COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, C(2003) Oggetto: Aiuto di Stato N 597/2002 Italia (Sardegna). Aiuto all'avviamento di nuove imprese.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 25.09.2003 C(2003) 3453. Oggetto: Aiuto di Stato N 597/2002 Italia (Sardegna). Aiuto all'avviamento di nuove imprese."

Transcript

1 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, C(2003) 3453 Oggetto: Aiuto di Stato N 597/2002 Italia (Sardegna). Aiuto all'avviamento di nuove imprese. Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO 1. Con lettera della Rappresentanza permanente d'italia n del , registrata presso la Commissione il (A/36668), le autorità italiane hanno notificato alla Commissione, ai sensi dell'articolo 88, paragrafo 3, del trattato CE, il progetto di regime di aiuti di Stato in oggetto. 2. Con lettera del , (D/55766), la Commissione ha chiesto informazioni complementari. 3. La Commissione, con lettera del (D/56616), ha inviato un sollecito alle autorità italiane che, successivamente, hanno chiesto una proroga del termine fissato per la risposta con lettera n del , registrata presso la Commissione il (A/39021). La Commissione ha accordato tale proroga con lettera del (D/56988). 4. Le autorità italiane hanno fornito informazioni con lettera della Rappresentanza permanente n. 348 del , registrata presso la Commissione il (A/30305). 5. Con lettera del , (D/51041), la Commissione ha chiesto ulteriori chiarimenti. 6. Le autorità italiane hanno chiesto una proroga del termine fissato per la risposta con lettera n del , registrata presso la Commissione il (A/32137). La Commissione ha accordato tale proroga con lettera del (D/52026) ed ha inviato un sollecito con lettera dell' (D/53050). Le autorità italiane hanno fornito informazioni con lettera della Rappresentanza permanente n dell' , registrata presso la Commissione il (SG/4659). 7. Infine, con lettera del (D/53577), la Commissione ha chiesto altre informazioni complementari. Le autorità italiane hanno risposto con lettera della Rappresentanza permanente n dell' , registrata il (A/34852). S. E. On. Franco FRATTINI Ministro degli Affari esteri P.le della Farnesina 1 I ROMA Commissione europea B-1049 Bruxelles, Belgio Telefono: standard 32 (0) Telex: COMEU B Indirizzo telegrafico: COMEUR Bruxelles.

2 2. DESCRIZIONE DETTAGLIATA DELLA MISURA 2.1. Disposizioni comuni Titolo e base giuridica 8. Gli aiuti saranno concessi dalla Regione Sardegna in virtù del regime in oggetto, la cui base giuridica è costituita da una deliberazione della Giunta regionale notificata allo stadio di progetto. Obiettivo 9. Il regime di aiuti interviene a sostegno di nuove PMI industriali innovative e competitive. Durata e dotazione 10. La durata del regime è limitata al 31 dicembre La dotazione totale è di 10 milioni di EUR. Beneficiari e campo di applicazione settoriale 11. Possono beneficiare degli aiuti disposti dal regime soltanto le piccole e medie imprese, così come definite dalla normativa comunitaria vigente al momento della concessione dell'aiuto. Il regime esclude la possibilità della concessione di aiuti alle imprese in difficoltà, come definite dagli orientamenti comunitari per il salvataggio e la ristrutturazione di imprese in difficoltà Il regime non si applica alla produzione dei prodotti agricoli di cui all'allegato I del trattato CE, alla produzione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti della pesca di cui all'allegato I del trattato CE nonché ai settori dei trasporti, della siderurgia, della costruzione navale, delle fibre sintetiche e dell'industria automobilistica. Obiettivo del regime 13. Per conseguire gli obiettivi previsti il regime in causa dispone: Interventi sotto forma di assunzione di partecipazioni di minoranza al capitale delle imprese beneficiarie. Interventi sotto forma di contributi in conto interessi. Tali interventi saranno effettuati attraverso un fondo di capitale di rischio. Modalità di costituzione, gestione e di intervento del fondo 14. Il soggetto gestore del fondo sarà selezionato con procedure di evidenza pubblica. 15. Il fondo sarà costituito come entità giuridica indipendente con una contabilità totalmente separata nella forma del conto corrente bancario. 16. La remunerazione del soggetto gestore del fondo sarà così composta: una commissione di gestione fissa pari al massimo al 5% del capitale versato del fondo stesso in media annuale. Tale commissione verrà riconosciuta una volta dismesse tutte le partecipazioni e solo a condizione che i rendimenti delle partecipazioni siano tali da garantire la copertura della stessa. 1 GU C 288 del

3 un premio legato all'efficienza del soggetto gestore nella selezione e gestione dell'operazione di partecipazione. Tale premio verrà calcolato sulla quota di rendimento che eccede il normale rendimento considerato accettabile per l'impiego di capitale di rischio ( rendimento minimo obiettivo ) pari al tasso variabile EURIBOR a 3 mesi coefficiente 360, vigente all'atto dell'acquisizione della partecipazione. Il premio sarà pari al 35% della differenza tra l'effettivo rendimento della partecipazione e il rendimento minimo obiettivo. 17. Un comitato tecnico composto da tre rappresentanti del soggetto gestore, tre rappresentanti dell'amministrazione regionale e presieduto da uno dei rappresentanti del soggetto gestore è incaricato dell'esame e dell'ammissibilità delle richieste di partecipazione e/o agevolazione sotto forma di contributo in conto interessi presentate dalle imprese. Tale comitato deciderà l'ammontare dell'intervento e le particolari condizioni delle operazioni di partecipazione. Le decisioni saranno assunte a maggioranza dei voti e in caso di parità nei voti risulterà determinante il voto del presidente. Altre condizioni 18. Per quanto concerne il settore della trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli di cui all'allegato I del trattato CE, il regime stabilisce che nessun aiuto potrà essere concesso per lavori iniziati o azioni intraprese prima che una domanda di aiuto sia stata regolarmente presentata all autorità competente ed approvata da questa autorità con un atto giuridicamente vincolante. Regole sulla cumulabilità 19. Il fondo di capitale di rischio previsto dal presente regime non può effettuare più di un apporto di capitale a favore della stessa impresa. 20. Le imprese beneficiarie non potranno ricevere nessun altro aiuto sotto forma di assunzione di partecipazione al capitale, da parte di altri fondi di capitale di rischio costituiti con risorse pubbliche. 21. Nel periodo di partecipazione l'impresa potrà beneficiare di altri aiuti ad altro titolo relativi al medesimo progetto di investimento (per esempio: aiuti a finalità regionale), limitatamente al 50% dell'intensità del regime considerato. 22. L'impresa beneficiaria può cumulare i 2 tipi di intervento disposti dal presente regime secondo le stesse disposizioni (punto 21). 23. L'impresa beneficiaria deve comunicare all'atto della domanda tutti gli aiuti ricevuti e si impegna a comunicare tutti gli aiuti che riceverà nel periodo di godimento delle agevolazioni. 24. Le autorità italiane si impegnano in ogni caso a rispettare i limiti di intensità previsti dalla Carta degli aiuti italiani a finalità regionale per il periodo in vigore al momento della concessione degli aiuti. Relazione annuale 25. È previsto l'invio alla Commissione di una relazione annuale sull attuazione del regime in causa. Le autorità italiane si sono impegnate a calcolare l'equivalente sovvenzione dell'aiuto in occasione dell'attivazione del capitale sulla base del suo rendimento effettivo e di comunicarlo alla Commissione in occasione della presentazione della relazione annuale. 3

4 Modalità specifiche agli interventi sotto forma di capitale di rischio 26. Il soggetto gestore dovrà partecipare al fondo in misura pari almeno al 35% della dotazione finanziaria totale del fondo. I proventi del fondo non saranno distribuiti ai partecipanti ma reinvestiti nel fondo. Alla fine del periodo di programmazione del POR Sardegna la giacenza finale del fondo, al netto dei fondi di gestione, sarà ripartita tra gli investitori. La ripartizione avrà luogo in proporzione alle quote possedute, senza alcuna condizione preferenziale per gli investitori privati. 27. Per le operazioni di partecipazione, il soggetto gestore del fondo dovrà acquisire a proprio carico quote di partecipazione pari almeno al 3% dell'ammontare della sottoscrizione del capitale per ogni PMI. Per tale quota non sono previsti limiti temporali per il suo disinvestimento. 28. Le assunzioni di partecipazione avranno luogo unicamente in occasione di aumenti di capitale dell'impresa beneficiaria. Tali partecipazioni sono minoritarie, non inferiori al 20% e non superiori al 49% del capitale sociale, per un importo massimo di EUR e temporanee in quanto dovranno essere smobilizzate al prezzo di mercato dopo cinque anni dalla data della relativa assunzione. 29. Le assunzioni di partecipazione saranno effettuate unicamente in imprese in fase di creazione, di avviamento e di espansione impegnate in un progetto di sviluppo dell'impresa. Tale progetto dovrà essere basato su un piano di sviluppo (business plan) che permetta di valutarne la validità sotto il profilo tecnico, economico e finanziario nonché il grado di capacità a perseguire gli obiettivi posti. Il piano dovrà, tra l'altro, contenere informazioni dettagliate sull impresa, sulle azioni principali e sulle attività che l'impresa intende avviare per la realizzazione del progetto di sviluppo, un'analisi del prodotto e del mercato, un piano di commercializzazione (marketing), l'organizzazione dell'impresa e gli aspetti economici e budgetari del progetto di sviluppo. Modalità specifiche agli interventi sotto forma di contributi in conto interessi Condizioni 30. Gli interventi sotto forma di contributo in conto interessi saranno effettuati dal fondo unicamente mediante risorse pubbliche. Il contributo in conto interessi sarà pari al 64% del tasso di riferimento 2 per operazioni di finanziamento a medio e lungo termine di programmi di investimento. 31. Il finanziamento non potrà essere superiore al 70% degli investimenti lordi, l'impresa beneficiaria dovrà partecipare per il residuo 30%. 32. La durata massima del prestito è fissata a 10 anni con rimborso in rate semestrali di capitale e di interessi. Spese ammissibili 33. Le spese ammissibili degli investimenti per i quali sono accordati aiuti sotto forma di contributo in conto interessi sono le spese per l'acquisto di terreni (fino ad un 2 Tale tasso di riferimento è un tasso interno che può differire dal tasso di riferimento europeo pubblicato nella GUCE che sarà in ogni caso utilizzato per il calcolo dell'esn. 4

5 massimo del 10% delle spese ammissibili), edifici, macchinari ed impianti, progettazioni ingegneristiche riguardanti le strutture dei fabbricati, collaudi tecnici, oneri per le concessioni edilizie. Gli investimenti immateriali possono comprendere i costi di acquisizione delle tecnologie. 34. Gli aiuti ai servizi di consulenza sono limitati al 50% del costo di detti servizi e riguarderanno la valutazione di impatto ambientale, gli studi di fattibilità economicofinanziaria e le spese per consulenze legali (escluso quelle per contenzioso), tecniche e finanziarie purché non si tratti di servizi continuativi o periodici né connessi alle normali spese di funzionamento dell'impresa. 3. VALUTAZIONE DELL'AIUTO Legittimità del regime Poiché si tratta di una misura che non è ancora entrata in vigore, la Commissione constata che le autorità italiane hanno soddisfatto gli obblighi di notifica conformemente all'articolo 88, paragrafo 3, del regolamento CE. Interventi sotto forma di capitale di rischio Valutazione della presenza di aiuto ai sensi dell'articolo 87, paragrafo 1 del trattato CE 35. Per valutare se le misure in oggetto costituiscono aiuto di Stato ai sensi dell'articolo 87, paragrafo 1 del trattato CE, occorre determinare se procurino un vantaggio ai beneficiari, se tale vantaggio sia di origine statale, se le misure falsino la concorrenza e se siano atte ad incidere sugli scambi tra gli Stati membri. 36. Il primo elemento costitutivo dell'articolo 87, paragrafo 1 del trattato CE è la possibilità che la misura procuri un vantaggio ad alcuni beneficiari specifici. Si tratta pertanto di determinare, da un lato, se talune imprese ricevano un vantaggio economico che non avrebbero ottenuto in normali condizioni di mercato oppure se evitino di sostenere costi che di norma avrebbero dovuto gravare sulle loro risorse finanziarie proprie e, d'altro lato, se il vantaggio in questione sia concesso a una categoria o gruppo determinato di imprese. Dato che il regime in oggetto concerne la costituzione di un fondo di capitale di rischio, occorre verificare la presenza di un vantaggio a livello degli investitori, del fondo e delle imprese nelle quali l'investimento è realizzato. 37. Vantaggio a livello degli investitori. Secondo la comunicazione della Commissione relativa agli aiuti di Stato e capitale di rischio 3, quando le risorse statali sono applicate alle stesse condizioni agli investitori privati (principio della parità di trattamento), sarà di norma possibile concludere che il provvedimento non conferisce alcun vantaggio 4. La Commissione rileva che non è stata accordata nessuna condizione di favore all'investitore privato rispetto all'investitore pubblico (vedasi sopra, punto 26). Tuttavia, nel regime in oggetto, è il soggetto gestore del fondo che dovrà partecipare al fondo in misura pari almeno al 35% della dotazione finanziaria totale del fondo. Per verificare il rispetto del principio della parità di trattamento la 3 GU C 235 del Punto IV.3 (ii). 5

6 Commissione deve pertanto analizzare la remunerazione del soggetto gestore del fondo che è l'unico investitore privato. 38. Il soggetto gestore del fondo sarà selezionato con procedura di evidenza pubblica. La sua remunerazione di base è pari all'importo indicato al punto 2.7 della norma n. 8 (fondo di capitale di rischio e fondo per mutui) in allegato al regolamento (CE) n. 1685/2000 della Commissione del 28 luglio , ossia 5%. Oltre a questa remunerazione di base, il soggetto gestore del fondo riceve un premio pari al 35% della differenza tra il rendimento effettivo della partecipazione e il rendimento minimo obiettivo (vedasi supra punto 16). Tale premio è prelevato sugli utili e quindi in parte sui ricavi dell'investitore pubblico per essere ridistribuito all'investitore privato, il che comporta uno squilibrio tra i due investitori e quindi una condizione preferenziale. Sulla base di tali elementi la Commissione non può escludere l'esistenza di un vantaggio a favore del gestore-investitore non essendo, data l'esistenza di tale premio, rigorosamente osservato il principio della parità di trattamento. 39. Per quanto concerne le altre condizioni che determinano la sussistenza di aiuto, occorre osservare che l'investimento in capitale di rischio è un'attività che forma oggetto di importanti scambi intracomunitari ed è quindi probabile che tali scambi risentano della misura in questione. Pertanto tale misura falsa o rischia di falsare la concorrenza. Infine, poiché in parte è versato sugli utili che spettano allo Stato, il premio costituisce un aiuto agli investitori ai sensi dell'articolo 87, paragrafo 1, del trattato CE. 40. Vantaggio a livello del fondo. Secondo la comunicazione relativa agli aiuti di Stato e capitale di rischio, il fondo stesso può essere considerato come beneficiario di aiuto qualora si tratti di un'impresa indipendente. È il caso in particolare che ricorre quando la misura di aiuto comporta un trasferimento a favore di un fondo già esistente. Orbene il fondo oggetto della presente decisione è stato specificamente costituito dalle autorità della Regione Sardegna per facilitare gli investimenti nel capitale di talune piccole e medie imprese. Tale fondo può dunque essere considerato come una semplice struttura che permette di trasferire un aiuto a dette imprese e non come un beneficiario dell'aiuto in questione Vantaggio a livello delle imprese nelle quali l'investimento è realizzato. Poiché il principio della parità di trattamento non è rispettato, non si può di conseguenza più considerare che l'investitore-gestore agisca esattamente secondo il principio dell'investitore privato. Infatti potrebbe essere indotto ad accettare investimenti meno redditizi di quanto avrebbe fatto se agisse al di fuori del fondo tenuto conto del premio che si aggiunge alla remunerazione effettiva del capitale. È quindi possibile che il vantaggio accordato all'investitore-gestore venga trasferito alle imprese beneficiarie del fondo. La Commissione non può pertanto escludere che tali imprese ricevano un vantaggio. Tale vantaggio è selettivo dal momento che soltanto talune imprese della Regione Sardegna ne possono beneficiare. Dato che tali PMI possono operare nel commercio internazionale, il vantaggio può anche incidere sugli scambi intracomunitari. La Commissione può pertanto concludere che la misura è atta anche a costituire aiuto a livello delle imprese beneficiarie del fondo. 5 Regolamento (CE) n. 1685/2000 della Commissione del 28 luglio 2000, recante disposizioni di applicazione del regolamento (CE) n. 1260/1999 del Consiglio per quanto riguarda l'ammissibilità delle spese concernenti le operazioni cofinanziate dai fondi strutturali (GU L 193 del 29 luglio 2000). 6 Cfr. comunicazione della Commissione sugli aiuti di Stato e il capitale di rischio, punto IV

7 Valutazione della compatibilità dell'aiuto 42. Stabilito che il regime notificato concerne aiuti di Stato ai sensi dell'articolo 87, paragrafo 1 del trattato CE, occorre determinare se possa essere considerato compatibile con il mercato comune in virtù dell'articolo 87, paragrafo 3 del trattato CE. 43. Conformemente al punto VI.5 della comunicazione relativa agli aiuti di Stato e capitale di rischio, la Commissione richiede una prova dell'esistenza di una situazione di fallimento di mercato prima di autorizzare provvedimenti in favore del capitale di rischio che non rientrino nel campo di applicazione della normativa vigente. Orbene, la misura in questione non rientra nel campo di applicazione della normativa vigente, giacché i finanziamenti erogati dal regime non sono connessi a spese ammissibili in base a regolamenti, discipline e normative esistenti. 44. Tuttavia il punto VI.5 indica anche la Commissione può essere disposta ad ammettere a priori l'esistenza di tale situazione qualora per ciascuna rata di finanziamento di un impresa con provvedimenti in favore del capitale di rischio l'ammontare dell'aiuto sia pari al massimo a di EUR per le regioni di cui all'articolo 87, paragrafo 3, lettera a). Nella fattispecie, tali condizioni sono soddisfatte, perciò la Commissione può concludere che il fondo opererà prevalentemente nei campi in cui esiste una situazione di fallimento del mercato. 45. Peraltro, il punto VIII della comunicazione elenca un certo numero di criteri supplementari per la determinazione della compatibilità più precisamente: Tipo di imprese nelle quali i fondi sono investiti: il fatto che il fondo in questione sia interamente riservato a PMI in fase di creazione o di post creazione non appartenenti ai settori sensibili è un elemento positivo. Tali imprese devono inoltre essere finanziariamente sane. Limitazione dell'ammontare dei finanziamenti: conformemente a quanto stabilito al punto VIII, le singole quote di finanziamento per impresa non potranno essere superiori a EUR. Il provvedimento deve essere incentrato sull'esigenza di rimediare ad un fallimento del mercato dei capitali di rischio. La Commissione rileva che il fondo interverrà sotto forma di assunzione di partecipazione di minoranza (tra il 20 e il 40%) al capitale delle imprese beneficiarie, il che è considerato dalla Commissione come un'indicazione del fatto che il provvedimento è effettivamente incentrato su tale esigenza. Le decisioni di investire devono essere orientate alla realizzazione di un profitto. Numerosi elementi permettono di determinare se ricorre tale ipotesi. Innanzitutto la partecipazione dei capitali privati al fondo deve essere significativa, il che si verifica se tale partecipazione è pari almeno al 50% o al 30% nelle regioni assistite. Nella fattispecie la partecipazione sarà pari almeno al 35%. Inoltre, la Commissione osserva che gli investitori sono rappresentati nell'organo decisionale del fondo che definisce gli obiettivi del fondo e che fissa il calendario degli investimenti giacché il gestore del fondo è anche investitore. Infine rileva che la remunerazione del gestore sarà legata ai risultati, sotto forma di un premio. Tutti questi elementi permettono, conformemente al punto VIII della 7

8 comunicazione, di concludere che le decisioni del fondo saranno orientate alla realizzazione di un profitto. Il livello di distorsione della concorrenza tra gli investitori e tra i fondi di investimento dovrebbe essere ridotto al minimo. Il fatto che il gestore-investitore sia selezionato con procedura di evidenza pubblica e che l'assunzione del rischio sia identica per tutti gli investitori (premio escluso), sono elementi descritti come favorevoli nella comunicazione. Esistenza di un piano aziendale e di meccanismi di uscita. È previsto che tutte le decisioni di investimento del fondo siano adottate in base a piani aziendali. È inoltre previsto un meccanismo di uscita dopo 5 anni per le partecipazioni nelle imprese. Tali elementi sono considerati positivi dalla comunicazione. La presenza di regole per evitare il cumulo di misure di aiuto in favore di singole imprese. Le autorità italiane si sono impegnate a rispettare le regole di cumulo. Tali impegni sono analoghi a quelli già accettati dalla Commissione in altri casi di aiuti al capitale di rischio 7 e possono pertanto essere considerati soddisfacenti. Conclusione 46. Visti gli elementi di cui sopra, la Commissione può concludere che gli interventi sotto forma di assunzione di capitale previsti dal regime soddisfano i criteri di compatibilità in virtù dell'articolo 87, paragrafo 3, lettera c) quali descritti nella comunicazione relativa agli aiuti di Stato e capitale di rischio. Interventi sotto forma di contributi in conto interessi Valutazione della presenza di aiuto ai sensi dell'articolo 87, paragrafo 1, del trattato CE 47. Il primo elemento costitutivo dell'articolo 87, paragrafo 1, del trattato CE è la possibilità che la misura procuri un vantaggio a taluni beneficiari specifici. La concessione di prestiti agevolati alle piccole e medie imprese aventi localizzazione produttiva in Sardegna comporta vantaggi economici ai beneficiari giacché tali prestiti riducono i costi che normalmente avrebbero dovuto gravare sulle risorse finanziarie proprie delle imprese. Infatti il tasso agevolato sarà inferiore al tasso di riferimento della Commissione. 48. In base alla seconda condizione di applicazione dell'articolo 87 gli aiuti devono essere accordati dagli Stati o mediante risorse statali. Nella fattispecie, l'esistenza di una risorsa statale è dimostrata dal fatto che la misura è effettivamente sostenuta al 100% dal bilancio pubblico di una collettività territoriale. 49. In base alla terza e quarta condizione di applicazione dell'articolo 87, paragrafo 1 del trattato CE, l'aiuto deve falsare o minacciare di falsare la concorrenza ed incidere sugli scambi intracomunitari. Nella fattispecie, tali misure minacciano di falsare la concorrenza giacché rafforzano la posizione finanziaria e le possibilità di azione delle imprese beneficiarie rispetto ai loro concorrenti che non ne fruiscono. Qualora tale effetto si produca nel quadro degli scambi intracomunitari, questi ultimi risentono delle misure. In particolare tali misure falsano la concorrenza ed incidono sugli scambi intracomunitari giacché le imprese beneficiarie potrebbero esportare una parte 7 Caso N 181/01 - Aiuti relativi al DOCUP misura 1.3 Toscana (IT). 8

9 del loro prodotto negli altri Stati membri. Peraltro occorre osservare che anche se le imprese in questione non sono esse stesse esportatrici, la produzione nazionale risulta avvantaggiata. Infatti, come ha osservato la Corte di giustizia «quando uno Stato membro concede un aiuto ad un'impresa, la produzione interna può risultarne invariata o aumentare, con la conseguenza che ( ) le possibilità delle imprese con sede in altri Stati membri di esportare i loro prodotti nel mercato di questo Stato membro ne sono diminuite» 8. Valutazione della compatibilità dell'aiuto 50. Occorre far presente che in base alla Carta italiana degli aiuti a finalità regionale per il periodo , il territorio della Regione Sardegna può beneficiare della deroga di cui all'articolo 87, paragrafo 3, lettera a) del trattato CE. 51. Il regime in oggetto dispone aiuti agli investimenti materiali e immateriali nonché ai servizi di consulenza. Tali aiuti interessano unicamente le piccole e medie imprese e sono pertanto esaminati dalla Commissione in base al regolamento CE n. 70/2001 della Commissione del 12 gennaio 2001 relativo all'applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato CE a favore delle piccole e medie imprese La Commissione constata che il regime in oggetto soddisfa i criteri stabiliti dal regolamento succitato. 53. La definizione di piccole e medie imprese è conforme alla raccomandazione 96/280/CE della Commissione del 3 aprile , di cui all'allegato I del regolamento (CE) n. 70/2001. La nozione di investimento è conforme alle definizioni contenute nel regolamento (CE) n. 70/2001. Le spese ammissibili degli investimenti materiali sono quelle definite all'articolo 4, paragrafo 5, di detto regolamento. Sono altresì rispettate le condizioni di cui all'articolo 4, paragrafo 3, 2 capoverso e all articolo 7 di detto regolamento. 54. Il regime contiene un riferimento dinamico 11 al rispetto del massimale di intensità stabilito dalla Carta italiana degli aiuti a finalità regionale per il periodo Gli aiuti ai servizi di consulenza sono conformi all'articolo 5 del regolamento (CE) n. 70/2001. Tali aiuti rispettano i massimali di intensità stabiliti dalla Carta succitata per questo tipo di spese ammissibili. 56. In base al tasso di riferimento comunitario, attualmente pari al 3,95% (all' ) utilizzato per il calcolo della stima della Commissione, gli aiuti concessi nell'ambito del regime in causa non dovrebbero superare un'intensità massima del 13,08% ESL. Questa intensità è nettamente inferiore al massimale d intensità del 35%, attualmente autorizzato per la Sardegna dalla Carta italiana degli aiuti a finalità regionale per il periodo Sentenza del 13 luglio 1988, Francia/Commissione, 102/87, Racc. pag. 4067, punto 19 della motivazione. 9 GU L 10 del GU L 107 del La stessa risoluzione figura all'allegato I del regolamento (CE) n. 70/2001 della Commissione del 12 gennaio 2001 relativo all'applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato CE agli aiuti di Stato a favore delle piccole e medie imprese (GU L 10 del ). 11 Tale riferimento permetterà inoltre di tener conto di qualsiasi modifica della carta ivi comprese quelle che saranno eventualmente introdotte in seguito all'applicazione, in particolare, delle opportune misure previste dalla nuova disciplina settoriale (GU C 70 del ). 9

10 57. La Commissione osserva inoltre che il regime non si applica ai settori dei trasporti, siderurgico, dell'industria carboniera, della costruzione navale e delle fibre sintetiche. Non si applica neppure alle attività connesse alla produzione, trasformazione e commercializzazione di prodotti della pesca indicati all'allegato I del trattato nonché alle attività connesse alla produzione dei prodotti agricoli indicati all'allegato I del trattato. Il regime non si applica nemmeno ai grandi progetti di investimento, quali definiti dalla disciplina multisettoriale degli aiuti regionali destinati ai grandi progetti di investimento 12 né alle imprese in difficoltà Per quanto concerne gli aiuti alle attività connesse alla trasformazione e alla commercializzazione dei prodotti agricoli di cui all'allegato I del trattato, le autorità italiane si sono impegnate in maniera esplicita a rispettare tutte le disposizioni di cui al punto 4.2 degli orientamenti comunitari per gli aiuti di Stato nel settore agricolo La Commissione osserva inoltre che il regime contiene anche disposizioni che permettono il rispetto e il controllo delle regole sul cumulo degli aiuti. 60. Infine la Commissione prende atto dell'impegno di inviare alla Commissione una relazione annuale sull'attuazione del presente regime, conformemente all'articolo 21 del regolamento (CE) n. 659/ Conclusione 61. Concludendo, la Commissione ritiene che gli interventi sotto forma di contributi in conto interessi disposti dal presente regime rispettino i limiti e le condizioni stabilite dal regolamento (CE) n. 70/2001 e dagli orientamenti concernenti gli aiuti di Stato a finalità regionale e possano essere considerati compatibili con il trattato CE in virtù dell'articolo 87, paragrafo 3, lettera a) del trattato CE. 4. DECISIONE La Commissione ha pertanto deciso di considerare l'aiuto compatibile con il trattato CE. Ove la presente lettera dovesse contenere elementi riservati da non divulgare a terzi, si prega informarne la Commissione, entro quindi giorni lavorativi a decorrere dalla data di ricezione della presente. Qualora non riceva una richiesta motivata in tal senso entro il termine stabilito, la Commissione presumerà il tacito assenso alla comunicazione a terzi e alla pubblicazione del testo integrale della lettera, nella lingua facente fede, sul sito Internet Tale richiesta dovrà essere inviata mediante lettera raccomandata o fax al seguente indirizzo: 12 GU C 107 del Una nuova disciplina è stata pubblicata nella GU C 70 del Quali definite dagli orientamenti comunitari sugli aiuti di Stato per il salvataggio e la ristrutturazione di imprese in difficoltà (GU C 288 del ). 14 GU C 28 del GU L 83 del

11 Commissione europea Direzione generale della Concorrenza Direzione Aiuti di Stato I Protocollo Aiuti di Stato B-1049 Bruxelles Fax: Voglia gradire, signor Ministro, i sensi della mia alta stima. Per la Commissione Mario Monti Membro della Commissione 11

Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili.

Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24.01.2003 C(2003) 80 Oggetto: Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili. Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO 1. Con

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Oggetto: Aiuto di Stato n. N 402/02 Italia (Regione Sardegna) prestiti partecipativi alle PMI

COMMISSIONE EUROPEA. Oggetto: Aiuto di Stato n. N 402/02 Italia (Regione Sardegna) prestiti partecipativi alle PMI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, il 23-06-2003 C (2003) 2015 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 402/02 Italia (Regione Sardegna) prestiti partecipativi alle PMI Signor Ministro, I. Procedimento 1. Con lettere

Dettagli

Aiuto di Stato N 83/2004 - Italia Finanziamento di infrastrutture per il calcolo e la gestione di banche dati

Aiuto di Stato N 83/2004 - Italia Finanziamento di infrastrutture per il calcolo e la gestione di banche dati COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.09.2004 C(2004) 3525 Oggetto: Aiuto di Stato N 83/2004 - Italia Finanziamento di infrastrutture per il calcolo e la gestione di banche dati Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO

Dettagli

Un chiarimento concernente il campo di applicazione del progetto di regime è pervenuto con lettera A/34188 del 9 giugno 2004.

Un chiarimento concernente il campo di applicazione del progetto di regime è pervenuto con lettera A/34188 del 9 giugno 2004. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, il 14-07-2004 C (2004) 2830 Oggetto: Aiuto di Stato n. 125/2004, Italia Regione Piemonte Aiuti alla trasformazione dei contratti di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles 14-03-2003 C(2003) 199 Oggetto: Aiuti di Stato/ Italia (Bergamo) Aiuto n. N 529/2002 Contributi a sostegno degli investimenti delle imprese e cooperative agricole di Bergamo

Dettagli

Beneficeranno del regime tre tipi/categorie di imprese, più precisamente: 3. tutte le imprese localizzate in un'area assistita ex articolo 87 (3) (c).

Beneficeranno del regime tre tipi/categorie di imprese, più precisamente: 3. tutte le imprese localizzate in un'area assistita ex articolo 87 (3) (c). COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 11.04.2001 SG(2001) D/ 287716 Oggetto: Piemonte Formazione finalizzata all'assunzione di persone disoccupate Aiuto di Stato n. N 799/00 Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO Con

Dettagli

Oggetto: Aiuti di Stato N 384/2003 - Italia Regime di aiuti per favorire l accesso al mercato dei capitali alle imprese agricole ed agroalimentari

Oggetto: Aiuti di Stato N 384/2003 - Italia Regime di aiuti per favorire l accesso al mercato dei capitali alle imprese agricole ed agroalimentari COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 03.02.2004 C(2004)169fin Oggetto: Aiuti di Stato N 384/2003 - Italia Regime di aiuti per favorire l accesso al mercato dei capitali alle imprese agricole ed agroalimentari

Dettagli

I. PROCEDIMENTO. Nell'adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto di quanto segue: II. DESCRIZIONE

I. PROCEDIMENTO. Nell'adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto di quanto segue: II. DESCRIZIONE COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 16.09.2004 C(2004) 3544 Oggetto: Aiuto di Stato/Italia (Friuli - Venezia Giulia) Aiuto n. N 85/2004 Bando pubblico riferito al Piano di Sviluppo Locale Azione I.1 Informatizzazione,

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 16.12.2008 C(2008)8636

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 16.12.2008 C(2008)8636 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 16.12.2008 C(2008)8636 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 257/2008 Italia (Marche). Garanzie prestate in favore delle imprese operanti nel settore agricolo, agroalimentare e dello

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. 3.1 Esistenza di un aiuto di Stato secondo il disposto dell'art. 87.1 del Trattato CE.

COMMISSIONE EUROPEA. 3.1 Esistenza di un aiuto di Stato secondo il disposto dell'art. 87.1 del Trattato CE. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.V.2007 C(2007)2156 Oggetto: Aiuto di Stato n N 120/A/2007 Italia Modificazione allo schema N565/03 "Aiuti per la protezione ambientale e per il risparmio energetico in

Dettagli

3. Mi pregio informarla che la Commissione ha deciso di non sollevare obiezioni nei confronti delle misure in oggetto.

3. Mi pregio informarla che la Commissione ha deciso di non sollevare obiezioni nei confronti delle misure in oggetto. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12-08-2004 C(2004) 3207 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Abruzzo) Aiuto n. N 272/04 Programma d intervento per la delocalizzazione o la dismissione delle attività agricole

Dettagli

Modello per la notificazione dei regimi di aiuto a finalità regionale

Modello per la notificazione dei regimi di aiuto a finalità regionale version du 19 nov. 99. Modello per la notificazione dei regimi di aiuto a finalità regionale Il presente modello può essere utilizzato per la notificazione, ai sensi dell'articolo 88, paragrafo 3 del trattato

Dettagli

3. Con lettera del 22 giugno 2004, nuovi complementi di informazione sono stati chiesti alle autorità italiane.

3. Con lettera del 22 giugno 2004, nuovi complementi di informazione sono stati chiesti alle autorità italiane. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 26-VII-2006 C(2006) 3451 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Friuli - Venezia Giulia) Aiuto n. N 625/03 Alienazione della Centrale ortofrutticola in Comune di Udine dall Agenzia

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato SA.34814 (2012/N) Italia- Calabria Pubblicità e promozione di prodotti ortofrutticoli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato SA.34814 (2012/N) Italia- Calabria Pubblicità e promozione di prodotti ortofrutticoli COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.12.2012 C(2012) 9118 final Oggetto: Aiuto di Stato SA.34814 (2012/N) Italia- Calabria Pubblicità e promozione di prodotti ortofrutticoli Signor Ministro, I. PROCEDIMENTO

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 22.IX.2004 C(2004) 3467fin

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 22.IX.2004 C(2004) 3467fin COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 22.IX.2004 C(2004) 3467fin Oggetto: Aiuto di Stato N 124/2004 - Italia Regione Emilia Romagna Piano telematico regionale; concessione di contributi alle attività di ricerca

Dettagli

1. PROCEDIMENTO COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 7.4.2014 C(2014) 2356 final

1. PROCEDIMENTO COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 7.4.2014 C(2014) 2356 final COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.4.2014 C(2014) 2356 final VERSIONE PUBBLICA Il presente documento è un documento interno della Commissione ed ha carattere esclusivamente informativo. Oggetto: Aiuto di

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 174/A/2004 - Italie Aiuti relativi ai danni causati da calamità naturali (Molise).

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 174/A/2004 - Italie Aiuti relativi ai danni causati da calamità naturali (Molise). COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 06.10.2004 C(2004) 3630 fin Oggetto: Aiuto di Stato N 174/A/2004 - Italie Aiuti relativi ai danni causati da calamità naturali (Molise). Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE 16.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 11/7 IV (Atti adottati prima del 1 o dicembre 2009, in applicazione del trattato CE, del trattato UE e del trattato Euratom) DECISIONE DELLA COMMISSIONE

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 28-VII-2004 C(2004) 2972

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 28-VII-2004 C(2004) 2972 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 28-VII-2004 C(2004) 2972 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Lazio) Aiuto n. N 36/2002 Aiuti per il pagamento di premi assicurativi per perdite causate da avverse condizioni

Dettagli

(2) Le autorità italiane hanno trasmesso un complemento d'informazioni con lettera protocollata il 23 marzo 2011.

(2) Le autorità italiane hanno trasmesso un complemento d'informazioni con lettera protocollata il 23 marzo 2011. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.5.2011 C(2011) 2929 definitivo Oggetto: Aiuti di Stato - Italia Aiuto n. SA.32469 (2011/N) Metodo di calcolo dell'esl (equivalente sovvenzione lordo) connessa a prestiti

Dettagli

Con lettera del 23 dicembre 2008, la Commissione ha chiesto ulteriori informazioni che l Italia ha fornito il 4 febbraio 2009.

Con lettera del 23 dicembre 2008, la Commissione ha chiesto ulteriori informazioni che l Italia ha fornito il 4 febbraio 2009. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 01.04.2009 C(2009)2651 Oggetto: Aiuto di Stato N 573/2008 - Italia Istituzione di un regime di aiuti di Stato agli investimenti in materia di fonti energetiche rinnovabili,

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 289/2007 - Italia Aiuti alla ristrutturazione a favore di Fiem S.R.L.

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 289/2007 - Italia Aiuti alla ristrutturazione a favore di Fiem S.R.L. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 25.IX.2007 C(2007) 4288 def. Oggetto: Aiuto di Stato N 289/2007 - Italia Aiuti alla ristrutturazione a favore di Fiem S.R.L. Signor Ministro, I. PROCEDIMENTO (1) Con lettera

Dettagli

Si informa con la presente che la Commissione non solleva obiezioni ai sensi degli articoli 87 e 88 del trattato CE in merito alla misura in oggetto.

Si informa con la presente che la Commissione non solleva obiezioni ai sensi degli articoli 87 e 88 del trattato CE in merito alla misura in oggetto. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 23-09-2002 C(2002) 3431 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Friuli-Venezia Giulia) Aiuto n. N 55/02 Promozione di vini tipici locali Signor Ministro, Si informa con la presente

Dettagli

(2) Il fascicolo è stato protocollato con il numero N 463/07.

(2) Il fascicolo è stato protocollato con il numero N 463/07. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.I.2008 C(2007) 6895 def. Oggetto: Aiuto di Stato n. N 463/2007 Italia Aiuti agli investimenti per la tutela dell'ambiente per veicoli commerciali pesanti di peso superiore

Dettagli

(1) In data 2 novembre 2012 l Italia ha notificato un aiuto per il salvataggio a favore di FORM S.p.A. in A.S. ( FORM ).

(1) In data 2 novembre 2012 l Italia ha notificato un aiuto per il salvataggio a favore di FORM S.p.A. in A.S. ( FORM ). COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 18.02.2013 C(2013) 990 final VERSIONE PUBBLICA Il presente documento è un documento interno della Commissione ed ha carattere esclusivamente informativo. Oggetto: Aiuto di

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 10.7.2012 C(2012) 4785 final

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 10.7.2012 C(2012) 4785 final COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10.7.2012 C(2012) 4785 final Oggetto: Aiuto di Stato n. SA.34238 (2012/N) Italia. Regime di aiuti agli investimenti a finalità regionale per il settore dei trasporti e della

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 360/2012 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (UE) N. 360/2012 DELLA COMMISSIONE L 114/8 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 26.4.2012 REGOLAMENTO (UE) N. 360/2012 DELLA COMMISSIONE del 25 aprile 2012 relativo all applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 30.10.2001 C(2201)3306fin

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 30.10.2001 C(2201)3306fin COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 30.10.2001 C(2201)3306fin Oggetto : Aiuto di Stato n. N 308/2001 - Italia - Regione Friuli Venezia Giulia LR 12/2001 (DDL 133) "Aiuti all'occupazione dei soggetti disabili"

Dettagli

Aiuti di Stato/ Italia (Piemonte) Aiuto N 145/2002 Aiuto a favore dell'istituto per il marketing. Disegno di legge n. 376 /02

Aiuti di Stato/ Italia (Piemonte) Aiuto N 145/2002 Aiuto a favore dell'istituto per il marketing. Disegno di legge n. 376 /02 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 06-12-2002 C(2002) 4851 Oggetto: Aiuti di Stato/ Italia (Piemonte) Aiuto N 145/2002 Aiuto a favore dell'istituto per il marketing. Disegno di legge n. 376 /02 Signor Ministro,

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Nell adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto delle considerazioni esposte qui di seguito.

COMMISSIONE EUROPEA. Nell adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto delle considerazioni esposte qui di seguito. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 20.X.2005 C(2005)3849 def. Oggetto: Aiuti di Stato N 45/2005 - Italia Misure per garantire la qualità nel settore dei prodotti alimentari e adozione del marchio di qualità

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24-07-2003 C(2003) 2792 Oggetto: Aiuti di Stato/ Italia (Toscana) Aiuto n. N 126/2003 Strade del vino, dell'olio extra-vergine di oliva e dei prodotti agroalimentari 1. Procedura

Dettagli

Aiuto di Stato n. N 802/2006 Italia Aiuto al salvataggio a favore di Sandretto Industrie SrL

Aiuto di Stato n. N 802/2006 Italia Aiuto al salvataggio a favore di Sandretto Industrie SrL COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 29.I.2007 C(2007)320 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 802/2006 Italia Aiuto al salvataggio a favore di Sandretto Industrie SrL Signor Ministro, 1. PROCEDURA (1) Con lettera del

Dettagli

Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci

Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24-I-2008 C (2007) 349 Oggetto: Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci Signor Ministro,

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

(2) Metodo di calcolo dell'esl (equivalente sovvenzione lordo) connessa a prestiti agevolati erogati da ISMEA tramite il proprio Fondo credito.

(2) Metodo di calcolo dell'esl (equivalente sovvenzione lordo) connessa a prestiti agevolati erogati da ISMEA tramite il proprio Fondo credito. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 31.7.2013 C(2013) 5035 final Oggetto: Aiuti di Stato/Italia - Aiuto n. SA.36808 (2013/N) Metodo di calcolo dell'esl (equivalente sovvenzione lordo) connessa a prestiti agevolati

Dettagli

Nel prendere la suddetta decisione la Commissione si è basata sulle seguenti considerazioni:

Nel prendere la suddetta decisione la Commissione si è basata sulle seguenti considerazioni: COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.XII.2004 C(2004) 5259 Oggetto: Aiuti di Stato / Italia (Trento) Aiuto N 27/2004 Intervento in favore degli allevamenti zootecnici trentini a seguito del verificarsi dei

Dettagli

Fondi comuni d investimento a favore di PMI innovative situate nel Mezzogiorno.

Fondi comuni d investimento a favore di PMI innovative situate nel Mezzogiorno. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 19-VII-2006 C(2006) 3193 def. Oggetto: Aiuto di Stato n. N 9/2006 - Italia Fondi comuni d investimento a favore di PMI innovative situate nel Mezzogiorno. Signor Ministro,

Dettagli

LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE

LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE La programmazione comunitaria 2014-2020: le risorse per l Italia Nel periodo 2014-2020, con il nuovo Accordo di partenariato tra Italia e Commissione Europea, l

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato n. N 337/2010 Italia Aiuto ad hoc alla SMAT per investimenti in energia solare

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato n. N 337/2010 Italia Aiuto ad hoc alla SMAT per investimenti in energia solare COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 27.8.2010 C(2010)6038 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 337/2010 Italia Aiuto ad hoc alla SMAT per investimenti in energia solare Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO E DESCRIZIONE

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 12-VIII-2005 C(2005) 3213

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 12-VIII-2005 C(2005) 3213 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12-VIII-2005 C(2005) 3213 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Calabria) Aiuti n. N 391/2003 e N 29/2004 Fondo di garanzia per l agricoltura. Signor Ministro, con lettera del

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuti di Stato /Italia (Marche) SA.35661 (2012/N) Contributi per le opere irrigue dei consorzi di bonifica delle Marche

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuti di Stato /Italia (Marche) SA.35661 (2012/N) Contributi per le opere irrigue dei consorzi di bonifica delle Marche COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 18.01.2013 C(2013) 295 final Oggetto: Aiuti di Stato /Italia (Marche) SA.35661 (2012/N) Contributi per le opere irrigue dei consorzi di bonifica delle Marche Signor Ministro,

Dettagli

Aiuti di Stato n. N 185/2009 e N 187/2009 Italia Regime per il salvataggio e la ristrutturazione delle medie imprese in difficoltà

Aiuti di Stato n. N 185/2009 e N 187/2009 Italia Regime per il salvataggio e la ristrutturazione delle medie imprese in difficoltà COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 25.05.2009 C(2009)4152 Oggetto: Aiuti di Stato n. N 185/2009 e N 187/2009 Italia Regime per il salvataggio e la ristrutturazione delle medie imprese in difficoltà Signor

Dettagli

La decisione della Commissione si basa sulle seguenti considerazioni:

La decisione della Commissione si basa sulle seguenti considerazioni: COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10-10-2003 C(2003) 3804 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 383/2003- Friuli Venezia Giulia (Italia) Aiuto per l'attuazione del programma regionale di prevenzione, controllo ed

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Nell'adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto di quanto segue: II. Descrizione

Nell'adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto di quanto segue: II. Descrizione COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 22.XII.2004 C(2004)5602 Oggetto: Aiuti di stato/italia (Abruzzo) Aide n N 261/02004 Credito Agrario Agevolato Signor Ministro, I. Procedura Con lettera del 18 giugno 2004,

Dettagli

6. Per prendere tale decisione, la Commissione si è basata sulle seguenti considerazioni:

6. Per prendere tale decisione, la Commissione si è basata sulle seguenti considerazioni: COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 09-XI-2006 C(2006) 5456 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Basilicata) Aiuto n. N 572/2005 Fondo di garanzia per il consolidamento delle passività delle PMI agricole lucane

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. La Commissione ha basato la propria decisione sulle seguenti considerazioni:

COMMISSIONE EUROPEA. La Commissione ha basato la propria decisione sulle seguenti considerazioni: COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10.12.2014 C(2014) 9746 final Oggetto: Aiuto di Stato/Italia (Sardegna) SA.37394 (2013/N) Metodo di calcolo dell equivalente sovvenzione lordo (ESL) dell elemento di aiuto

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 17.06.2009 C(2009)4534 definitivo. Aiuti di Stato N 618/2008 - Italia Regime di aiuto ISA SPA.

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 17.06.2009 C(2009)4534 definitivo. Aiuti di Stato N 618/2008 - Italia Regime di aiuto ISA SPA. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 17.06.2009 C(2009)4534 definitivo Oggetto: Aiuti di Stato N 618/2008 - Italia Regime di aiuto ISA SPA Signor Ministro, La Commissione desidera informare l Italia che, dopo

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 751/2002 - Italia Proroga al periodo di tre anni stabilito per la consegna di una nave da crociera

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 751/2002 - Italia Proroga al periodo di tre anni stabilito per la consegna di una nave da crociera COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 19-03-2003 C (2003)789fin Oggetto: Aiuto di Stato N 751/2002 - Italia Proroga al periodo di tre anni stabilito per la consegna di una nave da crociera Signor Ministro, I.

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012 6 REGOLAMENTO REGIONALE 31 gennaio 2012, n. 2 Regolamento per la concessione di aiuti di importanza minore (de minimis) alle PMI e abrogazione dei Regolamenti Regionali n. 24 del 21 novembre 2008 e n.

Dettagli

INCENTIVI A FAVORE DELL AUTOIMPRENDITORIALITÀ NEL SETTORE DELLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI

INCENTIVI A FAVORE DELL AUTOIMPRENDITORIALITÀ NEL SETTORE DELLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI INCENTIVI A FAVORE DELL AUTOIMPRENDITORIALITÀ NEL SETTORE DELLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI adeguamento ai sensi di quanto previsto dal Regolamento (CE) N. 1857/2006 del 15 dicembre 2006, relativo

Dettagli

Aiuto di Stato n. N208/2003 - ITALIA Regione Emilia Romagna Ecoincentivi per il settore delle imprese

Aiuto di Stato n. N208/2003 - ITALIA Regione Emilia Romagna Ecoincentivi per il settore delle imprese COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 19.12.2003 C(2003) 5275 Oggetto: Aiuto di Stato n. N208/2003 - ITALIA Regione Emilia Romagna Ecoincentivi per il settore delle imprese Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO Con

Dettagli

Aiuto di Stato N 487/2005 Italia Aiuti alla ricerca e allo sviluppo finalizzati alla realizzazione di un distretto dell'idrogeno a Porto Marghera

Aiuto di Stato N 487/2005 Italia Aiuti alla ricerca e allo sviluppo finalizzati alla realizzazione di un distretto dell'idrogeno a Porto Marghera COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 22.II.2006 C(2006)613 Oggetto: Aiuto di Stato N 487/2005 Italia Aiuti alla ricerca e allo sviluppo finalizzati alla realizzazione di un distretto dell'idrogeno a Porto Marghera

Dettagli

Aiuto di Stato N 182/2010 Italia Metodo nazionale per calcolare l'elemento di aiuto nelle garanzie a favore delle PMI

Aiuto di Stato N 182/2010 Italia Metodo nazionale per calcolare l'elemento di aiuto nelle garanzie a favore delle PMI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 06.07.2010 C(2010)4505 definitivo Oggetto: Aiuto di Stato N 182/2010 Italia Metodo nazionale per calcolare l'elemento di aiuto nelle garanzie a favore delle PMI Signor Ministro,

Dettagli

POR FESR 2007-2013 ASSE VI COMPETITIVITA

POR FESR 2007-2013 ASSE VI COMPETITIVITA POR FESR 2007-2013 ASSE VI COMPETITIVITA COSTITUZIONE DI UN FONDO DI VENTURE CAPITAL (SEED CAPITAL, START UP CAPITALE E EXPANSION CAPITAL) PERL INVESTIMENTO IN IMPRESE INNOVATIVE Legge Regionale 29 maggio

Dettagli

4. Con lettera del 16 novembre 2006, i servizi della Commissione hanno chiesto nuove informazioni complementari alle autorità italiane.

4. Con lettera del 16 novembre 2006, i servizi della Commissione hanno chiesto nuove informazioni complementari alle autorità italiane. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 26-II-2007 C(2007) 683 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Trento) Aiuto n. N 208/06 Fondo di rotazione immobiliare a favore di imprese cooperative e agricole (legge provinciale

Dettagli

2. Ai fini delle presenti Direttive si applicano le seguenti definizioni:

2. Ai fini delle presenti Direttive si applicano le seguenti definizioni: POR FESR 2007-2013 2013 A SSE VI C OM PETITIVITA C OSTITU ZION E DI U N FON DO D DI VEN TU RE C A PITA L (SEED ( C A PITA L, STA RT U P C A PITA LE E EXPA N SION C A PITA L) PER L IN VESTIM EN TO IN IM

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 23-03-2000 SG(2000) D/ 102567

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 23-03-2000 SG(2000) D/ 102567 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 23-03-2000 SG(2000) D/ 102567 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 398/98 - Italia (Piemonte) Testo unificato della PDL n. 275 e del DDL n. 291: Disciplina dei distretti dei vini

Dettagli

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010 DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010 Modalita' di applicazione della comunicazione della Commissione europea «Quadro temporaneo dell'unione per le misure di aiuto di Stato

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Oggetto: Linee guida per l attuazione da parte di Amministrazioni e altri soggetti diversi dal Ministero

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 11.06.2014 C(2014) 3632 final. Aiuto di stato SA.38634 (2014/N) Italia Blue Panorama Airlines S.p.A.

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 11.06.2014 C(2014) 3632 final. Aiuto di stato SA.38634 (2014/N) Italia Blue Panorama Airlines S.p.A. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 11.06.2014 C(2014) 3632 final VERSIONE PUBBLICA Il presente documento è un documento interno della Commissione ed ha carattere esclusivamente informativo. Oggetto: Aiuto

Dettagli

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 Comunicazione della Commissione Criteri per l'analisi della compatibilità degli aiuti di stato a favore dei lavoratori svantaggiati e disabili soggetti

Dettagli

Deliberazione della Giunta Regionale 4 settembre 2008, n. 36-9369;

Deliberazione della Giunta Regionale 4 settembre 2008, n. 36-9369; COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 29.05.2009 C(2009)4363 Oggetto: Aiuto di Stato N 6/09 - Italia Incentivi agli investimenti in energia solare su discariche esaurite (Regione Piemonte) Signor Ministro, con

Dettagli

INTERVENTI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE TERMINE Legge Finanziaria 2006, art. 6, comma 4 lettera b) Direttive di attuazione

INTERVENTI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE TERMINE Legge Finanziaria 2006, art. 6, comma 4 lettera b) Direttive di attuazione Allegato alla Delib. G.R. n. 9/13 del 8.3.2006 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA INTERVENTI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE TERMINE Legge Finanziaria 2006, art. 6, comma 4 lettera b) Direttive

Dettagli

Il nuovo Regolamento (UE) n. 1407/2013 relativo all applicazione degli articoli 107 e 108 del Trattato agli aiuti di importanza minore ( De minimis ).

Il nuovo Regolamento (UE) n. 1407/2013 relativo all applicazione degli articoli 107 e 108 del Trattato agli aiuti di importanza minore ( De minimis ). Il nuovo Regolamento (UE) n. 1407/2013 relativo all applicazione degli articoli 107 e 108 del Trattato agli aiuti di importanza minore ( De minimis ). Circolare esplicativa Il Regolamento (UE) n. 1407/2013

Dettagli

Ingegneria Finanziaria nel periodo di programmazione 2007-13

Ingegneria Finanziaria nel periodo di programmazione 2007-13 Versione finale del 16/07/2007 COCOF/07/0018/01 Documento dei servizi della Commissione sulla Ingegneria Finanziaria nel periodo di programmazione 2007-13 Questo documento è stato preparato dalle Direzioni

Dettagli

CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEGLI AIUTI

CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEGLI AIUTI Allegato alla Delib.G.R. n. 50/27 del 10.11.2009 CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI L.R.10 gennaio 2001 n.. 2 Titolo T II DIRETTIVE DI

Dettagli

Data di applicazione Gli aiuti saranno concessi a decorrere dal febbraio 2003.

Data di applicazione Gli aiuti saranno concessi a decorrere dal febbraio 2003. Numero dell' XS 16/03 Grecia Tutte le regioni (13) Regime di aiuti ad azioni PMI nel quadro dei programmi operativi regionali del III QCS 2000-2006: Aiuto alla competitività e all'innovazione delle PMI

Dettagli

Regione Puglia Assessorato Sviluppo Economico POR PUGLIA 2007-2013. Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione

Regione Puglia Assessorato Sviluppo Economico POR PUGLIA 2007-2013. Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione Regione Puglia Assessorato Sviluppo Economico POR PUGLIA 2007-2013 Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione Giugno 2008 1 Titolo I Disposizioni Generali 2 Titolo I Disposizioni Generali Regimi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE (CE) n.../.. recante applicazione del regolamento (CE) n. 659/1999 del Consiglio LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE (CE) n.../.. recante applicazione del regolamento (CE) n. 659/1999 del Consiglio LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, IT REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE (CE) n..../.. recante applicazione del regolamento (CE) n. 659/1999 del Consiglio LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, visto il trattato che istituisce la Comunità europea,

Dettagli

Scheda Bandi. Invitalia- Contratto di Sviluppo Programma di sviluppo industriale

Scheda Bandi. Invitalia- Contratto di Sviluppo Programma di sviluppo industriale Invitalia- Contratto di Sviluppo Programma di sviluppo industriale Normativa Ente gestore Data chiusura DM 29/12/2014 Sui Contratti di Sviluppo DM 14/02/2015 N 97 Riforma disciplina del contratti di sviluppo

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

Cooperative sociali. Un impresa sociale, la tua. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo IV

Cooperative sociali. Un impresa sociale, la tua. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo IV Cooperative sociali. Un impresa sociale, la tua. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo IV Le norme nazionali e comunitarie hanno la prevalenza sui contenuti

Dettagli

Possono beneficiare delle agevolazioni le imprese rispondenti ai requisiti di prevalente partecipazione femminile e di dimensione di piccola impresa.

Possono beneficiare delle agevolazioni le imprese rispondenti ai requisiti di prevalente partecipazione femminile e di dimensione di piccola impresa. LEGGE 25 febbraio 1992 n.215 Azioni positive per l imprenditoria femminile OGGETTO Strumento di incentivazione per la diffusione della imprenditorialità femminile che offre un sostegno diretto a tutti

Dettagli

A relazione dell'assessore Parigi:

A relazione dell'assessore Parigi: REGIONE PIEMONTE BU35 03/09/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 27 luglio 2015, n. 21-1902 Regolamento comunitario (UE) n. 651/2014 del 17.06.2014 - Adempimenti ai sensi del capo I e dell'articolo

Dettagli

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002).

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002). Commissione Agricoltura Senato - Roma, 25 Luglio 2013 Presentazione ISA è una società di intermediazione finanziaria, partecipata al 100% dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf),

Dettagli

DIRETTIVE DI ATTUAZIONE. Art. 1 Costituzione e finalità del fondo

DIRETTIVE DI ATTUAZIONE. Art. 1 Costituzione e finalità del fondo Allegato alla Delib.G.R. n. 46/14 del 22.9.2015 FONDO DI CAPITALE DI RISCHIO (VENTURE CAPITAL) PER INVESTIMENTI IN EQUITY PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI IMPRESE INNOVATIVE Legge regionale 29 maggio

Dettagli

I. PROCEDURA. Mi pregio comunicarle che la Commissione non solleva obiezioni in merito alla misura ai sensi degli articoli 87 e 88 del trattato.

I. PROCEDURA. Mi pregio comunicarle che la Commissione non solleva obiezioni in merito alla misura ai sensi degli articoli 87 e 88 del trattato. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 11.10.2001 C(2001) 3117 Oggetto : Aiuto di stato N 242/01 Italia ( Provincia di Mantova) Promozione della commercializzazione dei prodotti agricoli e valorizzazione della

Dettagli

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 Approvazione delle modalità di attuazione degli Interventi di garanzia per gli investimenti POR CreO

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna

Regione Autonoma della Sardegna POR SARDEGNA 2000/2006 MISURA 4.2 Direttive di Attuazione - Servizi reali Art. 1 Oggetto 1. Le presenti Direttive di Attuazione disciplinano l erogazione di aiuti per l acquisizione di servizi reali destinati

Dettagli

FIDART CALABRIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO ABBATTIMENTO INTERESSI

FIDART CALABRIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO ABBATTIMENTO INTERESSI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO ABBATTIMENTO INTERESSI Articolo 1: Scopo dell'iniziativa L'Amministrazione Provinciale di Cosenza, considerata la necessità di favorire la crescita

Dettagli

Ai fini della presente decisione, la Commissione si è fondata sulle considerazioni seguenti:

Ai fini della presente decisione, la Commissione si è fondata sulle considerazioni seguenti: COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 04.08.2000 SG(2000) D/ 105966 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 164/2000 - Italia Progetto di intervento della società Itainvest nel capitale della società Floramiata S.p.A. Signor

Dettagli

L.R. 4/2001, art. 7 B.U.R n. 3/10/2001, n. 40. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 26 luglio 2001, n. 0281/Pres.

L.R. 4/2001, art. 7 B.U.R n. 3/10/2001, n. 40. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 26 luglio 2001, n. 0281/Pres. L.R. 4/2001, art. 7 B.U.R n. 3/10/2001, n. 40 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 26 luglio 2001, n. 0281/Pres. Regolamento per l attuazione dei prestiti partecipativi a favore delle imprese commerciali,

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuti di Stato SA.36866 (2013/N) Italia Incentivi fiscali all'investimento in start-up innovative

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuti di Stato SA.36866 (2013/N) Italia Incentivi fiscali all'investimento in start-up innovative COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 05.12.2013 C(2013) 8827 final VERSIONE PUBBLICA Il presente documento è un documento interno della Commissione ed ha carattere esclusivamente informativo. Oggetto: Aiuti

Dettagli

5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori

5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori 5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (ii) e 22 del Reg. (CE) N 1698/2005. Art. 13 e punto 5.3.1.1.2. dell allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 Disciplina di riferimento POR Veneto 2007-2013, parte FESR. Asse 1 Linea d intervento 1.2 Ingegneria Finanziaria Azione 1.2.3. DGR

Dettagli

1. Procedimento. Nell adottare la presente decisione la Commissione si è basata sulle considerazioni seguenti: 2. Descrizione

1. Procedimento. Nell adottare la presente decisione la Commissione si è basata sulle considerazioni seguenti: 2. Descrizione COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14-X-2004 C(2004)4048 Oggetto: Aiuti di Stato / Italia Aiuto n. N 342/2004 Sviluppo Italia S.p.A./Valle del Leo S.p.A. Signor Ministro, 1. Procedimento 1. Con lettera del

Dettagli

Oggetto: Aiuti di Stato/Italia - Aiuto n. N 02/2008 Aiuti per il pagamento di premi assicurativi nel settore zootecnico

Oggetto: Aiuti di Stato/Italia - Aiuto n. N 02/2008 Aiuti per il pagamento di premi assicurativi nel settore zootecnico COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10.12.2008 C (2008) 8301 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia - Aiuto n. N 02/2008 Aiuti per il pagamento di premi assicurativi nel settore zootecnico Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO

Dettagli

Scheda Bandi. Invitalia- Contratto di Sviluppo Programma di sviluppo di attività turistiche

Scheda Bandi. Invitalia- Contratto di Sviluppo Programma di sviluppo di attività turistiche Invitalia- Contratto di Sviluppo Programma di sviluppo di attività turistiche Normativa Ente gestore Data chiusura DM 29/12/2014 Sui Contratti di Sviluppo DM 14/02/2015 N 97 Riforma disciplina del contratti

Dettagli

lo Statuto speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

lo Statuto speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CRÈDITU E Centro Regionale di Programmazione 00-03-60-00 Centro Regionale di Programmazione DETERMINAZIONE N. 1337 REP. N. 97 Oggetto: P.O.R. FESR Sardegna

Dettagli

AIUTI AI CONSORZI DI GARANZIA (CONFIDI) Osservazioni sulla questione degli aiuti ai Confidi in generale

AIUTI AI CONSORZI DI GARANZIA (CONFIDI) Osservazioni sulla questione degli aiuti ai Confidi in generale AIUTI AI CONSORZI DI GARANZIA (CONFIDI) Osservazioni sulla questione degli aiuti ai Confidi in generale Relativamente agli aiuti concessi ai Confidi la disciplina 136 rilevante è contenuta nella Comunicazione

Dettagli

LEGGE 27 OTTOBRE 1994, n. 598, art.11 lett. b)

LEGGE 27 OTTOBRE 1994, n. 598, art.11 lett. b) LEGGE 27 OTTOBRE 1994, n. 598, art.11 lett. b) INTERVENTI PER INNOVAZIONE TECNOLOGICA, TUTELA AMBIENTALE, INNOVAZIONE ORGANIZZATIVA, INNOVAZIONE COMMERCIALE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO Direttive di

Dettagli

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 REGIONE LIGURIA Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE ASSE 1 INNOVAZIONE E COMPETITIVITA

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 1 agosto 2014, n. 15

REGOLAMENTO REGIONALE 1 agosto 2014, n. 15 26982 REGOLAMENTO REGIONALE 1 agosto 2014, n. 15 Regolamento per la concessione di aiuti di importanza minore (de minimis) alle PMI ed abrogazione dei Regolamenti regionali 31 gennaio 2012, n. 2, 29 maggio

Dettagli

Legge di Stabilità 2016: credito d imposta per il Sud valido fino al 2019

Legge di Stabilità 2016: credito d imposta per il Sud valido fino al 2019 Vigevano, 08/04/2016 Legge di Stabilità 2016: credito d imposta per il Sud valido fino al 2019 La legge di Stabilità 2016 introduce un credito d imposta per le imprese che effettuano investimenti, attraverso

Dettagli

D. Lgs. 185/00 - MISURE IN FAVORE DELLA NUOVA IMPRENDITORIALITA NEI SETTORI DELLA PRODUZIONE E DEI SERVIZI ALLE IMPRESE, E IN AGRICOLTURA

D. Lgs. 185/00 - MISURE IN FAVORE DELLA NUOVA IMPRENDITORIALITA NEI SETTORI DELLA PRODUZIONE E DEI SERVIZI ALLE IMPRESE, E IN AGRICOLTURA Sviluppo Italia Autoimp e autoimpr Autoimpr prod e serv imprese D. Lgs. 185/00 - MISURE IN FAVORE DELLA NUOVA IMPRENDITORIALITA NEI SETTORI DELLA PRODUZIONE E DEI SERVIZI ALLE IMPRESE, E IN AGRICOLTURA

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 4 dicembre 2014 Istituzione di un nuovo regime di aiuto finalizzato a promuovere la nascita e lo sviluppo di societa' cooperative di piccola e media dimensione.

Dettagli

Sezione speciale del fondo di garanzia PMI: aperto anche alle professioniste

Sezione speciale del fondo di garanzia PMI: aperto anche alle professioniste CIRCOLARE A.F. N.132 del 29 Settembre 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Sezione speciale del fondo di garanzia PMI: aperto anche alle professioniste Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

D. Lgs. 185/00 - MISURE IN FAVORE DELLE COOPERATIVE SOCIALI

D. Lgs. 185/00 - MISURE IN FAVORE DELLE COOPERATIVE SOCIALI Sviluppo Italia Autoimp e autoimpr Autoimpr cooperative D. Lgs. 185/00 - MISURE IN FAVORE DELLE COOPERATIVE SOCIALI [ Presentazione a sportello ] SOGGETTI BENEFICIARI Destinatarie delle agevolazioni sono

Dettagli