Gita Scolastica a Strasburgo. Quattro giorni...tante esperienze. Classi terze

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gita Scolastica a Strasburgo. Quattro giorni...tante esperienze. Classi terze"

Transcript

1 Gita Scolastica a Strasburgo Quattro giorni......tante esperienze Classi terze marzo 2011

2 1 giorno di viaggio Appena t'affacci alla rupe dove il Reno appare d'un tratto come un mare di spuma, il rumore, che prima s'udiva sordo come in lontananza, ti si fa a un tratto vicino, ti leva la parola, t'investe quasi con un'atmosfera si suoni gravi ed acuti che più non ti abbandona. [ ] Fiocchi di spuma, come come cirri volubili, come candide frange agitate dal vento, danzano sul ciglio della cascata. Il sole scintilla come sopra un turbine di gemme le più pure, le più trasparenti. Fuori di quel meraviglioso bacino, il Reno ripiglia il suo corso tranquillo, come non si fosse mai avvisto di nulla. A.Stoppani Fiume Reno Il fiume Reno è, con km, uno dei fiumi più lunghi d'europa. Il suo nome deriva da una radice celtica, ma ancor prima indoeuropea, che significa "scorrere". Assieme al Danubio formava la maggior parte del confine settentrionale dell'impero romano ed è stato, fin da quei tempi, un vitale corso d'acqua navigabile, usato per il commercio ed il trasporto delle merci fin nel cuore del continente. La navigazione sul fiume è regolata dalla Convenzione per la navigazione sul Reno, firmata a Mannheim il 17 ottobre 1868, tra il Granducato di Baden, il Regno di Baviera, la Francia, il Granducato di Hessen, i Paesi Bassi e la Prussia. Sorge dalle alpi svizzere, nel Canton Grigioni, dove i suoi due principali tributari iniziali sono chiamati Vorderrhein e Hinterrhein. Il Vorderrhein sgorga dal lago Tuma, vicino al passo dell'oberalp ed attraversa le meravigliose gole del Ruinalta. L'Hinterrhein nasce dai ghiacciai del gruppo dell'adula sul confine meridionale del Grigioni con il Ticino. I due tributari si incontrano vicino a Reichenau, sempre nei Grigioni. Uno dei rami secondari è costituito dal torrente Reno di Lei, che nasce in Italia dal Pizzo Stella ed è italiano per circa 15 km, per confluire, poi, nel Reno posteriore. Da qui il fiume, chiamato Alpenrhein, scorre verso nord attraversando Coira per poi lasciare i Grigioni ed entrare nel cantone di San Gallo di cui costituisce la

3 frontiera orientale con il Liechtenstein e l'austria prima di gettarsi nel lago di Costanza. All'uscita dal lago si dirige ad ovest e dopo il salto delle cascate del Reno riceve le acque del fiume Aar che ne aumentano la portata di oltre la metà, con una media di metri cubi al secondo. Il Reno segna il confine tra Svizzera e Germania prima di svoltare a nord con delle anse presso Basilea. Superata Basilea il Reno costituisce la parte meridionale del confine tra Germania e Francia scorrendo in una larga vallata prima di entrare interamente in territorio tedesco a Rheinstetten, vicino a Karlsruhe. Le cascate del Reno, note anche come cascate di Sciaffusa, sono le cascate più estese in Europa. Sono situate nella parte superiore del corso del fiume Reno, a Neurastenia am Rheinfall, a poca distanza dalla città di Sciaffusa nel nord della Svizzera vicino al confine tedesco. Le cascate hanno un'ampiezza di 150 metri e un'altezza di 23 metri, il bacino ha una profondità di 23 metri con una portata d'acqua media sui 750 m³/s, nel periodo estivo di 600 m³/s e quello invernale sui 250 m³/s.il flusso d'acqua nella sua portata massima era di 1250 m³/s nel 1965 e il flusso di acqua minimo 95 m³/s nel Circa anni fa la avviene la prima avanzata dei ghiacciai in Svizzera e comincia a formarsi il paesaggio attuale. Fino alla fine della glaciazione di Riss circa anni fa, il Reno scorreva a ovest di Sciaffusa attraverso il Klettgau. Questo letto antico del Reno fu successivamente coperto da depositi glaciali. Circa anni fa, il Reno cominciò a scorrere a sud di Sciaffusa e cominciò a formare dei piccoli corsi d'acqua. Il bacino idrografico attuale lascia ancora intravedere questi corsi d'acqua, che furono successivamente ricoperti. Dopo l'ultima glaciazione, la glaciazione Wurm, il Reno formò una curva verso sud e incominciò a scavare il suo letto attuale nel calcare. Sulla zona di transizione tra il calcare e i sedimenti trasportati dai ghiacciai in fase di ritiro, di facile erosione, si formarono le cascate che hanno raggiunto la fisionomia attuale tra e anni fa. L'ampia valle del Reno finisce alla confluenza con il Meno a Magonza. La parte fra Bingen e Coblenza, dove il Reno entra in una valle più stretta, è nota come Gola del Reno, una formazione creata dall'erosione e da un sollevamento tettonico. Questo tratto del fiume è noto per i castelli medievali e i vigneti che ricoprono le alture circostanti; nel 2002 è stato nominato Patrimonio dell'umanità dall'unesco. Il fiume si allarga nuovamente a sud di Colonia. Anche se molte industrie si trovano lungo il Reno, sin dal suo corso svizzero, è in questo punto, la regione della Ruhr in cui attraversa Colonia, Dusseldorf e Duisburg che si concentrano la maggior parte di esse. A Duisburg si trova il più grande porto fluviale d'europa. Al giorno d'oggi molte industrie lungo il Reno e i suoi affluenti hanno chiuso o hanno ridotto l'emissione di inquinanti nel corso d'acqua anche se permane un certo grado di inquinamento, specialmente alla confluenza con l'emscher in passato impiegato come vero e proprio canale di scolo industriale.

4 Il Reno a questo punto gira ad ovest nei Paesi Bassi, dove assieme alla Mosa forma un enorme delta. Oltrepassato il confine olandese, il Reno raggiunge la sua massima ampiezza, ma si divide poi in tre rami principali: il Ijssel, il Waal e il Basso Reno.Alla fine del suo viaggio il Reno per mezzo di chiuse, adoperate per le barche, viene scaricato nel mare del Nord. Sulle acque del Reno l'origine dell'inno francese La Marseillaise fu commissionata a Claude Joseph Rouget de Lisle, tenente dell' Armata del Reno, in seguito alla dichiarazione di guerra della Francia all' Austria. Egli la compose nella notte tra il 25 e il 26 aprile Il nome originale era Canto di guerra per l' Armata del Reno. Della canzone furono fatte copie che vennero distribuite ai soldati e alle forze rivoluzionarie.

5 FRIBURGO IERI E OGGI Friburgo, caratteristico borgo tedesco, celeberrimo per le sue università, situato nella regione amministrativa di Baden-Württemberg, a circa 40 Km dal confine francese e 60 dalla Svizzera, è un gioiello dell architettura teutonica, nonché capoluogo onorario della Foresta Nera. Sicuramente una delle vedute più entusiasmanti della nostra gita è stata quella del campanile gotico più antico del mondo (713 anni), fortunatamente rimasto intatto, nonostante Friburgo, come gran parte delle altre città tedesche, abbia dovuto subire pesanti attacchi aerei e sia stata seriamente danneggiata nella seconda Guerra Mondiale, precisamente nel novembre Infatti l 80% degli edifici del centro storico furono purtroppo distrutti. Il campanile, la cui cima si raggiunge con 600 piccoli gradini, è alto ben 116 m e fa parte della Cattedrale (Münster),situata nella piazza principale della città. Su di essa si affaccia anche l antica Camera di Commercio, Kaufhaus; e ancora colorati ristoranti, locali all aperto e piccole taverne, punto di incontro del mondo universitario, il tutto condito dalla purezza dell aria favorita dalla vicinanza della foresta. La chiesa principale(il Münster, appunto), voluta da Berthold v di Zahringen è stata costruita in arenaria rossa in un periodo compreso tra la fine dell XVII secolo e il 1513,intervallato però da una pausa di 134 anni a causa della moria portata dalla peste. Al suo interno molte sono le vetrate,sette in tutto:quattro nella facciata a sud(molto più vivaci e colorate) e tre in quella a nord. Ognuna di esse si differenzia però dalle altre perché donata da un differente gruppo di artigiani: vi saranno dunque quella dei fornai, dei falegnami e dei fabbri. Una di queste racconta anche attraverso le immagini la storia di Santa Caterina.Tra i numeri accostabili a questa chiesa altri due sono quelli importanti:116(i metri del campanile) e 11000(le canne totali dei quattro organi). Tornando a parlare dell esterno della struttura, si può notare come i costruttori, essendo il gotico lo stile usato, abbiano voluto avvicinarsi al cielo per portare il Paradiso in terra. In quegli anni questo significato simbolico aveva notevole valore per la gente del posto, dopo la devastante esperienza di morte a causa della peste era necessario ritrovare un po di pace. Le figure spaventose poste sulle guglie e i tetti a punta delle case hanno poi la funzione di scacciare il Maligno. Passando però all altro importante edificio affacciato sulla Piazza, la Camera di Commercio, si può dire di esso che fu costruito da Filippo il Bello, come gran parte degli edifici austriaci della città (questo a causa delle origini dei Signori che governarono Friburgo per secoli, gli Asburgo). La città si espanse a partire dal 1120 in seguito alla costruzione del castello (Schlossberg) voluto dai duchi di Zähringoen. Fino al 1368 dominarono la città i conti di Urach. I cittadini di Friburgo si affrancarono nel 1368 pagando la cifra di marchi d'argento ottenuti in prestito dagli Asburgo ma quando la città non fu in grado di restituire il prestito dovette assoggettarsi al dominio di essi. Significativa caratteristica che si può notare passeggiando per le strade di Friburgo sono i noti Bächle, piccoli canali pieni d acqua, più comunemente chiamati rivoli (larghi circa 30 cm e profondi 5-10 cm), presenti nelle strade pedonali del centro della città;

6 un tempo venivano usati anche per abbeverare gli animali e per sopperire alle emergenze portate dal fuoco in caso di incendi, e fanno parte tuttora del sistema fognario della città. Secondo un detto popolare, chi cade in uno di questi canaletti dovrà sposare una donna del luogo. Non si possono poi non notare i caratteristici mosaiken di Friburgo, disegni a mosaico(creati con i ciottoli del corso d acqua) situati di fronte ai negozi nella pavimentazione dei marciapiedi, che raffigurano l attività del locale a cui si trovano dinnanzi: un mosaico rappresentante una caraffa di birra indica quindi un pub, un diamante sta a segnalare la presenza di una gioielleria e una mucca di una macelleria. Il fiume principale della città è il Kaiser, che qualche kilometro più avanti confluisce nel Reno. Un microclima piuttosto mite tutto l anno (insolito per queste zone) la pone inoltre prima in classifica tra le città tedesche più calde;tutto ciò favorisce l afflusso di turisti, ma non solo, infatti tantissimi studenti universitari scelgono di venire a vivere qui, e rappresentano una parte significativa della popolazione, quasi il 15%, abbassando poi notevolmente l età media. Rimasta per ben quattro secoli sotto la corona austriaca, Friburgo ha orientato la propria vita economica e intellettuale attorno alll'università, che fu appunto fondata nel 1457 dall'arciduca Albrecht VI,fu poi rilevata dai Gesuiti nel 1620 che la gestirono fino al Il numero degli studenti cresce così ogni anno, visti i nuovi progetti in ambito comunitario e internazionale come il nuovo Erasmus Mundis. Generalmente qui le università ad indirizzo letterario si trovano nel centro città, quelle scientifiche hanno invece sede nella periferia,la casa degli studenti (struttura moderna e all avanguardia) è comunque una tra le più grandi d Europa. La città, che conta poco più di abitanti, offre numerosi siti culturali, storici e architettonici (alcuni precedentemente citati) mentre quasi inesistente è il settore secondario. Delle antiche mura che circondavano la città rimangono due porte: lo Schwabentor, (porta degli Svevi) risalente al 1200 che dava su una delle vie commerciali più importanti, quella del Sale (che portava a Salisburgo) e il Martinstor. Friburgo è gemellata con la città di Padova, viste le importantissime università presenti nelle due città. Significativo è anche l impegno riguardo all utilizzo di fonti di energia pulita, grazie alla campagna portata avanti dai Verdi. Abbiamo potuto imbatterci in una riunione in piazza per l abolizione delle centrali nucleari dopo le polemiche scoppiate in seguito al disastro ambientale verificatosi nella città giapponese di Fukushima. Il gruppo politico dei Verdi è perciò un importante realtà di questo territorio con il 30% dei voti ottenuti alle elezioni.

7

8 2 giorno di viaggio Strasburgo ieri e oggi Il sito su cui sorge Strasburgo fu inizialmente occupato dall'accampamento militare romano di Argentorata e dopo le campagne di Germanico del 14-16, all'interno della provincia di Germania superiore. A partire dal IV secolo, Strasburgo fu sede di un vescovato. Nel 1262 diventò poi una città libera del Sacro Romano Impero con un governo autonomo dal Nel 1439 fu completata la realizzazione della Cattedrale di Strasburgo, destinata a diventare l'edificio più alto del mondo. Negli anni successivi al 1520 la città fece propria la dottrina religiosa di Martin Lutero, i cui seguaci fondarono a Strasburgo nel secolo successivo una loro università. Presumibilmente questa è la città citata come "Argentina" da Sarpi nella Storia de concilio tridentino. La Francia annettè Strasburgo nel 1681, sotto il regno di Luigi XIV, e la conquista viene ratificata dal Trattato di Ryswick nel La politica di intolleranza religiosa verso i protestanti adottata in Francia con l'editto di Fontainebleau non poteva essere applicata a Strasburgo, ciò, unito alla crescita dell'industria e del commercio, portò la popolazione cittadina a triplicare fino a abitanti. Nel 1871, terminata con il Trattato di Francoforte la guerra franco-prussiana, la città tornò ad essere parte del Reichsland di Alsazia-Lorena dell'impero tedesco guidato dal carismatico Bismark che segnò la fine dell'imperatore francese Napoleone III. Strasburgo diventò nuovamente francese dopo la prima guerra mondiale, con la sigla nel 1919 del Trattato di Versailles e di nuovo tedesca durante gli anni della seconda guerra mondiale, dal 1940 al La linea del fronte tra Francia e Germania che nei secoli ha attraversato Strasburgo e la sua regione ha anche diviso le comunità e le famiglie, spesso trovatesi su fronti opposti nei diversi conflitti. Per questo, il monumento cittadino ai caduti di tutte le guerre raffigura una madre che regge i corpi di due figli volutamente nudi, cioè privi di qualsiasi divisa o insegna riconducibile ad una particolare fazione. Oggi Strasburgo è diventata una delle capitali dell'unione Europea, questo anche grazie ai cambiamenti attuati del sindaco (nonché senatore francese) Roland Ries, esponente del Partito Socialista Francese (PS), che in carica dal 2008, ha sempre sostenuto una campagna ambientale della città molto decisa; egli infatti sta creando una Strasburgo sostenibile, in cui il rispetto dell ambiente è al primo posto. Ciò che quest uomo politico sta cercando di condurre è uno sviluppo di altre modalità di trasporto al di fuori dell uso privato delle automobili; sostiene infatti che le auto debbano essere utilizzate solo nelle periferie della città, perché unica zona di pertinenza, mentre nel centro ha incentivato l'uso del tram e di altri trasporti pubblici (le bici e il trasporto pedonale) dei quali non vuole assolutamente la privatizzazione.

9 I particolari taxi ecosostenibili di Strasburgo Ries sta anche cercando di allargare le zone verdi della città, meta di molti turisti e abitanti del posto che si recano negli ampi parchi, lungo le vie suggestive e sulle rive del fiume Ill che bagna la città, per godersi momenti di riposo in cui non vengono disturbati dai rumori delle auto o dall inquinamento. Celebre è il vastissimo e antico Parco dell Orangérie, risalente alla fine del XVII secolo. Il nome Orangérie deriva dal fatto che, dopo la Rivoluzione francese, nel parco furono piantati 138 alberi di aranci. Attualmente ospita anche un piccolo zoo e un ristorante di alta cucina. Questo è il posto ideale per trascorrere un pomeriggio rilassante all insegna delle passeggiate e degli avvistamenti di cicogne, che si annidano numerose sulle cime degli alberi del parco.

10 I quartieri periferici Strasburgo è una città di circa abitanti e viene classificata come la settima più abitata della Francia. Il quartiere dell ospedale, il primo che abbiamo visitato, è attraversato dal fiume Ill, che si prolunga per le piazze e le strade di questa zona. L elemento caratteristico è l ospedale Clinique dell Orangerie che può essere identificato come uno dei più belli e organizzati della Francia. Questo è gemellato con la facoltà di medicina che si trova nelle sue vicinanze. L ospedale possiede anche delle vigne, delle cantine vinicole, perciò, molto spesso il comune organizza anche delle degustazioni. L ospedale era considerato un ente molto ricco tanto da potersi comprare del terreno per le vigne perché spesso chi veniva ricoverato in fin di vita poteva lasciare i propri beni alla struttura. La guida ci ha spiegato che questa zona circa trent anni fa era considerata pericolosa, malfamata e non era molto frequentata, ma grazie a un iniziativa del comune di Strasburgo si è potuto ricostruire il quartiere, rendendolo uno dei più esclusivi e lussuosi della città. La zona è caratterizzata da parchi e da grossi viali pedonali che permettono alle persone di passeggiare o di fare picnic all aperto ad esempio nei giorni soleggiati d estate e di primavera. Il comune organizza anche dei bellissimi spettacoli con giochi di luci e acqua nelle sere d estate. In questo quartiere si trova anche la strada del Reno, un largo viale che permette di arrivare direttamente sull omonimo fiume. Spesso è molto trafficato perché sono moltissimi gli abitanti che si spostano dalla Francia alla Germania per lavorare. Il fiume Ill, che caratterizza la zona, è spesso ricco di battelli che nella stagione dei mercatini natalizi ospitano turisti da ogni parte del mondo, soprattutto statunitensi. Il secondo quartiere che abbiamo visitato è molto antico, infatti è stato costruito dai tedeschi che nel 1871 hanno deciso di ingrandire la città. Per la prima volta in Europa sono stati edificati appartamenti con acqua corrente che hanno reso la vita quotidiana più semplice e che hanno dato il prestigio alla città di essere una delle prime a godere di questi servizi. All epoca,però, abitare in una di queste case era molto costoso e se lo potevano permettere solo i ricchi e i borghesi. Una delle attrazioni principali della città sono le cicogne che in primavera, quando tornano dai paesi caldi, nidificano sugli alberi. Negli anni Sessanta-Settanta erano solo 76 le cicogne che arrivavano in città, la maggior parte veniva fulminata dai fili elettrici ad alta tensione. Quando si scoprì la causa della riduzione del numero di cicogne che arrivavano si decise di non costruire più pali per l elettricità ad alta tensione, in questo modo il numero di questi animali aumentò nel giro di qualche anno, tanto da essere arrivati a una sovrappopolazione. Il quartiere cosiddetto europeo è chiamato così perché ospita tre sedi importanti per l organizzazione dell Unione Europea: la corte europea dei Diritti dell Uomo, il Consiglio d Europa e il Parlamento Europeo.

11 Il Consiglio d'europa è un'organizzazione internazionale il cui scopo è promuovere la democrazia, i diritti dell'uomo, l'identità culturale europea e la ricerca di soluzioni ai problemi sociali in Europa fu fondato il 5 maggio 1949 col Trattato di Londra e conta oggi 47 stati membri. Vista dall esterno appare come una struttura imponete con le bandiere dei 47 staiti membri poste in ordine alfabetico davanti alla facciata principale. La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) è stata istituita nel 1959 dalla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali del 1950, per assicurarne il rispetto. Vi aderiscono quindi tutti i 47 membri del Consiglio d'europa. Il Parlamento Europeo è l ultima costruzione che abbiamo potuto vedere. Questa sorge abbastanza vicina al centro città. Nasce in origine come Assemblea comune della CECA il 10 settembre 1952 con sede a Strasburgo. Conta 78 membri indicati dai governi degli allora 6 stati membri. Il 19 marzo 1958, a seguito dei trattati di Roma dell'anno prima, nasce l'assemblea parlamentare europea, sempre con sede a Strasburgo, ma allargata a 142 membri eletti con le stesse modalità della precedente Assemblea della CECA. Il 30 marzo 1962 l'assemblea muta nome in Parlamento europeo che dal 1º gennaio 1973 lievitò a 198 membri per l'entrata di Danimarca, Regno Unito e Irlanda. Il 20 settembre 1976 il Consiglio europeo decide a Bruxelles di rendere il Parlamento europeo eleggibile a suffragio universale diretto. Il testo entra in vigore il 1º luglio 1978 e le prime elezioni vengono celebrate nel giugno Tutti e tre gli edifici si presentano esternamente molto imponenti, ma allo stesso tempo lussuosi e luminosi. Il Parlamento Europeo e la corte Europea dei Diritti dell Uomo sono ricoperte interamente o in parte di vetri trasparenti che fanno della costruzione un ambiente accogliente e luminoso per chi lo visita e per chi ci lavora. Le bandiere degli Stati appartenenti alle varie organizzazioni vengono considerate un po come simbolo dell Europa Unita e sono presenti in tutte e tre le costruzioni.

12 PETITE FRANCE Petite France (il cui nome, curiosamente, deriva da un ospedale, attualmente scomparso, specializzato nella cura del cosiddetto mal francese, la sifilide), grazie ai suoi meravigliosi canali è il quartiere più caratteristico del centro storico di Strasburgo, dove in passato abitavano e lavoravano pescatori, mugnai e conciatori. Le bellissime case in legno a vista risalgono al XVI e XVII secolo. I tetti spioventi proteggono i granai dove un tempo venivano fatte seccare le pelli. A un estremo di questo quartiere si trovano i Ponts Couverts considerato uno dei punti più pittoreschi di Strasburgo. Essi hanno conservato il loro nome nonostante abbiano perso le coperture nel XVIII secolo. Sono dominati da quattro torri del XIV secolo, vestigia di antichi bastioni che vegliavano sull indipendenza della repubblica strasburghese. Subito dopo l annessione di Strasburgo alla Francia nel 1681, una nuova cinta muraria venne edificata dall ingegnere Vauban. Dai Ponts Couverts ci si può inoltrare nelle stradine del Finkwiller, antico quartiere di conciatori e pescatori della riva destra, oppure nelle deliziosa rue du Bain-aux-Plantes e rue des Dentelles, tra le case in legno animate di logge, frontoni e alti camini. A qualche metro ddi distanza dai Ponts Couverts, intorno al 1690 fu costruita, ad opera di Tarde, la Diga Vauban, detta Grande Ecluse grande chiusa perché, in caso di necessità, permetteva di inondare tutta la p arte sud di Strasburgo. L albero più vecchio del quartiere risale circa a 100 anni fa.

13 Le casse a graticcio Le case a graticcio sono originarie della Germania, introdotte in Alsazia a seguito all'occupazione tedesca. Queste abitazioni si trovano soprattutto all interno di piccoli borghi o nei centri storici di importanti città come Colmar e Friburgo, ma sono assai diffuse anche a Strasburgo, una delle città maggiormente popolate dell Alsazia. Le case più antiche risalgono al 1400, un esempio può essere Maison Kammerzell costruita con travi di legno scolpite, è l unica abitazione che è riuscita a resistere a tutti gli incendi che si sono verificati a Strasburgo ed oggi è ancora visibile nella piazza della Cattedrale. Assai caratteristico è il tetto, anch esso di legno, molto spiovente e alto rispetto al resto della casa; spesso ci sono più punte che formano un sottotetto. Questa particolare costruzione serviva in inverno, quando, in questi luoghi, il clima scende anche a basse temperature e le nevicate sono frequenti. E'necessario perciò far scivolare la neve, senza che se ne stacchi un pezzo all improvviso e provochi danni, questo sistema è adottato anche per le piogge, infatti quando la corrente atlantica soffia, le precipitazioni sono frequenti e questi speciali tetti permettono all acqua di scorrere molto velocemente. Ancora oggi vengono edificate case a graticcio, perché sono molto comode per le esigenze della popolazione, ma ora esternamente sono fatte di legno, mentre all interno sono rivestite di mattoni, e i tetti sono di pietra o di arenaria rossa, il materiale più utilizzato per costruire abitazioni fin dall antichità. La struttura dalla casa è molto strana, perché nella parte più bassa è stretta, mentre al primo piano la pianta dell abitazione si allarga notevolmente. Gli elementi architettonici di base erano già tutti sviluppati: dei montanti verticali, poggianti su una traversina a terra o rialzata grazie a uno zoccolo in muratura, reggevano le travi orizzontali studiate per formare la base del pavimento e l armatura del soffitto. Questa ossatura veniva rinforzata tramite puntoni obliqui e travi minori, abilmente inserite come contrafforti nei punti critici per garantire un telaio robusto ed elastico. Tale principio essenziale rimase valido fino all Ottocento, naturalmente declinato in tutta una serie di adattamenti, variazioni e trasformazioni influenzate dalle varie correnti artistiche, dalle caratteristiche regionali, dalle possibilità economiche e dalla fantasia dei mastri carpentieri. Così le case a graticcio in Francia si svilupparono in una stupefacente varietà di forme, intrecci e decorazioni, a volte figurative, altre puramente ornamentali, tanto che si può affermare che non esistano due case uguali. Alcuni cittadini si facevano edificare una casa che non avesse il tetto, perché erano dei conciatori e per far asciugare la pelle avevano bisogno d aria. Le case a graticcio erano molto piccole, anche se dall esterno sembrava il contrario spesso le famiglie erano molto numerose e i letti o gli spazi per mangiare erano molto ridotti.

14 Le città dell Alsazia sorgono soprattutto sui fiumi, infatti, possono essere ricordate come la "Venezia francese. Spesso, perciò, davanti alle case non ci sono strade, ma attracchi per piccole imbarcazioni e nella periferia della città esiste sempre un porto navigabile anche da grandi imbarcazioni. In Francia è diffusa la tradizione dell abbellimento della casa con fiori e frutti. Questa cultura è stata diffusa dai tedeschi e si ritrova soprattutto nei paesini più piccoli, come Colmar, dove esiste una vera e propria competizione fra villaggi, cosicchè le case più belle e originali regalano al entro abitato dei punti che conferiscono gli maggior prestigio; in tutta la Francia esistono solo tre località che hanno ottenuto il punteggio più alto e questi si trovano tutti in Alsazia. I colori delle abitazioni che vengono utilizzati oggi sono molto talvolta molto sgargianti: verde, rosso e azzurro.

15 La Cattedrale di Strasburgo La cattedrale di Strasburgo è una delle chiese cattoliche più note in tutta la Francia e in tutto il resto del mondo. Viene chiamata Notre-Dame in francese e Liebfrauenmünster in tedescopoichè è dedicata alla Madonna. Nel 1176 venne iniziata la costruzione in stile romanico e fu poi continuata fino al 1439 in stile gotico (francese e tedesco). La cattedrale è costruita quasi completamente in arenaria che le conferisce il colore rossiccio che caratterizza anche molte altre costruzioni in città vicine come la cattedrale di Friburgo in Brisgovia. Ha la forma di basilica a tre navate con transetto, ma è rimasta incompiuta a causa delle sue enormi dimensioni, infatti nel progetto del comune e del vescovo Henri de Hasenbourg, essa avrebbe dovuto superare le chiese delle zone vicine. Oggi si distingue da molte altre cattedrali gotiche di quel periodo per la mancanza della torre campanaria meridionale, ciò determina un forte effetto asimmetrico dell insieme. All interno, le parti posteriori dell'edificio, il presbiterio e il transetto, sono quelle che maggiormente conservano la struttura romanica, particolarmente evidente nella cripta dell XI secolo.

16 Caratterizzata da una spiccata dissoluzione delle pareti secondo l architettura gotica, la cattedrale rappresenta la perfetta fusione tra due stili completamente diversi. D'altro canto le sculture della chiesa lasciano trasparire nuove tendenze dell'arte gotica, dato che in opere come la morte della Vergine il drappeggio dei vestiti non nasconde più completamente le forme del corpo: la scultura riacquista così una parte della plasticità che il gotico tendeva in precedenza a tralasciare per assecondare le forme snelle e lo slancio verso l'alto. La chiesa si distingue dalle altre per un orologio astronomico di grandi dimensioni che riproduce la precessione degli equinozi ed è in grado di battere anche le ore tredici. All interno della cattedrale, di fianco all orologio, si trova una colonna con due angeli tipica dell arte gotica che rappresenta il giorno del giudizio. Il maestoso pulpito gotico, in un preciso momento dell anno è oggetto di un fenomeno curioso: una luce verde (cioè un raggio di sole che si tinge del colore di una parte di una vetrata) illumina il corpo del Cristo crocefisso. Le vetrate e l'imponente rosone, risalenti al tredicesimo secolo, illuminano la chiesa con riflessi di luci variopinte. Le costruzioni che si affacciano sulla piazza antistante, caratteristiche per l'intelaiatura a traliccio, formano insieme alla cattedrale un importante insieme urbanistico. Con un'altezza di 142 metri, la cattedrale restò intatta fino ai giorni nostri, differenziandosi da molte altre costruzioni medievali che gareggiavano tra di loro in dimensioni, ma che non rimasero in piedi a lungo (come ad esempio la cattedrale di Beauvais). Risultò essere l'edificio più alto nel mondo a partire dal 1647 (in seguito al crollo della torre della Marienkirche a Stralsund), per poi restarlo fino al 1874 (anno in cui fu costruita la Nikolaikirche ad Amburgo). Ha del resto un ruolo urbanistico primo piano per tutta la zona di Strasburgo, dato che è visibile a chilometri e chilometri di distanza (ad esempio da alcuni punti della Foresta Nera).

17 L ORGANO E L OROLOGIO ASTRONOMICO DELLA CATTEDRALE DI STRASBURGO Etimologia La parola organo,deriva dal latino organum,derivato dal greco ορϒανον. Dal principio, questo termine aveva il significato di strumento in generale,ma poi,con il passare degli anni e dei secoli, assunse, in campo musicale,il significato che conserva tuttora. Tracce del suo valore originario,si trovano tuttora nella parola organologia, la scienza che studia tutti gli strumenti musicali ed il loro funzionamento. Come funziona un organo? Le parti più importanti, ovvero quelle che provvedono al funzionamento dello strumento sono: la manticeria. i somieri, la consolle e, naturalmente, le canne. Tutte queste parti sono costruite con diversi materiali, quali avorio, legno, piombo, acciaio, pelle e cartone, ed hanno funzione di: produrre aria, trasmetterla alle canne, le quali si suddividono in registri. L aria è poi inviata attraverso dei ventilabbri alle canne selezionate tramite un meccanismo azionato manualmente e, a seconda del periodo in cui è stato costruito, l organo avrà più o meno registri (file di canne) e strumenti aggiuntivi. Scopo principale di questo strumento è quello di riprodurre quati più suoni possibili ordinati e classificati con nomi quali: voce umana, concerto di viole, ottavino, flauto traverso. Nel periodo barocco, furono ideati e costruiti congegni tali da far vibrare una grancassa posizionata nell interno dell organo e da sempre esistono metodi per suonare sugli stessi tasti un intervallo di quinta, sesta, settima od ottava sopra. GLI ORGANARI Così venivano chiamati i costruttori di organi,ed i più importanti della zona mitteleuropea, nonché i maggiormente apprezzati da J.S.Bach e costruttori dell organo di Strasburgo furono i Silbermann.

18 In questo magnifico strumento,i registri,ovvero le file di canne si suddividono nel seguente modo: PRINCIPALE: VIOLA DA GAMBA: SALIZIONALE: OCTAVA: CORNO DI CAMOSCIO: DCIMAQUINTA: BREVE STORIA DELL OROLOGIO MECCANICO All Inizio della sua storia,nel XIII secolo,l orologio meccanico si trovava quasi esclusivamente nei monasteri italiani ed inglesi,ma era molto diverso da come lo intendiamo noi oggi. Infatti, esso non aveva che una melodia la quale si attivava in alcuni momenti della giornata. In seguito, nel XIV sec., nacquero i primi orologi con le lancette azionate da un un peso che faceva girare un tamburo (nell immagine è la parte lignea). Conseguentemente, una serie d ingranaggi girava e, ad intervalli regolari, la ruota di scappamento (attaccata al tamburo) interrompeva regolarmente la caduta del peso. Anche Leonardo Da Vinci ha aiutato il progresso, inventando prototipi di macchinari atti a misurare il tempo. Ma il movimento delle lancette non era regolare negli orologi trecenteschi, così, applicando i princìpi scoperti nel 1581 da Galileo Galilei,nel 1657 venne costruito il primo orologio a pendolo. GLI OROLOGI ASTRONOMICI Fin dal Medioevo, si diffuse l usanza di costruire, spesso sui campanili o sulle torri private dei signori locali(gli edifici più alti delle città in quel periodo), grandi orologi

19 pubblici per scandire le ore ed i momenti lavorativi degli operai e dei contadini. Costoro appartenevano alla classe sociale più disagiata perciò non potevano permettersi di acquistarne uno proprio.l edificazione di magnifici congegni era, inoltre, un modo per mostrare la potenza del feudatario e, più questi meccanismi avevano funzioni e decorazioni, più il padrone locale dava sfoggio della propria ricchezza da cui il termine campanilismo. In epoca barocca crebbe in molti la passione per gli automi e, prima, nel XVI secolo,epoca delle nuove scoperte astronomiche e geografiche, nell Europa Centrale si erano eretti grandi orologi astronomici (Praga, Strasburgo, nonostante l ultimo fosse trecentesco realizzò le sue forme attuali verso la metà del 500). A Strasburgo, dal XIX secolo, una fabbrica (la Ungerer), proseguì la sua attività e, nel 1933, costruì l orologio più grande del mondo: quello astronomico di Messina. Gli orologi astronomici più importanti sono,in genere,inseriti in torri,unica eccezione è quello di Strasburgo,ligneo,il quale si trova nel braccio destro del transetto della Cattedrale. La storia L antenato di questo prodigio, nacque nel 1356, ed aveva posto sulla parete opposta, dove se ne può tuttora osservare la traccia (una figura circolare ed alcuni segni verticali), ed era chiamato horloge des Mages (L orologio dei Re Magi ).. Questo era molto più semplice di quanto non sia quello attuale. I suoi meccanismi, facevano sì che un gallo cantasse ogni ora e che, ad ogni quarto, uno dei Re Magi s inginocchiasse davanti alla Madonna. Nel 1547 il matematico Dasypodius fu incaricato di ricostruire l orologio, fermo da molti anni. I lavori però, a causa dei diversi proprietari che si succedettero, terminarono solo nel 1670, da allora fino ad alcuni anni prima della Rivoluzione Francese, i meccanismi funzionarono ininterrottamente. Nel 1788, il dodicenne Jean-Baptiste Schwilguè, visitando la Cattedrale e ciò che restava dell Orologio Astronomico, disse al padre che ne avrebbe ripristinata la

20 meccanica. Tempo dopo, si laureò in matematica e fisica, studiò da orologiaio come autodidatta, e progettò daccapo l orologio astronomico. Quindi, cercò di vendere le sue idee ad alcune ditte parigine, fino a quando, nel 1838, venne incaricato di metterle in pratica e di realizzare così il suo sogno. L orologiaio utilizzò alcuni elementi cinquecenteschi e, grazie ad un èquipe di operai specializzati e formati dallo stesso Schwilguè, l orologio fu ultimato nel 1842 ed inaugurato a mezzanotte del 31 dicembre. La meccanica- La data dell'inaugurazione non fu scelta a caso, poiché, per pochi secondi ogni anno, proprio quella notte, si attivano le ruote dentate le quali sono poste nel basamento della costruzione a vista. Queste ultime, calcolano il calendario liturgico cattolico ed il numero dell anno ( comput ecclesiastique, come recita il nome di questa parte, che si trova in basso a sinistra), mentre l altra sezione calcola le date. Motore di tutto sono un pendolo ed uno scappamento piuttosto comuni, che avviano un movimento precisissimo ed elaboratissimo. Quest ultimo avvia il tempo solare (ora di Greenwich, segnato con lancette dorate) e il tempo solare medio (ora locale, indicata da lancette argentate) si calcola apportando due correzioni all ultima. La prima consiste nell adeguare l ora solare al cambiamento dei giorni e delle stagioni, la seconda si basa sul correggere le variazioni dell orbita terrestre,che è ellittica e non sferica come altrimenti indicherebbero i meccanismi. Entrambe queste funzioni sono calcolate da due ruote dentate disegnanti un grafico con i calcoli matematici opportuni. Un rullo mette in pratica quanto segnato dalla ruota, seguendola e correggendo così l ora ufficiale ed indicando quella locale. L orbita della Luna intorno alla Terra non è stabilita che da cinque equazioni,eseguite da altrettante rotelle, aventi tutte un nome (evenzione, variazione, equazione annuale, riduzione).per prevenire malfunzionamenti del pendolo o errori di calcolo, l orologio è fondato sul movimento del giorno sidereo, cioè non sulla giornata convenzionale di ventiquattro ore, ma sulla vera orbita terrestre, di ventiquattr ore, cinquantasei minuti, secondi. Tutto ciò è approssimato con il reciproco dell operazione (1+450/611x 1/269), il che porta ad uno sbaglio pari ad un secondo al secolo! Ad ogni vigilia di Capodanno un'etichetta metallica scivola lungo la circonferenza dell'anello del calendario e prende posizione nella domenica corretta per l'anno che sta per iniziare. Tutte le altre feste mobili della Chiesa sono collegate all'etichetta della Pasqua e si muovono con essa. IL FENOMENO DELLA LUCE VERDE Di questo fenomeno, notato solo nel 1959, non sappiamo nulla, se non che il raggio di luce verde che parte da una vetrata,probabilmente ma non sicuramente da un vetro verde rappresentante la scarpa di una santo, alle di ogni equinozio di primavera illumina la statua del Signore crocifisso del pulpito. Un minuto prima è sulla Madonna ed uno dopo sulla Veronica.Il fenomeno dura perciò sessanta secondi all anno. Ciò che colpisce è la precisione con cui ogni anno si ripete. Sappiamo con certezza che non fu

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

La Regione Germanica

La Regione Germanica La Regione Germanica Si tratta della regione centrale del continente europeo, che si estende dalla coste tedesche bagnate dal Mare del Nord e dal Mar Baltico fino alla catena montuosa della Alpi. Nell

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi camminano in mezzo. A destra si nota una macchina d

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

APPROFONDIMENTO STORICO-CULTURALE

APPROFONDIMENTO STORICO-CULTURALE APPROFONDIMENTO STORICO-CULTURALE del modulo di FRANCAIS ET TRAVAIL DOCENTE: prof.ssa Antonia Rutigliani ALLIEVO: Angelo Bruno 2 STORIA GEOGRAFIA ECONOMIA CULTURA TRADIZIONI 3 Strasburgo (Strasbourg) è

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

FIRENZE, 15-17 APRILE 2016

FIRENZE, 15-17 APRILE 2016 FIRENZE, 15-17 APRILE 2016 CONCEPT Villa d Este ha da tempo valorizzato il proprio legame con la storia del design automobilistico, accogliendo nella sua collezione d arte una Alfa Romeo 6C 2500 SS Coupé

Dettagli

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi.

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. 1 2 3 La Cattedrale di Padova La Cattedrale rappresenta il cuore e l espressione più viva

Dettagli

Varsavia. Varsavia (in polacco Warszawa) è la capitale della Polonia. Realizzato da Gabriel Gaio

Varsavia. Varsavia (in polacco Warszawa) è la capitale della Polonia. Realizzato da Gabriel Gaio Varsavia Varsavia (in polacco Warszawa) è la capitale della Polonia. Realizzato da Gabriel Gaio Etimologia La sirena di Varsavia Le prime tracce del nome appaiono nel 1321 come Warseuiensis. Il nome medievale

Dettagli

VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO

VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO Martedì, 1 marzo siamo andati a Palazzo Cisterna di Torino. Questo palazzo, tanti anni fa, era di proprietà di Amedeo I di Savoia, duca d Aosta, re di Spagna e sua moglie

Dettagli

UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI

UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI PERCORSO INTERDISCIPLINARE DI MUSICA TECNOLOGIA IMMAGINE ITALIANO STORIA Classi 4 C e 5 B a.s. 2013 /2014 Il 10 ottobre 2013 noi alunni di tutta la Scuola

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa).

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa). L età comunale può essere suddivisa in due periodi: 1. periodod affermazione daffermazione(da metà XII secolo agli inizi del Trecento); 2. periodo di crisi (dai primi decenni del Trecento al 1378 circa).

Dettagli

COME SI VIVEVA IN UN INSULA? COMPLETA. Si dormiva su Ci si riscaldava con Si prendeva luce da.. Si prendeva acqua da. Al piano terra si trovavano le..

COME SI VIVEVA IN UN INSULA? COMPLETA. Si dormiva su Ci si riscaldava con Si prendeva luce da.. Si prendeva acqua da. Al piano terra si trovavano le.. ROMA REPUBBLICANA: LE CASE DEI PLEBEI Mentre la popolazione di Roma cresceva, si costruivano case sempre più alte: le INSULAE. Erano grandi case, di diversi piani e ci abitavano quelli che potevano pagare

Dettagli

Repertorio dei beni storico ambientali 1

Repertorio dei beni storico ambientali 1 Repertorio dei beni storico ambientali 1 Indice Casate... 3 Oberga... 4 Pagliarolo... 5 Fontanelle... 6 Travaglino... 7 Oratorio di San Rocco... 8 Calvignano... 9 Castello... 10 Valle Cevino... 11 Repertorio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente L Europa in sintesi L Europa: il nostro continente L Europa è uno dei sette continenti del mondo. Essa si estende dall Oceano Artico a nord al Mare Mediterraneo a sud e dall Oceano Atlantico a ovest fino

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia Isola di Ortigia Isola di Ortigia costituisce la parte più antica della città di Siracusa. Il suo nome deriva dal greco antico ortyx che significa quaglia. È il cuore della città, la prima ad essere abitata

Dettagli

Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali

Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali 9. Scheda Cavriana 125-137.qxp:00+01-ok+okGM 28-11-2011 0:18 Pagina 125 Parte seconda Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali 9. Scheda Cavriana 125-137.qxp:00+01-ok+okGM

Dettagli

Viaggio di Nozze. Mariella & Roberto. Spagna

Viaggio di Nozze. Mariella & Roberto. Spagna Viaggio di Nozze Mariella & Roberto Spagna Viaggio di Nozze Mariella & Roberto Voli : Malpensa / Madrid Madrid / Siviglia Siviglia / Barcellona Barcellona / Malpensa Viaggio di Nozze Mariella & Roberto

Dettagli

Indica gli elementi naturali che caratterizzano i confini dell Europa a a. Sud:... b. Ovest:... c. Nord:... d. Est:...

Indica gli elementi naturali che caratterizzano i confini dell Europa a a. Sud:... b. Ovest:... c. Nord:... d. Est:... Unità 1 Nome... Classe... Data... Prima Osserva la carta dell Europa e prova a rispondere alle seguenti domande: perché appare strano definire l Europa come un continente a sé a differenza di quanto avviene,

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Rientro in albergo. Cena in ristorante: il pullman accompagnerà. Vienna (l Opera)

Rientro in albergo. Cena in ristorante: il pullman accompagnerà. Vienna (l Opera) Nel primo pomeriggio 1 incontro con la guida. Nell arco dei due incontri avremo modo di vedere il Ring, la più famosa arteria di Vienna, sulla quale si affacciano fastosi palazzi barocchi; lo Hofburg,

Dettagli

DALLA FORESTA NERA ALL ALSAZIA Friburgo. Strasburgo. Colmar

DALLA FORESTA NERA ALL ALSAZIA Friburgo. Strasburgo. Colmar ITINERARI D ARTE de laformadelviaggio 29 maggio 2 giugno 2015 DALLA FORESTA NERA ALL ALSAZIA Friburgo. Strasburgo. Colmar Probabilmente basterebbero i paesaggi incantati di questa zona a far venire voglia

Dettagli

Le linee ferroviarie di Trieste

Le linee ferroviarie di Trieste Le linee ferroviarie di Trieste Trieste è da sempre una città porto cosmopolita, ricca di scambi, di afflussi di merci e di commercianti da tutto il Mediterraneo: basti pensare che fino a 5 anni fa era

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.)

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) OGGI Oggi gli Stati Uniti d America (U.S.A.) comprendono 50 stati. La capitale è Washington. Oggi la città di New York, negli Stati Uniti d America, è come la

Dettagli

La visita inizia dallo spazio antistante l ingresso al Lager di Dachau, oggi parcheggio a pagamento.

La visita inizia dallo spazio antistante l ingresso al Lager di Dachau, oggi parcheggio a pagamento. Percorso di visita autoguidata al Lager di Dachau Capire e rispettare Ti appresti a visitare ciò che resta del Lager nazista di Dachau cercando di leggere quei pochi segni originari ancora presenti in

Dettagli

Museo della pergamena, del libro e del documento d archivio. 6 - La storia della conoscenza

Museo della pergamena, del libro e del documento d archivio. 6 - La storia della conoscenza Museo della pergamena, del libro e del documento d archivio 6 - La storia della conoscenza La misura del tempo Quando gli uomini hanno voluto misurare il tempo, in tutte le epoche e in tutte le parti del

Dettagli

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo.

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo. PRESENTAZIONE Giornalino sul FATTO DA I BAMBINI DELLA 4^B CON L AIUTO DELL INS.TE (PISCHEDDA ELISABETTA) DELLA SCUOLA ELEMENTARE ITALO CALVINO DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI BEINASCO ANNO SCOLASTICO 2005/2006

Dettagli

Ca dell Angelo. Nel cuore di Caorle a un passo dal mare

Ca dell Angelo. Nel cuore di Caorle a un passo dal mare Ca dell Angelo Nel cuore di Caorle a un passo dal mare I silenzi sono dolcissimi. I rumori sono quelli di un cefalo che qua e là guizza a mezz aria e ricade nell acqua, del fruscio delle foglie appena

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

Tour Messico 19 ottobre 3 novembre

Tour Messico 19 ottobre 3 novembre Tour Messico 19 ottobre 3 novembre Immenso e vario come pochi altri paesi sanno essere, terra in cui etnie fiere e culture millenarie si fondono in un unico popolo, tra i più accoglienti e turisticamente

Dettagli

IL LAVORO L ARTIGIANO NELLA VALLE DELL ALLI. L uomo da sempre ha cercato di migliorare la propria condizione di vita.

IL LAVORO L ARTIGIANO NELLA VALLE DELL ALLI. L uomo da sempre ha cercato di migliorare la propria condizione di vita. IL LAVORO L ARTIGIANO NELLA VALLE DELL ALLI L uomo da sempre ha cercato di migliorare la propria condizione di vita. Sin dalla creazione l uomo con i pochi mezzi e i pochi materiali che aveva a disposizione

Dettagli

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente. Cos è l Unione europea?

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente. Cos è l Unione europea? L Europa in sintesi Cos è l Unione europea? È europea È un unione = si trova in Europa. = unisce paesi e persone. Guardiamola più da vicino: cosa hanno in comune gli europei? Come si è sviluppata l Unione

Dettagli

Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno

Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno Progetto Accoglienza Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno Ieri 22 settembre è stata una giornata speciale per noi alunni di Gorno delle classi3a, 4a e 5a... infatti non siamo stati

Dettagli

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe.

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe. Laboratorio consigliato per la scuola primaria (II ciclo) Il grande mosaico dei diritti Hai diritto ad avere un istruzione/educazione. Art. 28 della CRC Hai diritto a essere protetto/a in caso di guerra

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale.

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale. Cinque occasioni da non perdere 1 Il Museo 2 I Templi 3 L anfiteatro. Nazionale. Paestum Una città antica. 4 Il Comune di 5 Il Parco Nazionale del Cilento e Valle di Capaccio, una meraviglia ed una scoperta

Dettagli

di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su

di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su Traduzione e adattamento a cura di Gylas per Giochi Rari Versione 1.0 Novembre 2001 http://www.giochirari.it e-mail: giochirari@giochirari.it NOTA.

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

LA SCIENZA, GLI SCIENZIATI E IL METODO SCIENTIFICO SPERIMENTALE Pagine per l insegnante

LA SCIENZA, GLI SCIENZIATI E IL METODO SCIENTIFICO SPERIMENTALE Pagine per l insegnante LA SCIENZA, GLI SCIENZIATI E IL METODO SCIENTIFICO SPERIMENTALE Pagine per l insegnante La scienza è lo studio di tutte le cose, viventi e non viventi, che ci sono sulla Terra e nell Universo. La scienza

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L AFRICA VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: deserto...... Sahara...... altopiano...... bacino......

Dettagli

QUESTIONARIO. Progetto HOPEurope Speranza Europa

QUESTIONARIO. Progetto HOPEurope Speranza Europa QUESTIONARIO Progetto HOPEurope Speranza Europa Costruire cittadinanza, democrazia, pace e sostenibilità in un Europa unita e multilivello Scuole ed enti d'istruzione e formazione superiore Liguria 2014

Dettagli

FIRENZE 360 ITINERARI TURISTICO DIDATTICI WEEKEND. GRUPPO (minimo 25 partecipanti) 239

FIRENZE 360 ITINERARI TURISTICO DIDATTICI WEEKEND. GRUPPO (minimo 25 partecipanti) 239 FIRENZE 360 PROGRAMMA: Dalle colline dell Oltrarno, nel silenzio bucolico di Forte Belvedere, lo sguardo raccoglie l immortale impronta rinascimentale di una città, dove tra arte e vivere quotidiano non

Dettagli

LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE Alla fine del 1700 in Inghilterra c è un grande sviluppo dell industria. Gli inventori costruiscono delle macchine per lavorare il cotone. Le macchine fanno in poco tempo e in

Dettagli

Cartografia, topografia e orientamento

Cartografia, topografia e orientamento Cartografia, topografia e orientamento Mappa tratta dall archivio dei musei vaticani ANVVFC,, Presidenza Nazionale, febbraio 2008 pag 1 Orbita terrestre e misura del tempo Tutti sappiamo che la terra non

Dettagli

La Giornata Nazionale degli Alberi. La Festa dell Albero. Alle radici dell accoglienza

La Giornata Nazionale degli Alberi. La Festa dell Albero. Alle radici dell accoglienza La Festa dell Albero Festa dell Albero è la campagna di Legambiente per la tutela del verde e del territorio che quest anno si realizza nell ambito della Giornata Nazionale degli Alberi, finalmente istituita

Dettagli

AMBIENTE COSTRUITO IN MODO SOSTENIBILE

AMBIENTE COSTRUITO IN MODO SOSTENIBILE AMBIENTE COSTRUITO IN MODO SOSTENIBILE _ PROGETTO PER UN FABBRICATO MULTIFUNZIONALE E RIDEFINIZIONE DI UN AREA CENTRALE A CERNUSCO LOMBARDONE 5 Febbraio 2014 Da parte del Gruppo 6 Mark Lukacs, Quian Yang,

Dettagli

LA PIANTA MAGICA. Dai 7 anni

LA PIANTA MAGICA. Dai 7 anni PIANO DI L ETTURA LA PIANTA MAGICA ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Orecchia Serie Azzurra n 81 Pagine: 87 Codice: 978-88-384-3564-2 Anno di pubblicazione: 2006 Dai 7 anni L AUTRICE Erminia Dell

Dettagli

LA QUOTA COMPRENDE: LA QUOTA NON COMPRENDE: - Mance ed extra di carattere personale - Tutto quanto non specificato né la quota comprende

LA QUOTA COMPRENDE: LA QUOTA NON COMPRENDE: - Mance ed extra di carattere personale - Tutto quanto non specificato né la quota comprende 1 GIORNO: partenza dalla Vostra sede alla volta di Pisa, città conosciuta già nel Medioevo grazie alle sue navi che intrattenevano rapporti commerciali con Africa settentrionale, Spagna e Oriente. Incontro

Dettagli

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA VOLUME 1 CAPITOLO 0 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: Terra... territorio...

Dettagli

COMUNE DI CAPISTRANO

COMUNE DI CAPISTRANO COMUNE DI CAPISTRANO GRUPPO BANDISTICO CITTA DI CAPISTRANO I Raduno Bandistico Città di Capistrano, 8 Agosto 2012 a Capistrano (VV) (Calabria). Con la partecipazione dei gruppi bandistici: L Associazione

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

COME SI PRODUCEVA, COSA SI CONSUMAVA, COME SI VIVEVA IN EUROPA

COME SI PRODUCEVA, COSA SI CONSUMAVA, COME SI VIVEVA IN EUROPA Scheda 1 Introduzione Lo scopo di questo gruppo di schede è di presentare alcuni aspetti della grande trasformazione dei modi di produrre, consumare e vivere avvenuta in alcuni paesi europei (Inghilterra,

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

PROVE D'INGRESSO DI ITALIANO L2 SCUOLA MEDIA DI GABRIELLA DEBETTO MATERIALI PER L'ALLIEVO. Editing ed illustrazioni di Anna Maria Napolitano

PROVE D'INGRESSO DI ITALIANO L2 SCUOLA MEDIA DI GABRIELLA DEBETTO MATERIALI PER L'ALLIEVO. Editing ed illustrazioni di Anna Maria Napolitano MATERIALI PER L'ALLIEVO COMUNE DI PADOVA Assessorato alle Politiche Scolastiche PROVE D'INGRESSO DI ITALIANO L DI GABRIELLA DEBETTO SCUOLA MEDIA CONSULENTE SCIENTIFICO MARIA CRISTINA PECCIANTI Editing

Dettagli

Ciao! Come fa il Sole a tenere legati i pianeti, gli asteroidi... che pure sono

Ciao! Come fa il Sole a tenere legati i pianeti, gli asteroidi... che pure sono Ciao! La volta scorsa abbiamo detto che il Sistema Solare è una sfera. Abbiamo parlato di tutti gli strati che formano questa sfera, li abbiamo descritti all incirca. Adesso parliamo del Sole! Dicono gli

Dettagli

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi.

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi. 1.Introduzione Venezia nasce nel 452 e poco dopo la fondazione della città i commercianti veneziani cominciano a portare dall Oriente prodotti che gli Europei non conoscono: le spezie, il cotone, i profumi

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

espressione di un carattere

espressione di un carattere espressione di un carattere Collezione CROCE DI MALTA espressione di un carattere Pryngeps da quasi 60 anni rappresenta un riferimento dell Italian style nel mondo. La storia dell azienda mette in luce

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 3 Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 2 1. Perché Maria ha bisogno di un lavoro? PROVA DI ASCOLTO

Dettagli

2 VILLAGGIO 6 COLONIE

2 VILLAGGIO 6 COLONIE 3 5 4 2 VILLAGGIO 6 COLONIE 1 6C 2V 4P 5P 3P A 1B SCEGLI LA PAROLA GIUSTA E CANCELLA QUELLA ERRATA. LA RIVOLUZIONE AMERICANA Gli Inglesi si arricchiscono/ si impoveriscono con il lavoro dei coloni. I coloni

Dettagli

Viaggio tra musei di Milano. Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia

Viaggio tra musei di Milano. Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia Viaggio tra musei di Milano Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia Chiesa di Santa Maria delle Grazie L'edificio rappresenta una tra le più importanti realizzazioni del Rinascimento ed

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici Gli Amici La voce de "Gli Amici" domenica 11 agosto 2002 La domenica con Gesù Tempo ordinario Domenica 11 agosto 2002 Gesù si ritira a pregare L'artista della settimana Carmela Parente La scuola della

Dettagli

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili Tesina di tecnica L Energie Rinnovabili L Energia: parte della nostra vita quotidiana Nella vita di tutti i giorni, forse senza saperlo, consumiamo energia, anche senza saperlo. Infatti un corpo che è

Dettagli

ESCURSIONI. DOVE: nella Valle del Serchio le locations si trovano nel raggio di circa 12 km da Il Ciocco infopoint.

ESCURSIONI. DOVE: nella Valle del Serchio le locations si trovano nel raggio di circa 12 km da Il Ciocco infopoint. ESCURSIONI DOVE: nella Valle del Serchio le locations si trovano nel raggio di circa 12 km da Il Ciocco infopoint. Alla scoperta dei colli di Barga Questa è l escursione ideale per chi vuole scoprire senza

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

Classe 5^A. a.s. 2011-2012 Scuola Primaria Statale Neria Secchi (Bibbiano, Reggio Emilia)

Classe 5^A. a.s. 2011-2012 Scuola Primaria Statale Neria Secchi (Bibbiano, Reggio Emilia) Classe 5^A a.s. 2011-2012 Scuola Primaria Statale Neria Secchi (Bibbiano, Reggio Emilia) Autori: Bagni Heloà Cadeddu Federico Caramaschi Marco Carretti Elisa Cella Samuele Collaku Selmir De Luca Annapia

Dettagli

Nella valle dei sogni

Nella valle dei sogni Nella valle dei sogni In Carinzia il tempo sembra essersi fermato, le campane delle mucche e quelle della chiesa si mescolano, come fanno da sempre, da quando e` iniziata la vita in queste vallate alpine.

Dettagli

STILE CLASSICO STILE MODERNO

STILE CLASSICO STILE MODERNO IL PROGETTO Nel cuore del centro di Torino, con la sua ricca storia, boutique eleganti, ristoranti e bar storici, strade pedonali, abitare al 222 offre una qualità di vita senza pari, paragonabile a quella

Dettagli

SCOPRENDO MINERBIO CLASSE 4 D SCUOLA PRIMARIA MINERBIO

SCOPRENDO MINERBIO CLASSE 4 D SCUOLA PRIMARIA MINERBIO SCOPRENDO MINERBIO CLASSE 4 D SCUOLA PRIMARIA MINERBIO CASETTE RURALI Case rurali costruite nel 1936 in epoca fascista interno semplice composto da: bagno-cucina-camera da letto e un salottino (tutto di

Dettagli

Andare a scuola. Daniela Giordano Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione

Andare a scuola. Daniela Giordano Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione Andare a scuola Daniela Giordano Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione Gabriele De Micheli Corso di Laurea Magistrale in Progettazione architettonica

Dettagli

Friburgo. Storia, politica, economia e sociologia

Friburgo. Storia, politica, economia e sociologia Liceo Artistico V. Foppa Progetto scuola 21 Friburgo Storia, politica, economia e sociologia Storia La posizione geografica molto favorevole e la presenza di numerose miniere di argento nella Foresta

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

"L educazione al patrimonio culturale e l approccio alle tecniche artistiche nella formazione del bambino". AMICI DI BRERA

L educazione al patrimonio culturale e l approccio alle tecniche artistiche nella formazione del bambino. AMICI DI BRERA Incontro con i genitori 27 gennaio 2011 Cooperativa sociale ONLUS A SPASSO PER MUSEI. IL MUSEO QUALE AMBIENTE DA ESPLORARE, SCOPRIRE, FREQUENTARE PER INCONTRARE ALCUNI ARTISTI E CONOSCERE LA LORO STORIA

Dettagli

La cappella di Santa Teresa di Le Case

La cappella di Santa Teresa di Le Case Elisa Maccioni La cappella di Santa Teresa di Le Case una collettività socio-religiosa in terra toscana (1871-2010) con prefazione di Amleto Spicciani Edizioni ETS www.edizioniets.com Copyright 2013 EDIZIONI

Dettagli

Traduzione di e adattamento di Guido Aprea

Traduzione di e adattamento di Guido Aprea Traduzione di e adattamento di Guido Aprea Versione 1.0 gennaioo 2004 http://www.gamesbusters.com e-mail: info@gamesbusters.com NOTA. La presente traduzione non sostituisce in alcun modo il regolamento

Dettagli

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE Con il Patrocinio di:» Le Delegazioni FAI della Regione Molise ringraziano Controllare

Dettagli

LA STORIA DELLA BICICLETTA

LA STORIA DELLA BICICLETTA LA STORIA DELLA BICICLETTA Dalla realizzazione di un disegno di Leonardo da Vinci tratto dal Codice Atlantico, attraverso velocipedi ottocenteschi originali, fino ai prototipi delle grandi case automobilistiche

Dettagli

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI. Curricolo trasversale Percorso di apprendimento: IL NATALE

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI. Curricolo trasversale Percorso di apprendimento: IL NATALE 1 DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI Curricolo trasversale Percorso di apprendimento: IL NATALE Fascicolo didattico n.18 Elaborazione della figura strumentale per il curricolo

Dettagli

ESCURSIONI: la costa. Strada dei Sapori Medio Tirreno Cosentino

ESCURSIONI: la costa. Strada dei Sapori Medio Tirreno Cosentino ESCURSIONI: la costa Cetraro Paese (3 km) Belvedere Paese (10 km) Uno dei paesi più popolosi della costa le cui origini sono circa del 13 secolo. Di grande interesse è il castello Aragonese originariamente

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Dal manifesto delle esigenze abitative dei bambini emergevano 10 indicazioni per la realizzazione delle abitazioni. La casa deve essere:

Dal manifesto delle esigenze abitative dei bambini emergevano 10 indicazioni per la realizzazione delle abitazioni. La casa deve essere: L intervento è stato realizzato a Correggio piccola città di circa 23.000 abitanti che eccelle per la molteplicità di politiche sviluppate nei confronti dei bambini. La ricerca ha indagato con molta cura

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011

Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011 Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011 1 Unità di apprendimento: La creazione del mondo Motivazione Aiutare

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda 21 Scuola Un percorso didattico su Agenda 21 e idee per la progettazione partecipata A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda

Dettagli

La 'Cappella Sistina' di Milano

La 'Cappella Sistina' di Milano IL GALILEO - Anno 5, Numero 8, dicembre 2015 Mensile telematico. www.il-galileo.eu -Direttore responsabile Giuseppe Prunai La 'Cappella Sistina' di Milano San Maurizio, gioiello del Rinascimento lombardo,

Dettagli

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE 18 PABLO PICASSO Nasce a Malaga in Spagna nel 1881. figlio di un professore di disegno. Dopo aver brillantemente compiuto gli studi presso l accademia

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Aldo Moro Scuola dell Infanzia Collodi Corbetta Anno Scolastico 2012-2013

Istituto Comprensivo Statale Aldo Moro Scuola dell Infanzia Collodi Corbetta Anno Scolastico 2012-2013 alla Istituto Comprensivo Statale Aldo Moro Scuola dell Infanzia Collodi Corbetta Anno Scolastico 2012-2013 IL CALENDARIO DELL AVVENTO Collaborando con la Città dei Bambini, ogni sezione ha preparato su

Dettagli

I bambini vengono costretti a lavorare

I bambini vengono costretti a lavorare Un continente segnato dalle violenze, dai soprusi e dalle ingiustizie. Il destino di schiavitù che nei secoli scorsi ha colpito l'africa non si è esaurito nemmeno nel Terzo millennio. Nell'Ottocento, uomini

Dettagli