Consiglio di Amministrazione del 31 ottobre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Consiglio di Amministrazione del 31 ottobre 2014"

Transcript

1 Documento sul processo di attuazione della politica di investimento del fondo pensione Arti & Mestieri, adottato in ottemperanza alla deliberazione della Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione (COVIP) del 16 marzo Consiglio di Amministrazione del 31 ottobre 2014 Il presente documento ha lo scopo di definire la strategia finanziaria che la forma pensionistica intende attuare per ottenere, dall impiego delle risorse affidate, combinazioni rischio-rendimento efficienti nell arco temporale coerente con i bisogni previdenziali degli aderenti. Il documento individua gli obiettivi da realizzare nella gestione finanziaria, i criteri da seguire nella sua attuazione, i compiti e le responsabilità dei soggetti coinvolti nel processo ed il sistema di controllo e valutazione dei risultati conseguiti. Arti & Mestieri - Fondo pensione aperto (di seguito Fondo ) è finalizzato all erogazione di trattamenti pensionistici complementari del sistema previdenziale obbligatorio, ai sensi del D. Lgs. 5 dicembre 2005, n. 252 (di seguito Decreto ). Il Fondo è iscritto all Albo tenuto dalla COVIP al n. 63, ed è gestito da Anima SGR S.p.A. (di seguito SGR ), Società di gestione del risparmio soggetta ad attività di direzione e coordinamento del socio unico Anima Holding S.p.A.. Arti & Mestieri - Fondo pensione aperto ha lo scopo di consentire all aderente di percepire una pensione complementare (rendita) che si aggiunge alle prestazioni attese dal sistema pensionistico pubblico. Tale scopo è perseguito mediante la raccolta delle somme versate dagli aderenti (contributi) e il successivo investimento in strumenti finanziari, nell esclusivo interesse degli aderenti sulla base delle opzioni di investimento dagli stessi indicate. Il Fondo è rivolto a tutti coloro che intendono realizzare un piano di previdenza complementare su base individuale. Possono inoltre aderire, su base collettiva, i lavoratori nei cui confronti trovano applicazione i contratti, gli accordi o i regolamenti aziendali che prevedono l adesione al Fondo. Ai sensi dell Art. 8 comma 7 del Decreto, l adesione al Fondo su base collettiva può avvenire anche mediante conferimento tacito del TFR maturando. Arti & Mestieri è un Fondo pensione aperto, costituito in forma di patrimonio autonomo e separato da quello della SGR, operante in regime di contribuzione definita. L entità della prestazione pensionistica è determinata in funzione della contribuzione effettuata e dei relativi rendimenti. L adesione è libera e volontaria. La partecipazione alle forme pensionistiche complementari disciplinate dal Decreto consente all iscritto di ottenere benefici fiscali sui contributi versati nel fondo e sui rendimenti conseguiti nella fase di accumulo. La tassazione applicata sulle prestazioni pensionistiche erogate dal fondo risulta tanto più agevolata quanto più duratura è la permanenza nel fondo.. La misura e la periodicità della contribuzione (mensile, trimestrale, semestrale o annuale) sono scelte liberamente dall'aderente al momento dell'adesione e possono essere successivamente variate. In merito all analisi delle caratteristiche socio-demografiche delle potenziale popolazione di riferimento, il fondo pensione aperto istituito e gestito da Anima SGR per sua natura e definizione non si rivolge ad una predeterminata categoria di soggetti, bensì ad una popolazione indefinita di potenziali investitori, eterogenea sotto i profili della provenienza, degli obiettivi di investimento, del livello di retribuzione, nonché del tasso di sostituzione atteso (rapporto atteso tra l ultimo stipendio/reddito percepito/dichiarato dall aderente prima di andare in pensione e la pensione pubblica). Per le suddette ragioni, per il fondo pensione aperto qui considerato, si ritiene che non sia possibile procedere ad un analisi delle caratteristiche socio-demografiche della popolazione di riferimento e dei suoi bisogni previdenziali. Il fondo pensione aperto istituito e gestito da Anima SGR, infatti, per sua stessa natura già definisce la propria asset allocation con l obiettivo di rispondere alle molteplici esigenze di una popolazione estesa, indefinita ed eterogenea di potenziali aderenti. E comunque previsto che Anima SGR monitori costantemente le caratteristiche socio-demografiche dei propri aderenti, sulla base di quanto espressamente richiesto dalla COVIP in ottemperanza alle segnalazioni statistiche di vigilanza. 1

2 La struttura di governo (governance) del Fondo prevede che Anima SGR S.p.A. (di seguito SGR ) gestisca il patrimonio del Fondo mantenendolo distinto dal resto del proprio patrimonio e da quello degli altri Fondi gestiti, destinandolo esclusivamente al perseguimento dello scopo previdenziale. La SGR nomina un Responsabile, che è una persona indipendente che ha il compito di controllare che nella gestione dell attività del Fondo vengano rispettati la legge ed il Regolamento, che sia perseguito l interesse degli iscritti e che vengano osservati i principi di corretta amministrazione. Poiché il Fondo consente anche di aderire su base collettiva, è inoltre previsto un Organismo di sorveglianza, composto da persone indipendenti nominate dalla SGR. Il relativo compito è quello di rappresentare gli interessi degli iscritti. A tal fine, esso si relaziona con il Responsabile circa la gestione del Fondo e riferisce agli iscritti sul proprio operato. ***** Il processo di investimento adottato da Anima SGR per lo svolgimento delle attività di investimento, per conto dei portafogli gestiti, nell ambito dei servizi di gestione collettiva dei fondi pensione prevede la definizione di un profilo rischio-rendimento definito sulla base del segmento/tipologia di clientela target con particolare attenzione agli obiettivi d investimento, all orizzonte temporale di riferimento e al grado di rischiosità tollerabile. Pertanto, il Consiglio d Amministrazione definisce a livello strategico le caratteristiche generali di ciascun comparto del prodotto gestito ivi compreso il profilo rischio/rendimento dello stesso: ciò viene implicitamente espresso in fase di approvazione del Regolamento di Gestione e successivamente in fase di delibera delle strategie generali d investimento. La gestione del Fondo mira a definire adeguate politiche di investimento che siano in grado di consentire agli aderenti di disporre, all atto del pensionamento, di prestazioni pensionisticheintegrative di quelle erogate dal sistema pubblico e tendenzialmente mirate a compensare il deficit che si viene a determinare per effetto delle numerose riforme del regime obbligatorio. Tale obiettivo, ovviamente, viene calibrato in funzione di un aspettativa di permanenza nel fondo pensione che possa durare fino al raggiungimento dei requisiti anagrafici e contributivi previsti per il pensionamento pubblico. Su queste basi la struttura dell offerta gestionale consente di definire combinazioni non discontinue di rischiorendimento efficienti atte a consentire di massimizzare le risorse destinate alle prestazioni e a soddisfare i differenti profili di rischio ritenuti accettabili dai potenziali aderenti. Il Fondo ha previsto l implementazione di comparti che prevedano uno stile di gestione attivo, subordinato alla fissazione di limiti di rischio in termini di una tracking error volatility contenuta e dalla individuazione di limiti sui fattori di rischio entro i quali le quote delle singole asset class possono oscillare. Relativamente alla verifica dell operatività della gestione, questa avviene con frequenza giornaliera nell ambito dei controlli di primo e di secondo livello posti in essere dalla stessa struttura di gestione e dalla funzione di Risk Mangement. Ciò vale sia per l'indicatore di rischio (assunto come termine per la verifica della capacità del gestore di portare valore aggiunto al portafoglio senza incrementare il livello di rischio) sia per quanto attiene al monitoraggio della componente tattica (che viene valutata sia sulla base di una pluralità di indicatori che mettono a confronto la composizione effettiva e quella del benchmark sia attraverso un'analisi di performance contribution). La componente rischio costituisce uno degli aspetti di maggior rilievo nella definizione dell'impianto della gestione e del suo monitoraggio. In termini generali gli aderenti al fondo hanno una percezione asimmetrica di questo fattore: sebbene tecnicamente il rischio, dal punto di vista finanziario, sia da intendersi come la componente di volatilità della gestione e quindi riguardi sia la parte negativa che quella positiva, nel risparmio previdenziale il problema della valorizzazione del capitale va di pari passo con quello della sua conservazione. Il processo di investimento si sviluppa in più fasi riconducibili, in sintesi, a 4 momenti fondamentali I. Proposta II. Delibera III. Implementazione IV. Monitoraggio del rischio funzionalmente collegati come di seguito rappresentato. 2

3 L obiettivo finale del processo d investimento consiste nella definizione delle strategie generali d investimento in relazione ai profili rischio/rendimento predefiniti e allo scenario macroeconomico previsto. Lo schema logico esposto viene applicato, tenuto conto delle rispettive peculiarità e caratteristiche dei singoli comparti in cui è strutturato il fondo pensione. Le fasi in cui si sviluppa il processo gestionale sono di seguito rappresentate. Il processo prende avvio con l analisi, in sede di Comitato Investimenti, dello scenario macroeconomico e formulazione delle proposte relative alle strategie generali d investimento ammissibili, espresse in termini di limiti di rischio e di limiti di esposizione ai principali fattori di rischio. Successivamente, il Responsabile della Divisione Investimenti presenta all Amministratore Delegato (di seguito AD) le proposte relative alle strategie generali d investimento, affinché possa procedere ad esaminarle e a presentarle al Consiglio di Amministrazione (di seguito CdA) per successiva valutazione e delibera, avvenuta la quale ne consegue l implementazione. A tale implementazione delle strategie deliberate dal CdA provvede quindi il team di gestione, con la supervisione del Responsabile Investimenti. I gestori addetti alle funzioni di gestione curano e controllano la regolare implementazione delle strategie generali d investimento deliberate, utilizzando anche le evidenze prodotte dal Servizio Risk Management. Il team di gestione implementa le strategie generali d investimento deliberate dal CdA, garantendo una supervisione dei portafogli, al fine di assicurare la corretta attuazione delle strategie deliberate ed il rispetto dei limiti stabiliti, attraverso gli strumenti messi a disposizione dalla Società e le analisi fornite dal Servizio Risk Management. Il team di gestione, attraverso la propria attività d analisi, provvede alla selezione degli strumenti finanziari e alla costruzione dei portafogli di riferimento, coerentemente con le view elaborate dal Comitato Investimenti e nel rispetto delle strategie generali d investimento deliberate dal CdA. All implementazione si affianca la puntuale verifica, da parte del Servizio Risk Management, della coerenza delle strategie implementate con quelle deliberate dal CdA. Ove necessario, il Servizio Risk Management segnala eventuali disallineamenti al Responsabile della Divisione Investimenti e al team di gestione affinché vengano tempestivamente poste in essere le necessarie azioni correttive. Successivamente avviene l esame, in sede di Comitato Investimenti, delle politiche di gestione realizzate, avendo riguardo delle risultanze dei controlli effettuati dal Servizio Risk Management e dell andamento del profilo rischio/rendimento dei portafogli gestiti presentate in precedenza nell ambito del Comitato di controllo di Risk Management. Il processo riprende quindi avvio dalla fase iniziale. I Servizi Internal Auditing e Compliance sono destinatari, essendo coinvolti esclusivamente nella fase post investimento, delle comunicazioni previste nelle fasi di trasmissione delle delibere adottate dal C.d.A. e nelle fasi in cui possono eventualmente sussistere rilevazioni di superamento dei limiti previsti in base alle rilevazioni del Risk Management. L articolazione del processo di investimento prende avvio dall analisi, in sede di Comitato Investimenti, dello scenario macroeconomico e dalla formulazione delle proposte relative alle strategie generali d investimento ammissibili espresse in termini di limiti di rischio e di limiti di esposizione ai principali fattori di rischio. Detto Comitato esamina, di norma mensilmente, ovvero, all'occorrenza, con frequenza superiore infra mensile: le analisi sullo scenario macroeconomico di riferimento; le indicazioni tattiche di medio periodo, sulla base dei rendimenti attesi di liquidità, azioni, obbligazioni (governative e a spread) e divise, opportunamente espresse tramite view qualitative; le politiche d investimento realizzate per i diversi prodotti gestiti; le eventuali proposte di modifica dei limiti di rischio e dei limiti di esposizione ai principali fattori di rischio; le operazioni eseguite in conflitto di interessi. A seguito della disamina sui punti all ordine del giorno sopra menzionati, viene redatto un apposito verbale della riunione, contenente anche le proposte sulle strategie generali d investimento per il periodo successivo e le eventuali proposte di modifica dei limiti di rischio e dei limiti di esposizione ai principali fattori di rischio. Tali proposte sono riprese nell informativa periodica, predisposta sulla base delle evidenze emerse durante i Comitati di Investimento ed indirizzata all Amministratore Delegato. L informativa è comprensiva anche dell analisi di rischiosità effettuata dal Servizio Risk Management. 3

4 L AD, presenta al CdA l informativa così predisposta affinché possa esaminarla e deliberare le strategie generali d investimento espresse in termini di limiti di rischio e limiti di esposizione ai principali fattori di rischio. In particolare l approccio adottato per la definizione dei livelli di rischiosità combina sia la definizione di appositi limiti all esposizione ai principali fattori di rischio gravanti sui portafogli gestiti, sia la determinazione di specifici limiti di rischio espressi in termini di volatilità, tracking error o delta di volatilità, sulla base di criteri per la formulazione delle indicazioni strategiche e livelli di rischio previsti nell ambito della procedura organizzativa interna sulla gestione rischi dei portafogli gestiti. Il Servizio Affari Legali e Societari, ricevute dal segretario del CdA le delibere contenenti le strategie generali d investimento ed i livelli di rischio relativi ai prodotti gestiti, provvede a trasmettere stralcio di tale documentazione, per quanto di rispettiva competenza, alle funzioni di gestione, ivi inclusi i relativi Responsabili, ai Responsabili dei Servizi Risk Management, Internal Auditing, Compliance. Il team di gestione, sotto la supervisione del Responsabile della Divisione Investimenti, presidia la regolare implementazione delle strategie deliberate dal CdA ed il rispetto dei limiti di rischio stabiliti, utilizzando anche le evidenze prodotte dal Servizio Risk Management, assicurando la corretta attuazione delle strategie generali di investimento deliberate ed il rispetto dei limiti stabiliti, avvalendosi degli specifici strumenti messi a disposizione dalla Società e delle analisi fornite dal Servizio Risk Management. Il team di gestione, sotto la supervisione del Responsabile, attraverso la propria attività d analisi, provvede alla selezione degli strumenti finanziari e alla costruzione dei portafogli di riferimento, coerentemente con le view elaborate dal Comitato Investimenti e nel rispetto delle strategie generali d investimento deliberate dal CdA e dei limiti normativi, regolamentari e contrattuali di ciascun prodotto. La suddetta attività di analisi ed il conseguente output decisionale attengono a valutazioni di natura qualitativa supportate da rigorose analisi quantitative sia di impostazione top down sia di origine microeconomica (bottom up). Il team di gestione nel suo complesso provvede altresì ad effettuare gli interventi correttivi di breve periodo che si rendano necessari a seguito del mutamento del contesto congiunturale, nell ambito dei limiti definiti dal CdA. Relativamente al monitoraggio del rischio, al monitoraggio sulla corretta implementazione delle strategie e dei livelli di rischiosità deliberati e sul regolare svolgimento dell operatività, l attività si articola su due livelli: un monitoraggio di primo livello, effettuato direttamente dal team di gestione; un monitoraggio di secondo livello, indipendente dalle strutture operative, effettuato dal Servizio Risk Management. In particolare, quest ultimo monitora: le performance giornaliere, sia assolute sia contro benchmark; la scomposizione mensile delle performance relative e assolute sulla base dei relativi fattori determinanti (performance attribution), attraverso la scomposizione delle medesime nel contributo derivante da Asset Allocation, Stock Selection e Currency Effect; gli indicatori di rischio stimati tramite modello di rischio, su base giornaliera; l esposizione ai principali fattori di rischio, su base giornaliera; la coerenza delle politiche gestionali effettivamente realizzate con le strategie generali d investimento deliberate dal Consiglio di Amministrazione, su base giornaliera, espresse in termini di limiti di rischio e limiti di esposizione ai principali fattori di rischio; il rispetto dei limiti operativi previsti dalle procedure aziendali o dalle disposizioni della Direzione, su base giornaliera. Il Servizio Risk Management segnala eventuali superi di limiti al team di gestione e al Responsabile della Divisione Investimenti, affinché vengano poste in essere le necessarie azioni correttive. Il Servizio Risk Management segnala altresì direttamente al Responsabile della Divisione Investimenti situazioni di particolare criticità tali da richiedere interventi correttivi immediati. Le risultanze dei controlli effettuati dal Servizio Risk Management sono, in ogni caso, oggetto di esame in sede di Comitato Investimenti e vengono riepilogate in apposita reportistica per il CdA. Il Comitato Investimenti esamina le evidenze delle analisi effettuate dal Servizio Risk Management e presentate nell ambito del Comitato di Risk Management sull andamento del profilo rischio / rendimento dei portafogli gestiti e sul rispetto delle strategie generali di investimento e dei limiti operativi. In tale ambito si procede ad esaminare, anche alla luce dei cambiamenti intervenuti nello scenario macroeconomico di riferimento, delle politiche gestionali effettivamente realizzate e dei posizionamenti tattici perseguiti, l eventualità di sottoporre al 4

5 Responsabile della Divisione Investimenti le eventuali proposte di modifica alle strategie generali d investimento deliberate, illustrandone le motivazioni sottostanti. Qualora il Responsabile della Divisione Investimenti, accolga positivamente, dopo aver esaminato le motivazioni addotte, le proposte formulate, prosegue il processo di gestione attraverso la trasmissione del verbale del Comitato Investimenti al Responsabile della Divisione Investimenti, al team di gestione, al Servizio Risk Management, unitamente alle decisioni assunte, in caso di particolari condizioni di mercato, da parte del Responsabile della Divisione Investimenti, in ordine ad eventuali scostamenti dai criteri di allocazione dei portafogli deliberati dal CDA. In sede di Comitato Investimenti vengono altresì esaminati: eventuali situazioni di criticità relative a singoli emittenti; eventuali proposte ed iniziative di espressione del voto in occasione delle periodiche adunanze assembleari di Società i cui titoli azionari sono presenti nei portafogli dei prodotti gestiti; eventuali iniziative di class action promosse nei confronti di società i cui titoli risultavano o risultano presenti nei portafogli dei prodotti gestiti eventuali proposte di aggiornamento dell elenco degli intermediari negoziatori da sottoporre per il tramite dell Amministratore Delegato al CdA. E opportuno sottolineare come nell ambito del processo sopra descritto, un aspetto particolare della gestione dei rischi riguarda l'assegnazione dei limiti entro cui si esplica l'ambito di autonomia esercitabile dal team di gestione (assegnazione che viene definita a priori dall Organo Amministrativo). Tali limiti sono progettati e definiti in coerenza con il profilo di rischio che, nell ambito del fondo pensione, caratterizza ogni singolo comparto. Essi non hanno un valore formale ma sostanziale e tale indicazione viene trasferita ai gestori in modo che essi siano assunti all'interno del loro processo decisionale. In particolare, viene assegnato ai gestori il compito di approcciare le situazioni di prossimità e di avvicinamento ai valori limite in termini dinamici in modo tale da evitare che il superamento della soglia di ammissibilità determini minusvalenze per il fondo pensione stesso dovute ad esigenze di riallineamento del portafoglio entro i parametri fissati. In merito a tale argomento, nell ambito dei rischi connessi alla gestione dei portafogli, assume particolare rilevanza il rischio mercato. Per rischio di mercato si intende il rischio che il portafoglio subisca, in un determinato orizzonte temporale, una riduzione di valore, causata dalla esposizione al rischio delle attività che lo compongono, che risulti anche incompatibile con il suo profilo di rischio. La gestione dei rischi di mercato avviene attraverso la definizione ed il controllo di limitazioni operative al rischio che i portafogli possono assumere, le quali si aggiungono alle limitazioni previste dalla normativa e alla documentazione di offerta. In particolare sono previste limitazioni di due tipologie: - limiti di rischio, ovvero limiti al valore massimo che può assumere uno specifico indicatore di rischio sintetico; - limiti di esposizione, ovvero limiti al valore minimo e/o massimo che possono assumere uno o più indicatori di esposizione. Tali limitazioni sono stabilite a livello di singolo portafoglio. Per ciascun portafoglio gestito il Consiglio di Amministrazione delibera su base mensile un limite di rischio in termini di tracking error, ovvero la deviazione standard dei rendimenti differenziali rispetto al benchmark. I valori sono espressi su base annuale. Per ciascun portafoglio è deliberata periodicamente una griglia di tre valori: - un livello ridotto, da utilizzare quando si intende limitare significativamente l attività gestionale; - un livello normale, da utilizzare in condizioni ordinarie per l implementazione di scelte attive; - un livello attivo, da utilizzare quando si intende ampliare la libertà dell attività gestionale al fine di sfruttare particolari situazioni di mercato o di porre in essere azioni difensive a tutela degli investitori a fronte di eventi di carattere eccezionale. La proposta dei valori da attribuire a ciascun portafoglio e per ciascuno dei tre livelli è effettuata dal Servizio Risk Management, sentita la Divisione Investimenti sulla base dei seguenti elementi: - la volatilità del mercato o dei mercati di riferimento del portafoglio, tenuto conto della politica di investimento e dello stile di gestione; 5

6 - la possibilità lasciata al gestore di discostarsi dal benchmark, tenuto conto della politica di investimento e dello stile di gestione; - l eventuale presenza di vincoli di rischiosità assoluta e/o relativa. Il livello da applicare a ciascun portafoglio, fra i tre previsti, è deliberato mensilmente dal Consiglio di Amministrazione, tenuto conto dell andamento delle performance del portafoglio o di altre considerazioni (rischiosità del mercato). I limiti sono intesi come limiti di rischio di modello e non come limiti di rischio realizzato. Di conseguenza è necessario che i limiti siano rispettati su base continuativa sulla base della posizione corrente e non è sufficiente che l indicatore di rischio, calcolato sulla serie storica dei rendimenti realizzati su un certo orizzonte temporale, sia inferiore al limite deliberato. La definizione, gestione, monitoraggio e manutenzione del modello di rischio è in carico al Servizio Risk Management: esso gestisce tutti i fattori di rischio rilevanti ai fini del monitoraggio del rischio di mercato: rischio mercato azionario, rischio valutario, rischio di tasso governativo, rischio tasso emittente, volatilità strumenti finanziari opzionali, ecc. Il Servizio Risk Management monitora l adeguatezza del modello di rischio ai fini della stima del rischio mercato dei portafogli gestiti, provvedendo anche al confronto periodico degli indicatori stimati con quelli realizzati. Per ciascun portafoglio gestito, il Consiglio di Amministrazione delibera su base mensile uno o più limiti di esposizione minima e/o massima per i fattori di rischio rilevanti per lo specifico portafoglio. I possibili fattori di rischio e la loro applicazione alle varie tipologie di portafogli sono di seguito elencati. L esposizione per classe indica la sensitività del rendimento del portafoglio ad una variazione relativa del valore di mercato della classe. Ai fini del monitoraggio dell esposizione per classe, il valore netto del portafoglio è ripartito in una o più classi, rappresentative delle tipologie di investimenti possibili. Le classi potenzialmente ammissibili sono le seguenti: - azionario; - obbligazionario; - convertibili; - monetario; - altro. I titoli governativi di paesi sviluppati a tasso variabile o con vita residua pari o inferiore a 12 mesi, non sono inclusi nella classe obbligazionario, ma in quella monetario. Nella classe monetario sono inclusi anche i crediti e debiti e le poste contabili assimilate. Nella classe altro trovano riscontro tutti gli elementi che non è possibile classificare correttamente nelle altre classi; fra questi rientrano, a titolo esemplificativo, i fondi bilanciati e flessibili, etc. Le classi per le quali non è previsto un apposito intervallo nella delibera del Consiglio di Amministrazione non sono considerate autorizzate, salvo che per la classe monetaria. L esposizione valutaria indica la sensitività del rendimento del portafoglio ad una variazione relativa del valore di ciascuna divisa in cui il portafoglio è investito. Ai fini del monitoraggio dell esposizione valutaria, il valore netto del portafoglio è ripartito in una o più divise. L esposizione valutaria è determinata sulla base della divisa di rischio di ciascuna posizione presente nel portafoglio, al netto di eventuali coperture in cambi effettuate per il tramite di derivati su valute. L esposizione valutaria delle obbligazioni è determinata sulla base della divisa di denominazione del titolo, quella delle azioni sulla base della divisa del paese di rischio, individuato in base alla definizione di cui più sotto a seguire. Non è effettuato alcun look through sull investimento in parti di OICR. Ai fini del monitoraggio dell esposizione azionaria per paese, il valore della componente azionaria del portafoglio è ripartito in uno o più paesi. Il limite può essere stabilito sia in termini di pesi rispetto al valore netto del portafoglio, sia in termini di pesi rispetto al valore della sola componente azionaria. L attribuzione del paese agli strumenti finanziari in portafoglio è effettuata, a seconda della tipologia dello strumento, identificando l effettivo paese di rischio sulla base delle seguenti regole: - obbligazioni non convertibili e strumenti del mercato monetario: sede legale dell emittente o del garante; - azioni: classificazione MSCI (Morgan Stanley Capital Investment); in mancanza di tale informazione si procede all assegnazione manuale sulla base di un ampia informativa che prende in considerazione la 6

7 sede legale dell emittente, i mercati di quotazione, i paesi in cui l emittente svolge la sua attività, la classificazione da parte di altri indici; - OICR: paese degli strumenti in cui il fondo investe prevalentemente; - obbligazioni convertibili: paese dello strumento finanziario sottostante. Gli strumenti finanziari che non possono essere assegnati ad un unico paese sono attribuiti ad un area geografica. L esposizione azionaria per area geografica indica la sensitività del rendimento della classe azionario ad una variazione relativa del valore di mercato dell area geografica. Ai fini del monitoraggio dell esposizione azionaria per area geografica, il valore della componente azionaria del portafoglio è ripartito in uno o più aree geografiche. Il limite può essere stabilito sia in termini di pesi rispetto al valore netto del portafoglio, sia in termini di pesi rispetto al valore della sola componente azionaria. La classificazione utilizzata per attribuire i singoli paesi alle aree è quella MSCI (Morgan Stanley Capital Investment). L esposizione azionaria per settore indica la sensitività del rendimento della classe azionario ad una variazione relativa del valore di mercato del settore. Ai fini del monitoraggio dell esposizione azionaria per settore, il valore della componente azionaria del portafoglio è ripartito in uno o più settori. Il limite può essere stabilito sia in termini di pesi rispetto al valore netto del portafoglio, sia in termini di pesi rispetto al valore della sola componente azionaria. Al fine di tale verifica, sono considerati esclusivamente gli strumenti finanziari di natura azionaria. Non è effettuato alcun look through sull investimento in parti di OICR. La classificazione utilizzata è quella relativa al primo livello (sector) del Global Industry Classification Standard (GICS). La duration di portafoglio indica la sensitività del rendimento delle classi monetario e obbligazionario ad una variazione dei tassi di interesse di mercato. Ai fini del monitoraggio della duration di portafoglio, è calcolata la duration media del portafoglio obbligazionario e monetario. Il limite può essere stabilito sia rispetto al valore netto del portafoglio, sia rispetto al valore della sola componente obbligazionaria e monetaria. Il calcolo della duration media è effettuato sulla parte di ciascun portafoglio investita nelle classi obbligazionario e monetario, escludendo il nozionale di strumenti della classe azionaria. La duration media di portafoglio è calcolata come media ponderata della duration degli strumenti sulla base del loro peso. La duration degli strumenti utilizzata ai fini del calcolo è la interest rate effective duration o una sua ragionevole approssimazione. L attribuzione della duration alle parti di OICR obbligazionari è effettuata periodicamente sulla base della duration del benchmark. Per la liquidità si assume una duration nulla. In relazione all entrata in vigore della normativa europea sull adeguatezza delle procedure di valutazione del rischio di credito (regolamento UE 462/2013 del 21 giugno 2013), con comunicazione congiunta del 22 luglio 2013 gli organi preposti alla vigilanza (Consob, Banca d Italia, Covip, Ivass) hanno formulato indicazioni indirizzate a prevedere che le SGR si dotino di idonei sistemi di gestione del rischio, i quali, nella valutazione del merito di credito delle attività degli OICR, non facciano esclusivamente o meccanicamente affidamento sui giudizi espressi da una o più agenzie di rating e assicurino un accurata valutazione del rischio di credito al quale il patrimonio degli OICR in gestione è o potrebbe essere esposto. Il potenziamento dei suddetti sistemi deve consentire alle SGR un adeguata capacità di valutazione del rischio di credito, almeno con riferimento agli emittenti verso i quali sono detenute posizioni significative e che compongono una percentuale rilevante dei portafogli dei fondi gestiti. Pertanto, Anima SGR ha previsto l adozione di una policy aziendale, approvata dal C.d.A. del 3 ottobre 2014, che definisce i criteri generali e le regole di governo dei processi di valutazione e di monitoraggio del merito di credito di un emittente o di uno strumento finanziario. In seguito all introduzione della suddetta policy, è emersa la necessità di aggiornare il processo di gestione del rischio dei portafogli gestiti per quanto riguarda la formulazione dei limiti di esposizione riguardanti il rischio di credito, allineandoli alle nuove linee guida di valutazione del merito di credito. In base alle previsioni contenute in tale policy e nei relativi criteri applicativi, Anima SGR classifica le attività finanziarie di natura obbligazionaria (titoli obbligazionari, depositi bancari, e sottostanti derivati obbligazionari presenti nei portafogli gestiti) sulla base di una scala di rischio composta dai livelli A, B (corrispondenti ad un merito di credito adeguato, ovvero superiore o uguale a investment grade), C, D (corrispondenti ad un merito di credito inferiore all adeguato, ovvero inferiore a investment grade), ed individua, a cura del Risk Management, sulla base di criteri quantitativi, posizioni (ed i relativi emittenti) rilevanti e non rilevanti. Relativamente alle posizioni non rilevanti, la valutazione del merito di credito fa riferimento ai rating assegnati dalle principali agenzie di rating, che vengono riclassificati secondo la scala interna di rischio. 7

8 A tale fine, uno strumento finanziario è considerato di merito di credito adeguato se il suo rating Bloomberg Composite è compreso fra i valori di AAA e BBB- (ovvero almeno investment grade). Uno strumento finanziario è invece considerato di merito di credito inferiore all adeguato, se il suo rating Bloomberg Composite è inferiore ad investment grade. La valutazione del merito di credito degli strumenti di natura obbligazionaria presenti nei portafogli gestiti viene effettuata integrando le informazioni sul rating assegnato dalle principali Agenzie con informazioni ed analisi aggiuntive di natura qualitativa sui livelli degli spread di mercato, di natura quali/quantitativa relative all emittente ed al contesto ambientale/istituzionale di riferimento. Le analisi di valutazione del merito di credito, in presenza di eventuali incoerenze tra i fattori più sopra elencati, prevedono l elaborazione di una nota integrativa analitica (per ciascun emittente oggetto di valutazione integrativa) che, riportata in sede di Comitato Investimenti, costituisce il supporto per formulare una eventuale proposta di adeguamento e ri-definizione del rating interno da sottoporre alla valutazione del CdA. Il monitoraggio del rating interno di portafoglio ha pertanto l obiettivo di limitare, elaborando indicazioni quali/quantitative relative al rischio e merito di credito delle classi di natura obbligazionaria, l esposizione a posizioni con merito di credito inferiore al livello adeguato. Ai fini del monitoraggio del rating interno di portafoglio, ed in particolare dell esposizione a titoli caratterizzati da un merito di credito inferiore all adeguato (caratterizzate quindi da un rischio di credito significativo), viene calcolato il peso della parte di ciascun portafoglio investita nelle classi obbligazionaria, convertibile e monetaria e classificata come merito di credito inferiore all adeguato (livello C e D). Il limite può essere stabilito sia rispetto al valore netto del portafoglio, sia rispetto al valore della sola componente obbligazionaria, convertibile e monetaria. Il monitoraggio dell esposizione a strumenti con merito di credito di livello D presenta la finalità di limitarne l esposizione, in quanto dette posizioni presentano il massimo rischio di credito. Ai fini del monitoraggio dell esposizione alle posizioni con merito di credito di livello D, viene calcolato il peso della parte di ciascun portafoglio investita nelle classi obbligazionaria, convertibile e monetaria e classificata come merito di credito di livello D. Il limite può essere stabilito sia rispetto al valore netto del portafoglio, sia rispetto al valore della sola componente obbligazionaria, convertibile e monetaria. Il monitoraggio dell esposizione a strumenti privi di merito di credito presenta la finalità di limitarne l esposizione in quanto per dette posizioni non è possibile stimare la qualità di credito. Ai fini del monitoraggio dell esposizione a strumenti privi di merito di credito, viene calcolato il peso della parte di ciascun portafoglio investita nelle classi obbligazionaria, convertibile e monetaria e classificata come priva di merito di credito. Il limite può essere stabilito sia rispetto al valore netto del portafoglio, sia rispetto al valore della sola componente obbligazionaria, convertibile e monetaria. Di seguito si forniscono alcune indicazioni esemplificative in ordine ai fattori di rischio applicabili alle varie tipologie di portafoglio. Ai portafogli obbligazionari si possono applicare: - esposizione per classe (obbligazioni); - esposizione valutaria; - duration di portafoglio; - esposizione a strumenti con rating interno di livello inferiore all adeguato; - esposizione a strumenti con rating interno di livello D; - esposizione a strumenti privi di merito di credito (not rated). Ai portafogli bilanciati si possono applicare: - esposizione per classe (azioni, obbligazioni); - esposizione valutaria; - duration di portafoglio; - esposizione a strumenti con rating interno di Livello inferiore all adeguato; - esposizione a strumenti con rating interno di livello D; - esposizione a strumenti privi di merito di credito (not rated). - eventuale esposizione azionaria per area geografica. Per i portafogli che investono significativamente in parti di OICR azionari non si esprimono indicazioni di paese o settore. Per i portafogli che investono significativamente in parti di OICR obbligazionari non si esprimono indicazioni di rating. 8

9 Avendo riguardo ai controlli effettuati sui fattori sopra illustrati, le funzioni di gestione devono assicurare il rispetto ex-ante, ovvero prima di effettuare ogni operazione di mercato, e comunque su base giornaliera, dei limiti deliberati dal Consiglio di Amministrazione. A tale fine, le funzioni di gestione si avvalgono degli strumenti messi a disposizione della società, incluso il sistema di position keeping. Per quanto riguarda la verifica del rispetto dei limiti di rischio, le funzioni di gestione possono sottoporre al Servizio Risk Management una o più proposte di operazioni simulate da applicare ad un portafoglio gestito per i quali saranno calcolati i nuovi valori di rischio di modello. Il controllo ex-post dei limiti deliberati dal Consiglio di Amministrazione è effettuato dal Servizio Risk Management successivamente alla ricezione dai sistemi informatici delle posizioni dei portafogli gestiti contabilizzate e verificate e con la frequenza prevista per la valorizzazione del portafoglio. Nel caso in cui il Servizio Risk Management rilevi superi dei limiti deliberati, provvede immediatamente alla segnalazione al gestore del portafoglio, al responsabile della funzione di gestione competente, al responsabile della Divisione Investimenti, alla Compliance ed all Internal Auditing. Nel caso di superi che rivestano particolare rilevanza e criticità, il Servizio Risk Management ne da comunicazione immediata all Amministratore Delegato. L elenco dei superi verificatisi nel corso del mese solare è quindi discusso nel successivo Comitato di Risk Management e riportato dal Servizio Risk Management al successivo Consiglio di Amministrazione. Ai fini dell entrata in vigore delle delibere del Consiglio di Amministrazione, fa fede la data di comunicazione dell estratto della delibera da parte del Servizio Affari Legali e Societari. Nell ambito di una valutazione esaustiva dei potenziali rischi cui possono incorrere i portafogli gestiti viene considerato anche il rischio controparte, inteso come il rischio connesso al fatto che il portafoglio possa subire una perdita in seguito al verificarsi di un evento di credito su una controparte in relazione all operatività con la stessa, anche se relativa a strumenti finanziari o attività di un altro emittente. Per controparti si intendono le controparti di negoziazioni di strumenti finanziari effettuate su mercati regolamentati o fuori da mercati regolamentati, le controparti di negoziazioni di divisa a pronti, gli intermediari negoziatori ai quali la SGR trasmette gli ordini di negoziazione di strumenti finanziari per eseguirli su quelle sedi di esecuzione alle quali non ha accesso diretto, le controparti di operazioni di pronti contro termine di investimento. Le perdite da rischio controparte possono originarsi dalla riduzione di valore dello strumento finanziario, dal costo necessario al ripristino delle operazioni non eseguite, dagli interest claim causati da precedenti operazioni non eseguite oppure dal costo necessario al ripristino dello strumento non restituito. Al fine di mitigare il rischio controparte, viene prevista una serie di limitazioni all operatività, sia in termini di autorizzazione delle controparti, sia in termini di limiti quantitativi, normate da apposita procedura interna relativa alla gestione dei rischi dei portafogli gestiti. ***** Per gli aderenti al Fondo su base individuale la misura e la periodicità della contribuzione (mensile, trimestrale, semestrale o annuale) sono scelte liberamente dall'aderente al momento dell'adesione e possono essere successivamente variate. I contributi sono definiti in cifra fissa e su base annua. Nel corso dell anno sono consentiti versamenti aggiuntivi. I lavoratori dipendenti possono contribuire versando il flusso di TFR. In questo caso il versamento avviene per il tramite dei datori di lavoro. Coloro che al 28 aprile 1993 già erano iscritti a forme di previdenza obbligatoria possono, in alcuni casi, limitare il versamento del TFR a una quota dello stesso (si rimanda alla Sezione Caratteristiche della forma pensionistica complementare). Per i lavoratori dipendenti che aderiscono su base collettiva, la misura della contribuzione, la decorrenza e la periodicità dei versamenti sono fissate dal contratto o accordo collettivo o regolamento aziendale che prevede l adesione, fatta salva la possibilità del lavoratore di determinare la contribuzione a proprio carico anche in misura superiore. È altresì consentita l adesione di familiari fiscalmente a carico, anche minorenni. L aderente, all atto dell adesione, può scegliere uno o due Comparti nei quali far confluire i versamenti contributivi, con facoltà di modificare nel tempo tale destinazione. L aderente può inoltre riallocare la propria posizione individuale tra due diversi Comparti, nel rispetto del periodo minimo di un anno dall iscrizione ovvero dall ultima riallocazione; in questo caso i versamenti contributivi successivi sono suddivisi sulla base delle nuove percentuali fissate all atto della riallocazione, salvo diversa disposizione dell aderente. Il limite del periodo di permanenza minimo non opera con riguardo al TFR conferito tacitamente. 9

10 In conseguenza a quanto sopra, l impiego dei contributi avviene sulla base della scelta di investimento operata dall aderente tra i diversi Comparti del Fondo. In particolare, ove l aderente ritenga che le caratteristiche dei singoli Comparti prescelti non siano più adeguate rispetto alle sue attuali esigenze di investimento, il Fondo consente all aderente di ripartire tra più Comparti il flusso contributivo o la posizione individuale eventualmente già maturata. In questo caso l aderente deve porre particolare attenzione alle scelte effettuate di sua iniziativa e considerare che il profilo di rischio/rendimento dell'investimento prescelto non corrisponde a quello di uno specifico e singolo Comparto bensì deriva dalla combinazione dei Comparti oggetto di investimento. Più in dettaglio, l aderente ha la facoltà di ripartire la propria posizione individuale maturata e/o il flusso contributivo su due Comparti, distribuendo l investimento mediante i seguenti criteri: - criterio percentuale (ad esempio 30% su un Comparto e 70% su un altro); - nel caso in cui la contribuzione sia composta dai seguenti elementi: TFR, contributo del dipendente e contributo del datore di lavoro - se previsto -, l aderente ha la possibilità di investire la quota di TFR in un Comparto ed investire il proprio contributo e quello (eventuale) del datore di lavoro su un altro Comparto. L esercizio di tale facoltà rimette al singolo aderente la definizione del profilo di rischio/rendimento, il quale, pertanto, non sarà più corrispondente a quello rappresentato dai singoli Comparti. Naturalmente, prima di effettuare la scelta di investimento, è importante che l aderente stabilisca il livello di rischio che è disposto a sopportare, considerando, oltre alla sua personale propensione o avversione al rischio, anche altri fattori quali: - l'orizzonte temporale che lo separa dal pensionamento; - l esigenza di dover ricorrere ad un anticipo sul capitale maturato nel fondo per l acquisto della prima casa per sé o per i figli; - la ricchezza individuale; - i flussi di reddito che si aspetta per il futuro e la loro variabilità. L importanza di tale scelta è cruciale dal momento che il rendimento che l aderente può attendersi dall'investimento è strettamente legato al livello di rischio che decide di assumere. ***** L articolazione delle opzioni gestionali del fondo pensione si basa su una ripartizione in sei comparti (o linee di investimento) caratterizzati da differenti profili di rischio / rendimento. In conformità e nei limiti stabiliti dalla normativa vigente il Fondo adotta, per ogni Comparto, parametri oggettivi e confrontabili per la valutazione dei risultati di gestione: il benchmark (o parametro oggettivo di riferimento) è un indice, o una composizione di indici finanziari, elaborati da soggetti terzi e di comune utilizzo, che individua il profilo di rischio dell investimento e le opportunità del mercato in cui tipicamente il Comparto investe. Il parametro di riferimento col quale confrontare il rendimento del Comparto è coerente con i rischi connessi alla gestione del Comparto stesso. La definizione delle linee di investimento è completata con un insieme di altre indicazioni deliberate dal Consiglio di Amministrazione di Anima SGR. L insieme di questi principi, regole e limiti costituiscono parte integrante della politica di investimento. Nello specifico le disposizioni in oggetto sono raggruppabili nell individuazione di specificazioni inerenti le macro asset class e nella determinazione di limiti e vincoli di investimento. Il Fondo è articolato in sei Comparti, di seguito elencati: - Comparto Crescita 25+; - Comparto Rivalutazione 10+; - Comparto Incremento e garanzia 5+ (il Comparto Incremento e garanzia 5+ già destinato al conferimento tacito del TFR, a far data dal 1 aprile 2013 non potrà più essere sottoscritto in forma esplicita da nuovi aderenti, né potrà essere scelto per operazioni di trasferimento da altro forma di previdenza complementare o di riallocazione del capitale maturato in altri comparti del fondo o di riallocazione dei flussi futuri di contribuzione, ma sarà riservato esclusivamente alle adesioni tacite); 10

11 - Comparto Equilibrio 5+ - Comparto Conservazione 3+; - Comparto Garanzia 1+. La SGR effettua l investimento delle risorse del Fondo nel rispetto dei limiti e condizioni stabiliti dalla normativa vigente e dal Regolamento del Fondo, assumendo a riferimento l esclusivo interesse degli aderenti. La SGR può effettuare l investimento delle risorse in Organismi di Investimento Collettivo del Risparmio (di seguito denominati OICR ), purché i loro programmi ed i limiti di investimento siano compatibili con quelli dei Comparti del Fondo che ne prevedono l acquisizione. Si intendono per OICR gli organismi di investimento collettivo rientranti nell ambito di applicazione della direttiva 85/611/CEE ed i Fondi comuni di investimento mobiliare ed immobiliare chiusi, di diritto italiano. La politica di investimento dei singoli Comparti è di seguito rappresentata. A) Comparto Crescita 25+ (linea azionaria denominata in Euro) Tale Comparto persegue l obiettivo di ottenere, in un orizzonte temporale di lungo termine (indicativamente non inferiore a 10 anni), una rivalutazione reale del capitale, coerente con un profilo di rischio medio-alto. Le risorse sono investite in misura prevalente in titoli di capitale, con facoltà di dedicare a tali impieghi fino al 100% dell attivo netto del Comparto. L investimento complessivo in valori mobiliari in valuta estera non può eccedere il 90% dell attivo netto del Comparto, tenuto conto al riguardo del limite di cui all Art. 4, comma 5, del Decreto del Ministro del Tesoro del 21 novembre 1996 n. 703, con facoltà di avvalersi di strumenti di copertura del rischio connesso alle oscillazioni dei tassi di cambio. A.1) Finalità della gestione: la gestione è finalizzata a soddisfare le esigenze degli aderenti che hanno come obiettivo un significativo incremento dei capitali investiti in un orizzonte temporale di lungo periodo. È più adatto per coloro che hanno davanti a sé almeno 25 anni di attività prima di arrivare all età pensionabile e che, disponibili ad accettare un grado di rischio medio/alto, ricercano le diverse opportunità di investimento ed il particolare dinamismo dei mercati internazionali. A.2) Orizzonte temporale: lungo periodo (10 anni). A.3) Grado di rischio: medio/alto. A.4) Politica di investimento. A.4.1) Strumenti finanziari. Principalmente strumenti finanziari e quote di OICR di natura azionaria denominati in Euro e/o in valuta estera. Investimento contenuto in strumenti finanziari di natura obbligazionaria, in titoli emessi da governi, enti sovranazionali (ad es. World Bank, BEI, etc.) e da primarie società (titoli corporate), con merito creditizio investment grade. La durata finanziaria della componente obbligazionaria (duration) varia da 0 a 4 anni. L esposizione al rischio di cambio è gestita attivamente. Utilizzo di contratti derivati per fini di copertura del rischio. A.4.2) Categoria di emittenti e settori industriali Emittenti a vario grado di capitalizzazione con ampia diversificazione degli investimenti nei settori economici. A.4.3) Aree geografiche di investimento. Mercati regolamentati degli Stati dell Unione Europea, degli Stati Uniti e del Giappone. Investimento residuale nei mercati dei Paesi emergenti. A.4.4) Criteri di selezione degli strumenti finanziari Analisi macroeconomiche e industriali per la determinazione dei pesi dei singoli Paesi e settori; analisi economico finanziarie per la selezione principalmente di aziende che presentano un profilo di investimento interessante in relazione a parametri di valutazione ritenuti significativi. A.5) Benchmark Sino al 31 luglio 2013: 80% MSCI World (in Euro), 20% MTS BOT Lordo. A far data dal 1 agosto 2013: 80% MSCI World (in Euro), 20% BofA Merrill Lynch Euro Treasury Bill. Sono possibili significativi scostamenti della composizione del portafoglio del Comparto rispetto al benchmark, attraverso l investimento in strumenti finanziari di emittenti non presenti nell indice di riferimento o presenti in 11

12 proporzioni diverse e attraverso il differente bilanciamento delle aree geografiche e/o settoriali di investimento, al fine di realizzare un migliore rendimento corretto per il rischio nel lungo periodo. ***** B) Comparto Rivalutazione 10+ (linea bilanciata denominata in Euro) Tale Comparto persegue l obiettivo di ottenere, in un orizzonte temporale di medio-lungo termine (indicativamente di almeno 5 anni), una rivalutazione del capitale, coerente con un profilo di rischio medio. Le risorse sono impiegate sia in titoli di debito sia in titoli di capitale. L investimento della disponibilità del Comparto in titoli di capitale non potrà comunque eccedere il 50% dell attivo netto. L investimento complessivo in valori mobiliari in valuta estera non potrà eccedere il 60% dell attivo netto. B.1) Finalità della gestione: la gestione è finalizzata a soddisfare le esigenze degli aderenti che hanno come obiettivo un moderato incremento dei capitali investiti in un orizzonte temporale di medio/lungo periodo. È più adatto per coloro che hanno davanti a sé almeno 10 anni di attività prima di arrivare all età pensionabile e che accettano un grado di rischio medio, per cogliere le diverse opportunità di investimento ed il particolare dinamismo dei mercati internazionali. B.2) Orizzonte temporale: medio/lungo periodo (almeno 5 anni). B.3) Grado di rischio: medio. B.4) Politica di investimento. B.4.1) Strumenti finanziari Strumenti finanziari e quote di OICR di natura obbligazionaria e azionaria, denominati in Euro e/o in valuta estera. La durata finanziaria della componente obbligazionaria (duration) varia da 2 a 8 anni. La componente obbligazionaria oscilla tra il 20% e il 70% del patrimonio del Comparto. L esposizione al rischio di cambio è gestita attivamente. Utilizzo di contratti derivati per fini di copertura del rischio. B.4.2) Categoria di emittenti e settori industriali Per gli strumenti di natura obbligazionaria: principalmente emittenti sovrani, organismi internazionali ed emittenti di tipo societario con merito creditizio investment grade. Per gli strumenti di natura azionaria: emittenti a vario grado di capitalizzazione, con ampia diversificazione degli investimenti nei settori economici. B.4.3) Aree geografiche di investimento Mercati regolamentati degli Stati dell Unione Europea, degli Stati Uniti e del Giappone. Investimento residuale nei mercati dei Paesi emergenti. B.4.4) Criteri di selezione degli strumenti finanziari Per la parte obbligazionaria gli investimenti sono effettuati sulla base di una analisi macroeconomica delle principali variabili delle maggiori economie mondiali, con particolare attenzione alle politiche monetarie messe in atto dalle Banche Centrali, nonché sulla base di una analisi di bilancio e di credito delle principali società emittenti sui mercati obbligazionari (ad es.: ratios patrimoniali, livelli di indebitamento, differenziali di rendimento rispetto ad attività prive di rischio). Per la parte azionaria gli investimenti sono effettuati sulla base di analisi macroeconomiche e industriali per la determinazione dei pesi dei singoli Paesi e settori, analisi economico finanziarie per la selezione principalmente di aziende che presentano un profilo di investimento interessante in relazione a parametri di valutazione ritenuti significativi. B.5) Benchmark Sino al 31 luglio 2013: 40% MSCI World (in Euro), 30% JP Morgan GBI EMU, 20% JP Morgan GBI Global (in Euro), 10% MTS Bot lordo. A far data dal 1 agosto 2013: 40% MSCI World (in Euro), 20% JP Morgan GBI EMU, 20% JP Morgan GBI Global (in Euro), 10% BofA Merrill Lynch Euro Large Cap Corporate, 10% BofA Merrill Lynch Euro Treasury Bill. Sono possibili significativi scostamenti della composizione del portafoglio del Comparto rispetto al benchmark, attraverso l investimento in strumenti finanziari di emittenti non presenti nell indice di riferimento o presenti in proporzioni diverse e attraverso il differente bilanciamento delle aree geografiche e/o settoriali di investimento, al fine di realizzare un migliore rendimento corretto per il rischio nel lungo periodo. 12

13 ***** C) Comparto Incremento e garanzia 5+ (linea bilanciata obbligazionaria denominata in Euro) (A far data dal 1 aprile 2013 il Comparto è aperto alle sole adesioni tacite). Tale Comparto tende a soddisfare le esigenze di un soggetto con una bassa propensione al rischio ed un orizzonte temporale non breve. Le risorse sono investite sia in titoli di debito che in titoli di capitale. L investimento della disponibilità del Comparto in titoli di capitale non potrà comunque eccedere il 40% dell attivo netto. L investimento complessivo in valori mobiliari in valuta estera non potrà eccedere il 50% dell attivo netto del Comparto. Il patrimonio del Comparto non potrà comunque essere esposto alle oscillazioni dei tassi di cambio in misura superiore al 20%. A questo Comparto sono destinati i flussi di TFR maturando conferiti tacitamente per gli aderenti su base collettiva. A decorrerre dal 1 aprile 2013 non è possibile aderire a tale comparto mediante iniziativa esplicita, non sono possibili movimenti di switch da altri comparti né trasferimenti in ingresso da altro fondo. Per gli attuali aderenti al Comparto viene mantenuta la possibilità di effettuare versamenti contributivi successivi. C.1) Finalità della gestione: la gestione persegue l obiettivo di realizzare con elevata probabilità rendimenti che siano almeno pari a quelli del TFR, in un orizzonte temporale pluriennale (indicativamente almeno cinque anni), compatibile con un profilo di rischio medio/basso. È adatto a coloro che hanno davanti a sé almeno 5 anni di attività prima di arrivare all età pensionabile o che tacitamente investono il TFR e/o che hanno una propensione al rischio media. C.2) Orizzonte temporale: medio/lungo periodo (almeno 5 anni). C.3) Grado di rischio: medio/basso. C.4) Politica di investimento: C.4.1) Strumenti finanziari Lo stile di gestione è caratterizzato da un attenta analisi del rischio. In particolare, nei limiti previsti dalla normativa, la gestione è orientata prevalentemente ad investimenti in obbligazioni governative dell Area Euro con merito creditizio elevato investment grade, cui si aggiungono, a seconda delle condizioni di mercato, delle valutazioni del gestore ed entro i limiti sotto definiti, posizioni in strumenti finanziari quotati più rischiosi costituiti da: - obbligazioni societarie a tasso fisso o variabile a varia scadenza con merito creditizio investment grade, in misura non superiore al 60% dell attivo netto del Comparto; - azioni a vario grado di capitalizzazione, appartenenti a qualunque settore industriale, in misura non superiore al 40% dell attivo netto del Comparto; - strumenti, tra quelli appena menzionati, denominati in valute diverse dall Euro in misura non superiore al 50% dell attivo netto del Comparto; il patrimonio del Comparto non potrà comunque essere esposto alle oscillazioni dei tassi di cambio in misura superiore al 20%; - obbligazioni con basso merito creditizio sub investment grade, obbligazioni e azioni di emittenti di Paesi emergenti (misura massima cumulata 10%); - gli investimenti negli strumenti elencati possono essere effettuati anche tramite l uso di quote di OICR. La gestione può avvalersi anche dell utilizzo di strumenti derivati al fine di coprire, in vario grado, i rischi finanziari presenti nel portafoglio e di garantire una più efficiente gestione del portafoglio stesso. C.4.2) Categoria di emittenti e settori industriali Per gli strumenti di natura obbligazionaria: prevalentemente obbligazioni governative dell Area Euro con merito creditizio elevato investment grade. Per gli strumenti di natura azionaria: qualunque settore industriale. C.4.3) Aree geografiche di investimento Prevalentemente mercati regolamentati degli Stati dell Unione Monetaria Europea. Investimento residuale nei mercati dei Paesi emergenti. L esposizione al rischio di cambio è gestita attivamente. C.5) Benchmark Sino al 31 luglio 2013: 50% MTS BOT Lordo, 20% JP Morgan GBI EMU, 20% MSCI EMU, 10% BofA Merrill Lynch Euro Large Cap Corporate. A far data dal 1 agosto 2013: 50% BofA Merrill Lynch Euro Treasury Bill, 20% JP Morgan GBI EMU, 20% MSCI EMU, 10% BofA Merrill Lynch Euro Large Cap Corporate. 13

14 Sono possibili significativi scostamenti della composizione del portafoglio del Comparto rispetto al benchmark, attraverso l investimento in strumenti finanziari di emittenti non presenti nell indice di riferimento o presenti in proporzioni diverse e attraverso il differente bilanciamento delle aree geografiche e/o settoriali di investimento, al fine di realizzare un migliore rendimento corretto per il rischio nel lungo periodo. Sino al 31 luglio 2013, la politica di investimento del Comparto, volta a conseguire dei rendimenti paragonabili a quelli del TFR, prevede un ulteriore parametro di valutazione diverso dal benchmark per l indicazione del comportamento degli investimenti del Comparto stesso; a tal fine viene utilizzato il VaR (Value at Risk), uno degli indicatori assoluti di rischiosità maggiormente utilizzati nell ambito dell industria finanziaria. In relazione alla politica di investimento del Comparto, la misura di rischio ex-ante, che permette di monitorare in modo continuativo la rischiosità del portafoglio, è la seguente: Misura di rischio VaR ex-ante, orizzonte temporale 1 anno, intervallo di confidenza 95% Valore -1,00% In generale, la strategia di investimento, associata alla politica di controllo del rischio appena descritta, tende ad aumentare il peso delle attività rischiose in portafoglio nelle fasi di rialzo dei mercati di riferimento e ad abbassarlo, fino ad azzerarlo, nelle fasi di ribasso, con il vincolo statistico di perseguire la protezione del capitale investito nell arco dell anno solare (portfolio insurance). A supporto dell attività di investimento, le analisi di VaR sono confrontate con le performance del Comparto al fine di testare nel tempo ed in via continuativa l efficacia del modello di stima del VaR utilizzato. Per il calcolo del VaR (con intervallo di confidenza al 95%) si utilizza una base dati contenente le serie storiche di tutte le attività rischiose e non, che permettono di stimare al meglio il comportamento futuro del Comparto stesso. A supporto degli obiettivi di gestione, una simulazione utilizzando il modello sopra descritto con metodo Montecarlo ha consentito di constatare che la probabilità di ottenere, su un orizzonte temporale di 5 anni, un rendimento almeno pari a quello del TFR è elevata (maggiore del 75%). Il portafoglio utilizzato nella simulazione contiene una componente azionaria afferente ai mercati dell Area Euro, con quota variabile, in base all andamento dei mercati stessi, tra 0% e 35% del patrimonio, mentre per la parte rimanente è costituito da titoli governativi a rischio medio/basso afferente all Area Euro. Il controllo del rischio effettuato permette quindi di determinare il peso massimo detenibile nelle varie attività rischiose. Con decorrenza a far data dal 1 agosto 2013 su tale Comparto cessa l utilizzo del VaR (Value at Risk), quale ulteriore parametro di riferimento diverso dal benchmark per l indicazione del comportamento degli investimenti. C.6) Garanzia di capitale Il Comparto Incremento e garanzia 5+ attribuisce all aderente, al verificarsi degli eventi di cui alle previsioni riportate in nota informativa e nel regolamento del Fondo, il diritto alla corresponsione di un importo minimo garantito almeno pari alla somma dei contributi netti versati. La garanzia può essere prestata alla SGR da soggetti diversi dalla stessa, a ciò abilitati. Il diritto alla garanzia e l importo minimo garantito sono riconosciuti nei casi e nelle misure previsti dalla nota informativa e dal regolamento del Fondo. Le caratteristiche della garanzia offerta dal Comparto possono variare nel tempo, fermo restando il livello minimo richiesto dalla normativa vigente. In particolare, con decorrenza dal 1 agosto 2013, viene eliminato il diritto alla garanzia di capitale al verificarsi dell'evento di riscatto o di trasferimento decorso un periodo di permanenza nel fondo di almeno 5 anni. Qualora vengano previste condizioni diverse dalle attuali, la SGR comunicherà agli iscritti interessati gli effetti conseguenti. ***** D) Comparto Equilibrio 5+ (linea bilanciata obbligazionaria denominata in Euro). In avvio con decorrenza a far data dal 1 aprile 2013, tale Comparto fornisce una soluzione di investimento adatta alle esigenze previdenziali di un segmento di aderenti con profilo di rischio-rendimento ed orizzonte temporale intermedi rispetto a quelli relativi ai comparti Conservazione 3+ e Rivalutazione 10+. È adatto a coloro che non sono vicini all accesso alla prestazione pensionistica complementare e che accettano un grado di rischio medio, per cogliere le diverse opportunità di investimento ed il particolare dinamismo dei mercati internazionali. 14

15 D.1) Finalità della gestione: la gestione mira a soddisfare le esigenze degli aderenti che, in un orizzonte temporale pluriennale di medio termine (indicativamente di almeno 5 anni), hanno l obiettivo di perseguire un moderato incremento dei capitali investiti e la loro rivalutazione coerentemente con un profilo di rischio medio. D.2) Orizzonte temporale: medio periodo (almeno 5 anni). D.3) Grado di rischio: medio. D.4) Politica di investimento: D.4.1) Strumenti finanziari Le risorse sono investite sia in titoli di debito sia in titoli di capitale mediante strumenti finanziari e quote di OICR di natura monetaria, obbligazionaria e azionaria, denominati in Euro e/o in valuta estera. La durata finanziaria della componente monetaria/obbligazionaria (duration) può variare da 2 a 8 anni. La componente monetaria/obbligazionaria può oscillare tra il 60% e il 100% del patrimonio del Comparto. La componente azionaria può variare tra 0% e 40% del patrimonio del Comparto. La gestione può avvalersi anche dell utilizzo di strumenti derivati al fine di coprire, in vario grado, i rischi finanziari presenti nel portafoglio. Lo stile di gestione è caratterizzato da dinamicità dell asset allocation, realizzata sotto un attenta analisi del rischio. D.4.2) Criteri di selezione degli strumenti finanziari Per la quota obbligazionaria gli investimenti sono effettuati sulla base di una analisi macroeconomica delle principali variabili delle maggiori economie mondiali, con particolare attenzione alle politiche monetarie messe in atto dalle Banche Centrali, nonché sulla base di una analisi di bilancio e di credito delle principali società emittenti sui mercati obbligazionari (ad es.: ratios patrimoniali, livelli di indebitamento, differenziali di rendimento rispetto ad attività prive di rischio). Per la parte azionaria gli investimenti sono effettuati sulla base di analisi macroeconomiche e industriali per la determinazione dei pesi dei singoli Paesi e settori, analisi economico finanziarie per la selezione principalmente di aziende che presentano un profilo di investimento interessante in relazione a parametri di valutazione ritenuti significativi. Gli investimenti negli strumenti elencati possono essere effettuati anche tramite l uso di quote di OICR. D.4.3) Categoria di emittenti e settori industriali Per gli strumenti di natura obbligazionaria: principalmente emittenti sovrani, organismi internazionali ed emittenti di tipo societario con merito creditizio investment grade. Per gli strumenti di natura azionaria: emittenti caratterizzati da vario livello di capitalizzazione, con ampia diversificazione degli investimenti nei diversi settori economici. D.4.4) Aree geografiche di investimento Per la componente monetaria/obbligazionaria: mercati regolamentati dell Area Euro, Europa ex Euro, Americhe e Asia/Pacifico. Per la componente azionaria: mercati regolamentati di Europa, Americhe e Asia/Pacifico. E possibile l investimento residuale nei mercati dei Paesi emergenti. L esposizione al rischio di cambio è gestita attivamente. D.5) Benchmark 15% BofA Merrill Lynch Euro Treasury Bill, 40% JP Morgan GBI EMU, 10% JPM GBI Global (Euro), 20% MSCI World (Euro), 15% BofA Merrill Lynch Euro Large Cap Corporate. Sono possibili significativi scostamenti della composizione del portafoglio del Comparto rispetto al benchmark, attraverso l investimento in strumenti finanziari di emittenti non presenti nell indice di riferimento o presenti in proporzioni diverse e attraverso il differente bilanciamento delle aree geografiche e/o settoriali di investimento, al fine di realizzare un migliore rendimento corretto per il rischio nel lungo periodo. ***** E) Comparto Conservazione 3+ (linea obbligazionaria denominata in Euro). Tale Comparto persegue l obiettivo di ottenere, in un orizzonte temporale di medio termine (indicativamente di almeno 3 anni), un rendimento reale positivo del capitale, compatibile con un profilo di rischio medio-basso. Le risorse sono investite esclusivamente in titoli di debito. L investimento complessivo in valori mobiliari in valuta estera non potrà eccedere il 20% dell attivo netto del Comparto. E.1) Finalità della gestione: la gestione è finalizzata a soddisfare le esigenze degli aderenti che hanno come obiettivo un graduale incremento dei capitali investiti in un orizzonte temporale di medio periodo. È più adatto 15

16 per coloro che sono vicini all accesso alla prestazione pensionistica complementare e/o che hanno una propensione medio/bassa al rischio. E.2) Orizzonte temporale: medio periodo (almeno 3 anni). E.3) Grado di rischio: medio/basso. E.4) Politica di investimento: E.4.1) Strumenti finanziari Esclusivamente strumenti finanziari e quote di OICR di natura monetaria e obbligazionaria principalmente denominati in Euro. La durata finanziaria della componente obbligazionaria (duration) varia da 0 a 3 anni. L esposizione al rischio di cambio è gestita attivamente. E possibile l utilizzo di contratti derivati per fini di copertura del rischio. E.4.2) Categoria di emittenti e settori industriali Emittenti sovrani, organismi internazionali ed emittenti di tipo societario con merito creditizio investment grade. E.4.3) Aree geografiche di investimento Mercati regolamentati dell Area Euro, in misura contenuta nei mercati regolamentati degli altri Paesi sviluppati. Investimento residuale nei mercati dei Paesi emergenti. E.4.4) Criteri di selezione degli strumenti finanziari Gli investimenti sono effettuati sulla base di un analisi macroeconomica delle principali variabili delle maggiori economie mondiali, con particolare attenzione alle politiche monetarie messe in atto dalla Banca Centrale Europea, nonché sulla base di un analisi di bilancio e di credito delle principali società emittenti sui mercati obbligazionari (ad es.: ratios patrimoniali, livelli di indebitamento, differenziali di rendimento rispetto ad attività prive di rischio). Vengono sviluppate considerazioni delle opportunità di posizionamento, anche tramite arbitraggi, sulle curve dei tassi dei diversi paesi considerati. E.5) Benchmark Sino al 31 luglio 2013: 80% MTS Bot lordo, 20% JP Morgan GBI Global (in Euro). A far data dal 1 agosto 2013: 50% JP Morgan GBI EMU,, 20% JP Morgan GBI Global (in Euro), 15% BofA Merrill Lynch Euro Large Cap Corporate, 15% BofA Merrill Lynch Euro Treasury Bill. Sono possibili significativi scostamenti della composizione del portafoglio del Comparto rispetto al benchmark, attraverso l investimento in strumenti finanziari di emittenti non presenti nell indice di riferimento o presenti in proporzioni diverse e attraverso il differente bilanciamento delle aree geografiche e/o settoriali di investimento, al fine di realizzare un migliore rendimento corretto per il rischio nel lungo periodo. ***** F) Comparto Garanzia 1+ (linea monetaria denominata in Euro). Tale Comparto persegue l obiettivo, in un orizzonte temporale di breve termine (indicativamente non superiore a 3 anni), di preservare il valore del capitale investito, compatibile con un profilo di rischio basso. La politica di gestione del Comparto perseguirà una struttura del portafoglio idonea a garantire l esecuzione dell obbligazione assunta investendo esclusivamente in titoli di debito. F.1) Finalità della gestione: la gestione è finalizzata a soddisfare le esigenze degli aderenti che hanno come obiettivo un contenuto incremento dei capitali investiti in un orizzonte temporale di breve periodo. È più adatto per coloro che sono prossimi all accesso alla prestazione pensionistica complementare e/o che hanno una bassa propensione al rischio. F.2) Orizzonte temporale: breve periodo (non superiore a 3 anni). F.3) Grado di rischio: basso. Quando opera la garanzia il profilo di rischio del Comparto è nullo. F.4) Politica di investimento: F.4.1) Strumenti finanziari Esclusivamente strumenti finanziari e quote di OICR di natura monetaria e obbligazionaria denominati in Euro. La durata finanziaria della componente obbligazionaria (duration) varia da 0 a 1 anno. F.4.2) Categoria di emittenti e settori industriali Emittenti sovrani o organismi internazionali e, in forma residuale, emittenti di tipo societario con merito creditizio investment grade. 16

17 F.4.3) Aree geografiche di investimento Mercati regolamentati dell Area Euro. Investimento residuale negli altri mercati. F.4.4) Criteri di selezione degli strumenti finanziari Gli investimenti sono effettuati sulla base di un analisi macroeconomica delle principali variabili delle maggiori economie mondiali, con particolare attenzione alle politiche monetarie messe in atto dalla Banca Centrale Europea, nonché sulla base di un analisi di bilancio e di credito delle principali società emittenti sui mercati obbligazionari (ad es.: ratios patrimoniali, livelli di indebitamento, differenziali di rendimento rispetto ad attività prive di rischio). Considerazione delle opportunità di posizionamento, anche tramite arbitraggi, sulla parte a breve delle curve dei tassi dei diversi paesi considerati. F.5) Benchmark Sino al 31 luglio 2013: 100% MTS Bot lordo. A far data dal 1 agosto 2013: 100% BofA Merrill Lynch Euro Treasury Bill. Sono possibili significativi scostamenti della composizione del portafoglio del Comparto rispetto al benchmark, attraverso l investimento in strumenti finanziari di emittenti non presenti nell indice di riferimento o presenti in proporzioni diverse e attraverso il differente bilanciamento delle aree geografiche e/o settoriali di investimento, al fine di realizzare un migliore rendimento corretto per il rischio nel lungo periodo. F.6) Garanzia di capitale L adesione al Comparto Garanzia 1+ attribuisce all aderente, al verificarsi di eventi di cui alle previsioni riportate in nota informativa e nel regolamento del Fondo, il diritto alla corresponsione di un importo minimo garantito a prescindere dai risultati di gestione. La garanzia può essere prestata alla SGR da soggetti diversi dalla stessa, a ciò abilitati. Il diritto alla garanzia e l importo minimo garantito sono riconosciuti nei casi e nelle misure previsti dalla nota informativa e dal regolamento del Fondo. In particolare, è opportuno sottolineare come, in base alla disciplina del Comparto Garanzia 1+, con decorrenza dal 1 agosto 2013 venga eliminato il diritto alla garanzia di capitale al verificarsi degli eventi anticipazioni di prestazione, riscatto o trasferimento della posizione individuale. ***** Nella tabella seguente viene illustrato l andamento storico dei risultati e della volatilità del Fondo Pensione nel dettaglio per ciascun singolo Comparto gestito e dei relativi benchmark (i dati storici di rendimento medio annuo insistono sugli orizzonti temporali indicati, a 1, 3, 5 e 10 anni, così i dati storici di volatilità, che sono calcolati su rilevazioni mensili) con aggiornamento delle rilevazioni al 28 dicembre I dati di rendimento non tengono conto dei costi gravanti direttamente sull aderente, il rendimento del Comparto risente degli oneri gravanti sul patrimonio dello stesso, che invece non sono contabilizzati nell andamento del benchmark, e degli oneri fiscali, anch essi contabilizzati nell andamento del benchmark. Descrizione Comparto Perf Ptf Perf Bmk Y 2012 DATI ANNUALIZZATI 3Y DATI ANNUALIZZATI 5Y DATI ANNUALIZZATI 10Y Volatilità Port Volatilità Bmk Tracking Error Perf Ptf Perf Bmk Volatilità Port Volatilità Bmk Perf Ptf Perf Bmk Volatilità Port Volatilità Bmk Perf Ptf Perf Bmk Volatilità Port Arti e Mestieri - Linea Garanzia 1+ - Classe A 2,23% 2,77% 2,07% 1,06% 1,18% 0,32% 1,63% 2,59% 0,90% 1,27% 2,04% 2,06% 0,78% 1,47% 2,22% 1,46% 0,57% Arti e Mestieri - Linea Garanzia 1+ 2,14% 2,77% 2,08% 1,06% 1,18% 0,23% 1,63% 2,59% 0,90% 1,19% 2,04% 2,06% 0,78% 1,42% 2,22% 1,46% 0,57% Arti e Mestieri - Linea Conservazione 3+ - Classe A 3,10% 2,20% 2,07% 1,80% 1,72% 1,47% 2,73% 2,60% 2,01% 2,31% 3,11% 2,16% 2,00% 1,91% 2,48% 1,58% 1,55% Arti e Mestieri - Linea Conservazione 3+ 2,84% 2,20% 2,07% 1,80% 1,73% 1,21% 2,73% 2,60% 2,01% 2,04% 3,11% 2,15% 2,00% 1,75% 2,48% 1,58% 1,55% Arti e Mestieri - Linea Incremento e Garanzia 5+ - Classe A 4,76% 8,06% 2,83% 3,18% 1,23% 1,39% 2,83% 3,42% 3,41% 1,94% 1,95% 3,92% 4,07% n/d 3,63% n/d 3,23% Arti e Mestieri - Linea Incremento e Garanzia 5+ 4,67% 8,06% 2,84% 3,18% 1,23% 1,30% 2,83% 3,43% 3,41% 1,85% 1,95% 3,92% 4,07% n/d 3,63% n/d 3,23% Arti e Mestieri - Linea Rivalutazione Classe A 8,61% 7,83% 3,50% 3,27% 2,05% 5,29% 6,41% 4,02% 3,89% 3,62% 3,91% 5,12% 5,53% 3,82% 4,29% 4,17% 4,64% Arti e Mestieri - Linea Rivalutazione 10+ 8,04% 7,83% 3,50% 3,27% 2,05% 4,73% 6,41% 4,02% 3,89% 3,13% 3,91% 5,11% 5,53% 3,55% 4,29% 4,17% 4,64% Arti e Mestieri - Linea Crescita Classe A 9,39% 9,62% 5,32% 5,31% 1,36% 6,06% 7,13% 7,22% 7,37% 1,72% 1,30% 10,06% 11,21% 3,78% 4,25% 8,40% 9,27% Arti e Mestieri - Linea Crescita 25+ 8,72% 9,62% 5,32% 5,31% 1,36% 5,40% 7,13% 7,22% 7,37% 1,17% 1,30% 10,05% 11,21% 3,46% 4,25% 8,41% 9,27% Volatilità Bmk Il rendimento che l aderente può attendersi dall'investimento è strettamente legato al livello di rischio che decide di assumere. In via generale, ad un minore di livello di rischio assunto, possono corrispondere minori (ma tendenzialmente più stabili) rendimenti attesi nel tempo. Al contrario, livelli di rischio più alti possono dar luogo a risultati di maggiore soddisfazione, ma anche ad una probabilità più alta di perdita nel breve periodo. Linee di investimento più rischiose non sono, in genere, particolarmente adatte a chi è prossimo al pensionamento mentre possono rappresentare una opportunità interessante per i soggetti più giovani, con obiettivi su orizzonti temporali di più lungo periodo. 17

18 I risultati conseguiti dal Fondo negli anni passati possono consentire all aderente di formarsi un'indicazione sull'andamento della gestione, tuttavia detti rendimenti passati non sono necessariamente indicativi di quelli futuri, vale a dire che non sussiste alcuna certezza sul fatto che negli anni a venire i risultati possano essere in linea con quelli ottenuti in precedenza. Nelle tabelle seguenti viene illustrato il possibile rendimento medio atteso annuo dei diversi Comparti del Fondo Pensione su un orizzonte temporale di lungo periodo (superiore a 10 anni) ipotizzando che le relative misure di variabilità possano mantenersi costanti nel tempo. I numeri ivi esposti rappresentano valori riferibili esclusivamente alle possibili dinamiche di mercato, al lordo di costi, commissioni e fiscalità. Tali valutazioni discendono da ipotesi formulate sui presumibili rendimenti attesi delle asset class di riferimento per l investimento, tenuto conto di due possibili differenti scenari di crescita economica, ed ipotizzando che, tra i due, sussistano maggiori probabilità che si verifichi uno scenario di crescita normale. Scenario di crescita "normale" Asset Class di investimento Rendimento Atteso Rendimenti medi annui attesi sui Comparti del Fondo Pensione Arti & Mestieri su Asset Class Linea Crescita 25+ Linea Rivalutazione 10+ Linea Incremento e Garanzia 5+ Linea Conservazione 3+ Linea Garanzia 1+ Azionaria Euro 6,00% 1,20% Azionaria Globale 6,50% 5,20% 2,60% Obbligazionaria Internazionale 4,00% 0,80% 0,80% Obbligazionaria Euro 4,00% 1,20% 0,80% 2,00% Monetaria - liquidità 2,00% 0,40% 0,20% 1,00% 0,30% 2,00% Corporate Euro 4,00% 0,40% 0,60% Rendimenti medi annui attesi per ciascun comparto 5,60% 4,80% 3,40% 3,70% 2,00% Scenario di crescita "bassa" Asset Class di investimento Rendimento Atteso Rendimenti medi annui attesi sui Comparti del Fondo Pensione Arti & Mestieri su Asset Class Linea Crescita 25+ Linea Rivalutazione 10+ Linea Incremento e Garanzia 5+ Linea Conservazione 3+ Linea Garanzia 1+ Azionaria Euro 4,00% 0,80% Azionaria Globale 4,00% 3,20% 1,60% Obbligazionaria Internazionale 3,00% 0,60% 0,60% Obbligazionaria Euro 2,00% 0,60% 0,40% 1,00% Monetaria - liquidità 1,00% 0,20% 0,10% 0,50% 0,15% 1,00% Corporate Euro 2,50% 0,25% 0,38% Rendimenti medi annui attesi per ciascun comparto 3,40% 2,90% 1,95% 2,13% 1,00% Avendo riguardo ai limiti di rischio ed ai fattori di rischio, si riportano, a titolo esemplificativo, le deliberazioni assunte dal Consiglio di Amministrazione con validità attuale (28 marzo 2013). Sui Fondi Pensione Arti e Mestieri indicati nella tabella seguente, il Consiglio di Amministrazione delibera di mantenere, per le Linee Conservazione 3+, Rivalutazione 10+ e Crescita 25+, un limite di rischio collocato in fascia di rischio normale, ritenendo che esso, attualmente, risponda in misura adeguata ai livelli di rischio che consentano il raggiungimento degli obiettivi di rendimento dei singoli prodotti in una situazione di mercato caratterizzata da una volatilità che si prevede rimanga in linea con la volatilità media storica del mercato di riferimento. Sulle Linee Garanzia 1+ e Incremento e Garanzia 5+, il Consiglio di Amministrazione delibera di mantenere un limite di rischio collocato in fascia di rischio attiva, allo scopo di consentire l assunzione di posizionamenti particolarmente prudenziali, anche sensibilmente discosti dai relativi benchmark. Sul comparto in attivazione con decorrenza dal 1 aprile 2013 il Consiglio di Amministrazione delibera di adottare un limite di rischio collocato in fascia attiva allo scopo di agevolare la fase di costruzione del portafoglio. Denominazione Fondi Pensione Tipologia Indicatore di Rischio Fascia Minima Limiti di rischio Fascia Normale Fascia Attiva Fascia Oggetto di Delibera ARTI & MESTIERI - LINEA GARANZIA 1+ Monetario TE 0,5 1,0 1,5 Attiva ARTI & MESTIERI - LINEA CONSERVAZIONE 3+ Obbligazionario TE 1,3 2,5 3,8 Normale ARTI & MESTIERI - LINEA INCREMENTO E GARANZIA 5+ Bilanciato Obbligaz. TE 2,0 4,0 6,0 Attiva ARTI & MESTIERI - LINEA EQUILIBRIO 5+ Bilanciato Obbligaz. TE 2,0 4,0 6,0 Attiva ARTI & MESTIERI - LINEA RIVALUTAZIONE 10+ Bilanciato Bilanciato TE 2,5 5,0 7,5 Normale ARTI & MESTIERI - LINEA CRESCITA 25+ Bilanciato Azionario TE 3,0 6,0 9,0 Normale Legenda: TE : Tracking Error 18

19 Al fine di definire, per il Fondo e ciascun comparto gestito, i principali fattori di rischio che attengono alle diverse tipologie di prodotti (l esposizione per asset class azionaria, obbligazionaria, convertibili, OICR Multiasset, il rischio di tasso inteso quale duration per classe monetaria ed obbligazionaria, il rischio di credito quale rating medio, minimo o massimo peso di titoli privi di rating, etc.) il Consiglio di Amministrazione delibera inoltre i seguenti limiti minimi e/o massimi di esposizione ai principali fattori di rischio. Il Consiglio di Amministrazione ritiene che tali limiti, esposti nelle seguenti tabelle, appaiano idonei ad attuare un efficiente ed efficace attività di gestione, e che risultino coerenti con i limiti di rischio deliberati per ciascun prodotto. Fondi Pensione Azioni (%) Obbligazioni (%) Duration (anni) Rating (%) Conv. (%) OICR Multiasset (%) Min Max Bmk Min Max Bmk Min Max Bmk Medio Min Minimo Max NR Medio Bmk Min Max Min Max ARTI & MESTIERI - LINEA GARANZIA ,0 0,4 BBB BBB- - A ARTI & MESTIERI - LINEA CONSERVAZIONE ,5 1,7 BBB BBB- - A ARTI & MESTIERI - LINEA INCREMENTO E GARANZIA ,0 2,3 BBB BBB- - A ARTI & MESTIERI - LINEA EQUILIBRIO ,0 7,0 - BBB BBB- - A ARTI & MESTIERI - LINEA RIVALUTAZIONE ,0 7,0 5,5 BBB BBB- - A ARTI & MESTIERI - LINEA CRESCITA ,0 - BBB BBB- - AA I pesi sono espressi in % sul NAV, le duration sono espresse sulla componente monetaria ed obbligazionaria. ***** Di seguito sono elencati i soggetti coinvolti nella attività della forma pensionistica complementare. (Le informazioni sono aggiornate alla data del 31 ottobre 2014) Soggetto Istitutore del Fondo Pensione Aperto. Il Fondo Pensione Arti & Mestieri - Fondo Pensione Aperto è stato istituito da Anima SGR S.p.A., con delibera del Consiglio di Amministrazione del 14 dicembre ANIMA - Società di Gestione del Risparmio per Azioni, in forma abbreviata Anima SGR S.p.A. (di seguito SGR), è stata costituita in data con la denominazione di Bipiemme Gestioni SGR S.p.A ed è iscritta all apposito Albo tenuto presso la Banca d Italia al n. 8 della Sezione Gestori di OICVM e al n. 6 della Sezione Gestori di FIA. È soggetta all attività di direzione e coordinamento di Anima Holding S.p.A.. La sede sociale è in Milano, Corso Garibaldi 99; la durata della Società è stabilita sino al 31 dicembre 2050 e la chiusura dell esercizio sociale è stabilita al 31 dicembre di ogni anno. Con provvedimento n del 14 settembre 2009, Banca d Italia ha autorizzato la fusione per incorporazione di Anima SGRp.A. in Bipiemme Gestioni SGR S.p.A., con conseguente variazione della denominazione di quest ultima in Anima SGR S.p.A. a decorrere dal 31 dicembre Con provvedimento n /11 del 21 settembre 2011 la Banca d Italia ha autorizzato la fusione per incorporazione di Prima SGR S.p.A. in Anima SGR S.p.A., perfezionatasi in data 31 dicembre La SGR svolge servizio di gestione collettiva del risparmio, servizio di gestione di portafogli anche in forza di delega ricevuta, istituzione e gestione di Fondi Pensione, la gestione di patrimoni autonomi gestiti in forma collettiva in regime di delega, il servizio di consulenza in materia di investimenti per i clienti professionali di diritto delle gestioni di portafogli, la commercializzazione di quote o azioni di OICR propri o di terzi. Il capitale sociale di ,00 Euro, interamente sottoscritto e interamente versato, è detenuto al 100% da Anima Holding S.p.A.. Il Consiglio di Amministrazione della SGR è composto da 9 membri che durano in carica per un periodo non superiore a 3 esercizi e sono rieleggibili.. Le scelte di investimento del Fondo, sia pure nel quadro dell attribuzione in via generale delle responsabilità di gestione al Consiglio di Amministrazione, sono in concreto effettuate dal dott. Armando Carcaterra, Direttore Investimenti di Anima Sgr. Il Responsabile attuale del Fondo è il Sig. Andrea Girardelli. 19

20 I Componenti dell Organismo di Sorveglianza del Fondo sono stati nominati dal Consiglio di Amministrazione di Anima SGR S.p.A. il e risultano attualmente in carica sino al La Banca Depositaria è Istituto Centrale delle Banche Popolari Italiane S.p.A., con sede legale in Corso Europa, Milano. Il Service Amministrativo è per i servizi amministrativo-contabili di back office e di amministrazione clienti è Istituto Centrale delle Banche Popolari Italiane S.p.A. con sede legale Corso Europa, Milano. Il gestore delle risorse è Anima Sgr SpA che provvede alla gestione delle risorse del Fondo. La convenzione per l erogazione della prestazione pensionistica è stipulata con Fondiaria-SAI S.p.A., con sede legale in Firenze - Piazza della Libertà, 6. L incarico per la revisione della contabilità e la certificazione del bilancio della SGR, nonché del Rendiconto annuale del Fondo, è stato conferito con delibera assembleare dell 8 aprile 2008, per nove anni dal 2008 al 2016, alla società di revisione Reconta Ernst & Young S.p.A., con sede legale in Roma, Via G.D. Romagnosi, 18/A. **** Modifiche apportate nell ultimo triennio. Il predetto Documento deliberato in data 19 dicembre 2012 è stato successivamente modificato con delibera del 28 marzo 2013, a seguito dell introduzione della disciplina del nuovo Comparto Equilibrio 5+ nonché per la chiusura alle adesioni esplicite del Comparto Incremento e garanzia 5+, a far data dal 1 aprile Inoltre, sono state contestualmente riportate talune modifiche, efficaci dal 1 agosto 2103, decorso il periodo di sospensiva, aventi ad oggetto: - la variazione dei benchmark dei Comparti; - per il Comparto Incremento e garanzia 5+, l eliminazione della garanzia di capitale, al verificarsi dell'evento di riscatto o di trasferimento decorso un periodo di permanenza nel fondo di almeno 5 anni; - per il Comparto Garanzia 1+, l eliminazione del diritto alla garanzia di capitale al verificarsi degli eventi anticipazioni di prestazione, riscatto o trasferimento della posizione individuale. Con delibera del 31 ottobre 2014, il Documento è stato modificato a seguito dell adozione da parte della SGR della Politica di valutazione del merito di credito nonché dell aggiornamento di talune informazioni che attengono ai soggetti coinvolti nella attività della forma pensionistica complementare. Documentazione disponibile. La Nota Informativa ed il Regolamento del Fondo sono resi disponibili gratuitamente sul sito Internet della SGR presso i Soggetti incaricati del collocamento e, per i lavoratori dipendenti che possono aderire su base collettiva, presso i datori di lavoro. Con le stesse modalità sono resi disponibili il Documento sul regime fiscale, il Documento sulle anticipazioni e ogni altra informazione generale utile all iscritto. La Nota Informativa ed il Regolamento del Fondo, qui riportati in allegato, costituiscono, nei loro contenuti, parte integrante del presente documento. 20

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato)

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato) (Progetto Esemplificativo Standardizzato) Il presente progetto esemplificativo contiene una stima della pensione complementare predisposta per consentirti una valutazione sintetica e prospettica del programma

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5003 Nota Informativa per i potenziali Aderenti (depositata

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Indagine conoscitiva sulla gestione del risparmio da parte dei Fondi pensione e Casse professionali, con riferimento agli investimenti mobiliari e immobiliari,

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta.

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta. PARTE III DEL PROSPETTO COMPLETO ALTRE INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Chiara Vita T Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni contrattuali

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basileaa 2 SITUAZIONE AL 31/12/2 2014 PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) Il primo gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Il nuovo Regolamento Intermediari n. 16190/2007 emanato dalla Consob ed il Regolamento congiunto del 29 ottobre 2007 emanato da Banca

Dettagli

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO 20.1 PREMESSA... 255 20.2 COMITATO DI CONSULTAZIONE... 255 20.3 SOGGETTI TITOLATI A PRESENTARE RICHIESTE DI MODIFICA... 255 20.4 REQUISITI DI RICEVIBILITA

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Dai valore al tuo domani. fondo pensione

Dai valore al tuo domani. fondo pensione Dai valore al tuo domani fondo pensione fondo pensione E grande la soddisfazione per aver raggiunto l'obiettivo di realizzare il primo Fondo di Previdenza Complementare di categoria gestito da una Cassa

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Relazione sulle Politiche di Remunerazione

Relazione sulle Politiche di Remunerazione SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE Società cooperativa con sede legale in Verona, Lungadige Cangrande n. 16 Capogruppo del Gruppo Cattolica Assicurazioni, iscritto all Albo dei Gruppi Assicurativi 019

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI SEZIONE I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. Premessa La disciplina delle operazioni con parti

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA CONSOB VISTO il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n.

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SANTERAMO IN COLLE (BARI) Aggiornata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 03 DICEMBRE 2014 VVeer r..1111

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli