L attivita della IICUAE inizia a Sharjah nel 1999 come accordo di programma Regione Piemonte ICE. Nel 2006 la IICUAE inizia il processo di

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L attivita della IICUAE inizia a Sharjah nel 1999 come accordo di programma Regione Piemonte ICE. Nel 2006 la IICUAE inizia il processo di"

Transcript

1

2 L attivita della IICUAE inizia a Sharjah nel 1999 come accordo di programma Regione Piemonte ICE. Nel 2006 la IICUAE inizia il processo di riconoscimento da parte del Governo Italiano come Camera di Commercio Italiana all estero, che termina il 17 Novembre Tra le iniziative di maggior prestigio della Camera si segnala l ideazione di Italian Lifestyle in the Emirates, l unica Fiera italiana nei Paesi del Golfo (Sharjah, ) e l Italian Festival Weeks in the UAE, giunta alla quinta edizione, un calendario di attività culturali ed economiche che si svolge nei tre principali Emirati di Abu Dhabi, Dubai e Sharjah. Dal 15 giugno 2010, la Camera ospita ufficialmente l ENIT nel Paese. A dicembre 2010 la Camera ha aperto il Desk Qatar. Lo staff della Camera e composto da 9 addetti: 7 negli EAU e 2 in Qatar.

3

4

5 Nome Emirati (االلا إممااررااتت االلععررببيي ةة االلممتت ححدد) Emirati Arabi Uniti Abu Dhabi, Dubai, Sharjah, Ajman, Umm Al Qaiwain, Ras Al Khaimah e Fujairah Governo Monarchia costituzionale Capitale Abu Dhabi Città principali Dubai / Sharjah Popolazione abitanti (di cui meno del 20% emiratini) Superficie km 2 Lingua ufficiale Arabo L i n g u a Inglese commerciale Moneta Dhiram Tasso di cambio fisso Dh/US$ - 3,67 Dh/ - 4,6 (Giugno 12) Religione ufficiale Musulmana. Esiste la totale libertà di culto Visti Per i cittadini italiani non è richiesto il visto per l ingresso nel Paese Dogana Non ci sono limitazioni sui movimenti di valuta né dazi doganali su effetti personali. Clima Da Dicembre a Marzo: min 15 max 28 Da Aprile a Novembre: min 22 max 48 Dalla domenica al giovedì. Venerdì e sabato festivi. Giorni lavorativi I centri commerciali, ristoranti e negozi sono aperti tutta la settimana escluso il venerdì mattina.

6 (e) PIL prezzi correnti (miliardi US $) Crescita reale del PIL (%) +5,1 + 3,9 + 3,1 +3,6 Inflazione (% prezzi al consumo) Volume Esportazioni beni e servizi (%) Volume Importazioni beni e servizi (%) + 0,87 + 0,66 + 1,58 +1,90 +10,51 +7,64 +6,30 +6,19 +10,10 +11,44 +5,49 +5,51 Fonti: International Monetary Fund IMF World Economic Outlook October 2012

7

8

9 Rischio Paese: La SACE colloca tutti gli Emirati nella categoria OCSE 2 su 7 (dove 0 rappresenta il rischio minore e 7 il rischio massimo). Il presidente degli EAU e governatore di Abu Dhabi, Khalifa bin Zayed al-nahyan, ha consolidato la sua posizione, confermando l orientamento liberale della politica economica. Gli Emirati Arabi Uniti godono di una stabilita politica interna che condiziona Il Presidente degli EAU ed Emiro di Abu Dhabi, Sheikh Khalifa bin Zayed Al Nahyan, e il Vice-Presidente ed Emiro di positivamente la sua economia e le previsioni Dubai, Sheikh Mohammed Bin Rashid Al Maktoum di crescita. La primavera araba e la crisi attraversata da alcuni Paesi del Nord Africa e Medio Oriente, oltre a riversare sugli Emirati flussi turistici e investimenti gia destinati all area, hanno spinto la dirigenza del Paese ad allargare la base elettiva del Federal National Council e a pianificare misure di rafforzamento della sicurezza nazionale.

10 Gli EAU sono il quinto produttore al mondo di petrolio e gas, e sono al terzo posto per riserve di idrocarburi. Nel 2012 gli EAU hanno registrato una crescita del 4% del PIL (fonte FMI) grazie agli elevati proventi petroliferi, ma anche grazie all'espansione dell economia non oil. In effetti, lungimiranti politiche di diversificazione economica hanno ridotto il contributo del settore petrolifero al 23% del PIL, mentre quello dei servizi supera ormai il 50%. Le recenti politiche economiche varate dal Governo mirano al consolidamento delle finanze pubbliche per porle al riparo dalla volatilita del prezzo del petrolio. Sebbene in lieve flessione, le previsioni permangono positive anche per il 2013 (+2,5% PIL). Positive sono le prospettive di crescita del settore non petrolifero. Indicatori di Buisness Climate Attuale Precedente Doing Business su su 183 Index of Economic Freedom su su 184 Corruption Perception Index su su 183 Fonte: SACE Scheda Paese

11 Il sistema bancario degli EAU e composto da 51 banche (23 nazionali, 28 straniere). Sono presenti nel Paese 6 banche islamiche, e le italiane San Paolo e Unicredit. Superata la crisi che aveva colpito nel 2009 la holding pubblica Dubai World, l Emirato di Dubai si conferma hub finanziario della regione. Dopo un 2012 in piena crescita (+33,5%) la borsa di Dubai DIFX - ha esperito una performance positiva nel 2013, con l indice FTSE-Nasdaq di Dubai in crescita del +36,9% nei primi sei mesi dell anno rispetto al +13,5% dello stesso semestre del Non vi sono progetti in corso con il Fondo Monetario Internazionale, ne con la Banca Mondiale. La valuta locale, Dhiram, e ancorata al dollaro (1AED = 3,673 US$) Nasdaq Dubai 1 Gen 2012 / 1 Gen 2013 Fonte: Nasdaq Dubai

12 Gli EAU godono di un efficiente e ben sviluppato sistema infrastrutturale. La rete stradale e moderna, ed integrata con eccellenti strutture portuali ed aeroportuali. Il sistema legale federale, sebbene sviluppato, risente di alcune differenze tra i vari Emirati, e della Shari a islamica. Il numero delle free zones in cui investitori stranieri hanno la possibilita di detenere al 100% il capitale della societa, e in costante aumento; tuttavia e in aumento anche il numero di joint ventures con partner locali, sistemi societari che permettono una piu agevole partecipazione alle gare d appalto. Fattore critico sul piano della stabilita permane quello relativo alla sicurezza nell area mediorientale, ed in particolare i rapporti con la vicina Repubblica Islamica dell Iran.

13 Abu Dhabi L Emirato di Abu Dhabi, la capitale, è il più prosperoso della regione, è anche il principale produttore di petrolio, con un PIL costituito per il 60% circa dall estrazione del greggio ed un attività economica concentrata prevalentemente in questo settore. Abu Dhabi, da sola, detiene il 90% delle risorse del sottosuolo e occupa l 80% del territorio. Il governo dell Emirato persegue una politica di sviluppo e diversificazione degli investimenti nota con il nome di Abu Dhabi Economic Vision Da segnalare: l apertura del Ferrari Park, il più grande parco a tema al coperto del mondo la realizzazione della Sadiyat Island, dove sorgerà il distretto culturale con il Museo Gugghenheim, il Louvre e il Museo Nazionale Sheikh Zayed Mazdar City, la prima città a zero emissioni di CO2 Raha Beach, zona turistica sul mare il circuito di F1 di Abu Dhabi

14 Sheikh Zayed Grand Mosque Progetti di sviluppo di Saadiyat Island Ferrari World e circuito di F1

15 Dubai Dubai è uno dei sette emirati che compongono la Federazione; conta una popolazione di abitanti (2011), aumentata di unita rispetto al 2010, raggiungendo cosi il suo massimo storico. Nel 2012 il PIL di Dubai e cresciuto del 3,5-4% confermando l Emirato quale fulcro commerciale degli EAU, grazie alla sua forte capacità esportativa, all ottima qualità delle infrastrutture e alla sua diversificazione industriale, relativamente alla quale si segnalano i seguenti settori: Turismo (nel 2011 Dubai ha ospitato 9,30 milioni di turisti, in aumento del 10% rispetto al 2010 e i ricavi del settore alberghiero hanno registrato una crescita del 20% rispetto all anno precedente) Telecomunicazioni, trasporti via aerea e mare (le infrastrutture emiratine si sono clasisficate le 8 migliori al mondo secondo il Global Competitiveness Index (GCI) e Jebel Ali e il 6 maggiore porto al mondo) Industria manifatturiera (es. Sono attive oltre 100 industrie di trasformazione alimentare) Settore finanziario (DIFC, ha concluso il 2011 con un incremento di societa registrate del 7% rispetto al 2010) Ristorazione (sono presenti oltre 100 ristoranti italiani) Free Zones (Dubai ha 25 Free Zones; nella sola Free Zone di Jebel Ali sono presenti circa aziende)

16 Ski Dubai, la pista da sci nel Mall of the Emirates Burj Al Arab e lungomare di Dubai Metropolitana di Dubai

17 Sharjah L Emirato di Sharjah si caratterizza per l attenzione rivolta alle aziende manifatturiere e al loro sviluppo; particolare attenzione è rivolta alle aziende di dimensioni medio-piccole (vi opera il 40% delle industrie manifatturiere degli EAU). Dal punto di vista commerciale, alcuni settori merceologici sono particolarmente presenti a Sharjah, come quello del mobile, della ricambistica auto e del marmo. Anche le Free zone (una all aeroporto e una sul mare), hanno costi maggiormente abbordabili rispetto a Dubai. L emirato si contraddistingue per una particolare attenzione alla cultura, con i suoi numerosissimi Musei. La maggiore risorsa come materia prima è il gas, di cui Sharjah rifornisce in parte gli altri Emirati.Una zona turistica di grande interesse per i sub e Khor Fakkan, il cui mare è ricco di pesci tropicali, tartarughe e si trova sulla costa dell Oceano Indiano; Sharjah è l unico emirato ad avere sbocco anche sul mare esterno oltre che sul Golfo Arabico. Anche in questo emirato si è avuto un forte sviluppo dell edilizia, senza arrivare agli estremi di Dubai e un attenzione al turismo. Di particolare rilevanza l opera di ristrutturazione e ampliamento della superstrada che collega Sharjah a Dubai, finita nel 2009, che ha raddoppiato le corsie di scorrimento e alleggerisce del 50% il volume del traffico.

18 Qanat al Qasba Il Souq Centrale Port Khalid

19 Il Governo di Dubai ha annunciato il proprio budget di spesa per il 2013, pari a 34,12 miliardi di AED (circa 7,5 miliardi di euro) che, accanto ad un aumento delle entrate dell 8% rispetto al 2012, ridurra il deficit di bilancio allo 0,5% del PIL. L aeroporto di Dubai prevede di raggiungere il numero di 66 milioni di passeggeri nel 2013, superando il record del 2012 (57 milioni), con una media di 5 milioni di passeggeri al mese e una crescita di circa il 13% su base annua Dopo l apertura del Burj Khalifa, il grattacielo piu alto al mondo, a Dubai sono stati ufficializzati altri due record: nel maggio 2012 la Princess Tower della societa Tameer, quale grattacielo a scopo residenziale piu alto al mondo, a dicembre 2012, il JW Marriott Marquis Dubai quale hotel piu alto al mondo. Dall 8 aprile 2012 il Dipartimento per lo Sviluppo Economico ad Abu Dhabi ha avviato il processo di rilascio delle trade licence per via telematica; le domande per l ottenimento delle licenze avranno solo formato elettronico.

20 Gli investimenti esteri diretti (IED) di Abu Dhabi hanno raggiunto i 43,2 miliardi di AED (oltre 9 miliardi di euro) con un aumento dell 11% nel 2011 rispetto al 2008, a riprova della bonta delle riforme a favore del business adottate recentemente dall Emirato, e del piano di sviluppo Abu Dhabi Economic Vision La prima parte del progetto di ADPC, Port Khalifa, sara operativa entro l ultimo trimestre 2012; il nuovo porto di Abu Dhabi avra una capacita di 2milioni di container TEU, e 12 milioni di tonnellate di carico generale. Entro il 2030 Port Khalifa potra gestire fino a 15 milioni di TEU e 35 milioni di tonnellate di merci varie. Il governo degli Emirati istituira in Asia centri di formazione per lavoratori non specializzati del settore edile. Gli EAU apriranno un ufficio in India a inizio 2013 per addestrare la forza lavoro; saranno formati lavoratori nel primo anno, nel 2014 e entro il Segura l apertura di altri centri in Pakistan e Bangladesh.

21 Accordi: Accordo contro le doppie imposizioni (1997) Accordo sulla promozione degli investimenti reciproci (1997) Accordo sui servizi aerei (1991) Accordo di cooperazione militare ratificato da entrambe le parti (2003). Memorandum sulle Consultazioni Rafforzate (2007). La commissione economica mista, prevista nell accordo di cooperazione economica tra Italia ed Emirati Arabi Uniti del 1986, è tornata a riunirsi nel novembre 2008 e nel giugno Accordo istitutivo di un Gruppo di Collaborazione interparlamentare (2009). Accordo tra l Istituto per l Oriente Carlo Alfonso Nallino e la Abu Dhabi Authority for Cultural Heritage per la traduzione in arabo dei principali testi della letteratura italiana (2009). È in corso la stesura di un accordo bilaterale nei settori dell'educazione e della ricerca scientifica e tecnologica. Inoltre, sta per essere siglato un accordo bilaterale per la collaborazione tra Italia ed Emirati Arabi Uniti in materia di protezione civile.

22 25 ANNI DI EXPORT ITALIANO NEGLI E.A.U Elaborazione dati ISTAT a cura della Camera di Commercio Italiana negli EAU

23 MONDO Miliardi (euro) EUROPA (U. E.) Miliardi (euro) India 7,839 1 Germania 2,684 Stati Uniti 6,337 2 ITALIA 2,088 Cina 5,587 3 Regno Unito 1,965 Giappone 3,569 4 Francia 1,384 5 Corea del Sud 6 Germania 2,684 2,744 5 Belgio 1,065 7 Turkey 2,521 8 ITALIA 2,088 Dati :UAE National Statistics Bureau a cura della Camera di Commercio (dati originalmente in AED, convertiti dalla Camera al tasso di cambio medio EURO=4.719AED (il dato non coincide con il valore ISTAT 2011)

24 Elaborazione dati Istat a cura della IICUAE # PAESE Dati ISTAT a cura della Camera di Commercio italiana negli EAU VALORE EXPORT 2012 (EURO) 1 Unione Europea USA Svizzera Turchia Federazione russa Cina Giappone Emirati Arabi Uniti Brasile Hong Kong Arabia Saudita India

25 Gen-Dic 2011 in Gen-Dic 2012 in VARIAZIONE % Gen-Giu 2013 (% su Gen-Giu 2012) EXPORT ITALIA IN E.A.U. ( ) EXPORT E.A.U. IN ITALIA ( ) , , (+6,4%) (-19,2%) Dati ISTAT elaborati a cura della Camera di Commercio italiana negli EAU

26 VARIAZIONE % Gen-Giu 2013 (% su Gen-Giu 2012) PIEMONTE , (+8,0%) VALLE D AOSTA , (+972,7%) LOMBARDIA , (-10,6%) LIGURIA , (+180,8%) VENETO , (+14,0%) TRENTINO ALTO ADIGE FRIULI VENEZIA GIULIA , (+4,5%) Dati ISTAT a cura della Camera di Commercio , (+148,1%)

27 VARIAZIONE % Gen-Giu 2013 (% su Gen-Giu 2012) TOSCANA , (+12,2%) EMILIA ROMAGNA , (-3,5%) UMBRIA , (+49,7%) LAZIO , (-22,1%) MARCHE , (+21,7%) Dati ISTAT a cura della Camera di Commercio CAMPANIA , (+5,5%)

28 VARIAZIONE % ABRUZZO ,96 MOLISE ,44 BASILICATA ,18 PUGLIA ,45 CALABRIA ,55 SARDEGNA ,99 Gen-Giu 2013 (% su Gen-Giu 2012) (-56,2%) (-22,6%) (-27,4%) (+4,64%) (+9,2%) (-74,1%) SICILIA , (-31,2%) Dati ISTAT a cura della Camera di Commercio

29

30 1 SETTORE MACCHINARI, APPARECCHIATURE, STRUMENTAZIONI Dati ISTAT a cura della Camera di Commercio EXPORT 2012 In VARIAZIONE % RISPETTO A GIOIELLERIA ,69 3 METALLI E LAVORATI IN METALLO , PRODOTTI DERIVANTI DALLA RAFFINAZIONE DEL PETROLIO APPARECCHIATURE ELETTRICHE E NON, PER USO DOMESTICO , ,66 6 ABBIGLIAMENTO E ACCESSORI ,77 7 MEZZI DI TRASPORTO NAVALI, AEREI, E SU STRADA ,48 8 COMPUTER ED ELETTRONICA ,34

31 SETTORE EXPORT 2012 in VARIAZIONE % RISPETTO A AGROALIMENTARE ,50 10 INTERIOR DESIGN ,03 11 MINERALI ,50 12 CHIMICO DETERGENTI, PROFUMI E COSMETICI ARTICOLI IN GOMMA E MATERIE PLASTICHE ,24 15 TESSILE ,77 16 FARMACEUTICO ,87 Dati ISTAT a cura della Camera di Commercio 17 ALTRO

32 ESPORTAZIONI ITALIANE NEGLI EAU GENNAIO GIUGNO 2013 SETTORE EXPORT I SEMESTRE 2013 VARIAZIONE % RISPETTO A GIOIELLERIA ,5% 2 MACCHINARI, APPARECCHIATURE, STRUMENTAZIONI ,0% 3 METALLI E LAVORATI IN METALLO ,8% 4 MEZZI DI TRASPORTO NAVALI, AEREI, E SU STRADA ,4% 5 ABBIGLIAMENTO E ACCESSORI ,5% 6 COMPUTER ED ELETTRONICA ,3% 7 APPARECCHIATURE ELETTRICHE E NON, PER USO DOMESTICO ,8% 8 PRODOTTI DERIVANTI DALLA RAFFINAZIONE DEL PETROLIO Dati ISTAT a cura della Camera di Commercio ,7% 9 CHIMICO ,3%

33 ESPORTAZIONI ITALIANE NEGLI EAU GENNAIO GIUGNO SETTORE EXPORT I VARIAZIONE % SEMESTRE 2013 RISPETTO A 2012 INTERIOR DESIGN ,8% AGROALIMENTARE ,0% MINERALI ,6% DETERGENTI, PROFUMI E COSMETICI ,3% ARTICOLI IN GOMMA E MATERIE PLASTICHE ,4% FARMACEUTICO ,7% TESSILE ,4% ALTRO ,3% TOTALE ,4% Dati ISTAT a cura della Camera di Commercio

34 Mese Fiere Settore Gennaio World Future Energy Summit Energie alternative e tecnologie pulite Febbraio Gulfood Alimentare Marzo The Dubai International Boat Show Nautica Maggio Arabian Travel Market Turismo Maggio Hardware & Tools Middle East Hardware & Componenti IT Maggio The Hotel Show Ospitalita & Tempo Libero Giugno Automechanika Middle East Automobile Settembre Cityscape Sviluppo Immobiliare Ottobre Gitex I.T. Ottobre INDEX Arredamento Novembre BIG 5 Edilizia Novembre Speciality Food & SEAFEX Alimentare Novembre ADIPEC Oil & Gas

35 I requisiti comuni a tutte le forme societarie sono: la registrazione dello statuto presso il Registro del Commercio l autorizzazione dell Emirato territorialmente competente la partecipazione alla società di soggetti con nazionalità EAU in quota non inferiore al 51% Apertura di una filiale Una società straniera può decidere di operare negli E.A.U. tramite una o più filiali grazie alle quali è possibile aggirare il limite che richiede il 51% di partecipazione da parte di imprese locali, in quanto la filiale è interamente posseduta dalla società madre. Tuttavia, la società madre dovrà individuare uno sponsor di nazionalità EAU o, nel caso di persona giuridica, un azienda a capitale interamente EAU.

36 Le Tax Free Zones All interno delle Free zones la società può essere detenuta al 100% da capitale straniero. Inoltre: libertà di trasferire capitali, inclusi dividendi e utili esenzione da dazi doganali sulle importazioni assenza di tassazione sulle persone fisiche piena rimpatriabilità di capitali e utili assenza di restrizioni valutarie Alcune Free zone: Abu Dhabi Airport Free Zone (ADAFZ); Khalifa Industrial Zone Abu Dhabi (KIZAD); ZonesCorp; Dubai Airport Free Zone (DAFZ); Dubai Car and Automotive City Free Zone (DUCAMZ); Dubai Biotechnology & Research Park; Dubai Flower Center; Dubai Gold and Diamond Park; Dubai Internet City (DIC); Dubai Silicon Oasis (DSO); Jebel Ali Free Zone (JAFZA); Hamriyah Free Zone (HFZ); Sharjah Airport International Free Zone (SAIF-zone); RAK Free Trade Zone (RAKFTZ); Fujairah Free Zone (FFZ)

37 1) Pre-indagine All azienda italiana viene inviata una scheda da compilare in inglese, quale presentazione della stessa e specifica del tipo di interlocutore emiratino da incontrare (distributore, dettagliante, partner ecc). Obbligatorio il sito in lingua inglese. La Camera effettua una ricerca di mercato tramite la presentazione della azienda italiana a operatori locali selezionati. Lo scopo e di valutare il livello di gradimento della proposta del prodotto/servizio e dei relativi prezzi di vendita, sul mercato degli UAE e regolarsi per il proseguimento o meno della missione. In caso di esito negativo verra trasmessa all azienda la lista degli operatori contattati con relativi commenti. In caso di esito positivo, si passa alla fase 2. Durata della pre-indagine 15 giorni dal ricevimento della scheda Company Profile.

38 2) Missione Organizzazione di almeno 5/6 incontri mirati con operatori locali selezionati. Gli operatori locali saranno precedentemente sensibilizzati e informati sulle caratteristiche del prodotto/servizio e dei relativi prezzi di vendita. Seguiranno una serie di contatti telefonici per verificarne il gradimento o meno. Gli incontri si terranno esclusivamente presso le sedi degli operatori locali, ad Abu Dhabi e/o Dubai e/o Sharjah. Viene fornita assistenza completa per la logistica (hotel, interpreti, affitto auto ecc.). La lista degli operatori interessati viene inviata dopo aver ricevuto il saldo del costo complessivo del servizio. L elenco degli operatori e visionato e valutato in anticipo dalle imprese italiane. La lista definitiva degli incontri (che si svolgono sempre in 2 giorni al massimo), con relativi orari, viene inviata 3-4 giorni prima dell inizio della missione. Durata complessiva per l organizzazione della missione, 30 giorni dal ricevimento della scheda Company Profile.

39 Grazie! Italian Industry & Commerce Office in the UAE Camera di Commercio Italiana negli EAU Shukran! Per informazioni: Tel : Fax: Web: Indirizzo: Al Batha Tower, 9 th Floor, Room #903, Buhairah Corniche P.o.Box 48558, Sharjah, United Arab Emirates

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto A cura dell Ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY Il raggiungimento di un accordo sul nucleare iraniano potrebbe aprire interessanti opportunità per le

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Missioni di Incoming di delegazioni estere organizzate da ICE-Agenzia. in occasione di:

Missioni di Incoming di delegazioni estere organizzate da ICE-Agenzia. in occasione di: Missioni di Incoming di delegazioni estere organizzate da ICE-Agenzia in occasione di: 1 Agenda 1 PROGETTO EXPO IS NOW! 2 PROGETTO CIBUS E' ITALIA PADIGLIONE CORPORATE FEDERALIMENTARE/FIERE DI PARMA 3

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

IRAQ Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015

IRAQ Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015 IRAQ Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015 1 INDICE : 1. Analisi del quadro socio-economico 1.a Principali indicatori economici 1.b Principali indicatori sociali e demografici 2. Analisi del

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti una valutazione comparata della gestione dei rifiuti Parte una valutazione comparata della gestione dei rifiuti La Commissione europea nell Aprile del 01 ha presentato gli esiti di una ricerca eseguita

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Vs. richiesta su ZHEJIANG YUEJIN IMPORT CO LTD - Cina Recte ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina Cliente ALFA SPA Data evasione Redattore E.L./FC Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Zhejiang Yuejin

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali Primo Rapporto ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

FOCUS CINA SPEDIZIONI E SOLUZIONI LOGISTICHE PER IL MERCATO CINESE

FOCUS CINA SPEDIZIONI E SOLUZIONI LOGISTICHE PER IL MERCATO CINESE FOCUS CINA SPEDIZIONI E SOLUZIONI LOGISTICHE PER IL MERCATO CINESE TUVIA IN CINA Il Gruppo TUVIA è presente in Cina dal 2008 con uffici diretti a Shanghai, Pechino e Hong Kong. PECHINO Oltre alle filiali,

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Capitolo 17 Commercio con l estero e internazionalizzazione 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Le statistiche sul commercio con l estero e sulle attività internazionali delle imprese

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

TRASPORTO MERCI SU STRADA

TRASPORTO MERCI SU STRADA TRASPORTO MERCI SU STRADA Analisi economico-statistica delle potenzialità e criticità di un settore strategico per lo sviluppo sostenibile Trasporto merci su strada è una pubblicazione a cura di: ANFIA

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE giugno 2013 Il presente rapporto è stato elaborato con le informazioni disponibili al 14 giugno 2013 da: Giulia

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Qualità dei servizi. Per uno standard minimo di benessere

Qualità dei servizi. Per uno standard minimo di benessere CAPITOLO 12 Qualità dei servizi Per uno standard minimo di benessere L accesso diffuso a servizi di qualità è un elemento fondamentale per una società che intenda garantire ai suoi cittadini uno standard

Dettagli

ALCUNI NASCONO GIÀ GRANDI.

ALCUNI NASCONO GIÀ GRANDI. ALCUNI NASCONO GIÀ GRANDI. ALTRI LO DIVENTANO CON SACRIFICIO, IMPEGNO, CORAGGIO E DETERMINAZIONE. ALTRI, ANCORA, LA GRANDEZZA L HANNO NEL PROPRIO DNA. BUSINESS INTELLIGENCE GROUP LA NOSTRA PIATTAFORMA

Dettagli

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti LA POPOLAZIONE 17 Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti Significato. La presenza nella popolazione di cittadini stranieri è ormai diventata di una certa consistenza

Dettagli