Vendere e Investire in Serbia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Vendere e Investire in Serbia"

Transcript

1 Vendere e Investire in Serbia Porta dei Balcani e Ponte per il Mercato Russo Giugno 2011 A cura di Augusto Cocchioni Oliver Lepori

2 Presentazione La Serbia oggi é un Paese stabile con una economia in una fase di sviluppo e crescita. Questa pubblicazione vuole contribuire a fornire, in forma agile e scorrevole, un quadro d insieme della situazione economica e delle importanti opportunita che la Serbia rappresenza per le aziende italiane. La Camera di Commercio Italo Serba con sede a Belgrado rappresenta ormai da molti anni una realtà consolidata sul territorio serbo e un importante punto di partenza tanto per gli imprenditori italiani quanto per le aziende serbe alla ricerca di partner italiani. Attraverso le nostre attivita garantiamo alle aziende italiane un importante supporto affinche possano partecipare e contribuire al meglio alla crescita ed allo sviluppo delle proprie attivita in Serbia. Augurandovi una buona lettura, ci auguriamo che questo documento risulti utile e vi invitiamo a contattarci per qualsiasi vostra esigenza. Cav. del Lavoro Dott. Vincenzo Divella Presidente

3 Introduzione L Italia é uno dei principali sostenitori dell integrazione della Serbia nell'unione Europea ed anche per questo ha acquisito un ruolo molto importante come partner di riferimento per il Paese. Il Paese sta crescendo, il potere di acquisto della popolazione andra progressivamente aumentando nei prossimi anni, e i prodotti italiani sono da sempre stati molto apprezzati in Serbia. Rappresenta quindi un importante mercato sul quale essere presenti per commercializzare i nostri prodotti. É inoltre una piattaforma ideale attraverso la quale, con investimenti produttivi o accordi di collaborazione, si possono raggiungere facilmente mercati di grandi dimensioni e in rapida crescita (come la Russia e i paesi CIS), che altrimenti le nostre piccole e medie imprese difficilmente potrebbero raggiungere direttamente.

4 Contenuti Presentazione Introduzione La Serbia oggi Perche investire in Serbia I settori prioritari e di principale interesse Le zone franche La posizione strategica della Serbia La porta dei Balcani Il ponte verso l Est L avvicinamento all'unione Europea I Fondi dell Unione Europea I Fondi Italiani Le PMI Italiane in Serbia I rapporti commerciali con l'italia La distribuzione commerciale Conclusioni

5 La Serbia oggi La Serbia oggi é un paese stabile e in una fase di sviluppo e crescita estremamente interessante. Il Paese è ormai diretto verso la futura adesione all Unione Europea in un percorso chiaramente definito e tracciato. Negli ultimi anni sono avvenuti cambiamenti importantissimi nel Paese che prima della crisi mondiale ha avuto un tasso di crescita del PIL consistente, sempre superiore al +5%. La Serbia ha sicuramente subito la crisi mondiale, ma gia il 2010 si é chiuso con una ripresa che ha visto una crescita del PIL pari all'1,5% (fonte: Istituto Nazionale di Statistica Serbo). Secondo l ultimo sondaggio, il tasso di disoccupazione in ottobre 2010 era al 19,2 % (fonte: Istituto Nazionale di Statistica Serbo) dovuto sia al processo di privatizzazione avvenuto nel Paese in questi ultimi anni che agli effetti della recente crisi mondiale. Anche per questo il governo sostiene molto i nuovi investimenti da parte di investitori esteri, con una particolare attenzione per quelli che generano occupazione. Ma va precisato che nel Paese c é una parte rilevante di economia sommersa che sfugge e rende meno certi e validi i dati ufficiali.

6 Il Fondo Monetario, nel 2009, è andato incontro alle esigenze del Paese con un prestito stand-by di 2,9 miliardi di Euro. Complessivamente la situazione dei conti pubblici viene considerata sostenibile, il Governo dovra pero presto affrontare il notevole costo della macchina statale e del sistema pensionistico e assistenziale. Nell area dei Balcani per il 2011 ci si attende una crescita generalizzata: Serbia, Albania, Montenegro, Bosnia e Croazia, con velocita diverse avranno tutti una crescita considerata certa. In Serbia ha avuto successo la rigida politica monetaria ottenuta attraverso il deprezzamento del dinaro. Belgrado ha stretto la cinghia con tagli della spesa pubblica: 2 miliardi di euro in meno tra il 2009 e il Il Fondo Monetario Internazionale prevede per il 2011 una crescita del 3%, per il 2012 del 5% e nel 2013 del 5.5% (fonte: Fondo Monetario Internazionale).

7 Perche investire in Serbia Il Paese offre una combinazione di opportunita che lo rendono unico e per diversi aspetti estremamente interessante. Il costo del lavoro contenuto (la media dei salari e stipendi mensili nell'industria manifatturiera e mediamente inferiore ai 400 euro: nella capitale oscillano tra i 300 e i 380 euro mensili, mentre in provincia nel settore tessile nei distretti tra i 150 e i 200 euro, con un costo per l azienda pari a circa l 1,7% del netto pagato al dipendente. La disponibilità di risorse umane. Un buon sistema formativo. Gli utili delle imprese tassati al 10%. La esenzione per 10 anni dall'imposta sugli utili societari per investimenti superiori ai 7 milioni di euro o che impieghino almeno 100 nuovi dipendenti. Crediti d'imposta che possono arrivare fino all'80% dell'investimento effettuato. Esenzioni da dazi doganali per attrezzature e materiali importati (al sussistere di determinate condizioni). Crediti e agevolazioni per investimenti greenfield.

8 Contributi per chi crea occupazione. Una posizione geografica estremamente favorevole al centro dell'europa Sudorientale (nodo quindi per tutti i paesi della Ex-Jugoslavia, di quelli confinanti dei Balcani Occidentali, della Russia, del Kazakistan e della Turchia). Il progressivo avvicinamento all'unione Europea.

9 I settori prioritari e di principale interesse Molte aziende italiane hanno trovato molto conveniente produrre in Serbia principalmente nei settori delle calzature, del tessile-abbigliamento e del legno-arredo, per fornire i propri mercati tradizionali, ma anche per penetrare i nuovi mercati ad elevato grado di sviluppo (dei Balcani, della Turchia e, particolarmente quello della Russia). Nel settore del legno e arredo la Serbia ha un elevato potenziale molto competitivo, grazie alla grande disponibilità di legname. Altro settore importante e dalle notevoli potenzialita é quello agricolo, infatti nel Paese, soprattutto nella zona settentrionale nella regione della Vojvodina, ci sono terreni di ottima qualita ma ancora poco valorizzati rispetto alle notevoli potenzialita che essi hanno. Importanti aree di potenziale sviluppo sono nel settore agroalimentare, in particolare nella produzione del latte e di tutti i suoi derivati, nel comparto ortofrutticolo, in quello dell allevamento, e in tutte le fasi e i processi di trasformazione e di conservazione dei prodotti. L investimento di Fiat (FAS Fiat Automobili Srbija) e di Magneti Marelli S.p.A a Kragujevac sta creando interessanti opportunita per le imprese italiane nella componentistica e nella subfornitura. Nel settore della meccanica le aziende serbe hanno una rinomata tradizione che garantisce una manodopera adeguatamente qualificata, sia a chi vuole

10 realizzare investimenti diretti nel paese che per chi vuole siglare accordi di collaborazione produttiva con aziende locali. Altro settore di particolare interesse é quello delle energie rinnovabili ed ecocompatibili, dove anche alcune aziende italiane hanno gia deciso di investire. A solo titolo di esempio, l'azienda italiana SECI Energia, ramo del gruppo industriale Maccaferri, e la societa statale Elektropriverda Srbije (EPS) con la societa elettrica serbo-bosniaca Elektropriverda Republike Srpske (ERS), hanno firmato lo scorso febbraio un accordo preliminare di collaborazione per la costruzione di impianti di energia idroelettrica lungo il fiume Drina ed oggi la neocostituita joint venture italo-serba e gia operativa con i lavori di progettazione.

11 Le zone franche In Serbia sono state create, in prossimità di grandi città o di aree logisticamente strategiche, sette zone franche: a Subotica (al confine con l Ungheria), a Novi Sad (sul corso del Danubio), a Zrenjanin (al confine con la Romania), a Sabac (al confine con la Croazia), a Pirot (al confine con la Bulgaria), a Uzice (al confine con Bosnia-Erzegovina e Montenegro), e a Kragujevac (al centro della Serbia ed al cui interno é localizzato lo stabilimento della FAS). Si prevede a breve l apertura di una ulteriore zona franca a Nis (nel sud del Paese, al cui interno operera il gruppo Benetton). Le zone franche sono istituite per agevolare ed attrarre gli investitori, all intero di queste aree si possono operare attivita commerciali, produttive e logistiche con una serie di vantaggi: Le importazioni e le esportazioni da una zona franca non sono soggette alle procedure di controllo doganale, né alle limitazioni normalmente imposte. Le merci possono essere importate in esenzione dell IVA. I materiali da costruzione, le materie prime e i macchinari utilizzati per la produzione di beni destinati all esportazione si possono importare senza pagare il dazio doganale. I redditi che vengono generati dalle attivita operate all interno delle zone franche possono essere trasferiti senza nessuna limitazione.

12 All'interno della zona franca si puo utilizzare liberamente la valuta estera che deriva dalle operazioni effettuate all interno della zona stessa. I prodotti che hanno almeno il 51% del valore prodotto all'interno della zona franca sono considerati prodotti nazionali e possono essere liberamente venduti all interno della Serbia; (inoltre la maggior di questi prodotti puo essere venduta liberamente anche in tutti i mercati con i quali il Paese ha particolari accordi commerciali, come ad esempio la Russia).

13 La posizione strategica della Serbia La Serbia ha una posizione geografica strategica, a Belgrado si incontrano infatti i corridoi VII e X, quest ultimo collega l Austria alla Grecia, passando attraverso i Balcani. L Italia sta promuovendo la costruzione del Corridoio XI che dovrebbe passare per il porto di Ancona fino in Serbia. Il progetto prevede che il Corridoio XI inizi dal porto di Bar (Montenegro) e finisca a Belgrado (Serbia). Per valorizzare la vantaggiosa posizione geografica la Serbia ha stabilito e consolidato relazioni commerciali bilaterali con tantissimi paesi instaurando rapporti privilegiati con la Russia, con gli altri Paesi della ex-jugoslavia, con la Turchia, con la Grecia, con gli Stati Uniti e con l Unione Europea. La Serbia ha infatti siglato importanti accordi di libero scambio con l Unione Europea, con i Paesi CEFTA, con la Federazione Russa, Bielorussia, Kazahstan, la Grecia, la Turchia e gli Stati Uniti. La porta dei Balcani La Serbia vanta ottimi rapporti economici con tutti i Paesi dell area Balcanica (CEFTA): il Montenegro, l Albania, la Bulgaria, la Romania, la Bosnia, la Croazia e la Macedonia rappresentando un unico mercato di oltre 50 milioni di consumatori appartenenti ad una area di libero scambio dentro la quale i beni circolano senza dover pagare dazi.

14 E in vigore con la Turchia un accordo di libero scambio che prevede una liberalizzazione per i prodotti serbi che potranno essere esportati verso la Turchia senza dover pagare dazi doganali. Inoltre la Serbia confina a Nord con la regione rumena di Timisoara, dove già da diversi anni hanno investito migliaia di aziende italiane, molte delle quali si stanno spostando verso la zona nord della Serbia nella regione della Vojvodina dove ci sono zone franche nelle quali poter operare e dove beneficiano di importanti agevolazioni fiscali. Ponte verso la Russia La Serbia é l unico Paese dell area che ha un rapporto privilegiato con la Federazione Russa. Tra la Serbia e la Russia é stato infatti siglato un importantissimo accordo - il primo che la Russia ha firmato con un paese non appartenente alla Comunità degli Stati Indipendenti - che prevede la graduale eliminazione delle barriere all'esportazione dei prodotti serbi verso il mercato russo. Questo é un fattore di valutazione estremamente importante per le aziende italiane che possono delocalizzare in Serbia parte delle loro produzioni, per raggiungere in modo piu sicuro e meno costoso i mercati emergenti della regione dei Balcani e della Federazione Russa. Inoltre una notevole parte dei beni realizzati per il 51% in Serbia possono entrare in Russia senza pagare i pesanti dazi normalmente vigenti.

15 Quindi per moltissimi prodotti è sufficiente realizzare in loco solo una parte del manufatto, eventualmente cooperando con le aziende serbe adeguatamente strutturate, che hanno tradizione e manodopera qualificata (hanno infatti da sempre prodotto e tuttora producono anche per aziende italiane). E stato inoltre siglato un accordo anche con gli Stati Uniti che consente un ingresso preferenziale senza dazi per piu di prodotti, tra i quali sono compresi la maggior parte dei prodotti finiti e semilavorati e molti prodotti dell agricoltura e dell industria. Questi accordi di libero scambio consento quindi di esportare prodotti in esenzione di dazio ai consumatori di mercati di enormi dimensioni e potenzialita.

16 L avvicinamento all'unione Europea Dal 2010 la Serbia è entrata a far parte del trattato di libero scambio dell Unione Europea e dal 19 dicembre 2009 i cittadini serbi possono liberamente circolare in qualitá di turisti nel territorio dell Unione Europea (per un periodo massimo di tre mesi), mentre per i cittadini dell Unione Europea é possibile entrare in Serbia dal 12 giugno 2010 muniti della sola carta d identitá. Questa apertura ha portato anche ad un incremento nel traffico aereo delle compagnie di bandiera sullo scalo di Belgrado ed anche all apertura di tratte aeree con le prime compagnie low-cost (da dicembre 2010 il collegamento Wizzair tra Belgrado e Roma Fiumicino). Si prevede la realizzazione di un mercato unico con l Unione Europea. Il Paese ha presentato la propria candidatura per l'adesione alla UE che sara esaminata da Bruxelles ed alla quale sara data risposta ad ottobre di questo anno. Per procedere quindi con il percorso delle importanti riforme necessarie per adeguare ed allineare le istituzioni e le strutture del Paese ai parametri richiesti dell Unione. Già oggi, la maggior parte dei prodotti serbi possono entrare sui mercati dell Unione senza alcun dazio. L Italia in questi anni ha sempre cercato di favorire l ingresso della Serbia nell Unione Europea proprio per i buoni rapporti politici ed economici tra i due paesi. Questo proceso di avvicinamento della Serbia all'unione Europea rappresenta una certezza per il percorso di modernizzazione e di internazionalizzazione del Paese.

17

18 I Fondi dell Unione Europea La Serbia già da diversi anni può usufruire di alcuni fondi europei. Particolarmente importanti sono i fondi IPA (Instrument for Pre-accession Assistance) che l Unione Europea ha istituito per assistere la transizione e la costruzione istituzionale nei paesi potenziali candidati. Per esempio l UE attraverso i fondi IPA finanziera la prima fase del piano di sviluppo della rete di broadcasting digitale con un investimento di 14 milioni di Euro. II passaggio dal segnale analogico al digitate terrestre dovrebbe concludersi entro l aprile del Una seconda fase del piano prevede la modemizzazione del network e l acquisto di set-top boxes da parte di circa 300 mila utenti. Altri fondi destinati alla Serbia sono stati messi a disposizione dalla Banca Mondiale e dalla Banca Europea degli Investimenti. Le aziende italiane hanno contribuito con il Governo serbo ad utilizzare questi fondi al meglio, come ha fatto la societa Italferr con un progetto per il rilancio delle ferrovie serbe. La societa italiana Taddei del gruppo Edimo, insieme a due societa spagnole, ha vinto una gara dell Unione Europea sui fondi IPA (Instrument for Preaccession Assistance) per la costruzione del ponte Zezelj nella citta di Novi Sad, capitale della Vojvodina regione al nord della Serbia. Il ponte sara lungo 474 metri, con 4 corsie ferroviarie e per auto.

19 I Fondi Italiani Le operazioni di internazionalizzazione in Serbia da parte delle imprese italiane hanno il sostegno di diversi strumenti, come per esempio quelli gestiti da Simest e Finest, come il finanziamento di societa miste, la apertura di piattaforme logistiche e commerciali, ed altre; le assicurazioni dei crediti da parte della Sace e i finanziamenti del Fondo Italiano per i Balcani. A seguito dell utilizzo della prima Linea di Credito del Governo italiano si è generato un Fondo Rotativo, ad oggi del valore di circa 5 milioni di Euro, al quale le PMI serbe possono accedere tramite le 5 Banche commerciali Serbe selezionate. La seconda Linea di Credito consente di finanziare alle imprese serbe l acquisto di macchinari italiani a condizioni particolarmente vantaggiose (tasso di interesse del 4,85% e 8 anni per la restituzione, di cui 2 anni di grazia). Oltre che alle PMI, il finanziamento é ora aperto anche alle aziende municipalizzate per l acquisto di attrezzature utili ai servizi cittadini (distribuzione di gas, luce e acqua, monitoraggio ambientale, trattamento dei rifiuti, gestione delle acque reflue). Nel caso delle PMI vengono accettati progetti con un valore totale compreso tra 50 mila e 1 milione di Euro. E previsto che l'utilizzo del prestito sia diviso in due componenti:

20 - un importo minimo del 70% del prestito dovrà essere utilizzato per finanziare l'acquisto di beni e servizi di origine italiana, quali: attrezzature, tecnologia, assistenza tecnica, manutenzione, licenze industriali. - un importo massimo del 30% del prestito potrà essere utilizzato per la copertura di spese locali quali: attrezzature, materie prime, parti di ricambio e servizi e/o capitale circolante in relazione ai requisiti del progetto di investimento e anche destinato a contratti con fornitori locali o società di costruzioni serbe.

21 Le PMI Italiane In questi ultimi anni è diventato sempre più importante e strategico per le aziende italiane investire in Serbia. Il Paese è di fatto diventato per l Italia un hub strategico ed una piattaforma per penetrare i mercati dell Europa sudorientale per i rapporti privilegiati che ha con la Russia e la Turchia. Le piccole e medie imprese italiane sono presenti gia da diversi anni in Serbia, soprattutto nei settori del tessile, nel settore calzaturiero e dell'industria del legno-arredo, nel settore delle costruzioni e componenti per l'edilizia, aziende di utilities, produttori di energia ed altri. Sono ormai piu di 200 le aziende italiane di medie e piccole dimensioni che hanno investito nel Paese. Spicca particolarmente il nuovo grande investimento di Fiat Automobili Serbia. In linea con il piano di sviluppo del Governo serbo si sta sviluppando un polo dell automotive nella cittadina di Kragujevac (nella Serbia Centrale), dove nel 2009 é stato firmato l accordo di collaborazione tra lo Stato serbo, il gruppo FIAT e la Zastava: l investimento del gruppo torinese (circa 900 milioni di euro) sta portando alla ricostruzione dello stabilimento produttivo, che dovrebbe fornire i mercati mondiali di un nuovo veicolo (segmento L0) giá a partire da fine 2011-inizio A ció hanno fatto seguito le delocalizzazioni di diverse societá italiane nel settore automotive, come la Magneti Marelli, e diverse altre PMI italiane che

22 nei diversi settori dall automotive alla meccanica, dalle costruzioni ai trasporti, beneficeranno della creazione di questo nuovo centro industriale. Questo importante investimento aprira importanti opportunita alle aziende italiane della componentistica e nella subfornitura che potranno anche avvantaggiarsi di importanti incentivi previsti in questo settore. A titolo di esempio, il Gruppo italiano Vescovini, specializzato nella produzione di componenti meccaniche per il settore automobilistico e per le costruzioni industriali, costruira un impianto nella citta di Sabac, nella Serbia occidentale, con un investimento stimato di 5-7 milioni di Euro e l'assunzione di circa 75 persone. L'azienda italiana Dytech, produttrice di componenti per auto, ha avviato i lavori di costruzione del proprio impianto a Nis. L investimento totale sara di circa 13,3 milioni di euro e creera 403 nuovi posti di lavoro. La Dytech beneficera di sussidi dal Govemo Serbo per un valore di 10 mila euro per ogni nuovo lavoratore assunto. Nel settore tessile-abbigliamento le piu note aziende che hanno investito in Serbia sono Calzedonia, Golden Lady, Pompea, Fulgar. Il gruppo Benetton ha firmato un primo accordo il 31 gennaio 2011 con la citta di Nis ed il Ministero dell Economia Serbo per trasformare l azienda tessile NITEX. L accordo prevede investimenti per 43,2 milioni di euro e l assunzione di dipendenti nei prossimi 4 anni. A cio ha fatto seguito l accordo operativo del 31 maggio 2011.

23 Il governo dara un incentivo di euro per ogni lavoratore assunto e la citta di NIS istituira una zona franca per farvi rientrare anche gli attuali stabilimenti della Nitex. Le imprese italiane hanno il vantaggio di avere in Serbia la presenza di due grandi gruppi italiani con una presenza radicata su tutto il territorio: Banca Intesa-San Paolo (prima banca nel Paese) e Unicredit le quali insieme oggi contano su una quota di mercato di circa 25% dell intero settore bancario serbo. A queste si aggiunge la presenza dei gruppi assicurativi Delta Generali e Fondiaria SAI con una quota complessiva di mercato che nel 2010 era del 45%. Le Autorità di Belgrado considerano l Italia uno dei principali sostenitori per l integrazione della Serbia all'unione Europea. Anche grazie a questo rapporto l'italia ha acquisito il ruolo di di partner economico molto importante e di Paese di riferimento tra i grandi paesi dell Unione Europea. Nei primi 3 mesi del 2011 l Italia si è confermata il terzo partner commerciale della Serbia con un incremento del proprio export del 22%.

24 I rapporti commerciali con l'italia Per la Serbia l Italia rappresenta il primo e piu importante paese dove dirige le proprie esportazioni, molte di queste sono subforniture di aziende serbe realizzate per aziende italiane. L'Italia é per la Serbia un fornitore importante collocandosi al terzo posto nel 2010, dopo la Russia (che è per la Serbia il principale fornitore di energia) e la Germania. L Italia esporta in Serbia principalmente: veicoli, prodotti tessili e di abbigliamento, macchinari e medicinali. La Serbia sta crescendo, il potere di acquisto dei serbi andra progressivamente aumentando nei prossimi anni, e i prodotti italiani sono da sempre stati molto apprezzati nel paese. Il Paese inoltre dovra nel prossimo futuro importare i macchinari necessari a rinnovare e a potenziare l attivita manifatturiera in rapido sviluppo sostenuta anche da molti investimenti stranieri. L Italia in questo settore eccelle ed é molto competitiva. Come gia descritto in precedenza tra Italia e Serbia vi sono importanti aree di potenziale sviluppo sono nel settore agroalimentare, per questo motivo e stata costituita (nell ambito del Business Council intergovernativo Italia-Serbia) una Commissione Agro-Industria, affidata al Presidente della Camera di Commercio Italo-Serba Cav. Divella, con lo scopo di individuare a livello

25 governativo i sottosettori chiave su cui sviluppare le azioni di partneriato congiunto italo-serbo. Presso la Camera e stata inoltre costituita una Commissione Agroalimentare e uno specifico Desk informativo Agroalimentare con lo scopo di agevolare e promuovere lo scambio tra i due Paesi nell ambito di questo importante e strategico settore.

26 La distrubuzione commerciale La rapida crescita e lo sviluppo in atto sono dimostrati anche dai cambiamenti significativi che sta attraversando il settore della distribuzione: chiudono alcuni grandi nomi del passato, nascono e si consolidano le nuove realta private locali, ed entrano nel mercato le grandi catene internazionali, soprattutto quelle dei prodotti alimentari e di beni di largo consumo. Tra queste ultime citiamo: la METRO, che dispone attualmente di 4 punti vendita (2 a Belgrado, 1 a Zemun ed 1 a Kragujevac), la francese Ipermarche, con la propria azienda per i Balcani Intex, ha 4 punti vendita, a Cacak, a Zajecar, a Nis e Sabac, e la DM DROGERIE MARKT nel settore dei cosmetici e articoli per l'igiene della casa e della persona. Nel settore dell'abbigliamento, il gruppo italiano Fibest ha acquistato la catena di distribuzione ATEKS, che ha piu' di 50 negozi in tutta la Serbia. Nel settore della distribuzione, il piu grande gruppo nazionale é la DELTA Holding, che detiene i negozi di abbigliamento DELTA Sport, la importante rete capillare di negozi al dettaglio e di supermercati un tempo appartenenti alla PEKABETA, i magazzini Cash & Carry TEMPO, il gruppo C-MARKET principale catena di prodotti alimentari del Paese, ed infine la catena di supermercati MAXI, che é stata aquisita dagli investitori Belgi la Delhaize Group.

27 Dopo la rete di negozi del gruppo Delta, la seconda catena della grande distribuzione serba e quella del gruppo Mercator, che ha acquisito anche la catena Rodic che vanta una rete di 135 negozi -. Citiamo inoltre gli ipermercati del gruppo greco Veropoulos. Nel fai da te troviamo la societa slovena Mercur. Da ultimo citiamo l importante gruppo locale LILLY nel settore dei cosmetici e articoli per l'igiene della casa e della persona. Negli ultimi periodo le catene di distribuzione e i supermercati hanno avuto un notevole sviluppo e una grande diffusione, riportiamo qui di seguito i principali. La locale catena TEMPO ha avuto una grande espansione con un nuovo format di supermarkets a prezzi scontati, i TEMPO EXPRESS, ne sono stati aperti 8 in tutta la Serbia di cui 3 a Belgrado. La slovena MERCATOR ha aperto tre centri commerciali, Roda Center a Sabac, a Sombor e a Senta. La catena francese MS BRICOLAGE ha aperto il suo primo punto vendita a Nis, mentre la locale REAL MARKET il suo primo ipermercato a Belgrado. La catena croata IDEA ha aperto un supermercato a Novi Sad, e la slovena TUS ha aperto un supermercato in Kragujevac.

28 Conclusioni La Serbia oggi é un paese stabile e in una fase di sviluppo e crescita estremamente interessante, diretto verso la futura adesione all Unione Europea, che rappresenta una certezza per il percorso di modernizzazione ed internazionalizzazione del Paese, anche attraverso l afflusso dei fondi Europei di preadesione. Offre una combinazione di opportunita che lo rendono unico ed estremamente interessante: costo del lavoro contenuto, sistema fiscale favorevole, punto di riferimento geopolitico per i paesi dell area, una posizione geografica strategica che lo rende una ideale localizzazione sia per la esportazione nei paesi dell area della ex Jugoslavia e dei Balcani, che come piattaforma per la produzione di beni da esportare in mercati ad alto grado di sviluppo come quelli della Turchia e soprattutto della Russia, attraverso accordi commerciali vantaggiosissimi siglati con questi paesi. Augusto Cocchioni Consulente e Project-Manager per l Internazionalizzazione Il consulente-project-manager italiano con esperienza nella specifica area é una figura chiave per operare al meglio in questi particolari mercati. La sua esperienza consente all azienda italiana di avere un interlocutore ideale con la realta locale. Conosce le esigenze e le modalità operative dell'impresa italiana e le riesce a coniugare al meglio con le caratteristiche del Paese dove va ad operare. Puo supportare l azienda come consulente (per singole e occasionali esigenze specifiche), come project-manager (per gestire un particolare progetto) o come manager temporaneo (per gestire fasi particolari in azienda). La sua esperienza gli consente di minimizzare i rischi, di contenere i costi e di massimizzare le probabilita di successo. Puo essere utilizzato per la definizione della migliore modalita di ingresso, per la ricerca personalizzata del partner, per la conclusione di accordi di vendita o di collaborazione, e per tutte le esigenze di gestione e management (start up, gestione di cambiamenti, ecc.) tipiche della piccola media impresa, ed a volte utili e valide anche per la grande azienda. Oliver Lepori Consulente ed esperto Agroalimentare Amministratore ELCONS Management & Consulting di Belgrado, societa che si occupa di gestione di investimenti nei settori dell agribusiness (produzioni di analisi settoriali, costutuzione di uffici di rappresentanza e di imprese, preparazione di progetti di investimento, due diligence, deal structuring), di risorse umane (performance management, formazione, coaching, trattative sindacali, post acquisizione e fusioni, licenziamenti), dello sviluppo di idee progettuali (per il finanziamento da parte di partner locali ed esteri, instituzioni, fondi di investimento, ONG), di strategie di agribusiness, PR & Marketing, soluzioni ERP e IT.

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari a Supporto delle Imprese

Gli Strumenti Finanziari a Supporto delle Imprese Gli Strumenti Finanziari a Supporto delle Imprese La presente pubblicazione è stata elaborata nell ambito del progetto Facility for SMEs and Capacity Building (cod. 30), finanziato dall Unione Europea

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 8 Le strategie dell internazionalizzazione: gli investimenti diretti esteri Che cosa comporta realizzare un IDE? Costituisce di norma la

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto A cura dell Ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY Il raggiungimento di un accordo sul nucleare iraniano potrebbe aprire interessanti opportunità per le

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa 03 NOV 2014 Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa Da oggi Artoni Europe, servizio internazionale di Artoni Trasporti, raggiunge ben 32 paesi Europei con

Dettagli

Evola. Evolution in Logistics.

Evola. Evolution in Logistics. Evola. Evolution in Logistics. Viaggiamo nel tempo per farvi arrivare bene. Siamo a vostra disposizione ed operiamo per voi dal 1993, inizialmente specializzati nel mercato italiano e successivamente come

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda COMUNICATO STAMPA Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda Al convegno L Italian Style nei paesi emergenti: mito o realtà? - Russia, India e Cina - presentata la quarta

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

FOCUS CINA SPEDIZIONI E SOLUZIONI LOGISTICHE PER IL MERCATO CINESE

FOCUS CINA SPEDIZIONI E SOLUZIONI LOGISTICHE PER IL MERCATO CINESE FOCUS CINA SPEDIZIONI E SOLUZIONI LOGISTICHE PER IL MERCATO CINESE TUVIA IN CINA Il Gruppo TUVIA è presente in Cina dal 2008 con uffici diretti a Shanghai, Pechino e Hong Kong. PECHINO Oltre alle filiali,

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA Il presente documento contiene le principali misure concrete a breve-medio termine proposte dalla Commissione per contribuire a stabilizzare

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE Progetto SEE-ITS in breve SEE-ITS è un progetto transnazionale che mira a stimolare la cooperazione, l'armonizzazione e l'interoperabilità tra Sistemi di Trasporto Intelligenti (ITS) nel Sud-Est Europa.

Dettagli

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro.

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro. certified public accountants tax & financial advisors www.funaro.com certified public accountants tax & financial advisors CHI SIAMO Funaro & Co. è uno studio di Certified Public Accountants e Dottori

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

Una Crescita Possibile

Una Crescita Possibile Accordo 2014/2015 Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria Una Crescita Possibile INTESA SANPAOLO S.p.A. in seguito denominata Intesa Sanpaolo o "Banca" con sede in Torino, Piazza San Carlo 156,

Dettagli

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative :

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative : Il Consorzio Servizi Plus, è una società di outsourcing, operante da oltre 10 anni nel settore dei servizi facchinaggio, trasporti e pulizia, con lo scopo precipuo di associare in forma consortile tutte

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE

1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE 1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE Per secoli l Europa è stata teatro di conflitti, tensioni e divisioni, ma dopo gli orrori della seconda Guerra Mondiale il continente ha visto risorgere

Dettagli

Il mercato del lavoro danese

Il mercato del lavoro danese 1 AMBASCIATA D ITALIA COPENAGHEN Il mercato del lavoro danese Il modello della Flexicurity Composto dalle parole inglesi flexibility e security, il termine coniuga il concetto della facilità con cui le

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Cos è la Banca europea per gli investimenti?

Cos è la Banca europea per gli investimenti? Cos è la Banca europea per gli investimenti? La BEI è la banca dell Unione europea. Come principale mutuatario e finanziatore multilaterale, eroghiamo finanziamenti e consulenze tecniche per progetti d

Dettagli

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt Progetto «Lago Bianco» Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt L energia che ti serve. Repower AG Repower è una società del settore energetico operante a livello internazionale

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE giugno 2013 Il presente rapporto è stato elaborato con le informazioni disponibili al 14 giugno 2013 da: Giulia

Dettagli

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino storia del 900 per la scuola di base a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino il materiale di questa unità didattica può essere liberamente utilizzato chi lo utilizza è pregato di darne comunicazione

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli