SVIZZERA. A cura di: Ambasciata d'italia - SVIZZERA. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SVIZZERA. A cura di: Ambasciata d'italia - SVIZZERA. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it"

Transcript

1 A cura di: Ambasciata d'italia - Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese Con la collaborazione di: Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane - ICE Camere di Commercio italiane allâ estero

2 INDICE PERCHE' Perchè Dati generali Dove investire Cosa vendere OUTLOOK POLITICO Politica interna Relazioni internazionali OUTLOOK ECONOMICO Quadro macroeconomico Politica economica Indicatori macroeconomici Tasso di cambio Bilancia commerciale Saldi e riserve internazionali Investimenti - Stock Investimenti - Flussi Barriere tariffarie e non tariffarie COMPETITIVITA' E BUSINESS ENVIRONMENT Indici di Global Competitiveness e Libertà Economica Indici di Apertura al commercio internazionale Fattori maggiormente problematici per fare business Business Cost Indice Doing Business ACCESSO AL CREDITO RISCHI Accesso al credito Rischi politici Rischi economici Rischi operativi RAPPORTI CON L'ITALIA Overview Scambi commerciali Investimenti con l'italia - Stock Investimenti con l'italia - Flussi Flussi turistici

3 PERCHE' PERCHÈ Potere d'acquisto Apprezzamento del Made in Italy Stabilità finanziaria Stabiltà politica Posizione geografica Potere d'acquisto sempre molto forte. La Svizzera con un reddito pro capite di quasi 60'000 Euro rappresenta uno dei paesi più ricchi d'europa e con un potere d'acquisto fra i più alti al mondo. La domanda interna è Apprezzamento del Made in Italy La Svizzera apprezza e valorizza le produzioni made in Italy tanto che ora è il quarto mercato al mondo per i prodotti italiani. Stabilità finanziaria la Svizzera è fra i paesi finanziariamente più solidi del Vecchio continente e al mondo, con un rapporto Debito/PIL inferiore al 30% e stabilmente in Avanzo finaziario. Stabiltà politica Il sistema istituzionale elvetico rappresenta un esempio di assoluta stabilità, garantendo il funzionamento efficace ed efficiente dell'apparato statale, che tiene conto tra l'altro anche delle caratteristiche dei singoli territori che compongono la Confederazione. Posizione geografica fondamentale per il commercio italiano. La Svizzera si colloca al centro dell'europa ed è un punto essenziale di passaggio tra i Paesi germanici e quelli latini. L'efficienza dei suoi trasporti ferroviari e stradali ne fanno un Paese Ultimo aggiornamento: 12/06/2013 DATI GENERALI Forma di stato Superficie Lingua Religione Moneta Stato federale, democrazia parlamentare Kmq Tedesco, francese e italiano. Il romancio è lingua ufficiale nei rapporti con le persone di lingua cattolica, protestante, altre Franco Svizzero Ultimo aggiornamento: 30/10/2014 1

4 DOVE INVESTIRE Prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici Prodotti delle altre industrie manufatturiere Costruzioni Macchinari e apparecchiature Energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (anche da fonti rinnovabili) Prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici Le aziende più importanti dell'industria farmaceutica svizzera sono oggi la Novartis e la Roche, entrambe con sede a Basilea. Le due multinazionali ingaggiano spesso manager e personale tecnico all'estero. Prodotti delle altre industrie manufatturiere Gli orologi svizzeri sono prodotti generalmente in piccole fabbriche situate nell'arco del giurassiano, tra Ginevra e le colline del Giura nella parte nord-occidentale del Paese. Per decenni quasi la metà della produzione orologiera mondiale fu fornita dalla Svizzera. Negli anni Settanta però, gli orologi al quarzo prodotti a basso costo in Asia, misero in serio pericolo l'industria orologiera elvetica. Una profonda ristrutturazione e il ritorno in auge degli orologi meccanici di lusso, hanno ridato forte vitalità a una delle industrie tradizionalmente più importanti della Svizzera. Costruzioni fermarsi. Il boom del mercato immobiliare svizzero e dei prestiti ipotecari, nonostante l'indicazione di un "possibile rallentamento"comunicato dalla Banca Nazionale Svizzera, non accenna a Anche il mercato delle infrastrutture offre possibili sbocchi, visti i diversi progetti in corso di elaborazione e quelli già in fase di svolgimento. Macchinari e apparecchiature L'industria metalmeccanica ed elettrica riveste un ruolo chiave nell'economia nazionale svizzera. È il più grande datore di lavoro della Confederazione e rappresenta il 32,2% del flusso di merci in uscita dal Paese. Energia elettrica, gas, vapore e Il settore delle energie rinnovabili si trova in Svizzera in fase di pieno sviluppo. Da quando, aria condizionata (anche da fonti due anni fa, è stato deciso l'abbondono del nucleare, disattivando gli impianti delle centrali rinnovabili) nucleari al termine del loro ciclo di vita e non sostituendole con nuovi sistemi, le energie rinnovabili hanno assunto un ruolo di primo piano, anche da un punto di vista economico. "L'efficienza energetica" ha delle previsioni di crescita nettamente superiori a quelle per l'economia nel suo complesso. Ultimo aggiornamento: 13/06/2013 2

5 COSA VENDERE Prodotti alimentari Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia) Mobili Articoli in pelle (escluso abbigliamento) e simili Macchinari e apparecchiature Prodotti alimentari I prodotti alimentari e le bevande alcooliche italiane sono in Svizzera ben conosciuti e apprezzati. In tutte le maggiori catene di supermercati elvetici sono presenti, anche se in misura differente, prodotti d'esportazione italiani. Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia) La moda italiana riveste un ruolo di importanza primaria in Svizzera. La si trova nella maggior parte dei negozi e catene di abbigliamento del Paese. Mobili L'Italia è un importante esportatore di mobili in Svizzera ( nel 2011 il valore delle esportazioni di mobili in Svizzera è stato di 2297 milioni di euro - vedi Bilancia Commerciale). I mobili di artigianato italiano sono molto apprezzati in Svizzera. Articoli in pelle (escluso abbigliamento) e simili Anche il settore calzaturiero italiano è molto apprezzato in Svizzera. Macchinari e apparecchiature I sistemi industriali e i macchinari italiani, specialmente quelli per l'imballaggio, trovano in Svizzera un marcato riscontro. Ultimo aggiornamento: 14/06/2013 3

6 OUTLOOK POLITICO POLITICA INTERNA In linea con un tradizionale orientamento del popolo svizzero favorevole alla stabilità dell assetto politico del Paese ed alla sostanziale continuità dell azione di governo, la politica interna della Confederazione Elvetica si muove da decenni nel solco del principio della concordanza, che impone ai 7 Consiglieri Federali (e quindi, sia pure indirettamente, agli stessi partiti rappresentati nell Esecutivo) di assumere collegialmente la responsabilità di tutte le decisioni. In occasione delle ultime elezioni politiche il 23 ottobre 2011, si è registrato per la prima volta negli ultimi trenta anni una diminuzione dei suffragi e, soprattutto, dei seggi dell Unione democratica di centro (UDC). L UDC ha ottenuto il 26,6% (28,9% nel 2007), pari a 54 seggi (62); il Partito Socialista (PS) ha avuto il 18,7% (19,5%), pari a 46 seggi (43); il Partito Liberale Radicale (PLR) il 15,1% (15,6%), pari a 30 seggi (31); il Partito Popolare Democratico (PPD) il 12,3% (14,5%), con 28 seggi (31). Tra i partiti minori, il Partito Ecologista Svizzero (PES) ha raccolto l 8,4% (9,6%) e 15 seggi (20); il Partito Ecologista Liberale (PEL) il 5,4% (1,2%) e 12 seggi (3) ed il Partito Borghese Democratico (PBD) il 5,4% con 9 seggi. Il Parlamento così composto ha inflitto all UDC due ulteriori sconfitte politiche prima confermando la presenza di un solo rappresentante dell UDC all interno del Consiglio Federale e, successivamente, preferendo l esponente del PBD Eveline Widmer- Schlumpf quale primo Presidente della Confederazione della nuova legislatura al posto del Consigliere dell UDC Ueli Maurer, che ha dovuto attendere il 1 gennaio 2013 per ricoprire la massima carica istituzionale del Paese. Presidente del Consiglio Nazionale per il 2013 è stata eletta Maya Graf (Verdi), mentre Filippo Lombardi (PPD) è Presidente del Consiglio degli Stati per lo stesso periodo. Il Parlamento così composto ha inflitto all UDC due ulteriori sconfitte politiche prima confermando la presenza di un solo rappresentante dell UDC all interno del Consiglio Federale e, successivamente, preferendo l esponente del PBD Eveline Widmer- Schlumpf quale primo Presidente della Confederazione della nuova legislatura al posto del Consigliere dell UDC Ueli Maurer, che ha dovuto attendere il 1 gennaio 2013 per ricoprire la massima carica istituzionale del Paese. Dal 1 gennaio scorso il Presidente di turno è il Consigliere Federale per gli Affari Esteri, Didier Burkhalter. Ultimo aggiornamento: 23/09/2014 RELAZIONI INTERNAZIONALI La politica estera della Confederazione Svizzera può considerarsi impostata su tre cerchi concentrici. Il primo, rappresentato dai 4 Paesi confinanti (Italia, Francia, Germania ed Austria), nei cui confronti la qualità e la frequenza delle relazioni è pari alla contiguità geografico-culturale. Il secondo, costituito dalla vasta area europea e che abbraccia sia il rapporto privilegiato (ma sofferto nel travagliato percorso di avvicinamento) con i Paesi membri dell Unione Europea sia quello con i 3 Paesi dello Spazio Economico Europeo (particolarmente intense, per ovvi motivi, le relazioni con Liechtenstein, più diluite quelle con l Islanda e la Norvegia). Il terzo, coincidente con quei Paesi del resto del mondo ove più rilevanti sono gli interessi svizzeri, soprattutto di tipo economico. In base alle priorità fissate dalla Costituzione Federale dell , la politica estera elvetica è incentrata sull aiuto umanitario, sulla cooperazione allo sviluppo, sulla prevenzione dei conflitti, sul sostegno allo stato di diritto e sull impegno ambientale nonché, ovviamente, sulla tutela degli interessi economici svizzeri all estero. Anche l emergenza terrorismo, dopo l 11 settembre 2001, ha indotto il Governo ad una politica estera più aperta e ad un' interpretazione più elastica del principio di neutralità: Berna è pronta a cooperare con gli altri membri della comunità internazionale sia nel campo delle operazioni di polizia che in quello giudiziario. Nel giugno del 2005 la Svizzera ha aderito agli accordi di Schengen, negoziandone l'attuazione pratica in modo di mantenere controlli saltuari alle frontiere, e reclamando un eventuale diritto di rescissione. Il 12 dicembre 2008 la Confederazione è entrata nell'area Schengen come 25 Paese. A partire dal 2006 la Svizzera ha intensificato la cooperazione con gli Stati Uniti, attraverso la sottoscrizione di un documento Memorandum of understanding establishing a framework for intensified cooperation, che definisce in particolare le modalità per un coordinamento politico più efficace sui numerosi dossier in trattazione tra i due Paesi. Nel dibattito sulla riforma del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, la Svizzera, che fa parte del gruppo small five, ritiene che una soluzione intermedia che comporti la creazione di una terza categoria di seggi possa essere un'opzione da prendere in considerazione. La Svizzera è membro di 27 organizzazioni ONU, contribuisce al bilancio di altre 10 e partecipa, ora anche con unità dotate di proprio armamento, ad alcune forze internazionali di peacekeeping (es: Kossovo); è membro del Consiglio d Europa (1963), dell OSCE (1975) e del Patto di Stabilità per l Europa Sud-Orientale (2000); dal 1997 partecipa alla Partnership for Peace in 4

7 ambito NATO. La Confederazione si è candidata ad un seggio del Consiglio di Sicurezza per il biennio Ultimo aggiornamento: 30/10/2014 5

8 OUTLOOK ECONOMICO QUADRO MACROECONOMICO L economia svizzera ha continuato a crescere a buon ritmo anche nella primavera del 2014, ma questa forte dinamica congiunturale si contrappone a un andamento tuttora contenuto delle esportazioni nazionali. L inversione di tendenza in questo settore si fa ancora attendere a causa, in particolare, dell irregolarità del ritmo di ripresa della congiuntura mondiale. Il gruppo di esperti della Confederazione continua a ritenere che la ripresa congiunturale in Svizzera si consoliderà ed estenderà entro il Siccome le esportazioni tardano a riprendersi, anche il miglioramento della congiuntura potrebbe seguire un ritmo più lento di quanto previsto in marzo. Per il 2014 la crescita stimata del PIL è del 2% (previsione precedente: +2,2%), mentre per il 2015 si punta su un incremento al 2,6% (anziché al 2,7%). Nel complesso però, le prospettive congiunturali appaiono positive, per cui la ripresa del mercato del lavoro dovrebbe rafforzarsi progressivamente, con un conseguente calo della disoccupazione.. Ultimo aggiornamento: 30/10/2014 POLITICA ECONOMICA L OCSE attesta che negli ultimi anni la Svizzera ha vissuto un solido sviluppo economico e che dispone di finanze pubbliche sane. La pressione al rialzo sul franco svizzero e quindi i rischi di deflazione e le difficoltà per il settore dell esportazione hanno potuto essere attenuati con l istituzione di un tasso di cambio minimo di 1,20 franchi per euro. La politica monetaria espansiva attuale e il tasso minimo sono giustificati dal fatto che l inflazione è molto debole, che continuano a sussistere rischi di flussi di capitali esteri verso il franco e che l'attività economica si situa ancora al di sotto delle capacità produttive dell'economia. Il rapporto evidenzia tuttavia la presenza di segnali di surriscaldamento sul mercato immobiliare in alcune regioni. Se questi dovessero intensificarsi, sarebbero opportune ulteriori misure macroprudenziali. Si dovrebbe inoltre verificare la possibilità a medio termine di dare priorità alle spese pubbliche della Confederazione che contribuiscono all incremento della produttività. Lincremento della produttività del lavoro in Svizzera ha subito un rallentamento e che da questo punto di vista la Svizzera è chiaramente uscita dai primi posti della classifica dell OCSE. Negli ultimi decenni la crescita economica in Svizzera era stata possibile soprattutto grazie a un aumento dell offerta di lavoro. Il settore della costituzione di nuove imprese, ad esempio, è poco dinamico, anche a causa di ostacoli amministrativi. Il ritmo delle riforme nel settore agricolo dovrebbe essere aumentato con il passaggio a un sistema basato sui pagamenti diretti e su una maggiore apertura internazionale. Inoltre, gli scolari socialmente sfavoriti o gli scolari di origini straniere dovrebbero ricevere un sostegno mirato nella formazione, come avviene ad esempio in Finlandia. Secondo l OCSE il potenziale economico delle donne in Svizzera non è sufficientemente sfruttato; un migliore utilizzo avrebbe ripercussioni positive sulla produttività del lavoro e sulla crescita. Benché il tasso di occupazione delle donne in Svizzera, nel confronto con gli altri Stati dell OCSE, sia relativamente elevato, anche la percentuale di lavoratrici a tempo parziale è una tra le più alte di questo gruppo di Paesi. Inoltre, le donne sono fortemente sottorappresentate nelle posizioni dirigenziali. Per rafforzare il ruolo delle donne nell economia, l OCSE raccomanda un aumento dei contributi dei Comuni e dei Cantoni destinati ad ampliare le offerte di custodia dei figli in età prescolastica e scolastica. Si dovrebbe anche eliminare la «penalizzazione del matrimonio» in modo da migliorare le condizioni fiscali delle famiglie con doppio reddito. L OCSE individua un altra lacuna da colmare nelle opportunità di carriera per le donne: sarebbe opportuno garantire una maggiore rappresentanza femminile nelle direzioni aziendali inserendo nello «Swiss Code of Best Practice for Corporate Governance» obiettivi in materia di genere per le imprese. La quota di donne andrebbe aumentata anche nei consigli d amministrazione fissando nello «Swiss Code» obiettivi ambiziosi in base principio «comply or explain», secondo cui eventuali deroghe vanno motivate, o introducendo apposite quote. Secondo l OCSE, la strategia energetica 2050 dovrebbe sfruttare maggiormente e in modo prioritario i meccanismi di mercato per conseguire i propri obiettivi. Essa ritiene inoltre fondamentale potenziare la ricerca in campo energetico e rafforzare la cooperazione internazionale in quest ambito. Secondo la sua analisi, raggiungere entro il 2020 l obiettivo di politica climatica svizzera, che prevede la riduzione delle emissioni di gas serra del 20 per cento rispetto al 1990, sarà una sfida impegnativa. Raccomanda pertanto di introdurre una tassa sul CO2 sui carburanti poiché in questo ambito esiste un potenziale di riduzione relativamente conveniente ma pressoché inutilizzato. Ultimo aggiornamento: 17/09/2014 6

9 INDICATORI MACROECONOMICI PIL Nominale (mln ) Variazione del PIL reale (%) 1,9 0 0,5 Popolazione (mln) 7,87 7,95 8 PIL pro-capite a parita di potere d'acquisto ($) Disoccupazione (%) 3,1 3 3,3 Debito pubblico (% PIL) 36,5 36,7 36,4 Inflazione (%) 0,2 0,7 0 Variazione del volume delle importazioni di beni e servizi (%) 4,23 2,26 4,19 Fonte: Elaborazioni Ambasciata d'italia su dati EIU e IMF. Ultimo aggiornamento: 18/09/2014 TASSO DI CAMBIO Controlla il cambio giornaliero sul sito di Banca d'italia 7

10 BILANCIA COMMERCIALE EXPORT Export Previsioni di crescita 2014 Previsioni di crescita 2015 Totale mln. nd mln. nd mln. nd % nd % PRINCIPALI DESTINATARI 2011 (mln. ) 2012 (mln. ) 2013 (mln. ) GERMANIA nd nd nd nd USA nd nd nd nd ITALIA nd nd nd nd Italia Position:nd nd Italia Position:nd nd Italia Position:nd nd Merci (mln. ) Prodotti dell'agricoltura, pesca e silvicoltura 182,07 nd Prodotti delle miniere e delle cave 36,7 nd Prodotti alimentari 4.392,32 nd Bevande 1.189,72 nd Tabacco 528,44 nd Prodotti tessili 928,28 nd Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia) 1.102,83 nd Articoli in pelle (escluso abbigliamento) e simili 598,46 nd Legno e prodotti in legno e sugheri (esclusi i mobili); articoli in paglia e materiali da intreccio 211,9 nd Carta e prodotti in carta 1.459,73 nd Prodotti della stampa e della riproduzione di supporti registrati 120,1 nd Coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio 608,15 nd Prodotti chimici 139,88 nd Prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici ,43 nd Articoli in gomma e materie plastiche 3.088,05 nd Altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi 898,39 nd Prodotti della metallurgia 8.399,69 nd Prodotti in metallo, esclusi macchinari e attrezzature 4.259,24 nd Computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi ,14 nd Apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche 7.776,18 nd Macchinari e apparecchiature ,81 nd Autoveicoli, rimorchi e semirimorchi 1.521,54 nd Altri mezzi di trasporto (navi e imbarcazioni, locomotive e materiale rotabile, aeromobili e veicoli spaziali, mezzi militari) 2.272,9 nd Mobili 513,41 nd Prodotti delle altre industrie manufatturiere ,16 nd Energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (anche da fonti rinnovabili) 4.379,9 nd Altri prodotti e attività 5.984,92 nd Elaborazioni Ambasciata d'italia su dati EIU per la parte previsionale e OnuComtrade elaborati dall'agenzia ICE, per i dati settoriali e i totali, nonché per i dati relativi ai principali partner. 8

11 IMPORT Import Previsioni di crescita 2014 Previsioni di crescita 2015 Totale mln. nd mln. nd mln. nd % nd % PRINCIPALI FORNITORI 2011 (mln. ) 2012 (mln. ) 2013 (mln. ) GERMANIA nd nd nd nd ITALIA nd nd nd nd FRANCIA nd nd nd nd Italia Posizione: nd nd Italia Posizione: nd nd Italia Posizione: nd nd Merci (mln. ) Prodotti dell'agricoltura, pesca e silvicoltura 3.095,4 nd Prodotti delle miniere e delle cave 3.894,89 nd Prodotti alimentari 4.553,5 nd Bevande 1.325,73 nd Tabacco 81,6 nd Prodotti tessili 1.157,35 nd Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia) 4.197,77 nd Articoli in pelle (escluso abbigliamento) e simili 1.810,57 nd Legno e prodotti in legno e sugheri (esclusi i mobili); articoli in paglia e materiali da intreccio 1.621,72 nd Carta e prodotti in carta 2.255,46 nd Prodotti della stampa e della riproduzione di supporti registrati 55,63 nd Coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio 4.977,89 nd Prodotti chimici 118,73 nd Prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici ,74 nd Articoli in gomma e materie plastiche 4.278,54 nd Altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi 2.083,77 nd Prodotti della metallurgia 9.002,36 nd Prodotti in metallo, esclusi macchinari e attrezzature 411,82 nd Computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi nd Apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche 6.101,1 nd Macchinari e apparecchiature ,64 nd Autoveicoli, rimorchi e semirimorchi ,75 nd Altri mezzi di trasporto (navi e imbarcazioni, locomotive e materiale rotabile, aeromobili e veicoli spaziali, mezzi militari) 2.712,38 nd Mobili 2.297,04 nd Prodotti delle altre industrie manufatturiere ,84 nd Energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (anche da fonti rinnovabili) 3.524,74 nd Altri prodotti e attività 4.763,37 nd Elaborazioni Ambasciata d'italia su dati EIU per la parte previsionale e OnuComtrade elaborati dall'agenzia ICE, per i dati settoriali e i totali, nonché per i dati relativi ai principali partner. Il 18 settembre 2014 i dati del 2013 non sono ancora disponibili. OSSERVAZIONI 9

12 SALDI E RISERVE INTERNAZIONALI Saldo commerciale (Exp. - Imp.) (mln. ) 3,5 6, ,97 Saldo dei Servizi (mln. ) 38,8 32,53 Saldo dei Redditi (mln. ) 25,73 24,17 Saldo dei Trasferimenti correnti (mln. ) -10,09-9,85 Saldo delle partite correnti (mln. ) 57,95 53,02 Riserve internazionali (mln. ) 259,71 Fonte: Elaborazioni Ambasciata d'italia su dati EIU Note: nd Ultimo aggiornamento: 18/09/

13 INVESTIMENTI - STOCK STOCK DI INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI DEL PAESE: (OUTWARD) Stock di investimenti diretti esteri del paese: (Outward) Previsioni 2014 Previsioni 2015 Totale (% PIL) 150,4 % % % nd % nd % Totale (mln e var. %) mln. mln. mln. nd % nd % PRINCIPALI DESTINATARI 2011 (mln. ) 2012 (mln. ) 2013 (mln. ) USA USA nd REGNO UNITO GERMANIA nd LUSSEMBURGO UNGHERIA nd Italia Position: Italia Position:nd nd Italia Position:38 nd 11

14 STOCK DI INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI NEL PAESE: (INWARD) Stock di investimenti diretti esteri nel paese: (Inward) Previsioni 2014 Previsioni 2015 Totale (% PIL) 94,1 % % % nd % nd % Totale (mln e var. %) mln. mln. mln. nd % nd % PRINCIPALI INVESTITORI USA PAESI BASSI nd AUSTRIA FRANCIA nd FRANCIA USA nd Italia Position: Italia Position:4 nd In data 18 settembre 2014 i dati non sono ancora disponibili OSSERVAZIONI 12

15 INVESTIMENTI - FLUSSI FLUSSI DI INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI IN USCITA DAL PAESE: (OUTWARD) Flussi di investimenti diretti esteri in uscita dal paese: (Outward) Previsioni 2014 Previsioni 2015 Totale (% PIL) -10,6 % % % nd % nd % Totale (mln e var. %) mln. mln. mln. nd % nd % PRINCIPALI DESTINATARI 2011 (mln. ) 2012 (mln. ) 2013 (mln. ) USA AFGHANISTAN nd GERMANIA AFGHANISTAN nd FRANCIA 600 AFGHANISTAN nd Italia Position:5-852 Italia Position:nd nd Italia Position:nd nd Settori (mln. )) Prodotti delle miniere e delle cave 43 Manufatturiero 965 Prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici 453 Gomma, plastica e prodotti in queste materie 122 Computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi 165 Autoveicoli, rimorchi e semirimorchi 46 Costruzioni 155 Servizi Servizi di informazione e comunicazione -49 Energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (anche da fonti rinnovabili) 48 Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di trattamento dei rifiuti e risanamento -6 Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli e motocicli -59 Trasporto e magazzinaggio -28 Servizi di alloggio e ristorazione -11 Attività finanziarie e assicurative -1,35 Attività professionali, scientifiche e tecniche -382 Elaborazioni Ambasciata d'italia su dati UNCTAD, Eurostat, EIU. 13

16 FLUSSI DI INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI IN INGRESSO NEL PAESE: (INWARD) Flussi di investimenti diretti esteri in ingresso nel paese: (Inward) Previsioni 2014 Previsioni 2015 Totale (% PIL) 0,4 % % % nd % nd % Totale (mln e var. %) mln. mln. mln. nd % nd % PRINCIPALI INVESTITORI FRANCIA AFGHANISTAN nd USA AFGHANISTAN nd AUSTRIA AFGHANISTAN nd In data 18 settembre 2014 i dati non sono ancora disponibili. OSSERVAZIONI 14

17 BARRIERE TARIFFARIE E NON TARIFFARIE Market Access Database della Commissione Europea Accordo di libero scambio fra Cina e Svizzera Per Pechino la chance di utilizzarlo per vendere nei Paesi della UE senza barriere tariffarie. A guadagnarci potrebbero essere le imprese del lusso, italiane ed europee, che esportano verso la Cina. Aprire una filiale in Svizzera non basta, l'accordo funziona se il prodotto può essere qualificato come "made in Switzerland". Non basta farlo transitare, occorre che lì venga rilavorato, per essere nazionalizzato come svizzero. Le normative int. prevedono che per essere riqualificato come nazionale un prodotto debba aver acquisito in quel Paese più del 50% del valore aggiunto. Sole 24 ore, Ultimo aggiornamento: 29/09/

18 COMPETITIVITA' E BUSINESS ENVIRONMENT INDICI DI GLOBAL COMPETITIVENESS E LIBERTÀ ECONOMICA Val (0-100) Pos. 142 paesi Val (0-100) Pos. 144 paesi Val (0-100) Pos. 148 paesi GCI 5,7 1 5,7 1 5,7 1 Sub indici Requisiti di base (20 %) 6,2 3 6,2 2 6,2 3 Istituzioni (25%) 5,8 6 5,7 5 5,6 7 Infrastrutture (25%) 6,1 5 6,2 5 6,2 6 Ambiente macroeconomico (25%) 6,3 7 6,4 8 6,3 11 Salute e Istruzione Primaria (25%) 6,5 8 6,5 8 6,5 12 Fattori stimolatori dell'efficienza (50 %) 5,5 2 5,5 5 5,4 5 Alta Istruzione e Formazione professionale (17%) 5,8 3 5,9 3 5,9 4 Efficienza del mercato dei beni (17%) 5,2 5 5,3 7 5,3 6 Efficienza del mercato del lavoro (17%) 5,9 1 5,9 1 5,8 2 Sviluppo del mercato finanziario (17%) 5,3 7 5,3 9 5,2 11 Diffusione delle tecnologie (17%) 6, ,9 9 Dimensione del mercato (17%) 4,5 39 4,5 39 4,6 40 Fattori di innovazione e sofisticazione (30 %) 5,8 1 5,8 1 5,7 1 Sviluppo del tessuto produttivo (50%) 5,8 3 5,8 2 5,8 2 Innovazione (50%) 5,8 1 5,8 1 5,7 2 Fonte: Elaborazioni Ambasciata d'italia su dati World Economic Forum Global Competitiveness Index. Note: La percentuale tra parentesi indica il peso della voce nella composizione dell indice / sub indice. Ultimo aggiornamento: 08/07/2013 Val (0-100) Pos. 184 paesi Val (0-100) Pos. 184 paesi Val (0-100) Pos. 184 paesi Indice di Liberta Economica Fonte: Elaborazioni Ambasciata d'italia su dati The Heritage Foundation Index of Economic Freedom. Ultimo aggiornamento: 08/07/

19 INDICI DI APERTURA AL COMMERCIO INTERNAZIONALE Val (0-7) Pos. 132 paesi Val (0-7) Pos. 132 paesi ETI Sub indici Accesso al mercato (25%) Accesso al mercato interno ed esterno (100%) Amministrazione doganale (25%) Efficienza dell'amministrazione doganale (33%) Efficienza delle procedure di import e export (33%) Trasparenza dell'amministrazione di frontiera (33%) Infrastrutture di trasporto e di comunicazione (25%) Disponibilita e qualita delle infrastrutture di trasporto (33%) Disponibilita e qualita dei servizi di trasporto (33%) Disponibilita ed utilizzo dell'ict (33%) Contesto business (25%) Regolamentazione (50%) Sicurezza (50%) Fonte: Elaborazioni Ambasciata d'italia su dati World Economic Forum Enabling Trade Index. Note: La percentuale tra parentesi indica il peso della voce nella composizione dell indice / sub indice. Ultimo aggiornamento: 04/07/ Valore (%) Valore (%) Peso % del commercio sul PIL Fonte: Elaborazione Ambasciata d'italia su dati EIU. Ultimo aggiornamento: 04/07/

20 FATTORI MAGGIORMENTE PROBLEMATICI PER FARE BUSINESS 2012 / / / 2015 Accesso al finanziamento 8 7,7 9,2 Aliquote fiscali 7 8,7 5,9 Burocrazia statale inefficiente 13 14,8 11,3 Scarsa salute pubblica 0 0 0,2 Corruzione 0 0,6 0 Crimine e Furti 0 1,1 0,5 Scarsa etica del lavoro della forza lavoro locale 3 4,5 4,2 Forza lavoro non adeguatamente istruita 14 15,4 21,2 Inadeguatezza dell'offerta di infrastrutture 2 2,8 1,9 Inflazione 1 1,3 0,7 Instabilita delle politiche 10 7,7 10,9 Instabilita del governo/colpi di stato 0 0,2 0,6 Normative del lavoro restrittive 9,9 11,6 Normative fiscali ,3 Regolamenti sulla valuta estera 9 3,5 2,7 Insufficiente capacita di innovare 8,8 8,9 Fonte: Elaborazioni Ambasciata d'italia su dati World Economic Forum - Global Competitiveness Index. Note: I fattori sono selezionati sulla base delle risposte degli imprenditori intervistati per la compilazione del Rapporto citato in Fonte. Tra una lista di 15 fattori, gli intervistati dovevano indicare i 5 fattori maggiormente problematici ( da 1: maggiormente problematico, a 5). I valori mostrati in tavola rappresentano le risposte pesate secondo la loro posizione nel ranking complessivo. Ultimo aggiornamento: 19/10/

21 BUSINESS COST Remunerazione totale media per Capi Funzione/Capi Divisione di una multinazionale o Chief Executive in organizzazioni medio-grandi. Remunerazione totale media per manager al di sotto dei Capi Funzione nelle multinazionali, o che riportano al CEO nelle organizzazioni medio-grandi, o Chief Executive in organizzazioni piccole. Remunerazione totale media per personale vendite senior con competenze gestionali o regionali. Remunerazione totale media per posizioni di supervisione e junior management con predominanza della responsabilita di staff. Remunerazione totale media per account manager e staff vendite senza competenze gestionali o regionali. Remunerazione totale media per personale impiegatizio, amministrativo e di segreteria senza o con ridotte responsabilita di supervisione. Remunerazione totale media per operai, receptionist, centralinisti e dattilografi supervisionati da posizioni senior. Affitto per ufficio centrale in uno dei principali distretti industriali. Prezzo medio per m2 per anno. Affitto di un deposito. Prezzo medio per m2 per anno. Elettricita per uso industriale/intenso con consumo annuo di 2000MWh o più. Prezzo per KwH. Unita per anno , , ,52 per anno , , ,15 per anno , , ,27 per anno , , ,81 per anno , , ,13 per anno , , ,8 per anno , , ,92 per m2 per anno per m2 per anno 692,54 734,43 716,36 139,9 156,09 159,42 per kwh 0,07 0,07 0,1 Acqua per uso industriale /commerciale. per m3 1,77 0,83 1 Sottoscrizione telefonica standard mensile per uso commerciale di una linea telefonica. per linea/mese 18,64 17,39 22,22 Aliquota fiscale corporate media. % 21,17 21,17 21,17 IVA o equivalente. Media o tasso prevalente applicato su beni e servizi. % 7,6 7,6 8 Aliquota fiscale massima su persona fisica. % 41, Fonte: Elaborazioni Ambasciata d'italia su dati EIU. Ultimo aggiornamento: 08/07/2013 OSSERVAZIONI Cambio US Dollar in Euro in base al cambio ufficiale del 5 luglio 2013, SIX Swiss Exchange: 1US Dollar (USD) = Euro (EUR) 1Euro (EUR) = US Dollar (USD) Ultimo aggiornamento: 08/07/

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE giugno 2013 Il presente rapporto è stato elaborato con le informazioni disponibili al 14 giugno 2013 da: Giulia

Dettagli

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Capitolo 17 Commercio con l estero e internazionalizzazione 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Le statistiche sul commercio con l estero e sulle attività internazionali delle imprese

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

La Svizzera in cifre.

La Svizzera in cifre. ab Edizione 2014 / 2015 Addetti per divisione economica 20 8 La Svizzera in cifre. UBS Partner di Svizzera Turismo Addetti per settori Settore primario Agricoltura 12 Settore secondario Industria, artigianato

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto A cura dell Ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY Il raggiungimento di un accordo sul nucleare iraniano potrebbe aprire interessanti opportunità per le

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Evoluzione della fattura elettronica a livello internazionale e sua utilità

Evoluzione della fattura elettronica a livello internazionale e sua utilità Evoluzione della fattura elettronica a livello internazionale e sua utilità 6 settembre 2012 Bruno Koch Situazione iniziale tipica in una città campione Numero di abitanti: 100 000 Volume di fatture: ricevute

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Vivere e lavorare in Italia

Vivere e lavorare in Italia Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali EURES - Italia Vivere e lavorare in Italia Una breve guida per cittadini EU interessati a trasferirsi in Italia Marzo 2010 VIVERE E LAVORARE IN ITALIA L Italia

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Capitolo 3. Confronto con altri paesi

Capitolo 3. Confronto con altri paesi Capitolo 3 Confronto con altri paesi Indice Sintesi introduttiva... 215 Tavola 3.1 Quadro di sintesi (anno 2006)... 216 Organizzazione... 217 Tavola 3.2 Sede centrale: strutture dirigenziali di primo

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Vs. richiesta su ZHEJIANG YUEJIN IMPORT CO LTD - Cina Recte ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina Cliente ALFA SPA Data evasione Redattore E.L./FC Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Zhejiang Yuejin

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

IRAQ Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015

IRAQ Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015 IRAQ Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015 1 INDICE : 1. Analisi del quadro socio-economico 1.a Principali indicatori economici 1.b Principali indicatori sociali e demografici 2. Analisi del

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

Misure restrittive dell'ue

Misure restrittive dell'ue SCHEDA INFORMATIVA Bruxelles, 29 aprile 2014 Misure restrittive dell'ue Le sanzioni sono uno degli strumenti dell'ue per promuovere gli obiettivi della politica estera e di sicurezza comune (PESC): pace,

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 25/06/2014

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 25/06/2014 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 25/06/2014 Circolare n. 80 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA Il presente documento contiene le principali misure concrete a breve-medio termine proposte dalla Commissione per contribuire a stabilizzare

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale Corsi di Perfezionamento Professionale I Corsi di Perfezionamento Professionale costituiscono una struttura creata per fornire determinati servizi centrali all ICEC (Istituto cantonale di economia e commercio)

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

IL GOVERNO SIA ALL ALTEZZA DELLA SFIDA DEL GREEN DEAL LA CURA DA CAVALLO STA UCCIDENDO IL MINISTERO DELL AMBIENTE

IL GOVERNO SIA ALL ALTEZZA DELLA SFIDA DEL GREEN DEAL LA CURA DA CAVALLO STA UCCIDENDO IL MINISTERO DELL AMBIENTE IL GOVERNO SIA ALL ALTEZZA DELLA SFIDA DEL GREEN DEAL LA CURA DA CAVALLO STA UCCIDENDO IL MINISTERO DELL AMBIENTE Il dibattito nel nostro Paese da tempo rincorre le emergenze istituzionali, economiche,

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile

Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile Aprile 2015 Indice 1. Un nuovo approccio al tema della sostenibilità 1.1. Il Ruolo della manifattura per la crescita sostenibile 1.2. Politiche industriali

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita?

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Mauro Caselli 1 Paolo Falco 2 1 School of Economics Australian School of Business The University of New South Wales m.caselli@unsw.edu.au

Dettagli