Monitoraggio investimenti per la realizzazione delle Case della Salute

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Monitoraggio investimenti per la realizzazione delle Case della Salute"

Transcript

1 DIREZIONE GENERALE SANITÀ E OLITICHE SOCIALI Monitoraggio investimenti per la realizzazione delle Case della Salute Report EDIZIONE 2014

2

3 Monitoraggio investimenti per la realizzazione delle Case della Salute Report EDIZIONE 2014 A cura di: Clara Curcetti, Luisa arisini, Maria Chiara Tassinari Antonio Brambilla Responsabile Servizio Assistenza distrettuale, medicina generale, pianificazione e sviluppo dei servizi sanitari Fabio Rombini Responsabile Servizio Strutture sanitarie e sociosanitarie Si ringrazia per la collaborazione Adriana Sacchetti, Antonietta Cocchi, Claudia Ricci Servizio Strutture sanitarie e sociosanitarie Regione Emilia-Romagna Assessorato olitiche per la Salute Direzione Generale Sanità e olitiche Sociali Servizio Assistenza distrettuale, medicina generale, pianificazione e sviluppo dei servizi sanitari Area Governo e monitoraggio attività distrettuale Viale Aldo Moro, Bologna

4 La scelta di realizzare la Casa della Salute nasce dall idea forte che i cittadini possano avere una sede territoriale di riferimento alla quale rivolgersi in ogni momento della giornata, che rappresenti una certezza di risposta concreta, competente e adeguata ai diversi bisogni di salute e di assistenza La Casa della Salute rappresenta, inoltre, un contesto nel quale attuare interventi di prevenzione e di promozione della salute Si ringraziano le Aziende USL per la preziosa collaborazione. rogetto grafico e impaginazione a cura di Luisa arisini Servizio Assistenza distrettuale, medicina generale, pianificazione e sviluppo dei servizi sanitari Stampa Centro Stampa della Regione Emilia-Romagna Bologna, novembre 2014 Questo Report è consultabile sul portale Saluter del Servizio Sanitario Regionale della Regione Emilia-Romagna, 2

5 Indice Le Case della Salute le azioni intraprese dal 2010 al Il censimento aggiornato sulle Case della Salute (agosto 2014) 8 Stato complessivo investimenti per la realizzazione delle Case della Salute (2014) 14 o la rappresentazione regionale 15 o la ricognizione aziendale 23 Appendice 41 Il Gruppo regionale di monitoraggio e valutazione del rogetto La Casa della Salute 43 3

6 4

7 Le Case della Salute: le azioni intraprese dal 2010 al 2014 Le Case della Salute rappresentano una sfida per il sistema di prevenzione e cura distrettuale, per la capacità di intercettare i bisogni dei cittadini e di orientarli verso le forme di trattamento più appropriate rispetto alle loro esigenze assistenziali. Tali considerazioni hanno imposto una forte azione sinergica per portare avanti il processo di cambiamento avviato, realizzare compiutamente i contenuti assistenziali propri della Casa della Salute, sviluppare modalità di attivazione di progetti di salute integrati per la popolazione di riferimento territoriale; diverse le azioni che la Regione ha messo in campo per sostenere la progressiva realizzazione, in coerenza con le indicazioni regionali per la realizzazione e l organizzazione funzionale delle Case della Salute (DGR n. 291/2010): individuazione di obiettivi strategici nell ambito delle Linee di programmazione e finanziamento delle Aziende del SSR per gli anni 2010, 2011, 2012, 2014 (DGR n. 1544/2010, 732/2011, 653/2012, 217/2014 ); definizione di obiettivi nell ambito del rogramma di attività della Direzione Generale Sanità e olitiche sociali; monitoraggi annuali, a partire dal 2010, sulle Case della Salute funzionanti e programmate, per misurare il grado di evoluzione raggiunto e sui contenuti organizzativi ed assistenziali introdotti a livello aziendale; costituzione di un gruppo regionale strategico di valutazione e monitoraggio per promuovere e sostenere la realizzazione del rogetto La Casa della Salute (Determinazione DG n /2012, n /2012 e n /2014); costituzione di un gruppo di lavoro regionale sulla promozione e prevenzione della salute nelle Case della Salute (Determinazione DG n /2013); costituzione di un gruppo di lavoro regionale per modalità assistenziali e organizzative integrate tra il sistema delle cure primarie e il sistema della salute mentale-dipendenze patologiche nelle Case della salute (Determinazione DG n /2014); costituzione di un gruppo di lavoro regionale per la salute materno-infantile nelle Case della salute (Determinazione DG n. 9921/2014); incontri di audit a livello locale nelle Case della Salute funzionanti ad opera di un team regionale di professionisti, per approfondire gli aspetti qualitativi tramite interviste strutturate, mettere in evidenza le buone pratiche sul territorio e 5

8 facilitarne la disseminazione (Castel S.ietro Terme, Cesenatico, Copparo, Crevalcore, Fabbrico, Modigliana, Morciano, ievepelago). Dagli elementi fin qui esposti, appare utile riportare il trend delle Case della Salute funzionanti dal 2011 al 2014 e la mappatura delle 120 Case della Salute pianificate complessivamente sul territorio regionale nella loro collocazione geografica. Il trend

9

10 Il censimento aggiornato sulle Case della Salute (agosto 2014) Il più recente monitoraggio regionale (dati ad agosto 2014) effettuato dal Servizio Assistenza distrettuale, Medicina generale, ianificazione e sviluppo dei servizi sanitari ha consentito di fare il punto sulla pianificazione aziendale delle Case della Salute: programmate e funzionanti nei diversi contesti aziendali. La pianificazione aziendale delle Case della Salute (dati agosto 2014) Azienda USL CdS Funzionanti CdS rogrammate CdS ianificate M G TOTALE M G TOTALE M G TOTALE sede di: iacenza arma Reggio E Modena AV Emilia Nord Bologna Imola Ferrara AV Emilia Centrale Ravenna Forlì Cesena Rimini AUSL Romagna TOTALE Nota: l AUSL della Romagna è stata istituita con L.R. 22/2013 ed è attiva dal 1 gennaio 2014 I dati evidenziano una pianificazione aziendale complessiva di 120 Case della Salute di cui 61 Funzionanti e 59 rogrammate. er quanto riguarda, in particolare, le CdS funzionanti si rilevano, 26 CdS di tipologia iccola, 21 di tipologia Media e 14 di tipologia Grande. 8

11 Case della Salute funzionanti (dati agosto 2014) Azienda USL Distretto Tipologia DGR 291/2010 iccola Media Grande Totale iacenza iacenza 0 onente 0 Levante 1 0 TOTALE AUSL IACENZA arma 3 3 arma Fidenza Sud-Est Valli Taro-Ceno TOTALE AUSL ARMA Reggio Emilia 2 2 Correggio 1 1 Reggio Emilia Scandiano 1 1 Guastalla 3 3 Castelnuovo né Monti 0 Montecchio Emilia 1 1 TOTALE AUSL REGGIO EMILIA Modena 0 Mirandola 1 1 Sassuolo 1 1 Modena Castelfranco Emilia 1 1 Carpi 1 1 Vignola 0 avullo nel Frignano TOTALE AUSL MODENA TOTALE AREA VASTA EMILIA NORD Bologna Città di Bologna 2 2 ianura Est ianura Ovest 1 1 San Lazzaro di Savena 1 1 Casalecchio di Reno 1 1 orretta Terme 1 1 TOTALE AUSL BOLOGNA Imola Imola Ferrara TOTALE AUSL IMOLA Sud-Est 1 1 Ovest 0 Centro-Nord TOTALE AUSL FERRARA TOTALE AREA VASTA EMILIA CENTRALE

12 Azienda USL Distretto Tipologia DGR 291/2010 iccola Media Grande Totale Romagna Faenza 1 1 Lugo 3 3 Ravenna 1 1 Forlì Cesena - Valle del Savio 1 1 Rubicone Rimini 2 2 Riccione TOTALE AUSL ROMAGNA TOTALE REGIONE EMILIA-ROMAGNA Area Vasta Emilia Nord Area Vasta Emilia Centrale AUSL della Romagna 20% 57% 21% 29% 29% 29% 23% iccola Media Grande 50% iccola Media Grande 42% iccola Media Grande 10

13 Le sedi distrettuali delle Case della Salute FUNZIONANTI Azienda USL Distretto Denominazione della Casa della Salute Comune sede della CdS Tipologia ex DGR 291/2010: M G iacenza Levante odenzano odenzano Colorno Colorno G arma arma Centro arma G intor/molinetto arma G Fidenza San Secondo San Secondo.se G Claudio Carosino Busseto M arma Sud Est Valli Taro e Ceno Reggio Emilia Langhirano Langhirano G Collecchio Collecchio M Traversetolo Traversetolo M Monticelli Montechiarugolo Felino Felino Sala Baganza Sala Baganza Medesano Medesano M Bedonia Bedonia M Berceto Berceto Varsi Varsi ieve Modolena Reggio Emilia Spallanzani Reggio Emilia Correggio Fabbrico Fabbrico Centro Socio-Sanitario Brescello Brescello Reggio Emilia Guastalla Centro Socio-Sanitario Novellara Novellara Centro Amelia Sartoretti Reggiolo Montecchio Centro oliambulatoriale, NC e Medicina di Gruppo di S.Ilario S.Ilario d Enza M Scandiano Rubiera Rubiera Modena avullo Alto Frignano ievepelago Cimone Fanano M Castelfranco E Casa della Salute del Sorbara - "Dott. Roberto Bertoli" Bomporto 11

14 Azienda USL Distretto Denominazione della Casa della Salute Comune sede della CdS Tipologia ex DGR 291/2010: M G Mirandola Finale Emilia * Finale Emilia G Carpi Casa della Salute "Manuela Lorenzetti" sede operativa di: - Novi - Rovereto Novi Sassuolo Valli Dolo Dragone Secchia Montefiorino Bologna Casalecchio di Reno San Vitale San Donato Bologna M Borgo-Reno Bologna M Sasso Marconi Sasso Marconi ianura Ovest Barberini Crevalcore Crevalcore Bologna S. Lazzaro Loiano Loiano M ieve di Cento ieve di Cento M ianura Est S. ietro in Casale S. ietro in Casale G Budrio Budrio M orretta Terme Vergato Vergato M Imola Ferrara Romagna Imola Centro Nord Sud Est Castel S. ietro Castel S.ietro M Medicina Medicina ontelagoscuro Ferrara Terre e Fiumi Copparo G ortomaggiore Ostellato Ferrara Bagnacavallo Bagnacavallo M G Lugo Alfonsine Alfonsine M Massalombarda Conselice Massalombarda Conselice Ravenna Russi "Maccabelli" Russi M Faenza Brisighella Brisighella M Forlì redappio Valle Rabbi Modigliana Valle Tramazzo Forlimpopoli Bertinoro redappio Modigliana Forlimpopoli Meldola Meldola M M G G 12

15 Azienda USL Distretto Rubicone Cesena-Valle del Savio Rimini Riccione Denominazione della Casa della Salute Comune sede della CdS Tipologia ex DGR 291/2010: M G Casa della Costa Cesenatico G Casa della Rigossa Gambettola Rubicone Savignano G Casa Valsavio Mercato Saraceno G Santarcargelo di Romagna Santarcargelo di Romagna Bellaria Bellaria Valconca Morciano di Romagna Coriano Coriano M Nota: AUSL MO, CdS Finale Emilia: al termine degli interventi di recupero della struttura danneggiata dal terremoto del

16 Stato complessivo degli investimenti per la realizzazione delle Case della Salute (ottobre 2014) Tenuto conto della rilevanza strategica delle Case della Salute, è stata avviata, nel 2013, congiuntamente dal Servizio Assistenza distrettuale, Medicina generale, ianificazione e dal Servizio Sviluppo dei Servizi Sanitari, una ricognizione sugli investimenti complessivamente messi in campo per le CdS. Si è ritenuto importante proseguire l indagine nel 2014, al fine di aggiornare lo stato complessivo degli investimenti sulle CdS; i dati raccolti sono stati oggetto di analisi nell ambito di un gruppo ristretto, composto da: Fabio Rombini, Clara Curcetti, Luisa arisini, Adriana Sacchetti, Antonietta Cocchi e Claudia Ricci e, successivamente, elaborati da Luisa arisini, consentendo di avere una rappresentazione di sintesi regionale ed analitica per ciascuna Azienda USL. 14

17 LA RARESENTAZIONE REGIONALE 15

18 16

19 ROSETTO SINTESI INVESTIMENTI ER LA REALIZZAZIONE DELLE CASE DELLA SALUTE AZIENDA USL Regione E-R Stato (art.20, L.67/88) Finanziamenti Ministero Salute ex L.296/06 Azienda USL Importo Altri finanziamenti fonte Totale investimenti ricognizione 2014 Totale investimenti ricognizione 2013 IACENZA , , , , ,15 ARMA , , , ,70 Comuni: Bedonia, Montechiarugolo, Fontanellatio, Varsi , ,71 REGGIO EMILIA , , , , ,33 Fondi terremoto , ,07 MODENA , , , ,00 BOLOGNA * , , , ,82 Comune: Guiglia Fondi terremoto Donazioni Comune Casalecchio, capitali privati, assicurazione sisma , , , ,00 IMOLA , , , , ,89 FERRARA , , , , , ,00 ROMAGNA , , , ,44 RAVENNA , , , ,44 Fondo RER progetti modernizzazione Fondo RER progetti modernizzazione , , , ,00 sede di: FORLI' , , , , ,00 CESENA , , , ,73 RIMINI , , , ,00 TOTALE , , , , , , ,55 Nota: AUSL di Bologna per l'anno 2013 investimenti complessivi previsti per ,00 con copertura finanziaria per ,00; per l'anno 2014 investimenti complessivi previsti per ,95 con copertura finanziaria per ,95

20 Fonti finanziarie Altri finanziamenti ,29 29% Regione E-R ,57 16% Azienda USL ,50 21% Ministero Salute ex L.296/ ,13 4% Stato (art.20, L.67/88) ,05 30% Totale: ,54 Investimenti realizzati, in progettazione, programmati per la realizzazione delle Case della Salute AUSL Bologna ,95 AUSL Imola ,91 Cesena ,73 AUSL Ferrara ,03 Rimini ,00 AUSL Romagna ,17 AUSL Modena ,00 AUSL Reggio Emilia ,07 AUSL arma ,71 AUSL iacenza ,70 Forlì ,00 Ravenna ,44 18

21 Finanziamenti: quote regionali Milioni 5,00 4,50 AUSL RE ,14 4,00 3,50 AUSL R ,88 3,00 2,50 2,00 AUSL MO ,00 AUSL FE ,00 AUSL BO ,21 AUSL ROMAGNA ,85 1,50 1,00 AUSLIMOLA ,49 0,50 AUSL C ,00 - Totale: ,57 Finanziamenti: quote statali Milioni 12,00 10,00 8,00 6,00 4,00 2,00 - AUSL C AUSL R AUSL RE AUSL MO AUSL BO AUSL IMOLA AUSL FE AUSL ROMAGNA Stato (art.20, L.67/88) Ministero Salute ex L.296/06 Totale: ,18 19

22 Finanziamenti: quote aziendali AUSL IMOLA ,02 AUSL BO ,00 AUSL FE ,03 Rimini ,00 AUSL ROMAGNA ,73 AUSL MO ,00 Ravenna ,00 AUSL RE ,02 AUSL R ,00 AUSL C ,70 Cesena ,73 Forlì ,00 Totale: ,50 Finanziamenti: quote altri finanziamenti Milioni 24,00 22,00 23,53 20,00 18,00 16,00 14,00 12,00 10,00 8,00 7,72 6,00 4,00 2,81 2,00-0,14 AUSL C AUSL R AUSL RE AUSL MO AUSL BO AUSL IMOLA AUSL FE AUSL ROMAGNA 0,05 Totale: ,29 20

23 Fonti finanziarie Milioni 24,00 22,00 20,00 18,00 16,00 14,00 12,00 10,00 8,00 6,00 4,00 2,00 - AUSL C AUSL R AUSL RE AUSL MO AUSL BO AUSL IMOLA AUSL FE AUSL ROMAGNA Regione E-R Stato (art.20, L.67/88) Ministero Salute ex L.296/06 Azienda USL Altri finanziamenti Totale: ,54 Fonte dei finanziamenti 100% , ,44 90% , , , ,03 80% , , ,00-70% , , , ,40 60% ,00 50% , , , , % , , ,15 30% - 20% , , , , ,00 10% , , ,00 0% , ,21 AUSL C AUSL R AUSL RE AUSL MO AUSL BO AUSL IMOLA AUSL FE AUSL ROMAGNA Regione E-R Stato (art.20, L.67/88) Ministero Salute ex L.296/06 Azienda USL Altri finanziamenti 21

24 INVESTIMENTI ER LA REALIZZAZIONE DELLE CASE DELLA SALUTE: ROGRAMMATE, FUNZIONANTI AZIENDA USL TOTALE RISORSE ROGRAMMATE di cui per le CdS FUNZIONANTI IACENZA , , ,00 ARMA , , ,06 REGGIO EMILIA , , ,33 MODENA , , ,00 BOLOGNA , , ,00 IMOLA , ,91 FERRARA , , ,00 ROMAGNA , , ,17 RAVENNA , , ,44 sede di: FORLI' , ,00 CESENA , ,73 RIMINI , , ,00 TOTALE , , ,47 CdS FUNZIONANTI ,47 33% CdS ROGRAMMATE ,07 67% 22

25 LA RICOGNIZIONE AZIENDALE 23

26 24

27 Regione Emilia-Romagna ROSETTO SINTESI INVESTIMENTI ER LA REALIZZAZIONE DELLE CASE DELLA SALUTE SITUAZIONE AL 28/08/2014 Azienda Usl di iacenza rogrammata/ Funzionante Tipologia CdS Intervento Comune Regione Stato ex L.67/88 Azienda Fonte Altri finanziamenti importo specificare Totale Note M Realizzazione Case della Salute nei Distretti Borgonovo Val Tidone , ,00 F odenzano , ,00 investimenti conto capitale inverstimenti conto capitale , ,00 H.03 A.L. 185/08 Realizzazione Casa della Salute Distretto di Levante Carpaneto , ,00 investimenti conto capitale ,00 A.02 A.L. 120/13 M Cortemaggiore Cortemaggiore , ,40 Bettola Bettola ,75 di cui ,66 da alienazioni San Nicolò Rottofreno ,55 mezzi propri Comune di Rottofreno, mezzi propri , ,55 M Bobbio ex Ospedale Bobbio - Casa della Salute esistente in parte dei locali del residio Ospedaliero di Bobbio M Monticelli d'ongina Monticelli d'ongina ,00 mezzi propri ,00 Casa della Salute esistente presso l'ex Ospedale di Monticelli d'ongina. La somma di ,00 (una tantum) è prevista per lavori di adeguamento degli impianti e dei servizi Totale , , , ,70 Fonte dati: Aziende USL - Servizio Strutture Sanitarie e Socio sanitarie - Servizio Assistenza distrettuale, Medicina generale, ianificazione e sviluppo dei servizi sanitari

28 Regione Emilia-Romagna ROSETTO SINTESI INVESTIMENTI ER LA REALIZZAZIONE DELLE CASE DELLA SALUTE Azienda Usl di arma SITUAZIONE AL 31/08/2014 rogrammata/ Funzionante Tipologia CdS Intervento Comune Regione Stato ex L.67/88 Cofinanziamento Ministero Salute ex L.296/06 Azienda Altri finanziamenti importo fonte importo specificare Totale Note p Realizzazione Casa della Salute XXIV maggio e Centro dialisi territoriale arma (Lubiana- S.Lazzaro) , ,88 M.02 A.L. 115/13 F M Acquisizione e ristrutturazione locali destinati alla Casa della Salute di Collecchio (Distretto Sud-Est) Collecchio Distretto Sud-Est , ,00 L.6 A.L. 61/11 F G San Secondo.se San Secondo.se ,00 Mutuo ,00 F M Medesano Medesano ,00 Mutuo ,00 F Berceto Berceto ,00 Mutuo ,00 F G Langhirano Langhirano ,00 Mutuo ,00 F M Traversetolo Traversetolo ,00 Mutuo ,00 F Sala Baganza Sala Baganza ,00 Mutuo ,00 F Felino Felino ,00 Mutuo ,00 F M Busseto (Claudio Carosino) Busseto ,00 Mutuo ,00 F M Bedonia Bedonia ,00 Comune di Bedonia ,00 F G Colorno Colorno , ,36 F Monticelli Monticelli/ Montechiarugolo ,00 Comune di Montechiarugolo ,00 F G arma Centro (DUS) arma , ,00 arma - Cittadella- Montanara (Carmignani) arma , ,77 Delibera AUSL n. 377 del 18/06/2012 Delibera AUSL n. 377 del 18/06/2012 F G arma - intor arma ,00 mutuo ,00 Delibera AUSL n. 346 del 14/06/ Struttura in funzione - Interventi da completare Fonte dati: Aziende USL - Servizio Strutture Sanitarie e Socio sanitarie - Servizio Assistenza distrettuale, Medicina generale, ianificazione e sviluppo dei servizi sanitari

29 Regione Emilia-Romagna rogrammata/ Funzionante Tipologia CdS Intervento Comune Regione Stato ex L.67/88 Cofinanziamento Ministero Salute ex L.296/06 Azienda Altri finanziamenti importo fonte importo specificare Totale Note arma - ablo arma ,00 mutuo ,00 Delibera AUSL n. 346 del 14/06/ Intervento in fase di progettazione arma - S.Leonardo arma ,00 mutuo ,00 Delibera AUSl n. 346 del 14/06/ Intervento in fase di affidamento lavori intervento in fase di Sorbolo - Mezzani Sorbolo (R) - progettazione con risorse da individuare Fidenza Fidenza (R) Comune di Fidenza - in fase di progettazione intervento in fase di G Salsomaggiore Salsomaggiore (R) - progettazione con risorse da individuare intervento in fase di M Noceto Noceto (R) - progettazione con risorse da individuare Fontanellato Fontanellato (R) ,00 Comune di Fontanellato ,00 in fase di realizzazione G Borgo Val di Taro Borgo Val di Taro (R) mutuo/alienazioni - Delibera AUSL n. 346 del 14/06/ In fase di progettazione nell'ambito degli adeguamenti relativi alla vulnerabilità sismica intervento in fase di G Fornovo Fornovo (R) - progettazione con risorse da individuare F Varsi Varsi ,70 Comune di Varsi ,70 Sruttura in funzione Totale , , , , ,71 Nota: Cofinanziamento Ministero Salute ex L. 296/06, fondi anno 2008, progetti attuativi SN quota progetti nazionali. rogetto "Continuità assistenziale e H24" - DGR n.857/2010 e n.387/2011 Fonte dati: Aziende USL - Servizio Strutture Sanitarie e Socio sanitarie - Servizio Assistenza distrettuale, Medicina generale, ianificazione e sviluppo dei servizi sanitari

30 Regione Emilia-Romagna ROSETTO SINTESI INVESTIMENTI ER LA REALIZZAZIONE DELLE CASE DELLA SALUTE Azienda Usl di Reggio Emilia SITUAZIONE AL 12/09/2014 rogrammata/ Funzionante Tipologia CdS Intervento Comune Regione Stato ex L.67/88 Cofinanziamento Ministero Salute ex L.296/06 Azienda Altri finanziamenti importo fonte importo specificare Totale Note Realizzazione Casa della Salute Distretto di Reggio Emilia zona Nord Realizzazione Casa della Salute Distretto di Reggio Emilia zona Ovest Distretto di Reggio Emilia Zona Nord Distretto di Reggio Emilia Zona Ovest , , , , , ,00 A.14 A.L. 120/13 A.15 A.L. 120/13 M Acquisto e ristrutturazione edificio attività sanitarie territoriali a uianello (RE) Quattro Castella- uianello , , ,00 L. 8 A.L. 263/09 F Acquisto e ristrutturazione edificio attività sanitarie territoriali a Fabbrico (RE) Fabbrico , ,00 L. 9 A.L. 263/09 M Realizzazione Casa della Salute Castellarano (RE) Castellarano , , ,74 M.05 A.L. 29/10 F M S. Ilario d'enza S.Ilario d'enza - Struttura di proprietà dell'ausl. La trasformazione in Casa della Salute non ha richiesto costi aggiuntivi F Spallanzani Reggio Emilia - Stabile di proprietà dell'arcispedale S.Maria Nuova F ieve Modolena Reggio Emilia - Stabile di proprietà privata F Centro Amelia Sartoretti Reggiolo , ,92 residente RER in qualità di Commissario Delegato Ordinanza n. 002 del ; interventi provvisionti indifferibili ed urgenti di messa in sicurezza finalizzati a mitigare le conseguenze degli eventi sismici del 20 e del , richiesti dai Comuni, recepiti dalle pertinenti rovince e trasmessi al Commissario delegato, ai sensi dell'ordinanza commissariale n. 17 del ,33 Struttura di proprietà dell'ausl, individuata dopo il sisma di maggio 2012 che ha sostituito la precedente gravemente danneggiata Fonte dati: Aziende USL - Servizio Strutture Sanitarie e Socio sanitarie - Servizio Assistenza distrettuale, Medicina generale, ianificazione e sviluppo dei servizi sanitari

31 Regione Emilia-Romagna rogrammata/ Funzionante Tipologia CdS Intervento Comune Regione Stato ex L.67/88 Cofinanziamento Ministero Salute ex L.296/06 Azienda Altri finanziamenti importo fonte importo specificare Totale Note F Centro Socio Sanitario Brescello Brescello - F Centro Socio Sanitario Novellara - F Rubiera Rubiera - G Centro Distrettuale di revenzione e Medicina di Comunità di Montecchio Montecchio , , ,02 alienazioni patrimoniali ,00 Struttura di proprietà dell'ausl. La trasformazione in Casa della Salute non ha richiesto costi aggiuntivi Struttura di proprietà dell'ausl. La trasformazione in Casa della Salute non ha richiesto costi aggiuntivi Struttura di proprietà dell'ausl. La trasformazione in Casa della Salute non ha richiesto costi aggiuntivi H.10 A.L. 185/08 Delibera DGAUSL n. 118/2009 Atto di aggiudicazione R.S.T.. n. 204/2010 inizio lavori 11/05/2011; Delibera DGAUSL n. 154/2014 approv.perizia suppletiva variante n.1 Toano Toano - Villa Minozzo Villa Minozzo - Stabile di proprietà Comune di Toano, che richiederà interventi strutturali al momento non finanziati Stuttura di proprietà dell'ausl, che richiederà interventi strutturali al momento non finanziati Carpineti Carpineti - Struttura di proprietà dell'ausl. La trasformazione in Casa della Salute non dovrebbe richiedere costi aggiuntivi Busana Busana - Struttura di proprietà dell'ausl. La trasformazione in Casa della Salute non dovrebbe richiedere costi aggiuntivi Nota: Cofinanziamento Ministero Salute ex L. 296/06 fondi 2009, DGR n. 2044/2012 Totale , , , , , ,07 Fonte dati: Aziende USL - Servizio Strutture Sanitarie e Socio sanitarie - Servizio Assistenza distrettuale, Medicina generale, ianificazione e sviluppo dei servizi sanitari

32 Regione Emilia-Romagna ROSETTO SINTESI INVESTIMENTI ER LA REALIZZAZIONE DELLE CASE DELLA SALUTE SITUAZIONE AL 08/10/2014 Azienda Usl di Modena rogrammata/ Funzionante Tipologia CdS Intervento Comune Regione Stato ex L.67/88 Azienda Altri finanziamenti importo fonte importo specificare Totale Note F G AOC: Realizzazione di un nuovo centro di Cure rimarie c/o Ospedale di Finale Emilia, adeguamenti impiantistici e messa a norma Finale Emilia , , ,00 UNIOL Ord. 1 del L.R. 16/12 int.n ,00 L. 12 A.L. 263/09 (Attivazione parziale. Interventi provvisionali recupero post sisma in corso) AOC: Realizzazione di un nucleo di cure primarie strutturali a Modena Modena , , ,00 Fondi aziendali - INV2014/16 approvato con Dlb. 37/14 - mutuo da contrarre ,00 A.23 A.L. 120/13 art.20-2 str.-int.a23 - ammesso a finananziamento con Decr.Dir.Min.Sal. 03/09/14 AOC - Casa salute ex Ospedale Estense Modena , ,00 inserito in programmazione per il prossimo INV 2015/18 G AOC - Castelfranco Emilia Castelfranco Emilia - in fase di valutazione F AOC: Bomporto Bomporto - nessun costo previsto F AOS: Fanano ,00 Fanano AOS - Fanano 2 Stralcio ,00 Fondi aziendali in conto esercizio: INV 2014/16 approvato con Del.AUSL 103 del 18/06/2013 Fondi aziendali in conto esercizio - INV 2014/16 approvato con Del.AUSL 37/ , ,00 F AOS: Montefiorino Montefiorino ,00 Fondi aziendali per manut.straord ,00 F AOS: ievepelago ievepelago ,00 Fondi aziendali per manut.straord ,00 AOS - Guiglia Guiglia ,00 Fondi aziendali - mutuo - INV 2014/16 approvato con Del.AUSL 37/ ,00 Comune Guiglia ,00 mutuo da contrarre - in concessione gratuita presso struttura comunale Fonte dati: Aziende USL - Servizio Strutture Sanitarie e Socio sanitarie - Servizio Assistenza distrettuale, Medicina generale, ianificazione e sviluppo dei servizi sanitari

33 Regione Emilia-Romagna rogrammata/ Funzionante Tipologia CdS Intervento Comune Regione Stato ex L.67/88 Azienda Altri finanziamenti importo fonte importo specificare Totale Note AON - Cavezzo 1 stralcio ,00 Cavezzo Fondi aziendali in conto esercizio - INV 2013/14 approvato con Del.AUSL 103 del 18/06/ ,00 donazioni dlb n.150/13 e 152/ ,00 AON - Cavezzo 2 stralcio ,00 Fondi aziendali- mutuo - INV 2014/16 approvato con Del.AUSL 37/ ,00 AON - Concordia Concordia - poliambulatorio esistente da implementare (edificio di proprietà AUSL) - in fase di valutazione F AON - Rovereto di Novi Rovereto di Novi - AON - Novi Novi - in uso gratuito presso struttura comunale e di volontariato - nessun costo previsto in convenzione presso struttura comunale in affitto - nessun costo previsto M/G AON - Mirandola Mirandola ,00 ord.rer n.37/13 donazione "Nomadi" ,00 Totale , , , , ,00 Nota: AOC Area Operativa Centro AOS Area Operativa Sud AON Area Operativa Nord Fonte dati: Aziende USL - Servizio Strutture Sanitarie e Socio sanitarie - Servizio Assistenza distrettuale, Medicina generale, ianificazione e sviluppo dei servizi sanitari

34 Regione Emilia-Romagna ROSETTO SINTESI INVESTIMENTI ER LA REALIZZAZIONE DELLE CASE DELLA SALUTE Azienda Usl di Bologna SITUAZIONE AL 08/09/2014 e 21/10/2014 rogrammata/ Funzionante Tipologia CdS Casa della Salute Comune Regione Stato ex art. 20 L.67/88 Azienda Altri finanziamenti importo fonte importo fonte Totale Note G Area est (alagi) Bologna ,00 da finanziare ,00 capitali privati ,00 l'ipotesi di finanziamento con capitali privati è in corso di valutazione e quindi non definitiva F F M M Chersich (S.Vitale- S.Donato) Borgo anigale (Borgo- Reno) Bologna - lavori conclusi Bologna , ,00 lavori conclusi G rogetto Navile Bologna , , ,82 capitali privati ,95 M Saragozza Bologna ,00 da finanziare ,00 A.38 A.L. 120/13 gara in corso M orretta orretta Terme , ,00 Casa della Salute interna al nuovo ospedale - lavori conclusi F M Vergato Vergato , ,00 lavori conclusi M Castiglione Castiglione dei epoli - lavori conclusi Vado/Monzuno Vado ,00 G Casalecchio Casalecchio di Reno ,00 F Sasso Sasso Marconi ,00 attrezzature e arredi - mutuo 2014 di cui mutuo, alienazione ,00 capitali privati - concessione Comune di Casalecchio ,00 capitali privati - concessione appalto in corso ,00 lavori in corso ,00 fondi comunali ,00 lavori conclusi M Bazzano Bazzano - Zola redosa Zola redosa ,00 capitali privati - concessione ,00 capitali privati medesima concessione di Vado Monzuno gara in corso M San Giovanni San Giovanni in ersiceto - F p Crevalcore (Barberini) Crevalcore , ,00 (arredi, tec. San e tec. Inf. Mutuo 2014) ,00 assicurazione sisma ,00 appalto in corso fondi ESF fondi OO RER assicurazione sisma M Molinella Molinella ,00 da finanziare ,00 F M ieve di Cento ieve di Cento ,00 da finanziare ,00 F M Budrio Budrio ,00 mutuo ,00 lavori conclusi Fonte dati: Aziende USL - Servizio Strutture Sanitarie e Socio sanitarie - Servizio Assistenza distrettuale, Medicina generale, ianificazione e sviluppo dei servizi sanitari

Sistema IASS INTEGRAZIONE APPLICATIVI SPORTELLO SOCIALE Rilevazione della domanda espressa dai cittadini agli Sportelli Sociali (Circolare N.

Sistema IASS INTEGRAZIONE APPLICATIVI SPORTELLO SOCIALE Rilevazione della domanda espressa dai cittadini agli Sportelli Sociali (Circolare N. Sistema IASS INTEGRAZIONE APPLICATIVI SPORTELLO SOCIALE Rilevazione della domanda espressa dai cittadini agli Sportelli Sociali (Circolare N. 4/2012) ATTIVITÀ DEGLI SPORTELLI SOCIALI (Anno 2012) Il Sistema

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 2181/2012 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno venerdì 28 del mese di dicembre dell' anno 2012 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

Dettagli

PIANO DI EDILIZIA SCOLASTICA

PIANO DI EDILIZIA SCOLASTICA Direzione Affari Economici e Centro Studi PIANO DI EDILIZIA SCOLASTICA Le misure del Governo Renzi FOCUS EMILIA ROMAGNA Luglio 2014 INDICE 1. Nota di inquadramento sulle decisioni assunte dal Governo 2.

Dettagli

CIOFS-FP EMILIA-ROMAGNA IPC TURISTICO "ALDROVANDI - RUBBIANI" IPC "CASSIANO DA IMOLA" IP "M.M.CANEDI" - COORDINATA CON IIS "GIORDANO BRUNO"

CIOFS-FP EMILIA-ROMAGNA IPC TURISTICO ALDROVANDI - RUBBIANI IPC CASSIANO DA IMOLA IP M.M.CANEDI - COORDINATA CON IIS GIORDANO BRUNO IeFP: offerta formativa 2012/2013 (per Provincia) Provincia Qualifica professionale Comune Istituto Professionale/ Ente di Formazione OPERATORE AGRICOLO LOIANO IP "LUIGI NOE'" - COORDINATA CON IIS "ARRIGO

Dettagli

Le graduatorie predisposte saranno rese pubbliche mediante affissione all Albo dell Azienda USL di Imola.

Le graduatorie predisposte saranno rese pubbliche mediante affissione all Albo dell Azienda USL di Imola. Allegato n. 1 Ambiti territoriali carenti di assistenza primaria presso le Aziende USL della Regione Emilia-Romagna. Art. 34 dell Accordo Collettivo Nazionale per la disciplina dei rapporti con i medici

Dettagli

Le graduatorie predisposte saranno rese pubbliche mediante affissione all Albo dell Azienda USL di Imola.

Le graduatorie predisposte saranno rese pubbliche mediante affissione all Albo dell Azienda USL di Imola. Allegato n. 1 (Avviso allegato parte integrante della determinazione n. 3774 del 21 marzo 2014 del Responsabile del Servizio Assistenza Distrettuale, Medicina Generale, Pianificazione e Sviluppo dei Servizi

Dettagli

1. Estremi della proposta. Cod. Organismo: 245 ID Proposta: 100253 Imprenditorialità. 2. Identificazione sede

1. Estremi della proposta. Cod. Organismo: 245 ID Proposta: 100253 Imprenditorialità. 2. Identificazione sede Allegato 3 - Schede di pubblicizzazione delle azioni in riferimento a ciascuna sede di erogazione di cui alla deliberazione di Giunta regionale n. 502/2012: APPROVAZIONE DELL'AVVISO PER LA SELEZIONE DI

Dettagli

Presentazione del quadro conoscitivo della rete dei Servizi e delle risorse territoriali delle due province: PARMA

Presentazione del quadro conoscitivo della rete dei Servizi e delle risorse territoriali delle due province: PARMA Presentazione del quadro conoscitivo della rete dei Servizi e delle risorse territoriali delle due province: PARMA STRUTTURAZIONE TAVOLI PROVINCIALI Nel 2001 nasce il Coordinamento provinciale affido familiare

Dettagli

Con Hera Comm e BPER Banca luce e gas sono speciali

Con Hera Comm e BPER Banca luce e gas sono speciali Con Hera Comm e BPER Banca luce e gas sono speciali La presente iniziativa promozionale è esente dalla comunicazione al Ministero Sviluppo Economico e della fideiussione a garanzia dei premi ai sensi del

Dettagli

Le Case della Salute programmate nella Regione Emilia-Romagna

Le Case della Salute programmate nella Regione Emilia-Romagna DIREZIONE GENERALE SANITÀ E POLITICHE SOCIALI Le Case della Salute programmate nella Regione Emilia-Romagna Report INTERMEDIO 2013 Dati al 31.03.2013 Le Case della Salute programmate nella Regione Emilia-Romagna

Dettagli

Percorsi di innovazione nelle Cure Primarie L integrazione socio-sanitaria tra innovazione e sostenibilità L integrazione socio-sanitaria tra innovazione e sostenibilità Esperienze regionali a confronto:

Dettagli

PEDIATRIA DI COMUNITA DATI DI ATTIVITA ANNO 2011

PEDIATRIA DI COMUNITA DATI DI ATTIVITA ANNO 2011 ASSESSORATO POLITICHE PER LA SALUTE SERVIZIO ASSISTENZA DISTRETTUALE,MEDICINA GENERALE, PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEI SERVIZI SANITARI PEDIATRIA DI COMUNITA DATI DI ATTIVITA ANNO 2011 A cura di: Diana

Dettagli

OSPEDALI E PUNTI MEDICI AVANZATI (PMA)

OSPEDALI E PUNTI MEDICI AVANZATI (PMA) Assessorato politiche per la salute Situazione terremoto 31 maggio 2012 ore 17 Provincia di Modena Ospedale di Mirandola OSPEDALI E PUNTI MEDICI AVANZATI (PMA) Evacuato dopo la prima scossa del 20 maggio.

Dettagli

CESME IZS Abruzzo e Molise Teramo CEREV. Oggetto : WND - Sorveglianza attiva su equidi in Regione Emilia Romagna. Anno 2010.

CESME IZS Abruzzo e Molise Teramo CEREV. Oggetto : WND - Sorveglianza attiva su equidi in Regione Emilia Romagna. Anno 2010. DIREZIONE GENERALE SANITÀ E POLITICHE SOCIALI SERVIZIO VETERINARIO E IGIENE DEGLI ALIMENTI IL RESPONSABILE GABRIELE SQUINTANI TIPO ANNO NUMERO REG. PG 2010 89773 DEL 29/03/2010 Lett. 316 em-sn/em Direttori

Dettagli

Massimo Annicchiarico Azienda Usl di Modena Luca Baldino Azienda Usl di Piacenza Paola Bardasi Azienda Usl di Ferrara Tiziano Carradori

Massimo Annicchiarico Azienda Usl di Modena Luca Baldino Azienda Usl di Piacenza Paola Bardasi Azienda Usl di Ferrara Tiziano Carradori Massimo Annicchiarico è nato a Taranto nel 1958. Si è laureato in medicina e chirurgia presso l Università degli Studi di Bologna e successivamente specializzato in Medicina Interna e in Cardiologia. Dal

Dettagli

PR RE MO BO FC RN. l Area Centro Nord

PR RE MO BO FC RN. l Area Centro Nord PC PR RE MO MO La Commissione BO Tecnica incontra FE l Area Centro Nord FC RN PU AN MC AP LA STRUTTURA TERRITORIALE IL TERRITORIO PC PR RE MO BO FE RA EMILIA ROMAGNA MARCHE ALT CENTRO NORD FC RN DIMENSIONI

Dettagli

Presentazione ---------------------------

Presentazione --------------------------- Presentazione --------------------------- Le cure primarie sono i servizi socio - sanitari offerti ai cittadini vicino ai loro luoghi di vita, formate da reti integrate di servizi sanitari e sociali. Le

Dettagli

Materiali IV Conferenza PAR. Trasporto sociale

Materiali IV Conferenza PAR. Trasporto sociale Materiali IV Conferenza PAR Trasporto sociale 20 gennaio 2012 TRASPORTO SOCIALE La definizione Il trasporto sociale è un servizio di trasporto persone in condizioni di disagio (permanente o temporaneo),

Dettagli

IL FINE VITA APPARTIENE ALLA VITA: I PROGETTI E LE ESPERIENZE DELLE CURE PALLIATIVE

IL FINE VITA APPARTIENE ALLA VITA: I PROGETTI E LE ESPERIENZE DELLE CURE PALLIATIVE IL FINE VITA APPARTIENE ALLA VITA: I PROGETTI E LE ESPERIENZE DELLE CURE PALLIATIVE Verso l accreditamento delle cure palliative in Emilia-Romagna Antonio Brambilla Servizio assistenza territoriale Direzione

Dettagli

Materiali IV Conferenza PAR. Trasporto sociale

Materiali IV Conferenza PAR. Trasporto sociale Materiali IV Conferenza PAR Trasporto sociale 20 gennaio 2012 TRASPORTO SOCIALE La definizione Il trasporto sociale è un servizio di trasporto persone in condizioni di disagio (permanente o temporaneo),

Dettagli

Il sistema di comunità e di cura in Emilia-Romagna: le modalità di integrazione tra cure primarie e salute mentale

Il sistema di comunità e di cura in Emilia-Romagna: le modalità di integrazione tra cure primarie e salute mentale Il sistema di comunità e di cura in Emilia-Romagna: le modalità di integrazione tra cure primarie e salute mentale VII Congresso Nazionale Card Padova 17 settembre 2010 Autori Mara Morini Direttore dipartimento

Dettagli

Sintesi dei principali elementi dei progetti sperimentali non presentati singolarmente

Sintesi dei principali elementi dei progetti sperimentali non presentati singolarmente Osservatorio regionale del commercio LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Sintesi

Dettagli

APPROVAZIONE INTERVENTI DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA PER IL SETTORE DEGLI INVESTIMENTI SANITARI ART. 20 L. 67/1988 - IV FASE 2 STRALCIO.

APPROVAZIONE INTERVENTI DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA PER IL SETTORE DEGLI INVESTIMENTI SANITARI ART. 20 L. 67/1988 - IV FASE 2 STRALCIO. Progr.Num. 625/2013 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno martedì 21 del mese di maggio dell' anno 2013 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: via

Dettagli

Le Case della Salute funzionanti

Le Case della Salute funzionanti DIREZIONE GENERALE SANITÀ E POLITICHE SOCIALI Le Case della Salute funzionanti LA RETE DEI PROFESSIONISTI Report Edizione 2015 Le Case della Salute funzionanti La rete dei Professionisti Report Edizione

Dettagli

ELENCO UFFICI POSTALI CON RITIRO APPARATO TELEPASS IMMEDIATO

ELENCO UFFICI POSTALI CON RITIRO APPARATO TELEPASS IMMEDIATO BO ANZOLA DELL'EMILIA ANZOLA DELL'EMILIA VIA NINO BONFIGLIOLI, 19 40011 051-731376 BO BOLOGNA BOLOGNA CENTRO PIAZZA MINGHETTI, 4 40124 051-2756736 BO BOLOGNA BOLOGNA 1 VIA CAIROLI, 9 40121 051-243425 BO

Dettagli

Orario ferroviario. rete RFI. valido dal 14 Dicembre 2014. Orario valido dal 15 Dicembre 2013 al 13 Dicem

Orario ferroviario. rete RFI. valido dal 14 Dicembre 2014. Orario valido dal 15 Dicembre 2013 al 13 Dicem Orario ferroviario valido dal 14 Dicembre 2014 Orario valido dal 15 Dicembre 2013 al 13 Dicem rete RFI Linea Bologna - Poggio Rusco Linea Ferrara - Ravenna - Rimini Linea Ferrara - Bologna - Imola - Rimini

Dettagli

2 Report. Gennaio settembre 2009. a cura del Sistema Informativo

2 Report. Gennaio settembre 2009. a cura del Sistema Informativo 2 Report Gennaio settembre 20 a cura del Sistema Informativo 1 dicembre 20 In questo secondo report, viene fornito un aggiornamento dell attività svolta nei primi 9 mesi del 20 dai nodi della Rete delle

Dettagli

I medici dovranno presentarsi muniti di valido documento di riconoscimento.

I medici dovranno presentarsi muniti di valido documento di riconoscimento. Allegato n. 1 Incarichi vacanti di continuità assistenziale presso le Aziende USL della Regione Emilia-Romagna. Art.63 dell Accordo Collettivo Nazionale per la disciplina dei rapporti con i medici di medicina

Dettagli

NOTA STAMPA TELECOM ITALIA: ACCELERA IN EMILIA ROMAGNA CON IL 4G DI TIM, GIA COPERTI 70 COMUNI

NOTA STAMPA TELECOM ITALIA: ACCELERA IN EMILIA ROMAGNA CON IL 4G DI TIM, GIA COPERTI 70 COMUNI NOTA STAMPA TELECOM ITALIA: ACCELERA IN EMILIA ROMAGNA CON IL 4G DI TIM, GIA COPERTI 70 COMUNI Forte impulso in Emilia Romagna ai programmi di copertura della nuova rete mobile LTE: salgono a 70 i comuni

Dettagli

Il controllo della Zanzara Tigre in Emilia Romagna: Analisi dei costi sostenuti dagli Enti Locali (2008 2011)

Il controllo della Zanzara Tigre in Emilia Romagna: Analisi dei costi sostenuti dagli Enti Locali (2008 2011) Il controllo della Zanzara Tigre in Emilia Romagna: Analisi dei costi sostenuti dagli Enti Locali (2008 2011) Studio realizzato da: Università di Bologna Polo Scientifico Didattico di Forlì Azienda U.S.L.

Dettagli

Aggiornamento terremoto 04 giugno 2012 ore 17

Aggiornamento terremoto 04 giugno 2012 ore 17 Assessorato politiche per la salute Provincia di Modena Ospedali e Punti Medici Avanzati Aggiornamento terremoto 04 giugno 2012 ore 17 Confermata la situazione pre-esistente sia per le strutture della

Dettagli

LOCAZIONI BOX e POSTI AUTO IIsem2013 EMILIA- ROMAGNA BOLOGNA CITTÀ Zona Box Posto auto Centro INDIPENDENZA - MARCONI C 100 70

LOCAZIONI BOX e POSTI AUTO IIsem2013 EMILIA- ROMAGNA BOLOGNA CITTÀ Zona Box Posto auto Centro INDIPENDENZA - MARCONI C 100 70 LOCAZIONI BOX e POSTI AUTO IIsem2013 EMILIA- ROMAGNA BOLOGNA CITTÀ Zona Box Posto auto Centro INDIPENDENZA - MARCONI C 100 70 Mazzini- Savena FOSCHERARA S 70 35 SAN RUFFILLO P 70 35 San Donato- San Vitale

Dettagli

CENTRI DIALISI DIPARTIMENTO IGIENICO-ORGANIZZATIVO CARTA DEI SERVIZI CENTRI DIALISI DIPARTIMENTO IGIENICO-ORGANIZZATIVO CARTA DEI SERVIZI

CENTRI DIALISI DIPARTIMENTO IGIENICO-ORGANIZZATIVO CARTA DEI SERVIZI CENTRI DIALISI DIPARTIMENTO IGIENICO-ORGANIZZATIVO CARTA DEI SERVIZI CENTRI DIALISI DIPARTIMENTO IGIENICO-ORGANIZZATIVO CARTA DEI SERVIZI 2 0 0 7 CENTRI DIALISI DIPARTIMENTO IGIENICO-ORGANIZZATIVO CARTA DEI SERVIZI 2 0 0 7 CENTRO DIALISI DIPARTIMENTO IGIENICO ORGANIZZATIVO

Dettagli

Conferenza Stampa. Cure intermedie: attivi 6 posti. all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno

Conferenza Stampa. Cure intermedie: attivi 6 posti. all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno Conferenza Stampa Cure intermedie: attivi 6 posti all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno Mercoledì 17 settembre 2014 - ore 11.30 Sala riunioni Servizio Attività Tecniche AUSL di Parma Via Spalato

Dettagli

La normativa di riferimento è ampia, si richiamano di seguiti i documenti di avvio del progetto:

La normativa di riferimento è ampia, si richiamano di seguiti i documenti di avvio del progetto: La Regione Emilia Romagna ha avviato da alcuni anni un progetto finalizzato a favorire la domiciliarità di anziani e disabili, non solo con contribuiti, ma anche attraverso servizi di informazione e di

Dettagli

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ;

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ; PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA PROMOZIONE DI PROGETTI DI INSERIMENTO LAVORATIVO E STABILIZZAZIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO DI PERSONE IN STATO DI DISAGIO SOCIALE (PROGRAMMA PARI) VISTI Il Decreto Legislativo

Dettagli

La gestione delle tecnologie a livello regionale: l esempio della regione Emilia-Romagna

La gestione delle tecnologie a livello regionale: l esempio della regione Emilia-Romagna Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Servizio Strutture Sanitarie e Socio Sanitarie La gestione delle tecnologie a livello regionale: l esempio della regione Emilia-Romagna CORSO DI LAUREA INGEGNERIA

Dettagli

ATTIVITÀ DEGLI SPORTELLI SOCIALI

ATTIVITÀ DEGLI SPORTELLI SOCIALI Assessorato promozione delle politiche sociali e di integrazione per l'immigrazione, volontariato, associazionismo e terzo settore ATTIVITÀ DEGLI SPORTELLI SOCIALI regionale (Integrazione Applicativi Sportello

Dettagli

Luogo e Data di nascita Camposanto (Mo) 16-08-1967 Via Gorzano, 13 41031 Camposanto - Mo Telefono cellulare 348/9015534

Luogo e Data di nascita Camposanto (Mo) 16-08-1967 Via Gorzano, 13 41031 Camposanto - Mo Telefono cellulare 348/9015534 INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome Giuseppe Rovatti Luogo e Data di nascita Camposanto (Mo) 16-08-1967 Residenza Via Gorzano, 13 41031 Camposanto - Mo Telefono cellulare 348/9015534 Indirizzo mail beppe@bepperovatti.it

Dettagli

Circolo UAAR di Bologna 1 marzo 2012

Circolo UAAR di Bologna 1 marzo 2012 REGIONE EMILIA ROMAGNA: ESTRATTO DELL'ALBO DEI BENEFICIARI DI PROVVIDENZE DI NATURA ECONOMICA EROGATE NEL 2010 RELATIVO A BENEFICIARI RICONDUCIBILI AD ENTI DI CARATTERE RELIGIOSO TOTALE EROGATO: 2.333.340,17

Dettagli

La Giunta della Regione Emilia-Romagna

La Giunta della Regione Emilia-Romagna Prot. n. (IAL/04/10164) Richiamati: La Giunta della Regione Emilia-Romagna il d.lgs. 18 agosto 2000, n. 267, recante "Testo unico delle leggi sull'ordinamento delle autonomie locali", che all'articolo

Dettagli

Progetto regionale sull organizzazione dell assistenza erogata dalle Aziende sanitarie in favore dei cittadini stranieri. curcetti

Progetto regionale sull organizzazione dell assistenza erogata dalle Aziende sanitarie in favore dei cittadini stranieri. curcetti Progetto regionale sull organizzazione dell assistenza erogata dalle Aziende sanitarie in favore dei cittadini stranieri clara curcetti Reggio Emilia, 24 settembre XIII CONFERENZA NAZIONALE HPH Verso politiche

Dettagli

REGIONANDO 2000. REGIONE EMILIA ROMAGNA SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE AZIENDA U.S.L. di CESENA

REGIONANDO 2000. REGIONE EMILIA ROMAGNA SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE AZIENDA U.S.L. di CESENA REGIONANDO 2000 REGIONE EMILIA ROMAGNA SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE AZIENDA U.S.L. di CESENA PROGETTO SALEM PER L ASSISTENZA SANITARIA AI CITTADINI STRANIERI IMMIGRATI E AGLI INDIGENTI SENZA FISSA DIMORA

Dettagli

IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328, DELLA LEGGE REGIONALE 12 MARZO 2003, N. 2

IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328, DELLA LEGGE REGIONALE 12 MARZO 2003, N. 2 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007, PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2007 DEL DISTRETTO DI CESENA VALLE SAVIO E DEI PROGRAMMI PROVINCIALI IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

Allegato A) Nuove assegnazioni spazi finanziari agli Enti Locali

Allegato A) Nuove assegnazioni spazi finanziari agli Enti Locali Denominazione Allegato A) Nuove assegnazioni spazi finanziari agli Enti Locali A B C D=A+B+C E=A+C assegnazioni per criticità e quote province Patto orizzontale II tranche ulteriore assegnazione ASSEGNAZIONE

Dettagli

DISTRETTO PIANURA OVEST

DISTRETTO PIANURA OVEST AZIENDA USL DI BOLOGNA - RIDUZIONE ESTIVA DEGLI SPORTELLI FRONT OFFICE DAL 22 DICEMBRE AL 6 GENNAIO COMPRESI HD tecnico 0514206206 HD normativo 848822222 Call Center 800-884888 Prenotazioni e disdette

Dettagli

Per sede di Bologna ANZOLA DELL'EMILIA ARGELATO BARICELLA BAZZANO BENTIVOGLIO BOLOGNA

Per sede di Bologna ANZOLA DELL'EMILIA ARGELATO BARICELLA BAZZANO BENTIVOGLIO BOLOGNA Per sede di Bologna ANZOLA DELL'EMILIA ARGELATO BARICELLA BAZZANO BENTIVOGLIO LOGNA BUDRIO CALDE DI NO CAMPOSANTO CASALECCHIO DI NO CASTEL LOGNESE CASTEL MAGGIO CASTELFNCO EMILIA CASTELLO D'ARGILE CASTENASO

Dettagli

Capitolo 5 - Sistema di relazioni e strumenti di comunicazione

Capitolo 5 - Sistema di relazioni e strumenti di comunicazione Capitolo 5 - Sistema di relazioni e strumenti di comunicazione 194 Sistema di relazioni e strumenti di comunicazione L attività prevalente su cui si è incentrata l attività dello staff Comunicazione nel

Dettagli

Ordinanza n.38 del 13 Maggio 2014

Ordinanza n.38 del 13 Maggio 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n.38 del 13 Maggio 2014 Espletamento di due

Dettagli

Progetto per la definizione di linee guida per l utilizzo dell ICD-10 nell ambito dei servizi per le dipendenze

Progetto per la definizione di linee guida per l utilizzo dell ICD-10 nell ambito dei servizi per le dipendenze Servizio Salute Mentale, Dipendenze Patologiche, Salute nelle Carceri Area Dipendenze Servizio Sistema Informativo Sanità e Politiche Sociali Progetto per la definizione di linee guida per l utilizzo dell

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome(i/)/Nome(i) FABI MASSIMO Telefono(i) 0521 702441 Fax 0521 703630 E-mail mfabi@ao.pr.it Esperienza professionale 2011 tutt oggi Coordinatore F.I.A.S.O.

Dettagli

Innovazione organizzativa nelle cure primarie:

Innovazione organizzativa nelle cure primarie: Innovazione organizzativa nelle cure primarie: Il progetto di modernizzazione NOA dell Area Vasta Emilia Centro 2010-2012 obiettivi e risultati Maria Chiara Tassinari Convegno Nazionale AICM Riccione 25-26

Dettagli

PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 del Piano di Zona Accordo di programma 2005-2007 della Zona Sociale Ravenna- Cervia - Russi

PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 del Piano di Zona Accordo di programma 2005-2007 della Zona Sociale Ravenna- Cervia - Russi PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 del Piano di Zona Accordo di programma 2005-2007 della Zona Sociale Ravenna- Cervia - Russi (comprensivo del PIANO TERRITORIALE PROVINCIALE PER AZIONI DI INTEGRAZIONE SOCIALE A

Dettagli

L assistenza agli immigrati irregolari ed ai cittadini europei non iscritti

L assistenza agli immigrati irregolari ed ai cittadini europei non iscritti L assistenza agli immigrati irregolari ed ai cittadini europei non iscritti Antonio Brambilla Reggio Emilia, 25 ottobre 2011 cosa prevede la norma nazionale per gli STP L assistenza sanitaria a favore

Dettagli

la L.R. n. 2 / 2003 ed in particolare il Titolo II Sistema integrato di interventi e servizi sociali, art.5 comma 4, art.

la L.R. n. 2 / 2003 ed in particolare il Titolo II Sistema integrato di interventi e servizi sociali, art.5 comma 4, art. PROTOCOLLO DI INTESA TRA I COMUNI DEL DISTRETTO DI CASALECCHIO DI RENO L ASC InSIEME L AUSL DI BOLOGNA LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE DEL DISTRETTO DI CASALECCHIO DI RENO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE E CURA

Dettagli

Servizio Igiene e Sanità Pubblica (SIP)

Servizio Igiene e Sanità Pubblica (SIP) Servizio Igiene e Sanità Pubblica (SIP) Dipartimento di Sanità Pubblica www.ausl.re.it Il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica (SIP) fa parte del Dipartimento di Sanità Pubblica dell Azienda USL di Reggio

Dettagli

4 RAPPORTO SULLA COESIONE SOCIALE NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Anno 2015

4 RAPPORTO SULLA COESIONE SOCIALE NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Anno 2015 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità 4 RAPPORTO SULLA COESIONE SOCIALE NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Anno 2015 Provincia di Reggio Emilia 1 4. IL SISTEMA FORMATIVO 2 Gli studenti iscritti

Dettagli

APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI DI POTENZIAMENTO DEL SISTEMA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE. ANNUALITA' 2015.

APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI DI POTENZIAMENTO DEL SISTEMA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE. ANNUALITA' 2015. Progr.Num. 1926/2015 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno martedì 24 del mese di novembre dell' anno 2015 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

Dettagli

Programma OPERATIVO delle attività in Emilia Romagna. 14 gennaio 23 febbraio 2008

Programma OPERATIVO delle attività in Emilia Romagna. 14 gennaio 23 febbraio 2008 Università degli Studi di Bologna Sede di Buenos Aires Master II livello Politicas y gestion en salud. Europa America Latina Regione Emilia-Romagna Agenzia sanitaria regionale Programma OPERATIVO delle

Dettagli

Le Case della Salute in Emilia-Romagna

Le Case della Salute in Emilia-Romagna DIREZIONE GENERALE SANITÀ E POLITICHE SOCIALI Le Case della Salute in Emilia-Romagna Report CONCLUSIVO 2013 Novembre 2013 Le Case della Salute in Emilia-Romagna Report conclusivo 2013 Novembre 2013 A

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente: DETERMINAZIONE n 14945 del 19/11/2012 Proposta: DPG/2012/15299 del 12/11/2012 Struttura proponente: Oggetto: Autorità emanante:

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: A.N.P.AS. 1 2) Codice di accreditamento: 3) Albo e classe di iscrizione: NZ0170 1 1 Le Pubbliche

Dettagli

Ordinanza n. 23 del 26 marzo 2014

Ordinanza n. 23 del 26 marzo 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 23 del 26 marzo 2014 Smontaggio e deposito

Dettagli

PROGETTI DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E SESSUALITA SVOLTI DAGLI OPERATORI DEGLI SPAZI GIOVANI DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

PROGETTI DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E SESSUALITA SVOLTI DAGLI OPERATORI DEGLI SPAZI GIOVANI DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Assessorato Politiche per la Salute PROGETTI DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E SESSUALITA SVOLTI DAGLI OPERATORI DEGLI SPAZI GIOVANI DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 A cura di Bruna

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328 E DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

ELENCO OPERATORI ASSEGNATARI DEI FINANZIAMENTI DI CUI AL PROGRAMMA 3000 CASE PER AFFITTO E LA PRIMA CASA DI PROPRIETA'

ELENCO OPERATORI ASSEGNATARI DEI FINANZIAMENTI DI CUI AL PROGRAMMA 3000 CASE PER AFFITTO E LA PRIMA CASA DI PROPRIETA' cat. nto PROVINCIA BOLOGNA COMUNE DI BENTIVOGLIO BO BENTIVOGLIO LOTTO B8.2 LP NC 12 1.440.000,00 720.000,00 Piazza Pace, 1 BENTIVOGLIO 40010 BO 051/6643511 COPALC BO BUDRIO COMPARTO C 2.3 CRETI MARTELLA

Dettagli

Responsabile dell Ufficio di Piano

Responsabile dell Ufficio di Piano Unione, Comunità Montana, Azienda di Servizi alla Persona: la nuova geografia istituzionale per la programmazione e la gestione dei servizi sociali e dei servizi socio sanitari del Distretto di Vignola

Dettagli

Un po di chiarezza sull Ospedale di Cavalese

Un po di chiarezza sull Ospedale di Cavalese Un po di chiarezza sull Ospedale di Cavalese Il presidio di Cavalese è una certezza della rete trentina e non chiude! Una semplice cronologia per provare a capire. 2010 23 2012 7 dic 2013 25 gen L art.

Dettagli

Ordinanza n. 17 del 7 marzo 2014

Ordinanza n. 17 del 7 marzo 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 17 del 7 marzo 2014 Concessione a titolo

Dettagli

Il Case Management infermieristico per la presa in carico, il governo e la sostenibilità del percorso di cura, la verifica dei risultati due anni dopo

Il Case Management infermieristico per la presa in carico, il governo e la sostenibilità del percorso di cura, la verifica dei risultati due anni dopo Il Case Management infermieristico per la presa in carico, il governo e la sostenibilità del percorso di cura, la verifica dei risultati due anni dopo Badiali Cinzia, Franchi Fabia, Petroni Manuela, Morini

Dettagli

Ordinanza n 105 del 12 settembre 2013. Programma Operativo Municipi Ulteriore rimodulazione

Ordinanza n 105 del 12 settembre 2013. Programma Operativo Municipi Ulteriore rimodulazione IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n 105 del 12 settembre 2013 Programma Operativo

Dettagli

800 033 033 L Informa-Tutti sui servizi per la salute in Emilia-Romagna

800 033 033 L Informa-Tutti sui servizi per la salute in Emilia-Romagna 800 033 033 L Informa-Tutti sui servizi per la salute in Emilia-Romagna Il servizio informativo che ti dice: dove andare cosa serve come fare quando hai bisogno di servizi e di assistenza IL NUMERO VERDE

Dettagli

Il senso di un percorso. 20 settembre 2012. Hotel & Congressi Via Altura 11/bis, Bologna

Il senso di un percorso. 20 settembre 2012. Hotel & Congressi Via Altura 11/bis, Bologna 20 settembre 2012 Relais Bellaria Hotel & Congressi Via Altura 11/bis, Bologna Il senso di un percorso dalle esperienze in corso alle nuove prospettive dell Assistenza Territoriale per il malato cronico

Dettagli

Det n. 2144 /2010 Class. 497 COMUNE DI CESENA. DETERMINAZIONE n. 2144/2010 SETTORE SERVIZI SOCIALI SERVIZIO CASA, IGIENE E SANITA

Det n. 2144 /2010 Class. 497 COMUNE DI CESENA. DETERMINAZIONE n. 2144/2010 SETTORE SERVIZI SOCIALI SERVIZIO CASA, IGIENE E SANITA COMUNE DI CESENA DETERMINAZIONE n. 2144/2010 SETTORE SERVIZI SOCIALI SERVIZIO CASA, IGIENE E SANITA Proponente: GAGGI MATTEO OGGETTO: ACCREDITAMENTO TRANSITORIO PER CENTRO SOCIO RIABILITATIVO RESIDENZIALE

Dettagli

COMUNE DI BAZZANO Città d arte Provincia di BOLOGNA C O P I A

COMUNE DI BAZZANO Città d arte Provincia di BOLOGNA C O P I A COMUNE DI BAZZANO Città d arte Provincia di BOLOGNA C O P I A DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 12 DEL 27/01/2011 OGGETTO: TRASFERIMENTO PRESSO NUOVA SEDE DEL C.I.P. (CENTRO PER L'IMPIEGO) DI ZOLA

Dettagli

AREA SERVIZI ALLA PERSONA

AREA SERVIZI ALLA PERSONA AREA SERVIZI ALLA PERSONA Settore Sociale Direttore PEG ANNO 1 UNIONE RENO GALLIERA : UNIONE RENO GALLIERA : DIRETTORE Centro di costo: SETTORE SOCIALE OBIETTIVI PERMANENTI : Gestione delle attività amministrative

Dettagli

Deliberazione del Direttore Generale N. 087. Del 27/05/2014

Deliberazione del Direttore Generale N. 087. Del 27/05/2014 Deliberazione del Direttore Generale N. 087 Del 27/05/2014 Il giorno 27/05/2014 alle ore 10.00 nella sede Aziendale di via San Giovanni del Cantone 23, la sottoscritta Dott.ssa Mariella Martini, Direttore

Dettagli

Determina n. 172 del 2 febbraio 2012

Determina n. 172 del 2 febbraio 2012 Determina n. 172 del 2 febbraio 2012 Responsabile del procedimento: Dr.ssa Chiara Bongiovanni OGGETTO: Proroga fino al 29/02/2012 delle convenzioni con le associazioni di volontariato ADO, ANT, e ANF per

Dettagli

Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione Lazio

Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione Lazio Proposta di Legge regionale n. 11 del 28 giugno 2005 di iniziativa dei consiglieri Nieri, Tibaldi, Pizzo, Luciani e Peduzzi Oggetto: Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione

Dettagli

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : Rimodulazione del Fondo di solidarietà per la gravi disabilità rinominato "CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA' PER LA RESIDENZIALITA' E SEMIRESIDENZIALITA (DISABILI, PAZIENTI PSICHIATRICI E PERSONE

Dettagli

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca 1 Le Aziende USL di Modena e Reggio Emilia hanno sviluppato una

Dettagli

SESSIONE 2 Analisi dei progetti: punti di forza e criticità. Ing. Vania Passarella

SESSIONE 2 Analisi dei progetti: punti di forza e criticità. Ing. Vania Passarella SESSIONE 2 Analisi dei progetti: punti di forza e criticità Ing. Vania Passarella RICOSTRUZIONE POST SISMA: Regolata dalle Ordinanze del Commissario Delegato per la Ricostruzione collegate all esito di

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Giorgio Martelli. 11 novembre 2009

CURRICULUM VITAE. Giorgio Martelli. 11 novembre 2009 CURRICULUM VITAE DI Giorgio Martelli 11 novembre 2009 2 Cognome e Nome Martelli Giorgio Luogo e data di nascita Medicina (BO) 03.04.1959 Professione Recapito Residenza Medico Direzione Sanitaria Azienda

Dettagli

QUESTIONARIO CONOSCITIVO SULLA COMUNICAZIONE FRA I MEDICI E DEI MEDICI CON LE AZIENDE SANITARIE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

QUESTIONARIO CONOSCITIVO SULLA COMUNICAZIONE FRA I MEDICI E DEI MEDICI CON LE AZIENDE SANITARIE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA QUESTIONARIO CONOSCITIVO SULLA COMUNICAZIONE FRA I MEDICI E DEI MEDICI CON LE AZIENDE SANITARIE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA Il questionario è anonimo. Non vuole valutare i servizi, ma solo conoscere l adeguatezza

Dettagli

L esperienza della Regione Emilia Romagna

L esperienza della Regione Emilia Romagna L esperienza della Regione Emilia Romagna Anna Vittoria Ciardullo Azienda USL di Modena Delibera Regionale: - Finanziamento Gestione integrata diabete Nomina Gruppo di lavoro LG Regionali ASSR: - Sistema

Dettagli

Roberto Gabrielli, nato a Bagno di Romagna (FC) il 25 settembre 1956. CURRICULUM PROFESSIONALE ATTINENTE LA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E URBANISTICA

Roberto Gabrielli, nato a Bagno di Romagna (FC) il 25 settembre 1956. CURRICULUM PROFESSIONALE ATTINENTE LA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E URBANISTICA Roberto Gabrielli, nato a Bagno di Romagna (FC) il 25 settembre 1956. CURRICULUM DI STUDIO Laurea in Urbanistica presso l Istituto Universitario di Architettura di Venezia (IUAV) il 29 marzo 1985. La tesi

Dettagli

PIANO DEGLI INVESTIMENTI

PIANO DEGLI INVESTIMENTI 1 Scopo Lo scopo di questa procedura è quello definire le modalità operative seguite dall Azienda per la definizione del Piano degli Investimenti, quale documento integrato nella pianificazione economico-finanziaria

Dettagli

Ordinanza n. 37 del 21 marzo 2013

Ordinanza n. 37 del 21 marzo 2013 IL PRESIDENTE INQUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 2, DEL D.L. N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONIDALLA LEGGE 122/2012 Ordinanza n. 37 del 21 marzo 2013 Assegnazione delle

Dettagli

Programma finalizzato all autonomia nell ambiente domestico di disabili e anziani

Programma finalizzato all autonomia nell ambiente domestico di disabili e anziani Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Servizio Pianificazione e Sviluppo dei servizi sociali e socio - sanitari Programma finalizzato all autonomia nell ambiente domestico di disabili e anziani

Dettagli

Sisma Emilia-Romagna 20-29 maggio 2012. Provincie di: Bologna, Ferrara, Modena, Reggio Emilia

Sisma Emilia-Romagna 20-29 maggio 2012. Provincie di: Bologna, Ferrara, Modena, Reggio Emilia Sisma Emilia-Romagna 20-29 maggio 2012 Provincie di: Bologna, Ferrara, Modena, Reggio Emilia Comuni danneggiati in Emilia Romagna PROVINCIA DI BOLOGNA PROVINCIA DI FERRARA PROVINCIA DI MODENA PROVINCIA

Dettagli

PUNTI DI INFORMAZIONE E ACCOGLIENZA CITTADINI STRANIERI

PUNTI DI INFORMAZIONE E ACCOGLIENZA CITTADINI STRANIERI PUNTI DI INFORMAZIONE E ACCOGLIENZA CITTADINI STRANIERI Aggiornato LUG 2011 CALENDARIO SETTIMANALE L U N E D I' 8.40-12.40 Comune di San Pietro in Casale (Punto Migranti) c/o Municipio via Matteotti, 154

Dettagli

Tempo per costruire 1

Tempo per costruire 1 Tempo per costruire 1 Tempo per costruire Nuovo assetto dei servizi sociali del Comune di Bologna Maria Adele Mimmi Direttore Servizi Sociali - Comune di Bologna Bologna, 25 febbraio 2015 Tempo per costruire

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE D13/2011

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE D13/2011 Comune di Ravenna Area: POLITICHE DI SOSTEGNO, GIOVANI, SPORT E RAPPORTI INTERNAZIONALI Servizio Proponente: U.O. PIANIFICAZIONE SOCIO SANITARIA Dirigente Responsabile: DOTT.SSA NOEMIA PIOLANTI Cod. punto

Dettagli

INTEGRAZIONE DELLA DGR 2068/04 E DELLA DGR 1762/2011: INTRODUZIONE LIVELLO PIU' ELEVATO DELL'ASSEGNO DI CURA PER LE GRAVISSIME DISABILITA'

INTEGRAZIONE DELLA DGR 2068/04 E DELLA DGR 1762/2011: INTRODUZIONE LIVELLO PIU' ELEVATO DELL'ASSEGNO DI CURA PER LE GRAVISSIME DISABILITA' Progr.Num. 1848/2012 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 03 del mese di dicembre dell' anno 2012 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: via

Dettagli

Trasporto su appuntamento: facciamo tutto noi, a partire da 79

Trasporto su appuntamento: facciamo tutto noi, a partire da 79 Trasporto su appuntamento: facciamo tutto noi, a partire da 79 Per chi non se la sente di fare da sé, IKEA mette a disposizione un servizio di trasporto a pagamento, valido solamente per gli articoli a

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 1183/2012 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 06 del mese di agosto dell' anno 2012 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: via

Dettagli

Delibera di Giunta - N.ro 2283/2002 - del 10/6/2002

Delibera di Giunta - N.ro 2283/2002 - del 10/6/2002 di 33 29/12/2004 13.12 Delibera di Giunta - N.ro 2283/2002 - del 10/6/2002 Oggetto: PROVVEDIMENTI PER POTENZIARE IL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE DEGLI ENTI LOCALI. REALIZZAZIONE DI STRUTTURE PROVINCIALI

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 26-09-2011 (punto N 24 ) Delibera N 822 del 26-09-2011 Proponente DANIELA SCARAMUCCIA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E

Dettagli