Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica"

Transcript

1 Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica Relazione sulle attività svolte nel 2011 dal Nucleo di Valutazione e Verifica degli Investimenti Pubblici

2 Relazione sulle attività svolte nel 2011 dal Nucleo di valutazione e verifica degli investimenti pubblici

3 INDICE SINTESI 3 1. INVESTIMENTI PUBBLICI E VINCOLI DI BILANCIO: L IMPORTANZA DELLA QUALITÀ L INDAGINE DOING BUSINESS SUBNATIONAL IN ITALY SULLA COMPETITIVITÀ DEI TERRITORI LA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI IN OPERE PUBBLICHE INFRASTRUTTURE E TRASPORTI IL PIANO CASA E L HOUSING SOCIALE IL SOSTEGNO AL RECUPERO DELLE OPERE PUBBLICHE INCOMPIUTE IL FONDO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE LA RIFORMA DELL UNIVERSITÀ POLITICHE ENERGETICHE E AMBIENTALI LE POLITICHE PER LA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI IN ITALIA IL SETTORE AGRO-ALIMENTARE MONITORAGGIO DEGLI INTERVENTI DI RICOSTRUZIONE IN ABRUZZO L ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE LA QUALITÀ DELLA REGOLAMENTAZIONE STRUMENTO DI CRESCITA E DI COMPETITIVITÀ IL GRUPPO DI LAVORO AIR I SEMINARI ORGANIZZATI DAL NUCLEO 58 2

4 SINTESI La presente Relazione dà conto delle attività svolte durante l anno 2011 e nei primi mesi del 2012 dal Nucleo di valutazione e verifica degli investimenti pubblici nell ambito del Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica della Presidenza del Consiglio dei Ministri 1. Nel periodo in esame, l intensificazione della crisi a livello europeo e le esigenze di risanamento della finanza pubblica e di messa in sicurezza del paese hanno prolungato la tendenza al calo della spesa pubblica in conto capitale, passata dal 4,4% del PIL nel 2009 al 3,5% nel 2010 e al 3,2% nel 2011 (DEF di aprile 2012). Nonostante ciò, il Governo si è posto l obiettivo di mantenere per quanto possibile un adeguato livello degli investimenti, vero motore dei guadagni di produttività e della crescita economica futura. 2 1 Con il DPCM del 25 novembre 2008 è stato istituito il Nucleo di valutazione e verifica degli investimenti pubblici (di seguito Nucleo) presso il Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica (DIPE) della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Con successivo DPCM del 15 luglio 2009, la composizione del Nucleo è stata ampliata fino a quindici componenti al fine di fornire supporto tecnico al Dipartimento per gli Affari Giuridici e Legislativi (DAGL) della Presidenza del Consiglio dei Ministri per l Analisi di Impatto della Regolamentazione (AIR) dei provvedimenti normativi. 2 Il Ministro Giarda ha indicato la spesa per investimenti pubblici tra le componenti della spesa pubblica che non dovrebbero essere soggette a revisione nella spending review (cfr. Elementi per una revisione della spesa pubblica, 8 maggio 2012, par.3.2, p. 20). iew/documenti/revisione_spesa_pubblica_ pdf A tal fine, è sempre più importante assicurare la qualità e la sostenibilità degli investimenti pubblici, attraendo maggiori risorse dall estero, rafforzando le attività di valutazione e riconsiderando le eventuali scelte del passato non sufficientemente motivate sulla base delle valutazioni disponibili. Al riguardo, è in pieno svolgimento l indagine Doing business subnational in Italy sulla competitività dei territori, condotta dal Gruppo Banca Mondiale su richiesta del DIPE. L indagine verifica a livello locale in 12 città e 7 porti italiani la capacità di attrazione e di sostegno alle attività d impresa e d investimento sulla base di alcuni indicatori di costo e di rapidità di realizzazione nelle attività economiche. Il rapporto sarà pronto ad autunno 2012 e potrà fornire indicazioni di policy utili per l attuazione di alcuni dei punti più qualificanti dell agenda del Governo discussa nel Consiglio dei Ministri del 24 agosto 2012 e relativi sia al sostegno all internazionalizzazione e all export che alla semplificazione in materia di attività produttive che al miglioramento della giustizia civile, tramite una aumento di efficienza e una riduzione dei tempi e dei costi.. Sul fronte della valutazione, come anticipato nella Relazione dello scorso anno, il Nucleo ha fornito un contributo determinante nell attuazione della legge delega in materia di valutazione degli investimenti in opere pubbliche, in particolare nella stesura del D.Lgs. n. 228 del 29 dicembre Al fine di garantire maggiore efficienza e efficacia alla spesa in conto capitale, è stata disposta una 3

5 più incisiva attività di valutazione (ex ante e ex post) e di monitoraggio in itinere degli investimenti pubblici. E stato introdotto il Documento Pluriennale di Pianificazione (DPP), nel quale ogni Amministrazione deve far confluire in maniera coerente, tutti i piani e i programmi d investimento per opere pubbliche di propria competenza, reso prescrittivo tramite la non ammissibilità al finanziamento di opere non incluse nel documento o nelle Relazioni annuali. Sono stati successivamente elaborati due ulteriori schemi di DPCM, il primo di definizione di linee guida standardizzare per la valutazione degli investimenti da parte dei Ministeri e di uno schema-tipo di Documento Pluriennale di Pianificazione; il secondo di definizione dei criteri di designazione e delle modalità di selezione dei componenti dei Nuclei che ne garantiscano l indipendenza e la professionalità. Entrambi gli schemi sono stati condivisi con il Nucleo di valutazione e verifica del Dipartimento di sviluppo e coesione e sono attualmente in corso di formalizzazione. Con riferimento alla revisione e alla accelerazione della attuazione delle strategie di investimento, è stata completata la riprogrammazione di 21 miliardi di euro del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione effettuata tra agosto 2011 e agosto Oltre a perseguire l obiettivo di una maggiore coesione territoriale, la riprogrammazione ha inteso offrire un sostegno all attività economica in una fase di recessione, concentrando le risorse disponibili su alcune priorità definite. E stata altresì completata la fase di programmazione da parte del CIPE del Piano nazionale di edilizia abitativa, con l esame di 21 accordi di programma tra Regioni e Province autonome e Ministero per le infrastrutture e trasporti, destinati a aumentare l offerta di social housing. Complessivamente negli accordi di programma sono previsti investimenti per 3 miliardi di euro, dei quali 377,9 milioni di euro di fondi statali, 477 milioni di altri fondi pubblici e 2,1 miliardi di fondi privati. Sono previsti complessivamente alloggi, 65,7% dei quali localizzati nel Mezzogiorno, e destinati nel 42% dei casi ad affitto sociale per 25 anni o più. Tuttavia solo il 18,5% degli alloggi verrà reperito tramite recupero o ristrutturazione di edifici già esistenti, benché il riutilizzo di patrimonio edilizio abbandonato, inutilizzato o sottoutilizzato sia una priorità largamente accettata e di recente ribadita anche dal Governatore della Banca d Italia per assicurare la difesa del territorio e assicurare una adeguata manutenzione dell importante patrimonio edilizio già esistente. 3 Complessivamente gli oltre alloggi rappresentano una risposta, sia pure parziale, ad alcune criticità del mercato della casa e un sostegno all attività di un settore molto colpito dalla crisi. Sempre seguendo la tematica del migliore uso di risorse scarse, il Nucleo ha anche approfondito la questione del recupero delle opere pubbliche incompiute. Tale lavoro è avvenuto anche alla luce di una specifica previsione del decreto cosiddetto SalvaItalia, 3 Il Governatore della Banca d Italia, Ignazio Visco, ha recentemente indicato due grandi aree per il rilancio degli investimenti, prima delle quali Un ampio progetto di manutenzione immobiliare dell Italia, di cura del territorio, una terapia contro il dissesto idrogeologico. Intervista al Corriere della Sera del 7 luglio 2012, 4

6 che prevede la creazione di elenchi-anagrafe regionali per dare impulso al censimento, all uso e alla valorizzazione di tali opere. Anche in questo caso sarà necessario fare uso di un maggiore contributo finanziario privato laddove possibile per programmi di recupero. Le politiche energetiche pongono la sfida di conciliare obiettivi assai diversi tra loro. Questi, vanno dalla riduzione delle emissioni di CO 2, nel rispetto di impegni comunitari e internazionali, all esigenza di contenere il costo dell energia per imprese e consumatori al fine di sostenere l attività economica, a quello dello sviluppo del settore delle fonti energetiche alternative, importante sia dal punto di vista occupazionale sia della riduzione della dipendenza energetica dall estero e del relativo deficit commerciale. Anche grazie ai consistenti incentivi, si è registrata in Italia una rapida crescita delle fonti energetiche rinnovabili; nel 2011 sono nati più di nuovi impianti di generazione da fonte rinnovabile. La produzione di energia solare, in particolare, è recentemente aumentata in maniera esponenziale (da 39 GWth nel 2007 a nel 2010 e a nel 2011). La quota delle rinnovabili nella produzione lorda di energia elettrica in Italia è cresciuta dal 22,4% nel 2010 al 24% nel 2011, raggiungendo complessivamente GWth. L elevato costo degli incentivi (9 miliardi di euro nel 2011) ha reso tuttavia necessario l avvio di un processo di rimodulazione. Malgrado ciò, secondo le previsioni elaborate dal Ministero dell ambiente, l Italia sforerà il limite emissivo di CO 2 imposto dal Protocollo di Kyoto anche nel 2011 e nel Nel 2010 l Italia aveva conseguito solo una riduzione delle emissioni del 3% sul 1990, anno di riferimento, rispetto a un obiettivo di riduzione del 6,5%. Pertanto si dovrà procedere all acquisto sul mercato di crediti emissivi con importanti oneri per il bilancio dello Stato. Per il mantenimento degli obietti comunitari di ulteriori riduzioni delle emissioni per gli anni successivi sarà inoltre di fondamentale importanza il risparmio e l efficienza energetica. Anche nell Università è in corso un processo di razionalizzazione della spesa, attraverso una maggiore responsabilizzazione delle università rispetto al proprio bilancio, con lo scopo di premiare il merito e migliorare la qualità di didattica e ricerca. E stata monitorata l attuazione della riforma dell Università promossa dalla legge 30 dicembre 2010, n. 240 in tema di reclutamento e stato giuridico dei docenti universitari. In particolare, la politica di allocazione delle risorse è diventata più meritocratica, anche grazie all Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca (ANVUR), istituita nel 2010 e insediata nel La riforma del reclutamento è basata su di una valutazione della produzione scientifica sia dei candidati alla docenza che dei commissari incaricati di selezionarli, la cui compiuta attuazione richiederà di superare ancora alcuni ostacoli. Altri interventi significativi approfonditi dal Nucleo riguardano la ricostruzione dell Abruzzo e l andamento della spesa per lo sviluppo rurale. Riguardo alla ricostruzione dell Abruzzo dopo il sisma del 2009, il CIPE ha stanziato complessivamente 4,936 miliardi di euro nel 5

7 2009. Di questi, sono stati destinati 3,955 miliardi prioritariamente agli interventi che riguardano il patrimonio abitativo. Nei successivi tre anni, a valere su tale stanziamento, il CIPE ha disposto assegnazioni complessive per 2,314 miliardi di euro. Nell ambito del complesso processo di ricostruzione, gli interventi più urgenti hanno riguardato il settore abitativo, quello infrastrutturale e in particolare la ricostruzione delle reti viarie e ferroviarie, e gli edifici pubblici e scolastici. Per quanto riguarda il sistema agroalimentare, la programmazione della politica europea di sviluppo rurale, finanziata attraverso il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale (FEASR), ha previsto a favore delle Regioni italiane uno stanziamento complessivo di 8,8 miliardi di euro, a fronte di una dotazione finanziaria complessiva, ottenuta aggiungendo alle risorse comunitarie il cofinanziamento nazionale, di 17,2 miliardi di euro per l intero periodo. I dati di monitoraggio indicano che alla data del 31 dicembre 2011 le azioni concretamente poste in essere dalle Regioni italiane nell ambito dei rispettivi Programmi di Sviluppo Rurali (PSR) hanno prodotto una spesa pubblica cumulata di 6,42 miliardi di euro, equivalente al 37,15% del totale disponibile. Regulation in Europe: Italy che l'italia ha compiuto notevoli sforzi, pur sottolineando che restano ancora diverse criticità, quali in particolare la necessità di prestare maggiore attenzione alle implicazioni che comporta una governance multilivello, alla capacità di legiferare, alle tecniche di consultazione pubblica e gli altri strumenti di comunicazione delle attività di regolamentazione. Sempre secondo l OCSE mancano inoltre disposizioni efficaci per monitorare e valutare la programmazione normativa. In linea con queste raccomandazioni, nel corso del 2011 sono state introdotte, con il concorso del Gruppo AIR del Nucleo di valutazione, significative innovazioni normative e regolamentari, sul piano della qualità della regolamentazione, che hanno inciso sulla disciplina dell Analisi di Impatto della Regolamentazione (AIR) e della Verifica di Impatto della Regolamentazione (VIR). Nel 2011 inoltre sono pervenute al Dipartimento per gli Affari Giuridici e Legislativi (DAGL) 150 Relazioni AIR, in calo del 27,5% rispetto all anno precedente. Il Nucleo ha dedicato particolare attenzione all analisi dell impatto della regolamentazione quale elemento cruciale ai fini del miglioramento della competitività economica del paese tramite la semplificazione normativa, la riduzione dei costi ed una migliore qualità della regolamentazione. L OCSE ha riconosciuto nel rapporto 2012 Better 6

8 1. INVESTIMENTI PUBBLICI E VINCOLI DI BILANCIO: L IMPORTANZA DELLA QUALITA 1.1 L indagine Doing Business subnational in Italy sulla competitività dei territori. In contesto in cui i margini per stimoli espansivi della spesa pubblica sono limitati, il nostro paese ha bisogno di accrescere i propri livelli di efficienza, produttività e competitività, come confermato anche nell agenda di governo Obiettivo crescita, approvata il 24 agosto Alle misure già adottate, seguiranno ulteriori semplificazioni procedurali e autorizzative per le imprese e la facilitazione di investimenti diretti esteri verso il nostro Paese, allo studio del Governo. A questo riguardo, a partire dal 2003, il Gruppo Banca Mondiale (GBM) ha avviato l indagine annuale Doing Business per valutare, sulla base di alcuni indicatori, la capacità di attrazione e di sostegno alle attività d impresa e d investimento (business environment) dei singoli Paesi 4. Il Rapporto Doing Business 2012 colloca l Italia complessivamente all 87 posto su 183 Paesi, in calo di 4 posti rispetto all anno precedente, con una posizione oscillante a seconda degli aspetti esaminati tra il 30 posto per la capacità di risolvere le insolvenze (tempi di chiusura e tasso di recupero dei crediti in caso di bancarotta di un impresa) e il 158 posto nell assicurare il rispetto dei contratti. Al fine di calibrare le misure di semplificazione e attrazione degli investimenti, tenendo in debito conto l impatto di alcuni fattori di contesto sulla competitività dei singoli territori, il Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica (DIPE) ha incaricato il GBM di svolgere l indagine Doing Business a livello regionale in Italia, con particolare attenzione alle aree del Mezzogiorno. Al fine di individuare i maggiori nodi al fare impresa nel nostro Paese, il Nucleo, il GBM e le Amministrazioni centrali interessate all iniziativa, hanno esaminato le modalità attuative dell indagine territoriale e le possibili opzioni riguardo alla scelta degli indicatori da rilevare, delle realtà regionali da sottoporre a indagine e dei soggetti attuatori e partner locali da coinvolgere nell esercizio 5. Gli indicatori sono stati individuati sulla base dell importanza che rivestono nelle decisioni di investimento degli imprenditori italiani e stranieri e al fine di valutare gli effetti delle misure adottate negli anni recenti in materia di semplificazione, accelerazione delle procedure e attrazione degli investimenti. Tali indicatori sono: avvio di impresa, ottenimento di 4 L indagine ha ormai diffusione e rilevanza mondiali ed è stata adottata anche dal Fondo Monetario Internazionale in sede di recenti consultazioni con l Italia sub Article IV per l analisi della competitività del Sistema Paese. 5 Sono stati coinvolti il Ministero dell economia e delle finanze, Ministero degli affari esteri, Banca d Italia, il Ministero dello sviluppo economico Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica e il Dipartimento per lo sviluppo delle economie territoriali e l Unità per la semplificazione, della Presidenza del Consiglio dei Ministri. 7

9 permessi edilizi, trasferimento di una proprietà immobiliare, risoluzione di dispute commerciali, commercio internazionale. La scelta dei luoghi dove è stata effettuata la rilevazione è in buona parte conseguente a quella degli indicatori: le aree urbane dove si concentrano le attività produttive e i servizi, generalmente i capoluoghi di Regione, e i maggiori porti commerciali, selezionati sia in relazione al volume di movimentazione merci, sia in funzione della distribuzione sul territorio. La decisione di dedicare uno degli indicatori al commercio internazionale marittimo è legata all importanza che questo settore potrebbe avere nello sviluppo economico dei territori interessati dall indagine. L indagine Doing Business subnational analizza modalità, tempi e costi relativi alle procedure di movimentazione merci per sette dei maggiori porti commerciali italiani. I risultati dell indagine saranno confrontati con quelli di una ricerca svolta presso il DIPE che ha analizzato caratteristiche e peculiarità del nostro sistema portuale, lo stato delle infrastrutture portuali, l andamento del traffico nei principali porti italiani e le priorità per la programmazione e il riparto delle risorse in tale settore. Il 14 dicembre 2010 è stato firmato l Accordo di collaborazione fra il GBM e la Presidenza del Consiglio dei Ministri - DIPE per l avvio dell indagine Doing Business subnational in Italy, registrato dalla Corte dei conti il 18 febbraio Successivamente, le Regioni, i Comuni e le Autorità portuali interessati dall indagine hanno nominato un referente per facilitare le attività preparatorie alla fase di raccolta dei dati. Per dare avvio al progetto, il 22 giugno 2011 si è tenuto a Roma un kick-off meeting durante il quale i rappresentanti del DIPE e del GBM hanno illustrato gli obiettivi, le fasi di svolgimento e la metodologia dell indagine ai referenti e ai rappresentanti del settore privato individuati dal GBM. L'incontro è stato organizzato al fine di preparare la successiva fase di rilevazione dei dati sul territorio, che si è conclusa nel mese di novembre. Nel corso di questa fase, il GBM ha svolto nelle varie città e nei vari porti coinvolti delle interviste mirate, riguardanti gli indicatori sia con i referenti nominati dalle amministrazioni pubbliche che con esperti del settore privato e rappresentanti delle associazioni professionali. La partecipazione da parte sia del settore pubblico sia di quello privato è stata ampia e tutti gli attori interpellati hanno manifestato grande interesse per l iniziativa. All inizio del 2012 il GBM ha intrapreso il cosiddetto diritto di replica con le amministrazioni pubbliche interessate dall Indagine, confrontando con queste ultime i dati preliminari raccolti presso i soggetti privati riguardo gli indicatori sopra indicati. I risultati scaturiti, affinati e analizzati da Banca Mondiale, saranno diffusi al momento della pubblicazione del Rapporto finale il 14 novembre Il rapporto evidenzia rilevanti diversità sul territorio, segnalando significativi spazi di miglioramento per alcuni indicatori, in particolare sui permessi edilizi. Alcune esperienze di successo a livello locale, se diffuse a livello nazionale, consentirebbero un ulteriore sensibile miglioramento della posizione italiana nel ranking globale 8

10 (attualmente 73º posto su 185 paesi rispetto all 87º posto dell anno scorso). Esistono però anche criticità che attraversano tutto il paese, come la scarsa concorrenza nell ambito dei servizi professionali; ad esempio, Milano presenta dei costi per l avvio di un impresa superiori di oltre tre volte alla media Ue, oppure Torino, pur essendo al 1 posto in Italia per la soluzione di dispute commerciali richiede comunque quasi un anno di attesa in più rispetto alla media europea. Nel corso del progetto il Nucleo ha tenuto riunioni di coordinamento con il GBM, durante le quali sono stati affrontati ostacoli e difficoltà di natura organizzativa e logistica incontrati durante le fasi di raccolta e verifica dei dati. Il rapporto terrà conto sia delle difficoltà emerse a livello locale nel fare impresa, che degli sforzi del Governo Italiano nell affrontare questi problemi all interno dalla sua agenda, che raccomandazioni di policy in materia di semplificazione amministrativa e normativa, di miglioramento del funzionamento della giustizia civile, e di riduzione dei costi, elaborate dalla Banca Mondiale, anche alla luce della sua esperienza internazionale nel sostenere la competitività e la crescita economica. Il rapporto subnational, il primo su di un paese dell area euro, è concepito come strumento di sostegno alle istituzioni, al mondo dell impresa e alla società civile nell elaborazione e attuazione di politiche di riforma. 9

11 1.2 La valutazione degli investimenti in opere pubbliche. Come preannunciato nella Relazione dell'anno 2010, il D.Lgs. n. 228 del 29 dicembre 2011, recante Attuazione dell'articolo 30, comma 9, lettere a), b), c) e d) della legge 31 dicembre 2009, n. 196, in materia di valutazione degli investimenti relativi a opere pubbliche è stato pubblicato nella G.U. n. 30 del 6 febbraio Nel corso del 2011, il Nucleo ha collaborato alla redazione dello schema del predetto decreto legislativo, successivamente condiviso con il DAGL della Presidenza del Consiglio dei Ministri e con altre Amministrazioni interessate dal provvedimento normativo, tra cui la Ragioneria Generale dello Stato, il Ministero delle infrastrutture e trasporti ed il Ministero dello sviluppo economico. Il decreto trae origine essenzialmente dall'esigenza di garantire maggiore efficienza ed efficacia alla spesa in conto capitale dell'amministrazione statale, attraverso una più incisiva attività di valutazione (ex ante ed ex post) e monitoraggio in itinere degli investimenti pubblici. Elementi qualificanti del provvedimento sono il rafforzamento delle attività di valutazione che dovranno non solo verificare le caratteristiche tecniche e finanziarie dell opera, ma anche ex ante il fabbisogno e le esigenze di infrastrutture del contesto socioeconomico in cui queste dovranno essere realizzate e, ex post, la realizzazione di quanto previsto nella programmazione. Alle attività di valutazione previste dal citato D.Lgs. n. 228/2011 sono soggette tutte le opere finanziate a valere sulle risorse iscritte negli stati di previsione dei singoli Ministeri, le opere finanziate a valere su risorse trasferite dai Ministeri a soggetti attuatori, pubblici o privati, in forza di specifica delega, nonché le opere pubbliche che prevedono emissioni di garanzie a carico dello Stato (articolo 1). Il decreto introduce l'obbligo per i Ministeri di predisporre con cadenza triennale il Documento Pluriennale di Pianificazione (DPP), in base alle nuove modalità di programmazione degli interventi (articolo 2), al cui interno confluiscono. in maniera coerente, tutti i piani e i programmi d investimento per opere pubbliche di propria competenza (ivi compresi i contratti di programma che i Ministeri stipulano con le aziende dagli stessi vigilate). Il Documento non ha solo valore programmatorio, ma anche prescrittivo, prevedendo che le opere non incluse nel Documento o nelle Relazioni annuali non possono essere ammesse al finanziamento, con l eccezione, come previsto dal Codice dei Contratti Pubblici, degli interventi da realizzare mediante finanza di progetto (articolo. 5, comma 3). 10

12 La finalità principale della nuova disciplina è di evitare richieste di ammissione a finanziamento per progetti di opere che non siano stati sottoposti all indispensabile ciclo della valutazione del DPP; a tal fine, si prevede esplicitamente la non ammissione a finanziamento delle opere non incluse nel DPP o nelle Relazioni di aggiornamento annuali. Un altro elemento qualificante del decreto legislativo in esame è costituito dall ulteriore estensione e valorizzazione dello studio di fattibilità 6 che diviene strumento indispensabile per l inserimento nel DPP di tutte le opere di importo superiore a 100 mila euro 7 e per la successiva fase di selezione delle priorità tra le singole opere da realizzare, previa verifica della possibilità di realizzazione mediante contratti di partenariato pubblico/privato. Al tempo stesso, risultato atteso dall introduzione di questo sistema di programmazione e valutazione (con particolare riguardo all'attività di valutazione e verifica ex post) è un più stringente rispetto dei vincoli di finanza pubblica. Questo si pone in piena coerenza con le misure di contenimento e di miglioramento della qualità della 6 Rafforzato dalle recenti disposizioni del Codice dei Contratti e del relativo Regolamento di attuazione, anche rispetto a quanto già disponeva la legge n. 144/ L importo si desume dalla lettura congiunta del testo e dell articolo 128, commi 1,2 e 6 del D.Lgs. 163/06. spesa quali obiettivi fondamentali perseguiti nell azione del Governo, pur rimanendo la spesa in conto capitale esclusa dalla spending review in senso stretto. Il DPP si articola in tre sezioni: una prima sezione contenente la valutazione ex ante dei fabbisogni infrastrutturali e delle singole opere da realizzare, mediante studi di fattibilità ove è inclusa l analisi dei rischi (articoli 3 e 4) (per opere da oltre 10 milioni di euro); una seconda sezione concernente la selezione delle singole opere da includere nel Documento, anche al fine di individuare le priorità di intervento (articolo 5); una terza sezione stabilisce i criteri per le valutazioni ex post degli interventi individuati e sintetizza gli esiti delle valutazioni ex post per le opere realizzate (articolo 6). Il Documento triennale è sottoposto all esame del CIPE entro il 31 ottobre dell anno precedente il triennio di riferimento. Entro il 31 dicembre di ogni anno, invece, i Ministeri trasmettono al CIPE una relazione sullo stato di attuazione del Documento. Per la realizzazione delle infrastrutture strategiche, il Documento resta costituito dal Programma delle Infrastrutture Strategiche (PIS), sebbene da integrare ai sensi degli articoli 3, 4, 5, 6 e 7 del D.Lgs. n. 228/11. In aggiunta, l art. 8 (1 comma) del decreto legislativo prevede che i Ministeri predispongano linee guida per 11

13 la valutazione degli investimenti in opere pubbliche nei settori di propria competenza, finalizzate alla redazione del Documento pluriennale di pianificazione. Inoltre, il comma 3 prevede che, al fine di garantire la predisposizione di linee guida standardizzate, venga emanato un DPCM che definisce un modello di riferimento per la redazione da parte dei Ministeri delle linee guida nonché uno schema-tipo di DPP, il cui rispetto è condizione necessaria per l iscrizione all ordine del giorno del CIPE ai fini della deliberazione. Entro 90 giorni dalla pubblicazione del DPCM i Ministeri devono adottare le linee guida e trasmetterle al CIPE per la relativa presa d atto. Le linee guida devono in particolare, definire i criteri e le procedure per la valutazione ex ante da utilizzare per la selezione degli interventi da includere nel Documento, quelli per la valutazione ex post e come garantire il coinvolgimento degli Organismi citati. Nel più ampio contesto di elaborazione della normativa secondaria e di attuazione del D.Lgs. n. 228/11, il Nucleo ha partecipato alla redazione dello schema del DPCM contenente il modello di riferimento per la redazione di linee guida standardizzate da parte dei Ministeri, nonché lo schema-tipo di Documento pluriennale di pianificazione, in corso di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Gli organismi responsabili delle attività di valutazione (articolo 7, comma 1 del D.Lgs. n. 228/2011) sono individuati dai Ministeri nei Nuclei di valutazione e verifica degli investimenti pubblici, e i Ministeri ne assicurano l indipendenza ( ) nell esercizio delle attività valutative cui essi sono preposti. Sia i nuclei che i Ministeri potranno chiedere il supporto di altre strutture operanti nel campo della valutazione, fra le quali il Nucleo di valutazione e verifica degli investimenti pubblici e dell Unità tecnica finanza di progetto operanti nel DIPE e del Consiglio superiore dei lavori pubblici nella valutazione di interventi particolarmente complessi o che richiedono competenze di natura multisettoriale. Il supporto metodologico nella valutazione sarà affidato al Nucleo di valutazione e verifica degli investimenti pubblica del Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica del MISE. Ai fini dell esame da parte del CIPE, il DIPE verifica, la corretta predisposizione dei DPP e delle relative Relazioni annuali di aggiornamento, nonché il rispetto delle indicazioni contenute nelle linee guida, eventualmente formulando osservazioni e rilievi. Inoltre il DIPE predispone una relazione triennale sulla valutazione degli investimenti in opere pubbliche da trasmettere al Parlamento e cura l istruttoria per l adozione da parte del CIPE della delibera di riparto delle risorse del Fondo di cui all articolo 1, comma 7, della citata legge 17 maggio 1999, n

14 2. INFRASTRUTTURE E TRASPORTI 2.1 Il Piano Casa e l housing sociale. La normativa sull edilizia abitativa trova origine nel 1903 quando, su iniziativa dell on. Luigi Luzzatti, viene approvata la legge n. 251 che permette ai Comuni di edificare case popolari facendo nascere gli Istituti Autonomi Case Popolari (IACP), in un contesto di sviluppo delle politiche sociali a tutela delle classi meno abbienti. La legge stabiliva che gli IACP non avessero un interesse prettamente economico o esigenze di profitto, ma intervenissero per promuovere esclusivamente il "bene casa". Nel 1949 viene varato il Piano Fanfani e nasce l INA Casa, attivando un meccanismo di realizzazione di abitazioni per i lavoratori, grazie a finanziamenti a carico degli stessi lavoratori dipendenti, dei datori di lavoro e dello Stato. Sempre nello stesso anno viene approvata la legge Tupini, che concedeva agli IACP la possibilità di contrarre mutui con la Cassa Depositi e Prestiti e con altri enti autorizzati per la costruzioni di alloggi popolari. Il 14 febbraio 1963 il Parlamento licenzia la legge n. 60 per la liquidazione del patrimonio edilizio della gestione INA Casa e l avvio di un programma decennale per la realizzazione di abitazioni per i lavoratori dipendenti. Inoltre viene introdotta una tassa di scopo denominata Gescal, a carico del lavoratore dipendente per lo 0,35% della retribuzione, e del datore di lavoro per un ulteriore 0.70% della retribuzione del dipendente. Le iniziative in materia abitativa si moltiplicano negli anni settanta, con la legge di riforma per la casa (LEGGE n. 865 del 22 ottobre 1971) che dà vita all Edilizia Residenziale Pubblica (ERP) ed inquadra il settore all interno delle politiche di welfare. Il bisogno abitativo e le condizioni socio economiche dell individuo e della famiglia trovano una forte legittimazione nella norma che trasferisce agli IACP tutto il patrimonio edilizio esistente costruito tramite le contribuzioni Ina casa e Gescal (la cosiddetta edilizia economica e popolare). Un altro importante cambiamento avviene nel 1977 con il trasferimento alle Regioni delle funzioni amministrative statali concernenti la programmazione, la localizzazione, le attività di costruzione e la gestione di interventi di edilizia residenziale e abitativa pubblica, di edilizia convenzionata, di edilizia agevolata, di edilizia sovvenzionata nonché le funzioni connesse alle relative procedure di finanziamento. Da allora saranno più di dieci le norme ancora emanate sul comparto casa, fra le quali la legge n. 457 del 1978 che istituisce il Piano decennale per l edilizia residenziale pubblica e prevede norme per il credito fondiario, il recupero del patrimonio edilizio ed urbanistico esistente e il finanziamento del medesimo Piano decennale. Sempre nel 1978, nasce il cosiddetto equo canone grazie alla legge n. 392 del 27 luglio che mira a disciplinare le locazioni di immobili urbani definendo le modalità economiche e normative degli affitti nel settore dell edilizia privata. La legge in questione fu utilizzata anche nell edilizia residenziale pubblica per la determinazione del canone oggettivo da far pagare agli inquilini. Con la delibera CIPE. del 19 novembre 1981, avviene sostanzialmente il primo atto programmatorio dello Stato che, a oltre 10 anni 13

15 di distanza, dà attuazione ai contenuti della citata legge di riforma n. 865 del La delibera aggiorna il concetto di edilizia residenziale pubblica fissando i criteri per l assegnazione degli alloggi, i limiti di reddito degli aventi diritto e stabilendo i livelli di canone in relazione al reddito famigliare degli assegnatari. La delibera costituirà uno spartiacque per una serie di leggi regionali che, negli anni successivi al 1981, furono emanate dagli enti territoriali in questione. Una sensibile novità introdotta dal legislatore avviene nel 1998 quando nascono i Contratti di quartiere, il cui bando nazionale viene pubblicato sul n. 24 della Gazzetta Ufficiale del 30 gennaio Un aspetto molto importante introdotto riguarda il tema della sostenibilità ambientale che viene sottolineato nella Guida alla sperimentazione, allegata ai Contratti di quartiere, dove si individua nella qualità ecosistemica il termine più significativo per i futuri interventi di riqualificazione del patrimonio di ERP. Con la legge n. 281 dell 8 febbraio 2001 si avvia il Programma innovativo in ambito urbano (poi denominato Contratti di quartiere II), guidato dal Ministero dei lavori pubblici ed orientato in via prioritaria a incrementare, anche grazie alla compartecipazione di investimenti privati, delle Regioni, dei Comuni e degli IACP a diverso titolo denominati, la dotazione infrastrutturale dei quartieri degradati di ERP di Comuni e città con maggiori problematiche legate al disagio abitativo ed occupazionale, prevedendo misure e interventi per aumentare l occupazione, favorendo l integrazione sociale e l adeguamento dell offerta abitativa. Nel 2008 viene approvato un nuovo piano casa per rispondere all emergenza abitativa, che include sia incentivi per iniziative puramente private che misure per favorire il cosiddetto housing sociale. Con DPCM del 16 luglio 2009 è stato approvato, previa delibera CIPE n. 18/2009, il Piano nazionale per l edilizia abitativa, piano previsto dall art. 11 del DL n. 112/2008, convertito dalla legge n. 133/2008 e destinato a iniziative di housing sociale prevedendo un nuovo concetto di alloggio sociale come definito dal DM 22 aprile Il Piano nazionale di edilizia abitativa intende sostenere le fasce meno abbienti nell accesso alla prima casa (art. 11, comma 2, DPCM 16 luglio 2009). In dettaglio, il piano è destinato a nuclei familiari a basso reddito, anche monoparentali o monoreddito, a giovani coppie a basso reddito, anziani in condizioni sociali o economiche svantaggiate, a studenti fuori sede, soggetti sottoposti a procedure esecutive di rilascio, altri soggetti in possesso dei requisiti di cui all art.1 della legge 8 febbraio 2007, n. 9, e infine immigrati regolari a basso reddito, residenti da almeno dieci anni nel territorio nazionale ovvero da almeno cinque anni nella medesima regione. Il citato DPCM prevede la stipula di accordi di programma tra il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, Regioni e Comuni da approvare con DPCM, previa delibera CIPE, d intesa con la Conferenza Unificata, e con i quali concentrare gli interventi, nell ambito delle risorse attribuite, sull effettiva richiesta abitativa nei singoli contesti, rapportati alla dimensione 14

16 fisica e demografica del territorio di riferimento, attraverso la realizzazione di programmi integrati di promozione di edilizia residenziale sociale e di riqualificazione urbana. Il Piano è articolato in sei linee di intervento: costituzione di un sistema integrato nazionale e locale di fondi immobiliari; incremento del patrimonio di edilizia residenziale pubblica con risorse dello Stato, delle Regioni, delle Province autonome, degli Enti locali e di altri enti pubblici; promozione finanziaria, anche a iniziativa di privati, di interventi ai sensi del D.Lgs. 12 aprile 2006, n. 163; agevolazioni a cooperative edilizie costituite tra i soggetti destinatari degli interventi; programmi integrati di edilizia residenziale sociale; interventi di competenza degli ex IACP o dei Comuni, già compresi nel Programma straordinario di edilizia residenziale pubblica caratterizzati da immediata fattibilità, ubicati nei comuni ove la domanda di alloggi sociali risultante dalle graduatorie è più alta. Per quanto riguarda i capitali pubblici, le linee di intervento vengono regolate secondo i seguenti parametri di finanziamento: il 30% del costo di realizzazione, acquisizione o recupero se offerti in locazione a canone sostenibile, anche trasformabile in riscatto, per una durata di 25 anni; il 50% del costo per quelli locati per una durata superiore ai 25 anni; anche il 100% nel caso di alloggi di edilizia residenziale pubblica a canone sociale. Le dotazioni finanziarie (Art. 2) sono così regolate. sino all'importo massimo di 150 milioni di euro per gli interventi nel sistema integrato di fondi immobiliari; una quota non superiore a 200 milioni di euro per gli interventi di competenza degli ex IACP; nei limiti delle residue risorse per concedere contributi per il finanziamento di ciascuna linea d'intervento come indicate inizialmente nel decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti 8 marzo 2010, Riparto delle risorse del piano nazionale di edilizia abitativa. e pari a 377,9 milioni di euro (Tabella e per la ripartizione regionale grafico 3.1.1). Con un secondo decreto del 19 dicembre 2011, il MIT ha ripartito ulteriori fondi per 116,2 milioni di euro, ma alla fine di luglio 2012 non erano ancora pervenute le proposte delle Regioni in merito a questi finanziamenti addizionali. Il fine degli accordi di programma è quello di promuovere l housing sociale anche attraverso la riqualificazione urbana e secondo i criteri di elevato livello di vivibilità, di sicurezza e sostenibilità ambientale ed energetica, nonché attraverso progetti di risoluzione dei problemi di mobilità, promuovendo e valorizzando la partecipazione di soggetti pubblici e privati. 15

17 Con tre diverse delibere 8 il CIPE ha espresso parere favorevole sui contenuti degli schemi di accordo di programma relativi a 19 Regioni e 2 province autonome. Oltre alle prescrizioni relative ai primi 15 schemi di accordi, di cui si è reso conto nella relazione del Nucleo sulle attività del 2010, il CIPE ha anche invitato le Regioni a ricorrere maggiormente al recupero/ristrutturazione rispetto alla costruzione di nuovi alloggi nell uso dei prossimi finanziamenti destinati ai relativi accordi di programma (i 116,2 milioni di euro individuati dal decreto del MIT del 19 dicembre 2011). Questa prescrizione deriva dal fatto che a livello nazionale solo il 18,5% degli alloggi previsti sono stati recuperati o ristrutturati (32% nel Nord e 12% nel Centro-Sud), cfr. grafico 2.1.2, a dispetto dell esigenza di fare maggior uso del patrimonio immobiliare esistente e inutilizzato. Esistono già 27 milioni di alloggi in Italia, di cui il 20,3 % risultava in stato di conservazione mediocre o pessima (5,5 milioni) già in occasione del censimento 2001 (non sono ancora disponibili i dati sul censimento 2011). In molte regioni il territorio è già caratterizzato da una elevata densità costruttiva, con ampi spazi abbandonati, sia in zone industriali dimesse che in zone residenziali periferiche o centrali (come numerosi centri storici da recuperare e rivitalizzare). 8 Si tratta della delibera 5 maggio 2011, n. 16 (G.U. n. 215/2011), della delibera 20 gennaio 2012, n. 5 (G.U. n. 82/2012; errata corrige G.U. n. 127/2012) e della delibera 11 luglio 2012, n. 77 (in corso di perfezionamento). Inoltre il CIPE ha indicato che la Regione Lazio dovrà adoperarsi per concentrare le prossime risorse sul territorio del Comune di Roma, che non è oggetto di interventi nel programma attuale, pur rappresentando quasi il 50% della popolazione regionale. Più in generale le Regioni e gli Enti locali dovranno riferire al Comitato per il monitoraggio dell attuazione del Piano ex art. 13 del DPCM 16 luglio 2009, sull impiego delle risorse pubbliche, affinché sia coerente con le finalità sociali delle stesse. Complessivamente gli alloggi destinati all housing sociale, previsti sulla base degli accordi esaminati dal CIPE tra maggio 2011 e luglio 2012 sono , dei quali il 65,7% è localizzato nel Mezzogiorno, il 17,5% nel Nord e il 9,4% nel Centro (tabella e grafico 2.1.3). Il Mezzogiorno è relativamente sovrarappresentato in termini di alloggi previsti rispetto alla sua quota della popolazione nazionale (il 34,5% secondo l Istat) ma non rispetto alla sua quota dei nuclei familiari in povertà relativa a livello nazionale (69,2% secondo l Istat). L investimento complessivo previsto è vicino ai 3 miliardi di euro. Il contributo statale è di 377,9 milioni di euro, mentre 293,9 milioni provengono da fondi regionali, 183,1 milioni da altri fondi pubblici e 2.1 miliardi da fondi privati. I fondi privati rappresentano circa il 50% dei finanziamenti complessivi nel Centro-Nord e l 81,3% nel Mezzogiorno (soprattutto a causa dei massicci investimenti privati in Campania (1,38 miliardi, fattore che spiega perché tale regione rappresenta da sola il 41,3% degli appartamenti previsti a livello nazionale). Il riflesso dell elevato contributo privato nel 16

18 Mezzogiorno è che solo il 16,5% degli alloggi vi risulta di proprietà pubblica (rispetto al 44% nel Centro-Nord) e che vi è limitata la quota di alloggi che saranno utilizzati per locazione sociale a lunghissimo periodo (l affitto permanente o per almeno 25 anni riguarda il 29,8% degli alloggi nel Sud contro il 58,5% nel Centro e 70,3% nel Nord). Tabella Finanziamenti previsti dagli accordi di programma esaminati dal CIPE (in euro) fondi statali fondi regionali altri fondi pubblici fondi privati TOTALE Piemonte Valle d'aosta Lombardia Trento Bolzano Veneto Friuli-V. Giulia Liguria Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Totale Fonte: elaborazione DIPE 17

19 Grafico Finanziamenti statali e alloggi previsti negli accordi di programma Finanziamenti statali (Decr MIT , valori a sinistra, in milioni di euro) Numero di alloggi previsti (valori a destra) Lombardia Campania Fonte: elaborazione DIPE Lazio Piemonte Sicilia Puglia Veneto Emilia-Romagna Toscana Calabria Sardegna Liguria Abruzzo Friuli-Ven. Giu Marche Bolzano Umbria Trento Basilicata Molise 22 Valle d'aosta Tabella Caratteristiche degli alloggi previsti dagli accordi di programma esaminati dal CIPE Numero totale di alloggi Numero di alloggi previsti Locazione permanente o a 25 anni Recup./ ristrutt. Proprietà pubblica Percentuale degli alloggi previsti Locazione Recup./ Proprietà permanente ristrutt. pubblica o a 25 anni Piemonte ,6 47,2 17,6 Valle d'aosta ,0 0,0 0,0 Lombardia ,1 69,0 54,6 Trento ,0 100,0 100,0 Bolzano ,0 100,0 100,0 Veneto ,7 100,0 71,2 Friuli-V. Giulia ,1 91,3 61,7 Liguria ,6 61,6 55,9 Emilia-Romagna ,7 77,4 31,6 Toscana ,7 80,0 39,8 Umbria ,1 43,2 43,2 Marche ,0 100,0 68,5 Lazio ,0 38,8 40,4 Abruzzo ,8 49,3 43,9 Molise ,0 100,0 100,0 Campania ,4 14,4 5,6 Puglia ,7 48,8 34,8 Basilicata ,0 8,8 8,8 Calabria ,7 86,6 50,2 Sicilia ,5 59,8 2,2 Sardegna ,5 91,5 100,0 Totale/media nazionale ,5 42,0 26,8 Fonte: elaborazione DIPE 18

20 Grafico Distribuzione % per area geografica della propensione al recupero, alla locazione di lunghissimo periodo, all utilizzo di fondi privati e alla proprietà pubblica negli accordi di programma 90,0 80,0 70,0 60,0 50,0 40,0 30,0 20,0 10,0 31,8 18,5 12,1 11,9 70,3 58,5 29,8 52,6 81,3 71,2 46,4 42,0 43,8 Nord Centro Mezzogiorno Italia 44,0 16,5 26,8 0,0 Quota % di recupero o ristrutturazione alloggi Quota % di locazione permanente o a 25 anni Quota % di fondi privati Quota % di proprietà pubblica Fonte: elaborazione DIPE Grafico Distribuzione territoriale dei nuovi alloggi previsti dal piano casa rispetto alla distribuzione della popolazione e dei nuclei familiari poveri (in %) 80,0 70,0 60,0 Quota popolazione nazionale al 31 dic 2010 Quota alloggi previsti nel piano casa Quota dei nuclei familiari in povertà relativa a livello nazionale 69,2 65,7 50,0 47,5 45,8 40,0 34,5 30,0 20,0 25,0 20,3 19,7 24,9 24,4 10,0 9,4 10,5 0,0 Nord Centro Sud e isole Sud senza Campania Fonte: elaborazione DIPE su dati degli accordi di programma e ISTAT 19

Piano nazionale di edilizia abitativa

Piano nazionale di edilizia abitativa ALLEGATO Piano nazionale di edilizia abitativa Art. 1 (Linee d intervento) 1. Il piano è articolato in sei linee di intervento, di seguito indicate: a) costituzione di un sistema integrato nazionale e

Dettagli

Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in Sardegna

Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in Sardegna Provincia di Olbia Tempio Politiche abitative e Housing Sociale. Olbia, 13-14 Febbraio 2013 Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

DL 112 del 25 giugno 2008 Convertito con modificazione dalla. L. 133 del 6 agosto 2008

DL 112 del 25 giugno 2008 Convertito con modificazione dalla. L. 133 del 6 agosto 2008 DL 112 del 25 giugno 2008 Convertito con modificazione dalla L. 133 del 6 agosto 2008 (G.U. n. 195 del 21/8/08) Capo IV Casa e infrastrutture Art. 11. Piano Casa 1. Al fine di garantire su tutto il territorio

Dettagli

ATTI DEGLI ORGANI COSTITUZIONALI DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

ATTI DEGLI ORGANI COSTITUZIONALI DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI LAVORI PREPARATORI Camera dei deputati (atto n. 1923): Presentato dal Ministro degli affari esteri ( BONINO ) il 30 dicembre 2013. Assegnato alla III Commissione (Affari esteri e comunitari), in sede referente,

Dettagli

Europa 2020 Obiettivi:

Europa 2020 Obiettivi: Europa 2020 Obiettivi: 1. Occupazione 2. R&S innalzamento al 75% del tasso di occupazione (per la fascia di età compresa tra i 20 e i 64 anni) dell'ue aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo al

Dettagli

Uso efficace dei fondi comunitari per contribuire al rilancio dell economia e del sistema produttivo

Uso efficace dei fondi comunitari per contribuire al rilancio dell economia e del sistema produttivo Uso efficace dei fondi comunitari per contribuire al rilancio dell economia e del sistema produttivo Sabina De Luca Capo Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica Roma, 29 Novembre 2012 1 Fondi

Dettagli

Il mercato degli immobili in Italia: Focus sull edilizia sociale

Il mercato degli immobili in Italia: Focus sull edilizia sociale Il mercato degli immobili in Italia: Focus sull edilizia sociale Ufficio Ricerca e Studi Asti, 28 novembre 2014 Perché Social housing La questione abitativa in Italia ha acquisito, nel corso degli ultimi

Dettagli

È consentito, in sostituzione della marcatura, riportare tali informazioni su di una etichetta adesiva resistente all acqua.

È consentito, in sostituzione della marcatura, riportare tali informazioni su di una etichetta adesiva resistente all acqua. È consentito, in sostituzione della marcatura, riportare tali informazioni su di una etichetta adesiva resistente all acqua. Art. 3. Su ciascun contenitore delle zattere di cui al precedente articolo dovranno

Dettagli

ACCORDO QUADRO PER PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRALARGA SUL TERRITORIO NAZIONALE VERSO GLI OBIETTIVI EU2020

ACCORDO QUADRO PER PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRALARGA SUL TERRITORIO NAZIONALE VERSO GLI OBIETTIVI EU2020 ACCORDO QUADRO PER PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRALARGA SUL TERRITORIO NAZIONALE VERSO GLI OBIETTIVI EU2020 (ai sensi della delibera CIPE 6 agosto 2015, n.65) L anno 2016, il giorno 11 del mese di febbraio,

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

20-3-2012. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 67

20-3-2012. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 67 ma, secondo l impostazione metodologica ora contenuta nell aggiornamento 2012-2013 del PSN; Considerato che il processo di riforma a livello europeo del Patto di stabilità e di crescita e della governance

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 16 marzo 2015 Criteri per la formulazione di un programma di recupero e razionalizzazione degli immobili e degli alloggi di edilizia residenziale

Dettagli

I fondi europei per la coesione. passodopopasso

I fondi europei per la coesione. passodopopasso I fondi europei per la coesione >> passodopopasso FONDI EUROPEI 2014-2020 All Italia spettano 44 miliardi di Euro (22.2 miliardi alle Regioni del Sud) Sviluppo regionale Fondo Europeo di Sviluppo Regionale

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Numeri del Sud Indicatori regionali del QCS 2-26 Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli

Dettagli

ALLEGATO AL QUADRO STRATEGICO NAZIONALE 2007-2013

ALLEGATO AL QUADRO STRATEGICO NAZIONALE 2007-2013 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione -------------------- ALLEGATO AL QUADRO STRATEGICO NAZIONALE 2007-2013 La politica regionale nazionale del FAS

Dettagli

NOTA TECNICA SUL PIANO CASA

NOTA TECNICA SUL PIANO CASA NOTA TECNICA SUL PIANO CASA L art. 11 della legge 133/08 ha inteso rilanciare un Piano Casa per realizzare un offerta di alloggi in proprietà e in locazione prima casa nelle aree di bisogno abitativo,

Dettagli

Dall edilizia residenziale pubblica al social housing

Dall edilizia residenziale pubblica al social housing Dall edilizia residenziale pubblica al social housing **** Fondi Immobiliari e Housing Sociale FORUM PA 2010 Roma, 20 maggio 2010 1 Premessa Per Social Housing, si intende l insieme delle iniziative e

Dettagli

La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale

La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale Le iniziative della Regione Emilia- Romagna per l housing sociale Bologna 15 novembre 2012 Caterina Brancaleoni Nucleo

Dettagli

CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro La crisidegli affitti e il Piano di edilizia abitativa

CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro La crisidegli affitti e il Piano di edilizia abitativa CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro La crisidegli affitti e il Piano di edilizia abitativa Osservazioni e Proposte Assemblea 21 luglio 2010 1 21 luglio 2010 Indice Premessa...3 Introduzione...4

Dettagli

COMUNE di. L anno 2012, il giorno. del mese di.. in, presso.. alle ore. tra

COMUNE di. L anno 2012, il giorno. del mese di.. in, presso.. alle ore. tra Allegato A alla delibera avente per oggetto: Piano nazionale di edilizia abitativa. D.P.C.M. 16 luglio 2009. Accordo di Programma tra il Ministero delle Infrastrutture e i Trasporti e la Regione Piemonte

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART.

BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART. BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART. 1 Finanziamento 1. Al finanziamento degli interventi di edilizia

Dettagli

Gli investimenti in tecnologie ed edilizia sanitaria

Gli investimenti in tecnologie ed edilizia sanitaria 9 Gli investimenti in tecnologie ed edilizia sanitaria 9.1. Gli investimenti strutturali per la riqualificazione dell offerta sanitaria Le politiche di zione degli investimenti pubblici dedicati al patrimonio

Dettagli

Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale

Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale IL FONDO INVESTIMENTI PER L ABITARE NEL SISTEMA INTEGRATO DI FONDI Stefano Brancaccio febbraio 2011 Il contesto di riferimento Con

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 400 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Promozione del progetto per la costituzione del Fondo di Housing Sociale Trentino

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA SELEZIONE DEI PROGRAMMI DI RIQUALIFICAZIONE URBANA PER ALLOGGI A CANONE SOSTENIBILE

BANDO DI GARA PER LA SELEZIONE DEI PROGRAMMI DI RIQUALIFICAZIONE URBANA PER ALLOGGI A CANONE SOSTENIBILE BANDO DI GARA PER LA SELEZIONE DEI PROGRAMMI DI RIQUALIFICAZIONE URBANA PER ALLOGGI A CANONE SOSTENIBILE Art. 1 Finanziamento degli interventi di ERS nell ambito di programmi di riqualificazione urbana

Dettagli

Edilizia scolastica: la nuova normativa già esiste, si tratta di finanziarne i progetti e di controllarne l esecuzione.

Edilizia scolastica: la nuova normativa già esiste, si tratta di finanziarne i progetti e di controllarne l esecuzione. Edilizia scolastica: la nuova normativa già esiste, si tratta di finanziarne i progetti e di controllarne l esecuzione. di Osvaldo Roman Fra gli obiettivi programmatici del governo Renzi quello riguardante

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro della Salute e il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro della Salute e il Ministro dell Economia e delle Finanze la legge 31 dicembre 2009, n. 196 Legge di contabilità e finanza pubblica ; il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, con particolare riguardo all articolo 3-septies

Dettagli

LA NUOVA POLITICA REGIONALE DELL UNIONE EUROPEA PER IL PERIODO 2014-2020

LA NUOVA POLITICA REGIONALE DELL UNIONE EUROPEA PER IL PERIODO 2014-2020 LA NUOVA POLITICA REGIONALE DELL UNIONE EUROPEA PER IL PERIODO 2014-2020 Direzione Affari economici e Centro Studi Ing. Romain Bocognani «I finanziamenti europei diretti ed indiretti per il settore delle

Dettagli

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali Roma, 7 maggio 2013 Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali E la naturale prosecuzione degli interventi previsti da

Dettagli

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE VISTA la legge 11 febbraio 1994, n. 109, recante Legge quadro in materia di lavori pubblici, nel testo aggiornato pubblicato nel supplemento

Dettagli

Fondo per la crescita sostenibile

Fondo per la crescita sostenibile Fondo per la crescita sostenibile Intervento a favore dei Progetti di R&S negli ambiti tecnologici di Horizon 2020 (Decreti del Ministro dello sviluppo economico 20 giugno 2013 e 15 ottobre 2014) Roma,

Dettagli

Interventi urgenti a sostegno della crescita

Interventi urgenti a sostegno della crescita Interventi urgenti a sostegno della crescita Misure di accelerazione dell utilizzo delle risorse della politica di coesione (Fondo Sviluppo e Coesione, Piano Azione Coesione e Programmi dei Fondi Strutturali

Dettagli

SOCIAL HOUSING: IL QUADRO NORMATIVO IL NUOVO ANNO INIZIA MALE

SOCIAL HOUSING: IL QUADRO NORMATIVO IL NUOVO ANNO INIZIA MALE SOCIAL HOUSING: IL QUADRO NORMATIVO IL NUOVO ANNO INIZIA MALE E il 3 gennaio 2012, quasi il primo giorno lavorativo del nuovo anno, quando arriva il comunicato della Corte dei Conti. Il Piano Casa non

Dettagli

L utilizzo dell Analisi Impatto della Regolazione AIR nelle regioni italiane

L utilizzo dell Analisi Impatto della Regolazione AIR nelle regioni italiane NUVV Regione Lazio L utilizzo dell Analisi Impatto della Regolazione AIR nelle regioni italiane Premessa Il presente rapporto fa parte di un filone di attività in seno al Nucleo di valutazione degli investimenti

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI

PIANO DEGLI INTERVENTI DEL. CIPE N. 7/2006 PROGRAMMI OPERATIVI DI SUPPORTO ALLO SVILUPPO 2007-2009 ADVISORING PER LO SVILUPPO DEGLI STUDI DI FATTIBILITA E SUPPORTO ALLA COMMITTENZA PUBBLICA PIANO DEGLI INTERVENTI ALLEGATO 1

Dettagli

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA NOTA ANCAb SUL PIANO CASA Il Piano Casa del Governo, istituito dall art. 11 della legge n 133 del 2008, rivolto all incremento del patrimonio immobiliare ad uso abitativo attraverso l offerta di abitazioni

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 82 DEL 16-09-1982 REGIONE ABRUZZO

LEGGE REGIONALE N. 82 DEL 16-09-1982 REGIONE ABRUZZO Legge 1982082 Pagina 1 di 11 LEGGE REGIONALE N. 82 DEL 16-09-1982 REGIONE ABRUZZO Provvidenze regionali per l' edilizia abitativa: agevolazioni finanziarie a cooperative edilizie per la costruzione di

Dettagli

FAQ (Risposte alle domande più frequenti) AGGIORNAMENTO AL 16/06/2015

FAQ (Risposte alle domande più frequenti) AGGIORNAMENTO AL 16/06/2015 Modalità di redazione dell elenco anagrafe delle Opere incompiute di cui all art.44-bis del DL 6/12/2011 n.201, convertito con modificazioni dalla legge 22/12/2011 n.214, ed in riferimento al Decreto 13

Dettagli

Fondo Aree Sottoutilizzate

Fondo Aree Sottoutilizzate Allegato 1 Fondo Aree Sottoutilizzate Direzione Programmazione e Statistica Settore Valutazione Progetti e Atti di Programmazione Negoziata 1 Allegato 1 1.1 Stato di attuazione dell Intesa 1.2 La programmazione

Dettagli

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA Conoscere per governare 13 novembre 2013 Sala Polifunzionale Via Santa Maria in Via, 37 R o m a I servizi per la prima infanzia: il punto sulle Intese e il Piano di Azione

Dettagli

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto EUROPA 2020 Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva Eurosportello-Unioncamere del Veneto Cos è è? Una comunicazione della Commissione Europea (Com. 2020 del 3 marzo 2010), adottata

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE FORMAT ACCORDO MINISTERO DELLO REGIONE SVILUPPO ECONOMICO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E REGIONE VISTO l articolo

Dettagli

integrazione delle politiche urbane con le politiche di welfare; la programmazione come base irrinunciabile della pianificazione;

integrazione delle politiche urbane con le politiche di welfare; la programmazione come base irrinunciabile della pianificazione; ALLEGATO G Indirizzi per l applicazione del titolo V della l.r. 38/07 e s.m.i.. 1. Premesse: principi informatori. La legge regionale 38/07 e s.m.i. è ispirata ad alcuni principi generali che rinnovano

Dettagli

Fondo Centrale di Garanzia. Sezione speciale per le imprese femminili

Fondo Centrale di Garanzia. Sezione speciale per le imprese femminili Fondo Centrale di Garanzia Sezione speciale per le imprese femminili Aprile 2013 Crisi e imprenditoria femminile: quale risposta Nel momento di difficoltà che il nostro Paese sta attraversando, l imprenditoria

Dettagli

Contestualmente la Direttiva è inviata alla Corte dei Conti per la registrazione.

Contestualmente la Direttiva è inviata alla Corte dei Conti per la registrazione. Prot.1086 Roma, 03/10/2001 Esercizio finanziario 2001- Si trasmette la Direttiva n. 143 in data 1/10/2001, relativa alla formazione e all aggiornamento del personale della scuola per l esercizio finanziario

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO DIRETTORIALE 22 DICEMBRE 2014, N. 1/II/2015. Preambolo. [Preambolo]

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO DIRETTORIALE 22 DICEMBRE 2014, N. 1/II/2015. Preambolo. [Preambolo] MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO DIRETTORIALE 22 DICEMBRE 2014, N. 1/II/2015 RIPARTO DELLE RISORSE PER IL FUNZIONAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE NELL'ESERCIZIO DELL'APPRENDISTATO

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE D.D. 1709\Segr D.G.\2014 DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ATTIVE E PASSIVE DEL LAVORO IL DIRETTORE GENERALE VISTA la Legge 21 dicembre 1978 n. 845 recante Legge quadro in materia di formazione professionale

Dettagli

UN PIANO NAZIONALE PER L'EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA, LA QUALITÀ URBANA E L'OCCUPAZIONE

UN PIANO NAZIONALE PER L'EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA, LA QUALITÀ URBANA E L'OCCUPAZIONE UN PIANO NAZIONALE PER L'EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA, LA QUALITÀ URBANA E L'OCCUPAZIONE 1. Investire sulla città per uno sviluppo urbano inclusivo e sostenibile Negli ultimi 20 anni, malgrado il lungo

Dettagli

EBAN ENTE BILATERALE AGRICOLO NAZIONALE

EBAN ENTE BILATERALE AGRICOLO NAZIONALE EBAN ENTE BILATERALE AGRICOLO NAZIONALE BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI SULLA PREVENZIONE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO IN AZIENDE AGRICOLE Premessa L Ente Bilaterale Agricolo Nazionale, di seguito

Dettagli

Convenzione stipulata in modalità elettronica con firme digitali ai sensi del comma 2 bis dell art. 15 della Legge 241/1990.

Convenzione stipulata in modalità elettronica con firme digitali ai sensi del comma 2 bis dell art. 15 della Legge 241/1990. PIANO NAZIONALE DI EDILIZIA ABITATIVA INTESA ATTUATIVA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA DI INCREMENTO DI ALLOGGI ERP A CANONE SOCIALE UBICATO A PORTO S.ELPIDIO, VIA ISOLA DI PONZA (art.4 Accordo di Programma

Dettagli

CAPITOLO 5 INDEBITAMENTO

CAPITOLO 5 INDEBITAMENTO CAPITOLO 5 INDEBITAMENTO LIMITE DELLA SPESA PER INTERESSI La Legge di stabilità 2012 (articolo 8, comma 1, legge n. 183/2011) modifica le regole per il ricorso all indebitamento restringendo drasticamente

Dettagli

7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO

7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO Da ALLULLI G., Dalla Strategia di Lisbona a Europa 2020, Tipografia Pio XI, aprile 2015. 7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO 1. Uno strumento per favorire un armonioso sviluppo economico e sociale degli Stati

Dettagli

Sblocca Italia. I mille cantieri per far ripartire il Paese

Sblocca Italia. I mille cantieri per far ripartire il Paese Sblocca Italia I mille cantieri per far ripartire il Paese 1. Grandi cantieri sbloccati Grandi opere ferme e già finanziate, individuate secondo priorità strategiche e rimuovendo gli ostacoli burocratici

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale IL FONDO INVESTIMENTI PER L ABITARE NEL SISTEMA INTEGRATO DI FONDI

Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale IL FONDO INVESTIMENTI PER L ABITARE NEL SISTEMA INTEGRATO DI FONDI Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale IL FONDO INVESTIMENTI PER L ABITARE NEL SISTEMA INTEGRATO DI FONDI Stefano Marchettini Marzo 2011 Contenuti del documento Il mercato

Dettagli

3. SOCIALE. 3.3 Politiche abitative

3. SOCIALE. 3.3 Politiche abitative 3. SOCIALE 3.3 Politiche abitative INDICE Inquadramento strategico..................... pag. 65 Risorse impiegate........................ pag. 66-67 I progetti innovativi....................... pag. 68-69

Dettagli

Una Nuova Politica degli Affitti: Le Proposte dei Comuni. Considerazioni

Una Nuova Politica degli Affitti: Le Proposte dei Comuni. Considerazioni Una Nuova Politica degli Affitti: Le Proposte dei Comuni Considerazioni Il Mercato della Casa in Italia tra proprietari di casa e famiglie in affitto In Italia la percentuale di proprietari di case è molto

Dettagli

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 3 agosto 2012. Fondo per lo sviluppo e la coesione regione Puglia. Programmazione delle residue risorse 2000-2006 e 2007-2013 e modifica

Dettagli

Programma casa Housing sociale

Programma casa Housing sociale Segnalazioni Direzione Programmazione Strategica, Politiche Territoriali ed Edilizia giugno 2014 Programma casa Housing sociale LEGGE 23 maggio 2014, n. 80 Conversione in legge, con modificazioni, del

Dettagli

LE VERIFICHE ISPETTIVE SUI SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA COME STRUMENTO DI PREVENZIONE DEI RISCHI DI INCIDENTE RILEVANTE

LE VERIFICHE ISPETTIVE SUI SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA COME STRUMENTO DI PREVENZIONE DEI RISCHI DI INCIDENTE RILEVANTE LE VERIFICHE ISPETTIVE SUI SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA COME STRUMENTO DI PREVENZIONE DEI RISCHI DI INCIDENTE RILEVANTE Alberto Ricchiuti Italia Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per i Servizi

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 23 gennaio 2015 Modalita' di attuazione della disposizione legislativa relativa a operazioni di mutuo che le regioni possono stipulare per interventi di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2000-2006 I L C I P E

PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2000-2006 I L C I P E PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2000-2006 I L C I P E VISTA la legge 16 aprile 1987 n. 183 che, agli articoli 2 e 3, specifica le competenze di questo Comitato in tema di coordinamento delle politiche

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

PROGETTO DI LEGGE N. 0392. di iniziativa del Presidente della Giunta regionale

PROGETTO DI LEGGE N. 0392. di iniziativa del Presidente della Giunta regionale REGIONE LOMBARDIA VIII LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 15996 PROGETTO DI LEGGE N. 0392 di iniziativa del Presidente della Giunta regionale Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione

Dettagli

Il REPORT. I giovani Neet registrati

Il REPORT. I giovani Neet registrati Roma, 7 Novembre 2014 L adesione al programma da parte dei giovani continua. Al 6 novembre 2014 1 si sono registrati a Garanzia Giovani 283.317 giovani, di questi il 52% (146.983 giovani) lo ha fatto attraverso

Dettagli

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO UNO STRUMENTO PER LIBERARE I PAGAMENTI ALLE IMPRESE E FAVORIRE LE SPESE IN CONTO CAPITALE MAGGIO 2012 INDICE

Dettagli

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI 4. suolo e risanamento acque del sottosuolo e di superficie 10. risorse idriche 6. biodiversità e paesaggio 2. acque reflue 11. risorse forestali 3. rifiuti 13. materie prime energetiche 1. aria e clima

Dettagli

L OFFERTA COMUNALE DI ASILI NIDO E ALTRI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA

L OFFERTA COMUNALE DI ASILI NIDO E ALTRI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA 18 luglio 2011 Anno scolastico 2009/2010 L OFFERTA COMUNALE DI ASILI NIDO E ALTRI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA Nell anno scolastico 2009/2010 risultano iscritti negli asili nido comunali

Dettagli

Assessorato Casa, Housing sociale e Valorizzazione patrimonio

Assessorato Casa, Housing sociale e Valorizzazione patrimonio Area Pianificazione urbana, Tutela ambientale e Casa Assessorato Casa, Housing sociale e Valorizzazione patrimonio Servizio Housing sociale e Piani di Zona Servizio Patrimonio ed Inventari Servizio Casa

Dettagli

Accordo di partenariato 2014-2020. I fondi europei per la coesione

Accordo di partenariato 2014-2020. I fondi europei per la coesione Accordo di partenariato 2014-2020 I fondi europei per la coesione 4 Novembre 2014 Presidenza del Consiglio dei Ministri 1 cos è la politica di coesione la politica di coesione(o politica regionale comunitaria)

Dettagli

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi F/01_FASCICOLO 1_DESCRIZIONE DELLA RICERCA Indice 1. La ricerca 2. Gli obiettivi

Dettagli

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI I dati della Banca d Italia sul mercato del credito mostrano un diverso andamento per quanto riguarda i mutui

Dettagli

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA Determina: Art. 1. 1. È fatto obbligo a tutte le aziende titolari di autorizzazione all immissione in commercio di medicinali contenenti i principi attivi da soli o in associazione captopril, imidapril,

Dettagli

IL MERCATO DEL PROJECT FINANCING IN ITALIA

IL MERCATO DEL PROJECT FINANCING IN ITALIA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO DEL PROJECT FINANCING IN ITALIA ESTRATTO DALL OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI GIUGNO 2012 INDICE Il mercato del project

Dettagli

La riqualificazione incentivata delle aree urbane: strumenti canonici, straordinari ed innovativi a confronto

La riqualificazione incentivata delle aree urbane: strumenti canonici, straordinari ed innovativi a confronto Seminario formativo La riqualificazione incentivata delle aree urbane: strumenti canonici, straordinari ed innovativi a confronto Giovedì 5 novembre 2015 -ore 15,00-18,30 Sala Conferenze dell Ordine degli

Dettagli

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN AGOSTO 2015 NEWSLETTER PON In questo numero... La programmazione 2007-2013 La programmazione 2014-2020 L avviso LAN/WLAN LA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Nel 2007 la Commissione Europea ha approvato per l Italia

Dettagli

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue.

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue. OGGETTO: Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2014-2020. Apertura dei termini di presentazione delle domande di aiuto per i tipi d intervento 1.1.1, 3.1.1, 3.2.1, 4.1.1, 4.2.1, 5.2.1, 6.1.1 e 6.4.1

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008 Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Marzo 2008 Il Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi (2007 2013) 11/04/2011 Flussi migratori ed il contesto

Dettagli

IL MEZZOGIORNO PER L EUROPA

IL MEZZOGIORNO PER L EUROPA ROMA, 26 GENNAIO 2011 IL MEZZOGIORNO PER L EUROPA Nel corso del Vertice Euro del 26 ottobre 2011 l Italia ha assunto formalmente l impegno di accelerare e riqualificare l utilizzo dei Fondi Comunitari

Dettagli

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015 Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria 16 novembre 2015 1 Vision La nuova maggioranza crede fermamente nello sviluppo sostenibile della propria economia e nella possibilità di portare

Dettagli

ESITO DELLA SEDUTA DEL 6 AGOSTO 2015

ESITO DELLA SEDUTA DEL 6 AGOSTO 2015 ESITO DELLA SEDUTA DEL 6 AGOSTO 2015 Infrastrutture strategiche e altre decisioni in materia di infrastrutture preso atto, relativamente all Autostrada A31 Valdastico Nord dell accordo intervenuto tra

Dettagli

COSTO DEI TERREMOTI ITALIANI DEGLI ULTIMI 40 ANNI (M -2005) 4500 VITTIME + ABRUZZO 2009 (15.000???) IRPINIA-BASILICATA BELICE FRIULI 60.

COSTO DEI TERREMOTI ITALIANI DEGLI ULTIMI 40 ANNI (M -2005) 4500 VITTIME + ABRUZZO 2009 (15.000???) IRPINIA-BASILICATA BELICE FRIULI 60. Strumenti di prevenzione a livello nazionale: l art. 11 della L. 77/2009 Mauro Dolce Direttore Generale - Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio sismico e vulcanico Ordinario di Tecnica delle

Dettagli

A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi. 8 novembre 2013

A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi. 8 novembre 2013 INVESTIMENTI DEGLI ENTI TERRITORIALI E PATTO DI STABILITA INTERNO - L incompatibilità dei vincoli di finanza pubblica con una politica di sviluppo del territorio A cura della Direzione Affari Economici

Dettagli

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 30 giugno 2014. Fondo per lo sviluppo e la coesione 2007-2013. Esiti della ricognizione di cui alla

Dettagli

L accesso all abitazione rimane infatti un servizio insostituibile, che deve essere garantito ad ogni cittadino.

L accesso all abitazione rimane infatti un servizio insostituibile, che deve essere garantito ad ogni cittadino. La riforma federalista ha accresciuto le responsabilità e i compiti delle Regioni e dei Comuni. Con la riforma del regime delle locazioni (L. 431/98) è stato istituito l Osservatorio Nazionale sulla Condizione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Premesso che:

PROTOCOLLO D INTESA. Premesso che: PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROGRAMMAZIONE DI INTERVENTI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA E ADOZIONE DI MISURE URGENTI PER FRONTEGGIARE L EMERGENZA ABITATIVA NELLA CITTÀ DI BARLETTA. Tra la Regione Puglia,

Dettagli

Dipartimento della Gioventù -Struttura di missione-

Dipartimento della Gioventù -Struttura di missione- Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Gioventù -Struttura di missione- Allegato 1 Bando per la presentazione di progetti volti a promuovere la cultura d impresa tra i giovani ai sensi

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020

PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020 PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020 27 gennaio 2014 1 PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DEI FONDI COMUNITARI SINTESI DEL PERCORSO E STATO DELL ARTE A. Negoziato Europeo Il 2 dicembre 2013 il Consiglio

Dettagli

Il servizio pubblico alla casa e la determinazione dei livelli minimi

Il servizio pubblico alla casa e la determinazione dei livelli minimi Paolo Urbani Ordinario di Diritto Amministrativo Convegno nazionale DS Roma 13 marzo 2006 Le politiche abitative. Una grande priorità Le politiche abitative per le fascie più deboli: le nuove modalità

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIANNI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIANNI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4536 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GIANNI Disposizioni per ridurre il disagio abitativo mediante la partecipazione delle regioni

Dettagli

Lettera Circolare Prot. DCPST/A4/RS/ 3600 Roma, 20 dicembre 2005. Ai Comandi Provinciali dei Vigili del Fuoco. e, per conoscenza:

Lettera Circolare Prot. DCPST/A4/RS/ 3600 Roma, 20 dicembre 2005. Ai Comandi Provinciali dei Vigili del Fuoco. e, per conoscenza: Lettera Circolare Prot. DCPST/A4/RS/ 3600 Roma, 20 dicembre 2005 Alle Direzioni Regionali ed Interregionali dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile LORO SEDI Ai Comandi Provinciali

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico IL DIRETTORE GENERALE Roma, 7 settembre 2011 Visto il Decreto Legislativo

Dettagli

Attuazione dell'art. 5 del d.l. 70/2011: Scheda illustrativa su Legge regionale 5 agosto 2011, n. 40

Attuazione dell'art. 5 del d.l. 70/2011: Scheda illustrativa su Legge regionale 5 agosto 2011, n. 40 Roma 29 e 30 settembre 2011 Regione Toscana La legge regionale 40/2011 1 ha introdotto significative modifiche ad alcune leggi ma in particolare alla legge regionale 1/2005 in attuazione dell articolo

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Ripartizione dei finanziamenti ai programmi regionali sulla "Carbon Tax"

Ripartizione dei finanziamenti ai programmi regionali sulla Carbon Tax N.d.R.: il testo è coordinato con le modifiche apportate dal Dm 5 marzo 2002 (Gazzetta ufficiale 13 giugno 2002 n. 137). Tutte le modifiche di carattere aggiuntivo sono evidenziate in neretto. Decreto

Dettagli