LE MAPPE CONCETTUALI PER PROMUOVERE L APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO JOSEPH D. NOVAK

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE MAPPE CONCETTUALI PER PROMUOVERE L APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO JOSEPH D. NOVAK"

Transcript

1 LE MAPPE CONCETTUALI PER PROMUOVERE L APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO JOSEPH D. NOVAK

2 Le mappe concettuali sono strumenti per l organizzazione delle informazioni in modo da favorire ad un livello profondo l integrazione della conoscenza. Gli studenti che le usano acquisiscono un apprendimento significativo, interconnesso e, in aggiunta, "imparano come imparare" più efficace J. D. Novak, D. B. Gowin, Learning How To Learn, Cambridge University Press: New York, Traduzione ital.: Imparando a imparare, Società Editrice Internazionale: Torino, 1997.

3 Poiché credo che ogni forma di apprendimento sia radicata nelle strutture dei significati che l individuo sviluppa, le mappe concettuali sono rilevanti per tutto l apprendimento. Nell apprendere delle abilità, sia mentali che manuali è necessaria la pratica, ma questo processo è facilitato quando gli individui hanno una buona comprensione concettuale delle abilità. In modo simile, l apprendimento visivo ad esempio come riconoscere gli uccelli, ricordare informazioni da foto, ecc. viene facilitato se accompagnato da una adeguata comprensione concettuale; naturalmente anche le esperienze sia fisiche che visive possono aumentare la comprensione concettuale J. D. Novak, D. B. Gowin, Learning How To Learn, Cambridge University Press: New York, Traduzione ital.: Imparando a imparare, Società Editrice Internazionale: Torino, 1997.

4 ...Soltanto l apprendimento significativo richiede l'integrazione della nuova conoscenza con quella esistente e così soltanto l apprendimento significativo può portare allo sviluppo di potenti strutture della conoscenza Soltanto l apprendimento significativo permette il trasferimento di conoscenza in ambiti conoscitivi diversi e sostiene lo sviluppo progressivo di abilità nell affrontare e nel risolvere nuovi problemi. Quest ultima abilità è fondamentale nel mondo reale J. D. Novak, D. B. Gowin, Learning How To Learn, Cambridge University Press: New York, Traduzione ital.: Imparando a imparare, Società Editrice Internazionale: Torino, 1997.

5 Le mappe concettuali sono utilizzate per rappresentare graficamente e in modo conciso le relazioni e i rapporti di gerarchia tra i concetti, consentendo di riflettere sulla struttura della conoscenza e sul processo che porta alla sua creazione, aiutando ad acquisire un metodo di studio efficace. Sono una risorsa importante per trovare delle motivazioni intrinseche a imparare, perché forniscono il "piacere" di apprendere. Permettono di visualizzare la natura dei concetti, di evidenziarne le relazioni gerarchiche, di far emergere la struttura ideativa di un testo e di rappresentare graficamente le conoscenze, favorendo in questo modo la metacognizione intesa come la consapevolezza che un soggetto ha della propria capacità cognitiva

6 Svolgono inoltre una funzione socializzante e di costruzione cooperativa della conoscenza, facilitando il confronto sui concetti stessi e sulla validità delle loro relazioni. Sono utili a chi insegna perché permettono di valutare la capacità di concettualizzazione degli studenti, di far emergere le loro strutture cognitive e di rappresentare graficamente e sinteticamente le conoscenze. Novak introduce la tecnica delle mappe concettuali come metodo innovativo ed efficace, nel contesto di una teoria dell'educazione rivolta ad aiutare ad apprendere in modo significativo e a prendersi carico della propria originale costruzione di significati.

7 La teoria dell apprendimento di Novak riassunta in una mappa concettuale

8 MAPPE COGNITIVE MAPPE CONCETTUALI (Novak): formate da nodi concettuali collegati da relazioni mediante frecce che riportano un etichetta descrittiva secondo un metodo connessionista ( individuazione concetti e combinazioni). MAPPE STRUTTURALI: evoluzione delle mappe concettuali in ambito scolastico, rappresentano le relazioni tra concetti di un unità di apprendimento. MAPPE MENTALI (Buzan): struttura gerarchicoassociativa, in genere con esposizione grafica a raggiera ( un elemento centrale e successive associazioni), sono, di solito, corredate di colori, immagini e disegni MAPPE MULTIMEDIALI: mappe concettuali o mentali, che contengono elementi multimediali.

9 MAPPE COGNITIVE-DSA Preferire strutture gerarchiche: argomento principale e organizzazione dal generale al particolare in verticale Nei nodi scrivere solo parole- chiave Usare, possibilmente, riferimenti visivi (immagini, foto, colori) Sulle frecce possono essere usate delle parole-legame o delle domande Se la mappa ha forma a raggiera, organizzata intorno a una parola o espressione chiave, non deve essere troppo articolata

10 Mappe esempio di mappa corretta e mappa errata 1 2 Ottaviano diventa restauratore della repubblica Ottaviano diventa il restauratore della repubblica Il periodo di pace permette la ripresa il periodo di pace permette la ripresa economica, culturale si fa chiamare Attività politica estera interna Trasforma la repubblica in

11 MAPPA CONCETTUALE

12 MAPPA MENTALE A RAGGIERA

13 MAPPA MULTIMEDIALE

14 SOLUTION MAP compromesso tra l evocatività delle mappe mentali - inserimento di immagini, colori, simboli stimolando il processo associativo e quindi la creatività l espressività delle mappe concettuali - chiarezza espressiva di concetti, idee, informazioni in modo sintetico ma preciso realizzate collegando rami e sottorami hanno una connotazione strutturale si avvalgono del supporto tecnologico cioè di software per agevolare la visualizzazione

15 MATERIALI DIDATTICI IperMAPPE - Guida + CD-ROM di installazione Studiare e imparare con mappe e schemi multimediali Supervisione, materiali e testi di F.Fogarolo e C.Scataglini Ed Erickson 2011 È un sistema di rappresentazione grafica e visualizzazione digitale della conoscenza appositamente progettato da Erickson per sostenere lo studio e l apprendimento sia come strumento compensativo, per un efficace e autonomo metodo di studio (mappe costruite dallo studente), che come strategia di facilitazione nello studio assistito (mappe costruite per lo studente). Il software consente di costruire in modo semplice e intuitivo delle «ipermappe», cioè degli schemi ricchi di informazioni e di multimedialità: non solo dei grafici da stampare, ma degli oggetti dinamici da consultare a video in modo attivo e personalizzato. Permette di costruire: mappe per lo studio individuale, schemi per fissare i concetti fondamentali di un testo, tabelle di semplificazione e adattamento dei contenuti didattici. I nodi della mappa potranno contenere dati di diverso tipo: testo linguistico scritto, immagini, animazioni, filmati, suoni, registrazioni audio di spiegazioni e commenti, link a risorse esterne, trasformando la mappa in una vera e propria risorsa multimediale. grazie alla visualizzazione sintetica di concetti, è un ottimo strumento compensativo per la dislessia e per difficoltà o disturbi di apprendimento; grazie alle sue funzioni per LIM e alle sue strutture grafiche di organizzazione della conoscenza (glossario, tabelle di sintesi, sequenze, linee del tempo), è un efficace strumento nella didattica collaborativa e inclusiva di classe. (tratto dal sito Erickson)

16 BIBLIOGRAFIA L apprendimento significativo le mappe concettuali per creare e usare le conoscenze J. Novak Centro Studi Erickson Trento 2002 Imparando ad imparare J. Novak B. Gowin SEI Torino 2001 Mappe per capire. Capire per mappe M. Guastavigna- M. Gineprini Carocci Roma 2004 Graficamente M. Guastavigna Carocci Roma 2004 The MindMap book T. Buzan Penguin Book 1996 Le mappe mentali e le relazioni personali T. Buzan Frassinelli 2008 SITOGRAFIA Le mappe del pensiero di A. Scocco Mappe concettuali nella didattica M. Guastavigna Mappe, complessità,strutture di comprensione studi di M. Guastavigna

CMAP E MAPPE CONCETTUALI

CMAP E MAPPE CONCETTUALI Ufficio scolastico regionale per la Lombardia Centro Servizi Amministrativi di Bergamo Corsi sulle Tecnologie Multimediali e Telematiche a Supporto della Didattica e dei Servizi Scolastici A. S. 2005/2006

Dettagli

Le mappe concettuali: strumenti di insegnamento/apprendimento 1

Le mappe concettuali: strumenti di insegnamento/apprendimento 1 Pubblicato il: 2009-06-18 Tutti i diritti riservati. Tutti gli articoli possono essere riprodotti con l'unica condizione di mettere in evidenza che il testo riprodotto è tratto da www.qtimes.it Registrazione

Dettagli

Tecnologie per la disabilità

Tecnologie per la disabilità Tecnologie per la disabilità Didattica e psicopedagogia per i disturbi specifici dell apprendimento Servizio di consulenza e supporto sulle tecnologie assistive Viale Angelico, 22-00195 ROMA Tel.: 06 375

Dettagli

Le TIC nella didattica

Le TIC nella didattica Le TIC nella didattica l importanza dei modelli d uso delle mappe. Enrico Angelo Emili Scienze della Formazione - Università di Bologna Numerosi autori concordano nel ritenere che i ragazzi sono più motivati

Dettagli

VERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA

VERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA VERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA I.C. Gonzaga dr.ssa Di Palma Monia, psicologa dr.ssa Dicembrini Valentina, psicologa QUALI STRATEGIE PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA? - Spazio - Strategie metacognitive - Metodo

Dettagli

Formatrici: Antonella Sanna Giovanna M. Simula Alghero, 29 gennaio 2015

Formatrici: Antonella Sanna Giovanna M. Simula Alghero, 29 gennaio 2015 I Bisogni Educativi Speciali nell ottica della scuola inclusiva Formatrici: Antonella Sanna Giovanna M. Simula Alghero, 29 gennaio 2015 Programma 15.15 17.45 Attività di warm up/brainstorming Metto in

Dettagli

Workshop Costruire ed usare le mappe concettuali per uno studio efficace Docenti: dott.ssa Chiara Ferrari dott.ssa Elena Del Torre

Workshop Costruire ed usare le mappe concettuali per uno studio efficace Docenti: dott.ssa Chiara Ferrari dott.ssa Elena Del Torre Venerdì 9 settembre 2011 - Tolmezzo Workshop Costruire ed usare le mappe concettuali per uno studio efficace Docenti: dott.ssa Chiara Ferrari dott.ssa Elena Del Torre Topics Prima parte concetti teorici

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE SOSTEGNO Tirocinio indiretto TIC

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE SOSTEGNO Tirocinio indiretto TIC CORSO DI SPECIALIZZAZIONE SOSTEGNO Tirocinio indiretto TIC SOFTWARE DIDATTICI POPPLET MIND MAPLE LITE HOT POTATOES (JCROSS JMIX) COSTRUIRE MAPPE Gli strumenti che consentono di rappresentare graficamente

Dettagli

FORMAZIONE PER INSEGNANTI

FORMAZIONE PER INSEGNANTI FORMAZIONE PER INSEGNANTI STRUMENTI TECNOLOGICI UTILI PER SUPPORTARE NELLO STUDIO RAGAZZI CON Disturbo Specifico di Apprendimento 18 Aprile 2013 Dr.ssa Maria Chiara Di Lieto MISURE COMPENSATIVE - DISPENSATIVE

Dettagli

SOFTWARE PER MAPPE MENTALI E CONCETTUALI: UN AIUTO NELLO STUDIO (materiali) (a cura di Giovanna Lami)

SOFTWARE PER MAPPE MENTALI E CONCETTUALI: UN AIUTO NELLO STUDIO (materiali) (a cura di Giovanna Lami) SOFTWARE PER MAPPE MENTALI E CONCETTUALI: UN AIUTO NELLO STUDIO (materiali) (a cura di Giovanna Lami) L individuazione di strumenti facilitanti l apprendimento e l autonomia nello studio è obiettivo fondamentale

Dettagli

Mappe concettuali Regolarità e relazioni

Mappe concettuali Regolarità e relazioni Mappe concettuali Regolarità e relazioni Contenuti cosa sono mappe strutturali mappe mentali mappe concettuali mappe strutturali cosa... non fare! qualche idea didattica software per realizzare mappe concettuali

Dettagli

Apprendimento, DSA e mappe concettuali come mediatori didattici. Beatrice Caponi Conegliano, 6 novembre 2012

Apprendimento, DSA e mappe concettuali come mediatori didattici. Beatrice Caponi Conegliano, 6 novembre 2012 Apprendimento, DSA e mappe concettuali come mediatori didattici Beatrice Caponi Conegliano, 6 novembre 2012 Apprendere significa Comprendere e mantenere nel tempo le conoscenze (memoria) Saper utilizzare

Dettagli

Progettare Ipermedia. Presentazione

Progettare Ipermedia. Presentazione Progettare Ipermedia Presentazione L aspetto progettuale riveste notevole importanza in un percorso didattico impostato sulla produzione di ipermedia così come è importante pianificarne lo sviluppo su

Dettagli

BES, DSA e nuove tecnologie

BES, DSA e nuove tecnologie BES, DSA e nuove tecnologie Come gli strumenti digitali possono favorire la didattica inclusiva 20 gennaio 2015 Relatore: Francesca Rodella e Stefania Papini Per assistenza è possibile contattare lo staff

Dettagli

Giovanna Lami Sezione A.I.D. Modena. Mappe mentali e concettuali: un aiuto nello studio per studenti con dislessia 15139

Giovanna Lami Sezione A.I.D. Modena. Mappe mentali e concettuali: un aiuto nello studio per studenti con dislessia 15139 Giovanna Lami Sezione A.I.D. Modena Mappe mentali e concettuali: un aiuto nello studio per studenti con dislessia 15139 L individuazione di strumenti facilitanti l apprendimento e l autonomia nello studio

Dettagli

Un modello di costruzione collaborativa della conoscenza su utilizzo didattico degli organizzatori grafici

Un modello di costruzione collaborativa della conoscenza su utilizzo didattico degli organizzatori grafici DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE E PSICOLOGIA Un modello di costruzione collaborativa della conoscenza su utilizzo didattico degli organizzatori grafici Prof. Antonio Calvani antonio.calvani@unifi.it

Dettagli

DSA ausili e software

DSA ausili e software DSA ausili e software LABORATORIO DIDATTICO TECNOLOGICO SUL METODO DI STUDIO CON SOFTWARE DIDATTICI COMPENSATIVI Cenni sulla normativa. Art. 5 della legge n.170/2010 (Nuove norme in materia di disturbi

Dettagli

MAPPE CONCETTUALI E PENSIERO DIVERGENTE

MAPPE CONCETTUALI E PENSIERO DIVERGENTE MAPPE CONCETTUALI E PENSIERO DIVERGENTE Chiavari, 16 Novembre 2013 Relatrice: dott.ssa Elisabetta Biggio Una signora molto anziana si rompe una gamba. Dopo avergliela ingessata, il medico le dice: Se

Dettagli

INCLUSIONE e PERSONALIZZAZIONE del percorso didattico. degli ALUNNI con DISTURBI SPECIFICI di APPRENDIMENTO

INCLUSIONE e PERSONALIZZAZIONE del percorso didattico. degli ALUNNI con DISTURBI SPECIFICI di APPRENDIMENTO INCLUSIONE e PERSONALIZZAZIONE del percorso didattico degli ALUNNI con DISTURBI SPECIFICI di APPRENDIMENTO 1 le metodologie didattiche adatte per i bambini con DSA sono valide per ogni bambino, e non viceversa

Dettagli

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E DIDATTICA INCLUSIVA

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E DIDATTICA INCLUSIVA APPRENDIMENTO COOPERATIVO E DIDATTICA INCLUSIVA Quali metodi e strategiepossiamo adottare per l'inclusione delle diverse abilità? Difficoltà di Apprendimento LOW ACHIEVERS sono ragazzi che incontrano difficoltà,

Dettagli

S.M.S. A.Canova Grugnera (Pn)

S.M.S. A.Canova Grugnera (Pn) S.M.S. A.Canova Grugnera (Pn) Page 1 Prof. Docente Scuola Secondaria Docente Scuola Secondaria COMPENSARE gli STRUMENTI COMPENSATIVI permettono di raggiungere un buon grado di AUTONOMIA,, cioè la possibilità

Dettagli

MAPPE MENTALI E MAPPE CONCETTUALI. ma non solo: strumenti e strategie di lavoro metacognitivo in classe

MAPPE MENTALI E MAPPE CONCETTUALI. ma non solo: strumenti e strategie di lavoro metacognitivo in classe MAPPE MENTALI E MAPPE CONCETTUALI. ma non solo: strumenti e strategie di lavoro metacognitivo in classe Paola Bellandi paobell1960@gmail.com 23 GENNAIO 2015 I.C. DON RAFFELLI - PROVAGLIO D ISEO -BS Programma

Dettagli

MAPPE CONCETTUALI E SEMANTICHE PER ORIENTARE LA LETTURA DEI DOCUMENTI IPERTESTUALI E LORO APPLICAZIONE NELL INSEGNAMENTO DI UNA L2

MAPPE CONCETTUALI E SEMANTICHE PER ORIENTARE LA LETTURA DEI DOCUMENTI IPERTESTUALI E LORO APPLICAZIONE NELL INSEGNAMENTO DI UNA L2 MAPPE CONCETTUALI E SEMANTICHE PER ORIENTARE LA LETTURA DEI DOCUMENTI IPERTESTUALI E LORO APPLICAZIONE NELL INSEGNAMENTO DI UNA L2 Abstract Mappe concettuali, semantiche, mentali, lessicali. Comunque le

Dettagli

Formazione e Apprendimento in Rete Open source. Mappe per pensare. Tecnologie inclusive per la didattica

Formazione e Apprendimento in Rete Open source. Mappe per pensare. Tecnologie inclusive per la didattica Formazione e Apprendimento in Rete Open source Mappe per pensare Tecnologie inclusive per la didattica Formazione insegnanti Generazione Web Lombardia Che cosa sono Le mappe sono rappresentazioni logico-visive

Dettagli

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva 1 Indice dei materiali Quadro normativo di riferimento Didattica tradizionale

Dettagli

PER CHI È PADRONE DEL SUO TEMPO SUPER-ABILE SERVIZIO DI DOPOSCUOLA

PER CHI È PADRONE DEL SUO TEMPO SUPER-ABILE SERVIZIO DI DOPOSCUOLA PER CHI È PADRONE DEL SUO TEMPO SUPER-ABILE SERVIZIO DI DOPOSCUOLA ANALISI Ogni bambino è unico e irrepetibile, con un proprio stile cognitivo, strategia di apprendimento, forma espressiva e comunicativa.

Dettagli

I BES E LA DIDATTICA INCLUSIVA NELLA SCUOLA SECONDARIA

I BES E LA DIDATTICA INCLUSIVA NELLA SCUOLA SECONDARIA I BES E LA DIDATTICA INCLUSIVA NELLA SCUOLA SECONDARIA RUOLO RICONOSCERE FARE SCELTE METODOLOGICO DIDATTICHE PROGRAMMARE INTERVENTI EDUCATIVO- DIADATTICI E DOCUMENTARE I PERCORSI DIDATTICI: PIANO DIDATTICO

Dettagli

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com IL CORSO L utilizzo sempre più frequente delle nuove tecnologie nella vita quotidiana

Dettagli

CE. RI. PE. LA MEDIAZIONE DIDATTICA PER L ACQUISIZIONE DELLE COMPETENZE di Anna Maria Schiano Dirigente Tecnico a r.m.p.i.

CE. RI. PE. LA MEDIAZIONE DIDATTICA PER L ACQUISIZIONE DELLE COMPETENZE di Anna Maria Schiano Dirigente Tecnico a r.m.p.i. CE. RI. PE. LA MEDIAZIONE DIDATTICA PER L ACQUISIZIONE DELLE COMPETENZE di Anna Maria Schiano Dirigente Tecnico a r.m.p.i. I SAPERI DISCIPLINARI I saperi storicamente determinati sono codificati nelle

Dettagli

Famiglie e welfare comunitario. Stefania Mazza 9 ottobre 2013

Famiglie e welfare comunitario. Stefania Mazza 9 ottobre 2013 Famiglie e welfare comunitario Stefania Mazza 9 ottobre 2013 LA MAPPA CONCETTUALE Negli anni '60 Joseph D. Novak della Cornell University, muovendo dalle teorie di David Ausubel, ha elaborato la metodologia

Dettagli

Le strutture del pensiero sono gerarchiche come il tronco di un albero che si suddivide in rami sempre più piccoli fino alle venature delle foglie.

Le strutture del pensiero sono gerarchiche come il tronco di un albero che si suddivide in rami sempre più piccoli fino alle venature delle foglie. Cos è una mappa? Generalmente una mappa serve a rappresentare un territorio; può essere una casa, una città o magari un continente. La mappa è la rappresentazione, su un piano e in scala ridotta, di un

Dettagli

MAPPE CONCETTUALI. 5) Definizione e individuazione di collegamenti e parole-legame

MAPPE CONCETTUALI. 5) Definizione e individuazione di collegamenti e parole-legame MAPPE CONCETTUALI 1) Definizione e utilità mappe concettuali 2) Tipi di mappe 3) Definizione e individuazione dei concetti 4) Definizione e individuazione delle etichette 5) Definizione e individuazione

Dettagli

Stefano Franceschi Centro Studi Ed. Erickson (TN)

Stefano Franceschi Centro Studi Ed. Erickson (TN) Stesura del Piano Didattico Personalizzato Latina, 22 Novembre 2011 Stefano Franceschi Centro Studi Ed. Erickson (TN) Centralmente Centro Neuropsicologia Clinica dello Sviluppo (AP) www.centralmente.it

Dettagli

PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ

PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ QUANDO LE SCUOLE SI INCONTRANO CON IL TERRITORIO VITA QUOTIDIANA E STRATEGIE D INTERVENTO PER GLI ALUNNI DISABILI

Dettagli

Mediaform. Corso di aggiornamento. La Scuola dell inclusione per una nuova società (BES)

Mediaform. Corso di aggiornamento. La Scuola dell inclusione per una nuova società (BES) Mediaform Corso di aggiornamento La Scuola dell inclusione per una nuova società (BES) 1 Edizione 200 Ore con crediti formativi per docenti Anno Scolastico 2015-2016 Sigla BES-MIUR 1 La Scuola dell inclusione

Dettagli

Stefano Franceschi Centro Studi Ed. Erickson (TN)

Stefano Franceschi Centro Studi Ed. Erickson (TN) Stesura del Piano Didattico Personalizzato Latina, 22 Novembre 2011 Stefano Franceschi Centro Studi Ed. Erickson (TN) Centro Neuropsicologia Clinica dello Sviluppo (AP) www.centralmente.it Associazione

Dettagli

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate.

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Cl@sse2.0 Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Progetto di due anni disegnato per la 1Ac. (2010-2012) Cl@sse2.0 Perché questo progetto nazionale? 1. Per rispondere a

Dettagli

GUIDA OPERATIVA PER I GENITORI DI ALUNNI CON DSA

GUIDA OPERATIVA PER I GENITORI DI ALUNNI CON DSA GUIDA OPERATIVA PER I GENITORI DI ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO A cura della prof.ssa Anna Lombardo referente CRHeS/CTS Faenza STRUMENTI COMPENSATIVI E DIDATTICI INFORMATICI Sono ausili

Dettagli

STRUMENTI COMPENSATIVI PER DSA

STRUMENTI COMPENSATIVI PER DSA Titolo STRUMENTI COMPENSATIVI PER DSA STRUMENTI COMPENSATIVI PER DSA Destinatari Docenti Primaria Docenti secondaria I e II Buona conoscenza e utilizzo del computer Buona conoscenza e utilizzo del computer

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO STILI DI APPRENDIMENTO Ogni studente suona il suo strumento, non c è niente da fare. La cosa difficile è conoscere bene i nostri musicisti e trovare l armonia. Una buona classe non è un reggimento che

Dettagli

Mappe e metodo di studio: il programma ipermappe

Mappe e metodo di studio: il programma ipermappe Metodi Secondaria ipermappe DSA facilitazione strumenti compensativi metodo di studio mappe concettuali Mappe e metodo di studio: il programma ipermappe Flavio Fogarolo «Associazione Lettura Agevolata»

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi Descrizione dell unità Titolo Frazioni con la LIM Autore Barbara Bianconi Tematica Come si traducono nel linguaggio della matematica un quarto in musica, una fetta di pizza, un terzo di un percorso prestabilito?

Dettagli

GLI STRUMENTI COMPENSATIVI

GLI STRUMENTI COMPENSATIVI GLI STRUMENTI COMPENSATIVI La Sintesi Vocale Le mappe concettuali e mentali I programmi di Video Scrittura I Software delle Cooperativa Anastasis LA SINTESI VOCALE Un sintetizzatore vocale è un software

Dettagli

LA LIM / IWB / Orietta Berlanda

LA LIM / IWB / Orietta Berlanda LA LIM / IWB / Orietta Berlanda LIM = LAVAGNA INTERATTIVA MULTIMEDIALE IWB = INTERACTIVE WHITE BOARD Cos è? E UN PANNELLO INTERATTIVO COLLEGATO A COMPUTER E PROIETTORE. - IL PROIETTORE PROIETTA LO SCHERMO

Dettagli

MATERIALE INFORMATICO

MATERIALE INFORMATICO MATERIALE INFORMATICO N. PRODOTTO DESCRIZIONE FINALITÀ/UTILIZZO DESTINATARI 1 100 giochi Giochi didattici 2 Analisi visiva dei grafemi Insegna a riconoscere lettere e parole per arrivare a decodificare

Dettagli

UNA DIDATTICA PER I DSA UNA DIDATTICA PER TUTTI GLI ALUNNI

UNA DIDATTICA PER I DSA UNA DIDATTICA PER TUTTI GLI ALUNNI Piazza Martiri 1/2-40121 Bologna - Tel. 051/243358 - Fax 051/6393194 Partita IVA / cod. fiscale 04344650371 - conto corrente postale n 159400 coordinate bancarie: CARISBO Ag. Lame c/c 1551 ABI 06385 CAB

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DA VINCI -UNGARETTI FERMO UN'ETICHETTA PER AMICA!

ISTITUTO COMPRENSIVO DA VINCI -UNGARETTI FERMO UN'ETICHETTA PER AMICA! ISTITUTO COMPRENSIVO DA VINCI -UNGARETTI FERMO UN'ETICHETTA PER AMICA! Leggiamo quello che mangiamo PROGETTO VERTICALE D ISTITUTO a.s. 2014/15 FERMO chiama Classe II D L'occasione dell'expo 2015 dedicato

Dettagli

Eventi organizzati presso lo STAND CENTRO LEONARDO (10 posti utili)

Eventi organizzati presso lo STAND CENTRO LEONARDO (10 posti utili) INIZIATIVE ORGANIZZATE ABCD 2012: info@centroleonardo.net Eventi organizzati presso lo STAND CENTRO LEONARDO (10 posti utili) MERCOLEDI 14 NOVEMBRE 10:00/10.30 Centro Leonardo workshop Analisi logica:

Dettagli

Strumenti compensativi

Strumenti compensativi Strumenti compensativi Informatica per la Libertà di Apprendere G. Lampugnani Sintesi vocale e editor di testi Opera su difficoltà specifiche di transcodifica (dislessia, disgrafia/disort) Ma non su altre

Dettagli

Progetto Spider: dei disturbi specifici di apprendimento IMPARARE A IMPARARE. Metodo di studio e nuove tecnologie

Progetto Spider: dei disturbi specifici di apprendimento IMPARARE A IMPARARE. Metodo di studio e nuove tecnologie gestione integrata Progetto Spider: dei disturbi specifici di apprendimento integrata dei nella Provincia di Pesaro e Urbino IMPARARE A IMPARARE Metodo di studio e nuove tecnologie Ci siamo lasciati condividendo

Dettagli

Corso di formazione MIUR AID II giornata Abruzzo Marzo 2007. Disturbi Specifici di Apprendimento Individuazione e intervento nella Scuola Secondaria

Corso di formazione MIUR AID II giornata Abruzzo Marzo 2007. Disturbi Specifici di Apprendimento Individuazione e intervento nella Scuola Secondaria Corso di formazione MIUR AID II giornata Abruzzo Marzo 2007 Disturbi Specifici di Apprendimento Individuazione e intervento nella Scuola Secondaria Dott.ssa Lampugnani Giulia Formatrice AID Comitato Nazionale

Dettagli

Gineprini, Marco Guastavigna, Mappe per capire. Capire per mappe. Rappresentazioni della conoscenza nella didattica, Carocci Faber, Roma 2004

Gineprini, Marco Guastavigna, Mappe per capire. Capire per mappe. Rappresentazioni della conoscenza nella didattica, Carocci Faber, Roma 2004 Gineprini, Marco Guastavigna, Mappe per capire. Capire per mappe. Rappresentazioni della conoscenza nella didattica, Carocci Faber, Roma 2004 Giovanni Federle 23 ottobre 2007-10-22 Abstract Espone le teorie

Dettagli

DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO E NUOVE TECNOLOGIE

DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO E NUOVE TECNOLOGIE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO E NUOVE TECNOLOGIE IL SOFTWARE DIDATTICO PER INTERVENTI SULLE ABILITA Prof.ssa Silvia Antimiani Cos è il software didattico È un software che permette di sviluppare competenze

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico (spazio per eventuale carta intestata della scuola) Scuola Primaria PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico BES 2 DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome: data e luogo di nascita: classe: Frequenza

Dettagli

Famiglie e welfare comunitario. Stefania Mazza 4 marzo 2015

Famiglie e welfare comunitario. Stefania Mazza 4 marzo 2015 Famiglie e welfare comunitario Stefania Mazza 4 marzo 2015 WELFARE Lavorare per costruire il benessere della famiglia significa superare l'ottica assistenzialistica per trasformare la famiglia in soggetto

Dettagli

11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo)

11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) 11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) a cura di Enrico Giliberti, Università di Bologna Quando si parla di software didattico (cioè programmi che servono per facilitare il processo di insegnamento/apprendimento)

Dettagli

Corso di formazione. Autismo. L intervento strutturato. Dott.ssa Clea Terzuolo. Centro Autismo e Sindrome di Asperger ASL CN1, Mondovì

Corso di formazione. Autismo. L intervento strutturato. Dott.ssa Clea Terzuolo. Centro Autismo e Sindrome di Asperger ASL CN1, Mondovì Corso di formazione Autismo L intervento strutturato Dott.ssa Clea Terzuolo Centro Autismo e Sindrome di Asperger ASL CN1, Mondovì L INTERVENTO EDUCATIVO In Ambulatorio Attività cognitive Sviluppo di autonomie

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

La scrittura multimediale

La scrittura multimediale La scrittura multimediale Anna Erika Ena Università degli Studi di Foggia Perché l utilizzo della scrittura multimediale -è un occasione per insegnare nuovi modi comunicativi; -è un attività di pensiero;

Dettagli

FILOSOFIA: AUTORI TESTI TEMI

FILOSOFIA: AUTORI TESTI TEMI Un libro di filosofia che legge e interpreta la realtà quotidiana FILOSOFIA: AUTORI TESTI TEMI M. Vegetti L. Fonnesu Il futuro è la nostra materia. www.mondadorieducation.it Piano dell opera M. Vegetti

Dettagli

STRATEGIE E PROCEDURE DI APPRENDIMENTO :

STRATEGIE E PROCEDURE DI APPRENDIMENTO : STRATEGIE E PROCEDURE DI APPRENDIMENTO : UN APPROCCIO NEOCOGNITIVISTA A cura di Fabrizio M. Pellegrini 09.2014 Qualsiasi movimento volontario e finalizzato è sempre eseguito secondo un programma appreso

Dettagli

Pedagogia della differenza Prof. Francesco Bruno

Pedagogia della differenza Prof. Francesco Bruno Pedagogia della differenza Prof. Francesco Bruno È un termine generale che comprende handicap, limitazione nelle attività e restrizione nella partecipazione. Un handicap è un problema relativo ad una funzione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016

PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016 PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016 OBIETTIVI GENERALI Educare al rispetto di sé e degli altri, delle cose, delle norme che regolano la comunità scolastica e la convivenza

Dettagli

Compensare i DSA. Franco Castronovo

Compensare i DSA. Franco Castronovo Compensare i DSA Franco Castronovo Incontro Magistri Cumacini Como 8 aprile 2013 da: Flavio Fogarolo e Caterina Scapin Erickson giugno 2010 Compensare i DSA Strategie compensative Competenze compensative

Dettagli

1. DESCRIZIONE DEL FUNZIONAMENTO DELLE ABILITÀ STRUMENTALI (lettura, scrittura, calcolo) (nota1)

1. DESCRIZIONE DEL FUNZIONAMENTO DELLE ABILITÀ STRUMENTALI (lettura, scrittura, calcolo) (nota1) Allegato C Piano Educativo Personalizzato DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome:. Plesso: Classe: DIAGNOSI: 1. DESCRIZIONE DEL FUNZIONAMENTO DELLE ABILITÀ STRUMENTALI (lettura, scrittura, calcolo) (nota1)

Dettagli

N.ARTIC. TITOLO ARGOMENTO ORDINE DI NOTE SCUOLA 001 * Ascolto è crescere Per alunni stranieri,

N.ARTIC. TITOLO ARGOMENTO ORDINE DI NOTE SCUOLA 001 * Ascolto è crescere Per alunni stranieri, N.ARTIC. TITOLO ARGOMENTO ORDINE DI NOTE SCUOLA 001 * Ascolto è crescere Per alunni stranieri, con sostegno e casi di bullismo 002 Insieme per crescere Troppo teorico 003 Costruire una comunità accogliente

Dettagli

INDICAZIONI SULL UTILIZZO DEGLI STRUMENTI ICT NELLA DIDATTICA CON I BES

INDICAZIONI SULL UTILIZZO DEGLI STRUMENTI ICT NELLA DIDATTICA CON I BES INDICAZIONI SULL UTILIZZO DEGLI STRUMENTI ICT NELLA DIDATTICA CON I BES a cura della F.S. Area 2 Maria De Francesco Nella stesura del PDP per gli alunni BES è richiesta la messa a punto di strategie didattiche

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez.

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez. PROGETTAZIONE ANNUALE CORSO: A. S. 200_/0_ Classe sez. Disciplina: ANALISI DELLA CLASSE: Situazione di partenza Descrivere tipologia, (caratteristiche cognitive, comportamentali, atteggiamento verso la

Dettagli

DSA INDICAZIONI METODOLOGICHE E DIDATTICHE

DSA INDICAZIONI METODOLOGICHE E DIDATTICHE DSA INDICAZIONI METODOLOGICHE E DIDATTICHE ALCUNE CONSIDERAZIONI PRELIMINARI L incidenza dei DSA nella scuola superiore - I disturbi specifici dell apprendimento non scompaiono con l ingresso alla scuola

Dettagli

Organizzare e gestire l intervento a scuola: dalla rilevazione dei casi all intervento didattico

Organizzare e gestire l intervento a scuola: dalla rilevazione dei casi all intervento didattico 1 CORTINA D AMPEZZO 20.03.2010 Dislessia? No problem! Organizzare e gestire l intervento a scuola: dalla rilevazione dei casi all intervento didattico Docente specializzata per il sostegno Responsabile

Dettagli

Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) TRA. ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI Via Matteotti 51, Camponogara VE

Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) TRA. ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI Via Matteotti 51, Camponogara VE Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) TRA ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI Via Matteotti 51, Camponogara VE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CONSIGLIO di CLASSE E GENITORI dell

Dettagli

Relazione finale sul Progetto IL CORPO UMANO

Relazione finale sul Progetto IL CORPO UMANO Diploma On Line secondo anno 2006/07 Relazione finale sul Progetto IL CORPO UMANO Corsista: Orazio Rapisarda classe C1 Il progetto scaturisce dall opportunità di lavorare con un gruppo di alunni che avevano

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

Progetto Spider IMPARARE A IMPARARE. Metodo di studio e software free. Loretta Mattioli USP Pesaro e Urbino

Progetto Spider IMPARARE A IMPARARE. Metodo di studio e software free. Loretta Mattioli USP Pesaro e Urbino Progetto Spider IMPARARE A IMPARARE Metodo di studio e software free Loretta Mattioli USP Pesaro e Urbino Le strategie cognitive e gli stili cognitivi Stile cognitivo = diverso modo di affrontare e categorizzare

Dettagli

Tecnologie per compensare i Disturbi Specifici di Apprendimento. Master DSA - Università di Verona Flavio Fogarolo

Tecnologie per compensare i Disturbi Specifici di Apprendimento. Master DSA - Università di Verona Flavio Fogarolo Tecnologie per compensare i Disturbi Specifici di Apprendimento Master DSA - Università di Verona Flavio Fogarolo 1 DSA e strumenti compensativi Il ruolo della compensazione Compensare la dislessia Compensare

Dettagli

LAVAGNA INTERATTIVA MULTIMEDIALE. Corso estivo presso la FONDAZIONE per l Università e l Alta Formazione FELTRE Campus Universitario

LAVAGNA INTERATTIVA MULTIMEDIALE. Corso estivo presso la FONDAZIONE per l Università e l Alta Formazione FELTRE Campus Universitario Docenti formatori: Franco Torcellan, Alida Favaretto, Roberta Rigo, Franco Di Cataldo 1 Modulo: 13 luglio 2009 La LIM nelle attività di insegnamento-apprendimento Obiettivo: esplorare funzioni e funzionalità

Dettagli

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò Istituto Comprensivo Taverna Montalto Uffugo Scuola Secondaria di Primo Grado Scuola Secondaria di 1 Grado Classe II Sez. C Progetto di un intervento didattico su Italiano Titolo dell attività Il testo

Dettagli

Discipline e competenze

Discipline e competenze Discipline e competenze Per assistenza è possibile contattare lo staff Pearson scrivendo al seguente indirizzo e-mail: helpdesk@pearson.it oppure chiamando il numero : 0332.802251 La didattica per competenze

Dettagli

Strategie didattiche per gli studenti dislessici in tutti i gradi di scuola tratto dal sito AID -Sezione di Roma

Strategie didattiche per gli studenti dislessici in tutti i gradi di scuola tratto dal sito AID -Sezione di Roma Strategie didattiche per gli studenti dislessici in tutti i gradi di scuola tratto dal sito AID -Sezione di Roma (testo tradotto da Accommodating students with dyslexia in all classroom settings International

Dettagli

APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO (Novak, J.)

APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO (Novak, J.) Studio di PsicologiaAmaltea Dr.ssa Dr.ssa Veronica Melucci chiara.dellabetta@studioamaltea.it www.studioamaltea.it METODO DI STUDIO E STRUMENTI COMPENSATIVI 1 APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO (Novak, J.) Processo

Dettagli

Compensare i DSA: tecnologie e percorsi di formazione a scuola

Compensare i DSA: tecnologie e percorsi di formazione a scuola MIUR UST di Vicenza Compensare i DSA: tecnologie e percorsi di formazione a scuola Padova - 16 maggio 2012 1 Per ovviare a queste conseguenze, esistono strumenti compensativi e dispensativi che si ritiene

Dettagli

bisogno degli altri, di sentirsi più sicuri, di aver voglia di provare a fare attività che altrimenti non avrebbero voglia di provare.

bisogno degli altri, di sentirsi più sicuri, di aver voglia di provare a fare attività che altrimenti non avrebbero voglia di provare. Strumenti compensativi e dispensativi Gli strumenti compensativi e dispensativi sono strumenti di facilitazione che danno a coloro che hanno delle difficoltà l opportunità di raggiungere molti obiettivi

Dettagli

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 8 h A casa: 5 h

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 8 h A casa: 5 h 78 l e z i o n i d i g i ta l i U n i tà d i A P P R e n d i M e n t o B7 L UniVERSO E IL SISteMA SolaRE Tempi In aula: 8 h A casa: 5 h Luoghi Aula con lavagna LIM o PC con videoproiettore Per alcune attività

Dettagli

1000 Classi digitali. Un progetto per la scuola italiana

1000 Classi digitali. Un progetto per la scuola italiana 1000 Classi digitali Un progetto per la scuola italiana Obiettivo del progetto è creare le condizioni per la realizzazione di una Didattica Inclusiva che, unendo le Lavagne Interattive Multimediali o le

Dettagli

PROFESSIONE DOCENTE GUIDA ALLE AVVERTENZE AI PROGRAMMI D ESAME

PROFESSIONE DOCENTE GUIDA ALLE AVVERTENZE AI PROGRAMMI D ESAME P. CATTANEO / A. DE ANGELIS / M. GUASTAVIGNA E. MAROTTA / G. MORELLO / A.TOSOLINI PROFESSIONE DOCENTE GUIDA ALLE AVVERTENZE AI PROGRAMMI D ESAME I REQUISITI CULTURALI E PROFESSIONALI INDISPENSABILI ALL

Dettagli

Componenti hardware del sistema LIM

Componenti hardware del sistema LIM LIM Componenti hardware del sistema LIM Componenti hardware del sistema LIM Il modulo intende accertare nel candidato il livello di possesso delle competenze digitali relative sia ai fondamenti dell hardware

Dettagli

ICS G. CAPPONI. Progetto 11 anni: forme e percorsi di crescita attraverso il gioco nel casa- scuola a. s. 2006 Premesse generali:

ICS G. CAPPONI. Progetto 11 anni: forme e percorsi di crescita attraverso il gioco nel casa- scuola a. s. 2006 Premesse generali: ICS G. CAPPONI Provincia: Milano Comune: Milano Indirizzo: Via Pestalozzi 13 E-mail della scuola: elementare.pestalozzi@icscapponi.it Dirigente: prof.ssa Giuseppina Izzo Progetto Dai 5 agli a 11 anni:

Dettagli

utili alla stesura e al monitoraggio del PDP

utili alla stesura e al monitoraggio del PDP Questionario per favorire la raccolta di informazioni utili alla stesura e al monitoraggio del PDP Da compilarsi a cura dei genitori Istituzione scolastica. DATI DELL ALUNNO/A Cognome.. Nome. Classe..

Dettagli

Progetto Insegnare ad imparare le strategie metacognitive nei DSA UST Belluno / Associazione Soroptimist

Progetto Insegnare ad imparare le strategie metacognitive nei DSA UST Belluno / Associazione Soroptimist I Disturbi Specifici di Apprendimento Interventi nella Scuola Secondaria: applicazione delle misure compensative e dispensative in riferimento alle discipline di ambito umanistico Progetto Insegnare ad

Dettagli

Cristiano Giorda I GIS per insegnare la geografia

Cristiano Giorda I GIS per insegnare la geografia Cristiano Giorda I GIS per insegnare la geografia Le indicazioni Nazionali richiedono in tutti i gradi di scuola l inserimento dei GIS nella didattica della geografia: primo ciclo di istruzione Il raffronto

Dettagli

PROGETTO BES SE FACCIO IMPARO

PROGETTO BES SE FACCIO IMPARO CLASSI PRIME A/B/C ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGETTO BES SE FACCIO IMPARO Analizzando la situazione delle classi dalla prima alla quinta della Scuola è emersa la necessità di attivare un progetto a sostegno

Dettagli

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012)

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012) LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Filastrocche / Canzoni / Giochi di Total Physical Response (TPR) Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina

Dettagli

CENTRO TERRITORIALE DI SUPPORTO DI RIETI UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI RIETI REGISTRO DEI BENI CONCESSI IN COMODATO D USO

CENTRO TERRITORIALE DI SUPPORTO DI RIETI UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI RIETI REGISTRO DEI BENI CONCESSI IN COMODATO D USO 2009 CENTRO TERRITORIALE DI SUPPORTO DI RIETI UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI RIETI REGISTRO DEI BENI CONCESSI IN COMODATO D USO. Codice Categoria Identif.vo Progr.vo SW-AC -01/ SW-AC -01/ SW-AC -02/

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Art. 15, comma 3, lett. a) e b) Legge 6 agosto 2008, n. 133 Caratteristiche tecniche e tecnologiche libri di testo PREMESSA Il libro di testo, nella sua versione a stampa, on line e mista, costituisce

Dettagli

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL-

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Contenuti I contenuti del progetto sono stati discussi e poi

Dettagli

DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio. Relazione finale di Sonia Graziotto

DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio. Relazione finale di Sonia Graziotto DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio Relazione finale di Sonia Graziotto Migliorare la qualità dell insegnamento, avvalendosi delle

Dettagli

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina di riferimento LINGUA INGLESE Obiettivi formativi Competenze europee

Dettagli

Tecnologie Amiche. Gli strumenti informatici come supporto all apprendimento. Rovigo 8 Marzo 2012. G hiotti Lorella Referente CTI Badia Polesine

Tecnologie Amiche. Gli strumenti informatici come supporto all apprendimento. Rovigo 8 Marzo 2012. G hiotti Lorella Referente CTI Badia Polesine Tecnologie Amiche Gli strumenti informatici come supporto all apprendimento Rovigo 8 Marzo 2012 G hiotti Lorella Referente CTI Badia Polesine Giacomo Stella e gli strumenti compensativi Educare verso l

Dettagli

Attività di recupero che si intendono attivare per colmare le lacune emerse dalle prove d ingresso:

Attività di recupero che si intendono attivare per colmare le lacune emerse dalle prove d ingresso: LIVELLI DI PARTENZA Strumenti utilizzati per rilevarli: Colloqui individuali e di gruppo sul curricolo formativo generale e specifico disciplinare e pregresso. Discussione di gruppo. Livelli di partenza

Dettagli