La banda larga: base per il nuovo sviluppo economico del territorio veneto. Profili economici: 38

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La banda larga: base per il nuovo sviluppo economico del territorio veneto. Profili economici: 38"

Transcript

1 La banda larga: base per il nuovo sviluppo economico del territorio veneto Profili economici: 38

2

3 La banda larga: base per il nuovo sviluppo economico del territorio veneto Profili economici: 38

4 La pubblicazione è stata elaborata nell ambito di un progetto co-finanziato dal Fondo di Perequazione, nell ambito dell accordo di Programma Ministero Sviluppo Economico e Unioncamere nazionale. Il progetto Servizi avanzati di IT e banda larga, risparmio energetico e trasferimento tecnologico è stato realizzato dall Azienda Speciale Treviso Tecnologia. Hanno collaborato alla redazione: Elisa Alberti, Franca Bandiera, Dario Bottazzi, Marco Galanti, Roberto Santolamazza Impaginato a cura di: Treviso Tecnologia Stampa TrevisoStampa 2

5 Indice Prefazione 4 Abstract 7 1. Introduzione 8 2. Stato dell arte delle tecnologie per lo sviluppo di reti a banda larga L architettura delle reti in tecnologia FTTC L architettura delle reti in tecnologia FTTH Confronto fra tecnologie FTTC ed FTTH Sfide ed opportunità nello sviluppo delle iniziative in tema di banda larga Le nuove opportunità che emergono nello sviluppo delle reti a banda larga Le sfide nella realizzazione delle reti a banda larga Linee guida per la realizzazione delle reti a banda larga Azioni per la realizzazione delle reti Pubblica Amministrazione Operatori delle telecomunicazioni Fornitori di servizi Associazioni di categoria e società civile Conclusioni 54 Ringraziamenti 57 Riferimenti 58 3

6 Prefazione In questi mesi si è molto discusso del tema della realizzazione di infrastrutture per telecomunicazioni a banda larga. Certamente non possiamo non riconoscere che la diffusione delle tecnologie Internet ha cambiato profondamente le nostre abitudini. Oggi possiamo solo immaginare con fatica come sarebbe la nostra vita quotidiana o il nostro lavoro se non potessimo disporre dei servizi e applicazioni disponibili sul Web. Tuttavia, nonostante i rilevanti sforzi profusi da amministrazioni ed imprese, il territorio veneto non garantisce ancora in modo uniforme la possibilità di beneficiare delle tecnologie Internet. Il problema, di per sé complesso, è ulteriormente amplificato se consideriamo l impatto delle difficoltà di accesso alle reti da parte del tessuto produttivo regionale. Se da un lato la disponibilità delle nuove infrastrutture è certamente importante per la cittadinanza, è altrettanto vero che le reti a banda larga costituiscono un forte incentivo per le imprese che intendono innovare i loro processi operativi, i prodotti che realizzano o servizi che erogano. Inoltre, le reti a banda larga sono senza dubbio un elemento abilitante tanto per l internazionalizzazione delle imprese venete, quanto per l attrazione di investimenti esteri. Tuttavia, la realizzazione delle nuove infrastrutture richiede di superare notevoli problemi. L alto costo di realizzazione delle infrastrutture, insieme all esigenza di realizzare opere in aree a fallimento di mercato, richiedono di individuare nuovi spazi di collaborazione fra amministrazioni locali, Regione e operatori delle telecomunicazioni. Inoltre, la necessità di garantire sostenibilità economica alle iniziative in tema di reti a banda larga rende necessario promuovere il mercato dei servizi, e delle applicazioni di ICT permettendo di modulare nel tempo gli investimenti necessari al completamento delle infrastrutture.

7 Il presente report parte da queste considerazioni e analizza le molteplici iniziative che si sono sviluppate nei territori, inserendole in un quadro d insieme in cui diversi attori possono operare in modo sinergico al fine di innescare un circolo virtuoso che permetta di diffondere competenze, servizi, applicazioni, e prodotti innovativi che beneficiano delle più moderne tecnologie dell informazione e delle telecomunicazioni. In particolare, in questa prospettiva, l Amministrazione Pubblica copre il ruolo di facilitatore e garante dei processi di innovazione, non solo dal punto di vista del co-finanziamento di alcune opere, ma soprattutto per quanto concerne il coordinamento e la sintesi delle attività che si articolano sul territorio. Questo, da un lato promuove l investimento degli operatori delle telecomunicazioni sul territorio e, dall altro, permette lo sviluppo di attività di impresa nei servizi e nella consulenza avanzata. Infine, ulteriori considerazioni vanno fatte in merito al ruolo di associazioni e società civile che, evidentemente, possono semplificare la realizzazione di processi di formazione e di disseminazione rispetto alle opportunità offerte dalla diffusione delle nuove tecnologie. Il documento non si limita a sintetizzare le numerose attività realizzate negli ultimi anni al fine di favorire la realizzazione di reti a banda larga. Al contrario, a partire da quanto è stato sinora fatto, e tenendo conto delle peculiarità del territorio veneto, il report mira infatti ad identificare una possibile strategia di breve e medio periodo per la realizzazione delle nuove reti. Infatti, l agenda di lavoro che si propone non emerge solo dall analisi della letteratura scientifica di settore, ma ha beneficiato del diretto coinvolgimento di diversi attori del territorio che si occupano del tema innovazione tecnologica. IL PRESIDENTE DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI TREVISO Nicola Tognana

8 6

9 Abstract Le tecnologie Internet hanno modificato le nostre abitudini, il nostro modo di comunicare, la relazione fra cittadini e Pubblica Amministrazione e hanno creato nuove opportunità per lo sviluppo di imprese e territori. La crescente rilevanza del mercato delle tecnologie dell Informazione e delle Telecomunicazioni (Information and Communications Technology ICT), e le previsioni disponibili rispetto alla loro evoluzione, evidenziano come questo processo, iniziato in tempi relativamente recenti, sia destinato a proseguire e ad amplificarsi negli anni a venire, consentendo la realizzazione di servizi innovativi in diversi scenari applicativi che, solo per fare alcuni esempi, vanno dalla realizzazione di soluzioni per Smart-City, al miglioramento nella gestione delle risorse ambientali, allo streaming di programmi televisivi, sino all erogazione di servizi di assistenza domiciliare. Le Piccole e Medie Imprese (PMI) venete potranno e dovranno essere protagoniste di questo processo, cogliendo nuove opportunità di sviluppo del loro business con i conseguenti riflessi sul sistema produttivo locale sia in termini economici, che occupazionali. Sin ora, tanto Regione Veneto, quanto gli Enti Locali e i principali attori economici presenti sul territorio hanno indirizzato notevoli sforzi volti a promuovere e facilitare la diffusione delle tecnologie Internet nell area veneta. Tuttavia, molto lavoro è ancora necessario per creare le condizioni che consentano al tessuto produttivo veneto di intraprendere l importante azione d innovazione offerta dai più recenti sviluppi delle discipline dell ICT. Questo documento parte dall analisi del lavoro sin ora svolto sul territorio regionale, e propone un agenda di lavoro che mira a innescare un circolo virtuoso composto di azioni sinergiche in grado di favorire i processi di innovazione coinvolgendo cittadini, Amministrazioni e imprese. 7

10 1. Introduzione Sino ad ora, il territorio veneto è stato un indiscusso protagonista dell economia nazionale. La realtà produttiva regionale costituisce un vero e proprio riferimento di livello europeo, con eccellenze in diversi settori produttivi che spaziano dalla moda, all ottica, alla nautica, sino all artigianato ed al turismo. Le aziende venete sono principalmente PMI che occupano un numero limitato di collaboratori mentre, nel panorama regionale, appaiono come decisamente minoritarie, se non addirittura eccezioni, le imprese di medio/grandi dimensioni. Inoltre, il tessuto produttivo veneto è caratterizzato da un imprenditoria estremamente diffusa e, negli anni, sono fiorite decine di aree e distretti industriali che ormai coprono il territorio regionale senza soluzione di continuità [1]. Sebbene queste peculiarità abbiano sin ora facilitato lo sviluppo armonico dell economia e della società veneta, consentendo un ampia distribuzione della notevole ricchezza prodotta sul territorio, appare evidente come lo scenario macro-economico in cui le imprese sono chiamate ad operare sia profondamente mutato negli ultimi anni. Ormai, appare in modo sempre più chiaro l esigenza di competere in mercati allargati, in cui le dinamiche di domanda e offerta travalicano i confini nazionali e continentali per svilupparsi a livello internazionale [2]. In questo scenario, la dimensione degli attori economici veneti è, almeno in prospettiva, un elemento fortemente penalizzante, e si evidenziano già i primi segnali dell erosione della capacità competitiva del sistema produttivo regionale, con notevoli riflessi che si manifestano sia dal punto di vista economico che da quello occupazionale [3]. Offrire risposte alle nuove sfide aperte dalla necessità di aggredire mercati emergenti e di competere a livello internazionale è certamente 8

11 un attività complessa che richiede di identificare e analizzare a fondo le ragioni alla base del deficit di competitività del tessuto imprenditoriale regionale, e di definire un agenda politica in grado di favorire lo sviluppo dell economia locale. Infatti, se da un lato alcune delle ragioni della perdita di competitività del sistema produttivo regionale dipendono certamente da vincoli imposti dallo scenario nazionale quali, ad esempio, l elevata pressione fiscale sulle imprese, o la difficoltà nell accesso al credito, appare d altro canto evidente come gli attori a livello locale e regionale possano contribuire molto nella realizzazione di condizioni operative favorevoli per le imprese: in questo senso è necessario adottare un approccio pragmatico identificando obiettivi, non solo di breve, ma anche di medio e lungo periodo che consentano di innescare dinamiche economiche anti-cicliche con ampie ricadute sull intera realtà produttiva della regione. Raccogliere queste sfide richiede certamente una politica alta e una visione largamente condivisa sul modello di sviluppo della società e dell economia per gli anni a venire. Molte sono le linee operative che possono essere considerate, a partire, ad esempio, dall incentivo alla diffusione di tecnologie di produzione per le energie rinnovabili, alla valorizzazione delle notevoli competenze maturate sul territorio nell ambito delle nano-tecnologie o della produzione di beni di lusso. Sebbene queste considerazioni siano rilevanti, appare comunque evidente come, anche in virtù della loro applicabilità trasversale, le tecnologie di ICT non possano non essere uno dei pilastri su cui basare lo sviluppo del territorio veneto. Le tecnologie di ICT hanno cambiato radicalmente le abitudini e il modo di vivere e lavorare degli individui, ed oggi offrono nuove opportunità di sviluppo delle imprese che, solo per fare alcuni esempi, permettono il miglioramento di controllo e gestione dei cicli produttivi, l ottimizzazione dei processi operativi, l accesso alla conoscenza tecnico-scientifica ed ai mercati internazionali, e la realizzazione di prodotti e servizi innovativi. 9

12 Tuttavia, nonostante gli sforzi profusi dall Amministrazione Regionale, appare abbastanza evidente dall analisi del territorio veneto la presenza di un rilevante deficit in termini di disponibilità di infrastrutture per le telecomunicazioni, precondizione abilitante per l implementazione dei processi di innovazione di processo e prodotto di cui necessita l economia regionale [4]. Infatti, non tutte le aree produttive del territorio sono ancora raggiunte da dorsali di rete. Questo rende preoccupanti le prospettive delle imprese sulla possibilità, anche nel medio termine, di accedere a servizi ed applicazioni Internet. Inoltre, anche nei territori in cui le dorsali sono disponibili, le tecnologie impiegate per le connessioni di ultimo miglio che servono l utenza hanno ormai raggiunto i loro limiti di banda e sono soggette a stringenti vincoli tecnici che non le rendono adeguate per soddisfare le effettive esigenze delle imprese. Queste considerazioni richiedono di ripensare e riprogettare il modello di sviluppo del settore delle telecomunicazioni nel territorio regionale. In particolare, sosteniamo la necessità di adottare tecnologie di rete a banda larga realizzando infrastrutture in grado di servire cittadini ed imprese. Lungo questa linea, ed in accordo con opinioni unanimemente condivise nella comunità tecnico-scientifica, appare evidente la necessità di focalizzare gli sforzi verso la realizzazione di soluzioni di networking basate su fibra ottica che, come è stato largamente dimostrato, sono in grado di coniugare alte performance tecniche a bassi costi operativi e di gestione [5]. Tuttavia, nonostante la rilevanza del tema, la realizzazione delle reti per le telecomunicazioni a banda larga è un attività particolarmente complessa che, nonostante i più recenti sviluppi tecnologici, richiede ancora l investimento di notevoli risorse. Di conseguenza, oggi nessun operatore delle telecomunicazioni che opera a livello locale o nazionale è in grado di fornire le garanzie finanziarie necessarie per avviare l infrastrutturazione a banda larga dell intero territorio veneto. Gli operatori del mercato 10

13 delle telecomunicazioni sono tuttalpiù in grado di realizzare reti su scala metropolitana e, in ogni caso, solo per i principali centri urbani, dove l investimento per la realizzazione delle infrastrutture può essere soggetto ad ammortamenti di medio termine. Di conseguenza, appare fondamentale un intervento della Pubblica Amministrazione volto ad abilitare la diffusione delle tecnologie favorendo, da un lato, la definizione di modelli di sviluppo delle infrastrutture di rete basati sul Partenariato Pubblico-Privato (PPP) e, dall altro, facilitando la realizzazione di tutte le condizioni operative che possono promuovere la realizzazione delle nuove infrastrutture. Lungo queste direzioni, appare evidente la necessità di un intervento diretto della Pubblica Amministrazione tramite il co-finanziamento e la realizzazione di opere in aree in cui non è possibile garantire la redditività degli investimenti. Il mancato impegno delle Amministrazioni nella realizzazione di reti a banda larga si tradurrebbe infatti nell allargamento del divario nelle opportunità di accesso alla rete Internet fra le aree urbane e le aree rurali, con fortissime ripercussioni sul modello di sviluppo economico della regione. Tuttavia, a fianco di questo impegno, appare altrettanto importante la conduzione di attività che permettano di abbattere i costi di pianificazione, progettazione e posa delle opere. In particolare, appare cruciale identificare tutte le soluzioni allo stato dell arte che consentano di minimizzare le attività di scavo necessarie per la posa delle reti, mirando, per quanto possibile, al riuso di cavidotti liberi o parzialmente occupati da infrastrutture tecnologiche del sottosuolo quali, ad esempio, la rete di distribuzione elettrica, la rete di illuminazione pubblica, la rete fognaria, la rete di tele-riscaldamento, la rete idrica, ecc. Il riuso delle infrastrutture del sottosuolo non solo minimizza il costo di realizzazione delle opere, ma consente di ridurre gli episodi di danneggiamento accidentale delle 11

14 infrastrutture durante gli scavi, e permette di evitare problemi alla viabilità urbana determinati dal protrarsi dei cantieri [6]. Queste considerazioni sono rilevanti di per sé, ma hanno particolare rilievo nello scenario operativo veneto dato l elevatissimo costo che è necessario sostenere quando si opera in aree caratterizzate da un ricco patrimonio storico, artistico e culturale. Infine, insieme ad attività di carattere prettamente tecnico, appare cruciale operare sul lato della domanda delle tecnologie di ICT, con l obiettivo di promuovere e di consolidare il mercato del settore, riducendo così in modo significativo il rischio d impresa per gli operatori e favorendo i loro investimenti sul territorio. In questo senso, appare cruciale muoversi su diversi piani che vanno dalla formazione, alla divulgazione tecnicoscientifica, alla realizzazione e sperimentazione di servizi e applicazioni pensate e progettate per operare in ambienti di rete a banda larga, sino alla promozione e valutazione di esperienze pilota orientate alla sperimentazione delle tecnologie di ICT nelle PMI del territorio. Ovviamente, benché il vero obiettivo dello sviluppo delle tecnologie sul territorio sia l accrescimento della produttività delle imprese, le dinamiche del mercato delle telecomunicazioni sono fortemente influenzate dal segmento definito dall utenza domestica, rendendo necessaria ed opportuna una pianificazione delle iniziative in tema di innovazione che tenga conto anche del tessuto sociale regionale, con positivi effetti sia in termini di condivisione e partecipazione nella definizione degli obiettivi di progetto, sia in termini di consenso politico necessario alla realizzazione di complessi investimenti. Il presente documento discute questi temi e propone un insieme di azioni coordinate volte a valutare impatto ed implicazioni della realizzazione di reti di accesso a banda larga sul tessuto produttivo delle piccole e medie imprese venete. Il documento è organizzato come segue. La Se- 12

15 zione 2 mira a chiarire alcuni aspetti tecnologici relativi alla realizzazione delle reti per le telecomunicazioni a banda larga. La Sezione 3 presenta le sfide e le opportunità emergenti nello sviluppo delle nuove reti di accesso a banda larga. La Sezione 4 suggerisce delle linee guida volte a promuovere la realizzazione di reti a banda larga, mentre la Sezione 5 propone un articolato insieme di azioni che, a nostro parere, dovrebbero essere messe in atto negli anni a venire. Seguono le conclusioni. 13

16 2. Stato dell arte delle tecnologie per lo sviluppo di reti a banda larga In tempi recenti il crescente interesse di Amministrazione e industria rispetto alla realizzazione di infrastrutture di rete a banda larga o a banda ultra-larga ha riscosso una notevole eco sui media nazionali. Inoltre, le importanti attività svolte a livello Europeo e Nazionale per la definizione di una Agenda Digitale largamente condivisa nella società hanno portato alla diffusione di un crescente livello di consapevolezza rispetto alla valenza strategica del tema. Tuttavia, nonostante l interesse diffuso, riteniamo opportuno chiarire i principali elementi tecnologici che caratterizzano le reti a banda larga, evidenziando caratteristiche tecniche e differenze delle principali soluzioni ed il rapporto costo/prestazioni delle diverse opzioni di progetto disponibili. Anzitutto, con il termine ampiezza di banda intendiamo il numero di bit che possono essere comunicati in un intervallo di tempo attraverso una determinata sezione di rete e, di conseguenza, la banda viene misurata in bit per secondo (bps). Termini utilizzati per riferirsi alla banda sono spesso il Kilo-bit per secondo (Kbps), equivalente a 1024 bps, o il Mega-bit per secondo (Mbps), pari a 1024 Kbps o, infine, il Giga-bit per secondo (Gbps) che corrisponde a 1024 Mbps. Le reti disponibili per le aziende del territorio veneto sono normalmente basate su tecnologie ADSL/HDSL che offrono un ampiezza di banda dell ordine del Mbps. In altri casi, nelle aree in cui reti ADSL/HDSL non sono disponibili, le aziende venete possono utilizzare connessioni basate su tecnologie wireless quali, ad esempio, la rete HiperLAN che offre ampiezza di banda dell ordine delle decine di Mbps. Queste infrastrutture vengono ormai considerate reti a banda stretta (o narrow band): nel presente documento intendiamo come reti a banda larga infrastrutture per le telecomunica- 14

17 zioni in grado di fornire all utenza la disponibilità di ampiezze di banda dell ordine delle centinaia di Mbps [7, 8, 9]. Benché l ampiezza di banda non sia l unico elemento di qualità che i tecnici considerano nei progetti di rete, è altrettanto vero che la disponibilità di larghe ampiezze di banda sia facilmente percepibile dall utenza finale. Infatti, l ampiezza di banda della rete è una risorsa condivisa fra gli utenti che competono per il suo consumo. Questo discorso è particolarmente vero nel caso delle aziende, poiché la banda disponibile viene condivisa fra tutti gli impiegati che accedono a servizi e risorse di rete. L ampiezza di banda percepita da un utente è quindi decisamente inferiore rispetto a quella resa nominalmente disponibile all impresa in cui opera. Per esempio, nel caso di un impresa di 50 dipendenti l ampiezza di banda offerta da una linea ADSL a 20 Mbps dovrebbe essere divisa fra tutti gli operatori e, in prima approssimazione, possiamo stimare che la banda disponibile per un utente abbia un lower-bound di 0.4 Mbps, assolutamente insufficiente per operare in modo agevole con servizi e applicazioni di rete. Inoltre, la banda si differenzia in banda disponibile in upload ed in download. La banda in download è utilizzata per ricevere (o come si dice in gergo scaricare ) informazioni, mentre la banda in upload è disponibile per comunicare (ovvero caricare informazioni). L utenza residenziale è particolarmente interessata alla disponibilità di banda in download, che consente di operare in modo agevole utilizzando applicazioni Internet tradizionali quali il Web o la mail. Al contrario le imprese hanno l esigenza di operare utilizzando connessioni dette simmetriche, in cui l ampiezza di banda disponibile in upload sia analoga a quella di download, requisito disatteso dalle tecnologie di rete diffuse sul territorio veneto. L interesse verso soluzioni tecnologiche di networking che garantiscano elevata ampiezza di banda in upload deriva dall esigenza, sempre 15

18 più evidente per le imprese, di beneficiare di servizi quali, ad esempio, la videoconferenza, il backup e il failure recovery dei dati, o semplicemente di gestire e registrare dati e documenti tramite servizi Web allocati al di fuori del perimetro aziendale. A partire dai primi anni 90, la crescita dei requisiti di banda dei servizi Internet, insieme all allargamento dell utenza hanno promosso lo sviluppo di tecnologie per la realizzazione di reti a banda larga in grado di operare in condizioni di simmetria. L interesse della comunità tecnicoscientifica si è focalizzato verso la promozione di tre principali tecnologie per la realizzazione di reti a banda larga: Hybrid Fibre-Coaxial (HFC) Fiber-To-The-Cabinet (FTTC) Fiber-To-The-Home (FTTH) Tutte le soluzioni condividono l utilizzo di infrastrutture basate su portanti in fibra ottica per garantire la possibilità effettuare comunicazioni con banda dell ordine delle decine di Gbps. Inoltre, al di là degli elementi relativi alle performance, le reti in fibra ottica sono caratterizzate da una maggiore affidabilità, una minore incidenza dei guasti, e si prestano alla realizzazione di connessioni in modo semplice ed economicamente vantaggioso [10]. Tuttavia, le diverse architetture differiscono per la natura del mezzo trasmissivo utilizzato per la connessione degli utenti finali. Nel caso delle reti in tecnologia HFC [11] le connessioni sono realizzate tramite cavo coassiale, le reti FTTC utilizzano invece il cosiddetto doppino in rame che viene impiegato nelle reti ADSL/ HDSL, mentre le reti FTTH prevedono connessioni terminali in fibra ottica. Queste caratteristiche hanno forte impatto rispetto al costo di realizzazione delle reti, all impegno necessario per il loro controllo e gestione, e ai livelli di servizio che possono essere offerti all utenza. Di seguito focalizzeremo la nostra attenzione sulle tecnologie FTTC e 16

19 FTTH tralasciando la discussione della tecnologia HFC, che nello scenario operativo della Regione Veneto, risultano di scarso interesse. Infatti, a differenza di paesi in cui negli scorsi anni le tecnologie di rete coassiale sono state largamente sviluppate, lo scenario regionale del Veneto, al pari dello scenario nazionale, è caratterizzato dalla disponibilità di reti in rame utilizzate per realizzare connessioni ADSL/HDSL. Di conseguenza, le opzioni di progetto per lo sviluppo di reti a banda larga nel territorio del Veneto si devono orientare principalmente verso: architetture FTTC che consentono di riutilizzare le connessioni in rame esistenti e correntemente impiegate per reti ADSL/HDSL; architetture FTTH che richiedono di investire nella posa di portanti in fibra ottica in grado di connettere l utenza finale. La scelta del modello di networking più opportuno per soddisfare le esigenze dei cittadini e delle imprese del Veneto non è un attività semplice ma, al contrario, come sarà evidente nel seguito, richiede di prendere in considerazione una molteplicità di fattori e di considerare l impatto delle scelte anche nel medio/lungo termine nei diversi scenari operativi. Infatti, indipendentemente dal modello di rete che si intende adottare sottolineiamo la necessità di valutare con attenzione caratteristiche e peculiarità delle soluzioni, tenendo conto sia del costo di realizzazione delle infrastrutture, sia del costo di gestione operativa dei sistemi, e identificando i più opportuni compromessi costo/prestazioni. 2.1 L architettura delle reti in tecnologia FTTC L architettura di una rete FTTC è rappresentata in Figura 1. Come evidente dalla figura a partire dalla backbone (o dorsale) in fibra ottica si diramano rilegamenti di rete che arrivano alle cosiddette centraline. Le centraline consentono di connettere l utenza finale alla rete in fibra ottica utilizzando doppini in rame. In particolare, ad ogni utenza è 17

20 associato un singolo cavo, e una centralina è tipicamente in grado di connettere 1000/2000 utenze alla rete. La centralina è un apparato attivo e conseguentemente richiede di essere continuamente alimentata e gestita dal punto di vista sistemistico. Infatti, non sono infrequenti guasti e malfunzionamenti ad apparati elettronici installati in ambienti outdoor in prossimità delle abitazioni, ed è necessario effettuare regolari ispezioni per garantirne il corretto funzionamento. Inoltre, i limiti di attenuazione dei doppini in rame possono richiedere di rigenerare il segnale in ulteriori apparati attivi che consentono una corretta trasmissione dei segnali. Legenda dorsale rilegamento doppino centralina Fig. 1. Architettura di rete in tecnologia FTTC Nel tempo le soluzioni di rete in tecnologie FTTC si sono evolute in maniera significativa rendendo possibile l erogazione di connettività a banda larga per l utenza finale sino a bit rate dell ordine delle decine di Mbps nel caso delle very high-speed Digital Subscriber Line (vdsl) e, più recentemente, delle centinaia di Mbps per la tecnologia vdsl2. In ogni caso, è difficile pensare che le tecnologie di tipo FTTC possano nel tempo consentire consistenti miglioramenti nella disponibilità di banda verso l utenza. Infatti, all aumento dell ampiezza di banda corrisponde un aumento del rumore nella trasmissione. Di conseguenza aumentare in modo significativo la banda richiede di operare con tratte in rame dalla lunghezza sempre minore, oppure di rigenerare il segnale tramite una molteplicità di dispositivi attivi posizionati in prossimità delle utenze, 18

21 con evidente aumento nei costi di realizzazione, gestione e manutenzione dei sistemi. 2.2 L architettura delle reti in tecnologia FTTH La Figura 2 mostra l architettura di un infrastruttura di rete in tecnologia FTTH [12]. La figura evidenzia anzitutto una backbone da cui si diramano vari rilegamenti. I rilegamenti non terminano in apparati attivi ma, al contrario, arrivano a dispositivi passivi detti splitter che hanno il compito di saldare con la backbone le fibre che arrivano all utenza finale [13]. Ogni fibra del rilegamento consente di connettere sino a 32 utenze finali. La tecnologia di networking è basata su Passive Optical Network che, dati i bassi livelli di attenuazione del segnale garantiti dal mezzo ed al basso livello di rumore nello spettro utilizzato per le comunicazioni, consentono di operare con fibre di notevole lunghezza, senza la necessità di amplificare o rigenerare il segnale trasmesso. Legenda dorsale rilegamento splitter Fig. 2. Architettura di rete in tecnologia FTTH L ampiezza di banda erogabile all utenza è particolarmente rilevante. Infatti è oggi molto ragionevole ipotizzare di potere operare erogando connettività con banda dell ordine delle centinaia di Mbps. Tuttavia, le caratteristiche tecnologiche del mezzo consentono di raggiungere in modo relativamente semplice ampiezze di banda dell ordine di grandezza del Gbps [14]. 19

22 2.3 Confronto fra tecnologie FTTC ed FTTH Le tecnologie FTTC ed FTTH costituiscono certamente interessanti opportunità per la realizzazione di infrastrutture di rete in banda larga. L adozione delle diverse tecnologie suggerisce diverse scelte nel rapporto costi/benefici e richiede un attenta pianificazione delle infrastrutture [15, 5]. Certamente, nel contesto operativo definito dal territorio veneto la realizzazione di reti in fibra ottica in tecnologia FTTC richiede investimenti iniziali molto minori di quelli che sarebbero necessari per la realizzazione delle infrastrutture in tecnologia FTTH. Le connessioni in rame necessarie per la realizzazione di connessioni in tecnologia FTTC sono infatti largamente disponibili, rendendo necessario limitare gli investimenti all estensione delle dorsali ed all acquisizione ed installazione delle centraline. Nel caso in cui si intenda focalizzare l attenzione verso le reti in tecnologia FTTH, il costo di realizzazione delle infrastrutture deve considerare le importanti opere civili necessarie alla posa della fibra sino alle utenze finali. Inoltre, la notevole ampiezza delle opere civili necessarie per la posa delle fibre richiede di considerare tempi di realizzazione relativamente più lunghi, data la necessità di ottenere il permesso per le opere di scavo necessarie alla posa delle reti, avviare i cantieri, ecc. In termini economici tuttavia, il confronto fra le tecnologie FTTC ed FTTH sarebbe parziale se non affrontassimo il tema dei costi operativi e di gestione della rete. Il confronto rispetto ai costi operativi di gestione delle reti in tecnologia FTTC ed FTTH è mostrato in Figura 3. Come evidente in figura, il costo operativo delle reti FTTH risulta notevolmente inferiore rispetto alla loro controparte FTTC [16]. La natura passiva delle reti in tecnologia FTTH consente infatti la realizzazione di una infrastruttura composta da elementi molto semplici che difficilmente sono soggetti a guasti durante l esercizio, minimizzando i costi per: 20

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Scheda descrittiva del progetto

Scheda descrittiva del progetto Scheda descrittiva del progetto 1. Anagrafica di progetto Titolo Banda ultralarga Acronimo (se esiste) UltraNet Data Inizio Data Fine 01/09/2011 31/12/2014 Budget totale (migliaia di euro) 60,50k Responsabile

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Milano, 8 Maggio 2014 Sala Pirelli Palazzo Pirelli Esperienze di telemedicina in Regione Lombardia e sanità elettronica

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

NOInet è una No Profit Utility con lo scopo di creare posti di lavoro a livello locale e di reinvestire gli utili in tre direzioni:

NOInet è una No Profit Utility con lo scopo di creare posti di lavoro a livello locale e di reinvestire gli utili in tre direzioni: NOInet è una cooperativa di Comunità che nasce dal presupposto che internet è un bene comune a cui tutti possano accedere ad un costo accessibile con standard qualitativi elevati. Per questo con NOInet

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee IL CONTESTO

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli