Occupazione della madre e qualità dei figli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Occupazione della madre e qualità dei figli"

Transcript

1 Occupazione della madre e qualità dei figli Christopher Flinn Collegio Carlo Alberto (Moncalieri) New York University Dipartimento di Economia

2 Il link Difficile da determinare: Quale e il timing di questo rapporto? Come distinguere gli effetti dell'occupazione della madre sulla qualità dei figli da altri fattori legati alla sua condizione di lavoratrice? Cosa intendiamo per qualità dei figli?

3 Misure della qualità dei figli Performance nei tests Successo scolastico Modelli di comportamento fumo, alcol, attività sessuale Maternità in adolescenza Successo nel mercato del lavoro

4 Perché occuparsene? Lo stato investe molto nell istruzione dei bambini Secondo Hanushek i paesi dell OCSE spendono il 3,6% pro capite del PIL in istruzione primaria e secondaria

5 Spese per l istruzione/alunno $8,000 $7,000 $6,000 $5,000 $4,000 $3,000 Primary Secondary $2,000 $1,000 $0 Italy U.S. Norway U.K.

6 I rendimenti dell investimento in istruzione per la società Crea una forza lavoro istruita che produce un reddito tassabile per pagare servizi, costi amministrativi e pensioni Cittadini istruiti creano futuri cittadini istruiti Poiché l istruzione e il livello di reddito dei genitori ha effetti significativi sulla qualità del figlio, grande effetto moltiplicatore

7 Risultati empirici La maggior parte degli studi usano dati provenienti da surveys svolte negli Stati Uniti e nel Regno Unito Quasi tutti usano metodi basati sulla regressione, essenzialmente di natura descrittiva In particolare, tranne pochissime eccezioni, nessuna analisi causale

8 Risultati Punteggi test Occupazione a tempo pieno della madre In genere effetti piccoli e negativi, quando i bambini sono in eta prescolare. Nessun effetto, o leggermente positivo, quando i figli sono più grandi Occupazione part-time della madre Nessun effetto, o leggermente positivo, anche quando i figli hanno meno di 1 anno

9 Risultati Successo formativo Figli più grandi, in genere di almeno 15 anni Evidenza non conclusiva: effetti negativi (piccoli) sugli anni di istruzione completati o sulla performance scolastica in alcuni campi di studio Alcuni studi (es., O Brien and James (1999) notano che l effetto dipende dall istruzione della madre

10 Risultati Altri effetti L'occupazione della madre durante I primi anni di vita del figlio tende a diminuire le probabilità di disoccupazione in futuro Britian e Kiernan (1996) rilevano che avere una madre che non ha lavorato aumenta le probabilità del figlio di avere un reddito basso a 33 anni. Ermisch e Francesconi (2001) rilevano che l occupazione part-time della madre abbassa lo stress psicologico, mentre l occupazione a tempo pieno lo aumenta

11 Riassunto Difficile trovare effetti costanti dell occupazione delle madri Solo qualche indicazione che l occupazione a tempo pieno mentre i figli sono piccoli è peggiore che l occupazione part-time Difficile tenere in considerazione le dinamiche e la causalità usando approcci empirici standard

12 Haveman and Wolfe (1995) I dati del PSID Permettono di seguire la madre e I suoi figli per circa 30 anni. Non riscontrano un effetto negativo quando il figlio e piccolo ne sui risultati scolastici ne sulla performance sul mercato del lavoro Se mai piccoli effetti positivi che sono attribuibili, a effetti reddito e serving as a role model regarding labor market behavior.(fernandez et al,del Boca et al)

13 Risultati comparati Anche qui è difficile individuare relazioni causali Le cifre seguenti sono tratte da Ermisch e Francesconi (2005) nel libro di Boeri, Del Boca, and Pissarides, Women in the Labour Force (Oxford University Press)

14 Tutti i paesi occupazione femminile e povertà dei figli 25 (a) All countries US Chi ld 20 po ver ty rat15 e/f itte d val 10 ue s 5 0 E I Irl LuxB Hun NL Pol F Slo D Aus Swi Aut CZR UK Can DK Nor Fin Female employment rate (ages 15-64) S

15 Scandinavia, Italia, Spagna e Irlanda escluse Child poverty rate/fitted values (b) Excluding the Scandinavian countries, Italy, Spain, and Ireland US UK Aus Can Pol Hun D F NL LuxB Swi Aut Slo CZR Female employment rate (ages 15-64)

16 USA e Commonwealth esclusi (c) Excluding the US, the UK, Australia, and Canada I Child poverty rate/fitted values E Irl Hun Lux B NL Pol F Slo D Swi Aut CZR DK Nor Fin S Female employment rate (ages 15-64)

17 Approccio analitico La teoria aiuta a sviluppare un approccio che guarda al comportamento intrafamiliare e alla qualità dei figli Gran parte dell approccio e dei modelli con cui lavoriamo oggi sono stati sviluppati da Gary Becker Si confrontano e si contrappongono la teoria del nucleo familiare con la teoria dell impresa

18 Problemi nell utilizzo dei modelli di economia della famiglia Il nucleo familiare non massimizza i profitti Il nucleo familiare consta di un numero di componenti, ciascuno con diversi: gusti (o preferenze) limitazioni reddito tempo ambiente scelte da fare

19 Tecnologie di produzione Il nucleo familiare può essere visto come un impresa multiprodotto Molti beni vengono prodotti all interno del nucleo familiare Il nostro interesse si concentra sulla qualità del figlio

20 Funzione di produzione della qualità del figlio Q è la misura di qualità x sono gli input forniti dal nucleo familiare s sono gli input forniti dall ambiente e sono l endowment del figlio Q= Q( x, s, e)

21 Input nella funzione x input del nucleo familiare Tempo di madri e padri Giocattoli, attrezzature sportive, libri Istruzione scolastica Child care privato s input ambientali Child care pubblico Insegnanti, attrezzature scolastiche Attività culturali

22 Obiettivi del nucleo familiare Preferenze di una madre, di un padre, di un figlio Q è la qualita del figlio z sono i beni pubblici nel nucleo familiare U ( c, Q, z) M M U ( c, Q, z) U F K F ( Q, z)

23 Scelte del nucleo familiare Massimizza alcuni risultati, per esempio somma delle utilita dei genitori Soggetto alla funzione di produzione, alle doti dei figli, ai salari, alla quantità di tempo, ecc. Le scelte sono beni privati, beni pubblici, tempo dedicato ai figli e tempo al lavoro, beni di investimento per i figli

24 Problema formale del nucleo familiare max U ( c, Q, z) + U ( c, Q, z) s. t. Q = Q( x, s, e) w, w, Y, p, s, e, T, T La famiglia sceglie : x, c, c, z M M F F M F M F M F e Distribuzione del tempo

25 Scelte (2) I nuclei familiari non sono gli unici a fare delle scelte che influiscono sui qualita dei figli Il settore pubblico sceglie i livelli di input scolastico per il processo di produzione di qualità del figlio, s. Le scelte del settore pubblico e del nucleo familiare interagiscono nel determinare la qualita dei figli

26 Head Start (esempio) Head Start è un programma statale indirizzato a bambini (3 e 4 anni) e relative famiglie a basso reddito Nel 2005, il budget è stato di $6.8 miliardi di dollari, con poco meno di 1 milione di bambini iscritti

27 Head Start (2) C è un grande dibattito circa l efficacia nel breve e lungo periodo di questo programma I fautori del programma sostengono che è di cruciale importanza coinvolgere i genitori altrimenti i progressi in classe vanno persi.

28 Head Start (3) Nel nostro modello Un aumento di s fa crescere Q se gli input dei genitori (x) rimangono uguali. I genitori possono controbilanciare questi guadagni diminuendo x, che permette loro di aumentare i consumi del nucleo familiare Il coinvolgimento dei genitori in larga misura è un monitoraggio, per fare in modo che questo non succeda È anche training dei genitori, allo scopo di cambiare la tecnologia di produzione Q

29 Occupazione della madre e qualita dei figli In questo semplice modello, le madri lavorando aumentano il reddito del nucleo familiare Questo reddito viene usato per acquistare beni di consumo, ma anche input per il processo di produzione di qualità del figlio Lavorando, le madri diminuiscono la quantità di tempo che possono destinare alla cura dei figli

30 Quale effetto vince? La risposta dipende dalle produttività relative dei componenti di x e s E dal tipo di alternative disponibili Nel caso del tempo della madre con i figli, per esempio, esiste una buona alternativa fornita dal resto della famiglia, dal settore pubblico, o da child care di qualità fornita dal settore privato?

31 Alternativa Child care Il sistema pubblico italiano di assistenza all infanzia, in generale, è ottimo Tuttavia c e un mismatch tra ore di erogazione del servizio e normale orario di lavoro (Del Boca Vuri 2007) Questo crea ai genitori complicati problemi logistici, e richiede spesso il ricorso ad ulteriore cura all'infanzia (I nonni)

32 Quale effetto vince? (2) In termini di produttivià, è difficile da valutare Non osserviamo tutti gli input nel processo L endowment del bambino, e, rimane inosservato, ed è probabile che sia fortemente legato alle scelte di input della famiglia (e anche del settore pubblico)

33 Causalità? Le correlazioni a livello statico non possono essere interpretate come relazioni causali Abbiamo bisogno di un modello dinamico di nucleo familiare per interpretare i rapporti e cominciare a capire i meccanismi che producono le relazioni osservate nei dati

34 Causalità (2) Le semplici associazioni statistiche non possono dirci molto dei meccanismi che producono i fenomeni che studiamo Data la penuria e la scarsa qualità dei dati di scienze sociali e l impossibilità di condurre dei veri e propri esperimenti, gli economisti sono costretti a fare delle ipotesi plausibili circa le preferenze, le tecnologie di produzione e i processi decisionali

35 Liu, Mroz, e van der Klaauw (2006) La maggior parte degli studi considerano gli input ambientali (s) nella produzione di qualita dei figli come predeterminati quando guardano il comportamento del nucleo familiare LMvdK guardano gli input dell occupazione e dell istruzione come una scelta simultanea Si consideri l eterogeneita degli input scolastici nella figura che segue:

36 Liu, Mroz, e van der Klaauw (2006)

37 Mercato del lavoro e scuole I nuclei familiari scelgono di spostarsi in un luogo in base alle caratteristiche del mercato locale del lavoro e della scuola Secondo loro, i nuclei familiari non scelgono x condizionale sulla base delle caratteristiche ambientali, ma scelgono anche l ambiente Il loro modello è dinamico le scelte di luogo e di lavoro sono fatte ogni volta sulla base dell attuale qualità del figlio, dei guadagni dei genitori, ecc.

38 I risultati di LMvdK Devono fare ipotesi sulle preferenze, la produzione di qualità del figlio, le caratteristiche del mercato del lavoro Il risultato del fare ipotesi e dell uso attento di dati dettagliati è una maggiore precisione e l interpretabilità delle loro conclusioni Riscontrano che permettendo la scelta delle caratteristiche della scuola, s, si riduce l impatto previsto di questi fattori su Q di 1/3.

39 I risultati di LMvdK (2) Riscontrano anche che gli effetti dell occupazione della madre su Q sono cambiati diventano positivi anziché negativi Questo è dovuto all aumento delle alternative possibili. Le madri che lavorano possono scegliere buoni distretti scolastici per controbilanciare la riduzione di tempo dedicato ai figli

40 Brown e Flinn (2006) Negli Stati Uniti il tasso di divorzi è alto. Circa ½ dei matrimoni si conclude con un divorzio Gli effetti dell occupazione della madre, della sua istruzione, ecc., sulla qualita dei figli varia notevolmente in base alla struttura del nucleo familiare La qualita dei figli di genitori separati, o di madri non sposate, sono significativamente peggiori

41 Brown e Flinn (2) Oltre agli input scolastici, lo stato stabilisce una serie di leggi che riguardano il divorzio e fornisce una serie di incentivi per investire nei bambini. Caratterizza la normativa sulla famiglia in termini di: unilaterale/bilaterale quantità di tempo con i figli destinata a ciascun genitore dopo il divorzio (custodia) Trasferimento di reddito dal genitore che non ha la custodia (mantenimento del figlio)

42 Brown e Flinn (3) Variabilità sostanziale tra uno stato e l'altro nelle legislazione sulla famiglia. Mostra in teoria, e in pratica, che la legislazione sulla famiglia influenza gli incentivi all'investimento sia in caso di divorzio che nelle famiglie intatte Influisce anche sulle decisioni riguardanti la fertilità.

43 Brown e Flinn (4) Meccanismi per influire sulla qualita dei figli: Il divorzio riduce il reddito disponibile della coppia Diminuendo il tempo trascorso con I figli, si riducono gli incentivi ad investire, soprattutto da parte del padre. Si riduce il tempo disponibile per l'investimento sui figli. 'Cattive' leggi sulla famiglia riducono anche gli incentivi ad investire durante il matrimonio aumentando la probabilità di divorzio. Sono in grado di valutare le dimensioni di questi effetti, e orientarsi verso leggi 'ottimali' sulla famiglia usando il modello.

44 Contributi del settore privato Non solo i nuclei familiari e lo stato possono aiutare nello sviluppo del capitale umano dei bambini Abbiamo rilevato alcune indicazioni che l'occupazione part-time delle madri era associata a risultati migliori dei figli. Poche opportunità di occupazioni part-time, soprattutto in Italia.

45 Asili aziendali? Un proporzione rilevante di datori di lavoro sta iniziando a fornire child care sul posto di lavoro. Permette di incentivare un'occupazione a tempo pieno, fornendo opportunità di interazione tra genitori e figli.

46 Connelly, Degraff, Willis (2002) Conduce uno studio dettagliato di tre imprese, due delle quali forniscono child care sul posto di lavoro. Il child care aziendale: riduce il turnover degli impiegati aumenta il livello di soddisfazione Riduce l'assenteismo E a costo zero per le imprese

47 Evoluzione del child care L uso del child care sul posto di lavoro probabilmente aumenterà e avra un impatto positivo sui tassi di occupazione delle madri e sullo sviluppo del bambino. Telelavoro. Cresce la possibilita di svolgere molte mansioni da casa fornendo una maggiore flessibilità nel bilanciamento dei ruoli di madre e impiegata (o imprenditrice).

48 Il programma di ricerca di Heckman s Sintesi tra approccio economico dinamico al comportamento familiare e l approccio psicologico dello sviluppo Il focus e sulla fase iniziale della crescita (early childhood). Gli investimenti ai differenti stadi sono imperfetti sostituti Consistente con le implicazioni dei modelli economici ed econometrici del comportamento familiare e i programmi di valutazione. Cruciale e il bisogno di offrire ai genitori buone alternative per promuovere lo sviluppo cognitivo e non cognitivo dei bambini nelle fasi iniziali della vita.

L offerta di lavoro 1

L offerta di lavoro 1 L offerta di lavoro 1 Introduzione Per Offerta di lavoro si intende l ammontare di lavoro offerto sul mercato dalla popolazione in cambio di una retribuzione La quantità offerta dipende da: Numero di persone

Dettagli

ESITI SCOLASTICI E COMPORTAMENTALI, FAMIGLIA E SERVIZI PER L INFANZIA. Fondazione Giovanni Agnelli

ESITI SCOLASTICI E COMPORTAMENTALI, FAMIGLIA E SERVIZI PER L INFANZIA. Fondazione Giovanni Agnelli ESITI SCOLASTICI E COMPORTAMENTALI, FAMIGLIA E SERVIZI PER L INFANZIA di Daniela Del Boca e Silvia Pasqua (Università di Torino, CHILD e Collegio Carlo Alberto) Sintesi della ricerca Dicembre 2010 1 Con

Dettagli

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma Sistema paese e sicurezza economica Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma I nostri temi Invece di un sistema-paese, un paese diviso e gravato da varie forme di insicurezza economica In che senso

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 3 La domanda di lavoro - 1 Ampliamo la teoria ipotizzando che ci siano molti tipi differenti di lavoratori (i.e. specializzati, non specializzati) e molti tipi differenti

Dettagli

I segnali dell Economia

I segnali dell Economia I segnali dell Economia Tito Boeri Università Bocconi 15 novembre 2006, Piccolo Teatro, Milano The sick man of Europe Lo siamo davvero? 2000 2002 9 8 7 6 5 4 3 2 1 0 Il crollo della produttività (tassi

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

Corso di Economia del lavoro Specialistica Scienze Economiche Giovanni Sulis (gsulis@unica.it) Istruzione

Corso di Economia del lavoro Specialistica Scienze Economiche Giovanni Sulis (gsulis@unica.it) Istruzione Introduzione Corso di Economia del lavoro Specialistica Scienze Economiche Giovanni Sulis (gsulis@unica.it) Istruzione Evidenza empirica su partecipaz. scolastica. Teoria dell investimento in capitale

Dettagli

L effetto degli asili nido sulle disuguaglianze di partenza

L effetto degli asili nido sulle disuguaglianze di partenza Vittoria Dicandia Progetto di ricerca per borsa di studio Roberto Franceschi L effetto degli asili nido sulle disuguaglianze di partenza Il tema degli asili nido è negli ultimi anni entrato con prepotenza

Dettagli

Separazioni, divorzi e affidamento dei minori

Separazioni, divorzi e affidamento dei minori 2 luglio 2004, divorzi e affidamento dei minori Anno 2002 Ogni anno l Istat conduce un indagine sulle separazioni e una sui divorzi rilevando, presso le cancellerie dei 165 tribunali civili, i dati relativi

Dettagli

Capitolo 14. Crescita economica e innalzamento del tenore di vita

Capitolo 14. Crescita economica e innalzamento del tenore di vita Capitolo 14 Crescita economica e innalzamento del tenore di vita La crescita economica è l'incremento della produzione di beni e servizi di un sistema economico nel lungo periodo Il raggiungimento di un

Dettagli

Capitolo 5. Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo. preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Elisa Borghi)

Capitolo 5. Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo. preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Elisa Borghi) Capitolo 5 Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Elisa Borghi) Anteprima La legge del prezzo unico La parità del potere di acquisto

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Il sostegno pubblico alle famiglie con figli: ragioni teoriche e nuova evidenza

Dettagli

CAPITOLO XXI. Crescita e sviluppo

CAPITOLO XXI. Crescita e sviluppo CAPITOLO XXI Crescita e sviluppo L obiettivo è di integrare alcuni aspetti della nuova teoria della crescita con quelli del paradigma dello sviluppo umano Considereremo le relazioni tra il capitale umano,

Dettagli

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo Capitolo 5 Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima La

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Verifica di ipotesi e intervalli di confidenza nella regressione multipla

Verifica di ipotesi e intervalli di confidenza nella regressione multipla Verifica di ipotesi e intervalli di confidenza nella regressione multipla Eduardo Rossi 2 2 Università di Pavia (Italy) Maggio 2014 Rossi MRLM Econometria - 2014 1 / 23 Sommario Variabili di controllo

Dettagli

Economia Politica. Grazia Graziosi DEAMS

Economia Politica. Grazia Graziosi DEAMS Economia Politica Grazia Graziosi DEAMS Macroeconomia: un quadro generale Macroeconomia versus microeconomia La microeconomia studia il comportamento degli individui e delle imprese nei singoli mercati:

Dettagli

Corso di Economia Applicata

Corso di Economia Applicata Corso di Economia Applicata a.a. 2007-08 II modulo 12 Lezione Asimmetrie informative e Adverse Selection Soluzioni per l Adverse Selection? selezione (screening ) segnalazione razionamento le soluzioni

Dettagli

ECONOMIA E PSICOLOGIA DELLA PERSONALITA JAMES J. HECKMAN UNIVERSITA DI CHICAGO

ECONOMIA E PSICOLOGIA DELLA PERSONALITA JAMES J. HECKMAN UNIVERSITA DI CHICAGO ECONOMIA E PSICOLOGIA DELLA PERSONALITA JAMES J. HECKMAN UNIVERSITA DI CHICAGO FESTIVAL DELL ECONOMIA: IDENTITA E CRISI GLOBALE TRENTO, ITALIA 29 MAGGIO 2009-05-27 1. Economia e psicologia erano un tempo

Dettagli

SPESA SANITARIA, COSTI-EFFICACIA e SCELTE TRAGICHE

SPESA SANITARIA, COSTI-EFFICACIA e SCELTE TRAGICHE SPESA SANITARIA, COSTI-EFFICACIA e SCELTE TRAGICHE Giuseppe Clerico, Università del Piemonte orientale, Facoltà di Giurisprudenza, Dipartimento di Scienze giuridiche ed economiche Negli ultimi cinquantanni

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 2-1 Applicazioni dell offerta di lavoro - Introduzione - 1 Introduzione I modelli statici d offerta di lavoro spiegano: 1.come gli individui distribuiscano il tempo tra

Dettagli

LE DONNE TRA LAVORO FAMIGLIA E WELFARE

LE DONNE TRA LAVORO FAMIGLIA E WELFARE LE DONNE TRA LAVORO FAMIGLIA E WELFARE Vicenza, 16 aprile 2013 Local Area Network s.r.l. p.tta Gasparotto, 8 35131 Padova tel. 049.80.46.411 fax 049.80.46.444 www.lanservizi.com info@lanservizi.com LA

Dettagli

Disoccupazione e salario reale

Disoccupazione e salario reale Disoccupazione e salario reale Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 28 La disoccupazione Come si misura la disoccupazione? Come si interpretano i

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 6-3 Il capitale umano -Il modello dell istruzione 1 Il capitale umano Il modello dell istruzione L istruzione, come abbiamo visto, è associata a tassi di disoccupazione

Dettagli

LA MACROECONOMIA: CONCETTI INTRODUTTIVI

LA MACROECONOMIA: CONCETTI INTRODUTTIVI LA MACROECONOMIA: CONCETTI INTRODUTTIVI 0 In questo capitolo imparerete Le questioni della macroeconomia Gli strumenti della macroeconomia I concetti dell analisi macroeconomica Le domande della macroeconomia

Dettagli

Occupazione femminile

Occupazione femminile Occupazione femminile Le misure per l inserimento lavorativo delle donne Francesca Di Giovangiulio Struttura Lavoro e Professioni Roma, Corso D Italia, 33 Il lavoro della giornata Quali numeri per le donne

Dettagli

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 Comunicazione della Commissione Criteri per l'analisi della compatibilità degli aiuti di stato a favore dei lavoratori svantaggiati e disabili soggetti

Dettagli

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori Capitolo 7 La mobilità internazionale dei fattori preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Rosario Crinò) 1 Struttura della presentazione Mobilità internazionale del lavoro Prestiti internazionali

Dettagli

Per migliorare le performance aziendali

Per migliorare le performance aziendali Per migliorare le performance aziendali L implementazione di un nuovo sistema informatico costa in media $20m. E possibile avere un ritorno degli investimenti in cinque anni? Quando l investimento raggiunge

Dettagli

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI 5-1. I politici ambientalisti spesso sostengono che è redditizio per le imprese perseguire una strategia amica dell ambiente (per esempio, costruendo fabbriche

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI AGENZIA DEL LAVORO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L IMPIEGO 1. LA CONDIZIONE GIOVANILE SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI TRENTO

Dettagli

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI REPORT DI RILEVAZIONE DEL GRADIMENTO DEL SERVIZIO EDUCATIVO 0-3 anni Anno Scolastico 2011/12 A cura della Direzione Servizi Educativi - Affari

Dettagli

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29%

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29% L OSSERVATORIO L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE Problemi di condotta Tra le vittime di episodi di bullismo 42% Tra chi ha compiuto atti di bullismo Non coinvolti

Dettagli

Conoscenza per lo sviluppo: il ruolo della scuola e dei processi di apprendimento nelle politiche di sviluppo e coesione

Conoscenza per lo sviluppo: il ruolo della scuola e dei processi di apprendimento nelle politiche di sviluppo e coesione Conoscenza per lo sviluppo: il ruolo della scuola e dei processi di apprendimento nelle politiche di sviluppo e coesione 7 Luglio 2005 Hotel Quirinale Via Nazionale, 7 Roma Sessione 1: Istruzione, sviluppo

Dettagli

Offerta di lavoro (Lez. 3) Tasso di disoccupazione = Disoccupati/ Forza lavoro. Tasso di partecipazione = Forza lavoro/ Popolazione attiva

Offerta di lavoro (Lez. 3) Tasso di disoccupazione = Disoccupati/ Forza lavoro. Tasso di partecipazione = Forza lavoro/ Popolazione attiva Offerta di lavoro (ez. 3) Richiamo Tasso di disoccupazione Disoccupati/ Forza lavoro Tasso di partecipazione Forza lavoro/ Popolazione attiva Tasso di occupazione Occupati/ Popolazione attiva dove Forza

Dettagli

L applicazione della legge sull affidamento condiviso a sette anni dalla sua approvazione

L applicazione della legge sull affidamento condiviso a sette anni dalla sua approvazione L applicazione della legge sull affidamento condiviso a sette anni dalla sua approvazione Cinque dei principi basilari introdotti analizzati secondo quattro chiavi di lettura: 1) il dettato normativo,

Dettagli

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA PROF.SSA MARIA ALESSANDRA ROSSI ALESSANDRA.ROSSI@UNISI.IT Innovazione e lavoro UN TEMA (DI)BATTUTO DA TEMPO SCHEMA DELLA LEZIONE Effetti dell innovazione

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

La Massimizzazione del profitto

La Massimizzazione del profitto La Massimizzazione del profitto Studio del comportamento dell impresa, soggetto a vincoli quando si compiono scelte. Ora vedremo un modello per analizzare le scelte di quantità prodotta e come produrla.

Dettagli

Bruno S. Frey. Motivazioni estrinseche e motivazioni intrinseche. Impresa e Organizzazione Interna F. Barigozzi

Bruno S. Frey. Motivazioni estrinseche e motivazioni intrinseche. Impresa e Organizzazione Interna F. Barigozzi Bruno S. Frey Motivazioni estrinseche e motivazioni intrinseche 1 La teoria tradizionale Gli individui sono mossi esclusivamente da motivazioni estrinseche (incentivi monetari, regole e ordini). Non nega

Dettagli

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 8 Ricerca del profitto e mano invisibile Mercati e motivazioni personali Non è dalla benevolenza del macellaio, del birraio, o del fornaio che ci aspettiamo il nostro desinare, ma dalla considerazione

Dettagli

Politiche per la famiglia e Fattore famiglia

Politiche per la famiglia e Fattore famiglia Politiche per la famiglia e Fattore famiglia Maria Cecilia Guerra Modena, 3 novembre 21 OBIETTIVI DELLE POLTICHE PER LE FAMIGLIE Sostegno alle responsabilità familiari natalità partecipazione femminile

Dettagli

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011 Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011 Macroeconomia Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011 Nuovo Orario Riassunto lezione precedente Definizione e misurazione: PIL

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 INEGNAMENO DI EONOMIA OLIIA LEZIONE VIII IL EORE DELL OUAZIONE ROF. ALDO VAOLA Economia olitica Indice 1 La disoccupazione ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

OFFERTA DI LAVORO [Borjas 1.1-1.7]

OFFERTA DI LAVORO [Borjas 1.1-1.7] OFFERTA DI LAVORO [Borjas 1.1-1.7] hi lavora nel mercato? dipende, offerta di lavoro varia tra tipi di persona (uomini/donne, giovani/adulti) tra Paesi (configurazioni diverse) nel tempo (al variare delle

Dettagli

Obiettivo e temi del corso di Economia Aziendale

Obiettivo e temi del corso di Economia Aziendale ECONOMIA Corso di AZIENDALE Docente: Paola Paoloni Paola Paoloni 1 Obiettivo e temi del corso di Economia Aziendale Obiettivi: Fornire le conoscenze di base e gli strumenti metodologici concettuali indispensabili

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 6-5 Il capitale umano - 1 Tipico metodo per stimare il tasso di rendimento dell istruzione: si usano dati sui guadagni e sull istruzione di lavoratori differenti si stima

Dettagli

Il mercato del lavoro

Il mercato del lavoro Il mercato del lavoro Dati mercato del lavoro: Un confronto (2012) Italia Francia Germania OECD Tasso disoccupazione 10.7 10.3 5.5 8.0 Tasso occupazione (*) 57.6 63.9 72.8 65.1 Femminile 47.8 60 68 57.2

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO Meno disoccupati tra i laureati oltre i 35 anni La formazione universitaria resta un buon investimento e riduce il rischio di disoccupazione: la percentuale

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 6-3 Il capitale umano - L addestramento sul lavoro e il profilo età - guadagni 1 L addestramento sul lavoro e il profilo età - guadagni La forma del profilo età guadagni

Dettagli

Investire nei giovani: se non ora, quando? Università Ca Foscari, AlmaLaurea Venezia, 12 Marzo 2013

Investire nei giovani: se non ora, quando? Università Ca Foscari, AlmaLaurea Venezia, 12 Marzo 2013 Investire nei giovani: se non ora, quando? Università Ca Foscari, AlmaLaurea Venezia, 12 Marzo 213 DOMANDA E OFFERTA DI COMPETENZE: SCENARI E SFIDE Stefano Scarpetta, Deputy Director Directorate for Employment,

Dettagli

Groundbreaking Innovative Financing of Training in a European Dimension. Sintesi del Documento Modello finale GIFTED Maggio 2013

Groundbreaking Innovative Financing of Training in a European Dimension. Sintesi del Documento Modello finale GIFTED Maggio 2013 Groundbreaking Innovative Financing of Training in a European Dimension Sintesi del Documento Modello finale GIFTED Maggio 2013 N. Riferimento Progetto 517624-LLP-1-2011-1-AT-GRUNDTVIG-GMP Workpackage

Dettagli

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Determinanti della domanda aggregata nel breve periodo Un modello di breve periodo dell equilibrio del mercato dei beni Un modello di breve periodo dell equilibrio

Dettagli

Il valore generato dal welfare aziendale

Il valore generato dal welfare aziendale Il valore generato dal welfare aziendale di Daniele Grandi Produttività e benessere organizzativo: lo studio di McKinsey Italia Negli ultimi anni è andato crescendo il numero degli addetti ai lavori, dal

Dettagli

Sistemi di welfare 9. L ECONOMIA DELLA FAMIGLIA. A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione

Sistemi di welfare 9. L ECONOMIA DELLA FAMIGLIA. A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 9. L ECONOMIA DELLA FAMIGLIA Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro mlpruna@unica.it

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi Comunicato stampa L identikit e le scelte dei diplomati calabresi I diplomati calabresi si raccontano prima e dopo il diploma. Quest anno la Regione Calabria ha esteso il progetto AlmaDiploma - l associazione

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

Conti economici nazionali

Conti economici nazionali Conti economici nazionali Definizioni correnti Ammortamento Rappresenta la perdita di valore subita dai capitali fissi (macchinari, impianti, mezzi di trasporto, etc.) nel corso dell anno a causa dell

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

Economia e scienze sociali

Economia e scienze sociali Giornate di orientamento Tommaso Monacelli, Direttore corso di laurea Economia e scienze sociali I corsi di laurea in economia I corsi di laurea 5 corsi di laurea triennale in Economia 4 corsi a base disciplinare

Dettagli

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 CAPITOLO 10 Crescita: i fatti principali 1) Spiegate cosa si intende per convergenza nella teoria della crescita e mostrate il grafico con cui si rappresenta. 2) Spiegate

Dettagli

ECONOMIA DEL LAVORO. Lezioni di maggio (testo: BORJAS) L offerta di lavoro

ECONOMIA DEL LAVORO. Lezioni di maggio (testo: BORJAS) L offerta di lavoro ECONOMIA DEL LAVORO Lezioni di maggio (testo: BORJAS) L offerta di lavoro Offerta di lavoro - Le preferenze del lavoratore Il luogo delle combinazioni di C e L che generano lo stesso livello di U (e.g.

Dettagli

L Europa è un economia aperta

L Europa è un economia aperta L economia aperta L Europa è un economia aperta Un sistema macroeconomico si dice aperto quando le transazioni internazionali hanno un ruolo rilevante. Il grado di apertura di un paese è generalmente misurato

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 6-7 Il capitale umano - La teoria dei segnali 1 Hip. base del modello di istruzione (teoria del capitale umano): istruzione => ( produttività del lavoratore) => w. Ragionamento

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

Economia del turismo

Economia del turismo Economia del turismo Anno Accademico 2014/2015 Dott. Ivan Etzo Economia del Turismo - Dott. Ivan Etzo 1 SEZIONE 5 Il turismo internazionale ARGOMENTI 5.1 Gli elementi caratteristici del turismo internazionale

Dettagli

FAMIGLIE SOLE? STRATEGIE FAMILIARI NELLA CRISI

FAMIGLIE SOLE? STRATEGIE FAMILIARI NELLA CRISI TAVOLA ROTONDA FAMIGLIE SOLE? STRATEGIE FAMILIARI NELLA CRISI Lunedì 14 dicembre 2009 Ore 17 Sala Principi d Acaja presso il Rettorato dell Università degli Studi di Torino Via Verdi 8 Torino Saluti istituzionali

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Moneta e Tasso di cambio

Moneta e Tasso di cambio Moneta e Tasso di cambio Come si forma il tasso di cambio? Determinanti del tasso di cambio nel breve periodo Determinanti del tasso di cambio nel lungo periodo Che cos è la moneta? Il controllo dell offerta

Dettagli

Risorse Umane e Performance Organizzativa

Risorse Umane e Performance Organizzativa Risorse Umane e Performance Organizzativa Perché Investire sulle Risorse Umane? Paula Benevene Università LUMSA, Roma Le persone costituiscono il fattore critico di successo Negli USA il costo dei dipendenti

Dettagli

www.statigeneralidelleditoria.it

www.statigeneralidelleditoria.it www.statigeneralidelleditoria.it Stati generali dell editoria 2008 Più cultura, più lettura, più Paese: scommettere sui giovani Scommettere sui giovani La sintesi della ricerca Iard La lettura dei libri

Dettagli

Economia delle Istituzioni

Economia delle Istituzioni Economia delle Istituzioni LEZIONE 5 Federico Biagi federico.biagi@unipd.it L ISTRUZIONE 1 Contenuto della lezione Natura del servizio Ragioni dell intervento pubblico nella spesa per istruzione Modelli

Dettagli

Come calcolare gli assegni di mantenimento nei casi di separazione e divorzio: l'approccio statistico

Come calcolare gli assegni di mantenimento nei casi di separazione e divorzio: l'approccio statistico Come calcolare gli assegni di mantenimento nei casi di separazione e divorzio: l'approccio statistico Mauro Maltagliati Gianni Marliani Firenze, 19 gennaio 2009 Dipartimento di Statistica Università di

Dettagli

I servizi educativi. Roma-8 novembre 2011

I servizi educativi. Roma-8 novembre 2011 I servizi educativi Roma-8 novembre 2011 Di quali servizi parliamo? Nomenclatore interregionale degli interventi e servizi sociali (Conferenza Regioni 2009), indipendentemente dalle denominazioni: asili

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico La diffusione delle forme di occupazione atipica e le loro caratteristiche sono piuttosto diversificate a livello territoriale, riflettendo il divario

Dettagli

PRODUZIONE E CRESCITA

PRODUZIONE E CRESCITA Università degli studi di MACERATA ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2012/2013 PRODUZIONE E CRESCITA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Lezione 8. (BAG cap. 7) IL MEDIO PERIODO Il mercato del lavoro. Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia IL MEDIO PERIODO

Lezione 8. (BAG cap. 7) IL MEDIO PERIODO Il mercato del lavoro. Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia IL MEDIO PERIODO Lezione 8 (BAG cap. 7) IL MEDIO PERIODO Il mercato del lavoro Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia IL MEDIO PERIODO 2 1 Nel breve periodo la domanda determina la produzione =>

Dettagli

L entità della risorse

L entità della risorse Per l Europa: Becker et al. (2010) mostrano che i sussidi europei hanno accelerato la crescita del PIL pro capite di circa 1-1,5 punti percentuali nel corso di un periodo di programmazione di 7 anni. Busillo

Dettagli

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti Francesca Rizzi, Roberta Marracino, Laura Toia - McKinsey & Company In un contesto in cui i vincoli di finanza pubblica rappresentano una limitazione

Dettagli

Aspettative, Produzione e Politica Economica

Aspettative, Produzione e Politica Economica Aspettative, Produzione e Politica Economica In questa lezione: Studiamo gli effetti delle aspettative sui livelli di spesa e produzione. Riformuliamo il modello IS-LM in un contesto con aspettative. Determiniamo

Dettagli

INVESTIRE PER CRESCERE STATI GENERALI DELL EDITORIA 2006 ROMA 21-22 SETTEMBRE

INVESTIRE PER CRESCERE STATI GENERALI DELL EDITORIA 2006 ROMA 21-22 SETTEMBRE INVESTIRE PER CRESCERE STATI GENERALI DELL EDITORIA 2006 ROMA 21-22 SETTEMBRE Rendimenti privati e sociali dell istruzione Piero Cipollone Banca d Italia, Servizio Studi Doi: 10.1389/SG2006_Cipollone_Slide

Dettagli

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili.

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili. Esercizi 2014-2015 IL BREVE PERIODO Esercizio 1 Si consideri il seguente sistema economico in cui operano solamente due (categorie di) imprese, e la cui attività può essere sintetizzata come segue: Impresa

Dettagli

Il capitale umano per il XXI secolo

Il capitale umano per il XXI secolo Il capitale umano per il XXI secolo Ignazio Visco Vice Direttore Generale Banca d Italia Bari, 8 aprile 2011 Le forze della demografia In Italia forte invecchiamento della popolazione, riflesso di calo

Dettagli

Domanda e Offerta. G. Pignataro Microeconomia SPOSI

Domanda e Offerta. G. Pignataro Microeconomia SPOSI Domanda e Offerta Domanda e Offerta Il meccanismo di mercato Variazioni dell equilibrio di mercato Elasticità della domanda e dell offerta Elasticità di breve e di lungo periodo Gli effetti dell intervento

Dettagli

Scelte di istruzione e mercato del lavoro. Giorgia Casalone Università del Piemonte Orientale

Scelte di istruzione e mercato del lavoro. Giorgia Casalone Università del Piemonte Orientale Scelte di istruzione e mercato del lavoro Giorgia Casalone Università del Piemonte Orientale Perché istruirsi? 1. L istruzione come bene di consumo : mi piace studiare 2.L istruzione come bene di investimento

Dettagli

La condizione della famiglia nella provincia di Verona

La condizione della famiglia nella provincia di Verona La condizione della famiglia nella provincia di Verona E uno studio sulle famiglie della provincia di Verona, condotto a livello territoriale, che entra nel dettaglio della loro composizione, della loro

Dettagli

Scelta intertemporale: Consumo vs. risparmio

Scelta intertemporale: Consumo vs. risparmio Scelta intertemporale: Consumo vs. risparmio Fino a questo punto abbiamo considerato solo modelli statici, cioè modelli che non hanno una dimensione temporale. In realtà i consumatori devono scegliere

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014)

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) A cura dell Ente Nazionale per il Microcredito, Team di monitoraggio Il monitoraggio condotto dall Ente

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

Investimenti Diretti Esteri

Investimenti Diretti Esteri Investimenti Diretti Esteri Daniele Mantegazzi IRE, Università della Svizzera Italiana 14 novembre 2013 Daniele Mantegazzi Economia Internazionale 14 novembre 2013 1 / 24 Contenuti e struttura della lezione

Dettagli

Invecchiamento della popolazione e welfare attivo per tutte le età

Invecchiamento della popolazione e welfare attivo per tutte le età Invecchiamento della popolazione e welfare attivo per tutte le età Alessandro Rosina alessandro.rosina@unicatt.it RIVOLUZIONE INDUSTRIALE/ TRANSIZIONE DEMOGRAFICA I 150 anni che hanno cambiato (per sempre)

Dettagli

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017 Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio

Dettagli

LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DEL LAVORO

LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DEL LAVORO LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DEL LAVORO Numerose ricerche hanno riconosciuto il contributo cruciale e multidimensionale In particolare tra i gruppi più a rischio ci sono: Nella presente sintesi

Dettagli

Problema aperto. Come si determina il tasso di cambio atteso? il tasso di cambio di lungo periodo?

Problema aperto. Come si determina il tasso di cambio atteso? il tasso di cambio di lungo periodo? Il comportamento dei tassi di cambio nel lungo periodo Problema aperto Come si determina il tasso di cambio atteso? il tasso di cambio di lungo periodo? Il comportamento dei tassi di cambio nel lungo periodo

Dettagli