Noi siamo gente che passa. Desideriamo che la gente ci ricordi per quello che abbiamo fatto.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Noi siamo gente che passa. Desideriamo che la gente ci ricordi per quello che abbiamo fatto."

Transcript

1 Noi siamo gente che passa. Desideriamo che la gente ci ricordi per quello che abbiamo fatto. (Dottor Piero Pederzoli) Presidio Ospedaliero A.S.L. N 22 Regione Veneto 1

2 LA CASA DI CURA DOTT. PEDERZOLI DOTT. PIERO PEDERZOLI IL FONDATORE La Casa di Cura privata (CdC) Dott. Pederzoli nasce nel 1947, a Peschiera del Garda, ad indirizzo prevalentemente chirurgico per volontà del dottor Piero Pederzoli. La struttura diventò subito un punto di riferimento per le popolazioni locali e nel 1952 si trasferì nell attuale sede, in via Monte Baldo: il sogno del suo Fondatore si era realizzato. Nel corso degli anni fu la crescente richiesta di Servizi a suggerirne la trasformazione in termini polispecialistici; e con l ampliamento delle sue dimensioni, anche dal punto di vista edilizio, l azienda si trasformò da gestione familiare in Società per Azioni. Con il passare del tempo la particolare collocazione geografica del lago di Garda, il forte sviluppo delle popolazioni residenti e turistiche, la carenza di strutture pubbliche nel comprensorio e la contestuale progressiva qualificazione dei Servizi offerti hanno fatto della Casa di Cura un luogo di risposta ai bisogni di salute della popolazione. Questa funzione ha trovato pieno riconoscimento nella delibera n. 860 del 27/02/1987 della Regione Veneto con cui, in virtù dell art. 43 L.833/1978, la Casa di Cura privata Dott. Pederzoli é divenuta Presidio Ospedaliero dell Ulss 22: le é stato, cioè, riconosciuto un ruolo indispensabile nell assistenza sanitaria pubblica sul territorio. Negli anni la Struttura ha proceduto con ampliamenti successivi fi no a raggiungere la sua attuale consistenza. Un percorso in cui ha sempre mantenuto come linea guida la progressiva qualifi cazione delle prestazioni rese e l umanizzazione dell accoglienza dei Pazienti. Obiettivi che la CdC ha sempre tenacemente perseguito, mantenendo al contempo la capacità di sapersi mettere in discussione rispetto ad ogni evento innovativo Pazienti ricoverati, accolti in Pronto Soccorso, oltre di prestazioni ambulatoriali, interventi chirurgici, circa 1000 nascite all anno: con il 35% dei pazienti provenienti da fuori Regione questi sono i dati che riassumono l attività annua della Casa di Cura. Una realtà che ha ancora molto davanti a sé. Nel contesto di una domanda di salute sempre più sofisticata, di un continuo progresso tecnico - scientifico e coerente con una tradizione di continua evoluzione nell aggiornamento dei propri Servizi, la Casa di Cura Dott. Pederzoli sta infatti attuando un nuovo amplia- 2

3 VITTORIO PEDERZOLI PRESIDENTE C.d.A. GIUSEPPE PUNTIN AMMINISTRATORE DELEGATO GIANLUCA GIANFILIPPI DIRETTORE SANITARIO mento strutturale e tecnologico che porterà a realizzare: una nuova ala dell ospedale per la razionalizzazione dei posti letto a favore di una migliore qualità della degenza e dei Servizi il rifacimento dei reparti di degenza dell area chirurgica il rifacimento e ampliamento con 4 nuove sale del blocco operatorio una nuova piastra angiografica con emodinamica e 3 sale dedicate per la Cardiologia e Chirurgia vascolare diagnostico-interventistica nuove Rianimazione ed Unità di terapia intensiva coronarica un nuovo Centro poliambulatoriale con una sala convegni dotata delle più moderne tecnologie. strutture specializzate. Una sensibilità sociale che porterà il Presidio Ospedaliero Dott. Pederzoli a realizzare un nuovo complesso residenziale per pazienti non autosufficienti (RSA), al cui interno si svilupperà un nucleo destinato alla gestione di malati in stato vegetativo permanente/persistente (SVP) e malati oncologici da accogliere in un area dedicata alle cure palliative - Hospice. Un settore dell immobile sarà inoltre destinato ad ospitare un Unità Territoriale per l Assistenza Primaria (UTAP). Ma il futuro della Casa di Cura è anche pensato per far fronte alla crescente richiesta di strutture in grado di garantire continuità assistenziale dopo le dimissioni dall ospedale e di dare risposta ai sempre maggiori bisogni dei malati di patologie croniche e oncologiche e delle loro famiglie. Situazioni per cui oggi non esistono in quest area geografi ca 3

4 SOMMARIO LA CASA DI CURA LA CASA DI CURA 2 LE PRESTAZIONI 6 LA QUALITÀ COME IMPEGNO 8 INFORMAZIONI GENERALI 12 I SERVIZI ANATOMIA PATOLOGICA 49 ANESTESIA 42 ANGIOGRAFIA - EMODINAMICA 26 CARDIOLOGIA STRUMENTALE 28 CENTRO ANTIDIABETICO 32 DAY HOSPITAL/DAY SURGERY 51 DERMATOLOGIA 34 DIAGNOSTICA PER IMMAGINI 16 ECOGRAFIA 20 FARMACIA 48 GASTROENTEROLOGIA 30 ed ENDOSCOPIA DIGESTIVA LABORATORIO ANALISI 41 MEDICINA DELLO SPORT 29 OCULISTICA 36 OTORINOLARINGOIATRIA 35 PIEDE DIABETICO E VULNOLOGIA 33 PNEUMOLOGIA 40 PRONTO SOCCORSO 14 RADIOLOGIA 17 RM (Risonanza Magnetica) 22 RM CARDIACA 21 SENOLOGIA 18 TC (Tomografi a Assiale Computerizzata) 24 TERAPIA DEL DOLORE 44 TERAPIA FISICA E RIABILITAZIONE 46 4

5 I REPARTI DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA 52 CHIRURGIA VASCOLARE 54 CHIRURGIA PEDIATRICA 56 CHIRURGIA EPATO - BILIO - PANCREATICA 58 CHIRURGIA COLO - PROCTOLOGICA 60 DIPARTIMENTO DI ORTOPEDIA 62 COLONNA VERTEBRALE, ANCA E SPALLA 64 GINOCCHIO, PIEDE E SPALLA 66 CHIRURGIA DELLA MANO 68 UROLOGIA 70 OSTETRICIA E GINECOLOGIA 72 ASSISTENZA NEONATALE 76 MEDICINA E GERIATRIA 78 CARDIOLOGIA 80 MEDICINA FISICA E RIABILITATIVA 82 NEUROLOGIA 84 ONCOLOGIA 86 RIANIMAZIONE O TERAPIA INTENSIVA 88 NUMERI UTILI 90 5

6 LE PRESTAZIONI Tipologie di prestazioni erogate dalla Casa di Cura (CdC) Pederzoli: ricovero ordinario programmato e urgente ricovero a ciclo diurno (day hospital - day surgery) chirurgia ambulatoriale protetta prestazioni ambulatoriali prestazioni di ricovero o ambulatoriali in libera professione prestazioni di soccorso in urgenza ed emergenza. IL RICOVERO D URGENZA La CdC Pederzoli in ottemperanza ai principi d uguaglianza, imparzialità e continuità, assicura il ricovero a chiunque lo necessiti. Vista la particolare posizione geografi ca, con alta presenza turistica nei mesi estivi, e la forte immigrazione da Paesi terzi, e alla luce dell esperienza maturata in questi anni, parte dei posti letto sono riservati ai ricoveri in urgenza. Il ricovero urgente viene disposto dal medico del Pronto Soccorso previa consulenza dello specialista di competenza. Se il Paziente necessita di approfondimenti diagnostici o prolungata osservazione è previsto il Servizio di Osservazione Breve Intensiva (O.B.I.) che può avvenire all interno del Pronto Soccorso o nel reparto di pertinenza fi no alla defi nizione precisa del caso. paziente viene inserito in appositi registri di programmazione dei ricoveri nel rispetto delle disposizioni nazionali e regionali sulle liste di attesa. Ogni medico dalla CdC, valutata la necessità di ricovero, è tenuto a compilare il modulo di ammissione al ricovero programmato/ambulatorio chirurgico protetto e a consegnarne copia al Paziente e copia alla caposala del reparto di competenza. La programmazione dei ricoveri avviene secondo precise priorità cliniche esplicitate dal medico specialista. All interno della medesi- IL RICOVERO PROGRAMMATO La proposta di ricovero programmato può pervenire da un medico specialista della CdC, oppure da medici di altre strutture sanitarie o dai medici di Medicina Generale (M.M.G.) e dai Pediatri di Libera Scelta (P.L.S.) La proposta viene sempre valutata da un medico del reparto accettante che dispone il ricovero o in regime ordinario presso l Unità Operativa (U.O.) specialistica di competenza o in regime di ricovero diurno presso l U.O. polispecialistica autonoma di Day Hospital/Surgery. In caso di non disponibilità di ricovero immediato, il 6

7 ma fascia di priorità la programmazione segue l ordine cronologico di inserimento. PRESTAZIONI IN REGIME AMBULATORIALE E presente un Centro Unico di Prenotazione (CUP) al quale rivolgersi per tutte le prenotazioni. L utente può prenotare: telefonicamente al numero presentandosi direttamente agli sportelli del CUP. Le disdette si effettuano al numero Per accedere a tutte le prestazioni erogate per conto del Servizio Sanitario Nazionale (S.S.N.) è necessario avere un impegnativa fatta dal M.M.G./P.L.S. o da un medico specialista. L accesso alle prestazioni avviene secondo il sistema della priorità clinica valutata e segnalata dal medico prescrittore sull impegnativa (D.G.R.V. 600/07). Le classi individuate sono le seguenti: Classe A: accesso entro 10 giorni Prestazione la cui tempestiva esecuzione condiziona in un arco di tempo breve la prognosi del Paziente o infl uenza marcatamente il dolore, la disfunzione o la disabilità Classe B: accesso entro 30 giorni per le visite, 60 per gli esami strumentali Prestazione la cui tempestiva esecuzione non infl uenza signifi cativamente la prognosi a breve ma è richiesta sulla base della presenza di dolore, di disfunzione o di disabilità Classe C: accesso entro 180 giorni Prestazione che può essere programmata in un maggior tempo in quanto non infl uenza la prognosi, il dolore, la disfunzione o la disabilità. Con l accettazione viene creata od integrata la cartella informatica personale del Paziente sulla quale sono riportati tutti i dati anagrafici, gli esami e i referti informatizzati delle indagini eseguite presso la CdC, compresi quelli eventualmente fatti in regime di ricovero. I referti sono consegnati al termine dell indagine o secondo le modalità indicate dal Servizio. I Servizi della CdC forniscono visite e prestazioni diagnostico-terapeutiche in regime ambulatoriale nelle diverse specialità mediche. Accanto alle prestazioni fornite per conto del S.S.N., la CdC dispone di un sistema di visite e prestazioni con tariffa totalmente a carico del Paziente. 7

8 LA QUALITÀ COME IMPEGNO IMPEGNO DELLA DIREZIONE L Amministrazione dà evidenza del proprio impegno nello sviluppo e miglioramento continuo dei processi che influenzano la Qualità dei servizi erogati dalla CdC, orientandoli alla massima soddisfazione dei propri utenti. L impegno si esplica attraverso: l attenta informazione sia diretta che attraverso l utilizzo di documentazione scritta l implementazione di procedure operative e gestionali e della verifi ca periodica della loro applicazione, in modo da individuare e proporre tempestivamente interventi correttivi, preventivi e migliorativi. la valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefi ssati la disponibilità di risorse strutturali tecnologiche e professionali pianifi cate e messe a disposizione per soddisfare bisogni/aspettative dell utenza. LA POLITICA PER LA QUALITÀ DELLA CASA DI CURA POLISPECIALISTICA DOTT. PEDERZOLI La politica per la Qualità è coerente con i principi e gli obiettivi fondamentali della Casa di Cura per la realizzazione di un organizzazione attenta alla soddisfazione dei bisogni dell utenza. Convinti che nessun processo o servizio è così ben strutturato da non poter essere migliorato nel tempo, la ricerca del miglioramento continuo è alla base della nostra politica che si realizza attraverso passaggi fondamentali quali: l assunzione di precise responsabilità da parte di tutti gli operatori della CdC e lo sviluppo della cultura del fare sistema in termini propositivi la definizione delle procedure fondamentali per la conduzione delle attività svolte, il coordinamento dei percorsi clinico-assistenziali e l appropriatezza delle cure erogate la definizione di metodologie per valutare i risultati raggiunti la comunicazione ed il coinvolgimento: impegno prioritario è motivare il personale a lavorare insieme in équipe, stimolare nuove idee per il miglioramento del servizio erogato e garantire la presenza delle migliori professionalità nei processi clinico assistenziali il coinvolgimento dell utente nei processi decisionali il raffronto e interazione con i medici del territorio, le altre Aziende sanitarie e gli organi regionali. E pertanto costante l impegno per garantire: l efficacia del sistema investire risorse: per implementare attività sempre più efficaci e innovative al fine di soddisfare appieno i bisogni di salute e le aspettative dei Pazienti 8

9 l attenzione all utente: nel valutare i risultati ottenuti e la soddisfazione dei fruitori l accessibilità alle cure: nel mantenere i tempi di attesa per le prestazioni ambulatoriali e per i ricoveri all interno degli standard stabiliti dalla programmazione regionale e delle priorità cliniche evitando ritardi diagnostici e/o terapeutici la comunicazione: nel fornire informazioni chiare e documentate sui Servizi offerti la sicurezza e gestione del rischio: nel garantire la sicurezza nei confronti degli operatori e degli utenti attraverso una costante attenzione alla prevenzione degli errori e alla realizzazione di un ambiente sicuro la consapevolezza: nell assicurare che tutte le Unità Operative/Servizi siano informate e coinvolte nelle attività di miglioramento della Qualità in termini di obiettivi specifici e quantificati la valorizzazione e motivazione del personale: attraverso un programma di formazione ed addestramento continuo sia sulle tematiche della Qualità che su aspetti tecnico-professionali e gestionali. La verifi ca di tale consapevolezza è anche uno dei requisiti per individuare eventuali necessità di addestramento. Per l inserimento del neo-assunto è previsto un percorso di affi ancamento a un tutor avente la stessa qualifi ca che lo accompagna e lo forma sulla base di obiettivi contenuti in schede di auto-valutazione specifi che per ruolo e ambito di inserimento. Al termine del periodo di prova previsto dal contratto è eseguita una valutazione collegiale tra responsabile dell Unità Operativa e Direzione durante la quale si avvalla l assunzione. FORMAZIONE La Casa di Cura è provider del Sistema ECM regionale e da anni si pone come obiettivo fornire eventi formativi per accrescere e affinare le competenze professionali di grande impatto sull operatività. A tal fine vengono annualmente valutati i bisogni formativi del personale e viene redatto un progetto formativo che permetta, attraverso eventi d aula o di formazione sul campo, di soddisfare le esigenze di crescita del personale nel suo complesso. Accanto a questo è sviluppato un programma che va a soddisfare quelli che sono gli obblighi formativi ai sensi di legge (Sicurezza sui luoghi di lavoro, Privacy). I corsi organizzati sono generalmente aperti a professionisti esterni alla CdC, in modo da permettere la circolarità delle infomazioni e la crescita globale delle competenze dei professionisti sanitari. COMPETENZA E ADDESTRAMENTO DEL PERSONALE L attività di formazione, oltre ad accrescere la competenza, ha anche lo scopo di assicurare che il personale della CdC sia consapevole del proprio contributo al raggiungimento degli obiettivi e del ruolo che svolge per il miglioramento. 9

10 UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO L Uffi cio Relazioni con il Pubblico (URP) assicura agli utenti tutte le informazioni circa i Servizi offerti. Ha inoltre la specifi ca funzione di ascolto dei bisogni dei cittadini, raccolta dei suggerimenti con l impegno di rispondere ai loro reclami al fi ne di migliorare i Servizi. Con la segnalazione si portano all attenzione dei Responsabili e della Direzione: disfunzioni, problemi nell erogazione delle prestazioni, questioni che riguardano l accesso ai Servizi, violazioni dei diritti dei cittadini, ma anche proposte di miglioramento o indicazioni di soddisfazione. I reclami possono essere presentati all URP: presentandosi direttamente all uffi cio (in questi casi chi riceve il reclamo lo verbalizza su un apposito modulo) tramite lettera, fax o modulo distribuito nella CdC telefonicamente tramite . Se l utente rifi uta di fornire le proprie generalità, il reclamo non verrà registrato, né istruito. L incaricato dell URP raccoglie i reclami pervenuti in un apposito registro e procede per i disservizi facilmente risolvibili, garantendo una risposta scritta entro 20 giorni dal ricevimento del reclamo. Annualmente viene effettuato un monitoraggio delle segnalazioni e reso noto attraverso report alla Direzione e ai Responsabili e alle rappresentanze dell utenza. L analisi dei reclami, le azioni di miglioramento ed i risultati ottenuti saranno discussi in tema di riesame del Sistema Qualità e preparazione dei Piani di Miglioramento. COMUNICAZIONE CON L UTENTE La CdC ha messo in atto diversi mezzi di comunicazione per fornire agli utenti esterni un sistema informativo completo ed efficace. Tale sistema comprende: la Carta dei Servizi della CdC l interazione informatica attraverso un sito internet documenti informativi specifici per Unità Operative/Servizi riportanti notizie utili per gli utenti l informazione puntuale su tutte le procedure invasive e raccolta del consenso all effettuazione delle prestazioni 10

11 una rapida risposta in relazione a eventuali dubbi acquisizione periodica del grado di soddisfazione dell utente rispetto i Servizi erogati la garanzia di trasparenza delle liste di attesa per l accesso alle prestazioni, sia di ricovero sia ambulatoriali, rispondendo tempestivamente all utenza nel rispetto della normativa nazionale e regionale. SODDISFAZIONE DELL UTENTE La CdC valuta la soddisfazione dell utente e degli operatori tramite questionario o intervista. La valutazione della soddisfazione dell utente avviene con cadenza almeno annuale. Effettuata l analisi dei risultati, si predispone una relazione da presentare alla Direzione Sanitaria e all Amministrazione. VERIFICHE INTERNE La CdC effettua periodicamente verifi che interne, allo scopo di accertare se le attività ed i relativi risultati sono in accordo con quanto pianifi cato nelle procedure, istruzioni, ecc. del Sistema Qualità e con gli obiettivi aziendali. Mediante tali verifiche, l Amministrazione e la Direzione Sanitaria sono tenute informate sull andamento dell organizzazione e sulle principali carenze riscontrate. Le informazioni emerse dalle verifiche sono la base da cui partire per innescare azioni correttive immediate e mirate alle singole aree. 11

12 INFORMAZIONI GENERALI ATTIVITÀ AMBULATORIALE PRENOTAZIONE VISITE, PRESTAZIONI AMBULATORIALI E DIAGNOSTICHE Le prenotazioni di cui sopra possono essere effettuate personalmente all accettazione centrale, situata all entrata della Casa di Cura. Presso la stessa si prenotano anche le visite specialistiche in regime di libera professione. Si possono altresì effettuare/disdire prenotazioni telefonando al Centro Unico di Prenotazione (CUP) attivo dal lunedì al venerdì 8-19, il sabato 8-12 ai seguenti recapiti: prenotazioni Tel (per effettuare le prenotazioni bisogna essere in possesso dell impegnativa del medico di medicina generale disdetta prenotazioni Tel RITIRO NUMERO Prima di accedere agli sportelli ritirare dall apposito distributore il numero relativo alla prestazione che si deve eseguire. PAGAMENTO TICKET Il ticket è una forma di partecipazione alla spesa sanitaria. I criteri di partecipazione sono stabiliti dalla normativa nazionale e regionale. La legge stabilisce altresì le categorie di cittadini esenti dal pagamento del ticket per età, patologia o reddito. Le esenzioni dal pagamento del ticket per patologia vengono applicate solo se indicate sull impegnativa dal medico prescrittore. Il pagamento del ticket si effettua al momento dell accettazione con queste modalità: dal lunedì al venerdì e al sabato presso l accettazione centrale prima dell esecuzione della prestazione. il sabato e la domenica, a seconda delle indicazioni agli sportelli, in parte presso l accettazione centrale e in parte presso l accettazione ubicata al piano interrato accanto alla Diagnostica per le visite presso i Poliambulatori esterni all accettazione ubicata presso gli stessi Poliambulatori. ATTIVITÀ IN LIBERA PROFESSIONE Il pagamento delle visite libero professionali si effettua presso l accettazione centrale. RITIRO REFERTI SANITARI I referti delle indagini strumentali si ritirano all apposito sportello dell accettazione centrale senza ritirare alcun numero di prenotazione. I referti possono essere ritirati dal lunedì al venerdì : dall interessato che al momento del ritiro consegnerà il modulo di ritiro referto da una persona delegata che si presenterà con il modulo con compilata e firmata la parte relativa alla delega e la fotocopia di un proprio documento d identità. E inoltre possibile richiedere la spedizione a domicilio del referto con il versamento del contributo per le spese di spedizione. IMPORTANTE L utente che: non provvede al ritiro del referto entro il termine di 30 giorni non disdice una prestazione (visita o esame) entro il giorno precedente l appuntamento è tenuto al pagamento per intero della prestazione stessa anche se esente. E qualora avesse già pagato il ticket, gli verrà addebitata la differenza e gliene sarà data comunicazione con raccomandata A.R. 12

13 CENTRALINO TEL RICOVERI ACCETTAZIONE Il ricovero può essere programmato o d urgenza. Per il ricovero programmato il Paziente deve presentarsi munito di: impegnativa del medico di medicina generale, tessera sanitaria (i residenti della Regione Veneto devono presentare sia quella cartacea che magnetica), modulo di ammissione al ricovero programmato rilasciato dallo specialista che propone il ricovero. Il ricovero d urgenza viene proposto direttamente dal medico di Pronto Soccorso. DIMISSIONI Al momento della dimissione viene consegnata al Paziente la relazione clinica di dimissione da trasmettere al medico curante, contenente le indagini e le terapie effettuate, la diagnosi di dimissione, nonché l eventuale terapia da seguire a domicilio. Di norma, la Struttura provvede alla programmazione degli eventuali successivi controlli. Con la dimissione si ritira la documentazione clinica personale consegnata all atto del ricovero. CITTADINI STRANIERI Per i cittadini stranieri il ricovero è gratuito nei seguenti casi: cittadini di Stati con i quali esistono accordi bilaterali che presentano il modulo previsto dalla convenzione cittadini extracomunitari in possesso di tessera di iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale gli altri cittadini stranieri pagano la retta di degenza a seconda del tipo di ricovero. ORARIO SERVIZIO PASTI Ai Pazienti il pranzo viene servito alle 12, la cena alle 18. ORARIO VISITE AGLI AMMALATI Chirurgia, Medicina, Neurologia, Ortopedia, Urologia: feriale / festivo / / Terapia Intensiva feriale e festivo Cardiologia e Unità coronarica feriale e festivo / Ginecologia da lunedì a sabato / festivi / / Riabilitazione feriale / , sabato festivo / / SERVIZI PUNTO DI RISTORO Il bar con vendita di giornali e riviste é aperto: giorni feriali , sabato / domenica e festivi / Negli altri orari, al piano interrato, sono a disposizione distributori automatici di bevande calde e fredde. ASSISTENZA RELIGIOSA Nella Casa di Cura sono ammesse tutte le Fedi e, nel rispetto delle regole generali, la presenza di ministri del culto. Per il culto cristiano cattolico assicuriamo la presenza di un sacerdote e di alcune religiose. Nella Cappella, ubicata al primo piano, la Santa Messa si celebra: nei giorni feriali alle 16.30, il sabato alle e la domenica alle 10. Il Santo Rosario si recita tutti i giorni alle CELLE MORTUARIE Apertura: da lunedì a venerdì / sabato, domenica e festivi

14 I SERVIZI PRONTO SOCCORSO LA FUNZIONE La funzione propria del Pronto Soccorso è fornire assistenza 24 ore su 24 a tutti coloro che presentano un problema sanitario urgente non risolvibile dal medico curante, dal pediatra di libera scelta o dalla Guardia Medica. All interno del Pronto Soccorso vengono comunque ricevuti, valutati, visitati e trattati tutti i casi, gravi e meno gravi. Chi abbisogna di cure urgenti può accedere al Pronto Soccorso direttamente, se è in grado, oppure ricorrere al Servizio di Urgenza / Emergenza Medica chiamando il 118: sarà poi questo Servizio ad attivare l ambulanza o l elicottero per il trasporto del Paziente al più vicino Pronto Soccorso. Al suo arrivo sarà il personale sanitario a stabilire, dopo accurata indagine, i tempi di accesso alle prestazioni sanitarie che vengono determinati in base alla gravità e non all ordine di arrivo con l attribuzione di un codice di gravità (Triage di Pronto Soccorso). Il personale addetto al Triage è disponibile anche per fornire ai parenti in attesa informazioni sullo stato di salute del familiare. DATI DI ATTIVITÀ Anno 2009: accessi al Servizio di cui: Codice Bianco Codice Verde Codice Giallo 238 Codice Rosso ATTENZIONE ALLA PERSONA Al fine di eliminare i disagi al Paziente che necessita di visite specialistiche, all interno di questo Pronto Soccorso è adottato il sistema organizzativo Doctor to Patient attraverso il quale - se ritenuto necessario - il medico specialista si reca in Pronto Soccorso per effettuare la consulenza specifica. INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE A tutti gli Utenti che non vengono ricoverati il Servizio di Pronto Soccorso rilascia il referto (contenente la relazione della visita, gli esiti degli accertamenti effettuati, l eventuale indicazione di terapie eseguite o da eseguire) e l eventuale documentazione iconografi ca (Ecografi a, TC, RM, ecc.). 14

15 URGENZA EMERGENZA 118 TEL RESPONSABILE: DOTT. FABIO FACINCANI CODICE ROSSO Individua i Pazienti molto gravi o a rischio di vita che devono avere ingresso immediato alle cure. CODICE GIALLO Individua i Pazienti con problemi importanti ma non in pericolo di vita, da trattare in tempi possibilmente brevi. CODICE VERDE Individua i Pazienti che non presentano segni di gravità e che non corrono rischi, da trattare al più presto ma dopo che sono stati assistiti i casi più gravi. Le prestazioni in codice Verde possono essere assoggettate al pagamento del Ticket, ad eccezione dei Pazienti esenti. CODICE BIANCO Individua i Pazienti che hanno bisogno di cure che non rientrano nella competenza del Pronto Soccorso e che quindi verranno visitati dopo il trattamento dei casi più urgenti. Tali prestazioni sono soggette alla corresponsione della quota di partecipazione alla spesa sanitaria (Ticket) in ottemperanza a quanto previsto dalle normative regionali ad eccezione dei Pazienti con esenzione. 15

16 LA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI Il Servizio è suddiviso nei seguenti settori di attività, organizzati in modo Dipartimentale: RADIOLOGIA CONVENZIONALE SENOLOGIA ECOGRAFIA RISONANZA MAGNETICA TOMOGRAFIA ASSIALE COMPUTERIZZATA ANGIOGRAFIA L attività programmata si svolge dal lunedì al venerdì e, per taluni esami diagnostici, anche il sabato e la domenica. La diagnostica in urgenza viene assicurata grazie al servizio di pronta disponibilità sia medica che tecnica. La diagnostica per i pazienti non trasportabili e per le esigenze intra - operatorie viene effettuata e garantita attraverso l utilizzo di apparecchi portatili. 16

17 I SERVIZI RADIOLOGIA RESPONSABILE: DOTT. FLAVIO MARCHI Il Servizio esegue esami di radiologia convenzionale per Pazienti ricoverati e per esterni. Dispone di 4 sale radiologiche ed è in grado di effettuare tutti gli esami convenzionali, con e senza mezzo di contrasto, di tutti i distretti anatomici. Sono inoltre disponibili: l ortopantomografo e il teleradiografo per lo studio delle arcate dentarie; il tomografo per lo studio delle articolazioni temporo - mandibolari. per i seguenti esami: RX stomaco e duodeno con doppio contrasto clisma del tenue con doppio contrasto RX tubo digerente completo clisma con doppio contrasto urografia endovenosa cistografia che richiedono una specifica preparazione (in questi casi, il foglio informativo sulla preparazione può essere ritirato direttamente all accettazione o, su richiesta, inviato con fax al domicilio). URGENZE: accedono dal Pronto Soccorso. La notte è garantito il servizio di pronta disponibilità tecnica e medica. RITIRO REFERTI Per gli esami ordinari il tempo di refertazione è di 2-3 giorni. Su richiesta è possibile ricevere la refertazione a domicilio. Sempre su richiesta si effettuano inoltre controtipi ovvero copie di radiografi e. Tale servizio prevede un contributo per le spese. ACCESSIBILITÀ AGLI ESAMI Per l effettuazione degli esami è necessario presentarsi all accettazione centrale muniti di impegnativa del Servizio Sanitario Nazionale. Gli esami si effettuano: con libero accesso, senza prenotazione, dal lunedì al venerdì Il Servizio viene esteso al pomeriggio fino alle ore 19 su prenotazione. La prenotazione è necessaria: per Pazienti che devono effettuare più di due esami ALCUNE RACCOMANDAZIONI PER LEI È consigliabile portare sempre con sé precedenti radiografie. CENTRO UNICO PRENOTAZIONE Dal lunedì al venerdì 8-19, sabato 8-12 Prenotazioni Tel Disdetta prenotazioni Tel Per gli esami garantiti dal Servizio Sanitario Nazionale è necessario presentarsi muniti di impegnativa, Tessera Sanitaria e Codice Fiscale. 17

18 I SERVIZI SENOLOGIA LA DIAGNOSI Le metodiche diagnostiche a disposizione per lo studio della mammella sono le seguenti: Mammografi a Ecografi a per tessuti molli Prelievi con ago sottile per esame citologico (con guida ecografi ca o in stereotassi) Prelievi con ago grosso per esame istologico (Mammotome con Paziente prona e con Core Biopsy) Risonanza magnetica della mammella ad 1,5 Tesla INFORMAZIONI UTILI PER L ESECUZIONE DI UN INDAGINE MAMMOGRAFICA È necessario escludere la possibilità di una gravidanza in corso (soprattutto in fase iniziale) Per le donne in età fertile, è opportuno sottoporsi all indagine nella fase pre-ovulatoria entro il giorno dal primo giorno di mestruazione È utile portare tutta la documentazione mammaria precedente (esami diagnostici, cartella clinica, etc.) L esame citologico costituisce il completamento dell iter diagnostico; è opportuno pertanto che venga espletato nel corso delle indagini. Gli approfondimenti di terzo livello (Mammotome e Risonanza magnetica) sono suggeriti dal diagnosta nel corso dell indagine di 1 livello. comunica personalmente alla Paziente il risultato dei prelievi cito-istologici effettuati durante l iter diagnostico. Qualora durante il colloquio emerga la necessità di procedere ad ulteriori accertamenti (biopsia chirurgica) o di passare direttamente a procedure terapeutiche (chirurgiche, oncologiche, fisiatriche e/o supporto psicologico) già in tale fase, il medico radiologo organizza questi diversi percorsi. Ciò grazie alla collaborazione interdisciplinare realizzata con la formazione di un gruppo di specialisti dedicati al trattamento e al supporto delle Pazienti con patologia mammaria. Il gruppo è costituito da radiologo, chirurgo, anatomo patologo, oncologo, fisiatra, psichiatra. Gli specialisti collaborano strettamente tra loro definendo di comune accordo il percorso ottimale per ciascuna Paziente. Il medico curante viene di volta in volta informato sull iter proposto alla Paziente. Il Servizio partecipa allo screening mammografico dell ASL 22, espletando gli esami di II livello per il proprio territorio di riferimento. Agobiopsia mammaria in stereotassi con Mammotome PERCORSO DIAGNOSTICO Le Pazienti vengono visitate, si raccoglie l anamnesi, si effettua l esame clinico accurato: mammografi a ed ecografi a. Quando si rileva la presenza di secrezione o di un nodulo che necessita di approfondimento diagnostico, si informa la Paziente sulla necessità di dover procedere ad ulteriori esami e nella stessa seduta si effettua il prelievo. Nelle lesioni non palpabili gli ago aspirati possono essere guidati dall ecografi a o dalla mammografi a (stereotassi). Il medico radiologo 18

19 RESPONSABILE: DOTT.SSA MARA TONEGUTTI DATI DI ATTIVITÀ Anno 2009: accessi al Servizio di cui: esami senologici 152 agobiopsie in stereotassi con Mammotome 499 risonanze della mammella INNOVAZIONI TECNOLOGICHE Le biopsie mammarie di lesioni non palpabili, in particolare microcalcificazioni, possono essere fatte con Apparecchiatura stereotassica con Mammotome ; tale apparecchiatura è molto sofisticata e poco diffusa in Italia. La diagnosi è istologica quindi con la stessa affidabilità di quella ottenuta tramite biopsia chirurgica ma con notevoli vantaggi rispetto a questa. Tali vantaggi sono: perfetta centratura della lesione e possibilità di monitorare il prelievo in tempo reale; prelievo ambulatoriale; anestesia locale e quindi la Paziente può successivamente tornare alle normali occupazioni. La disponibilità di bobine dedicate allo studio della mammella femminile nell apparecchio di Risonanza Magnetica ad 1,5 Tesla consente di integrare le problematiche diagnostiche con questa metodica ultra specialistica. L impiego della Risonanza Magnetica nella mammella femminile ha indicazioni ben precise valutate dal medico specialista in ogni singolo caso. COLLABORAZIONI DIDATTICO - SCIENTIFICHE Il Servizio collabora con la Scuola Italiana di Senologia, fondata dal professor Umberto Veronesi e diretta dal dottor Claudio Andreoli, con cui la dottoressa Mara Tonegutti coopera da anni. La Scuola Italiana di Senologia organizza corsi stanziali ad Orta San Giulio (Novara) ma prevede corsi itineranti, alcuni dei quali vengono tenuti per la parte sia teorica che pratica nel Servizio di Senologia della Casa di Cura Pederzoli. Obiettivo di questi corsi sono la formazione e l aggiornamento di personale sanitario dedicato alla Senologia (medici specialisti - chirurghi, radiologi, ginecologi, anatomo-patologi, fi siatri, tecnici di radiologia, di laboratorio, fi sioterapisti, personale infermieristico). URGENZE L indagine con carattere d urgenza segnalata dal medico curante sull impegnativa viene espletata in tempi brevi. ATTENZIONE ALLA PERSONA A tutte le Pazienti che effettuano un indagine senologica preventiva (se non sottoposte ad ulteriori accertamenti, ad es. ago aspirato) al termine dell esame viene consegnata la documentazione ed il relativo referto. ACCESSIBILITÀ AGLI ESAMI ORDINARI Dal lunedì al venerdì: 8-20 / sabato: 8-14 In rapporto alla lista di attesa: sabato / domenica 8-20 CENTRO UNICO PRENOTAZIONE Dal lunedì al venerdì 8-19, sabato 8-12 Prenotazioni Tel Disdetta prenotazioni Tel Per gli esami garantiti dal Servizio Sanitario Nazionale è necessario presentarsi muniti di impegnativa, Tessera Sanitaria e Codice Fiscale. Per le visite libero professionali la disponibilità del medico specialista viene fornita dal CUP. 19

20 I SERVIZI ECOGRAFIA RESPONSABILE: DOTT. EMILIO BARBI APPLICAZIONI Il Servizio di Ecografi a esegue i seguenti esami: addome superiore ed inferiore articolare, muscolare, testicolare, tessuti molli, collo eco-doppler, color-doppler, e power doppler associata agli esami suddetti pene basale e con eco-color-doppler dopo farmacoerezione con PGE1 (defi cit erettile) eco-color-doppler arterie renali (ipertensione nefrovascolare) agoaspirato ecoguidato citologico/istologico da organi addominali, collo e tessuti molli biopsie prostatiche ecoguidate mirate e random drenaggio/aspirazione ecoguidato di raccolte addominali, toraciche e tessuti molli alcolizzazione ecoguidata di lesioni addominali o dei tessuti molli ecografi a intra-operatoria termoablazione ecoguidata intra-operatoria di lesioni addominali o dei tessuti molli ecografi a endocavitaria (transrettale ed endovaginale) URGENZE Nell orario di apertura del Servizio le urgenze inviate dal Pronto Soccorso vengono eseguite in tempo reale; nell orario di chiusura è invece attivo un servizio di pronta disponibilità. Nel caso di urgenze inviate direttamente dal medico curante è gradito un preventivo contatto telefonico: il colloquio tra questi e lo specialista é garanzia per il Paziente di una migliore gestione soprattutto in presenza di eventuali casi particolari. INNOVAZIONI TECNOLOGICHE Il Servizio, tecnologicamente all avanguardia, è aggiornato con tutte le più recenti applicazioni ecografiche. Tra queste anche l uso di mezzi di contrasto di II generazione, applicazione non garantita dal Servizio Sanitario Nazionale e quindi a totale carico del Paziente. ACCESSIBILITÀ AGLI ESAMI ORDINARI dal lunedì al sabato / CENTRO UNICO PRENOTAZIONE Dal lunedì al venerdì 8-19, sabato 8-12 Prenotazioni Tel Disdetta prenotazioni Tel Per gli esami garantiti dal Servizio Sanitario Nazionale è necessario presentarsi muniti di impegnativa, Tessera Sanitaria e Codice Fiscale. Per le visite libero professionali la disponibilità del medico specialista viene fornita dal CUP. 20

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA Per prenotare ed eseguire un esame è necessario: 1. Il paziente deve avere una richiesta medica completa che comprenda cognome e nome, data di nascita, numero

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

MODALITA DI PRENOTAZIONE

MODALITA DI PRENOTAZIONE DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA MEDICINA DELLO SPORT MODALITA DI PRENOTAZIONE U.O.C.- CENTRO DI MEDICINA DELLO SPORT DI 2 LIVELL O CASALECCHIO DI RENO AMBULATORI DI 1 LIVELLO Per prenotare le visite di

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it Progetto grafico Avenida Stampa Artestampa srl Diffusione 50.000 copie Dicembre 2003 www.policlinico.mo.it

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C.

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C. Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI T.A.C o meglio T.C. Gentili Pazienti in modo molto semplice vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Gentili Pazienti, desideriamo fornirvi alcune informazioni utili per affrontare in modo

Dettagli

ECOPED 2011. Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica. PISTOIA 27-30 Giugno 2011

ECOPED 2011. Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica. PISTOIA 27-30 Giugno 2011 Gruppo di Studio di Ecografia Pediatrica Società Italiana di Pediatria Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica ECOPED 2011 PISTOIA 27-30 Giugno 2011 PROGRAMMA DOCENTI E TUTORS Giuseppe Atti Carlo

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015.

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015. Sani.Med. S.r.l. Via Palombarese km. 19,0 Marcosimone di Guidonia 00010 Roma Carta Servizi Prestazioni di: Fisioterapia Cardiologia Dermatologia Ginecologia Endocrinologia Oculistica Neurologia Reumatologia

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali S.C. Fisica Sanitaria S.C. Medicina Nucleare Pietra Ligure S.C. Neuroradiologia Diagnostica ed Interventistica S.C. Radiologia Diagnostica

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria -

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - ART. 1 - Oggetto: Il presente Regolamento disciplina i casi e

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

Cognome Nome Disciplina Descrizione Desc Presidio Tip. Validita Importo

Cognome Nome Disciplina Descrizione Desc Presidio Tip. Validita Importo ABATE DR.SSA MARIA PIA DIAGN.PER IMMAGINI RADIOLOGIA CLISMA OPACO SEMPLICE P.O. UMBERTO I - SR 21 01/03/2015 153,00 ABATE DR.SSA MARIA PIA DIAGN.PER IMMAGINI RADIOLOGIA COLECISTOGRAFIA P.O. UMBERTO I -

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove?

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? Anna Prenestini SDA Bocconi Area Public Policy and Management 09 ottobre 2012 1 Un futuro da scrivere

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

Anno 2014. Anno 2014 Individuati nel sub obiettivo. Anno 2015. Individuati nel sub obiettivo. Anno 2014 Numero operatori della Struttura partecipanti

Anno 2014. Anno 2014 Individuati nel sub obiettivo. Anno 2015. Individuati nel sub obiettivo. Anno 2014 Numero operatori della Struttura partecipanti A.S.L. TO4 Piano della performance ed obiettivi - S.C. Affari Generali Direttore: Dott.ssa Carla CIAMPORCERO FOR Sviluppare le attività di formazione su appropriatez prescrittiva farmaci e prestazioni

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia ANESTESIA Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa fa l Anestesista Pag. 2 Visita Anestesiologica Pag. 2 Che cosa significa Consenso Informato Pag. 3 Esami preoperatori Pag. 4 Prescrizioni

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE

GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE La presente guida descrive le procedure operative che gli Assistiti dovranno seguire per accedere alle prestazioni garantite

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta. di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione

CARTA DEI SERVIZI. Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta. di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione CARTA DEI SERVIZI azienda caserta azienda caserta ospedaliera Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione progetto e redazione:

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE corso di aggiornamento GESTIONE DELLA CARDIOPATIA ISCHEMICA CRONICA STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare Direttore scientifico: 18 aprile 2015 Sala Rosangelo Mazzarino (CL) edizione 1 PROGRAMMA

Dettagli

Come utilizzare le prestazioni della polizza UNISALUTE

Come utilizzare le prestazioni della polizza UNISALUTE Come utilizzare le prestazioni della polizza UNISALUTE 1 Richiesta informazioni Contattare la Centrale Operativa di Unisalute dalle ore 8,30 alle 19,30 dal lunedì al venerdì 800.822.472 051.63.89.046 dall

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli