Uccidere senza rimorso di Angelo Calvino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Uccidere senza rimorso di Angelo Calvino"

Transcript

1

2 IL ROMANZO Eritrea, inizio anni Settanta. Pietro Gazzano viene trovato senza vita nel suo ufficio di Asmara: gli hanno sparato con la stessa pistola che ha gravemente ferito il figlio Giovanni, ma dell arma nessuna traccia. Mentre il Console italiano indaga, Giovanni nel letto d ospedale inizia a raccontare a un uomo misterioso il suo passato: l infanzia ad Asmara, le liti furiose dei genitori, la morte della sorellina Francesca, la giovinezza tra la Svizzera e il mare del Friuli Venezia Giulia, l amore per le donne. Fino a quel tragico giorno... L AUTORE Angelo Calvino è nato ad Asmara in Eritrea nel Con l avvento della guerra tra Etiopia ed Eritrea si trasferisce prima in Nigeria e poi in Sudafrica. Dopo aver girato il mondo, alla fine degli anni Settanta torna in Italia e sviluppa la sua passione per la fotografia e per la scrittura pubblicando articoli di reportage di viaggio su varie riviste di settore italiane e internazionali. Attualmente vive a Londra e collabora con un importante agenzia fotografica.

3 Uccidere senza rimorso di Angelo Calvino

4 2015 Libromania S.r.l. Via Giovanni da Verrazzano 15, Novara (NO) ISBN Prima edizione ebook luglio 2015 Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo volume può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma o con alcun mezzo elettronico, meccanico, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell Editore. Le riproduzioni effettuate per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da CLEARedi, Corso di Porta Romana n. 108, Milano 20122, e sito web L Editore dichiara la propria disponibilità a regolarizzare eventuali omissioni o errori di attribuzione. Progetto grafico di copertina e realizzazione digitale NetPhilo S.r.l. In copertina: Foto di Angelo Calvino, Coppia di giovani sposi ad Asmara, inizio anni 50. La storia, le vicende, i luoghi e i personaggi sono frutto di pura fantasia. Eventuali riferimenti a fatti realmente accaduti e a persone realmente esistenti sono da ritenersi puramente casuali.

5 Uccidere senza rimorso

6 Alcuni dei nostri figli rappresentano le nostre giustificazioni, alcuni altri solo i rimpianti. (Aforismi di Khalil Gibran)

7 A Patricia, Anthony Eleonora e Paolo

8 Il caldo sole africano illuminava la stanza, mettendo in risalto le screpolature dei muri e lo sporco accumulatosi negli anni lungo il battiscopa e negli angoli, dove il parquet conservava ancora il suo colore originale: un bel rosso palissandro, in netto contrasto con il color nocciola spento del legno al centro della stanza e davanti alla porta massiccia pitturata di bianco. Fra pochi giorni ci sarebbe stato il Meskel, la festa etiopica che ogni anno rievoca il ritrovamento da parte di Sant Elena, madre di Costantino, della Vera Croce e per Michelangelo Onofri di Castelmonte il ventesimo mese dalla sua nomina a console italiano in Eritrea. Gli pareva fosse trascorso un secolo dal giorno che era arrivato ad Asmara, accolto dal console uscente con una forte stretta di mano e dai suoi innumerevoli consigli su come comportarsi con la comunità italiana e con i locali. Sono cose che ho imparato in questi dieci anni di lavoro e di vita intensa in Eritrea, a diretto contatto con questo meraviglioso popolo, le cui origini risalgono addirittura a re Salomone. Così ripeteva ogni volta che gli raccomandava un certo comportamento o un atteggiamento da tenersi in determinate occasioni. Era rimasto al suo fianco una decina di giorni, prima di rimpatriare alla scadenza del mandato e anche per raggiunti limiti d età; il suo predecessore, infatti, era ormai prossimo alla sessantina. Michelangelo aveva letto molti libri sull Etiopia, dopo che gli era stato confermato l incarico dal governo italiano: libri di storia, anche recente, sulla colonizzazione voluta da Benito Mussolini e sull occupazione dell Eritrea e dell Etiopia da parte delle nostre truppe e sulle battaglie contro gli indigeni prima, e contro gli inglesi poi. E ancora altri libri sulle origini di quel popolo, così diverso dalle altre etnie africane, così austero e bello, dai lineamenti regolari del viso e dal naso pronunciato e non schiacciato, tipico delle popolazioni del centro Africa o di quelle della costa

9 occidentale dell Africa. In un poema del XIV secolo, scritto da autore ignoto, si narrava che la regina di Saba si fosse recata a Gerusalemme per conoscere re Salomone. Lei era etiope e aveva un nome delicato e affascinante: Makeda. Re Salomone fu colpito dalla sua bellezza e dal suo fascino, nonché dai doni che lei gli aveva portato con la carovana che aveva al seguito. Si diceva che l avesse sfidata a una scommessa che lui non poteva perdere in cambio di una notte d amore con lei. Al rientro in Etiopia Makeda partorì un bambino, Menelik, che, appena ragazzo, volle conoscere suo padre e anche lui percorse il lungo viaggio verso Gerusalemme, dove, prima di ripartire, s impadronì dell Arca dell Alleanza, una teca dove si dice venissero custodite le tavole di Mosè, attualmente conservata gelosamente nella cattedrale copta di Maryam Zion ad Axum. La storia a quel punto si veste di mistero e di elementi fantastici che porteranno Michelangelo, futuro console di Asmara, ad approfondire le conoscenze storiche su quel paese dove avrebbe vissuto i suoi prossimi anni. Mentre esaminava la pratiche, poste con ordine sull antica scrivania di ciliegio, pensava a Gudit, colui che distrusse Axum passando il potere sull Etiopia alla dinastia degli Zagwe, i quali sostenevano che re Salomone avesse avuto una relazione anche con una delle cameriere al seguito di Makeda e che questa, di nascosto della sua regina, avesse partorito il capostipite della loro dinastia, alla quale apparteneva Hailè Sellasiè, discendente quindi di re Salomone, e proclamato duecentoventicinquesimo imperatore nel lontano Il sole filtrava dalla grande finestra e illuminava quelle tre cartelle color arancio con impresso lo stemma della Repubblica Italiana; su ognuna lo stesso cognome ma un numero diverso di protocollo: Gazzano 2494, Gazzano 2512, Gazzano La prima riguardava la denuncia da parte di Cristoforo Gazzano della scomparsa della sua pistola Beretta dalla scrivania del negozio di frutta che aveva aperto nel mercato coperto di Asmara al suo rientro definitivo da Addis Abeba; non aveva sospetti e la denuncia era stata così fatta contro ignoti. La numero 2512 riguardava Pietro Gazzano, trovato assassinato nel suo ufficio, dopo tre giorni dalla sua morte, con una pallottola conficcata nella fronte. Questo avvenimento risaliva a circa dieci giorni dopo la scomparsa della pistola appartenuta a suo fratello, ma non si poteva ancora supporre un legame tra i due fatti.

10 Un legame poteva invece esserci tra la numero 2512 e la pratica 2517: tentato omicidio o tentativo di suicidio di Giovanni Gazzano, figlio di Pietro e ricoverato da giorni nell ospedale italiano di Asmara in prognosi riservata e apparentemente in coma irreversibile. Un foro alla tempia destra e la similitudine con la pratica 2512 era data dal fatto che il foro d entrata era del tutto simile a quello riscontrato su Pietro Gazzano. Giovanni Gazzano era stato ritrovato agonizzante nella sua automobile da un passante, che aveva subito avvertito la polizia. La macchina era parcheggiata a pochi metri dall entrata del cimitero italiano. Erano stati fatti dei rilievi, ma non era stata ritrovata la pistola, nonostante l abitacolo fosse stato perquisito nei minimi particolari. Da qui il dubbio sulla possibilità di un tentato omicidio, anche se l atteggiamento disteso delle braccia del giovane Gazzano e il foro d entrata, con lievi segni di bruciatura che facevano supporre a uno sparo da distanza molto ravvicinata, avevano fatto subito pensare a un suicidio. Ma come poteva aver tentato di suicidarsi e aver poi buttato via l arma? Era assurdo solo pensare a un ipotesi così inverosimile, ma la mancanza dell arma del delitto continuava a incuriosire gli inquirenti e lo stesso console. Il Gazzano aveva subito un lungo e delicato intervento chirurgico e la pallottola, rimasta conficcata nel montante sinistro dello sportello dell autovettura, era stata consegnata alla polizia locale che, però, non poteva procedere a un esame approfondito della stessa, non essendoci un laboratorio balistico in tutta l Etiopia. Anche la pallottola che aveva ucciso Pietro Gazzano e che gli aveva perforato il cranio quasi da parte a parte, era custodita dalla polizia di Asmara in attesa di controlli più approfonditi. Il console, dopo varie insistenze, caldeggiate anche dal nostro ministero degli esteri a Roma, era riuscito a farsi consegnare dalla polizia i due reperti e li aveva inviati con urgenza alle autorità italiane affinché la scientifica potesse esaminarli e fare un po di luce sui quei due casi, all apparenza collegati tra loro. Il responso era atteso per quella mattina e Michelangelo era nervoso e impaziente di ricevere il telegramma dal ministero competente in Italia. Il telegramma arrivò nel tardo pomeriggio, alle sei, ora locale, le quattro ora italiana. Poche righe, concise ma inequivocabili. Il messaggio diceva che, da un attento esame balistico, nonostante uno dei due proiettili risultasse rovinato

11 dall impatto con il metallo della carrozzeria, si poteva stabilire, con poche possibilità di errore, che entrambi i colpi erano stati esplosi dalla stessa arma. Non preoccuparti; non è successo niente. Cerca di rilassarti. Come ti chiami? Mi chiamo Giovanni, almeno credo. E di dove sei? Qualcuno mi sta facendo delle domande ma non riesco a distinguerne il volto. Forse ha la barba, bianca, come i capelli. Mi sento leggero ed ho la sensazione che mi siano spuntate di colpo le ali. Parlo e sento la mia voce amplificata, raddoppiata, moltiplicata; come quando gridi il tuo nome in alta montagna e l eco lo ripete fino a sentirlo appena per poi a scomparire del tutto. Sono nato ad Asmara, in Eritrea. In che anno? In un giorno di maggio, non ricordo esattamente il giorno... e nemmeno l anno; è come se ci fosse un vuoto. Raccontami di te, della tua vita. Fallo con calma, rilassati; abbiamo tanto tempo davanti a noi. Insiste la voce, calma, pacata e rasserenante. Ho voglia di parlare di me e lo faccio, ma non esce alcun suono dalla mia bocca. Mi accorgo, però, che il vecchio mi ascolta e mi fa cenno con il capo di continuare. Come ti chiami? Giovanni, te l ho già detto, Giovanni Gazzano, come mio nonno. Ma ho anche il nome dell altro mio nonno, quello materno: Matteo. Nel rispetto di un usanza siciliana mi hanno anche dato, come terzo nome, quello di Maria. Di colpo mi sento trasportato indietro nel tempo, quando ancora non ero nato, e mi sembra di rivivere quei momenti lontani come se fossero miei. Rivedo i miei avi, la mia famiglia e comincio a ricordare, forse a fantasticare. Ricordo una foto di mio nonno con il fucile in mano, seduto su una sedia di vimini con accanto mia nonna, in piedi, che tiene una mano appoggiata sulla spalla del marito e l altra sul calcio di una pistola che le pende dal fianco. Sembrano Bonnie e Cly de, solo che non sorridono come gli attori del film, ma hanno uno sguardo truce, soprattutto mia nonna. Una cosa è certa: non erano dei tranquilli cittadini per così dire casa e bottega! La foto, ingiallita con il trascorrere degli anni, è stata scattata in

12 studio e lo sfondo, dipinto su una grande tela, raffigura un paesaggio siciliano, con colline arse dal sole e sentieri fiancheggiati da fichi d india e muretti di pietra. In lontananza, sapientemente sfumato, il contorno dell Etna e una nuvola di fumo che si innalza verso il cielo terso. Nonostante la foto sia in bianco e nero, i particolari sono così ben delineati che sembra di catturare i colori originali: il verde dei fichi d india, il giallo e il rosso dei suoi frutti, l azzurro del cielo alle spalle dei miei nonni, sicuramente vestiti di scuro, forse di nero. Una particolare che non ho mai capito è se mio nonno morì prima che tutta la famiglia si trasferisse in Eritrea e se quel lungo viaggio avesse avuto a che fare con la sua morte prematura. Mia nonna aveva avuto nove figli, sei dei quali erano viventi e tutti con lei ad Asmara. Che fine avessero fatto gli altri tre non era affar mio, come non lo era, d altronde, la morte del nonno. Avevo trovato solo un altra foto di mio nonno. Questa lo ritraeva a mezzo busto e sembrava una di quelle foto che vengono riprodotte in ceramica per essere cementate sul marmo o incastonate in una croce di ferro battuto, come se ne vedono spesso nei vecchi cimiteri di paese. Aveva una giacca rigata, forse un gessato, che gli cadeva male sulle spalle troppo larghe e una cravatta dal nodo piccolo allacciato su una camicia dal colletto pieno di pieghe; forse la giacca non era sua e gliela avevano fatta indossare, assieme alla cravatta, per l occasione del ritratto. Ha un bel paio di baffoni, un naso importante e due occhi grandi e profondi. Il viso, non rasato di fresco, è serio e i capelli ordinati alla meglio, forse con una passata di dita inumidite per dargli un piega decente. Chissà se quella foto sarà stata usata per completare la sua tomba, sempre che ne abbia avuta una. Qualche anno dopo, il nucleo familiare si divise e in Eritrea rimasero solo tre dei sei figli, mentre gli altri tre preferirono andarsene: Gaetano a Lagos, Cristoforo ad Addis Abeba, e Concetta a Palermo. Quest ultima si diceva che avesse sposato un ricco signore siciliano dal nome buffo: Pippo. Non era vero. Non solo non lo aveva sposato, per il semplice fatto che lui era già sposato, ma non era nemmeno ricco. Era un povero cristo che aveva avuto la sfortuna di trovare sulla sua strada quell arpia di mia zia Concetta. Ricordo benissimo l unica volta che, in occasione di uno dei miei primi viaggi in Italia, andammo a trovarli con mia madre e restai di stucco nel vedere lo squallido vicolo dove abitavano. Era una stradina strettissima e non asfaltata, con case piccole a due piani, una di fronte all altra, con minuscole finestre e

13 con le porte che davano direttamente sulla strada senza marciapiedi. I panni, stesi su corde fissate alla finestra di ogni costruzione e allungate fino alla finestra della casa davanti, oscuravano in parte la vista di quello spettacolo, in netto contrasto con la raffinatezza del corso principale dal quale si diramavano e dove c erano i negozi, i bar, il marciapiedi e la strada asfaltata. Per andare a casa dei miei zii si saliva una breve scala di mattoni e si entrava in un monolocale che aveva al suo interno, a una distanza di circa un paio di metri dalle pareti, tre tende di tessuto leggero dal colore indefinito. Le tende separavano altrettanti locali, come pareti di stanze mai esistite. Dietro ogni tenda si nascondeva qualcosa... Che cosa mai c era dietro quei teli che l aria proveniente dalla porta faceva svolazzare, ma non abbastanza da far vedere ciò che celavano agli occhi degli intrusi? Lo scoprii ben presto e quell immagine non riesco ancora oggi a cancellarla dalla mia mente. Ricordo che zio Pippo era venuto a prenderci alla stazione; aveva un cappello grigio con una banda nera e un vestito grigio, con la cravatta nera. Ci aspettava al binario con le mani incrociate sul davanti, impettito nella sua giacca a doppiopetto. Appena scesi dal treno aveva voluto offrirci per forza un gelato in un bar del corso principale di Palermo, dove si trovavano i caffè e i negozi alla moda, forse per dar tempo alla moglie di sistemare le ultime cose prima del nostro arrivo. Ci aveva fatto accomodare all aperto, mentre lui era entrato nel bar per ordinare le consumazioni: un caffè per lui, un cappuccino per mia madre e un cono gelato per me. Quasi tutti i tavoli vicino al nostro erano occupati da uomini che bevevano un liquore bianco dall intenso profumo di anice. Non c erano donne, a eccezione di mia madre. Era bionda e in qualche modo anche bella. Tutti la guardavano con un misto di curiosità e di disprezzo. Curiosità per quei capelli biondo paglia, non certo comuni nell isola a quel tempo, che ricadevano sul vestito di seta blu con la gonna larga e plissettata, come usava la moda degli anni Cinquanta, e disprezzo per aver osato fare una cosa riservata solo ai maschi: sedersi al tavolo di un bar. Lei e zio Pippo chiacchieravano, parlavano di tutto e di niente, si raccontavano dei momenti vissuti ad Asmara e che ognuno di loro faceva finta di ricordare. Io restavo a guardare quegli uomini, vestiti tutti di grigio scuro e con quello strano cappello in testa che chiamavano coppola. Dovevo fare la pipì e diventai impaziente, ma mio zio disse che non era il caso di usare il bagno del bar; avrei potuto farla appena arrivati a casa dato che distava dal bar solo cinque minuti di strada. Pagò in fretta, aiutò mia

14 madre ad alzarsi, da vero gentiluomo, e ci avviammo verso la stradina di terra battuta dove vivevano i miei zii. Dopo i soliti abbracci e baci sulle guance, scambiati davanti alla porta, ci fecero accomodare e sedere intorno al tavolo, in mezzo all unica grande stanza, quella circondata dalle tende di colore indefinito, mentre Pippo si occupava di sistemare le valigie vicino al letto che era stato preparato per mia madre. Mia zia cominciò a fare domande sulla famiglia, su come era cambiata la vita ad Asmara durante quei cinque anni dal suo rientro definitivo a Palermo, mentre io mi torcevo le gambe e stavo per farmela addosso. Mio zio si ricordò finalmente della mia necessità di fare pipì e, afferrandomi per una mano, mi portò davanti alla prima tenda, vicino alla porta d entrata. La scostò appena e mi fece entrare, raccomandandomi di usare la brocca di rame posata lì vicino per versare l acqua nello scarico. Rimasi in piedi davanti a quel buco scavato nel pavimento, con vicino la brocca di rame e un chiodo attaccato al muro, da dove pendevano dei pezzi di giornale. Sentivo chiaramente la voce di mia madre e degli zii dietro quella precaria protezione che era la tenda. Presi coraggio e, immaginando di non essere sentito, riuscii finalmente a fare pipì, già con il pensiero rivolto a quello che sarebbe successo in seguito, dato che dovevamo fermarci in quella casa per altri dieci giorni e, prima o poi, avrei avuto bisogno di usare quel bagno anche per le altre necessità fisiologiche. Inorridii al pensiero e, obbedendo a zio Pippo, versai tutta l acqua contenuta nella brocca nel buco e ritornai nella stanza. Mia zia si era nel frattempo allontanata dal tavolo, pur continuando a parlare con mia madre dei bei tempi passati e interrompendo Pippo, ogni volta che questi cercava di partecipare al discorso. Ora era davanti a un grande lavandino che serviva, oltre che per sciacquare i piatti e far di bucato, per lavarsi la faccia e le ascelle; insomma era un oggetto multiuso e me ne accorsi la mattina successiva e quelle che seguirono. Dopo aver preparato la colazione a base di caffè e latte e qualche biscotto di quelli che si compravano sciolti in panetteria, mia zia sgomberava il lavandino dalle pentole, posate e altre suppellettili, riponendole sullo scaffale sistemato sopra il rubinetto dell acqua, e chiudeva la tenda per dar modo a mia madre di lavarsi in completa libertà di movimenti, utilizzando anche una tinozza di alluminio che durante il giorno veniva nascosta sotto al letto. Poi toccava a me, a mia zia e, infine, mentre noi eravamo seduti sull uscio ad assaporare il primo sole caldo di Palermo, a Pippo, dato che lui non voleva alcuna presenza in casa durante le sue

15 abluzioni. Non ricordo quello che mangiammo in quei giorni di caldo e afa, ma sicuramente nulla che valesse la pena di ricordare, visto che mia zia non amava cucinare e, il più delle volte, chiedeva al marito di andare a comperare qualche arancina o un po di milza e del pane da un venditore ambulante che urlava verso i passanti, all angolo della stradina, la bontà della sua merce, in una lingua che sembrava il canto di un muezzin dal minareto di una moschea. Ricordo molto bene, invece, il momento di coricarci; era qualcosa di drammatico e di comico insieme. Innanzitutto c era il rito del bagno, se così si può chiamare il buco sul pavimento nascosto dalla tenda: i primi a usarlo eravamo io e mia madre, quali ospiti e successivamente mia zia e Pippo che aveva il compito di gettare l acqua contenuta nella brocca di rame sull urina versata da tutti noi. Poi iniziavamo a svestirci, nascosti appena dall altra tenda che divideva il letto dei miei zii dalle nostre brande, prese probabilmente a prestito da amici e attrezzate per l occasione della nostra visita. Lo spazio a nostra disposizione era molto esiguo e la tenda continuava a spostarsi a ogni movimento di mia madre, lasciandomi intravedere il culone di mia zia e il petto pelosissimo di mio zio avvolto da una canottiera a costine di colore indefinito. Se per caso non fossi riuscito ad addormentarmi subito avrei passato la notte praticamente insonne, dati i rumori che iniziavano a rimbalzare sulle pareti, dopo pochi minuti dall augurio della buonanotte pronunciato all unisono e dalla luce che veniva spenta con una peretta che pendeva dal soffitto. Russavano tutti rumorosamente e anche altri rumori provenivano dal letto dei miei zii, rumori per i quali Pippo ogni mattina, pieno di vergogna, chiedeva scusa a mia madre, dicendole che dipendeva dall ameba coli, malattia da lui contratta durante la prigionia in Africa. Non ne potevo più di quelle notti passate a guardare il soffitto, di quel lavarsi sommariamente nel lavandino e nella tinozza, da quell odore di sudore e di cibo che impregnava le tende, delle passeggiate senza meta con la mano stretta da quella di mio zio che temeva potessi essere investito da qualche carrozza o da una di quelle automobili tutte nere e piene di polvere. Non ne potevo più di tutto e così supplicai mia madre di accorciare il periodo di dieci giorni che avevamo deciso di dedicare alla visita degli zii e di tornarcene al nord, dai suoi fratelli. Così, dopo solo quattro giorni, mia madre, che sicuramente ne aveva abbastanza anche lei di quello squallore, raccontò non so quale bugia collegata alla salute di non so quale suo lontano

16 parente e percorremmo all inverso il percorso fatto all arrivo, sempre accompagnati da Pippo, che non sembrava poi così triste di dover trascinare, con qualche giorno di anticipo sul programma, le nostre valigie lungo la strada che ci separava dalla stazione di Palermo. Il ritorno in treno a Cervignano mi sembrò un sogno... Non c era nessuno nel nostro scompartimento e così tenevamo il finestrino abbassato, lasciando entrare l aria calda che faceva sventolare le tende pesanti e impregnate di fumo. Mia madre sonnecchiava o cercava di risolvere qualche cruciverba della Settimana Enigmistica acquistata alla stazione di Palermo ed io, affacciato al finestrino, mi facevo investire da quel getto forte di aria che mi tappava le narici e mi faceva socchiudere gli occhi. Era una sensazione molto intensa di libertà, la stessa che avrei provato molti anni dopo guidando la mia prima auto: un Alfa Romeo 2600 spider di colore giallo. A dire il vero era di mio padre, ma la lasciava guidare a me nei periodi in cui rimaneva a lavorare nella piantagione di banane che aveva preso in concessione da qualche anno. Mia madre si era addormentata e io ne approfittai per sporgere la testa ancor di più. Il vento mi bloccava il respiro ma non volevo interrompere la sensazione di libertà che mi procurava. I paesi scorrevano via veloci davanti ai miei occhi e la campagna era immersa in un colore dorato. Quando il treno si piegava su un fianco per affrontare una curva, potevo vedere tutti i vagoni davanti al mio sfrecciare veloci, procurando il tipico suono al passaggio delle grandi ruote di ferro sulle giunture dei binari: dadàn dadàn... dadàn dadàn. Faceva caldo e l estate si percepiva nell aria con il suo odore intenso di polvere ed erba seccata dal sole. Tenevo una braccio fuori dal finestrino e giocavo a farlo volare come un aereo che si alzava o si abbassava nel cielo, a secondo di come inclinassi il palmo aperto della mano contro il vento che mi investiva, procurando all interno dello scompartimento un suono sordo e fastidioso. Il panorama cambiava ad ogni passaggio di regione: desolato e arido dopo essere sbarcati dal ferry boat a Reggio, assolato e pieno di colori e di profumo lontano di mare prima di arrivare a Napoli, pianeggiante e ordinato nell attraversare la campagna emiliana. Eravamo in Friuli e gli alberi di gelso, che fiancheggiavano i canali d irrigazione, erano pieni di foglie. Ci fermammo alla stazione di Latisana; mancava ormai poco a

17 Cervignano e mia madre, svegliata dalle grida del venditore ambulante di bibite e panini, cominciò a tirare giù le pesanti valigie per sistemarle lungo il corridoio della carrozza. Il treno ripartì cigolando e io mi misi seduto sullo strapuntino vicino alla sportello e al bagno; non vedevo l ora di riabbracciare zii e cugini, soprattutto Federico, il cugino che adoravo e che cercavo di imitare, spesso senza riuscirci. Ci sarebbe stato anche lui ad aspettarci alla stazione? Aveva dieci anni più di me ed era completamente il mio opposto: serio, equilibrato, posato nei movimenti e nel parlare, mentre io, al contrario, già esprimevo quello che sarebbe stato il mio carattere; agivo istintivamente e non riuscivo a prendere nulla sul serio. Inoltre ero sboccato, irascibile, sempre pronto a venire alle mani. Desideravo tanto rivedere anche l altro mio cugino, Pietro, più giovane di me di qualche anno, taciturno e introverso. Ogni volta che facevamo un gioco si metteva a piangere per un nonnulla, facendomi sgridare da tutti, con la scusa che era più piccolo, ma, in effetti, era solo più viziato. Gli ero molto affezionato, nonostante tutti prendessero sempre le sue difese quando tra noi avveniva una lite o semplicemente un piccolo screzio durante il gioco. Anche quella di mia madre era una famiglia numerosa. Per questo motivo mio nonno aveva comprato una casa così grande, in uno dei borghi di Palmanova, vicino alla piazza ottagonale riportata in molti libri di architettura e di storia, con la speranza che tutti i figli sarebbero un giorno vissuti sotto lo stesso tetto. Quell anno, anche per rivedere mia madre dopo tanto tempo, c erano tutti e vidi il gruppo sul marciapiedi della stazione di Cervignano mentre il treno si fermava con un lungo stridio dei freni per bloccare le grosse ruote di ferro. Ero felice di rivederli e agitavo il braccio attraverso il piccolo finestrino dello sportello, chiamandoli per nome. Era bello tornare in quella casa che mi rendeva sempre sereno e spensierato, immerso nei giochi nel cortile di sassolini bianchi che usavamo come proiettili nelle battaglie con i soldatini. Ne avevo di tutti i tipi: le giubbe rosse a cavallo, con il cappello color nocciola e le bande nere sui pantaloni, il sesto cavalleggeri dei soldati del nord con le loro divise blu scuro e il berretto dalla visiera schiacciata sulla testa, i soldati americani del sud nelle loro tristi giacche grigio chiaro e poi gli indiani, i miei preferiti. C era Toro Seduto con la corona di piume bianche e nere e le braccia incrociate sul petto e poi gli apache, i cherokee, alcuni a cavallo, altri col tomahawk alzato, pronto a colpire, altri sdraiati per terra con una gamba piegata nell intento di avvicinarsi ai Visi Pallidi, sgattaiolando tra i cespugli per non farsi vedere. I cavalli

18 degli indiani erano quasi tutti dei pezzati, bianchi e neri, a volte con delle macchie marrone, mentre quelli dell esercito del nord erano prevalentemente neri e quelli delle giubbe rosse tutti marrone. Assieme a Pietro e a Berto, l unico inquilino che abitava nella grande casa di mia nonna, sistemavamo i soldatini dietro i cespugli di erba, nascosti tra i sassi delle aiuole, sui rami delle piantine di mia zia, la mamma di Federico che si diceva avesse il pollice verde, e quando tutti erano al loro posto, con le cavallerie pronte ad avanzare, iniziavamo la sassaiola con i minuscoli ciottoli del cortile. Berto e io riuscivamo a colpire molti più soldati di Pietro e sistematicamente finiva che lui si nascondeva a piangere vicino al granaio dove era conservata la legna per i freddi inverni friulani. Berto aveva un anno più di me e lanciava i sassolini con una precisione incredibile, tanto da farmi pensare che si allenasse quando noi non c eravamo. E poi sapeva imitare perfettamente lo sparo del winchester con il tipico sibilo finale. Io cercavo di imitarlo, ma inutilmente, così preferivo passare all attacco degli indiani con il loro strillo di guerra, lanciando tre o quattro sassi contemporaneamente, facendo arrabbiare Pietro che si trovava decimato dei suoi soldatini in breve tempo. L autobus ci scaricò vicino alla piazza centrale di Palmanova, vicino all edicola dei giornali e a pochi passi dall entrata della casa di famiglia. Già dalla lunga scalinata che portava agli appartamenti al primo piano potevo sentire quell odore misto di mobili antichi e di cera laboriosamente stesa sul pavimento di legno di pino e il tutto mi era così familiare. Improvvisamente mi dimenticai di Asmara e sperai che non ci saremmo più tornati. Ogni mattina zio Beppi ci preparava la colazione: tazza enorme di latte con caffè solubile di orzo, tanto zucchero e pezzi di pane che, assorbendo tutto il latte, diventavano un abominevole pappone dolcissimo ma sicuramente molto nutriente. Poi andavamo a prendere la corriera per Grado assieme a mia madre e alla mamma di Pietro e, dopo meno di un ora, eravamo sdraiati sulla spiaggia libera. Passavamo ore sotto il sole a costruire castelli di sabbia, con canali scavati sotto le mura di cinta per fare entrare l acqua all interno. Nel pomeriggio, dopo le fatidiche tre ore dal pranzo a base di panini con frittata o con qualche fetta di prosciutto cotto,

19 potevamo fare di nuovo il bagno. Pietro e io, per immergerci fino alla vita, dovevamo camminare per centinaia di metri sulla sabbia bagnata o attraverso pozze di acqua salata, alte pochi centimetri, che si erano formate al rientro della marea. La nostra amicizia continuò per tanti anni, e si rafforzò durante il periodo in cui mia madre si trasferì a Torino, mentre ero in collegio in Svizzera, e prese in affitto l appartamento adiacente a quello di sua sorella. In quel periodo Pietro andava ancora alle medie in una scuola a pochi metri da casa e le vacanze estive le passavamo praticamente sempre insieme a Grado, dove i suoi genitori prenotavano ogni anno due stanze in una piccola pensione economica davanti alla spiaggia libera, teatro dei giochi della nostra fanciullezza. Quell estate passò in fretta e mi sembrò impossibile che le cinque settimane di vacanza fossero ormai alla fine; pochi giorni ancora e poi avremmo preso il treno diretto a Napoli, per imbarcarci sulla nave Diana che, facendo scalo a Malta, Port Said e Port Suez, ci avrebbe riportato alla triste realtà africana dopo circa un mese di navigazione, giusto in tempo per l inizio del nuovo anno scolastico. Il viso triste incollato al finestrino, dove le gocce di pioggia si rincorrevano fino a formare un rigagnolo che velocemente scompariva nel nulla, guardavo i filari di gelso del Friuli che si allontanavano e poi le distese dei campi della pianura Padana, il caos di Roma e infine il fiume di automobili di Napoli, con il loro frastuono incessante. Non volli nemmeno andare a comprare il pane nel negozietto davanti al porto, cosa che facevamo sempre appena sbarcati. Dovevamo aspettare più di tre ore per l imbarco, così lasciammo le valigie nel deposito bagagli della stazione e accompagnai malvolentieri mia madre nel malfamato quartiere di Forcella a comprare una di quelle radio che andavano di moda in quegli anni, con una stazione di onde medie, una di onde lunghe e ben tre stazioni di onde corte. A cosa le servissero tutte quelle stazioni, che trasmettevano per lo più in lingua straniera, non lo seppi mai. Ma aveva visto quella radio da una sua amica e ne era rimasta affascinata. Trattò sul prezzo e alla fine si fece consegnare la scatola di cartone sigillata che, una volta aperta, dopo esserci imbarcati, aveva solo il peso della radio che mia madre aveva tenuto in mano mentre contrattava l acquisto: all interno c era infatti un pezzo di legno e qualche sasso. Cominciò a piangere come una bambina, inveendo contro l uomo che le aveva venduto legno e sassi al prezzo di una radio alla moda.

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

Giulia Loscocco. Hao Zhaou

Giulia Loscocco. Hao Zhaou Giulia Loscocco dolce e morbida è piccina piccina e ha il cappello rosso. È sempre triste e certe volte felice. è fatta per essere abitata. La cosa che mi piace di più è il materasso della mia camera.

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia

Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto - Prova n.1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento.

Dettagli

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza elementare 1 Presentarsi Ciao! Mi chiamo John e sono senegalese. Il mio Paese è il Senegal. Il Senegal è uno Stato dell Africa. Ho 17 anni e vivo in Italia,

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Manuel Loi ----------------------------------------------------- Lorenzo Di Stano

Manuel Loi ----------------------------------------------------- Lorenzo Di Stano Manuel Loi Vedo un campo di spiche di grano tutto giallo, con un albero di pere a destra del campo, si vedeva un orizzonte molto nitido, e sotto la mezza parte del sole all'orizonte c'era una collina verde

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

La mia Storia. nome. cognome. Istituto Comprensivo di Scuola Primaria di Classe II sez. By Maestra Luciana. Spazio riservato alla foto del bambino

La mia Storia. nome. cognome. Istituto Comprensivo di Scuola Primaria di Classe II sez. By Maestra Luciana. Spazio riservato alla foto del bambino La mia Storia nome Spazio riservato alla foto del bambino cognome Istituto Comprensivo di Scuola Primaria di Classe II sez. Questa è la copia del mio documento d identità: ( Spazio riservato alla copia

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

Le avventure di Crave

Le avventure di Crave Le avventure di Crave Damiano Alesci LE AVVENTURE DI CRAVE www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Damiano Alesci Tutti i diritti riservati CRAVE E GLI ANTIFURTI A. A. L. (AGENZIA ANTI LADRI) L agenzia

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita)

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) Credevo di essere pronta a questa esperienza. Credevo di essere pronta a passare un intero mese dall altra

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista Allegato 11 INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08 Proponi ai nonni e ai genitori la seguente intervista Intervista 1. Con che cosa giocavi? 2. Chi ti comprava i giochi? 3. Ne

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi camminano in mezzo. A destra si nota una macchina d

Dettagli

MA CHE FREDDO FA! La prima neve di Gaia

MA CHE FREDDO FA! La prima neve di Gaia MA CHE FREDDO FA! Iniziamo con la lettura di un racconto. Lettura dell insegnante. Questo percorso didattico propone attività di analisi dei mutamenti della natura e delle attività dell uomo nella stagione

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Feaci edizioni Martino Baldi - Il giorno che ho ucciso mio padre. Feaci edizioni. Martino Baldi

Feaci edizioni Martino Baldi - Il giorno che ho ucciso mio padre. Feaci edizioni. Martino Baldi Feaci edizioni Martino Baldi Il giorno che ucciso mio padre da Capitoli della commedia Capitoli della commedia è pubblicato da Atelier indirizzo email: redazione@atelierpoesia.it C.so Roma, 168 28021 Borgomanero

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ Proprietà letteraria riservata 2012 Screenpress Edizioni - Trapani ISBN 978-88-96571-42-2 È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata

Dettagli

Come si fa a stare bene insieme?

Come si fa a stare bene insieme? Come si fa a stare bene insieme? Stare insieme è bello. Alle volte per noi bambini è difficile. Abbiamo intrapreso questo viaggio alla scoperta di un modo migliore per vivere a scuola e non solo. Progetto

Dettagli

Esercizi il condizionale

Esercizi il condizionale Esercizi il condizionale 1. Completare secondo il modello: Io andare in montagna. Andrei in montagna. 1. Io fare quattro passi. 2. Loro venire da noi. 3. Lui prendere un caffè 4. Tu dare una mano 5. Noi

Dettagli

La storia di Gocciolina

La storia di Gocciolina La storia di Gocciolina Gocciolina viveva in un lago alpino, in una splendida valle verdeggiante. Guardava sempre il cielo e sognava di volare. Ah! Se avessi ali per volare, viaggerei per mari e per valli

Dettagli

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud Paolo DÊAmbrosio La finestra sul mare una storia del Sud Paolo D Ambrosio La finestra sul mare Proprietà letteraria riservata 2011 Paolo D Ambrosio Kion Editrice, Terni Prima edizione luglio 2011 ISBN

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ ::

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ :: GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio Gruppo Animatori Salesiani www.gascornedo.it info@gascornedo.it Data: ven 17 gennaio 2014 Tema MGS: Verso la Conquista Titolo: La Mia Anima Rimane

Dettagli

Quasi stelle di Marcella Bettini

Quasi stelle di Marcella Bettini Quasi stelle di Marcella Bettini Illustrazione di Simonetta Fratini Quasi-stelle C era una volta una casa con tante finestre con le persiane verdi a pallini blu che, quando si aprivano, sembravano ali

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1 All. 1 1 All. 2 2 All. 3 Visione I sequenza: La partenza I. Chi sono queste persone? Che cosa fanno? Come sono? E. sono i parenti e gli amici. X. Sono contenti perché sperano che trovano lavoro. E. stanno

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

SLIP SLAP CANE POLIZIOTTO

SLIP SLAP CANE POLIZIOTTO 6 POTENZIAMENTO SLIP SLAP CANE POLIZIOTTO Slip Slap è un piccolo cane che gironzola per il quartiere a caccia di gatti da rincorrere, ma sogna di diventare un cane poliziotto. Un giorno vede un ladruncolo

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

LA DISTRUZIONE DEL BALLO

LA DISTRUZIONE DEL BALLO LA DISTRUZIONE DEL BALLO Un bel giorno una ballerina era a casa a guardare la TV quando, all improvviso,suonò il campanello. Andò ad aprire era un uomo che non aveva mai visto il quale disse: Smetti di

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO

ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO SOTTOLINEA IN NERO LE VOCI VERBALI AL CONGIUNTIVO E IN ROSSO QUELLE AL CONDIZIONALE Che cosa faresti se vincessi al totocalcio? Sarebbe opportuno che prendessero una decisione

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto.

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. Attività: ascolto di un racconto. La bambola diversa Lettura dell insegnante

Dettagli

Test di progresso in italiano

Test di progresso in italiano Test di progresso in italiano 1. Noi le ragazze ungheresi. A) siete B) sono C) siamo D) sei 2. Giuseppe, sono senza soldi,..? A) ha 10 euro B) hai 10 euro C) ho 10 euro D) abbiamo 10 euro 3. -Cosa oggi

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

SCHEDA n 3. Come possiamo utilizzare tutte le date e le informazioni del nostro albero genealogico?

SCHEDA n 3. Come possiamo utilizzare tutte le date e le informazioni del nostro albero genealogico? SCHEDA n 3 3) Costruzione di un grafico temporale individuale con le quattro generazioni a confronto. Come possiamo utilizzare tutte le date e le informazioni del nostro albero genealogico? Possiamo costruire

Dettagli

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay La storia di Quim...ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay Editorial Glosa, S.L. Avinguda de Francesc Cambò, 21 V Piano 08003 Barcellona Telefono: 932 684946 / 932

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 1 1 Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 2 Pag 3 La nonna: è il capostipite della famiglia Cantona, insieme al cognato Nicola ha aperto il pastificio di famiglia e lo ha gestito con

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI Proseguire il lavoro svolto lo scorso anno scolastico sulle funzioni dei numeri proponendo ai bambini storie-problema

Dettagli