Missione negli Emirati Arabi Uniti Abu Dhabi, 8-9 maggio 2006

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Missione negli Emirati Arabi Uniti Abu Dhabi, 8-9 maggio 2006"

Transcript

1 Missione negli Emirati Arabi Uniti Abu Dhabi, 8-9 maggio 2006 Documentazione di supporto

2 CONTENUTO Dossier Emirati Arabi Uniti: presenza e operatività del sistema bancario italiano negli Emirati ed altri elementi di approfondimento su questioni economico-finanziarie Dati macroeconomici relativi agli Emirati Arabi Uniti e rapporti con l Italia Dati di sintesi sul sistema bancario emiratino 2

3 DOSSIER EMIRATI ARABI UNITI Presenza e operatività del sistema bancario italiano negli Emirati Arabi Uniti ed altri elementi di approfondimento su questioni economico-finanziarie 3

4 I. Presenza e operatività del sistema bancario e finanziario italiano negli Emirati Arabi Uniti a. Presenza diretta ed indiretta delle banche italiane negli Emirati Arabi Uniti b. Operatività delle banche italiane con gli Emirati Arabi Uniti c. Restrizioni alla presenza in loco di banche estere d. Rischio Paese Emirati Arabi Uniti e rischio bancario e. Sviluppo della finanza islamica negli Emirati Arabi Uniti (cenni) II. Questioni di carattere generale che potrebbero essere oggetto di approfondimento con le Autorità degli Emirati Arabi Uniti a. Diversificazione dell economia emiratina: progetti infrastrutturali e relative opportunità di investimento e collaborazione industriale per le imprese italiane b. Economic Free Trade Zones c. Dubai International Financial Centre (DIFC) d. Business Climate: fattori di attrazione degli Investimenti Diretti Esteri e. Il processo di integrazione intra-regionale: Il Consiglio di Cooperazione del Golfo (GCC) e gli Accordi di Libero Scambio f. Accordi di cooperazione Emirati Arabi Uniti - Italia g. Politica commerciale e accesso al mercato 4

5 I. Presenza e operatività del sistema bancario e finanziario italiano negli Emirati Arabi Uniti 1 a. Presenza diretta ed indiretta delle banche italiane negli Emirati Arabi Uniti Nell area sono presenti due uffici di rappresentanza, rispettivamente del Gruppo San Paolo IMI a Dubai e di HVB (Unicredit Group) ad Abu Dhabi. Prospetto riepilogativo SanPaolo IMI Ufficio di rappresentanza Dubai Unicredit HVB Ufficio di rappresentanza Abu Dhabi b. Operatività delle banche italiane con gli Emirati Arabi Uniti L operatività delle banche italiane con gli Emirati Arabi Uniti è volta sia al finanziamento delle esportazioni sia al finanziamento diretto a imprese locali partecipate da imprese italiane o interamente estere. In particolare, per quanto riguarda il finanziamento di operazioni commerciali, si tratta in prevalenza di esportazioni di beni di consumo (articoli di oreficeria, prodotti tessili, abbigliamento, calzature, mobili e arredo), materiali da costruzione, macchinari e componenti meccaniche per la realizzazione di impianti, soprattutto impianti per derivati dell industria petrolchimica. Al fine di disporre di un quadro dettagliato ed aggiornato circa l operatività dell industry bancaria negli Emirati Arabi Uniti, nel mese di aprile 2006 l ABI ha condotto una specifica indagine presso il Gruppo di Lavoro Relazioni Internazionali, composto dalle maggiori banche più attive sui mercati esteri. Nella tabella che segue sono riportati i risultati quantitativi dell indagine. Plafond Complessivo (mln di ) (totale impegni in essere e disponibilità a Plafond utilizzato (mln di ) aprile 2006) Con Senza Con Senza di cui per di cui per Util./ Totali Totale Sace Sace Sace Sace export altre finalità Totale Totale a breve 0 467,1 467, ,2 242,2 52,0 294,2 63% Totale a m.l.t ,7 602, ,9 45,1 417,7 462,9 77% Totale , , ,0 287,3 469,7 757,0 71% 1 Il presente documento è stato redatto sulla base delle seguenti fonti: sito ufficiale dell Unione Europea (www.europa.eu.int/comm/external_relations/brazil/intro/index.htm), Istituto per il Commercio Estero (www.ice.gov.it), World Investment Report (www.unctad.org), Ministero degli Affari Esteri (www.esteri.it), Servizi Assicurativi del Commercio Estero (www.sace.it), Istituto nazionale di statistica, (www.coeweb.istat.it), Sintesi 2000 srl (www.sintesi2000.com), Fondo Monetario Internazionale (www.imf.org), Banca Mondiale (www.worldbank.org), CIA-The World Factbook (www.cia.gov/cia/publications/factbook), United Arab Emirates Ministry of Economy Planning Sector (www.uae.gov.ae/mop/e_home.htm), Department of Planning and Economy Abu Dhabi (www.addop.gov.ae/web/english), Central Bank of the United Arab Emirates (www.centralbank.ae), Emirates Banks Association, Arab Bank Review (www.arabbank.com/user_rev_home.asp), Ufficio Italiano Cambi, rilevazioni ABI. 5

6 Complessivamente risulta un plafond stanziato di 1 miliardo di euro, utilizzato al 71%. Il 43,7% del plafond è destinato ad operazioni a breve, mentre il rimanente 56,3% è allocato sul medio-lungo termine. Gli Emirati Arabi Uniti non sono inseriti nelle convenzioni quadro con SACE, né è previsto un plafond con copertura assicurativa. In realtà, in considerazione dell elevato rating (A1) assegnato al Paese, superiore all investment grade, alcune banche hanno dichiarato di non avere un plafond predeterminato per operazioni negli EAU. Le delibere avvengono caso per caso, senza limiti prefissati. Da qui deriva anche il livello di utilizzo elevato rispetto al plafond stanziato che è in una certa misura fittizio, in quanto meramente corrispondente alle operazioni deliberate. Per quanto riguarda il livello di utilizzo delle risorse, il 61,1% del totale utilizzato è impegnato per operazioni a medio-lungo termine e il 62% ha finalità diverse dall export (pari a circa 757 milioni di euro), trattandosi di finanziamenti concessi a società locali partecipate da imprese italiane o a capitale interamente straniero. Il 38% dell utilizzato ha finalità commerciale, attraverso i tradizionali prodotti di trade finance (conferma di lettere di credito/rilascio garanzie commerciali/sconto pro-soluto di impegni di pagamento) a breve termine. Accordi di collaborazione La maggior parte delle banche italiane non ha sottoscritto accordi di collaborazione con banche locali; l operatività è gestita tradizionalmente attraverso consolidati rapporti di corrispondenza rispetto ai quali non si registra alcuna criticità. Circa le prospettive di sviluppo delle attività sul mercato emiratino e nella regione del Golfo, numerose banche hanno segnalato l intenzione di: a) sviluppare contatti con primarie controparti finanziarie locali per l individuazione di opportunità di investimento; b) allacciare rapporti di collaborazione con banche locali in funzione del crescente interesse manifestato dalla propria clientela; c) incrementare le linee di credito e l attività di assistenza e consulenza alle imprese che manifestano interesse sia con finalità di export sia per la costituzione di società in loco, anche sviluppando nuovi accordi di cooperazione con controparti locali. c. Restrizioni alla presenza in loco di banche estere L unica rilevante restrizione agli Investimenti Diretti Esteri negli Emirati Arabi Uniti è la previsione della legge emiratina che impone all investitore estero la costituzione di una società il cui capitale sia detenuto almeno al 51% da persona fisica o giuridica locale. Questa restrizione non si applica agli investimenti industriali e commerciali effettuati nelle zone franche (cfr. paragrafo II.b). Tale norma vige peraltro sulle sole 6

7 società per azioni 2, mentre per le società pubblico-private la quota locale è pari al 100% e per gli studi professionali (avvocati, ingegneri e commercialisti) deve essere almeno pari al 25%. Le società a responsabilità limitata nel settore degli idrocarburi, idrico ed elettrico sono esentate dalla quota di maggioranza locale. In particolare, per quanto riguarda il settore bancario, nel 1987 il Governo decise di congelare le aperture di nuove succursali di banche estere nel Paese. Tale atteggiamento perdura ancora oggi e non vengono concesse licenze per l apertura di nuove succursali né autorizzazioni ad operare in valuta locale. Questo atteggiamento è riconducibile a due ragioni principali: in primo luogo, il settore bancario emiratino risultava già all epoca prossimo alla saturazione rispetto alle dimensioni dell economia locale; in secondo luogo, l apertura di sussidiarie avrebbe comportato l afflusso di rilevanti capitali nel Paese, laddove l apertura di succursali avrebbe implicato un investimento meno consistente. Allo stesso tempo, alle banche estere già operanti negli EAU venne imposto un limite al proprio network, che non poteva essere costituito da più di 8 succursali. Questo impedì alle banche di sviluppare rapporti con la clientela retail, che conseguentemente passò in buona parte alle banche locali. Infatti, le banche locali coprono attualmente più del 75% della clientela immigrata, che rappresenta l 80% della popolazione; esse hanno inoltre un market share dell 80% circa dell attività creditizia e di oltre il 90% per i depositi (con le prime cinque banche che assorbono quasi il 70% del mercato 3 ). Nonostante le restrizioni esistenti, negli EAU sono oggi presenti 25 banche estere su un totale di 46, che detengono una quota leggermente superiore al 30% degli assets di settore (in base all ultimo dato disponibile pubblicato dalla Banca Centrale nel giugno 2003). Le 25 banche estere sono presenti con 87 branches, mentre le 21 banche locali dispongono di una rete di 362 branches. Il numero degli uffici di rappresentanza di banche estere a dicembre 2004 era invece di 51. Si segnala infine una disparità di trattamento fiscale delle succursali di banche estere rispetto alle altre imprese estere: le prime sono infatti soggette a una corporate tax del 20% laddove le seconde sono esentate da tale imposizione fiscale. Tali limitazioni non si applicano tuttavia nella zona franca dedicata ai servizi finanziari creata a Dubai (Dubai International Financial Centre) illustrata in dettaglio al paragrafo II.c. Peraltro si sottolinea che il DIFC avrebbe la finalità di incentivare la delocalizzazione di alcune tipologie di servizi e rami di attività (private banking e capital market) di grandi 2 Le imprese che operano nel settore bancario, finanziario ed assicurativo possono costituirsi solo sotto forma di società per azioni. 3 Fonte: Emirates Banks Association,

8 banche commerciali che operano su scala globale e non quella di promuovere un operatività delle banche estere sul mercato locale. d. Rischio Paese Emirati Arabi Uniti e rischio bancario Il Paese è percepito dagli operatori internazionali come solido e con un profilo di rischio contenuto, anche grazie ai rilevanti sforzi compiuti per una maggiore diversificazione dell economia e per l attrazione di capitali esteri. Per questo, ed in ragione della costante crescita economica realizzata dagli EAU negli ultimi dieci anni (ad un tasso annuo medio pari al 5,4%) e della stabilità dell assetto politico, l agenzia Moody s ha innalzato il rating da A2 ad A1 già all inizio del Per quanto riguarda la valutazione del rischio Paese effettuata dalla SACE che segue, come noto, la classificazione stabilita in sede OCSE da uno specifico gruppo cui partecipano le Export Credit Agencies dei Paesi dell Organizzazione - gli Emirati di Abu Dhabi e Dubai si posizionano nella seconda categoria di rischio, con un atteggiamento assicurativo senza particolari restrizioni. Sono posti, invece, nella quarta categoria di rischio gli Emirati di Sharjah, di Ras Al Khaimah, di Umm Al Qaiwain e di Fuhairah (tutti senza particolari restrizioni); l emirato di Ajman è anche in categoria quattro ma attualmente l operatività è sospesa. Secondo invece la valutazione effettuata sulla base della matrice ABI-Banca d Italia per la valutazione del rischio Paese ai fini della determinazione del patrimonio di vigilanza, gli Emirati Arabi Uniti si collocano nella prima categoria cui corrisponde un aliquota di rettifica pari allo 0% sulle esposizioni non garantite. Per quanto riguarda il rischio connesso direttamente all evoluzione del settore bancario emiratino si sottolinea che, secondo gli analisti, il comparto è solido e si sta progressivamente muovendo verso una maggiore apertura alla concorrenza estera, anche grazie all adozione di standard operativi internazionali ed alla progressiva riduzione delle barriere di accesso al mercato. Il sistema bancario emiratino (per un approfondimento si rimanda alla scheda predisposta da Sintesi 2000 riportata nella terza parte del presente dossier) è il secondo per dimensione nel mondo arabo dopo quello saudita in termini di assets 4 e svolge un ruolo particolarmente rilevante non solo per l economia locale, ma anche per quell 80% della popolazione composta da immigrati (il 90% della forza lavoro locale è di origine straniera) che trasferisce le proprie rimesse nei Paesi di origine. Esso ha fatto registrare straordinari tassi di crescita negli ultimi anni ( ): +13,7% nei depositi, +21,7% nel credito (+25,9% l aumento del lending ai non 4 Fonte: Arab Bank, The Arab Bank Review, Vol. 7, N. 1, April

9 residenti) e incrementi molto alti nei profitti (in media c è stato un incremento del 50% della redditività 5 ). Il livello di capitalizzazione è inoltre molto elevato rispetto agli standard internazionali e si attesta in media intorno al 18% 6, mentre i non performing loans costituiscono solo il 2,88% del totale del credito. Gli IAS sono stati introdotti (ancorché non resi obbligatori) alla fine degli anni novanta e, secondo alcune fonti, l Accordo di Basilea II dovrebbe essere applicato entro il 2007 (anche se su questo fronte si registrerebbero rilevanti ritardi). I passi che le Autorità dovrebbero compiere per assicurare un ulteriore allineamento agli standard internazionali e per la creazione di un effettivo level playing field con gli intermediari esteri riguardano la privatizzazione del settore, il consolidamento dello stesso mediante una politica di fusioni che riduca il numero di operatori sul mercato, e la rimozione delle barriere ancora esistenti segnalate nel precedente paragrafo. e. Sviluppo della finanza islamica negli Emirati Arabi Uniti (cenni) Negli ultimi anni la finanza islamica 7 ha subito un rapido sviluppo nel mercato emiratino. Nel 2004 il numero delle banche islamiche è raddoppiato, passando da due a quattro, con un incremento del 35% negli assets 8 ; esse rappresentano oggi circa il 22% degli assets di settore ed hanno una market share ancora più alto nel retail banking. La National Bank dell Emirato di Sharjah, di proprietà pubblica, si è recentemente trasformata in banca islamica. Inoltre, il Dubai Interantional Financial Centre, la free zone dedicata allo sviluppo dei servizi finanziari, è stata espressamente creata anche con l obiettivo di divenire un centro globale per la finanza islamica. 5 La Abu Dhabi Commercial Bank, una delle top five insieme a National Bank of Abu Dhabi, National Bank of Dubai, Emirates Bank e Mashreq Bank (tutte di proprietà dello Stato) ha registrato un incremento del 98% dei profitti. 6 Dato elaborato da Sintesi 2000 su un campione di 19 banche locali, su un totale di Si ricorda che per finanza islamica s intende un sistema di relazioni di tipo economico tra le persone (Muamalat) che trae i suoi principi informatori dalla legge islamica (Shariah). Elemento specifico e di contrasto con la pratica finanziaria occidentale è il divieto di pagamento degli interessi equiparati all usura (Riba). La proibizione della Riba si fonda sul credo secondo il quale non ci può essere guadagno senza l assunzione di rischi: il profitto, in una visione islamica, sarebbe legittimato solo dal rischio. Oltre alla Riba sono espressamente vietate pratiche economiche che implicano i concetti di Gharar ( irragionevole incertezza, ambiguità), di Maisir (speculazione) e di Haram (ciò che è esplicitamente proibito dal Corano, ossia attività economiche connesse alla distribuzione/produzione di alcol, tabacco, armi, carne suina, pornografia, gioco d azzardo etc). Le prime iniziative di sviluppo di strumenti finanziari coerenti con la Shariah risalgono all inizio degli anni 60 in Algeria ed Egitto, dove vennero costituite banche islamiche pubbliche. Il processo subì una netta accelerazione agli inizi degli anni 70 quando venne istituita la Islamic Development Bank, con la missione di favorire nei paesi membri e nelle comunità musulmane uno sviluppo economico e sociale coerente con i precetti coranici. Da allora sono sorte numerose altre istituzioni finanziarie in regioni islamiche e non. Oggi la finanza islamica gestisce assets stimati in ca. Usd 500 mld con tassi di crescita medi del 15% all anno. Essa trova crescente applicazione sia nel campo dell Islamic banking (che ne rappresenta la componente più strutturata e di rilievo in termini di volumi) che nel mercato assicurativo e dei capitali internazionali con titoli di debito e fondi azionari. Non si conoscono ad oggi esperienze di Islamic banking in Italia (Fonte L. Alfano e L. Fiordoni, Lo Sviluppo della Finanza Islamica e l Islamic Banking, Studi e Note di Economica, No , Banca Monte dei Paschi di Siena Spa Siena e Banca Toscana Firenze). 8 Fonte: International Monetary Fund, Staff Report for the 2005 Article IV Consultation. 9

10 II. Questioni di carattere generale che potrebbero essere oggetto di approfondimento con le Autorità degli Emirati Arabi Uniti a. Diversificazione dell economia emiratina: progetti infrastrutturali e relative opportunità di investimento e collaborazione industriale per le imprese italiane I sette Emirati arabi (Abu Dhabi, Dubai, Sharjah, Ajman, Fujeirah, Ras Al Khaimah, Umm al Quwain) si sono costituiti in Federazione (Emirati Arabi Uniti EAU) nel Abu Dhabi e Dubai rappresentano l 85% del PIL di tutti gli EAU. Quaranta anni fa il Paese era un deserto e la popolazione viveva con i proventi della pesca, delle perle e delle risorse ittiche. Con la scoperta di giacimenti petroliferi e di gas naturale negli anni sessanta, gli EAU si sono trasformati rapidamente in un economia aperta e liberale 9. Secondo la Energy Information Administration, nel 2005 gli EAU occupavano il sesto posto 10 al mondo per riserve di petrolio (con una quota del 10%, pari a 97,8 miliardi di barili) e il quinto posto 11 per riserve di gas 12 (con una quota del 3,5%, pari a miliardi di metri cubi) 13. Si stima che le riserve petrolifere siano in grado di garantire il livello attuale di produzione per i prossimi 140 anni 14. Gli EAU sono il decimo 9 Dal punto di vista politico i sette emirati sono retti da un Consiglio Supremo costituito dai rispettivi emiri, ognuno dei quali è sovrano assoluto del proprio Stato. Negli UAE non esistono partiti politici né si tengono elezioni, il sistema giudiziario è basato sulla legge coranica (sharia) ed è in vigore la pena di morte. I governanti detengono il potere in virtù della posizione dinastica e della legittimazione che deriva loro da un sistema di consenso tribale. La modernizzazione economica non è riuscita ad influenzare il sistema politico tradizionale, accettato e supportato dalla maggioranza della popolazione locale e sostenuto dalle forze armate. L organizzazione socio-politica del Paese si presenta fortemente contraddittoria: i locali rappresentano solo il 20% della popolazione residente e godono di forti privilegi sia in termini di reddito sia in termini di opportunità. Il 5% è costituito da espatriati di ceto sociale medio/alto, mentre il restante 75% da lavoratori immigrati, spesso senza le loro famiglie, con reddito basso, scarse garanzie economiche e nessuna tutela sociale. In dettaglio, la composizione della popolazione è così strutturata: 19% emiratini, 23% altri arabi e iraniani, 50% immigrati dall'asia meridionale, 8% immigrati dall'asia orientale e occidentale. 10 Dopo Arabia Saudita, Canada, Iran, Iraq e Kuwait. 11 Dopo Russia, Iran, Qatar ed Arabia Saudita. 12 I giacimenti più importanti sono quelli all interno dei campi petroliferi di Umm Shaif e Abu Al Bukhoosh. La Abu Dhabi Gas Industries (GASCO) si occupa degli impianti di estrazione onshore, mentre la Abu Dhabi Gas Liquefaction Company (ADGAS) di quelli offshore, la cui produzione viene incanalata a Das Island. La produzione di gas alimenta gli impianti di estrazione petrolifera, le centrali elettriche e gli impianti di desalinizzazione, oltre che ad altri impianti industriali minori. L aumento della domanda ha spinto il Governo a ideare un progetto ambizioso di distribuzione che copra tutto il Paese e lo colleghi alle altre nazioni GCC per poter servire energia ad una rete capillare di fruitori commerciali. Il più importante progetto in fase di realizzazione è il Dolphin Gas, che prevede la realizzazione di un impianto di trasporto del gas naturale dai giacimenti del Nord Qatar all Oman ed agli Emirati. La Dolphin Energy, società controllata al 51% da Mubadala Development Company (di proprietà del Governo di Abu Dhabi) e per il 49% da Total ed Oxy, si è aggiudicata tutti i migliori contratti. L ente responsabile per il controllo del progetto è l Emirates General Petroleum Corporation (EMARAT). 13 Secondo fonti locali (Ministero dell Economia e Ministero dell Informazione), gli EAU sono invece il quinto produttore mondiale di petrolio ed occupano il quinto posto per riserve di petrolio (9,4% del totale mondiale) ed il quarto posto per riserve di gas naturale (5% del totale mondiale). 14 Gli esperti hanno tuttavia stimato che i giacimenti ancora inesplorati dovrebbero contenere risorse doppie rispetto a quelle sfruttate fino ad oggi, pertanto si ritiene che nei prossimi anni saranno avviati numerosi progetti di esplorazione. 10

11 produttore 15 mondiale di petrolio con circa 2,5 milioni di barili al giorno ed il sesto esportatore 16. L Emirato di Abu Dhabi detiene il 95% circa del totale delle riserve di petrolio e di gas degli EAU. Per ridurre l impatto della volatilità dei prezzi del greggio sulla crescita economica, all inizio degli anni ottanta gli EAU hanno avviato un programma di diversificazione dell economia. Grazie a tale programma, il contributo del petrolio al PIL si è ridotto dall 84% nel 1980 a meno del 24% nel 2004, mentre quello dei servizi è aumentato dal 23% al 33,8% e quello dell industria dal 4% al 23% 17. Il settore petrolifero rimane comunque un importante pilastro dell economia emiratina, rappresentando il 60-75% delle entrate governative e il 46% delle esportazioni. Anche la struttura delle esportazioni degli EAU si è trasformata radicalmente: la tradizionale prevalenza di prodotti dell industria petrolchimica locale, dei fertilizzanti, del cemento e dell alluminio è stata superata dallo sviluppo di settori nuovi quali l Information Technology e l elettronica di consumo, il manifatturiero di base, la produzione di macchine leggere e di forniture per i trasporti, prodotti soprattutto nelle zone franche. Secondo le Nazioni Unite il grado di diversificazione delle esportazioni è tra i più alti dei Paesi del Golfo, ad eccezione del Bahrain. Nel 2004 il settore non oil ha contribuito al 77,4% del PIL (circa 57 miliardi di dollari) e, grazie al dinamismo nei settori manifatturiero, turistico ed edile, è cresciuto ad un tasso pari all 8% dal 1995 contro un tasso medio del 5% negli altri Paesi del Golfo - rispetto al 4,4% del settore oil. Tra il 1991 e il 2004 l occupazione nel settore non oil è cresciuta ad un tasso medio dell 8,7% e gli investimenti fissi lordi sono aumentati del 9%. Riepilogando, il recente sviluppo dell economia emiratina si basa sui seguenti fattori: a. rialzo del prezzo internazionale del greggio; b. crescita del settore non oil; c. sviluppo del settore delle infrastrutture, in particolare in settori strategici quali gas naturale, trasporti, costruzioni; d. positivo andamento della bilancia commerciale (nel 2004 le esportazioni hanno fatto registrare un aumento rispetto all anno precedente, con un volume di 75,1 miliardi di dollari contro i 60,8 miliardi di dollari del 2003, ed un surplus commerciale stimato in 12,6, miliardi equivalente al 14% del PIL). 15 Dopo Arabia Saudita, Russia, Stati Uniti, Iran, Messico, Cina, Norvegia, Canada e Venezuela. 16 Dopo Arabia Saudita, Russia, Norvegia, Iran e Venezuela. 17 La riduzione media del settore oil degli altri Paesi del Golfo è risultata modesta. 11

12 Grazie a tali fattori gli EAU stanno consolidando il loro ruolo di centro produttivo, turistico e commerciale, in particolare nei confronti dei paesi del Golfo e dell Estremo Oriente. Inoltre si attende che il nuovo Esecutivo, insediatosi nel novembre 2004 dopo il decesso del precedente Presidente, Sceicco Zayed bin Sultan Al Nahyan, potrà migliorare la capacità di attrazione del mercato emiratino. In particolare, tale obiettivo potrà essere raggiunto grazie alla nuova legge federale, attualmente in discussione, che potrà consentire l accesso degli stranieri alla proprietà 18 immobiliare, nonché al progetto di legge (corporate law) che, se approvato, permetterà alle imprese straniere di detenere una quota di maggioranza in società locali (superando quindi l attuale limite del 49%). Nonostante una tendenza comune alla diversificazione economica, restano marcate differenze tra i singoli Stati, che riflettono il forte divario tra le rispettive strutture economiche. Abu Dhabi fonda infatti il proprio successo economico sull'industria petrolifera, mentre Dubai sul commercio, sulle telecomunicazioni, sul turismo e sui servizi finanziari, Sharjah sull'industria manifatturiera leggera, gli Emirati del Nord su agricoltura, cave, cemento e trasporto marittimo. Di seguito si riportano alcuni approfondimenti sui due Emirati maggiori: Abu Dhabi e Dubai. Abu Dhabi Considerando l entità delle sue risorse petrolifere, Abu Dhabi è stato l Emirato più lento nel perseguire la diversificazione economica ed il più resistente all apertura agli investimenti esteri. Tuttavia, con l insediamento del nuovo Governo federale nel novembre 2004, l Emirato di Abu Dhabi ha fortemente accelerato il percorso di crescita e diversificazione economica attraverso una serie di iniziative che mirano a coinvolgere il settore privato nello sviluppo delle infrastrutture e dei servizi di base (acqua ed energia), nei settori turistico, siderurgico e metallurgico. Tra le iniziative di maggior rilievo avviate ricordiamo: l istituzione nel maggio 2004 della Higher Corporation for Specialised Economic Zones 19 (HCSEZ), la creazione alla fine del Tale misura (che ha anche una portata politica e sociale, data la concentrazione della proprietà nelle mani degli Sceicchi e della classe dirigente) avrà tra l altro l effetto di attirare investimenti dall estero (inclusi i capitali arabi in aumento a causa del rialzo del prezzo del petrolio) verso un comparto, quello immobiliare, nel quale i mercati degli EAU e dell Arabia Saudita pesano per l 80% sul totale dei Paesi del CCG. Ad agosto 2005, il governo di Abu Dhabi ha emanato la legge n. 19 che regola la proprietà immobiliare, autorizzando gli stranieri ad acquistare e possedere la superficie della proprietà, ma non la terra, in alcune aree di investimento. Tale diritto reale ha una durata di 99 anni oppure di 50 anni rinnovabili con il consenso delle parti. Il diritto di possedere completamente la proprietà rimane ai cittadini emiratini e degli altri Paesi del Golfo. Anche l Emirato di Dubai ha avviato la preparazione della nuova normativa nel settore immobiliare, che dovrebbe prevedere la proprietà per gli emiratini ed i cittadini dei Paesi del Golfo per una durata di 99 anni. Agli stranieri la proprietà sarà consentita limitatamente a determinate aree identificate dall Emiro di Dubai. 19 Fondato nel giugno del 2004 per promuovere gli investimenti nell Emirato di Abu Dhabi, è l ente governativo per lo sviluppo e la diversificazione dell economia di Abu Dhabi che avviene attraverso la creazione e la 12

13 dell Abu Dhabi Tourism Authority (ADTA) 20 e il rilancio del processo di privatizzazione 21. Inoltre, particolare importanza rivestono alcuni progetti di sviluppo della capitale emiratina, tra cui: - l espansione della zona industriale della città e la sua incorporazione nella nuova Abu Dhabi Industrial City (ICAD), per la quale è stato investito finora 1 miliardo e mezzo di euro, grazie ad un forte impegno dell elite locale e di alcune grandi banche del Paese (in particolare la Abu Dhabi Commercial Bank). È stata inoltre annunciata la realizzazione di altre due città industriali (ICAD2 22, i cui contratti sono stati già aggiudicati, ed ICAD3); - i progetti nel settore edilizio annunciati nei primi mesi del 2005 dai grandi Gruppi economici locali 23 (ALDAR e ALDAR Properties): a) la costruzione del Central Market di Abu Dhabi, dove dovrebbero sorgere un Centro commerciale, un souk arabo e centri servizi; b) il progetto per 10 miliardi di Euro di un nuovo insediamento urbano, completo di servizi e infrastrutture sia residenziali che turistiche, nell area di Al Raha Beach, alla periferia di Abu Dhabi (la nuova città avrà una dimensione di 6.8 milioni di metri quadri, e prevede di poter ospitare fino a abitanti). L Emirato di Abu Dhabi mira ad attrarre dall estero imprese grandi, piccole e medie, produttrici di macchinari industriali e del settore manifatturiero, sia con finalità commerciali che in un ottica di più stabile penetrazione in questo mercato e di cooperazione con partners locali, mediante la conclusione di joint-ventures. Un altro settore rilevante per possibili investimenti italiani è quello del marmo e della piastrellistica in genere, dove le imprese emiratine sono fortemente interessate ad acquisire il know-how dell Italia nel tentativo di ridurre le importazioni di prodotti finiti 24. promozione di Zone Economiche Speciali. La HCSEZ è presieduta dallo Sceicco Hamed Bin Zayed Al Nahyan, anche Presidente del Dipartimento di Programmazione ed Economia di Abu Dhabi. 20 L obiettivo è attrarre 3 milioni di turisti all anno per il 2010, rispetto agli attuali 800 mila. 21 Si ricorda, tra gli altri, il progetto di istituzione di un Abu Dhabi International Business Council, che raggrupperà le dirigenze delle comunità di affari straniere, organizzate in Business Councils o Business Groups. 22 In un area di 10 km 2 si realizzeranno magazzini di materiale da costruzione e complessi di servizi per l industria petrolifera e del gas. Tra i principali investitori vi sono la Dubai Investment Company, Ali & Sons, Emirates International Investment Company e Bukhater Group. 23 Tra i grandi Gruppi Economici locali ricordiamo la Mudabala Development Company (società di investimento del Governo di Abu Dhabi, il cui Amministratore Delegato interverrà al Forum, H.E. Khaldoon Khalifa al Mubarak), la società Aldar (i cui principali azionisti sono Mubadala Development Company, Abu Dhabi Investment Company, Abu Dhabi National Hotels Company e la National Corporation for Tourism and Hotels), e la società Emaar (società pubblica quotata sulla Borsa di Dubai). 24 In questo settore è importante segnalare la commessa recentemente ottenuta da Fantini Mosaici per la realizzazione delle finiture interne della Grande Moschea di Abu Dhabi. 13

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto A cura dell Ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY Il raggiungimento di un accordo sul nucleare iraniano potrebbe aprire interessanti opportunità per le

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Un economia sana e con buone prospettive di crescita deve saper cogliere i frutti del progresso tecnico, che solo adeguati investimenti in ricerca

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata?

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata? CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it D. Che cosa è la ISPM15? R. Le International

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1. Il Gruppo e le sue attività Pag. 2. La filosofia della holding Pag. 4

Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1. Il Gruppo e le sue attività Pag. 2. La filosofia della holding Pag. 4 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1 Il Gruppo e le sue attività Pag. 2 La filosofia della holding Pag. 4 Contact: Barabino & Partners Claudio Cosetti c.cosetti@barabino.it

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

SICURo. DISCRETo. AFFIDABILE.

SICURo. DISCRETo. AFFIDABILE. SICURo. DISCRETo. AFFIDABILE. Le vostre esigenze. IL NOSTRO STILE. Gli specialisti della VIA MAT INTERNATIONAL vantano una pluriennale esperienza nell offrire ai nostri clienti servizi professionali di

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

IRAQ Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015

IRAQ Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015 IRAQ Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015 1 INDICE : 1. Analisi del quadro socio-economico 1.a Principali indicatori economici 1.b Principali indicatori sociali e demografici 2. Analisi del

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

FOCUS CINA SPEDIZIONI E SOLUZIONI LOGISTICHE PER IL MERCATO CINESE

FOCUS CINA SPEDIZIONI E SOLUZIONI LOGISTICHE PER IL MERCATO CINESE FOCUS CINA SPEDIZIONI E SOLUZIONI LOGISTICHE PER IL MERCATO CINESE TUVIA IN CINA Il Gruppo TUVIA è presente in Cina dal 2008 con uffici diretti a Shanghai, Pechino e Hong Kong. PECHINO Oltre alle filiali,

Dettagli