La banda larga: base per il nuovo sviluppo economico del territorio veneto. Profili economici: 38

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La banda larga: base per il nuovo sviluppo economico del territorio veneto. Profili economici: 38"

Transcript

1 La banda larga: base per il nuovo sviluppo economico del territorio veneto Profili economici: 38

2

3 La banda larga: base per il nuovo sviluppo economico del territorio veneto Profili economici: 38

4 La pubblicazione è stata elaborata nell ambito di un progetto co-finanziato dal Fondo di Perequazione, nell ambito dell accordo di Programma Ministero Sviluppo Economico e Unioncamere nazionale. Il progetto Servizi avanzati di IT e banda larga, risparmio energetico e trasferimento tecnologico è stato realizzato dall Azienda Speciale Treviso Tecnologia. Hanno collaborato alla redazione: Elisa Alberti, Franca Bandiera, Dario Bottazzi, Marco Galanti, Roberto Santolamazza Impaginato a cura di: Treviso Tecnologia Stampa TrevisoStampa 2

5 Indice Prefazione 4 Abstract 7 1. Introduzione 8 2. Stato dell arte delle tecnologie per lo sviluppo di reti a banda larga L architettura delle reti in tecnologia FTTC L architettura delle reti in tecnologia FTTH Confronto fra tecnologie FTTC ed FTTH Sfide ed opportunità nello sviluppo delle iniziative in tema di banda larga Le nuove opportunità che emergono nello sviluppo delle reti a banda larga Le sfide nella realizzazione delle reti a banda larga Linee guida per la realizzazione delle reti a banda larga Azioni per la realizzazione delle reti Pubblica Amministrazione Operatori delle telecomunicazioni Fornitori di servizi Associazioni di categoria e società civile Conclusioni 54 Ringraziamenti 57 Riferimenti 58 3

6 Prefazione In questi mesi si è molto discusso del tema della realizzazione di infrastrutture per telecomunicazioni a banda larga. Certamente non possiamo non riconoscere che la diffusione delle tecnologie Internet ha cambiato profondamente le nostre abitudini. Oggi possiamo solo immaginare con fatica come sarebbe la nostra vita quotidiana o il nostro lavoro se non potessimo disporre dei servizi e applicazioni disponibili sul Web. Tuttavia, nonostante i rilevanti sforzi profusi da amministrazioni ed imprese, il territorio veneto non garantisce ancora in modo uniforme la possibilità di beneficiare delle tecnologie Internet. Il problema, di per sé complesso, è ulteriormente amplificato se consideriamo l impatto delle difficoltà di accesso alle reti da parte del tessuto produttivo regionale. Se da un lato la disponibilità delle nuove infrastrutture è certamente importante per la cittadinanza, è altrettanto vero che le reti a banda larga costituiscono un forte incentivo per le imprese che intendono innovare i loro processi operativi, i prodotti che realizzano o servizi che erogano. Inoltre, le reti a banda larga sono senza dubbio un elemento abilitante tanto per l internazionalizzazione delle imprese venete, quanto per l attrazione di investimenti esteri. Tuttavia, la realizzazione delle nuove infrastrutture richiede di superare notevoli problemi. L alto costo di realizzazione delle infrastrutture, insieme all esigenza di realizzare opere in aree a fallimento di mercato, richiedono di individuare nuovi spazi di collaborazione fra amministrazioni locali, Regione e operatori delle telecomunicazioni. Inoltre, la necessità di garantire sostenibilità economica alle iniziative in tema di reti a banda larga rende necessario promuovere il mercato dei servizi, e delle applicazioni di ICT permettendo di modulare nel tempo gli investimenti necessari al completamento delle infrastrutture.

7 Il presente report parte da queste considerazioni e analizza le molteplici iniziative che si sono sviluppate nei territori, inserendole in un quadro d insieme in cui diversi attori possono operare in modo sinergico al fine di innescare un circolo virtuoso che permetta di diffondere competenze, servizi, applicazioni, e prodotti innovativi che beneficiano delle più moderne tecnologie dell informazione e delle telecomunicazioni. In particolare, in questa prospettiva, l Amministrazione Pubblica copre il ruolo di facilitatore e garante dei processi di innovazione, non solo dal punto di vista del co-finanziamento di alcune opere, ma soprattutto per quanto concerne il coordinamento e la sintesi delle attività che si articolano sul territorio. Questo, da un lato promuove l investimento degli operatori delle telecomunicazioni sul territorio e, dall altro, permette lo sviluppo di attività di impresa nei servizi e nella consulenza avanzata. Infine, ulteriori considerazioni vanno fatte in merito al ruolo di associazioni e società civile che, evidentemente, possono semplificare la realizzazione di processi di formazione e di disseminazione rispetto alle opportunità offerte dalla diffusione delle nuove tecnologie. Il documento non si limita a sintetizzare le numerose attività realizzate negli ultimi anni al fine di favorire la realizzazione di reti a banda larga. Al contrario, a partire da quanto è stato sinora fatto, e tenendo conto delle peculiarità del territorio veneto, il report mira infatti ad identificare una possibile strategia di breve e medio periodo per la realizzazione delle nuove reti. Infatti, l agenda di lavoro che si propone non emerge solo dall analisi della letteratura scientifica di settore, ma ha beneficiato del diretto coinvolgimento di diversi attori del territorio che si occupano del tema innovazione tecnologica. IL PRESIDENTE DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI TREVISO Nicola Tognana

8 6

9 Abstract Le tecnologie Internet hanno modificato le nostre abitudini, il nostro modo di comunicare, la relazione fra cittadini e Pubblica Amministrazione e hanno creato nuove opportunità per lo sviluppo di imprese e territori. La crescente rilevanza del mercato delle tecnologie dell Informazione e delle Telecomunicazioni (Information and Communications Technology ICT), e le previsioni disponibili rispetto alla loro evoluzione, evidenziano come questo processo, iniziato in tempi relativamente recenti, sia destinato a proseguire e ad amplificarsi negli anni a venire, consentendo la realizzazione di servizi innovativi in diversi scenari applicativi che, solo per fare alcuni esempi, vanno dalla realizzazione di soluzioni per Smart-City, al miglioramento nella gestione delle risorse ambientali, allo streaming di programmi televisivi, sino all erogazione di servizi di assistenza domiciliare. Le Piccole e Medie Imprese (PMI) venete potranno e dovranno essere protagoniste di questo processo, cogliendo nuove opportunità di sviluppo del loro business con i conseguenti riflessi sul sistema produttivo locale sia in termini economici, che occupazionali. Sin ora, tanto Regione Veneto, quanto gli Enti Locali e i principali attori economici presenti sul territorio hanno indirizzato notevoli sforzi volti a promuovere e facilitare la diffusione delle tecnologie Internet nell area veneta. Tuttavia, molto lavoro è ancora necessario per creare le condizioni che consentano al tessuto produttivo veneto di intraprendere l importante azione d innovazione offerta dai più recenti sviluppi delle discipline dell ICT. Questo documento parte dall analisi del lavoro sin ora svolto sul territorio regionale, e propone un agenda di lavoro che mira a innescare un circolo virtuoso composto di azioni sinergiche in grado di favorire i processi di innovazione coinvolgendo cittadini, Amministrazioni e imprese. 7

10 1. Introduzione Sino ad ora, il territorio veneto è stato un indiscusso protagonista dell economia nazionale. La realtà produttiva regionale costituisce un vero e proprio riferimento di livello europeo, con eccellenze in diversi settori produttivi che spaziano dalla moda, all ottica, alla nautica, sino all artigianato ed al turismo. Le aziende venete sono principalmente PMI che occupano un numero limitato di collaboratori mentre, nel panorama regionale, appaiono come decisamente minoritarie, se non addirittura eccezioni, le imprese di medio/grandi dimensioni. Inoltre, il tessuto produttivo veneto è caratterizzato da un imprenditoria estremamente diffusa e, negli anni, sono fiorite decine di aree e distretti industriali che ormai coprono il territorio regionale senza soluzione di continuità [1]. Sebbene queste peculiarità abbiano sin ora facilitato lo sviluppo armonico dell economia e della società veneta, consentendo un ampia distribuzione della notevole ricchezza prodotta sul territorio, appare evidente come lo scenario macro-economico in cui le imprese sono chiamate ad operare sia profondamente mutato negli ultimi anni. Ormai, appare in modo sempre più chiaro l esigenza di competere in mercati allargati, in cui le dinamiche di domanda e offerta travalicano i confini nazionali e continentali per svilupparsi a livello internazionale [2]. In questo scenario, la dimensione degli attori economici veneti è, almeno in prospettiva, un elemento fortemente penalizzante, e si evidenziano già i primi segnali dell erosione della capacità competitiva del sistema produttivo regionale, con notevoli riflessi che si manifestano sia dal punto di vista economico che da quello occupazionale [3]. Offrire risposte alle nuove sfide aperte dalla necessità di aggredire mercati emergenti e di competere a livello internazionale è certamente 8

11 un attività complessa che richiede di identificare e analizzare a fondo le ragioni alla base del deficit di competitività del tessuto imprenditoriale regionale, e di definire un agenda politica in grado di favorire lo sviluppo dell economia locale. Infatti, se da un lato alcune delle ragioni della perdita di competitività del sistema produttivo regionale dipendono certamente da vincoli imposti dallo scenario nazionale quali, ad esempio, l elevata pressione fiscale sulle imprese, o la difficoltà nell accesso al credito, appare d altro canto evidente come gli attori a livello locale e regionale possano contribuire molto nella realizzazione di condizioni operative favorevoli per le imprese: in questo senso è necessario adottare un approccio pragmatico identificando obiettivi, non solo di breve, ma anche di medio e lungo periodo che consentano di innescare dinamiche economiche anti-cicliche con ampie ricadute sull intera realtà produttiva della regione. Raccogliere queste sfide richiede certamente una politica alta e una visione largamente condivisa sul modello di sviluppo della società e dell economia per gli anni a venire. Molte sono le linee operative che possono essere considerate, a partire, ad esempio, dall incentivo alla diffusione di tecnologie di produzione per le energie rinnovabili, alla valorizzazione delle notevoli competenze maturate sul territorio nell ambito delle nano-tecnologie o della produzione di beni di lusso. Sebbene queste considerazioni siano rilevanti, appare comunque evidente come, anche in virtù della loro applicabilità trasversale, le tecnologie di ICT non possano non essere uno dei pilastri su cui basare lo sviluppo del territorio veneto. Le tecnologie di ICT hanno cambiato radicalmente le abitudini e il modo di vivere e lavorare degli individui, ed oggi offrono nuove opportunità di sviluppo delle imprese che, solo per fare alcuni esempi, permettono il miglioramento di controllo e gestione dei cicli produttivi, l ottimizzazione dei processi operativi, l accesso alla conoscenza tecnico-scientifica ed ai mercati internazionali, e la realizzazione di prodotti e servizi innovativi. 9

12 Tuttavia, nonostante gli sforzi profusi dall Amministrazione Regionale, appare abbastanza evidente dall analisi del territorio veneto la presenza di un rilevante deficit in termini di disponibilità di infrastrutture per le telecomunicazioni, precondizione abilitante per l implementazione dei processi di innovazione di processo e prodotto di cui necessita l economia regionale [4]. Infatti, non tutte le aree produttive del territorio sono ancora raggiunte da dorsali di rete. Questo rende preoccupanti le prospettive delle imprese sulla possibilità, anche nel medio termine, di accedere a servizi ed applicazioni Internet. Inoltre, anche nei territori in cui le dorsali sono disponibili, le tecnologie impiegate per le connessioni di ultimo miglio che servono l utenza hanno ormai raggiunto i loro limiti di banda e sono soggette a stringenti vincoli tecnici che non le rendono adeguate per soddisfare le effettive esigenze delle imprese. Queste considerazioni richiedono di ripensare e riprogettare il modello di sviluppo del settore delle telecomunicazioni nel territorio regionale. In particolare, sosteniamo la necessità di adottare tecnologie di rete a banda larga realizzando infrastrutture in grado di servire cittadini ed imprese. Lungo questa linea, ed in accordo con opinioni unanimemente condivise nella comunità tecnico-scientifica, appare evidente la necessità di focalizzare gli sforzi verso la realizzazione di soluzioni di networking basate su fibra ottica che, come è stato largamente dimostrato, sono in grado di coniugare alte performance tecniche a bassi costi operativi e di gestione [5]. Tuttavia, nonostante la rilevanza del tema, la realizzazione delle reti per le telecomunicazioni a banda larga è un attività particolarmente complessa che, nonostante i più recenti sviluppi tecnologici, richiede ancora l investimento di notevoli risorse. Di conseguenza, oggi nessun operatore delle telecomunicazioni che opera a livello locale o nazionale è in grado di fornire le garanzie finanziarie necessarie per avviare l infrastrutturazione a banda larga dell intero territorio veneto. Gli operatori del mercato 10

13 delle telecomunicazioni sono tuttalpiù in grado di realizzare reti su scala metropolitana e, in ogni caso, solo per i principali centri urbani, dove l investimento per la realizzazione delle infrastrutture può essere soggetto ad ammortamenti di medio termine. Di conseguenza, appare fondamentale un intervento della Pubblica Amministrazione volto ad abilitare la diffusione delle tecnologie favorendo, da un lato, la definizione di modelli di sviluppo delle infrastrutture di rete basati sul Partenariato Pubblico-Privato (PPP) e, dall altro, facilitando la realizzazione di tutte le condizioni operative che possono promuovere la realizzazione delle nuove infrastrutture. Lungo queste direzioni, appare evidente la necessità di un intervento diretto della Pubblica Amministrazione tramite il co-finanziamento e la realizzazione di opere in aree in cui non è possibile garantire la redditività degli investimenti. Il mancato impegno delle Amministrazioni nella realizzazione di reti a banda larga si tradurrebbe infatti nell allargamento del divario nelle opportunità di accesso alla rete Internet fra le aree urbane e le aree rurali, con fortissime ripercussioni sul modello di sviluppo economico della regione. Tuttavia, a fianco di questo impegno, appare altrettanto importante la conduzione di attività che permettano di abbattere i costi di pianificazione, progettazione e posa delle opere. In particolare, appare cruciale identificare tutte le soluzioni allo stato dell arte che consentano di minimizzare le attività di scavo necessarie per la posa delle reti, mirando, per quanto possibile, al riuso di cavidotti liberi o parzialmente occupati da infrastrutture tecnologiche del sottosuolo quali, ad esempio, la rete di distribuzione elettrica, la rete di illuminazione pubblica, la rete fognaria, la rete di tele-riscaldamento, la rete idrica, ecc. Il riuso delle infrastrutture del sottosuolo non solo minimizza il costo di realizzazione delle opere, ma consente di ridurre gli episodi di danneggiamento accidentale delle 11

14 infrastrutture durante gli scavi, e permette di evitare problemi alla viabilità urbana determinati dal protrarsi dei cantieri [6]. Queste considerazioni sono rilevanti di per sé, ma hanno particolare rilievo nello scenario operativo veneto dato l elevatissimo costo che è necessario sostenere quando si opera in aree caratterizzate da un ricco patrimonio storico, artistico e culturale. Infine, insieme ad attività di carattere prettamente tecnico, appare cruciale operare sul lato della domanda delle tecnologie di ICT, con l obiettivo di promuovere e di consolidare il mercato del settore, riducendo così in modo significativo il rischio d impresa per gli operatori e favorendo i loro investimenti sul territorio. In questo senso, appare cruciale muoversi su diversi piani che vanno dalla formazione, alla divulgazione tecnicoscientifica, alla realizzazione e sperimentazione di servizi e applicazioni pensate e progettate per operare in ambienti di rete a banda larga, sino alla promozione e valutazione di esperienze pilota orientate alla sperimentazione delle tecnologie di ICT nelle PMI del territorio. Ovviamente, benché il vero obiettivo dello sviluppo delle tecnologie sul territorio sia l accrescimento della produttività delle imprese, le dinamiche del mercato delle telecomunicazioni sono fortemente influenzate dal segmento definito dall utenza domestica, rendendo necessaria ed opportuna una pianificazione delle iniziative in tema di innovazione che tenga conto anche del tessuto sociale regionale, con positivi effetti sia in termini di condivisione e partecipazione nella definizione degli obiettivi di progetto, sia in termini di consenso politico necessario alla realizzazione di complessi investimenti. Il presente documento discute questi temi e propone un insieme di azioni coordinate volte a valutare impatto ed implicazioni della realizzazione di reti di accesso a banda larga sul tessuto produttivo delle piccole e medie imprese venete. Il documento è organizzato come segue. La Se- 12

15 zione 2 mira a chiarire alcuni aspetti tecnologici relativi alla realizzazione delle reti per le telecomunicazioni a banda larga. La Sezione 3 presenta le sfide e le opportunità emergenti nello sviluppo delle nuove reti di accesso a banda larga. La Sezione 4 suggerisce delle linee guida volte a promuovere la realizzazione di reti a banda larga, mentre la Sezione 5 propone un articolato insieme di azioni che, a nostro parere, dovrebbero essere messe in atto negli anni a venire. Seguono le conclusioni. 13

16 2. Stato dell arte delle tecnologie per lo sviluppo di reti a banda larga In tempi recenti il crescente interesse di Amministrazione e industria rispetto alla realizzazione di infrastrutture di rete a banda larga o a banda ultra-larga ha riscosso una notevole eco sui media nazionali. Inoltre, le importanti attività svolte a livello Europeo e Nazionale per la definizione di una Agenda Digitale largamente condivisa nella società hanno portato alla diffusione di un crescente livello di consapevolezza rispetto alla valenza strategica del tema. Tuttavia, nonostante l interesse diffuso, riteniamo opportuno chiarire i principali elementi tecnologici che caratterizzano le reti a banda larga, evidenziando caratteristiche tecniche e differenze delle principali soluzioni ed il rapporto costo/prestazioni delle diverse opzioni di progetto disponibili. Anzitutto, con il termine ampiezza di banda intendiamo il numero di bit che possono essere comunicati in un intervallo di tempo attraverso una determinata sezione di rete e, di conseguenza, la banda viene misurata in bit per secondo (bps). Termini utilizzati per riferirsi alla banda sono spesso il Kilo-bit per secondo (Kbps), equivalente a 1024 bps, o il Mega-bit per secondo (Mbps), pari a 1024 Kbps o, infine, il Giga-bit per secondo (Gbps) che corrisponde a 1024 Mbps. Le reti disponibili per le aziende del territorio veneto sono normalmente basate su tecnologie ADSL/HDSL che offrono un ampiezza di banda dell ordine del Mbps. In altri casi, nelle aree in cui reti ADSL/HDSL non sono disponibili, le aziende venete possono utilizzare connessioni basate su tecnologie wireless quali, ad esempio, la rete HiperLAN che offre ampiezza di banda dell ordine delle decine di Mbps. Queste infrastrutture vengono ormai considerate reti a banda stretta (o narrow band): nel presente documento intendiamo come reti a banda larga infrastrutture per le telecomunica- 14

17 zioni in grado di fornire all utenza la disponibilità di ampiezze di banda dell ordine delle centinaia di Mbps [7, 8, 9]. Benché l ampiezza di banda non sia l unico elemento di qualità che i tecnici considerano nei progetti di rete, è altrettanto vero che la disponibilità di larghe ampiezze di banda sia facilmente percepibile dall utenza finale. Infatti, l ampiezza di banda della rete è una risorsa condivisa fra gli utenti che competono per il suo consumo. Questo discorso è particolarmente vero nel caso delle aziende, poiché la banda disponibile viene condivisa fra tutti gli impiegati che accedono a servizi e risorse di rete. L ampiezza di banda percepita da un utente è quindi decisamente inferiore rispetto a quella resa nominalmente disponibile all impresa in cui opera. Per esempio, nel caso di un impresa di 50 dipendenti l ampiezza di banda offerta da una linea ADSL a 20 Mbps dovrebbe essere divisa fra tutti gli operatori e, in prima approssimazione, possiamo stimare che la banda disponibile per un utente abbia un lower-bound di 0.4 Mbps, assolutamente insufficiente per operare in modo agevole con servizi e applicazioni di rete. Inoltre, la banda si differenzia in banda disponibile in upload ed in download. La banda in download è utilizzata per ricevere (o come si dice in gergo scaricare ) informazioni, mentre la banda in upload è disponibile per comunicare (ovvero caricare informazioni). L utenza residenziale è particolarmente interessata alla disponibilità di banda in download, che consente di operare in modo agevole utilizzando applicazioni Internet tradizionali quali il Web o la mail. Al contrario le imprese hanno l esigenza di operare utilizzando connessioni dette simmetriche, in cui l ampiezza di banda disponibile in upload sia analoga a quella di download, requisito disatteso dalle tecnologie di rete diffuse sul territorio veneto. L interesse verso soluzioni tecnologiche di networking che garantiscano elevata ampiezza di banda in upload deriva dall esigenza, sempre 15

18 più evidente per le imprese, di beneficiare di servizi quali, ad esempio, la videoconferenza, il backup e il failure recovery dei dati, o semplicemente di gestire e registrare dati e documenti tramite servizi Web allocati al di fuori del perimetro aziendale. A partire dai primi anni 90, la crescita dei requisiti di banda dei servizi Internet, insieme all allargamento dell utenza hanno promosso lo sviluppo di tecnologie per la realizzazione di reti a banda larga in grado di operare in condizioni di simmetria. L interesse della comunità tecnicoscientifica si è focalizzato verso la promozione di tre principali tecnologie per la realizzazione di reti a banda larga: Hybrid Fibre-Coaxial (HFC) Fiber-To-The-Cabinet (FTTC) Fiber-To-The-Home (FTTH) Tutte le soluzioni condividono l utilizzo di infrastrutture basate su portanti in fibra ottica per garantire la possibilità effettuare comunicazioni con banda dell ordine delle decine di Gbps. Inoltre, al di là degli elementi relativi alle performance, le reti in fibra ottica sono caratterizzate da una maggiore affidabilità, una minore incidenza dei guasti, e si prestano alla realizzazione di connessioni in modo semplice ed economicamente vantaggioso [10]. Tuttavia, le diverse architetture differiscono per la natura del mezzo trasmissivo utilizzato per la connessione degli utenti finali. Nel caso delle reti in tecnologia HFC [11] le connessioni sono realizzate tramite cavo coassiale, le reti FTTC utilizzano invece il cosiddetto doppino in rame che viene impiegato nelle reti ADSL/ HDSL, mentre le reti FTTH prevedono connessioni terminali in fibra ottica. Queste caratteristiche hanno forte impatto rispetto al costo di realizzazione delle reti, all impegno necessario per il loro controllo e gestione, e ai livelli di servizio che possono essere offerti all utenza. Di seguito focalizzeremo la nostra attenzione sulle tecnologie FTTC e 16

19 FTTH tralasciando la discussione della tecnologia HFC, che nello scenario operativo della Regione Veneto, risultano di scarso interesse. Infatti, a differenza di paesi in cui negli scorsi anni le tecnologie di rete coassiale sono state largamente sviluppate, lo scenario regionale del Veneto, al pari dello scenario nazionale, è caratterizzato dalla disponibilità di reti in rame utilizzate per realizzare connessioni ADSL/HDSL. Di conseguenza, le opzioni di progetto per lo sviluppo di reti a banda larga nel territorio del Veneto si devono orientare principalmente verso: architetture FTTC che consentono di riutilizzare le connessioni in rame esistenti e correntemente impiegate per reti ADSL/HDSL; architetture FTTH che richiedono di investire nella posa di portanti in fibra ottica in grado di connettere l utenza finale. La scelta del modello di networking più opportuno per soddisfare le esigenze dei cittadini e delle imprese del Veneto non è un attività semplice ma, al contrario, come sarà evidente nel seguito, richiede di prendere in considerazione una molteplicità di fattori e di considerare l impatto delle scelte anche nel medio/lungo termine nei diversi scenari operativi. Infatti, indipendentemente dal modello di rete che si intende adottare sottolineiamo la necessità di valutare con attenzione caratteristiche e peculiarità delle soluzioni, tenendo conto sia del costo di realizzazione delle infrastrutture, sia del costo di gestione operativa dei sistemi, e identificando i più opportuni compromessi costo/prestazioni. 2.1 L architettura delle reti in tecnologia FTTC L architettura di una rete FTTC è rappresentata in Figura 1. Come evidente dalla figura a partire dalla backbone (o dorsale) in fibra ottica si diramano rilegamenti di rete che arrivano alle cosiddette centraline. Le centraline consentono di connettere l utenza finale alla rete in fibra ottica utilizzando doppini in rame. In particolare, ad ogni utenza è 17

20 associato un singolo cavo, e una centralina è tipicamente in grado di connettere 1000/2000 utenze alla rete. La centralina è un apparato attivo e conseguentemente richiede di essere continuamente alimentata e gestita dal punto di vista sistemistico. Infatti, non sono infrequenti guasti e malfunzionamenti ad apparati elettronici installati in ambienti outdoor in prossimità delle abitazioni, ed è necessario effettuare regolari ispezioni per garantirne il corretto funzionamento. Inoltre, i limiti di attenuazione dei doppini in rame possono richiedere di rigenerare il segnale in ulteriori apparati attivi che consentono una corretta trasmissione dei segnali. Legenda dorsale rilegamento doppino centralina Fig. 1. Architettura di rete in tecnologia FTTC Nel tempo le soluzioni di rete in tecnologie FTTC si sono evolute in maniera significativa rendendo possibile l erogazione di connettività a banda larga per l utenza finale sino a bit rate dell ordine delle decine di Mbps nel caso delle very high-speed Digital Subscriber Line (vdsl) e, più recentemente, delle centinaia di Mbps per la tecnologia vdsl2. In ogni caso, è difficile pensare che le tecnologie di tipo FTTC possano nel tempo consentire consistenti miglioramenti nella disponibilità di banda verso l utenza. Infatti, all aumento dell ampiezza di banda corrisponde un aumento del rumore nella trasmissione. Di conseguenza aumentare in modo significativo la banda richiede di operare con tratte in rame dalla lunghezza sempre minore, oppure di rigenerare il segnale tramite una molteplicità di dispositivi attivi posizionati in prossimità delle utenze, 18

21 con evidente aumento nei costi di realizzazione, gestione e manutenzione dei sistemi. 2.2 L architettura delle reti in tecnologia FTTH La Figura 2 mostra l architettura di un infrastruttura di rete in tecnologia FTTH [12]. La figura evidenzia anzitutto una backbone da cui si diramano vari rilegamenti. I rilegamenti non terminano in apparati attivi ma, al contrario, arrivano a dispositivi passivi detti splitter che hanno il compito di saldare con la backbone le fibre che arrivano all utenza finale [13]. Ogni fibra del rilegamento consente di connettere sino a 32 utenze finali. La tecnologia di networking è basata su Passive Optical Network che, dati i bassi livelli di attenuazione del segnale garantiti dal mezzo ed al basso livello di rumore nello spettro utilizzato per le comunicazioni, consentono di operare con fibre di notevole lunghezza, senza la necessità di amplificare o rigenerare il segnale trasmesso. Legenda dorsale rilegamento splitter Fig. 2. Architettura di rete in tecnologia FTTH L ampiezza di banda erogabile all utenza è particolarmente rilevante. Infatti è oggi molto ragionevole ipotizzare di potere operare erogando connettività con banda dell ordine delle centinaia di Mbps. Tuttavia, le caratteristiche tecnologiche del mezzo consentono di raggiungere in modo relativamente semplice ampiezze di banda dell ordine di grandezza del Gbps [14]. 19

22 2.3 Confronto fra tecnologie FTTC ed FTTH Le tecnologie FTTC ed FTTH costituiscono certamente interessanti opportunità per la realizzazione di infrastrutture di rete in banda larga. L adozione delle diverse tecnologie suggerisce diverse scelte nel rapporto costi/benefici e richiede un attenta pianificazione delle infrastrutture [15, 5]. Certamente, nel contesto operativo definito dal territorio veneto la realizzazione di reti in fibra ottica in tecnologia FTTC richiede investimenti iniziali molto minori di quelli che sarebbero necessari per la realizzazione delle infrastrutture in tecnologia FTTH. Le connessioni in rame necessarie per la realizzazione di connessioni in tecnologia FTTC sono infatti largamente disponibili, rendendo necessario limitare gli investimenti all estensione delle dorsali ed all acquisizione ed installazione delle centraline. Nel caso in cui si intenda focalizzare l attenzione verso le reti in tecnologia FTTH, il costo di realizzazione delle infrastrutture deve considerare le importanti opere civili necessarie alla posa della fibra sino alle utenze finali. Inoltre, la notevole ampiezza delle opere civili necessarie per la posa delle fibre richiede di considerare tempi di realizzazione relativamente più lunghi, data la necessità di ottenere il permesso per le opere di scavo necessarie alla posa delle reti, avviare i cantieri, ecc. In termini economici tuttavia, il confronto fra le tecnologie FTTC ed FTTH sarebbe parziale se non affrontassimo il tema dei costi operativi e di gestione della rete. Il confronto rispetto ai costi operativi di gestione delle reti in tecnologia FTTC ed FTTH è mostrato in Figura 3. Come evidente in figura, il costo operativo delle reti FTTH risulta notevolmente inferiore rispetto alla loro controparte FTTC [16]. La natura passiva delle reti in tecnologia FTTH consente infatti la realizzazione di una infrastruttura composta da elementi molto semplici che difficilmente sono soggetti a guasti durante l esercizio, minimizzando i costi per: 20

La banda larga: base per il nuovo sviluppo economico del territorio veneto. Profili economici: 38

La banda larga: base per il nuovo sviluppo economico del territorio veneto. Profili economici: 38 La banda larga: base per il nuovo sviluppo economico del territorio veneto Profili economici: 38 La banda larga: base per il nuovo sviluppo economico del territorio veneto Profili economici: 38 La pubblicazione

Dettagli

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956)

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956) Allegato B BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956) In risposta all obiettivo dell UE di garantire a tutti i cittadini

Dettagli

NGN & WIFI PROMOSSI DALLA PA

NGN & WIFI PROMOSSI DALLA PA Il Trentino Territorio d innovazione Mario Groff mario.groff@trentinonetwork.it L infrastrutturazione in larga banda ed in fibra ottica sono elementi abilitanti allo sviluppo imprenditoriale, dei servizi

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3: SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 11 Marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

PREFAZIONE. Janez Potoc nik Commissario europeo per la Scienza e la ricerca

PREFAZIONE. Janez Potoc nik Commissario europeo per la Scienza e la ricerca PREFAZIONE Nel marzo del 2005, i leader dell UE hanno rilanciato la strategia di Lisbona con un nuovo partenariato per la crescita e l occupazione. La costruzione della società della conoscenza e una crescita

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli

Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli Facoltà di Giurisprudenza DOTTORATO DI RICERCA IN DIRITTO DEGLI AFFARI XXIII CICLO Gli obblighi giuridici di condivisione delle infrastrutture

Dettagli

Roadmap per la ricerca e l innovazione

Roadmap per la ricerca e l innovazione Roadmap per la ricerca e l innovazione EXECUTIVE SUMMARY Questo documento ha l obiettivo di descrivere visioni e strategie per il futuro del manufacturing italiano. Il documento è il risultato dell'attività

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Misura 321 Azione 4 Reti tecnologiche di informazione e comunicazione (ICT)

Misura 321 Azione 4 Reti tecnologiche di informazione e comunicazione (ICT) Misura 321 Motivazioni dell intervento Nel panorama regionale esistono alcune aree, soprattutto quelle più marginali, dove la copertura di banda larga non è ancora presente, o in larga parte insufficiente

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

REGIONE PUGLIA Assessorato allo Sviluppo Economico Settore Artigianato e PMI UFFICIO III CORSO SONNINO,177 70121 BARI - FAX 080/5406952

REGIONE PUGLIA Assessorato allo Sviluppo Economico Settore Artigianato e PMI UFFICIO III CORSO SONNINO,177 70121 BARI - FAX 080/5406952 REGIONE PUGLIA Assessorato allo Sviluppo Economico Settore Artigianato e PMI UFFICIO III CORSO SONNINO,177 70121 BARI - FAX 080/5406952 Bari 21/11/05 Prot. n. 38/A/7899 Alla Commissione Europea STATEAIDGREFFE@CEC.EU.INT

Dettagli

Banda larga. Asset strategico per la competitività del territorio

Banda larga. Asset strategico per la competitività del territorio Banda larga Asset strategico per la competitività del territorio La strategia digitale di Confindustria Verona Iniziative volte a promuovere la riduzione del digital divide culturale e infrastrutturale:

Dettagli

Allegato 3 PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO

Allegato 3 PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO Premessa Il presente documento, redatto in conformità alle linee guida generali definite con il D.P.C.M. del 18 settembre 2012, illustra gli obiettivi

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Strategie della Regione del Veneto per lo sviluppo della. Le iniziative nella provincia di Belluno. La banda larga tra presente e futuro

Strategie della Regione del Veneto per lo sviluppo della. Le iniziative nella provincia di Belluno. La banda larga tra presente e futuro La banda larga tra presente e futuro Strategie della Regione del Veneto per lo sviluppo della Banda Larga. Le iniziative nella provincia di Belluno Villa Patt di Sedico Belluno,18 marzo 2009 A cura di:

Dettagli

Riflessioni sulla e-leadership

Riflessioni sulla e-leadership PIANO NAZIONALE PER LA CULTURA, LA FORMAZIONE E LE COMPETENZE DIGITALI Riflessioni sulla e-leadership (a cura di Franco Patini e Clementina Marinoni) Nella sua più completa espressione l e-leader è una

Dettagli

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura @bollettinoadapt, 2 maggio 2016 Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura di Chiara Mancini Tag: #ricerca #PNR #PianoNazionaleRicerca #innovazione #Horizon2020 #MIUR Lo scorso Primo

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

vola con il fotovoltaico Diamo energia al tuo business

vola con il fotovoltaico Diamo energia al tuo business vola con il fotovoltaico Diamo energia al tuo business la soluzione PER IL MERCATO CHE CAMBIA Enerpoint, attiva da oltre 12 anni nel settore Fotovoltaico e da sempre in prima linea per promuovere il cambiamento,

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Lepida@Unife: Rete e Servizi

Lepida@Unife: Rete e Servizi Direzione Generale Centrale Organizzazione, Personale,Sistemi Informativi e Telematica Lepida@Unife: Rete e Servizi Polo Scientifico e Tecnologico, Università di Ferrara 22 gennaio 2007 Regione Emilia-Romagna/

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

Rete a Banda Ultra Larga della città di Cremona (e comuni limitrofi) AEMCOM

Rete a Banda Ultra Larga della città di Cremona (e comuni limitrofi) AEMCOM Rete a Banda Ultra Larga della città di Cremona (e comuni limitrofi) AEMCOM - 1 1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO AEM Cremona e AEMCOM AEM di Cremona è una Società per Azioni posseduta interamente dal Comune

Dettagli

Trentino Territorio dell Innovazione

Trentino Territorio dell Innovazione DIPARTIMENTO INNOVAZIONE, RICERCA E I.C.T. Trentino Territorio dell Innovazione Presentazione sintetica dei progetti della Provincia Autonoma Trento in relazione alla banda larga e ultralarga La vision

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Rete elettrica e telecomunicazioni nell ottica smart grid

Rete elettrica e telecomunicazioni nell ottica smart grid Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory Rete elettrica e telecomunicazioni nell ottica smart grid Antonio Capone 1 Reti di Comunicazione ed Elettriche Electric Network & Communication

Dettagli

Regione Piemonte: prospettive per lo sviluppo di ecosistemi digitali di business

Regione Piemonte: prospettive per lo sviluppo di ecosistemi digitali di business Regione Piemonte: prospettive per lo sviluppo Abstract Il presente documento intende illustrare la strategia e l approccio adottati da CSP nell ambito del progetto DIADI 2000 (progetto 2003-2006), iniziativa

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza Promuovere Il problema In società sempre più basate sulla conoscenza, una delle condizioni necessarie ad affrontare con successo il processo di riqualificazione del sistema economico è la disponibilità

Dettagli

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015 Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria 16 novembre 2015 1 Vision La nuova maggioranza crede fermamente nello sviluppo sostenibile della propria economia e nella possibilità di portare

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Perugia NetConsulting 2012 1

Dettagli

COMMISSIONE TRAIETTORIE DI SVILUPPO PER LE FILIERE TECNOLOGICHE E PIATTAFORME TECNOLOGICHE DI SERVIZIO

COMMISSIONE TRAIETTORIE DI SVILUPPO PER LE FILIERE TECNOLOGICHE E PIATTAFORME TECNOLOGICHE DI SERVIZIO COMMISSIONE TRAIETTORIE DI SVILUPPO PER LE FILIERE TECNOLOGICHE E PIATTAFORME TECNOLOGICHE DI SERVIZIO A CURA DEL COORDINATORE DR. MICHELE VIANELLO DIRETTORE GENERALE VEGA- PST DI VENEZIA CONSIGLIERE APSTI

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

Reti di INDUSTRIA 4.0

Reti di INDUSTRIA 4.0 DALLA DIGITALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ALLA DIGITALIZZAZIONE DELLA SUPPLY CHAIN LA COMPETITIVITÀ DELLA SUPPLY CHAIN Bologna, 27 novembre 2015 Questa presentazione Imprese e competizione globale Supply Chain,

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

SOSTENIBILITA E LOGISTICA URBANA. Roma, 18 settembre 2013

SOSTENIBILITA E LOGISTICA URBANA. Roma, 18 settembre 2013 SOSTENIBILITA E LOGISTICA URBANA Roma, 18 settembre 2013 Luca Maggiore Direttore Business Unit IL GRUPPO MAGGIORE UNITA DI BUSINESS DEL GRUPPO: : noleggio auto a breve e medio termine : noleggio furgoni

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati oggi i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

Open Data, opportunità per le imprese. Ennio Lucarelli. Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Open Data, opportunità per le imprese. Ennio Lucarelli. Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Open Data, opportunità per le imprese Ennio Lucarelli Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Prendo spunto da un paragrafo tratto dall Agenda nazionale per la Valorizzazione del Patrimonio

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE b. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di

Dettagli

La Strategia Energetica Nazionale

La Strategia Energetica Nazionale La Strategia Energetica Nazionale La nuova Strategia Energetica Nazionale, diffusa a fini di consultazione pubblica, individua quattro obiettivi principali per il sistema energetico italiano: 1) Ridurre

Dettagli

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco.

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. > LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. Perché investire in innovazione 2 Perché scegliere MediaNET 4 A chi si rivolge MediaNET 6 I numeri 7 Soluzioni e servizi 8 L identità MediaNET

Dettagli

Rimini - 23 giugno 2005. Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma

Rimini - 23 giugno 2005. Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma Rimini - 23 giugno 2005 Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma Esiste il digital divide nei territori periferici? La discriminazione nasce dalla carenza di infrastrutture o da

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE NEL SETTORE DELL EDILIZIA E DEI LAVORI PUBBLICI NELL AMBITO DEL PROGETTO SPORTELLO APPALTI IMPRESE

INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE NEL SETTORE DELL EDILIZIA E DEI LAVORI PUBBLICI NELL AMBITO DEL PROGETTO SPORTELLO APPALTI IMPRESE INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE NEL SETTORE DELL EDILIZIA E DEI LAVORI PUBBLICI NELL AMBITO DEL PROGETTO SPORTELLO APPALTI IMPRESE Relazione di sintesi sulla Delegazione a Bucarest, 1-3 marzo 2015

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA IL SISTEMA PRODUTTIVO DELL EMILIA EMILIA-ROMAGNA ALCUNI PUNTI DI FORZA ALCUNI PUNTI DI DEBOLEZZA ALTO LIVELLO

Dettagli

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere MultiPiani si occupa dal 1994 di Comunicazione e Marketing strategico, rivolgendosi

Dettagli

una Rete Regionale di Eccellenza Gabriele Falciasecca febbraio 2011

una Rete Regionale di Eccellenza Gabriele Falciasecca febbraio 2011 una Rete Regionale di Eccellenza Gabriele Falciasecca febbraio 2011 1 Gli obiettivi della L.R. n. 11 del 2004 Promuovere l Information Communication Technology (ICT) Intervento integrato per pubbliche

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

LABORATORIO INNOVAZIONE PMI Progetto di Fondo Perequativo 2002

LABORATORIO INNOVAZIONE PMI Progetto di Fondo Perequativo 2002 Azienda Speciale Camera di Commercio di Lecco LABORATORIO INNOVAZIONE PMI Progetto di Fondo Perequativo 22 UNA SINTESI DEI RISULTATI In collaborazione con Versione st/15 aprile 25 Progetto Laboratorio

Dettagli

GEFRAN: riduzione dei tempi di inattività con Business Continuity

GEFRAN: riduzione dei tempi di inattività con Business Continuity GEFRAN S.p.a. Utilizzata con concessione dell autore. GEFRAN: riduzione dei tempi di inattività con Business Continuity Partner Nome dell azienda GEFRAN S.p.a Settore Industria-Elettronica Servizi e/o

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

DARE VALORE ALLE IMPRESE

DARE VALORE ALLE IMPRESE DARE VALORE ALLE IMPRESE Estero, crescita, nuova imprenditoria Accordo Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria indice 2 UN IMPEGNO COMUNE PER LA CRESCITA 3 I PUNTI CHIAVE DEL NUOVO ACCORDO 4

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

UNA SOLUZIONE COMPLETA

UNA SOLUZIONE COMPLETA P! investimento UNA SOLUZIONE COMPLETA La tua azienda spende soldi per l ICT o li investe sull ICT? Lo scopo dell informatica è farci lavorare meglio, in modo più produttivo e veloce, e questo è l obiettivo

Dettagli

Audizione al Parlamento. ViceMinistro On. Paolo Romani

Audizione al Parlamento. ViceMinistro On. Paolo Romani Audizione al Parlamento ViceMinistro On. Paolo Romani 1 L Italia per la sua crescita economica, in tutti i settori, ha bisogno di un infrastruttura di rete elettronica a banda larga. Le misure di policy

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Allegato sub A Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per le politiche di internazionalizzazione e la promozione degli scambi Div. I Affari Generali, Personale, Gestione Amministrativa PROCEDURA

Dettagli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli - Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli Roma 04 Dicembre 2012 1 Signor Ministro Passera, a nome mio e

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

L Unione dei Comuni della Bassa Romagna: sintesi costi e benefici

L Unione dei Comuni della Bassa Romagna: sintesi costi e benefici Piano strategico: Appendice n. 2 L Unione dei Comuni della Bassa Romagna: sintesi costi e benefici L Unione è stata costituita con il preciso obiettivo di assicurare al sistema territoriale della Bassa

Dettagli

Rete a Larga Banda GRANDE MANTOVA Il progetto GRANDE MANTOVA Obbiettivi : affrontare insieme problematiche comuni per il bene del territorio e dei cittadini Temi : viabilità e mobilità, sicurezza, piani

Dettagli

Cura del Documento: Giuseppe Gargano. Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia

Cura del Documento: Giuseppe Gargano. Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia Cura del Documento: Giuseppe Gargano Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia Tipologia di cooperazione Area eleggibile Transfrontaliera Ai sensi dell art. 7(1) del reg. 1083/2006,

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

MACCHINE MOVIMENTO TERRA, DA CANTIERE E PER L EDILIZIA

MACCHINE MOVIMENTO TERRA, DA CANTIERE E PER L EDILIZIA PUNTI DI FORZA Le Persone Filiera della distribuzione. Organizzazione della fi liera della distribuzione, assistenza tecnica, noleggio e servizi, fondata sulla formazione, qualifi cazione e certifi cazione

Dettagli

Direzione Commercio, Lavoro, Innovazione e Sistema Informativo 2014 07080/027 Area Sistema Informativo GC 0/A CITTÀ DI TORINO

Direzione Commercio, Lavoro, Innovazione e Sistema Informativo 2014 07080/027 Area Sistema Informativo GC 0/A CITTÀ DI TORINO Direzione Commercio, Lavoro, Innovazione e Sistema Informativo 2014 07080/027 Area Sistema Informativo GC 0/A CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 16 dicembre 2014 Convocata la Giunta presieduta

Dettagli

Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico

Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico In questa sezione si analizzano gli aspetti economici, ambientali ed occupazionali collegati alla sviluppo del fotovoltaico. Aspetti economici Per quanto

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali

Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali A cosa servono queste linee guida? Queste linee guida identificano gli elementi la cui presenza è ritenuta necessaria per i progetti della Coalizione Nazionale

Dettagli

DIGITAL TRANSFORMATION. Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO

DIGITAL TRANSFORMATION. Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO DIGITAL TRANSFORMATION Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO AL VOSTRO FIANCO NELLA DIGITAL TRANSFORMATION Le nuove tecnologie, tra cui il cloud computing, i social

Dettagli

Infrastrutture tecnologiche e Banda Larga

Infrastrutture tecnologiche e Banda Larga Infrastrutture tecnologiche e Banda Larga La connettività a banda larga rappresenta un fattore strategico per lo sviluppo di un territorio in termini di crescita economica e di coesione sociale, come ormai

Dettagli

Azienda. Business. Servizi

Azienda. Business. Servizi Azienda Servizi Aetherna è tra i 20 operatori nel settore delle telecomunicazioni abilitati alla posa della fibra ottica in Italia. Con l intento di favorire il progresso delle imprese, Aetherna offre

Dettagli

Innovare i territori. Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Innovare i territori. Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Innovare i territori Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 1 La Federazione CSIT Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 51 Associazioni di Categoria (fra

Dettagli

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa Intervista alla dottoressa Barbara Lunghi, responsabile Mercato Expandi di Borsa Italiana Il percorso di quotazione in borsa consente oggi, anche alle

Dettagli

Newsletter n.10. La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto

Newsletter n.10. La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto Newsletter n.10 La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto Un iniziativa a sostegno delle aree rurali Con questa decima Newsletter siano giunti alla fase delle considerazioni finali

Dettagli

Banda larga per dare soluzione al Digital Divide e innovare il Paese

Banda larga per dare soluzione al Digital Divide e innovare il Paese Banda larga per dare soluzione al Digital Divide e innovare il Paese 14/02/2011 Fondamenti di informatica - Prof. Gregorio Cosentino 1 Servizio universale Acqua potabile Energia elettrica Telefono Servizio

Dettagli

Tavoli tematici. Contributo. 2. Riferimento del contributo al tavolo tematico. Tavolo tematico sala 1 Contributo* sala 2 Contributo*

Tavoli tematici. Contributo. 2. Riferimento del contributo al tavolo tematico. Tavolo tematico sala 1 Contributo* sala 2 Contributo* VERSO LA STRATEGIA REGIONALE DELL INNOVAZIONE 2014-2020 Tavoli tematici Contributo 1 1. Dati proponente contributo Nome Angelo Cognome Messina Ente/organizzazione di appartenenza STMicroelectronics s.r.l.

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

LE RETI OTTICHE PASSIVE

LE RETI OTTICHE PASSIVE LE RETI OTTICHE PASSIVE Prof. Ing. Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia INDICE La rete di accesso Le reti ottiche passive Gli Standard

Dettagli

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la REGIONE PIEMONTE BOLLETTINO UFFICALE N. 40 DEL 8/10/2009 Finpiemonte S.p.A. - Torino Avviso ad evidenza pubblica - Progetto Sovvenzione Globale "Percorsi integrati per la creazione di imprese innovative

Dettagli

Questionario sul Manuale per la sostenibilità

Questionario sul Manuale per la sostenibilità Questionario sul Manuale per la sostenibilità Deliverable 4.1 Deliverable Progetto I.M.A.G.I.N.E. MAde Green IN Europe Il progetto IMAGINE Il progetto IMAGINE è finalizzato alla sperimentazione e diffusione

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE Manifesto per l energia del futuro È in discussione in Parlamento il disegno di legge sulla concorrenza, che contiene misure che permetteranno il completamento del

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE IN VENETO

PROGRAMMA REGIONALE DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE IN VENETO giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2888 del 28 dicembre 2012 pag. 1/11 PROGRAMMA REGIONALE DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE IN VENETO 2012-2013 ALLEGATOA alla Dgr

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli