Missione negli Emirati Arabi Uniti Abu Dhabi, 8-9 maggio 2006

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Missione negli Emirati Arabi Uniti Abu Dhabi, 8-9 maggio 2006"

Transcript

1 Missione negli Emirati Arabi Uniti Abu Dhabi, 8-9 maggio 2006 Documentazione di supporto

2 CONTENUTO Dossier Emirati Arabi Uniti: presenza e operatività del sistema bancario italiano negli Emirati ed altri elementi di approfondimento su questioni economico-finanziarie Dati macroeconomici relativi agli Emirati Arabi Uniti e rapporti con l Italia Dati di sintesi sul sistema bancario emiratino 2

3 DOSSIER EMIRATI ARABI UNITI Presenza e operatività del sistema bancario italiano negli Emirati Arabi Uniti ed altri elementi di approfondimento su questioni economico-finanziarie 3

4 I. Presenza e operatività del sistema bancario e finanziario italiano negli Emirati Arabi Uniti a. Presenza diretta ed indiretta delle banche italiane negli Emirati Arabi Uniti b. Operatività delle banche italiane con gli Emirati Arabi Uniti c. Restrizioni alla presenza in loco di banche estere d. Rischio Paese Emirati Arabi Uniti e rischio bancario e. Sviluppo della finanza islamica negli Emirati Arabi Uniti (cenni) II. Questioni di carattere generale che potrebbero essere oggetto di approfondimento con le Autorità degli Emirati Arabi Uniti a. Diversificazione dell economia emiratina: progetti infrastrutturali e relative opportunità di investimento e collaborazione industriale per le imprese italiane b. Economic Free Trade Zones c. Dubai International Financial Centre (DIFC) d. Business Climate: fattori di attrazione degli Investimenti Diretti Esteri e. Il processo di integrazione intra-regionale: Il Consiglio di Cooperazione del Golfo (GCC) e gli Accordi di Libero Scambio f. Accordi di cooperazione Emirati Arabi Uniti - Italia g. Politica commerciale e accesso al mercato 4

5 I. Presenza e operatività del sistema bancario e finanziario italiano negli Emirati Arabi Uniti 1 a. Presenza diretta ed indiretta delle banche italiane negli Emirati Arabi Uniti Nell area sono presenti due uffici di rappresentanza, rispettivamente del Gruppo San Paolo IMI a Dubai e di HVB (Unicredit Group) ad Abu Dhabi. Prospetto riepilogativo SanPaolo IMI Ufficio di rappresentanza Dubai Unicredit HVB Ufficio di rappresentanza Abu Dhabi b. Operatività delle banche italiane con gli Emirati Arabi Uniti L operatività delle banche italiane con gli Emirati Arabi Uniti è volta sia al finanziamento delle esportazioni sia al finanziamento diretto a imprese locali partecipate da imprese italiane o interamente estere. In particolare, per quanto riguarda il finanziamento di operazioni commerciali, si tratta in prevalenza di esportazioni di beni di consumo (articoli di oreficeria, prodotti tessili, abbigliamento, calzature, mobili e arredo), materiali da costruzione, macchinari e componenti meccaniche per la realizzazione di impianti, soprattutto impianti per derivati dell industria petrolchimica. Al fine di disporre di un quadro dettagliato ed aggiornato circa l operatività dell industry bancaria negli Emirati Arabi Uniti, nel mese di aprile 2006 l ABI ha condotto una specifica indagine presso il Gruppo di Lavoro Relazioni Internazionali, composto dalle maggiori banche più attive sui mercati esteri. Nella tabella che segue sono riportati i risultati quantitativi dell indagine. Plafond Complessivo (mln di ) (totale impegni in essere e disponibilità a Plafond utilizzato (mln di ) aprile 2006) Con Senza Con Senza di cui per di cui per Util./ Totali Totale Sace Sace Sace Sace export altre finalità Totale Totale a breve 0 467,1 467, ,2 242,2 52,0 294,2 63% Totale a m.l.t ,7 602, ,9 45,1 417,7 462,9 77% Totale , , ,0 287,3 469,7 757,0 71% 1 Il presente documento è stato redatto sulla base delle seguenti fonti: sito ufficiale dell Unione Europea (www.europa.eu.int/comm/external_relations/brazil/intro/index.htm), Istituto per il Commercio Estero (www.ice.gov.it), World Investment Report (www.unctad.org), Ministero degli Affari Esteri (www.esteri.it), Servizi Assicurativi del Commercio Estero (www.sace.it), Istituto nazionale di statistica, (www.coeweb.istat.it), Sintesi 2000 srl (www.sintesi2000.com), Fondo Monetario Internazionale (www.imf.org), Banca Mondiale (www.worldbank.org), CIA-The World Factbook (www.cia.gov/cia/publications/factbook), United Arab Emirates Ministry of Economy Planning Sector (www.uae.gov.ae/mop/e_home.htm), Department of Planning and Economy Abu Dhabi (www.addop.gov.ae/web/english), Central Bank of the United Arab Emirates (www.centralbank.ae), Emirates Banks Association, Arab Bank Review (www.arabbank.com/user_rev_home.asp), Ufficio Italiano Cambi, rilevazioni ABI. 5

6 Complessivamente risulta un plafond stanziato di 1 miliardo di euro, utilizzato al 71%. Il 43,7% del plafond è destinato ad operazioni a breve, mentre il rimanente 56,3% è allocato sul medio-lungo termine. Gli Emirati Arabi Uniti non sono inseriti nelle convenzioni quadro con SACE, né è previsto un plafond con copertura assicurativa. In realtà, in considerazione dell elevato rating (A1) assegnato al Paese, superiore all investment grade, alcune banche hanno dichiarato di non avere un plafond predeterminato per operazioni negli EAU. Le delibere avvengono caso per caso, senza limiti prefissati. Da qui deriva anche il livello di utilizzo elevato rispetto al plafond stanziato che è in una certa misura fittizio, in quanto meramente corrispondente alle operazioni deliberate. Per quanto riguarda il livello di utilizzo delle risorse, il 61,1% del totale utilizzato è impegnato per operazioni a medio-lungo termine e il 62% ha finalità diverse dall export (pari a circa 757 milioni di euro), trattandosi di finanziamenti concessi a società locali partecipate da imprese italiane o a capitale interamente straniero. Il 38% dell utilizzato ha finalità commerciale, attraverso i tradizionali prodotti di trade finance (conferma di lettere di credito/rilascio garanzie commerciali/sconto pro-soluto di impegni di pagamento) a breve termine. Accordi di collaborazione La maggior parte delle banche italiane non ha sottoscritto accordi di collaborazione con banche locali; l operatività è gestita tradizionalmente attraverso consolidati rapporti di corrispondenza rispetto ai quali non si registra alcuna criticità. Circa le prospettive di sviluppo delle attività sul mercato emiratino e nella regione del Golfo, numerose banche hanno segnalato l intenzione di: a) sviluppare contatti con primarie controparti finanziarie locali per l individuazione di opportunità di investimento; b) allacciare rapporti di collaborazione con banche locali in funzione del crescente interesse manifestato dalla propria clientela; c) incrementare le linee di credito e l attività di assistenza e consulenza alle imprese che manifestano interesse sia con finalità di export sia per la costituzione di società in loco, anche sviluppando nuovi accordi di cooperazione con controparti locali. c. Restrizioni alla presenza in loco di banche estere L unica rilevante restrizione agli Investimenti Diretti Esteri negli Emirati Arabi Uniti è la previsione della legge emiratina che impone all investitore estero la costituzione di una società il cui capitale sia detenuto almeno al 51% da persona fisica o giuridica locale. Questa restrizione non si applica agli investimenti industriali e commerciali effettuati nelle zone franche (cfr. paragrafo II.b). Tale norma vige peraltro sulle sole 6

7 società per azioni 2, mentre per le società pubblico-private la quota locale è pari al 100% e per gli studi professionali (avvocati, ingegneri e commercialisti) deve essere almeno pari al 25%. Le società a responsabilità limitata nel settore degli idrocarburi, idrico ed elettrico sono esentate dalla quota di maggioranza locale. In particolare, per quanto riguarda il settore bancario, nel 1987 il Governo decise di congelare le aperture di nuove succursali di banche estere nel Paese. Tale atteggiamento perdura ancora oggi e non vengono concesse licenze per l apertura di nuove succursali né autorizzazioni ad operare in valuta locale. Questo atteggiamento è riconducibile a due ragioni principali: in primo luogo, il settore bancario emiratino risultava già all epoca prossimo alla saturazione rispetto alle dimensioni dell economia locale; in secondo luogo, l apertura di sussidiarie avrebbe comportato l afflusso di rilevanti capitali nel Paese, laddove l apertura di succursali avrebbe implicato un investimento meno consistente. Allo stesso tempo, alle banche estere già operanti negli EAU venne imposto un limite al proprio network, che non poteva essere costituito da più di 8 succursali. Questo impedì alle banche di sviluppare rapporti con la clientela retail, che conseguentemente passò in buona parte alle banche locali. Infatti, le banche locali coprono attualmente più del 75% della clientela immigrata, che rappresenta l 80% della popolazione; esse hanno inoltre un market share dell 80% circa dell attività creditizia e di oltre il 90% per i depositi (con le prime cinque banche che assorbono quasi il 70% del mercato 3 ). Nonostante le restrizioni esistenti, negli EAU sono oggi presenti 25 banche estere su un totale di 46, che detengono una quota leggermente superiore al 30% degli assets di settore (in base all ultimo dato disponibile pubblicato dalla Banca Centrale nel giugno 2003). Le 25 banche estere sono presenti con 87 branches, mentre le 21 banche locali dispongono di una rete di 362 branches. Il numero degli uffici di rappresentanza di banche estere a dicembre 2004 era invece di 51. Si segnala infine una disparità di trattamento fiscale delle succursali di banche estere rispetto alle altre imprese estere: le prime sono infatti soggette a una corporate tax del 20% laddove le seconde sono esentate da tale imposizione fiscale. Tali limitazioni non si applicano tuttavia nella zona franca dedicata ai servizi finanziari creata a Dubai (Dubai International Financial Centre) illustrata in dettaglio al paragrafo II.c. Peraltro si sottolinea che il DIFC avrebbe la finalità di incentivare la delocalizzazione di alcune tipologie di servizi e rami di attività (private banking e capital market) di grandi 2 Le imprese che operano nel settore bancario, finanziario ed assicurativo possono costituirsi solo sotto forma di società per azioni. 3 Fonte: Emirates Banks Association,

8 banche commerciali che operano su scala globale e non quella di promuovere un operatività delle banche estere sul mercato locale. d. Rischio Paese Emirati Arabi Uniti e rischio bancario Il Paese è percepito dagli operatori internazionali come solido e con un profilo di rischio contenuto, anche grazie ai rilevanti sforzi compiuti per una maggiore diversificazione dell economia e per l attrazione di capitali esteri. Per questo, ed in ragione della costante crescita economica realizzata dagli EAU negli ultimi dieci anni (ad un tasso annuo medio pari al 5,4%) e della stabilità dell assetto politico, l agenzia Moody s ha innalzato il rating da A2 ad A1 già all inizio del Per quanto riguarda la valutazione del rischio Paese effettuata dalla SACE che segue, come noto, la classificazione stabilita in sede OCSE da uno specifico gruppo cui partecipano le Export Credit Agencies dei Paesi dell Organizzazione - gli Emirati di Abu Dhabi e Dubai si posizionano nella seconda categoria di rischio, con un atteggiamento assicurativo senza particolari restrizioni. Sono posti, invece, nella quarta categoria di rischio gli Emirati di Sharjah, di Ras Al Khaimah, di Umm Al Qaiwain e di Fuhairah (tutti senza particolari restrizioni); l emirato di Ajman è anche in categoria quattro ma attualmente l operatività è sospesa. Secondo invece la valutazione effettuata sulla base della matrice ABI-Banca d Italia per la valutazione del rischio Paese ai fini della determinazione del patrimonio di vigilanza, gli Emirati Arabi Uniti si collocano nella prima categoria cui corrisponde un aliquota di rettifica pari allo 0% sulle esposizioni non garantite. Per quanto riguarda il rischio connesso direttamente all evoluzione del settore bancario emiratino si sottolinea che, secondo gli analisti, il comparto è solido e si sta progressivamente muovendo verso una maggiore apertura alla concorrenza estera, anche grazie all adozione di standard operativi internazionali ed alla progressiva riduzione delle barriere di accesso al mercato. Il sistema bancario emiratino (per un approfondimento si rimanda alla scheda predisposta da Sintesi 2000 riportata nella terza parte del presente dossier) è il secondo per dimensione nel mondo arabo dopo quello saudita in termini di assets 4 e svolge un ruolo particolarmente rilevante non solo per l economia locale, ma anche per quell 80% della popolazione composta da immigrati (il 90% della forza lavoro locale è di origine straniera) che trasferisce le proprie rimesse nei Paesi di origine. Esso ha fatto registrare straordinari tassi di crescita negli ultimi anni ( ): +13,7% nei depositi, +21,7% nel credito (+25,9% l aumento del lending ai non 4 Fonte: Arab Bank, The Arab Bank Review, Vol. 7, N. 1, April

9 residenti) e incrementi molto alti nei profitti (in media c è stato un incremento del 50% della redditività 5 ). Il livello di capitalizzazione è inoltre molto elevato rispetto agli standard internazionali e si attesta in media intorno al 18% 6, mentre i non performing loans costituiscono solo il 2,88% del totale del credito. Gli IAS sono stati introdotti (ancorché non resi obbligatori) alla fine degli anni novanta e, secondo alcune fonti, l Accordo di Basilea II dovrebbe essere applicato entro il 2007 (anche se su questo fronte si registrerebbero rilevanti ritardi). I passi che le Autorità dovrebbero compiere per assicurare un ulteriore allineamento agli standard internazionali e per la creazione di un effettivo level playing field con gli intermediari esteri riguardano la privatizzazione del settore, il consolidamento dello stesso mediante una politica di fusioni che riduca il numero di operatori sul mercato, e la rimozione delle barriere ancora esistenti segnalate nel precedente paragrafo. e. Sviluppo della finanza islamica negli Emirati Arabi Uniti (cenni) Negli ultimi anni la finanza islamica 7 ha subito un rapido sviluppo nel mercato emiratino. Nel 2004 il numero delle banche islamiche è raddoppiato, passando da due a quattro, con un incremento del 35% negli assets 8 ; esse rappresentano oggi circa il 22% degli assets di settore ed hanno una market share ancora più alto nel retail banking. La National Bank dell Emirato di Sharjah, di proprietà pubblica, si è recentemente trasformata in banca islamica. Inoltre, il Dubai Interantional Financial Centre, la free zone dedicata allo sviluppo dei servizi finanziari, è stata espressamente creata anche con l obiettivo di divenire un centro globale per la finanza islamica. 5 La Abu Dhabi Commercial Bank, una delle top five insieme a National Bank of Abu Dhabi, National Bank of Dubai, Emirates Bank e Mashreq Bank (tutte di proprietà dello Stato) ha registrato un incremento del 98% dei profitti. 6 Dato elaborato da Sintesi 2000 su un campione di 19 banche locali, su un totale di Si ricorda che per finanza islamica s intende un sistema di relazioni di tipo economico tra le persone (Muamalat) che trae i suoi principi informatori dalla legge islamica (Shariah). Elemento specifico e di contrasto con la pratica finanziaria occidentale è il divieto di pagamento degli interessi equiparati all usura (Riba). La proibizione della Riba si fonda sul credo secondo il quale non ci può essere guadagno senza l assunzione di rischi: il profitto, in una visione islamica, sarebbe legittimato solo dal rischio. Oltre alla Riba sono espressamente vietate pratiche economiche che implicano i concetti di Gharar ( irragionevole incertezza, ambiguità), di Maisir (speculazione) e di Haram (ciò che è esplicitamente proibito dal Corano, ossia attività economiche connesse alla distribuzione/produzione di alcol, tabacco, armi, carne suina, pornografia, gioco d azzardo etc). Le prime iniziative di sviluppo di strumenti finanziari coerenti con la Shariah risalgono all inizio degli anni 60 in Algeria ed Egitto, dove vennero costituite banche islamiche pubbliche. Il processo subì una netta accelerazione agli inizi degli anni 70 quando venne istituita la Islamic Development Bank, con la missione di favorire nei paesi membri e nelle comunità musulmane uno sviluppo economico e sociale coerente con i precetti coranici. Da allora sono sorte numerose altre istituzioni finanziarie in regioni islamiche e non. Oggi la finanza islamica gestisce assets stimati in ca. Usd 500 mld con tassi di crescita medi del 15% all anno. Essa trova crescente applicazione sia nel campo dell Islamic banking (che ne rappresenta la componente più strutturata e di rilievo in termini di volumi) che nel mercato assicurativo e dei capitali internazionali con titoli di debito e fondi azionari. Non si conoscono ad oggi esperienze di Islamic banking in Italia (Fonte L. Alfano e L. Fiordoni, Lo Sviluppo della Finanza Islamica e l Islamic Banking, Studi e Note di Economica, No , Banca Monte dei Paschi di Siena Spa Siena e Banca Toscana Firenze). 8 Fonte: International Monetary Fund, Staff Report for the 2005 Article IV Consultation. 9

10 II. Questioni di carattere generale che potrebbero essere oggetto di approfondimento con le Autorità degli Emirati Arabi Uniti a. Diversificazione dell economia emiratina: progetti infrastrutturali e relative opportunità di investimento e collaborazione industriale per le imprese italiane I sette Emirati arabi (Abu Dhabi, Dubai, Sharjah, Ajman, Fujeirah, Ras Al Khaimah, Umm al Quwain) si sono costituiti in Federazione (Emirati Arabi Uniti EAU) nel Abu Dhabi e Dubai rappresentano l 85% del PIL di tutti gli EAU. Quaranta anni fa il Paese era un deserto e la popolazione viveva con i proventi della pesca, delle perle e delle risorse ittiche. Con la scoperta di giacimenti petroliferi e di gas naturale negli anni sessanta, gli EAU si sono trasformati rapidamente in un economia aperta e liberale 9. Secondo la Energy Information Administration, nel 2005 gli EAU occupavano il sesto posto 10 al mondo per riserve di petrolio (con una quota del 10%, pari a 97,8 miliardi di barili) e il quinto posto 11 per riserve di gas 12 (con una quota del 3,5%, pari a miliardi di metri cubi) 13. Si stima che le riserve petrolifere siano in grado di garantire il livello attuale di produzione per i prossimi 140 anni 14. Gli EAU sono il decimo 9 Dal punto di vista politico i sette emirati sono retti da un Consiglio Supremo costituito dai rispettivi emiri, ognuno dei quali è sovrano assoluto del proprio Stato. Negli UAE non esistono partiti politici né si tengono elezioni, il sistema giudiziario è basato sulla legge coranica (sharia) ed è in vigore la pena di morte. I governanti detengono il potere in virtù della posizione dinastica e della legittimazione che deriva loro da un sistema di consenso tribale. La modernizzazione economica non è riuscita ad influenzare il sistema politico tradizionale, accettato e supportato dalla maggioranza della popolazione locale e sostenuto dalle forze armate. L organizzazione socio-politica del Paese si presenta fortemente contraddittoria: i locali rappresentano solo il 20% della popolazione residente e godono di forti privilegi sia in termini di reddito sia in termini di opportunità. Il 5% è costituito da espatriati di ceto sociale medio/alto, mentre il restante 75% da lavoratori immigrati, spesso senza le loro famiglie, con reddito basso, scarse garanzie economiche e nessuna tutela sociale. In dettaglio, la composizione della popolazione è così strutturata: 19% emiratini, 23% altri arabi e iraniani, 50% immigrati dall'asia meridionale, 8% immigrati dall'asia orientale e occidentale. 10 Dopo Arabia Saudita, Canada, Iran, Iraq e Kuwait. 11 Dopo Russia, Iran, Qatar ed Arabia Saudita. 12 I giacimenti più importanti sono quelli all interno dei campi petroliferi di Umm Shaif e Abu Al Bukhoosh. La Abu Dhabi Gas Industries (GASCO) si occupa degli impianti di estrazione onshore, mentre la Abu Dhabi Gas Liquefaction Company (ADGAS) di quelli offshore, la cui produzione viene incanalata a Das Island. La produzione di gas alimenta gli impianti di estrazione petrolifera, le centrali elettriche e gli impianti di desalinizzazione, oltre che ad altri impianti industriali minori. L aumento della domanda ha spinto il Governo a ideare un progetto ambizioso di distribuzione che copra tutto il Paese e lo colleghi alle altre nazioni GCC per poter servire energia ad una rete capillare di fruitori commerciali. Il più importante progetto in fase di realizzazione è il Dolphin Gas, che prevede la realizzazione di un impianto di trasporto del gas naturale dai giacimenti del Nord Qatar all Oman ed agli Emirati. La Dolphin Energy, società controllata al 51% da Mubadala Development Company (di proprietà del Governo di Abu Dhabi) e per il 49% da Total ed Oxy, si è aggiudicata tutti i migliori contratti. L ente responsabile per il controllo del progetto è l Emirates General Petroleum Corporation (EMARAT). 13 Secondo fonti locali (Ministero dell Economia e Ministero dell Informazione), gli EAU sono invece il quinto produttore mondiale di petrolio ed occupano il quinto posto per riserve di petrolio (9,4% del totale mondiale) ed il quarto posto per riserve di gas naturale (5% del totale mondiale). 14 Gli esperti hanno tuttavia stimato che i giacimenti ancora inesplorati dovrebbero contenere risorse doppie rispetto a quelle sfruttate fino ad oggi, pertanto si ritiene che nei prossimi anni saranno avviati numerosi progetti di esplorazione. 10

11 produttore 15 mondiale di petrolio con circa 2,5 milioni di barili al giorno ed il sesto esportatore 16. L Emirato di Abu Dhabi detiene il 95% circa del totale delle riserve di petrolio e di gas degli EAU. Per ridurre l impatto della volatilità dei prezzi del greggio sulla crescita economica, all inizio degli anni ottanta gli EAU hanno avviato un programma di diversificazione dell economia. Grazie a tale programma, il contributo del petrolio al PIL si è ridotto dall 84% nel 1980 a meno del 24% nel 2004, mentre quello dei servizi è aumentato dal 23% al 33,8% e quello dell industria dal 4% al 23% 17. Il settore petrolifero rimane comunque un importante pilastro dell economia emiratina, rappresentando il 60-75% delle entrate governative e il 46% delle esportazioni. Anche la struttura delle esportazioni degli EAU si è trasformata radicalmente: la tradizionale prevalenza di prodotti dell industria petrolchimica locale, dei fertilizzanti, del cemento e dell alluminio è stata superata dallo sviluppo di settori nuovi quali l Information Technology e l elettronica di consumo, il manifatturiero di base, la produzione di macchine leggere e di forniture per i trasporti, prodotti soprattutto nelle zone franche. Secondo le Nazioni Unite il grado di diversificazione delle esportazioni è tra i più alti dei Paesi del Golfo, ad eccezione del Bahrain. Nel 2004 il settore non oil ha contribuito al 77,4% del PIL (circa 57 miliardi di dollari) e, grazie al dinamismo nei settori manifatturiero, turistico ed edile, è cresciuto ad un tasso pari all 8% dal 1995 contro un tasso medio del 5% negli altri Paesi del Golfo - rispetto al 4,4% del settore oil. Tra il 1991 e il 2004 l occupazione nel settore non oil è cresciuta ad un tasso medio dell 8,7% e gli investimenti fissi lordi sono aumentati del 9%. Riepilogando, il recente sviluppo dell economia emiratina si basa sui seguenti fattori: a. rialzo del prezzo internazionale del greggio; b. crescita del settore non oil; c. sviluppo del settore delle infrastrutture, in particolare in settori strategici quali gas naturale, trasporti, costruzioni; d. positivo andamento della bilancia commerciale (nel 2004 le esportazioni hanno fatto registrare un aumento rispetto all anno precedente, con un volume di 75,1 miliardi di dollari contro i 60,8 miliardi di dollari del 2003, ed un surplus commerciale stimato in 12,6, miliardi equivalente al 14% del PIL). 15 Dopo Arabia Saudita, Russia, Stati Uniti, Iran, Messico, Cina, Norvegia, Canada e Venezuela. 16 Dopo Arabia Saudita, Russia, Norvegia, Iran e Venezuela. 17 La riduzione media del settore oil degli altri Paesi del Golfo è risultata modesta. 11

12 Grazie a tali fattori gli EAU stanno consolidando il loro ruolo di centro produttivo, turistico e commerciale, in particolare nei confronti dei paesi del Golfo e dell Estremo Oriente. Inoltre si attende che il nuovo Esecutivo, insediatosi nel novembre 2004 dopo il decesso del precedente Presidente, Sceicco Zayed bin Sultan Al Nahyan, potrà migliorare la capacità di attrazione del mercato emiratino. In particolare, tale obiettivo potrà essere raggiunto grazie alla nuova legge federale, attualmente in discussione, che potrà consentire l accesso degli stranieri alla proprietà 18 immobiliare, nonché al progetto di legge (corporate law) che, se approvato, permetterà alle imprese straniere di detenere una quota di maggioranza in società locali (superando quindi l attuale limite del 49%). Nonostante una tendenza comune alla diversificazione economica, restano marcate differenze tra i singoli Stati, che riflettono il forte divario tra le rispettive strutture economiche. Abu Dhabi fonda infatti il proprio successo economico sull'industria petrolifera, mentre Dubai sul commercio, sulle telecomunicazioni, sul turismo e sui servizi finanziari, Sharjah sull'industria manifatturiera leggera, gli Emirati del Nord su agricoltura, cave, cemento e trasporto marittimo. Di seguito si riportano alcuni approfondimenti sui due Emirati maggiori: Abu Dhabi e Dubai. Abu Dhabi Considerando l entità delle sue risorse petrolifere, Abu Dhabi è stato l Emirato più lento nel perseguire la diversificazione economica ed il più resistente all apertura agli investimenti esteri. Tuttavia, con l insediamento del nuovo Governo federale nel novembre 2004, l Emirato di Abu Dhabi ha fortemente accelerato il percorso di crescita e diversificazione economica attraverso una serie di iniziative che mirano a coinvolgere il settore privato nello sviluppo delle infrastrutture e dei servizi di base (acqua ed energia), nei settori turistico, siderurgico e metallurgico. Tra le iniziative di maggior rilievo avviate ricordiamo: l istituzione nel maggio 2004 della Higher Corporation for Specialised Economic Zones 19 (HCSEZ), la creazione alla fine del Tale misura (che ha anche una portata politica e sociale, data la concentrazione della proprietà nelle mani degli Sceicchi e della classe dirigente) avrà tra l altro l effetto di attirare investimenti dall estero (inclusi i capitali arabi in aumento a causa del rialzo del prezzo del petrolio) verso un comparto, quello immobiliare, nel quale i mercati degli EAU e dell Arabia Saudita pesano per l 80% sul totale dei Paesi del CCG. Ad agosto 2005, il governo di Abu Dhabi ha emanato la legge n. 19 che regola la proprietà immobiliare, autorizzando gli stranieri ad acquistare e possedere la superficie della proprietà, ma non la terra, in alcune aree di investimento. Tale diritto reale ha una durata di 99 anni oppure di 50 anni rinnovabili con il consenso delle parti. Il diritto di possedere completamente la proprietà rimane ai cittadini emiratini e degli altri Paesi del Golfo. Anche l Emirato di Dubai ha avviato la preparazione della nuova normativa nel settore immobiliare, che dovrebbe prevedere la proprietà per gli emiratini ed i cittadini dei Paesi del Golfo per una durata di 99 anni. Agli stranieri la proprietà sarà consentita limitatamente a determinate aree identificate dall Emiro di Dubai. 19 Fondato nel giugno del 2004 per promuovere gli investimenti nell Emirato di Abu Dhabi, è l ente governativo per lo sviluppo e la diversificazione dell economia di Abu Dhabi che avviene attraverso la creazione e la 12

13 dell Abu Dhabi Tourism Authority (ADTA) 20 e il rilancio del processo di privatizzazione 21. Inoltre, particolare importanza rivestono alcuni progetti di sviluppo della capitale emiratina, tra cui: - l espansione della zona industriale della città e la sua incorporazione nella nuova Abu Dhabi Industrial City (ICAD), per la quale è stato investito finora 1 miliardo e mezzo di euro, grazie ad un forte impegno dell elite locale e di alcune grandi banche del Paese (in particolare la Abu Dhabi Commercial Bank). È stata inoltre annunciata la realizzazione di altre due città industriali (ICAD2 22, i cui contratti sono stati già aggiudicati, ed ICAD3); - i progetti nel settore edilizio annunciati nei primi mesi del 2005 dai grandi Gruppi economici locali 23 (ALDAR e ALDAR Properties): a) la costruzione del Central Market di Abu Dhabi, dove dovrebbero sorgere un Centro commerciale, un souk arabo e centri servizi; b) il progetto per 10 miliardi di Euro di un nuovo insediamento urbano, completo di servizi e infrastrutture sia residenziali che turistiche, nell area di Al Raha Beach, alla periferia di Abu Dhabi (la nuova città avrà una dimensione di 6.8 milioni di metri quadri, e prevede di poter ospitare fino a abitanti). L Emirato di Abu Dhabi mira ad attrarre dall estero imprese grandi, piccole e medie, produttrici di macchinari industriali e del settore manifatturiero, sia con finalità commerciali che in un ottica di più stabile penetrazione in questo mercato e di cooperazione con partners locali, mediante la conclusione di joint-ventures. Un altro settore rilevante per possibili investimenti italiani è quello del marmo e della piastrellistica in genere, dove le imprese emiratine sono fortemente interessate ad acquisire il know-how dell Italia nel tentativo di ridurre le importazioni di prodotti finiti 24. promozione di Zone Economiche Speciali. La HCSEZ è presieduta dallo Sceicco Hamed Bin Zayed Al Nahyan, anche Presidente del Dipartimento di Programmazione ed Economia di Abu Dhabi. 20 L obiettivo è attrarre 3 milioni di turisti all anno per il 2010, rispetto agli attuali 800 mila. 21 Si ricorda, tra gli altri, il progetto di istituzione di un Abu Dhabi International Business Council, che raggrupperà le dirigenze delle comunità di affari straniere, organizzate in Business Councils o Business Groups. 22 In un area di 10 km 2 si realizzeranno magazzini di materiale da costruzione e complessi di servizi per l industria petrolifera e del gas. Tra i principali investitori vi sono la Dubai Investment Company, Ali & Sons, Emirates International Investment Company e Bukhater Group. 23 Tra i grandi Gruppi Economici locali ricordiamo la Mudabala Development Company (società di investimento del Governo di Abu Dhabi, il cui Amministratore Delegato interverrà al Forum, H.E. Khaldoon Khalifa al Mubarak), la società Aldar (i cui principali azionisti sono Mubadala Development Company, Abu Dhabi Investment Company, Abu Dhabi National Hotels Company e la National Corporation for Tourism and Hotels), e la società Emaar (società pubblica quotata sulla Borsa di Dubai). 24 In questo settore è importante segnalare la commessa recentemente ottenuta da Fantini Mosaici per la realizzazione delle finiture interne della Grande Moschea di Abu Dhabi. 13

Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti. Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti

Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti. Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti Opportunita di Business negli Emirati Arabi Uniti Visione

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y EMIRATI ARABI UNITI NORMATIVA PER GLI INVESTIMENTI NEGLI EMIRATI ARABI UNITI di Avv. Francesco Misuraca Normativa sugli investimenti esteri e relativi incentivi Due leggi riguardano l ingresso nel paese

Dettagli

EMIRATI ARABI UNITI. Stefano Cruciani (matr. 40215) Michele Monachesi (matr. 38586) Alessandro Tommasi (matr. 40117)

EMIRATI ARABI UNITI. Stefano Cruciani (matr. 40215) Michele Monachesi (matr. 38586) Alessandro Tommasi (matr. 40117) EMIRATI ARABI UNITI Stefano Cruciani (matr. 40215) Michele Monachesi (matr. 38586) Alessandro Tommasi (matr. 40117) 1 LA NAZIONE Superficie: 83.600 kmq Popolazione: 6 milioni (stima 2009, 19% locali, 50%

Dettagli

LA CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA NEGLI EAU

LA CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA NEGLI EAU LA CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA NEGLI EAU In attività dal 1999, accordo di programma Regione Piemonte ICE Cna Riconoscimento ministeriale: 2009 Desk ENIT: 2010 Desk Qatar: 2010 2013 Desk Oman: 2015 Collaborazioni

Dettagli

Emirati Arabi Uniti - 1 - Informazioni Generali Superficie 83.600 Kmq

Emirati Arabi Uniti - 1 - Informazioni Generali Superficie 83.600 Kmq Emirati Arabi Uniti Informazioni Generali Superficie 83.600 Kmq Popolazione (stima 2007) 5.300.000 abitanti. Solo il 20% circa della popolazione è composta da cittadini degli Emirati, il resto è composto

Dettagli

Missione imprenditoriale

Missione imprenditoriale Missione imprenditoriale Opportunità Dubai & middle east Supporto tecnico by: Missione imprenditoriale Presentazione e obiettivi Quando: dal 22 al 26 Maggio 2016 Dove: Dubai Partecipanti: imprenditori

Dettagli

Ufficio ICE di Dubai EMIRATI ARABI UNITI

Ufficio ICE di Dubai EMIRATI ARABI UNITI Ufficio ICE di Dubai EMIRATI ARABI UNITI INTRODUZIONE Negli ultimi trenta anni gli Emirati Arabi Uniti (EAU) sono riusciti a costruire un immagine di progresso e modernita in tutto il Medio Oriente. Fin

Dettagli

EMIRATI ARABI UNITI. Vicenza, 2 ottobre 2007. Dove sono:

EMIRATI ARABI UNITI. Vicenza, 2 ottobre 2007. Dove sono: EMIRATI ARABI UNITI Vicenza, 2 ottobre 2007 Dove sono: 1 Chi sono: Forma istituzionale: Confederazione di 7 Emirati costituita il 2 dicembre 1971 Abu Dhabi Dubai Sharjah Ajman Ras al Khaimah Fujairah Umm

Dettagli

QUADRO MACROECONOMICO

QUADRO MACROECONOMICO IMPORTARE IN QATAR Forma istituzionale: Monarchia costituzionale Capo dello Stato: Emiro S.A. Sceicco Tamim bin Hamad Al Thani (dal 2013) Capitale : Doha Superficie : 11.521 km2 Popolazione : 300.000 popolazione

Dettagli

DI DUBAI E SRM PRESENTANO LO STUDIO: ECONOMIC OUTLOOK

DI DUBAI E SRM PRESENTANO LO STUDIO: ECONOMIC OUTLOOK COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO-HUB DI DUBAI E SRM PRESENTANO LO STUDIO: ECONOMIC OUTLOOK: IL BUSINESS ITALIANO NEGLI EMIRATI ARABI UNITI LA DIRETTRICE MEDITERRANEO-SUEZ-GOLFO NUOVO ORIZZONTE DI CRESCITA

Dettagli

FOCUS ON Emirati Arabi Uniti: l età dell oro continua

FOCUS ON Emirati Arabi Uniti: l età dell oro continua ON Emirati Arabi Uniti: l età dell oro continua A cura dell'ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY L impegno emiratino verso una maggiore diversificazione economica offre opportunità oltre il solco

Dettagli

Scheda Paese: Emirati Arabi Uniti

Scheda Paese: Emirati Arabi Uniti Scheda Paese: Emirati Arabi Uniti rubrica a cura di Martino Conserva VALUTAZIONE DI RISCHIO Nonostante il «cuscinetto» rappresentato dalle ingenti attività finanziarie estere degli Emirati, la recessione

Dettagli

OPPORTUNITA' PER LE IMPRESE

OPPORTUNITA' PER LE IMPRESE Gli EAU sono il quinto produttore al mondo di petrolio e gas, e sono al terzo posto per riserve di idrocarburi. Nel 2014 gli EAU hanno registrato una crescita oltre il 4% del PIL (fonte FMI) grazie non

Dettagli

EAU 2015 PRESENTAZIONE PAESE MARHABAN! Fonte: Italian Industry & Commerce Office in the UAE

EAU 2015 PRESENTAZIONE PAESE MARHABAN! Fonte: Italian Industry & Commerce Office in the UAE EAU 2015 PRESENTAZIONE PAESE MARHABAN! Fonte: Italian Industry & Commerce Office in the UAE PANORAMICA GENERALE SUGLI EAU EMIRATI ARABI UNITI I SETTE EMIRATI Image source: http://polyglotlegend.blogspot.it/2015/07/united-arab-emirates-cool-facts-52.html

Dettagli

Quadro legislativo, normativa societaria e free zones

Quadro legislativo, normativa societaria e free zones Quadro legislativo, normativa societaria e free zones SEZIONE I. Normativa Societaria Le forme societarie riconosciute negli EAU Le filiali e gli uffici di rappresentanza Le licenze necessarie SEZIONE

Dettagli

Nel turismo è la Spagna il paese più competitivo

Nel turismo è la Spagna il paese più competitivo Nel turismo è la Spagna il paese più competitivo Mentre i cugini iberici conquistano la vetta del Travel & Tourism Competitiveness Index, l Italia si accontenta di un ottava posizione, dopo Francia, Germania

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map BAHRAIN Capitale Manama Popolazione (milioni) 1,17 42/100 41/100 52/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 34,96 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

Il Consorzio Qatar-Italia.

Il Consorzio Qatar-Italia. Il Consorzio Qatar-Italia. Strumento privilegiato per cogliere le opportunità di investimento in Qatar. Preparato da: ABC International SpA Aprile/Maggio 2007 1 Il Qatar: una realtà in via di formazione

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map FILIPPINE Capitale Manila Popolazione (milioni) 97,48 37/100 63/100 67/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 454,29 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

petrolio Penisola Araba, non solo

petrolio Penisola Araba, non solo Arabia Saudita ed Emirati, opportunità per la meccanica nel Golfo. Ingenti introiti petroliferi, crescita demografica e investimenti per diversificare l economia, due Paesi dalle grandi prospettive. Un

Dettagli

Thesprotia ANALISI DEL MERCATO ESTERO EMIRATI ARABI UNITI

Thesprotia ANALISI DEL MERCATO ESTERO EMIRATI ARABI UNITI ANALISI DEL MERCATO ESTERO EMIRATI ARABI UNITI La presente relazione di Analisi del Mercato Estero è stata elaborata su dati e rilevazioni rese disponibili da: Ministero degli Affari Esteri Italiani ICE

Dettagli

Camera di Commercio di Genova Ufficio E-Commerce e Commercio Estero Sportello per l internazionalizzazione

Camera di Commercio di Genova Ufficio E-Commerce e Commercio Estero Sportello per l internazionalizzazione Camera di Commercio di Genova Ufficio E-Commerce e Commercio Estero Sportello per l internazionalizzazione ***************************INFORMAZIONI GENERALI SUPERFICIE 83.600Kmq POPOLAZIONE 4.104.695 (censimento

Dettagli

Seminario Tunisia Rischi e prospettive per le imprese italiane. Confindustria, 1 Febbraio 2011

Seminario Tunisia Rischi e prospettive per le imprese italiane. Confindustria, 1 Febbraio 2011 Seminario Tunisia Rischi e prospettive per le imprese italiane Confindustria, 1 Febbraio 2011 Temi trattati Presenza ed operatività del sistema bancario in Tunisia Struttura e profilo di rischio del sistema

Dettagli

Emirati Arabi Uniti. Informazioni Generali Superficie 83.600 Km2. Capitale Abu Dhabi (670.125 abitanti)

Emirati Arabi Uniti. Informazioni Generali Superficie 83.600 Km2. Capitale Abu Dhabi (670.125 abitanti) Emirati Arabi Uniti Informazioni Generali Superficie 83.600 Km2 Capitale Abu Dhabi (670.125 abitanti) Altre città principali Dubai (772.104 ab.) Sharjah (382.722 ab.) Ras al Khaimah (110.470 ab.) Ajman

Dettagli

ALLA SCOPERTA DEL CILE ATTRAVERSO I SUOI SETTORI SERVIZI. www.prochile.gob.cl

ALLA SCOPERTA DEL CILE ATTRAVERSO I SUOI SETTORI SERVIZI. www.prochile.gob.cl ALLA SCOPERTA DEL CILE ATTRAVERSO I SUOI SETTORI SERVIZI www.prochile.gob.cl Il Cile sorprende per la sua geografia diversificata. Le sue montagne, valli, deserti, boschi e migliaia di chilometri di costa

Dettagli

registrato banche locali e banche estere

registrato banche locali e banche estere La Banca centrale svolge un ruolo di versatile nell'economia nazionale degli Emirati Arabi Uniti. Oltre al "banca di tutte le banche del paese, è anche un banchiere e consulente finanziario al governo.

Dettagli

DUBAI. Economia. Sviluppo Immobiliare

DUBAI. Economia. Sviluppo Immobiliare DUBAI 2013 DUBAI Economia Dubai oggi è un importante centro che basa la propria economia sul commercio marittimo (grazie ai suoi due Porti), sul turismo (con oltre 60 milioni di turisti all anno), sul

Dettagli

emirati arabi uniti CENNI FISCALI

emirati arabi uniti CENNI FISCALI emirati arabi uniti CENNI FISCALI I dati contenuti nel presente documento sono a puro titolo informativo e potrebbero variare a seconda della specificità dei casi. Per ottenere informazioni più dettagliate

Dettagli

FOCUS ON. Iran: sanzioni, export italiano e prospettive. A cura dell Ufficio Studi Economici ABSTRACT

FOCUS ON. Iran: sanzioni, export italiano e prospettive. A cura dell Ufficio Studi Economici ABSTRACT FOCUS ON Iran: sanzioni, export italiano e prospettive A cura dell Ufficio Studi Economici ABSTRACT Le sanzioni applicate a partire dal 2006 all Iran da Stati Uniti, ONU e Unione Europea (UE) hanno avuto

Dettagli

EAU: Struttura dell economia e rapporti commerciali e di investimento con l Italia Opportunità per le imprese clienti di CARIME

EAU: Struttura dell economia e rapporti commerciali e di investimento con l Italia Opportunità per le imprese clienti di CARIME EAU: Struttura dell economia e rapporti commerciali e di investimento con l Italia Opportunità per le imprese clienti di CARIME Luigi LANDONI Responsabile Ufficio di Rappresentanza UBI Banca a Dubai I

Dettagli

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio.

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio. anno centodiciannovesimo esercizio Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013 esercizio CXIX 16. Il sistema finanziario Gli andamenti nell anno Nel il sistema finanziario

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

IL MERCATO DELLA GIOIELLERIA NEGLI EMIRATI ARABI UNITI

IL MERCATO DELLA GIOIELLERIA NEGLI EMIRATI ARABI UNITI Ufficio ICE di Dubai IL MERCATO DELLA GIOIELLERIA NEGLI EMIRATI ARABI UNITI Situazione generale. La domanda di gioielli risente dei gusti differenti dei numerosi espatriati provenienti da Asia, Africa

Dettagli

Italy-Qatar Development Of Trade And Culture Project

Italy-Qatar Development Of Trade And Culture Project Italy-Qatar Development Of Trade And Culture Project ITAQAM Associazione per lo Sviluppo dei Rapporti Economici e Culturali Italia - Qatar www.itaqam.com ITAQAM è un associazione senza fini di lucro che

Dettagli

ASSOCONSULENZA. Associazione Italiana Consulenti d Investimento

ASSOCONSULENZA. Associazione Italiana Consulenti d Investimento ASSOCONSULENZA Associazione Italiana Consulenti d Investimento Formazione Mediatore Creditizio Proprio nel momento in cui il mondo finanziario occidentale è in ginocchio per gli effetti della crisi dei

Dettagli

Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale. Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento

Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale. Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento Roma, 29 aprile 2015 1 Sviluppi Economici Investimenti Diretti

Dettagli

Hong Kong e Macao Introduzione generale Dati macroeconomici. Hong Kong porta d ingresso della Cina Analisi geo-economica e politica

Hong Kong e Macao Introduzione generale Dati macroeconomici. Hong Kong porta d ingresso della Cina Analisi geo-economica e politica Hong Kong e Macao Introduzione generale Dati macroeconomici Hong Kong porta d ingresso della Cina Analisi geo-economica e politica Perche investire a Hong Kong Analisi dei dati di import/export di Hong

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

Seminario di approccio al Mercato Emiratino Taranto, 13 Gennaio 2009

Seminario di approccio al Mercato Emiratino Taranto, 13 Gennaio 2009 Seminario di approccio al Mercato Emiratino Taranto, 13 Gennaio 2009 Cittadella delle Imprese Camera di Commercio di Taranto Ore 16,30 18,30 Programma Saluto del Presidente della Camera di Commercio di

Dettagli

EASY BUSINESS LLC INVESTIRE IN OMAN

EASY BUSINESS LLC INVESTIRE IN OMAN EASY BUSINESS LLC INVESTIRE IN OMAN FOCUS OMAN - Torino, 12 giugno 2013 1 OMAN una grande opportunità per le aziende italiane 2 9 ottimi motivi per fare business in Oman 3 1. Oman, una realtà strategica

Dettagli

Agenda. > Focus Paese. > Le zone economiche speciali. > Il ruolo dell Ufficio di Rappresentanza

Agenda. > Focus Paese. > Le zone economiche speciali. > Il ruolo dell Ufficio di Rappresentanza 1 Agenda > Focus Paese > Le zone economiche speciali > Il ruolo dell Ufficio di Rappresentanza 2 Perché investire in India? Crescita economica > 7,4% nell anno fiscale 09-10; 6,7% nel 08-09; previsioni

Dettagli

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO 92 6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO Nel corso degli anni Ottanta e Novanta si è registrata una crescita rilevante dei flussi internazionali di capitali, sia sotto forma di investimenti

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero AFFARI E COMMERCIO CON GLI EMIRATI ARABI UNITI

Istituto nazionale per il Commercio Estero AFFARI E COMMERCIO CON GLI EMIRATI ARABI UNITI Istituto nazionale per il Commercio Estero AFFARI E COMMERCIO CON GLI EMIRATI ARABI UNITI I. COSTITUIRE UN IMPRESA NEGLI EMIRATI ARABI UNITI. Prima del 1984, ogni Emirato, Dubai, Abu Dhabi, Sharjah, Ajman,

Dettagli

Dati generali e indici di rischio

Dati generali e indici di rischio ANGOLA Dati generali e indici di rischio Capitale Luanda Popolazione (milioni) 20,82 61/100 80/100 70/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 131,79 controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali

Dettagli

+39 02 414931 +39 02 65594203. Community consulenza nella comunicazione Brunswick +39 02 89404231 + 39 02 92 88 62 04/203

+39 02 414931 +39 02 65594203. Community consulenza nella comunicazione Brunswick +39 02 89404231 + 39 02 92 88 62 04/203 Capgemini Contacts: Merrill Lynch Contacts: Raffaella Poggio Martina Corak raffaella.poggio@capgemini.com martina_corak@ml.com +39 02 414931 +39 02 65594203 Community consulenza nella comunicazione Brunswick

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map KAZAKISTAN Capitale Astana Popolazione (milioni) 17,23 41/100 71/100 83/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 243,56 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

IL MERCATO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI negli emirati arabi uniti

IL MERCATO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI negli emirati arabi uniti IL MERCATO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI negli emirati arabi uniti Incoming operatori esteri al CIBUS 2014 Parma 5-8maggio 2014 Questa indagine è stata realizzata dall ICE-Agenzia per la promozione all estero

Dettagli

DOSSIER PAESI DEL GOLFO Arabia Saudita & Emirati Arabi Uniti

DOSSIER PAESI DEL GOLFO Arabia Saudita & Emirati Arabi Uniti DOSSIER PAESI DEL GOLFO Arabia Saudita & Emirati Arabi Uniti Ottobre 2010 A cura del Settore Infrastrutture di Mercato 2 DOSSIER PAESI DEL GOLFO Arabia Saudita & Emirati Arabi Uniti CONTENUTO Presenza

Dettagli

Le Free Zone di Dubai

Le Free Zone di Dubai Le Free Zone di Dubai Quali sono i vantaggi offerti dalle free zone Quello di Dubai fu il primo emirato a introdurre il modello delle free zone, mettendo a disposizione delle aziende estere concessioni

Dettagli

Delocalizzazione a Dubai (EAU)

Delocalizzazione a Dubai (EAU) http://www.switzerland-family-office.com/it/servizi-di-family-office/delocalizzazione/delocalizzazione-a-dubai.html Delocalizzazione a Dubai (EAU) La delocalizzazione a Dubai va di moda. Da molti anni

Dettagli

Ufficio Emirati Arabi Uniti A cura di Cesare Maraglio

Ufficio Emirati Arabi Uniti A cura di Cesare Maraglio CONSORZIO CAMERALE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE Ufficio Emirati Arabi Uniti A cura di Cesare Maraglio PRESENTAZIONE PAESE EMIRATI ARABI UNITI COLLOCAZIONE GEOGRAFICA E DATI GENERALI Superficie: 83.600

Dettagli

Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane. Consulenza strategica all impresa

Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane. Consulenza strategica all impresa Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane PREMESSA L economia italiana attraversa una fase di acuta recessione. Conseguentemente, le attività industriali produttive, eccetto quelle

Dettagli

Scheda Paese Marocco. A cura di. Nadia Harbouli Ufficio Marocco

Scheda Paese Marocco. A cura di. Nadia Harbouli Ufficio Marocco Scheda Paese Marocco A cura di Nadia Harbouli Ufficio Marocco DESK ITALIA - MAROCCO MAROCCO MAROCCO Mercato prioritario per stabilità economica e politica Posizione geografica strategica Indicatori macro-economici

Dettagli

Settima conferenza Banca d Italia MAE con gli Addetti Finanziari accreditati all estero

Settima conferenza Banca d Italia MAE con gli Addetti Finanziari accreditati all estero Settima conferenza Banca d Italia MAE con gli Addetti Finanziari accreditati all estero Roma, 27 marzo 2014 Francesco Montaruli Addetto Finanziario presso il Consolato di San Paolo La presentazione è articolata

Dettagli

Il settore alimentare negli Emirati Arabi Uniti.

Il settore alimentare negli Emirati Arabi Uniti. Il settore alimentare negli Emirati Arabi Uniti. Gli Emirati Arabi Uniti sono la seconda popolazione piu numerosa tra le economie dei Paesi del Golfo, e seguono l Arabia Saudita. Si stima che la popolazione

Dettagli

Global Village 2013/2014 DUBAI (UAE) PADIGLIONE ITALIANO

Global Village 2013/2014 DUBAI (UAE) PADIGLIONE ITALIANO Global Village 2013/2014 DUBAI (UAE) PADIGLIONE ITALIANO Bab Marrakech Exhibition Organizing & Conference. Tel: 00971-4- 3713422. Fax: 00971-4- 371330. E- mail: info@italydubai.com. website: www.italydubai.com.

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map LIBANO Capitale Beirut Popolazione (milioni) 4,06 73/100 71/100 81/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 64,31 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

INDONESIA: UNA OPPORTUNITA NUOVA INDONESIA NEW MARKET OPPORTUNITIES

INDONESIA: UNA OPPORTUNITA NUOVA INDONESIA NEW MARKET OPPORTUNITIES INDONESIA: UNA OPPORTUNITA NUOVA INDONESIA NEW MARKET OPPORTUNITIES 1 Asia Crescita: 2011: 7,8 % 2012: 7,7 % Entro 2050: Pil: $148.000 Miliardi (45% dell output globale) Reddito pro-capite: $38.000 (superiore

Dettagli

Gli Emirati Arabi Uniti

Gli Emirati Arabi Uniti International Accounting and Tax Consultancy ASPETTI FISCALI E CONTABILI NAZIONALI 3 Novembre 2015 Dubai, E.A.U. Karim Ramadan k.ramadan@diacron.ae Agenda Emirati Arabi : overview; Il Sistema Fiscale;

Dettagli

Middle East and North Africa Energy

Middle East and North Africa Energy Middle East and North Africa Energy Chatham House, London 25th January 2016 https://www.chathamhouse.org/conferences/middle-east-and-north-africa-energy Intervento dell AD Claudio Descalzi Signore e signori

Dettagli

EXPO DUBAI 2020: TUTTE LE OPPORTUNITÀ DA NON PERDERE PER LE IMPRESE ITALIANE

EXPO DUBAI 2020: TUTTE LE OPPORTUNITÀ DA NON PERDERE PER LE IMPRESE ITALIANE EXPO DUBAI 2020: TUTTE LE OPPORTUNITÀ DA NON PERDERE PER LE IMPRESE ITALIANE Il recente successo ottenuto da Dubai, che si e aggiudicata l Expo 2020 il 27 novembre scorso, è destinato ad avere un enorme

Dettagli

Lingua ufficiale. Shaykh Khalifa bin Zayed Al Nahayan Ingresso nell'onu 9 dicembre 1971. Popolazione totale 9.346.000. PIL pro capite 43 774 $

Lingua ufficiale. Shaykh Khalifa bin Zayed Al Nahayan Ingresso nell'onu 9 dicembre 1971. Popolazione totale 9.346.000. PIL pro capite 43 774 $ EMIRATI ARABI UNITI Lingua ufficiale Capitale Presidente Arabo Abu Dhabi Shaykh Khalifa bin Zayed Al Nahayan Ingresso nell'onu 9 dicembre 1971 Superficie totale 82.880 km² Popolazione totale 9.346.000

Dettagli

Ufficio E-Commerce e Commercio Estero Camera di Commercio di Genova

Ufficio E-Commerce e Commercio Estero Camera di Commercio di Genova SUPERFICIE POPOLAZIONE LINGUA RELIGIONE CAPITALE FORMA ISTITUZIONALE 581 726 km² 2,065,398 dopo il censimento del 2011, tasso di crescita 1,35% Inglese, Setswana Tradizionali (55%), Cristiani (17%), Musulmani

Dettagli

Ottobre 2009. 10 buoni motivi per investire in Francia

Ottobre 2009. 10 buoni motivi per investire in Francia Ottobre 2009 10 buoni motivi per investire in Francia Keys to understanding the new France 2 1 Un economia di carattere mondiale 23.000 sedi di imprese estere presenti, con 2,8 milioni di dipendenti, di

Dettagli

Esportare la Dolce Vita 2014 il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati alessandra lanza

Esportare la Dolce Vita 2014 il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati alessandra lanza Esportare la Dolce Vita 2014 il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati alessandra lanza riservato e confidenziale 5 maggio 2014 esportare la dolce vita 1 Esportare la Dolce Vita il progetto cos è

Dettagli

Prefazione. di Adolfo Urso Vice Ministro allo Sviluppo Economico con delega al Commercio Estero

Prefazione. di Adolfo Urso Vice Ministro allo Sviluppo Economico con delega al Commercio Estero Prefazione di Adolfo Urso Vice Ministro allo Sviluppo Economico con delega al Commercio Estero Le opportunità che il nuovo scenario di riferimento dei paesi del Med-Golfo offre al sistema imprenditoriale

Dettagli

Ufficio Emirati Arabi Uniti. A cura di Cesare Maraglio

Ufficio Emirati Arabi Uniti. A cura di Cesare Maraglio Ufficio Emirati Arabi Uniti A cura di Cesare Maraglio PRESENTAZIONE PAESE EMIRATI ARABI UNITI Principali dati macroeconomici e interscambio con Italia 1. COLLOCAZIONE GEOGRAFICA E DATI GENERALI Superficie:

Dettagli

III Forum «Investire nella nuova Russia» Il mercato russo: opportunità di crescita e di raccolta per le imprese italiane

III Forum «Investire nella nuova Russia» Il mercato russo: opportunità di crescita e di raccolta per le imprese italiane III Forum «Investire nella nuova Russia» Il mercato russo: opportunità di crescita e di raccolta per le imprese italiane Prof. Maurizio Dallocchio CReSV, Università Bocconi Milano, 6 novembre 2013 Agenda

Dettagli

ZONE FRANCHE ED AREE INDUSTRIALI NEL REGNO DI BAHRAIN

ZONE FRANCHE ED AREE INDUSTRIALI NEL REGNO DI BAHRAIN ZONE FRANCHE ED AREE INDUSTRIALI NEL REGNO DI BAHRAIN Il regno del Bahrain ha destinato ad aree residenziali e commerciali per gli investitori stranieri le seguenti zone: - Ahmed Al-Fateh District - Hoora

Dettagli

Report sul gas naturale

Report sul gas naturale Report sul gas naturale A) Focus Energia B) Produzione Gas Naturale C) Consumo Gas Naturale D) Riserve Gas Naturale E) Il Commercio Mondiale di Gas Naturale F) I prezzi G) Il Nord America H) L Europa I)

Dettagli

Dubai ed Emirati Arabi: informazioni preliminari

Dubai ed Emirati Arabi: informazioni preliminari Dubai ed Emirati Arabi: informazioni preliminari I paesi del Golfo Persico, in particolare Dubai e gli Emirati Arabi, il Qatar e l'arabia Saudita, rappresentano una delle aree geografiche attualmente a

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI

SINTESI DEI RISULTATI SINTESI DEI RISULTATI I dati relativi alle imprese di costruzioni che hanno preso parte all Indagine Ance 2013 sull internazionalizzazione confermano la dinamicità del settore, nonostante la crisi in atto.

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI. Le importazioni, anch esse in rallentamento, rimangono però ad un livello significativo (30%) rispetto ai valori esportati

SCHEDA DI SINTESI. Le importazioni, anch esse in rallentamento, rimangono però ad un livello significativo (30%) rispetto ai valori esportati PANORAMA DEL SETTORE In questi ultimi anni, possiamo parlare di più di un decennio ormai, in Europa è prevalsa la politica del libero mercato e della globalizzazione. Politica attuata, però, senza che

Dettagli

Strumenti a sostegno dell internazionalizzazione delle imprese. Andrea Fiori Ufficio Internazionalizzazione Imprese

Strumenti a sostegno dell internazionalizzazione delle imprese. Andrea Fiori Ufficio Internazionalizzazione Imprese Strumenti a sostegno dell internazionalizzazione delle imprese Andrea Fiori Ufficio Internazionalizzazione Imprese Milano, 3 giugno 2014 Interscambio commerciale, settore Manifatturiero Italia 5 partner

Dettagli

Il settore della cantieristica da diporto negli EAU

Il settore della cantieristica da diporto negli EAU Il settore della cantieristica da diporto negli EAU Gli Emirati Arabi Uniti sono caratterizzati da 1,318km di costa e i suoi abitanti hanno una lunga tradizione legata al mare. Ne risulta che gli attracchi

Dettagli

ECONOMIA DEL MARE - BLUE ECONOMY

ECONOMIA DEL MARE - BLUE ECONOMY Camera Italiana di Commercio e Industria di Santa Catarina (Organo riconosciuto dal Governo Italiano Decreto Mise29/7/2009) Tel.: +55 48 3027 2710 www.brasileitalia.com.br ECONOMIA DEL MARE - BLUE ECONOMY

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

IL PROCESSO DI BARCELLONA E LA STRATEGIA DI LISBONA: UN BILANCIO A META DEL PERCORSO 1

IL PROCESSO DI BARCELLONA E LA STRATEGIA DI LISBONA: UN BILANCIO A META DEL PERCORSO 1 IL PROCESSO DI BARCELLONA E LA STRATEGIA DI LISBONA: UN BILANCIO A META DEL PERCORSO 1 1. Un bilancio del processo d integrazione alla luce dei dati La strategia di Lisbona e il processo di Barcellona

Dettagli

1. Orientamento alle esportazioni. 2. Esperienza turistica. 3. Impegno verso l ambiente. 4. Comunicazioni di livello mondiale. 5.

1. Orientamento alle esportazioni. 2. Esperienza turistica. 3. Impegno verso l ambiente. 4. Comunicazioni di livello mondiale. 5. 1. Orientamento alle esportazioni Oggi il Cile detiene il primato mondiale per quanto riguarda la rete di trattati di libero scambio commerciale: oltre venti accordi sottoscritti con sessanta paesi, e

Dettagli

La finanza internazionale e le banche

La finanza internazionale e le banche ACI - The Financial Market Association Assemblea Generale La finanza internazionale e le banche Intervento di Antonio Fazio Governatore della Banca d Italia Milano, 1º luglio 1999 Sono lieto di darvi il

Dettagli

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale Import/export La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale di Alfonso Ghini (*) Un analisi della situazione di importazione ed esportazione dei paesi più importanti, mette in

Dettagli

Il supporto finanziario all interscambio ed agli investimenti italiani all estero. Unindustria Lazio Roma, 27 Novembre 2013

Il supporto finanziario all interscambio ed agli investimenti italiani all estero. Unindustria Lazio Roma, 27 Novembre 2013 Il supporto finanziario all interscambio ed agli investimenti italiani all estero Unindustria Lazio Roma, 27 Novembre 2013 Solidi, dinamici, internazionali, italiani UNA BANCA SOLIDA SU CUI CONTARE La

Dettagli

Montenegro, una piattaforma off shore sull altra sponda dell Adriatico

Montenegro, una piattaforma off shore sull altra sponda dell Adriatico Europa orientale Montenegro, una piattaforma off shore sull altra sponda dell Adriatico di Alex Gilardini - Studio legale Ottolenghi-Catalano-Gilardini-Pilone, Torino e Fulvio Argonauta - Studio legale

Dettagli

Corporate Presentation

Corporate Presentation Corporate Presentation SACE Roma, Aprile 2015 1 Corporate Presentation Sosteniamo la competitività delle imprese SACE è una società del Gruppo Cdp attiva nell export credit, nell assicurazione del credito,

Dettagli

ESPORTAZIONE DEFINITIVA (EX): AUTORIZZAZIONI RILASCIATE NEL PERIODO 01/01/2003-31/12/2003 ELENCO PER PAESE DI DESTINAZIONE

ESPORTAZIONE DEFINITIVA (EX): AUTORIZZAZIONI RILASCIATE NEL PERIODO 01/01/2003-31/12/2003 ELENCO PER PAESE DI DESTINAZIONE Ministero degli Affari Esteri Dalla RELAZIONE GOVERNATIVA 2004 ESPORTAZIONE DEFINITIVA (EX): AUTORIZZAZIONI RILASCIATE NEL PERIODO 01/01/2003-31/12/2003 ELENCO PER PAESE DI DESTINAZIONE Paese di destinazione

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map MAROCCO Capitale Rabat Popolazione (milioni) 32,85 41/100 57/100 62/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 180,02 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

BAHRAIN AGGIORNAMENTO AL 2^ SEMESTRE 2008 1. QUADRO MACROECONOMICO

BAHRAIN AGGIORNAMENTO AL 2^ SEMESTRE 2008 1. QUADRO MACROECONOMICO AGGIORNAMENTO AL 2^ SEMESTRE 2008 BAHRAIN 1. QUADRO MACROECONOMICO Il Regno del Bahrain, in precedenza Emirato, governato da Re Hamad bin Isa al Khalifa salito al trono nel 1999, è diventato monarchia

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map EGITTO Capitale Il Cairo Popolazione (milioni) 84,15 69/100 72/100 85/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 551,44 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

IL MERCATO DEL MOBILE NEGLI EMIRATI ARABI UNITI

IL MERCATO DEL MOBILE NEGLI EMIRATI ARABI UNITI Ufficio di Dubai IL MERCATO DEL MOBILE NEGLI EMIRATI ARABI UNITI A cura di ICE Dubai Novembre 2007 2 Importazioni di mobili negli Emirati Arabi Uniti La somma delle importazioni nei tre principali Emirati

Dettagli

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005 Summary in Italian Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005 Riassunto in italiano Sommario Esecutivo Prosegue la tendenza

Dettagli

OCCHIALERIA negli EAU

OCCHIALERIA negli EAU Nota sul Settore OCCHIALERIA negli EAU Quadro macroeconomico del paese...2 Definizione del settore.....3 Valutazione del mercato...4 Previsioni del mercato...6 Comunicazione e manifestazioni....6 Appendice

Dettagli

L attivita della IICUAE inizia a Sharjah nel 1999 come accordo di programma Regione Piemonte ICE. Nel 2006 la IICUAE inizia il processo di

L attivita della IICUAE inizia a Sharjah nel 1999 come accordo di programma Regione Piemonte ICE. Nel 2006 la IICUAE inizia il processo di L attivita della IICUAE inizia a Sharjah nel 1999 come accordo di programma Regione Piemonte ICE. Nel 2006 la IICUAE inizia il processo di riconoscimento da parte del Governo Italiano come Camera di Commercio

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli