SWISSLIFE. 4 anno // Numero 1 // CHF Primavera 2013 // Nuovo inizio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SWISSLIFE. 4 anno // Numero 1 // CHF 6.50. Primavera 2013 // Nuovo inizio"

Transcript

1 SWISSLIFE 4 anno // Numero 1 // CHF 6.50 Primavera 2013 // Nuovo inizio

2 Il revival dei marchi svizzeri È stato per un pelo se i ragazzi non sono stati privati del piacere irresistibile del Tiki schiumeggiante sulla lingua: la produzione di questa polverina frizzante stava, infatti, per essere soppressa. Poi la ditta argoviese Domaco con tanta passione si è data da fare per salvare il marchio. Così come hanno fatto Daniela e Werner Haderer con Wisa-Gloria. E Ursula Capaul, Thomas Weber nonché André Oldani con Alpa.

3 Editoriale // 3 Buongiorno Lo viviamo tutti gli anni: la primavera, ormai alle porte, stimola la voglia di vivere. E risveglia quel nostro impulso interiore che spinge a osare una nuova partenza, verso nuovi lidi, verso il cambiamento. In tutti noi c è il germoglio che ci induce a osare un nuovo inizio, ricchi delle esperienze del passato, con una nuova idea, un altro lavoro, magari in un altra parte del mondo. Sono molti coloro che si decidono a compiere il gran passo. Che abbiano raggiunto il fiero traguardo dei 100 anni come Klara Milt-Becker, che, dovendosi trasferire in una casa per anziani, si trovava ad affron tare una nuova partenza. O magari c era di mezzo un cambiamento d aria, come per la cantante Jaël della band svizzera Lunik. Nel caso degli esercenti Beat Walker e Marco Helbling del ristorante im Feld di Gurtnellen si trattava, invece, di decidere di portare avanti una tradizione di famiglia urana. Ad accomunare tutti i protagonisti di questa edizione agli imprenditori della nostra storia di copertina sono la voglia di fare, l impegno e la passione. Anche i marchi presentati sarebbero da tempo scomparsi, se qualcuno non li avesse trovati degni di attenzione e non li avesse fatti nascere a nuova vita. Tutti i protagonisti di questa edizione di SWISSLIFE hanno dato vita al proprio sogno: un nuovo inizio. Per farlo ci vogliono co raggio, fiducia e fede incrollabile nelle proprie capacità. Proprio quello che vi auguro per questa primavera. Ivo Furrer, CEO Swiss Life Svizzera, afferma: «Coraggio, fiducia e fede incrollabile nelle proprie capacità. Proprio ciò che vi auguro per questa primavera.» La prestigiosa associazione di categoria «Forum Corporate Publishing» ha conferito a SWISSLIFE un riconoscimento quale migliore pubblicazione in lingua tedesca per la clientela, nel settore dei servizi finanziari. SWISSLIFE Primavera 2013

4 06 Swiss Photo Selection: Una nuova casa Un nuovo inizio e non il capolinea: la fotografa Mara Truog ha fatto visita agli uomini e alle donne che risiedono presso le case di riposo della città di Zurigo. E ha incontrato persone con una grande gioia di vivere. Questi ritratti sensibili raccontano le loro storie. 16 Due facce della stessa medaglia: Dono per la vita 20 Storia di copertina: Il ritorno delle leggende E all improvviso erano (quasi) scomparsi: grandi marchi svizzeri quali Tiki, Wisa-Gloria e Alpa erano minacciati dal fallimento, se non fosse stato per donne e uomini visionari e intraprendenti, che hanno rischiato un nuovo inizio. Ma il successo non viene da sé. Buone prospettive Scrivono libri, studiano l universo, navigano in Internet e considerano ogni giorno come un regalo: le persone che risiedono nelle case di riposo non sono solo dei ferri vecchi molti sono contenti di questo nuovo inizio. 28 Mix di numeri: Bocciati - le quote di insuccessi agli esami di guida, dall Argovia fino a Zugo 31 Sì, lo voglio: Il futuro comincia qui. Responsabile del progetto: Swiss Life Public Relations, Martin Läderach Commissione redazionale: Ivo Furrer, René Aebischer, Thomas Bahc, Monika Behr, Thomas Langenegger, Christian Pfister, Hans-Jakob Stahel, Paul Weibel Responsabile della redazione UPDATE: Dajan Roman Indirizzo della redazione: Rivista SWISSLIFE, Public Relations, General-Guisan-Quai 40, 8022 Zurigo, Coordinamento del progetto: Mediaform Christoph Grenacher, Ittenthal/ Zurigo Ideazione e progettazione: Festland Werbeagentur, San Gallo/Zurigo Traduzione: Swiss Life Language Services Stampa e spedizione: Heer Druck AG, Sulgen; stampato su carta FSC Inserzioni: Mediaform Christoph Grenacher, Hauptstrasse 3, 5083 Ittenthal, Cambiamenti d indirizzo/ordinazioni: Rivista SWISSLIFE, General-Guisan-Quai 40, 8022 Zurigo, Tiratura: Pubblicazione: 3 volte l anno (primavera, estate, autunno) Avviso legale: le informazioni relative a servizi e prodotti contenute nella presente pubblicazione non costituiscono un offerta in termini giuridici. Non viene tenuta alcuna corrispondenza in merito a concorsi. È escluso il ricorso alle vie legali. ISSN Nuovo avvio per marchi storici Un nome noto non è sufficiente. Con un idea, un po di fortuna e molto impegno può nascere qualcosa di grandioso: nel caso di Alpa of Switzerland si tratta di fotocamere a sistema esclusive.

5 Sommario // 5 46 A Swiss Life: Claudio Castagnoli «Voi americani ignoranti!», grida Claudio Castagnoli alias Antonio Cesaro sera dopo sera al pubblico. Lui lo può fare. Dopo ben 900 combattimenti in 12 anni, il «Bad Guy», ragazzo cattivo, ha raggiunto l olimpo del wrestling. È diventato «United States Champion». 55 I piaceri della tavola: «ryys und boor» ossia riso ai porri di Uri 57 Beni Frenkel: Sull artigiano nell uomo Chi è il cattivo ragazzo? Il wrestling non è altro che spettacolo. I combattimenti sono concordati, i vincitori sono decisi in anticipo. E qualcuno deve rappresentare l uomo nero: lui ad esempio, lo svizzero Claudio Castagnoli. 58 Concorso: Vincete una bicicletta Villiger da donna o da uomo a seconda del caso 60 Fuoriprogramma: Jaël Malli sulla canzone «What is next» Il trionfo dell assicurazione completa Anche Oliver Hohl di Weber AG a Coira colloca la sicurezza della previdenza professionale al primo posto. Swiss Life gli offre soluzioni su misura, in modo che può concentrarsi sulla guida della sua impresa. Allegato: UPDATE Leggete cosa hanno in comune la previdenza a favore del personale e il reclutamento, come Swiss Life apre un accesso supplementare ai clienti e in che modo un impresa dal nome temerario Halsundbeinbruch Film gestisce la sicurezza. SWISSLIFE Primavera 2013

6 Una nuova casa Quando con la vecchiaia gli acciacchi aumentano, molte persone si trovano di fronte a un nuovo inizio: il trasloco nella casa di riposo. La fotografa Mara Truog ha visitato alcune case di riposo della città di Zurigo. E ha incontrato persone con il morale alto. Apprezzano ogni giorno, affermano. SWISSLIFE presenta in «Swiss Photo Selection» lavori di fotografi svizzeri, inviati allo «Swiss Photo Award ewz.selection», il premio più importante in Svizzera per la fotografia.

7 Swiss Photo Selection // 7 Alfred Ilk (82 anni) abita dal 2009 nella casa di riposo Rebwies a Zollikon. Nativo dell Austria, il signor Ilk ha lavorato per 55 anni come parrucchiere e oggi il suo hobby è studiare i segreti dell universo: «Mi affascina ciò che succede al di fuori del nostro pianeta.» SWISSLIFE Primavera 2013

8 Konrad Akert (93 anni) vive dal 2000 nella casa di riposo Klus Park. Per mantenere in forma il cervello il neurologo si mette davanti al computer ogni giorno e studia la vita del pioniere industriale Alfred Escher: «Per certi versi sono uno storico.»

9 Swiss Photo Selection // 9 Lina Schnidrig (83 anni) si sente come a casa propria nella casa di riposo Wolfswinkel. Ha scoperto Internet e ne è entusiasta: «Oggi ho ricevuto un da uno dei miei pronipoti. L ho stampata subito.» SWISSLIFE Primavera 2013

10 Rosa Keller (89 anni) si è trasferita nell aprile 2004 nella casa di riposo Wildbach. È il periodo più bello della sua vita, afferma l ex domestica. «Fare bricolage, cantare e fare ginnastica insieme: prima non ho mai fatto tutto questo.»

11 Swiss Photo Selection // 11 Heidi Leupi (81 anni) si è trasferita nell agosto 2004 nella casa di riposo Klus Park. La signora Leupi, un dottorato in storia, lavora attualmente a uno studio scientifico e ama i giochi di pazienza: «Al gioco del puzzle posso lasciare libero sfogo ai miei pensieri.» SWISSLIFE Primavera 2013

12 Bruno Schuler (72 anni) è uno degli abitanti più giovani e vive nella casa di riposo Mittelleimbach da luglio L ex postino è felice di non annoiarsi più: «Qui non sono più solo e questa è la cosa più bella.»

13 Swiss Photo Selection // 13 Klara Milt-Becker (100 anni) abita da maggio 2008 nella casa di riposo Bullinger. La pensionata si allena regolarmente, impara l inglese e considera ogni giorno un dono. Afferma: «Non vedo l ora che arrivi la primavera.» SWISSLIFE Primavera 2013

14 Elisa Stauffer (90 anni) vive da luglio 2007 nella casa di riposo Laubegg. L ex commessa del settore alimentari si rilassa con musica classica e ascolta la radio tutto il giorno: «Un concerto per pianoforte di Beethoven è per me come un massaggio al cervello.»

15 Swiss Photo Selection // 15 Mara Truog: «Mi interessano le persone, i loro sentimenti e i loro stati d animo.» Mara Truog, nata a Berna nel 1977 e cresciuta a Zurigo, dopo la maturità ha seguito una formazione in fotografia a Londra e a Zurigo, dove nel 2002 si è diplomata in fotografia presso la Scuola superiore delle arti di Zurigo. Dal 2002 lavora come fotografa freelance per la stampa e aziende nazionali e internazionali. Mara Truog è specializzata in ritratti e reportage. Vive e lavora a Zurigo. Per Mara Truog la fotografia è al contempo un occasione e un pretesto per immergersi nei mondi di altre persone e ritrarle nelle loro realtà. Le foto colpiscono perché rendono visibili speranze, paure e sogni. E perché la fotografa riesce a riprodurre le persone ritratte in maniera naturale, autentica e rilassata. I ritratti scattati nelle case di riposo della città di Zurigo mostrano persone anziane che sono ancora piene di fiducia e gioia di vivere. Le foto sono tratte dal libro «Mein Leben ist mit vielen Geschichten verbunden», pubblicato dalla casa editrice Neue Zürcher Zeitung. Contrasto impressionante: in Vietnam Mara Truog ha scattato fotografie in un orfanotrofio, a Zurigo a persone anziane. Entrambi i reportage svelano aspetti importanti del suo lavoro: da una parte, il confronto con l interlocutore che è una forma di incontro e, dall altra, la vulnerabilità delle persone, non importa se vecchie o giovani. SWISSLIFE Primavera 2013

16 Testo: Florian Caprez, foto: Severin Nowacki Dono per la vita Prof. dr. med. Barbara E. Wildhaber, direttrice del reparto di chirurgia pediatrica, ospedale pediatrico di Ginevra «La piccola Lara aveva nove mesi quando abbiamo effettuato il trapianto. Prima del trapianto si era tentato invano di ripristinare, mediante un operazione, il flusso della bile. Sapevamo di dover sostituire il fegato, altrimenti Lara sarebbe morta. Quindi, abbiamo atteso un organo donatore; in Svizzera l attesa può durare fino a dodici mesi. A volte, attendiamo anche invano; muoiono tuttora bambini, perché manca l organo donatore. Prima dell operazione, nel corso di lunghi colloqui tengo a trasmettere ai parenti il mio atteggiamento positivo; nel contempo devo trattare anche l argomento della morte. Ciò non è facile. Tuttavia, credo sempre fermamente che tutto volgerà al meglio. I bimbi come Lara prima dell operazione presentano un colorito di un giallo intenso: occhi gialli, lacrime gialle, muco giallo. Inoltre hanno un pancino gonfio e braccine esili. Poi ricevono un fegato sano e, tre mesi dopo, hanno un aspetto completamente sano. Sono eventi come questo che, giorno dopo giorno, ti danno la forza di continuare in questo mestiere con e nonostante le emozioni che esso comporta. Emozioni che diventano quasi insopportabili quando, ad esempio, riceviamo organi di giovani donatori, soprattutto bambini. Ci si rende conto che ci sono genitori che stanno vivendo il periodo più buio della loro vita. Ma poi considero la situazione sotto il nostro punto di vista, sapendo che grazie a questo organo donatore potrò salvare la vita a un altro bambino.»

17 Due facce della medaglia // 17 «Certo, la signora Wildhaber ci ha parlato anche dei rischi legati al trapianto. Tuttavia, quando è arrivata la telefonata che era disponibile l organo donatore, l unica cosa a cui siamo riusciti a pensare era che presto il periodo di sofferenze di Lara sarebbe finito. Sapevamo di affidare il destino ad altrui, di non poter più fare nulla, ma la signora Wildhaber ci ha sempre infuso coraggio, è rimasta ottimista e ci ha trattati in un modo del tutto naturale. Perciò non ci siamo resi veramente conto della gravità delle condizioni in cui versava Lara, di quanto la sua vita fosse sospesa a un filo. Tuttavia, quando il 6 gennaio 2010 il trapianto è riuscito, tutte le emozioni sono venute a galla: abbiamo realizzato che la nostra bambina era stata a un passo dalla morte, che sarebbe bastato il minimo errore durante l operazione. Ci ha fatto piacere che Lara abbia subito il trapianto insieme a un altro bambino che ha ricevuto l altra parte del fegato donatore. Per me sarebbe un problema sapere che il donatore era un lattante, così piccolo e leggero come Lara. Ora sappiamo che era una persona giovane, e nient altro. Nonostante la gioia e il sollievo di vedere che Lara sta di nuovo bene, ogni tanto ancora oggi mi capita di chiedermi perché questa persona sia dovuta morire. Permane un sentimento di empatia per i donatori e i loro famigliari, nonostante la felicità che proviamo.» Christine Bachmann, Schwendibach, mamma di Lara che fra poco compirà quattro anni (*21 marzo 2009)

18 Motion Control. Lorsque vous évoluez sur des chemins de montagne exigeants, un contrôle maximal est impératif, à chaque pas. Mammut a conçu une collection «Trail Running» précisément pour répondre à votre besoin. Dynamisme, respirabilité, légèreté, robustesse et sécurité : autant d atouts qui permettent à cette collection d offrir des performances optimales. Soyez-en convaincus!. Tout comme les athlètes présents lors de la journée de test sur la moraine du glacier Pers.

19 erdmannpeisker / Robert Bösch erdmannpeisker / Robert Bösch SWISSLIFE Primavera 2013

20

21 Storia di copertina // 21 Testo: Christoph Grenacher, foto: Darko Todorovic Come la fenice dalle ceneri Leggendari marchi svizzeri festeggiano attualmente un ritorno in scena, un revival con nuovi proprietari. Gli esempi di Tiki, Wisa-Gloria e Alpa mostrano che i grandi nomi e la nostalgia non sono garanzia di successo, ma nuove idee e concetti chiari sì. SWISSLIFE Primavera 2013

22 1907 Hynek Boleslav Allan inventa Tiki: polvere di soda con un po di zucchero e acido Guy Allan, il figlio dell inventore, fugge in Svizzera e dapprima fa produrre Tiki presso Landolt+Hauser a Näfels (GL) Allan costruisce a Mont-sur- Lausanne la fabbrica Tiki che rifornisce il mercato con i più antichi prodotti dolciari svizzeri. Per tre decenni Tiki lavora con successo in Svizzera Allan vende Tiki a un produttore di dolciumi italiano che continua a produrre a Mont-sur-Lausanne. Tutti i tentativi di vendere i pro - dotti Tiki all estero falliscono Tiki sparisce dalla maggior parte degli scaffali; il marchio praticamente non esiste più Gli italiani vendono Tiki. Un azien - da di marketing di Zurigo acquista i diritti, Demaco produce la pol - verina effervescente. Poco dopo l avvio della produzione, l azienda di marketing fallisce Invece di esigere le fatture non saldate dell azienda di marketing, Domaco acquisisce i diritti del marchio di Tiki Per festeggiare i 60 anni di Tiki in Svizzera Domaco adotta nuovamente il design originale di Tiki. Andarsene a tutti i costi! Via! A Königshof an der Elbe, nella futura Repubblica Ceca, i comunisti rafforzano gradualmente il controllo e nel 1948 prendono il potere. Guy Allan però è già in Svizzera. È un profugo. Non possiede niente. In patria era figlio di un imprenditore di successo. Allan ha guidato come meglio poteva dopo la fine della guerra la ditta del padre, che in passato aveva impiegato fino a 300 dipendenti. Producevano lievito in polvere, detersivi e qualche genere alimentare. Poi, arrivarono i rossi e Allan perse tutto. Il futuro sta in Svizzera. L unica cosa che porta con sé dalla patria è una ricetta annotata dal padre nel 1907: voleva capire cosa succedeva se alla polvere di soda utilizzata per i saponi aggiungeva un po di zucchero. Il risultato fu un prodotto che spumeggiava a più non posso. Chi ha assaggiato la polvere frizzante non la dimenticherà più: la classica pastiglia effervescente Tiki, 4,5 grammi di peso, grande millimetri, rimanda ai beati giorni dell infanzia, solletica un dolce formicolio e induce a chiederne ancora. Una maggiore quantità di zucchero, acidificante, acido citrico, idrogenocarbonato di sodio, maltodestrina, acido silicico, agenti distaccanti, dolcificanti e coloranti. In Svizzera agli inizi degli anni 60 Allan conosce Alfons Meier, che aveva appena rilevato da un medico di campagna e farmacista zurighese una piccola azienda e che vende pasticche contro le affezioni delle vie respiratorie. Meier produce anche caramelle alle erbe con miele, fa ricerca, inventa, prova e riprova e sviluppa una procedura per trasformare miscele di erbe essiccate in granulato. Così inventò i primi tè alle erbe solubili; il pioniere Meier li battezzò tè istantanei. Oggi l azienda, guidata da Silvia Huber, figlia di Meier, ha sede a Lengnau (AG), dove produce soprattutto per marchi propri di altre aziende di 35 Paesi (tra cui Migros, Rewe, Tesco, Nestlé, Hipp) e per il marchio proprio Vitalp (tè e caramelle), Dr Doolittle s (pasticche), Belart (gelatina di frutta), XLEnergy (pillole energizzanti) e per Tiki. Quando la direttrice racconta la storia di Tiki, gli occhi le brillano e più di una volta afferma che ci hanno messo l anima. Allan ha dapprima venduto Tiki a un produttore di dolciumi italiano. Meier non poteva competere con il prezzo richiesto. Ma gli italiani hanno svuotato l azienda, perdendo presto ogni interesse a Tiki e l hanno messa di nuovo in vendita nel Ancora una volta Meier era interessato all acquisto e ancora una volta non è riuscito nell intento. Tiki fu acquistata da un azienda di marketing zurighese, che era entusiasta del valore emotivo del marchio, ma che non capiva niente di dolciumi. C era bisogno di qualcuno che potesse produrre la polverina: era giunta l ora della Domaco di Meier. Tuttavia, Allan aveva affrontato enormi spese per proteggere la ricetta della polverina effervescente. C erano i bicchieri segnati in cui i dipendenti versavano gli ingredienti, tre bicchierini di zucchero, un quarto di bicchiere di aroma, ecc., ma niente indicazioni sulle quantità. Demaco, quindi, ha dovuto dapprima ricostruire la ricetta, impresa ostacolata dalle nuove leggi e ordinazioni che vietavano e limitavano l utilizzo di alcune sostanze. Alla fine, Demaco ha avviato la produzione. L azienda di marketing di Zurigo non aveva ancora la più pallida idea di come muoversi e ben presto non pagava più le fatture. «E noi», racconta Silvia Huber, «non riuscivamo a vendere tutte queste materie prime e l enorme quantità di materiale da imballaggio.» «Quindi», continua Huber, «per compensare il mancato pagamento delle fatture abbiamo preso il marchio.» Demaco ha cercato di adattare Tiki allo spirito del tempo, decorando gli imballaggi con figure manga giapponesi e ampliando l assortimento. Oggi Tiki è disponibile sia in forma di cubetti sia in scatola, come mini shot, in granuli e come destrosio. Nel 2007 Tiki è ritornato al passato con l adozione del design rétro. Un prodotto originale è un prodotto originale e rimane un prodotto originale. E un importante storia di successo, aggiunge Silvia Huber, con un effervescente crescita annua compresa tra il cinque e il dieci percento.

23 Storia di copertina // 23 Silvia Huber, gerente Tiki, si rallegra dell effervescente crescita della polverina. Era la valuta più dura nei luoghi di ricreazione, perché nessuno voleva dare volontariamente nemmeno la più piccola briciola. Nelle gite scolastiche il cubetto effervescente, fatto a pezzettini e sciolto in acqua nelle bottigliette di plastica, era d obbligo, e i più coraggiosi si facevano sciogliere la polverina direttamente sulla lingua. Tiki era già allora un cult e oggi è di nuovo un mito. Un effervescente pezzo di originale storia svizzera del gusto. Mitica polverina: Tiki in cubetti al gusto di lampone, limone e coca cola. SWISSLIFE Primavera 2013

24 La super coppia Daniela e Werner Haderer va a tutto gas con il marchio tradizionale Wisa-Gloria. Nell angolo orientale del paese, la coppia si occupa della protezione della specie svizzera: Daniela e Werner Haderer sono bambini ormai cresciuti con uno scrigno pieno di idee e l ottimismo contagioso per la fabbrica di giocattoli più antica del mondo: Wisa-Gloria. La bici rétro: il triciclo Wisa-Gloria Klassik.

25 Storia di copertina // L azienda Neeser & Rohr viene fondata a Lenzburg (AG). All inizio ha sei dipendenti e costruisce ogni anno 300 carrozzine e tricicli Neeser & Widmer si fonde con Sender & Co. di Sciaffusa, un altra azienda che produce carrozzine. Nascono così gli stabilimenti Wisa-Gloria di Widmer, Sandmeier & Co Wisa-Gloria diventa leader di mercato mondiale Wisa-Gloria non è rimasta al passo con i tempi perdendo l occasione di adeguarsi all era della plastica e così deve ridurre i propri dipendenti da 100 a 60. Il direttore d azienda, disperato, tenta di togliersi la vita Ristrutturazioni, riorganizzazioni e la vendita di reparti non redditizi non riescono a impedire l interruzione della produzione e il licenziamento di tutti i dipendenti. Ueli Bächtold acquista Wisa-Gloria e trasferisce la produzione in Europa orientale Werner Haderer acquista il marchio Wisa-Gloria da Sief van der Wee. Nel prezzo sono compresi un deposito merci, la documentazione aziendale, prospetti ma non i piani di costruzione per i giocattoli che non vengono più prodotti da anni Werner Haderer inizia ad Au la produzione Wisa-Gloria sulla base di piani di costruzione sviluppati in proprio. N on c è nulla che non abbia fatto: a 21 anni l esame di maestria e la fondazione di un impresa che costruisce qualsiasi cosa dalla piegatura, foratura, tornitura, fresatura e saldatura del metallo. È così che nascono complementi d arredo (LongLife), pareti insonorizzate e divisorie costruite in acciaio e riempite a pietra (Swiss Wall), il palco del festival di Bregenz oppure giocattoli, nel cui marchio registrato Haderer ha fuso insieme due delle sue più grandi passioni: sua moglie Daniela e il suo impegno per la solidità: «Danis Kindergartenqualität» è sinonimo di giocattoli robusti, indistruttibili, proprio come la fiducia ispirata da questa super coppia. Lui porta i pantaloni in casa, lei, con i suoi capelli rosso fuoco, è un icona perfetta della filosofia aziendale: dinamismo, voglia di avventura, passione, «lavoro duro» ma anche una sana porzione di stabilità, senza la quale il nostro marchio di giocattoli della tradizione svizzera Wisa-Gloria sarebbe già nel tritacarne della storia contemporanea. «Se sopra c è scritto Svizzera, allora la Svizzera deve esserci anche dentro», postula il quarantottenne. Il suo modo di pronunciare queste parole, nel dialetto del Vorarlberg, che non dimentica nonostante lavori e viva da più di 15 anni in Svizzera, la dice lunga: è vero che gli immigrati sono i migliori rappresentanti della nostra terra, i promotori più efficaci e i propagandisti instancabili della swissness. «Ciò che mi succede qui da noi», afferma Haderer da fabbro diplomato, battendo il pugno sul tavolo, «non lo capisco!» Improvvisamente, il mondo soave di quei giocattoli graziosi si allontana; la bici rossa e il cavalluccio a dondolo, il carrellino scricchiolante in legno e la chiocciola a dondolo che fanno scintillare gli occhi dei bambini sono su un universo lontano; dietro gli occhiali sottili, le pupille di Haderer luccicano, sprizzano e brillano; l uomo tuona: «Ma noi non lo accettiamo!» Una volta, un giornalista gli chiese ingenuamente se la provenienza svizzera fosse un vantaggio per Wisa-Gloria. «Ma cosa va pensando!», rispose Haderer adirato, «in Svizzera no, assolutamente, anzi rappresenta un ostacolo. I prodotti nazionali in Svizzera sono considerati prima di tutto fuori moda, tradizionali, polverosi, in secondo luogo, troppo costosi, anche se non è vero e, in ultimo, nessuno crede che siano costruiti in Svizzera.» Ognuno di questi è un pezzo unico fatto a mano, anche la classica bicicletta rossa, con sella in legno di faggio cresciuto nella regione e gomme in granulato bianco, è costruita ad Au, sulla Zingerstrasse, nel Canton San Gallo. Costa 199 franchi e dura una vita. Per un brevissimo lasso di tempo, anche Haderer sembra rassegnato quando dice: «Tutti nella mia ditta lavorano con passione. Ma con un fatturato così basso l attività non è più accettabile neanche per una sola persona.» Ma il successo arriverà comunque; talvolta basta poco, il costruttore sente in qualche modo la verve dietro al marchio, la potenza, la spinta «quando, cioè, lanceremo il prodotto giusto al momento giusto.» Eccolo dunque, a escogitare sempre nuove idee. Di tanto in tanto, riaffiora il pessimismo: «Tengo molte conferenze in Svizzera. Iniziano sempre allo stesso modo, con la mia domanda al pubblico: Chi pratica lo sci tra di voi? Tutti alzano la mano. Seconda domanda: E chi indossa sci svizzeri? Quasi tutti abbassano le mani e io continuo: Ecco, siamo al cuore del problema di Wisa-Gloria.» Haderer, tuttavia, sa che attirare l attenzione è fondamentale e s impegna molto affinché il marchio Wisa- Gloria goda di considerazione. Alla Fiera dei milionari di Vienna ha esposto recentemente un triciclo in oro 24 carati con sella in microfibra e catarifrangenti in diamanti; arabi e russi hanno mostrato un forte interesse per questo pezzo da franchi. Ultimamente, in Giappone ha iniziato a pubblicizzare la Svizzera del Cervino e dei rifugi alpini, la Svizzera globalizzata come la porta per un nuovo reame. I profeti sono partiti dal Vorarlberg e sono venuti in Svizzera per preservare Wisa-Gloria dal declino. «Non siamo quelli che vogliono rivoluzionare il mondo», dicono a tale riguardo Daniela e Werner Haderer. «Vogliamo che mantenga la sua attuale varietà.» SWISSLIFE Primavera 2013

26 1918 Fondazione della fabbrica meccanica Pignons SA a Ballaigues (VD). Fornisce componenti alle fabbriche di orologi L azienda costruisce la sua prima macchina fotografica, l Alpa-Reflex, modello C e, fino alla fine degli anni 60 si impone come produttore leader di macchine fotografiche reflex L impresa non ha alcuna possibilità contro i bassi prezzi della concorrenza estera e deve dichiarare il fallimento. L ultimo modello costruito è l Alpa Thomas Capaul e Ursula Weber acquistano i diritti del marchio Alpa ed espongono la loro prima macchina fotografica di medio formato alla fiera Photokina di Colonia: Alpa 12 WA (grandan golo) e Alpa Le macchine fotografiche Alpa 12 sono precursori dell utilizzo del dorso digitale Capaul e Weber trasformano la loro impresa in una società per azioni della quale, ancora oggi, detengono la maggioranza Alpa lancia il supporto per iphone da montare sulla macchina fotografica; esso consente di utilizzare l iphone con funzione di mirino La serie di macchine fotografiche Alpa 12 comprende sei modelli. In autunno viene lanciata l Alpa 12 FPS, una «cassetta degli utensili aperta», a detta del costruttore. Si è trattato ben 15 anni fa di una fusione fra testa e braccia; «loro due» uniti, da quel momento in poi, anche nel lavoro. «In comune avevamo», afferma Ursula Capaul, «la gioia per ogni forma di tecnologia.» «E la ricerca, completa Thomas Weber, «della massima soddisfazione proveniente dagli oggetti costruiti.» Tanto impegno, passione e volontà di affermarsi si ravvisa nelle voci della coppia che racconta la propria storia, assistita da un diplomato in economia e banchiere, André Oldani, di ben venti anni più giovane e che gestisce l azienda in qualità di terzo partner. Azienda? Non c è nulla di consueto in Alpa of Switzerland: il trio non produce semplicemente macchine fotografiche, costruisce prodotti inimitabili del momento immortalato. Medèn ágan (nessun eccesso): questo detto in greco antico scolpito all entrata del tempio di Apollo a Delfi rappresenta anche il pensiero ispiratore dei tre. Nessun eccesso ma il meglio che si possa chiedere a un idea, alla qualità, al materiale e alla produzione. La riduzione all essenziale, la funzionalità posta al centro, lo strumento come bene più alto della proverbiale creazione di valore. «Costruiamo utensili», confermano gli imprenditori che, attualmente, seguono un percorso innovativo insieme a pochi collaboratrici e collaboratori a Zurigo e che, in passato, hanno venduto al fotografo francese Raymond Depardon oggi uno dei fondatori della rinomata agenzia fotografica Magnum la prima Alpa 12WA costruita con le loro mani. Era il Tuttavia, la storia di Alpa of Switzerland inizia ottant anni prima nel Giura vodese, dove la Pignons SA di Ballaigues inizia la propria attività nel Nel 1944, questo fornitore dell industria orologiera costruisce la sua prima macchina fotografica reflex. Nel 1965, l anno migliore della sua storia, Pignons vende macchine in 12 mesi. Alla fine degli anni 80, Alpa si avvia però al declino; il futuro si chiama Ashai-Pentax, Nikon, Olympus, Canon e Sony, mentre a Zurigo la coppia Capaul-Weber sui 50 anni si pone questa domanda: era tutta qui, la nostra vita? Armonizzare cervello e braccia, creare qualcosa da soli, osare un nuovo inizio: quando Thomas Weber, grafico e psicologo, e Ursula Capaul, insegnante ed etnologa, leggono del fallimento di Pignons SA, non hanno dubbi: ecco l occasione! Ursula Capual ritiene che sia stata l antica fama di Alpa a spronarli e la volontà di salvare il marchio. Nel frattempo, dal cartone creano i primi modelli della loro macchina fotografica. Doveva essere qualcosa di nuovo, di esclusivo, di essenziale: per l appunto: medèn ágan. Un miracolo della meccanica, senza eccessi. La rinascita di Alpa of Switzerland è una storia del tutto particolare, raccontata da Thomas Weber: Dopo esserci guardati attorno a Ballaigues, abbiamo capito: volevamo solo il marchio. Abbiamo scritto, telefonato, senza mai ricevere alcuna risposta. Allora abbiamo pensato che gli svizzeri francesi non ci volessero e che potevamo fare ciò che volevamo. Nel 1994 la coppia soggiorna non lontano da Ballaigues. Durante una passeggiata alla fabbrica, scopre, guardando attraverso una finestra, che nel padiglione c è ancora tutto: macchine, materiale di lavoro, cartelloni pubblicitari. Ci chiedemmo: come mai si comportano così con noi? Allora, ci venne l idea: dobbiamo diventare creditori dell impresa fallita! In questo modo non ci potranno più ignorare! Visto l elenco dei creditori, i due chiamarono un impresa che vantava ancora un credito da Pignons SA, lo acquisirono presso la ditta in bancarotta e scrissero all ufficio d esecuzione e dei fallimenti che a loro, titolari legittimi di questo credito, spettava ancora del denaro. Poi le cose andarono velocemente. Ci invitarono a una vendita all asta dedicata esclusivamente al marchio proprio quello che ci interessava. Ci venne chiesto se volevamo offrire di più rispetto all offerta formulata dalla famiglia dei titolari. Era ovvio e ci eravamo recati all asta per quel motivo! Evidentemente nessuno aveva previsto che ci saremmo presentati. Ancor meno, che il 29 febbraio 1996 avremmo anche pagato. A questo punto, avevano il marchio. Morale della favola: tutto è possibile con la passione e il lavoro. Appunto medèn ágan: senza eccessi.

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve La depressione può colpire chiunque Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve «Faccio fatica a prendere qualsiasi decisione, seppur minima. Addirittura facendo la spesa. Ho sempre paura di

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

le più belle ville del Mediterraneo

le più belle ville del Mediterraneo le più belle ville del Mediterraneo le ville più belle del Mediterraneo Istria, Mediterraneo verde Dettaglio della penisola istriana Ricchezza della Tradizione Scoprite gli angoli ancora inesplorati del

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Communiqué de presse Octobre 2013 HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Minimal e asimmetrici, due tavoli firmati Mjiila in HI-MACS Il design, è l arte di progettare degli oggetti per

Dettagli

Una libera pensatrice.

Una libera pensatrice. Passato prossimo/imperfetto 1 Leggi il testo e scegli il verbo corretto. Una libera pensatrice. In primavera, quando l aria si riscaldava/si è riscaldata e è diventata/diventava piacevole, noi bambini

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo.

Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo. Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo. Reiner Gfeller. Responsabile Asset Management. Allianz Suisse Immobiliare SA. La Allianz Suisse Immobiliare SA collabora dal 2011 con Livit. L azienda

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli