LE PARI OPPORTUNITÀ NELL UNIONE EUROPEA e la condizione delle donne nei balcani occidentali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE PARI OPPORTUNITÀ NELL UNIONE EUROPEA e la condizione delle donne nei balcani occidentali"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA EUROPE DIRECT LEZIONI D EUROPA 2012 LE PARI OPPORTUNITÀ NELL UNIONE EUROPEA e la condizione delle donne nei balcani occidentali FEDERICA DI SARCINA Università di Siena Modulo europeo Jean Monnet «L UE e le pari opportunità»

2 8 MARZO «GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA DONNA» Da quando si celebra ufficialmente? Dal 1977, in seguito a una decisione dell Assemblea generale delle Nazioni Unite che riconobbe «gli sforzi della donna in favore della pace e la necessità della loro piena e paritaria partecipazione alla vita civile e sociale». Perché l Onu ha scelto proprio l 8 marzo? Perché fin dall inizio del secolo scorso, in un clima di rivendicazione di diritti influenzato specialmente dalle proposte e dall azione del Congresso Socialista, le donne avevano scelto questa data per celebrare le loro conquiste. Infatti l 8 marzo era il giorno in cui, più di altri, le donne erano state protagoniste di grandi eventi. Quali eventi? Nel 1908 a New York decine di migliaia di operaie protestarono con una marcia per ottenere lavoro e paga più dignitosi, per il diritto di voto e l abolizione del lavoro minorile. Lo slogan era «Bread and Roses»: pane per simboleggiare la sicurezza economica e rose a indicare una qualità di vita migliore. Ma negli Usa la prima giornata della donna fu voluta dal partito socialista per il diritto di voto la domenica del 28 febbraio 1909.

3 8 MARZO «GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA DONNA» E nel resto del mondo? In alcuni Paesi europei la giornata della donna si tenne per la prima volta il 19 marzo 1911 su scelta del Segretariato internazionale delle donne socialiste. Poi a San Pietroburgo l'8 marzo 1917 le donne russe guidarono una grande manifestazione che chiedeva la fine della guerra, dando inizio alla rivoluzione che diede fine allo zarismo. In Italia la Giornata internazionale della donna fu tenuta per la prima volta nel 1922 per iniziativa del Partito comunista che volle celebrarla il 12 marzo, prima domenica successiva all'8 marzo 1917 La festa è anche legata alla morte in un rogo di oltre cento donne Il 25 marzo del 1911 ci fu un incendio alla «Triangle Shirtwaist Company» di New York (a Washington Square, nella zona industriale Est di Manhattan), che produceva le camicette alla moda di allora: ma erroneamente si è diffusa la credenza secondo cui la tragedia sarebbe avvenuta l 8 marzo. Nel rogo morirono 146 operai di cui 129 donne, quasi tutte camiciaie immigrate italiane ed ebree dell Europa dell Est. Erano rinchiuse a chiave nello stabilimento durante il lavoro per il timore di furti o di pause troppo lunghe: 62 di loro nel disperato tentativo di scampare alle fiamme si lanciarono dalle finestre dell edificio, alto 10 piani. Alcune avevano 12 o 13 anni e facevano turni di 14 ore al giorno: la settimana lavorativa andava dalle 60 alle 72 ore con un salario dai 6 ai 7 dollari la settimana.

4 LA MIMOSA L idea di abbinare alla festa della donna un fiore è solo italiana e fu di Rita Montagnana e Teresa Mattei, due attiviste dell UDI (Unione donne italiane) nel 1946: la mimosa fu scelta perché fiorisce nei primi giorni di marzo e non costa tanto, per cui è accessibile a molti.

5 SUFFRAGIO FEMMINILE IN EUROPA

6 L UNIONE EUROPEA OGGI: 500 MILIONI DI ABITANTI, 27 PAESI Stati membri dell Unione europea Paesi candidati

7 L UGUAGLIANZA TRA UOMINI E DONNE UN VALORE FONDAMENTALE DELL UE 1. Il Trattato di Roma (1957) 2. Il Trattato di Amsterdam (1997) Articolo 119 sulla parità salariale Articolo 2 e 3 del TUE; articolo 13 e 141 del TCE 3. Trattato di Lisbona (2009) Articolo 2 e 3 del TUE; articolo 8 e 10 del TFUE 4. Carta dei diritti fondamentali dell UE Articolo 23

8 UN APPROCCIO DUPLICE GENDER MAINSTREAMING INTEGRAZIONE DEL PRINCIPIO DI PARI OPPORTUNITÀ IN TUTTE LE POLITICHE COMUNITARIE MISURE SPECIFICHE Legislazione Campagne di sensibilizzazione Programmi di finanziamento

9 LA DIRETTIVE COMUNITARIE SULLA PARITÀ TRA UOMINI E DONNE Oltre ai diritti sanciti nei Trattati, tra il 1975 e il 2010 sono state adottate 15 Direttive europee. Questo corpus normativo concerne: Parità salariale Parità di trattamento in ambito lavorativo e nei regimi di sicurezza sociale Il congedo parentale La sicurezza delle lavoratrici incinte Le lavoratrici autonome La lotta contro le molestie sessuali Queste direttive costituiscono il PILASTRO SOCIALE della politica di pari opportunità della CEE/UE perché sanciscono il principio della parità di trattamento tra i lavoratori e le lavoratrici

10 LE DIRETTIVE SULLA PARITÀ DI TRATTAMENTO «Grazie a questa legislazione la Comunità si è posta tra gli spazi giuridici più avanzati del mondo ed ha stimolato e sostenuto in un decennio difficile il potere contrattuale femminile, l evoluzione della mentalità, armonizzando «verso l alto» le legislazioni degli Stati membri. Attraverso questa legislazione le donne sono venute costituendosi come uno dei gruppi sociali a più alto interesse rispetto al proseguimento dell integrazione comunitaria» Paola Gaiotti de Biase Parlamentare europea

11 GENDER PAY GAP

12 DALLA PARITÀ ALLE PARI OPPORTUNITÀ -Il concetto di pari opportunità è strettamente legato al concetto di eguaglianza sostanziale -È nato negli USA negli anni Sessanta per lottare contro la discriminazione razziale -Le politiche pari opportunità mirano a ristabilire gli stessi punti di partenza nella vita sociale, economica, politica tra gli appartenenti ai diversi gruppi sociali attraverso l adozione di «azioni positive» -Le politiche di pari opportunità non garantiscono naturalmente il conseguimento degli stessi risultati

13 PIANI D AZIONE PER LA PARITÀ DELLE POSSIBILITÀ TRA GLI UOMINI E LE DONNE QUARTO PROGRAMMA D AZIONE ( ) 1. Acquisizione di poteri e responsabilità 2. Integrazione del punto di vista di genere nelle politiche governative 3. Formazione di una cultura della differenza di genere 4. Prevenzione e tutela della salute 5. Prevenzione e repressione della violenza 6. Cooperazione e relazioni internazionali 7. Politiche di sviluppo e di promozione dell occupazione 8. Valorizzazione della professionalità e della imprenditorialità femminile 9. Politiche dei tempi, degli orari e dell organizzazione del lavoro

14 PROGRAMMI DI FINANZIAMENTO 1. Il Fondo Sociale Europeo 2. Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 3. PROGRESS 4. DAPHNE 5. STOP Formazione professionale delle donne Promozione delle strutture per l infanzia in età prescolare Implementazione degli obiettivi dell Agenda Sociale Europea (occupazione, inclusione sociale; condizioni di lavoro; non discriminazione; pari opportunità); 50,3 milioni di Euro per i progetti che riguardano le pari opportunità Protezione di bambini e donne da ogni forma di violenza Combattere la tratta di donne e bambini

15 DAPHNE III ( ) Assistenza e sostegno alle organizzazioni non governative e ad altre organizzazione attive nella lotta contro la violenza di genere Elaborare e attuare delle azioni di sensibilizzazione mirate Diffondere i risultati ottenuti nel quadro dei programmi Daphne precedenti Definire e rafforzare le azioni che contribuiscono al trattamento positivo delle persone minacciate dalla violenza Creare e sostenere le reti interdisciplinari Assicurare la diffusione delle best practices Elaborare e testare strumenti di sensibilizzazione e di educazione Studiare i fenomeni legati alla violenza Elaborare programmi di assistenza alle persone a rischio nonchè d intervento sui colpevoli

16 LE PRIORITÀ DELLA COMMISSIONE EUROPEA LA STRATEGIA PER L UGUAGLIANZA TRA GLI UOMINI E LE DONNE ( ) Documento con il quale la Commissione europea ha ribadito il suo impegno nella promozione dell uguaglianza di genere in tutte le politiche comunitarie per le seguenti priorità tematiche: Pari indipendenza economica Parità salariale Parità nel processo decisionale Dignità, integrità e fine della violeza di genere Gender equality nelle relazioni esterne Questioni orizzontali (ruoli di genere, legislazione e governance)

17 L UNIONE EUROPEA E L EMPOWERMENT FEMMINILE Contributo del primo Parlamento europeo eletto a suffragio universale diretto (1979) Nascita del network «Women in decision-making» Vertice di Atene su «Women in Power» Conferenza mondiale di Pechino Entrata della Svezia e della Finlandia nell UE La questione dell acquisizione di poteri e responsabilità da parte delle donne è divenuto il primo punto del Quarto programma d azione ( ) Summit europeo Le donne per il rinnovamento della politica e della società - La Carta di Roma (1996) Raccomandazione del Consiglio del 2 dicembre 1996 riguardante la partecipazione di donne e uomini al processo decisionale

18 IL CONTRIBUTO DI VIVIANE REDING VICEPRESIDENTE DELLA COMMISSIONE EUROPEA E RESPONSABILE ALLA GIUSTIZIA, DIRITTI FONDAMENTALI E CITTADINANZA Il 1 marzo 2011 la Commissaria ha dichiarato sul suo sito personale l auspicio di vedere le donne più numerose nei CDA: 30% nel 2015, 40% nel 2020 Per il raggiungimento di questo obiettivo la Commissaria conta sull autoregolamentazione e ha fatto un appello alle imprese affinchè «esse utilizzino tutti i talenti della nostra società europea per far decollare l economia». Se entro l 8 marzo 2012 l autoregolazione non si sarà rivelata efficace allora la Commissaria sarà disposta ad andare oltre (proporrà una direttiva europea?) Dal 1 marzo la Commissaria europea ha inoltre aperto una pagina sul suo sito internet «Più donne nei CDA, una promessa per l Europa» che può essere sottoscritta dalle aziende europee allo scopo di «sviluppare mezzi credibili per ottenere un numero più elevato di donne nelle posizioni apicali»

19 LEGGE DEL 12 LUGLIO 2011, N MODIFICHE AL TESTO UNICO DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA, DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO 24 FEBBRAIO 1998, N. 58, CONCERNENTI LA PARITÀ DI ACCESSO AGLI ORGANI DI AMMINISTRAZIONE E DI CONTROLLO DELLE SOCIETÀ QUOTATE IN MERCATI REGOLAMENTATI La proposta di legge è stata propsta dall onorevole Lella Golfo (PDL) e dall onorevole Manuela Mosca (PD) Approvata con 438 sì, 27 no e 64 astenuti «L Italia più vicina all Europa» (onorevole R. Bindi)

20 LEGGE DEL 12 LUGLIO 2011, N MODIFICHE AL TESTO UNICO DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA, DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO 24 FEBBRAIO 1998, N. 58, CONCERNENTI LA PARITÀ DI ACCESSO AGLI ORGANI DI AMMINISTRAZIONE E DI CONTROLLO DELLE SOCIETÀ QUOTATE IN MERCATI REGOLAMENTATI Effettuare la distribuzione degli amministratori da eleggere in base a un criterio che assicuri l equilibrio tra i generi I CDA dovranno essere composti da un quinto di donne a partire dal 2012 e da un terzo di donne a partire dal 2015 Qualora la composizione del Consiglio di amministrazione risultante dall elezione non dovesse rispettare il criterio di riparto previsto la Consob diffida la società Se dopo 4 mesi dalla diffida non v è stato nessun adeguamento: sanzione da euro a 1 milione di euro per i CDA e da euro a euro per i collegi sindacali In caso di ulteriore inottemperanza i componenti eletti decadono dalla carica

21 DONNE E UOMINI NEI RUOLI DECISIONALI

22 PERCENTUALE DI DEPUTATE AL PARLAMENTO EUROPEO NEI PAESI MEMBRI ( )

23 Il soffitto di cristallo non è stato ancora scalfito Il soffitto di cristallo è quella barriera invisibile derivante da una complessa interazione di strutture nell'ambito delle organizzazioni che impedisce alle donne di accedere a posti di responsabilità Per scalfire il soffitto di cristallo è necessaria la definizione e l implementazione di azioni positive volte ad invertire quei fattori discriminatori che vedono le donne - oramai largamente presenti sul mercato del lavoro - vittime di una segregazione occupazionale ai livelli più bassi delle gerarchie aziendali ( verticale (segregazione In occasione del Consiglio europeo di Lisbona del 2000 l UE ha posto l obiettivo di raggiungere un tasso di occupazione femminile pari al 60% ed ha altresì messo in luce la necessità di migliorare la qualità dell occupazione delle donne accrescendo la qualificazione professionale, promuovendo l accesso delle donne alle professioni tecnico-scientifiche, i percorsi di carriera e l imprenditorialità femminile.

24

25 LE PRIORITÀ DELLA COMMISSIONE EUROPEA LA CARTA DELLE DONNE (2010): This Charter represents the commitment of the Commission to making gender equality a reality in the EU. Women and men still face widespread inequalities, with serious repercussions for economic and social cohesion, sustainable growth and competitiveness, and the ageing of Europe's population. It is therefore important to include a strong gender dimension in the future Europe 2020 strategy that the Commission will develop in the next five years. Especially in times of crisis, we need to incorporate the gender dimension in all of our policies, for the benefit of both women and men José Manuel Barroso Presidente della Commissione europea

26 TASSO DI OCCUPAZIONE E DI DISOCCUPAZIONE MASCHILE E FEMMINILE

27 TASSO DI OCCUPAZIONE MASCHILE E FEMMINILE A SECONDA DELLA PROLE CON MENO DI 12 ANNI

28 RISCHIO DI POVERTÀ

29 VERSO NUOVI ALLARGAMENTI

30 PAESI «CANDIDATI POTENZIALI»

31 CONCLUSIONI Le pari opportunità sono un valore fondamentale dell UE Alle origini della costruzione europea, l uguaglianza tra i sessi era un concetto estremamente ristretto Nel tempo il principio di uguaglianza tra gli uomini e le donne è stato ampliato: 1. Nell ambito sociale 2. Nell ambito della protezione dei diritti umani 3. In tutti i campi d azione dell UE Problemi legati all implementazione della politica di pari opportunità della CEE/UE negli Stati membri Problematiche poste da eventuali futuri allargamenti dell UE Importanza dello sviluppo della cultura di parità nei paesi dell UE

32 Grazie!

CdA in Italia: presenza femminile nelle società pubbliche. Le potenzialità di una valutazione in chiave di genere della Legge 120/2011

CdA in Italia: presenza femminile nelle società pubbliche. Le potenzialità di una valutazione in chiave di genere della Legge 120/2011 LA PRESENZA DELLE DONNE NEI CDA Misurazioni Qualiquantitative 26 marzo 2015 Torino Consiglio Regionale del Piemonte CdA in Italia: presenza femminile nelle società pubbliche. Le potenzialità di una valutazione

Dettagli

CONVEGNO INTERNAZIONALE LA COSTRUZIONE DI UNA SOCIETÀ CIVILE EUROPEA NELL AMBITO DELLA PARITÀ TRA LE DONNE E GLI UOMINI.

CONVEGNO INTERNAZIONALE LA COSTRUZIONE DI UNA SOCIETÀ CIVILE EUROPEA NELL AMBITO DELLA PARITÀ TRA LE DONNE E GLI UOMINI. CONVEGNO INTERNAZIONALE LA COSTRUZIONE DI UNA SOCIETÀ CIVILE EUROPEA NELL AMBITO DELLA PARITÀ TRA LE DONNE E GLI UOMINI. L EREDITÀ DI FAUSTA DESHORMES LA VALLE 25 settembre 2015, ore 9:00-16.30 Archivi

Dettagli

Uno sguardo di genere sull Europa: cinquant anni di politiche di genere. Annalisa De Vivo

Uno sguardo di genere sull Europa: cinquant anni di politiche di genere. Annalisa De Vivo Uno sguardo di genere sull Europa: cinquant anni di politiche di genere. di Annalisa De Vivo L attuale allontanamento della società civile dal processo d integrazione europea rende difficile poter parlare

Dettagli

Ogni anno, l 8 Marzo si celebra la "Festa della donna". Ma perché è stata istituita? E perché proprio l 8 Marzo? Questa data ricorda una terribile

Ogni anno, l 8 Marzo si celebra la Festa della donna. Ma perché è stata istituita? E perché proprio l 8 Marzo? Questa data ricorda una terribile Ogni anno, l 8 Marzo si celebra la "Festa della donna". Ma perché è stata istituita? E perché proprio l 8 Marzo? Questa data ricorda una terribile tragedia, avvenuta l 8 Marzo 1908, a New York, negli Stati

Dettagli

I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI

I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI TUTELA DELLA DONNA E DEL FANCIULLO: LEGGE 242/1902 CARCANO Riveste un importanza notevole per aver introdotto il congedo di maternità di un mese dopo il parto, riducibile

Dettagli

LA ROAD MAP 2006-2010 PER LE PARI OPPORTUNITA TRA DONNE E UOMINI PRESENTATA ALLA COMMISSIONE EUROPEA DALLA LOBBY EUROPEA DELLE DONNE.

LA ROAD MAP 2006-2010 PER LE PARI OPPORTUNITA TRA DONNE E UOMINI PRESENTATA ALLA COMMISSIONE EUROPEA DALLA LOBBY EUROPEA DELLE DONNE. LOBBY EUROPEEN DES FEMMES EUROPEAN WOMEN S LOBBY LOBBY EUROPEA DELLE DONNE LA ROAD MAP 2006-2010 PER LE PARI OPPORTUNITA TRA DONNE E UOMINI PRESENTATA ALLA COMMISSIONE EUROPEA DALLA LOBBY EUROPEA DELLE

Dettagli

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 COMUNE DI VANZAGHELLO PROVINCIA DI MILANO Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 Il Decreto Legislativo 11 aprile 2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art.

Dettagli

La precedette in questo la russa Anna Kuliscioff che volle estendere il suffragio universale anche alle donne sin dal 1894.

La precedette in questo la russa Anna Kuliscioff che volle estendere il suffragio universale anche alle donne sin dal 1894. Otto marzo, la vera storia Le personalità della Storia Socialista Clara Eissner Zetkin L 8 Marzo, come il Primo Maggio, è una festa socialista. Infatti, fu la Conferenza internazionale delle donne socialiste,

Dettagli

Lingue della conferenza: Inglese, Italiano (non sarà assicurata la traduzione simultanea)

Lingue della conferenza: Inglese, Italiano (non sarà assicurata la traduzione simultanea) CONVEGNO INTERNAZIONALE LA COSTRUZIONE DI UNA SOCIETÀ CIVILE EUROPEA NELL AMBITO DELLA PARITÀ TRA LE DONNE E GLI UOMINI. L EREDITÀ DI FAUSTA DESHORMES LA VALLE 25 settembre 2015, ore 9:00-16.30 Archivi

Dettagli

Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015

Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015 Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015 (Art. 48 D.Lgs. 11.4.2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art. 6 della L. 28 novembre 2005, n. 246) Il tema delle pari

Dettagli

L Agenda Sociale Europea

L Agenda Sociale Europea L Agenda Sociale Europea La politica sociale europea La politica sociale e per l'occupazione dell'unione Europea mira a promuovere l'occupazione, il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro,

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

Le ragazze e le carriere scientifiche

Le ragazze e le carriere scientifiche Le ragazze e le carriere scientifiche La cittadinanza subalterna delle donne nelle carriere scientifiche Perché le donne sono tanto poco rappresentate ai vertici delle carriere scientifiche, sia nel settore

Dettagli

Dal Piano interno integrato delle azioni regionali in materia di pari opportunità di genere

Dal Piano interno integrato delle azioni regionali in materia di pari opportunità di genere Supplemento 2.2008 97 Dal Piano interno integrato delle azioni regionali in materia di pari opportunità di genere Nell allegato che segue si presenta uno stralcio del Piano interno integrato delle azioni

Dettagli

Notizie dall Unione europea

Notizie dall Unione europea Commissione Speciale sui Rapporti con l Unione europea e sulle Attività Internazionali della Regione Notizie dall Unione europea 10 dicembre 2007 Promozione dei prodotti agricoli comunitari all esterno

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

Data 25 ottobre 2012

Data 25 ottobre 2012 Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Rendere la Carta giuridicamente vincolante Dichiarazione urgente sulla Carta dei Diritti fondamentali adottata dal XI Congresso della Ces il 24 maggio 2007 La Ces ha appreso con grande preoccupazione l

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO Allegato A) delibera G.C. n. 62 del 16/09/2015 Il Segretario Comunale F.to dott.ssa Maria Teresa Vella PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO ai sensi dell art. 48 del D. Lgs. n. 198/2006

Dettagli

Il Consiglio d'europa: attività e opportunità per i giovani. Lezioni d'europa Siena 24 Marzo 2014. Silvia Volpi

Il Consiglio d'europa: attività e opportunità per i giovani. Lezioni d'europa Siena 24 Marzo 2014. Silvia Volpi Il Consiglio d'europa: attività e opportunità per i giovani Lezioni d'europa Siena 24 Marzo 2014 Silvia Volpi Argomenti Cenni sul Consiglio d'europa e suoi organi La Corte Europea dei diritti umani Cenni

Dettagli

Come è cambiata la comunicazione pubblica di genere: alcuni passaggi fondamentali. Anna Catasta. Centro di Iniziativa Europea 20 aprile 2010

Come è cambiata la comunicazione pubblica di genere: alcuni passaggi fondamentali. Anna Catasta. Centro di Iniziativa Europea 20 aprile 2010 MICOMUNICO COMUNICAZIONE DI GENERE NELLA PROVINCIA DI MILANO Come è cambiata la comunicazione pubblica di genere: alcuni passaggi fondamentali Anna Catasta Centro di Iniziativa Europea 20 aprile 2010 1

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 11 aprile 2008 - Deliberazione N. 661 - Area Generale di Coordinamento N. 18 - Assistenza Sociale, Attività Sociali, Sport, Tempo Libero, Spettacolo N.

Dettagli

I Fondi Strutturali nelle politiche di coesione e la promozione delle Pari Opportunità

I Fondi Strutturali nelle politiche di coesione e la promozione delle Pari Opportunità I Fondi Strutturali nelle politiche di coesione e la promozione delle Pari Opportunità di Luisa Zappella Nel lungo percorso di costruzione dell Europa Unita gli obiettivi si sono progressivamente spostati

Dettagli

L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL

L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL L UFFICIO PARI OPPORTUNITA LA CONSIGLIERA DI PARITA PROVINCIALE IL CUG DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PRESENTANO IL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2015-2017 DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

Dettagli

CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO

CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO Il Vertice Mondiale 2005 dibatterà le proposte che potrebbero dar vita alla ristrutturazione di maggiore portata che le Nazioni Unite abbiano mai conosciuto nei sessanta

Dettagli

PIANO POSITIVE 2014-2016. in collaborazione con il Comitato Unico di Garanzia

PIANO POSITIVE 2014-2016. in collaborazione con il Comitato Unico di Garanzia comune di trieste piazza Unità d Italia 4 34121 Trieste tel 040 6751 www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA RISORSE UMANE E SERVIZI AL CITTADINO PIANO DI AZIONI POSITIVE 2014-2016 a cura della

Dettagli

Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere

Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere P7_TA-PROV(2010)0037 Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere Risoluzione del Parlamento europeo del 25 febbaio 2010 su Pechino +15: Piattaforma d'azione delle Nazioni

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2014-2019 Commissione per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere 12.11.2014 2014/0000(INI) PROGETTO DI RELAZIONE sulla parità tra donne e uomini nell'unione europea nel 2013

Dettagli

COMUNE DI MONTALCINO

COMUNE DI MONTALCINO COMUNE DI MONTALCINO ORIGINALE Deliberazione della Giunta Comunale Seduta del 13/03/2015 ore 17:30 Presso il Palazzo Comunale di Montalcino Presiede NAFI ALESSANDRO Vicesindaco Assiste il Dott. DOTTORI

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

Analisi della situazione delle donne scienziato nella Europa dell Est. Dr. Dóra Groó Hungarian Science and Technology Foundation

Analisi della situazione delle donne scienziato nella Europa dell Est. Dr. Dóra Groó Hungarian Science and Technology Foundation Analisi della situazione delle donne scienziato nella Europa dell Est Dr. Dóra Groó Hungarian Science and Technology Foundation 1 WS DEBATE Stimolare un dibattito politico sul tema delle donne e la scienza

Dettagli

Il 26 ottobre 2012 è stato approvato in via definitiva dal Consiglio dei Ministri il regolamento relativo alle quote di genere nelle società

Il 26 ottobre 2012 è stato approvato in via definitiva dal Consiglio dei Ministri il regolamento relativo alle quote di genere nelle società Il 26 ottobre 2012 è stato approvato in via definitiva dal Consiglio dei Ministri il regolamento relativo alle quote di genere nelle società pubbliche. Mentre per le società quotate, con delibera emanata

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 02-04-2009 REGIONE TOSCANA. Cittadinanza di genere.

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 02-04-2009 REGIONE TOSCANA. Cittadinanza di genere. LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 02-04-2009 REGIONE TOSCANA Cittadinanza di genere. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA N. 11 del 6 aprile 2009 Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

ALCUNE TAPPE IMPORTANTI DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE NEL MONDO ED IN EUROPA

ALCUNE TAPPE IMPORTANTI DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE NEL MONDO ED IN EUROPA Una lunga serie di conferenze, pubblicazioni, programmi internazionali ed europei, tra cui i seguenti a carattere più generale (molte altre iniziative riguardano specifici settori) caratterizzano il percorso

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

IL COLLEGIO SINDACALE AL CENTRO DELLA RETE DEI CONTROLLI SOCIETARI. Focus di approfondimento tematico Pianificazione e sviluppo dei controlli

IL COLLEGIO SINDACALE AL CENTRO DELLA RETE DEI CONTROLLI SOCIETARI. Focus di approfondimento tematico Pianificazione e sviluppo dei controlli COMITATO PARI OPPORTUNITÀ ODCEC TORINO IL COLLEGIO SINDACALE AL CENTRO DELLA RETE DEI CONTROLLI SOCIETARI Focus di approfondimento tematico Pianificazione e sviluppo dei controlli Torino, 5 ottobre 2012

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE WOMEN (Women of Mediterranean, east and south European Network)

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE WOMEN (Women of Mediterranean, east and south European Network) STATUTO DELL ASSOCIAZIONE WOMEN (Women of Mediterranean, east and south European Network) PREMESSA Il 26 marzo 1999 veniva sottoscritto a Forlì il protocollo d intesa per la realizzazione di una rete delle

Dettagli

Paola Profeta Università Bocconi 28 October 2013

Paola Profeta Università Bocconi 28 October 2013 Paola Profeta Università Bocconi 28 October 2013 Il contesto Le donne sono sotto-rappresentate nei processi decisionali in Europa. In Italia il fenomeno è particolarmente accentuato Nonostante ciò, l Italia

Dettagli

Relatrice. Dott.ssa Fiammetta Perrone Responsabile Nazionale Commissione Donne Politiche Sociali Pari Opportunità

Relatrice. Dott.ssa Fiammetta Perrone Responsabile Nazionale Commissione Donne Politiche Sociali Pari Opportunità Relatrice Dott.ssa Fiammetta Perrone Responsabile Nazionale Commissione Donne Politiche Sociali Pari Opportunità STATUTO NAZIONALE FIDAPA BPW ITALY ART. 4 COM. 4 Le socie possono essere raggruppate in

Dettagli

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE a cura della Consigliera di Parità Avv. Maria Francesca Siclari INDICE Perché fare un piano triennale Premesse legislative Linee guida

Dettagli

Cittadinanza di genere

Cittadinanza di genere Regione Toscana Diritti Valori Innovazione Sostenibilità Cittadinanza di genere Legge regionale n. 16-2 aprile 2009 Piano per la cittadinanza di genere Delibera consiliare n. 56-30 settembre 2009 Cittadinanza

Dettagli

Legge Regionale Marche 2 marzo 1998, n. 2

Legge Regionale Marche 2 marzo 1998, n. 2 Legge Regionale Marche 2 marzo 1998, n. 2 Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati pubblicata su B.U.R. MARCHE n. 23 del 12 marzo 1998 Capo I Principi generali Art. 1 (Finalità) 1. La Regione,

Dettagli

POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE Manuela Samek Lodovici IRS- Università Cattolica Milano 21 novembre 2013 Diverse forme e contesti di violenza contro le donne,

Dettagli

50 VERSO LA PARITA A cinquant anni dalla Sentenza della Corte Costituzionale n 33/1960 LA PARITA TRA DONNE E UOMINI IN ITALIA ED EUROPA

50 VERSO LA PARITA A cinquant anni dalla Sentenza della Corte Costituzionale n 33/1960 LA PARITA TRA DONNE E UOMINI IN ITALIA ED EUROPA 50 VERSO LA PARITA A cinquant anni dalla Sentenza della Corte Costituzionale n 33/1960 LA PARITA TRA DONNE E UOMINI IN ITALIA ED EUROPA Un cinquantennio fa una donna, la dottoressa Rosa Oliva, ha deciso

Dettagli

DONNE ED AMBIENTE DI LAVORO

DONNE ED AMBIENTE DI LAVORO DONNE ED AMBIENTE DI LAVORO La sicurezza di genere nell ambiente di lavoro: benessere organizzativo e mobbing. Casistica e politiche di prevenzione Francesca Larese Filon La parità tra uomini e donne deve

Dettagli

Cosa può fare per voi l Europa sociale?

Cosa può fare per voi l Europa sociale? DOSSIER Cosa può fare per voi l Europa sociale? Campagna di Comunicazione e Informazione della Commissione Europea sull Europa Sociale 1 2 Campagna di comunicazione e informazione della Commissione europea

Dettagli

Lo Sport come strumento per la realizzazione degli obiettivi del Millennio dell onu

Lo Sport come strumento per la realizzazione degli obiettivi del Millennio dell onu Sport e Diritti Umani 249 Capitolo quarto Lo Sport come strumento per la realizzazione degli obiettivi del Millennio dell onu Jacopo Tognon ed Elisabetta Biviano Nel corso del Vertice del Millennio, convocato

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2013/2015 Definitivo

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2013/2015 Definitivo CO M U N E D I S A N V I T O Provincia di Cagliari Allegato A) alla delibera di Giunta Comunale N. 67 del 30/06/2014 Il Segretario Comunale F.to dott.ssa Maria Teresa Vella PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P)

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

COMUNE di LENTATE SUL SEVESO

COMUNE di LENTATE SUL SEVESO COMUNE di LENTATE SUL SEVESO Provincia di Monza e della Brianza PIANO DELLE AZIONI POSITIVE Triennio 2015/2017 Riferimenti normativi: - Decreto Legislativo 11 aprile 2006, n. 198 «Codice delle pari opportunità

Dettagli

sustainable Codice di condotta del settore tessile e della moda tedesco

sustainable Codice di condotta del settore tessile e della moda tedesco sustainable Codice di condotta del settore tessile e della moda tedesco Premessa Le aziende del settore tessile e della moda tedesco professano la propria responsabilità com-merciale a prescindere del

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 14.1.2003 COM (2003) 6 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO, AL PARLAMENTO EUROPEO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE E AL COMITATO DELLE

Dettagli

ISSN 2284-3531 Ordine internazionale e diritti umani, (2014), pp. 390-395.

ISSN 2284-3531 Ordine internazionale e diritti umani, (2014), pp. 390-395. OSSERVATORIO SULLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA N. 2/2014 2. MATERNITÀ SURROGATA: LA NORMATIVA DELL UNIONE EUROPEA NON CONTEMPLA IL DIRITTO DI UNA MADRE COMMITTENTE AD OTTENERE UN CONGEDO RETRIBUITO

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

Tesi di laurea triennale. Università degli Studi di Macerata. Corso di laurea di servizio sociale

Tesi di laurea triennale. Università degli Studi di Macerata. Corso di laurea di servizio sociale Tesi di laurea triennale Università degli Studi di Macerata Corso di laurea di servizio sociale Titolo della tesi: Lavoro femminile e pari opportunità Anno accademico 2012-2013 Studentessa: Michela Santarelli

Dettagli

Rapporto di ricerca: L occupazione femminile e maschile nelle imprese altoatesine con oltre 100 dipendenti

Rapporto di ricerca: L occupazione femminile e maschile nelle imprese altoatesine con oltre 100 dipendenti Seminario finale del progetto FSE «Gender pay gap: buone prassi e modelli di sperimentazione (Progetto 2/240/2010) Rapporto di ricerca: L occupazione femminile e maschile nelle imprese altoatesine con

Dettagli

Statuto. 2. 6 Pari opportunità

Statuto. 2. 6 Pari opportunità Statuto 2. 6 Pari opportunità a) L Ateneo si impegna a garantire il rispetto del principio costituzionale delle pari opportunità nell accesso agli studi, nel reclutamento del personale e nelle progressioni

Dettagli

UFFICIO STUDI E RAPPORTI ISTITUZIONALI SERVIZIO PER I RAPPORTI CON LE CONFESSIONI RELIGIOSE E LE RELAZIONI ISTITUZIONALI

UFFICIO STUDI E RAPPORTI ISTITUZIONALI SERVIZIO PER I RAPPORTI CON LE CONFESSIONI RELIGIOSE E LE RELAZIONI ISTITUZIONALI UFFICIO STUDI E RAPPORTI ISTITUZIONALI SERVIZIO PER I RAPPORTI CON LE CONFESSIONI RELIGIOSE E LE RELAZIONI ISTITUZIONALI DIRITTI I UMANII E LIBERTÀ RELIGIOSA NEII SITII WEB DELLE IISTI ITUZIONII EUROPEE

Dettagli

Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016

Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016 Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016 Documento finale Conferenza mondiale de L Aia sul lavoro minorile 2010 Verso un mondo senza lavoro minorile Tabella di

Dettagli

A. SOSTEGNO AD UNA EQUILIBRATA

A. SOSTEGNO AD UNA EQUILIBRATA Indice Premessa 7 A. SOSTEGNO AD UNA EQUILIBRATA PARTECIPAZIONE DI GENERE AL MERCATO DEL LAVORO Normative nazionali relative alla presenza di donne e uomini nei settori strategici e nei luoghi decisionali

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Belgio Francia Italia

Belgio Francia Italia Cronologie comparate: Evoluzione del diritto comunitario e delle legislazioni in Belgio, Francia e Italia Data 1791 1804 Diritto internazionale e comunitario Belgio Francia Italia Le donne ottengono il

Dettagli

Le politiche di genere nella strategia Europa 2020 alla prova della crisi economica e dell'ue. Possibili strategie alternative Mariagrazia Rossilli

Le politiche di genere nella strategia Europa 2020 alla prova della crisi economica e dell'ue. Possibili strategie alternative Mariagrazia Rossilli 1 Le politiche di genere nella strategia Europa 2020 alla prova della crisi economica e dell'ue. Possibili strategie alternative Mariagrazia Rossilli Approvata nel 2010, in piena crisi economica, la strategia

Dettagli

Cittadinanza di genere

Cittadinanza di genere Proposta di legge n. 290 Cittadinanza di genere SOMMARIO PREAMBOLO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO, PRINCIPI E OBBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obbiettivi TITOLO II AZIONI PER LA CONCILIAZIONE

Dettagli

Piano di Azioni Positive 2013-2015 approvato dal Comitato Unico di Garanzia con propria deliberazione n. 2 del 15 maggio 2013

Piano di Azioni Positive 2013-2015 approvato dal Comitato Unico di Garanzia con propria deliberazione n. 2 del 15 maggio 2013 Premessa Il Piano delle Azioni Positive - PAP, è documento programmatico redatto a norma dell'art. 48 del D.Lgs. 198/2006 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art. 6 della legge

Dettagli

Indice. Premessa...7. Introduzione...7. 1. Cos è un Comitato pari opportunità...8. 2. Come nasce un Comitato pari opportunità...16

Indice. Premessa...7. Introduzione...7. 1. Cos è un Comitato pari opportunità...8. 2. Come nasce un Comitato pari opportunità...16 Indice Premessa...7 Introduzione...7 1. Cos è un Comitato pari opportunità...8 2. Come nasce un Comitato pari opportunità...16 3. Come lavora un Comitato pari opportunità...23 4. Perché le cose funzionino...31

Dettagli

CON LA FINALITA DI FAVORIRE LA CONOSCENZA E L AFFERMAZIONE ALL INTERNO DELLE ATTIVITA SPECIFICHE PER LE PARI OPPORTUNITA PROF.

CON LA FINALITA DI FAVORIRE LA CONOSCENZA E L AFFERMAZIONE ALL INTERNO DELLE ATTIVITA SPECIFICHE PER LE PARI OPPORTUNITA PROF. DELEGA RETTORALE PER IL TRIENNIO 2002-2004 CON LA FINALITA DI FAVORIRE LA CONOSCENZA E L AFFERMAZIONE ALL INTERNO DELLE ATTIVITA ISTITUZIONALI UNIVERSITARIE DELLE POLITICHE SPECIFICHE PER LE PARI OPPORTUNITA

Dettagli

Proposta del Coordinamento Donne di Trento

Proposta del Coordinamento Donne di Trento Proposta del Coordinamento Donne di Trento Disposizioni per la promozione ed il sostegno di Centri per donne in situazioni di violenza Art. 1 Principi 1. La Provincia Autonoma di Trento coerentemente con

Dettagli

LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità

LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità Roma, 2 dicembre 2010 Vittorio Calaprice della Commissione europea Dal 2009 al 2010

Dettagli

CONTRASTARE LA VIOLENZA DI GENERE: AZIONI E STRATEGIE EDUCATIVE E FORMATIVE. A cura di Cotrina Madaghiele

CONTRASTARE LA VIOLENZA DI GENERE: AZIONI E STRATEGIE EDUCATIVE E FORMATIVE. A cura di Cotrina Madaghiele CONTRASTARE LA VIOLENZA DI GENERE: AZIONI E STRATEGIE EDUCATIVE E FORMATIVE A cura di Cotrina Madaghiele ASSOCIAZIONE GENERE FEMMINILE Sede legale: via Poggi d Oro, 21-00179 ROMA / Sede operativa: via

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SUL LAVORO DIGNITOSO PER LE LAVORATRICI E I LAVORATORI DOMESTICI, 2011 1

RACCOMANDAZIONE SUL LAVORO DIGNITOSO PER LE LAVORATRICI E I LAVORATORI DOMESTICI, 2011 1 Raccomandazione 201 RACCOMANDAZIONE SUL LAVORO DIGNITOSO PER LE LAVORATRICI E I LAVORATORI DOMESTICI, 2011 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal

Dettagli

Pari Opportunità e performance nella PA

Pari Opportunità e performance nella PA Pari Opportunità e performance nella PA Enrica Castignola Università Cattolica del Sacro Cuore ALTIS (Alta Scuola Impresa e Società) Divisione Public Management Sommario 1. Le pari opportunità nella PA

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO SUL TEMA PARITA SALARIALE

PROGETTO ESECUTIVO SUL TEMA PARITA SALARIALE PROGETTO ESECUTIVO SUL TEMA PARITA SALARIALE INDICE DEL DOCUMENTO Il contesto di riferimento Pagina 3 La Provincia di Bologna e l ipotesi di un progetto Pagina 4 allargato alle altre Amministrazioni Pubbliche

Dettagli

GRUPPO LVMH CODICE DI CONDOTTA

GRUPPO LVMH CODICE DI CONDOTTA GRUPPO LVMH CODICE DI CONDOTTA I II III PREMESSA PRINCIPI APPLICAZIONE 1 I. PREMESSA Il Gruppo LVMH ( LVMH ) intende essere il leader indiscusso nel settore dei beni di lusso. Il suo sviluppo e il suo

Dettagli

Progetti europei e finanziati da enti ed istituzioni

Progetti europei e finanziati da enti ed istituzioni Progetti europei e finanziati da enti ed istituzioni 1998-2000 - Progetto NOW Europa Informa donna EUROINF -n 349/E2/N/M, finanziato dal Ministero del Lavoro ha realizzato la formazione di operatrici con

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 21.10.2015 COM(2015) 602 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA Una tabella di marcia verso una rappresentanza

Dettagli

SICUREZZA ALIMENTARE MONDIALE

SICUREZZA ALIMENTARE MONDIALE Verso la costruzione della SICUREZZA ALIMENTARE MONDIALE Insieme possiamo porre fine alla fame e alla malnutrizione José Graziano da Silva, Direttore Generale della FAO UNA VISIONE COMUNE L Organizzazione

Dettagli

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 23.01.2015 Art. 1 ISTITUZIONE

Dettagli

PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE

PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della L.R. n. 8/2014 III DIREZIONE GESTIONE DEL PERSONALE E SERVIZI INFORMATICI SERVIZIO GESTIONE GIURIDICA DEL PERSONALE Ufficio

Dettagli

Benchmarking in Europa

Benchmarking in Europa 1 Benchmarking in Europa Il termine CONCILIAZIONE è oggi sicuramente una delle parole chiave delle politiche nazionali ed europee all intersezione delle politiche del lavoro e delle pari opportunità. via

Dettagli

Allegato II L ONU e le persone con disabilità

Allegato II L ONU e le persone con disabilità Allegato II L ONU e le persone con disabilità L impegno delle Nazioni Unite sul miglioramento dello Stato delle persone con disabilità Oltre mezzo miliardo di persone sono disabili come risultato di una

Dettagli

Cosa chiede ActionAid al governo italiano?

Cosa chiede ActionAid al governo italiano? Afghanistan e diritti delle donne: domande e risposte Cosa chiede ActionAid al governo italiano? La fase di transizione che prevede il progressivo ritiro delle truppe internazionali è cominciata nel 2011

Dettagli

Dipartimento della Funzione Pubblica Cantieri di innovazione. Donne e leadership: per lo sviluppo del personale in ottica di genere

Dipartimento della Funzione Pubblica Cantieri di innovazione. Donne e leadership: per lo sviluppo del personale in ottica di genere Dipartimento della Funzione Pubblica Cantieri di innovazione Donne e leadership: per lo sviluppo del personale in ottica di genere Questionario di auto-analisi INDICE Introduzione...2 Sezione anagrafica...3

Dettagli

http://notes.regione.lazio.it/regionelazio/leggi.nsf/ricconsiglio/e38b...

http://notes.regione.lazio.it/regionelazio/leggi.nsf/ricconsiglio/e38b... Pagina 1 di 6 L.R. 19 Marzo 2014, n. 4 Riordino delle disposizioni per contrastare la violenza contro le donne in quanto basata sul genere e per la promozione di una cultura del rispetto dei diritti umani

Dettagli

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion)

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) SCHEDA 1 Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) Prima Conferenza Internazionale sulla Promozione della Salute Ottawa, Canada, 7-21 novembre 1986 II primo Congresso

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 Raccomandazione 202 RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 La Conferenza generale della Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio

Dettagli

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo Ufficio Sportello Europa Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento

Dettagli

Indice. Presentazione p. 7 Una grande prova di democrazia di Domenico Pantaleo

Indice. Presentazione p. 7 Una grande prova di democrazia di Domenico Pantaleo Indice Presentazione p. 7 Una grande prova di democrazia di Domenico Pantaleo PARTE PRIMA - La RSU 11 Capitolo I Che cosa è la RSu 13 Capitolo II Come lavora la RSu 18 Capitolo III - Il negoziato: tempi

Dettagli

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel Mondo del Lavoro MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune I Promotori del Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

1. Premessa 2. Normativa di riferimento Trattato di Roma Trattati di

1. Premessa 2. Normativa di riferimento Trattato di Roma Trattati di PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE 2012-2015 1 Sommario 1. Premessa 2. Normativa di riferimento 3. Le Azioni Positive 4. Analisi relativa alle risorse umane dell Università degli Studi del Molise 5. Il

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE SIENA 23 SETTEMBRE 28 OTTOBRE

CORSO DI FORMAZIONE SIENA 23 SETTEMBRE 28 OTTOBRE SIENA 23 SETTEMBRE 28 OTTOBRE 2015 CORSO DI FORMAZIONE Violenza di genere, Convenzione di Istanbul e Legge 119/2013: impatti e trasformazioni di deontologie e pratiche professionali per assistenti sociali,

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Nazionale Comuni Italiani - ANCI, con sede in Via dei Prefetti n. 46, a Roma, C.F. 80118510587, rappresentata nel presente Protocollo dal Presidente f.f. Alessandro

Dettagli

COMUNE DI MARACALAGONIS

COMUNE DI MARACALAGONIS COMUNE DI MARACALAGONIS PROVINCIA DI CAGLIARI COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. DEL 59 OGGETTO: ARTICOLO 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198 "CODICE DELLE PARI OPPORTUNITA' TRA UOMO E DONNA

Dettagli

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori E. Un Economia Europea Inclusiva Alla luce delle conseguenze della crisi finanziaria ed economica, c è un urgente bisogno di evitare il deterioramento della coesione sociale e le sue drammatiche ripercussioni,

Dettagli

L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI

L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI La tutela e la promozione dei diritti dei minori nel mondo sono la strada obbligata per la crescita dei Paesi in Via di Sviluppo e

Dettagli

COMMISSIONI RIUNITE. I (Affari costituzionali, della Presidenza del Consiglio e interni) e XII (Affari sociali)

COMMISSIONI RIUNITE. I (Affari costituzionali, della Presidenza del Consiglio e interni) e XII (Affari sociali) Martedì 15 febbraio 2011 3 Commissioni riunite I e XII COMMISSIONI RIUNITE I (Affari costituzionali, della Presidenza del Consiglio e interni) e XII (Affari sociali) S O M M A R I O SEDE REFERENTE: Istituzione

Dettagli