Missione negli Emirati Arabi Uniti Abu Dhabi, 8-9 maggio 2006

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Missione negli Emirati Arabi Uniti Abu Dhabi, 8-9 maggio 2006"

Transcript

1 Missione negli Emirati Arabi Uniti Abu Dhabi, 8-9 maggio 2006 Documentazione di supporto

2 CONTENUTO Dossier Emirati Arabi Uniti: presenza e operatività del sistema bancario italiano negli Emirati ed altri elementi di approfondimento su questioni economico-finanziarie Dati macroeconomici relativi agli Emirati Arabi Uniti e rapporti con l Italia Dati di sintesi sul sistema bancario emiratino 2

3 DOSSIER EMIRATI ARABI UNITI Presenza e operatività del sistema bancario italiano negli Emirati Arabi Uniti ed altri elementi di approfondimento su questioni economico-finanziarie 3

4 I. Presenza e operatività del sistema bancario e finanziario italiano negli Emirati Arabi Uniti a. Presenza diretta ed indiretta delle banche italiane negli Emirati Arabi Uniti b. Operatività delle banche italiane con gli Emirati Arabi Uniti c. Restrizioni alla presenza in loco di banche estere d. Rischio Paese Emirati Arabi Uniti e rischio bancario e. Sviluppo della finanza islamica negli Emirati Arabi Uniti (cenni) II. Questioni di carattere generale che potrebbero essere oggetto di approfondimento con le Autorità degli Emirati Arabi Uniti a. Diversificazione dell economia emiratina: progetti infrastrutturali e relative opportunità di investimento e collaborazione industriale per le imprese italiane b. Economic Free Trade Zones c. Dubai International Financial Centre (DIFC) d. Business Climate: fattori di attrazione degli Investimenti Diretti Esteri e. Il processo di integrazione intra-regionale: Il Consiglio di Cooperazione del Golfo (GCC) e gli Accordi di Libero Scambio f. Accordi di cooperazione Emirati Arabi Uniti - Italia g. Politica commerciale e accesso al mercato 4

5 I. Presenza e operatività del sistema bancario e finanziario italiano negli Emirati Arabi Uniti 1 a. Presenza diretta ed indiretta delle banche italiane negli Emirati Arabi Uniti Nell area sono presenti due uffici di rappresentanza, rispettivamente del Gruppo San Paolo IMI a Dubai e di HVB (Unicredit Group) ad Abu Dhabi. Prospetto riepilogativo SanPaolo IMI Ufficio di rappresentanza Dubai Unicredit HVB Ufficio di rappresentanza Abu Dhabi b. Operatività delle banche italiane con gli Emirati Arabi Uniti L operatività delle banche italiane con gli Emirati Arabi Uniti è volta sia al finanziamento delle esportazioni sia al finanziamento diretto a imprese locali partecipate da imprese italiane o interamente estere. In particolare, per quanto riguarda il finanziamento di operazioni commerciali, si tratta in prevalenza di esportazioni di beni di consumo (articoli di oreficeria, prodotti tessili, abbigliamento, calzature, mobili e arredo), materiali da costruzione, macchinari e componenti meccaniche per la realizzazione di impianti, soprattutto impianti per derivati dell industria petrolchimica. Al fine di disporre di un quadro dettagliato ed aggiornato circa l operatività dell industry bancaria negli Emirati Arabi Uniti, nel mese di aprile 2006 l ABI ha condotto una specifica indagine presso il Gruppo di Lavoro Relazioni Internazionali, composto dalle maggiori banche più attive sui mercati esteri. Nella tabella che segue sono riportati i risultati quantitativi dell indagine. Plafond Complessivo (mln di ) (totale impegni in essere e disponibilità a Plafond utilizzato (mln di ) aprile 2006) Con Senza Con Senza di cui per di cui per Util./ Totali Totale Sace Sace Sace Sace export altre finalità Totale Totale a breve 0 467,1 467, ,2 242,2 52,0 294,2 63% Totale a m.l.t ,7 602, ,9 45,1 417,7 462,9 77% Totale , , ,0 287,3 469,7 757,0 71% 1 Il presente documento è stato redatto sulla base delle seguenti fonti: sito ufficiale dell Unione Europea (www.europa.eu.int/comm/external_relations/brazil/intro/index.htm), Istituto per il Commercio Estero (www.ice.gov.it), World Investment Report (www.unctad.org), Ministero degli Affari Esteri (www.esteri.it), Servizi Assicurativi del Commercio Estero (www.sace.it), Istituto nazionale di statistica, (www.coeweb.istat.it), Sintesi 2000 srl (www.sintesi2000.com), Fondo Monetario Internazionale (www.imf.org), Banca Mondiale (www.worldbank.org), CIA-The World Factbook (www.cia.gov/cia/publications/factbook), United Arab Emirates Ministry of Economy Planning Sector (www.uae.gov.ae/mop/e_home.htm), Department of Planning and Economy Abu Dhabi (www.addop.gov.ae/web/english), Central Bank of the United Arab Emirates (www.centralbank.ae), Emirates Banks Association, Arab Bank Review (www.arabbank.com/user_rev_home.asp), Ufficio Italiano Cambi, rilevazioni ABI. 5

6 Complessivamente risulta un plafond stanziato di 1 miliardo di euro, utilizzato al 71%. Il 43,7% del plafond è destinato ad operazioni a breve, mentre il rimanente 56,3% è allocato sul medio-lungo termine. Gli Emirati Arabi Uniti non sono inseriti nelle convenzioni quadro con SACE, né è previsto un plafond con copertura assicurativa. In realtà, in considerazione dell elevato rating (A1) assegnato al Paese, superiore all investment grade, alcune banche hanno dichiarato di non avere un plafond predeterminato per operazioni negli EAU. Le delibere avvengono caso per caso, senza limiti prefissati. Da qui deriva anche il livello di utilizzo elevato rispetto al plafond stanziato che è in una certa misura fittizio, in quanto meramente corrispondente alle operazioni deliberate. Per quanto riguarda il livello di utilizzo delle risorse, il 61,1% del totale utilizzato è impegnato per operazioni a medio-lungo termine e il 62% ha finalità diverse dall export (pari a circa 757 milioni di euro), trattandosi di finanziamenti concessi a società locali partecipate da imprese italiane o a capitale interamente straniero. Il 38% dell utilizzato ha finalità commerciale, attraverso i tradizionali prodotti di trade finance (conferma di lettere di credito/rilascio garanzie commerciali/sconto pro-soluto di impegni di pagamento) a breve termine. Accordi di collaborazione La maggior parte delle banche italiane non ha sottoscritto accordi di collaborazione con banche locali; l operatività è gestita tradizionalmente attraverso consolidati rapporti di corrispondenza rispetto ai quali non si registra alcuna criticità. Circa le prospettive di sviluppo delle attività sul mercato emiratino e nella regione del Golfo, numerose banche hanno segnalato l intenzione di: a) sviluppare contatti con primarie controparti finanziarie locali per l individuazione di opportunità di investimento; b) allacciare rapporti di collaborazione con banche locali in funzione del crescente interesse manifestato dalla propria clientela; c) incrementare le linee di credito e l attività di assistenza e consulenza alle imprese che manifestano interesse sia con finalità di export sia per la costituzione di società in loco, anche sviluppando nuovi accordi di cooperazione con controparti locali. c. Restrizioni alla presenza in loco di banche estere L unica rilevante restrizione agli Investimenti Diretti Esteri negli Emirati Arabi Uniti è la previsione della legge emiratina che impone all investitore estero la costituzione di una società il cui capitale sia detenuto almeno al 51% da persona fisica o giuridica locale. Questa restrizione non si applica agli investimenti industriali e commerciali effettuati nelle zone franche (cfr. paragrafo II.b). Tale norma vige peraltro sulle sole 6

7 società per azioni 2, mentre per le società pubblico-private la quota locale è pari al 100% e per gli studi professionali (avvocati, ingegneri e commercialisti) deve essere almeno pari al 25%. Le società a responsabilità limitata nel settore degli idrocarburi, idrico ed elettrico sono esentate dalla quota di maggioranza locale. In particolare, per quanto riguarda il settore bancario, nel 1987 il Governo decise di congelare le aperture di nuove succursali di banche estere nel Paese. Tale atteggiamento perdura ancora oggi e non vengono concesse licenze per l apertura di nuove succursali né autorizzazioni ad operare in valuta locale. Questo atteggiamento è riconducibile a due ragioni principali: in primo luogo, il settore bancario emiratino risultava già all epoca prossimo alla saturazione rispetto alle dimensioni dell economia locale; in secondo luogo, l apertura di sussidiarie avrebbe comportato l afflusso di rilevanti capitali nel Paese, laddove l apertura di succursali avrebbe implicato un investimento meno consistente. Allo stesso tempo, alle banche estere già operanti negli EAU venne imposto un limite al proprio network, che non poteva essere costituito da più di 8 succursali. Questo impedì alle banche di sviluppare rapporti con la clientela retail, che conseguentemente passò in buona parte alle banche locali. Infatti, le banche locali coprono attualmente più del 75% della clientela immigrata, che rappresenta l 80% della popolazione; esse hanno inoltre un market share dell 80% circa dell attività creditizia e di oltre il 90% per i depositi (con le prime cinque banche che assorbono quasi il 70% del mercato 3 ). Nonostante le restrizioni esistenti, negli EAU sono oggi presenti 25 banche estere su un totale di 46, che detengono una quota leggermente superiore al 30% degli assets di settore (in base all ultimo dato disponibile pubblicato dalla Banca Centrale nel giugno 2003). Le 25 banche estere sono presenti con 87 branches, mentre le 21 banche locali dispongono di una rete di 362 branches. Il numero degli uffici di rappresentanza di banche estere a dicembre 2004 era invece di 51. Si segnala infine una disparità di trattamento fiscale delle succursali di banche estere rispetto alle altre imprese estere: le prime sono infatti soggette a una corporate tax del 20% laddove le seconde sono esentate da tale imposizione fiscale. Tali limitazioni non si applicano tuttavia nella zona franca dedicata ai servizi finanziari creata a Dubai (Dubai International Financial Centre) illustrata in dettaglio al paragrafo II.c. Peraltro si sottolinea che il DIFC avrebbe la finalità di incentivare la delocalizzazione di alcune tipologie di servizi e rami di attività (private banking e capital market) di grandi 2 Le imprese che operano nel settore bancario, finanziario ed assicurativo possono costituirsi solo sotto forma di società per azioni. 3 Fonte: Emirates Banks Association,

8 banche commerciali che operano su scala globale e non quella di promuovere un operatività delle banche estere sul mercato locale. d. Rischio Paese Emirati Arabi Uniti e rischio bancario Il Paese è percepito dagli operatori internazionali come solido e con un profilo di rischio contenuto, anche grazie ai rilevanti sforzi compiuti per una maggiore diversificazione dell economia e per l attrazione di capitali esteri. Per questo, ed in ragione della costante crescita economica realizzata dagli EAU negli ultimi dieci anni (ad un tasso annuo medio pari al 5,4%) e della stabilità dell assetto politico, l agenzia Moody s ha innalzato il rating da A2 ad A1 già all inizio del Per quanto riguarda la valutazione del rischio Paese effettuata dalla SACE che segue, come noto, la classificazione stabilita in sede OCSE da uno specifico gruppo cui partecipano le Export Credit Agencies dei Paesi dell Organizzazione - gli Emirati di Abu Dhabi e Dubai si posizionano nella seconda categoria di rischio, con un atteggiamento assicurativo senza particolari restrizioni. Sono posti, invece, nella quarta categoria di rischio gli Emirati di Sharjah, di Ras Al Khaimah, di Umm Al Qaiwain e di Fuhairah (tutti senza particolari restrizioni); l emirato di Ajman è anche in categoria quattro ma attualmente l operatività è sospesa. Secondo invece la valutazione effettuata sulla base della matrice ABI-Banca d Italia per la valutazione del rischio Paese ai fini della determinazione del patrimonio di vigilanza, gli Emirati Arabi Uniti si collocano nella prima categoria cui corrisponde un aliquota di rettifica pari allo 0% sulle esposizioni non garantite. Per quanto riguarda il rischio connesso direttamente all evoluzione del settore bancario emiratino si sottolinea che, secondo gli analisti, il comparto è solido e si sta progressivamente muovendo verso una maggiore apertura alla concorrenza estera, anche grazie all adozione di standard operativi internazionali ed alla progressiva riduzione delle barriere di accesso al mercato. Il sistema bancario emiratino (per un approfondimento si rimanda alla scheda predisposta da Sintesi 2000 riportata nella terza parte del presente dossier) è il secondo per dimensione nel mondo arabo dopo quello saudita in termini di assets 4 e svolge un ruolo particolarmente rilevante non solo per l economia locale, ma anche per quell 80% della popolazione composta da immigrati (il 90% della forza lavoro locale è di origine straniera) che trasferisce le proprie rimesse nei Paesi di origine. Esso ha fatto registrare straordinari tassi di crescita negli ultimi anni ( ): +13,7% nei depositi, +21,7% nel credito (+25,9% l aumento del lending ai non 4 Fonte: Arab Bank, The Arab Bank Review, Vol. 7, N. 1, April

9 residenti) e incrementi molto alti nei profitti (in media c è stato un incremento del 50% della redditività 5 ). Il livello di capitalizzazione è inoltre molto elevato rispetto agli standard internazionali e si attesta in media intorno al 18% 6, mentre i non performing loans costituiscono solo il 2,88% del totale del credito. Gli IAS sono stati introdotti (ancorché non resi obbligatori) alla fine degli anni novanta e, secondo alcune fonti, l Accordo di Basilea II dovrebbe essere applicato entro il 2007 (anche se su questo fronte si registrerebbero rilevanti ritardi). I passi che le Autorità dovrebbero compiere per assicurare un ulteriore allineamento agli standard internazionali e per la creazione di un effettivo level playing field con gli intermediari esteri riguardano la privatizzazione del settore, il consolidamento dello stesso mediante una politica di fusioni che riduca il numero di operatori sul mercato, e la rimozione delle barriere ancora esistenti segnalate nel precedente paragrafo. e. Sviluppo della finanza islamica negli Emirati Arabi Uniti (cenni) Negli ultimi anni la finanza islamica 7 ha subito un rapido sviluppo nel mercato emiratino. Nel 2004 il numero delle banche islamiche è raddoppiato, passando da due a quattro, con un incremento del 35% negli assets 8 ; esse rappresentano oggi circa il 22% degli assets di settore ed hanno una market share ancora più alto nel retail banking. La National Bank dell Emirato di Sharjah, di proprietà pubblica, si è recentemente trasformata in banca islamica. Inoltre, il Dubai Interantional Financial Centre, la free zone dedicata allo sviluppo dei servizi finanziari, è stata espressamente creata anche con l obiettivo di divenire un centro globale per la finanza islamica. 5 La Abu Dhabi Commercial Bank, una delle top five insieme a National Bank of Abu Dhabi, National Bank of Dubai, Emirates Bank e Mashreq Bank (tutte di proprietà dello Stato) ha registrato un incremento del 98% dei profitti. 6 Dato elaborato da Sintesi 2000 su un campione di 19 banche locali, su un totale di Si ricorda che per finanza islamica s intende un sistema di relazioni di tipo economico tra le persone (Muamalat) che trae i suoi principi informatori dalla legge islamica (Shariah). Elemento specifico e di contrasto con la pratica finanziaria occidentale è il divieto di pagamento degli interessi equiparati all usura (Riba). La proibizione della Riba si fonda sul credo secondo il quale non ci può essere guadagno senza l assunzione di rischi: il profitto, in una visione islamica, sarebbe legittimato solo dal rischio. Oltre alla Riba sono espressamente vietate pratiche economiche che implicano i concetti di Gharar ( irragionevole incertezza, ambiguità), di Maisir (speculazione) e di Haram (ciò che è esplicitamente proibito dal Corano, ossia attività economiche connesse alla distribuzione/produzione di alcol, tabacco, armi, carne suina, pornografia, gioco d azzardo etc). Le prime iniziative di sviluppo di strumenti finanziari coerenti con la Shariah risalgono all inizio degli anni 60 in Algeria ed Egitto, dove vennero costituite banche islamiche pubbliche. Il processo subì una netta accelerazione agli inizi degli anni 70 quando venne istituita la Islamic Development Bank, con la missione di favorire nei paesi membri e nelle comunità musulmane uno sviluppo economico e sociale coerente con i precetti coranici. Da allora sono sorte numerose altre istituzioni finanziarie in regioni islamiche e non. Oggi la finanza islamica gestisce assets stimati in ca. Usd 500 mld con tassi di crescita medi del 15% all anno. Essa trova crescente applicazione sia nel campo dell Islamic banking (che ne rappresenta la componente più strutturata e di rilievo in termini di volumi) che nel mercato assicurativo e dei capitali internazionali con titoli di debito e fondi azionari. Non si conoscono ad oggi esperienze di Islamic banking in Italia (Fonte L. Alfano e L. Fiordoni, Lo Sviluppo della Finanza Islamica e l Islamic Banking, Studi e Note di Economica, No , Banca Monte dei Paschi di Siena Spa Siena e Banca Toscana Firenze). 8 Fonte: International Monetary Fund, Staff Report for the 2005 Article IV Consultation. 9

10 II. Questioni di carattere generale che potrebbero essere oggetto di approfondimento con le Autorità degli Emirati Arabi Uniti a. Diversificazione dell economia emiratina: progetti infrastrutturali e relative opportunità di investimento e collaborazione industriale per le imprese italiane I sette Emirati arabi (Abu Dhabi, Dubai, Sharjah, Ajman, Fujeirah, Ras Al Khaimah, Umm al Quwain) si sono costituiti in Federazione (Emirati Arabi Uniti EAU) nel Abu Dhabi e Dubai rappresentano l 85% del PIL di tutti gli EAU. Quaranta anni fa il Paese era un deserto e la popolazione viveva con i proventi della pesca, delle perle e delle risorse ittiche. Con la scoperta di giacimenti petroliferi e di gas naturale negli anni sessanta, gli EAU si sono trasformati rapidamente in un economia aperta e liberale 9. Secondo la Energy Information Administration, nel 2005 gli EAU occupavano il sesto posto 10 al mondo per riserve di petrolio (con una quota del 10%, pari a 97,8 miliardi di barili) e il quinto posto 11 per riserve di gas 12 (con una quota del 3,5%, pari a miliardi di metri cubi) 13. Si stima che le riserve petrolifere siano in grado di garantire il livello attuale di produzione per i prossimi 140 anni 14. Gli EAU sono il decimo 9 Dal punto di vista politico i sette emirati sono retti da un Consiglio Supremo costituito dai rispettivi emiri, ognuno dei quali è sovrano assoluto del proprio Stato. Negli UAE non esistono partiti politici né si tengono elezioni, il sistema giudiziario è basato sulla legge coranica (sharia) ed è in vigore la pena di morte. I governanti detengono il potere in virtù della posizione dinastica e della legittimazione che deriva loro da un sistema di consenso tribale. La modernizzazione economica non è riuscita ad influenzare il sistema politico tradizionale, accettato e supportato dalla maggioranza della popolazione locale e sostenuto dalle forze armate. L organizzazione socio-politica del Paese si presenta fortemente contraddittoria: i locali rappresentano solo il 20% della popolazione residente e godono di forti privilegi sia in termini di reddito sia in termini di opportunità. Il 5% è costituito da espatriati di ceto sociale medio/alto, mentre il restante 75% da lavoratori immigrati, spesso senza le loro famiglie, con reddito basso, scarse garanzie economiche e nessuna tutela sociale. In dettaglio, la composizione della popolazione è così strutturata: 19% emiratini, 23% altri arabi e iraniani, 50% immigrati dall'asia meridionale, 8% immigrati dall'asia orientale e occidentale. 10 Dopo Arabia Saudita, Canada, Iran, Iraq e Kuwait. 11 Dopo Russia, Iran, Qatar ed Arabia Saudita. 12 I giacimenti più importanti sono quelli all interno dei campi petroliferi di Umm Shaif e Abu Al Bukhoosh. La Abu Dhabi Gas Industries (GASCO) si occupa degli impianti di estrazione onshore, mentre la Abu Dhabi Gas Liquefaction Company (ADGAS) di quelli offshore, la cui produzione viene incanalata a Das Island. La produzione di gas alimenta gli impianti di estrazione petrolifera, le centrali elettriche e gli impianti di desalinizzazione, oltre che ad altri impianti industriali minori. L aumento della domanda ha spinto il Governo a ideare un progetto ambizioso di distribuzione che copra tutto il Paese e lo colleghi alle altre nazioni GCC per poter servire energia ad una rete capillare di fruitori commerciali. Il più importante progetto in fase di realizzazione è il Dolphin Gas, che prevede la realizzazione di un impianto di trasporto del gas naturale dai giacimenti del Nord Qatar all Oman ed agli Emirati. La Dolphin Energy, società controllata al 51% da Mubadala Development Company (di proprietà del Governo di Abu Dhabi) e per il 49% da Total ed Oxy, si è aggiudicata tutti i migliori contratti. L ente responsabile per il controllo del progetto è l Emirates General Petroleum Corporation (EMARAT). 13 Secondo fonti locali (Ministero dell Economia e Ministero dell Informazione), gli EAU sono invece il quinto produttore mondiale di petrolio ed occupano il quinto posto per riserve di petrolio (9,4% del totale mondiale) ed il quarto posto per riserve di gas naturale (5% del totale mondiale). 14 Gli esperti hanno tuttavia stimato che i giacimenti ancora inesplorati dovrebbero contenere risorse doppie rispetto a quelle sfruttate fino ad oggi, pertanto si ritiene che nei prossimi anni saranno avviati numerosi progetti di esplorazione. 10

11 produttore 15 mondiale di petrolio con circa 2,5 milioni di barili al giorno ed il sesto esportatore 16. L Emirato di Abu Dhabi detiene il 95% circa del totale delle riserve di petrolio e di gas degli EAU. Per ridurre l impatto della volatilità dei prezzi del greggio sulla crescita economica, all inizio degli anni ottanta gli EAU hanno avviato un programma di diversificazione dell economia. Grazie a tale programma, il contributo del petrolio al PIL si è ridotto dall 84% nel 1980 a meno del 24% nel 2004, mentre quello dei servizi è aumentato dal 23% al 33,8% e quello dell industria dal 4% al 23% 17. Il settore petrolifero rimane comunque un importante pilastro dell economia emiratina, rappresentando il 60-75% delle entrate governative e il 46% delle esportazioni. Anche la struttura delle esportazioni degli EAU si è trasformata radicalmente: la tradizionale prevalenza di prodotti dell industria petrolchimica locale, dei fertilizzanti, del cemento e dell alluminio è stata superata dallo sviluppo di settori nuovi quali l Information Technology e l elettronica di consumo, il manifatturiero di base, la produzione di macchine leggere e di forniture per i trasporti, prodotti soprattutto nelle zone franche. Secondo le Nazioni Unite il grado di diversificazione delle esportazioni è tra i più alti dei Paesi del Golfo, ad eccezione del Bahrain. Nel 2004 il settore non oil ha contribuito al 77,4% del PIL (circa 57 miliardi di dollari) e, grazie al dinamismo nei settori manifatturiero, turistico ed edile, è cresciuto ad un tasso pari all 8% dal 1995 contro un tasso medio del 5% negli altri Paesi del Golfo - rispetto al 4,4% del settore oil. Tra il 1991 e il 2004 l occupazione nel settore non oil è cresciuta ad un tasso medio dell 8,7% e gli investimenti fissi lordi sono aumentati del 9%. Riepilogando, il recente sviluppo dell economia emiratina si basa sui seguenti fattori: a. rialzo del prezzo internazionale del greggio; b. crescita del settore non oil; c. sviluppo del settore delle infrastrutture, in particolare in settori strategici quali gas naturale, trasporti, costruzioni; d. positivo andamento della bilancia commerciale (nel 2004 le esportazioni hanno fatto registrare un aumento rispetto all anno precedente, con un volume di 75,1 miliardi di dollari contro i 60,8 miliardi di dollari del 2003, ed un surplus commerciale stimato in 12,6, miliardi equivalente al 14% del PIL). 15 Dopo Arabia Saudita, Russia, Stati Uniti, Iran, Messico, Cina, Norvegia, Canada e Venezuela. 16 Dopo Arabia Saudita, Russia, Norvegia, Iran e Venezuela. 17 La riduzione media del settore oil degli altri Paesi del Golfo è risultata modesta. 11

12 Grazie a tali fattori gli EAU stanno consolidando il loro ruolo di centro produttivo, turistico e commerciale, in particolare nei confronti dei paesi del Golfo e dell Estremo Oriente. Inoltre si attende che il nuovo Esecutivo, insediatosi nel novembre 2004 dopo il decesso del precedente Presidente, Sceicco Zayed bin Sultan Al Nahyan, potrà migliorare la capacità di attrazione del mercato emiratino. In particolare, tale obiettivo potrà essere raggiunto grazie alla nuova legge federale, attualmente in discussione, che potrà consentire l accesso degli stranieri alla proprietà 18 immobiliare, nonché al progetto di legge (corporate law) che, se approvato, permetterà alle imprese straniere di detenere una quota di maggioranza in società locali (superando quindi l attuale limite del 49%). Nonostante una tendenza comune alla diversificazione economica, restano marcate differenze tra i singoli Stati, che riflettono il forte divario tra le rispettive strutture economiche. Abu Dhabi fonda infatti il proprio successo economico sull'industria petrolifera, mentre Dubai sul commercio, sulle telecomunicazioni, sul turismo e sui servizi finanziari, Sharjah sull'industria manifatturiera leggera, gli Emirati del Nord su agricoltura, cave, cemento e trasporto marittimo. Di seguito si riportano alcuni approfondimenti sui due Emirati maggiori: Abu Dhabi e Dubai. Abu Dhabi Considerando l entità delle sue risorse petrolifere, Abu Dhabi è stato l Emirato più lento nel perseguire la diversificazione economica ed il più resistente all apertura agli investimenti esteri. Tuttavia, con l insediamento del nuovo Governo federale nel novembre 2004, l Emirato di Abu Dhabi ha fortemente accelerato il percorso di crescita e diversificazione economica attraverso una serie di iniziative che mirano a coinvolgere il settore privato nello sviluppo delle infrastrutture e dei servizi di base (acqua ed energia), nei settori turistico, siderurgico e metallurgico. Tra le iniziative di maggior rilievo avviate ricordiamo: l istituzione nel maggio 2004 della Higher Corporation for Specialised Economic Zones 19 (HCSEZ), la creazione alla fine del Tale misura (che ha anche una portata politica e sociale, data la concentrazione della proprietà nelle mani degli Sceicchi e della classe dirigente) avrà tra l altro l effetto di attirare investimenti dall estero (inclusi i capitali arabi in aumento a causa del rialzo del prezzo del petrolio) verso un comparto, quello immobiliare, nel quale i mercati degli EAU e dell Arabia Saudita pesano per l 80% sul totale dei Paesi del CCG. Ad agosto 2005, il governo di Abu Dhabi ha emanato la legge n. 19 che regola la proprietà immobiliare, autorizzando gli stranieri ad acquistare e possedere la superficie della proprietà, ma non la terra, in alcune aree di investimento. Tale diritto reale ha una durata di 99 anni oppure di 50 anni rinnovabili con il consenso delle parti. Il diritto di possedere completamente la proprietà rimane ai cittadini emiratini e degli altri Paesi del Golfo. Anche l Emirato di Dubai ha avviato la preparazione della nuova normativa nel settore immobiliare, che dovrebbe prevedere la proprietà per gli emiratini ed i cittadini dei Paesi del Golfo per una durata di 99 anni. Agli stranieri la proprietà sarà consentita limitatamente a determinate aree identificate dall Emiro di Dubai. 19 Fondato nel giugno del 2004 per promuovere gli investimenti nell Emirato di Abu Dhabi, è l ente governativo per lo sviluppo e la diversificazione dell economia di Abu Dhabi che avviene attraverso la creazione e la 12

13 dell Abu Dhabi Tourism Authority (ADTA) 20 e il rilancio del processo di privatizzazione 21. Inoltre, particolare importanza rivestono alcuni progetti di sviluppo della capitale emiratina, tra cui: - l espansione della zona industriale della città e la sua incorporazione nella nuova Abu Dhabi Industrial City (ICAD), per la quale è stato investito finora 1 miliardo e mezzo di euro, grazie ad un forte impegno dell elite locale e di alcune grandi banche del Paese (in particolare la Abu Dhabi Commercial Bank). È stata inoltre annunciata la realizzazione di altre due città industriali (ICAD2 22, i cui contratti sono stati già aggiudicati, ed ICAD3); - i progetti nel settore edilizio annunciati nei primi mesi del 2005 dai grandi Gruppi economici locali 23 (ALDAR e ALDAR Properties): a) la costruzione del Central Market di Abu Dhabi, dove dovrebbero sorgere un Centro commerciale, un souk arabo e centri servizi; b) il progetto per 10 miliardi di Euro di un nuovo insediamento urbano, completo di servizi e infrastrutture sia residenziali che turistiche, nell area di Al Raha Beach, alla periferia di Abu Dhabi (la nuova città avrà una dimensione di 6.8 milioni di metri quadri, e prevede di poter ospitare fino a abitanti). L Emirato di Abu Dhabi mira ad attrarre dall estero imprese grandi, piccole e medie, produttrici di macchinari industriali e del settore manifatturiero, sia con finalità commerciali che in un ottica di più stabile penetrazione in questo mercato e di cooperazione con partners locali, mediante la conclusione di joint-ventures. Un altro settore rilevante per possibili investimenti italiani è quello del marmo e della piastrellistica in genere, dove le imprese emiratine sono fortemente interessate ad acquisire il know-how dell Italia nel tentativo di ridurre le importazioni di prodotti finiti 24. promozione di Zone Economiche Speciali. La HCSEZ è presieduta dallo Sceicco Hamed Bin Zayed Al Nahyan, anche Presidente del Dipartimento di Programmazione ed Economia di Abu Dhabi. 20 L obiettivo è attrarre 3 milioni di turisti all anno per il 2010, rispetto agli attuali 800 mila. 21 Si ricorda, tra gli altri, il progetto di istituzione di un Abu Dhabi International Business Council, che raggrupperà le dirigenze delle comunità di affari straniere, organizzate in Business Councils o Business Groups. 22 In un area di 10 km 2 si realizzeranno magazzini di materiale da costruzione e complessi di servizi per l industria petrolifera e del gas. Tra i principali investitori vi sono la Dubai Investment Company, Ali & Sons, Emirates International Investment Company e Bukhater Group. 23 Tra i grandi Gruppi Economici locali ricordiamo la Mudabala Development Company (società di investimento del Governo di Abu Dhabi, il cui Amministratore Delegato interverrà al Forum, H.E. Khaldoon Khalifa al Mubarak), la società Aldar (i cui principali azionisti sono Mubadala Development Company, Abu Dhabi Investment Company, Abu Dhabi National Hotels Company e la National Corporation for Tourism and Hotels), e la società Emaar (società pubblica quotata sulla Borsa di Dubai). 24 In questo settore è importante segnalare la commessa recentemente ottenuta da Fantini Mosaici per la realizzazione delle finiture interne della Grande Moschea di Abu Dhabi. 13

Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti. Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti

Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti. Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti Opportunita di Business negli Emirati Arabi Uniti Visione

Dettagli

DUBAI. Economia. Sviluppo Immobiliare

DUBAI. Economia. Sviluppo Immobiliare DUBAI 2013 DUBAI Economia Dubai oggi è un importante centro che basa la propria economia sul commercio marittimo (grazie ai suoi due Porti), sul turismo (con oltre 60 milioni di turisti all anno), sul

Dettagli

ASSOCONSULENZA. Associazione Italiana Consulenti d Investimento

ASSOCONSULENZA. Associazione Italiana Consulenti d Investimento ASSOCONSULENZA Associazione Italiana Consulenti d Investimento Formazione Mediatore Creditizio Proprio nel momento in cui il mondo finanziario occidentale è in ginocchio per gli effetti della crisi dei

Dettagli

EMIRATI ARABI UNITI. Vicenza, 2 ottobre 2007. Dove sono:

EMIRATI ARABI UNITI. Vicenza, 2 ottobre 2007. Dove sono: EMIRATI ARABI UNITI Vicenza, 2 ottobre 2007 Dove sono: 1 Chi sono: Forma istituzionale: Confederazione di 7 Emirati costituita il 2 dicembre 1971 Abu Dhabi Dubai Sharjah Ajman Ras al Khaimah Fujairah Umm

Dettagli

Seminario di approccio al Mercato Emiratino Taranto, 13 Gennaio 2009

Seminario di approccio al Mercato Emiratino Taranto, 13 Gennaio 2009 Seminario di approccio al Mercato Emiratino Taranto, 13 Gennaio 2009 Cittadella delle Imprese Camera di Commercio di Taranto Ore 16,30 18,30 Programma Saluto del Presidente della Camera di Commercio di

Dettagli

Agenda. > Focus Paese. > Le zone economiche speciali. > Il ruolo dell Ufficio di Rappresentanza

Agenda. > Focus Paese. > Le zone economiche speciali. > Il ruolo dell Ufficio di Rappresentanza 1 Agenda > Focus Paese > Le zone economiche speciali > Il ruolo dell Ufficio di Rappresentanza 2 Perché investire in India? Crescita economica > 7,4% nell anno fiscale 09-10; 6,7% nel 08-09; previsioni

Dettagli

1. Orientamento alle esportazioni. 2. Esperienza turistica. 3. Impegno verso l ambiente. 4. Comunicazioni di livello mondiale. 5.

1. Orientamento alle esportazioni. 2. Esperienza turistica. 3. Impegno verso l ambiente. 4. Comunicazioni di livello mondiale. 5. 1. Orientamento alle esportazioni Oggi il Cile detiene il primato mondiale per quanto riguarda la rete di trattati di libero scambio commerciale: oltre venti accordi sottoscritti con sessanta paesi, e

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

S t ud io M a rt el li Ulissi & Partners

S t ud io M a rt el li Ulissi & Partners Studio Martelli Ulissi & Partners Il Kazakhstan conseguita l indipendenza dall'unione Sovietica e terminato il periodo di transizione con la ristrutturazione organizzativa, economica e legislativa ha dato

Dettagli

registrato banche locali e banche estere

registrato banche locali e banche estere La Banca centrale svolge un ruolo di versatile nell'economia nazionale degli Emirati Arabi Uniti. Oltre al "banca di tutte le banche del paese, è anche un banchiere e consulente finanziario al governo.

Dettagli

Middle East and North Africa Energy

Middle East and North Africa Energy Middle East and North Africa Energy Chatham House, London 25th January 2016 https://www.chathamhouse.org/conferences/middle-east-and-north-africa-energy Intervento dell AD Claudio Descalzi Signore e signori

Dettagli

Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane. Consulenza strategica all impresa

Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane. Consulenza strategica all impresa Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane PREMESSA L economia italiana attraversa una fase di acuta recessione. Conseguentemente, le attività industriali produttive, eccetto quelle

Dettagli

Quadro legislativo, normativa societaria e free zones

Quadro legislativo, normativa societaria e free zones Quadro legislativo, normativa societaria e free zones SEZIONE I. Normativa Societaria Le forme societarie riconosciute negli EAU Le filiali e gli uffici di rappresentanza Le licenze necessarie SEZIONE

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y EMIRATI ARABI UNITI NORMATIVA PER GLI INVESTIMENTI NEGLI EMIRATI ARABI UNITI di Avv. Francesco Misuraca Normativa sugli investimenti esteri e relativi incentivi Due leggi riguardano l ingresso nel paese

Dettagli

Dati generali e indici di rischio

Dati generali e indici di rischio ANGOLA Dati generali e indici di rischio Capitale Luanda Popolazione (milioni) 20,82 61/100 80/100 70/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 131,79 controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali

Dettagli

LA CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA NEGLI EAU

LA CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA NEGLI EAU LA CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA NEGLI EAU In attività dal 1999, accordo di programma Regione Piemonte ICE Cna Riconoscimento ministeriale: 2009 Desk ENIT: 2010 Desk Qatar: 2010 2013 Desk Oman: 2015 Collaborazioni

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

EMIRATI ARABI UNITI. Stefano Cruciani (matr. 40215) Michele Monachesi (matr. 38586) Alessandro Tommasi (matr. 40117)

EMIRATI ARABI UNITI. Stefano Cruciani (matr. 40215) Michele Monachesi (matr. 38586) Alessandro Tommasi (matr. 40117) EMIRATI ARABI UNITI Stefano Cruciani (matr. 40215) Michele Monachesi (matr. 38586) Alessandro Tommasi (matr. 40117) 1 LA NAZIONE Superficie: 83.600 kmq Popolazione: 6 milioni (stima 2009, 19% locali, 50%

Dettagli

Cassa depositi e prestiti

Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti Il Gruppo Cassa depositi e prestiti opera a sostegno della crescita del Paese ed impiega le sue risorse, prevalentemente raccolte attraverso il Risparmio Postale (Buoni fruttiferi

Dettagli

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

Operare con l estero: il supporto di MPS alle imprese

Operare con l estero: il supporto di MPS alle imprese Operare con l estero: il supporto di MPS alle imprese Fabrizio Schintu 17 novembre 2011 GRUPPO MONTEPASCHI AREA ESTERO Prodotti, Servizi e Presenza Internazionale a sostegno delle attività con l Estero

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

Report sul gas naturale

Report sul gas naturale Report sul gas naturale A) Focus Energia B) Produzione Gas Naturale C) Consumo Gas Naturale D) Riserve Gas Naturale E) Il Commercio Mondiale di Gas Naturale F) I prezzi G) Il Nord America H) L Europa I)

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map KAZAKISTAN Capitale Astana Popolazione (milioni) 17,23 41/100 71/100 83/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 243,56 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Global Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= däçä~ä=bèìáíó=

Regolamento del fondo interno A.G. Global Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= däçä~ä=bèìáíó= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= däçä~ä=bèìáíó= A) Obiettivi e descrizione del fondo La gestione ha come obiettivo la crescita del capitale investito in un orizzonte temporale lungo ed è caratterizzata

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

Costa Rica Congiuntura Economica

Costa Rica Congiuntura Economica Costa Rica Congiuntura Economica Il PIL del Costa Rica è cresciuto del 3.8% durante il 2011, dato inferiore alla crescita del 4.2% registrato tra il 2009 ed il 2010. Per quanto riguarda il 2012 si prevede

Dettagli

MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA

MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA OPPORTUNITÀ: Dato che il settore logistico in senso stretto (considerando cioè gli operatori di piattaforme o snodi di traffici merci dove vengono compiute operazioni

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map FILIPPINE Capitale Manila Popolazione (milioni) 97,48 37/100 63/100 67/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 454,29 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

Missione imprenditoriale

Missione imprenditoriale Missione imprenditoriale Opportunità Dubai & middle east Supporto tecnico by: Missione imprenditoriale Presentazione e obiettivi Quando: dal 22 al 26 Maggio 2016 Dove: Dubai Partecipanti: imprenditori

Dettagli

DI DUBAI E SRM PRESENTANO LO STUDIO: ECONOMIC OUTLOOK

DI DUBAI E SRM PRESENTANO LO STUDIO: ECONOMIC OUTLOOK COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO-HUB DI DUBAI E SRM PRESENTANO LO STUDIO: ECONOMIC OUTLOOK: IL BUSINESS ITALIANO NEGLI EMIRATI ARABI UNITI LA DIRETTRICE MEDITERRANEO-SUEZ-GOLFO NUOVO ORIZZONTE DI CRESCITA

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

FOCUS ON Emirati Arabi Uniti: l età dell oro continua

FOCUS ON Emirati Arabi Uniti: l età dell oro continua ON Emirati Arabi Uniti: l età dell oro continua A cura dell'ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY L impegno emiratino verso una maggiore diversificazione economica offre opportunità oltre il solco

Dettagli

Private Banking e Fondi Immobiliari

Private Banking e Fondi Immobiliari 0 Private Banking e Fondi Immobiliari Il mercato dei fondi immobiliari Il mercato dei fondi immobiliari nel mondo e in Europa Nel 2005 il portafoglio dei gestori professionali ha superato gli 800 mld di

Dettagli

Il Credito in Cina. Marco Gasparroni Tesoriere CCIC

Il Credito in Cina. Marco Gasparroni Tesoriere CCIC Il Credito in Cina Marco Gasparroni Tesoriere CCIC 1 Indice Le Banche Italiane in Cina - La presenza - La Mission - I Volumi Le Banche Cinesi - Il sistema Bancario Cinese - Il Mercato 2 La Presenza L apertura

Dettagli

Le proposte del Banco Popolare

Le proposte del Banco Popolare Efficienza energetica, finanza agevolata e una nuova forma di alleanza. Per innovare le imprese del settore siderurgico e favorirne la crescita. Le proposte del Banco Popolare Banco Popolare e innovazione

Dettagli

Hong Kong e Macao Introduzione generale Dati macroeconomici. Hong Kong porta d ingresso della Cina Analisi geo-economica e politica

Hong Kong e Macao Introduzione generale Dati macroeconomici. Hong Kong porta d ingresso della Cina Analisi geo-economica e politica Hong Kong e Macao Introduzione generale Dati macroeconomici Hong Kong porta d ingresso della Cina Analisi geo-economica e politica Perche investire a Hong Kong Analisi dei dati di import/export di Hong

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini, con sede negli Stati Uniti, che si è concentrata sulla produzione di telefonini di nuova generazione a partire

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO Banche Intermediari creditizi non bancari Intermediari della securities industry Assicurazioni LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO Fonte Banca d Italia, Relazione

Dettagli

Corporate Presentation

Corporate Presentation Corporate Presentation SACE Roma, Aprile 2015 1 Corporate Presentation Sosteniamo la competitività delle imprese SACE è una società del Gruppo Cdp attiva nell export credit, nell assicurazione del credito,

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013 IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

Dettagli

L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita

L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita GUALTIERO TAMBURINI ASSEMBLEA ANNUALE FEDERIMMOBILIARE ROMA, 18 GENNAIO 2012 Il quadro macroeconomico PIL ed occupazione (variazioni %

Dettagli

Introduzione 10 INTRODUZIONE

Introduzione 10 INTRODUZIONE Introduzione Il Rapporto 2002 sull Economia romana consente di trarre qualche considerazione positiva sull andamento del sistema produttivo e del tessuto sociale dell area romana. Come si vedrà, da questa

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Euro Blue Chips Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë=

Regolamento del fondo interno A.G. Euro Blue Chips Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë= A) Obiettivi e descrizione del fondo Il fondo persegue l obiettivo di incrementare il suo valore nel lungo termine, attraverso l investimento in

Dettagli

QUADRO MACROECONOMICO

QUADRO MACROECONOMICO IMPORTARE IN QATAR Forma istituzionale: Monarchia costituzionale Capo dello Stato: Emiro S.A. Sceicco Tamim bin Hamad Al Thani (dal 2013) Capitale : Doha Superficie : 11.521 km2 Popolazione : 300.000 popolazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2113 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VANNUCCI, BERSANI Agevolazioni per l arredo della prima casa di abitazione e dell ufficio,

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 COMUNICATO STAMPA BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 Il documento declina le linee strategiche e operative del Piano di Ristrutturazione presentato il 7 ottobre 2013

Dettagli

Emirati Arabi Uniti - 1 - Informazioni Generali Superficie 83.600 Kmq

Emirati Arabi Uniti - 1 - Informazioni Generali Superficie 83.600 Kmq Emirati Arabi Uniti Informazioni Generali Superficie 83.600 Kmq Popolazione (stima 2007) 5.300.000 abitanti. Solo il 20% circa della popolazione è composta da cittadini degli Emirati, il resto è composto

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó=

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= A) Obiettivi e descrizione del fondo Il fondo persegue l obiettivo di incrementare il suo valore nel lungo termine, attraverso l investimento in

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

Economia del turismo

Economia del turismo Economia del turismo Anno Accademico 2014/2015 Dott. Ivan Etzo Economia del Turismo - Dott. Ivan Etzo 1 SEZIONE 5 Il turismo internazionale ARGOMENTI 5.1 Gli elementi caratteristici del turismo internazionale

Dettagli

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana BIELORUSSIA Capitale Minsk Popolazione (milioni) 9,34 81/100 70/100 81/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 150,42 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

Corporate Presentation SACE BRESCIA 8 luglio 2015. 1 Corporate Presentation

Corporate Presentation SACE BRESCIA 8 luglio 2015. 1 Corporate Presentation Corporate Presentation SACE BRESCIA 8 luglio 2015 1 Corporate Presentation Sosteniamo la competitività delle imprese SACE è una società del Gruppo Cdp attiva nell export credit, nell assicurazione del

Dettagli

Ufficio ICE di Dubai EMIRATI ARABI UNITI

Ufficio ICE di Dubai EMIRATI ARABI UNITI Ufficio ICE di Dubai EMIRATI ARABI UNITI INTRODUZIONE Negli ultimi trenta anni gli Emirati Arabi Uniti (EAU) sono riusciti a costruire un immagine di progresso e modernita in tutto il Medio Oriente. Fin

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Investimenti Esteri Agenzia ICE Mosca Settembre 2014 3 INVESTIMENTI ESTERI La Russia ha ricevuto negli ultimi anni ingenti investimenti esteri. Nel 2013 gli investimenti

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

San Paolo: multiple opportunità che danno un impulso ai tuoi affari

San Paolo: multiple opportunità che danno un impulso ai tuoi affari San Paolo: multiple opportunità che danno un impulso ai tuoi affari L importanza dell economia paulista trascende le frontiere brasiliane. Lo Stato è una delle regioni più sviluppate di tutta l America

Dettagli

Agenda. > Focus Paese. > Il sistema bancario. > Garanzie e finanziamenti. > Le zone economiche speciali

Agenda. > Focus Paese. > Il sistema bancario. > Garanzie e finanziamenti. > Le zone economiche speciali 0 Agenda > Focus Paese > Il sistema bancario > Garanzie e finanziamenti > Le zone economiche speciali Principali indicatori Trend 2009/2012 10,0% 8,8% 9% 5,0% 4% 3,5% 3,4% 3,2% 3,1% 2,7% 7,5% 6% 4,7% 4%

Dettagli

GP Benchmark GP Quantitative

GP Benchmark GP Quantitative Servizio d'investimento commercializzato da: GP Benchmark GP Quantitative Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461.313111 www.cassacentrale.it Messaggio pubblicitario.

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

Introduzione. Si prevede che Internet of Everything generi almeno 613 miliardi di dollari di profitti aziendali globali nell'arco del 2013.

Introduzione. Si prevede che Internet of Everything generi almeno 613 miliardi di dollari di profitti aziendali globali nell'arco del 2013. Internet of Everything (IoE) I 10 risultati principali del sondaggio IoE Value Index di Cisco, condotto su un campione di 7.500 responsabili aziendali in 12 paesi Joseph Bradley Jeff Loucks Andy Noronha

Dettagli

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Paolo Di Benedetto Responsabile Dipartimento Valutazione Investimenti e Finanziamenti 21

Dettagli

Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali?

Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali? RESeT INTERNAZIONALE Vox STIJN CLAESSENS, NEELTJE VAN HOREN ED. IT. DI ALDO CARBONE 6 Dicembre 2014 Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali? La crisi finanziaria mondiale ha

Dettagli

La giusta direzione per dare forza alla tua impresa.

La giusta direzione per dare forza alla tua impresa. La giusta direzione per dare forza alla tua impresa. CHI SIAMO Assofermet è l Associazione Nazionale delle imprese del commercio, della distribuzione e della prelavorazione di prodotti siderurgici, dei

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro A cura di Centro Studi Assolombarda Ufficio Studi Unione Industriale di Torino Argomenti della Presentazione Condizioni alla

Dettagli

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio.

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio. anno centodiciannovesimo esercizio Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013 esercizio CXIX 16. Il sistema finanziario Gli andamenti nell anno Nel il sistema finanziario

Dettagli

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Camera dei Deputati VI Commissione Finanze Audizione del Direttore Generale Pianificazione, Immobiliare e Diversificate Gruppo Unipol

Dettagli

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo No. 5 - Settembre 2013 2 I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo Con il mercato obbligazionario

Dettagli

Le aree di Innovazione per la crescita

Le aree di Innovazione per la crescita Le aree di Innovazione per la crescita I Sistemi nazionali di Innovazione vengono caratterizzati dal grado di specializzazione tecnologica dei diversi settori produttivi: la capacità di sviluppare innovazione

Dettagli

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Roma, 13 ottobre 2015 Focus internazionalizzazione Nei primi mesi del 2015 si rafforzano i primi segnali positivi per l economia italiana,

Dettagli

ROAD SHOW 2008 Company Results

ROAD SHOW 2008 Company Results ROAD SHOW 2008 Company Results Milano, 24 marzo 2009 1 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator 2 Agenda Company Highlights 31 Dicembre 2008 Linee Guida Piano Industriale

Dettagli

Leggi e regolamenti che governano il modo e chi usa la Reserve Bank di Vanuatu: la legge sulla Reserve Bank di Vanuatu [Cap.

Leggi e regolamenti che governano il modo e chi usa la Reserve Bank di Vanuatu: la legge sulla Reserve Bank di Vanuatu [Cap. struttura bancaria consiste della Reserve Bank - Banca di Vanuatu, un grande numero di banche commerciali internazionali ben noti, commerciante e le banche di proprietà statale Development Bank (Divelopment

Dettagli

Caratteristiche e Potenzialità

Caratteristiche e Potenzialità Le opportunità di investimento per le aziende italiane Dott. Enrico Perego Milano, 8 Marzo 2012 Caratteristiche e Potenzialità Valutazione Paese Forza lavoro giovane e a basso costo Forte stabilità politica

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Lingua ufficiale. Shaykh Khalifa bin Zayed Al Nahayan Ingresso nell'onu 9 dicembre 1971. Popolazione totale 9.346.000. PIL pro capite 43 774 $

Lingua ufficiale. Shaykh Khalifa bin Zayed Al Nahayan Ingresso nell'onu 9 dicembre 1971. Popolazione totale 9.346.000. PIL pro capite 43 774 $ EMIRATI ARABI UNITI Lingua ufficiale Capitale Presidente Arabo Abu Dhabi Shaykh Khalifa bin Zayed Al Nahayan Ingresso nell'onu 9 dicembre 1971 Superficie totale 82.880 km² Popolazione totale 9.346.000

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE

INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE Novembre 2010 Report realizzato dalla Indo-Italian Chamber of Commerce & Industry Introduzione L industria della trasformazione alimentare in India è una

Dettagli

Quadro giuridico per investire

Quadro giuridico per investire LIBIA Investimenti Quadro giuridico per investire La legge sugli investimenti, l. n. 9 del 2010 si caratterizza per gli aspetti di spiccata innovazione e attenzione rispetto all attrattività dei capitali

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map GEORGIA Capitale Tbilisi Popolazione (milioni) 4,48 55/100 49/100 78/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 27,3 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno Bojan Stevanovic, M.B.A. Console Consigliere Commerciale Consolato Generale della Repubblica di Serbia Milano Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR

Dettagli

Ottobre 2009 Le risposte alle domande più frequenti sulla Francia

Ottobre 2009 Le risposte alle domande più frequenti sulla Francia Ottobre 2009 Le risposte alle domande più frequenti sulla Francia La France en questions 2 1 La Francia ha un economia aperta? 5 grande potenza economica mondiale, nel cuore di un mercato europeo di 500

Dettagli

CoStrUirE Un patrimonio mese dopo mese ControLLando il rischio Con nord ESt fund

CoStrUirE Un patrimonio mese dopo mese ControLLando il rischio Con nord ESt fund CoStrUirE Un patrimonio mese dopo mese ControLLando il rischio Con nord ESt fund piano di accumulo gennaio 100 febbraio 50 marzo 150 agosto 50 aprile 15o maggio 100 LUgLio 100 giugno 50 La SoLUzionE per

Dettagli