Il Turco La vita e l epoca del famoso automa giocatore di scacchi del Diciottesimo secolo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Turco La vita e l epoca del famoso automa giocatore di scacchi del Diciottesimo secolo"

Transcript

1 Tom Standage Il Turco La vita e l epoca del famoso automa giocatore di scacchi del Diciottesimo secolo Traduzione di Dora Di Marco Con Il giocatore di scacchi di Maelzel di Edgar Allan Poe nella traduzione di Filippo Tuena e con un contributo di Giorgio Pressburger

2 Per Ella Titolo originale: The Turk. The Life and Times of the Famous Eighteenth-Century Chess-Playing Machine Copyright 2002 by Tom Standage All rights reserved 2011 Nutrimenti srl Prima edizione marzo via Marco Aurelio, Roma Traduzione dall inglese di Dora Di Marco Art director: Ada Carpi ISBN ISBN (epub) ISBN (MobiPocket)

3 Indice Prefazione 9 Capitolo uno. Il gambetto di regina accettato 15 Capitolo due. La mossa di apertura del Turco 33 Capitolo tre. Un congegno estremamente affascinante 49 Capitolo quattro. Congegni geniali, potere nascosto 65 Capitolo cinque. Sognando la parola e la ragione 81 Capitolo sei. Avventure dell immaginazione 99 Capitolo sette. L imperatore e il principe 111 Capitolo otto. Il campo dell intelletto 131 Capitolo nove. Il guerriero di legno in America 157 Capitolo dieci. Finale di partita 181 Capitolo undici. I segreti del Turco 197 Capitolo dodici. Il Turco contro Deep Blue 223 Appendice Il giocatore di scacchi di Maelzel di Edgar A. Poe 251 La macchina e l inganno di Giorgio Pressburger 281 Indice delle immagini 285 Note 288 Bibliografia 295 Indice dei nomi 301

4 Prefazione Automa: macchina che si muove da sola, o in cui la forza motrice è insita nel meccanismo stesso. Secondo questa descrizione, gli orologi, da muro o da polso, e tutte le macchine di questo tipo sono automi, ma la parola viene in genere applicata ai congegni che simulano per un certo tempo i movimenti della vita animale. Encyclopædia Britannica, undicesima edizione (1911)

5 Un giorno d autunno nel 1769, Wolfgang von Kempelen, funzionario pubblico ungherese di trentacinque anni, fu chiamato alla corte viennese da Maria Teresa, imperatrice austroungarica, per assistere allo spettacolo di un prestigiatore giunto dalla Francia. Kempelen si intendeva di fisica, meccanica e idraulica, ed era un fidato servitore dell imperatrice, invitato per vedere che effetto facessero i trucchi del prestigiatore su un esperto di materie scientifiche. Quell esibizione avrebbe cambiato l intero corso della sua vita, avviando una catena di avvenimenti che lo avrebbero portato a costruire una macchina straordinaria, un uomo meccanico, vestito con un costume orientale, seduto dietro una cattedra, e capace di giocare a scacchi. All epoca, giocattoli meccanici assai complessi erano un intrattenimento popolare nelle corti europee, anche se la tecnologia che vi stava dietro venne presto asservita a usi più seri. Esattamente con questo spirito, Kempelen riteneva che la macchina giocatrice di scacchi sarebbe servita solo a divertire la corte e a permettergli di fare carriera, grazie all impressione che avrebbe suscitato nell imperatrice. Invece l automa 11

6 Prefazione continuò del tutto inaspettatamente a ottenere una grande fama ovunque, in Europa e in America, portando il suo creatore al trionfo e alla disperazione. Durante una carriera di ottantacinque anni, l automa fu associato a un vasto numero di figure storiche, tra cui Benjamin Franklin, Caterina la Grande, Napoleone Bonaparte, Charles Babbage e Edgar Allan Poe. Fu oggetto di numerose storie e aneddoti, ispirò molte leggende e delle pure e semplici invenzioni, a proposito delle quali, in molti casi, non si conoscerà mai la verità. Il giocatore di scacchi era, infatti, destinato a diventare l automa più famoso della storia. E nel corso degli anni, l opera di Kempelen avrebbe involontariamente concorso allo sviluppo del telaio meccanico, del telefono, del computer e delle storie poliziesche. Visto con occhi moderni, in un era in cui per sconfiggere il campione mondiale di scacchi occorre un supercomputer, sembra ovvio che la macchina scacchista di Kempelen dovesse essere un imbroglio non un vero automa, ma un congegno capace di muoversi solo sotto il controllo nascosto di un manovratore umano, come un burattino che danzi attaccato a un filo. D altra parte, come sarebbe stato possibile costruire una vera macchina che giocasse a scacchi usando la tecnologia degli orologiai e la meccanica del Diciottesimo secolo? Eppure a quel tempo diversi automi di straordinario ingegno vennero costruiti e mostrati in tutta Europa, compresa l anatra meccanica di Jacques de Vaucanson, il suonatore di clavicembalo di Henri-Louis Jaquet-Droz, e la ballerina di Jean-Joseph Merlin. I congegni meccanici oltrepassavano le frontiere tecnologiche, sembravano non avere limiti, per cui l idea che la macchina di Kempelen potesse realmente giocare a scacchi non appariva del tutto fuori questione. Anche tra le file degli scettici che insistevano nel sostenere che fosse un inganno, non si trovava un accordo su come dovesse funzionare l automa, con una coda di affermazioni e smentite. Si basava su un trucco meccanico, sul magnetismo o sull abilità manuale? C era un nano, un bambino o un uomo senza gambe nascosto al suo interno? Era controllato da un manovratore in un altra stanza o nascosto sotto il pavimento? Nessuna delle molte spiegazioni avanzate nel corso degli anni riuscì a smascherare appieno il segreto di Kempelen: l unico risultato che ottenevano era quello di indebolirsi vicendevolmente. Effettivamente, è stato solo di recente, grazie alla costruzione di una copia dell automa, che il segreto del funzionamento è stato completamente svelato. Scegliendo di costruire una macchina che giocasse a scacchi, un congegno apparentemente capace di ragionare, Kempelen provocò un acceso dibattito tra quanti si chiedevano fino a che punto le macchine avrebbero potuto emulare o replicare le facoltà umane. L esordio del Turco coincise con l inizio della Rivoluzione industriale, quando le macchine cominciavano a prendere il posto degli operai umani, e la relazione tra esse e gli uomini veniva ridisegnata. Il giocatore di scacchi costituì una sfida per tutti quanti si rifugiassero nell idea che le macchine avrebbero potuto essere in grado di superare le prestazioni fisiche umane, ma non sarebbero mai riuscite a fare lo stesso con quelle mentali. Di conseguenza suscitò le stesse reazioni che avrebbero suscitato i computer oltre duecento anni più tardi. La curiosa storia dell automa, parallela alla preistoria dell informatica, con cui venne anche a contatto in alcuni punti chiave, ha ora assunto un nuovo significato; nel frattempo, scienziati e filosofi continuano a dibattere la possibilità di creare una macchina intelligente. Kempelen non diede mai un nome all automa, il cui costume distintamente orientale, però, diede subito origine a un soprannome arrivato fino a oggi: il Turco. Questa è la storia della sua sfavillante carriera sulla scacchiera

7 Capitolo uno Il gambetto di regina accettato Il gambetto di regina (d4, d5; c4): un apertura in cui il bianco tenta di sacrificare il pedone dell alfiere di regina per accelerare la sua avanzata. Il nero accetta il gambetto mangiando il pedone offerto. Cerca la conoscenza e la saggezza, come un tempo feci io; e spero vivamente che la gratificazione dei tuoi desideri non sia per te una serpe velenosa, come è accaduto a me. Mary Shelley, Frankenstein (1818)

8 Le origini delle macchine moderne, dai computer ai lettori cd, dalle locomotive ai robot, possono essere rintracciate negli elaborati giocattoli meccanici fioriti nel Diciottesimo secolo, gli automi, progenitori dimenticati di quasi tutta la moderna tecnologia; si tratta delle prime macchine complesse create dall uomo, e hanno rappresentato un banco di prova per ogni ritrovato tecnico-scientifico che in seguito sarebbe stato sfruttato nella Rivoluzione industriale. Gli automi sono i progenitori dimenticati di quasi tutta la moderna tecnologia. Eppure i loro usi in origine erano decisamente meno pratici: balocchi per i sovrani, intrattenimenti nei palazzi e nelle corti di tutta Europa, doni che le famiglie reali si inviavano l un l altra. Oltre a rappresentare una fonte di divertimento, gli automi fornivano ai vari Stati l occasione di mostrare il livello di conoscenza scientifica raggiunto, in quanto prova tangibile del limite ultimo delle nuove tecnologie di quel tempo. Di conseguenza, gli automi hanno un importanza sociale e culturale di gran lunga maggiore rispetto a quanto potrebbe suggerire la loro apparenza di semplici giocattoli. I primi automi erano essenzialmente versioni in scala ridotta dei complessi orologi meccanici che adornavano le cattedrali 17

9 Il gambetto di regina accettato europee fin dal Medioevo. Oltre a indicare l ora, questi orologi spesso fornivano anche informazioni astronomiche (come la fase lunare) e, in alcuni casi, racchiudevano interi teatri meccanici, che improvvisamente prendevano vita in particolari occasioni. Una configurazione tipica prevedeva la presenza di statuine che rappresentavano la Madonna e il Bambino, e che dovevano uscire da una porta in alcune festività prefissate al momento in cui l orologio batteva un ora precisa. Al loro seguito sarebbero apparse altre statue: i re magi, i pastori e così via, e tutti questi personaggi si inchinavano di fronte alla Madonna, porgendole dei doni, per poi sparire attraverso un altra porta, come accade ancora oggi sul campanile di San Marco, a Venezia. In seguito gli orologi municipali nelle piazze delle città riadattarono questa formula, sostituendo le figure religiose con quelle di re, cavalieri, trombettieri, uccelli e altri animali. Questi orologi furono fonte d ispirazione per automi più piccoli e sempre più sofisticati, che gli orologiai vendevano ai clienti più ricchi. Più complicati diventavano i congegni, meno importante risultava la loro funzione di indicare l ora, finendo per trasformarsi anzitutto in divertimenti meccanici, di solito teatrini automatici o scene in movimento. Un esempio piuttosto popolare era il quadro meccanico, con elementi liberi mossi da un raffinato meccanismo a orologeria, nascosto dietro la cornice, o all interno di essa. Un altro tipo di automa, una sorta di intrattenimento da salotto, aveva la forma di un ornamento da tavolo: simili congegni potevano contenere posate, tovaglioli e spezie, avevano dei rubinetti da cui usciva vino o acqua, erano decorati con immagini di persone o animali in movimento, e spesso comprendevano anche un orologio. Oggi è possibile ammirare al British Museum un esemplare particolarmente curato, costruito per l imperatore Rodolfo II da Hans Schlottheim, un costruttore di automi tedesco. I progetti erano spesso influenzati anche dall antica tradizione di costruire animali meccanici imitando la natura. Leonardo da Vinci, per esempio, aveva progettato una macchina volante ispirata agli uccelli, e si dice che avesse costruito un leone meccanico. Sempre nel Quindicesimo secolo, il suo contemporaneo tedesco Johann Müller, conosciuto come il Regiomontano, fece dono all imperatore Massimiliano di una mosca di ferro e di un aquila meccanica, che si crede abbia accompagnato l imperatore alle porte della città di Norimberga, sebbene sfugge come abbia fatto. Ancor meno plausibile è la mosca di ottone costruita dal vescovo Virgilio di Napoli: secondo la leggenda avrebbe cacciato dalla città tutte le mosche vere, che non sarebbero riapparse per otto anni. Ispirati da tali racconti, i costruttori di automi raccolsero con piacere la sfida di creare macchine capaci di muoversi come fossero animate di vita propria; c erano carillon e tabacchiere da cui apparivano uccelli canterini o statuette danzanti, e un numero infinito di animali meccanici. Un progettista inglese, James Cox, costruì un elefante meccanico alto due metri e mezzo, sul cui corpo erano incastonati diamanti, rubini, smeraldi e perle. Cox era famoso per gli automi e per gli orologi meccanici, molti dei quali venduti o inviati in dono alla Cina dalla Compagnia delle Indie orientali. Tra le sue altre creazioni, una tigre meccanica, un pavone e un cigno. Talvolta gli automi imitavano gli esseri viventi fin troppo bene, come accadde alla corte francese di Luigi XV negli anni Trenta del Diciottesimo secolo: un presunto automa clavicembalista incantò gli ascoltatori con la sua abilità musicale. Il re insisté perché fosse mostrato il meccanismo in grado di suonare in modo così affascinante e quasi umano, finché non si scoprì che c era una bambina di cinque anni nascosta all interno

10 Il gambetto di regina accettato Tra gli altri automi famosi (e veri) va ricordato quello costruito da Henri-Louis Jaquet-Droz, membro di una famiglia di orologiai svizzeri: era in grado di scrivere, disegnare e suonare il clavicembalo, con movimenti programmati utilizzando dischi dalla forma irregolare, chiamati camme, sistemati su un fuso; con la rotazione del fuso, alcune leve caricate a molla e poggiate sulle camme si muovevano in alto e in basso, e controllavano il movimento delle singole parti dell automa, spingendo e tirando delle stecche che ne collegavano il corpo al meccanismo. Grazie a una meticolosa attenzione nel progettare la forma di ogni camma, era possibile programmare l automa per fargli compiere gesti coordinati, simili a quelli di un essere vivente e dotati di grazia e delicatezza straordinarie. Altri automi simili, capaci di scrivere, furono costruiti negli anni Cinquanta del Diciottesimo secolo per l imperatrice Maria Teresa d Austria da Friedrich von Knauss, inventore austriaco cui è attribuita anche l invenzione della macchina per scrivere. Dal momento che solo le famiglie molto ricche potevano permettersi di comprare questi aggeggi stravaganti, gli inventori si aggiravano nei circoli elitari delle classi elevate e spesso finivano per essere assunti direttamente da re, regine e imperatori. Di conseguenza, costruire automi costituiva per orologiai, ingegneri o scienziati che avessero intenzione di applicarsi seriamente, e alla ricerca di un mecenate, una buona occasione per dimostrare le loro abilità e ottenere una certa reputazione; armeggiare con giocattoli meccanici poteva condurre alla fama e alla fortuna. Probabilmente l esempio più significativo viene dal francese Jacques de Vaucanson, le cui invenzioni stupirono l Europa verso la metà del Diciottesimo secolo, e la cui reputazione di costruttore di automi gli permise di frequentare a piacimento i mondi dell intrattenimento, dell industria e della scienza. Vaucanson era nato nel 1709, ultimo di dieci figli, e aveva studiato Teologia al collegio gesuita di Grenoble con l intenzione di prendere i voti; presto però scoprì che l attività di costruttore di giocattoli meccanici, cui si dedicava con piacere, non era compatibile con la vocazione religiosa. Secondo una versione dei fatti, il giovane costruì dei piccoli giocattoli volanti, cui aveva dato forma di angioletti, che fecero infuriare i suoi superiori; stando a un altro racconto fu un automa da tavolo a mettere Vaucanson nei guai con un eminente rappresentante del suo ordine religioso. Ad ogni modo, costretto a scegliere tra la vocazione religiosa e l entusiasmo per i meccanismi complessi, abbandonò la vita monastica e decise di dedicarsi interamente alla costruzione di automi. Come altri costruttori, Vaucanson era particolarmente interessato alle macchine capaci d imitare i processi naturali degli esseri viventi, compresa la respirazione, la digestione e la circolazione del sangue. Il suo ultimo obiettivo era quello di costruire un uomo artificiale, ma presto capì che per raggiungerlo doveva prima asservire il suo talento a finalità più commerciali, per ottenere del denaro creando delle macchine che riuscissero a risvegliare la curiosità della gente. Le esibizioni pubbliche di automi diventavano sempre più popolari a Parigi e a Londra, dove offrivano al pubblico la possibilità di vedere con i propri occhi diversi congegni che non avrebbero mai potuto permettersi di acquistare. L invenzione che per prima portò Vaucanson all attenzione del pubblico era un suonatore di flauto: un giorno nel 1735, mentre passeggiava in un giardino pubblico a Parigi, Vaucanson vide una scultura raffigurante un ragazzo con un flauto sulle labbra, traendone l ispirazione per costruire una statua semovente, che potesse effettivamente suonare melodie. Per Vaucanson il progetto aveva lo scopo principale di permettergli di studiare il sistema respiratorio umano, e a tal 20 21

11 Il gambetto di regina accettato fine dotò il congegno di polmoni, di trachea e di una bocca, sulla quale poggiava il flauto. I polmoni erano costituiti da tre serie di mantici, spinti da una manovella girevole, che assicurava un flusso costante d aria, con una pressione bassa, media o forte. Una serie di valvole regolava la quantità d aria in base alla pressione che la trachea poteva tollerare, e un altra valvola controllava il soffio, coprendo di fatto le funzioni della lingua. Il movimento di tali valvole, combinato a quello delle dita e delle labbra, era controllato a sua volta da una serie di leve caricate a molla, le cui estremità posavano sulla superficie di un tamburo rotante, coperta da piccole borchie: quando le leve passavano su di esse, salivano e scendevano, facendo sì che l automa muovesse le dita e le labbra. Dunque, ogni singolo aspetto delle complesse operazioni dell automa poteva essere programmato in anticipo, inserendo una configurazione di borchie adatta sul piano del tamburo. Pertanto era possibile far sì che l automa suonasse intricate melodie imitando quasi perfettamente ogni minimo particolare del respiro e dell espressione musicale di un flautista umano. Vaucanson mostrò il suo flautista in pubblico a Parigi, nell ottobre del 1737, e fu un successo immediato. Memore del falso automa che aveva ingannato la corte di Lugi XV, l inventore permise ai membri dell Accademia delle Scienze di Parigi, una delle società scientifiche più accreditate al mondo, di ispezionare accuratamente il meccanismo che aveva creato, in modo da fugare ogni possibile dubbio di frode. Juvigny, politico francese, scrisse un resoconto dell evento, in cui annotò: All inizio molti non riuscivano a credere che i suoni fossero effettivamente prodotti dal flauto tenuto dall automa: erano convinti che le melodie dovessero provenire da un organo nascosto all interno del corpo. Anche i più scettici, comunque, dovettero presto convincersi che il flautista meccanico soffiava di fatto nello strumento: l aria che usciva dalle labbra lo faceva suonare, mentre il movimento delle dita determinava le singole note. La macchina fu sottoposta agli esami più scrupolosi che si potessero fare, e alle verifiche più rigide: agli spettatori fu concesso di vedere anche le molle più interne, e di seguire ogni loro movimento. Infine fu comprovato che il flautista era un vero automa sotto ogni aspetto: quello che il falso clavicembalista aveva ottenuto con la frode, fu raggiunto da Vaucanson grazie all ingegno e alla felice combinazione delle ultime novità in fatto di tecnologia meccanica. Nel giro di pochi mesi, Vaucanson aveva completato un secondo automa, un ragazzo che suonava un piffero con una mano e un tamburo con l altra. Essendo disponibile una sola mano per il flauto a tre buchi, il suono prodotto dallo strumento dipendeva molto di più dalla pressione dell aria, dal movimento della lingua e dalla posizione delle dita del flautista, e rappresentava dunque una sfida ancora più ardua per l abilità di Vaucanson nell imitazione dei complessi movimenti umani. Ma fu il terzo automa a diventare la sua opera più famosa: un modello dell apparato digerente. E piuttosto 22 23

GLI OROLOGI DEL MUSEO DELL OROLOGERIA PESARINA

GLI OROLOGI DEL MUSEO DELL OROLOGERIA PESARINA GLI OROLOGI DEL MUSEO DELL OROLOGERIA PESARINA SVEGLIARINI MONASTICI Svegliarino costruito nel 1993 Questi orologi risalgono al XIII secolo furono brevettati per sostituire i svegliatori ad acqua in uso

Dettagli

www.ferroviedellostato.it 00161 Roma Piazza della Croce Rossa, 1 Alta Velocità. Una storia di successi tutti italiani

www.ferroviedellostato.it 00161 Roma Piazza della Croce Rossa, 1 Alta Velocità. Una storia di successi tutti italiani Piazza della Croce Rossa, 1 00161 Roma www.ferroviedellostato.it Alta Velocità. Una storia di successi tutti italiani Alta Velocità. Una storia di successi tutti italiani La storia dell Alta Velocità inizia

Dettagli

L INTELLIGENZA E L ARTIFICIALE

L INTELLIGENZA E L ARTIFICIALE L INTELLIGENZA E L ARTIFICIALE Nel 1774, pochi anni dopo la clamorosa pubblicazione de L hommemachine di La Metrie, un giovane di nome Pierre Jacquet-Droz presentò a La Chaux-de-Fonds tre splendidi automi

Dettagli

TABBY PLAYS ISTRUZIONI

TABBY PLAYS ISTRUZIONI TABBY PLAYS ISTRUZIONI INDEX REQUISITI TECNICI... 2 REGISTRAZIONE... 2 LA TUA STANZA... 3 STATUS... 3 LA CITTA... 4 SOCIAL NETWORK... 4 INTERAZIONI... 6 SFIDE... 6 NEGOZI... 7 ATTI DI BULLISMO... 7 LA

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

L Inghilterra Tudor ha visto due dei sovrani più forti che mai si siano seduti sul trono inglese: Enrico VIII e sua figlia Elisabetta I.

L Inghilterra Tudor ha visto due dei sovrani più forti che mai si siano seduti sul trono inglese: Enrico VIII e sua figlia Elisabetta I. Che cosa simboleggia la rosa dei Tudor? La rosa dei Tudor simboleggia l unione tra le famiglie inglesi dei Lancaster e degli York. Il simbolo della rosa Tudor fu il risultato del matrimonio tra Enrico

Dettagli

la fotografia di classe di Dan Simmons

la fotografia di classe di Dan Simmons la fotografia di classe di Dan Simmons Dall alto del suo punto di osservazione, il balcone della torre della vecchia scuola, la signora Geiss guardò il suo nuovo studente attraversare l area giochi riservata

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Maestro orologiaio e inventore

Maestro orologiaio e inventore 02 Maestro orologiaio e inventore Passione per la scienza, amore per l orologeria Autentico artista, François-Paul Journe esplora la misura del tempo per soddisfare il suo bisogno di creare. E da quel

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Suggerimenti didattici per la Scuola Secondaria di 1 grado

Suggerimenti didattici per la Scuola Secondaria di 1 grado tradizione e rivoluzione nell insegnamento delle scienze Suoni nell orecchio dal progetto Reinventore per la diffusione della cultura scientifica Suggerimenti didattici per la Scuola Secondaria di 1 grado

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

C'era una volta un falegname di nome Geppetto. La sua casa era la gioia di tutti i

C'era una volta un falegname di nome Geppetto. La sua casa era la gioia di tutti i LE FAVOLE DISNEY C'era una volta un falegname di nome Geppetto. La sua casa era la gioia di tutti i bambini del villaggio, perché era piena di orologi e giocattoli di ogni tipo, e un bel fuoco ardeva sempre

Dettagli

Nessuno sembra conoscere l origine dell effetto delle palline di spugna.

Nessuno sembra conoscere l origine dell effetto delle palline di spugna. PREFAZIONE Nessuno sembra conoscere l origine dell effetto delle palline di spugna. Per quanto io ne sappia, la prima descrizione di un effetto con le palline di spugna è apparsa per la prima volta nel

Dettagli

Per capire il gioco come modo di essere immaginiamo che qualcuno si metta

Per capire il gioco come modo di essere immaginiamo che qualcuno si metta Piero Ferrucci. Introduzione alla psicosintesi. Roma: Edizioni Mediterranee, 2010. Per capire il gioco come modo di essere immaginiamo che qualcuno si metta giocare a ping-pong, o a briscola, o a qualsiasi

Dettagli

C ERANO UNA VOLTA mille idee Prima parte. Informatica Applicata Prof.Emanuela Zilio

C ERANO UNA VOLTA mille idee Prima parte. Informatica Applicata Prof.Emanuela Zilio C ERANO UNA VOLTA mille idee Prima parte 1 Energia: comunicazione Trasmettere ed elaborare informazione richiede energia! le prime fonti utilizzate sono state la luce ed il fuoco (gli antichi romani, ad

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Dario Fo Struttura per la veggente 15 luglio 2005

Dario Fo Struttura per la veggente 15 luglio 2005 Dario Fo Struttura per la veggente 15 luglio 2005 L indovina racconta come da psichiatra abbia scelto di diventare veggente: un modo straordinario per aver successo e quattrini. Organizza e apre uno studio

Dettagli

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe Nei giorni 11 e 12 aprile sono andata in gita scolastica a Venezia. Prima di questo viaggio, nel mio immaginario, Venezia era una città triste,

Dettagli

john boyne il bambino con il pigiama a righe

john boyne il bambino con il pigiama a righe john boyne il bambino con il pigiama a righe 3 Proprietà letteraria riservata 2006 by John Boyne 2007 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07962-4 Titolo originale dell opera: The Boy in the Striped

Dettagli

CRE UGOLINI. Giacomo Pulcini

CRE UGOLINI. Giacomo Pulcini CRE UGOLINI Giacomo Pulcini Giacomo Pulcini è un pasticcione nato! Piccoli errori ed equivoci lo hanno accompagnato per tutta la sua vita. Questi errori, però, chissà come, lo hanno sempre portato a ritrovarsi

Dettagli

E.T. l extraterrestre

E.T. l extraterrestre E.T. l extraterrestre (Un alieno abbandonato o dimenticato sulla Terra viene ritrovato da un bambino, Elliot, che lo porta a casa. Con la complicità del fratello più grande e della sorellina Gertie, Elliot

Dettagli

Audio CD con storie. Grandi avventure BIBBIA. e canzoni. della. La mia prima Bibbia

Audio CD con storie. Grandi avventure BIBBIA. e canzoni. della. La mia prima Bibbia della Grandi avventure BIBBIA Audio CD con storie e canzoni La mia prima Bibbia Titolo originale: Great Adventures of the Bible My First Bible Creato da www.goldquill.co.uk Disegni di Mike Krome Colore

Dettagli

L INTERVISTA IMPOSSIBILE

L INTERVISTA IMPOSSIBILE Rete delle geostorie Istituto Comprensivo Spinea 1 (VE) Scuola primaria Vivaldi Classe 3 Anno scolastico 2013-14 Ins. Nadia Paterno L INTERVISTA IMPOSSIBILE L intervista impossibile : immaginate di intervistare

Dettagli

La casa dei balocchi

La casa dei balocchi La casa dei balocchi L azienda La lavorazione L azienda L azienda nasce nel 1958 a Brescia dalla passione del suo fondatore, Ezio Rossi, per il legno, materiale, per eccellenza, naturale. Tutto ha inizio

Dettagli

Presentazione. di Donatella Spinelli*

Presentazione. di Donatella Spinelli* Presentazione di Donatella Spinelli* Parole in corso è un libro e allo stesso tempo un gioco, pieno di consigli e di strumenti preziosi per chi vuole aiutare i bambini con difficoltà di lettura a progredire

Dettagli

GLI IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO. a cura di Pasquale Petrella

GLI IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO. a cura di Pasquale Petrella GLI IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO a cura di Pasquale Petrella Giannini Napoli 2012 GLI IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO a cura di Pasquale Petrella Giannini Napoli ISBN: 978-88-7431-620-5 2012 a cura di Pasquale Petrella

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Albert Cooper parla delle innovazioni di Theobald Boehm

Albert Cooper parla delle innovazioni di Theobald Boehm Albert Cooper parla delle innovazioni di Theobald Boehm Nel corso del 800 e del 900 furono apportati miglioramenti al flauto Böhm. Alcuni di questi miglioramenti sono sopravvissuti e li troviamo sugli

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

DIPARTIMENTO DIDATTICA E FORMAZIONE PROGRAMMAZIONE 2014/2015

DIPARTIMENTO DIDATTICA E FORMAZIONE PROGRAMMAZIONE 2014/2015 DIPARTIMENTO DIDATTICA E FORMAZIONE PROGRAMMAZIONE 2014/2015 Il Teatro dell Opera di Roma, attraverso questo Dipartimento intende avvicinare e coinvolgere i giovani all arte della Danza e della Musica

Dettagli

(Proposta didattica per scuole dell obbligo)

(Proposta didattica per scuole dell obbligo) Percorsi e giochi intor no a Venezia (Proposta didattica per scuole dell obbligo) Sei un insegnante e hai in programma una visita a Venezia con i tuoi alunni? Affidati a macacotour! Il primo servizio pensato

Dettagli

ATTIVITÀ GRADARA, ALL APERTO UN BORGO DA SCOPRIRE IL CASTELLO INCANTATO IN/CASTRO GRADARA INGIOCO

ATTIVITÀ GRADARA, ALL APERTO UN BORGO DA SCOPRIRE IL CASTELLO INCANTATO IN/CASTRO GRADARA INGIOCO ATTIVITÀ, ALL APERTO UN BORGO DA SCOPRIRE IL CASTELLO INCANTATO Destinatari: scuola dell infanzia e I ciclo scuola primaria Tipologia: racconto animato e laboratorio manipolativo Attività: quante avventure

Dettagli

Laura, 26 anni, di Martinsicuro (TE) è un aspirante sceneggiatrice.

Laura, 26 anni, di Martinsicuro (TE) è un aspirante sceneggiatrice. Laura, 26 anni, di Martinsicuro (TE) è un aspirante sceneggiatrice. Ha una Laurea in Arti visive dello spettacolo. Il cortometraggio da lei scritto Maria Cristina per un soffio non ha fatto parte della

Dettagli

Successivamente anche Breguet si occupò ( e non poteva essere diversamente) di orologi automatici. Egli era a conoscenza dell orologio di Perrelet,

Successivamente anche Breguet si occupò ( e non poteva essere diversamente) di orologi automatici. Egli era a conoscenza dell orologio di Perrelet, L'automatico Un po di storia. La nascita dell automatico si può far risalire alla prima metà del 700 per opera di Abraham-Louis Perrelet. Perrelet nacque a Le Locle nel 1729 e si occupò fin da giovane

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA Sei in campagna, seduto su un bel prato e guardi il cielo, che cosa vedi?.le STELLE!! Guarda bene: non ti sembra che il cielo assomigli ad

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga

Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga La Sede espositiva è divisa in diverse sezioni: la prima ripercorre, attraverso sculture e dipinti 2000 anni di storia

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

TEST LIVELLO B1 QCE COMPRENSIONE ORALE DETTATO ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA.

TEST LIVELLO B1 QCE COMPRENSIONE ORALE DETTATO ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA. TEST LIVELLO B1 QCE NOME COGNOME. CLASSE.. DATA.. COMPRENSIONE ORALE DETTATO. ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA. 1.. Fabio e Barbara si incontrano A) alla stazione di Pisa. B) all aeroporto di

Dettagli

SCHEDA DIDATTICA. Spettacolo Tentazioni, omaggio a Hieronymus Bosch. 1. Genere: teatro di figura, animazione a vista di marionette scolpite in legno

SCHEDA DIDATTICA. Spettacolo Tentazioni, omaggio a Hieronymus Bosch. 1. Genere: teatro di figura, animazione a vista di marionette scolpite in legno SCHEDA DIDATTICA Spettacolo Tentazioni, omaggio a Hieronymus Bosch Compagnia : Il Dottor Bostik/Unoteatro 1. Genere: teatro di figura, animazione a vista di marionette scolpite in legno 2. Testo e regia:

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE

PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE INTRODUZIONE I progetti di educazione musicale da me proposti si articolano in differenti approcci che variano a seconda dell età dei bambini. La differenziazione avviene

Dettagli

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA Storie di uomini, alberi e animali Dieci racconti e una riflessione Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta, Il bosco racconta Copyright 2014 Edizioni del Faro

Dettagli

GLI ELFI DI BABBO NATALE

GLI ELFI DI BABBO NATALE Gruppo Animatori Salesiani www.gascornedo.it info@gascornedo.it GLI ELFI DI BABBO NATALE Gioco in Oratorio Genere: a stand Ambienti: sia in interno che in esterno Età: bambini delle elementari/medie AMBIENTAZIONE

Dettagli

SEGRETI ESCLUSIVI FRANK GARCIA LA PORTA MAGICA

SEGRETI ESCLUSIVI FRANK GARCIA LA PORTA MAGICA SEGRETI ESCLUSIVI FRANK GARCIA LA PORTA MAGICA RINGRAZIAMENTI Un ringraziamento speciale lo devo al mio amico Richard Kaufman per le illustrazioni di questo libro. Come autore ed abile prestigiatore, egli

Dettagli

VOLARE E PERICOLOSO? LA RISPOSTA E DENTRO NOI STESSI. volare diventa MOLTO PERICOLOSO se si riducono i margini di sicurezza

VOLARE E PERICOLOSO? LA RISPOSTA E DENTRO NOI STESSI. volare diventa MOLTO PERICOLOSO se si riducono i margini di sicurezza VOLARE E PERICOLOSO? È certamente una domanda legittima, che molti piloti, più o meno consciamente, presto o tardi si pongono. Sorprendentemente, la risposta è a portata di mano: LA RISPOSTA E DENTRO NOI

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

TEMPO TEMPO. Oggi la maestra ha chiesto ai bambini e alle bambine di pensare a una frase con la parola tempo. Quante idee diverse!

TEMPO TEMPO. Oggi la maestra ha chiesto ai bambini e alle bambine di pensare a una frase con la parola tempo. Quante idee diverse! TEMPO Oggi la maestra ha chiesto ai bambini e alle bambine di pensare a una frase con la parola tempo. Quante idee diverse! OGGI IL TEMPO È BRUTTO. PER FARE QUESTO DISEGNO HO IMPIEGATO TANTO TEMPO. TANTO

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

sono dello stesso colore i colori delle caselle A e B risultano identici

sono dello stesso colore i colori delle caselle A e B risultano identici Eccoci qui. Vi trovo agguerriti e un po'... tesi, del resto come me, come se fosse il primo giorno di scuola o, meglio, il giorno di nascita di un'amicizia. Io sono molto più fortunato di voi: guardate

Dettagli

In Patagonia (Argentina, provincia di Rio Negro) esiste un ampio e suggestivo lago dal fantastico nome di Nahuel Huapì (Isola della Tigre).

In Patagonia (Argentina, provincia di Rio Negro) esiste un ampio e suggestivo lago dal fantastico nome di Nahuel Huapì (Isola della Tigre). Breve reportage storico, documentale e fotografico realizzato da Fabiana Lucia TOMBA e Franco CIOCE In Patagonia (Argentina, provincia di Rio Negro) esiste un ampio e suggestivo lago dal fantastico nome

Dettagli

C era una volta un Castellazzo

C era una volta un Castellazzo VILLA ARCONATI PER LE SCUOLE... DELL INFANZIA C era una volta un Castellazzo Una favola animata in cui tutto sarà possibile: fantasia e realtà per una storia d'altri tempi! Attività guidata da un operatore

Dettagli

Solo le montagne non s incontrano mai

Solo le montagne non s incontrano mai Laura Boldrini Solo le montagne non s incontrano mai Storia di Murayo e dei suoi due padri Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06364-7 Prima edizione: marzo

Dettagli

Admiral s Cup Legend 46 Minute Repeater Acoustica Accordo maggiore

Admiral s Cup Legend 46 Minute Repeater Acoustica Accordo maggiore Admiral s Cup Legend 46 Minute Repeater Acoustica Accordo maggiore Mai prima d'ora un Minute Repeater aveva marcato il tempo mediante accordi invece di note semplici. È il prodigio realizzato dal sontuoso

Dettagli

SCOPO DEL VIAGGIO 1: Vivere come un autentico giapponese al fianco della moglie e al comando della propria azienda di seta.

SCOPO DEL VIAGGIO 1: Vivere come un autentico giapponese al fianco della moglie e al comando della propria azienda di seta. CARLO GIUSSANI (1843-1930) A MILANO: Nel 1904, appena due anni dopo il ritorno dal Giappone, si dedica alla vita pubblica della città: è consigliere comunale e assessore. IN GIAPPONE: Giussani si trasferisce

Dettagli

LAVORO DELL ANNO PRECEDENTE. Successione cardinale Tanti/pochi LAVORO DI QUEST ANNO

LAVORO DELL ANNO PRECEDENTE. Successione cardinale Tanti/pochi LAVORO DI QUEST ANNO BAMBINI DI 4 ANNI LAVORO DELL ANNO PRECEDENTE Confronto tra quantità Successione cardinale Tanti/pochi LAVORO DI QUEST ANNO Le varie funzioni del numero : per quantificare per misurare per.. Dall indagine

Dettagli

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza.

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza. Le metafore della scienza di Tommaso Castellani Un dialogo tra: F. Un fisico che fa ricerca all università. I. Un fisico che si occupa di insegnamento a scuola. S. Uno studente sulla strada della fisica.

Dettagli

Chris Anderson. Makers. Il ritorno dei produttori. Per una nuova rivoluzione industriale

Chris Anderson. Makers. Il ritorno dei produttori. Per una nuova rivoluzione industriale Chris Anderson Makers Il ritorno dei produttori Per una nuova rivoluzione industriale Titolo originale: Makers. The New Industrial Revolution Editore originale: Crown Business, an imprint of the Crown

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

I bassifondi del Barocco

I bassifondi del Barocco I bassifondi del Barocco mostra 7 ottobre 2014-18 gennaio 2015 LIBRETTO RAGAZZI 7-12 anni CHE COS É IL BAROCCO? Ciao, io sono il Piccolo Ferdinando e conosco Villa Medici come le mie tasche. Se vuoi ti

Dettagli

La nascita e l evoluzione della TV Informazioni agli insegnanti

La nascita e l evoluzione della TV Informazioni agli insegnanti Informazioni agli insegnanti 1/6 Compito Gli alunni svolgono una serie di compiti su diversi temi e presentano i risultati in classe. Obiettivo Gli alunni si fanno un idea della storia della TV e del suo

Dettagli

ARBITRARE IL GIOCO. Usare le Relazioni con le Icone. Tirare le Relazioni all Inizio di una Sessione. Scoperta & Sorpresa

ARBITRARE IL GIOCO. Usare le Relazioni con le Icone. Tirare le Relazioni all Inizio di una Sessione. Scoperta & Sorpresa ARBITRARE IL GIOCO Questo documento contiene le istruzioni per i Game Master che vogliono arbitrare il gioco. Usare le Relazioni con le Icone Per le regole base delle relazioni con le icone, vedi Relazioni

Dettagli

Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti. per i bambini

Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti. per i bambini 20 15 16 Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti per i bambini Gentili Insegnanti, per la seconda volta il nostro programma si presenta in una veste grafica snella e

Dettagli

Andrea Vecchio. Acciughe. racconti minimi EUNOEDIZIONI

Andrea Vecchio. Acciughe. racconti minimi EUNOEDIZIONI TÒPOI 2 Andrea Vecchio Acciughe racconti minimi EUNOEDIZIONI Tòpoi collana a cura di Francesco Pontorno Copyright Andrea Vecchio Acciughe copyright 2012 Euno Edizioni 94013 Leonforte (En) / Piazza Margherita

Dettagli

Intervista telematica a Sonia Grineva

Intervista telematica a Sonia Grineva BTA Bollettino Telematico dell'arte ISSN 1127-4883 Fondato nel 1994 Plurisettimanale Reg. Trib. di Roma n. 300/2000 dell'11 Luglio 2000 1 Gennaio 2010, n. 549 http://www.bta.it/txt/a0/05/bta00549.html

Dettagli

PAESI DEL MONDO KENYA. Il mio amico SAFARI. di Massimo Leoncini. febbraio 2011 - GEOMONDO - 36

PAESI DEL MONDO KENYA. Il mio amico SAFARI. di Massimo Leoncini. febbraio 2011 - GEOMONDO - 36 PAESI DEL MONDO KENYA Il mio amico SAFARI di Massimo Leoncini febbraio 2011 - GEOMONDO - 36 In questi giorni invernali di freddo, pioggia e neve mi sono trovato per caso a guardare le foto del bellissimo

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

COS È SPS? Gennaro Romagnoli Psicologo e Psicoterapeuta

COS È SPS? Gennaro Romagnoli Psicologo e Psicoterapeuta COS È SPS? COS È SPS? Ciao, se hai scaricato questo Report vuol dire che sei interessato a raggiungere i tuoi obiettivi grazie a delle strategie scientificamente dimostrate. Beh sei proprio nel posto giusto,

Dettagli

Finalità. Sensibilizzare al rispetto di genere per prevenire forme di discriminazione.

Finalità. Sensibilizzare al rispetto di genere per prevenire forme di discriminazione. Finalità. Sensibilizzare al rispetto di genere per prevenire forme di discriminazione. Obiettivi. Suscitare curiosità verso l altro. Indagare sulle diversità e i ruoli. Riconoscere e valorizzare le differenze.

Dettagli

Manuale di gioco di Tenente Skat

Manuale di gioco di Tenente Skat Martin Heni Eugene Trounev Revisore: Mike McBride Traduzione della documentazione: Andrea Celli Aggiornamento della traduzione per KDE 4: 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Come si gioca 6 3 Regole del gioco,

Dettagli

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi.

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi. 1.Introduzione Venezia nasce nel 452 e poco dopo la fondazione della città i commercianti veneziani cominciano a portare dall Oriente prodotti che gli Europei non conoscono: le spezie, il cotone, i profumi

Dettagli

Il Principe Mezzanotte. Scheda di approfondimento. Materiale didattico di approfondimento per insegnanti e operatori

Il Principe Mezzanotte. Scheda di approfondimento. Materiale didattico di approfondimento per insegnanti e operatori Il Principe Mezzanotte Scheda di approfondimento Materiale didattico di approfondimento per insegnanti e operatori La Compagnia Teatropersona ha deciso di creare queste schede per dare l opportunità alle

Dettagli

Contenuti Multimediali per i libri scolastici Società Editrice Dante Alighieri. Riflettere

Contenuti Multimediali per i libri scolastici Società Editrice Dante Alighieri. Riflettere Riflettere Il Mito ieri e oggi La poesia definita epica racconta storie e leggende che fanno parte del cosiddetto patrimonio mitico. Un mito, dal greco mythos - racconto, è una narrazione di avvenimenti

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO Un amore nascosto Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO racconto A Mario, per ringraziarlo di avermi fatto scoprire cos'è l'amore. s ei e trenta in punto: lo squillo della sveglia non poteva essere che

Dettagli

La casa di Beckett a Ussy-sur-Marne

La casa di Beckett a Ussy-sur-Marne materiali www.samuelbeckett.it La casa di Beckett a Ussy-sur-Marne di Larry Lund Nel 1953, con la somma ereditata dopo la morte della madre, Samuel Beckett acquistò una piccola casa a Ussy-sur- Marne,

Dettagli

Steve Jobs: L innovatore

Steve Jobs: L innovatore Steve Jobs: L innovatore I 7 principi profondamente differenti alla base dell incredibile successo di Jobs alla Apple Carmine Gallo Editorialista, BusinessWeek.com INTRODUZIONE Il cofondatore della Apple,

Dettagli

Attività 1. Conta i punti I numeri binari

Attività 1. Conta i punti I numeri binari Attività 1 Conta i punti I numeri binari Sommario I computer rappresentano e trasferiscono i dati come sequenze di zero e uno. Come possiamo rappresentare parole e numeri usando solamente questi due simboli?

Dettagli

Acquistandoli entrambi risparmi il 25% (clicca qui)

Acquistandoli entrambi risparmi il 25% (clicca qui) Prenditi un istante per conoscere i nostri ebook: chiari, rigorosi, economici, studiati con cura per migliorare le tue abilità e superare ogni prova d'ammissione: Logica, guida completa per università

Dettagli

Leggenda Bonus. Leggenda Bonus LEGGENDE. Liberazione della miniera. Liberazione della miniera

Leggenda Bonus. Leggenda Bonus LEGGENDE. Liberazione della miniera. Liberazione della miniera Questa Leggenda è scritta su dodici carte: A1, A2, A3, A4, B, F, N, 3 carte Nascondiglio di Varkur e 2 carte Regole della miniera. Questa Leggenda si svolge sul retro della mappa da gioco: Miniera abbandonata.

Dettagli

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica Il carnevale degli animali di Camille Saint Saёns Grande fantasia zoologica Per due pianoforti e piccola orchestra Obiettivi del nostro lavoro Imparare a riconoscere il timbro di alcuni strumenti musicali.

Dettagli

Storia del campo di concentramento di Mauthausen

Storia del campo di concentramento di Mauthausen Hans Maršálek Storia del campo di concentramento di Mauthausen Documentazione 9. Sono sano sto bene 65 9. Sono sano sto bene A certi prigionieri era permesso, una volta al mese, di scrivere una lettera

Dettagli

L importante è... ...evitare gli eccessi. Guida al gioco. ...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile!

L importante è... ...evitare gli eccessi. Guida al gioco. ...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile! L importante è......evitare gli eccessi...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile! Guida al gioco RESPONSABILE RISERVATO AL RICEVITORE aams aams aams Per diffondere il gioco responsabile,

Dettagli

Il pittogramma di Chaco Canyon rappresenta la supernova SN1054?

Il pittogramma di Chaco Canyon rappresenta la supernova SN1054? Il pittogramma di Chaco Canyon rappresenta la supernova SN1054? Immagine: il Grande Kiva di Chetro Ketl, una delle Grandi Case nel Chaco Canyon (New Mexico, USA). Fonte: Chaco Canyon National Historical

Dettagli

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Apro gli occhi e mi accorgo si essere sdraiata su un letto. [ ] La prima cosa che mi viene in mente di chiedere è come mi chiamo e quanti anni ho. È

Dettagli

apre lavora parti parla chiude prende torno vive

apre lavora parti parla chiude prende torno vive 1. Completa con la desinenza della 1 a (io) e della 2 a (tu) persona singolare dei verbi. 1. - Cosa guard...? - Guardo un film di Fellini. 2. - Dove abiti? - Abit... a Milano. 3. - Cosa ascolt...? - Ascolto

Dettagli

Saggistica Aracne 158

Saggistica Aracne 158 Saggistica Aracne 158 Carlo Burin L orologio solare moderno a quadrante piano come funziona, come si calcola Copyright MMX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

La Tour Eiffel. La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti

La Tour Eiffel. La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti La Tour Eiffel La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti 1889, Edmond de Goncourt, scrittore e critico letterario orrendo mostro

Dettagli

DISEGNI AFRICANI DALL ANGOLA PER VIVERE LA MATEMATICA

DISEGNI AFRICANI DALL ANGOLA PER VIVERE LA MATEMATICA Scuola dell infanzia Andersen 1 circolo Spinea anno sc.2008-09 ESPERIENZE DI LETTURA E SCRITTURA PER I BAMBINI DI 5 ANNI Ins:Anna Aiolfi Marika Quaglietta Documentazione a cura di Anna Aiolfi DISEGNI AFRICANI

Dettagli

I Cristiani e gli Ebrei

I Cristiani e gli Ebrei I Cristiani e gli Ebrei La casa del Papa: Basilica di San Pietro e Musei Vaticani Le catene di San Pietro e la neve estiva nella Basilica di San Pietro in vincoli e nella Basilica di Santa Maria Maggiore

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Germania: Potsdam La Versailles degli Hohenzollern

Germania: Potsdam La Versailles degli Hohenzollern Il re prussiano Federico II salì al trono nel 1740 alla giovane età di 28 anni.. sotto il suo regno la Prussia diventò la quinta potenza europea per importanza, fu un politico eccezionale, un guerriero,

Dettagli