L investimento italiano in Vietnam

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L investimento italiano in Vietnam"

Transcript

1 L investimento italiano in Vietnam di Tomaso Andreatta * Perché investire in Vietnam Ci sarebbero molte ragioni per le aziende italiane per investire in Vietnam, ma fino ad oggi poche hanno fatto lo sforzo di arrivare fin qui. Il Vietnam è una delle migliori basi per entrare nel grande sistema produttivo dell estremo oriente, nella supply chain dei giapponesi e dei coreani, e al tempo stesso una porta per il mercato dell ASEAN e per tutto il mercato asiatico. Da tempo Giappone e Corea trasferiscono la capacità produttiva nei Paesi vicini, in Cina dapprima e principalmente, ma con il rapido aumento del costo del lavoro e la riduzione di disponibilità di manodopera nel grande Paese, con i problemi di tensione politica, soprattutto sul Mar della Cina Meridionale, e con le politiche restrittive sull investimento internazionale, in tutti i Paesi ASEAN. Le grandi aziende dei settori auto, infrastrutture, elettronica, materiali da costruzione, e, a cascata, i loro fornitori, hanno creato nuove fabbriche in ciascun Paese del sud-est asiatico, sia per diversificare il rischio sia per evitare le tariffe che fino a tempi recenti effettivamente chiudevano i mercati nazionali, sia infine perché in Asia si vende solo dove si ha una presenza fisica. Moltissime aziende italiane sono fornitrici di prodotti meccanici, elettrici ed elettronici di aziende tedesche, che consolidano la tecnologia italiana insieme alla propria in impianti interi o macchine complesse, che la loro dimensione permette di vendere (e finanziare) in tutto il mondo. Ora che la Cina, uno dei mercati di sbocco più importanti per la Germania, ha rallentato gli acquisti, le aziende tedesche soffrono. Piazzarsi vicino alle grandi aziende giapponesi e coreane e produrre per loro completerebbe la copertura di mercato degli italiani e aprirebbe loro tutto il mondo, dato che venderebbero ad aziende globali. In più sarebbero di casa nell area del mondo dove per struttura della popolazione, accumulazione del reddito ed investimenti, per cultura ed investimento in educazione ci sarà la maggiore crescita economica dei prossimi decenni. Al contrario del Sud America e dell Africa, i Paesi asiatici infatti crescono anche al di fuori delle materie prime. L ASEAN, il gruppo dei dieci Paesi del sud-est asiatico, con 600 milioni di abitanti e reddito medio pro-capite sui 4000 dollari è già un area in cui le tariffe sono a zero o si stanno gradualmente avvicinando all intervallo 5%-0%. Nel 2015 i Paesi dell ASEAN vorrebbero lanciare una comune area economica e stanno lavorando alacremente a firmare nuovi trattati sulla doppia imposizione e witholding tax e sull estensione dei trattati di libero scambio (FTA) tra ASEAN e grandi Paesi vicini 1

2 (Cina, Giappone, Corea del Sud, Australia e Nuova Zelanda e India) da bilaterali (ASEAN+1) a multilaterali (ASEAN+6). Questo permetterà a merci con contenuto minimo locale del 40% di entrare ed uscire dall area senza imposizione di alcun dazio o con tariffe molto contenute. L ovvia eccezione saranno i prodotti strategici dell agricoltura e, in una certa misura, dell auto e della componentistica. I quattro Paesi arrivati per ultimi nell ASEAN, Vietnam, Cambogia, Laos e Myanmar, hanno ottentuto delle facilitazioni per cui mentre i dazi verso gli altri Paesi ASEAN e, a fortiori, i grandi Paesi asiatici saranno bassi da subito, per quelli all entrata i Paesi hanno tempo fino al 2018 o oltre per adattarsi. Questo crea una base con protezione temporanea per chi volesse produrre in questi quattro Paesi. La realtà è tuttavia che mentre il Vietnam pratica una politica di liberalizzazione economica dal 1986, è nei mercati internazionali dai primi anni 90 e ha ricevuto una quantità record di investimenti diretti e aiuti statali per la costruzione di infrastrutture, gli altri sono molto indietro, e Cambogia e Laos sono anche molto piccoli (rispettivamente con 16 milioni e 6 milioni di abitanti), per cui non ci sono dubbi su dove abbia senso investire oggi. Myanmar è più grande, con oltre 60 milioni di abitanti ma non ha infrastrutture politiche ed economiche solide, non ha capitali accumulati o il livello dell educazione che il Vietnam ha sviluppato negli ultimi due decenni. Oggi è un Paese che gode di una grande attenzione, e ciò ha già portato ad una bolla speculativa nel settore immobiliare, in quello del turismo, e persino in quello delle licenze telefoniche, ma la corretta priorità per le società internazionali è di assicurarsi l accesso alle risorse naturali ed energetiche di cui è ricco. Per chiudere la disamina dei Paesi ASEAN dove avrebbe senso investire 1, rimangono Indonesia, Thailandia e Filippine. Ciascuno di loro ha vantaggi e svantaggi rispetto al Vietnam. La Thailandia ha dimostrato di essere coerentemente aperta all investimento, ed è di gran lunga più avanzata come infrastrutture e come know how soprattutto nel settore auto. L Indonesia ha un mercato locale molto più grande del Vietnam e un reddito medio maggiore, ma enormi sfide politiche e logistiche. Le Filippine hanno la popolazione più educata e con conoscenza dell inglese quasi totale, ma, come l Indonesia, è prigioniera di una struttura industriale polarizzata tra imperi privati che proteggono attivamente la propria posizione privilegiata e micro aziende senza capitale. Un vantaggio competitivo del Vietnam sui vicini è la cultura simile a quella cinese: un Paese ufficialmente laico, ma con una popolazione buddhista mahayana (cioè meno passiva di quella del resto dell Indochina, che è a maggioranza Theravada) e confuciana (ovvero che valuta l educazione, anche tecnica, come valore alto, tanto 2

3 che si può effettivamente negoziare il trade-off training contro salario immediato). I vietnamiti hanno forti idee su come fare il proprio lavoro e si aspettano rispetto per la propria professionalità, ma al tempo stesso sono assetati di maggiore conoscenza. La generazione oggi nel mercato del lavoro, pur avendo chiaro che lavora per vivere, lavora sodo e spesso con due o tre lavori contemporaneamente. Sono le autorità che cercano di imporre limiti all orario di lavoro e ad altre pratiche in cui si cerchi di sfruttare il lavoratore. Dal 2008 il Vietnam fa parte del WTO e ha goduto di forti flussi di investimento sia diretto sia finanziario soprattutto verso la fine della negoziazione. L UE e gli Stati Uniti sono i due mercati principali dei prodotti vietnamiti. Verso entrambi questi mercati il Vietnam si avvantaggia di tariffe preferenziali per l esportazione mentre il suo mercato interno è fortemente protetto. Il Vietnam per ora gode del General System of Preferences, GSP, da parte dell UE, ovvero tariffe al minimo o a zero in quanto Paese in via di sviluppo, ma avendo dichiarato di essere un Paese a medio reddito è destinato a perdere questo vantaggio. Per questo è in corso la negoziazione di un FTA - free trade agreement o trattato di libero scambio bilaterale che confermerà anche per il futuro una situazione commercio favorevole con l Europa. Le aspettative sono di una firma del trattato entro due anni. Gli Stati Uniti invece, che già hanno concesso tariffe a zero o comunque molto favorevoli al Vietnam, stanno negoziando un ambizioso TPA - Trans Pacific Agreement o accordo Trans Pacifico con diversi Paesi dell Asia e del America Latina allo stesso tempo, il che indebolisce il potere negoziale di ciascun Paese. Oggi il Vietnam è in una pausa di riflessione rispetto al TPA, ma sicuramente le pressioni diplomatiche, soprattutto USA e giapponesi, lo riporteranno nella negoziazione. Vendere in Vietnam e usare il Vietnam come base per vendere in Asia Il Vietnam è, come quasi tutti i Paesi asiatici, un Paese a cultura implicita, ovvero una cultura in cui si considera non necessario spiegare tanto di sè e dei propri principi perché si assume che l interlocutore li conosca e li condivida già. Molto più simile all Italia agricola anche del XX secolo che agli Stati Uniti. Si pensi alla differenza tra un contratto italiano, tutto basato sulla legge esplicita, ed uno americano, che ridefinisce cose ovvie come cosa sia un dollaro o cose simili. In questa cultura si fanno affari solo con gli amici o gli amici degli amici, da cui l importanza delle presentazioni, perché non si può o vuole rischiare di andare in tribunale, con tempi biblici e dalle conoscenze tecniche del commercio internazionale limitate. Ancora, il titolo vale molto, perché il capo prende tutte le decisioni importanti e c è un forte senso confuciano della gerarchia. Per questo l imprenditore ed il top management delle imprese che vogliano fare affari in Vietnam debbono incontrare e diventare amici delle loro controparti vietnamite. 3

4 In un simile scenario non deve stupire che lo stile italiano di sperare di vendere prodotti con viaggi improvvisati di un pomeriggio tra gli impegni in Cina e quelli in India, magari seguiti da qualche fax, non abbia mai successo. Anche la ricerca di un distributore è difficile perchè occorre stare loro vicino come ad un cliente finale. Solo nell alta moda, per Gucci, Armani, Versace e pochi altri ci sono dei distributori locali 2 che vendono qualcosa, gli altri sono spesso dei collezionisti di marchi che vendono solo quelli che li tengono stretti al guinzaglio. E si tratta comunque di nicchie, perché se i prezzi sono elevatissimi, più che a Singapore o Hong Kong, i volumi del super lusso sono limitati. In ogni caso la boutique di moda di maggior successo in Vietnam è quella di Louis Vuitton, perché sia a HCMC sia a Hanoi è gestita direttamente dalla casa madre. È l unica dove si ha la certezza matematica di comprare solo prodotto genuino, legalmente importato e garantito in tutto il mondo. Per tutti i prodotti tecnici, in particolare le macchine, è necessaria una presenza in Vietnam, con almeno un ufficio di rappresentanza, ma meglio un piccolo magazzino e qualche ingegnere magari vietnamita ma versato nel prodotto italiano, che danno quella garanzia di servizio post vendita ed assistenza di cui l azienda vietnamita ha bisogno e che non ha fiducia arrivi in tempo dall Italia. Le aziende italiane che hanno successo in Vietnam dalla Danieli che ha venduto più di dieci acciaierie alla Tenova del gruppo Techint, sempre nelle acciaierie e metallurgia, dalla WAM della cinghie di trasporto delle polveri alla Valvitalia delle valvole per impianti petroliferi fino alla SACMI degli impianti per piastrelle, hanno tutte presenza fissa nel Paese o si basano sull appoggio di partner locali quali Franco Pacific o Viet-Y, società di ingegneria e montaggio gestite da francesi o italiani, che le rappresentano. Malgrado i vietnamiti abbiano dei pregiudizi fortemente positivi per l Italia e i prodotti italiani, spesso (e si vede nella bilancia commerciale) acquistano tecnologia cinese, che è spesso a prezzi intorno alla metà o meno di quelli italiani e che per 2 I marchi presenti in Vietnam, tutti in licenza e molti offerti in boutiques multibrand quale Milano, dello stesso licenziatario di Gucci o l elegante Runway, disegnato da un architetto di Milano, sono a HCMC: Bluegirl, Bluemarine, Bulgari, Dolce & Gabbana, Emporio Armani con annesso Caffè Armani, Ermenegildo Zegna, Fendi, Gucci, Just Cavalli, Parkerson, Moreschi, Roberto Cavalli, Salvatore Ferragamo, Sergio Rossi, Tod s, Valentino e Versace considerati di serie A, e inoltre Diesel, Furla, Geox, Kappa e United Colors of Benetton. A breve apriranno La Perla e Tombolini. Ci sono inoltre negozi di mobili come Bellavita (Cassina, Frau, Minotti) o i-italy un grande e ambizioso negozio di un gruppo di aziende bresciane che vende Castelli, Flos, Moroso, Valcucine e una quindicina di altri marchi e il monomarca Kartell. A Hanoi invece ci sono: Antonio Berardi, Bulgari, D&G, Ermenegildo Zegna, Gianni Versace, Gianfranco Ferre, GF Ferre, Giuseppe Zanotti, Gucci, Just Cavalli, Roberto Botticelli, Roberto Cavalli, Roberta Scarpa, Sergio Rossi, Salvatore Ferragamo, Valentino e Versace. 4

5 impianti importanti, è finanziata dal sistema Paese cinese. In alternativa i giapponesi e coreani sono più vicini e spingono di più ed infine americani, tedeschi e francesi fanno offerte più integrate di quelle di molti degli italiani. Per questo il gap tra esportazioni italiane (tecnologia/macchinari) e le importazioni (telefonini della Samsung, caffe robusta, pesce surgelato, abiti e scarpe) continua a crescere. Un tassello necessario: il sistema Paese Mentre le istituzioni italiane presenti in Vietnam, l Ambasciata, l ICE, la Camera di Commercio Italiana in Vietnam - Icham, le rappresentanze delle due grandi banche, cooperano e scambiano informazioni, indirizzano le aziende verso la fonte di informazioni o servizi più adatta alle loro esigenze, poichè la cultura delle aziende italiane in Vietnam dà luogo a un ignorarsi reciproco, con poche eccezioni da parte di alcune delle aziende menzionate sopra 3. Al contrario delle aziende del nord Europa, Francia inclusa, le iniziative comuni delle aziende ed il loro senso civico di collaborazione sono scarsi, con il risultato che continuamente si pone il quesito: la Camera di Commercio è un associazione che si occupa solo dei suoi soci o è un istituzione che aiuta tutte le aziende italiane ad avere successo in Vietnam? E molte delle aziende non si iscrivono neppure. Non stupirà quindi che le aziende italiane che vengono in Vietnam in cerca di opportunità non si rivolgano alle istituzioni ma vengano alla spicciolata. O che fino a tempi recentissimi e grazie al lavoro congiunto delle istituzioni italiane in Vietnam, Ambasciata, ICE e Icham, le tante Regioni o Province e loro Camere di Commercio o Società per la Promozione dei Prodotti non coordinasser le missioni e lanciassero progetti anche simili o in conflitto tra loro 4. Il brand made in Italy è secondo solo alla Coca Cola nelle ricerche Google a livello mondiale, ed in Vietnam una ricerca della prestigiosa università di Melbourne, la RMIT a Ho Chi Minh City, ha descritto come un nome che suona italiano è immediatamente percepito come sinonimo di alta qualtà, elegante design e di elevata tecnologia, eppure non si riesce a far decollare l Albo dei Prodotti Italiani, a tutela del Made in Italy o almeno del Made by Italian Companies and Design. In ogni caso si tratta di un vantaggio competitivo di cui poche aziende italiane oggi si avvalgono. Conclusioni: chi manca? 3 Il ricorso a manager asiatici che non abbiano un esplicita missione di cooperazione non aiuta in questo senso 4 Unioncamere Emilia-Romagna, Toscana Promozione e Umbria Export hanno per prime mostrato come sia possibile collaborare con mutuo vantaggio 5

6 Visto il grado di successo delle aziende italiane in Vietnam e le difficoltà che le aziende del nostro Paese hanno in Europa è stupefacente vedere quanto poche abbiano provato ad investire in Vietnam (o nei Paesi vicini dell ASEAN). Tutta l area è in uno stadio dello sviluppo economico simile al dopoguerra italiano, tra gli anni 50 e gli anni 70, per reddito, cultura tradizionali ed altri fattori. Se molte delle imprese italiane sono rimaste nella nicchia di massima tecnologia o design più avanzato, perché lasciare ai cinesi o agli altri asiatici il mercato di massa che usa tecnologie un pò attempate ma ancora efficaci per quei Paesi? In Italia sarebbero fuori mercato ma in Asia, ancora per molti Paesi sono in uso parallelo alle nuove tacnologie. Perché perdere questa finestra di opportunità? Stiamo parlando non di delocalizzazione delle aziende e della loro produzione, anche se anche questa può essere una strategia talora inevitabile, bensì di produzione parallela a quella italiana e adatta ai mercati asiatici. I profitti tornerebbero in Italia e così l esperienza di internazionalizzazione e la connessione con la nuova grande area economica del mondo, l Asia orientale più Australia e India. In questi Paesi i materiali da costruzione e tutta l industria delle costruzioni sono il motore della crescita interna, l investimento in infrastrutture è altissimo ed è autoreferenziale, ovvero chi ha già esperienza di opere simili nello stesso Paese o in quelli vicini vince le gare molto di più del costruttore di Paesi percepiti come lontani, tanto sarebbe meglio per le aziende italiane incominciare a penetrare il mercato vietnamita come subcontractor molto tecnico dietro ad un leader tedesco, francese o coreano. È mai possibile che non ci sia ancora una sola impresa italiana di produzione di cucine componibili in Vietnam, che si avvia da essere uno dei Paesi produttori di mobili più importanti, visto che quelle locali sembrano non essere in grado di produrre per loro? * Membro della comunità I talenti italiani all estero di Aspen Institute Italia, è Indochina Chief Representative, Corporate and Investment Banking Division di Intesa Sanpaolo, Vice Presidente di Eurocham Vietnam ed ex-presidente Fondatore di Icham. 6

Caratteristiche e Potenzialità

Caratteristiche e Potenzialità Le opportunità di investimento per le aziende italiane Dott. Enrico Perego Milano, 8 Marzo 2012 Caratteristiche e Potenzialità Valutazione Paese Forza lavoro giovane e a basso costo Forte stabilità politica

Dettagli

UNA NUOVA DESTINAZIONE

UNA NUOVA DESTINAZIONE UNA NUOVA DESTINAZIONE 1) Geografia. 2) Indicatori Economici. 1) Politica e Governo. 2) Mercato. 3) Risorse Umane. - Superficie: 331.698 Km² 65esimo nel mondo (Italia 301.338 Km², 71a). Dal confine del

Dettagli

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro.

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Henry Hansmann Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Prima di tutto è bene iniziare da una distinzione

Dettagli

La fantasia del business italiano

La fantasia del business italiano La fantasia del business italiano Opportunità d affari a Taiwan Febbraio 2012 Ufficio di Rappresentanza di Taipei in Italia Divisione Economica www.taipeieco.it Perché Taiwan Il centro dell economia globale

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it Cina e India cambiano l economia mondiale Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa L Asia non è nuova a miracoli economici Giappone, Corea del Sud, Cina e India sono protagonisti di una rapida crescita

Dettagli

Lezione 10. Slide 10-1

Lezione 10. Slide 10-1 Lezione 10 La politica commerciale nei PVS Slide 10-1 Road Map Introduzione Industrializzazione basata sulla sostituzione delle importazioni Problemi dell economia duale Industrializzazione orientata all

Dettagli

Analisi sull attrattività del mercato asiatico. Singapore, 29 Settembre 2014 RO / LS

Analisi sull attrattività del mercato asiatico. Singapore, 29 Settembre 2014 RO / LS Analisi sull attrattività del mercato asiatico Singapore, 29 Settembre 2014 RO / LS Il Sud-est Asiatico 2 10 Paesi 5,1 % di crescita media del PIL 3.000 di PIL pro-capite* *Dati al 2013 Fonte: www.worldbank.org

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZENITH OPTIMEDIA 2 10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZenithOptimedia 2/10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

LE PROSPETTIVE NEL SETTORE DEL LUSSO

LE PROSPETTIVE NEL SETTORE DEL LUSSO http://www.sinedi.com ARTICOLO 19 GENNAIO 2008 LE PROSPETTIVE NEL SETTORE DEL LUSSO Anche per il 2007 Altagamma, l associazione che riunisce le aziende del lusso, in collaborazione con Bain & Company,

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

Il mercato del lapideo. Passato e presente

Il mercato del lapideo. Passato e presente Il mercato del lapideo Passato e presente Il mercato per il settore lapideo è il mondo che noi dividiamo in macro aree: Europa, America, Medio Oriente e Africa, Estremo Oriente e Australia. Massa Carrara

Dettagli

Il processo di internazionalizzazione

Il processo di internazionalizzazione Il processo di internazionalizzazione Brescia, 16 aprile 2015 CONTENUTI Chi e Crossbridge Le fasi del processo di internazionalizzazione Le esperienze Le opportunità nel Far East I partner di Crossbridge

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 Un ulteriore consolidamento del fatturato estero del settore caratterizza questi primi 8 mesi del 2015: tra gennaio e agosto sono stati esportati prodotti per 4,2

Dettagli

S.E. MIGUEL RUIZ-CABAÑAS AMBASCIATORE DEL MESSICO IN ITALIA

S.E. MIGUEL RUIZ-CABAÑAS AMBASCIATORE DEL MESSICO IN ITALIA S.E. MIGUEL RUIZ-CABAÑAS AMBASCIATORE DEL MESSICO IN ITALIA APRILE 2012 15º paese più grande del mondo per estensione (1.973 milioni di km2 (kilometri quadrati) 11 paese più popolato del mondo e 1 tra

Dettagli

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Università di Macerata Facoltà di Giurisprudenza Dipartimento di Studi Giuridici ed Economici L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Francesca Spigarelli spigarelli@unimc.it Tecnologia,

Dettagli

L industria del Made in Italy e la route to market verso l internazionalizzazione. Spunti su come l Europa ci può aiutare

L industria del Made in Italy e la route to market verso l internazionalizzazione. Spunti su come l Europa ci può aiutare Milano, 28 aprile 2014 L industria del Made in Italy e la route to market verso l internazionalizzazione. Spunti su come l Europa ci può aiutare Paolo De Castro Presidente Commissione Agricoltura e Sviluppo

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

Hong Kong e Cina: Un Paese, due Sistemi Stefano De Paoli, Presidente, Sviluppo Cina

Hong Kong e Cina: Un Paese, due Sistemi Stefano De Paoli, Presidente, Sviluppo Cina www.confapiexport.org Hong Kong e Cina: Un Paese, due Sistemi Stefano De Paoli, Presidente, Sviluppo Cina E-mail: info@umbriaproduce.com Un Paese due Sistemi: Hong Kong Tradizionale Modello di Consumo

Dettagli

IL MERCATO DEL VINO IN BRASILE

IL MERCATO DEL VINO IN BRASILE Brasile IL MERCATO DEL VINO IN BRASILE Tra i BRIC (Brasile Russia India Cina paesi caratterizzati da una notevole crescita del PIL), il Brasile rappresenta il paese che indubbiamente sta dando segnali

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

Flussi migratori ed internazionalizzazione dell economia italiana.

Flussi migratori ed internazionalizzazione dell economia italiana. Flussi migratori ed internazionalizzazione dell economia italiana. Marina Murat Prof. di Economia Internazionale Università di Modena e Reggio Emilia marina.murat@unimore.it Migrazioni, immigrati, emigrati.

Dettagli

Il partner per le Imprese italiane nel mondo Roberto Luongo

Il partner per le Imprese italiane nel mondo Roberto Luongo Il partner per le Imprese italiane nel mondo Roberto Luongo (Direttore Generale ICE-Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane) L Agenzia ICE Lavora a fianco

Dettagli

TPA ITALIA, un brand per aumentare il vantaggio competitivo delle eccellenze tecnologiche del Made in Italy nei nuovi scenari di mercato.

TPA ITALIA, un brand per aumentare il vantaggio competitivo delle eccellenze tecnologiche del Made in Italy nei nuovi scenari di mercato. TPA ITALIA, un brand per aumentare il vantaggio competitivo delle eccellenze tecnologiche del Made in Italy nei nuovi scenari di mercato. TPA ITALIA, la nuova piattaforma fieristica B2B dedicata ai sistemi

Dettagli

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita Facoltàdi Economia, Università degli studi di Trento 19 novembre 2009 Anagni, Istituto Tecnico Commerciale G. Marconi IL MONDO E CAMBIATO

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

È sempre italiano un terzo del lusso mondiale

È sempre italiano un terzo del lusso mondiale Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

Utili consigli per chi è interessato a conoscere e ad investire in Corea del Sud

Utili consigli per chi è interessato a conoscere e ad investire in Corea del Sud Utili consigli per chi è interessato a conoscere e ad investire in Corea del Sud Un leader nella CRESCITA SOSTENIBILE UN RUOLO INTERNAZIONALE Seoul ha ospitato a novembre 2010 il Summit G20 dei Capi di

Dettagli

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico Intervento di Gregorio De Felice Chief Economist, Intesa Sanpaolo 8 Novembre 2013 (Sintesi)

Dettagli

Coordinamento Servizi di Promozione del Sistema Italia

Coordinamento Servizi di Promozione del Sistema Italia 2013 2014 Articolazione innovativa in progetti tematici modulati in chiave geografica, con focus sulla Potenziamento ed estensione del supporto a Rafforzamento della I CONTENUTI IN SINTESI: I PUNTI CHIAVE

Dettagli

CHI SIAMO. Viale Assunta 37 20063 Cernusco s/n Milano 02-92107970 info@cimscarl.it

CHI SIAMO. Viale Assunta 37 20063 Cernusco s/n Milano 02-92107970 info@cimscarl.it CHI SIAMO C.I.M. non è un comune consorzio ma una società consortile creata dopo approfonditi studi ed esperienze maturate da un gruppo di specialisti in grado di operare in molte aree geografiche del

Dettagli

L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI

L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI Primo esportatore mondiale di beni e servizi e principale fonte globale di investimenti esteri diretti, l'ue occupa una posizione dominante nel mercato globale.

Dettagli

CODICE PROGETTO WR 1. Profilo azienda

CODICE PROGETTO WR 1. Profilo azienda CODICE PROGETTO WR 1 azienda Attività Limited partnership 2012: 1,5 mln Eur 2013: 1,9 mln Eur India Occidentale Oltre a una propria attività manufatturiera per la produzione di rotelle e accessori/componentistica

Dettagli

Vietnam: Un mercato pieno di Opportunità

Vietnam: Un mercato pieno di Opportunità Vietnam: Un mercato pieno di Opportunità Vietnam: la vostra porta d ingresso per l Asean Vietnam: Opportunita Hanoi Da Nang Giovane Dinamico Potenziale Opportunità Forza lavoro Crescita Ho Chi Minh Vietnam:

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

ASIA/PACIFIC: 45,8 milioni di veicoli prodotti nel 2013: + 4,8%

ASIA/PACIFIC: 45,8 milioni di veicoli prodotti nel 2013: + 4,8% ASIA/PACIFIC: 45,8 milioni di veicoli prodotti nel 2013: + 4,8% Nel 2013 sono stati prodotti in Asia 1 /Oceania oltre 45,8 milioni di autoveicoli, con un incremento del 4,8%; in termini di volumi si tratta

Dettagli

Hong Kong e Cina Mercati di forte interesse per la moda Made in Italy Opportunità e analisi dei fattori di rischio per l export italiano

Hong Kong e Cina Mercati di forte interesse per la moda Made in Italy Opportunità e analisi dei fattori di rischio per l export italiano Hong Kong e Cina Mercati di forte interesse per la moda Made in Italy Opportunità e analisi dei fattori di rischio per l export italiano Milano 16 marzo 2012 Stefano de Paoli Strategie di inserimento nel

Dettagli

Crescita in economia aperta. Vedi capitolo 11 del volume di David Weil, Crescita economica, Hoepli, 2007

Crescita in economia aperta. Vedi capitolo 11 del volume di David Weil, Crescita economica, Hoepli, 2007 Crescita in economia aperta Vedi capitolo 11 del volume di David Weil, Crescita economica, Hoepli, 2007 1 Globalizzazione= riduzione della rilevanza economica dei confini nazionali (in contrapposizione

Dettagli

La delocalizzazione. Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013

La delocalizzazione. Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013 La delocalizzazione Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013 Agenda Cosa si intende per delocalizzazione Internazionalizzazione vs delocalizzazione Le forme di internazionalizzazione

Dettagli

Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014

Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014 Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014 La promozione del sistema industriale italiano all'estero: migliorare efficacia ed efficienza. Le azioni. Grazie dottor

Dettagli

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Paolo Di Benedetto Responsabile Dipartimento Valutazione Investimenti e Finanziamenti 21

Dettagli

Cross Cultural Management Il caso India. Presentazione allo Stoa Villa Campolieto - Ercolano. Napoli, 15 gennaio 2007

Cross Cultural Management Il caso India. Presentazione allo Stoa Villa Campolieto - Ercolano. Napoli, 15 gennaio 2007 Cross Cultural Management Il caso India Presentazione allo Stoa Villa Campolieto - Ercolano Napoli, 15 gennaio 2007 Relatore: Giovanni De Filippis 1 IL caso India La Fiat e l India L India per Fiat Auto

Dettagli

il commercio mondiale nel triennio 2015-17 XIII rapporto ICE Prometeia

il commercio mondiale nel triennio 2015-17 XIII rapporto ICE Prometeia Roma, 21 maggio 2015 il commercio mondiale nel triennio 2015-17 XIII rapporto ICE Prometeia Alessandra Lanza - Prometeia commercio mondiale (finalmente) in accelerazione e più dinamico della crescita del

Dettagli

Schema. 1. Qualche dato su commercio e crescita mondiale. 2. Perché la globalizzazione può essere buona

Schema. 1. Qualche dato su commercio e crescita mondiale. 2. Perché la globalizzazione può essere buona Schema 1. Qualche dato su commercio e crescita mondiale. 2. Perché la globalizzazione può essere buona 3. Perché la globalizzazione può essere cattiva 4. Quali politiche per renderla migliore? 1 1. Commercio

Dettagli

BANCA D ITALIA US EU TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP (TTIP) Umberto Viviani Banca d Italia, Roma 27 marzo 2014 E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA US EU TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP (TTIP) Umberto Viviani Banca d Italia, Roma 27 marzo 2014 E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A US EU TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP (TTIP) Umberto Viviani Banca d Italia, Roma 27 marzo 2014 TTIP Outline della presentazione Rilevanza degli scambi

Dettagli

La globalizzazione ci renderà tutti uguali?

La globalizzazione ci renderà tutti uguali? La globalizzazione ci renderà tutti uguali? Suzanne Berger insegna Scienze Politiche al MIT di Boston ed è l autrice di How We Compete. Questo libro riporta i risultati di un indagine condotta, con altri

Dettagli

Progetto Integrato di Mercato PIM America Latina. Cile Presentazione del Paese Relatore : Stefania Turco Jones. Forum d Area America Latina

Progetto Integrato di Mercato PIM America Latina. Cile Presentazione del Paese Relatore : Stefania Turco Jones. Forum d Area America Latina Progetto Integrato di Mercato PIM America Latina Cile Presentazione del Paese Relatore : Stefania Turco Jones Forum d Area America Latina Dove siamo? Superficie: 756.626 km² (cui si aggiungono 1.250.000

Dettagli

Le quattro domande chiave

Le quattro domande chiave Le quattro domande chiave! Da dove scaturisce l interesse dell investitore per il settore?! Come stanno oggi le aziende del settore?! Quali sono le leve da attivare per liberare le potenzialità di crescita

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

Capitolo 13. Crescita economica, produttività e tenore di vita

Capitolo 13. Crescita economica, produttività e tenore di vita Capitolo 13 Crescita economica, produttività e tenore di vita Crescita economica prima di tutto Fino a 100 anni fa la ricchezza delle nazioni (anche di quelle più sviluppate) era assai modesta rispetto

Dettagli

CONOSCENZA DEL MERCATO ED ESPERIENZA NELLA GESTIONE DI GRANDI CENTRI COMMERCIALI IN CINA.

CONOSCENZA DEL MERCATO ED ESPERIENZA NELLA GESTIONE DI GRANDI CENTRI COMMERCIALI IN CINA. IFF-EU.COM 1 CONOSCENZA DEL MERCATO ED ESPERIENZA NELLA GESTIONE DI GRANDI CENTRI COMMERCIALI IN CINA. La multinazionale IFF, newco panasiatica con sedi a Shanghai, Singapore e Hangzhou, ha iniziato il

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 19 Crescita economica, produttività e tenore di vita Crescita economica prima di tutto Fino a 100 anni fa, la ricchezza delle nazioni (anche di quelle più sviluppate) era assai modesta rispetto

Dettagli

COMPANY PROFILE SETTORE: INTERNAZIONALIZZAZIONE D IMPRESA

COMPANY PROFILE SETTORE: INTERNAZIONALIZZAZIONE D IMPRESA COMPANY PROFILE SETTORE: INTERNAZIONALIZZAZIONE D IMPRESA Premesse: SA Soluzioni Aziendali srl nasce dalla ventennale esperienza dei Soci fondatori nel management di impresa e nella consulenza aziendale.

Dettagli

Capitolo 2. Commercio. uno sguardo. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) [a.a.

Capitolo 2. Commercio. uno sguardo. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) [a.a. Capitolo 2 Commercio internazionale: uno sguardo d insieme [a.a. 2012/13 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Struttura della Presentazione Il commercio

Dettagli

ASEAN Awareness Executive Summary. Fondazione Economia Tor Vergata

ASEAN Awareness Executive Summary. Fondazione Economia Tor Vergata ASEAN Awareness Executive Summary Fondazione Economia Tor Vergata EXECUTIVE SUMMARY 1. L ASEAN e il Blueprint per lo sviluppo Questo Rapporto nasce con l intento di: a. dar conto dei caratteri e dell evoluzione

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1,5% nel primo trimestre 2015.

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1,5% nel primo trimestre 2015. Milano, 13 maggio TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1,5% nel primo trimestre. Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre

Dettagli

Leonello Bosco Consulente Senior Italian Desk Dezan Shira & Associates (Cina) Consulente Senior Keen Score International Ltd.

Leonello Bosco Consulente Senior Italian Desk Dezan Shira & Associates (Cina) Consulente Senior Keen Score International Ltd. ITALIAN STYLE CHINA MADE Un mix industriale - commerciale vincente per le PMI italiane alla conquista dei Chyuppies: i protagonisti della nuova classe media cinese Leonello Bosco Consulente Senior Italian

Dettagli

La Sfida agli Squilibri

La Sfida agli Squilibri Progetto Food for Learnig - Somalia La Sfida agli Squilibri GLI OBIETTIVI di SVILUPPO DEL MILLENNIO RAGIONI DELLO SQUILIBRIO C è cibo a sufficienza per sfamare l'intera popolazione mondiale di oltre 7

Dettagli

GRADO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELLA MODA E DEL LUSSO E DRIVER PER LA CRESCITA DELL EXPORT

GRADO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELLA MODA E DEL LUSSO E DRIVER PER LA CRESCITA DELL EXPORT GRADO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELLA MODA E DEL LUSSO E DRIVER PER LA CRESCITA DELL EPORT Intervento di David Pambianco Martedì, 6 novembre 2012 Palazzo Mezzanotte Piazza degli

Dettagli

Il Commercio Internazionale: nuove evidenze e sviluppi teorici*

Il Commercio Internazionale: nuove evidenze e sviluppi teorici* Il Commercio Internazionale: nuove evidenze e sviluppi teorici* Nicola D. Coniglio (1,2) (1) Dip.to di Scienze Economiche - Università degli Studi di Bari (Italy); (2) NHH Norwegian School of Economics

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

Carlo D Asaro Biondo. Google

Carlo D Asaro Biondo. Google Carlo D Asaro Biondo Google Digital Business, come fare impresa on line 1 Il percepito dell Italia all estero 2 Il Made in Italy visto da Google 3 Stato dell arte di Internet in Italia 4 Il contributo

Dettagli

Zhujiang Beer. ZHUJIANG BEER INBEV GROUP

Zhujiang Beer. ZHUJIANG BEER INBEV GROUP Zhujiang Beer. INBEV GROUP SETTORE BIRRA Zhujiang Beer Gruppo Inbev Guangzhou, Cina >> cartonatrice SMI WP 450 Inbev è leader mondiale nella produzione di birra, con 13.3 miliardi di euro fatturati nel

Dettagli

Thai-Italian Chamber of Commerce

Thai-Italian Chamber of Commerce Il Mercato Thailandese Attori principali del settore agro-industriale Il settore agro-industriale thailandese conta oltre 10,000 aziende attive tra locali ed internazionali, e possibile raggruppare in

Dettagli

DISCORSO DEL PRESIDENTE della Provincia di Binh Duong. Seminario Vietnam, un mondo di opportunità (03-2015/05/13)

DISCORSO DEL PRESIDENTE della Provincia di Binh Duong. Seminario Vietnam, un mondo di opportunità (03-2015/05/13) DISCORSO DEL PRESIDENTE della Provincia di Binh Duong Seminario Vietnam, un mondo di opportunità (03-2015/05/13) Prima di tutto vorrei ringraziarvi della Vostra calorosa accoglienza e, nello stesso tempo,

Dettagli

Perché la COREA? La Corea del Terzo millennio: Negli anni 60 il reddito pro-capite coreano era di 79 $. Nel 2008 è stato di 19.231$.

Perché la COREA? La Corea del Terzo millennio: Negli anni 60 il reddito pro-capite coreano era di 79 $. Nel 2008 è stato di 19.231$. Perché la COREA? La Corea del Terzo millennio: Negli anni 60 il reddito pro-capite coreano era di 79 $. Nel 2008 è stato di 19.231$. La Corea è oggi la quattordicesima economia mondiale per prodotto interno

Dettagli

Introduzione. Si prevede che Internet of Everything generi almeno 613 miliardi di dollari di profitti aziendali globali nell'arco del 2013.

Introduzione. Si prevede che Internet of Everything generi almeno 613 miliardi di dollari di profitti aziendali globali nell'arco del 2013. Internet of Everything (IoE) I 10 risultati principali del sondaggio IoE Value Index di Cisco, condotto su un campione di 7.500 responsabili aziendali in 12 paesi Joseph Bradley Jeff Loucks Andy Noronha

Dettagli

5. 5. I NDIVI V DUAR A E L E OPP P O P RTU T NITA T A : ST S R T UMENTI T P E P R L A N A AL A ISI S DEI M ERCA C T A I T Fabio Cassia

5. 5. I NDIVI V DUAR A E L E OPP P O P RTU T NITA T A : ST S R T UMENTI T P E P R L A N A AL A ISI S DEI M ERCA C T A I T Fabio Cassia 5. INDIVIDUARE LE OPPORTUNITA : STRUMENTI PER L ANALISI DEI MERCATI Fabio Cassia Introduzione Analisi dei mercati per: 1) individuare opportunità di mercato Da circa 150 mercati emergenti A una o più opportunità

Dettagli

XXII Convention Mondiale delle Camere di Commercio Italiane all Estero. Expo 2015, un opportunità e una sfida per le imprese e il Territorio

XXII Convention Mondiale delle Camere di Commercio Italiane all Estero. Expo 2015, un opportunità e una sfida per le imprese e il Territorio XXII Convention Mondiale delle Camere di Commercio Italiane all Estero Expo 2015, un opportunità e una sfida per le imprese e il Territorio Monza, 9 13 novembre 2013 ABSTRACT PREMESSA La crescita del nostro

Dettagli

La presenza del capitale straniero nelle grandi aziende del lusso: opportunità o rischi?

La presenza del capitale straniero nelle grandi aziende del lusso: opportunità o rischi? La presenza del capitale straniero nelle grandi aziende del lusso: opportunità o rischi? Intervento di Carlo Pambianco Giovedì, 9 ottobre 2014 Salone Bondioli - Via Milazzo 16, Bologna I NUOVI SCENARI

Dettagli

Scenari internazionali: opportunità per le imprese. Alessandra Lanza, Prometeia spa

Scenari internazionali: opportunità per le imprese. Alessandra Lanza, Prometeia spa Scenari internazionali: opportunità per le imprese Alessandra Lanza, Prometeia spa premessa export strategia necessaria fatturato interno ed estero dell industria italiana indice mercato estero dal 2009

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 7 Breve storia delle politiche commerciali Krugman-Obstfeld, cap 9 (seconda parte), integrato

Dettagli

STRATEGIE COMMERCIALI

STRATEGIE COMMERCIALI STRATEGIE COMMERCIALI Le differenti strategie tra Mercato Italia e Estero di Michele Ghibellini ORIGINI AZIENDA Fondate nel 1948 da Airaghi Ezio con l obiettivo di progettare e produrre macchine e ricambi

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

ASIA/PACIFIC: continua il trend positivo della produzione, grazie alle buone performance di Cina, Indonesia, Tailandia

ASIA/PACIFIC: continua il trend positivo della produzione, grazie alle buone performance di Cina, Indonesia, Tailandia ASIA/PACIFIC: continua il trend positivo della produzione, grazie alle buone performance di Cina, Indonesia, Tailandia Nel 2012 sono stati prodotti in Asia 1 oltre 42,65 milioni di autoveicoli, con un

Dettagli

Hong Kong e Macao Introduzione generale Dati macroeconomici. Hong Kong porta d ingresso della Cina Analisi geo-economica e politica

Hong Kong e Macao Introduzione generale Dati macroeconomici. Hong Kong porta d ingresso della Cina Analisi geo-economica e politica Hong Kong e Macao Introduzione generale Dati macroeconomici Hong Kong porta d ingresso della Cina Analisi geo-economica e politica Perche investire a Hong Kong Analisi dei dati di import/export di Hong

Dettagli

GESTIONE KNOW HOW E MANAGEMENT DELLE TECNOLOGIE LEZIONE 4. Angelo BONOMI

GESTIONE KNOW HOW E MANAGEMENT DELLE TECNOLOGIE LEZIONE 4. Angelo BONOMI GESTIONE KNOW HOW E MANAGEMENT DELLE TECNOLOGIE LEZIONE 4 Angelo BONOMI TECNOLOGIA E STRATEGIE INDUSTRIALI La tecnologia è da sempre un fattore importante delle strategie industriali In linea generale

Dettagli

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 Prosegue la corsa dell export di settore anche nella parte finale del 2012: + 21,8% nei primi 10 mesi dell anno. La conferma del dato a

Dettagli

Ritorno al futuro Anche le vicende delle

Ritorno al futuro Anche le vicende delle Ritorno al futuro Anche le vicende delle Tigri (asiatiche) hanno alti e bassi. Quelle delle Filippine hanno inizio negli anni 70. Già allora il Paese viene visto dall Occidente come una grande promessa.

Dettagli

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI Grazie mille Gianni e grazie mille alla fondazione Italcementi Pesenti per questo invito. Credo che oggi il punto fondamentale sia cercare di ragionare su quella

Dettagli

Il contesto economico crescere nella nuova geografia. Silvano Carletti Servizio Studi BNL Milano, 8 maggio 2012

Il contesto economico crescere nella nuova geografia. Silvano Carletti Servizio Studi BNL Milano, 8 maggio 2012 Il contesto economico crescere nella nuova geografia Silvano Carletti Servizio Studi BNL Milano, 8 maggio 2012 Di cosa parliamo? Crescita, Competizione La nuova geografia Lo scenario cambia ancora 2 In

Dettagli

Le imprese italiane nelle filiere produttive globali Salvatore Rossi

Le imprese italiane nelle filiere produttive globali Salvatore Rossi Le imprese italiane nelle filiere produttive globali Salvatore Rossi (Made in) Italy Works? Cantina Icario, 7 maggio 2011 I pregiudizi sono duri a morire Dal Financial Times del 30 aprile 2011: Il marchio

Dettagli

Ambasciatori. Rappresentano gli interessi di un area geografica. Russia Medio Oriente. Cina Sud-Est Asiatico. Nord America Fabbisogno energetico

Ambasciatori. Rappresentano gli interessi di un area geografica. Russia Medio Oriente. Cina Sud-Est Asiatico. Nord America Fabbisogno energetico Ambasciatori gli interessi di un area geografica Russia Medio Oriente Economia basata sul petrolio e sul gas naturale Cina Sud-Est Asiatico carbone, economia in forte crescita Nord America grande nazione,

Dettagli

Analisi sulla presenza industriale italiana e la sua localizzazione

Analisi sulla presenza industriale italiana e la sua localizzazione Analisi sulla presenza industriale italiana e la sua localizzazione Franco Cutrupia Presidente Camera di Commercio Italiana in Cina Presidente Savio Shandong Textile Machinery Co., Ltd Camera di Commercio

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI. Le importazioni, anch esse in rallentamento, rimangono però ad un livello significativo (30%) rispetto ai valori esportati

SCHEDA DI SINTESI. Le importazioni, anch esse in rallentamento, rimangono però ad un livello significativo (30%) rispetto ai valori esportati PANORAMA DEL SETTORE In questi ultimi anni, possiamo parlare di più di un decennio ormai, in Europa è prevalsa la politica del libero mercato e della globalizzazione. Politica attuata, però, senza che

Dettagli

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS TOYOTA Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS 1 1. ANALISI DEL SETTORE 2. TOYOTA 3. LANCIO AYGO 4. CONCLUSIONI 2 INDUSTRIA Più IMPORTANTE PER FATTURATO La rilevanza del settore si

Dettagli

A.4. Progetto Settore: Green Economy : Ambiente, Edilizia sostenibile, Energia rinnovabile schede iniziative

A.4. Progetto Settore: Green Economy : Ambiente, Edilizia sostenibile, Energia rinnovabile schede iniziative Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 31 del 26-02-2013 7453 A.4. Progetto Settore: Green Economy : Ambiente, Edilizia sostenibile, Energia rinnovabile schede iniziative Scheda Iniziativa n.16

Dettagli

Export alimentare italiano: opportunità di crescita nei partner storici e nei nuovi mercati

Export alimentare italiano: opportunità di crescita nei partner storici e nei nuovi mercati Export alimentare italiano: opportunità di crescita nei partner storici e nei nuovi mercati Associazione Industriali delle Carni e dei Salumi «La crescita dell industria alimentare passa necessariamente

Dettagli

Negoziati commerciali e competitività delle imprese agro alimentari italiane

Negoziati commerciali e competitività delle imprese agro alimentari italiane Negoziati commerciali e competitività delle imprese agro alimentari italiane Giovanni Anania Università della Calabria Il commercio agroalimentare mondiale e il ruolo del Made in Italy Milano Expo 2015

Dettagli

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti 1-1 Dipartimento di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 1 Introduzione Hill, capitolo 1 molto integrato C.W.L. Hill, International

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 Fondata nel 1945, UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE è associazione costruttori italiani

Dettagli

INTELLECTUAL PROPERTY RIGHTS

INTELLECTUAL PROPERTY RIGHTS Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 INTELLECTUAL PROPERTY RIGHTS Docente: Prof. Massimo Merlino Intellectual Property Rights (IPR) Imprenditore Business idea L imprenditore che

Dettagli

Il supporto alle aziende in Corea del Sud: l esperienza del Gruppo Intesa Sanpaolo

Il supporto alle aziende in Corea del Sud: l esperienza del Gruppo Intesa Sanpaolo Il supporto alle aziende in Corea del Sud: l esperienza del Gruppo Intesa Sanpaolo Augusto Scaglione Desk Asia Ufficio Internazionalizzazione Imprese Como, 25 marzo 2014 Le previsioni sulla crescita per

Dettagli