L INSERIMENTO ED I RAPPORTI CON I GENITORI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L INSERIMENTO ED I RAPPORTI CON I GENITORI"

Transcript

1 L'inserimento di un bambino al Nido si presenta come un evento nuovo - sia per il bambino che per il genitore - ed apporta un cambiamento ne! reciproco contesto di relazioni. Per la prima volta il bambino vive l'esperienza della socializzazione nel gruppo dei pari guidata e veicolata da figure adulte che non sono quelle della famiglia e che però diventano punti di riferimento privilegiati accanto alle figure familiari. Ma anche se l'educatore è fondamentalmente colui che veicola ed in un certo senso "dirige" l'esperienza del bambino al Nido, si tratta comunque di un'esperienza globale di incontro con uno spazio, degli oggetti e degli adulti diversi da quelli familiari: di un incontro con un altro contesto esistenziale rispetto alla famiglia. Fondamentalmente dunque il bambino deve innanzi tutto accettare un passaggio dal contesto familiare a quello del Nido. Intendiamo per contesto l'insieme dell'ambiente costituito da spazi, tempi, oggetti e qualità delle relazioni tra soggetti partecipanti. Il perno di questo passaggio sta nella possibilità del bambino di investire affettivamente il Nido; possibilìtà che si sviluppa in seguito alla possibilità/capacità che ha il genitore di investire affettivamente il Nido; possibilità/capacità a sua volta subordinata alla capacità che l'educatore ha di offrire il Nido come luogo capace di accogliere l'affettivi tà della relazione genitorebambino. L'investimento affettivo del Nido determina la ridefinizione della relazione familiare che, ancora luogo primario dell'affettività, accoglie le implicazioni della separazione e del..i.'apertura al "sociale" rappresentato dal Nido che si pone, comunque, come un contesto che invia messaggi sulle caratteristiche e sui bisogni del bambino da O a 3 anni, con cui la famiglia è - di fatto - chiamata a confrontarsi. Per questo dall'iniziale investimento affettivo il Nido viene poi invece -quasi paradossalmente -a caratterizzarsi come il luogo privilegiato dei legami sociali del L INSERIMENTO ED I RAPPORTI CON I GENITORI a cura di Serenella Frangilli, Lilia Bottigli, Giorgio Mannucci, Rita Villani del Coordinamento Pedagogico- Didattico Nidi e Scuole d Infanzia bambino, della sua "socializzazione". Questo perché l'inserimento del bambino nel gruppo dei coetanei ha una dimensione di vissuto quotidiano in cui i bisogni individuali (da quelli primari a quelli affettivi, a quelli di apprendimento) si confrontano nella collettività che ne regola il soddisfacimento per le risposte che è capace di dare. L'inserimento al Nido determina infatti nel vissuto del bambino, non solo un cambiamento di tempi e ritmi, ma anche la sperimentazione di relazioni affettive che hanno la caratteristica di essere "autonome" nei confronti di quelle primarie (familiari). Ciò induce la riorganizzazione del rapporto del bambino con la famiglia, non solo come revisione dei momenti della giornata da vivere insieme, ma anche e soprattutto come ampliamento e diversificazione dell'investimento affettivo della realtà esterna alla famiglia (che finora si poneva -fosse essa i nonni o la baby-sitter -non come esterna, ma come "allargata") in cui il bambino si pone come un soggetto autonomo e "staccato" (dalla famiglia) capace di vivere una affettività propria, "autonoma". li fatto che la separazione del bambino dalla famiglia non sia né totale né definitiva, così come il fatto che non siano esclusive le relazioni affettive instaurate con i coetanei e con gli operatori del Nido, fa sì che il bambino abbia la possibilità di vivere accanto ad una affettività di "contenenza" (quale quella familiare) un altro tipo di affettività proiettata verso l'esterno. La prima gli garantisce principalmente la sicurezza dell'appartenenza come, presupposto interiore per l'instaurarsi e lo svilupparsi della seconda che costruisce e consolida l' Io del bambino nel processo di confronto del suo saper essere in rapporto al reale. Si intende con saper essere la capacità del bambino di rapportare l'immagine di sé (e prima ancora la sua progressiva costruzione) agli altri, all'oggetto, allo spazio, alla "conoscenza". È evidente come ciò sia legato all'affettività, dato che il bambino costruisce l'immagine di sé a partire dalle proprie percezioni ed emozioni,. attraverso cioè l'interiorizzazione delle percezioni corporee e del vissuto emozionale che le accompagna, in un rapporto con l'altro che viene a costituirsi come primo specchio dal quale il bambino riceve (e costruisce) una immagine di sé positiva o negativa seconda l'intreccio di conferme e disconferme che emerge dalla relazione affettiva. Quindi il saper essere del bambino, dati questi presupposti, viene a caratterizzarsi anche come capacità Questo articolo fa parte del materiale presentato al Convegno sui Nidi di Ancona, maggio

2 L'ingresso: sono presenti gli armadietti per il vestiario dei bambini e le comunicazioni scritte per i genitori. L'angolo morbido a terra allestito perché i bambini possano giocare con bambole, peluche ed altri giochi sul tavolo. L'angolo che rappresenta la famiglia: divano e mensole dove sono collocate riviste, libri, programmazioni e foto del nido. progettuale, che investe ogni aspetto della sua personalità, compreso quello cognitivo, di mettere in atto strategie per ottenere risposte ai propri bisogni di attenzione, di accettazione, di conferma, di vicinanza/lontanza, di conoscenza. Considerando l'inserimento al Nido una situazione specifica all'interno di un passaggio (che poi si ripropone ogni giorno di frequenza per il bambino, anche se con minor carica emotiva) tra due contesti esistenziali, i contenuti psicologici e emergenti risultano investire le modalità di contatto e distacco nella relazione bambino-genitore e la relativa evoluzione del legame di attaccamento. Ambedue questi aspetti corrispondono ad altrettanti bisogni che il Nido deve, dopo attenta lettura, assumere e sviluppare nella prospettiva della transizione, non della rottura o dell"'abbandono". Che significa poi, a partire dai comportamenti messi in atto dalla coppia bambinogenitore, trovare le modalità per allargare la relazione a due attraverso il progressivo aggiustamento di metodo e strumenti nell'osservazione di ogni coppia bambinogenitore in situazione- inserimento. Offrire, in situazione-inserimento, al bambino come al genitore la possibilità della transizione significa per il Nido predisporre innanzitutto un contesto che favorisca l'emergere di significati transizionali, non solo nella relazione tra soggetti partecipanti l'inserimento, ma in ogni elemento dell'ambiente (spazio, oggetti, etc.) All'interno del Progetto Psicopedagogico a base psicomotoria, adottato nei nove Nidi d'infanzia di Livorno, è stato innanzitutto strutturato uno spazio specifico per!a transizione: lo spazio di "Entrata ed Uscita" che accoglie bambini e genitori ogni giorno ed in cui si effettua anche l'inserimento dei bambini Medi e Grandi. È il primo spazio del Nido (aperto sull'esterno e sull'interno): uno spazio non molto grande, parzialmente chiuso rispetto agli altri spazi, che comprende elementi di praticità come armadietti per i cappotti e le scarpe dei bambini, un fasciatoio su çui spogliare i "Piccoli", una bacheca per le 2

3 checa per le comunicazioni ai genitori. All'interno dello Spazio di "Entrata ed Uscita" sono presenti, simbolicamente, i due elementi fondamentali della transizione: la famiglia ed il Nido concretizzati da un divano e/o una poltrona con un tavolo basso con sopra un lume od una pianta ed, accanto, uno spazio "morbido" a terra (tappeto, stuoia, moquette e cuscini) con pupazzi di peluche, libretti con illustrazioni e semplici storie di animali, costruzioni e semplici puzzles. Alle pareti immagini con prevalente carica affettiva (bambini con genitori, animali etc.), sul tavolo e/o sui mobiletti piccoli animali (uccellini, pesci rossi, tartarughe etc.), per terra un contenitore per gli oggetti transizionali che i bambini portano da casa e che si tende a far lasciare loro in questo Spazio dove possono ritrovarli, secondo le esigenze, in ogni momento della giornata. Nell'angolo del genitore (divano, tavolo etc.) sono posti riviste, albums di foto del Nido, fascicoli di programmazione, materiale iiiustrativo del Nido in genere ed a volta, se è possibile, un proiettore con diapositive sul Nido. Per quanto riguarda l' organizzazione dell'inserimento al Nido si prevedono momenti e tempi diversificati in funzione della duplice veste che assume il genitore. Egli è innanzitutto il partner affettivo del bambino, colui che può consentire e mediare il passaggio al nuovo ambiente. Per questo si prevedono diverse fasi nell'inserimento: - la prima fase investe i genitori, senza la presenza diretta dei bambini, con l'illustrazione del progetto educativo, la conoscenza del Nido, degli operatori e dell'intera organizzazione del contesto. Si tratta in genere di incontri informali che si svolgono nella prima settimana di luglio, soprattutto con i genitori dei bambini nuovi iscritti; -la seconda fase si apre con il mese di settembre, quando gli operatori del Nido organizzano incontri cqn piccoli gruppi di genitori e bambini (max 4/5 coppie) per introdurli negli spazi del Nido, attrezzati con i relativi materiali, tutti aperti per que- sta occasione; - la terza fase dell'inserimento viene attuata nello spazio di "Entrata ed Uscita" dove la relazione a tre che si instaura tra bambino, genitore ed educatore - attraverso la mediazione dello spazio (appositamente strutturato) e dell'oggetto - permette ai bambino di effettuare il passaggio. Per questo lo spazio è non molto grande e parzialmente chiuso: perché rassicura il bambino, lo "contiene"; per questo i materiali hanno alcuni la caratteristica più della "rassicurazione" (oggetti morbidi come peluches, animaletti, le stesse immagini alle pareti etc.), mentre altri hanno più la caratteristica di incentivare la curiosità verso gli altri spazi del Nido (puzzles, costruzioni, oggetti in movimento etc.). Quando il bambino ha acquisito una conoscenza di questo primo spazio, degli oggetti e degli adulti che comprende, tale da essere pienamente rassicurato e quando ha sviluppato sufficientemente la curiosità di andare "oltre", egli è pronto per staccarsi dal genitore che rimane nello Spazio di "Entrata ed Uscita" ad aspettare il ritorno del bambino. Inizialmente il tempo del distacco dal genitore (che avviene generalmente al secondo o terzo giorno di permanenza nello Spazio che è di circa un'ora al giorno nei primi giorni) è brevissimo e si caratterizza come un andare e venire dal e nello Spazio di "Entrata ed Uscita" che è tipico della necessità del bambino di affiancare alle nuove situazioni scoperte la sicurezza affettiva del ritrovamento del genitore. Progressivamente poi il tempo del distacco si trasforma nel tempo della permanenza al Nido: lo Spazio di "Entrata ed Uscita" assume così, simbolicamente, la funzione di "garantire" il ritorno del genitore diventando il luogo in cui i bambini vengono lasciati la mattina all'ingresso ed in cui tornano ad aspettare il genitore prima dell'uscita. Questo passaggio sul tempo si attua con.l'instaurarsi ed il consolidarsi di routines e rituali che hanno, per il bambino, funzione rassicurante. Si osserva che sono, a volte, gli stessi bambini a mettere in atto, spontaneamente, rituali per il distacco come: entrare, chiedere il cambio delle scarpe, lasciare il ciuccio (nel proprio armadietto) o l'oggetto transizionale (nell'apposito contenitore), prendere un altro gioco del Nido e salutare il genitore lasciandolo mentre sta ancora sistemando il cappotto etc., nell'armadi etto. Nello stesso modo, a conferma del significato simbolico che assume lo spazio di"entrata ed Uscita", si osservano nel 3

4 Foto sopra: l educatrice si inserisce nella relazione fra la nonna e il bambino mostrando un oggetto a quest ultimo. corso della giornata - bambini che, tranquillamente, prendono e riportano, secondo la propria necessità, il ciuccio o l'oggetto transizionaie in tale spazio o che, passandovi casualmente davanti, si dicono "mamma...dopo". «Questa modalità di ingresso del bambino al Nido ci permette di investirlo pienamente del suo essere soggetto attivo di un processo che lo interessa in prima persona (anche se è una scelta che i genitori hanno operato per lui). In questo modo è il bambino che "sceglie" di entrare al Nido, non è il genitore che dopo avercelo portato ed avere, ogni volta, investito affettivamente tutti gli spazi con la propria presenza, lo "abbandona" lasciandolo solo. In questo modo invece il genitore stimola e veicola, accompagnando il proprio bambino, questa prima esperienza di socializzazione precoce in un ambiente (il Nido) che il bambino percepisce così come un proprio spazio autonomo in cui vivere e gestire, con gli operatori ed i coetanei, la sua prima esperienza di autonomia dalla famiglia...» (da "L'inserimento" - Allegato n.l alla Programmazione del Nido d'infanzia "11 Bruco", Livorno). Ciò significa anche considerare il bambino non solo soggetto di bisogno, ma anche un soggetto di desiderio, o meglio porsi nell'ottica di àgevolare l'evoluzione del bisogno ìn desiderio. Questa modalità di inserimento fa leva proprio sul desiderio: il desiderio di "andare" (conoscere, esplorare, scoprire), il desiderio di "tornare" (essere rassicurato, riaccolto, ritrovare la propria "matrice"). È nella possibilità di evoluzione del desiderio che sta l'autonomia reale, psicologica, del bambino, il suo riconoscersi come un soggetto portatore di bisogni e desideri propri.. c,perché ciò avvenga è però indispensabile che sia prima l'adulto, colui che è il primo specchio del bambino, a riconoscerlo come tale. «Creare lo spazio di transizione, concretizzato da un ambiente e da oggetti specifici, sostiene inoltre il bambino nella percezione dell'esistenza, per lui, di due realtà diverse: famiglia e Nido. Si tratta di una percezione che investe un doppio processo: uno mentale di diversificazione del reale, uno sociale di immissione del bambino nel suo primo contesto di "socializzazione" (ibid.). L'Educatore Risulta evidente che in tale modalità di inserimento assume ruolo fondamentale l'operatore del NidO; come organizzatore del contesto, non più unico mediatore di un"passaggio del bambino da adultogenitore ad adulto-educatore, ma come mediatore tra altri mediatori (spazio, tempi, oggetti). Strumento fondamentale l'osservazione innazitutto delle dinamiche di relazione tra genitore e bambino, poi del tipo di investimento affettivo che il bambino opera nei confronti dello spazio e degli oggetti, poi ancora di come temporalizza il distacco del genitore. 4

5 L'utilizzo dello strumento dell'osservazione significa essere, oltre che organizzatore, contemporaneamente, partner d'ascolto del bambino; cioè porsi su un piano di ricettività a sfondo tonicoemozionale, condividere l'emozionalità del bambino senza esserne invaso, mantenere - attraverso la capacità di decentrarsi rispetto al proprio essere in situazione- la capacità di far evolvere la transizione. L'obiettivo primo dell' operatore, per mettere a punto questa modalità di inserimento, è infatti proprio la capacità di decentrarsi rispetto alla propria "emozionalità"per investire (e quindi per consentire al bambino di investire) lo spazio e gli oggetti in modo da poterli poi usare come veicoli di comunicazione, come mediatori nella relazione con il bambino come "sostituti" del proprio corpo di adulto. Aspetti fondamentali di queste modalità comunicative sono poi tutti i linguaggi non verbali come gli sguardi, la mimica, le posture, il gesto, il movimento in genere e la sua lentezza affiancati da un uso calibrato del linguaggio verbale. I "Piccoli" Una articolazione diversa di questa modalità di inserimento viene messa in atto per il bambino "Piccolo" che non ha ancora raggiunto la prima organizzazione della continuità dello spazio così come la prima forma di rappresentazione mentale (3-12 mesi circa). Innanzitutto lo spazio di inserimento non è quello di "Entrata ed Uscita", ma quello della sezione: un unico spazio -articolato a percorsi con angoli fissi -che si pone come contenitore che garantisce il mantenimento dello spazio di fusionalità tra bambino ed adulto. Il passaggio che si opera in questo caso investe l'adulto che "garantisce" la non rottura dello spazio fusionale e quindi del contatto: dal gestore all'educatore. In questo senso quindi l'educatore si "sostituisce" al genitore: non come persona sostituitiva del genitore assente, ma come corpo-adulto che diviene il garante della globalità di essere del bam - Bino ali interno del rapporto (e dello spazio) fusionale. Il bambino "Piccolo" infatti vive la condizione di coscienza indistinta tra sé e fuori da sé; ed è la presenza, relativamente costante, dell' adulto che preserva il bambino dall'angoscia della perdita insieme all'adulto di,parti.,di sé. L'educatore attua questo passaggio facendosi, in un certo senso, specchio del genitore, riuscendo a capire gli atteggiamenti ed i comportamenti del ge - nitore che sono significativi per il bambino, per poi riprodurli adattandoli alla nuova situazione-nido. È in un momento successivo che l'educatore allarga il rapporto fusionale, consentendo così al bambino di investire gli elementi (spazio ed oggetti) già presenti nel contesto (lo spazio fusionale della sezione) che diventano, a loro volta, sostitutivi dell'adulto e del.. suo corpo. Angoli della sezione in cui collocare il 5

6 care il bambino (soprattutto se non deambula), in cui collocarsi come adulto (a richiamo del bambino che gìà deambula) ed oggetti da offrire direttamente o da mettere a disposizione variano secondo l'età del bambino "Piccolo", secondo le sue capacità senso-motorie. Ancora di più che per le altre fasce d'età acquistano importanza, per l'inserimento dei "Piccoli", le posture dell'adulto, la tonicità del suo corpo, la conoscenza dei significati dei diversi modi di tenere in braccio il bambino, la lentezza nei movimenti, l'accuratezza nel non uscire bruscamente dal campo visivo del bam. bino e nel mostrarsi chiaramente in volto, la mimica,.lo sguardo (di contatto), ìl tono morbido della voce. Il genitore Il genitore rappresenta per il Nido oltre che il partner affettivo del bambino, anche il "sociale", l'interlocutore che porta, accanto ai bisogni che determinano la richiesta del servizio, una cultura sul proprio bambino e sull'infanzia in genere. Rispettare questi bisogni e questa cultura, senza atteggiamenti né moralistici né didattici sull' educazione, è il punto di partenza per un confronto che favorisce il passaggio del genitore da partner affettivo a partner sociale. Questo confronto investe un duplice versante: da una parte consente la conoscenza più approfondita del bambino (singolo e gruppo) e quindi la messa a punto di strumenti di intervento sempre più adeguati; dall'altra consente una crescita collettiva degli adulti, educatori e genitori, che fa del Nido un luogo di cultura sull'infanzia inteso come spazio di riflessione sui suoi bisogni reali. La parità sul piano della comunicazione tra educatori e genitori è il prerequisito di ogni inserimento al Nido; di conseguenza competenze di tipo relazionale sono elementi fondamentali della professionalità dell'educatore che, dall'approccio con il genitore singolo (partner affettivo), deve sviluppare un percorso che lo traduca in interlocutore sociale. Il percorso comprende dalla sempli- ce,informazione sull' organizzazione del Nido, alla illustrazione del Progetto Educativo, all'apertura in esso di uno spazio autonomo per i genitori da cui scaturisce la rilevazione dei loro bisogni sia di servizio che affettivo-culturali nei confronti del bambino. Dalle risposte che il Nido è poi capace di dare procede il confronto collettivo con i genitori. Con la consapevolezza che il rapporto con i genitori investe sia il gruppo degli utenti, nella sua globalità ed articolazioni di composizione, che ogni singolo genitore, mettere a punto un percorso culturale con i genìtori (e si sottolinea con, perché l'obiettivo non è "far crescere" i genìtori, ma far procedere il rapporto di reciproca conoscenza-confronto tra istituzione educativa e genìtori-utenti con la finalità convergente di meglio conoscere il bambino) signìfica innanzitutto avere informazionì sulla composizione socio-culturale del gruppo-utente. Ciò costituisce la prima forma di conoscenza e la prima base su cui formulare ipotesi da verificare in merito anche a temi e contenuti per mettere a punto il percorso suddetto. Per esempio un contenuto, ormai ricorrente, come "l'alimentazione" avrà interesse ed articolazionì di interesse diversi secondo la composizione prevalente del gruppo di utenti; una tale conoscenza permetterà agli operatori di meglio valutare se e come affrontare questo argomento. Se poi rivolgersi al gruppo di utenti signìfica prevalentemente mettere a punto strumenti per l'informazione ed individuare contenuti su cui confrontarsi in gruppo, rivolgersi al genitore singolo investe, accanto a questo, il campo della comunìcazione interpersonale. Il Collettivo degli Operatori del Nido, inteso come strumento di lavoro, programma l'inserimento nei confronti dei bambini e dei genìtori: definisce i presupposti, gli obiettivi, gli strumenti e i tempi; assume la metodologia comune definita da! Progetto; definisce strumenti di verifica. La programmazione nei confronti dei genìtori, visti nella loro duplice veste prevede diversi strumenti da articolarsi secondo la precedente analisi dell'utenza indicata: prima dell'inserimento - incontri con i genitori dei bambini nuovi iscritti per la conoscenza del Nido; - colloqui non-direttivi con il singolo genìtore o la coppia sulle abitudini del bambino. dopo l'inserimento -questionario che, a partire da alcune domande aperte, ha una triplice funzione: * approfondire le abitudinì del bambino per la qualità della relazione con lui; * invito indiretto al genìtore per farlo riflettere sulle abitudini e sullo stile educativo che adotta nei confronti del figlio; * veicola la comunìcazione tra educatore e genitore. nel corso dell'anno: -assemblee generali di tutti i genitori (minimo2 in un anno) -assemblee di Sezione (circa 2 in un anno), -incontri individuali (circa 2 nel corso dell'anno) le cui date sono indicativamente stabilite nella Programmazione dei rapporti con i. genitori" redatta dall'educatrice responsabile di questo ruolo a settembre/ottobre. In tali incontri si discute il Progetto Educativo in relazione al singolo ed al gruppo di bambini a partire dalla presentazione ai genìtori di osservazioni scritte delle educatrici, videoregistrazioni, diapositive, foto grafie delle esperienze condotte. Nella seconda metà dell'anno scolastico sono poi previste delle giornate aperte in cui vengono organizzati piccoli gruppi di genitori chc partecipano a tutto ciò che quotidianamente si svolge nel Nido. Agli incontri con i genìtori è prevista, secondo la necessità, la presenza del Coordinatore pedagogico de Nido. La relazione a cura del Coord,inament Pedagogico-Didattico del Comune di Livorno, è stata presentata al Convegno Nazionale Nidi di Ancona (1986). 6

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE

SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE CORSO SULLA PSICOMOTRICITA' LA PSICOMOTRICITA E IL LUOGO DEL SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE CONOSCENZA DI SE' ORGANIZZAZIONE DEL MOVIMENTO COORDINAZIONE DINAMICA GENERALE PERCEZIONE E REGOLAZIONE DEL MOVIMENTO

Dettagli

Programmazione Nido Monti 2014-2015

Programmazione Nido Monti 2014-2015 Programmazione Nido Monti 2014-2015 OBIETTIVI GENERALI L obiettivo generale è ambientare il bambino nel contesto educativo e relazionale dell Asilo Nido rispettando e valorizzando l individualità del bambino

Dettagli

LUDUS IN FABULA Baby Parking - Spazio Bimbi 13 36 mesi

LUDUS IN FABULA Baby Parking - Spazio Bimbi 13 36 mesi LUDUS IN FABULA Baby Parking - Spazio Bimbi 13 36 mesi Premessa Il Baby Parking/Spazio Bimbi è un servizio socio-educativo che può accogliere bambini dai 13 ai 36 mesi, dal lunedì al venerdì, fino a 6

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C a.s. 2013-2014 Il percorso che quest'anno vogliamo realizzare è alfabetizzare alle emozioni e nasce dall'esigenza di fornire al bambino strumenti

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA

SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA 1 Il suddetto progetto consiste in una serie di proposte atte a promuovere un graduale inserimento alla Scuola dell Infanzia

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 grado Via Porta Buia - Arezzo Tel. 0575/20626 Fax 0575/28056 e mail: media.cesalpino@tin.it sito internet: www.iccesalpino.it

Dettagli

Girogirotondo e Girogirotondo 2. Progetto pedagogico Micro-Nido Bivio Montegelli e Sogliano al Rubicone

Girogirotondo e Girogirotondo 2. Progetto pedagogico Micro-Nido Bivio Montegelli e Sogliano al Rubicone Girogirotondo e Girogirotondo 2 Progetto pedagogico Micro-Nido Bivio Montegelli e Sogliano al Rubicone Se pensiamo ai cambiamenti avvenuti nell organizzazione socio-familiare, le famiglie sempre più mononucleari

Dettagli

L asilo nido nato negli anni settanta come servizio soprattutto per le donne lavoratrici è diventato nel corso degli anni un servizio socioeducativo

L asilo nido nato negli anni settanta come servizio soprattutto per le donne lavoratrici è diventato nel corso degli anni un servizio socioeducativo Nido d Infanzia Prosecco PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 1 LE FINALITA DELL ASILO NIDO L asilo nido nato negli anni settanta come servizio soprattutto per le donne lavoratrici è diventato

Dettagli

SEZIONE SPAZIO-BAMBINI

SEZIONE SPAZIO-BAMBINI SCUOLA MATERNA GIOVANNI XXIII VIA ALDO MORO 23 47020 RONCOFREDDO FC SEZIONE SPAZIO-BAMBINI SCHEDA SERVIZIO La scuola materna Giovanni XXIII con l apertura del servizio spazio-bambini ha cercato di sviluppare

Dettagli

LA SALA DELLE FARFALLE

LA SALA DELLE FARFALLE GIOCHI D INTIMITA CON LA CREMA Obiettivi: Favorire il rilassamento. Promuovere e consolidare la percezione dello schema corporeo. Incentivare la relazione di fiducia tra adulto e bambino. Stimolare la

Dettagli

PROGETTO di INSERIMENTO e ACCOGLIENZA

PROGETTO di INSERIMENTO e ACCOGLIENZA PROGETTO di INSERIMENTO e ACCOGLIENZA INSEGNANTI DI RIFERIMENTO: Scainelli Stefania e Pallotti Alessandra PREMESSA - L INGRESSO ALLA SCUOLA DELL INFANZIA. L ingresso alla Scuola dell Infanzia è una tappa

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario...

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... per avere lo spazio dove ascoltare le esigenze di ogni bambina

Dettagli

Il nostro Ludobus sostiene e promuove i Progetti Nati per Leggere e Nati per la Musica.

Il nostro Ludobus sostiene e promuove i Progetti Nati per Leggere e Nati per la Musica. CHI SIAMO Melarancia è una cooperativa sociale di tipo A nata nel 1991 che opera nella provincia di Pordenone. E composta da un gruppo di tecnici dell educazione che si occupa di servizi all infanzia:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO GIOCHI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO GIOCHI COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA Provincia di Reggio Emilia Assessorato Pubblica Istruzione REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO GIOCHI. SPAZIO BAMBINI GENITORI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 ORGANIZZAZIONE La scuola accoglie i bambini da 3 a 6 anni. E aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30

Dettagli

Sottogruppo progetto pedagogico

Sottogruppo progetto pedagogico COORDINAMENTO PEDAGOGICO PROVINCIALE Sottogruppo progetto pedagogico Macro punti di riflessione del gruppo a partire dal 2004 ad oggi Principali tematiche: A) Il progetto pedagogico analizzato nei suoi

Dettagli

Centro d Infanzia Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Centro d Infanzia Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE COCCINELLE Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato A cura dell Educatrice: Moranduzzo Monica 1 PROGETTO

Dettagli

ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai.

ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai. ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai.it PROGETTO PEDAGOGICO SEZIONE GRANDI La sezione è composta da 21 bambini

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

Servizio integrativo CENTRO BAMBINE-BAMBINI / CENTRO BAMBINO-GENITORI

Servizio integrativo CENTRO BAMBINE-BAMBINI / CENTRO BAMBINO-GENITORI Progetto pedagogico educativo - organizzativo Servizio integrativo CENTRO BAMBINE-BAMBINI / CENTRO BAMBINO-GENITORI spazi: La conformazione particolare del centro bambini/e, strutturato come open space,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 1 di 8 SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 2 di 8 1. PREMESSA La scelta pedagogica di istituire la sezione Primavera, all interno della Scuola

Dettagli

Progetto educativo per i bambini anticipatari

Progetto educativo per i bambini anticipatari Progetto educativo per i bambini anticipatari PREMESSA La questione dell anticipo deve essere affrontata facendo riferimento a discipline quali la psicologia dello sviluppo, la pedagogia e l organizzazione

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

Le illustrazioni sono tratte dalla storia "Mario e la gatta Lulù"

Le illustrazioni sono tratte dalla storia Mario e la gatta Lulù IL PROGETTO Il Progetto Educativo per lo Sviluppo e l'apprendimento si sviluppa nella cornice narrativa della storia "Mario e la gatta Lulú". Questa storia è stata scelta con il fine di valorizzare e facilitare

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO Premessa NOI SIAMO PARTE DELLA TERRA ED ESSA È PARTE DI NOI INSEGNATE AI VOSTRI BAMBINI CHE LA TERRA È NOSTRA

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI

LA CARTA DEI SERVIZI Carta dei Servizi LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è il principale strumento di un organizzazione per far conoscere i progetti che realizza, per informare sulle risorse e le attività a disposizione,

Dettagli

MOTIVAZIONE: Tratto da http://www.canossianevilla.it/wp/piano-di-lavoro-annuale-routine-che-accolgono/

MOTIVAZIONE: Tratto da http://www.canossianevilla.it/wp/piano-di-lavoro-annuale-routine-che-accolgono/ Piano di lavoro annuale: Routine che accolgono Istituto Canossiano Villafranca di Verona Esperienze realizzate con tutti i bambini della scuola Da settembre 2012 a giugno 2013 Tratto da http://www.canossianevilla.it/wp/piano-di-lavoro-annuale-routine-che-accolgono/

Dettagli

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta LE STAGIONI CI ACCOMPAGNANO NEL MONDO DEI COLORI Questo progetto è rivolto ai bambini di 3 anni, che pur non essendo ancora del

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DIREZIONE DIDATTICA DI CASTEL MAGGIORE PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA Nelle Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati delle Attività Educative nella Scuola dell Infanzia

Dettagli

IL SERVIZIO EDUCATIVO DELLA SEZIONE PRIMAVERA

IL SERVIZIO EDUCATIVO DELLA SEZIONE PRIMAVERA Istituto Figlie di Gesù Scuola dell Infanzia Paritaria San Luigi SEZIONE PRIMAVERA Via Alle Grazie,8-54100 Massa Tel. Fax 0585-451367 IL SERVIZIO EDUCATIVO DELLA SEZIONE PRIMAVERA 1) AMBITO CULTURALE E

Dettagli

AMIGOS servizi per l infanzia, l adolescenza e le famiglie AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO

AMIGOS servizi per l infanzia, l adolescenza e le famiglie AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO CONTESTO: Un percorso di crescita e continuità educativa: bambini 0-6 anni La nostra struttura si occupa dell infanzia e della gioventù dal 2002 offrendo un servizio di Nido d

Dettagli

Comportamento e abilità nella Scuola dell Infanzia.

Comportamento e abilità nella Scuola dell Infanzia. Istituto Comprensivo di Rocchetta Tanaro 4.03.2013 Comportamento e abilità nella Scuola dell Infanzia. Roberto Lingua robertolingua@tiscali.it I bambini non sono diversi dalle rose nel loro sviluppo: nascono

Dettagli

Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda. Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica

Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda. Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica Anno scolastico 2013-2014 Premessa Insegnare religione cattolica nella

Dettagli

Progettazione annuale di sezione

Progettazione annuale di sezione ISTITUTO COMPRENSIVO GANDHI Via Mannocci, 23 59100 PRATO Scuola dell Infanzia Gandhi Progettazione annuale di sezione Sez. 1 ANNO SCOLASTICO 2014-15 PROGETTAZIONE ANNUALE DI SEZIONE SEZ. 1) CAMPI DI ESPERIENZA

Dettagli

CHE COS E LA CARTA DEI SERVIZI. L Asilo Nido LE GRIGNE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

CHE COS E LA CARTA DEI SERVIZI. L Asilo Nido LE GRIGNE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS 1 CHE COS E LA CARTA DEI SERVIZI La carta dei servizi è uno strumento di garanzia e di tutela dove vengono dichiarate le caratteristiche e le qualità del servizio erogato, In essa vengono esplicitati,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI ALSENO

SCUOLA DELL INFANZIA DI ALSENO SCUOLA DELL INFANZIA DI ALSENO PROGETTO ACCOGLIENZA MOTIVAZIONE L Ingresso alla Scuola dell Infanzia costituisce l inizio di un nuovo cammino, che vede il bambino il più delle volte alla sua prima esperienza

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Asilo Nido Causa Pia d Adda di Burago di Molgora

Asilo Nido Causa Pia d Adda di Burago di Molgora Asilo Nido Causa Pia d Adda di Burago di Molgora Per crescere insieme...! Amo gli inizi perché gli inizi mi riempiono di meraviglia! Crescere è incontrare il mondo, incontrare la realtà. Il bambino inizia

Dettagli

Scuola dell Infanzia Duchessa Elena d Aosta Progettazione 2014-2015 3-4-5 anni

Scuola dell Infanzia Duchessa Elena d Aosta Progettazione 2014-2015 3-4-5 anni Scuola dell Infanzia Duchessa Elena d Aosta Progettazione 2014-2015 3-4-5 anni PROGETTAZIONE 2014/2015 3-4-5 anni Settembre - metà ottobre Accogliere un bambino nella scuola dell infanzia significa riconoscere

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ORGANIZZATIVO E GESTIONALE ASILO NIDO SAN FRANCESCO DI SALES

PROGETTO EDUCATIVO ORGANIZZATIVO E GESTIONALE ASILO NIDO SAN FRANCESCO DI SALES PROGETTO EDUCATIVO ORGANIZZATIVO E GESTIONALE ASILO NIDO SAN FRANCESCO DI SALES ARTICOLAZIONE INTERNA DELLA SCUOLA DENOMINAZIONE DEL SERVIZIO: Asilo Nido San Francesco di Sales DATA DI AVVIO DEL FUNZIONAMENTO

Dettagli

Document Name Your Company Name (C) Copyright (Print Date) All Rights Reserved

Document Name Your Company Name (C) Copyright (Print Date) All Rights Reserved Document Name Your Company Name (C) Copyright (Print Date) All Rights Reserved 1 L a proposta dei progetti di seguito illustrati, ai quali se ne possono aggiungere altri in base ai bisogni e alle esigenze

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA SAN FRANCESCO

SCUOLA DELL'INFANZIA SAN FRANCESCO SCUOLA DELL'INFANZIA SAN FRANCESCO La scuola dell'infanzia San Francesco nasce a Piombino all'inizio degli anni sessanta nell'area della Chiesa dell'immacolata su richiesta della società ILVA che intendeva

Dettagli

IL FANTASTICO MONDO DEL CORPO IN MOVIMENTO

IL FANTASTICO MONDO DEL CORPO IN MOVIMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1º GRADO 93010 - D E L I A Via G. Dolce 8 Presidenza 0922-826570- Segreteria e Fax 0922-820290- Sc.Primaria 0922-820289 Sc.Dell Infanzia

Dettagli

SCUOLA STATALE DELL INFANZIA QUADRIFOGLIO MADONNA DI TIRANO

SCUOLA STATALE DELL INFANZIA QUADRIFOGLIO MADONNA DI TIRANO SCUOLA STATALE DELL INFANZIA QUADRIFOGLIO MADONNA DI TIRANO PROGETTO DI SEDE Destinatari : Bambini tra i due e i tre anni Tempi : da settembre 2015 a giugno 2016 RESPONSABILE DEL PROGETTO : Cairoli Renata

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO

Dettagli

PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO

PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO www.lanotainpiu.it CONDIVIDERE LA MUSICA, PERCHE?: Aderire al lavoro comune e alle sue prerogative:

Dettagli

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità COMUNE DI BOLOGNA ALLEGATO al: PROTOCOLLO D INTESA tra IL COMUNE DI BOLOGNA E IMPRESE, COOPERATIVE E ASSOCIAZIONI PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE TATA BOLOGNA PER UN SERVIZIO DI BABY SITTER.

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO. A scuola SerenaMente

UNITA DI APPRENDIMENTO. A scuola SerenaMente UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Situazione diagnostica A scuola SerenaMente Il primo giorno di scuola non è lo stesso per tutti i bambini. Per alcuni, si tratta di ritornare in un posto lasciato solo

Dettagli

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia ABSTRACT PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia La riforma del sistema scolastico ha delineato nuovi possibili scenari all interno dei quali devono

Dettagli

Progetto Educativo della scuola dell infanzia

Progetto Educativo della scuola dell infanzia Progetto Educativo della scuola dell infanzia Istituto Minutoli - scuola paritaria primaria e dell infanzia Via R. Paolucci, 5 - Palermo Tel. 091 6711022 info@istitutominutoli.it www.istitutominutoli.it

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO SEZIONE PRIMAVERA a. sc. 2010-11

PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO SEZIONE PRIMAVERA a. sc. 2010-11 Scuola dell'infanzia Paritaria MADRE TERESA QUARANTA Istituto con Sistema di Qualità certificato PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO SEZIONE PRIMAVERA a. sc. 2010-11 Via Taranto, 42 Grottaglie (TA), e-mail: ist.mt

Dettagli

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5 SCUOLA DELL'INFANZIA "PANTANO" PROGETTI CURRICULARI Anno Scollastico 2013 -- 2014 INDICE 1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA NIDO DON LUCIANO SARTI Segreteria: Via Palestro 38 40024 Castel San Pietro Terme 051 944590 donlucianosarti@libero.it Sede: Via Palestro 32 40024 Castel San Pietro Terme 051

Dettagli

CURIOSANDO TRA GLI SCAFFALI Bollettino di informazione per la scuola dell'infanzia

CURIOSANDO TRA GLI SCAFFALI Bollettino di informazione per la scuola dell'infanzia CURIOSANDO TRA GLI SCAFFALI Bollettino di informazione per la scuola dell'infanzia Il secondo numero del bollettino approfondisce la tematica riguardante l' organizzazione degli spazi all'interno e all'esterno

Dettagli

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO INCLUSIONE Integrazione Alunni disabili DSA BES TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO.LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA L inclusione è un

Dettagli

Nido d infanzia privato Il Mago di Oz CARTA DEL SERVIZIO

Nido d infanzia privato Il Mago di Oz CARTA DEL SERVIZIO Nido d infanzia privato Il Mago di Oz CARTA DEL SERVIZIO Anno educativo 2016/2017 CARTA DEL SERVIZIO NIDO D INFANZIA PRIVATO IL MAGO DI OZ Sede Piazza Garibaldi, n. 8/9-56019 Vecchiano (Pisa) Recapiti

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI NIDI D'INFANZIA

CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI NIDI D'INFANZIA Area Servizi Educativi CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI NIDI D'INFANZIA Nidi d Infanzia comunali Elenco alla pagina: www.comune.torino.it/servizieducativi/nidicomunali Settembre 2015 www.comune.torino.it/cartaqualita

Dettagli

INGRESSO SCUOLA INFANZIA. BAMBINI/E DI 3 ANNI

INGRESSO SCUOLA INFANZIA. BAMBINI/E DI 3 ANNI INGRESSO SCUOLA INFANZIA. BAMBINI/E DI 3 ANNI L ingresso nella Scuola dell Infanzia è un momento di crescita per i bambini, ma anche un momento delicato, talvolta difficile, per le implicazioni emotive

Dettagli

CENTRO BAMBINI E GENITORI IL BRUCO MAGICO

CENTRO BAMBINI E GENITORI IL BRUCO MAGICO CENTRO BAMBINI E GENITORI IL BRUCO MAGICO Via Allende 357, Bertinoro Tel. 0543-445105 ilbruco@acquarellocoop.it www.nidocbgbertinoro.it Centro Bambini e Genitori IL BRUCO MAGICO Indirizzo: Via Allende

Dettagli

Parrocchia Conversione San Paolo Apostolo-San Paolo D Argon- Progetto educativo 2014/2015 SPAZIO-GIOCO 0/3

Parrocchia Conversione San Paolo Apostolo-San Paolo D Argon- Progetto educativo 2014/2015 SPAZIO-GIOCO 0/3 Parrocchia Conversione San Paolo Apostolo-San Paolo D Argon- Progetto educativo 2014/2015 SPAZIO-GIOCO 0/3 Un luogo di incontro, di relazione, di dialogo. PER STARE INSIEME NATURALMENTE. 1 INTRODUZIONE

Dettagli

Promuovere la lettura precoce ad alta voce Verona Palazzo della Sanità 12 aprile 2012

Promuovere la lettura precoce ad alta voce Verona Palazzo della Sanità 12 aprile 2012 Promuovere la lettura precoce ad alta voce Verona Palazzo della Sanità 12 aprile 2012 Paola Campara Referente NPL ULSS 20 Verona Servizio Promozione ed Educazione alla Salute Valenza psicologica e relazionale

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

LA MEDIAZIONE FAMILIARE

LA MEDIAZIONE FAMILIARE LA MEDIAZIONE FAMILIARE Nel corso dell ultimo decennio, in Italia, si è organizzato un movimento di opinione con lo scopo di promuovere con un approccio conciliativo e sull esempio di esperienze internazionali

Dettagli

I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO?

I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO? I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO? Il Lavoro di cura fisica e psichica necessaria al benessere e alla crescita del bambino è parte integrante del Progetto Educativo

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri Scuola Media di Serravalle Maggi Marco Con su len t e edu ca t i vo Esper t o i n pr ocessi for m a t i vi I st r u tt or e Met od o Gor d on Progetto FILO DIRETTO con se stessi e gli altri Proposte di

Dettagli

BUONA PRATICA n.1 -Scuola Infanzia

BUONA PRATICA n.1 -Scuola Infanzia BUONA PRATICA n.1 -Scuola Infanzia Titolo GENITORI LETTORI Questo percorso, all interno del progetto lettura, nasce dalla convinzione che la lettura ha un ruolo decisivo nella formazione culturale di ogni

Dettagli

Documentazione delle attività di ruotine

Documentazione delle attività di ruotine Istituto Comprensivo Statale C. Tura- Pontelagoscuro- Ferrara Sezione infanzia statale G. Rossa Documentazione delle attività di ruotine La documentazione delle esperienze proposte è un aspetto molto importante

Dettagli

Progetto di rete L.I.S.A.

Progetto di rete L.I.S.A. ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO VIA AGELLI 10 63027 PETRITOLI Tel e fax 0734 658180 www.iscpetritoli.it e-mail: isc.petritoli@libero.it Progetto di rete L.I.S.A. (Laboratorio Istituti Scolastici Autonomi)

Dettagli

Micronido BIM BUM BAM!!

Micronido BIM BUM BAM!! Micronido BIM BUM BAM!! Per i bimbi fino ai 3 anni aperto tutto l'anno dalle 07.30 alle 18.30 (orari e frequenze liberi!!) per info.: 049 9387559 via Dante, 5\B a Trebaseleghe CARTA DEI SERVIZI settembre

Dettagli

PROGRAMMAZIONE A.S. 2014/2015 EXPO: PIANETA MILANO

PROGRAMMAZIONE A.S. 2014/2015 EXPO: PIANETA MILANO SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MARIA MATER MEA VIA PUSIANO, 57 MILANO Tel. 02/2722141 Fax 02/2722143 e-mail. Mariamatermea@ libero.it PROGRAMMAZIONE A.S. 2014/2015 EXPO: PIANETA MILANO Questo progetto

Dettagli

Progetto educativo della Sezione primavera I cuccioli della San Vincenzo

Progetto educativo della Sezione primavera I cuccioli della San Vincenzo Progetto educativo della Sezione primavera I cuccioli della San Vincenzo Caratteristiche strutturali della scuola e della Sezione Primavera I cuccioli della San Vincenzo La scuola ha sede a Senigallia

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

ed elaborare il parziale e breve distacco dalle figure genitoriali per avviare nuovi investimenti, che se ti

ed elaborare il parziale e breve distacco dalle figure genitoriali per avviare nuovi investimenti, che se ti ASILO NIDO COMUNALE DI GAVIRATE PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2012/2013 DIVENTARE GRANDI TRA EMOZIONI E REGOLE Per insegnare INSERIMENTO bisogna L inserimento prevede la frequenza del emozionare. bambino

Dettagli

Attività Motoria Evolutiva e Anziani

Attività Motoria Evolutiva e Anziani Attività Motoria Evolutiva e Anziani Maria Chiara Gallotta Stanza 59 1 piano palazzo IUSM Tel 06 36733211 mariachiara.gallotta@uniroma4.it Ricevimento Martedì 10:00-12:00 Il gioco Giocando s impara e si

Dettagli

Scuola Primaria. LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda

Scuola Primaria. LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda Circolo Didattico Collodi-Gebbione Scuola Primaria Anno Scolastico 2010/2011 LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda Premessa Il bambino quotidianamente vive in un mondo caratterizzato dalla presenza

Dettagli

UNA SCUOLA VERDE E BLU

UNA SCUOLA VERDE E BLU La Scuola dell Infanzia si propone come contesto di relazione, di cura e di apprendimento nel quale le sollecitazioni che i bambini sperimentano nelle loro esperienze possono essere filtrate, analizzate

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA Istituto Comprensivo Rita Levi Montalcini Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA Motivazione: Necessità di accogliere i bambini in modo personalizzato e di farsi carico delle

Dettagli

M.Cristina Stradi 2011 1

M.Cristina Stradi 2011 1 M.Cristina Stradi 2011 1 Il gioco riposa e diverte. Evoca un attività non soggetta a costrizioni, ma anche priva di conseguenza per la vita reale. Si contrappone alle serietà di questa e viene perciò considerato

Dettagli

ASILO NIDO MINIMONDO LIBRETTO ILLUSTRATIVO

ASILO NIDO MINIMONDO LIBRETTO ILLUSTRATIVO ASILO NIDO MINIMONDO LIBRETTO ILLUSTRATIVO 1 Il nostro nido Minimondo.un luogo che offre la possibilità di instaurare rapporti significativi, relazioni vere, partecipazione e confronto, accoglienza ed

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ASILO NIDO IL POLLICINO a.s. 2013/2014

PROGETTO EDUCATIVO ASILO NIDO IL POLLICINO a.s. 2013/2014 PROGETTO EDUCATIVO ASILO NIDO IL POLLICINO a.s. 2013/2014 Dite: E faticoso frequentare bambini Avete ragione! Poi aggiungete: Perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inchinarsi, farsi piccoli.

Dettagli

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI BARBARA PISCINA Animatrice pedagogica cell. 3286766227 e-mail barbara.piscina@fastwebnet.it PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI Il percorso di formazione vuole essere l occasione per riflettere

Dettagli

Allegato 6 PROGETTO EDUCATIVO. Obiettivi e principi psico-pedagogici

Allegato 6 PROGETTO EDUCATIVO. Obiettivi e principi psico-pedagogici Allegato 6 PROGETTO EDUCATIVO Obiettivi e principi psico-pedagogici L istituzione dell asilo nido per bambine e bambini da tre mesi a tre anni di vita, rappresenta un ulteriore servizio rivolto al personale

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA Obiettivi generali del processo formativo Costituiscono la base progettuale degli aspetti pedagogico didattici ed organizzativi dell attività didattica.

Dettagli

PIANO OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO SCOLASTICO MARIA MONTESSORI VIA F.DE ROBERTO,2 - SCOGLIERA ACICASTELLO CATANIA TEL. 095 491084 340 5147906

PIANO OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO SCOLASTICO MARIA MONTESSORI VIA F.DE ROBERTO,2 - SCOGLIERA ACICASTELLO CATANIA TEL. 095 491084 340 5147906 PIANO OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO SCOLASTICO MARIA MONTESSORI VIA F.DE ROBERTO,2 - SCOGLIERA ACICASTELLO CATANIA TEL. 095 491084 340 5147906 ANNO SCOLASTICO 2013 2014 Scuola dell infanzia Presentazione

Dettagli

Un libro per amico. Obiettivi:

Un libro per amico. Obiettivi: Un libro per amico Nido d infanzia comunale Meridiana del Comune di Casalecchio di Reno Documentazione a cura di: Angela Mari, Lina Ventura In collaborazione con il CDP Centro Documentazione Pedagogico

Dettagli

Appunti tratti dal nostro. Anno scolastico 2015-2016 SCUOLA DELL INFANZIA. DIRIGENTE: prof. Giorgio Becilli. VICE PRESIDE: prof.

Appunti tratti dal nostro. Anno scolastico 2015-2016 SCUOLA DELL INFANZIA. DIRIGENTE: prof. Giorgio Becilli. VICE PRESIDE: prof. DIRIGENTE: prof. Giorgio Becilli VICE PRESIDE: prof. Daniela Volpi INSEGNANTE RESPONSABILE: Ada Sanarica segreteria: presso la Scuola Franchi DIRETTORE SGA: Dino Luccarelli Appunti tratti dal nostro orari

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo. Malala Yousafzai Premio Nobel per

Dettagli

L ARTE DI EMOZIONARSI

L ARTE DI EMOZIONARSI ISTITUTO COMPRENSIVO "PIERO FORNARA" DI CARPIGNANO SESIA Via Ettore Piazza, 5-28064 Carpignano Sesia (Novara) C.F.80015590039 Tel. 0321 825185 / 824520 - Fax. 0321 824586 website: http://share.dschola.it/carpignanosesia

Dettagli

NIDO FAMIGLIA "IL RITROVO DEI MONELLINI ONLUS" REGOLAMENTO

NIDO FAMIGLIA IL RITROVO DEI MONELLINI ONLUS REGOLAMENTO NIDO FAMIGLIA "IL RITROVO DEI MONELLINI ONLUS" REGOLAMENTO Art.1- Definizione e finalità del servizio Il nido famiglia "Il ritrovo dei monellini Onlus" è un servizio educativo e sociale per la prima infanzia

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

Le Coccole L ASILO NIDO PRESENTA LA CARTA DEI SERVIZI. Via Maestri del Lavoro, 1 Località Gambarara (Mantova) Tel. 0376 398982 isolabimbi@libero.

Le Coccole L ASILO NIDO PRESENTA LA CARTA DEI SERVIZI. Via Maestri del Lavoro, 1 Località Gambarara (Mantova) Tel. 0376 398982 isolabimbi@libero. I L A B S I o dei B I M PRESENTA L ASILO NIDO Le Coccole LA CARTA DEI SERVIZI Via Maestri del Lavoro, 1 Località Gambarara (Mantova) Tel. 0376 398982 isolabimbi@libero.it DITE: E faticoso frequentare i

Dettagli

Esperienze di scuole e nidi d infanzia ad indirizzo Montessori in zone ad alta complessità

Esperienze di scuole e nidi d infanzia ad indirizzo Montessori in zone ad alta complessità Esperienze di scuole e nidi d infanzia ad indirizzo Montessori in zone ad alta complessità a cura di Doriana Allegri Direzione Scuola, Sport e Politiche Giovanili Coordinamento Tecnico dei Servizi per

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO

SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO Secondo i campi d esperienza PREMESSA Come si ritroverà nei successivi ordini di Scuola del nostro Istituto Comprensivo, abbiamo tratto dal Sito dell Indire le

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli