Precursori siderali L UOMO CHE AVEVA RAGIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Precursori siderali L UOMO CHE AVEVA RAGIONE"

Transcript

1 GALILEO_CR:Layout :11 Pagina 65 Precursori siderali ARCHIVI ALINARI/PER CONCESSIONE DEL MINISTERO PER I BENI E LE ATT. CULTURALI L UOMO CHE AVEVA RAGIONE Sfidò il potere e ne pagò le conseguenze. Galileo Galilei, simbolo della scienza moderna, dimostra che per amore della verità si può sacrificare tutto DI GIANLUCA TENTI LUGLIO 2009 M 65

2 GALILEO_CR:Layout :12 Pagina 66 GALILEO_CR:Layout :12 Pagina 67 Precursori siderali Monsieur uomo elegante uomo { PARLARE CHIARAMENTE LO SANNO FARE POCHISSIMI} EPPUR SI MUOVE. LA RIBELLIONE. La certezza della condanna, ma anche il retrogusto ribelle di chi sa di avere ragione. Eppur si muove. Come la coscienza umana. Anche se il caso non è chiuso. E non lo sarà mai. Perché è giusto che sia così. Sospeso, nell eternità del cosmo. Perché nei confronti di Galileo Galilei ha trionfato l ingiustizia. E questo non si può cancellare con un anniversario, con un simposio o con un articolo. Non si può. Per rispetto nei confronti dell uomo che, tre secoli dopo Dante, vide «L amor che move il sole e l altre stelle» con l occhio umano proiettato nell infinito da quel buffo arnese detto cannocchiale e ne rovesciò il contenuto. Quale eresia agli occhi di Santa Romana Chiesa. Ma Galileo fece questo. Lo vide e lo disse. In barba al precetto. Ne pagò le conseguenze. Come fanno coloro che credono, soprattutto in ciò che dicono. Ecco, è questa la vera lezione di Galileo: «La filosofia è scritta in questo grandissimo libro che continuamente ci sta aperto innanzi a gli occhi (io dico l universo), ma non si può intendere se prima non s impara a intender la lingua, e conoscer i caratteri, ne quali è scritto. Egli è scritto in lingua matematica, e i caratteri son triangoli, cerchi, ed altre figure geometriche, senza i quali mezi è impossibile a intenderne umanamente parola; senza questi è un aggirarsi vanamente per un oscuro laberinto». Ecco la chiave iniziatica. L oscuro. «Parlare oscuramente lo sa fare ognuno, ma chiaro pochissimi». Galileo è tutto qui. È nel batter d ali del colibrì, che definisce l infinito senza bisogno di calcoli. Si può a lungo dissertare sulla sua figura. Sulla natia Pisa (1564) e sull estrema dimora dalle parti di Arcetri (1642), sul colle fiorentino dove un enorme mezzaluna di cristallo scruta oggi l universo. Ma chi era davvero Galileo? Un fisico, certo. Un filosofo, a suo modo. Un astronomo, senza dubbio. Un matematico. Soprattutto un matematico. Perché per lui il grande libro della natura era scritto con numeri e formule. Per questo fu accusato di voler sovvertire la filosofia aristotelica (la natura descritta come forma e sostanza) in favore di quella pitagorica (nella natura tutto è numero). Potrebbe sembrare una dissertazione sui massimi sistemi. Fu l inizio di un calvario umano per l individuo che non voleva contrastare le Sacre scritture, ma finì condannato come eretico, umiliato all abiura (22 giugno 1633) dei propri convincimenti e all isolamento per il resto dei suoi giorni. Subì e ne soffrì. Ma aveva ragione lui. Accadde proprio così. Galilei, reo di coltivare una scienza che si trasformava in filosofia della natura. Era il suo destino. Stregato dai numeri che risolvevano la meccanica e l ingegneria. Roba pratica, insomma. Come l osservare l oscillazione del pendolo. Il moto di un proiettile. Il rotolamento di una sfera su un piano inclinato. Ebbene, prendete l immagine, proiettatela in movimento rallentato, inserite nella scia dei corpi i numeri e avrete le visioni di Galileo. L uomo che vedeva tutta la materia composta da particelle che si muovono nel vuoto. Aveva 22 anni quando s inventò «La bilancetta», uno strumento (apparentemente secondario) per calcolare l idrostatica del peso di un corpo. Fu il suo centro di gravità. Non se ne separò più. È accertato che studiò l Inferno di Dante, non per la metrica, ma per definirne la grandezza. Sembrava una missione impossibile, un gioco. Fu una sfida. La prima. Che gli aprì la mente. E gli spalancò le porte dello Studio di Pisa, dove fu iniziato dal cardinal Francesco Maria Borbone Del Monte al granduca Ferdinando I, suo primo mentore. Così come importanti per la sua crescita furono i contatti col nobile Sagredo, protagonista del Dialogo sopra i massimi sistemi. Studiò la caduta dei gravi. E per soddisfare la sua sete di conoscenza si piegò non solo a tener lezioni di matematica per principi e cardinali, ma nella casa di Padova volle realizzare una piccola officina all interno della quale produceva marchingegni che poi rivendeva per trarne danari da investire nella ricerca. Non cercò mai aiuti dall esterno. S ingegnò, invece. Come solo i geni sono capaci di fare. Forse non tutti sanno che proprio così agendo creò una macchina per «tirare su l acqua» che gli valse l introito ventennale, per lo sfruttamento del brevetto, dal Senato Veneto. Fabbricò un compasso militare. Finché venne il giorno del cannocchiale, costruito da artigiani olandesi. Che lui smontò per ricostruirlo «potenziato» e rivenderlo poi come propria invenzione al governo di Venezia. Fu con questo strumento che decise di varcare i confini dell orizzonte visivo. Lo fece meravigliandosi della meraviglia che si apriva davanti al suo scrutar le stelle. Cercò. E vide. Quattro satelliti che si muovevano, roteando, attorno a Giove, con velocità crescente notte dopo notte. Era una piccola rivoluzione copernicana. «QUELLO CHE NOI CI IMMAGINIAMO BISOGNA CHE SIA UNA DELLE COSE GIÀ VEDUTE». NEGLI ULTIMI ANNI DI VITA, IL NOME DI GALILEO COMINCIÒ A CIRCOLARE NEGLI AMBIENTI INTELLETTUALI: ALCUNI SUOI ESTIMATORI GLI SCRISSERO MENTRE SI TROVAVA CONFINATO NELLA VILLA DI ARCETRI. POTEVA RICEVERE VISITE SOLO DAI FAMILIARI, MA RIUSCÌ A INCONTRARE IL POETA INGLESE JOHN MILTON. ALL EVENTO, IL PITTORE TITO LESSI HA DEDICATO IL DIPINTO «JOHN MILTON IN VISITA A GALILEO GALILEI» (CIRCA 1890, SOPRA). ROGER-VIOLLET/ALINARI ROGER-VIOLLET/ALINARI LA SUA DISTANZA DA NOI È STATA STIMATA IN CIRCA 56 MILIONI DI ANNI LUCE: SI TRATTA DELLA GALASSIA SPIRALE BARRATA (VISIBILE NELLA COSTELLAZIONE DELLA FORNACE) DENOMINATA NGC CON UN DIAMETRO DI QUASI 200MILA ANNI LUCE, È UNA DELLE GALASSIE PIÙ BRILLANTI DELLA COSTELLAZIONE; IL NUCLEO HA FORMA OVALE, MENTRE I RAMI A SPIRALE FORMANO UN ALONE A FORMA DI «Z» SIMILE A UN ANELLO (FOTOGRAFIA TRATTA DAL LIBRO «ANCIENT LIGHT»). 66 M LUGLIO 2009 LUGLIO 2009 M 67

3 GALILEO_CR:Layout :12 Pagina 68 GALILEO_CR:Layout :12 Pagina 69 Precursori siderali { } 68 M LUGLIO 2009 FOTO SCALA FIRENZE - SU CONCESSIONE DEL MINISTERO PER I BENI E LE ATT. CULTURALI LA NEBULOSA NGC 3576: SI TROVA A 6MILA ANNI LUCE DALLA TERRA ED È COMPOSTA DA STELLE DI GRANDE POTENZA (DA «ANCIENT LIGHT»). A FIANCO: IL TELESCOPIO FECE CROLLARE IL SEICENTESCO CONCETTO DI «PERFEZIONE» DEGLI OGGETTI CELESTI. GALILEO OSSERVÒ I «MARI» DELLA LUNA (LE REGIONI SCURE) E NOTÒ CHE LA LORO LARGHEZZA CAMBIAVA CON LE FASI LUNARI (L INCIDENZA DELLA LUCE DEL SOLE). DISEGNANDOLE, NEL 1616, CONCLUSE CHE LA LUNA È RICCA DI CRATERI E, DUNQUE, IMPERFETTA. FOTO SCALA FIRENZE - SU CONCESSIONE DEL MINISTERO PER I BENI E LE ATT. CULTURALI LA REVISIONE DEL SUO PROCESSO FU AVVIATA NEL 1968 LUGLIO 2009 M 69

4 GALILEO_CR:Layout :13 Pagina 70 GALILEO_CR:Layout :13 Pagina 71 Precursori siderali { ERA STREGATO DALLA MATEMATICA E DALLA FILOSOFIA} Per la prima volta l occhio umano poteva carpire un segreto dell universo: quei corpi celesti non ruotavano attorno alla Terra. Messa così potrebbe sembrare banale. Altro fu all epoca. Donò la scoperta di Padova al granduca fiorentino Cosimo II (che era stato suo allievo) trasformandone il battesimo da Cosmica Sidera in Medicea Sidera: «Stelle medicee». Fu l obolo per ottenere in cambio il titolo di Filosofo e Matematico primario del granduca. Per presentare le sue scoperte, nel 1611, Galileo raggiunse il Collegio romano dove fu accolto da Papa Paolo V. Di lì a breve sarebbe iniziato il suo contrasto con la Chiesa, considerato che il cardinale Bellarmino decise di incaricare i matematici del Vaticano di studiare le scoperte effettuate da Galileo Galilei a mezzo di un «cannone overo ochiale», mentre la Congregazione del Santo Uffizio già si muoveva per difendere la teologia tradizionale. Galileo non si curava di questo. Studiava i corpi che galleggiano o affondano nell acqua. Parlava di macchie solari come materia fluida che apparteneva alla superficie del Sole e ruotava intorno a esso per il movimento della stella. Studiò e definì il peso dell aria, in un mondo che credeva l aria senza peso. Scriveva a Giuliano de Medici: «Venere necessariisimamente si volge intorno al sole, come anco Mercurio e tutti li altri pianeti, cosa ben creduta da tutti i Pittagorici, Copernico, Keplero e me, ma non sensatamente provata, come ora in Venere e in Mercurio». C era un però. Se era corretta la cosmologia copernicana, diverse affermazioni della Bibbia e di Padri della Chiesa, che attestavano una concezione geocentrica dell Universo, erano in contrasto. Galileo si illuse di poter risolvere il problema rovesciando la soluzione: la teoria copernicana è vera, le Scritture erano state scritte senza corrispondenza con la realtà. Gesuiti e domenicani si divisero. I primi, inizialmente, si mostrarono aperti di fronte alle scoperte astronomiche, ma saranno quelli che (venti anni più tardi) ne denunceranno il Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo. Un ventennio di rivoluzione sussurrata. Da quando cioè nel 1614 dal pulpito di Santa Maria Novella il frate domenicano Caccini lanciò le prime accuse a Galileo. Eretico! Per sostenere un moto della Terra attorno al Sole. Fu il Papa a ordinare di «convocare Galileo e di ammonirlo di abbandonare la suddetta opinione». Può un uomo sfidare le leggi dell eternità? Certo Galileo non fu infallibile. Il Saggiatore è un opera sbagliata, con una teoria delle comete senza fondamento. Solo nel 1624 enuncia per la prima volta quello che sarà chiamato il principio della relatività galileiana: ai sostenitori dell immobilità della Terra replica facendo notare che i gravi cadono perpendicolarmente sulla superficie terrestre, anziché obliquamente, Galileo risponde parlando della nave nella quale, sia essa in movimento o ferma, i fenomeni di caduta si verificano esattamente nello stesso modo. Le sue idee spaziarono in ogni direzione. Anticipò i tratti che porteranno alla scoperta del barometro (a opera di Evangelista Torricelli), propose di usare la rotazione dei satelliti di Giove come orologio universale per misurare la longitudine (uno dei problemi più seri della navigazione). E quando venne il tempo del Dialogo sopra i massimi sistemi ricevette molti elogi, ma anche la proibizione del libro: per ordine del Papa. Ci vollero 11 anni per piegarlo. Tanto passò dall Inquisizione romana che nel 1622 sollecitò la sua comparizione al Sant Uffizio e la sua presentazione davanti alla Congregazione. A Galileo non restò di evitare che i dispositivi più duri della condanna diventassero effettivi. Il carcere fu mutato nel confino all interno della villa dell ambasciatore del granduca di Toscana in Roma e poi nella casa dell arcivescovo Piccolomini. Finché venne confinato nella villa di proprietà sopra Arcetri. Riposa in Santa Croce a Firenze, dove dormono il sonno dell eternità Michelangelo e Machiavelli. Dorme il sonno dei giusti. Nel 1734 il Sant Uffizio concesse l erezione di un mausoleo. Benedetto XIV tolse dall Indice i suoi volumi. Pio VII ne liberò i contenuti. Paolo VI nel 1968 fece avviare la revisione del processo. Giovanni Paolo II chiese scusa ufficialmente a nome della Chiesa. Il caso è ancora aperto. Quattrocento anni fa un piccolo diaframma, legno, pelle, decorazioni d oro, bariletto con lenti furono l inizio dell anno galileiano. Oggi a Palazzo Strozzi una mostra ne celebra i fasti (fino ad agosto inoltrato). Resta la storia di una negazione. Più di una censura. La negazione di quella che oggi è evidenza e che allora era considerata preveggenza ed eresia. Galileo Galilei vive in ciascuno di noi. È la teoria dell atomo che tutto muove. È la brillantezza di una supernova. L iperbole di una stella. La convinzione che l umiltà di un idea è più forte di qualsiasi divieto. La forza dell universo è in un minuscolo punto di vita. Bisogna sempre dare tempo alla scienza. NON È UNA COMETA, MA UNA REGIONE DI STELLE, NUVOLE DI GAS E POLVERI DENOMINATA CG4. È SITUATA NELLA COSTELLAZIONE DELLA POPPA (PUPPIS) A CIRCA ANNI LUCE DALLA TERRA. LA SUA TESTA, A FORMA DI SFERA, HA UN AMPIEZZA DI CIRCA 1,5 ANNI LUCE; LA CODA, INVECE, È LUNGA CIRCA 8 ANNI LUCE. LA TESTA DELLA NEBULOSA APPARE OPACA, MA IN REALTÀ È ILLUMINATA DALLA LUCE E DAL CALORE DELLE STELLE CHE SI SONO FORMATE AL SUO INTERNO (DA «ANCIENT LIGHT») WHITE IMAGES/SCALA FIRENZE 2008 WHITE IMAGES/SCALA FIRENZE IL PROCESSO INIZIÒ IL 12 APRILE 1633 E PROSEGUÌ FINO AL 21 GIUGNO: ALLA DOMANDA SE AVALLASSE ANCORA LA TEORIA DELLA CENTRALITÀ DEL SOLE, GALILEI RISPOSE CHE AVEVA RITENUTO LE OPINIONI DI TOLOMEO E DI COPERNICO «DISPUTABILI, PERCHÉ L UNA O L ALTRA POTEVANO ESSER VERA IN NATURA». GALILEI VENNE CONDANNATO AL CARCERE E ALLA RECITA DEI SALMI PENITENZIALI PER TRE ANNI. IN QUESTA PAGINA, «GALILEO DAVANTI AL TRIBUNALE DELL INQUISIZIONE» DI JOSEPH CLERIAN (XIX SECOLO). 70 M LUGLIO 2009 LUGLIO 2009 M 71

5 PATEK_calibro2000_PB:Layout :39 Pagina 72 PATEK_calibro2000_PB:Layout :44 Pagina 73 Ultima frontiera spazio-temporale IL CIELO IN UNA TASCA Lo Star Caliber 2000 di Patek Philippe ha saputo catturare il ritmo celeste, segnando il tempo dello stupore innanzi all infinito. Con un magistero tecnologico sancito da oltre 80 brevetti, una delle Manifatture ginevrine indipendenti sfolgora di luce propria nella galassia orologiera, offrendosi allo sguardo dell osservatore come una supernova in perenne esplosione creativa. «Monsieur» ha incontrato Philippe Stern, storico presidente della Maison DI PAOLO GOBBI PRESENTATO NEL 2000, DOPO OTTO ANNI DI RICERCA E SVILUPPO, DOTATO DI BEN 21 FUNZIONI SPECIALI, LO STAR CALIBER 2000 È STATO PRODOTTO IN COFANETTI CON QUATTRO ESEMPLARI CIASCUNO, REALIZZATI CON MATERIALI MISTI IN ORO BIANCO, ROSA, GIALLO E PLATINO, VENDUTI A 13,2 MILIONI DI FRANCHI SVIZZERI. 72 M LUGLIO 2009 LUGLIO 2009 M 73

6 PATEK_calibro2000_PB:Layout :50 Pagina 74 Ultima frontiera spazio-temporale { } PER LA NOSTRA ESPOSIZIONE ABBIAMO SCELTO MILANO, LA VERA CAPITALE D EUROPA PRESIDENTE, HA IDEA DI QUANTO GLI ITALIANI adorino Patek Philippe? «Sì, sì, ne ho un idea precisa, tuttavia, ogni volta che vengo nel vostro Paese rimango colpito. Abbiamo estimatori davvero appassionati in Italia». Inizia così il nostro incontro con Philippe Stern, presidente di Patek Philippe e anima dell alta orologeria contemporanea. Sorridente, sereno, pronto al dialogo, ha ricostruito a partire dagli anni 70 il concetto stesso di segnatempo meccanico, conferendogli valore e autorevolezza. Indipendente per scelta e per carattere, in un mondo dove la globalizzazione modifica forma e sostanza di qualsiasi oggetto, è riuscito a portare avanti il concetto di family company. «Credo che al giorno d oggi sia importante sottolineare come Patek Philippe, oltre a essere a conduzione familiare, sia anche indipendente; siamo cioè nella posizione di poter scegliere sempre le nostre direzioni e non siamo obbligati a dover rendere conto ogni tre mesi, sei mesi, un anno a degli azionisti. Questo rappresenta un grande vantaggio per noi in quanto ci permette di pianificare a lungo termine. Oggi il cliente vuole conoscere il valore dell oggetto che acquista, quindi la credibilità di un marchio è decisiva. Essendo una ditta di famiglia ci concentriamo solo sull orologeria senza perderci in diversificazioni». Quindi non farete penne oppure occhiali? Neanche un telefonino? «No, nient altro. Abbiamo già abbastanza lavoro con i nostri orologi. Noi siamo riconosciuti come un azienda orologiera, con la sua tradizione di famiglia, e tale rimarremo». Dal 1 al 4 luglio Palazzo della Ragione a Milano ospiterà la mostra «Patek Philippe-The values of a family watch company», come mai avete scelto questa città? «Ogni anno cerchiamo di organizzare una grande mostra dedicata a Patek Philippe e ai suoi valori e dobbiamo scegliere un Paese. Negli anni passati siamo stati negli Stati Uniti, in Oriente e l anno prossimo non so ancora dove andremo. Quest anno abbiamo deciso che era arrivato il momento di fare qualcosa di nuovo in Italia. Quindi era ovvio che la nostra scelta cadesse su Milano, in quanto capitale d Europa, e località facilmente raggiungibile da tutti gli italiani». Lei rappresenta la terza generazione Stern alla guida di Patek Philippe ed è riuscito a resistere alla grande crisi che travolse l orologeria svizzera all inizio degli anni 70. Con quale spirito sta affrontando questo momento di difficoltà globale? «In realtà ogni sette/otto anni abbiamo una crisi e Patek Philippe ne è sempre uscita benissimo. È sempre stata la prima a essere pronta a ricominciare. Oggi c è ben poco che si possa fare. Non vogliamo rifornire troppo i nostri concessionari e allo stesso tempo vogliamo essere sicuri che ciò che stiamo offrendo al mercato corrisponda alla richiesta, quindi ci concentriamo prima su quest ultima». Negli anni 70, quando tutti gli altri chiudevano, voi avete puntato sulla legittimità del marchio. E avete vinto. «All epoca la crisi era strutturale. Io dissi a tutti che solo uno sarebbe sopravvissuto nel campo dell orologeria meccanica e saremmo stati noi. Quindi concentrammo tutti i nostri sforzi esclusivamente sui modelli meccanici: una scelta che non fece nessun altro. Quindi quando finalmente la richiesta si ripropose negli anni 80, Patek Philippe era pronta con tutta la sua produzione e diventammo i primi in questo settore». Una sua vittoria personale: «Ero più che convinto che i meccanici avrebbero retto, ero convinto che molti collezionisti si sarebbero interessati a questo tipo di segnatempo e la storia mi ha dato ragione». C è anche da dire che per quasi due decenni Patek Philippe è rimasta la regina del collezionismo di altissimo livello. Lo considera un valore aggiunto? «Patek Philippe è sempre ai vertici nelle aste orologiere internazionali ed è un dato di fatto, questo perché i nostri orologi hanno un valore reale, destinato a durare nel tempo». Il collezionista di Patek Philippe vintage è anche un cliente dei vostri modelli nuovi? «Conosco alcuni collezionisti interessati ai vecchi cronografi Patek che comprerebbero anche quelli nuovi, quindi non esiste una competizione quanto una sorta di aiuto reciproco». Torniamo alla mostra di Milano: 250 pezzi esposti basteranno a far capire l importanza della Maison? «Non è poi così male riuscire a mettere insieme 250 pezzi... in fondo non possiamo portare l intero museo a Milano, sarebbe un po problematico (ride). È in ogni caso una bella rappresentazione di ciò che sta facendo oggi Patek Philippe». Un ultima domanda: quando avverrà il passaggio di consegne tra lei e suo figlio Thierry? «Credo sia arrivato il momento giusto e già entro la fine di quest anno Thierry sarà il nuovo Presidente di Patek Philippe. Rimarrò comunque nei pressi e non sparirò del tutto». IN ALTO, NELLA FOTO A SINISTRA, LA STORICA BOUTIQUE PATEK PHILIPPE IN RUE DU RHÔNE 41, A GINEVRA, L UNICO PUNTO VENDITA PRESSO CUI ERA POSSIBILE ACQUISTARE LO STAR CALIBER AL CENTRO, PHILIPPE STERN, PRESIDENTE DELLA MAISON. A DESTRA, IL QUARTIER GENERALE DI GINEVRA A PLAN-LES-OUATES. 74 M LUGLIO 2009

7 PATEK_calibro2000 fionda_pb:layout :59 Pagina 2 CON LE SUE 21 COMPLICAZIONI MECCANICHE, LO STAR CALIBER 2000 PER COMPLESSITÀ È IL TERZO OROLOGIO DA PERSONA PATEK PHILIPPE, DOPO IL CALIBRO 89 (33 COMPLICAZIONI) E IL GRAVES (24). È STATO REALIZZATO IN ORO ROSA, GIALLO, BIANCO E IN PLATINO. NELLA FOTO, SI PUÒ NOTARE LA GRANDE MAPPA CELESTE. LUGLIO 2009 M 75 LO SKY MOON TOURBILLON È IL PRIMO MODELLO DA POLSO A MOSTRARE SU DI UN SECONDO QUADRANTE LA VISIONE COMPLETA DI UN CIELO NOTTURNO, QUELLO CHE SOVRASTA LA CITTÀ SCELTA DALL ACQUIRENTE, INDICANDO IL MOVIMENTO APPARENTE DELLE STELLE E QUELLO DELLE FASI LUNARI ( EURO). 78 M LUGLIO 2009

8 PATEK_calibro2000 fionda_pb:layout :20 Pagina 1 IL RAFFINATO DESIGN SVILUPPATO DA PATEK PHILIPPE PER IL SUO STAR CALIBER 2000 PERMETTE DI RICONOSCERE PERFETTAMENTE LE FASI LUNARI E L ORBITA DELLA LUNA IN MODO DA INFLUIRE SOLO MARGINALMENTE SULLA DIMENSIONE DELLA MAPPA STELLARE. PER INFORMAZIONI:

9 PATEK_calibro2000 fionda_pb:layout :59 Pagina 2 CON LE SUE 21 COMPLICAZIONI MECCANICHE, LO STAR CALIBER 2000 PER COMPLESSITÀ È IL TERZO OROLOGIO DA PERSONA PATEK PHILIPPE, DOPO IL CALIBRO 89 (33 COMPLICAZIONI) E IL GRAVES (24). È STATO REALIZZATO IN ORO ROSA, GIALLO, BIANCO E IN PLATINO. NELLA FOTO, SI PUÒ NOTARE LA GRANDE MAPPA CELESTE. LUGLIO 2009 M 75 LO SKY MOON TOURBILLON È IL PRIMO MODELLO DA POLSO A MOSTRARE SU DI UN SECONDO QUADRANTE LA VISIONE COMPLETA DI UN CIELO NOTTURNO, QUELLO CHE SOVRASTA LA CITTÀ SCELTA DALL ACQUIRENTE, INDICANDO IL MOVIMENTO APPARENTE DELLE STELLE E QUELLO DELLE FASI LUNARI ( EURO). 78 M LUGLIO 2009

10 PATEK_calibro2000_PB:Layout :51 Pagina 79 Ultima frontiera spazio-temporale E USCIMMO A RIVEDER LE STELLE Il 2009 è l anno dell astronomia. Puntiamo allora il telescopio sullo Star Caliber 2000, orologio «astronomico» per eccellenza, attraversato da costellazioni micromeccaniche ultracomplicate NEL 1609, ESATTAMENTE 400 ANNI FA, Galileo Galilei alzava per la prima volta al cielo il suo cannocchiale. Non è quindi un caso che l Unesco abbia dichiarato il 2009 l Anno internazionale dell astronomia: attraverso l osservazione del cielo, si inviteranno i cittadini di tutto il mondo, e soprattutto i giovani, a riscoprire il proprio posto nell universo, il senso profondo dello stupore e della scoperta, le ricadute e l importanza della scienza sulla vita quotidiana e sugli equilibri globali della società. Patek Philippe dal canto suo è già da tempo «appassionata» del cielo e degli astri: non a caso ha scelto di celebrare il passaggio al terzo millennio con un orologio assolutamente straordinario, che possiamo osservare in queste pagine: lo Star Caliber Nato quasi in segreto, dopo otto anni di ricerca e sviluppo, questo straordinario orologio da tasca è sostanzialmente l ultimo erede di una tradizione manifatturiera ricca di segnatempo importanti. Con le sue 21 funzioni speciali, che si sommano a quelle delle ore, minuti e secondi, continua idealmente una dinastia di modelli eccezionali, come il Packard del 1927, il Graves del 1933 e il Calibro 89, l orologio portatile più complicato al mondo, realizzato nel 1989 per il 150 anniversario della Maison ginevrina. Prima di addentrarci nella tecnica, approfittiamo ancora di Philippe Stern, per domandargli che cosa ricorda di questo modello. «All inizio degli anni 90 ci ponemmo il problema di cosa fare per celebrare l anno Non potevamo fare una nuova edizione del Calibro 89, perché era comunque un modello con una precisa collocazione storica. In più basava le sue complicazioni orologiere su caratteristiche già conosciute. Ci chiedemmo allora se era giusto realizzare un nuovo complicato da tasca: dopo molte esitazioni e infinite discussioni, abbiamo deciso di affrontare la sfida». Un orologio tutto nuovo quindi? «Sì, che non si sarebbe basato sul Calibro 89. Inoltre, anche a costo di sacrificare qualche funzione, scegliemmo un obiettivo primario: quello di una nuova complicazione che si ispirasse alle stelle, alla luna, al cielo che gira. Abbiamo deciso di focalizzarci sui calcoli celesti ed è stato allora che abbiamo sviluppato lo Star Caliber. All epoca inoltre non decidemmo il numero di complicazioni che avremmo realizzato, ma ci concentrammo nel creare qualcosa di nuovo: non ci interessava se alla fine l orologio avrebbe presentato 10, 15 o 20 complicazioni, non era il nostro obiettivo». Alla fine però le complicazioni arrivarono lo stesso. «Sì, in effetti l orologio finale aveva 21 complicazioni, ma non era questo il dato più importante. C era infatti qualcosa di nuovo nella sua costruzione, nei suoi componenti, nel design. È stata una sfida affascinante, che ha dimostrato come ancora oggi Patek Philippe conservi le potenzialità, gli uomini e la volontà di realizzare pezzi di livello supremo. Tutto questo inoltre senza un reale motivo di interesse per quanto riguarda il profitto strettamente commerciale, praticamente inesistente per un pezzo così complesso». Osservando da vicino lo Star Caliber 2000 possiamo subito notare come la sua faccia anteriore, dedicata alla misura del tempo e all astro diurno, mostri le ore, i minuti e i secondi; l equazione del tempo marciante; gli indicatori di riserva di carica del movimento (30 ore) e del carillon (24 ore); la data, il giorno della settimana, il mese, la stagione e l anno bisestile; la levata e il tramonto del sole e anche la sua rivoluzione nelle 24 ore. La seconda faccia, sul lato posteriore, è riservata agli astri notturni: vi osserviamo una originale mappa astronomica in movimento raffigurante la luna e le stelle, delimitando, per mezzo di una ellisse dorata, la zona del cielo che brilla sopra il luogo di osservazione. Se poi la nostra passione sono i numeri, lo Star Caliber 2000 è costituito da componenti, così suddivisi: 336 viti, 292 caviglie, 172 elementi meccanici, 135 ruote, 73 molle, 54 rubini, 33 ponti, 11 lancette, otto dischi, tre cuscinetti a sfere, un quadrante... Il termine «complicazione», nel linguaggio di tutti i giorni, fa tornare alla mente spesso un immagine negativa. Al contrario in orologeria il significato di questa parola è capovolto. IN ALTO, IL MODULO DEL CALENDARIO PERPETUO CON L EQUAZIONE DEL TEMPO «MARCIANTE», LA LEVATA E IL TRAMONTO DEL SOLE, LA SUA POSIZIONE NELLE 24 ORE E LE STAGIONI. IL PULSANTE, VISIBILE IN ALTO A SINISTRA, SI UTILIZZA PER LA SUA RIMESSA RAPIDA ED È UNA DELLE INVENZIONI ESSENZIALI DI QUESTO MODELLO. LUGLIO 2009 M 79

11 PATEK_calibro2000_PB:Layout :51 Pagina 80 PATEK_calibro2000_PB:Layout :51 Pagina 81 Ultima frontiera spazio-temporale { GRAZIE A TRE MECCANISMI INCORPORATI L UNO DENTRO L ALTRO... APRITI CIELO} Si definisce infatti «complicato» quell orologio dotato di una meccanica estremamente complessa, realizzata grazie all abilità del maestro orologiaio che riesce a inserire in un unico modello un certo numero di funzioni supplementari. Un pezzo ad alta complicazione può per esempio ospitare un movimento a carica automatica che aziona un cronografo e un calendario perpetuo. Un orologio ad altissima complicazione (très haute complication) ha come elemento di base una ripetizione a minuti integrata da un cronografo, un calendario perpetuo o magari una suoneria. Infine gli orologi ultracomplicati (très très haute complication) presentano una grande soneria al passaggio, la funzione silenzio e la ripetizione minuti, cui vengono ad aggiungersi almeno altre due complicazioni quali il calendario perpetuo, il cronografo a rattrapante ed eventualmente un dispositivo tourbillon. Lo Star Caliber 2000 può essere considerato come l ultracomplicato per eccellenza, in quanto non si è solamente accontentato di riunire al suo interno alcune importanti complicazioni, ma in molti casi ha visto ridisegnare forma e funzioni delle stesse. Per esempio, Cédric Fague, il responsabile del sistema di correzione rapida del calendario, ha confessato di essersi ispirato, per progettare il grande anello dentato del calendario perpetuo, all immagine delle antiche fabbriche di orologeria, dove un unica fonte di energia faceva muovere le diverse macchine grazie a una cinghia di trasmissione che demoltiplicava la forza motrice. Innovativo e inedito anche il meccanismo di suoneria a cinque timbri che riproduce il carillon di Westminster, ed è la prima volta che un orologio da tasca riesce a ricreare fedelmente la melodia originale. Grazie a esso l orologio suona al passaggio di ogni nuovo quarto d ora per mezzo di percussioni successive di quattro martelli su quattro timbri differenti, mentre un quinto martello suona le ore piene su di un ulteriore timbro. Altra peculiarità è quella dell equazione del tempo marciante, che Patek Philippe aveva già realizzato nel 1928 per un pezzo unico venduto per il costruttore d automobili James Ward Packard. Su questo pezzo l equazione non era però sincronizzata con il calendario perpetuo e di conseguenza veniva sistematicamente sregolata quando l utilizzatore doveva ricorrere ai correttori del calendario per la rimessa dell ora. Nello Star Caliber 2000 questo inconveniente è stato superato realizzando addirittura un nuovo brevetto meccanico. Ma per prima cosa vediamo di capire che cos è l equazione del tempo: il «tempo solare medio» che convenzionalmente usiamo presenta sempre una deviazione rispetto al «tempo solare effettivo». Questa differenza, detta «equazione del tempo», varia da un giorno all altro e negli orologi meccanici viene generalmente mostrata per mezzo di un meccanismo a camma. Se la camma dell equazione del tempo non è sincronizzata con il calendario, la deviazione tra il tempo reale e quello indicato aumenta progressivamente. Ciò si verifica anche quando l orologio viene rimesso alla data esatta dopo essere rimasto fermo per un periodo di tempo abbastanza lungo. Questo inconveniente non si presenta con il meccanismo brevettato da Patek Philippe, in cui la camma è comanda- ta direttamente dal meccanismo del calendario perpetuo. In tal modo l equazione del tempo corrisponde sempre alla data del momento. Lo stesso sistema di sincronizzazione viene utilizzato per la visualizzazione della levata e del tramonto del sole in una determinata località, ed è stato realizzato e brevettato in esclusiva per questo orologio.terminiamo il nostro viaggio nello Star Caliber 2000 scoprendone la parte più spettacolare, il suo quadrante posteriore con la presentazione animata e fedele della volta celeste, comprendente la visione notturna del nostro satellite. Nelle rappresentazioni astronomiche tradizionali, le fasi lunari sono indicate su un piccolo quadrante ausiliario e la lunazione viene indicata da una lancetta separata. Il design sviluppato per lo Star Caliber 2000 rende invece possibile indicare le fasi lunari e l orbita della luna in modo da influire solo marginalmente sulla dimensione della mappa stellare. In particolare, la posizione della luna è regolata in relazione al meridiano, alla data indicata dal calendario perpetuo e dall ora esatta. Un ellisse dal contorno dorato delimita la porzione della mappa celeste visibile dalla località geograficamente determinata, in relazione alla data e all ora esatta, sia di giorno sia di notte. Inoltre, il sistema determina l ora del passaggio sul meridiano di Sirio oppure, per l emisfero australe, di un altro astro da determinare. Abbiamo così, come apparissero da dietro le quinte, tre sistemi meccanici incorporati l uno nell altro: il primo per la rotazione del cielo, il secondo per quella della luna e il terzo per le fasi lunari. Galileo ne sarebbe rimasto estasiato. (P. G.) La saga Patek Philippe in mostra a Milano Il «Regno dell eccezionale» apre le sue porte al pubblico italiano e a tutti i cultori della suprema orologeria. Da mercoledì 1 a sabato 4 luglio infatti, la mostra itinerante «The values of a family watch company» di Patek Philippe approda in Italia per la sua unica tappa europea, nella prestigiosa sede del Palazzo della Ragione a Milano, con il patrocinio dell assessorato alla Cultura del comune di Milano: 250 segnatempo straordinari, 250 tappe della leggenda Patek Philippe, e un occasione per riflettere sui valori e sul patrimonio culturale di un azienda che appartiene da quattro generazioni alla famiglia Stern, e che brilla d indipendenza in un epoca tiranneggiata dalla globalizzazione. Una testimonianza tangibile delle più affascinanti realizzazioni della Maison svizzera e della devozione all eccellenza del presidente Philippe Stern e del vicepresidente e designato successore Thierry Stern. Ma l esposizione non sarà soltanto uno sguardo all interno dello scrigno di una delle Manifatture più ricche di tesori micromeccanici al mondo, ma un vero e proprio viaggio attraverso la storia dell orologeria: Patek Philippe dedica infatti un ampio spazio a numerosi, rari e preziosi segnatempo conservati proprio nel Museo di Ginevra, che vanta ben 2mila orologi, molti dei quali hanno segnato svolte epocali nell ingegneria del tempo, tra cui, naturalmente, un posto d onore sarà riservato allo Star Caliber QUI SOPRA, LA MAPPA DELL EMISFERO BOREALE. IN ALTO, QUATTRO DIVERSE TAVOLE DEDICATE ALLO STAR CALIBER 2000: IL QUADRANTE ANTERIORE; IL GIÀ CITATO MODULO DEL CALENDARIO PERPETUO; LA PLATINA DI BASE DEL CALENDARIO PERPETUO; IL MOVIMENTO DI BASE CON I DUE IRM (INDICATORI DI RISERVA DI CARICA). 80 M LUGLIO 2009 LE ALTRE COMPONENTI DELL OROLOGIO (IN ALTO): LA PLATINA POSTERIORE CON LA SUONERIA E LA RIPETIZIONE A MINUTI; LA CASSA DEMI-SAVONETTE TIPO BASSINE A DUE FACCE IN ORO; IL MODULO RAFFIGURANTE IL CIELO E LA LUNA; LA BASE DEL MECCANISMO ADDIZIONALE CIELO-LUNA. SOPRA, IL CIELO ASTRONOMICO. LUGLIO 2009 M 81

I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano

I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano Corso di Astronomia I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano attorno alla Terra con orbite circolari.

Dettagli

Maestro orologiaio e inventore

Maestro orologiaio e inventore 02 Maestro orologiaio e inventore Passione per la scienza, amore per l orologeria Autentico artista, François-Paul Journe esplora la misura del tempo per soddisfare il suo bisogno di creare. E da quel

Dettagli

ORARI DI APERTURA Tutti i giorni 9.30-18.00; martedì 9.30-13.00. Tel. 055 2343723 fax 055 2478350 Lunedì-venerdì 9.00-16.00 gruppi@museogalileo.

ORARI DI APERTURA Tutti i giorni 9.30-18.00; martedì 9.30-13.00. Tel. 055 2343723 fax 055 2478350 Lunedì-venerdì 9.00-16.00 gruppi@museogalileo. DIDATTICA 2014/15 Si apre il nuovo anno scolastico e il Museo Galileo presenta ai suoi visitatori nuovi e stimolanti percorsi didattici rivolti alle scuole di ogni ordine e grado. Oltre alle visite e ai

Dettagli

Allegro Una nuova pagina musicale nel libro dell'alta orologeria

Allegro Una nuova pagina musicale nel libro dell'alta orologeria Allegro Una nuova pagina musicale nel libro dell'alta orologeria Dopo Adagio e Soprano, Christophe Claret presenta Allegro, il suo ultimo capolavoro musicale. Christophe Claret,un maestro orologiaio con

Dettagli

Un orologiaio che costruisce la propria storia

Un orologiaio che costruisce la propria storia Un orologiaio che costruisce la propria storia giorno per giorno Una passione: l'orologeria 1957 > François-Paul Journe nasce a Marsiglia 1972 > Entra alla scuola d orologeria di Marsiglia 1976 > Si diploma

Dettagli

Campus Invernale Matematica Fisica Astrofisica E Nuove Tecnologie

Campus Invernale Matematica Fisica Astrofisica E Nuove Tecnologie Campus Invernale Matematica Fisica Astrofisica E Nuove Tecnologie 19-21 Dicembre 2014 Bardonecchia Da Galileo al Bosone di Higgs: Il filo conduttore di quattro secoli di scienza Wanda M. Alberico Dipartimento

Dettagli

Reverso Squadra, un orologio unico e senza tempo.

Reverso Squadra, un orologio unico e senza tempo. Reverso Squadra, un orologio unico e senza tempo. Il 2006 è l anno del Reverso. Un anno che sarà celebrato con nuove e raffinate soluzioni estetiche, con inedite complicazioni meccaniche e soprattutto

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Baccara Che la fortuna sia con voi!

Baccara Che la fortuna sia con voi! Baccara Che la fortuna sia con voi! Da sempre attratto dall'universo dei giochi d'azzardo, Christophe Claret è lieto di presentare Baccara, la novità dell'anno. L'orologio è provvisto di un movimento esclusivo,

Dettagli

L orologio meccanico. Perché?

L orologio meccanico. Perché? L orologio meccanico Daniele Marini Dipartimento di Informatica e Comunicazione Perché? Il rapporto tra l artigiano e lo scienziato Scoperte scientifiche e ingegneria evolutiva Un prodotto commerciale

Dettagli

Scoprire il cielo stellato

Scoprire il cielo stellato Biblioteca Comunale di Albino Via Mazzini, 68 Albino (BG) Tel. 035/759001 E-mail: : Biblioteca@albino.it Scoprire il cielo stellato Proposte di lettura per bambini e ragazzi Stelle senza nome I nomi delle

Dettagli

Cos è l infinito? Verso l'infinito... e oltre

Cos è l infinito? Verso l'infinito... e oltre Cos è l infinito? Infinito: che è assolutamente privo di determinazioni spaziali o temporali. l infinito è molto difficile da immaginare nel suo complesso: possiamo avere un accenno ammirando un cielo

Dettagli

La storia dell'osservazione delle stelle è sempre stata. un mistero, un salto nell'immaginazione che è riuscito ad

La storia dell'osservazione delle stelle è sempre stata. un mistero, un salto nell'immaginazione che è riuscito ad La storia dell'osservazione delle stelle è sempre stata un mistero, un salto nell'immaginazione che è riuscito ad affascinare tutti, soprattutto noi ragazzi. Il cielo è stato pressoché dimenticato per

Dettagli

Tra scienza normale e paradigmi : il linguaggio della scienza secondo Kuhn

Tra scienza normale e paradigmi : il linguaggio della scienza secondo Kuhn Tra scienza normale e paradigmi : il linguaggio della scienza secondo Kuhn Martina Aicardi Kliton Marku Classe 4H Docente coordinatore Prof. Bellonotto Liceo Scientifico O. Grassi Savona, 21 maggio 2013

Dettagli

VIAGGIO TRA LO SPAZIO

VIAGGIO TRA LO SPAZIO PROGETTO DI ASTRONOMIA VIAGGIO TRA LO SPAZIO Soggetti coinvolti: bambini di 5 anni della scuola dell infanzia statale di Ceregnano SEZIONE TRILLY ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLADOSE (RO) Insegnanti impegnate

Dettagli

Il carteggio Cigoli-Galileo 1609-1613

Il carteggio Cigoli-Galileo 1609-1613 Accademia degli Euteleti DELLA CITTÀ DI SAN MINIATO Il carteggio Cigoli-Galileo 1609-1613 a cura di Federico Tognoni Premessa di Mara Roani Introduzione di Lucia Tongiorgi Tomasi Edizioni ETS www.edizioniets.com

Dettagli

IL TEMPO NELLA SCIENZA. Gli strumenti di misurazione Le unità di misura Curiosità

IL TEMPO NELLA SCIENZA. Gli strumenti di misurazione Le unità di misura Curiosità IL TEMPO NELLA SCIENZA Gli strumenti di misurazione Le unità di misura Curiosità Gli strumenti di misurazione del tempo La meridiana L orologio al quarzo Il pendolo L orologio atomico La meridiana è uno

Dettagli

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe Nei giorni 11 e 12 aprile sono andata in gita scolastica a Venezia. Prima di questo viaggio, nel mio immaginario, Venezia era una città triste,

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale L Osservatorio di Melquiades Presenta OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale Il Sole, le ombre e il tempo Domande guida: 1. E possibile l osservazione diretta del Sole? 2. Come è possibile determinare

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

Percorsi planetario globe

Percorsi planetario globe Percorsi planetario globe Da quest anno c è anche la possibilità di scegliere tra tre filmati FULL DOME: Losing the dark (in italiano), Stars (In italiano), e Back to the Moon for good (In inglese). Quest

Dettagli

Octa Réserve de Marche Octa Lune Octa Divine Octa Calendrier Octa Chronographe Octa Zodiaque

Octa Réserve de Marche Octa Lune Octa Divine Octa Calendrier Octa Chronographe Octa Zodiaque Octa Réserve de Marche Octa Lune Octa Divine Octa Calendrier Octa Chronographe Octa Zodiaque COLLEZIONE OCTA Con la sua concezione estremamente innovatrice carica automatica, riserva di marcia di 120 ore

Dettagli

ESPADA, L ULTIMO NATO DELLA COLLEZIONE EL PRIMERO

ESPADA, L ULTIMO NATO DELLA COLLEZIONE EL PRIMERO Zenith - El Primero ESPADA, L ULTIMO NATO DELLA COLLEZIONE EL PRIMERO el PRiMeRO ESPADA La nuova serie Espada va ad arricchire l iconica collezione El Primero, con esemplari dal design essenziale e perfettamente

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Admiral s Cup Legend 46 Minute Repeater Acoustica Accordo maggiore

Admiral s Cup Legend 46 Minute Repeater Acoustica Accordo maggiore Admiral s Cup Legend 46 Minute Repeater Acoustica Accordo maggiore Mai prima d'ora un Minute Repeater aveva marcato il tempo mediante accordi invece di note semplici. È il prodigio realizzato dal sontuoso

Dettagli

Ciao! Una sola raccomandazione: non fissare mai il Sole direttamente, può danneggiarti gli occhi!

Ciao! Una sola raccomandazione: non fissare mai il Sole direttamente, può danneggiarti gli occhi! 1 Ciao! Il tuo Osservatorio di Monte Rosa si apre questa mattina e così inizia questa avventura alla scoperta del Cielo, per conoscere e comprendere quel che succede nell Universo, di cui la nostra Terra

Dettagli

Cenni di geografia astronomica. Giorno solare e giorno siderale.

Cenni di geografia astronomica. Giorno solare e giorno siderale. Cenni di geografia astronomica. Tutte le figure e le immagini (tranne le ultime due) sono state prese dal sito Web: http://www.analemma.com/ Giorno solare e giorno siderale. La durata del giorno solare

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Cartografia, topografia e orientamento

Cartografia, topografia e orientamento Cartografia, topografia e orientamento Mappa tratta dall archivio dei musei vaticani ANVVFC,, Presidenza Nazionale, febbraio 2008 pag 1 Orbita terrestre e misura del tempo Tutti sappiamo che la terra non

Dettagli

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 8 h A casa: 5 h

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 8 h A casa: 5 h 78 l e z i o n i d i g i ta l i U n i tà d i A P P R e n d i M e n t o B7 L UniVERSO E IL SISteMA SolaRE Tempi In aula: 8 h A casa: 5 h Luoghi Aula con lavagna LIM o PC con videoproiettore Per alcune attività

Dettagli

E facile imparare con il computer - Viaggiare fra le stelle, comete e pianeti con Celestia

E facile imparare con il computer - Viaggiare fra le stelle, comete e pianeti con Celestia E facile imparare con il computer - Viaggiare fra le stelle, comete e pianeti con Celestia Descrizione del software Celestia (ultima versione 1.3.2) è un software di simulazione 3D (tridimensionale) opensource,

Dettagli

REFERENZE DELL OROLOGIO

REFERENZE DELL OROLOGIO 1 Ha appena acquistato un orologio JEANRICHARD. Ci permetta di ringraziarla per la fiducia che ci ha accordato e di presentarle brevemente la Manifattura in che concepisce e realizza gli orologi che portano

Dettagli

Attività didattiche Scuola Secondaria I grado

Attività didattiche Scuola Secondaria I grado 1 VISITA GUIDATE Attività didattiche Scuola Secondaria I grado Visita standard Gli studenti vengono condotti da un animatore scientifico in una visita ad alcune delle postazioni interattive del Museo.

Dettagli

L ANTICA ORA ITALICA DEL VATICANO

L ANTICA ORA ITALICA DEL VATICANO L ANTICA ORA ITALICA DEL VATICANO Uno sconosciuto orologio meccanico a sei ore del 700 posto sui palazzi del Vaticano riemerge da un dipinto del Panini Nicola Severino www.nicolaseverino.it agosto 2007

Dettagli

Parabola delle grosse pietre

Parabola delle grosse pietre Parabola delle grosse pietre Un giorno, un vecchio professore fu chiamato come esperto per parlare sulla pianificazione più efficace del proprio tempo ai quadri superiori di alcune grosse compagnie nordamericane.

Dettagli

Progetti SCRUTANDO IL CIELO DEL PARCO

Progetti SCRUTANDO IL CIELO DEL PARCO Progetti SCRUTANDO IL CIELO DEL PARCO Sin dai tempi più remoti il cielo ha avuto grande importanza per l uomo. Il cielo è testimone di miti, di leggende di popoli antichi; narra di terre lontane, di costellazioni

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Se analizziamo quel segnale luminoso possiamo capire parecchie cose sulla sorgente che lo ha emesso (che si chiama sorgente luminosa).

Se analizziamo quel segnale luminoso possiamo capire parecchie cose sulla sorgente che lo ha emesso (che si chiama sorgente luminosa). Ciao a tutti! Il segnale che arriva, sotto forma di luce visibile, è quello che permette di studiare quei puntini luminosi che vediamo in cielo la notte. Se analizziamo quel segnale luminoso possiamo capire

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

SIAMO NOI I SEMI GALATTICI!!! di Stephanie South, la Regina Rossa

SIAMO NOI I SEMI GALATTICI!!! di Stephanie South, la Regina Rossa SIAMO NOI I SEMI GALATTICI!!! di Stephanie South, la Regina Rossa Testo originale: http://1320frequencyshift.wordpress.com/2014/12/28/electricupdate-we-are-the-galactic-seeds/ pubblicato sul blog della

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

2005 Via Galileo Galilei

2005 Via Galileo Galilei VIA GALILEO GALILEI Via Galilei, traversa di Via Leonardo da Vinci e parallela a Via Belvedere, è una via chiusa che finisce in una piccola piazza; si trova sulla zona monte di Montecchio ed è dedicata

Dettagli

Poker Un nuovo colpo da maestro di Christophe Claret

Poker Un nuovo colpo da maestro di Christophe Claret Poker Un nuovo colpo da maestro di Christophe Claret Nuova dimostrazione dell'audace savoir-faire di Christophe Claret: l'orologio Poker. L'orologiaio cala il tris nelle sue creazioni di Alta Orologeria.

Dettagli

CALIBRO 3255 BASELWORLD 2015. Calibro 3255 IL MOVIMENTO ROLEX DI NUOVA GENERAZIONE

CALIBRO 3255 BASELWORLD 2015. Calibro 3255 IL MOVIMENTO ROLEX DI NUOVA GENERAZIONE CALIBRO 3255 BASELWORLD 2015 Calibro 3255 IL MOVIMENTO ROLEX DI NUOVA GENERAZIONE Calibro 3255 UN NUOVO STANDARD DI PRESTAZIONI A BASELWORLD 2015, ROLEX PRESENTA UN MOVIMENTO MECCANICO DI NUOVA GENERAZIONE,

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

TITOLO ATTIVITA': Usare contenuti didattici digitali in classe

TITOLO ATTIVITA': Usare contenuti didattici digitali in classe CORSO DI FORMAZIONE PER INSEGNANTI (CORSO A ) Torino, Istituto Majorana, Via Frattini 11 Anno Scolastico 2011/2012 ALLIEVO: GIOVANNI NICCO CLASSE: A049 Matematica e Fisica TITOLO ATTIVITA': Usare contenuti

Dettagli

21049 TRADATE (Va) - Via Mameli, 13 - www.gruppoastronomicotradatese.it C.F. e P. I.V.A. 01673900120

21049 TRADATE (Va) - Via Mameli, 13 - www.gruppoastronomicotradatese.it C.F. e P. I.V.A. 01673900120 GALILEO 2009 Gennaio : un famoso film sulla vita di G.Galilei. Febbraio: conferenze sulle scoperte di Galileo. Mag.- Giu. : osservazioni galileiane pubbliche - il Sole come lo vedeva Galileo - il cielo

Dettagli

Progetto: Meridiana Galileo Galilei

Progetto: Meridiana Galileo Galilei Fondazione Osservatorio Astronomico di Tradate Messier 13 Via ai Ronchi 21049 Tradate (VA) Cod. Fisc./P.I. 02880420126 Tel/fax: 0331 841900 Cell: 333-4585998 Email: foam13@foam13.it Internet: www.foam13.it

Dettagli

Successivamente anche Breguet si occupò ( e non poteva essere diversamente) di orologi automatici. Egli era a conoscenza dell orologio di Perrelet,

Successivamente anche Breguet si occupò ( e non poteva essere diversamente) di orologi automatici. Egli era a conoscenza dell orologio di Perrelet, L'automatico Un po di storia. La nascita dell automatico si può far risalire alla prima metà del 700 per opera di Abraham-Louis Perrelet. Perrelet nacque a Le Locle nel 1729 e si occupò fin da giovane

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

URANO E NETTUNO. I due pianeti glaciali del Sistema Solare. Ricerca Astronomia" 1

URANO E NETTUNO. I due pianeti glaciali del Sistema Solare. Ricerca Astronomia 1 URANO E NETTUNO I due pianeti glaciali del Sistema Solare Ricerca Astronomia" 1 Introduzione: Urano e Nettuno fanno parte dei pianeti recenti, ovvero quelli scoperti nel 19 secolo. Sono infatti stati i

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

Scegli per ciascuna risposta l'alternativa corretta. Scegli per ciascuna risposta l'alternativa corretta

Scegli per ciascuna risposta l'alternativa corretta. Scegli per ciascuna risposta l'alternativa corretta ERIICA La Terra e la Luna Cognome Nome Classe Data I/1 ero o also? L eclisse di Sole è dovuta all ombra della Luna che si proietta sulla Terra Durante un eclisse di Sole la Luna può oscurare il Sole anche

Dettagli

L osservatorio è collocato all interno del Parco pineta tra Saronno e Varese. Attorno ad esso troviamo un incredibile distesa di alberi.

L osservatorio è collocato all interno del Parco pineta tra Saronno e Varese. Attorno ad esso troviamo un incredibile distesa di alberi. L osservatorio L osservatorio è collocato all interno del Parco pineta tra Saronno e Varese. Attorno ad esso troviamo un incredibile distesa di alberi. All interno troviamo la sala conferenze e i vari

Dettagli

CAPITOLO 1 L ASTRONOMIA DESCRITTIVA

CAPITOLO 1 L ASTRONOMIA DESCRITTIVA CAPITOLO 1 L ASTRONOMIA DESCRITTIVA Un famoso scienziato (secondo alcuni fu Bertrand Russell) tenne una volta una conferenza pubblica su un argomento di astronomia. Egli parlò di come la Terra orbiti intorno

Dettagli

MEDICI MECENATI. da banchieri a signori

MEDICI MECENATI. da banchieri a signori MEDICI MECENATI da banchieri a signori iovanni di Bicci 1360-1429 1429! Agli inizi del 400 inaugura il successo politico ed economico della famiglia! Il figlio Cosimo detto il Vecchio inizia il ramo principale!

Dettagli

Contributi di Galileo

Contributi di Galileo Contributi di Galileo Gianluigi Bellin February 11, 2012 In queste note ci basiamo sul libro di Stillman Drake, Galileo Studies,The University of Michigan Press, Ann Arbour, 1970 oltre che sul libro di

Dettagli

Il sistema solare SOLE. Terra

Il sistema solare SOLE. Terra Il sistema solare SOLE Terra Il Sole, la stella a noi più vicina In quanti modi si può vedere il Sole? Luce bianca Luce da atomi di Calcio Luce da atomi di idrogeno Luce ultravioletta Raggi X Onde radio

Dettagli

La città di Pedro da Toledo. La città di Pedro da Toledo

La città di Pedro da Toledo. La città di Pedro da Toledo La città di Pedro da Toledo Con la linea arancio sono indicate le mura che delimitano l ampliamento aragonese. Con la linea verde la murazione antica, con la linea gialla il fronte a mare realizzato dagli

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

Oyster Perpetual cosmograph daytona

Oyster Perpetual cosmograph daytona Oyster Perpetual cosmograph daytona indice Lo spirito del Daytona Introduzione Stile UN CRONOGRAFO ADATTO AL CIRCUITO 4 Funzionalità MISURARE LA VELOCITÀ FINO A 400 KM/H 5 STRUMENTAZIONE DI BORDO 6 START,

Dettagli

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza.

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza. Le metafore della scienza di Tommaso Castellani Un dialogo tra: F. Un fisico che fa ricerca all università. I. Un fisico che si occupa di insegnamento a scuola. S. Uno studente sulla strada della fisica.

Dettagli

La volta celeste. SMS di Piancavallo 1

La volta celeste. SMS di Piancavallo 1 La volta celeste L Astronomia è la scienza che studia l Universo e le sue origini. Le origini dello studio della volta celeste si perdono nella notte dei tempi, perché l uomo è sempre stato attratto ed

Dettagli

MALEVIČ PER LA SCUOLA

MALEVIČ PER LA SCUOLA MALEVIČ PER LA SCUOLA Kazimir Malevič nasce a Kiev nel 1878, e nel 1915 il suo Quadrato nero su fondo bianco che vede quest anno il centenario - è stato identificato come l icona del nostro tempo dal suo

Dettagli

Il cielo sopra la Cina

Il cielo sopra la Cina Il cielo sopra la Cina 1. Breve introduzione Il cielo stellato accomuna i bambini di tutta la Terra perché ogni notte le stelle brillano sulle teste di ognuno, ricco, povero, cittadino o campagnolo, grande

Dettagli

Dario Fo Struttura per la veggente 15 luglio 2005

Dario Fo Struttura per la veggente 15 luglio 2005 Dario Fo Struttura per la veggente 15 luglio 2005 L indovina racconta come da psichiatra abbia scelto di diventare veggente: un modo straordinario per aver successo e quattrini. Organizza e apre uno studio

Dettagli

Oyster Perpetual. oyster perpetual

Oyster Perpetual. oyster perpetual Oyster Perpetual oyster perpetual indice Lo spirito dell'oyster Perpetual Introduzione Stile UNO STILE INTRAMONTABILE 4 Funzionalità IMPERMEABILITÀ 5 Spirito UNA PAGINA DI STORIA 6 HANS WILSDORF 7 Specificità

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

PRESTAZIONI UNICHE GRAZIE ALL ECCELLENZA DEL DESIGN

PRESTAZIONI UNICHE GRAZIE ALL ECCELLENZA DEL DESIGN PRESTAZIONI UNICHE GRAZIE ALL ECCELLENZA DEL DESIGN UN SEGNATEMPO DALLO STILE DISTINTIVO ICONA DELL INNOVAZIONE, BVLGARI LANCIA L OROLOGIO DIAGONO ALUMINIUM NEL 1998, ABBINANDO UN MATERIALE ALL AVANGUARDIA

Dettagli

GLI OROLOGI DEL MUSEO DELL OROLOGERIA PESARINA

GLI OROLOGI DEL MUSEO DELL OROLOGERIA PESARINA GLI OROLOGI DEL MUSEO DELL OROLOGERIA PESARINA SVEGLIARINI MONASTICI Svegliarino costruito nel 1993 Questi orologi risalgono al XIII secolo furono brevettati per sostituire i svegliatori ad acqua in uso

Dettagli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli La realtà non è come ci appare carlo rovelli 450 a.e.v. Anassimandro cielo terra Anassimandro ridisegna la struttura del mondo Modifica il quadro concettuale in termine del quali comprendiamo i fenomeni

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia.

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Questo - in ordine cronologico - l ultimo appuntamento organizzato dall Istituto Comprensivo

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

APP TUTTI PAZZI PER L'...!

APP TUTTI PAZZI PER L'...! PPROFESSIONE FARMACIA APP TUTTI PAZZI PER L'...! PROFESSIONE FARMACIA di Alessandro Fornaro, giornalista e farmacista Alcuni siti propongono a negozi, ristoranti e qualsiasi altra sorta di attività commerciale

Dettagli

STRANGE MUSIC HERO COME AVERE SUCCESSO SUONANDO UNO STRUMENTO STRANO DI PIETRO FESTA

STRANGE MUSIC HERO COME AVERE SUCCESSO SUONANDO UNO STRUMENTO STRANO DI PIETRO FESTA STRANGE MUSIC HERO COME AVERE SUCCESSO SUONANDO UNO STRUMENTO STRANO DI PIETRO FESTA PREFAZIONE DI MAURO VENTOLA Ci troviamo in un particolare momento storico, in cui dobbiamo affrontare una nuova grande

Dettagli

Itinerario Libero non Guidato. ( durata tour a piedi 3 ore circa 4 tappe km 2 e 500 mt circa )

Itinerario Libero non Guidato. ( durata tour a piedi 3 ore circa 4 tappe km 2 e 500 mt circa ) A spasso per le botteghe storiche del centro. Rintocchi di martello, forbici che tagliano, mani che lavorano: alla scoperta del vero artigianato fiorentino. Itinerario Libero non Guidato ( durata tour

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

Facciamo onore al nostro nome. Wealth-Assurance AG

Facciamo onore al nostro nome. Wealth-Assurance AG Facciamo onore al nostro nome Wealth-Assurance AG Qualità svizzera e assistenza personalizzata: questo è il nostro marchio Aloyse Steichen CEO e Presidente Benvenuti A nome di Wealth-Assurance AG e dei

Dettagli

Didascalie Strumenti del Parco Astronomico sulla Rocca di

Didascalie Strumenti del Parco Astronomico sulla Rocca di Comune di Pecetto di Valenza Didascalie Strumenti del Parco Astronomico sulla Rocca di Pecetto di Valenza Progetto, rilevamenti e calcoli di: Luigi Torlai esperto di gnomonica e costruttore di meridiane.

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Recita di fine anno scolastico A scuola con Peggy Guggenheim

Recita di fine anno scolastico A scuola con Peggy Guggenheim Recita di fine anno scolastico A scuola con Peggy Guggenheim Good morning, welcome in this school. Do you speak English? Do you understand? I m Peggy Guggenheim! Forse è meglio parlare in italiano! Io,

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI Ricordami Sempre 7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI FORMATI 9 x 13 cm APERTO 9 x 13 cm CHIUSO FORMATI FORMATI 10 x 15 cm APERTO FORMATI 10 x 15 cm CHIUSO ARTE 001_AR 002_AR 003_AR ARTE 004_AR ARTE

Dettagli

LAVORO LABORATORIALE CLASSE IV D LINGUISTICO

LAVORO LABORATORIALE CLASSE IV D LINGUISTICO LAVORO LABORATORIALE CLASSE IV D LINGUISTICO Sulla base del documentario visionato in classe confronta personalità e filosofia dei due geni della rivoluzione astronomica: Galileo e Newton. (max 15/20 righe)

Dettagli

Cercare informazioni in rete. Uno strumento metacognitivo per sviluppare le abilità di ricerca e di costruzione di conoscenza

Cercare informazioni in rete. Uno strumento metacognitivo per sviluppare le abilità di ricerca e di costruzione di conoscenza Cercare informazioni in rete Uno strumento metacognitivo per sviluppare le abilità di ricerca e di costruzione di conoscenza L information overload Internet con la sua enorme mole di informazione disponibili

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli