Leonardo. Quaderni di formazione GESTIONE APERTURA MODELLO 770/2009 SEMPLIFICATO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Leonardo. Quaderni di formazione GESTIONE APERTURA MODELLO 770/2009 SEMPLIFICATO"

Transcript

1 Leonardo Quaderni di formazione GESTIONE APERTURA MODELLO 770/2009 SEMPLIFICATO Leonardo srl - 22/05/2009

2 Indice Novità relative al modello Frontespizio... 4 Redazione della Dichiarazione... 4 Operazioni Societarie e straordinarie... 4 Firma della dichiarazione... 4 Comunicazione dati Lavoro Dipendente... 4 PARTE C... 5 PARTE D... 6 Comunicazione dati Lavoro Autonomo... 7 Quadro SS... 7 Quadro ST... 7 Quadro SV... 7 Quadro SX... 8 GESTIONE OPERAZIONI SOCIETARIE STRAORDINARIE... 8 OPERAZIONI SOCIETARIE STRAORDINARIE CON ESTINZIONE DEL SOGGETTO PREESISTENTE ESTINZIONE SENZA PROSECUZIONE ESTINZIONE CON PROSECUZIONE... 9 OPERAZIONI SOCIETARIA STRAORDINARIA SENZA ESTINZIONE DEL SOGGETTO PREESISTENTE Compilazione delle certificazioni relative all'erede e al de cuius Attivita' propedeutiche alle funzioni di riporto dati da servizi Gestione Tabella Protocollo =Copia "Ricezione Avviso Telematico" Cariche in Banca Dati Adempimento CONCON e M =Dettaglio Imposta Area Dati SIPARAM Gestione Tabella Date Versamento Riporto date in Gestione Dati Versamento (ex quadro L) Dettaglio Familiari per Detrazioni Gestione Apertura Modello 770/2009

3 Recupero "Dettaglio Familiari in Storico Detrazioni" Recupero numero dei mesi a carico e la percentuale spettante in Dettaglio Familiari per Detrazioni Funzioni di recupero per 770/ Verifica Ambiente 770/ Funzioni di riporto dati da servizi: CUD, Paghe, Ritenute d'acconto Il riporto dati dal modulo AC014 - CUD- Assoconsul (r) Apertura Modello 770/2009 Semplificato II parte Implementazioni Nuova Visualizzazione archivio Ex- quadro L Attività Propedeutiche alla funzione di memorizzazione dati dalle paghe Recupero Frontespizio Dipendente assunto / licenziato e ri-assunto nella medesima ditta Nuovo Codice in Assistenza Fiscale Lista con tributi inferiori a 1,03 euro Attività propedeutiche ai recuperi Aggiorna Ritenute Effettuate tributo 1712 in caso di 1713 negativo Novità: Aggiorna Ritenute Effettuate tributo 1053 con importo negativo Novità: Compensa tributi di addizionale comunale Trasforma tributo 1040 in 1A40 per gli Associati in Partecipazione Aggiorna Importo Versamento tributo 1001 in Novembre anno precedente Lista tributi di addizionale regionale con importo negativo Lista squadrature Quadro L e Ritenute non versate Lista tributi con importo inferiore a euro 1, Il riporto dati dal modulo AC002- PAGHE - Assoconsul (r) Liste prodotte dalla funzione di recupero Il riporto dati dal modulo AC002 - Paghe per INAIL dei soci - Assoconsul (r) Lista prodotta dal recupero Il riporto dati dal modulo AC006 - Ritenuta d'acconto - Assoconsul (r) AVVERTENZA : manutenzione tabella Tipo tributo Memorizzazione dati per modello QUERY Gestione Apertura Modello 770/2009

4 Novità relative al modello 2009 Di seguito illustriamo le novità normative relative al modello 770/2009 illustrate dal Dott. Piacenti nel Convegno Assosoftware del La prima novità è lo spostamento dei termini dell'invio telematico: il modello 770/2009 Semplificato è stato prorogato al 31/07/2009. Dovrebbe uscire a breve una errata corrige per le molte discordanze che esistono tra le istruzioni ministeriali e le specifiche tecniche. Frontespizio Correttiva/Integrativa parziale: questa nuova casella rappresenta solamente un novità di tipo formale, deve essere barrata qualora il sostituto stia inviando una parte della dichiarazione: cioè i quadri che intende correggere. Tale facoltà è prevista solamente per sostituti che presentino più di 200 percettori. E' importante sottolineare che qualora si debbano correggere alcuni dati della dichiarazione è comunque necessario inviare il quadro, in cui tali dati sono presenti, in modo completo. Se l'invio della dichiarazione fosse nei termini è comunque necessario barrare anche la casella Correttiva nei Termini. Redazione della Dichiarazione Le modifiche presenti sono solamente di tipo formale: è stata introdotta la casella SV dato che è nato il nuovo quadro nella dichiarazione. Operazioni Societarie e straordinarie Le modifiche sono solamente formali, poichè introducono il riferimento al nuovo quadro SV. Firma della dichiarazione E' stata introdotta la distinzione: - CF incaricato della relazione di revisione - CF del presidente collegio sindacale Questi dati saranno recuperati dalla banca dati dalle cariche. Comunicazione dati Lavoro Dipendente Altri Dati La sezione rispecchia il modello CUD, la nuove caselle sono: 32 credito riconosciuto famiglie numerose 33 credito non riconosciuto famiglie numerose 33 bis credito restituito famiglie numerose 36 detrazione canoni locazione 37 credito riconosciuto canoni locazione 4 Gestione Apertura Modello 770/2009

5 38 credito non riconosciuto canoni locazione 38bis credito restituito canoni locazione 39 totale detrazioni In particolare: - 33bis Credito per Famiglie numerose restituito e 38bis Credito per canoni di locazione restitutito perchè se durante l'anno il dipendente ha avuto più sostituti potrebbe essere nata della confusione nell'attribuzione di queste detrazioni, al dipendente spettano euro di detrazione per famiglie numerose e se più sostituti hanno attribuito tale detrazione allo stesso dipendente durante l'anno, tale somma deve essere restituita allo stato. DATI RELATIVI AI CONGUAGLI Le caselle nuove sono: 68 BIS straordinario conguagliato 70 bis Imposta sostitutiva 70 ter Imposta sostitutiva sospesa 75 Add com a saldo sospesa 76 Add com in acconto sospesa SOMME EROGATE PER LAVORO STRAORD Nuova sezione da casella 77 a 81 septies TFR Nuova casella 109 detrazione DATI RIEPILOGATIVI: nuova casella 208bis : detrazione decreto 20/03/08 SOSTEGNO CONTRIBUENTI BASSO REDDITO nuova casella 280 somma recuperata PARTE C INPS Eliminata casella 9 BONUS IPOST nuova casella 79 anno Gestione Apertura Modello 770/2009

6 PARTE D ASSISTENZA 2008 SALDO - SDOPPIATA SEZIONE TRA DICH E CONIUGE : nuova casella 5 importo effettivamente trattenuto 1 ACCONTO - SDOPPIATA SEZIONE TRA DICH E CONIUGE : nuova casella 14 importo effettivamente trattenuto ACCONTO TASS SEP - SDOPPIATA SEZIONE TRA DICH E CONIUGE : nuova casella 56 importo effettivamente trattenuto 2 ACCONTO - SDOPPIATA SEZIONE TRA DICH E CONIUGE : nuova casella 70 importo effettivamente trattenuto ADD REG DICH nuova casella 23 importo effettivamente trattenuto SALDO ADD COM DICH nuova casella 34 importo effettivamente trattenuto ACC ADD COM DICH nuova casella 45 importo effettivamente trattenuto In particolare: Casella 5 Importo Effettivamente trattenuto nuova casella, si deve indicare quanto effettivamente trattenuto tra coniuge e dichiarante, differenza algebrica tra credito e debito. Si deve indicare il credito/ debito totale del dichiarante; il credito / debito totale del coniuge e da quest'anno anche quanto effettivamente trattenuto in busta paga, dato che i crediti e i debiti si compensano tra il coniuge e il dichiarante. Se in busta paga ho avuto incapienza di retribuzione come si deve compilare la casella? In busta paga non è andata in effetti la differenza algebrica tra credito e debito...ad oggi non esiste un criterio, le istruzioni non precisano come compilare il campo, forse adegueranno le istruzioni il prossimo anno. Casella 121 Vedere istruzioni : nuova casella da barrare nel caso in cui assistenza fiscale sia stata prestata dal sostituto imposta. RETTIFICHE sdoppiata casella saldo irpef dich e coniuge caselle 77 e 78 sdoppiata casella 1 acc irpef dich e coniuge caselle 79 e 80 sdoppiata casella acconto tass sep dich e coniuge caselle 87 e 88 sdoppiata casella 2 acc irpef dich e coniuge caselle e 91 CONGUAGLI sdoppiata casella saldo irpef dich e coniuge caselle 93, 94 e 95,96 sdoppiata casella 1 acc irpef dich e coniuge caselle 97,98 e 99,100 sdoppiata casella acconto tass sep dich e coniuge caselle 117,118 e sdoppiata casella 2 acc irpef dich e coniuge caselle 113,114 e 115,116 6 Gestione Apertura Modello 770/2009

7 DATI CAAF NUOVA 121 vedere istruzioni Comunicazione dati Lavoro Autonomo Causale: aggiunta la causale O per identificare i lavoratori che hanno rinunciato alla gestione separata INPS, per questo non devono versare i icontributi all'inps e qualora ci sia questa causale è possibile non compilare le caselle 33 Contributi a carico del soggetto erogante e 34 Contributi a carico del percipiente Quadro SS Il quadro SS, definito "ridicolo" è stato aggiornato con le nuove caselle introdotte nel modello 770/2009 semplificato relative alle somme erogate per prestazioni di lavoro straordinario: nuova sezione somme erogate per prestazioni di lavoro straordinario e premi di produttività. Nella sezione Lavoro dipendente aggiunte le caselle: crediti recuperati, Bonus recuperato Quadro ST Il prospetto ST è stato distinto in due sezioni: Sezione I Erario : vanno indicate le ritenute irpef operate e le imposte sostitutive prelevate Sezione II Addizionale Regionale : vanno indicate le ritenute irpef effettuate a titolo di addizionale regionale Crediti recuperati : nuova casella per evidenziare il totale dei crediti per famiglie numerose, per canoni di locazione riconosciuti che in sede di conguaglio il sostituto imposta ha poi provveduto a recuperare. Va inoltre indicato l'ammontare del bonus art. 44 DL.159. Versamenti in eccesso: nuova casella per evidenziare i versamenti che il sostituto d'imposta ha effettuato in eccesso, non solo per errori. Ritenute operate: 50 - importo versato = 100: per errore ho versato 50 in eccesso. Potrebbe anche accadere che il sostituto abbia: Ritenute operate: importo versato: 100, poi però restituisco 30 al dipendente, avrei dovuto versare 70 e non 100: questo è un versamento in eccesso, anche se non è un errore. Ritenute operate 70, versamenti in eccesso 30 e importo versato 100, La somma degli importi deve essere riportata nel rigo SX1, colonna 4. Note : nuove note P e T Quadro SV Il prospetto SV è nuovo : vanno indicati i dati relativi alle trattenute di addizionali comunali all'irpef effettuate anche in sede di assistenza fiscale, nonchè per esporre tutti i versamenti. Nel prospetto, diversamente da quanto avviene in F24 (dove devono essere compilati tanti righi quanti sono i comuni interessati a versamento dell'addizionale comunale), l'esposizione dei dati di versamento deve essere effettuata in forma aggregata: è il criterio per l'aggregazione è la data di 7 Gestione Apertura Modello 770/2009

8 versamento: di conseguenza tutte le addizonali versate nella stessa data devono essere riepilogate in un unico rigo anche se riferite a diversi comuni. Quadro SX Nel prospetto SX sono state aggiunte : SX1, colonna 5: importo credito imposta sostitutiva generatosi a seguito operazioni di conguaglio su somme di cui al decreto 93/2008 assoggettate dal precedente sostituto imposta ad imposta sostitutiva e poi a tassazione ordinaria. Rigo SX6: credito addizionale comunale 2007 sorto prima dell'entrata in vigore del decreto min economia del 5/10/2007 per il quale non era prevista la distinta imputazione per il singolo comune. Righi da SX7 a SX30: aggiunta colonna 1 Codice: va indicato il codice catastale nel caso di addizionale comunale e il codice regione nel caso di addizionale regionale. Sezione SX38 : nuove caselle 4 - Bonus recuperato e 5- di cui in F24. Sezione SX39 : nuova sezione Credito riconosciuto per famiglie numerose Sezione SX40 : nuova sezione Credito riconosciuto per canoni di locazione GESTIONE OPERAZIONI SOCIETARIE STRAORDINARIE Qualora nel corso del 2008 o del 2009 prima della presentazione della dichiarazione siano intervenute operazioni societarie e straordinarie, indipendentemente dalla data da cui ne decorrono gli effetti giuridici, si devono seguire specifiche modalità di compilazione della dichiarazione, distinguendo a seconda che le operazioni abbiano: - determinato o meno l'estinzione dei sostituti preesistenti; - se vi sia stata o meno prosecuzione dell'attività del precedente sostituto. OPERAZIONI SOCIETARIE STRAORDINARIE CON ESTINZIONE DEL SOGGETTO PREESISTENTE Nei casi in cui vi sia stata la scomparsa del sostituto preesistente il successore a titolo universale è tenuto a presentare il Modello 770 per dichiarare: 1- Le operazioni poste in essere dal soggetto estinto; 2- Le operazioni poste in essere eventualmente, da lui stesso, solo se ha proseguito l'attività. 1- ESTINZIONE SENZA PROSECUZIONE Scomparsa del soggetto preesistente senza la prosecuzione dell'attività da parte di un nuovo soggetto (liquidazione, fallimento e liquidazione coatta amministrativa); Successioni mortis causa senza la prosecuzione dell'attività da parte di uno o più eredi. 8 Gestione Apertura Modello 770/2009

9 La Dichiarazione deve essere compilata dal soggetto tenuto all'adempimento (liquidatore, curatore fallimentare..) il quale deve provvedere: - alla compilazione del frontespizio, nella sezione "Dati relativi al datore di lavoro, ente pensionistico o altro sostituto d'imposta" nel riquadro "Dati relativi al sostituto" riportando i dati del sostituto estinto; - all'indicazione dei propri dati nel riquadro "Dati relativi al rappresentate firmatario della dichiarazione" contenuto nel medesimo frontespizio; - alla compilazione delle comunicazioni, prospetti nello spazio contraddistinto dalla dicitura "Codice Fiscale", il codice fiscale del soggetto estinto. Le istruzioni precisano che: Con riferimento ai redditi di lavoro dipendente e assimilati, il curatore fallimentare o il commissario liquidatore, dovrà trasmettere un'unica comunicazione per ciascun percipiente contenente i risultati delle operazioni di conguaglio di tutti i redditi percepiti dal lavoratore nel periodo d'imposta evidenziando nei punti 63 e 64 (redditi erogati da altri soggetti) i redditi erogati dal curatore fallimentare o dal commissario liquidatore. Per quanto concerne i redditi di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi, formante oggetto di comunicazione, il curatore fallimentare avrà cura di evidenziare nei punti 37 e 38 le quote di compensi imponibili erogate dal dichiarante prima dell'apertura della procedura concorsuale e quelle erogate dal curatore fallimentare. GESTIONE PROCEDURA L'unica particolarità nella compilazione della dichiarazione è rappresentata dal fatto che è necessario indicare, nel modello 770, nella sezione "Dati relativi al Rappresentante firmatario della dichiarazione" uno dei seguenti codici: -3 CURATORE; -7 EREDE; -8 LIQUIDATORE. Tale operazione è a cura dell'utente; il codice carica può essere recuperato comunque dalla gestione della Banca Dati (F6=Gestione Cariche). 2- ESTINZIONE CON PROSECUZIONE Scomparsa dei soggetti preesistenti con la prosecuzione dell'attività da parte di un nuovo soggetto (fusioni, scissione totale..) Scioglimento di società personale con prosecuzione dell'attività da parte di uno soltanto dei soci mediante ditta individuale; 9 Gestione Apertura Modello 770/2009

10 Sucessione mortis causa con la prosecuzione dell'attività da parte di uno o più eredi Nel caso di prosecuzione dell'attività, l'incorporante o il soggetto risultante dall'operazione è tenuto a presentare un'unica dichiarazione Modello 770 con riferimento all'attività del soggetto estinto ed eventualmente a quella propria: la dichiarazione deve essere comprensiva anche dei dati relativi al periodo dell'anno in cui ha operato il soggetto estinto. In particolare il dichiarante dovrà provvedere alla compilazione: - del Frontespizio, riportando i propri dati; - delle comunicazioni dei dati delle certificazioni lavoro dipendente e assimilati (con modalità differenti a seconda del soggetto che ha effettuato il conguaglio); - delle comunicazioni dei dati delle certificazioni di lavoro autonomo (intestandole a seconda del soggetto che ha rilasciato le certificazioni); - dei prospetti relativi ai versamenti eseguiti (prospetti ST relativi al periodo in cui ha operato il soggetto estinto, SV - Novità 2009) e delle compensazioni effettuate (prospetto SX riassuntivo delle compensazioni effettuate dal soggetto estinto e/o dal dichiarante); - del CF del sostituto estinto nel campo "CF del sostituto d'imposta, da compilare solo in caso di operazioni straordinarie e successioni" nei modelli comnunicazioni di lavoro dipendente, lavoro autonomo, prospetto ST; - dei dati riassuntivi di cui al prospetto SS; Il dichiarante deve compilare la nuova casella 2 'Eventi Eccezionali' con l'eventuale codice dell'evento relativo a tale sostituto. La casella deve essere compilata dal sostituto d'imposta che si avvale della sospensione del termine di presentazione della dichiarazione prevista al verificarsi di eventi eccezionali: 1- contribuenti vittime di richieste estorsive..; 2- per i contribuenti, residenti alla data del 31/10/2002 nei comuni e province di Campobasso e Foggia...; 3- per i contribuenti colpiti da altri eventi eccezionali GESTIONE PROCEDURA A) Operazioni di conguaglio effettuate dal soggetto ESTINTO Il nuovo dichiarante presenta una unica dichiarazione anche per esporre l'attività posta in essere dal soggetto estinto, per effettuare questo è necessario gestire il quadro SV (per la gestione delle operazioni societarie straordinarie) nella dichiarazione del soggetto inglobante, richiamando il soggetto estinto. La procedura automaticamente compilerà il campo Codice Fiscale del Sostituto d'imposta (da compilare in caso di operazioni straordinarie..) nei quadri relativi al lavoro dipendente, lavoro autonomo dei dipendenti/percettori transitati dal sostituto estinto al sostituto inglobante; inoltre compilerà lo stesso campo nel quadro ST relativo alle ritenute versate dal soggetto estinto e nel quadro SV (novità 2009) I dati relativi al quadro SX del soggetto estinto verranno sommati nel quadro SX del soggetto inglobante, dovendo essere presente un unico prospetto SX. La dichiarazione del soggetto estinto verrà identificata con il segnale E di estinto (nello 'Stato della 10 Gestione Apertura Modello 770/2009

11 Dichiarazione'). Nel caso in cui lo stesso dipendente sia presente in entrambe le dichiarazioni la procedura accoda i dati del dipendente stesso, presenti nella dichiarazione del sostituto estinto, a quelli della dichiarazione presente nel sostituto inglobante. Nella sezione relativa ai dati del TFR del dipendente presente nel soggetto estinto, la procedura compila il punto 110 "Codice Fiscale del sostituto - Operazioni straordinarie". B) Operazioni di conguaglio effettuate dal soggetto INGLOBANTE Il nuovo dichiarante presenta una unica dichiarazione anche per esporre l'attività posta in essere dal soggetto estinto, per effettuare questo è necessario gestire il quadro SV (per la gestione delle operazioni societarie straordinarie) nella dichiarazione del soggetto inglobante, richiamando il soggetto estinto. La funzione SV produce gli stessi effetti sopra descritti. Le operazioni di conguaglio sono state però effettuate dal sostituto che provvede alla trasmissione telematica della dichiarazione. Durante l'anno, nella procedura paghe, questi avvenimenti sono già stati "registrati" nel corso dell'anno; il responsabile della procedura paghe ha generato l' F17 "Gestione rapporto di lavoro precedente" inserendo i dati relativi al precedente datore di lavoro: i redditi erogati, le ritenute IRPEF trattenute e le deduzioni già riconosciute. Questi dati verranno poi ricompresi nel conguaglio di fine anno, che verrà effettuato dal nuovo sostituto d'imposta. La procedura di recupero dalle paghe automaticamente compilerà, nel modello 770, la sezione "Redditi erogati da altri soggetti" in modo completo, indicando il totale reddito conguagliato da altri soggetti, il codice fiscale, la causa, il reddito conguagliato e le relative ritenute, anche nel caso di prosecuzione da parte dell'erede con operazioni di conguaglio effettuate dall'erede Sezione 2009: punti da 63 a 76 Per quanto concerne la trasmissione del prospetto SS dovranno essere compilati più prospetti per dare distinta evidenza dei dati riassuntivi riferibili al dichiarante e al soggetto estinto. OPERAZIONI SOCIETARIA STRAORDINARIA SENZA ESTINZIONE DEL SOGGETTO PREESISTENTE Qualora a seguito dell'operazione societaria straordinaria non vi sia stata la scomparsa dei soggetti preesistenti, anche se si è avuta la nascita di nuovi soggetti, la dichiarazione deve essere compilata da parte di tutti i soggetti partecipanti all'operazione straordinaria. Esempi: - cessioni o conferimento di ditta individuale; 11 Gestione Apertura Modello 770/2009

12 - cessione/affitto di azienda o ramo di azienda; - scissione parziale; - cessione del contratto di lavoro subordinato. In capo ad ogni soggetto permane l'obbligo dichiarativo. PASSAGGIO DI DIPENDENTI 1- La società cedente, pur non avendo dovuto compilare con riferimento a tali dipendenti i CUD/2008, rilasciati con riferimento a tutto il periodo dall'acquirente, dovrà indicare nella propria comunicazione le retribuzioni erogate fino al momento della cessazione, riportando il codice 8 nel punto 66 "Dati Relativi ai conguagli". La procedura recupera il codice 8 reperendolo da F17 generato sullo stesso rapporto di lavoro con 8 nel campo 'CAUSA' (vedi capitolo 'Implementazioni alla procedura di recupero dalle paghe'). 2- La società acquirente, con riferimento a tali dipendenti transitati, dovrà indicare nel punto 1 i redditi di tutto l'anno (conguaglio di fine anno od eventualmente da cessazione) e riportando nei punti da 63 a 76 "Dati Relativi ai Conguagli" i redditi corrisposti dalla società cedente prima dell'operazione straordinaria. GESTIONE DELLA PROCEDURA 1- La procedura recupera il codice 8 dalla gestione del campo 'Causa' del Rapporto di lavoro precedente nel sostituto cedente. 2- La procedura compila automaticamente il modello 770 della società acquirente: compilando i campi 63, 64 e 66 (con causale 1) dalla gestione del "F17: Rapporto di Lavoro Precedente" creato nel sostituto cessionario Compilazione delle certificazioni relative all'erede e al de cuius Nel caso di erogazione di indennità ai sensi dell'articolo 2122 del Codice Civile, ovvero in caso di eredità deve essere consegnata una certificazione per ciascun avente diritto o erede percettore, tenendo presente che: Nella comunicazione relativa alla certificazione intestata a ciascun erede si devono compilare: - al punto 215 il Codice Fiscale del dipendente deceduto (gestione interattiva) 12 Gestione Apertura Modello 770/2009

13 - i punti da 119 a 214 (compilazione automatica) Nella comunicazione relativa alla certificazione intestata al dipendente deceduto, il sostituto è tenuto a compilare i punti 216 e 217 avendo cura di compilare un rigo per ogni avente diritto o erede (compilazione automatica). Attivita' propedeutiche alle funzioni di riporto dati da servizi Le attivita' qui di seguito descritte sono propedeutiche alle funzioni di: - Recupero dati da Modello CUD a Modello 770 (AC014 - Sostituto d'imposta) - Memorizzazione Dati per Modello 770 (AC002 Paghe e Contributi) - NON ANCORA DISPONIBILE - Memorizzazione 770 L.D. - Dati INAIL per Soci (AC002 Paghe e Contributi) - NON ANCORA DISPONIBILE - Memorizzazione dati per modello 770 (AC006 Ritenuta d'acconto) - NON ANCORA DISPONIBILE e sono pertanto da eseguirsi prima di effettuare le memorizzazioni dalle suddette gestioni. Gestione Tabella Protocollo Descrizione L'invio all'amministrazione finanziaria delle dichiarazioni fiscali deve avvenire mediante trasmissione telematica. L'intermediario deve nel contempo rilasciare al contribuente copia della dichiarazione presentata con l'indicazione dell'impegno a trasmettere e del numero di protocollo progressivo attribuito alla dichiarazione stessa. A tal scopo va creata in banca dati l'anagrafica o le anagrafiche dei soggetti che provvederanno ad effettuare la trasmissione telematica e per ciascuna anagrafica va definito un contatore di protocollo. Il contatore di protocollo, informazione di uso puramente interno, puo' essere differenziato per tipo di adempimento e per sede operativa la quale, secondo le ultime interpretazioni ministeriali, può essere una qualsiasi unità logica avente propria autonomia funzionale/operativa (pertanto anche la singola postazione di lavoro). Accesso Gestione Sostituto d'imposta anno corrente Modello Attivita' di Servizio Gestione Banca Dati di Base estesa Altri Archivi Anagrafici Gestione Tabelle Protocolli Note operative 13 Gestione Apertura Modello 770/2009

14 AYR7DFY Elenco Tabelle protocollo Pos 199x XX Immettere la risposta e premere Invio. S Anno T TF Caaf Cd.An.Forn. Sede Descrizione 2=Modifica 3=Copia X 199x 0 0x 000x Xx 0000x 01 00x Xxxxxxxxxxxxxxxxx X 199x 0 0x 000x Xx 0000x 01 00x Xxxxxxxxxxxxxxxxx X 199x 0 0x 000x Xx 0000x 01 00x Xxxxxxxxxxxxxxxxx nr.protocollo x x x Fine F3=Uscita F18=Aggiunta nuova tabella F20=Soggetti abilitati per Utente Pos Specificare gli eventuali valori di riferimento per un riposizionamento dei valori presenti scelte: la scelta 2 provvede a modificare i valori presenti in tabella, per i dettaglio operativo si veda la funzione F18 Aggiunta nuova tabella la scelta 3 provvede ad eseguire una copia della tabella da un anno all'altro, effettuando nel contempo anche la copia dell'abbinamento utenti al protocollo scelto per il nuovo anno. 3=Copia Descrizione E' necessario eseguire la funzione di copia della tabella protocolli da anno presentazione 2008 ad anno Tale funzione viene eseguita dalla funzione "Gestione tabella protocolli". Esempio di copia della tabella per il Modello 770: inserire la scelta "3=copia" in corrispondenza delle righe relative all'anno 2008 relativa al mod 770 (tipo 7). cosi' operando si copiano dall'anno precedente all'anno corrente contatori di protocollo definiti per l'anno precedente. La funzione provvede automaticamente ad eseguire la copia anche degli abbinamenti degli utenti al protocollo scelto per il nuovo anno. L'Utente deve verificare che: 1- in Banca Dati esista il codice carica DEL nelle "Tabelle Cariche/Incarichi"; 2- esista una persona fisica associata al codice carica DEL attraverso la gestione dei collegamenti di Banca Dati; 3- esista l'adempimento Trasmissione Telematica TEL e sia abbinato al codice carica DEL 4- copiare la tabella protocollo da anno presentazione 2007 ad anno I primi tre punti sono dettagliatamente illustrati nel manuale "Attività propedeutiche alla creazione del file telematico del Modello 770 e della denuncia mensile INPDAP" pubblicato nel sito di Nuova Informatica e NON devono essere eseguiti ogni anno; l'unica fase che deve essere eseguita obbligatoriamente ogni anno è l'ultima e descritta in questo capitolo: Copiare la tabella protocolli dall'anno precedente all'anno corrente. Note operative 14 Gestione Apertura Modello 770/2009

15 Gestione Tabella protocolli TEST Anno dichiarazione 2008 Tipo dichiarazione 7 Tipo fornitore 10 Codice Anagrafica DB ASS.ARTIGIANI SERVICE SRL Progressivo sede 1 sede principale Descrizione protocollo protocollo 770 Ultimo numero protocollo assegnato 5 Visto di conformità Impegno a presentare per via telematica la dich. 1 Ricezione dell'avviso telematico X F3=Uscita F6=Aggiorna F16=Cancellazione (c)nuova Informatica, 1991, 2005 Anno dichiarazione indicare l'anno nel quale eseguire la copia delle tabelle Descrizione protocollo Viene proposto il dato presente nell'anno da cui si effettua la copia. Immettere la descrizione facoltativa del gruppo di protocollo utilizzato Ultimo numero protocollo assegnato Viene proposto il dato presente nell'anno da cui si effettua la copia. Immettere l'ultimo numero di protocollo da cui il contatore deve partire, nel caso di definizione di un nuovo protocollo va indicato zero Visto di conformità Viene proposto il dato presente nell'anno da cui si effettua la copia. Il segnale qui indicato viene riportato sulle singole dichiarazioni dei contribuenti associati a codesto soggetto che provvede ad eseguire la trasmissione telematica della dichiarazione, con possibilità di essere variato mediante la gestione interattiva della dichiarazione stessa Impegno a presentare in via telematica la dichiarazione 1= predisposta dal contribuente 2= predisposta da chi invia Ricezione dell'avviso telematico X = nel caso in cui l'intermediario accetti di ricevere l'avviso telematico; ' ' = nel caso in cui l'intermediario non accetti di ricevere l'avviso telematico Casella REINSERITA nell' anno 2008 "Ricezione Avviso Telematico" Descrizione Nel modello 770/2008 è stata prevista nuovamente la casella: "Ricezione Avviso Telematico" nella sezione Impegno alla trasmissione telematica: casella inizialmente introdotta nel Modello 770/2006, poi eliminata nel Modello successivo. La gestione dei nuovi campi nella Tabella Protocolli consente di recuperare il dato nel Frontespizio del Modello Gestione Apertura Modello 770/2009

16 Accesso Gestione Sostituto d'imposta anno corrente Modello Attivita' di Servizio Gestione Banca Dati di Base estesa Altri Archivi Anagrafici Gestione Tabelle Protocolli Note operative AYSME1Y Gestione Tabella protocolli TEST Anno dichiarazione 2008 Tipo dichiarazione 7 Tipo fornitore 10 Codice Anagrafica DB ASS.ARTIGIANI SERVICE SRL Progressivo sede 1 sede principale Descrizione protocollo protocollo 770 Ultimo numero protocollo assegnato 5 Visto di conformità Impegno a presentare per via telematica la dich. 1 Ricezione dell'avviso telematico X F3=Uscita F6=Aggiorna F16=Cancellazione (c)nuova Informatica, 1991, 2005 Anno dichiarazione indicare l'anno nel quale eseguire la copia delle tabelle Descrizione protocollo Viene proposto il dato presente nell'anno da cui si effettua la copia. Immettere la descrizione facoltativa del gruppo di protocollo utilizzato Ultimo numero protocollo assegnato Viene proposto il dato presente nell'anno da cui si effettua la copia. Immettere l'ultimo numero di protocollo da cui il contatore deve partire, nel caso di definizione di un nuovo protocollo va indicato zero Visto di conformità Viene proposto il dato presente nell'anno da cui si effettua la copia. Il segnale qui indicato viene riportato sulle singole dichiarazioni dei contribuenti associati a codesto soggetto che provvede ad eseguire la trasmissione telematica della dichiarazione, con possibilità di essere variato mediante la gestione interattiva della dichiarazione stessa Impegno a presentare in via telematica la dichiarazione 1= predisposta dal contribuente 2= predisposta da chi invia Ricezione dell'avviso telematico X = nel caso in cui l'intermediario accetti di ricevere l'avviso telematico; ' ' = nel caso in cui l'intermediario non accetti di ricevere l'avviso telematico Casella REINSERITA nell' anno Gestione Apertura Modello 770/2009

17 Cariche in Banca Dati Descrizione Sono state (già a partire dagli anni precedenti) aggiornate le cariche presenti in Banca Dati per poter compilare in modo corretto il frontespizio del modello stesso (valide anche per il modello 770/2008 di quest'anno), precisamente nella sezione 'Firma della dichiarazione'. Le cariche sono: - RVC Revisore Contabile; - PSR Presidente Società di Revisione; - PRS Presidente Collegio Sindacale. E' necessario abbinare alla ditta una di queste cariche, affichè la procedura di recupero compili correttamente la sezione 'Firma della Dichiarazione' Accesso Gestione Banca Dati di Base Collegamenti tra anagrafiche F6=Cariche F18 Aggiunta - se non già esistenti BDUTSRR Tabella Cariche/Incarichi TEST Inizio elenco da codice. PRS Contenente la descrizione 1=Scelta? Codice Descrizione Ann. PRS Pres. Collegio Sindacale PSR Presidente Soc.Revisione RAF Rappresentante fiscale RAP Rappresentante legale RED REF RES RESPONSABILE TECNICO RIP Rappresentante legale SDF RLG Responsabile legge 46/90 RPE Rapp. societa'sede estero RSB Rapp.societa'beneficiaria RSC Responsabile Sicurezza RSI rapp.societa'incorporante RVC Revisore Contabile + F3=Uscita F14=Gestione Tabella (c)nuova Informatica, 1991, 1996 Abbinando ad una persona fisica una di queste cariche, la procedura di recupero che genera il frontespizio della Dichiarazione, inserirà nella sezione Firma della dichiarazione: - nel campo Soggetto i codici 1 o 2: - Codice 1 per RVC; 17 Gestione Apertura Modello 770/2009

18 - Codice 2 per PSR; e compila il campo CF dell'incaricato della relazione di revisione Leonardo s.r.l. formazione - ovvero se in data banca trova PRS compila il campo CF del presidente del collegio sindacale. Adempimento CONCON e M770 E' necessario verificare che le tabelle siano compilate come di seguiti descritto, in particolare è necessario verificare l'allineamento dei codici, tenendo presente che le procedure che generano il frontespizio reperiscono i primi 2 campi a sinistra. Descrizione Ricordiamo sempre agli Utenti che è stata aggiornata, in Banca Dati, la tabella "Codifica Cariche per Adempimento": è stato aggiunto l'adempimento CONCON, tale adempimento comprende le nuove cariche RVC, PSR e PRS, i codici che dovranno essere attribuiti loro nel modello 770 e il peso % di ciascuna carica. La tabella è di gestione a cura dell'utente per le successive dichiarazioni Accesso Gestione Banca dati di Base Estesa Tabelle Codifica Cariche per Adempimento Note Operative BDIWDFT Codifica Cariche per Adempimento TEST Inizio elenco da codice. Contenente la descrizione Immettere le scelte e premere Invio. 2=Modifica descrizione 5=Dettaglio codifica cariche? Codice Descrizione adempimento CONCON Controllo Contabile E760 Elenco amministr./sindaci 760 IVA Dichiarazione annuale IVA MOD101 Modello CUD M730 Adempimento Modello 730 M740 modello 740 M750 Modello 750 M760 Modello 760 M760B Unico enti non commerciali M770 Modello F3=Uscita F18=Aggiunta (c)nuova Informatica, 1991, =Dettaglio 18 Gestione Apertura Modello 770/2009

19 BDIVEFT Codifica Cariche per Adempimento: TEST CONCON : Controllo Contabile Inizio elenco da carica. Immettere le informazioni richieste e premere Invio. Carica Codifica carica "Peso" codifica Ann. x adempimento in % PRS Pres. Collegio Sindacale ,00 PSR Presidente Soc.Revisione ,00 RVC Revisore Contabile ,00 Leonardo s.r.l. formazione F3=Uscita F11=Modo aggiunta (c)nuova Informatica, 1991, 1996 BDIVEFT Codifica Cariche per Adempimento: TEST M770 : Modello 770 Inizio elenco da carica. Immettere le informazioni richieste e premere Invio. Carica Codifica carica "Peso" codifica Ann. x adempimento in % AMC Amministratore Condominio 13-98,00 CEG Curatore eredita'giacente 02- CUR Curatore fallimentare 03- ERE Erede 07- LIQ Liquidatore (liq.volont.) 08- RAP Rappresentante legale 10-99,00 RIP Rappresentante legale SDF ,00 RPE Rapp. societa'sede estero 06- F3=Uscita F11=Modo aggiunta (c)nuova Informatica, 1991, 1996 Imposta Area Dati SIPARAM Descrizione Tale data area consente di impostare diversi parametri relativi a: - modalità di stampa e numero copie del modello gestione indirizzo sostituto se Persona Fisica - gestione scansione record proposti per la gestione del filtro, - disabilitazione funzione compatta /ordinamento del quadro ST - abilitazione fatturazione dei dichiarativi Accesso SM00 Gestione Sostituto d'imposta anno corrente Modello Attivita' di Servizio Gestione area-dati SIPARAM 19 Gestione Apertura Modello 770/2009

20 Note operative SIW001CL Personalizzazione Parametri di installazione Stampa Laser... X (S=si) Coda di stampa... N. copie Indirizzo Sostituto... S=Sede impresa, *blank=domicilio fiscale N. istanze da filtrare Disabilita ordinamento in Quadro ST... (X=si) Abilita fatturazione dettagliata degli addebiti X (X=si) F3=Uscita (c)nuova Informatica 2004 Stampa Laser... (S=si) Coda di stampa... N. copie per ottenere la stampa su stampante laser indicare S, indicare la coda di stampa e il numero copie desiderate Indirizzo Sostituto... S=Sede impresa, *blank=domicilio fiscale lasciando il campo blank la procedura riporta in fase di recupero (funzione 'Recupero dati da Modello CUD a Modello 770' del menu' 'Modello Attivita' di Elaborazione') nell'indirizzo del sostituto Persona Fisica il domicilio fiscale, immettendo S viene riportata la sede dell'impresa N. istanze da filtrare... indicare il numero record che si desidera per la gestione del filtro Disabilita ordinamento in Quadro ST SV... (X=si) Il segnalino "Disabilita ordinamento in Quadri ST e Quadro SV" gestito in AS400 sotto "Gestione area-dati SIPARAM" viene testato dal client/server nell'interattivo "Gestione dichiarazione" per abilitare/disabilitare i bottoni di ordinamento e di compatta Abilita fatturazione dettagliata degli addebiti X (X=si) inserendo X viene abilitata la funzione di fatturazione degli addebiti Gestione Tabella Date Versamento Descrizione Provvediamo a rilasciare una nuova Tabella in cui gestire le date relative ai versamenti dei tributi in F24. Ogni anno sarà cura di Nuova Informatica Srl a rilasciare (con l'aggiornamento di Apertura Modello 770) la Tabella relativa all'anno di riferimento Tale tabella è presa in considerazione dalla funzione di 'Riporto date in Gestione Dati Versamenti (ex Quadro L), che consentirà di recuperare tali date nel quadro ST del modello 770. Accesso Gestione Sostituto d'imposta Gestione Sostituto d'imposta anno corrente 20 Gestione Apertura Modello 770/2009

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

Modello 770 SEMPLIFICATO 2015

Modello 770 SEMPLIFICATO 2015 genzia ntrate 770 Modello 770 SEMPLIFICATO 2015 Redditi 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA PER L ANNO 2014 DATI RELATIVI A CERTIFICAZIONI COMPENSI ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 per i redditi di lavoro dipendente/assimilati e di lavoro autonomo/provvigioni e diversi Specifiche tecniche

Dettagli

Roma, 28 aprile 2015

Roma, 28 aprile 2015 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti RISOLUZIONE N. 42/E Roma, 28 aprile 2015 Oggetto: Estensione alla modalità di versamento F24 Enti pubblici dei codici tributo utilizzati con il modello F24 per

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Certificazione Unica 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014

Certificazione Unica 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate Certificazione Unica 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE I. Premessa 1 1. Soggetti obbligati all invio 1 2. Modalità e termini di presentazione del flusso 1 3. Frontespizio

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA

CERTIFICAZIONE UNICA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CERTIFICAZIONE UNICA VITTORIA LETIZIA LEONE 06 Febbraio 2015 - ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Esempio 1 La Società Pollicino

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. 2015/4790 Approvazione della Certificazione Unica CU 2015, relativa all anno 2014, unitamente alle istruzioni di compilazione, nonché del frontespizio per la trasmissione telematica e del quadro

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 FASCICOLO 1 02 FASCICOLO 2 03 FASCICOLO 3 MODELLO GRATUITO I SERVIZI PER L ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE. RELEASE Versione 2011.2.0 Applicativo: GECOM F24

NOTE OPERATIVE DI RELEASE. RELEASE Versione 2011.2.0 Applicativo: GECOM F24 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2011.2.0 Applicativo: GECOM

Dettagli

I CONGUAGLI DI FINE ANNO 2013

I CONGUAGLI DI FINE ANNO 2013 Dicembre 2013 I CONGUAGLI DI FINE ANNO 2013 Con l approssimarsi della fine dell anno abbiamo ritenuto opportuno predisporre, a supporto degli Utenti, una specifica circolare riepilogativa sugli aspetti

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale Prot. n. 2012/140335 Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base

Dettagli

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale Mod. N. MODELLO 0/0 redditi 0 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale genzia ntrate Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONTRIBUENTE Dichiarante

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti Suite Contabile Fiscale 08 novembre 2013 Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti 1) Domanda: Come posso verificare i codici fiscali errati delle anagrafiche

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE Prot. n. 2012/74461 Approvazione del modello di versamento F24 Semplificato per l esecuzione dei versamenti unitari di cui all articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997 n. 241 e successive modificazioni

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

Contratti di Solidarietà Difensivi

Contratti di Solidarietà Difensivi Manuale Operativo Contratti di Solidarietà Difensivi (SOL) UR1206125000 Wolters Kluwer Italia S.r.l. - Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questi documenti può essere riprodotta o trasmessa in

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Registro Imprese La CANCELLAZIONE di: Imprese Individuali Società di Persone Società di Capitale dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Indice Introduzione pag. 3 Cancellazione

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA AA9/11 DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA (IMPRESE INDIVIDUALI E LAVORATORI AUTONOMI) ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non diversamente specificato,

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO - Aspetti civilistici dell istituto introdotto, per i dipendenti del comparto privato, nel 1982; - Le circostanze

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A

GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A Comunicazione Spesometro 2 Attivazione 2 Configurazioni 3 Classificazione delle Aliquote IVA 3 Dati soggetto obbligato 4 Opzioni 5 Nuovo adempimento 6 Gestione

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5 a cura di Flavio Chistè RESPONSABILITA' CIVILE DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E DEI RAPPRESENTANTI LEGALI L'istituto del ravvedimento operoso, introdotto dall'articolo 13 del D.Lgs. 472/97, consente ai contribuenti,

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO Abbiamo predisposto il programma di studio Web per la ricezione automatica dei certificati di malattia direttamente

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

SI CONSIGLIA DI DISATTIVARE TEMPORANEAMENTE EVENTUALI SOFTWARE ANTIVIRUS PRIMA DI PROCEDERE CON IL CARICAMENTO DELL'AGGIORNAMENTO.

SI CONSIGLIA DI DISATTIVARE TEMPORANEAMENTE EVENTUALI SOFTWARE ANTIVIRUS PRIMA DI PROCEDERE CON IL CARICAMENTO DELL'AGGIORNAMENTO. Operazioni preliminari Gestionale 1 ZUCCHETTI ver. 5.0.0 Prima di installare la nuova versione è obbligatorio eseguire un salvataggio completo dei dati comuni e dei dati di tutte le aziende di lavoro.

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE

l agenzia in f orma GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE 6 l agenzia in f orma 2006 GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE INDICE INTRODUZIONE 2 1. I VERSAMENTI TELEMATICI 3 I vantaggi dei versamenti on line 3 Come si effettuano 3 Il conto su cui addebitare

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet Lavoro Occasionale Accessorio Internet 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo del documento... 3 1.2 Normativa... 3 1.3 Attori del Processo... 4 1.4 Accesso Internet... 5 1.4.1 Accesso Internet da Informazioni...

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Email Ras - CARROZZIERI Pag. 1 di 17 Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Notizie Generali Email Ras - CARROZZIERI Pag. 2 di 17 1.1 Protocollo Gruppo RAS Questo opuscolo e riferito al Protocollo

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0 DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA MODELLO PA04 EDIZIONE AGGIORNATA AL TRIENNIO 2010 2012 SEMPLIFICATO PER LE SCUOLE EDIZIONE Novembre 2010 1.0 1 COMPILAZIONE MOD. PA04 SEMPLIFICATO INDICAZIONI

Dettagli

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag.

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag. Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI A cura di: Dott.ssa Luana Bernardoni Dott.ssa Antonella Scaglioni Dott. Marco Ferri Dott.

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

HORIZON SQL PREVENTIVO

HORIZON SQL PREVENTIVO 1/7 HORIZON SQL PREVENTIVO Preventivo... 1 Modalità di composizione del testo... 4 Dettaglia ogni singola prestazione... 4 Dettaglia ogni singola prestazione raggruppando gli allegati... 4 Raggruppa per

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali

l agenzia in f orma GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali 1 l agenzia in f orma 2006 GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali 1 l agenzia in f orma 2006 GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli