorio e tenuto conto delle risorse disponibili, saranno definiti gli interventi da avviare. INTERVENTI DI REALIZZAZIONE BACKHAUL MEDIANTE RETE

Dettagli

L apertura è prevista entro fine 2017. The opening is expected by the end of 2017.

L apertura è prevista entro fine 2017. The opening is expected by the end of 2017. L apertura è prevista entro fine 2017. The opening is expected by the end of 2017. 24.860 mq GLA Torino Retail Park sqm Torino Retail Park GLA 1 Food Court (negozi/bar/ristoranti) Food Court (shops/bars/restaurants)

Dettagli

Carta dei Servizi Asl CN1

Carta dei Servizi Asl CN1 Carta dei Servizi Asl CN1 1 Consultando la Carta dei Servizi il cittadino dovrebbe ricevere tutte le informazioni necessarie ad utilizzare le strutture nel migliore dei modi, per ottenere efficaci ed efficienti

Dettagli

2. RIFIUTI URBANI: PRODUZIONE E RACCOLTA DIFFERENZIATA

2. RIFIUTI URBANI: PRODUZIONE E RACCOLTA DIFFERENZIATA 2. RIFIUTI URBANI: PRODUZIONE E RACCOLTA DIFFERENZIATA 2.1 Situazione 2006 La seguente tabella fornisce un quadro di sintesi della situazione 2006. La produzione complessiva di rifiuti urbani nel periodo

Dettagli

PIEMONTE denominazione di origine controllata. Disciplinare di produzione

PIEMONTE denominazione di origine controllata. Disciplinare di produzione PIEMONTE denominazione di origine controllata Disciplinare di produzione Articolo 1 Denominazione. La denominazione di origine controllata "Piemonte" è riservata ai vini che rispondono alle condizioni

Dettagli

Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio. Le parole chiave APPROFONDIMENTO (II LIVELLO)

Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio. Le parole chiave APPROFONDIMENTO (II LIVELLO) Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio Le parole chiave CREDITO APPROFONDIMENTO (II LIVELLO) Gennaio 2005 AVVERTENZA Quanto contenuto nei materiali di ogni parola chiave è stato raccolto

Dettagli

Case di riposo per anziani in Piemonte: quante, quali, dove

Case di riposo per anziani in Piemonte: quante, quali, dove ISTITUTO RICERCHE ECONOMICO-SOCIALI DEL PIEMONTE VIA BOGINO 21-10123 TORINO - TEL.(011) 88051 - FAX (011) 8123723 Documenti Ires n. 1/96 Case di riposo per anziani in Piemonte: quante, quali, dove Luigi

Dettagli

Sezione Gruppo Descrizione intervento 95014 103419,74 Beneficiario

Sezione Gruppo Descrizione intervento 95014 103419,74 Beneficiario ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALPINI Libro Verde 2010 NUMERO DONATORI DI SANGUE ATTIVI 167 inserire il numero dei donatori attivi nella casella rossa a sinistra Totale ore Totale somma Sezione Gruppo Descrizione

Dettagli

Prefettura di Torino Ufficio Territoriale del Governo PIANO PROVINCIALE PER LA RICERCA DI PERSONE SCOMPARSE

Prefettura di Torino Ufficio Territoriale del Governo PIANO PROVINCIALE PER LA RICERCA DI PERSONE SCOMPARSE PIANO PROVINCIALE PER LA RICERCA DI PERSONE SCOMPARSE Edizione gennaio 2014 Indice 1.SCOPO p. 2 2. SCENARI p. 2 3. INDIVIDUAZIONE DEI SOGGETTI COINVOLTI p. 3 4.DEFINIZIONI DI PERSONA SCOMPARSA p. 4 5 TIPOLOGIA

Dettagli

RISULTATI Safety Vehicle 2013

RISULTATI Safety Vehicle 2013 Contributi nel campo della protezione civile e della tutela ambientale per l'acquisto di mezzi per il capillare monitoraggio del territorio. Settore Protezione Civile Scadenza 28 giugno 2013 Stanziamento

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA BARBERA DEL MONFERRATO

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA BARBERA DEL MONFERRATO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA BARBERA DEL MONFERRATO Approvato con DPR 09.01.1970 G.U. 72-21.03.1970 Modificato con DPR 11.10.1978 G.U. 162-14.06.1979 Modificato

Dettagli

PROGETTO PER IL SERVIZIO DI RITIRO E RECUPERO DI OLI VEGETALI ESAUSTI PRODOTTI DALLE FAMIGLIE

PROGETTO PER IL SERVIZIO DI RITIRO E RECUPERO DI OLI VEGETALI ESAUSTI PRODOTTI DALLE FAMIGLIE PROGETTO PER IL SERVIZIO DI RITIRO E RECUPERO DI OLI VEGETALI ESAUSTI PRODOTTI DALLE FAMIGLIE Dal 1911 CuboTank da lt 1.000 Comuni ove sono stati ubicati i cubotank da 1.000 lt. per la raccolta degli oli

Dettagli

CASALE MONFERRATO CASALE PIAZZA C. BATTISTI, 25 MONFERRATO ALESSANDRIA CASALE

CASALE MONFERRATO CASALE PIAZZA C. BATTISTI, 25 MONFERRATO ALESSANDRIA CASALE Regione Piemonte - Uffici postali abilitati Invio delle istanze di nulla osta per l'assunzione di lavoratori stranieri relativamente al lavoro subordinato, domestico, stagionale Provincia Comune Località

Dettagli

Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio. Le parole chiave SCHEDA

Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio. Le parole chiave SCHEDA Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio Le parole chiave SANITÀ SCHEDA Gennaio 2005 AVVERTENZA Quanto contenuto nei materiali di ogni parola chiave è stato raccolto nel secondo semestre del

Dettagli

Prot.n. 9668/U/C32a Torino, 05 Novembre 2015

Prot.n. 9668/U/C32a Torino, 05 Novembre 2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Ufficio IV Educazione Fisica e Sportiva Torino Via S.Tommaso 17 10121 Torino e-mail : uef.to@usrpiemonte.it

Dettagli

Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio. Le parole chiave SCHEDA

Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio. Le parole chiave SCHEDA Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio Le parole chiave INNOVAZIONE SCHEDA Gennaio 2005 AVVERTENZA Quanto contenuto nei materiali di ogni parola chiave è stato raccolto nel secondo semestre

Dettagli

INFORMASALUTE. I Servizi Sanitari di TORINO. e Provincia. Accesso al Servizio Sanitario Nazionale per i Cittadini stranieri

INFORMASALUTE. I Servizi Sanitari di TORINO. e Provincia. Accesso al Servizio Sanitario Nazionale per i Cittadini stranieri Progetto co-finanziato dall Unione Europea Istituto Nazionale Salute, Migrazioni e Povertà Ministero della Salute Dipartimento della Prevenzione e Comunicazione Ministero dell Interno Dipartimento per

Dettagli

COMUNE DI SOMMARIVA PERNO PROVINCIA DI CUNEO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 4

COMUNE DI SOMMARIVA PERNO PROVINCIA DI CUNEO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 4 COPIA COMUNE DI SOMMARIVA PERNO PROVINCIA DI CUNEO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 4 OGGETTO: SERVIZIO DISTRIBUZIONE DEL GAS METANO SUL TERRITORIO COMUNALE. ATTIVAZIONE PROCEDURA PER

Dettagli

COMUNE DI CASTELLINALDO. Provincia di Cuneo

COMUNE DI CASTELLINALDO. Provincia di Cuneo COPIA COMUNE DI CASTELLINALDO Provincia di Cuneo VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n. 03 OGGETTO: Servizio distribuzione del gas metano sul territorio comunale. Attivazione procedura per il

Dettagli

APPROVATO BANDO DELLA PROVINCIA DI TORINO

APPROVATO BANDO DELLA PROVINCIA DI TORINO APPROVATO IL PIANO FORMATIVO D AREA DAL TITOLO POTENZIAMENTO DELLE COMPETENZE STRATEGICHE, ORGANIZZATIVE, GESTIONALI E TECNICHE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI TORINO BANDO DELLA PROVINCIA DI TORINO SOGGETTO

Dettagli

011/0561050 011/853012 procivicos@yahoo.it X X. 349/4263369 enrico.pise@libero.it X X X X 011/9340653 011/9340653

011/0561050 011/853012 procivicos@yahoo.it X X. 349/4263369 enrico.pise@libero.it X X X X 011/9340653 011/9340653 PROVINCIA DI LEGALE FA SITO INTERNET INDIRIZO E-MAIL "NUOVO RINASCIMENTO - VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA COMUNITA' DI SCIENTOLOGY" siglabile PRO.CIVI.COS Via Vittorio Bersezio 7 10152 011/0561050

Dettagli

Politecnico di Torino. Porto Institutional Repository

Politecnico di Torino. Porto Institutional Repository Politecnico di Torino Porto Institutional Repository [Book] Sedi municipali in Piemonte : un sistema di beni da monitorare Original Citation: Bartolozzi C., Novelli F. (2013). Sedi municipali in Piemonte

Dettagli

Politecnico di Torino. Porto Institutional Repository

Politecnico di Torino. Porto Institutional Repository Politecnico di Torino Porto Institutional Repository [Book] Sedi municipali in Piemonte : un sistema di beni da monitorare Original Citation: Bartolozzi C., Novelli F. (2013). Sedi municipali in Piemonte

Dettagli

1 0. OBIETTIVI E PERCORSO METODOLOGICO DELL ANALISI

1 0. OBIETTIVI E PERCORSO METODOLOGICO DELL ANALISI I N D I C E 1 0. OBIETTIVI E PERCORSO METODOLOGICO DELL ANALISI 9 1. L AREA OGGETTO DI STUDIO 9 1.0. Premessa 10 1.1. La struttura produttiva 20 1.2. Il terziario 22 1.3. Dinamiche residenziali 24 1.4.

Dettagli

Assegni di Studio. Elenco Sportelli accreditati per il rilascio delle credenziali di Sistema Piemonte

Assegni di Studio. Elenco Sportelli accreditati per il rilascio delle credenziali di Sistema Piemonte Assegni di Studio Elenco Sportelli accreditati per il rilascio delle credenziali di Sistema Piemonte Per ottenere il rilascio delle credenziali necessarie per utilizzare la procedura di presentazione degli

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2014

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2014 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 LAGO DI ORTA - EX REGIONE AGRARIA N. 6 - PARTE - MONTAGNA VERBANO SUPERIORE - EX REGIONE AGRARIA N. 7 - PARTE - Comuni di: AMENO, ARMENO, MIASINO, ORTA SAN GIULIO,

Dettagli

Snam Rete Gas Abbinamento Comuni - Ambito di Prelievo Anno Termico 2010-2011

Snam Rete Gas Abbinamento Comuni - Ambito di Prelievo Anno Termico 2010-2011 Snam Rete Gas Abbinamento Comuni - Ambito di Prelievo Anno Termico 2010-2011 ISTAT COMUNE PROVINCIA REGIONE 1001 AGLIE' TO PIEMONTE NOC Nord Occidentale 1002 AIRASCA TO PIEMONTE NOC Nord Occidentale 1003

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Prot. n. 93421 del 29 dicembre 2014 Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE, DELLA QUALITÀ AGROALIMENTARE, IPPICHE E DELLA PESCA DIREZIONE GENERALE

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 N. 1 ALTE VALLI DEL CURONE E DEL BORBERA N.2 ALTO LEMME Comuni di: ALBERA LIGURE, CABELLA LIGURE, CANTALUPO LIGURE, CARREGA LIGURE, FABBRICA CURONE, GREMIASCO,

Dettagli

Area Territorio, Trasporti e Protezione Civile Ufficio Fabbisogno Abitativo Sociale

Area Territorio, Trasporti e Protezione Civile Ufficio Fabbisogno Abitativo Sociale Area Territorio, Trasporti e Protezione Civile Ufficio Fabbisogno Abitativo Sociale OSSERVATORIO PROVINCIALE SUL SISTEMA INSEDIATIVO RESIDENZIALE E FABBISOGNO ABITATIVO SOCIALE RAPPORTO INFORMATIVO Aggiornamento

Dettagli

sistemapiemonte Mappa ragionata dei fabbisogni di banda nelle province piemontesi 2008 sistemapiemonte.it

sistemapiemonte Mappa ragionata dei fabbisogni di banda nelle province piemontesi 2008 sistemapiemonte.it sistemapiemonte Mappa ragionata dei fabbisogni di banda nelle province piemontesi 2008 sistemapiemonte.it WI-PIE LINEA STRATEGICA 1- CONOSCERE IL TERRITORIO OSSERVATORIO ICT DEL PIEMONTE MAPPA RAGIONATA

Dettagli

Torino, 17 dicembre 2008

Torino, 17 dicembre 2008 Tori, 17 dicembre 2008 PIANO OPERATIVO PER L ADOZIONE DI PROVVEDIMENTI URGENTI NELLE AREE A RISCHIO REDATTO DALLA COMMISSIONE PREPOSTA ALLA ANALISI E VALUTAZIONE DEGLI SCENARI DI RISCHIO VALANGHIVO SUI

Dettagli

Area Territorio, Trasporti e Protezione Civile Ufficio Fabbisogno Abitativo Sociale

Area Territorio, Trasporti e Protezione Civile Ufficio Fabbisogno Abitativo Sociale Area Territorio, Trasporti e Protezione Civile Ufficio Fabbisogno Abitativo Sociale OSSERVATORIO PROVINCIALE SUL SISTEMA INSEDIATIVO RESIDENZIALE E FABBISOGNO ABITATIVO SOCIALE RAPPORTO INFORMATIVO Aggiornamento

Dettagli

6. L'energia idroelettrica

6. L'energia idroelettrica 6. L'energia idroelettrica 6.1 INTRODUZIONE In Italia, l energia idroelettrica ha giocato un ruolo particolarmente rilevante dalla metà degli anni venti fino agli anni cinquanta, mentre negli anni sessanta-ottanta

Dettagli

Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio. Le parole chiave

Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio. Le parole chiave Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio Le parole chiave FONDAZIONI BANCARIE Gennaio 2005 AVVERTENZA Quanto contenuto nei materiali di ogni parola chiave è stato raccolto nel secondo semestre

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI CUNEO

UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI CUNEO UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI CUNEO POSTI DISPONIBILI PER RUOLO E SUPPLENZE POSTI ACCANTONATI N. 0 CLASSE DI CONCORSO A028 - ARTE E IMMAGINE legenda: R= ruolo UT=utilizzo AP= ass.provv. Classe di concorso

Dettagli

Risorse ASSE IV LEADER PSR 2007-2013 Le Misure del PSR sono state integrate tra loro e i Bandi coordinati e pubblicati in maniera congiunta

Risorse ASSE IV LEADER PSR 2007-2013 Le Misure del PSR sono state integrate tra loro e i Bandi coordinati e pubblicati in maniera congiunta Strategia di sviluppo turistico per Langhe e Roero e Bandi Pubblici di finanziamento ASSE IV LEADER P.S.R. REGIONE PIEMONTE 2007-2013 PRESENTAZIONE LINEE DI INTERVENTO E MISURE OCCORRE ORA DIVERSIFICARE

Dettagli

LE SEDI SUL TERRITORIO: NOVARA V.le Roma, 7-28100 0321.374396 / Fax 0321.374396 spresal.nov@asl.novara.it

LE SEDI SUL TERRITORIO: NOVARA V.le Roma, 7-28100 0321.374396 / Fax 0321.374396 spresal.nov@asl.novara.it REGIONE PIEMONTE A.S.L. NO - NOVARA Sede Legale: Via dei Mille, 2-28100 NOVARA P. IVA 01522670031 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE s.c. S.PRE.S.A.L. Direttore Dott. Biagio Calò LE SEDI SUL TERRITORIO: NOVARA

Dettagli

con il patrocinio della e locazioni turistiche Vercelli e provincia n. 16 Rilevazioni al dicembre

con il patrocinio della e locazioni turistiche Vercelli e provincia n. 16 Rilevazioni al dicembre con il patrocinio della e locazioni turistiche Vercelli e provincia n. 16 Rilevazioni al dicembre 2 0 1 3 LISTINO IMMOBILIARE E LOCAZIONI TURISTICHE VALSESIA La formazione del listino è avvenuta in regime

Dettagli

C./CL. A028/ED. ARTISTICA

C./CL. A028/ED. ARTISTICA POSTI DEL POTENZIAMENTO 2015/16 - FASE C SC. SEC. di I GRADO L. 107/2015 (ART. 1 CO. 98 LETT.C) C./CL. A028/ED. ARTISTICA I.C. ALBERTI TORINO A028 1 ALIGHIERI TORINO A028 1 ALVARO - MODIGLIANI TORINO A028

Dettagli

Aggiornamento GENNAIO 2015

Aggiornamento GENNAIO 2015 1 ASSOCIAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE INTERCOLLINARE ATO CHIERI VIA ROASCHIA 59 10023 CHIERI C/O TERZI TIZIANO CHIERI 3343060623 011 4230089 14-gen-02 2002 17-set-12 15 TERZI TIZIANO 2 ASSOCIAZIONE PROTEZIONE

Dettagli

Osservatorio Fabbisogno Abitativo Sociale. REPORT giugno 2013

Osservatorio Fabbisogno Abitativo Sociale. REPORT giugno 2013 P I A N O T E R R I T O R I A L E D I C O O R D I N A M E N T O P R O V I N C I A L E Osservatorio Fabbisogno Abitativo Sociale REPORT giugno 2013 Arch. Stefania Falletti Responsabile Osservatorio Fabbisogno

Dettagli

Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio. Le parole chiave SCHEDA

Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio. Le parole chiave SCHEDA Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio Le parole chiave UNIVERSITÀ SCHEDA Gennaio 2005 AVVERTENZA Quanto contenuto nei materiali di ogni parola chiave è stato raccolto nel secondo semestre

Dettagli

Chivasso: Porta Est del Servizio Ferroviario Metropolitano e hub della mobilità territoriale

Chivasso: Porta Est del Servizio Ferroviario Metropolitano e hub della mobilità territoriale Associazione Culturale Identità Comune - Chivasso Chivasso: Porta Est del Servizio Ferroviario Metropolitano e hub della mobilità territoriale Razionalizzare il servizio migliorare l interscambio collegare

Dettagli

110 ALESSANDRIA IT86L0100003245110300154435 99679 OVADESE - NOVI LIGURE 110 ALESSANDRIA IT52S0100003245110300099679

110 ALESSANDRIA IT86L0100003245110300154435 99679 OVADESE - NOVI LIGURE 110 ALESSANDRIA IT52S0100003245110300099679 CONTO DESCRIZIONE TES DESCRIZIONE IBAN 35410 CA.COM.IND.ART.AGR.ALESSANDRIA 110 ALESSANDRIA IT18C0100003245110300035410 48342 AZ.USL N. 20-ALESSANDRIA (COR) 110 ALESSANDRIA IT25T0100003245110300048342

Dettagli

Costo intervento per abitante in Euro Centrale padre per MOMBARUZZO e 2 Fontanile COSTO TOTALE PROPOSTA PROVINCIA COSTO TOT. COMPRESE CENTRALI PADRE

Costo intervento per abitante in Euro Centrale padre per MOMBARUZZO e 2 Fontanile COSTO TOTALE PROPOSTA PROVINCIA COSTO TOT. COMPRESE CENTRALI PADRE INTERVENTI INFRATEL/TELECOM SU ASTIGIANE Costi espressi in K T. Centrale padre MOMBARUZZO e 2 Fontanile 572 431 99,4 99,4 CASTELLET MOLINA. Attraverso 173,78 MOMBARUZZO serve anche parte di QUARANTI La

Dettagli

Guida ai Servizi Sanitari per Immigrati

Guida ai Servizi Sanitari per Immigrati Guida aiservizisanitari perimmigrati Unostrumentodilavoro destinatoatuttiglioperatoripubblicieprivati nell areametropolitanaditorino cheoffronoservizisanitariapersoneimmigrate chenonsonoiscrittealserviziosanitarionazionale

Dettagli

Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio. Le parole chiave SCHEDA

Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio. Le parole chiave SCHEDA Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio Le parole chiave MOBILITÀ SCHEDA Gennaio 2005 AVVERTENZA Quanto contenuto nei materiali di ogni parola chiave è stato raccolto nel secondo semestre

Dettagli

CURRICULUM PROFESSIONALE

CURRICULUM PROFESSIONALE CURRICULUM PROFESSIONALE BORGOGNO VALTER Data di nascita 19 marzo 1971 Indirizzo Via Marino, 20 12044 CENTALLO (CN) Ordine degli Ingegneri di Cuneo n. A1284 dal 2000 Iscritto negli elenchi Ministero dell

Dettagli

SEDE VERCELLI. Via Laviny 36-13100 Vercelli Tel./Fax. 0161/255542 E-mail: fnp.vercelli@tiscali.it Orario: Lunedì-Venerdì ore 9.00-12.30 15.00-18.

SEDE VERCELLI. Via Laviny 36-13100 Vercelli Tel./Fax. 0161/255542 E-mail: fnp.vercelli@tiscali.it Orario: Lunedì-Venerdì ore 9.00-12.30 15.00-18. VERCELLI Via Laviny 36-13100 Vercelli Tel./Fax. 0161/255542 E-mail: fnp.vercelli@tiscali.it Orario: Lunedì-Venerdì ore 9.00-12.30 15.00-18.30 CARESANA c/o Oratorio parrocchiale Mercoledì ore 9.30-11.30

Dettagli

INCENTIVI ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA E AL PASSAGGIO TASSA/TARIFFA

INCENTIVI ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA E AL PASSAGGIO TASSA/TARIFFA Capitolo 6 Incentivi alla raccolta differenziata e al passaggio da tassa a tariffa 6. INCENTIVI ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA E AL PASSAGGIO TASSA/TARIFFA Fin dal 2002 la Provincia di Torino, per far fronte

Dettagli

Informazioni organizzate per farsi trovare pronti. OPPORTUNITA LA RUBRICA DELLE

Informazioni organizzate per farsi trovare pronti. OPPORTUNITA LA RUBRICA DELLE LA RUBRICA DELLE OPPORTUNITA Informazioni organizzate per farsi trovare pronti. Messaggio del Presidente della Provincia di Torino Colpisce spesso, improvvisamente, a tradimento. Travolge le persone come

Dettagli

Premessa. Introduzione

Premessa. Introduzione Premessa Il presente documento descrive le attività di realizzazione del programma di interventi per lo sviluppo della banda larga nella Regione Piemonte e viene allegato alla Convenzione Operativa prevista

Dettagli

INCENTIVI ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA, ALLE INIZIATIVE PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI E AL PASSAGGIO TASSA/TARIFFA

INCENTIVI ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA, ALLE INIZIATIVE PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI E AL PASSAGGIO TASSA/TARIFFA Capitolo 6 Incentivi alla raccolta differenziata, alle iniziative per la riduzione della produzione dei rifiuti e al passaggio da tassa a tariffa 6. INCENTIVI ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA, ALLE INIZIATIVE

Dettagli

NESSUNA SCUSA, LA BORSA SI RIUSA! Elenco supermercati aderenti alla campagna promozionale. Catena commerciale Indirizzo Comune Prov

NESSUNA SCUSA, LA BORSA SI RIUSA! Elenco supermercati aderenti alla campagna promozionale. Catena commerciale Indirizzo Comune Prov NESSUNA SCUSA, LA BORSA SI RIUSA! Elenco supermercati aderenti alla campagna promozionale Catena commerciale Indirizzo Comune Prov CONAD Via Corso Asti 24 ALBA CN CONAD Via Matteotti 71 ANDORNO MICCA BI

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Decreto Ministeriale 17 settembre 2010 DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA PIEMONTE. (G.U. n 233 del 5 ottobre 2010)

Dettagli

Indagine conoscitiva Spostamenti casa-lavoro dei dipendenti della ASL TO1

Indagine conoscitiva Spostamenti casa-lavoro dei dipendenti della ASL TO1 1 A.S.L. TO1 Indagine conoscitiva Spostamenti casa-lavoro dei dipendenti della ASL TO1 QUESTIONARIO ON-LINE periodo 1-30 Dicembre 2008 Indagine conoscitiva Spostamenti casa lavoro dei dipendenti della

Dettagli

Bando 2014 per la concessione di aiuti a sostegno di programmi di investimento delle imprese del Canavese

Bando 2014 per la concessione di aiuti a sostegno di programmi di investimento delle imprese del Canavese Programma di sviluppo del Canavese Area Centro per l impiego di Ivrea Bando 2014 per la concessione di aiuti a sostegno di programmi di investimento delle imprese del Canavese 1 Finalità Al fine di sostenere

Dettagli

POLIZZA GLOBALE FABBRICATI CONSISTENZA FABBRICATI A.T.C. AL 16/06/2014

POLIZZA GLOBALE FABBRICATI CONSISTENZA FABBRICATI A.T.C. AL 16/06/2014 costruiti con il contributo dello Stato Codice tà fabbricato Indirizzo POLIZZA GLOBALE FABBRICATI CONSISTENZA FABBRICATI A.T.C. AL 16/06/2014 come ) 0005 Alba C.so Piave, 83/1 2 3 24,00 0014 Alba Str.

Dettagli

5. ATTIVITA DI FINANZIAMENTO DELLA PROGETTAZIONE TERRITORIALE DELLE RACCOLTE DIFFERENZIATE E COSTI DELLA GESTIONE RIFIUTI

5. ATTIVITA DI FINANZIAMENTO DELLA PROGETTAZIONE TERRITORIALE DELLE RACCOLTE DIFFERENZIATE E COSTI DELLA GESTIONE RIFIUTI 5. ATTIVITA DI FINANZIAMENTO DELLA PROGETTAZIONE TERRITORIALE DELLE RACCOLTE DIFFERENZIATE E COSTI DELLA GESTIONE RIFIUTI 5.1. Introduzione Le difficoltà di spesa riscontrate negli anni passati, di seguito

Dettagli

Uffici territoriali delle Entrate in Piemonte. Alessandria

Uffici territoriali delle Entrate in Piemonte. Alessandria Alessandria Direzione provinciale delle Entrate di Alessandria e Ufficio territoriale delle Entrate di Alessandria Comune: Alessandria - Indirizzo: Piazza Turati, 4 - CAP: 15121 Telefono: 0131/2001 - Fax:

Dettagli

ELENCO IMPIANTI STRADALI GPL DENOMINAZIONE TITOLARE COMUNE INDIRIZZO AUTOGAS NORD S.P.A. ACQUI TERME VIA FATEBENEFRATELLI 15 COLLINO & C S.P.A.

ELENCO IMPIANTI STRADALI GPL DENOMINAZIONE TITOLARE COMUNE INDIRIZZO AUTOGAS NORD S.P.A. ACQUI TERME VIA FATEBENEFRATELLI 15 COLLINO & C S.P.A. ELENCO IMPIANTI STRADALI GPL DENOMINAZIONE TITOLARE COMUNE INDIRIZZO AUTOGAS NORD S.P.A. ACQUI TERME VIA FATEBENEFRATELLI 15 COLLINO & C S.P.A. ACQUI TERME VIA CASSAROGNA 24 ENI S.P.A. DIVISIONE REFINING

Dettagli

Elenco immobili per ASSICURAZIONE

Elenco immobili per ASSICURAZIONE Elenco immobili per ASSICURAZIONE RIEPILOGO EDIFICI ISTITUZIONALI: 137.179.374,50 EDIFICI SCOLASTICI: 971.732.750,00 EDIFICI VARI: 141.767.124,75 EDIFICI VIABILITA': 25.697.900,00 TOTALE 1.276.377.149,25

Dettagli