La valutazione dell investimento in arte. il caso dell arte etnica. Paolo Figini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La valutazione dell investimento in arte. il caso dell arte etnica. Paolo Figini"

Transcript

1 Paolo Figini La valutazione dell investimento in arte: il caso dell arte etnica La valutazione dell investimento in arte Il mercato dell arte è in forte espansione. La Tabella 1 giustifica tale affermazione anche se spesso i mass-media riportano solo le notizie sulle aggiudicazioni più clamorose, quelle per diversi milioni di euro, che rappresentano però solo la punta dell iceberg di questo mercato. Tabella 1. Il mercato mondiale dell arte visiva nel 2006 Giro d affari complessivo del mercato delle aste $ 6,4 miliardi Numero di opere presentate all asta circa Percentuale di opere vendute 66 % Variazione % del giro d affari rispetto al % Variazione media % dei prezzi rispetto al ,4% Numero di opere vendute a più di $ 1 milione più di 800 Prezzo record Dora Maar au Chat (Picasso), $ 85 milioni Sotheby s New York Fonte: Art Market Trends 2006, ArtPrice.com Accanto a tipologie classiche di operatori (appassionati, collezionisti), il mercato ha iniziato ad attirare anche investitori privati e istituzionali in cerca di occasioni di profitto e di diversificazione del rischio associato all investimento; è diventato pertanto necessario sviluppare strumenti di analisi finanziaria per guidare le loro scelte. Una prima strada naturale che si è tentato di percorrere è stata quella di applicare all arte gli strumenti di valutazione del mercato utilizzati normalmente dagli analisti finanziari. La strada dell analogia tra artista e società e tra opera e titolo di credito si è rivelata però immediatamente impercorribile: i prodotti finanziari e 40 41

2 42 le opere d arte si differenziano dal punto di vista economico per più ragioni, che impediscono di applicare senza rielaborazione al mercato dell arte le metodologie di costruzione di indici come il Dow Jones per la Borsa di New York o il MIB per la Borsa di Milano. Al contrario, si sono dovute sviluppare metodologie ad hoc che permettessero di affrontare le peculiarità di questo mercato e che al contempo potessero essere utilizzate per valutarne i diversi livelli di aggregazione o di disaggregazione (ad esempio, il mercato dell arte contemporanea, i suoi segmenti, le singole scuole fino ai singoli artisti). Numerosi passi sono stati compiuti in questa direzione: informazioni sul rendimento di un investimento in arte e servizi di consulenza finanziaria, sono oggi offerti da una serie di attori diversi, dalle gallerie e case d asta a società di consulenza specializzate, fino a società di consulenza finanziaria. Ma quali sono gli indicatori finanziari che è possibile costruire con i dati disponibili per l arte e per le opere di arte etnica in particolare? Gli indici di valutazione del mercato Come già evidente dalla Tabella 1, anche per l arte etnica (Tabella 2) gli indicatori più semplici riguardano la dimensione del mercato (sia nel suo complesso sia per singoli segmenti) 1. A questo proposito, i tre indicatori principali sono: 1) il numero di opere presentate all asta. Quando il mercato è in espansione l offerta tende ad aumentare, pertanto la variazione di questo indice approssima la vivacità del mercato; 2) non tutte le opere che compaiono sul mercato sono poi realmente vendute: allora la percentuale delle opere vendute rispetto a quelle offerte è una misura della facilità di vendere e, quindi, può essere letta come un indice di liquidità dell investimento; 3) il valore complessivo degli scambi (cioè la somma dei prezzi delle opere scambiate) è un altro indicatore fondamentale che misura il giro d affari che muove il mercato nel suo complesso, in un suo segmento o per un singolo artista. Tabella 2. Il mercato mondiale dell arte etnica nel 2006 Giro d affari complessivo? 32,5 milioni del mercato delle aste Numero di opere presentate all asta 1500 Percentuale di opere vendute 75 % Variazione % del giro d affari rispetto al % Variazione media % dei prezzi rispetto al % Numero di opere vendute a più di? 1 milione 2 Prezzo record (fig. 14bc) Poggiatesta Luba? , Sotheby s Parigi Fonte: nostra elaborazione Progetto Tevau Accanto a questi indicatori, in analogia con i mercati finanziari, devono essere considerati anche degli indici di prezzo. L economia dell arte ne propone cinque che, con alterne fortune, sono stati utilizzati. Li descriviamo brevemente. 1) il metodo del testimone privilegiato. Esso è il primo a essere stato proposto e utilizzato. Un gruppo di esperti d arte estrae un campione arbitrariamente rappresentativo del mercato da analizzare, tra le opere che in quel periodo sono state vendute. Di questo campione si calcola il prezzo medio e, su questa base, si valuta l andamento del mercato. Il Sotheby s Art Index è l indice più importante costruito con questo metodo, semplice da comprendere ma con molti svantaggi. Innanzitutto, è fortemente soggettivo, poi rischia di distorcere in maniera sistematica l andamento del mercato se, ad esempio, le opere inserite nel campione hanno un andamento diverso da quelle escluse; 2) il metodo del dipinto medio. Questo metodo, proposto da Stein (1977), cerca di migliorare il metodo del testimone privilegiato limitando al massimo la parzialità e la soggettività del campione utilizzato. Stein costruisce il campione includendo quei dipinti che rispettano certe caratteristiche medie, in modo da individuare il backbone del mercato. Anche questo criterio presenta vantaggi e svantaggi: è parsimonioso se il meccanismo di selezione è efficace, ma, anche in questo caso, la selezione delle caratteristiche medie può essere sottoposta a distorsioni (se il mercato valuta diversamente altre caratteristiche) ; 3) il metodo delle vendite ripetute. La maniera naturale per stimare la rivalutazione di un opera d arte è quello di confrontare il suo prezzo di acquisto con il suo prezzo di vendita. Questo metodo (Anderson 1974; Goetzmann 1993) non è però facilmente applicabile. Infatti, se è vero che risolve il problema dell eterogeneità delle opere, è anche vero che solo un numero esiguo di oggetti transita sul mercato più di una volta. Di conseguenza, la debolezza principale di questo metodo riguarda il fatto che la valutazione del mercato viene eseguita attraverso un campione sottodimensionato e a priori non necessariamente rappresentativo, che può comportare una stima distorta dell andamento del mercato; 4) il metodo del rapporto prezzo-stima. Uno dei metodi più efficaci per risolvere il problema dell eterogeneità nella valutazione del mercato dell arte è quello proposto da Candela, Figini e Scorcu (2004). Essi utilizzano la stima dell opera, un informazione presente in tutti i cataloghi d asta. La stima è un informazione pubblica, nota prima della transazione, in cui la casa cerca di approssimare il valore dell oggetto, e quindi la sua qualità (fig. 2bc). Se accettiamo l ipotesi di correttezza della stima, allora un indice di mercato può essere costruito partendo dal rapporto tra il prez- 43

3 44 zo di aggiudicazione e la stima (interpretabile come la previsione di valore ex ante). In sintesi, l indice proposto da Candela, Figini e Scorcu non cresce se un dipinto di valore viene venduto, ma solo se un dipinto (di qualsiasi valore esso sia) viene venduto a un prezzo superiore alla sua stima. Il mercato registra quindi un andamento positivo quando le opere vengono vendute a prezzi sistematicamente superiori alle stime; 5) il metodo del prezzo edonico. Questa metodologia risale a Rosen (1974) e la sua applicazione al campo dell arte la si deve a Chanel (1995) e Chanel e Ginsburgh (1996). Seguendo la concezione edonica (Lancaster 1966), i beni non sono domandati in quanto tali, ma in quanto portatori di alcune caratteristiche che sono richieste dai consumatori. Nel nostro caso, allora, il prezzo di un dipinto può essere spiegato dagli attributi che ha: se é un olio o un acrilico, se è grande o piccolo, se raffigura una scena di caccia o una battaglia navale. Vedremo che questo metodo è particolarmente promettente per la valutazione dell arte etnica e ai nostri fini merita quindi un analisi più approfondita. Il metodo del prezzo edonico Ogni opera d arte è un insieme complesso di diverse caratteristiche che ne determinano il valore finale. Le caratteristiche possono essere classificate in: 1) caratteristiche fisiche. Candela e Scorcu (2007) dividono a loro volta queste caratteristiche in iconografiche (inerenti il soggetto concreto o astratto rappresentato, materiali (il supporto, la tecnica, l artista che l ha creata) e di dimensione (la grandezza e la forma plastica); 2) caratteristiche storiche. Esse sono il grado di attribuzione dell opera all artista o alla sua scuola, la certezza dell attribuzione, le informazioni sulla provenienza, la bibliografia esistente, l esposizione o meno in qualche mostra; 3) caratteristiche di mercato: la data, la casa d asta, il luogo della vendita, il numero di lotto influiscono sul prezzo al quale l opera viene scambiata. Alcuni degli effetti di tali caratteristiche sono intuibili a tutti: un dipinto attribuito in maniera certa all artista ha sicuramente un prezzo maggiore di un dipinto simile la cui attribuzione è incerta. Un dipinto di un maestro vale più di quello di un artista che ha un mercato locale e, in media, un dipinto venduto a New York vale più di uno venduto a Milano. Altre differenze sono visibili solo all occhio esperto: ad esempio, nella scuola italiana del XVII secolo un soggetto religioso è valutato meno di una natura morta. Allora il problema è quello di trasformare queste considerazioni qualitative, vere in media, in valutazioni esprimibili in termini quantitativi. Utilizzando tecniche statistiche ed econometri- che, il metodo del prezzo edonico (detto anche della regressione edonica) fa esattamente questo: il prezzo dell opera viene ricostruito sommando i prezzi dei singoli attributi. È un metodo di valutazione indiretta dove dobbiamo inferire il valore che gli investitori danno a certe caratteristiche del bene partendo dal prezzo che il bene ha nelle transazioni di mercato. Una volta però che abbiamo stimato i prezzi di tutte le caratteristiche ritenute rilevanti, possiamo in teoria prevedere il prezzo di una qualunque opera per le caratteristiche che presenta. Questo metodo ha diversi vantaggi. Innanzitutto risolve il problema dell eterogeneità delle opere stimandola. In questo senso, è possibile spiegare il prezzo dell oggetto partendo dalle sue caratteristiche. Al contempo, è possibile valutare la dinamica del mercato neutralizzando l effetto giocato dalle diverse caratteristiche. Se togliamo ogni singola caratteristica all oggetto (o meglio, se sottraiamo il prezzo di ogni caratteristica al prezzo complessivo), alla fine rimaniamo con un ipotetico dipinto grigio o con un cubo di marmo, con caratteristiche standard e sempre uguale a se stesso ; allora, la variazione di prezzo di quest opera standard permette di costruire un indice edonico che valuta come il mercato si evolve nel tempo. Il prezzo edonico ha alcuni limiti. Molte peculiarità dell opera non sono riconducibili a singole caratteristiche e quindi il metodo permette di spiegare solo una percentuale modesta del prezzo finale: risulta quindi un metodo imperfetto di caratterizzazione delle opere pittoriche e plastiche. Un esempio di regressione edonica è tratto dal lavoro di Locatelli-Biey e Zanola (2002) ed è riportato nella Tabella 3. Viene stimata una regressione edonica per il mercato delle sculture, utilizzando oltre osservazioni provenienti dalle maggiori aste effettuate tra il 1987 e il Il modello edonico restituisce una serie di coefficienti che vengono stimati immettendo le migliaia di aggiudicazioni contenute nella banca dati. Ogni coefficiente è associato a una caratteristica. Innanzitutto, la regressione stima una costante che rappresenta il prezzo del cubo di marmo, l oggetto con una serie di caratteristiche standard. Gli altri coefficienti rappresentano invece le variazioni di prezzo che l opera ha in presenza di ulteriori caratteristiche, mantenendo tutti gli altri attributi costanti. Il valore della costante rappresenta il logaritmo del prezzo dell opera con le caratteristiche standard. In questo esempio il valore di 9,1545 della costante significa che il prezzo di un opera identificata dalle caratteristiche base (un bassorilievo unico di bronzo, di grandi dimensioni, di un artista italiano contemporaneo, venduto in una città diversa da New York, Londra e Parigi) ha un prezzo di? 9457 (il cui logaritmo è esattamente 9,1545). L interpretazione degli altri coefficienti dipende da alcuni aspetti tecnici, qua- 45

4 46 li la natura della caratteristica inserita (se è una variabile discreta oppure binaria) e la forma funzionale della regressione. Ad esempio, il coefficiente di -0,1740 relativo alla variabile moderna significa che, ceteris paribus, se la scultura è di arte moderna e non di arte contemporanea, il prezzo diminuisce del 16%. Allo stesso modo, il coefficiente di 0,3790 relativo alla variabile Francia significa che, ceteris paribus, la nazionalità francese dell artista fa diminuire il prezzo del 33% circa rispetto a quella standard di un artista italiano. Il lettore esperto potrà verificare alcuni suoi priors leggendo il segno degli altri coefficienti della Tabella 3. Tabella 3. Il mercato delle sculture Variabile Coefficiente Variabile Coefficiente Costante 9,1545 Altra città base Contemporanea base Unica base Moderna -0,1740 Multipla -0,0901 Antica 0,5412 Piccola -0,5412 Italia base Media -0,0347 Francia -0,3970 Grande base Stati Uniti -0,2867 Piatta (bassorilievo) base Germania -0,4319 Tridimensionale 0,3206 Regno Unito -0, base Altro Paese -0, ,1252 Bronzo base ,1788 Marmo 0, ,2575 Resina 0, ,1425 Avorio -0, ,1864 Terracotta -0, ,3603 Altro materiale -0, ,5470 Sotheby s NY 1, ,4471 Sotheby s Londra 0,7741 Christie s NY 0,9899 Numero osservazioni Christie s Londra 0,7252 R 2 aggiustato 0,23 Parigi 0,0318 Statistica F 293,36 Fonte: Locatelli, Biey, Zanola Nota: i coefficienti sono tutti significativi al 5%. Siccome l accuratezza della stima dipende anche dal rapporto tra il numero di osservazioni e il numero di caratteristiche, spesso è impossibile inserire un numero molto elevato di attributi nella regressione. Allora, l esperto d arte deve lavorare assieme all economista in modo da evitare che, da un lato, vengano incluse caratteristiche che rendono inutilizzabili le stime; dall altro, che le stime abbiano sempre un rilevante significato artistico ed economico. Questo vale soprattutto per l inserimento dell identità dell artista nella regressione. È chiaro che il valore dell opera, nel mercato occidentale, dipende pesantemente dall identità dell artista; ma quest ultima è una variabile totalmente qualitativa, che non ha un ordine naturale. L unico modo per stimare la variazione di prezzo dovuta al fatto che un dipinto sia opera di un certo artista è di inserire nella regressione una variabile dummy, cioè una variabile che assume valore 1 se l opera è dell artista, 0 altrimenti. Ma se la banca dati include centinaia di artisti, dobbiamo introdurre centinaia di dummy, una per ogni artista. E se ci sono pochi dipinti aggiudicati per ognuno di essi, le stime diventano inaffidabili. È meglio allora inserire le dummy solo per quegli artisti che a priori vengono ritenuti dagli esperti in grado di fare il mercato, cioè di aggiungere qualcosa al valore dell opera. Ma così, è facile capire che il modello edonico spesso dà risultati insoddisfacenti rispetto alle ottime ipotesi teoriche da cui parte. La regressione edonica permette anche l identificazione di un indice di valutazione del mercato. L indice viene costruito inserendo nella regressione la variabile tempo (ad esempio, come nella Tabella 3, inserendo tutta una serie di variabili dummy per ognuno degli anni coperti dal database, dal 1987 al 1995). Il coefficiente stimato per ogni anno è trasformabile facilmente nell indice annuale del mercato che stiamo studiando (o meglio dell opera grigia con tutte le caratteristiche base). Ad esempio, utilizzando la formula della nota 15, il valore di 0,2575 relativo al 1990 significa che, rispetto al 1987, il cubo di marmo nel 1990 ha un valore superiore del 29,4%. Il prezzo edonico e l arte etnica Il modello edonico non è mai stato utilizzato per valutare l arte etnica. Questa mancanza deriva principalmente dal fatto che banche dati affidabili e ricche di informazioni per questo segmento d arte ancora non esistono. Ma si sconta anche una mancata riflessione teorica sui motivi per cui la metodologia edonica è particolarmente adatta a valutare l arte etnica. In questo paragrafo vorremmo iniziare a colmare questa lacuna. Il motivo principale è che nell arte etnica l identità dell artista non è importante, anzi l artista è anonimo e l oggetto si riconosce in base all etnia cui appartiene. Il grado di eterogeneità è dunque inferiore a quella dell arte occidentale: siccome il numero delle etnie è minore (e la loro stabilità maggiore) del numero degli artisti che formano ogni stile dell arte occidentale, questo significa poter inserire nella regressione le dummy per etnia laddove le numerose dummy per artista non erano gestibili. In secondo luogo, come ricordano Candela e Scorcu (2007), per l arte dell Africa Nera l iconografia è definita e limitata poiché, contrariamente all arte occidentale, nata per essere in-utile, l arte etnica in generale ma particolarmente quella dell Africa Nera deve essere utile (come oggetto di culto, animistico, o d uso), ciò ne limita drasticamente il contenuto espressivo e iconografico, senza però si badi limitarne invenzione e creatività. Allora, poche caratteristiche estetiche possono riassumerne l Arte Nera in oggetto e soggetto. Anche questa peculiarità si applica bene alle ipotesi del modello edonico. 47

5 Inoltre, anche le tecniche, i materiali e i soggetti sono più limitati: l arte è essenzialmente in legno, pietra, terracotta, bronzo o ferro; gli oggetti sono quasi tutti tridimensionali (a parte quella forma particolare di dipinto che sono i tessuti) e possono essere divisi in maschere, statue, gioielli, utensili, sgabelli e poco altro. Infine, si conviene che poche altre caratteristiche determinano la qualità artistica ed economica dell oggetto: la dimensione, lo stato di conservazione, lo stato d uso, l autenticità, la presenza di riferimenti bibliografici, l esposizione in mostre. Quello che proponiamo per concludere è allora prendere spunto da una banca dati di recente formazione, il progetto TEVAU, per fornire alcuni dati introduttivi che possano sia identificare le variabili principali che determinano il valore sia confermare la bontà potenziale del metodo edonico nel fornire stime relativamente precise di come il mercato valuta le singole caratteristiche dell arte etnica. La banca dati, attualmente ancora in fase di costituzione, include al momento 7558 osservazioni di oggetti d arte etnica battuti nelle aste di Christie s e Sotheby s di New York e Parigi dal 2003 al Per ogni oggetto sono registrati gli attributi riassunti nella fig. 1f. Il passo preliminare alla stima edonica è quello di fare una ricognizione statistica per catturare quelle regolarità che possono poi essere utilizzate per impostare il modello econometrico migliore per ogni sottogruppo relativamente omogeneo (ad esempio, per regione geografica, per aree stilistico culturali, per tipologia e per simbologia). La banca dati TEVAU, pur al momento non sufficientemente vasta per il metodo edonico, permette però di fare alcune considerazioni sul valore delle caratteristiche dell arte etnica. Iniziamo dalla tipologia dell oggetto. La Tabella 4 considera le frequenze assolute, la percentuale di opere vendute, i prezzi medi, le stime medie e il valore complessivo del venduto per ogni categoria. Le statue, gli utensili e le maschere sono le tipologie più numerose, ma il mercato assegna loro valutazioni molto diverse: ad esempio, le sculture hanno un prezzo medio che è circa il doppio degli utensili e degli ornamenti. Inoltre gli oggetti sacri hanno un prezzo medio nettamente superiore ma, scavando nelle statistiche, possiamo anche osservare che la variabilità di prezzo all interno di questa categoria è molto più elevata. Per evidenziare maggiormente l effetto che la tipologia ha sul valore, abbiamo aggiunto in Tabella 4 una categoria poco diffusa e dal valore commerciale molto basso: il libro, il cui prezzo medio è inferiore ai 1000 euro. È anche interessante confrontare i prezzi medi di aggiudicazione con le stime: vediamo che il mercato sembra aver premiato maggiormente le sculture, gli oggetti sacri e gli utensili (il rapporto prezzo/stima è superiore a 1,6) rispetto alle altre tipologie. Tipologia Numero Valore Percentuale Prezzo Stima media complessivo di opere medio vendute Sculture Utensili Maschere Ornamenti Oggetti sacri Libri Altro(*) (*) Abbigliamento, armi, arredi, bastoni, strumenti musicali, gioielli, tessuti. Nella Tabella 5, le stesse statistiche descrittive sono riportate per la regione d origine dell oggetto. Una suddivisione di questo tipo è rozza e imprecisa: il valore dell oggetto è sicuramente più legato all etnia di provenienza, per cui anche all interno di ogni regione ci può essere forte eterogeneità. Si possono comunque osservare alcune regolarità interessanti: innanzitutto c è un chiaro ordinamento del mercato, le opere africane sono le più numerose, quelle che hanno un prezzo medio maggiore e anche quelle con il rapporto maggiore tra prezzo e stima. Seguono l America, l Oceania e l Eurasia. Tabella 5. L arte etnica per regione di provenienza dell oggetto, Regione Numero Valore Percentuale Prezzo Stima media complessivo di opere medio vendute Africa America Oceania Eurasia La Tabella 6 disaggrega invece per il materiale principale di cui è costituito l oggetto. Gli oggetti in legno dominano gli scambi per numero e valore complessivo, ma analizzando le stime e i prezzi medi notiamo due cose interessanti. Innanzitutto ci sono grosse differenze di prezzo tra i materiali: il prezzo medio va dai 5000 euro degli oggetti in avorio ai quasi di quelli in pietra preziosa. Il confronto tra le stime e i prezzi rivela invece che si sta verificando una segmentazione del mercato: le tipologie con stime più alte (basse) sono quelle che hanno visto i prezzi crescere di più (meno). Tabella 6. L arte etnica secondo il materiale primario dell oggetto, Tabella 4. L arte etnica per tipologia di oggetto,

6 Materiale Numero Valore Percentuale Prezzo Stima complessivo di opere medio media vendute Legno Terracotta / Ceramica Pietra Oro / Argento Metallo Pietra preziosa Avorio Bronzo Altro(*) (*) Tessuto, fibra vegetale, osso/corno. Tabella 7. L arte etnica secondo le principali etnie, Etnia Numero Valore Percentuale di Prezzo medio Stima media complessivo opere vendute Cultura Maya Yoruba Baoulè Dan Senufo Dogon Cultura Colima Akan Luba Altre etnie La Tabella 7 riporta le otto maggiori etnie in termini di frequenza, fra le 180 presenti in banca dati. In primo luogo va osservato che la numerosità dei lotti battuti non è correlata al valore degli oggetti: infatti la correlazione d ordine tra il numero e il prezzo medio è solamente pari a 0,12. In secondo luogo, le performance delle etnie sono tra loro molto diverse: i prezzi medi di aggiudicazione variano da poche a molte migliaia di euro e i rapporti tra prezzo e stima spaziano dall 1,13 degli Akan, all 1,27 dei Senufo e 1,29 dei Colima, 1,39 dei Baoulè, 1,54 dei Dan e degli Yoruba, fino all 1,73 dei Maya e 1,77 dei Dogon. In media le altre etnie della Tabella 7 hanno un rapporto di 1,58. In terzo luogo, nella tabella è riportato il caso interessante dell etnia Luba: nonostante come numerosità sia solo dodicesima, questa etnia risulta seconda solo ai Maya come valore complessivo degli scambi (quasi cinque milioni di euro). Ciò è il risultato di prezzi battuti estremamente più elevati delle già alte stime di partenza: il prezzo medio di aggiudicazione è di quasi Euro per un rapporto record tra prezzo e stima di 3,53 2. Due caratteristiche che a priori dovrebbero influenzare il prezzo dell oggetto sono lo stato di conservazione e la presenza o meno di patine. Le statistiche descrittive di questi due attributi sono riportate nelle tabelle 8 e 9. Dai dati emerge che lo stato di conservazione è una variabile difficilmente valutabile e nel 98% dei casi le opere sono state giudicate genericamente buone. Questa mancanza di variabilità impedisce un analisi approfondita, ma permette di giudicare il sovrappiù di valore legato a un ottimo stato di conservazione: non solo la stima è sensibilmente più alta ma anche il rapporto tra prezzo e stima è notevolmente maggiore: 2,55 per ottimo e solo 1,55 per buono. Il mercato è disposto a pagare molto di più per quelle (poche) opere che sono conservate in maniera superiore alla media. La patina può avere un significato diverso a seconda dell oggetto considerato. Può essere un segno di consunzione o di sacrificio, talvolta fino a renderne irriconoscibili le sembianze; è quindi un segno di autenticità che conferisce valore. È presumibile che l impatto sul prezzo non derivi unicamente dalla presenza o meno della patina ma se quest ultima ne conferisce un aspetto elogiativo o meno. Nella Tabella 9 abbiamo la possibilità di approfondire questo discorso. L osservazione più evidente è anche in questo caso legata alla timidezza delle stime. Chiaramente la presenza di patina conferisce un extra-valore all oggetto, ma la stima mediamente sottovaluta quanto il mercato è disposto a pagare (il rapporto tra prezzo e stima è di 1,86 per gli oggetti con patina elogiativa e solo di 1,44 se questa non è specificata). La Tabella 10 fornisce altre informazioni sulle caratteristiche storiche dell oggetto. È intuitivo pensare che se un opera è in qualche modo evidenziata nel catalogo, se è descritta attentamente, se è recensita a livello bibliografico, se è stata presentata in qualche mostra e se ha una rilevante storia museale, abbia ceteris paribus un prezzo più alto. È evidente dall analisi della tabella che tutte queste caratteristiche hanno un effetto positivo sul prezzo di vendita. Anche in questo caso è interessante osservare che il sovrapprezzo rispetto alle stime che il mercato ha pagato dipende dalla presenza o meno di queste caratteristiche. Ad esempio, il rapporto tra prezzo e stima per le opere con citazione bibliografica è 1,93 mentre per le opere senza citazione bibliografica è 1,29. Tabella 8. L arte etnica secondo lo stato di conservazione,

7 52 Stato Numero Valore Percentuale di Prezzo medio Stima media complessivo opere vendute Ottimo Buono Discreto Mediocre Non indicato Tabella 9. L arte etnica secondo la patina, Patina Numero Valore Percentuale di Prezzo medio Stima media complessivo opere vendute Non specificata (fig. 2f: a) Aggettivo elogiativo (fig. 3f: b) Presente Aggettivo dispregiativo Tabella 10. L arte etnica secondo la presentazione e la bibliografia, Presentaz. Numero Valore Percentuale di Prezzo medio Stima media complessivo opere vendute Illustrazione grande Illustrazione piccola Illustrazione assente Breve descrizione visiva Descrizione visiva Descrizione critica Ampia descrizione visiva Ampia descrizione critica Presenza di citazione bibliografica (fig. 3f: a) Assenza di citazione bibliografica (fig. 3f: b) Esposizione (fig. 4f: a) Assenza di esposizione (fig. 4f: b) Rilevante valore museale Valore museale Citazione semplice Assenza Infine, a questi dati si dovrebbero aggiungere altre informazioni relativamente alle caratteristiche che abbiamo chiamato di mercato. Conclusioni In questo saggio non abbiamo discusso del valore antropologico e artistico delle opere di arte etnica, lasciando tale analisi agli altri lavori contenuti in questa raccolta, abbiamo invece affrontato il problema del suo valore commerciale attraverso un ragionamento che ci ha portato a compiere tre passi successivi. In primo luogo abbiamo introdotto il lettore ai problemi della valutazione economica dell arte in generale, molto meno intellegibile di quella di un prodotto industriale a causa della unicità dell opera, che contrasta con la serialità dei beni manufatti e dei titoli finanziari. Il secondo passo che abbiamo compiuto è andato allora nella direzione di descrivere brevemente le diverse metodologie che la letteratura economica ha proposto sia per spiegare il valore commerciale degli oggetti d arte sia per costruire degli indici di prezzo che possano valutare il rendimento finanziario dell investimento in arte. In particolare, riteniamo che il metodo del prezzo edonico, su cui ci siamo soffermati a lungo, sia particolarmente indicato per l arte etnica. Infatti, la lettura estetica dell Occidente nei confronti dell arte tribale è stata quella della ricerca di regolarità e di elementi codificati con cui la si potesse addomesticare. Il pedigree delle opere, lo stato di conservazione, la presenza di patine sono tutti segnali con cui i canoni occidentali danno valore nella ricerca dell antichità o nella validazione della copia attraverso l uso. Il terzo passo è stato quello di presentare una banca dati di recentissima formazione, il progetto TEVAU, interamente dedicato all arte etnica. La descrizione della banca dati ci ha permesso di dare alcune indicazioni empiriche su quali caratteristiche influiscano 53

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Aste a valore privato, comune e affiliato

Aste a valore privato, comune e affiliato Aste a valore privato, comune e affiliato Siano: V i = il valore di mercato che il bidder i assegna al bene v i = la valutazione soggettiva del bene, da parte dell i-esimo bidder In un asta a valore privato,

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 -

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 - COMUNICATO STAMPA PRESENTAZIONE DI UN ECCEZIONALE INSIEME DI CREAZIONI DI JEAN PROUVÉ E DI UNA SELEZIONE DI GIOIELLI E OROLOGI DA COLLEZIONE CHE SARANNO PROPOSTI NELLE PROSSIME ASTE. - GIOVEDÌ 9 APRILE

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio?

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Carlo Cosmelli, Dipartimento di Fisica, Sapienza Università di Roma Abbiamo un problema, un grosso

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

passione coinvolgente

passione coinvolgente passione coinvolgente Arte ed eleganza impreziosiscono gli interni di una villa appena ristrutturata. L arredo moderno incontra la creatività di artisti internazionali. progettazione d interni far arreda

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

La ricerca operativa

La ricerca operativa S.S.I.S. PUGLIA Anno Accademico 2003/2004 Laboratorio di didattica della matematica per l economia e la finanza La ricerca operativa Prof. Palmira Ronchi (palmira.ronchi@ssis.uniba.it) Gli esercizi presenti

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO)

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) La presente raccolta comprende solo le voci principali della classificazione di Ratisbona relativa all arte (LH LO) INDICE LD 3000 - LD 8000

Dettagli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli Prefazione Non è facile definire che cosa è un problema inverso anche se, ogni giorno, facciamo delle operazioni mentali che sono dei metodi inversi: riconoscere i luoghi che attraversiamo quando andiamo

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

La dissomiglianza tra due distribuzioni normali

La dissomiglianza tra due distribuzioni normali Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi Università degli Studi di Bari Aldo Moro - Vol. X (2011): 43-50 Editore CLEUP, Padova - ISBN: 978-88-6129-833-0 La dissomiglianza tra due distribuzioni

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo Logica Numerica Approfondimento E. Barbuto Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore Il concetto di multiplo e di divisore Considerato un numero intero n, se esso viene moltiplicato per un numero

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020 Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Simona De Luca, Anna Ceci UVAL DPS Roma 11 luglio 2013 Indice 1. Indicatori: un modo

Dettagli

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche c. 1 Illustrissimi signori Per la maggior facilità e chiarezza della stima dei mobili del patrimonio dell illustrissimo signor marchese bali Vincenzio Riccardi, incaricatami con il decreto delle signorie

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS)

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) >> Il Sistema MVS permette di misurare e valutare la sicurezza aziendale (nell accezione di Security) nei

Dettagli

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA)

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) 4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) L analisi della varianza è un metodo sviluppato da Fisher, che è fondamentale per l interpretazione statistica di molti dati biologici ed è alla

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Ministero, dell'istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero, dell'istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. 612 Spedito il 30/3/2010 All On.le Ministro SEDE OGGETTO: Valutazione della ricerca. Adunanza del 25.03.2010 IL CONSIGLIO UNIVERSITARIO NAZIONALE APPROVA IL SEGUENTE DOCUMENTO: Introduzione Ogni

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Lavorare su tutta la classe per il rispetto delle regole. INSEGNANTE: Maria Teresa Macellari TIROCINANTE: Martina Marenghi

Lavorare su tutta la classe per il rispetto delle regole. INSEGNANTE: Maria Teresa Macellari TIROCINANTE: Martina Marenghi Lavorare su tutta la classe per il rispetto delle regole Classe 1ª 1 Scuola elementare di San Polo INSEGNANTE: Maria Teresa Macellari TIROCINANTE: Martina Marenghi LA SCELTA DELL OBIETTIVO Lavoriamo sulle

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Esercitazioni di Statistica

Esercitazioni di Statistica Esercitazioni di Statistica Test d ipotesi sul valor medio e test χ 2 di adattamento Prof. Livia De Giovanni statistica@dis.uniroma1.it Esercizio 1 Si supponga che il diametro degli anelli metallici prodotti

Dettagli

Prefazione alla II edizione

Prefazione alla II edizione Prefazione alla II edizione La seconda edizione di questo testo mantiene tutte le caratteristiche della prima edizione, progettata in modo specifico per i corsi semestrali della Laurea Magistrale in Fisica:

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli