dell'istituto Universitario Federale per la Formazione Professionale IUFFP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "dell'istituto Universitario Federale per la Formazione Professionale IUFFP"

Transcript

1 Rapporto di gestione dell'istituto Universitario Federale per la Formazione Professionale IUFFP relativo all'anno 2010 Seite 1

2 Indice 1. L'essenziale in breve Quadro generale delle prestazioni fornite Lo IUFFP in breve Grado di raggiungimento degli obiettivi Allegati...19 Pagina 2

3 1. L'essenziale in breve Durante l'anno considerato nel rapporto siamo stati confrontati con varie sfide, sia dal profilo quantitativo sia da quello qualitativo. Nell'ambito dell'attività principale dello IUFFP, la richiesta nel contesto della formazione dei responsabili della formazione professionale è quasi raddoppiata rispetto al 2007, cioè all'anno in cui ha iniziato la sua attività lo IUFFP. Sviluppo analogo anche per quanto riguarda l'assistenza alle organizzazioni del mondo del lavoro OML in relazione alle riforme professionali. Nel 2010 lo IUFFP ha accompagnato 88 organizzazioni del mondo del lavoro durante la messa in atto delle professioni riformate risp. nell'introduzione di nuove professioni. Nel 2008 le OML assistite erano state 29. Di conseguenza è stato necessario formare circa il 34% di perite e periti d'esame in più per far fronte alle procedure di qualificazione aggiornate. Al tempo stesso siamo riusciti ad estendere le attuali cooperazioni in materia di ricerca instaurate con le Leading House nonché con altri atenei e istituti di ricerca. Il contributo finanziario annuale della Confederazione versato allo IUFFP per il periodo è fisso ed è stato stabilito sulla base delle prestazioni del Nonostante gli oneri supplementari è stato possibile adempiere il mandato di prestazioni del Consiglio federale senza restrizioni dal profilo qualitativo e quantitativo. Le prestazioni supplementari necessarie hanno tuttavia influito negativamente sul risultato contabile. Il conto annuale si chiude, infatti, con una perdita di CHF mio ab. Per effetto dell'aumento dei ricavi risultanti dalle prestazioni a favore di terzi e dagli emolumenti, nonché grazie agli sforzi di risparmio, nell'anno considerato nel rapporto la situazione finanziaria ha potuto essere tenuta sotto controllo, nonostante l'incremento delle prestazioni e il sensibile aumento dei costi salariali. In questo contesto si è rivelato determinante il finanziamento supplementare dell'ufft per le prestazioni che non sono coperte dal contributo finanziario della Confederazione. Nell'ambito dei lavori preliminari per il mandato di prestazioni sarà necessario concretizzare ulteriormente la gestione delle prestazioni dello IUFFP dal profilo quantitativo e finanziario. Il fatto che tutti i cicli di studio siano stati riconosciuti dall'ufft dimostra che, nonostante le forti pressioni di rendimento, siamo comunque riusciti a raggiungere gli standard qualitativi richiesti. Secondo il giudizio delle esperte e degli esperti chiamati in causa, l'armonizzazione dei cicli di studio avviata nel 2007 è conforme al mandato dello IUFFP. Sono dunque state gettate le basi per lo sviluppo delle strategie didattiche specifiche alle singole professioni nonché delle esigenze particolari dei vari partner. Dalle valutazioni condotte presso il corpo studenti è emerso un elevato grado di soddisfazione. Anche i primi risultati delle valutazioni dei corsi di formazione continua nonché delle formazioni per perite e periti d'esame testimoniano dell'alta qualità delle offerte IUFFP. Nel corso dell'anno considerato nel rapporto, il ciclo di studio Master of Science in formazione professionale dello IUFFP è stato accreditato dall'istituto d'accreditamento AQUIN. I primi diplomati hanno ottenuto il loro titolo di master nel mese di ottobre. Grazie alla gestione delle offerte a livello nazionale e al raggiungimento di una massa critica di studentesse e studenti, lo IUFFP è stato in grado di soddisfare in modo fondato l'esigenza di un'applicazione uniforme manifestata dai partner. Nell'estate 2010 il Controllo federale delle finanze ha effettuato una revisione di vigilanza finanziaria. In tale occasione ha constatato che la struttura organizzativa dello IUFFP è confacente alla struttura dei compiti e conforme ai requisiti legali (è opportuno introdurre strumenti di pianificazione e di gestione più efficienti) e che non vi sono indizi che lascerebbero presagire un impiego economicamente irrazionale dei mezzi. Pagina 3

4 È lecito presupporre che le prestazioni, la struttura e il consolidamento dello IUFFP soddisfano le esigenze della formazione professionale svizzera. In particolare nella Svizzera tedesca, diverse alte scuole pedagogiche hanno attivato anch esse cicli di studio per la formazione delle risp. dei responsabili della formazione professionale. Resta da vedere se sia disponibile la massa critica di studentesse e studenti per trasmettere le necessarie conoscenze didattiche specifiche del campo professionale presso più istituti. Sono per contro da giudicare positive le varie cooperazioni dello IUFFP con le alte scuole pedagogiche per quanto riguarda la formazione complementare delle e dei docenti liceali per l'insegnamento nelle scuole di maturità professionale: queste collaborazioni permettono di combinare in modo ottimale le competenze delle alte scuole pedagogiche con quelle specifiche alla formazione professionale dello IUFFP a tutto vantaggio dei futuri responsabili della formazione professionale. 2. Quadro generale delle prestazioni fornite Formazione dei responsabili della formazione professionale Nel 2010, nelle tre regioni linguistiche sono stati consegnati complessivamente 769 diplomi e certificati. Diplomi (attività a titolo principale) 2010 Svizzera tedesca 60 Romandia 85 Svizzera italiana 29 Totale 174 Certificati (attività accessoria/formazione complementare per 2010 docenti con abilitazione all insegnamento liceale) Svizzera tedesca 280 Romandia 86 Svizzera italiana 38 Totale 595 Le nuove offerte lanciate in collaborazione con le alte scuole pedagogiche di Berna, Turgovia, Vaud e BEJUNE per la qualificazione supplementare delle risp. dei docenti liceali riscontrano forte gradimento: sono circa 180 le persone in formazione che si sono iscritte a questi moduli nell anno considerato nel rapporto. Master of Science in formazione professionale Lo IUFFP ha conferito per la prima volta il titolo protetto di "Master of Science in formazione professionale". Nel contesto della cerimonia di consegna dei diplomi sono state presentate e discusse in modo esaustivo due tesi di master. Tutte le persone titolari di un master che si sono diplomate finora hanno trovato un posto di lavoro attrattivo. Formazione continua dei responsabili della formazione professionale Il numero di partecipanti ai corsi e ai cicli di formazione continua varia notevolmente di anno in anno e da una regione all'altra. La sfida per lo IUFFP consiste nello strutturare le offerte Pagina 4

5 sul piano tematico e organizzativo in modo da garantire la propria esistenza sul mercato della formazione continua. Nel 2010, a livello nazionale, sono stati formati, risp. hanno seguito una formazione continua, complessivamente 8965 perite e periti d'esame. Ciò equivale ad un aumento del 34% rispetto al Numero di partecipanti nei corsi per perite e periti d'esame Sede Partecipanti ai corsi PEX a Zollikofen Partecipanti ai corsi PEX a Losanna Partecipanti ai corsi PEX a Lugano Offerte di sostegno nell'ambito delle riforme professionali Il 2010 è stato l'anno in cui è diventato operativo il quinto dipartimento dello IUFFP, ovvero il Centro per lo sviluppo delle professioni. Oltre a realizzare le strutture e a definire le modalità organizzative, si è trattato di far fronte alla crescente richiesta di prestazioni di sostegno durante l'applicazione delle nuove ordinanze in materia di formazione (offerta finanziata dalla Confederazione). Nel corso del 2010 lo IUFFP ha accompagnato 28 organizzazioni del mondo del lavoro durante l'elaborazione delle nuove ordinanze in materia di formazione (su incarico e con il finanziamento della rispettiva organizzazione del mondo del lavoro). Nell'anno considerato nel rapporto, lo IUFFP ha prestato assistenza (finanziata dalla Confederazione) a organizzazioni del mondo del lavoro, scuole professionali di base e Cantoni in riferimento a 88 nuove ordinanze in materia di formazione. Anche in questo caso, l'incremento è riconducibile all'applicazione della legislazione sulla formazione professionale. Ricerca e sviluppo Sono stati definiti i tre assi prioritari di ricerca fondamentali "Insegnamento e apprendimento nell'ambito della formazione professionale", "Contesti attuali della formazione professionale" e "Gestione della formazione professionale" e i rispettivi posti di lavoro sono stati occupati. Complessivamente, nell'anno considerato nel rapporto il dipartimento R&S ha svolto, in regia autonoma o in collaborazione con partner rinomati, 16 progetti di ricerca (vedi allegato 8). Inoltre, lo IUFFP ha partecipato a 17 congressi, nell'ambito dei quali ha presentato i risultati di ricerca legati a progetti tuttora in corso o già conclusi. Nei Peer Reviewed Journals sono stati pubblicati 29 articoli. Nel 2010 lo IUFFP dava impiego a 6 dottorandi. Gestione delle risorse Nel conto annuale risulta una perdita di CH 38,843 mio su un fatturato annuo di CHF 0,912 mio. L'ufficio di revisione esterno raccomanda di approvare il conto annuale. Per compensare la perdita vengono utilizzate le riserve, come previsto dall'art. 32 dell'ordinanza IUFFP (RS ). Pagina 5

6 Nell'anno considerato nel rapporto, le entrate da servizi, progetti di ricerca e tasse d iscrizione sono ammontate a CHF 4,065 mio, ciò che equivale a un incremento del 20% rispetto all anno precedente. La revisione dettagliata effettuata dal Controllo federale delle finanze nell estate del 2010 ha dimostrato che l organizzazione dei processi e delle procedure da parte dello IUFFP è economicamente efficace e conforme ai criteri legali. Pagina 6

7 3. Lo IUFFP in breve L'Istituto Universitario Federale per la Formazione Professionale IUFFP è il centro di competenza nazionale per la formazione e la formazione continua dei responsabili della formazione professionale nonché per le questioni legate alla ricerca nel campo della formazione professionale. Per far fronte a questo compito, lo IUFFP è articolato in quattro ambiti fondamentali: Formazione L'ordinanza IUFFP 1 stabilisce i cicli di studio che devono essere svolti dall'istituto. L'offerta comprende la formazione delle e dei docenti che insegnano nelle scuole professionali di base e nelle scuole di maturità professionale, nonché le e i docenti delle scuole specializzate superiori e le formatrici e i formatori operativi nei corsi interaziendali e in altre sedi di formazione. Lo IUFFP propone inoltre un ciclo di studio Master of Science in formazione professionale" per garantire la disponibilità di giovani leve qualificate nel settore della gestione della formazione professionale. 2 Formazione continua Le offerte di formazione continua dello IUFFP sono mirate al mantenimento e allo sviluppo permanente delle competenze a tutti i livelli e in tutti gli ambiti di competenza della formazione professionale. Le prestazioni quali la formazione delle perite e dei periti d'esame vengono fornite a favore della Confederazione, dei Cantoni e delle organizzazioni del mondo del lavoro. 3 La altre prestazioni devono essere offerte contro pagamento di emolumenti tali da coprire i costi. 4 L'impostazione e la realizzazione concreta dell'offerta di formazione continua rientra nella sfera di competenza del Consiglio dello IUFFP. Ricerca e sviluppo Il dipartimento Ricerca e sviluppo esamina i nessi tra il sistema formativo e il mercato del lavoro, apportando così un importante contributo all'analisi, all'ottimizzazione e allo sviluppo della formazione professionale svizzera. Le prestazioni concrete dello IUFFP nel settore Ricerca e sviluppo sono complementari alla politica di ricerca in materia di formazione professionale dell'ufft. Centro per lo sviluppo delle professioni Il Centro per lo sviluppo delle professioni istituito presso lo IUFFP nel 2010 assiste le organizzazioni del mondo del lavoro, le scuole professionali di base e i Cantoni durante le attività di riforma. Il sostegno fornito alle organizzazioni del mondo del lavoro riguarda la definizione e il posizionamento della professione, la descrizione delle competenze ai fini di un'attività professionale qualificata e la fissazione degli obiettivi di formazione. L'assistenza si riflette principalmente nell'elaborazione di profili d'attività, di sviluppo della professione e di qualificazione, nonché nello sviluppo di piani d'insegnamento e procedure di qualificazione nonché nell'esecuzione di analisi costi-benefici. L'assistenza offerta per l'applicazione delle nuove ordinanze in materia di formazione approvate dall'ufft nelle scuole professionali di base e nelle aziende sono finanziate dalla 1 RS Art. 7 cpv. 1 3 ordinanza IUFFP 3 Art. 29 ordinanza IUFFP 4 Art. 33 ordinanza IUFFP Pagina 7

8 Confederazione. Il tutto si svolge nell'interesse di un'applicazione uniforme della rispettiva riforma in tutta la Svizzera, che tenga in considerazione le esigenze delle rispettive organizzazioni del mondo del lavoro ma comunque rigorosa. A seconda delle esigenze delle rispettive organizzazioni del mondo del lavoro, vengono offerti consulenza e offerte di formazione continua, ma anche manifestazioni informative e assistenza durante l'elaborazione dei documenti e dei piani d'applicazione, ecc. Struttura, organizzazione e risorse Con le sue tre sedi regionali di Zollikofen/Berna, Losanna e Lugano, l'istituto universitario è presente in tre ubicazioni e dispone inoltre di aule per corsi anche a Zurigo. In tal modo garantisce l'adempimento del mandato del Consiglio federale di assicurare una formazione uniforme delle attrici e degli attori della formazione professionale, pur tenendo in considerazione le particolarità regionali. Lo IUFFP fa parte di numerosi organi che si occupano della gestione e dello sviluppo della formazione professionale. Il Consiglio dello IUFFP Il Consiglio dello IUFFP è l'organo direttivo strategico dell'istituto ed è presieduto dal prof. dr. Stefan C. Wolter. Esso stabilisce gli obiettivi strategici ed è responsabile nei confronti del Consiglio federale per quanto riguarda l'adempimento del mandato di prestazioni e il rispetto del preventivo. Il Consiglio dello IUFFP è composto di nove membri nominati dal Consiglio federale (legislatura ; vedi allegato 1). L'Assemblea universitaria L'Assemblea universitaria è un organo consultivo che viene interpellato dal Consiglio dello IUFFP in caso di decisioni d'interesse generale. Gli attuali membri dell'assemblea universitaria sono elencati nell allegato 2. Direttrice e direzione dell'istituto universitario La direttrice è responsabile nei confronti del Consiglio dello IUFFP per quanto riguarda la direzione operativa dell'istituto. Gli obiettivi da raggiungere anno per anno vengono definiti nell'accordo sulle prestazioni tra il Consiglio dello IUFFP e la direttrice sulla base del mandato di prestazioni. La direttrice è affiancata dalle / dai responsabili dei Dipartimenti a livello nazionale (direzione dell'istituto universitario). Lo IUFFP è gestito per il tramite dei dipartimenti Formazione, Formazione continua, Ricerca & sviluppo, e il Centro per lo sviluppo delle professioni, che hanno una rappresentanza in ognuna delle tre sedi regionali. Inoltre c'è anche il dipartimento Gestione delle risorse. Pagina 8

9 Organigramma: Il mandato di prestazioni del Consiglio Federale al Consiglio dello IUFFP per gli anni In quanto istituto di diritto pubblico della Confederazione con una propria personalità giuridica e una contabilità autonoma, lo IUFFP rispetta i principi formulati nel Rapporto del Consiglio federale sulla Corporate Governance. La gestione a medio termine è garantita tramite un mandato di prestazioni quadriennale impartito dal Consiglio federale che, dal profilo cronologico, coincide con l'approvazione del credito ERI (Messaggio concernente la promozione dell'educazione, della ricerca e dell'innovazione). Nel mandato di prestazioni sono stabilite le attività principali e gli obiettivi strategici. I compiti dello IUFFP sono sanciti dalla legge sulla formazione professionale 5 e dalla rispettiva ordinanza IUFFP 6. 5 Art. 48 cpv. 2 LFPr 6 Art. 3 ordinanza IUFFP Pagina 9

10 4. Grado di raggiungimento degli obiettivi 7 Obiettivi di prestazione di ordine superiore dell'istituto per gli anni L allestimento di un sistema di indicatori per misurare il raggiungimento degli o- biettivi in tutti i campi di prestazione è concluso ed è stato testato per la prima volta. Anche nell anno considerato nel rapporto è stata effettuata una nuova misurazione degli indicatori. Il catalogo funge da base per l elaborazione del rapporto e gli indicatori strategici sono integrati nel mandato di prestazioni Gli indicatori elaborati e affinati nell anno considerato nel rapporto sono utilizzati ai fini del coordinamento strategico e operativo interno (cockpit degli indicatori) 2. Sono state instaurate attive cooperazioni istituzionali con partner nazionali e internazionali. Le cooperazioni nazionali mirano a integrare lo IUFFP nel panorama universitario svizzero in modo adeguato per gli interessi della formazione professionale. Le cooperazioni internazionali servono allo sviluppo e al profilarsi dello IUFFP tramite attività comuni e scambio di collaboratori. Nel campo della ricerca, queste collaborazioni dovrebbero inoltre permettere allo IUFFP di accedere più facilmente ai fondi internazionali per la ricerca (Unione Europea). È stato stipulato degli accordi di cooperazione con l'alta scuola pedagogica di Berna e l Università di Friborgo per la formazione delle e dei docenti che insegnano nell'ambito della preparazione alla maturità professionale. In collaborazione con la HES SO (Haute Ecole de Travail Social e de la Santé Vaud), lo IUFFP ha realizzato la formazione per Case Manager su incarico dell UFFT e dei Cantoni. La convenzione relativa alla cooperazione istituzionale con i Cantoni Ticino e Grigioni per quanto riguarda il supporto ai progetti di sviluppo della formazione professionale nella parte italofona della Svizzera è stata perfezionata sul piano dei contenuti ed è ora nuovamente in vigore. Nell anno considerato nel rapporto sono inoltre stati attuati con successo numerosi progetti. Nel quadro della cooperazione istituzionale con il CNAM (Conservatoire National des Arts et Métiers, Parigi) è stata effettuata una valutazione scientifica del dispositivo Validation des Acquis, da tempo in uso nella Svizzera occidentale per la validazione delle esperienze e delle conoscenze acquisite in via informale dal personale docente operativo nelle scuole professionali. L intento è quello di estendere alla Svizzera tedesca e al Ticino il dispositivo adattato sulla base dei risultati della valutazione. Nell ambito della cooperazione istituzionale con il BIBB (Bundesinstitut für Berufsbildung Bonn) è stato organizzato per il personale interessato dello IUFFP e del BIBB un workshop inerente alla prassi di elaborazione dei curriculi. Nell'anno considerato nel rapporto lo IUFFP ha accolto in visita quindici delegazioni estere, che hanno ricevuto informazioni sul sistema di formazione professionale duale e volevano sapere quali sarebbero i componenti principali per introdurre un sistema 7 Le informazioni riportate qui di seguito sono basate sugli obiettivi del mandato di prestazioni Pagina 10

11 analogo nei loro rispettivi paesi. Sebbene comportino un certo onere per lo IUFFP, queste visite sono sempre arricchenti in quanto permettono di ampliare la conoscenza del sistema. 3. Lo IUFFP è un datore di lavoro interessante. Promuove la conciliazione fra famiglia e professione, aumenta la quota delle donne (almeno 25%) fra i quadri e promuove le proprie giovani leve scientifiche (ad esempio sostenendo le promozioni). Lo IUFFP mantiene ai livelli del 2007 il numero degli apprendisti (2007: 8 apprendisti). Lo IUFFP svolge periodicamente delle inchieste sul grado di soddisfazione dei collaboratori: i dati ottenuti possono essere confrontati con quelli dell Amministrazione federale e lo IUFFP consegue risultati superiori alla media. La metà dei posti disponibili nel Centro per lo sviluppo delle professioni e nell ambito del nuovo organigramma dei quadri nel dipartimento Ricerca e Sviluppo sono stati assegnati a donne. Al la quota femminile nei posti dirigenziali si attesta quindi al 41%. Dal sondaggio sulla soddisfazione del personale condotto nel 2010 emergono risultati positivi. Il sondaggio riguardava da un lato la misurazione di indicatori appositamente definiti (politica del personale, pari opportunità, rappresentanza delle regioni, sviluppo della qualità ecc.), mentre dall altro includeva sei domande presenti anche nel sondaggio dell amministrazione federale. La soddisfazione complessiva del personale dello IUFFP è risultata leggermente superiore a quella rilevata presso l amministrazione federale. 4. È introdotto un sistema di garanzia della qualità e di sviluppo conforme a un istituto universitario. Nell'anno considerato nel rapporto, il team addetto alla gestione della qualità ha elaborato le ulteriori basi per l'implementazione dell'efqm presso lo IUFFP destinate ai responsabili della gestione. La descrizione e la registrazione di tutti i processi operativi in un sistema di gestione delle informazioni accessibile ai collaboratori costituisce la base per il controlling e lo sviluppo della qualità presso lo IUFFP. 5. È elaborata e implementata un adeguata gestione dei rischi. Nell'ambito della sua verifica di vigilanza finanziaria condotta nell'estate 2010, il Controllo federale delle finanze ha reputato opportuna la gestione dei rischi e ha consigliato di gestirla in modo attivo. Nel frattempo il catalogo dei rischi è stato aggiornato. 6. È elaborato e implementato un concetto di gestione degli spazi per garantire un utilizzo efficiente dal punto di vista economico-aziendale delle tre sedi regionali e per permettere la realizzazione di offerte improntate anche alla richiesta decentralizzata delle singole regioni. È stato affittato un nuovo stabile per risolvere i problemi di spazio nella Svizzera romanda. Il trasloco nei locali di Longemalle / Renens è previsto per la primavera Pagina 11

12 Anche nella regione di Zurigo si manifesta l'esigenza di nuovi spazi supplementari. In previsione di ulteriori decisioni è stata effettuata un analisi dei clienti sull arco degli ultimi anni. 7. Il deficit del Bilancio iniziale viene annullato entro fine 2010; sono state costituite delle riserve per compensare eventuali perdite e per finanziare progetti e investimenti pianificati (art. 32). Come già previsto nel corso dell elaborazione del mandato di prestazioni , le riserve costituite nel 2007 e 2008 saranno presumibilmente esaurite entro la fine del periodo del mandato di prestazioni. Formazione 8. Laddove necessario, sono conclusi positivamente accreditamenti e procedure di riconoscimento dei cicli di studio offerti dallo IUFFP. Tutti i cicli di studio attualmente proposti dallo IUFFP sono stati esaminati e riconosciuti (in parte con riserve) dalla Commissione federale per i responsabili della formazione professionale dell UFFT presso tutte le tre sedi. I cicli di studio che non hanno ancora ultimato il primo curricolo completo saranno proposti per il riconoscimento nel corso del 2011 (v. tabella allegata 5). La procedura d'accreditamento per il ciclo di studio MSc in formazione professionale avviata dall'agenzia AQUIN nel febbraio 2010, è stata portata a termine alla fine dello stesso anno. L'accreditamento è avvenuto il 6 dicembre A livello universitario, lo IUFFP è leader qualitativo e quantitativo in Svizzera nel settore della formazione di responsabili della formazione professionale. La leadership quantitativa assicura la presenza della massa critica di persone per una formazione qualitativamente elevata ed economicamente efficiente. Rispetto all'anno precedente, durante l'anno considerato nel rapporto il numero delle studentesse e degli studenti che hanno frequentato una formazione è aumentato mediamente del 30 %. Questo fenomeno è riconducibile all'istituzione di ulteriori gruppi di studio nei seguenti ambiti: insegnamento di cultura generale nella Svizzera tedesca, a Zurigo, insegnamento di conoscenze professionali nella Svizzera tedesca e in Romandia, insegnamento per il conseguimento della maturità professionale in collaborazione con le alte scuole pedagogiche di Berna, Turgovia, Vaud e BEJUNE. Numero delle studentesse e degli ( ) Insegnamento della cultura generale Insegnamento di discipline e di conoscenze professionali Docenti con attività a titolo accessorio nella formazione professionale di base Formazione complementare per docenti con Pagina 12

13 abilitazione all insegnamento liceale Formatrici e formatori professionali a titolo principale Formatrici e formatori professionali a titolo accessorio Totale Nell'ambito dei moduli 7-9, incentrati sulla didattica del settore professionale, lo IUFFP è in grado di offrire annualmente una cinquantina di formule didattiche specifiche. Ciò presuppone tuttavia un numero sufficiente di partecipanti nei rispettivi gruppi di studio proposti nell'ambito dei cicli di studio relativi alle conoscenze professionali. Nel novembre 2010, nella Svizzera tedesca hanno iniziato gli studi i gruppi pilota della procedura di riqualificazione, detta anche procedura di qualificazione complementare, condotta su incarico dell'ufft e della CDPE. Alle/Ai docenti di conoscenze professionali che non sono titolari di un diploma formale viene così offerta la possibilità di conseguire la qualifica pedagogico-professionale formale tramite una procedura d'esame adattata. 10. Le offerte di formazione si basano in modo comprovato su metodi testati scientificamente e sono valutate periodicamente quanto al loro impatto sulla qualità dell insegnamento. I risultati della valutazione dei corsi con attestato svolti presso lo IUFFP nella Svizzera tedesca sono stati estremamente soddisfacenti. Ricapitolativamente, il 79 % delle persone intervistate ha giudicato il corso frequentato da "buono" a "molto buono", mentre un ulteriore 12 % ha dichiarato "tra quelli che ho frequentato è uno dei migliori". 11. Per il MSc sono assunti specialiste e specialisti stranieri. Essi elevano la qualità della formazione di master e assicurano un collegamento con le scuole universitarie estere che offrono contemporaneamente ulteriori opzioni di formazione agli studenti di master. Anche nell anno considerato nel rapporto varie lezioni del Master of Science in formazione professionale sono state tenute da specialiste e specialisti svizzeri e stranieri. Grazie a queste cooperazioni, una delle prime diplomate M Sc può svolgere la sua tesi di dottorato presso un università tedesca. Formazione continua 12. Ai Cantoni e alle organizzazioni del mondo del lavoro viene offerta una valida formazione di perite / periti d esame nonché di formatrici / formatori professionali nei corsi interaziendali per la formazione professionale di base. Nel 2010 le perite e i periti d'esame che hanno svolto una formazione o una formazione sono stati Ciò equivale a un aumento del 34% rispetto al L'incremento delle prestazioni è tra l'altro una conseguenza dell'introduzione delle Pagina 13

14 nuove ordinanze in materia di formazione, che comporta di riflesso una revisione delle procedure di qualificazione. Numero di partecipanti nei corsi per perite e periti d'esame Per la prima volta presso lo IUFFP è stata effettuata una valutazione dei corsi per perite e periti d'esame nella Svizzera tedesca. Nella valutazione globale, la quota delle persone soddisfatte è stata molto alta. Il 93,7% delle risp. dei partecipanti ritiene che i corsi proposti siano "molto buoni" oppure "buoni". 13. I servizi di formazione continua sono indirizzati anche verso i bisogni dei responsabili della formazione professionale superiore. A livello nazionale, le persone che hanno frequentato un corso di formazione continua nel 2010 sono state 5615, con una diminuzione del 30% rispetto al Numero di partecipanti ai corsi di formazione continua Partecipanti 2010 Corsi di formazione continua nella svizzera tedesca 2964 Corsi di formazione continua in Romandia 1466 Corsi di formazione continua nella Svizzera italiana Sono sviluppate e introdotte formazioni continue di lunga durata relative alla formazione professionale (MAS ecc.) con titoli di studio conformi a una scuola universitaria. L offerta dello IUFFP nel settore della formazione delle formatrici risp. dei formatori è stata riconosciuta dalla Federazione svizzera per la formazione continua (FSEA) in tutte le tre regioni linguistiche. A Lugano, nel 2010 sono stati consegnati i primi titoli «CAS Validation des Acquis d Expérience». Questa formazione per esperte ed esperti in procedure VAE è molto richiesta fra l altro dalla clientela in Italia (settentrionale). Dal 2011 il ciclo di studio sa- Pagina 14

15 rà proposto anche nella Svizzera romanda e dal 2012 probabilmente anche nella Svizzera tedesca. Nel 2010 si sono aggiunti in tutto 255 diplomi (CAS, DAS, certificato di formazione continua) nel settore della formazione continua dei quadri. Titoli di studio rilasciati CAS DAS MAS Certificati Formazione Continua IUFFP 8-1 Centro per lo sviluppo delle professioni Nel 2010 è entrato in funzione il Centro per lo sviluppo delle professioni come quinto dipartimento dello IUFFP. Questa riorganizzazione permette di offrire le prestazioni dello IUFFP in modo più confacente alle esigenze dei clienti armonizzandole ulteriormente a livello nazionale. Le offerte per l'accompagnamento delle organizzazioni del mondo del lavoro durante l'analisi dei rispettivi profili professionali e l'elaborazione di nuovi curricoli (prestazioni di servizio finanziate dal committente) e per la messa in atto delle nuove ordinanze in materia di formazione (finanziate dalla Confederazione), che vengono proposte ormai da vari anni, sono ora strutturate come offerte complementari suddivise in funzione dei vari rami. Siamo così in grado di garantire un accompagnamento specifico e continuo delle/dei clienti sull'arco dell'intero processo di riforma. 15. Vengono sviluppati e preparati in funzione dei bisogni strumenti e basi pedagogiche ed economiche per accompagnare e valutare le riforme. In tal modo lo IUFFP sostiene gli sforzi di riforma della politica nazionale in materia di formazione professionale e i rispettivi lavori delle organizzazioni del mondo del lavoro e dell economia. Nel 2010 lo IUFFP ha accompagnato 28 organizzazioni del mondo del lavoro, scuole professionali di base e Cantoni durante l'elaborazione di nuove ordinanze in materia di formazione (vedi pg. 5). Sempre nel 2010 il modello IUFFP è stato pubblicato per la prima volta in versione esaustiva nel libro intitolato Berufe reformieren und weiterentwickeln di André Zbinden (a cura di). 16. Durante l introduzione di riforme, le organizzazioni del mondo del lavoro sono sostenute tramite corrispondenti eventi di formazione continua. Sono elaborate offerte per la riqualifica di docenti in seguito alla riorganizzazione delle professioni (processo di riforma). Nell'anno considerato nel rapporto, lo IUFFP ha prestato assistenza (finanziata dalla Confederazione) a organizzazioni del mondo del lavoro, scuole professionali di base e Cantoni in riferimento a 88 nuove ordinanze in materia di formazione. Anche in Pagina 15

16 questo caso, l'incremento è riconducibile all'applicazione della legislazione sulla formazione professionale. Sviluppo del numero di professioni per le quali lo IUFFP mette a disposizione offerte di sostegno (finanziate dalla Confederazione): Lo IUFFP accompagna la riorganizzazione tematica e strutturale delle scuole medie commerciali offrendo una serie di corsi di formazione continua e incontri coordinati e mirati, stabiliti secondo le esigenze dei Cantoni e con il finanziamento della Confederazione, per garantire che alle/ai docenti SMC e alle altre persone coinvolte la possibilità di conoscere le nuove circostanze e di imparare a trasmettere i nuovi contenuti. Nell ambito del progetto Swiss-Indian VET in collaborazione con Swissmem, anche nell anno considerato nel rapporto sono stati formati circa 25 docenti e istruttori e sono state introdotte ulteriori misure mirate alla realizzazione di una formazione per polimeccanici in India. Il progetto pilota sarà valutato nel corso del Ricerca & Sviluppo 17. La ricerca presso lo IUFFP sostiene lo sviluppo scientifico della formazione e della formazione continua di responsabili della formazione professionale e ne valuta l impatto sulla qualità dell'insegnamento. Nell'anno considerato nel rapporto, le collaboratrici e i collaboratori del dipartimento R&S hanno svolto complessivamente 4828 ore d'insegnamento nell'ambito delle offerte di formazione e formazione continua dello IUFFP, garantendo così il transfer degli attuali risultati di ricerca. Pagina 16

17 h % Formazione Master of Science in formazione professionale Formazione continua Total In cooperazione con la Leading House «Economia della formazione» è stato condotto, tra le persone in formazione presso lo IUFFP, un sondaggio approfondito riguardo alla motivazione delle risp. dei responsabili della formazione professionale. Il campo di ricerca «Curricoli» è stato dotato del personale necessario, mentre è in corso di elaborazione un progetto focalizzato sui cicli di studio dello IUFFP. Il servizio di valutazione ha finito di sviluppare il concetto per la valutazione estesa delle offerte di formazione continua. Per ciò che concerne i cicli di studio, sono stati intrapresi i primi passi verso una Impact Evaluation completa (2-4 anni dopo la conclusione di una formazione). Le biblioteche presso le tre sedi saranno integrate nei rispettivi sistemi bibliotecari regionali. 18. Lo IUFFP è inserito nella rete nazionale di ricerca (in particolare nella struttura delle leading house della politica in materia di ricerca della formazione professionale dell UFFT). Le varie cooperazioni con le leading house e i partner internazionali garantiscono una buona integrazione dello IUFFP nelle reti di ricerca nazionali e internazionali. Il 6 maggio 2010 la collaboratrice IUFFP Sandrine Cortessis ha conseguito il dottorato presso il Conservatoire National des Arts et Métiers CNAM di Parigi con la sua tesi intitolata "Formation du jugement et argumentation dans les jurys de VAE". In occasione della consegna del premio austriaco per la ricerca in materia di formazione professionale, avvenuta l'8 luglio 2010, Annina Eymann e il dr. Jürg Schweri hanno ottenuto il 3 premio per il loro lavoro intitolato "Arbeitsmarktmobilität von Personen mit beruflicher Bildung in der Schweiz" (mobilità professionale di persone che hanno svolto una formazione professionale in Svizzera. Lo IUFFP è partner del progetto europeo «Qualificazione del personale attivo nella formazione professionale per l identificazione e la consulenza delle persone in formazione con alto rischio d interruzione». Il progetto verte sulla prevenzione contro le interruzioni dell apprendistato e, grazie a un approccio di consulenza globale, contribuisce a qualificare le risp. i responsabili della formazione professionale nell identificazione e nella consulenza dei giovani a rischio d interruzione dell apprendistato. Lo IUFFP partecipa al progetto europeo PEIRA (Recognition And Development of Vocational Education and Training Competencies) per il riconoscimento e la validazione degli apprendimenti esperienziali per le/gli insegnanti della formazione professionale. L'obiettivo verte sulla trasposizione di innovazioni nell'ambito del riconoscimento e della validazione degli apprendimenti esperienziali delle/dei docenti operativi nella formazione professionale in Italia e nei paesi baltici. Pagina 17

18 Inoltre, nell'ambito del progetto Skillsnet è stata svolta un'inchiesta sullo sviluppo e dell'offerta e della domanda di qualificazione fino al 2020 nei 27 paesi dell'ue nonché in Norvegia e in Svizzera. I relativi risultati sono stati presentati il 4 febbraio 2010 presso la sede della Commissione UE a Bruxelles. Pagina 18

19 5. Allegati Indice degli allegati Allegato 1: Il Consiglio dello IUFFP...20 Allegato 2: L'Assemblea universitaria...21 Allegato 3: La Direzione dello IUFFP...21 Allegato 4: Basi organizzative e giuridiche dell'ordinanza IUFFP e atti legislativi conseguenti...22 Allegato 5: Formazione compendio dei cicli di studio...24 Allegato 6: Offerta di cicli di studio di formazione continua...25 Allegato 7: Sviluppo e attuazione di riforme nella formazione professionale (selezione)...26 Allegato 8: Progetti di ricerca...30 Valutazione del dispositivo VAE del DFAP, Formazione di base Losanna...31 Allegato 9: Dottorandi...33 Allegato 10: Pubblicazioni e partecipazione a congressi delle collaboratrici e dei collaboratori R&S IUFFP (selezione)...34 Allegato 11: Compendio delle collaborazioni istituzionali dello IUFFP (selezione)...40 Allegato 12: Reporting sul personale...41 Allegato 13: Rapporto del Controllo federale delle finanze, inclusa la presa di posizione dello IUFFP...43 Pagina 19

20 Allegato 1: Il Consiglio dello IUFFP Presidente Vicepresidente Membri Prof. Dr. Stefan C. Wolter Direttore del Centro svizzero di coordinamento della ricerca educativa (CSRE) con sede ad Aarau, professore di economia della formazione e responsabile del servizio di ricerca per l'economia della formazione presso l'università di Berna Vincenzo Nembrini Collaboratore personale del Consigliere di Stato Gabriele Gendotti Geneviève Gassmann Direttrice dell'istituto agricolo del Canton Friborgo Jean-Pascal Lüthi Responsabile della sezione francofona dell'ufficio dell'insegnamento medio superiore e della formazione professionale del Canton Berna Barbara Brühwiler-Müller MHA Direttrice del settore cure, delle risorse umane e delle professioni medico-tecniche nonché delle professioni medico-teraperutiche presso l'ospedale universitario di Zurigo (fino al ) Dr. Albin Reichlin Direttore SUP Scuola universitaria professionale della Svizzera Orientale, docente di economia aziendale e pedagogia economica presso l'università di San Gallo Dr. Madeleine Salzmann Responsabile del settore di coordinamento delle scuole universitarie presso la segreteria generale della CDPE Prof. Dr. Margrit Stamm Professoressa titolare di scienze dell'educazione, con specializzazione in socializzazione e sviluppo umano presso l'università di Friborgo Karl Zimmermann Direttore della ditta Karl Zimmermann SA, imprenditore Pagina 20

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

Percorsi per l ottenimento del livello 1 e 2 FSEA

Percorsi per l ottenimento del livello 1 e 2 FSEA certificati in studi avanzati (cas) per formatori di adulti Percorsi per l ottenimento del livello 1 e 2 FSEA IUFFP Formazione continua INTRODUZIONE L Istituto Universitario Federale per la Formazione

Dettagli

412.106.16 Regolamento del Consiglio dello IUFFP concernente gli emolumenti dell Istituto universitario federale per la formazione professionale

412.106.16 Regolamento del Consiglio dello IUFFP concernente gli emolumenti dell Istituto universitario federale per la formazione professionale Regolamento del Consiglio dello IUFFP concernente gli emolumenti dell Istituto universitario federale per la formazione professionale (Regolamento degli emolumenti IUFFP) del 17 febbraio 2011 (Stato 1

Dettagli

EHB IFF IU FF P P I 9.1 9.2

EHB IFF IU FF P P I 9.1 9.2 EHB IFF IU FF P P EI OG ENO SSISCHES H O C H SC H UL IN T ITUT FUR BERUFSBILDUNG INSTITUI FEOERAL DES HAUTES ETUOES EN FORMATION PROFESSIONNELLE tsf ttut0 UNIVERSITARIO FEDERALE PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE

Dettagli

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale Corsi di Perfezionamento Professionale I Corsi di Perfezionamento Professionale costituiscono una struttura creata per fornire determinati servizi centrali all ICEC (Istituto cantonale di economia e commercio)

Dettagli

Nuova legge sulla formazione professionale: un bilancio dopo sei anni

Nuova legge sulla formazione professionale: un bilancio dopo sei anni Nuova legge sulla formazione professionale: un bilancio dopo sei anni Rapporto del Consiglio federale sul sostegno alla formazione professionale duale (in adempimento al postulato Favre 08.3778) Berna,

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

Ordinanza del DEFR sull ottenimento retroattivo del titolo di una scuola universitaria professionale 1

Ordinanza del DEFR sull ottenimento retroattivo del titolo di una scuola universitaria professionale 1 Ordinanza del DEFR sull ottenimento retroattivo del titolo di una scuola universitaria professionale 1 414.711.5 del 4 luglio 2000 (Stato 1 gennaio 2015) Il Dipartimento federale dell'economia, della formazione

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Lo IUFFP nel. Lo IUFFP nel 2007

Lo IUFFP nel. Lo IUFFP nel 2007 Lo IUFFP nel 2007 Lo IUFFP nel 2007 Panoramica dello IUFFP Istituto Universitario Federale per la Formazione Professionale IUFFP Lo IUFFP fornisce prestazioni a favore dei vari attori e attrici della

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

Tirocini: uno sguardo all Europa

Tirocini: uno sguardo all Europa www.adapt.it, 18 luglio 2011 Tirocini: uno sguardo all Europa di Roberta Scolastici SCHEDA TIROCINI IN EUROPA Francia Spagna Lo stage consiste in una esperienza pratica all interno dell impresa, destinata

Dettagli

visto l articolo 6 capoverso 5 del Regolamento del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione del 1 giugno 2014 (Regolamento CSSI),

visto l articolo 6 capoverso 5 del Regolamento del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione del 1 giugno 2014 (Regolamento CSSI), Dipartimento federale dell economia, della formazione e della ricerca DEFR Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione CSSI Direttive del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione che

Dettagli

Principi operativi sulle modalità di lavoro e sul coordinamento dell alta vigilanza sulla Nuova ferrovia transalpina (NFTA) 1

Principi operativi sulle modalità di lavoro e sul coordinamento dell alta vigilanza sulla Nuova ferrovia transalpina (NFTA) 1 Principi operativi sulle modalità di lavoro e sul coordinamento dell alta vigilanza sulla Nuova ferrovia transalpina (NFTA) 1 47 emanati dalla: Conferenza delle presidenze delle commissioni e delegazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Accordo intercantonale sui contributi alle spese di formazione nelle scuole professionali di base (Accordo sulle scuole professionali di base, ASPr)

Accordo intercantonale sui contributi alle spese di formazione nelle scuole professionali di base (Accordo sulle scuole professionali di base, ASPr) 3.6. Accordo intercantonale sui contributi alle spese di formazione nelle scuole professionali di base (Accordo sulle scuole professionali di base, ASPr) del 22 giugno 2006 I. Disposizioni generali Art.

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale

Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale 1 Oggetto 2 2 Obiettivo 2 3 Requisiti 2 3.1 Contenuto 2 3.2 Forma 2 3.3 Volume 3 3.4 Lingua 3 3.5 Lavoro individuale

Dettagli

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014 CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE Anno accademico 2013-2014 Como - Varese, 15 febbraio 2014 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo.

Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo. Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo. Reiner Gfeller. Responsabile Asset Management. Allianz Suisse Immobiliare SA. La Allianz Suisse Immobiliare SA collabora dal 2011 con Livit. L azienda

Dettagli

Incompatibilità con il mandato parlamentare

Incompatibilità con il mandato parlamentare Incompatibilità con il mandato parlamentare Principi interpretativi dell Ufficio del Consiglio nazionale e dell Ufficio del Consiglio degli Stati per l applicazione dell articolo 14 lettere e ed f della

Dettagli

Quality Audit 2013/14 Università della Svizzera italiana (USI)

Quality Audit 2013/14 Università della Svizzera italiana (USI) Quality Audit 2013/14 Università della Svizzera italiana (USI) Rapporto di valutazione esterna 06.11.2014 Osservazioni preliminari Lo svolgimento dei Quality Audit costituisce per le università cantonali

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Direzione scolastica congiunta per gli istituti scolastici di Medio Malcantone, Croglio Monteggio, Ponte Tresa, Pura e Sessa

Direzione scolastica congiunta per gli istituti scolastici di Medio Malcantone, Croglio Monteggio, Ponte Tresa, Pura e Sessa Concorso per l assunzione di un/a direttore/direttrice scolastico/a con un grado di occupazione al 100% per le scuole elementari e dell infanzia dall anno scolastico 2015-2016 Il Municipio di Novaggio

Dettagli

Click&Book la nuova procedura d iscrizione ai corsi di formazione continua dello IUFFP

Click&Book la nuova procedura d iscrizione ai corsi di formazione continua dello IUFFP Click&Book la nuova procedura d iscrizione ai corsi di formazione continua dello IUFFP Informazione per le/gli insegnanti Di cosa si tratta? Le/gli insegnanti si iscrivono ai corsi dello IUFFP direttamente

Dettagli

Una panoramica su oltre 70 anni di Pro Helvetia

Una panoramica su oltre 70 anni di Pro Helvetia Una panoramica su oltre 70 anni di Pro Helvetia La Fondazione svizzera per la cultura Pro Helvetia vanta più di 70 anni di esperienza in materia di sostegno alla cultura. Fu fondata nel 1939, poco prima

Dettagli

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Atto di fondazione. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 dicembre 2011

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Atto di fondazione. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 dicembre 2011 Swiss Life SA, General-Guisan-Quai 40, Casella postale, 8022 Zurigo Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo (Fondazione) Atto di fondazione Entrata in vigore: 1 dicembre 2011 web1486 / 04.2012

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341;

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341; UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DICA IL RETTORE Ii[NyMITÀ DEGLI STUDI MI I ACATANIA Protocollo Generale 0 8 APR. 2014 Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

3.07 Prestazioni dell AVS Apparecchi acustici dell AVS

3.07 Prestazioni dell AVS Apparecchi acustici dell AVS 3.07 Prestazioni dell AVS Apparecchi acustici dell AVS Stato al 1 gennaio 2015 In breve I beneficiari di rendite di vecchiaia e di prestazioni complementari all AVS/AI che risiedono in Svizzera e sono

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014)

Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014) Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014) Introduzione L'obiettivo primario della società di partecipazione

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Documento Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Art.1 Scopo del Regolamento 1) Scopo di questo Regolamento e disciplinare l attivita di formazione

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

Promemoria 21. Maggiore età

Promemoria 21. Maggiore età Promemoria 21 Molte persone in formazione compiono 18 anni durante la formazione professionale di base, diventando quindi maggiorenni. Questo comporta diversi cambiamenti a livello giuridico, sia per le

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Nel 2014 l'ai ha avviato indagini in 2200 casi per sospetto abuso assicurativo e ne ha concluse 2310. In 540

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi

Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi (LIPIn) 831.26 del 6 ottobre 2006 1 (Stato 1 gennaio 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

Rapporto esplicativo

Rapporto esplicativo Rapporto esplicativo concernente l approvazione del Protocollo n. 15 recante emendamento alla Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali 13 agosto 2014 Compendio

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli